I velocisti sono il male del ciclismo ?

Il mondo dei professionisti tra gare e complessità, e più in generale l'approccio al ciclismo di ogni appassionato
majurana
Messaggi: 80
Iscritto il: lunedì 21 marzo 2011, 20:12

Re: I velocisti sono il male del ciclismo ?

Messaggio da leggere da majurana » giovedì 12 settembre 2013, 16:48

l'Orso ha scritto: stranamente... concordo, tranne per il "forse" :)
Stranamente? Mi sembra un ragionamento di buon senso :)




jumbo
Messaggi: 4735
Iscritto il: sabato 1 ottobre 2011, 10:42

Re: I velocisti sono il male del ciclismo ?

Messaggio da leggere da jumbo » giovedì 12 settembre 2013, 16:48

davanti non c'era una moto, c'erano chavanel o fuglsang; froome non riesce a guadagnare qualche metro su questi e pochi giorni dopo li svernicia a cronometro???



AntiGazza
Messaggi: 1234
Iscritto il: venerdì 15 aprile 2011, 12:23

Re: I velocisti sono il male del ciclismo ?

Messaggio da leggere da AntiGazza » giovedì 12 settembre 2013, 16:50

majurana ha scritto:I vostri commenti "sui treni" mi portano ad una riflessione: ma quelli che indichiamo come velocisti sono effettivamente dei ciclisti?
Nel senso, ma è giusto avere in squadra un corridore da usare unicamente nell'ultimo chilometro?
Quando ho iniziato a seguire il ciclismo vi erano molti velocisti, ma non vi era alcuno che limitasse la sua essenza di ciclista ai 300 metri finali.
Forse, a questo punto, seguendo il vostro ragionamento il problema non sono i velocisti, bensì i treni costruiti per loro.
Ora io non conosco la tua età , ma quando ho iniziato a segurie il ciclismo io invece , i velocisti eran solo gente da ultimo km o quasi .
Tanto che mi ricordo che la prima tappa di montagna vera in un GT c'era na sfilzata di velocisti che si ritiravano .



Strong
Messaggi: 9311
Iscritto il: mercoledì 12 gennaio 2011, 11:48

Re: I velocisti sono il male del ciclismo ?

Messaggio da leggere da Strong » giovedì 12 settembre 2013, 16:55

jumbo ha scritto:davanti non c'era una moto, c'erano chavanel o fuglsang; froome non riesce a guadagnare qualche metro su questi e pochi giorni dopo li svernicia a cronometro???
chacha E' una :scooter: :D

credo che tu non abbia ben presente quale sia la differza tra il girare facendo meno di 10" al vento e farsi invece un 30/40" a tutta (vuol dire fuori soglia) contro vento se per caso non riesci a chiudere (e non è banale neppure per cancellara) sei fritto
se chiudi ma sei ad un passo dalla morte :D non riesci a stare dentro al ventaglio


i fondamentalisti del ciclismo e gli ultras dei ciclisti sono il male di questo sport.

l'Orso
Messaggi: 4551
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 11:18

Re: I velocisti sono il male del ciclismo ?

Messaggio da leggere da l'Orso » giovedì 12 settembre 2013, 16:57

jumbo ha scritto:davanti non c'era una moto, c'erano chavanel o fuglsang; froome non riesce a guadagnare qualche metro su questi e pochi giorni dopo li svernicia a cronometro???
Froome svernicia da solo Chavanel e Fugslang (e altri) in un ventaglio???
ma bastan 4 olandesi in graziella per staccare un Froome... forse uin Cancellara poteva chiudere da solo, ma perchè dotato di spunto veloce.


Fanta cicloweb 2015:
Tour 2015 - 19a tappa - SJ M.nne - Toussuire (24 Luglio)

utenti ignorati:
Scostante_Girardengo


jumbo
Messaggi: 4735
Iscritto il: sabato 1 ottobre 2011, 10:42

Re: I velocisti sono il male del ciclismo ?

Messaggio da leggere da jumbo » giovedì 12 settembre 2013, 16:59

o signur, se ci provava quando i metri erano 10 ci riusciva, invece manco ci ha provato.
e ancora, non ha collaborato con i suoi compagni durante il successivo inseguimento in pianura, cosa che invece secondo me ci stava tutta (infatti contador e kreuziger giravano insieme agli altri).



Avatar utente
cauz.
Messaggi: 11902
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 12:53
Località: milano
Contatta:

Re: I velocisti sono il male del ciclismo ?

Messaggio da leggere da cauz. » giovedì 12 settembre 2013, 17:02

Strong ha scritto:dubito che un buco di 20mt durante un ventaglio si chiuda con 2 pedalate
visti i rapporti che spinge, con due pedalate froome non chiude nemmeno un buco di 20cm :diavoletto:


"Il male trionfa sempre, perche' il bene e' stupido" [Lord Casco]
@cauz_ | bidonmagazine.org | confindustrial.noblogs.org

Strong
Messaggi: 9311
Iscritto il: mercoledì 12 gennaio 2011, 11:48

Re: I velocisti sono il male del ciclismo ?

Messaggio da leggere da Strong » giovedì 12 settembre 2013, 17:05

jumbo ha scritto:o signur, se ci provava quando i metri erano 10 ci riusciva, invece manco ci ha provato.
e ancora, non ha collaborato con i suoi compagni durante il successivo inseguimento in pianura, cosa che invece secondo me ci stava tutta (infatti contador e kreuziger giravano insieme agli altri).
e intanto abbiamo recuperato 10metri :D :D :lol:


i fondamentalisti del ciclismo e gli ultras dei ciclisti sono il male di questo sport.

Avatar utente
Brogno
Messaggi: 3533
Iscritto il: martedì 21 maggio 2013, 10:37

Re: I velocisti sono il male del ciclismo ?

