Philippe Gilbert

Il mondo dei professionisti tra gare e complessità, e più in generale l'approccio al ciclismo di ogni appassionato
matteo9502
Messaggi: 2806
Iscritto il: lunedì 15 luglio 2013, 22:48

Re: Philippe Gilbert

Messaggio da leggere da matteo9502 » lunedì 3 aprile 2017, 15:29

Io vorrei vedere Philippe al via della Roubaix. E' vero che una sua eventuale partecipazione potrebbe condizionare la settimana delle Ardenne però Philippe non ha ancora molti anni di carriera davanti e sarebbe il caso di capire se c'è la possibilità di lottare per la vittoria anche sul pavè francese oppure no. Sono 10 anni che non partecipa alla Regina delle Classiche e questa sarebbe l'occasione ideale per testarsi: è in una condizione incredibile e non avrebbe alcun tipo di pressione visto che in QS si correrà tutti per Boonen.
Dovesse andare male, l'anno prossimo si torna a fare Sanremo,Fiandre e Ardenne.
Dovesse andare bene, potrebbe impostare la stagione sul trittico Sanremo/Fiandre/Roubaix per cercare di conquistare la quarta Monumento sognando la cinquina.

Da segnalare che in QS hanno tanti galli nel pollaio anche per Amstel/Freccia e Liegi quindi anche un Philippe non al top al via non sarebbe un problema enorme.




Avatar utente
Walter_White
Messaggi: 9029
Iscritto il: mercoledì 23 marzo 2016, 18:01

Re: Philippe Gilbert

Messaggio da leggere da Walter_White » lunedì 3 aprile 2017, 16:21

Quanti anni buttati in BMC....


guidobaldo de medici ha scritto:gilbert capitano era una cosa ridicola, non ha mai dato segno di poter reggere un fiandre, neppure lontanamente. del resto la scelta di fare la 3 giorni di de panne era già chiara.

il_panta
Messaggi: 2072
Iscritto il: lunedì 21 maggio 2012, 13:39

Re: Philippe Gilbert

Messaggio da leggere da il_panta » lunedì 3 aprile 2017, 16:27

Gilbert dovrebbe correrle tutte dal mio punto di vista. Alla Roubaix può creare il solito scompiglio che tanto fa bene alla Quick Step e a Boonen.
Poi dovrebbe ergersi a paladino del movimento rendendo interessanti le corse sulle Ardenne dopo tanti anni, attaccando da lontano e lasciando ad Alaphilippe il ruolo di leader per il finale. Anche perchè la gamba non si sa quanto potrà reggere così a lungo, è bene sfruttarla ora.



ciclistasiciliano
Messaggi: 412
Iscritto il: giovedì 12 gennaio 2017, 10:02

Re: Philippe Gilbert

Messaggio da leggere da ciclistasiciliano » lunedì 3 aprile 2017, 17:33

intanto credo che l'anno prossimo potrebbe provare a correre Sanremo e Roubaix attaccando a fondo per cercare l'impresona.... mi piacerebbe se potesse rientrare nella cerchia di chi ha vinto tutte le classiche monumento....



Avatar utente
Walter_White
Messaggi: 9029
Iscritto il: mercoledì 23 marzo 2016, 18:01

Re: Philippe Gilbert

Messaggio da leggere da Walter_White » lunedì 3 aprile 2017, 20:05

ciclistasiciliano ha scritto:intanto credo che l'anno prossimo potrebbe provare a correre Sanremo e Roubaix attaccando a fondo per cercare l'impresona.... mi piacerebbe se potesse rientrare nella cerchia di chi ha vinto tutte le classiche monumento....
Cosa che non succede da 40 anni....ma la vedo quasi impossibile purtroppo


guidobaldo de medici ha scritto:gilbert capitano era una cosa ridicola, non ha mai dato segno di poter reggere un fiandre, neppure lontanamente. del resto la scelta di fare la 3 giorni di de panne era già chiara.


Avatar utente
chinaski89
Messaggi: 2504
Iscritto il: sabato 13 giugno 2015, 16:51

Re: Philippe Gilbert

Messaggio da leggere da chinaski89 » lunedì 3 aprile 2017, 20:48

ciclistasiciliano ha scritto:intanto credo che l'anno prossimo potrebbe provare a correre Sanremo e Roubaix attaccando a fondo per cercare l'impresona.... mi piacerebbe se potesse rientrare nella cerchia di chi ha vinto tutte le classiche monumento....
Se la Sanremo è mooolto improbabile (non va sempre come quest'anno,anzi) la Roubaix per me è proprio impossibile. Mi sembra troppo magro sinceramente.


beppesaronni ha scritto: Non ricordo un solo gt in cui conty, che non era il più forte ma nemmeno il secondo, abbia anche solo provato (non dico che ci sia riuscito. Provato!!!!)
lemond ha scritto: Sagan è il più grande, ma non un gran vincente.

Avatar utente
galliano
Messaggi: 11618
Iscritto il: giovedì 14 aprile 2011, 12:53
Località: TN

Re: Philippe Gilbert

Messaggio da leggere da galliano » lunedì 3 aprile 2017, 21:52

chinaski89 ha scritto:
ciclistasiciliano ha scritto:intanto credo che l'anno prossimo potrebbe provare a correre Sanremo e Roubaix attaccando a fondo per cercare l'impresona.... mi piacerebbe se potesse rientrare nella cerchia di chi ha vinto tutte le classiche monumento....
Se la Sanremo è mooolto improbabile (non va sempre come quest'anno,anzi) la Roubaix per me è proprio impossibile. Mi sembra troppo magro sinceramente.
Per le sue caratteristiche attuali è più facile che vinca un altro fiandre. La Sanremo poteva vincerla più facilmente in passato quando aveva la sua eccezionale sparata ma è sempre stata un po' troppo facile. Se il percorso non cambia la vedo dura, anche se la Sanremo la può vincere quasi chiunque.
Sulla Roubaix non sarei così drastico, philippe ha messo su una pedalata molto potente che potrebbe adattarsi bene alle pietre francesi, lo farei provare prima di sbilanciarmi.



