I "mali" leciti del ciclismo

Il mondo dei professionisti tra gare e complessità, e più in generale l'approccio al ciclismo di ogni appassionato
Avatar utente
Camoscio madonita
Messaggi: 3387
Iscritto il: sabato 11 dicembre 2010, 15:30

I "mali" leciti del ciclismo

Messaggio da leggere da Camoscio madonita » sabato 13 giugno 2015, 18:11

Le polemiche insorte in questi giorni sulla gestione delle forze di Nibali mi ha fatto riflettere su quelli che possono essere gli aspetti negativi di questo magnifico sport, ossia di ciò che infastidisce l'appassionato, sia esso un "purista" sia esso un "innovatore".
I termini di confronto possono essere molteplici, ma mi vengono in mente quelli che sono più all'ordine del giorno, tra il Serio ed il faggeto (o tra Bergamo e le Orobie):

1) Eccessiva specializzazione
2) "Tourcentrismo"
3) Radioline e tecnologia varia (compreso il giubbottino porta borracce ed il parafango da sella)
4) "Greggismo" e meteoropatia
5) Pubblicità dello shampo Alpecin (e peggio Degenkolb come testimone)
6) traduzioni in sottofondo di ADS durante le interviste di Contador
7) Anticipazioni dei tracciati dei Giri/Tour futuri di Ciclosprint
8) Il "dai" di Fabio Aru durante le interviste

A voi :bll:


Quando ero piccolo mi innamoravo di tutto, ma il primo vero amore non si scorda mai: Merano-Aprica, 5 giugno 1994.


jianji
Messaggi: 2354
Iscritto il: sabato 11 dicembre 2010, 18:25

Re: I "mali" leciti del ciclismo

Messaggio da leggere da jianji » sabato 13 giugno 2015, 18:14

La 6 di sicuro, anche perchè entrambi avevano sempre l'audio aperto allo stesso livello con il risultato che le voci si sovrapponevano e per capire qualcosa i salti mortali



Avatar utente
Visconte85
Messaggi: 10314
Iscritto il: giovedì 8 maggio 2014, 14:27

Re: I "mali" leciti del ciclismo

Messaggio da leggere da Visconte85 » sabato 13 giugno 2015, 18:21

il 7° sicuro che è un male lecito? :D :D :D

qualche anticipazione, ultima tappa Roma, penultima cronoscalata Vesuvio, terzultima arrivo su rifugio Calvanico


2014:Giro tp21,Tour tp10,Vuelta tp3, ARGENTO Ponferrada
2015:Giro anch'io 3°,Tour tp10 e 20, GpMontreal
2016:GandWevelgen, Svizzera, Tour tp13, Vuelta tp10
2017:Tour tp10 Vuelta tp2
2018:Scheldeprijs, Giro tp21, Tour tp11
2019:Kuurne-Bruxelles-Kuurne

Winter
Messaggi: 14886
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Re: I "mali" leciti del ciclismo

Messaggio da leggere da Winter » sabato 13 giugno 2015, 18:24

Direi tutti quelli da te citati

Inserisco la 9 - la Quasi Anoressia dei ciclisti moderni



herbie
Messaggi: 4422
Iscritto il: sabato 26 febbraio 2011, 17:19

Re: I "mali" leciti del ciclismo

Messaggio da leggere da herbie » sabato 13 giugno 2015, 18:25

la 8) e il parafanghino non si possono proprio sentire e vedere!!! ahahahahah hai ragione!

sul Serio, direi tra "mali" peggiori le preparazioni finalizzate alla prestazione sui 30-40 minuti e non alla fuga a lunga gittata.

per quanto riguarda il Faggeto, farei presente che si trova sul Lario, piuttosto che sulle Orobie :old:
Ultima modifica di herbie il sabato 13 giugno 2015, 18:55, modificato 1 volta in totale.




Avatar utente
Visconte85
Messaggi: 10314
Iscritto il: giovedì 8 maggio 2014, 14:27

Re: I "mali" leciti del ciclismo

Messaggio da leggere da Visconte85 » sabato 13 giugno 2015, 18:30

Winter ha scritto:Direi tutti quelli da te citati

Inserisco la 9 - la Quasi Anoressia dei ciclisti moderni
togliamo il quasi,

OOOOOT: come faranno in inverno con corse lontane a non mangiare per non aumentare di peso :yoga:


2014:Giro tp21,Tour tp10,Vuelta tp3, ARGENTO Ponferrada
2015:Giro anch'io 3°,Tour tp10 e 20, GpMontreal
2016:GandWevelgen, Svizzera, Tour tp13, Vuelta tp10
2017:Tour tp10 Vuelta tp2
2018:Scheldeprijs, Giro tp21, Tour tp11
2019:Kuurne-Bruxelles-Kuurne

Avatar utente
Camoscio madonita
Messaggi: 3387
Iscritto il: sabato 11 dicembre 2010, 15:30

Re: I "mali" leciti del ciclismo

Messaggio da leggere da Camoscio madonita » sabato 13 giugno 2015, 19:40

herbie ha scritto:la 8) e il parafanghino non si possono proprio sentire e vedere!!! ahahahahah hai ragione!

sul Serio, direi tra "mali" peggiori le preparazioni finalizzate alla prestazione sui 30-40 minuti e non alla fuga a lunga gittata.

per quanto riguarda il Faggeto, farei presente che si trova sul Lario, piuttosto che sulle Orobie :old:
se noti bene faggeto è minuscolo :bll:

il punto anoressia è qualcosa di molto serio. Ai miei alunni, insegnando alimentazione ho cercato di far passare il concetto (molti di loro fanno mtb o ciclismo) che la massa grassa deve sempre essere presenti per svariati motivi (e non ultimo come protezione da infezioni e malattie) in percentuali normalmente al 15% per l'uomo e del 25% per le donne con riduzioni tollerabili (non eliminazione quasi totale) qualora si praticano sport agonistici che richiedono fondo. Il guaio è che i loro (cattivi) modelli di riferimento sono proprio i professionisti. Ricordo l'impressione che mi fece dal vivo Piepoli il giorno della partenza del Giro da Palermo, ormai 6-7 anni fa.