Messaggio da leggere da Brogno » giovedì 12 settembre 2013, 17:08

Strong ha scritto:
jumbo ha scritto:o signur, se ci provava quando i metri erano 10 ci riusciva, invece manco ci ha provato.
e ancora, non ha collaborato con i suoi compagni durante il successivo inseguimento in pianura, cosa che invece secondo me ci stava tutta (infatti contador e kreuziger giravano insieme agli altri).
e intanto abbiamo recuperato 10metri :D :D :lol:
:diavoletto:


Comunque i bookies sono dei genii, ma quanti cazzo di soldi si faranno, con tutti quelli che punteranno su Thomas??? (Tour 2018)

Se vincono Valverde o Nibali mi tatuo in fronte la parola INSBRUCK (Innsbruck 2018)

Beppesaronni

majurana
Messaggi: 80
Iscritto il: lunedì 21 marzo 2011, 20:12

Re: I velocisti sono il male del ciclismo ?

Messaggio da leggere da majurana » giovedì 12 settembre 2013, 17:28

AntiGazza ha scritto:
majurana ha scritto:I vostri commenti "sui treni" mi portano ad una riflessione: ma quelli che indichiamo come velocisti sono effettivamente dei ciclisti?
Nel senso, ma è giusto avere in squadra un corridore da usare unicamente nell'ultimo chilometro?
Quando ho iniziato a seguire il ciclismo vi erano molti velocisti, ma non vi era alcuno che limitasse la sua essenza di ciclista ai 300 metri finali.
Forse, a questo punto, seguendo il vostro ragionamento il problema non sono i velocisti, bensì i treni costruiti per loro.
Ora io non conosco la tua età , ma quando ho iniziato a segurie il ciclismo io invece , i velocisti eran solo gente da ultimo km o quasi .
Tanto che mi ricordo che la prima tappa di montagna vera in un GT c'era na sfilzata di velocisti che si ritiravano .
E' vero quello che dici, ma tra quelli che ricordo (come grandi) velocisti c'era gente come Jalabert e Zabel (da "hall of fame"). Poi ci sono stati quelli di contorno come Abdoujaparov, per fare un esempio.
La vera questione è questa: a parte la capacità di vincere le volate, fra quelli attuali c'è uno sprinter che realmente possa essere considerato un grande ciclista?
In altri termini, vedendo l'attuale panorama delle ruote veloci voi inserireste qualcuno nella "hall of fame" del ciclismo?
Nel storia passata se ne vedono tanti, in quella recente io non ne vedo nessuno.
Ancora, secondo voi Cavendish (con il suo palmares) sarà ricordato come un grandissimo al pari di Zabel e Cipollini (restando ai recenti)?
Io lo giudico inferiore, guardando al modo in cui corre e vincere (frutto dell'ormai consolidata prassi di gestire i velocisti).



Avatar utente
Brogno
Messaggi: 3533
Iscritto il: martedì 21 maggio 2013, 10:37

Re: I velocisti sono il male del ciclismo ?

Messaggio da leggere da Brogno » giovedì 12 settembre 2013, 17:28

majurana ha scritto: La vera questione è questa: a parte la capacità di vincere le volate, fra quelli attuali c'è uno sprinter che realmente possa essere considerato un grande ciclista?
In altri termini, vedendo l'attuale panorama delle ruote veloci voi inserireste qualcuno nella "hall of fame" del ciclismo?
Nel storia passata se ne vedono tanti, in quella recente io non ne vedo nessuno.
Ancora, secondo voi Cavendish (con il suo palmares) sarà ricordato come un grandissimo al pari di Zabel e Cipollini (restando ai recenti)?
Io lo giudico inferiore, guardando al modo in cui corre e vincere (frutto dell'ormai consolidata prassi di gestire i velocisti).
Sagan? :D


Comunque i bookies sono dei genii, ma quanti cazzo di soldi si faranno, con tutti quelli che punteranno su Thomas??? (Tour 2018)

Se vincono Valverde o Nibali mi tatuo in fronte la parola INSBRUCK (Innsbruck 2018)

Beppesaronni

majurana
Messaggi: 80
Iscritto il: lunedì 21 marzo 2011, 20:12

Re: I velocisti sono il male del ciclismo ?

Messaggio da leggere da majurana » giovedì 12 settembre 2013, 17:31

Brogno ha scritto:
majurana ha scritto: La vera questione è questa: a parte la capacità di vincere le volate, fra quelli attuali c'è uno sprinter che realmente possa essere considerato un grande ciclista?
In altri termini, vedendo l'attuale panorama delle ruote veloci voi inserireste qualcuno nella "hall of fame" del ciclismo?
Nel storia passata se ne vedono tanti, in quella recente io non ne vedo nessuno.
Ancora, secondo voi Cavendish (con il suo palmares) sarà ricordato come un grandissimo al pari di Zabel e Cipollini (restando ai recenti)?
Io lo giudico inferiore, guardando al modo in cui corre e vincere (frutto dell'ormai consolidata prassi di gestire i velocisti).
Sagan? :D
Per te Sagan è un velocista al pari di Cavandesh, Greipel, Kittel, Guardini, Modolo, Farrar, Goss....



jumbo
Messaggi: 4735
Iscritto il: sabato 1 ottobre 2011, 10:42

Re: I velocisti sono il male del ciclismo ?

Messaggio da leggere da jumbo » giovedì 12 settembre 2013, 17:35

non vedo nessuna differenza nel modo di correre di cavendish e cipollini.



majurana
Messaggi: 80
Iscritto il: lunedì 21 marzo 2011, 20:12

Re: I velocisti sono il male del ciclismo ?