CicloSprint
Messaggi: 5586
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:49

Re: Philippe Gilbert

Messaggio da leggere da CicloSprint » lunedì 3 aprile 2017, 22:47

Romas Vainsteins che era un tipo da Liegi e da Lombardia, nel 2001 passò alla allora neonata Domo-Farm Frites di Patrick Lefevere (tante Roubaix vinte in carriera da Ds), si diceva che venne ingaggiato per vincere la Doyenne e la classica delle foglie morte, ma Lefevere gli chiese all' allora campione del mondo in carica, vuoi fare la Roubaix ? lui disse "perchè no...". E si presentò al via di una edizione massacrante corsa sotto la pioggia e arrivò sorpendente 3° al Velodromo...

E quindi un tipo da Liegi e da Lombardia può tentare di fare la Roubaix (A fine carriera l'hanno fatta Bartoli e Wiggins, e forse la poteva farla anche Bettini se non avesse annunciato al Mondiale di Varese 2008 di ritirarsi dalle corse....)



Avatar utente
Spartacus
Messaggi: 2383
Iscritto il: sabato 22 gennaio 2011, 18:36

Re: Philippe Gilbert

Messaggio da leggere da Spartacus » martedì 4 aprile 2017, 0:13

CicloSprint ha scritto:Romas Vainsteins che era un tipo da Liegi e da Lombardia, nel 2001 passò alla allora neonata Domo-Farm Frites di Patrick Lefevere (tante Roubaix vinte in carriera da Ds), si diceva che venne ingaggiato per vincere la Doyenne e la classica delle foglie morte, ma Lefevere gli chiese all' allora campione del mondo in carica, vuoi fare la Roubaix ? lui disse "perchè no...". E si presentò al via di una edizione massacrante corsa sotto la pioggia e arrivò sorpendente 3° al Velodromo...

E quindi un tipo da Liegi e da Lombardia può tentare di fare la Roubaix (A fine carriera l'hanno fatta Bartoli e Wiggins, e forse la poteva farla anche Bettini se non avesse annunciato al Mondiale di Varese 2008 di ritirarsi dalle corse....)
Mah, Vainsteins in carriera ha fatto podio in 3 monumento su 5, le due mancanti sono proprio Liegi e Lombardia
Non era propriamente, per usare termini a noi cari, un liegista/lombardista. Anzi, per quel poco che ricordo mi sembra fosse uno abbastanza veloce, adatto proprio alle classiche del pavè o a una Sanremo



CicloSprint
Messaggi: 5586
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:49

Re: Philippe Gilbert

Messaggio da leggere da CicloSprint » martedì 4 aprile 2017, 11:04

Se ci sarà la modifica di percorso tra Cipressa e il Poggio nel 2018, la possibilità di Gilbert di vincere la Sanremo l'anno prossimo aumenterebbero ?



Avatar utente
chinaski89
Messaggi: 2504
Iscritto il: sabato 13 giugno 2015, 16:51

Re: Philippe Gilbert

Messaggio da leggere da chinaski89 » martedì 4 aprile 2017, 11:40

CicloSprint ha scritto:Se ci sarà la modifica di percorso tra Cipressa e il Poggio nel 2018, la possibilità di Gilbert di vincere la Sanremo l'anno prossimo aumenterebbero ?
Si ma anche quelle di Sagan e GVA. Ma tu ci credi che cambieranno il percorso?


beppesaronni ha scritto: Non ricordo un solo gt in cui conty, che non era il più forte ma nemmeno il secondo, abbia anche solo provato (non dico che ci sia riuscito. Provato!!!!)
lemond ha scritto: Sagan è il più grande, ma non un gran vincente.

CicloSprint
Messaggi: 5586
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:49

Re: Philippe Gilbert

Messaggio da leggere da CicloSprint » martedì 4 aprile 2017, 12:16

Vediamo che cosa deciderà la RCS in autunno.

E su Gilbert alla Roubaix.

Lefevre: “Gilbert? Meglio che non corra la Parigi-Roubaix”

Sono dichiarazioni che faranno certamente discutere quelle rilasciate da Patrick Lefevre, general manager della Quick Step, al quotidiano Het Nieuwsblad: “Preferirei che Philippe Gilbert puntasse alla Freccia del Brabante e poi alla Liegi-Bastogne-Liegi - ha affermato Lefevre - dopo la gara di domenica so bene che Philippe vuole lavorare in appoggio a Tom Boonen per l’ultima gara della sua carriera, ma io preferisco vedere le cose a lungo termine; come squadra possiamo puntare anche su Terpstra, che ha già vinto a Roubaix, e più in generale su un team fortissimo. Philippe rientra comunque nella preselezione dei 12 uomini che potrebbero correre domenica: nelle prossime ore decideremo se farlo correre o no”.

da http://www.bikelive.it/professionisti/i ... ubaix.html

Io ricordo che nel 1990 si parlò di Argentin alla Roubaix e nel 1994 di Bugno alla Roubaix dopo i loro successi al Fiandre, ma non si fece niente.



Avatar utente
lapi_dario
Messaggi: 348
Iscritto il: martedì 30 giugno 2015, 16:39

Re: Philippe Gilbert

Messaggio da leggere da lapi_dario » martedì 4 aprile 2017, 19:48




CicloSprint
Messaggi: 5586
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:49

Re: Philippe Gilbert

Messaggio da leggere da CicloSprint » martedì 4 aprile 2017, 20:07

lapi_dario ha scritto:ufficiale: niente Roubaix
http://www.cyclingnews.com/news/gilbert ... rs-triumph
E per la prima volta dal 1996 al via della Roubaix non ci saranno nè il vincitore della Sanremo e nè il vincitore del Fiandre, vero ?