Quando ero piccolo mi innamoravo di tutto, ma il primo vero amore non si scorda mai: Merano-Aprica, 5 giugno 1994.

Avatar utente
Subsonico
Messaggi: 6416
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:13

Re: I "mali" leciti del ciclismo

Messaggio da leggere da Subsonico » sabato 13 giugno 2015, 20:02

Parafrasando un grande di questo forum, "i velocisti" !

Cmq il giubbottino portaborracce m'ha messo una tristezza addosso quando l'ho visto. Certo utile, comodo, e non costa neanche chissà che sforzo, ma rovina tutto il romanticismo. Ridatemi Alain Turicchia con 8 borracce addosso.


VINCITORE DEL FANTATOUR 2016 SUL CAMPO: certe fantaclassifiche verranno riscritte...

"Stufano è un Peter Sagan che ha smesso di sognare (E.Vittone) "

herbie
Messaggi: 4422
Iscritto il: sabato 26 febbraio 2011, 17:19

Re: I "mali" leciti del ciclismo

Messaggio da leggere da herbie » sabato 13 giugno 2015, 21:02

Camoscio madonita ha scritto:....e la massa grassa deve sempre essere presenti per svariati motivi (e non ultimo come protezione da infezioni e malattie) in percentuali normalmente [...] e del 25% per le donne .....
:o tutta simpatia!



Avatar utente
matteo.conz
Messaggi: 7631
Iscritto il: sabato 19 maggio 2012, 15:12

Re: I "mali" leciti del ciclismo

Messaggio da leggere da matteo.conz » domenica 14 giugno 2015, 3:23

5% è anoressia o comunque malnutrizione?
poi volevo chiedere ai più vecchi,ehm...aspetti...il tuorcentrismo lo avvertiamo maggiormente noi italiani da quando il nostro movimento non è più importante come prima? la mia impressione è che ci fosse anche prima, magari un po meno forte di adesso. Per un forte ciclistica inglese o americano o polacco, il tour aveva molta più attrazione anche 30-40 anni fa.
Dai!!! ADS è lecita, basta che non abbia nulla a che fare col processo e non venga mai, per nessuna ragione, interpellata sulla corsa, le tattiche ed il ciclismo in genere :diavoletto:


Qui vige l'uguaglianza... Non conta un cazzo nessuno.
Svalorizzando gli altri non ti rendi superiore.
C'è sempre una soluzione semplice ad un problema complesso. Ed è quella sbagliata. A. Einstein

Avatar utente
Abruzzese
Messaggi: 5450
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:24

Re: I "mali" leciti del ciclismo

Messaggio da leggere da Abruzzese » domenica 14 giugno 2015, 4:37

Subsonico ha scritto:Ridatemi Alain Turicchia con 8 borracce addosso.
Fabio Sacchi se non erro una volta arrivò a portarne 14 o 15 :D


"L'importante non è quello che trovi alla fine di una corsa. L'importante è ciò che provi mentre corri" (Giorgio Faletti in "Notte prima degli esami")

"qui c'è gente che è totalmente avulsa dalla realtà e nociva al forum"

34x27
Messaggi: 3115
Iscritto il: giovedì 16 dicembre 2010, 9:38
Località: in salita

Re: I "mali" leciti del ciclismo

Messaggio da leggere da 34x27 » domenica 14 giugno 2015, 12:29

Camoscio madonita ha scritto:8) Il "dai" di Fabio Aru durante le interviste
Questa è roba mia :bll: :diavoletto:


HEY MOTO

xwait
Messaggi: 323
Iscritto il: mercoledì 1 aprile 2015, 16:34

Re: I "mali" leciti del ciclismo

Messaggio da leggere da xwait » martedì 16 giugno 2015, 15:01

Camoscio madonita ha scritto:8) Il "dai" di Fabio Aru durante le interviste
Dimentici il "bueno" di Contador :D

Parlando seriamente, per me i "mali" sono, in ordine di importanza:
1) le radioline (e non ditemi che servono alla sicurezza, perche' altrimenti dovrei desumere che tutte le corse prof non WT, donne, under23, juniores ecc. non siano sicure);
2) il sistema di punteggi UCI (sia perche' assegna _tutti_ i punti al corridore sia perche' premia piu' il piazzamento del regolarista che il coraggio di chi rischia e attacca)
3) i misuratori di potenza sulla bici;
4) le squadre da 9 nei GT.

Cosa ne pensate?
Secondo me cambiando questi punti le corse ne gioverebbero eccome :bici:



claudiodance
Messaggi: 563
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 16:18

Re: I "mali" leciti del ciclismo

Messaggio da leggere da claudiodance » martedì 16 giugno 2015, 16:32

Discussione meritevole, i mali del ciclismo sono:
1. La frase "guidare la bicicletta"
2. Il gomitino per chiedere il cambio
3. Gente che attacca in salita e dopo duecento metri chiede il cambio a quello che gli ha tenuto la ruota.
4. Le Gran Fondo
5. Beppe Conti e quell'altro genio che diceva "Aru ha veramente vinto il GIro...."...ah, Fabretti, ecco come si chiama.
6. La pancia di Kristoff.


