Cicloweb chiude? Forse, presto... a meno che...

Il mondo dei professionisti tra gare e complessità, e più in generale l'approccio al ciclismo di ogni appassionato
Avatar utente
robot1
Messaggi: 1118
Iscritto il: lunedì 27 dicembre 2010, 19:46

Re: Cicloweb chiude? Forse, presto... a meno che...

Messaggio da leggere da robot1 »

galliano ha scritto: visto che il problema è strettamente pecuniario, o i soldi li tira fuori Tinkoff o qualche magnate dell'editoria, o li tiriamo fuori noi, almeno una parte
Mi unisco a tutti nel fare gli auguri a Marco e a tutta la redazione per una pronta soluzione della vicenda, perché penso che il ciclismo in Italia non meriti anche la morte di Cicloweb.
In ogni caso, riprendendo la proposta di Galliano, avete valutato la possibilità di contenuti premium a pagamento?
Io, e penso e spero tanti frequentatori più o meno assidui, contribuirei volentieri.


Un giorno potremo raccontare ai nipotini che noi siamo stati fortunati a veder correre Sagan
l'Orso
Messaggi: 4620
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 11:18

Re: Cicloweb chiude? Forse, presto... a meno che...

Messaggio da leggere da l'Orso »

è da ieri che provo a scriver qualcosa di sensato e magari utile... a cambiare lo stato delle cose... ma la borsa piange (poi nonn ho capito quali/quanti siano i costi da coprire) e le conoscenze nel settore editoriale si limitano ai rompib... "scribacchini" locali che mi chiamavano per avere resoconti e ordini d'arrivo delle gare organizzate (a volte, non solo quelle).

Al momento posso solo augurare a me e al mondo del ciclismo che CW non chiuda e quotare quanto scritto ieri da Cauz (nel primo post che ha fatto, non so se ne ha scritti altri, non mi son ancora tirato in pari), aggiungerei ai suoi pensieri anche alcune considerazioni sul cosa fare (e cosa "limitare") per ridurre costi, attrarre + visitatori e farne "scappare" meno, mi limito solo a un piccolo esempio: tagliare il db degli atleti (e cmq non "svecchiarlo") e ordini d'arrivo è stato un errore. Ci son siti che campano con quello (uno in particolare), con i valori aggiunti di CW (articolisti mediamente sopra una spanna alla concorrenza) si poteva fare un servizio completo (purchè fruibile ovviamente: com'era prima, l'avevo già scritto in passato in pm, non andava bene nemmeno 10 anni fa).

PS:
un enorme, grande, in bocca al lupo a Marco per le vergognose vicende in cui ti ha trascinato quel "gran politico" di bassa lega qual'è il baffo.


Fanta cicloweb 2015:
Tour 2015 - 19a tappa - SJ M.nne - Toussuire (24 Luglio)

utenti ignorati:
Scostante_Girardengo
Manzotino
Messaggi: 94
Iscritto il: lunedì 11 agosto 2014, 9:17

Re: Cicloweb chiude? Forse, presto... a meno che...

Messaggio da leggere da Manzotino »

Averne parlato pubblicamente è una nota di merito.
Non so come sia organizzata Cicloweb, ma spero che sia gestita da una società di capitali, perché in caso di un qualsiasi contenzioso il giornalismo può essere un grosso problema per le tasche editoriali (vedi casi recentemente accaduti).
Se dovete ristrutturare è consigliabile cedere il dominio ad una società estera (anche con sede in Russia o qualche isoletta) e collaborare a gettone con la società, lasciando senza firma gli articoli più delicati.
in culo alla balena ragazzi, soprattutto per le fastidiose cause penali.


Avatar utente
padoaschioppa
Messaggi: 3366
Iscritto il: domenica 19 dicembre 2010, 15:23
Località: Sapri (SA)

Re: Cicloweb chiude? Forse, presto... a meno che...

Messaggio da leggere da padoaschioppa »

Qualsiasi cosa accada cicloweb resta!


Coppa Campioni 2018 (finale con febbra) :champion:
Vuelta 2015:
Vuelta 2014: Mondiale strada 2014:
Tour 2013: ex aequo con galliano
Vuelta 2012:
Fanta10:
Avatar utente
simociclo
Messaggi: 5048
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 17:12

Re: Cicloweb chiude? Forse, presto... a meno che...

Messaggio da leggere da simociclo »

robot1 ha scritto:
galliano ha scritto: visto che il problema è strettamente pecuniario, o i soldi li tira fuori Tinkoff o qualche magnate dell'editoria, o li tiriamo fuori noi, almeno una parte
Mi unisco a tutti nel fare gli auguri a Marco e a tutta la redazione per una pronta soluzione della vicenda, perché penso che il ciclismo in Italia non meriti anche la morte di Cicloweb.
In ogni caso, riprendendo la proposta di Galliano, avete valutato la possibilità di contenuti premium a pagamento?
Io, e penso e spero tanti frequentatori più o meno assidui, contribuirei volentieri.
io sarei tra questi; davvero, pensaci Admin.
Io una quota la pagherei anche per venire sul forum (e sono uno che è iscritto a pochissimi servizi a pagamento)


"la mente è come il paracadute, funziona solo se si apre" A. Einstein
giorgio ricci
Messaggi: 3820
Iscritto il: lunedì 9 giugno 2014, 13:44

Re: Cicloweb chiude? Forse, presto... a meno che...

Messaggio da leggere da giorgio ricci »

Io farei volentieri l'iscrizione a pagamento o una sottoscrizione per aiutare cicloweb


Avatar utente
Deadnature
Messaggi: 5673
Iscritto il: martedì 22 febbraio 2011, 20:49

Re: Cicloweb chiude? Forse, presto... a meno che...

Messaggio da leggere da Deadnature »

Mi associo anch'io al dispiacere per questa brutta notizia. Sono anche d'accordo con chi propone una qualche forma di contenuti a pagamento, sarei ben lieto di sottoscrivere un abbonamento.


http://www.spazidisimpatia.wordpress.com
Spazi di simpatia, nel nome dell'amore che regna nella nostra splendida Terra
Un blog consigliato da Basso, quello giusto.

Aderii alla campagna di garbata moral suasion per cacciare Di Rocco. E infatti...
Avatar utente
tetzuo
Messaggi: 7945
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 10:08

Re: Cicloweb chiude? Forse, presto... a meno che...

Messaggio da leggere da tetzuo »

no no non può esistere questa cosa, Marco. Hai tutto il mio sostegno morale per le tue vicissitudini personali, per quel che può valere.

se istituite qualcosa per ''salvare cicloweb'', ben lieto di dare una mano.


donchisciotte
Messaggi: 524
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 22:37

Re: Cicloweb chiude? Forse, presto... a meno che...