Avatar utente
galliano
Messaggi: 11618
Iscritto il: giovedì 14 aprile 2011, 12:53
Località: TN

Re: Philippe Gilbert

Messaggio da leggere da galliano » martedì 11 aprile 2017, 15:40

Il bell'abbraccio tra Gilbert e un commosso Lampaert all'arrivo della Dwars door Vlaanderen.
Talvolta vale la pena rinunciare ad una vittoria. :champion:
DW_B2.jpg
DW_B2.jpg (170.74 KiB) Visto 2331 volte
Foto: Tim De Waele | http://www.tdwsport.com/



ciclistasiciliano
Messaggi: 412
Iscritto il: giovedì 12 gennaio 2017, 10:02

Re: Philippe Gilbert

Messaggio da leggere da ciclistasiciliano » martedì 11 aprile 2017, 15:50

un grande, spero di vederlo correre presto...



Avatar utente
Patate
Messaggi: 2707
Iscritto il: domenica 28 febbraio 2016, 23:23

Re: Philippe Gilbert

Messaggio da leggere da Patate » martedì 11 aprile 2017, 18:23

Ma lo fa il Giro, corsa che notoriamente adora?


antani ha scritto:Non so perchè ma ho la sensazione che domani Aru possa arrivare dietro o davanti a Froome, stiamo a vedere sembra facile ma non è difficile

Basso
Messaggi: 12904
Iscritto il: sabato 21 maggio 2011, 18:03
Località: Vicenza

Re: Philippe Gilbert

Messaggio da leggere da Basso » martedì 11 aprile 2017, 18:31

Patate ha scritto:Ma lo fa il Giro, corsa che notoriamente adora?
Al momento pare più sì che no :) Ma non c'è nulla di definito, sia chiaro

(per stare in tema, che giornata quella nella tua pic :yes: )


11 Vuelta7-Prato
12 Appennino-JapanCup
13 Giro9-ITARR-Vuelta20-Sabatini
14 Vasco-Dauphiné-Tour3-Tour21-Polonia-3VV
15 Laigueglia-Escaut-Giro2-Giro18-Giro-Tour13-Fourmies
16 Nice-Vuelta12
17 Frankfurt-Tour11-Vuelta16-Chrono
18 Bianche-DePanne-Romandie-Köln

Avatar utente
Walter_White
Messaggi: 9029
Iscritto il: mercoledì 23 marzo 2016, 18:01

Re: Philippe Gilbert

Messaggio da leggere da Walter_White » martedì 11 aprile 2017, 18:35

Patate ha scritto:Ma lo fa il Giro, corsa che notoriamente adora?
Sulla Gazzetta scrivevano di si.


guidobaldo de medici ha scritto:gilbert capitano era una cosa ridicola, non ha mai dato segno di poter reggere un fiandre, neppure lontanamente. del resto la scelta di fare la 3 giorni di de panne era già chiara.

succino
Messaggi: 68
Iscritto il: domenica 1 aprile 2012, 20:09

Re: Philippe Gilbert

Messaggio da leggere da succino » domenica 16 aprile 2017, 17:18

:ole: :clap: :clap: :cincin: :cincin:



Avatar utente
Walter_White
Messaggi: 9029
Iscritto il: mercoledì 23 marzo 2016, 18:01

Re: Philippe Gilbert

Messaggio da leggere da Walter_White » domenica 16 aprile 2017, 17:28

Spettacolo Philippe, domenica prossima inseguirá il bis nella SUA corsa


guidobaldo de medici ha scritto:gilbert capitano era una cosa ridicola, non ha mai dato segno di poter reggere un fiandre, neppure lontanamente. del resto la scelta di fare la 3 giorni di de panne era già chiara.

Avatar utente
udra
Messaggi: 5115
Iscritto il: mercoledì 1 ottobre 2014, 11:29

Re: Philippe Gilbert

Messaggio da leggere da udra » domenica 16 aprile 2017, 17:29

Che bello se viene al Giro, grande Philippe



Avatar utente
Walter_White
Messaggi: 9029
Iscritto il: mercoledì 23 marzo 2016, 18:01

Re: Philippe Gilbert

Messaggio da leggere da Walter_White » domenica 16 aprile 2017, 17:41

udra ha scritto:Che bello se viene al Giro, grande Philippe
Se sarà presente, a Pordenone rivolteró la zona di partenza pur di ottenere una foto con lui :diavoletto:


guidobaldo de medici ha scritto:gilbert capitano era una cosa ridicola, non ha mai dato segno di poter reggere un fiandre, neppure lontanamente. del resto la scelta di fare la 3 giorni di de panne era già chiara.

Avatar utente
Morris
Messaggi: 721
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 1:33

Re: Philippe Gilbert

Messaggio da leggere da Morris » domenica 16 aprile 2017, 21:28

Dopo la quarta Amstel Gold Race…

Non sono d’accordo, ma proprio per niente, con chi ha visto la gamba del polacco migliore. Guardando pedalare Gilbert, si capiva che il vallone che unisce i belgi, ne aveva più di tutti. E non sempre il numero uno in gara, regala la corsa al numero due, come è capitato nella “Monumento” (qui ci sta!) delle classiche sfigate (Milano-Sanremo, ovvio).
Una Amstel Gold Race vibrante e spettacolare, con un faro di nome Philippe Gilbert, giustamente vincitore. Chissà come sarà stato contento il suo primo tifoso, quel Roger De Vlaeminck (fiammingo, tra l’altro) che mi disse: “Vedi, Philippe è l’unico corridore di oggi che onora il ciclismo che fu nostro. Noi correvamo tutto l’anno e non bucavamo le classiche per quello schifo che si chiama specializzazione. Lui è l’unico di oggi che le può vincere tutte e non lo si confronti con gli altri, perché nessuno dei suoi colleghi di un certo palmares, lo vale. Costoro, hanno forse vinto più di una volta quel Giro di Lombardia che è la classica più dura e difficile che ci sia e due Parigi Tours che nemmeno Merckx è mai riuscito a conquistare? Dicono che non ha ancora vinto sul pavè, ma è solo questione di tempo”.
Le parole di Roger risalgono al 6 e 7 settembre 2012, quindi prima della conquista del Mondiale a Valkenburg, ed il tempo ha dimostrato quanto il “Gitano di Eeklo” avesse ragione.
Peccato che una simile evidenza, che un timido intervento del sottoscritto cercò di portare qui, abbia fatto nascere su queste pagine il furore degli anti-Philippe. Preferire Cancellara a Gilbert nelle classiche era, è, e rimarrà perennemente, un esercizio di non so che cosa, perché ogni definizione cancellerebbe anche il più generoso degli eufemismi atti al quieto vivere. E quel tipo che parlò di carriera misteriosa di Gilbert diversi mesi fa, vada miseramente in pellegrinaggio sull’epitaffio di un monumentale impostore, o ad urlare ingenuo tifo per un E.T. alto 185 centimetri.