...oh, ghè riat Dancelli!

Avatar utente
LeNoble
Messaggi: 623
Iscritto il: domenica 14 giugno 2015, 13:17

Re: I "mali" leciti del ciclismo

Messaggio da leggere da LeNoble » martedì 16 giugno 2015, 16:44

claudiodance ha scritto:Discussione meritevole, i mali del ciclismo sono:
1. La frase "guidare la bicicletta"
2. Il gomitino per chiedere il cambio
3. Gente che attacca in salita e dopo duecento metri chiede il cambio a quello che gli ha tenuto la ruota.
4. Le Gran Fondo
5. Beppe Conti e quell'altro genio che diceva "Aru ha veramente vinto il GIro...."...ah, Fabretti, ecco come si chiama.
6. La pancia di Kristoff.


Meglio la pancia di Kristoff che l'anoressia dei Froome e dei TJVG. :drink:
I deliri di Beppone fanno parte del circo, come tutti gli altri aspetti che hai sottolineato. Me li tengo. :hammer:


Dannata la pecora che si crede panda

Fiammingo
Messaggi: 726
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 16:40

Re: I "mali" leciti del ciclismo

Messaggio da leggere da Fiammingo » martedì 16 giugno 2015, 17:09

claudiodance ha scritto:Discussione meritevole, i mali del ciclismo sono:
1. La frase "guidare la bicicletta"
2. Il gomitino per chiedere il cambio
3. Gente che attacca in salita e dopo duecento metri chiede il cambio a quello che gli ha tenuto la ruota.
4. Le Gran Fondo
5. Beppe Conti e quell'altro genio che diceva "Aru ha veramente vinto il GIro...."...ah, Fabretti, ecco come si chiama.
6. La pancia di Kristoff.
Aggiungo:

7. il parafanghino sotto sella



Avatar utente
Camoscio madonita
Messaggi: 3387
Iscritto il: sabato 11 dicembre 2010, 15:30

Re: I "mali" leciti del ciclismo

Messaggio da leggere da Camoscio madonita » martedì 16 giugno 2015, 18:27

xwait ha scritto:
Camoscio madonita ha scritto:8) Il "dai" di Fabio Aru durante le interviste
Dimentici il "bueno" di Contador :D

Parlando seriamente, per me i "mali" sono, in ordine di importanza:
1) le radioline (e non ditemi che servono alla sicurezza, perche' altrimenti dovrei desumere che tutte le corse prof non WT, donne, under23, juniores ecc. non siano sicure);
2) il sistema di punteggi UCI (sia perche' assegna _tutti_ i punti al corridore sia perche' premia piu' il piazzamento del regolarista che il coraggio di chi rischia e attacca)
3) i misuratori di potenza sulla bici;
4) le squadre da 9 nei GT.

Cosa ne pensate?
Secondo me cambiando questi punti le corse ne gioverebbero eccome :bici:
a proposito di misuratore di potenza...nell'ultima tappa del Delfinato ho notato che anche Vincenzino ha preso il vizio di Froome e lo guarda ogni 3 secondi :(


Quando ero piccolo mi innamoravo di tutto, ma il primo vero amore non si scorda mai: Merano-Aprica, 5 giugno 1994.

Avatar utente
robot1
Messaggi: 1046
Iscritto il: lunedì 27 dicembre 2010, 19:46

Re: I "mali" leciti del ciclismo

Messaggio da leggere da robot1 » martedì 16 giugno 2015, 22:01

Camoscio madonita ha scritto: a proposito di misuratore di potenza...nell'ultima tappa del Delfinato ho notato che anche Vincenzino ha preso il vizio di Froome e lo guarda ogni 3 secondi :(
In allenamento è giusto guardarlo.
Aveva un compito da rispettare, mica era in gara.


Un giorno potremo raccontare ai nipotini che noi siamo stati fortunati a veder correre Sagan

Passista Scalatore
Messaggi: 405
Iscritto il: domenica 10 marzo 2013, 17:14
Località: Catanzaro Lido

Re: I "mali" leciti del ciclismo

Messaggio da leggere da Passista Scalatore » martedì 16 giugno 2015, 22:17

:D :D :D :D
Perché le gran fondo?!
Il gomitino per il cambio non si usa dalla notte dei tempi?
E perché è male chiedere il cambio 200 metri di allungo in salita?
Te lo chiedo perché sono tutte cose che faccio abitualmente, quindi mi sento l'incarnazione del male :diavoletto: :diavoletto:
Ps: ovviamente sogno di montare un srm sulla mia s-works (altro male del ciclismo moderno) ;)



Passista Scalatore
Messaggi: 405
Iscritto il: domenica 10 marzo 2013, 17:14
Località: Catanzaro Lido

Re: I "mali" leciti del ciclismo

Messaggio da leggere da Passista Scalatore » martedì 16 giugno 2015, 22:24

Infine: parafanghino : bicicletta = risvoltino : pantaloni



herbie
Messaggi: 4422
Iscritto il: sabato 26 febbraio 2011, 17:19

Re: I "mali" leciti del ciclismo

Messaggio da leggere da herbie » martedì 16 giugno 2015, 22:42

xwait ha scritto:
Dimentici il "bueno" di Contador :D
più che il "bueno", direi il "la verdad es que..." poi viene fuori tutto ciò che sta tra il probabilmente vero, il probabile e il quasi sicuramente falso.... 8-)
xwait ha scritto: Parlando seriamente, per me i "mali" sono, in ordine di importanza:
1) le radioline (e non ditemi che servono alla sicurezza, perche' altrimenti dovrei desumere che tutte le corse prof non WT, donne, under23, juniores ecc. non siano sicure);
2) il sistema di punteggi UCI (sia perche' assegna _tutti_ i punti al corridore sia perche' premia piu' il piazzamento del regolarista che il coraggio di chi rischia e attacca)
3) i misuratori di potenza sulla bici;
4) le squadre da 9 nei GT.