Messaggio da leggere da majurana » giovedì 12 settembre 2013, 17:45

jumbo ha scritto:non vedo nessuna differenza nel modo di correre di cavendish e cipollini.
Per me la differenza c'è vedendo la storia dei due.
La volata "spot" è stata l'evoluzione di Cipollini; infatti non è nato come uomo buono solamente negli ultimi 300 metri.
E poi, di Cippolini ricordo anche attacchi alla GW, oltre a scalate del Poggio fatte fra i primi 5.
A ben vedere è stato Cipollini l'ideatore del treno: tale era la sua forza che condotto in testa era imbattibile.
Cavendish è nato in questo sistema, non l'ha creato bensì si è adattato.
Inoltre, se guardiamo i velocisti citati sopra tutti hanno:
- modificato le loro caratteristiche per rendere solamente in volata (es. Kittel era un ottimo cronoman, con tanto di medaglia fra gli under. In tal senso temo per Degenkolb)
- compresso la loro carriera, visto che reggono (e vincono) solo nel momento di massima esplosività (es. Farrar, al netto di altre questioni e lo stesso Cavendish)
Ripetendomi, non sono ciclisti, ma specialisti. Un po' come nel football americano quelli che calciano la palla (entrano, calciano ed escono).
Cipollini, chiudendo, ha semplicemento prolungato la sua carriera con l'auto dei treni.



AntiGazza
Messaggi: 1234
Iscritto il: venerdì 15 aprile 2011, 12:23

Re: I velocisti sono il male del ciclismo ?

Messaggio da leggere da AntiGazza » giovedì 12 settembre 2013, 17:49

majurana ha scritto:
AntiGazza ha scritto:
majurana ha scritto:I vostri commenti "sui treni" mi portano ad una riflessione: ma quelli che indichiamo come velocisti sono effettivamente dei ciclisti?
Nel senso, ma è giusto avere in squadra un corridore da usare unicamente nell'ultimo chilometro?
Quando ho iniziato a seguire il ciclismo vi erano molti velocisti, ma non vi era alcuno che limitasse la sua essenza di ciclista ai 300 metri finali.
Forse, a questo punto, seguendo il vostro ragionamento il problema non sono i velocisti, bensì i treni costruiti per loro.
Ora io non conosco la tua età , ma quando ho iniziato a segurie il ciclismo io invece , i velocisti eran solo gente da ultimo km o quasi .
Tanto che mi ricordo che la prima tappa di montagna vera in un GT c'era na sfilzata di velocisti che si ritiravano .
E' vero quello che dici, ma tra quelli che ricordo (come grandi) velocisti c'era gente come Jalabert e Zabel (da "hall of fame"). Poi ci sono stati quelli di contorno come Abdoujaparov, per fare un esempio.
La vera questione è questa: a parte la capacità di vincere le volate, fra quelli attuali c'è uno sprinter che realmente possa essere considerato un grande ciclista?
In altri termini, vedendo l'attuale panorama delle ruote veloci voi inserireste qualcuno nella "hall of fame" del ciclismo?
Nel storia passata se ne vedono tanti, in quella recente io non ne vedo nessuno.
Ancora, secondo voi Cavendish (con il suo palmares) sarà ricordato come un grandissimo al pari di Zabel e Cipollini (restando ai recenti)?
Io lo giudico inferiore, guardando al modo in cui corre e vincere (frutto dell'ormai consolidata prassi di gestire i velocisti).
Jalabert velocista lo è stato ad inizio carriera ,poi si è trasformato e infatti volate di gruppo non ne faceva più , Zabel è un velocista che teneva in salita ma che a lungo andare in volate di gruppo anche lui non si imponeva più.
Un Sagan di oggi per dire.
Cipollini poi che ha mai fatto oltre a vincere volate di gruppo molto spesso tirato dal treno ? Anzi ti dirò che Cavendish ha vinto anche senza treno molto di più di Cipollini .
Poi vabbè i vari Minali , Abdujaparov, Leone Kirsipu valgono i Boh , Kittel ,Greipel ....anzi i secondi concludono più GT dei primi .



majurana
Messaggi: 80
Iscritto il: lunedì 21 marzo 2011, 20:12

Re: I velocisti sono il male del ciclismo ?

Messaggio da leggere da majurana » giovedì 12 settembre 2013, 18:00

AntiGazza, vero tutto.
Però guardando indietro, al netto delle evoluzioni, Jalabert, Zabel&co vanno inseriti fra i velocisti. Poi, non dimentichiamo che anche Boonen vinceva le volate di gruppo.
In un ciclismo meno specialistico, Degelkolp (non cito Sagan perchè è un fenomeno) sarebbe considerato un velocista.
La questione dell'avversione ai veloci nasce dal fatto, per me, che sono diventati qualcosa di diverso dai "ciclisti" comunemente intesi.
Hanno un loro peculiare campo da gioco. Prima, ma posso sbagliare, non era così.



matter1985
Messaggi: 4334
Iscritto il: domenica 1 aprile 2012, 16:38
Località: Toscana

Re: I velocisti sono il male del ciclismo ?

Messaggio da leggere da matter1985 » giovedì 12 settembre 2013, 18:29

majurana ha scritto:
Brogno ha scritto:
majurana ha scritto: La vera questione è questa: a parte la capacità di vincere le volate, fra quelli attuali c'è uno sprinter che realmente possa essere considerato un grande ciclista?
In altri termini, vedendo l'attuale panorama delle ruote veloci voi inserireste qualcuno nella "hall of fame" del ciclismo?
Nel storia passata se ne vedono tanti, in quella recente io non ne vedo nessuno.
Ancora, secondo voi Cavendish (con il suo palmares) sarà ricordato come un grandissimo al pari di Zabel e Cipollini (restando ai recenti)?
Io lo giudico inferiore, guardando al modo in cui corre e vincere (frutto dell'ormai consolidata prassi di gestire i velocisti).
Sagan? :D
Per te Sagan è un velocista al pari di Cavandesh, Greipel, Kittel, Guardini, Modolo, Farrar, Goss....
Ai primi 3 sicuramente è inferiore,ma con gli altri se la gioca alla grande(tranne Guardini come spunto)


#JeSuisNizzolo

Winter
Messaggi: 14124
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Re: I velocisti sono il male del ciclismo ?