Quando ti alzi la mattina, volgiti verso Aigle e fai una pernacchia o il gesto dell'ombrello. Tu non sai perché lo fai, ma ad Aigle sì.

Avatar utente
Scattista
Messaggi: 2195
Iscritto il: mercoledì 24 settembre 2014, 21:22

Re: Philippe Gilbert

Messaggio da leggere da Scattista » domenica 16 aprile 2017, 21:38

Morris ha scritto:Dopo la quarta Amstel Gold Race…

Non sono d’accordo, ma proprio per niente, con chi ha visto la gamba del polacco migliore. Guardando pedalare Gilbert, si capiva che il vallone che unisce i belgi, ne aveva più di tutti. E non sempre il numero uno in gara, regala la corsa al numero due, come è capitato nella “Monumento” (qui ci sta!) delle classiche sfigate (Milano-Sanremo, ovvio).
Una Amstel Gold Race vibrante e spettacolare, con un faro di nome Philippe Gilbert, giustamente vincitore. Chissà come sarà stato contento il suo primo tifoso, quel Roger De Vlaeminck (fiammingo, tra l’altro) che mi disse: “Vedi, Philippe è l’unico corridore di oggi che onora il ciclismo che fu nostro. Noi correvamo tutto l’anno e non bucavamo le classiche per quello schifo che si chiama specializzazione. Lui è l’unico di oggi che le può vincere tutte e non lo si confronti con gli altri, perché nessuno dei suoi colleghi di un certo palmares, lo vale. Costoro, hanno forse vinto più di una volta quel Giro di Lombardia che è la classica più dura e difficile che ci sia e due Parigi Tours che nemmeno Merckx è mai riuscito a conquistare? Dicono che non ha ancora vinto sul pavè, ma è solo questione di tempo”.
Le parole di Roger risalgono al 6 e 7 settembre 2012, quindi prima della conquista del Mondiale a Valkenburg, ed il tempo ha dimostrato quanto il “Gitano di Eeklo” avesse ragione.
Peccato che una simile evidenza, che un timido intervento del sottoscritto cercò di portare qui, abbia fatto nascere su queste pagine il furore degli anti-Philippe. Preferire Cancellara a Gilbert nelle classiche era, è, e rimarrà perennemente, un esercizio di non so che cosa, perché ogni definizione cancellerebbe anche il più generoso degli eufemismi atti al quieto vivere. E quel tipo che parlò di carriera misteriosa di Gilbert diversi mesi fa, vada miseramente in pellegrinaggio sull’epitaffio di un monumentale impostore, o ad urlare ingenuo tifo per un E.T. alto 185 centimetri.
:clap: :clap:


Immagine

claudiodance
Messaggi: 561
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 16:18

Re: Philippe Gilbert

Messaggio da leggere da claudiodance » lunedì 17 aprile 2017, 9:55

Caro Morris, concordo, Phil ieri era un grado di gestire la corsa a piacimento. Sull'ultimo Cauberg ha giocato.
Attendo la settimana entrante per vedere se vorrà anche "salvare" la Freccia dal suo recente triste destino di gara per velocisti-garagisti o se invece la lascerà in regalo per avere meno gruppo coalizzato nella sua LBL.


...oh, ghè riat Dancelli!

Basso
Messaggi: 12904
Iscritto il: sabato 21 maggio 2011, 18:03
Località: Vicenza

Re: Philippe Gilbert

Messaggio da leggere da Basso » lunedì 17 aprile 2017, 10:45



11 Vuelta7-Prato
12 Appennino-JapanCup
13 Giro9-ITARR-Vuelta20-Sabatini
14 Vasco-Dauphiné-Tour3-Tour21-Polonia-3VV
15 Laigueglia-Escaut-Giro2-Giro18-Giro-Tour13-Fourmies
16 Nice-Vuelta12
17 Frankfurt-Tour11-Vuelta16-Chrono
18 Bianche-DePanne-Romandie-Köln

Avatar utente
Walter_White
Messaggi: 9029
Iscritto il: mercoledì 23 marzo 2016, 18:01

Re: Philippe Gilbert

Messaggio da leggere da Walter_White » lunedì 17 aprile 2017, 11:01

Ma no dai..... :gluglu: :gluglu: :gluglu:


guidobaldo de medici ha scritto:gilbert capitano era una cosa ridicola, non ha mai dato segno di poter reggere un fiandre, neppure lontanamente. del resto la scelta di fare la 3 giorni di de panne era già chiara.

Avatar utente
galliano
Messaggi: 11618
Iscritto il: giovedì 14 aprile 2011, 12:53
Località: TN

Re: Philippe Gilbert

Messaggio da leggere da galliano » lunedì 17 aprile 2017, 11:34

Ma vaff.
Che sfortuna.
Ha la forma del 2011.
Poteva fare filotto.

Spero che ci ripensi e che salti solo la Freccia.



