Gianni Moscon

Il mondo dei professionisti tra gare e complessità, e più in generale l'approccio al ciclismo di ogni appassionato
mattia_95
Messaggi: 982
Iscritto il: giovedì 16 novembre 2017, 22:21

Re: Gianni Moscon

Messaggio da leggere da mattia_95 » mercoledì 3 giugno 2020, 14:14

Speriamo che possa mostrare il suo talento. Sicuramente per lui saranno i tre mesi della verità



pietro
Messaggi: 1524
Iscritto il: mercoledì 18 marzo 2020, 19:32

Re: Gianni Moscon

Messaggio da leggere da pietro » mercoledì 3 giugno 2020, 14:33

mattia_95 ha scritto:
mercoledì 3 giugno 2020, 13:42
marco_graz ha scritto:
mercoledì 3 giugno 2020, 13:18
Notizia piu' bella per Gianni non ci poteva essere. Sono curioso se anche Kwiato seguira' la stessa strada, sono sicuramente due dei piu' penalizzati dal dover mulare durante i GT.

Per Moscon spero poi che non voglia essere (questo trattamento quasi privilegiato) una conferma nel team, come detto deve assolutamente andare a fare il capitano in una squadra di medio livello per le classiche (e non mi dispiacerebbe che andasse ad infoltire il gruppo italiano in Trek, chissa' che con Vincenzo non metta la testa a posto una volta per tutte).
Non penso che Kwiatkowski salti tutti i GT come Moscon. Il polacco per me farà il Tour de France perché è una pedina fondamentale per la squadra in salita. L'anno scorso Moscon era uno dei primi a lavorare e, quindi, era anche uno dei primi a staccarsi. In tante tappe Moscon si metteva in testa al gruppo a tirare addirittura prima di Rowe. In casa Ineos non penso che ci voglia molto a trovare un altro corridore che possa fare il lavoro che faceva Moscon l'anno scorso, mentre sostituire Kwiatkowski sarebbe più complicato.
Anche perché, ad ora, non esiste partita tra Kwiatkowski e Moscon.



Avatar utente
aitutaki1
Messaggi: 962
Iscritto il: sabato 25 ottobre 2014, 12:02
Località: Trecianum

Re: Gianni Moscon

Messaggio da leggere da aitutaki1 » mercoledì 3 giugno 2020, 14:54

nikybo85 ha scritto:
mercoledì 3 giugno 2020, 13:57
Alleluja!!
E come ha già detto qualcuno ad Ottobre ha fatto vedere le cose migliori in carriera... Gianni ora o mai più :drool:
Che le potenzialità ci siano è fuor di dubbio, ma ora come ora e visti gli ultimi risultati sembra più scartato dalla squadra per il Tour che valorizzato per le classiche, dove pur con i migliori Ineos dediti ai GT non sarei così sicuro dei gradi da capitano.
Naturalmente sperando di sbagliarmi


Uguaglianza, Fratellanza e Tolleranza
.·. Sic Semper Tyrannis .·.

marco_graz
Messaggi: 1326
Iscritto il: giovedì 6 ottobre 2016, 16:26

Re: Gianni Moscon

Messaggio da leggere da marco_graz » mercoledì 3 giugno 2020, 15:10

mattia_95 ha scritto:
mercoledì 3 giugno 2020, 13:42
marco_graz ha scritto:
mercoledì 3 giugno 2020, 13:18
Notizia piu' bella per Gianni non ci poteva essere. Sono curioso se anche Kwiato seguira' la stessa strada, sono sicuramente due dei piu' penalizzati dal dover mulare durante i GT.

Per Moscon spero poi che non voglia essere (questo trattamento quasi privilegiato) una conferma nel team, come detto deve assolutamente andare a fare il capitano in una squadra di medio livello per le classiche (e non mi dispiacerebbe che andasse ad infoltire il gruppo italiano in Trek, chissa' che con Vincenzo non metta la testa a posto una volta per tutte).
Non penso che Kwiatkowski salti tutti i GT come Moscon. Il polacco per me farà il Tour de France perché è una pedina fondamentale per la squadra in salita. L'anno scorso Moscon era uno dei primi a lavorare e, quindi, era anche uno dei primi a staccarsi. In tante tappe Moscon si metteva in testa al gruppo a tirare addirittura prima di Rowe. In casa Ineos non penso che ci voglia molto a trovare un altro corridore che possa fare il lavoro che faceva Moscon l'anno scorso, mentre sostituire Kwiatkowski sarebbe più complicato.
Siamo OT ma se davvero andassero con 3 capitani, qualcuno del treno da salita "salterebbe" e allora tanto vale che sia uno che ti puo' vincere le classiche.



mattia_95
Messaggi: 982
Iscritto il: giovedì 16 novembre 2017, 22:21

Re: Gianni Moscon

Messaggio da leggere da mattia_95 » mercoledì 3 giugno 2020, 17:49

aitutaki1 ha scritto:
mercoledì 3 giugno 2020, 14:54
nikybo85 ha scritto:
mercoledì 3 giugno 2020, 13:57
Alleluja!!
E come ha già detto qualcuno ad Ottobre ha fatto vedere le cose migliori in carriera... Gianni ora o mai più :drool:
Che le potenzialità ci siano è fuor di dubbio, ma ora come ora e visti gli ultimi risultati sembra più scartato dalla squadra per il Tour che valorizzato per le classiche, dove pur con i migliori Ineos dediti ai GT non sarei così sicuro dei gradi da capitano.
Naturalmente sperando di sbagliarmi
Per un corridore che milita nella squadra più forte al mondo, per quanto concerne le corse a tappe, non è mai bello, dopo aver preso parte al Tour de France nelle ultime due stagioni, ricevere la comunicazione che non quest'anno non correrà nessun GT. Però, non penso che Moscon ci sia rimasto male che la squadra lo abbia scartato dalla formazione per il Tour, anzi per me era il messaggio che per me sognava di ricevere :D

Battute a parte, Moscon probabilmente non sarà il capitano unico nelle classiche. Questo perchè il trentino non è un fuoriclasse come Sagan, Matthews o Demare che nelle classiche adatte a loro hanno tutta la squadra a disposizione. Nel Team Ineos ci sono anche corridori come Rowe e Van Baarle, solo per citarne due, che possono fare bene nelle corse di un giorno sul pavé. Quindi se Mosocn vorrà fare il capitano se lo dovrà meritare. L'unica certezza è che in tutte queste corse avrà tutto lo spazio per giocare le sue carte, cosa che nei GT non può mai fare.



Avatar utente
Patate
Messaggi: 4712
Iscritto il: domenica 28 febbraio 2016, 23:23

Re: Gianni Moscon

Messaggio da leggere da Patate » mercoledì 3 giugno 2020, 18:05

mattia_95 ha scritto:
mercoledì 3 giugno 2020, 17:49
Questo perchè il trentino non è un fuoriclasse come [...] Matthews
:uhm:
Beh nelle classiche -non canadesi- Matthews non è che sia proprio fuoriclasse


antani ha scritto:Non so perchè ma ho la sensazione che domani Aru possa arrivare dietro o davanti a Froome, stiamo a vedere sembra facile ma non è difficile

mattia_95
Messaggi: 982
Iscritto il: giovedì 16 novembre 2017, 22:21

Re: Gianni Moscon

Messaggio da leggere da mattia_95 » mercoledì 3 giugno 2020, 18:08

marco_graz ha scritto:
mercoledì 3 giugno 2020, 15:10
mattia_95 ha scritto:
mercoledì 3 giugno 2020, 13:42
marco_graz ha scritto:
mercoledì 3 giugno 2020, 13:18
Notizia piu' bella per Gianni non ci poteva essere. Sono curioso se anche Kwiato seguira' la stessa strada, sono sicuramente due dei piu' penalizzati dal dover mulare durante i GT.