Messaggio da leggere da Winter » giovedì 12 settembre 2013, 18:53

AntiGazza ha scritto:
majurana ha scritto:I vostri commenti "sui treni" mi portano ad una riflessione: ma quelli che indichiamo come velocisti sono effettivamente dei ciclisti?
Nel senso, ma è giusto avere in squadra un corridore da usare unicamente nell'ultimo chilometro?
Quando ho iniziato a seguire il ciclismo vi erano molti velocisti, ma non vi era alcuno che limitasse la sua essenza di ciclista ai 300 metri finali.
Forse, a questo punto, seguendo il vostro ragionamento il problema non sono i velocisti, bensì i treni costruiti per loro.
Ora io non conosco la tua età , ma quando ho iniziato a segurie il ciclismo io invece , i velocisti eran solo gente da ultimo km o quasi .
Tanto che mi ricordo che la prima tappa di montagna vera in un GT c'era na sfilzata di velocisti che si ritiravano .
?? mica tanto
La Vuelta sara' pure stata ridicola all'epoca pero' l'ha vinta Maertens.. quell'anno vinse piu' di 50 corse..tantissime in volata
Saronni e De Vlaeminck vincevano le volate di gruppo
Idem Kelly
Vanderaerden le crono



majurana
Messaggi: 80
Iscritto il: lunedì 21 marzo 2011, 20:12

Re: I velocisti sono il male del ciclismo ?

Messaggio da leggere da majurana » giovedì 12 settembre 2013, 20:01

Stavo appunto citando la Vuelta di Kelly. Se poi per voi i velocisti sono quelli "solamente" degli ultimi metri, allora sono il male!



AntiGazza
Messaggi: 1234
Iscritto il: venerdì 15 aprile 2011, 12:23

Re: I velocisti sono il male del ciclismo ?

Messaggio da leggere da AntiGazza » giovedì 12 settembre 2013, 22:50

Winter ha scritto:
AntiGazza ha scritto:
majurana ha scritto:I vostri commenti "sui treni" mi portano ad una riflessione: ma quelli che indichiamo come velocisti sono effettivamente dei ciclisti?
Nel senso, ma è giusto avere in squadra un corridore da usare unicamente nell'ultimo chilometro?
Quando ho iniziato a seguire il ciclismo vi erano molti velocisti, ma non vi era alcuno che limitasse la sua essenza di ciclista ai 300 metri finali.
Forse, a questo punto, seguendo il vostro ragionamento il problema non sono i velocisti, bensì i treni costruiti per loro.
Ora io non conosco la tua età , ma quando ho iniziato a segurie il ciclismo io invece , i velocisti eran solo gente da ultimo km o quasi .
Tanto che mi ricordo che la prima tappa di montagna vera in un GT c'era na sfilzata di velocisti che si ritiravano .
?? mica tanto
La Vuelta sara' pure stata ridicola all'epoca pero' l'ha vinta Maertens.. quell'anno vinse piu' di 50 corse..tantissime in volata
Saronni e De Vlaeminck vincevano le volate di gruppo
Idem Kelly
Vanderaerden le crono
ma stiamo parlanbdo di un altro ciclismo .... per vincere volate di gruppo alla fine serve essere un velocista , e , parliamoci chiaro ,attualmente per vari motivi se fai 200 km in gruppo su una tappa completamente piatta (quindi con gruppo compatto) un ciclista esprime una velocità di punta che è la stessa che potrebbe esprimere dopo 10 km praticamente.Per cui è ovvio che gente che abbia prevalentemente fibre bianche è nettamente favorito .E da chi ha quel tipo di fibre col kaiser che vince anche in altri contesti .E' come chiedere a Bolt di vincere i 10000 .



Mont Ventoux
Messaggi: 112
Iscritto il: mercoledì 24 agosto 2011, 20:43

Re: I velocisti sono il male del ciclismo ?

Messaggio da leggere da Mont Ventoux » venerdì 13 settembre 2013, 0:03

Dal mio punto di vista il problema del ciclismo attuale è che le stesse tappe di montagna sono in realtà spesso assai prevedibili nello svolgimento quando non anche noiose.
I motivi sono più o meno gli stessi per cui una tappa piatta sarà quasi certamente noiosa da vedere, cioè tecnici.
Stare in gruppo nel ciclismo attuale fa troppa la differenza rispetto alla ricerca delle azioni individuali, anche nelle tappe di montagna. Uno come Rodríguez è infondo il perfetto figlio di questo ciclismo, avendo intelligentemente capito che è meglio capitalizzare il profitto ottenibile grazie alle proprie doti naturali di scattista piuttosto che rischiare improbabili attacchi da lontano quasi certamente destinati a diventare autolesionistici.

E comunque non reputo più noiosa una media tappa di pianura dello spettacolo che ha offerto la tappa con arrivo sul Monte Ventoso, tanto per fare un esempio sotto gli occhio di tutti. Anzi, è molto più anti-ciclistico (nel senso di meno vicino allo spirito di avventura originario di questo sport) guardare un gruppo che brucia compatto a velocità forsennata, con uno sforzo di pura violenza che non lascia nessuno spazio alla fantasia o alla ragione, una tappa totem del Tour (con il vincitore che assomiglia ad un robot telecomandato che porta a termine la propria missione seguendo un copione scontatissimo e di una piattezza rara) piuttosto che guardare il prevedibile inseguimento del gruppo ai poveri fuggitivi, situazione che ha regalato in tante occasioni almeno dei finali di tappa davvero spettacolari, risolti sul filo dei secondi, quasi sempre a favore del gruppo ma di tanto in tanto anche con delle sorprese notevoli.