Avatar utente
Fabian von Paterberg
Messaggi: 905
Iscritto il: martedì 9 agosto 2016, 14:29
Località: Passo dei 3 termini

Re: Philippe Gilbert

Messaggio da leggere da Fabian von Paterberg » lunedì 17 aprile 2017, 12:04

Morris ha scritto:Dopo la quarta Amstel Gold Race…

Non sono d’accordo, ma proprio per niente, con chi ha visto la gamba del polacco migliore. Guardando pedalare Gilbert, si capiva che il vallone che unisce i belgi, ne aveva più di tutti. E non sempre il numero uno in gara, regala la corsa al numero due, come è capitato nella “Monumento” (qui ci sta!) delle classiche sfigate (Milano-Sanremo, ovvio).
Una Amstel Gold Race vibrante e spettacolare, con un faro di nome Philippe Gilbert, giustamente vincitore. Chissà come sarà stato contento il suo primo tifoso, quel Roger De Vlaeminck (fiammingo, tra l’altro) che mi disse: “Vedi, Philippe è l’unico corridore di oggi che onora il ciclismo che fu nostro. Noi correvamo tutto l’anno e non bucavamo le classiche per quello schifo che si chiama specializzazione. Lui è l’unico di oggi che le può vincere tutte e non lo si confronti con gli altri, perché nessuno dei suoi colleghi di un certo palmares, lo vale. Costoro, hanno forse vinto più di una volta quel Giro di Lombardia che è la classica più dura e difficile che ci sia e due Parigi Tours che nemmeno Merckx è mai riuscito a conquistare? Dicono che non ha ancora vinto sul pavè, ma è solo questione di tempo”.
Le parole di Roger risalgono al 6 e 7 settembre 2012, quindi prima della conquista del Mondiale a Valkenburg, ed il tempo ha dimostrato quanto il “Gitano di Eeklo” avesse ragione.
Peccato che una simile evidenza, che un timido intervento del sottoscritto cercò di portare qui, abbia fatto nascere su queste pagine il furore degli anti-Philippe. Preferire Cancellara a Gilbert nelle classiche era, è, e rimarrà perennemente, un esercizio di non so che cosa, perché ogni definizione cancellerebbe anche il più generoso degli eufemismi atti al quieto vivere. E quel tipo che parlò di carriera misteriosa di Gilbert diversi mesi fa, vada miseramente in pellegrinaggio sull’epitaffio di un monumentale impostore, o ad urlare ingenuo tifo per un E.T. alto 185 centimetri.
Io invece non sono d'accordo proprio per niente con le tue parole, a partire dal fatto che chiami i corridori numero 1 e numero 2.
Philippe faro della gara? E l'azione decisiva di Benoot, il rientro di kwiatko, le tirate di henao per mantenere il distacco, l'attacco di kwiatko a cui gilbert ha risposto per portare via l'ultima azione? Oggi la gara non ha avuto un unico faro ma diversi grandissimi interpreti della corsa.
Gilbert giustamente vincitore, in base a cosa se vinceva kwiatko non era un successo meritato?

Se avevi esposto il tuo "timido intervento" su Gilbert nello stesso modo è chiaro che molti ti abbiano dato contro. Gilbert è forte e piace per come corre, non certo per come lo descrivi tu.


Questa è stata la battaglia più grande della mia carriera. C.Froome, May 26th, 2018
2016 argento ITT Doha
2017 Tour de France a tempo

Avatar utente
galliano
Messaggi: 11618
Iscritto il: giovedì 14 aprile 2011, 12:53
Località: TN

Re: Philippe Gilbert

Messaggio da leggere da galliano » lunedì 17 aprile 2017, 12:19

Scrivere che Gilbert è stato il faro mi pare non sia offensivo e sminuente nei confronti degli altri.
Non vuol dire che ha corso da solo e che altri non si sono visti.

È una lettura della corsa che io condivido.
Al netto dei modi che magari posso apparire un po' bruschi, mi pare che quanto affermato da morris qualche mese fa abbia trovato la sua definitiva conferma in questa primavera.



herbie
Messaggi: 3430
Iscritto il: sabato 26 febbraio 2011, 17:19

Re: Philippe Gilbert

Messaggio da leggere da herbie » lunedì 17 aprile 2017, 12:38

galliano ha scritto:Scrivere che Gilbert è stato il faro mi pare non sia offensivo e sminuente nei confronti degli altri.
Non vuol dire che ha corso da solo e che altri non si sono visti.

È una lettura della corsa che io condivido.
Al netto dei modi che magari posso apparire un po' bruschi, mi pare che quanto affermato da morris qualche mese fa abbia trovato la sua definitiva conferma in questa primavera.
alla luce dell'infortunio patito, affermare che pedalasse in scioltezza quando gli altri erano al gancio, semplicemente osservando le immagini, mi pare dunque un po' azzardato....il fatto che non abbia mai forzato senza staccare avversari in teoria largamente alla sua portata (Albasini ok, e gli altri?) a me faceva pensare il contrario e ho osato scriverlo.
Secondo me non stava molto bene e la stessa cosa deve aver pensato K. allo sprint.
Vicerversa, insieme all'errore di K., la sua grande classe e orgoglio, gli hanno permesso di mettere a frutto quegli ultimi 50 metri.
o forse, nonostante tutto, pedalava con la pipa in bocca?



Avatar utente
galliano
Messaggi: 11618
Iscritto il: giovedì 14 aprile 2011, 12:53
Località: TN

Re: Philippe Gilbert

Messaggio da leggere da galliano » lunedì 17 aprile 2017, 13:01

Herbie nessuno ti ha zittito, mi pare. Non capisco perché scrivi "ho osato" come se qualcuno avesse ridicolizzato la tua posizione.