Cosa ne pensate?
Secondo me cambiando questi punti le corse ne gioverebbero eccome :bici:
il punto 4) è il primo per importanza, ovviamente!

@dancelli: direi anche....le gare con percorsi indegni di essere chiamati "ciclismo".... :D



claudiodance
Messaggi: 563
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 16:18

Re: I "mali" leciti del ciclismo

Messaggio da leggere da claudiodance » mercoledì 17 giugno 2015, 7:55

Passista Scalatore ha scritto::D :D :D :D
Perché le gran fondo?!
Il gomitino per il cambio non si usa dalla notte dei tempi?
E perché è male chiedere il cambio 200 metri di allungo in salita?
Te lo chiedo perché sono tutte cose che faccio abitualmente, quindi mi sento l'incarnazione del male :diavoletto: :diavoletto:
Ps: ovviamente sogno di montare un srm sulla mia s-works (altro male del ciclismo moderno) ;)
- Le GF perché tolgono risorse (organizzative, economiche, culturali) al ciclismo "vero", ovvero quello delle categorie giovanili. I cicloamatori che hanno iniziato a praticare ciclismo negli ultimi 10 anni vedono nelle Gran Fondo un fondo di "verità" che non esiste. Questo argomento è serissimo e meriterebbe una discussione approfondita.
- Il gomitino si usa da 10-15 anni, prima ci si spostava di lato e quello dietro non aveva bisogno di grandi spiegazioni per capire che doveva passare a tirare.
- Se allunghi/attacchi in salita, mi aspetto che tu sia in grado di continuare l'azione autonomamente. Chiedere subito il cambio è davvero poco "ciclistico".


-


...oh, ghè riat Dancelli!

Avatar utente
Mystogan
Messaggi: 3090
Iscritto il: domenica 23 febbraio 2014, 12:28

Re: I "mali" leciti del ciclismo

Messaggio da leggere da Mystogan » mercoledì 17 giugno 2015, 9:10

Il processo alla tappa della De Stefano



Avatar utente
Bitossi
Messaggi: 3312
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 12:41
Località: Milano

Re: I "mali" leciti del ciclismo

Messaggio da leggere da Bitossi » mercoledì 17 giugno 2015, 9:35

Le Granfondo sono il male assoluto!

(sull'argomento potrei scrivere un pamphlet in stile "Possa Iddio aver pietà dei cristiani": dalle 100 alle 150 pagine... :diavoletto: )


Ringrazio la mia mamma per avermi fatto studiare da ciclista

Avatar utente
sceriffo
Messaggi: 2474
Iscritto il: lunedì 11 aprile 2011, 23:48

Re: I "mali" leciti del ciclismo

Messaggio da leggere da sceriffo » mercoledì 17 giugno 2015, 10:03

i camion cucina al seguito dei Team al Giro. (perchè in Italia si mangia da cani o ci sono i topi che infestano le cucine degli hotel :muro: )



claudiodance
Messaggi: 563
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 16:18

Re: I "mali" leciti del ciclismo

Messaggio da leggere da claudiodance » mercoledì 17 giugno 2015, 10:10

Bitossi ha scritto:Le Granfondo sono il male assoluto!

(sull'argomento potrei scrivere un pamphlet in stile "Possa Iddio aver pietà dei cristiani": dalle 100 alle 150 pagine... :diavoletto: )
Ti scrivo la prefazione, almeno 5 pagine.
Abbracciamoci.


...oh, ghè riat Dancelli!

claudiodance
Messaggi: 563
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 16:18

Re: I "mali" leciti del ciclismo

Messaggio da leggere da claudiodance » mercoledì 17 giugno 2015, 10:13

Fiammingo ha scritto:
claudiodance ha scritto:Discussione meritevole, i mali del ciclismo sono:
1. La frase "guidare la bicicletta"
2. Il gomitino per chiedere il cambio
3. Gente che attacca in salita e dopo duecento metri chiede il cambio a quello che gli ha tenuto la ruota.
4. Le Gran Fondo
5. Beppe Conti e quell'altro genio che diceva "Aru ha veramente vinto il GIro...."...ah, Fabretti, ecco come si chiama.
6. La pancia di Kristoff.
Aggiungo:

7. il parafanghino sotto sella
Il parafanghino a me piace.


...oh, ghè riat Dancelli!

Avatar utente
LeNoble
Messaggi: 623
Iscritto il: domenica 14 giugno 2015, 13:17

Re: I "mali" leciti del ciclismo

Messaggio da leggere da LeNoble » mercoledì 17 giugno 2015, 10:39

Il casco a goccia nelle crono


Dannata la pecora che si crede panda

claudiodance
Messaggi: 563
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 16:18

Re: I "mali" leciti del ciclismo

Messaggio da leggere da claudiodance » mercoledì 17 giugno 2015, 10:44

LeNoble ha scritto:Il casco a goccia nelle crono
I caschi aero sono bellissimi.
Me li tengo stretti.


...oh, ghè riat Dancelli!

AntiGazza
Messaggi: 1280
Iscritto il: venerdì 15 aprile 2011, 12:23

Re: I "mali" leciti del ciclismo

Messaggio da leggere da AntiGazza » mercoledì 17 giugno 2015, 10:47

Bitossi ha scritto:Le Granfondo sono il male assoluto!