Per Moscon spero poi che non voglia essere (questo trattamento quasi privilegiato) una conferma nel team, come detto deve assolutamente andare a fare il capitano in una squadra di medio livello per le classiche (e non mi dispiacerebbe che andasse ad infoltire il gruppo italiano in Trek, chissa' che con Vincenzo non metta la testa a posto una volta per tutte).
Non penso che Kwiatkowski salti tutti i GT come Moscon. Il polacco per me farà il Tour de France perché è una pedina fondamentale per la squadra in salita. L'anno scorso Moscon era uno dei primi a lavorare e, quindi, era anche uno dei primi a staccarsi. In tante tappe Moscon si metteva in testa al gruppo a tirare addirittura prima di Rowe. In casa Ineos non penso che ci voglia molto a trovare un altro corridore che possa fare il lavoro che faceva Moscon l'anno scorso, mentre sostituire Kwiatkowski sarebbe più complicato.
Siamo OT ma se davvero andassero con 3 capitani, qualcuno del treno da salita "salterebbe" e allora tanto vale che sia uno che ti puo' vincere le classiche.
Il grande obiettivo del Team Ineos è quello di vincere i GT, soprattutto il Tour de France, quindi loro puntano ad avere la miglior squadra a disposizione dei loro capitani. La squadra britannica preferisce avere un proprio corridore che si mette a servizio dei suoi compagni al Tour per raggiungere l'obiettivo della vittoria, piuttosto che preservarlo per ambire a vincere una classica. Magari altre squadre ragionerebbero diversamente, ma il Team Ineos ha da sempre avuto quest'impronta.

Poi comunque non è che se Kwiatkowski disputerà il Tour, non prenderà parte alle classiche. Le classiche delle Ardenne adatte alle sue caratteristiche si disputeranno tra il 30 settembre e il 10 ottobre, quindi potrebbe correrle da protagonista.

Moscon diceva che se andasse al Tour, sarebbe costretto a dare tutte le energie per la squadra e quindi arriverebbe cotto alle classiche. Questo discorso è leggermente diverso per Kwiatkowski, perché quest'ultimo dovrebbe sfruttare la condizione post Tour per venti giorni, ovvero fino al 10 ottobre. Mentre Moscon ha come obiettivo principale quello di ottenere un buon risultato alla Parigi - Roubaix, la classica sul pavè in cui è riuscito ad ottenere il miglior risultato in questi anni da professionista, ma è in programma il 25 ottobre e quindi se partecipasse al Tour de France poi faticherebbe a restare in condizione per oltre trenta giorni dalla fine del primo GT dell'anno. Questo discorso è diverso per corridori come Van Averamet, Kristoff e Degenkolb perché anche se prendessero parte al Tour de France, come tra l'altro sarà, riuscirebbero a concludere la Grande Boucle senza aver utilizzato tutte le loro energie, perché molte tappe non adatte alle loro caratteristiche le correrebbero senza pressione, mentre Moscon ogni giorno dovrebbe lavorare per la sua squadra.



mattia_95
Messaggi: 982
Iscritto il: giovedì 16 novembre 2017, 22:21

Re: Gianni Moscon

Messaggio da leggere da mattia_95 » mercoledì 3 giugno 2020, 18:17

Patate ha scritto:
mercoledì 3 giugno 2020, 18:05
mattia_95 ha scritto:
mercoledì 3 giugno 2020, 17:49
Questo perchè il trentino non è un fuoriclasse come [...] Matthews
:uhm:
Beh nelle classiche -non canadesi- Matthews non è che sia proprio fuoriclasse
Sì in effetti, anche se è uno di coloro che si piazza molto spesso nelle primissime posizioni, non è un grande vincente nelle classiche. Avevo citato lui come esempio perchè corre nella Sunweb che non ha altri corridori del livello di Matthews nelle classiche e quindi tutti sono a sua disposizione. Invece, nel Team Ineos non è detto che avvenga questo per Moscon, perché ci sono diversi corridori militanti nella squadra britannica che in carriera hanno ottenuto dei risultati simili a quelli del trentino nelle classiche e quindi anche altri possono volere giocare le proprie carte.



pietro
Messaggi: 1524
Iscritto il: mercoledì 18 marzo 2020, 19:32

Re: Gianni Moscon

Messaggio da leggere da pietro » mercoledì 3 giugno 2020, 19:14

Patate ha scritto:
mercoledì 3 giugno 2020, 18:05
mattia_95 ha scritto:
mercoledì 3 giugno 2020, 17:49
Questo perchè il trentino non è un fuoriclasse come [...] Matthews
:uhm:
Beh nelle classiche -non canadesi- Matthews non è che sia proprio fuoriclasse
Anche su Demare avrei qualcosa da ridire



Avatar utente
aitutaki1
Messaggi: 962
Iscritto il: sabato 25 ottobre 2014, 12:02
Località: Trecianum

Re: Gianni Moscon

Messaggio da leggere da aitutaki1 » mercoledì 3 giugno 2020, 20:15

mattia_95 ha scritto:
mercoledì 3 giugno 2020, 18:08

Il grande obiettivo del Team Ineos è quello di vincere i GT, soprattutto il Tour de France, quindi loro puntano ad avere la miglior squadra a disposizione dei loro capitani. La squadra britannica preferisce avere un proprio corridore che si mette a servizio dei suoi compagni al Tour per raggiungere l'obiettivo della vittoria, piuttosto che preservarlo per ambire a vincere una classica. Magari altre squadre ragionerebbero diversamente, ma il Team Ineos ha da sempre avuto quest'impronta.

Poi comunque non è che se Kwiatkowski disputerà il Tour, non prenderà parte alle classiche. Le classiche delle Ardenne adatte alle sue caratteristiche si disputeranno tra il 30 settembre e il 10 ottobre, quindi potrebbe correrle da protagonista.