Per certi versi concordo con te che forse Kwiatkowski avrebbe dovuto lanciare la volata più corta, ma rimango dell'idea che probabilmente avrebbe perso ugualmente.
A titolo informativo aggiungo che Gilbert stesso ha confermato che c'era vento contrario sul rettilineo.
Sull'infortunio mi pare che Gilbert stesso abbia dichiarato che dopo il dolore iniziale poi non aveva sofferto.



Merlozoro
Messaggi: 5276
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:47
Località: Trento

Re: Philippe Gilbert

Messaggio da leggere da Merlozoro » lunedì 17 aprile 2017, 13:10

Ahia brutta notizia,

spero che domenica tenti lo stesso di esserci alla Liegi anche perchè avevo già giocato un "chippino" in precedenza su Pippo vincitore ad Ans :diavoletto:



Avatar utente
Tranchée d'Arenberg
Messaggi: 14317
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:50
Località: Falconara Albanese (CS)

Re: Philippe Gilbert

Messaggio da leggere da Tranchée d'Arenberg » lunedì 17 aprile 2017, 13:59

Basso ha scritto:Per questa settimana, ciao Phil http://www.cicloweb.it/2017/04/17/phili ... -no-liegi/
noooo, questa non ci voleva proprio. Al di là della stima che ho per Philippe che mi sarebbe tanto piaciuto rivedere vincitore anche domenica prossima, qui c'è anche una questione che riguarda la potenziale spettacolarità della corsa. Un Gilbert in forma, già vincitore di Fiandre e Amstel, si sarebbe presentato alla Liegi tranquillo di non dover per forza vincere e con una squadra forte che nonostante il forfait di Alaphilippe ha in squadra altri elementi pericolosi. Condizione ideale per poter tentare di far saltare il banco già da lontano...
Ecco, la sua assenza rende molto più probabile una Liegi come quella delle ultime stagioni :(


Cobblestone 2012 - 1° Classifica Generale
Cobblestone 2012 - 1° Classifica Classiche
Cobblestone 2013 - 1° Classifica Semiclassiche

FantaCycling Manager 2016 - 1° Classifica (squadre)

Avatar utente
cauz.
Messaggi: 11318
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 12:53
Località: milano
Contatta:

Re: Philippe Gilbert

Messaggio da leggere da cauz. » martedì 18 aprile 2017, 16:02

purtroppo Gilbert, che è rimasto in ospedale sino ad oggi, sarà costretto a dare forfeit anche al giro :(


"Il male trionfa sempre, perche' il bene e' stupido" [Lord Casco]
@cauz_ | bidonmagazine.org | hoilciclo.worpdress.com | confindustrial.noblogs.org
"il Centogiro - 99 storie (più una) dal Giro d'Italia" è in libreria!

Avatar utente
Walter_White
Messaggi: 9029
Iscritto il: mercoledì 23 marzo 2016, 18:01

Re: Philippe Gilbert

Messaggio da leggere da Walter_White » martedì 18 aprile 2017, 16:10

cauz. ha scritto:purtroppo Gilbert, che è rimasto in ospedale sino ad oggi, sarà costretto a dare forfeit anche al giro :(
:( :( :(
Spero che salti anche il Tour, per fare la Vuelta in preparazione al mondiale, che non sarà fatto su misura, ma è simile a Geelong....


guidobaldo de medici ha scritto:gilbert capitano era una cosa ridicola, non ha mai dato segno di poter reggere un fiandre, neppure lontanamente. del resto la scelta di fare la 3 giorni di de panne era già chiara.

Avatar utente
Patate
Messaggi: 2707
Iscritto il: domenica 28 febbraio 2016, 23:23

Re: Philippe Gilbert

Messaggio da leggere da Patate » martedì 18 aprile 2017, 16:17

:gluglu:
Dico solo "che dispiacere", perché qualsiasi altra coppia di parole che mi viene in mente mi porterebbe al ban immediato dal forum


antani ha scritto:Non so perchè ma ho la sensazione che domani Aru possa arrivare dietro o davanti a Froome, stiamo a vedere sembra facile ma non è difficile

Avatar utente
Tranchée d'Arenberg
Messaggi: 14317
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:50
Località: Falconara Albanese (CS)

Re: Philippe Gilbert

Messaggio da leggere da Tranchée d'Arenberg » martedì 18 aprile 2017, 17:15

Patate ha scritto::gluglu:
Dico solo "che dispiacere", perché qualsiasi altra coppia di parole che mi viene in mente mi porterebbe al ban immediato dal forum
Credo che il thread più adatto per eventuali sfoghi sia questo: viewtopic.php?f=3&t=7642 :hammer:


Cobblestone 2012 - 1° Classifica Generale
Cobblestone 2012 - 1° Classifica Classiche
Cobblestone 2013 - 1° Classifica Semiclassiche

FantaCycling Manager 2016 - 1° Classifica (squadre)

Strong
Messaggi: 9027
Iscritto il: mercoledì 12 gennaio 2011, 11:48

Re: Philippe Gilbert

Messaggio da leggere da Strong » martedì 18 aprile 2017, 18:13

Morris ha scritto: Peccato che una simile evidenza, che un timido intervento del sottoscritto cercò di portare qui, abbia fatto nascere su queste pagine il furore degli anti-Philippe. Preferire Cancellara a Gilbert nelle classiche era, è, e rimarrà perennemente, un esercizio di non so che cosa, perché ogni definizione cancellerebbe anche il più generoso degli eufemismi atti al quieto vivere. E quel tipo che parlò di carriera misteriosa di Gilbert diversi mesi fa, vada miseramente in pellegrinaggio sull’epitaffio di un monumentale impostore, o ad urlare ingenuo tifo per un E.T. alto 185 centimetri.
gli ultimi eventi semmai non fanno altro che rendermela ancora più misteriosa


i fondamentalisti del ciclismo e gli ultras dei ciclisti sono il male di questo sport.