Messaggio da leggere da donchisciotte »

Di fronte a una notizia così non posso non intervenire.
Da cicloweb ho imparato tanto e per alcuni anni della mia vita ha rappresentato moltissimo.
Io penso che la via di cercare un finanziatore sia difficilissima, di questi tempi di crisi e di paura ad investire i propri soldi.
Ribadisco, come ho già fatto privatamente con Admin, la via del crowdfunding.
Se si trovano persone disposte a mettere che ne so? 200 euro a testa, secondo me cicloweb può essere salvato.
Il finanziatore che mette migliaia di euro in un'impresa che diventerebbe società e, quindi, con problemi di convivenza, di potere di gestione ecc, è troppo difficile da trovare.
Mi dà l'idea di puntare a troppo per rassegnarsi ( ovviamente mi auguro di sbagliarmi).
Il forum, anche per me che non partecipo più, è una bella ricchezza per tutti, perdere un punto di incontro, di confronto e di scontro, perdere ( come dimostrano le querele) un luogo dove si è sempre parlato di ciclismo con coraggio, competenza, cultura, capacità di scrittura, perdere un luogo importante per tutti sarebbe una perdita dolorosa, si può vivere senza cicloweb, come dici tu, Admin, ma sarebbe una vita ciclistica più povera.
Secondo me è giusto che gli utenti che amano cicloweb facciano quello che possono per salvarlo, senza aspettare il finanziatore.
Poche centinaia di euro ( tipo quote da 200 euro, dico una cifra a caso) non cambiano la vita, non sono una spesa impossibile e, tutti quanti, conserviamo questo sito a cui siamo legati.
Vedo su fb che stanno salvando un sito letterario culturale così, un sito nato da poco e non con la storia bellissima di cicloweb.
Ovviamente se accetti questa soluzione,Admin, farò la mia parte.
Le cose che si possono fare si devono fare e cicloweb può essere salvato. Da noi.


Verità e giustizia per Marco Pantani, una battaglia di civiltà.
Lasciamolo in pace un cazzo!
Avatar utente
Scattista
Messaggi: 2740
Iscritto il: mercoledì 24 settembre 2014, 21:22

Re: Cicloweb chiude? Forse, presto... a meno che...

Messaggio da leggere da Scattista »

donchisciotte ha scritto:Di fronte a una notizia così non posso non intervenire.
Da cicloweb ho imparato tanto e per alcuni anni della mia vita ha rappresentato moltissimo.
Io penso che la via di cercare un finanziatore sia difficilissima, di questi tempi di crisi e di paura ad investire i propri soldi.
Ribadisco, come ho già fatto privatamente con Admin, la via del crowdfunding.
Se si trovano persone disposte a mettere che ne so? 200 euro a testa, secondo me cicloweb può essere salvato.
Il finanziatore che mette migliaia di euro in un'impresa che diventerebbe società e, quindi, con problemi di convivenza, di potere di gestione ecc, è troppo difficile da trovare.
Mi dà l'idea di puntare a troppo per rassegnarsi ( ovviamente mi auguro di sbagliarmi).
Il forum, anche per me che non partecipo più, è una bella ricchezza per tutti, perdere un punto di incontro, di confronto e di scontro, perdere ( come dimostrano le querele) un luogo dove si è sempre parlato di ciclismo con coraggio, competenza, cultura, capacità di scrittura, perdere un luogo importante per tutti sarebbe una perdita dolorosa, si può vivere senza cicloweb, come dici tu, Admin, ma sarebbe una vita ciclistica più povera.
Secondo me è giusto che gli utenti che amano cicloweb facciano quello che possono per salvarlo, senza aspettare il finanziatore.
Poche centinaia di euro ( tipo quote da 200 euro, dico una cifra a caso) non cambiano la vita, non sono una spesa impossibile e, tutti quanti, conserviamo questo sito a cui siamo legati.
Vedo su fb che stanno salvando un sito letterario culturale così, un sito nato da poco e non con la storia bellissima di cicloweb.
Ovviamente se accetti questa soluzione,Admin, farò la mia parte.
Le cose che si possono fare si devono fare e cicloweb può essere salvato. Da noi.
questo. e anche l'intervento di cauz.

In caso si scelga una forma di crowdfunding, sarei disposto anch'io a dare un contributo.

Io sono frequentatore di Cicloweb da molto poco, ma la quantità e qualità di utenti del forum mi ha subito catturato e reso voglioso di partecipare. Ho anche molto apprezzato la prosa di Marco Grassi nei suoi articoli, ma devo dire che ultimamente il nuovo taglio del sito e la riduzione degli articoli a piccoli paragrafi titolati non mi piaceva molto.
Vedendo le pubblicità numerose e mirate sul sito, mai mi sarei immaginato di problemi economici, ma evidentemente non è sempre tutto ciò che sembra.
Vero anche, come detto più su in questo thread, che con l'era di internet il tipo di contenuto proposto agli appassionati è cambiato molto. Per quel poco che ne so io, un grande esempio è la crescita di GCN (Global Cycling Network), canale youtube di riferimento che io stesso guardo molto spesso. Si può farer qualcosa del genere in Italia? Certo, è molto diverso dal Cicloweb attuale.
E' pur vero che secondo me c'è sempre bisogno del classico sito di riferimento con dei bei articoli ben scritti. Come coniugare le nuove esigenze mediatiche con la presenza di riflessioni "cartacee" più intelettuali'? Per non parlare dell'attrazione e utilità del forum. Per me, quando non riesco a vedere la tappa del Tour, la migliore sintesi serale è quella di scorrere i commenti nel thread relativo :)

Ciao

Francesco


Immagine
Avatar utente
maglianera
Messaggi: 945
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 22:14

Re: Cicloweb chiude? Forse, presto... a meno che...

Messaggio da leggere da maglianera »

Dispiace per questa situazione. Secondo me, visto che il sito è molto frequentato da appassionati che in molti casi sono anche praticanti, un’azienda del settore (biciclette o abbigliamento o accessori) potrebbe avere interesse ad investire, ricavandone una pubblicità mirata che vale molto di più di una pubblicità generica. Io se avessi un’azienda nel settore un pensierino ce lo farei Purtroppo non posseggo aziende né in questo settore nè in altri. Qualche altra idea: Qualche anno fa in molti avevamo acquistato maglia e calzoncini ciclistici marcati Cicloweb: qualcosa in questo modo (anche con una linea completa estivo/invernale) si potrebbe racimolare. Sito a pagamento? Io sarei disponibile, ma temo che il gioco non valga la candela, perchè gli inserzionisti pubblicitari sarebbero molto meno interessati ad un sito che avrebbe forzatamente un pubblico molto più limitato. Spero che qualche soluzioni la si trovi.


donchisciotte
Messaggi: 524
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 22:37

Re: Cicloweb chiude? Forse, presto... a meno che...