Moscon diceva che se andasse al Tour, sarebbe costretto a dare tutte le energie per la squadra e quindi arriverebbe cotto alle classiche. Questo discorso è leggermente diverso per Kwiatkowski, perché quest'ultimo dovrebbe sfruttare la condizione post Tour per venti giorni, ovvero fino al 10 ottobre. Mentre Moscon ha come obiettivo principale quello di ottenere un buon risultato alla Parigi - Roubaix, la classica sul pavè in cui è riuscito ad ottenere il miglior risultato in questi anni da professionista, ma è in programma il 25 ottobre e quindi se partecipasse al Tour de France poi faticherebbe a restare in condizione per oltre trenta giorni dalla fine del primo GT dell'anno. Questo discorso è diverso per corridori come Van Averamet, Kristoff e Degenkolb perché anche se prendessero parte al Tour de France, come tra l'altro sarà, riuscirebbero a concludere la Grande Boucle senza aver utilizzato tutte le loro energie, perché molte tappe non adatte alle loro caratteristiche le correrebbero senza pressione, mentre Moscon ogni giorno dovrebbe lavorare per la sua squadra.
Quoto, come anche il messaggio precedente di Mattia.
Solo c'è il timore che i suoi comportamenti abbiano contribuito a fargli perdere posizioni nella gerarchia Ineos, e a maggior ragione fosse in partenza per altri lidi. Sportivamente sarebbe un peccato perchè come si è visto anche negli ultimi 2 mondiali è competitivo anche in gare molto diverse tra loro. Quello che voglio dire è che per le gare in linea è potenzialmente l' Ineos più forte con Kwiatkowski , adesso tocca a lui dimostrarlo in corsa


Uguaglianza, Fratellanza e Tolleranza
.·. Sic Semper Tyrannis .·.

Uganda
Messaggi: 59
Iscritto il: martedì 2 giugno 2020, 19:41

Re: Gianni Moscon

Messaggio da leggere da Uganda » mercoledì 3 giugno 2020, 21:22

mattia_95 ha scritto:
mercoledì 3 giugno 2020, 17:49
Questo perchè il trentino non è un fuoriclasse come Matthews o Demare
Fuoriclasse nel senso che a scuola venivano sbattuti fuori molto spesso perchè facevano delle marachelle. :dunce:



mattia_95
Messaggi: 982
Iscritto il: giovedì 16 novembre 2017, 22:21

Re: Gianni Moscon

Messaggio da leggere da mattia_95 » mercoledì 3 giugno 2020, 22:11

Uganda ha scritto:
mercoledì 3 giugno 2020, 21:22
mattia_95 ha scritto:
mercoledì 3 giugno 2020, 17:49
Questo perchè il trentino non è un fuoriclasse come Matthews o Demare
Fuoriclasse nel senso che a scuola venivano sbattuti fuori molto spesso perchè facevano delle marachelle. :dunce:
Esatto. Sei l’unico ad aver capito il senso della mia frase. Moscon le marachelle le fa adesso in corsa e non in passato a scuola, per questo motivo avevo scritto che non è un fuoriclasse.



Cthulhu
Messaggi: 572
Iscritto il: martedì 11 ottobre 2011, 21:36

Re: Vincenzo Nibali 2020

Messaggio da leggere da Cthulhu » lunedì 15 giugno 2020, 21:09

NibalAru ha scritto:
lunedì 15 giugno 2020, 19:10
Cthulhu ha scritto:
lunedì 15 giugno 2020, 18:10
Però è un po' triste che l'unico italiano di cui si parla e per cui si fa il tifo sia un tizio di 36 anni...
Io tifo anche Aru, ma ormai mi sembra difficile rivedere l'Aru dei tempi belli, anche se spero sempre in un segnale di ripresa prima o poi perchè in fondo l'età non lo condanna ancora.

Mi è sempre stato molto simpatico Pozzovivo, ma oltre a non essere un grande campione nel suo caso parliamo di uno che è addirittura più vecchio di Nibali.

Tra i nuovi mi piacciono molto Ciccone e Masnada, e spero che quest'anno facciano qualcosa che ci possa far sognare in prospettiva futura confermando e migliorando quanto fatto vedere la stagione passata. Ma da qui a pronosticarne una carriera alla Nibali ce ne passa.

Come uomini da classiche dei nostri mi piacciono Trentin (che è bravo ma comunque non è un fuoriclasse e purtroppo agli scorsi mondiali mi sa proprio che ha sprecato l'occasione della vita) e Moscon che spero che esploda finalmente e la smetta di fare in eterno il gregario alla Ineos nelle corse a tappe per concentrarsi dove ha tutto per diventare veramente un Campione, ovvero nelle corse di un giorno.

Poi chi ci rimane di italiani buoni? Viviani? Beh ai velocisti non riesco mai ad affezionarmi più di tanto, è più forte di me, le volate in gruppone non mi suscitano emozioni forti quindi è difficile che io possa fare il tifo per un velocista. Se non mi scaldavo nemmeno per i Cipollini e Petacchi figurati per Viviani quindi. Certo, se vince un velocista italiano mi fa sempre piacere, ma per tifo intendo altro.

Altri che possono far sperare? Forse Ganna, sperando che la Ineos lo trasformi in qualcosa di meglio di un semplice ottimo cronomen e pistard. Perchè pure i corridori specializzati solo nelle cronometro sono un'altra categoria di corridori che non mi entusiasma particolarmente. Se invece Ganna alle doti di cronomen cominciasse ad abbinare qualche altro talento magari potrei appassionarmi anche alla sua crescita.
Beh, a Moscon per essere un vincente mancano due cose che si allenano difficilmente : lo sprint e la testa.



herbie
Messaggi: 4923
Iscritto il: sabato 26 febbraio 2011, 17:19

Re: Vincenzo Nibali 2020

Messaggio da leggere da herbie » martedì 16 giugno 2020, 0:31

Cthulhu ha scritto:
lunedì 15 giugno 2020, 21:09

Beh, a Moscon per essere un vincente mancano due cose che si allenano difficilmente : lo sprint e la testa.
Si allenano difficilmente, se, su 10 corse, in 9 fai il gregario, e le tabelle che ti danno sono proprio quelle del "gregarione".....
In questo modo non solo perdi lo spunto, ma anche proprio la fiducia in te stesso.



Cthulhu
Messaggi: 572
Iscritto il: martedì 11 ottobre 2011, 21:36

Re: Vincenzo Nibali 2020

Messaggio da leggere da Cthulhu » martedì 16 giugno 2020, 10:37

herbie ha scritto:
martedì 16 giugno 2020, 0:31
Cthulhu ha scritto:
lunedì 15 giugno 2020, 21:09

Beh, a Moscon per essere un vincente mancano due cose che si allenano difficilmente : lo sprint e la testa.
Si allenano difficilmente, se, su 10 corse, in 9 fai il gregario, e le tabelle che ti danno sono proprio quelle del "gregarione".....
In questo modo non solo perdi lo spunto, ma anche proprio la fiducia in te stesso.
Mai avuto spunto. E il QI è quello che è...



NibalAru
Messaggi: 2622
Iscritto il: lunedì 23 maggio 2016, 17:05

Re: Vincenzo Nibali 2020

Messaggio da leggere da NibalAru » martedì 16 giugno 2020, 14:41

Cthulhu ha scritto:
lunedì 15 giugno 2020, 21:09
NibalAru ha scritto:
lunedì 15 giugno 2020, 19:10
Cthulhu ha scritto:
lunedì 15 giugno 2020, 18:10
Però è un po' triste che l'unico italiano di cui si parla e per cui si fa il tifo sia un tizio di 36 anni...
Io tifo anche Aru, ma ormai mi sembra difficile rivedere l'Aru dei tempi belli, anche se spero sempre in un segnale di ripresa prima o poi perchè in fondo l'età non lo condanna ancora.