D'accordo certamente che andrebbero evitate tre tappe di seguito con arrivo per velocisti, come spesso capita di vedere al Tour, se non fosse che non bisogna dimenticare che è proprio il territorio francese ad offrire molta meno varietà rispetto a quello italiano o spagnolo.



Admin
Messaggi: 13341
Iscritto il: domenica 21 giugno 2009, 22:48

Re: I velocisti sono il male del ciclismo ?

Messaggio da leggere da Admin » venerdì 13 settembre 2013, 2:45

majurana ha scritto: A ben vedere è stato Cipollini l'ideatore del treno: tale era la sua forza che condotto in testa era imbattibile.
In realtà se parli con un appassionato nato negli anni '60, ti dirà che l'inventore è stato Saronni con la Del Tongo...
Se parli con un appassionato nato negli anni '50, noterà che tutto sommato il primo era stato Maertens con la Flandria...
Ma se ti confronti con un appassionato nato negli anni '30-'40, non avrà dubbi che l'iniziatore della pratica sia stato Van Looy alla Faema.


Pantani è una leggenda come Coppi e Bartali

Avatar utente
Seb
Messaggi: 5033
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:07
Località: Genova
Contatta:

Re: I velocisti sono il male del ciclismo ?

Messaggio da leggere da Seb » venerdì 13 settembre 2013, 10:30

Io credo che i velocisti non siano assolutamente il male del ciclismo, anzi, secondo me attualmente non sono ben valorizzati. Rispetto a qualche anno fa mi pare che per quantità e qualità il gruppo delle ruote veloci sia di primissimo livello e garantisce belle sfide sia nelle corse di primo piano che in quelle minori. In più secondo me la volata ha il potenziale per essere un ottimo prodotto televisivo soprattutto in chiave post tappa: si può fare vedere e rivedere magari sfruttando telecamere in posizioni strategiche (la classica frontale, dall'alto, laterale come sui Campi Elisi, fotofinish), si presta a discussioni interessanti (vedi Cavendish-Veelers al Tour) e ad analisi tecniche sulla preparazione e sul lavoro del treno o sull'atteggiamento tattico dei velocisti magari nell'affrontare o anticipare una curva; in sostanza di può parlare di ciclismo mica come in un arrivo in salita dove pare si debba parlare solo di watt, vam e record di scalata.
Certo, in un grande giro una tappa tutta piatta senza difficoltà avrà quasi sicuramente un copione scontato e potrà facilmente risultato "noiosa" prima del finale (come detto, gli strappetti vicini all'arrivo sono un'ottima soluzione) ma magari anziché farne vedere in diretta 100 km non penso morirebbe nessuno se venissero fatti solo gli ultimi 50 km allungando un po' la trasmissione dopo l'arrivo (se la volata non offre spunti ci possono essere comunque i riempitivi di cui i telecronisti avrebbero comunque parlato nei 50 km di differenza).



CicloSprint
Messaggi: 5947
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:49

Re: I velocisti sono il male del ciclismo ?

Messaggio da leggere da CicloSprint » martedì 1 ottobre 2013, 13:05

Il Giro 2014 potrebbe proporre il minimo storico di tappa per velocisti...



Avatar utente
jerrydrake
Messaggi: 5171
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 12:14

Re: I velocisti sono il male del ciclismo ?

Messaggio da leggere da jerrydrake » martedì 1 ottobre 2013, 13:47

Admin ha scritto:
majurana ha scritto: A ben vedere è stato Cipollini l'ideatore del treno: tale era la sua forza che condotto in testa era imbattibile.
In realtà se parli con un appassionato nato negli anni '60, ti dirà che l'inventore è stato Saronni con la Del Tongo...
Se parli con un appassionato nato negli anni '50, noterà che tutto sommato il primo era stato Maertens con la Flandria...
Ma se ti confronti con un appassionato nato negli anni '30-'40, non avrà dubbi che l'iniziatore della pratica sia stato Van Looy alla Faema.
E tu che sei degli anni Venti che ci dici? :D



Avatar utente
Tour de Berghem
Messaggi: 915
Iscritto il: giovedì 12 maggio 2011, 9:46
Località: MOZZANICA (BG)

Re: I velocisti sono il male del ciclismo ?

Messaggio da leggere da Tour de Berghem » martedì 1 ottobre 2013, 14:07

CicloSprint ha scritto:Il Giro 2014 potrebbe proporre il minimo storico di tappa per velocisti...
Non è vero, nel giro del 1909 non ci fu neanche un arrivo in volata


vincitore fantatour de France 2011
Fantagiro d'Italia 2012 : 7°

Jack

Re: I velocisti sono il male del ciclismo ?

Messaggio da leggere da Jack » martedì 1 ottobre 2013, 16:49

Tour de Berghem ha scritto:
CicloSprint ha scritto:Il Giro 2014 potrebbe proporre il minimo storico di tappa per velocisti...
Non è vero, nel giro del 1909 non ci fu neanche un arrivo in volata
Il primo :D ,comunque concordo che ogni anno almeno al Giro e alla Vuelta,gli arrivi per velocisti sono diminuiti



Pat McQuaid

Re: I velocisti sono il male del ciclismo ?

Messaggio da leggere da Pat McQuaid » venerdì 11 ottobre 2013, 14:14

FINALMENTE QUALCUNO CHE SI FA SENTIRE

http://www.tuttobiciweb.it/index.php?pa ... 62696&tp=n



jumbo
Messaggi: 4735
Iscritto il: sabato 1 ottobre 2011, 10:42

Re: I velocisti sono il male del ciclismo ?

Messaggio da leggere da jumbo » venerdì 11 ottobre 2013, 14:18

Allora rischiamo di vederlo al Giro 2014!



Pat McQuaid

Re: I velocisti sono il male del ciclismo ?