Messaggio da leggere da donchisciotte »

Vorrei solo specificare che non ho detto sito a pagamento.
Ho detto Crowdfunding ( sperando di averlo scritto bene).
Sottoscrizione, si consentono gli investimenti necessari e si salva il sito che resta gratuito, ovviamente.
Come stanno salvando quello letterario.
Il finanziatore- azienda , secondo me, non garantirebbe la libertà del sito. E vedo, leggendo gli interventi precedenti, che è un'idea abbastanza condivisa.


Verità e giustizia per Marco Pantani, una battaglia di civiltà.
Lasciamolo in pace un cazzo!
Norman7
Messaggi: 459
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 21:49

Re: Cicloweb chiude? Forse, presto... a meno che...

Messaggio da leggere da Norman7 »

Cicloweb è di gran lunga il migliore tra i siti di ciclismo e anche di informazione sportiva in generale. Non c'è proprio paragone con gli altri. Speriamo che non succeda.


Oude Kwaremont
Messaggi: 1781
Iscritto il: mercoledì 1 gennaio 2014, 12:30
Località: Pesaro

Re: Cicloweb chiude? Forse, presto... a meno che...

Messaggio da leggere da Oude Kwaremont »

Io mi metto a disposizione per sostenere il sito tramite crowdfunding, nel senso ovviamente che mi impegno a versare una quota tramite questo sistema se dovesse essere adottato.
Ultima modifica di Oude Kwaremont il sabato 25 luglio 2015, 10:44, modificato 1 volta in totale.


Avatar utente
pacho
Messaggi: 2785
Iscritto il: giovedì 8 settembre 2011, 19:29

Re: Cicloweb chiude? Forse, presto... a meno che...

Messaggio da leggere da pacho »

Idem come sopra.
Attendo conto corrente per versamento.

Inoltre, (sicurametne ci avete già pensato dalla redazione), sarebbe importante fare girare la voce tra il gruppo dei corridori.


Utenti ignorati: Strong, Salvatore77, beppesaronni
superalvi
Messaggi: 248
Iscritto il: martedì 14 dicembre 2010, 16:43

Re: Cicloweb chiude? Forse, presto... a meno che...

Messaggio da leggere da superalvi »

pur non interagendo attivamente sul forum, cicloweb e il forum restano dei punti di riferimento oltre ad avermi accompagnato per tanti anni. Se parte il crowfunding io ci sono!
in bocca al lupo Marco


Avatar utente
Brogno
Messaggi: 3918
Iscritto il: martedì 21 maggio 2013, 10:37

Re: Cicloweb chiude? Forse, presto... a meno che...

Messaggio da leggere da Brogno »

Scusate tiro su visto l'argomento.


Comunque i bookies sono dei genii, ma quanti cazzo di soldi si faranno, con tutti quelli che punteranno su Thomas??? (Tour 2018)

Se vincono Valverde o Nibali mi tatuo in fronte la parola INSBRUCK (Innsbruck 2018)

Beppesaronni
Avatar utente
Tranchée d'Arenberg
Messaggi: 20863
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:50

Re: Cicloweb chiude? Forse, presto... a meno che...

Messaggio da leggere da Tranchée d'Arenberg »

Bene, l'idea del crowdfunding mi pare abbastanza condivisa tra i forumisti e credo potrebbe allargarsi anche a tanti lettori che non scrivono sul forum. Cerchiamo di far girare la voce tra tutti coloro che hanno a cuore l'esistenza di questo sito e di questo forum. Facciamola girare pure in gruppo, come dice pacho. Poi si potranno tirare le somme. Io, come donchisciotte, credo che l'autofinanziamento sia preferibile all'editore classico, che potrebbe limitare la libertà di chi scrive su queste pagine. Si paga per tanti servizi che dovrebbero essere gratuiti e garantiti, non vedo perchè non potremmo mettere qualcosa di nostro per finanziare un servizio molto apprezzato come quello offerto da cicloweb.


Cobblestone 2012 & 2018 - 1° Classifica Generale
Cobblestone 2012 & 2018 - 1° Classifica Classiche
Cobblestone 2013 - 1° Classifica Semiclassiche

FantaCycling Manager 2016 - 1° Classifica (squadre)

beppesaronni ha scritto: Ps: hirshi fara cagare. Hirshi è la nuova moda. Come votare calenda. Ma hirshi è un bluff....
AlessandroCam
Messaggi: 239
Iscritto il: sabato 11 dicembre 2010, 14:48
Località: GENOVA

Re: Cicloweb chiude? Forse, presto... a meno che...

Messaggio da leggere da AlessandroCam »

Se fosse possibile una sorta di abbonamento annuale come per giornali o riviste io sarei favorevole.
Assolutamente solidale con Marco al quale se vogliamo proprio trovare una colpa è quella di essere una persona coerente ed onesta. :(


Avatar utente
Bitossi
Messaggi: 3934
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 12:41
Località: Milano

Re: Cicloweb chiude? Forse, presto... a meno che...

Messaggio da leggere da Bitossi »

Leggo solo ora e anch'io penso che la chiusura sarebbe una iattura o giù di lì... :D

Come scrive Nino, se la voglia di continuare c'è ancora, il punto principale sarebbe: di "quanto" stiamo parlando?
Anche in privato, Marco. Poi magari si compone un "business plan" sostenibile... ;)


Immagine
Ringrazio la mia mamma per avermi fatto studiare da ciclista
Vittorio
Messaggi: 81
Iscritto il: mercoledì 13 aprile 2011, 21:17
Località: Provincia Autonoma di Trento

Re: Cicloweb chiude? Forse, presto... a meno che...

Messaggio da leggere da Vittorio »

salve a tutti, ho scritto pochissimo, specie in questi ultimi anni (di piu` nel "vecchio" forum, nel quale il mio nickname era dedalus).
Vorrei dire che mi spiacerebbe moltissimo una eventuale chiusura del sito.
Ho iniziato a seguire il ciclismo nel 2003 e Cicloweb e` stato fondamentale per la comprensione di tutti i meccanismi di questo sport. E` tuttora - e lo e` sempre stato - la primissima fonte che consulto prima, durante e dopo le corse.