Mi è sempre stato molto simpatico Pozzovivo, ma oltre a non essere un grande campione nel suo caso parliamo di uno che è addirittura più vecchio di Nibali.

Tra i nuovi mi piacciono molto Ciccone e Masnada, e spero che quest'anno facciano qualcosa che ci possa far sognare in prospettiva futura confermando e migliorando quanto fatto vedere la stagione passata. Ma da qui a pronosticarne una carriera alla Nibali ce ne passa.

Come uomini da classiche dei nostri mi piacciono Trentin (che è bravo ma comunque non è un fuoriclasse e purtroppo agli scorsi mondiali mi sa proprio che ha sprecato l'occasione della vita) e Moscon che spero che esploda finalmente e la smetta di fare in eterno il gregario alla Ineos nelle corse a tappe per concentrarsi dove ha tutto per diventare veramente un Campione, ovvero nelle corse di un giorno.

Poi chi ci rimane di italiani buoni? Viviani? Beh ai velocisti non riesco mai ad affezionarmi più di tanto, è più forte di me, le volate in gruppone non mi suscitano emozioni forti quindi è difficile che io possa fare il tifo per un velocista. Se non mi scaldavo nemmeno per i Cipollini e Petacchi figurati per Viviani quindi. Certo, se vince un velocista italiano mi fa sempre piacere, ma per tifo intendo altro.

Altri che possono far sperare? Forse Ganna, sperando che la Ineos lo trasformi in qualcosa di meglio di un semplice ottimo cronomen e pistard. Perchè pure i corridori specializzati solo nelle cronometro sono un'altra categoria di corridori che non mi entusiasma particolarmente. Se invece Ganna alle doti di cronomen cominciasse ad abbinare qualche altro talento magari potrei appassionarmi anche alla sua crescita.
Beh, a Moscon per essere un vincente mancano due cose che si allenano difficilmente : lo sprint e la testa.
Sulla testa potrei essere d'accordo, sullo spunto no. Uno che mentre tutto l'anno fa il gregarione di professione nelle corse a tappe come fa lui che a 25 anni si ritrova già con un podio al Lombardia, una top 5 alla Roubaix ed un quinto e quarto posto al Mondiale in due Mondiali molto diversi come caratteristiche, beh non è che ce ne siano tanti in giro così con queste potenzialità. Tra l'altro, se ben allenato per un certo tipo di corse secondo me non ha nemmeno bisogno dello spunto veloce per aggiudicarsi alcune grandi classiche, perchè potrebbe vincere tranquillamente per distacco viste le potenzialità che ha. Se le ha vinte Nibali 3 monumento e diverse altre classiche di un giorno in carriera, che in quanto a spunto veloce direi che è fermo o quasi (le ha infatti tutte vinte per distacco mentre tante altre volte si è piazzato arrivando con lo stesso tempo del vincitore), ce la può fare pure Moscon secondo me. Basta solo dedicarsi anima e corpo in quello in cui ha davvero talento anzichè fare il mulo del treno Ineos in eterno nelle corse a tappe.



Avatar utente
Kwaremont
Messaggi: 218
Iscritto il: martedì 21 maggio 2019, 12:59

Re: Vincenzo Nibali 2020

Messaggio da leggere da Kwaremont » martedì 16 giugno 2020, 14:52

NibalAru ha scritto:
martedì 16 giugno 2020, 14:41
Cthulhu ha scritto:
lunedì 15 giugno 2020, 21:09
NibalAru ha scritto:
lunedì 15 giugno 2020, 19:10


Io tifo anche Aru, ma ormai mi sembra difficile rivedere l'Aru dei tempi belli, anche se spero sempre in un segnale di ripresa prima o poi perchè in fondo l'età non lo condanna ancora.

Mi è sempre stato molto simpatico Pozzovivo, ma oltre a non essere un grande campione nel suo caso parliamo di uno che è addirittura più vecchio di Nibali.

Tra i nuovi mi piacciono molto Ciccone e Masnada, e spero che quest'anno facciano qualcosa che ci possa far sognare in prospettiva futura confermando e migliorando quanto fatto vedere la stagione passata. Ma da qui a pronosticarne una carriera alla Nibali ce ne passa.

Come uomini da classiche dei nostri mi piacciono Trentin (che è bravo ma comunque non è un fuoriclasse e purtroppo agli scorsi mondiali mi sa proprio che ha sprecato l'occasione della vita) e Moscon che spero che esploda finalmente e la smetta di fare in eterno il gregario alla Ineos nelle corse a tappe per concentrarsi dove ha tutto per diventare veramente un Campione, ovvero nelle corse di un giorno.

Poi chi ci rimane di italiani buoni? Viviani? Beh ai velocisti non riesco mai ad affezionarmi più di tanto, è più forte di me, le volate in gruppone non mi suscitano emozioni forti quindi è difficile che io possa fare il tifo per un velocista. Se non mi scaldavo nemmeno per i Cipollini e Petacchi figurati per Viviani quindi. Certo, se vince un velocista italiano mi fa sempre piacere, ma per tifo intendo altro.

Altri che possono far sperare? Forse Ganna, sperando che la Ineos lo trasformi in qualcosa di meglio di un semplice ottimo cronomen e pistard. Perchè pure i corridori specializzati solo nelle cronometro sono un'altra categoria di corridori che non mi entusiasma particolarmente. Se invece Ganna alle doti di cronomen cominciasse ad abbinare qualche altro talento magari potrei appassionarmi anche alla sua crescita.
Beh, a Moscon per essere un vincente mancano due cose che si allenano difficilmente : lo sprint e la testa.
Sulla testa potrei essere d'accordo, sullo spunto no. Uno che mentre tutto l'anno fa il gregarione di professione nelle corse a tappe come fa lui che a 25 anni si ritrova già con un podio al Lombardia, una top 5 alla Roubaix ed un quinto e quarto posto al Mondiale in due Mondiali molto diversi come caratteristiche, beh non è che ce ne siano tanti in giro così con queste potenzialità. Tra l'altro, se ben allenato per un certo tipo di corse secondo me non ha nemmeno bisogno dello spunto veloce per aggiudicarsi alcune grandi classiche, perchè potrebbe vincere tranquillamente per distacco viste le potenzialità che ha. Se le ha vinte Nibali 3 monumento e diverse altre classiche di un giorno in carriera, che in quanto a spunto veloce direi che è fermo o quasi (le ha infatti tutte vinte per distacco mentre tante altre volte si è piazzato arrivando con lo stesso tempo del vincitore), ce la può fare pure Moscon secondo me. Basta solo dedicarsi anima e corpo in quello in cui ha davvero talento anzichè fare il mulo del treno Ineos in eterno nelle corse a tappe.
Se non sbaglio quest'anno ha 26 anni. L'età in cui è il momento di iniziare a vincere, altrimenti si condanna ad una carriera mediocre.
Nibali a quell'età aveva già alcune vittorie e proprio a 26 vinceva la Vuelta, tanto per restare in topic.
Moscon ha fatto vedere grandissime potenzialità, sopratutto nelle due prove mondiali, però la sensazione è che non ci creda nemmeno lui. Forse è nel team sbagliato, forse è solo un problema di testa. Sinceramente mi è difficile interpretare il ragazzo...