(sull'argomento potrei scrivere un pamphlet in stile "Possa Iddio aver pietà dei cristiani": dalle 100 alle 150 pagine... :diavoletto: )
Però si da anche l'opportunità di correre a 5000 persone che vanno in bicicletta su bellissimi percorsi , in gruppo ,e con organizzazione (chiusura del traffico , assistenza medica in caso ) al seguito.



claudiodance
Messaggi: 563
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 16:18

Re: I "mali" leciti del ciclismo

Messaggio da leggere da claudiodance » mercoledì 17 giugno 2015, 11:11

AntiGazza ha scritto:
Bitossi ha scritto:Le Granfondo sono il male assoluto!

(sull'argomento potrei scrivere un pamphlet in stile "Possa Iddio aver pietà dei cristiani": dalle 100 alle 150 pagine... :diavoletto: )
Però si da anche l'opportunità di correre a 5000 persone che vanno in bicicletta su bellissimi percorsi , in gruppo ,e con organizzazione (chiusura del traffico , assistenza medica in caso ) al seguito.
E...è il termine "correre" che crea il problema. Non dovrebbero essere corse.
Non possono esserlo per degli amatori con qui percorsi.


...oh, ghè riat Dancelli!

l'Orso
Messaggi: 4592
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 11:18

Re: I "mali" leciti del ciclismo

Messaggio da leggere da l'Orso » mercoledì 17 giugno 2015, 12:54

claudiodance ha scritto:
AntiGazza ha scritto:
Bitossi ha scritto:Le Granfondo sono il male assoluto!

(sull'argomento potrei scrivere un pamphlet in stile "Possa Iddio aver pietà dei cristiani": dalle 100 alle 150 pagine... :diavoletto: )
Però si da anche l'opportunità di correre a 5000 persone che vanno in bicicletta su bellissimi percorsi , in gruppo ,e con organizzazione (chiusura del traffico , assistenza medica in caso ) al seguito.
E...è il termine "correre" che crea il problema. Non dovrebbero essere corse.
Non possono esserlo per degli amatori con qui percorsi.
...e io potrei scrivere almeno un capito introduttivo del perchè esistono ed hanno questi numeri, o forse è meglio fare un libro a parte.... :)
e del perchè le GF non tolgono risorse ai giovani, visto che non ci sono i giovani, siam mica in Francia, quì si gioca a pallone o al + con la WII/Play/XBOX (lì son finite il resto delle risorse mancanti).


Fanta cicloweb 2015:
Tour 2015 - 19a tappa - SJ M.nne - Toussuire (24 Luglio)

utenti ignorati:
Scostante_Girardengo

Avatar utente
Bitossi
Messaggi: 3312
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 12:41
Località: Milano

Re: I "mali" leciti del ciclismo

Messaggio da leggere da Bitossi » mercoledì 17 giugno 2015, 15:58

l'Orso ha scritto:
Bitossi ha scritto:Le Granfondo sono il male assoluto!

(sull'argomento potrei scrivere un pamphlet in stile "Possa Iddio aver pietà dei cristiani": dalle 100 alle 150 pagine... :diavoletto: )
...e io potrei scrivere almeno un capito introduttivo del perchè esistono ed hanno questi numeri, o forse è meglio fare un libro a parte.... :)
e del perchè le GF non tolgono risorse ai giovani, visto che non ci sono i giovani, siam mica in Francia, quì si gioca a pallone o al + con la WII/Play/XBOX (lì son finite il resto delle risorse mancanti).
Sì, direi che l'argomento merita un approfondimento a parte, da svolgere in altro thread.

Prossimamente su questi schermi...


EDIT: mi viene il dubbio se crearlo in questa sezione o in "Ciclismo pedalato". :dubbio: Boh, visto l'argomento di carattere generale e le possibili/eventuali ricadute sul movimento, lo piazzo qui, poi si vedrà.


Ringrazio la mia mamma per avermi fatto studiare da ciclista

Avatar utente
Maìno della Spinetta
Messaggi: 6184
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 15:53

Re: I "mali" leciti del ciclismo

Messaggio da leggere da Maìno della Spinetta » giovedì 18 giugno 2015, 14:12

Che poi diciamocelo, ma secondo me (forse vado OT e dovrei scriverlo nella sezione apposta) i capelli Degenkolp li lava con l'Alpecin perché è lo sponsor, non perché gli va. Cioè, il ciclismo cerca credibilità, e ancora vanno in giro questi atleti dalla dubbia onestà... ma dai, ma chi ci crede che Johan va solo a pane e Alpecin perché è meglio. Magari usava Clear, magari il Badedas Noir... Ma dai...


“Our interest’s on the dangerous edge of things.
The honest thief, the tender murderer, the superstitious atheist”.

herbie
Messaggi: 4422
Iscritto il: sabato 26 febbraio 2011, 17:19

Re: I "mali" leciti del ciclismo

Messaggio da leggere da herbie » giovedì 18 giugno 2015, 14:44

Bitossi ha scritto:
l'Orso ha scritto:
Bitossi ha scritto:Le Granfondo sono il male assoluto!

(sull'argomento potrei scrivere un pamphlet in stile "Possa Iddio aver pietà dei cristiani": dalle 100 alle 150 pagine... :diavoletto: )
...e io potrei scrivere almeno un capito introduttivo del perchè esistono ed hanno questi numeri, o forse è meglio fare un libro a parte.... :)
e del perchè le GF non tolgono risorse ai giovani, visto che non ci sono i giovani, siam mica in Francia, quì si gioca a pallone o al + con la WII/Play/XBOX (lì son finite il resto delle risorse mancanti).
Sì, direi che l'argomento merita un approfondimento a parte, da svolgere in altro thread.