Avatar utente
GregLemond
Messaggi: 1135
Iscritto il: sabato 6 settembre 2014, 20:00

Re: Philippe Gilbert

Messaggio da leggere da GregLemond » martedì 18 aprile 2017, 18:37

Personalmente trovo poco sensato paragonare campionissimi tra di loro.
Il paragone tra Cancellara, Gilbert, Boonen, Valverde per le corse di un giorno è un esercizio che si basa sul gusto.

Personalmente le sparatine sul cauberg e le volatine a Huy me le risparmio davanti a una fuga di 50 km a roubaix.



Avatar utente
GregLemond
Messaggi: 1135
Iscritto il: sabato 6 settembre 2014, 20:00

Re: Philippe Gilbert

Messaggio da leggere da GregLemond » martedì 18 aprile 2017, 18:39

O al fiandre, quindi Gilbert non è escluso dal mio discorso.



Avatar utente
Morris
Messaggi: 721
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 1:33

Re: Philippe Gilbert

Messaggio da leggere da Morris » mercoledì 19 aprile 2017, 0:10

Fabian von Paterberg ha scritto:
Morris ha scritto:Dopo la quarta Amstel Gold Race…

Non sono d’accordo, ma proprio per niente, con chi ha visto la gamba del polacco migliore. Guardando pedalare Gilbert, si capiva che il vallone che unisce i belgi, ne aveva più di tutti. E non sempre il numero uno in gara, regala la corsa al numero due, come è capitato nella “Monumento” (qui ci sta!) delle classiche sfigate (Milano-Sanremo, ovvio).
Una Amstel Gold Race vibrante e spettacolare, con un faro di nome Philippe Gilbert, giustamente vincitore. Chissà come sarà stato contento il suo primo tifoso, quel Roger De Vlaeminck (fiammingo, tra l’altro) che mi disse: “Vedi, Philippe è l’unico corridore di oggi che onora il ciclismo che fu nostro. Noi correvamo tutto l’anno e non bucavamo le classiche per quello schifo che si chiama specializzazione. Lui è l’unico di oggi che le può vincere tutte e non lo si confronti con gli altri, perché nessuno dei suoi colleghi di un certo palmares, lo vale. Costoro, hanno forse vinto più di una volta quel Giro di Lombardia che è la classica più dura e difficile che ci sia e due Parigi Tours che nemmeno Merckx è mai riuscito a conquistare? Dicono che non ha ancora vinto sul pavè, ma è solo questione di tempo”.
Le parole di Roger risalgono al 6 e 7 settembre 2012, quindi prima della conquista del Mondiale a Valkenburg, ed il tempo ha dimostrato quanto il “Gitano di Eeklo” avesse ragione.
Peccato che una simile evidenza, che un timido intervento del sottoscritto cercò di portare qui, abbia fatto nascere su queste pagine il furore degli anti-Philippe. Preferire Cancellara a Gilbert nelle classiche era, è, e rimarrà perennemente, un esercizio di non so che cosa, perché ogni definizione cancellerebbe anche il più generoso degli eufemismi atti al quieto vivere. E quel tipo che parlò di carriera misteriosa di Gilbert diversi mesi fa, vada miseramente in pellegrinaggio sull’epitaffio di un monumentale impostore, o ad urlare ingenuo tifo per un E.T. alto 185 centimetri.
Io invece non sono d'accordo proprio per niente con le tue parole, a partire dal fatto che chiami i corridori numero 1 e numero 2.
Philippe faro della gara? E l'azione decisiva di Benoot, il rientro di kwiatko, le tirate di henao per mantenere il distacco, l'attacco di kwiatko a cui gilbert ha risposto per portare via l'ultima azione? Oggi la gara non ha avuto un unico faro ma diversi grandissimi interpreti della corsa.
Gilbert giustamente vincitore, in base a cosa se vinceva kwiatko non era un successo meritato?

Se avevi esposto il tuo "timido intervento" su Gilbert nello stesso modo è chiaro che molti ti abbiano dato contro. Gilbert è forte e piace per come corre, non certo per come lo descrivi tu.
Galliano ti ha risposto in maniera educata, ed ha colto perfettamente il senso del mio intervento.
Per quanto mi riguarda, un solo invito: torna a scuola.
Adios!


Quando ti alzi la mattina, volgiti verso Aigle e fai una pernacchia o il gesto dell'ombrello. Tu non sai perché lo fai, ma ad Aigle sì.

Avatar utente
Morris
Messaggi: 721
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 1:33

Re: Philippe Gilbert

Messaggio da leggere da Morris » mercoledì 19 aprile 2017, 0:19

GregLemond ha scritto:Personalmente trovo poco sensato paragonare campionissimi tra di loro.
Il paragone tra Cancellara, Gilbert, Boonen, Valverde per le corse di un giorno è un esercizio che si basa sul gusto.

Personalmente le sparatine sul cauberg e le volatine a Huy me le risparmio davanti a una fuga di 50 km a roubaix.
E dopo questo profondo pensiero andiamo tutti a Renzilandia a studiare dal discepolo del Lanza, per una Urbi et Orbi sul galateo del pranzo ciclistico.


Quando ti alzi la mattina, volgiti verso Aigle e fai una pernacchia o il gesto dell'ombrello. Tu non sai perché lo fai, ma ad Aigle sì.

Avatar utente
GregLemond
Messaggi: 1135
Iscritto il: sabato 6 settembre 2014, 20:00

Re: Philippe Gilbert

Messaggio da leggere da GregLemond » mercoledì 19 aprile 2017, 0:31

Morris ha scritto:
GregLemond ha scritto:Personalmente trovo poco sensato paragonare campionissimi tra di loro.
Il paragone tra Cancellara, Gilbert, Boonen, Valverde per le corse di un giorno è un esercizio che si basa sul gusto.

Personalmente le sparatine sul cauberg e le volatine a Huy me le risparmio davanti a una fuga di 50 km a roubaix.
E dopo questo profondo pensiero andiamo tutti a Renzilandia a studiare dal discepolo del Lanza, per una Urbi et Orbi sul galateo del pranzo ciclistico.
Caro, ho espresso una opinione. Senza sminuire nessuno dei sopracitati campionissimi.
Cosa che invece tu hai fatto con Cancellara.