NibalAru
Messaggi: 2622
Iscritto il: lunedì 23 maggio 2016, 17:05

Re: Vincenzo Nibali 2020

Messaggio da leggere da NibalAru » martedì 16 giugno 2020, 15:05

Kwaremont ha scritto:
martedì 16 giugno 2020, 14:52
Se non sbaglio quest'anno ha 26 anni. L'età in cui è il momento di iniziare a vincere, altrimenti si condanna ad una carriera mediocre.
Nibali a quell'età aveva già alcune vittorie e proprio a 26 vinceva la Vuelta, tanto per restare in topic.
Moscon ha fatto vedere grandissime potenzialità, sopratutto nelle due prove mondiali, però la sensazione è che non ci creda nemmeno lui. Forse è nel team sbagliato, forse è solo un problema di testa. Sinceramente mi è difficile interpretare il ragazzo...
Li ha fatti quest'anno 26 anni, ma quest'anno purtroppo ancora si è corso poco e niente. Per me semplicemente si trova nel Team sbagliato, anche perchè magari dal punto di vista economico è più conveniente fare il gregarione nelle corse a tappe alla Ineos/Sky che non il capitano nelle corse di un giorno in altre squadre meno ricche. E più che altro il problema di Sky/Ineos è che per loro contano principalmente le corse a tappe, tutto il resto è mero contorno. Un uomo da classiche in una squadra come quella britannica se vuole vincere una corsa deve fare tutto da solo o quasi, senza l'aiuto della squadra che ha tutt'altri obiettivi.
Riguardo alle vittorie ottenute sono d'accordo che dovrebbe cominciare a metterne qualcuna in più nel Palmares, ma non sta proprio a zero nonostante spenda più tempo a fare il gregario che a coltivare le ambizioni personali. Senza contare le squalifiche che lo hanno tenuto lontano dalle corse per diversi mesi della sua breve carriera. Da quando è passato professionista vanta comunque 8 vittorie in carriera. Non tante ma nemmeno poche.



mattia_95
Messaggi: 982
Iscritto il: giovedì 16 novembre 2017, 22:21

Re: Vincenzo Nibali 2020

Messaggio da leggere da mattia_95 » martedì 16 giugno 2020, 15:20

Cthulhu ha scritto:
lunedì 15 giugno 2020, 21:09
NibalAru ha scritto:
lunedì 15 giugno 2020, 19:10
Cthulhu ha scritto:
lunedì 15 giugno 2020, 18:10
Però è un po' triste che l'unico italiano di cui si parla e per cui si fa il tifo sia un tizio di 36 anni...
Io tifo anche Aru, ma ormai mi sembra difficile rivedere l'Aru dei tempi belli, anche se spero sempre in un segnale di ripresa prima o poi perchè in fondo l'età non lo condanna ancora.

Mi è sempre stato molto simpatico Pozzovivo, ma oltre a non essere un grande campione nel suo caso parliamo di uno che è addirittura più vecchio di Nibali.

Tra i nuovi mi piacciono molto Ciccone e Masnada, e spero che quest'anno facciano qualcosa che ci possa far sognare in prospettiva futura confermando e migliorando quanto fatto vedere la stagione passata. Ma da qui a pronosticarne una carriera alla Nibali ce ne passa.

Come uomini da classiche dei nostri mi piacciono Trentin (che è bravo ma comunque non è un fuoriclasse e purtroppo agli scorsi mondiali mi sa proprio che ha sprecato l'occasione della vita) e Moscon che spero che esploda finalmente e la smetta di fare in eterno il gregario alla Ineos nelle corse a tappe per concentrarsi dove ha tutto per diventare veramente un Campione, ovvero nelle corse di un giorno.

Poi chi ci rimane di italiani buoni? Viviani? Beh ai velocisti non riesco mai ad affezionarmi più di tanto, è più forte di me, le volate in gruppone non mi suscitano emozioni forti quindi è difficile che io possa fare il tifo per un velocista. Se non mi scaldavo nemmeno per i Cipollini e Petacchi figurati per Viviani quindi. Certo, se vince un velocista italiano mi fa sempre piacere, ma per tifo intendo altro.

Altri che possono far sperare? Forse Ganna, sperando che la Ineos lo trasformi in qualcosa di meglio di un semplice ottimo cronomen e pistard. Perchè pure i corridori specializzati solo nelle cronometro sono un'altra categoria di corridori che non mi entusiasma particolarmente. Se invece Ganna alle doti di cronomen cominciasse ad abbinare qualche altro talento magari potrei appassionarmi anche alla sua crescita.
Beh, a Moscon per essere un vincente mancano due cose che si allenano difficilmente : lo sprint e la testa.
Moscon non è così fermo in volata. Ovviamente ci sono molti altri corridori da classiche molto più veloci di lui però considerando che è in grado di essere competitivo anche in corse dure, vedi Il Lombardia, riesce ad avere un buono spunto veloce.

Nella sua prima stagione da prof. è arrivato nella top ten del GP di Montreal dopo una volata. L'anno successivo ha ottenuto un secondo posto dietro a Trentin in uno sprint della Vuelta, dopo aver lavorato per Froome. Nel 2018 è salito sul podio della Coppa Sabatini sempre al termine di una volata. Sono solo alcuni casi in cui si è visto che riesce ad avere un discreto spunto di velocità. Poi certamente ci sono tante altre occasioni in cui non si è esaltato allo sprint ma non perché era scarso in volata bensì perché non andava proprio in quel periodo.

Spero vivamente che si possa recuperare Moscon perché ha un bel motore. Un corridore che a 23 anni riesce ad arrivare nella stessa stagione nella top 5 della Roubaix e de Il Lombardia vuol dire che ha un gran motore.

Purtroppo però in queste ultime due stagioni tra le sue "mosconate" e la mancanza di fiducia da parte della squadra si è proprio perso. Lui deve sia migliorare di testa che trovare una squadra che gli dia fiducia. Il suo problema non è stato che al Team Ineos con tutti i campioni che ci sono non ha trovato il suo spazio ma che la squadra non gli ha trasmesso la giusta fiducia. Non a caso con Cassani in nazionale lui si è rigenerato, riuscendo ad arrivare nei primi cinque al mondiale del 2018 e del 2019. E un corridore che ottiene questi risultati, tra l'altro in due corse molto diverse da un punto di vista altimetrico, significa che è talentuoso. Soprattutto perché in entrambe le occasioni non era la punta dell'Italia ma è stato in grado di ritagliarsi il suo spazio.