In bocca al lupo. Vorrei essere piu` utile alla causa - disponibilissimo a abbonamenti e cose del genere - ma non saprei proprio cosa consigliare, non avendo idea delle problematiche e delle cifre attorno a un progetto del genere.


a rileggerci,
Vittorio (già dedalus)
ashbishop
Messaggi: 39
Iscritto il: giovedì 6 ottobre 2011, 13:59
Località: Novi Ligure (AL)

Re: Cicloweb chiude? Forse, presto... a meno che...

Messaggio da leggere da ashbishop »

ragazzi non mollate!!!
non vi mancherà ne fantasia, ne competenza per riuscire nell'intento.

:champion:


Avatar utente
nemecsek
Messaggi: 931
Iscritto il: mercoledì 9 febbraio 2011, 1:14

Re: Cicloweb chiude? Forse, presto... a meno che...

Messaggio da leggere da nemecsek »

Ha scritto no crowdfunding no nonmollate
che siete tutti delpieri?! :D

se c'è da mette quarche sordo ce sto pur'io, ce mancherebbi... :angelo:


A volte il dito indica proprio il dito, non la luna.
Dopo Campiglio qualcuno ha abbandonato il ciclismo, qualcun altro ha ripreso a seguirlo.
I veri campioni erano quelli che dicevano no [Winter]
Avatar utente
MagliaRossa
Messaggi: 691
Iscritto il: domenica 20 febbraio 2011, 1:21
Località: Hampshire, UK

Re: Cicloweb chiude? Forse, presto... a meno che...

Messaggio da leggere da MagliaRossa »

Mi spiace x la situazione. Lavoro anch'io nell'editoria, la situazione è nera. Disponibile al crowdfunding, ma ce la fareste sul lungo periodo, dopi l'iniezione iniziale di solidarietà? IMHO il sito sconta (e un po' ha sempre scontato) un look un po' troppo approssimativo, non all'altezza dei contenuti che ospita. Un abbraccio


"Nel mondo esistono 10 tipi di persone; quelli che conoscono il codice binario, e quelli che non lo conoscono." (proverbio zen)
Morris

Re: Cicloweb chiude? Forse, presto... a meno che...

Messaggio da leggere da Morris »

Nelle vicende legali di Marco Grassi si dischiudono, si incontrano e fanno l’amore due tragiche verità di questo decadente e per tanti aspetti morituro oggi italiano: uno sport, il ciclismo, ridotto a brandelli dalla classe dirigente sportiva più negativa (in tutto e per tutto, cominciando dal QI) e quella magistratura che nessuno, a parole, vuole sfiduciare, ma che nell’intimo del privato, è considerata zona da scongiuri, da segno della croce, da “amen” o quasi della giustizia. Aggiungiamoci poi il fatto-pretesto che circuisce il mestiere meno mestiere e meno da albo del giornalista, ed il quadro naif è definito.

Cicloweb sito è stata la prima voce libera, intelligente e realmente autonoma del ciclismo da tempo che è meglio per tutti non quantizzare. Una speranza che ogni giorno diveniva certezza per costruire attorno a queste pagine la casa vera di questo sport e, per tanti aspetti, di quello stesso giornalismo che, nei confronti del ciclismo, è decisamente più servile, sottomesso e sodomizzato, rispetto al “collega” della politica. Era naturale che il perfido ambiente pedalatorio, nelle sue varie componenti e sfaccettature, liberasse di tutto pur di mettere in crisi e far sparire questo portale.

Il forum è stato il canale, l’autostrada, la prateria, per attaccare e distruggere Cicloweb, il suo direttore e, con loro, anche altre figure che stavano arricchendo il sito di vivacità e competenze. Io stesso, da frequentatore della primissima ora di questo forum, ho vissuto per anni attacchi di ogni tipo, che non mi va di specificare, anche perché in tanti, qui, sanno a cosa mi riferisco. Fatto sta che l’angolo di discussione ed approfondimento a banda larga del sito, è diventato nel tempo da stella di prima grandezza della nebulosa Cicloweb, a schiavetto di troll. Chi pensa non sia così, si faccia visitare subito, o si consideri collega di un certo giocatore di calcio. D’altronde I forum, quando non sono moderati o sono moderati male, divengono ovunque strutturali attentati alla vita dei siti che li contengono: trattasi purtroppo di una legge collaudata del mondo virtuale. Nella fattispecie di Cicloweb, ha pesato un pregio che nella realtà è un grosso difetto (l’unico) di Marco Grassi: l’essere un democratico viscerale. E dire che qualcuno è così stupido o così delinquentello interessato, da dichiarare non lo sia! Fatto sta che la moderazione mite, ragionevole, tutta votata a dare possibilità anche agli evidenti provocatori proposta dal Grassi, ha aperto le porte a quanto si può vedere oggi e messo in forte disagio gli stessi redattori.

Anche a me, questo thread-appello, ha portato un montante al cuore. Cicloweb è stato, nonostante tutto, il mio camino, l’unico fuoco che ha mantenuto sulle mie orbite la voglia di tenere in vita quel flebile interesse verso uno sport (un tempo amato più degli altri ventidue che, in qualche modo, m’han visto lavorarvi o, semplicemente, scriverci), oggi mondialmente ridicolo, corrotto e noioso come nessuno. Qui si sono rapportati ed han reso indimenticabili certe giornate, giovani che ho sempre considerato “come icone d’ottimismo quotidiano” nonché luci dell’osservatorio ciclistico e penne di valore, nel caso di un futuro su quel coacervo di contraddizioni e “palpazioni” che è il giornalismo. Una bella fetta di quei ragazzi, ora poco più che trentenni, non scrive più, lasciando il testimone a redattori che ancora tengono altissimo, assieme a Marco, il livello del sito. Ragazzi, Mario, Giuseppe, Andrea, Stefano, per citarne alcuni, che ogni tanto vengo ancora a cercare su queste pagine, nella non celata speranza di rivivere spicchi di un tempo lontano ben oltre un lustro. Non mi sottrarrò dunque al finanziamento collettivo del sito, anche se qualcuno ha pensato bene, mesi fa, di inviare mail ad altri, raccontando di mie leggendarie miserie (che non ci sono!). Ma lo farò solo dopo aver appurato che il forum si trasformerà in un club con tanto di vera moderazione, o verrà semplicemente chiuso. Anche perché, vedere questo simposio di troll e lasciarlo scorrere come se nulla fosse (cosa si aspetta a bannare certa gente? Di essere epigoni di masochismo?), è come pugnalare il sito e la sua storia.
È anche necessario, comunque, quantizzare da subito le cifre di sostegno, con a monte un progetto preciso. Sicuramente, tenendo in vita il forum, quindi con una moderazione PAGATA (perché non c’è mansione più stressante!), la quota non potrà essere inferiore al caffè (1 euro) al giorno. Quindi 365€ l’anno. Senza forum, l’intervento scenderebbe sensibilmente.
In altre parole, è proprio il forum l’ago del futuro di Cicloweb….
Saluti.


claudiodance
Messaggi: 586
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 16:18

Re: Cicloweb chiude? Forse, presto... a meno che...