Se hai dei gusti o punti di vista diversi dal mio, posso non condividerli... ma ne prendo atto.

Non voler discutere su un forum è come andare in una casa di tolleranza e non trombare.

Ciao grande.



Avatar utente
Fabian von Paterberg
Messaggi: 905
Iscritto il: martedì 9 agosto 2016, 14:29
Località: Passo dei 3 termini

Re: Philippe Gilbert

Messaggio da leggere da Fabian von Paterberg » mercoledì 19 aprile 2017, 0:41

galliano ha scritto:Scrivere che Gilbert è stato il faro mi pare non sia offensivo e sminuente nei confronti degli altri.
Non vuol dire che ha corso da solo e che altri non si sono visti.

È una lettura della corsa che io condivido.
Al netto dei modi che magari posso apparire un po' bruschi, mi pare che quanto affermato da morris qualche mese fa abbia trovato la sua definitiva conferma in questa primavera.
Rispondo ora a Galliano perchè mi ero perso la sua risposta al mio post, rispondere nuovamente a Morris sarebbe inutile, come sempre d'altronde.
A mio avviso un "faro della corsa" la illumina a prescindere dal risultato finale, Sagan lo è stato ala Sanremo nonostante la sconfitta, Philippe lo è stato in maniera definitiva al Fiandre. Domenica ha vinto, ed in ottima maniera, ma a parte quello si è """limitato""" a seguire e poi rilanciare i due attacchi giusti.


Questa è stata la battaglia più grande della mia carriera. C.Froome, May 26th, 2018
2016 argento ITT Doha
2017 Tour de France a tempo

Avatar utente
nemecsek.
Messaggi: 1333
Iscritto il: mercoledì 6 gennaio 2016, 22:35

Re: Philippe Gilbert

Messaggio da leggere da nemecsek. » mercoledì 19 aprile 2017, 7:51

quiz per cinefili

film di Giorgio Capitani con Turi Ferro, Virna Lisi, Catherine Spaak, Giuliana Calandra, Massimo Ciavarro. Commedia Italia 1988.


:diavoletto:


Le insegne luminose attirano gli allocchi.
GLF

Avatar utente
galliano
Messaggi: 11618
Iscritto il: giovedì 14 aprile 2011, 12:53
Località: TN

Re: Philippe Gilbert

Messaggio da leggere da galliano » mercoledì 19 aprile 2017, 8:55

GregLemond ha scritto:Personalmente trovo poco sensato paragonare campionissimi tra di loro.
Il paragone tra Cancellara, Gilbert, Boonen, Valverde per le corse di un giorno è un esercizio che si basa sul gusto.

Personalmente le sparatine sul cauberg e le volatine a Huy me le risparmio davanti a una fuga di 50 km a roubaix.
Che possa essere difficile paragonare corridori di epoche diverse non lo metto in dubbio, ma paragonare dei coetanei mi pare assolutamente sensato.
Io, come CICLISTI, preferisco decisamente Gilbert e Valverde.
Intendiamoci Cancellara e Boonen hanno dato spettacolo sulle pietre, però, nella mia percezione rimangono due fortissimi specialisti.
Non ultimo, sempre a mio personalissimo avviso, dare spettacolo sulle pietre è più facile che farlo altrove.
Attenzione, non dico che non si possa dare spettacolo sulle Ardenne o nei GT, ma solo che sulle pietre mi pare ci sia una selezione naturale più marcata che quindi semplifica la vita agli specialisti.



Strong
Messaggi: 9027
Iscritto il: mercoledì 12 gennaio 2011, 11:48

Re: Philippe Gilbert

Messaggio da leggere da Strong » mercoledì 19 aprile 2017, 9:06

niente Giro per Gilbert


i fondamentalisti del ciclismo e gli ultras dei ciclisti sono il male di questo sport.

Avatar utente
galliano
Messaggi: 11618
Iscritto il: giovedì 14 aprile 2011, 12:53
Località: TN

Re: Philippe Gilbert

Messaggio da leggere da galliano » mercoledì 19 aprile 2017, 9:13

Fabian von Paterberg ha scritto:
galliano ha scritto:Scrivere che Gilbert è stato il faro mi pare non sia offensivo e sminuente nei confronti degli altri.
Non vuol dire che ha corso da solo e che altri non si sono visti.

È una lettura della corsa che io condivido.
Al netto dei modi che magari posso apparire un po' bruschi, mi pare che quanto affermato da morris qualche mese fa abbia trovato la sua definitiva conferma in questa primavera.
Rispondo ora a Galliano perchè mi ero perso la sua risposta al mio post, rispondere nuovamente a Morris sarebbe inutile, come sempre d'altronde.
A mio avviso un "faro della corsa" la illumina a prescindere dal risultato finale, Sagan lo è stato ala Sanremo nonostante la sconfitta, Philippe lo è stato in maniera definitiva al Fiandre. Domenica ha vinto, ed in ottima maniera, ma a parte quello si è """limitato""" a seguire e poi rilanciare i due attacchi giusti.
Abbiamo due concezioni di faro un po' diverse.
Il faro non è necessariamente quello che promuove l'azione decisiva, ma colui che con la sua presenza la rende determinante. Quello che fa le scelte giuste nel momento giusto e indirizza la corsa. Colui che ne definisce la trama.
Mi si potrebbe obbiettare che anche Kwiatkowski è stato il faro, ma se confrontiamo il comportamento in corsa del vallone e del polacco, io ci vedo delle sensibili differenze. Kwiatkowski è stato forte, fortissimo, ma per ora io non lo vedo quasi mai come il faro in corsa.
Poi ci vorrebbe qualcuno più bravo di me con le parole per sviscerare ulteriormente il concetto di faro.




Rispondi