Per questo penso che se si ritrovasse, sarebbe lui il corridore a cui affidarsi nelle corse di un giorno dopo Nibali



mattia_95
Messaggi: 982
Iscritto il: giovedì 16 novembre 2017, 22:21

Re: Vincenzo Nibali 2020

Messaggio da leggere da mattia_95 » martedì 16 giugno 2020, 15:39

NibalAru ha scritto:
martedì 16 giugno 2020, 15:05
Kwaremont ha scritto:
martedì 16 giugno 2020, 14:52
Se non sbaglio quest'anno ha 26 anni. L'età in cui è il momento di iniziare a vincere, altrimenti si condanna ad una carriera mediocre.
Nibali a quell'età aveva già alcune vittorie e proprio a 26 vinceva la Vuelta, tanto per restare in topic.
Moscon ha fatto vedere grandissime potenzialità, sopratutto nelle due prove mondiali, però la sensazione è che non ci creda nemmeno lui. Forse è nel team sbagliato, forse è solo un problema di testa. Sinceramente mi è difficile interpretare il ragazzo...
Li ha fatti quest'anno 26 anni, ma quest'anno purtroppo ancora si è corso poco e niente. Per me semplicemente si trova nel Team sbagliato, anche perchè magari dal punto di vista economico è più conveniente fare il gregarione nelle corse a tappe alla Ineos/Sky che non il capitano nelle corse di un giorno in altre squadre meno ricche. E più che altro il problema di Sky/Ineos è che per loro contano principalmente le corse a tappe, tutto il resto è mero contorno. Un uomo da classiche in una squadra come quella britannica se vuole vincere una corsa deve fare tutto da solo o quasi, senza l'aiuto della squadra che ha tutt'altri obiettivi.
Riguardo alle vittorie ottenute sono d'accordo che dovrebbe cominciare a metterne qualcuna in più nel Palmares, ma non sta proprio a zero nonostante spenda più tempo a fare il gregario che a coltivare le ambizioni personali. Senza contare le squalifiche che lo hanno tenuto lontano dalle corse per diversi mesi della sua breve carriera. Da quando è passato professionista vanta comunque 8 vittorie in carriera. Non tante ma nemmeno poche.
Più che a concentrarmi sulle sue 8 vittorie mi soffermerei suoi suoi piazzamenti.

Dico questo perché i suoi successi non sono stati eccezionali. Vincere l'Arctic Race of Norway davanti a Clement e Gatto, il Tour of Guangxi davanti a Großschartner e Chernetski e la Coppa Agostoni davanti a Taaramäee Gasparotto non mi paiono grandissimi successi. Anche se meglio vincere qualche corsa, piuttosto che niente.

Però sono stati cinque suoi piazzamenti ad aver impressionato tutti: 5° alla Roubaix, 6° alla crono mondiale e 3° al Lombardia nel 2017, 5° al mondiale in linea nel 2018 e 4° al mondiale in linea nel 2019.



Mario Rossi
Messaggi: 593
Iscritto il: giovedì 1 novembre 2018, 14:57

Re: Gianni Moscon

Messaggio da leggere da Mario Rossi » martedì 16 giugno 2020, 16:15

Leggevo il discorso che facevate su Moscon sul thred di Nibali e, un po'per fare il primo della classe, un po' per ordine scrivo qui quanto penso per riportare in auge il discorso.

Secondo me tutte le vostre osservazioni sono corrette, ma vi dimenticate una cosa. È stato Gianni a firmare il quinquiennale con Ineos. Dovete capire che nessuno lo ha obbligato. Purtoppo i ciclisti italiani dovrebbero ragionare come i belga (Evenepoel ha rifiutato Ineos, Gilbert è scappato da Lefevere perchè ha altre ambizioni, GVA segue Ochowic perchè gli permette di essere leader e idem Wellens e Benoot) e non andare dove tirano i soldi maggiori. Esperienze simili, prima di firmare c'erano già. Non è che Kwiato, Flecha, Rowe, Stannard, Kennaugh fossero tanto distanti da lui. Quando ha firmato il rinnovo era in stato di trance? Certo che no.
Ora ci ritroviamo con un ragazzo di 26 anni, che nella vita pare Stuyven, due mezzi aspettando Godot, che hanno una certa età e non si vede una via di uscita al tunnel. Pure, se dovesse andare in porto, la scelta della Trek sarebbe ancor più deleteria della Ineos. Gli statunitensi puntano ai GT e il rischio di fare il gregario a Nibali Ciccone o Porte è presente.
I procuratori, non dico intelligenti, ma comunque attenti non ai soldi, andrebbero a bussare da Lefevere, da Sunweb, da Ag2r, da Bora, insomma da tutte quelle squadre da classiche per fare non dico il capitano, ma per poter correre da branco di lupi. Bettiol ha vinto da fenomeno, ma se non c'erano Langeveld e Vanmarcke a fare da stopper forse Asgren ci sarebbe andato più vicino.
Per me il ragazzo manca di buoni consiglieri. Il talento c'è e c'è sempre stato.



NibalAru
Messaggi: 2622
Iscritto il: lunedì 23 maggio 2016, 17:05

Re: Vincenzo Nibali 2020

Messaggio da leggere da NibalAru » martedì 16 giugno 2020, 16:33

mattia_95 ha scritto:
martedì 16 giugno 2020, 15:39
NibalAru ha scritto:
martedì 16 giugno 2020, 15:05
Kwaremont ha scritto:
martedì 16 giugno 2020, 14:52
Se non sbaglio quest'anno ha 26 anni. L'età in cui è il momento di iniziare a vincere, altrimenti si condanna ad una carriera mediocre.
Nibali a quell'età aveva già alcune vittorie e proprio a 26 vinceva la Vuelta, tanto per restare in topic.
Moscon ha fatto vedere grandissime potenzialità, sopratutto nelle due prove mondiali, però la sensazione è che non ci creda nemmeno lui. Forse è nel team sbagliato, forse è solo un problema di testa. Sinceramente mi è difficile interpretare il ragazzo...
Li ha fatti quest'anno 26 anni, ma quest'anno purtroppo ancora si è corso poco e niente. Per me semplicemente si trova nel Team sbagliato, anche perchè magari dal punto di vista economico è più conveniente fare il gregarione nelle corse a tappe alla Ineos/Sky che non il capitano nelle corse di un giorno in altre squadre meno ricche. E più che altro il problema di Sky/Ineos è che per loro contano principalmente le corse a tappe, tutto il resto è mero contorno. Un uomo da classiche in una squadra come quella britannica se vuole vincere una corsa deve fare tutto da solo o quasi, senza l'aiuto della squadra che ha tutt'altri obiettivi.
Riguardo alle vittorie ottenute sono d'accordo che dovrebbe cominciare a metterne qualcuna in più nel Palmares, ma non sta proprio a zero nonostante spenda più tempo a fare il gregario che a coltivare le ambizioni personali. Senza contare le squalifiche che lo hanno tenuto lontano dalle corse per diversi mesi della sua breve carriera. Da quando è passato professionista vanta comunque 8 vittorie in carriera. Non tante ma nemmeno poche.
Più che a concentrarmi sulle sue 8 vittorie mi soffermerei suoi suoi piazzamenti.

Dico questo perché i suoi successi non sono stati eccezionali. Vincere l'Arctic Race of Norway davanti a Clement e Gatto, il Tour of Guangxi davanti a Großschartner e Chernetski e la Coppa Agostoni davanti a Taaramäee Gasparotto non mi paiono grandissimi successi. Anche se meglio vincere qualche corsa, piuttosto che niente.

Però sono stati cinque suoi piazzamenti ad aver impressionato tutti: 5° alla Roubaix, 6° alla crono mondiale e 3° al Lombardia nel 2017, 5° al mondiale in linea nel 2018 e 4° al mondiale in linea nel 2019.
Vero, ma ha vinto anche un Giro di Toscana davanti a Bardet e Pozzovivo e due Campionati italiani a Crono. Questo per dire che il ragazzo ha doti sia in salita che sul passo. Il motore è ottimo, va solo perfezionato e messo a punto secondo me.