Prossimamente su questi schermi...


EDIT: mi viene il dubbio se crearlo in questa sezione o in "Ciclismo pedalato". :dubbio: Boh, visto l'argomento di carattere generale e le possibili/eventuali ricadute sul movimento, lo piazzo qui, poi si vedrà.
direi che però l'argomento è già stato accademicamente sviscerato in precedenza dal sottoscritto e altri, per cui non ci sarebbero altro che ripetizioni! tiè!
:blabla:



herbie
Messaggi: 4422
Iscritto il: sabato 26 febbraio 2011, 17:19

Re: I "mali" leciti del ciclismo

Messaggio da leggere da herbie » giovedì 18 giugno 2015, 14:49

claudiodance ha scritto:]

- Le GF perché tolgono risorse (organizzative, economiche, culturali) al ciclismo "vero", ovvero quello delle categorie giovanili. I cicloamatori che hanno iniziato a praticare ciclismo negli ultimi 10 anni vedono nelle Gran Fondo un fondo di "verità" che non esiste. Questo argomento è serissimo e meriterebbe una discussione approfondita.
-

-
e invece qui ci trovo uno spunto, un accenno critico, che aprirebbe un mondo....polemico...e allora qui sarebbe proprio il caso di profondersi in spiegazioni, le quali, da quello che intuisco dallo spunto stesso, mi farebbe un gran piacere ascoltare.

PS: ambienti, panorami, divertimento....ma quale partecipante a queste manifestazioni li intravede queste cose? ma li/vi vedete ? Nemmeno fosse il Giro d'Italia, allora li capirei certi sforzi, certi rischi....maddai. Organizzo io una serie di brevetti permanenti. Quella sì che sarebbe una formula che consente di scegliersi le giornate migliori, in pace, di bel tempo, proprio per gustarsi come si deve, quelle cose in sella ad un bici.



Avatar utente
GregLemond
Messaggi: 1796
Iscritto il: sabato 6 settembre 2014, 20:00

Re: I "mali" leciti del ciclismo

Messaggio da leggere da GregLemond » giovedì 18 giugno 2015, 15:41

Nessuno ha scritto...
"Grandi giri vinti da anoressici scattisti degli ultimi 2 km"?

O rientra in greggismo!?



herbie
Messaggi: 4422
Iscritto il: sabato 26 febbraio 2011, 17:19

Re: I "mali" leciti del ciclismo

Messaggio da leggere da herbie » giovedì 18 giugno 2015, 17:26

GregLemond ha scritto:Nessuno ha scritto...
"Grandi giri vinti da anoressici scattisti degli ultimi 2 km"?

O rientra in greggismo!?
in genere lo scattista degli ultimi 2 km. non è molto anoressico, anzi piuttosto muscolato. L'anoressico è un cronoscalatore, da salita lunga, ma non da TAPPA lunga e con tanto dislivello, e questo dovrebbe essere il problema. Salvo che le strategie del sdoganate del ciclismo "moderno" sembrano fatte apposta per non evidenziarlo, il problema.



Avatar utente
GregLemond
Messaggi: 1796
Iscritto il: sabato 6 settembre 2014, 20:00

Re: I "mali" leciti del ciclismo

Messaggio da leggere da GregLemond » giovedì 18 giugno 2015, 23:00

herbie ha scritto:
GregLemond ha scritto:Nessuno ha scritto...
"Grandi giri vinti da anoressici scattisti degli ultimi 2 km"?

O rientra in greggismo!?
in genere lo scattista degli ultimi 2 km. non è molto anoressico, anzi piuttosto muscolato. L'anoressico è un cronoscalatore, da salita lunga, ma non da TAPPA lunga e con tanto dislivello, e questo dovrebbe essere il problema. Salvo che le strategie del sdoganate del ciclismo "moderno" sembrano fatte apposta per non evidenziarlo, il problema.
Quello che dici è giusto.
Però non cambia il senso della mia affermazione :)



Avatar utente
Visconte85
Messaggi: 10314
Iscritto il: giovedì 8 maggio 2014, 14:27

Re: I "mali" leciti del ciclismo

Messaggio da leggere da Visconte85 » venerdì 19 giugno 2015, 23:00

The UCi Management Committee today announced it will effectively prohibit the use of motorhomes for star riders, as pioneered by Team Sky at the Giro d'Italia

http://www.cyclingnews.com/news/uci-put ... -de-france


2014:Giro tp21,Tour tp10,Vuelta tp3, ARGENTO Ponferrada
2015:Giro anch'io 3°,Tour tp10 e 20, GpMontreal
2016:GandWevelgen, Svizzera, Tour tp13, Vuelta tp10
2017:Tour tp10 Vuelta tp2
2018:Scheldeprijs, Giro tp21, Tour tp11
2019:Kuurne-Bruxelles-Kuurne

xwait
Messaggi: 323
Iscritto il: mercoledì 1 aprile 2015, 16:34

Re: I "mali" leciti del ciclismo

Messaggio da leggere da xwait » mercoledì 24 giugno 2015, 14:04

xwait ha scritto:per me i "mali" sono, in ordine di importanza:
1) le radioline (e non ditemi che servono alla sicurezza, perche' altrimenti dovrei desumere che tutte le corse prof non WT, donne, under23, juniores ecc. non siano sicure);
2) il sistema di punteggi UCI (sia perche' assegna _tutti_ i punti al corridore sia perche' premia piu' il piazzamento del regolarista che il coraggio di chi rischia e attacca)
3) i misuratori di potenza sulla bici;
4) le squadre da 9 nei GT.
Me ne sono venuti in mente altri due:
- tutti i rifiuti (borracce comprese) che i corridori "scaricano" durante le corse;
- le maglie del Gran Premio della Montagna vinte da chi non e' il miglior scalatore della corsa.