Messaggio da leggere da Pat McQuaid » venerdì 11 ottobre 2013, 14:34

jumbo ha scritto:Allora rischiamo di vederlo al Giro 2014!
Gilbert non fa più il Giro ... le corse che contano sono le classiche in aprile e il Tour, non si puo fare anche il Giro di mezzo.



jumbo
Messaggi: 4735
Iscritto il: sabato 1 ottobre 2011, 10:42

Re: I velocisti sono il male del ciclismo ?

Messaggio da leggere da jumbo » venerdì 11 ottobre 2013, 14:37

visto come sono andati i suoi ultimi due anni, chissà mai che gli faccia bene un cambio di programma.



Avatar utente
cauz.
Messaggi: 11902
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 12:53
Località: milano
Contatta:

Re: I velocisti sono il male del ciclismo ?

Messaggio da leggere da cauz. » venerdì 11 ottobre 2013, 14:51

Pat McQuaid ha scritto:FINALMENTE QUALCUNO CHE SI FA SENTIRE

http://www.tuttobiciweb.it/index.php?pa ... 62696&tp=n
bah, direi che pippo farebbe bene a studiarsi un po' di storia del ciclismo, non mi pare che le altimetrie stiano diventando sempre piu' eccessive... anzi. ormai la tendenza affermata è quella del salitone finale, che sia lungo e duro o che sia una rampa di garage... mentre prima le corse scorrono basse e pianeggianti.
idem il discorso "climatico": in condizioni dove fino a 10 anni fa si correva sempre, oggi le gare vengono annullate/sospese/mutilate.


"Il male trionfa sempre, perche' il bene e' stupido" [Lord Casco]
@cauz_ | bidonmagazine.org | confindustrial.noblogs.org

Avatar utente
galliano
Messaggi: 12922
Iscritto il: giovedì 14 aprile 2011, 12:53
Località: TN

Re: I velocisti sono il male del ciclismo ?

Messaggio da leggere da galliano » venerdì 11 ottobre 2013, 14:56

cauz. ha scritto:
Pat McQuaid ha scritto:FINALMENTE QUALCUNO CHE SI FA SENTIRE

http://www.tuttobiciweb.it/index.php?pa ... 62696&tp=n
bah, direi che pippo farebbe bene a studiarsi un po' di storia del ciclismo, non mi pare che le altimetrie stiano diventando sempre piu' eccessive... anzi. ormai la tendenza affermata è quella del salitone finale, che sia lungo e duro o che sia una rampa di garage... mentre prima le corse scorrono basse e pianeggianti.
idem il discorso "climatico": in condizioni dove fino a 10 anni fa si correva sempre, oggi le gare vengono annullate/sospese/mutilate.
per non parlare del record di lunghezza delle corse.
Record sì, ma a chi la fa più corta.
Pure Cancellara che si lamenta dei 57km della crono mondiale non si può sentire!



Uran Uran
Messaggi: 58
Iscritto il: giovedì 10 ottobre 2013, 9:47

Re: I velocisti sono il male del ciclismo ?

Messaggio da leggere da Uran Uran » sabato 12 ottobre 2013, 12:40

Admin ha scritto: In realtà se parli con un appassionato nato negli anni '60, ti dirà che l'inventore è stato Saronni con la Del Tongo...
Se parli con un appassionato nato negli anni '50, noterà che tutto sommato il primo era stato Maertens con la Flandria...
E' possibile, ma Saronni e Maertens non erano certo solo velocisti, così come credo anche Van Looy. Freddy Maertens (Nieuwpoort, 13 febbraio 1952) è un ex ciclista su strada e pistard belga. Professionista dal 1972 al 1987, vinse una Vuelta a España oltre a numerosissime altre gare, di Saronni è inutile parlare e Van Looy vanta il primato (ancora ineguagliato) di avere vinto tutte le grandi classiche del suo tempo (Merckx non vinse la Parigi-Tours). Pertanto mi sembra corretto sostenere che il primo treno vero, fatto per un corridore che da solo è capace di correre per un 300 metri al massimo, è stato inventato da Cipollini.



Blingo
Messaggi: 80
Iscritto il: sabato 5 ottobre 2013, 20:49

Re: I velocisti sono il male del ciclismo ?

Messaggio da leggere da Blingo » domenica 13 ottobre 2013, 0:11

Una cosa va detta,meglio ora di quando nei Tour degli anni 90 facevano prima tutte le tappe per velocisti e poi le montagne,ecco uno dei motivi per cui Cipollini non hanno mai finito un Tour e vinto la maglia verde



Avatar utente
Niи
Messaggi: 999
Iscritto il: martedì 2 aprile 2013, 0:10

Re: I velocisti sono il male del ciclismo ?

Messaggio da leggere da Niи » domenica 13 ottobre 2013, 0:46

galliano ha scritto:
cauz. ha scritto:
Pat McQuaid ha scritto:FINALMENTE QUALCUNO CHE SI FA SENTIRE

http://www.tuttobiciweb.it/index.php?pa ... 62696&tp=n
bah, direi che pippo farebbe bene a studiarsi un po' di storia del ciclismo, non mi pare che le altimetrie stiano diventando sempre piu' eccessive... anzi. ormai la tendenza affermata è quella del salitone finale, che sia lungo e duro o che sia una rampa di garage... mentre prima le corse scorrono basse e pianeggianti.
idem il discorso "climatico": in condizioni dove fino a 10 anni fa si correva sempre, oggi le gare vengono annullate/sospese/mutilate.
per non parlare del record di lunghezza delle corse.
Record sì, ma a chi la fa più corta.
Pure Cancellara che si lamenta dei 57km della crono mondiale non si può sentire!
Però Gilbert fa una premessa abbastanza importante: "....proprio in un momento in cui il ciclismo è impegnato al massimo contro il doping". Se davvero il doping è meno influente, allora il discorso di Gilbert non sarebbe così astruso.



CicloSprint
Messaggi: 5947
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:49

Re: I velocisti sono il male del ciclismo ?