Avatar utente
aitutaki1
Messaggi: 962
Iscritto il: sabato 25 ottobre 2014, 12:02
Località: Trecianum

Re: Gianni Moscon

Messaggio da leggere da aitutaki1 » martedì 16 giugno 2020, 16:35

Mario Rossi ha scritto:
martedì 16 giugno 2020, 16:15
Leggevo il discorso che facevate su Moscon sul thred di Nibali e, un po'per fare il primo della classe, un po' per ordine scrivo qui quanto penso per riportare in auge il discorso.

Secondo me tutte le vostre osservazioni sono corrette, ma vi dimenticate una cosa. È stato Gianni a firmare il quinquiennale con Ineos. Dovete capire che nessuno lo ha obbligato. Purtoppo i ciclisti italiani dovrebbero ragionare come i belga (Evenepoel ha rifiutato Ineos, Gilbert è scappato da Lefevere perchè ha altre ambizioni, GVA segue Ochowic perchè gli permette di essere leader e idem Wellens e Benoot) e non andare dove tirano i soldi maggiori. Esperienze simili, prima di firmare c'erano già. Non è che Kwiato, Flecha, Rowe, Stannard, Kennaugh fossero tanto distanti da lui. Quando ha firmato il rinnovo era in stato di trance? Certo che no.
Ora ci ritroviamo con un ragazzo di 26 anni, che nella vita pare Stuyven, due mezzi aspettando Godot, che hanno una certa età e non si vede una via di uscita al tunnel. Pure, se dovesse andare in porto, la scelta della Trek sarebbe ancor più deleteria della Ineos. Gli statunitensi puntano ai GT e il rischio di fare il gregario a Nibali Ciccone o Porte è presente.
I procuratori, non dico intelligenti, ma comunque attenti non ai soldi, andrebbero a bussare da Lefevere, da Sunweb, da Ag2r, da Bora, insomma da tutte quelle squadre da classiche per fare non dico il capitano, ma per poter correre da branco di lupi. Bettiol ha vinto da fenomeno, ma se non c'erano Langeveld e Vanmarcke a fare da stopper forse Asgren ci sarebbe andato più vicino.
Per me il ragazzo manca di buoni consiglieri. Il talento c'è e c'è sempre stato.
Non sono per nulla del tuo stesso parere (sportivamente si ma la pratica è cosa diversa) , perchè parliamo di professionisti e il "dovere" di un agente è monetizzare la carriera del suo assistito. Il paragone con Remco non credo sia ragionevole perchè il belga era comunque una star in pectore , e infatti aldilà dell' ingaggio ha sponsorizzazioni cospicue che garantivano libertà di scelta. Poi Moscon ci ha messo del suo e anche parecchio per fermare la sua crescita, certo la Sky/Ineos lo avrebbe utilizzato principalmente come supporto nei GT ma poteva giocarsi meglio le sue possibilità per le corse in linea.
Tra sospensione e richiami ha perso molte occasioni, poi senza voler condannare eccessivamente il ragazzo per una realtà anglosassone il razzismo è un tema sensibile ancora di più che per una squadra nostrana.
E anche se la Trek non ha una squadra votata alle classiche e ancor meno alle pietre Gianni ha la stoffa per cavarsela da solo.


Uguaglianza, Fratellanza e Tolleranza
.·. Sic Semper Tyrannis .·.

NibalAru
Messaggi: 2622
Iscritto il: lunedì 23 maggio 2016, 17:05

Re: Gianni Moscon

Messaggio da leggere da NibalAru » martedì 16 giugno 2020, 16:40

Mario Rossi ha scritto:
martedì 16 giugno 2020, 16:15
Leggevo il discorso che facevate su Moscon sul thred di Nibali e, un po'per fare il primo della classe, un po' per ordine scrivo qui quanto penso per riportare in auge il discorso.

Secondo me tutte le vostre osservazioni sono corrette, ma vi dimenticate una cosa. È stato Gianni a firmare il quinquiennale con Ineos. Dovete capire che nessuno lo ha obbligato. Purtoppo i ciclisti italiani dovrebbero ragionare come i belga (Evenepoel ha rifiutato Ineos, Gilbert è scappato da Lefevere perchè ha altre ambizioni, GVA segue Ochowic perchè gli permette di essere leader e idem Wellens e Benoot) e non andare dove tirano i soldi maggiori. Esperienze simili, prima di firmare c'erano già. Non è che Kwiato, Flecha, Rowe, Stannard, Kennaugh fossero tanto distanti da lui. Quando ha firmato il rinnovo era in stato di trance? Certo che no.
Ora ci ritroviamo con un ragazzo di 26 anni, che nella vita pare Stuyven, due mezzi aspettando Godot, che hanno una certa età e non si vede una via di uscita al tunnel. Pure, se dovesse andare in porto, la scelta della Trek sarebbe ancor più deleteria della Ineos. Gli statunitensi puntano ai GT e il rischio di fare il gregario a Nibali Ciccone o Porte è presente.
I procuratori, non dico intelligenti, ma comunque attenti non ai soldi, andrebbero a bussare da Lefevere, da Sunweb, da Ag2r, da Bora, insomma da tutte quelle squadre da classiche per fare non dico il capitano, ma per poter correre da branco di lupi. Bettiol ha vinto da fenomeno, ma se non c'erano Langeveld e Vanmarcke a fare da stopper forse Asgren ci sarebbe andato più vicino.
Per me il ragazzo manca di buoni consiglieri. Il talento c'è e c'è sempre stato.
Sono molto d'accordo con quanto dici :cincin:



mattia_95
Messaggi: 982
Iscritto il: giovedì 16 novembre 2017, 22:21

Re: Gianni Moscon

Messaggio da leggere da mattia_95 » martedì 16 giugno 2020, 17:16

La Trek non mi sembra una squadra non adatta per Moscon.

A differenza del Team Ineos, alla Trek non sono totalmente votati per la classifica nei GT ma lasciano spazio anche ad altri corridori per puntare a vincere delle tappe. Ad esempio l'anno scorso al Tour avevano Porte, Mollema e Ciccone che erano interessati alla classifica ma Stuyven ha disputato tutte le volate ottenendo diverse top 10 e gli anni prima tutto questo lo aveva fatto Degenkolb anche se in squadra avevano dei big per la generale.

Inoltre, nelle corse di un giorno troverebbe in squadra corridori come Stuyven, Pedersen e Theuns con cui dividersi il ruolo di capitano e non sarebbe male come squadra.



pietro
Messaggi: 1524
Iscritto il: mercoledì 18 marzo 2020, 19:32

Re: Gianni Moscon

Messaggio da leggere da pietro » martedì 16 giugno 2020, 19:47

Mario Rossi ha scritto:
martedì 16 giugno 2020, 16:15
Pure, se dovesse andare in porto, la scelta della Trek sarebbe ancor più deleteria della Ineos. Gli statunitensi puntano ai GT e il rischio di fare il gregario a Nibali Ciccone o Porte è presente.
La differenza è che anche se nella Trek dovrà lavorare per Nibali nelle tappe più difficili, gli lasceranno il suo spazio, ma soprattutto non lo alleneranno con lo scopo di farlo tirare più chilometri possibili nei G.T.