Messaggio da leggere da claudiodance »

Ah,
Santo cielo, Morris!
Che bello rivedere l'avatar zazzeruto in alto a sinistra! Ti abbraccio Maurizio.
Condivido la tua opinione, vediamo cosa ne esce.

Ragazzi, Morris, ma vi rendete conto!


...oh, ghè riat Dancelli!
giorgio ricci
Messaggi: 3820
Iscritto il: lunedì 9 giugno 2014, 13:44

Re: Cicloweb chiude? Forse, presto... a meno che...

Messaggio da leggere da giorgio ricci »

Bravissimo Morris. Ho sempre ammirato il tuo modo di scrivere chiaro e di alto livello. Condivido in pieno quello che dici , io ci sono , Esprimo un desiderio : potere continuare a leggerti sul forum e potere confrontarmi con un acuto appassionato operatore del settore come sei tu. Questo sarebbe un grande arricchimento per me e altri utenti in buona fede ,che scrivono da poco , ma che sono assetati di vera cultura del ciclismo


Avatar utente
Felice
Messaggi: 1877
Iscritto il: lunedì 31 ottobre 2011, 15:04

Re: Cicloweb chiude? Forse, presto... a meno che...

Messaggio da leggere da Felice »

Mi sono accorto solo ora di questo thread ed ho appena finito di scorrerlo. Dopo aver scritto tanto (certo in tempi lontani...) ora mi trovo a non aver parole. Parole sensate e di una qualche utilità. A Marco - comunque vadano a finire le cose - un immenso grazie per la passione e l'entusiasmo con cui ha animato questo sito in tutti questi anni...


Lolloso
Messaggi: 1491
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 14:43

Re: Cicloweb chiude? Forse, presto... a meno che...

Messaggio da leggere da Lolloso »

il post di Morris 90' di applausi!! :clap: :clap: :clap: ci mancava un suo pezzo


Avatar utente
Visconte85
Messaggi: 10443
Iscritto il: giovedì 8 maggio 2014, 14:27

Re: Cicloweb chiude? Forse, presto... a meno che...

Messaggio da leggere da Visconte85 »

Morris ha scritto:Nelle vicende legali di Marco Grassi si dischiudono, si incontrano e fanno l’amore due tragiche verità di questo decadente e per tanti aspetti morituro oggi italiano: uno sport, il ciclismo, ridotto a brandelli dalla classe dirigente sportiva più negativa (in tutto e per tutto, cominciando dal QI) e quella magistratura che nessuno, a parole, vuole sfiduciare, ma che nell’intimo del privato, è considerata zona da scongiuri, da segno della croce, da “amen” o quasi della giustizia. Aggiungiamoci poi il fatto-pretesto che circuisce il mestiere meno mestiere e meno da albo del giornalista, ed il quadro naif è definito.

Cicloweb sito è stata la prima voce libera, intelligente e realmente autonoma del ciclismo da tempo che è meglio per tutti non quantizzare. Una speranza che ogni giorno diveniva certezza per costruire attorno a queste pagine la casa vera di questo sport e, per tanti aspetti, di quello stesso giornalismo che, nei confronti del ciclismo, è decisamente più servile, sottomesso e sodomizzato, rispetto al “collega” della politica. Era naturale che il perfido ambiente pedalatorio, nelle sue varie componenti e sfaccettature, liberasse di tutto pur di mettere in crisi e far sparire questo portale.

Il forum è stato il canale, l’autostrada, la prateria, per attaccare e distruggere Cicloweb, il suo direttore e, con loro, anche altre figure che stavano arricchendo il sito di vivacità e competenze. Io stesso, da frequentatore della primissima ora di questo forum, ho vissuto per anni attacchi di ogni tipo, che non mi va di specificare, anche perché in tanti, qui, sanno a cosa mi riferisco. Fatto sta che l’angolo di discussione ed approfondimento a banda larga del sito, è diventato nel tempo da stella di prima grandezza della nebulosa Cicloweb, a schiavetto di troll. Chi pensa non sia così, si faccia visitare subito, o si consideri collega di un certo giocatore di calcio. D’altronde I forum, quando non sono moderati o sono moderati male, divengono ovunque strutturali attentati alla vita dei siti che li contengono: trattasi purtroppo di una legge collaudata del mondo virtuale. Nella fattispecie di Cicloweb, ha pesato un pregio che nella realtà è un grosso difetto (l’unico) di Marco Grassi: l’essere un democratico viscerale. E dire che qualcuno è così stupido o così delinquentello interessato, da dichiarare non lo sia! Fatto sta che la moderazione mite, ragionevole, tutta votata a dare possibilità anche agli evidenti provocatori proposta dal Grassi, ha aperto le porte a quanto si può vedere oggi e messo in forte disagio gli stessi redattori.

Anche a me, questo thread-appello, ha portato un montante al cuore. Cicloweb è stato, nonostante tutto, il mio camino, l’unico fuoco che ha mantenuto sulle mie orbite la voglia di tenere in vita quel flebile interesse verso uno sport (un tempo amato più degli altri ventidue che, in qualche modo, m’han visto lavorarvi o, semplicemente, scriverci), oggi mondialmente ridicolo, corrotto e noioso come nessuno. Qui si sono rapportati ed han reso indimenticabili certe giornate, giovani che ho sempre considerato “come icone d’ottimismo quotidiano” nonché luci dell’osservatorio ciclistico e penne di valore, nel caso di un futuro su quel coacervo di contraddizioni e “palpazioni” che è il giornalismo. Una bella fetta di quei ragazzi, ora poco più che trentenni, non scrive più, lasciando il testimone a redattori che ancora tengono altissimo, assieme a Marco, il livello del sito. Ragazzi, Mario, Giuseppe, Andrea, Stefano, per citarne alcuni, che ogni tanto vengo ancora a cercare su queste pagine, nella non celata speranza di rivivere spicchi di un tempo lontano ben oltre un lustro. Non mi sottrarrò dunque al finanziamento collettivo del sito, anche se qualcuno ha pensato bene, mesi fa, di inviare mail ad altri, raccontando di mie leggendarie miserie (che non ci sono!). Ma lo farò solo dopo aver appurato che il forum si trasformerà in un club con tanto di vera moderazione, o verrà semplicemente chiuso. Anche perché, vedere questo simposio di troll e lasciarlo scorrere come se nulla fosse (cosa si aspetta a bannare certa gente? Di essere epigoni di masochismo?), è come pugnalare il sito e la sua storia.
È anche necessario, comunque, quantizzare da subito le cifre di sostegno, con a monte un progetto preciso. Sicuramente, tenendo in vita il forum, quindi con una moderazione PAGATA (perché non c’è mansione più stressante!), la quota non potrà essere inferiore al caffè (1 euro) al giorno. Quindi 365€ l’anno. Senza forum, l’intervento scenderebbe sensibilmente.
In altre parole, è proprio il forum l’ago del futuro di Cicloweb….
Saluti.
:clap: :clap: :clap: :clap: :clap: :clap: :clap:


2014:Giro t21,Tour t10,Vuelta t3, ARGENTO Ponferrada
2015:Giro anch'io 3°,Tour tp10 e 20, GpMontreal
2016:GandWevelgen, Svizzera, Tour t13, Vuelta t10
2017:Tour t10 Vuelta t2
2018:Scheldeprijs, Giro t21, Tour t11
2019:Kuurne-Bruxelles-Kuurne
2020: Campione italiano in linea,BRONZO Imola
Avatar utente
Tranchée d'Arenberg
Messaggi: 20863
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:50

Re: Cicloweb chiude? Forse, presto... a meno che...

Messaggio da leggere da Tranchée d'Arenberg »

Morris ha scritto:Nelle vicende legali di Marco Grassi si dischiudono, si incontrano e fanno l’amore due tragiche verità di questo decadente e per tanti aspetti morituro oggi italiano: uno sport, il ciclismo, ridotto a brandelli dalla classe dirigente sportiva più negativa (in tutto e per tutto, cominciando dal QI) e quella magistratura che nessuno, a parole, vuole sfiduciare, ma che nell’intimo del privato, è considerata zona da scongiuri, da segno della croce, da “amen” o quasi della giustizia. Aggiungiamoci poi il fatto-pretesto che circuisce il mestiere meno mestiere e meno da albo del giornalista, ed il quadro naif è definito.

Cicloweb sito è stata la prima voce libera, intelligente e realmente autonoma del ciclismo da tempo che è meglio per tutti non quantizzare. Una speranza che ogni giorno diveniva certezza per costruire attorno a queste pagine la casa vera di questo sport e, per tanti aspetti, di quello stesso giornalismo che, nei confronti del ciclismo, è decisamente più servile, sottomesso e sodomizzato, rispetto al “collega” della politica. Era naturale che il perfido ambiente pedalatorio, nelle sue varie componenti e sfaccettature, liberasse di tutto pur di mettere in crisi e far sparire questo portale.

Il forum è stato il canale, l’autostrada, la prateria, per attaccare e distruggere Cicloweb, il suo direttore e, con loro, anche altre figure che stavano arricchendo il sito di vivacità e competenze. Io stesso, da frequentatore della primissima ora di questo forum, ho vissuto per anni attacchi di ogni tipo, che non mi va di specificare, anche perché in tanti, qui, sanno a cosa mi riferisco. Fatto sta che l’angolo di discussione ed approfondimento a banda larga del sito, è diventato nel tempo da stella di prima grandezza della nebulosa Cicloweb, a schiavetto di troll. Chi pensa non sia così, si faccia visitare subito, o si consideri collega di un certo giocatore di calcio. D’altronde I forum, quando non sono moderati o sono moderati male, divengono ovunque strutturali attentati alla vita dei siti che li contengono: trattasi purtroppo di una legge collaudata del mondo virtuale. Nella fattispecie di Cicloweb, ha pesato un pregio che nella realtà è un grosso difetto (l’unico) di Marco Grassi: l’essere un democratico viscerale. E dire che qualcuno è così stupido o così delinquentello interessato, da dichiarare non lo sia! Fatto sta che la moderazione mite, ragionevole, tutta votata a dare possibilità anche agli evidenti provocatori proposta dal Grassi, ha aperto le porte a quanto si può vedere oggi e messo in forte disagio gli stessi redattori.

Anche a me, questo thread-appello, ha portato un montante al cuore. Cicloweb è stato, nonostante tutto, il mio camino, l’unico fuoco che ha mantenuto sulle mie orbite la voglia di tenere in vita quel flebile interesse verso uno sport (un tempo amato più degli altri ventidue che, in qualche modo, m’han visto lavorarvi o, semplicemente, scriverci), oggi mondialmente ridicolo, corrotto e noioso come nessuno. Qui si sono rapportati ed han reso indimenticabili certe giornate, giovani che ho sempre considerato “come icone d’ottimismo quotidiano” nonché luci dell’osservatorio ciclistico e penne di valore, nel caso di un futuro su quel coacervo di contraddizioni e “palpazioni” che è il giornalismo. Una bella fetta di quei ragazzi, ora poco più che trentenni, non scrive più, lasciando il testimone a redattori che ancora tengono altissimo, assieme a Marco, il livello del sito. Ragazzi, Mario, Giuseppe, Andrea, Stefano, per citarne alcuni, che ogni tanto vengo ancora a cercare su queste pagine, nella non celata speranza di rivivere spicchi di un tempo lontano ben oltre un lustro. Non mi sottrarrò dunque al finanziamento collettivo del sito, anche se qualcuno ha pensato bene, mesi fa, di inviare mail ad altri, raccontando di mie leggendarie miserie (che non ci sono!). Ma lo farò solo dopo aver appurato che il forum si trasformerà in un club con tanto di vera moderazione, o verrà semplicemente chiuso. Anche perché, vedere questo simposio di troll e lasciarlo scorrere come se nulla fosse (cosa si aspetta a bannare certa gente? Di essere epigoni di masochismo?), è come pugnalare il sito e la sua storia.
È anche necessario, comunque, quantizzare da subito le cifre di sostegno, con a monte un progetto preciso. Sicuramente, tenendo in vita il forum, quindi con una moderazione PAGATA (perché non c’è mansione più stressante!), la quota non potrà essere inferiore al caffè (1 euro) al giorno. Quindi 365€ l’anno. Senza forum, l’intervento scenderebbe sensibilmente.
In altre parole, è proprio il forum l’ago del futuro di Cicloweb….
Saluti.
Che bello leggerti di nuovo in questo forum. Quoto tutto e ti ringrazio per questo post. :clap:


Cobblestone 2012 & 2018 - 1° Classifica Generale
Cobblestone 2012 & 2018 - 1° Classifica Classiche
Cobblestone 2013 - 1° Classifica Semiclassiche

FantaCycling Manager 2016 - 1° Classifica (squadre)

beppesaronni ha scritto: Ps: hirshi fara cagare. Hirshi è la nuova moda. Come votare calenda. Ma hirshi è un bluff....
Avatar utente
Brogno
Messaggi: 3918
Iscritto il: martedì 21 maggio 2013, 10:37

Re: Cicloweb chiude? Forse, presto... a meno che...