;)



Avatar utente
Tranchée d'Arenberg
Messaggi: 17796
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:50
Località: Falconara Albanese (CS)

Re: I "mali" leciti del ciclismo

Messaggio da leggere da Tranchée d'Arenberg » mercoledì 24 giugno 2015, 14:11

xwait ha scritto:
xwait ha scritto:per me i "mali" sono, in ordine di importanza:
1) le radioline (e non ditemi che servono alla sicurezza, perche' altrimenti dovrei desumere che tutte le corse prof non WT, donne, under23, juniores ecc. non siano sicure);
2) il sistema di punteggi UCI (sia perche' assegna _tutti_ i punti al corridore sia perche' premia piu' il piazzamento del regolarista che il coraggio di chi rischia e attacca)
3) i misuratori di potenza sulla bici;
4) le squadre da 9 nei GT.
Me ne sono venuti in mente altri due:
- tutti i rifiuti (borracce comprese) che i corridori "scaricano" durante le corse;
- le maglie del Gran Premio della Montagna vinte da chi non e' il miglior scalatore della corsa.

;)
sul primo punto ti posso dire che durante l'ultimo Giro erano state predisposte delle 'green zones', poco dopo le zone del rifornimento, in cui i corridori potevano liberamente gettare ogni sorta di rifiuto, successivamente recuperato dagli addetti predisposti dall'organizzazione.


Cobblestone 2012 & 2018 - 1° Classifica Generale
Cobblestone 2012 & 2018 - 1° Classifica Classiche
Cobblestone 2013 - 1° Classifica Semiclassiche

FantaCycling Manager 2016 - 1° Classifica (squadre)

xwait
Messaggi: 323
Iscritto il: mercoledì 1 aprile 2015, 16:34

Re: I "mali" leciti del ciclismo

Messaggio da leggere da xwait » mercoledì 24 giugno 2015, 14:25

Tranchée d'Arenberg ha scritto:sul primo punto ti posso dire che durante l'ultimo Giro erano state predisposte delle 'green zones'
E' cosi' anche al Tour de France e anche in Belgio (almeno per le corse WT).
Anche se a me e' parso di vedere corridori buttare rifiuti anche fuori da quelle zone.

Pero' in tutte le altre corse? Che sono tantissime e il piu' delle volte con pochissimo pubblico...

E le borracce? Quando si dice (anche il telecronaca) che il pubblico le raccoglie si ignora quasi sempre che il piu' delle volte il pubblico non c'e' e/o che spesso vengono gettate in posti dove nessuno le raccogliera' mai (ad esempio una scarpata in montagna)

Inoltre cosi' facendo i corridori danno un pessimo esempio.



Avatar utente
Visconte85
Messaggi: 10314
Iscritto il: giovedì 8 maggio 2014, 14:27

Re: I "mali" leciti del ciclismo

Messaggio da leggere da Visconte85 » lunedì 30 luglio 2018, 13:01

Campioni ciclisti verso l'anoressia
Per alcuni la massa grassa è sotto la barra pericolosa del 5%

Immagine

«I grandi campioni del ciclismo di oggi? Sembrano sopravvissuti ai campi di sterminio».
Parola di un ex corridore e membro dell'organizzazione del Tour de France, che nel suo cellulare conserva una foto di Christopher Froome nel 2009, quando il ciclista britannico aveva 24 anni: ben prima, dunque, che il campione si infliggesse la drastica dieta che ha contribuito a fare di lui un plurivincitore del Tour ma che lo ha ridotto pelle e ossa. Lo scorso settembre Froome ha posato nudo per il quotidiano britannico Times, in un'immagine che ricorda i cadaveri plastinati della mostra itinerante Real Bodies. Certo è che il giro di gite della sua carriera è coinciso con una notevole perdita di peso. «Mi sono messo alla fame per perdere peso e non credo affatto che questo sia sano né sostenibile», ha dichiarato qualche tempo fa. Alla vigilia della Vuelta di Spagna 2011, Froome perse 4,5 chili in sette settimane. Ne perse poi altri 2,5 in occasione del suo primo Tour de France, nel 2012.

Il miglioramento del rapporto tra peso e potenza sviluppata ha fatto il successo della prima «cavia»: Bradley Wiggins, vincitore del Tour 2011 con 9 chili in meno rispetto all'epoca in cui era stato incoronato campione olimpico su pista. Il peso è diventato ormai un'ossessione nelle squadre. Per alcuni esperti, è il calo del ricorso al doping che ha costretto i corridori a concentrarsi sulla dieta. Oggi la «politica della bilancia» dipende in gran parte dai medici della squadra. Alcuni di essi non impongono nulla e si accontentano di misurare la massa grassa ogni cinque giorni. Altri procedono a una pesata quotidiana. I campioni hanno imparato a coricarsi quando hanno fame. E ad allenarsi a stomaco vuoto o senza glucidi, per abituare l'organismo a sollecitare nuove fonti di energia.