Messaggio da leggere da CicloSprint » giovedì 22 maggio 2014, 12:10

Domani quella di Rivarolo potrebbe essere l' ultima volata del Giro 2014, perchè il finale di Vittorio Veneto presenta un muro al 18%, e la tappa finale di Trieste presenta un circuito similMondiale con una salitella al 10% (che potrebbe essere molto importante se piove).

Una cosa avvenuta già nel 2011 quando i velocisti fecero l' ultima voltata a Ravenna a una settimana e mezzo dal termine della corsa rosa.

Allora con i 10 arrivi in salita e le poche volate si discriminano ancora una volta i velocisti.



jumbo
Messaggi: 4735
Iscritto il: sabato 1 ottobre 2011, 10:42

Re: I velocisti sono il male del ciclismo ?

Messaggio da leggere da jumbo » giovedì 22 maggio 2014, 12:15

Ma non diciamone...
Ci sono già state 5 volate vinte da velocisti.
A Vittorio Veneto e Trieste è molto probabile che arrivi ancora volata con molti velocisti, così come è arrivata a Salsomaggiore l'altro giorno nonostante lo strappetto nel finale.
In ogni caso i velocisti e le loro squadre devono guadagnarsi come tutti la possibilità di vittoria sul terreno che la corsa gli mette sotto le ruote.



Arme
Messaggi: 910
Iscritto il: lunedì 9 aprile 2012, 23:05
Località: Bergamo
Contatta:

Re: I velocisti sono il male del ciclismo ?

Messaggio da leggere da Arme » venerdì 23 maggio 2014, 0:19

Guardate io mi sono innamorato del ciclismo grazie alla prima settimana del tour 2003 con Petacchi. L'amore si e' consacrato l'anno dopo al giro...vedere il treno Fassa era la cosa più spettacolare del ciclismo, più dei Cunego-Simoni- Gontchar e dei tour ammazzati da Armstrong. Adoro le volate: sono un esercizio di tattica, abilità e forza: sono ciclismo. E' spettacolare tifare un velocista, (specialmente se vinceva sempre come faceva il mio)... Vedere che prenda posizione, controllare come e' messo, se e' coperto, vedere la precisone chirurgica con cui vince il più forte (quasi sempre), vedere tutta la squadra che si batte per uno non e' un'ingiustizia, ma uno spettacolo! Il treno a ventaglio dei Fassa era una capolavoro di tattica ed estetica, tutto era chiaro e ordinato. Gli ultimi chilometri sono una prova non da scherzi per le coronarie, non parliamo delle Sanremo... Avrei fatto un giro solo per velocisti, tutto con arrivi inn pianura!
Insomma direi che il problema non sono i velocisti... Tuttavia c'è il problema dei piattoni, che sono effettivamente noiosi, come anche sono noiose le fughe di 120 km con. Un quarto d'ora di vantaggio e gli altri 170 ciclisti in vacanza...
Direi che la soluzione migliore e' costringere i velocisti e le loro aquadre a guadagnarsi le volate,(cosa che al tour 2011 è stata fatta) con le salite che lannciano gli attaccanti come alla Sanremo... Ci sarebbero tappe più vive senza eliminare le volate. Sul numero degli Uomini concordo con strong...Se la cannondale lasciava a casa viviani per basso e la trek nizzolo per kiserlowski facevano le volate in 2 quest'anno! (e guardini era ancora con Scinto)


Sapete perché la gente ama lo sport? Perché nello sport c'è giustizia. Perché nello sport, prima o poi, trionfa la giustizia. Perché nello sport, prima o poi, i conti tornano, arrivano i nostri, vincono i buoni. (Pastonesi)

Avatar utente
Visconte85
Messaggi: 10156
Iscritto il: giovedì 8 maggio 2014, 14:27

Re: I velocisti sono il male del ciclismo ?

Messaggio da leggere da Visconte85 » sabato 14 giugno 2014, 0:48

Intanto in una recente intervista Tiralongo dice:
«Nelle tappe piatte, quelle adatte ai velocisti, giustamente la classifica viene congelata a 3 km dal traguardo. Io allargherei, sempre per la sicurezza, questo spazio a 5 chilometri».


2014:Giro tp21,Tour tp10,Vuelta tp3, ARGENTO Ponferrada
2015:Giro anch'io 3°,Tour tp10 e 20, GpMontreal
2016:GandWevelgen, Svizzera, Tour tp13, Vuelta tp10
2017:Tour tp10 Vuelta tp2
2018:Scheldeprijs, Giro tp21, Tour tp11
2019:Kuurne-Bruxelles-Kuurne

el_condor
Messaggi: 3344
Iscritto il: sabato 14 settembre 2013, 0:10

Re: I velocisti sono il male del ciclismo ?

Messaggio da leggere da el_condor » lunedì 16 giugno 2014, 12:13

AntiGazza ha scritto:
majurana ha scritto:I vostri commenti "sui treni" mi portano ad una riflessione: ma quelli che indichiamo come velocisti sono effettivamente dei ciclisti?
Nel senso, ma è giusto avere in squadra un corridore da usare unicamente nell'ultimo chilometro?
Quando ho iniziato a seguire il ciclismo vi erano molti velocisti, ma non vi era alcuno che limitasse la sua essenza di ciclista ai 300 metri finali.
Forse, a questo punto, seguendo il vostro ragionamento il problema non sono i velocisti, bensì i treni costruiti per loro.
Ora io non conosco la tua età , ma quando ho iniziato a segurie il ciclismo io invece , i velocisti eran solo gente da ultimo km o quasi .
Tanto che mi ricordo che la prima tappa di montagna vera in un GT c'era na sfilzata di velocisti che si ritiravano .
non tutti, Van Loy e De Vlamink ad esempio...
Pero' potresti obbiettare che non erano velocisti puri...