Messaggio da leggere da Brogno »

visto anche l'intervento di Admin (in altro post), e comunque vista l'importanza del post, non penso che nessuno se la prenderà se tiro su nuovamente il post.
Sono anche io onorato del rientro di Morris e spero che possa tornare alla partecipazione attiva. Non sono in totale accordo con le sue parole, ma penso ormai la palla sia nelle mani di Admin e quindi attendiamo.


Comunque i bookies sono dei genii, ma quanti cazzo di soldi si faranno, con tutti quelli che punteranno su Thomas??? (Tour 2018)

Se vincono Valverde o Nibali mi tatuo in fronte la parola INSBRUCK (Innsbruck 2018)

Beppesaronni
Avatar utente
nemecsek
Messaggi: 931
Iscritto il: mercoledì 9 febbraio 2011, 1:14

Re: Cicloweb chiude? Forse, presto... a meno che...

Messaggio da leggere da nemecsek »

Brogno ha scritto: Sono anche io onorato del rientro di Morris e spero che possa tornare alla partecipazione attiva. Non sono in totale accordo con le sue parole, ma penso ormai la palla sia nelle mani di Admin e quindi attendiamo.
Beh, se ne annato sbattendo la porta che non condivideva la linea editoriale del sito, è tornato, di nuovo colla linea editoriale, mette i paletti e seleziona gli utenti, suggerisce i ban, impone moderazione pagata e ne ha già quantificato i costi...

se se mette na scopa ar culo da pure na spicciata in tera.... :diavoletto:
Brogno ha scritto: Non sono in totale accordo con le sue parole, ma penso ormai la palla sia nelle mani di Admin e quindi attendiamo.
..ecco, attendiamo.

enpassan, le piattaforme che supportano i forum son praticamente gratuite,quindi il forum potrebbe sopravvivere al sito, è l immenso patrimonio del sito che rischia di andare perduto... :roll:


A volte il dito indica proprio il dito, non la luna.
Dopo Campiglio qualcuno ha abbandonato il ciclismo, qualcun altro ha ripreso a seguirlo.
I veri campioni erano quelli che dicevano no [Winter]
Avatar utente
Brogno
Messaggi: 3918
Iscritto il: martedì 21 maggio 2013, 10:37

Re: Cicloweb chiude? Forse, presto... a meno che...

Messaggio da leggere da Brogno »

nemecsek ha scritto:
Brogno ha scritto: Sono anche io onorato del rientro di Morris e spero che possa tornare alla partecipazione attiva. Non sono in totale accordo con le sue parole, ma penso ormai la palla sia nelle mani di Admin e quindi attendiamo.
Beh, se ne annato sbattendo la porta che non condivideva la linea editoriale del sito, è tornato, di nuovo colla linea editoriale, mette i paletti e seleziona gli utenti, suggerisce i ban, impone moderazione pagata e ne ha già quantificato i costi...

se se mette na scopa ar culo da pure na spicciata in tera.... :diavoletto:
Brogno ha scritto: Non sono in totale accordo con le sue parole, ma penso ormai la palla sia nelle mani di Admin e quindi attendiamo.
..ecco, attendiamo.

enpassan, le piattaforme che supportano i forum son praticamente gratuite,quindi il forum potrebbe sopravvivere al sito, è l immenso patrimonio del sito che rischia di andare perduto... :roll:
Non volevo entrare nel merito, e comunque penso che ogni contributo possa essere utile, anche perché si rema tutti nella stessa direzione alla fine, almeno in questo post. Per il resto, come ho già detto penso che attendiamo un feedback da Admin.


Comunque i bookies sono dei genii, ma quanti cazzo di soldi si faranno, con tutti quelli che punteranno su Thomas??? (Tour 2018)

Se vincono Valverde o Nibali mi tatuo in fronte la parola INSBRUCK (Innsbruck 2018)

Beppesaronni
Avatar utente
nemecsek
Messaggi: 931
Iscritto il: mercoledì 9 febbraio 2011, 1:14

Re: Cicloweb chiude? Forse, presto... a meno che...

Messaggio da leggere da nemecsek »

Brogno ha scritto: si rema tutti nella stessa direzione
:yes:


A volte il dito indica proprio il dito, non la luna.
Dopo Campiglio qualcuno ha abbandonato il ciclismo, qualcun altro ha ripreso a seguirlo.
I veri campioni erano quelli che dicevano no [Winter]
Avatar utente
nino58
Messaggi: 12942
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 14:38

Re: Cicloweb chiude? Forse, presto... a meno che...

Messaggio da leggere da nino58 »

Un solo post di Morris sta facendo venire gli ossiuri a diversi gentiluomini.


Von Rock ? Nein, danke.
Diritto di correre senza condizioni a chi ha scontato una squalifica !!!
Avatar utente
Belluschi M.
Messaggi: 2693
Iscritto il: mercoledì 24 agosto 2011, 17:47
Località: Cesano Boscone (MI)

Re: Cicloweb chiude? Forse, presto... a meno che...

Messaggio da leggere da Belluschi M. »

Morris ha scritto: una moderazione PAGATA (perché non c’è mansione più stressante!)
Mi metto a disposizione per il ruolo.
Ho un onorario equivalente a un'impepata di cozze + dolce al giorno (ad utente ovviamente).


I veri campioni erano quelli che dicevano no [Winter]

Froome è il bersaglio preferito di chiunque provi un minimo di frustrazione nei confronti del ciclismo professionistico [Leonardo Piccione].
Avatar utente
nemecsek
Messaggi: 931
Iscritto il: mercoledì 9 febbraio 2011, 1:14

Re: Cicloweb chiude? Forse, presto... a meno che...