Romain Bardet è ancora più longilineo di Froome: alla partenza del Tour de France pesava 62 kg per 1,84 metri di altezza. La massa grassa di alcuni ciclisti è sotto la barra del 5%, un livello in cui il sistema immunitario è minacciato. È tra i più giovani che le derive, in assenza di controllo medico, preoccupano di più. Ma l'estrema magrezza di tutti i corridori più forti è un fenomeno che preoccupa le autorità del ciclismo. Addirittura David Lappartient, presidente dell'Uci, l'Unione ciclistica internazionale, evoca con Le Monde «comportamenti anoressici». Mentre il direttore medico dell'Uci, Xavier Bigard, si inquieta per i «mezzi messi in opera per arrivare a questi stati», citando l'assunzione di ormoni tiroidei (T3 e T4). Normalmente prescritti a pazienti che soffrono di insufficienza della tiroide, queste capsule in vendita libera su Internet facilitano l'eliminazione dei grassi e sono utilizzate da diverse squadre, malgrado l'alto rischio di squilibri ormonali. Per il momento non sono vietate dal codice mondiale antidoping, ma l'Uci pensa a un «controllo e a una regolamentazione dell'utilizzo di questi estratti ormonali». «Gli estratti tiroidei sono ultrapericolosi e inconcepibili», taglia corto Jacky Maillot, medico della squadra Groupama-FDJ. «Dovrebbero essere vietati perché si tratta di doping mascherato».

Prima degli ormoni tiroidei, l'Uci intende regolarizzare, a partire dal 2019, anche l'assunzione di corticosteroidi, che aiuterebbero i ciclisti a dimagrire conservando al contempo la loro potenza. Inoltre si vocifera che molte squadre facciano uso di bevande a base di chetoni, sostanze organiche secrete dal corpo umano che rappresentano una fonte alternativa di energia e permettono di seguire una dieta senza glucidi. Il loro impiego è discusso dalla scienza, ma almeno sette squadre del Tour, si dice, le utilizzano abitualmente.

da:
https://www.italiaoggi.it/news/campioni ... ia-2287468


2014:Giro tp21,Tour tp10,Vuelta tp3, ARGENTO Ponferrada
2015:Giro anch'io 3°,Tour tp10 e 20, GpMontreal
2016:GandWevelgen, Svizzera, Tour tp13, Vuelta tp10
2017:Tour tp10 Vuelta tp2
2018:Scheldeprijs, Giro tp21, Tour tp11
2019:Kuurne-Bruxelles-Kuurne

Luciano Pagliarini
Messaggi: 969
Iscritto il: mercoledì 27 settembre 2017, 21:54

Re: I "mali" leciti del ciclismo

Messaggio da leggere da Luciano Pagliarini » lunedì 30 luglio 2018, 13:34

Grazie Visconte.

Purtroppo segreto di pulcinella.

L'UCI si sbrigasse a far qualcosa.



marco_graz
Messaggi: 1069
Iscritto il: giovedì 6 ottobre 2016, 16:26

Re: I "mali" leciti del ciclismo

Messaggio da leggere da marco_graz » lunedì 30 luglio 2018, 13:48

In F1 il pilota e' controllato dopo ogni gara per assicurarsi che non abbia perso troppo peso..non ci sono molte altre soluzioni..



Trullo
Messaggi: 448
Iscritto il: martedì 23 maggio 2017, 12:26

Re: I "mali" leciti del ciclismo

Messaggio da leggere da Trullo » lunedì 30 luglio 2018, 14:41

Anni fa si introdusse il limite all'ematocrito, indipendentemente dai controlli antidoping. Si potrebbe inserire analogo limite sull'indice di massa corporea (misurando e pesando gli atleti dopo le gare)



jumbo
Messaggi: 4936
Iscritto il: sabato 1 ottobre 2011, 10:42

Re: I "mali" leciti del ciclismo

Messaggio da leggere da jumbo » lunedì 30 luglio 2018, 14:58

Nel salto con gli sci, dove per altri motivi la leggerezza conta molto, hanno messo un limite minimo all'indice di massa corporea.
Non vedo perchè questa cosa non si possa o non si debba fare anche nel ciclismo.



Road Runner
Messaggi: 626
Iscritto il: martedì 8 novembre 2016, 11:44

Re: I "mali" leciti del ciclismo

Messaggio da leggere da Road Runner » lunedì 30 luglio 2018, 16:22

IL vero unico male di questo ciclismo moderno è la ridotta distanza delle gare, sia singole, sia tappe dei grandi giri. Il ciclismo è uno sport di fondo, ma l'hanno trasformato in uno sport di potenza, dove vince chi ne ha la massima per 20' di sforzo. Si tornasse a fare tappe montane di 240 / 250 km. (ma non una, tutte!), poi vediamo dove vanno a finire gli anoressici di sky, capitani e gregari insieme. Allora si che si tornerebbe a misurare i distacchi con la sveglia e le corse sarebbero scarsamente controllabili da un'unica squadra! Io fare tornare sui 240 / 250 km (come erano del resto una volta), anche belle corse come la Tre Valli, Agostoni, Bernocchi, Appenino, ecc... Mica fare distanze da allievi !!
Nibali, con le idee espresse sopra, avrebbe vinto il doppio.



jumbo
Messaggi: 4936
Iscritto il: sabato 1 ottobre 2011, 10:42

Re: I "mali" leciti del ciclismo

Messaggio da leggere da jumbo » lunedì 30 luglio 2018, 18:11

Il tema delle distanze esiste, ma è anche un po' mitizzato.
Ad esempio, è vero che si facevano tappe più lunghe, anche più di 250 km, ma è altrettanto vero che non tutte le tappe di montagna erano così, e che tappe di 100-150 km sparse per i percorsi dei grandi giri ci sono sempre state, anche tappe di montagna.
Il problema casomai è la lunghezza totale dei grandi giri, oggi sotto i 3500 km, negli anni '90 erano 300 km in più e prima 500 km in più.
Oggi poi si fanno meno cronometro, che ovviamente sono molto più brevi della lunghezza media delle tappe, e quindi per stare nei 3500 km le tappe in linea devono essere ancora più brevi.




Rispondi