Giordano Bruno
Non temete nuotare contro il torrente, è d'un anima sordida pensare come il volgo, perché il volgo è in maggioranza."

CicloSprint
Messaggi: 5947
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:49

Re: I velocisti sono il male del ciclismo ?

Messaggio da leggere da CicloSprint » domenica 31 maggio 2015, 17:14

Dopo Milano, abbiamo capito, non ci sono più i treni di una volta, e le fughe arrivano.

E le corse le fanno i corridori non il percorso...



Avatar utente
Visconte85
Messaggi: 10156
Iscritto il: giovedì 8 maggio 2014, 14:27

Re: I velocisti sono il male del ciclismo ?

Messaggio da leggere da Visconte85 » domenica 31 maggio 2015, 17:18

CicloSprint ha scritto:Dopo Milano, abbiamo capito, non ci sono più i treni di una volta, e le fughe arrivano.

E le corse le fanno i corridori non il percorso...
Non al Giro,
aspetta il Tour per vedere che treno avranno Giant ed Etixx


2014:Giro tp21,Tour tp10,Vuelta tp3, ARGENTO Ponferrada
2015:Giro anch'io 3°,Tour tp10 e 20, GpMontreal
2016:GandWevelgen, Svizzera, Tour tp13, Vuelta tp10
2017:Tour tp10 Vuelta tp2
2018:Scheldeprijs, Giro tp21, Tour tp11
2019:Kuurne-Bruxelles-Kuurne

CicloSprint
Messaggi: 5947
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:49

Re: I velocisti sono il male del ciclismo ?

Messaggio da leggere da CicloSprint » domenica 31 maggio 2015, 17:21

Ai tempi di Cipollini c'erano i treni e la volata è scontata, adesso non più!!!



ucci90
Messaggi: 1738
Iscritto il: martedì 11 settembre 2012, 9:52

Re: I velocisti sono il male del ciclismo ?

Messaggio da leggere da ucci90 » domenica 31 maggio 2015, 17:24

Oggi è anche andato tutto bene ai fuggitivi, perché Sky, Giant e Trek non hanno lavorato per motivi vari.



Avatar utente
Visconte85
Messaggi: 10156
Iscritto il: giovedì 8 maggio 2014, 14:27

Re: I velocisti sono il male del ciclismo ?

Messaggio da leggere da Visconte85 » domenica 31 maggio 2015, 17:25

CicloSprint ha scritto:Ai tempi di Cipollini c'erano i treni e la volata è scontata, adesso non più!!!
mi spiego meglio :)

Kittel, Cavendish e in parte Kristoff avranno dei bei treni al seguito.... al Tour

Degenkold, Mezgec, Renshaw, Trentin, Tony Martin.....


2014:Giro tp21,Tour tp10,Vuelta tp3, ARGENTO Ponferrada
2015:Giro anch'io 3°,Tour tp10 e 20, GpMontreal
2016:GandWevelgen, Svizzera, Tour tp13, Vuelta tp10
2017:Tour tp10 Vuelta tp2
2018:Scheldeprijs, Giro tp21, Tour tp11
2019:Kuurne-Bruxelles-Kuurne

CicloSprint
Messaggi: 5947
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:49

Re: I velocisti sono il male del ciclismo ?

Messaggio da leggere da CicloSprint » domenica 31 maggio 2015, 17:27

ucci90 ha scritto:Oggi è anche andato tutto bene ai fuggitivi, perché Sky, Giant e Trek non hanno lavorato per motivi vari.

Sky, Giant e Trek non hanno lavorato per il percorso o che le squadre erano troppo deboli ?



Avatar utente
Visconte85
Messaggi: 10156
Iscritto il: giovedì 8 maggio 2014, 14:27

Re: I velocisti sono il male del ciclismo ?

Messaggio da leggere da Visconte85 » domenica 31 maggio 2015, 17:31

CicloSprint ha scritto:
ucci90 ha scritto:Oggi è anche andato tutto bene ai fuggitivi, perché Sky, Giant e Trek non hanno lavorato per motivi vari.

Sky, Giant e Trek non hanno lavorato per il percorso o che le squadre erano troppo deboli ?
La Sky ha mollato dopo la foratura di Konig, La Giant idem su quella di Mezgec
Nizzolo ha pensato allaa maglia rossa e non alla volata


2014:Giro tp21,Tour tp10,Vuelta tp3, ARGENTO Ponferrada
2015:Giro anch'io 3°,Tour tp10 e 20, GpMontreal
2016:GandWevelgen, Svizzera, Tour tp13, Vuelta tp10
2017:Tour tp10 Vuelta tp2
2018:Scheldeprijs, Giro tp21, Tour tp11
2019:Kuurne-Bruxelles-Kuurne

CicloSprint
Messaggi: 5947
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:49

Re: I velocisti sono il male del ciclismo ?

Messaggio da leggere da CicloSprint » domenica 31 maggio 2015, 17:33

Visconte85 ha scritto:
CicloSprint ha scritto:
ucci90 ha scritto:Oggi è anche andato tutto bene ai fuggitivi, perché Sky, Giant e Trek non hanno lavorato per motivi vari.

Sky, Giant e Trek non hanno lavorato per il percorso o che le squadre erano troppo deboli ?
La Sky ha mollato dopo la foratura di Konig, La Giant idem su quella di Mezgec
Nizzolo ha pensato allaa maglia rossa e non alla volata
La Sky aveva Viviani...

E Modolo ?



ucci90
Messaggi: 1738
Iscritto il: martedì 11 settembre 2012, 9:52

Re: I velocisti sono il male del ciclismo ?

Messaggio da leggere da ucci90 » domenica 31 maggio 2015, 17:36

La Sky non ha lavorato perché Kopnig si era staccato, non potevano tirare davanti e dietro. Infatti il cieco ha perso un posto nella generale.




Rispondi