Messaggio da leggere da nemecsek »

Belluschi M. ha scritto: Ho un onorario equivalente a un'impepata di cozze + dolce al giorno (ad utente ovviamente).
..estikazzi.... spendo meno a uscire e offrire tutta serata con Pozzato.... :diavoletto:
nino58 ha scritto:Un solo post di Morris sta facendo venire gli ossiuri a diversi gentiluomini.

...appunto... fatte 'n idea..... 8-) egià che stamo sulle spese, Combantrin pe' ttutti.... :)


A volte il dito indica proprio il dito, non la luna.
Dopo Campiglio qualcuno ha abbandonato il ciclismo, qualcun altro ha ripreso a seguirlo.
I veri campioni erano quelli che dicevano no [Winter]
Avatar utente
Abruzzese
Messaggi: 5954
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:24

Re: Cicloweb chiude? Forse, presto... a meno che...

Messaggio da leggere da Abruzzese »

Della serie: continuiamo a fregarcene bellamente delle parole di Marco nel thread delle comunicazioni...


"L'importante non è quello che trovi alla fine di una corsa. L'importante è ciò che provi mentre corri" (Giorgio Faletti in "Notte prima degli esami")

"qui c'è gente che è totalmente avulsa dalla realtà e nociva al forum"
Avatar utente
lemond
Messaggi: 15965
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:52
Località: Firenze

Re: Cicloweb chiude? Forse, presto... a meno che...

Messaggio da leggere da lemond »

Abruzzese ha scritto:Della serie: continuiamo a fregarcene bellamente delle parole di Marco nel thread delle comunicazioni...
Ma non solo, qui si fa cerca di parafrasare quel che sosteneva un mio omonimo: una situazione drammatica, si tenta di farla diventare farsesca. E il tutto, perché Morris è Morris e, avrebbe detto Iannacci: "La vita è più bella quando parla Maurizio". ;)


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
i barbieri il lunedì :bll:

"Per principio rifiuto di sottopormi a questi controlli. Non sono ostile alla lotta al doping, che ritengo indispensabile tra i dilettanti, ma nel caso di professionisti è differente.
Admin
Messaggi: 14570
Iscritto il: domenica 21 giugno 2009, 22:48

Re: Cicloweb chiude? Forse, presto... a meno che...

Messaggio da leggere da Admin »



Pantani è una leggenda come Coppi e Bartali
Fiammingo
Messaggi: 782
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 16:40

Re: Cicloweb chiude? Forse, presto... a meno che...

Messaggio da leggere da Fiammingo »

Grande Admin!
(Pero mettere foto di Nibali e' un rischio!! :D )


Avatar utente
Subsonico
Messaggi: 6856
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:13

Re: Cicloweb chiude? Forse, presto... a meno che...

Messaggio da leggere da Subsonico »

Fiammingo ha scritto:Grande Admin!
(Pero mettere foto di Nibali e' un rischio!! :D )
Siamo sicuri che sarà un grande traino! :D


VINCITORE DEL FANTATOUR 2016 SUL CAMPO: certe fantaclassifiche verranno riscritte...

"Stufano è un Peter Sagan che ha smesso di sognare (E.Vittone) "
Admin
Messaggi: 14570
Iscritto il: domenica 21 giugno 2009, 22:48

Re: Cicloweb chiude? Forse, presto... a meno che...

Messaggio da leggere da Admin »

Della serie: o facciamo l'impresa, o ci attacchiamo...


Pantani è una leggenda come Coppi e Bartali
Avatar utente
simociclo
Messaggi: 5048
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 17:12

Re: Cicloweb chiude? Forse, presto... a meno che...

Messaggio da leggere da simociclo »

ottima iniziativa.
Dai, che ce la si fa!


"la mente è come il paracadute, funziona solo se si apre" A. Einstein
matter1985
Messaggi: 4334
Iscritto il: domenica 1 aprile 2012, 16:38
Località: Toscana

Re: Cicloweb chiude? Forse, presto... a meno che...

Messaggio da leggere da matter1985 »

Subsonico ha scritto:
Fiammingo ha scritto:Grande Admin!
(Pero mettere foto di Nibali e' un rischio!! :D )
Siamo sicuri che sarà un grande traino! :D
Questo è il battutone dell' anno :diavoletto:


#JeSuisNizzolo
marc
Messaggi: 2342
Iscritto il: lunedì 1 agosto 2011, 23:39

Re: Cicloweb chiude? Forse, presto... a meno che...

Messaggio da leggere da marc »

Subsonico ha scritto:
Fiammingo ha scritto:Grande Admin!
(Pero mettere foto di Nibali e' un rischio!! :D )
Siamo sicuri che sarà un grande traino! :D
:clap: davvero, degno del signor spinoza


perché per me il ciclismo non è ancora una passione onanistica, ma è un pezzo di cultura popolare e familiare.
donchisciotte
Messaggi: 524
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 22:37

Re: Cicloweb chiude? Forse, presto... a meno che...

Messaggio da leggere da donchisciotte »

Ohhhhhh, bene, hai scelto questa possibilità. Speriamo vada davvero bene.
Ho appena fatto la donazione con carta prepagata, alla cifra che ti avevo detto che avrei versato ho tolto 50 euro per la scelta di Nibali come immagine. Ciclista che da quest'anno proprio non sopporto.
Ne avrei tolti 100 ma le battute di Admin e l'altra sul traino, meritano un aggiustamento.
Spiacente ma sulle antipatie sono inflessibile.
Comunque, Admin , di cuore, spero che tu ce la faccia.
Ma non mettere la pagina seminascosta, pubblicizzala, coinvolgi il mondo del ciclismo, i ciclisti ecc. Mettila su facebook, insomma, non fare una cosa clandestina.


Verità e giustizia per Marco Pantani, una battaglia di civiltà.
Lasciamolo in pace un cazzo!
mestatore
Messaggi: 343
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 22:52

Re: Cicloweb chiude? Forse, presto... a meno che...

Messaggio da leggere da mestatore »

dai forza
a tutta


non sono ciclisti, la fatuita' delle loro vite mi sciocca- T. Krabbe', la corsa.
Avatar utente
Brogno
Messaggi: 3918
Iscritto il: martedì 21 maggio 2013, 10:37

Re: Cicloweb chiude? Forse, presto... a meno che...

Messaggio da leggere da Brogno »

Marco mettilo in testa fisso altrimenti va giu' e si perde.
Non mi sembra il caso. :old:


Comunque i bookies sono dei genii, ma quanti cazzo di soldi si faranno, con tutti quelli che punteranno su Thomas??? (Tour 2018)

Se vincono Valverde o Nibali mi tatuo in fronte la parola INSBRUCK (Innsbruck 2018)

Beppesaronni
Rispondi