Avatar utente
nino58
Messaggi: 11664
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 14:38

Re: Gianni Moscon

Messaggio da leggere da nino58 » mercoledì 17 giugno 2020, 8:15

L'unica corsa in cui può giocarsi seriamente le sue carte è il Mondiale (intendo in generale, non riguardo all'anno specifico) perchè Cassani potrebbe mettergli a disposizione tutta la squadra.
Roubaix e Fiandre anche, ma meno, perchè la squadra lì è un po' scoperta.


Von Rock ? Nein, danke.
Diritto di correre senza condizioni a chi ha scontato una squalifica !!!

mattia_95
Messaggi: 982
Iscritto il: giovedì 16 novembre 2017, 22:21

Re: Gianni Moscon

Messaggio da leggere da mattia_95 » mercoledì 17 giugno 2020, 10:45

nino58 ha scritto:
mercoledì 17 giugno 2020, 8:15
L'unica corsa in cui può giocarsi seriamente le sue carte è il Mondiale (intendo in generale, non riguardo all'anno specifico) perchè Cassani potrebbe mettergli a disposizione tutta la squadra.
Roubaix e Fiandre anche, ma meno, perchè la squadra lì è un po' scoperta.
Moscon ha ricevuto fiducia da Cassani ma non dal Team Ineos. Trasmettere fiducia ad un corridore non significa mettergli tutta la squadra a disposizione. Infatti, nelle ultime due stagioni non era il capitano e nemmeno il vice ma è riuscito a centrare due top 5.

Se trovasse una squadra che gli sappia trasmettere fiducia potrà essere competitivo in altre corse. Anche senza avere la squadra a disposizione.



Avatar utente
nino58
Messaggi: 11664
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 14:38

Re: Gianni Moscon

Messaggio da leggere da nino58 » mercoledì 17 giugno 2020, 14:30

mattia_95 ha scritto:
mercoledì 17 giugno 2020, 10:45
nino58 ha scritto:
mercoledì 17 giugno 2020, 8:15
L'unica corsa in cui può giocarsi seriamente le sue carte è il Mondiale (intendo in generale, non riguardo all'anno specifico) perchè Cassani potrebbe mettergli a disposizione tutta la squadra.
Roubaix e Fiandre anche, ma meno, perchè la squadra lì è un po' scoperta.
Moscon ha ricevuto fiducia da Cassani ma non dal Team Ineos. Trasmettere fiducia ad un corridore non significa mettergli tutta la squadra a disposizione. Infatti, nelle ultime due stagioni non era il capitano e nemmeno il vice ma è riuscito a centrare due top 5.

Se trovasse una squadra che gli sappia trasmettere fiducia potrà essere competitivo in altre corse. Anche senza avere la squadra a disposizione.
Magari !!! ;)


Von Rock ? Nein, danke.
Diritto di correre senza condizioni a chi ha scontato una squalifica !!!

Mario Rossi
Messaggi: 593
Iscritto il: giovedì 1 novembre 2018, 14:57

Re: Gianni Moscon

Messaggio da leggere da Mario Rossi » mercoledì 17 giugno 2020, 14:43

mattia_95 ha scritto:
mercoledì 17 giugno 2020, 10:45
nino58 ha scritto:
mercoledì 17 giugno 2020, 8:15
L'unica corsa in cui può giocarsi seriamente le sue carte è il Mondiale (intendo in generale, non riguardo all'anno specifico) perchè Cassani potrebbe mettergli a disposizione tutta la squadra.
Roubaix e Fiandre anche, ma meno, perchè la squadra lì è un po' scoperta.
Moscon ha ricevuto fiducia da Cassani ma non dal Team Ineos. Trasmettere fiducia ad un corridore non significa mettergli tutta la squadra a disposizione. Infatti, nelle ultime due stagioni non era il capitano e nemmeno il vice ma è riuscito a centrare due top 5.

Se trovasse una squadra che gli sappia trasmettere fiducia potrà essere competitivo in altre corse. Anche senza avere la squadra a disposizione.
Ma abbiamo visto gare diverse o, quando Gianni era capitano unico senza una grande squadra che lo copriva ha sempre fallito?

Magari sbaglio io, ma l'Italia, sia nel 2018 che nel 2019 ha corso di squadra, si coprivano a vicenda, erano interscambiabili perchè non c'era un uomo di punta ( su Trentin non avrei scommesso un euro, eppure è stato messe nelle condizioni di) , sembravano la QS. Secondo me, nonostante abbia le potenzialità di Bettini, ha bisogno di correre in una squadra dove possa fare la sua parte, cioè vincere le classiche di forza con attacchi dai meno 25, 30, sapendo di essere coperto e con la consapevolezza che può essere lasciato andare.

La fiducia perdonatemi centra poco, perchè se uno fa certe scelte basta guardare il conto in banca per essere più sicuri di Froome sul Finestre. Se vuole crescere, per me, la Trek non è la scelta giusta. Una squadra che vende Degenkolp per Nibali, che si sta accaparrando ottimi talenti per i GT (Simmons Tiberi e Ciccone) ha in mente altre cose. Poi se vogliamo pensare che sotto l'influenza di Zio Enzo possa acquisire mentalità sono il primo a pensarlo, ma se da solo non ce l'ha fatta in Sky, che più volte ha coperto le sue marachelle, non vedo come possa farcela in Trek.

Per me dovrebbe davvero ridursi a un decimo lo stipendio, andare da Lefevere, perchè sarebbe perfetto con il loro modo di intendere le classiche, e, per me, ha le potenzialità di vincere tutte le monumento, e la sua storia lo ha dimostrato. Solo sul Fiandre sono scettico, ma sulle altre il talento non manca.



Primo86
Messaggi: 144
Iscritto il: martedì 2 ottobre 2018, 1:05

Re: Gianni Moscon

Messaggio da leggere da Primo86 » mercoledì 17 giugno 2020, 18:35

Mario Rossi ha scritto:
mercoledì 17 giugno 2020, 14:43
[


( su Trentin non avrei scommesso un euro, eppure è stato messe nelle condizioni di) ,
È stato messo nella condizioni di?
Da chi?



pietro
Messaggi: 1524
Iscritto il: mercoledì 18 marzo 2020, 19:32

Re: Gianni Moscon

Messaggio da leggere da pietro » mercoledì 17 giugno 2020, 19:11

Primo86 ha scritto:
mercoledì 17 giugno 2020, 18:35
Mario Rossi ha scritto:
mercoledì 17 giugno 2020, 14:43
[


( su Trentin non avrei scommesso un euro, eppure è stato messe nelle condizioni di) ,
È stato messo nella condizioni di?
Da chi?
Dalle sue gambe :D



marco_graz
Messaggi: 1326
Iscritto il: giovedì 6 ottobre 2016, 16:26

Re: Gianni Moscon

Messaggio da leggere da marco_graz » giovedì 18 giugno 2020, 10:09

pietro ha scritto:
mercoledì 17 giugno 2020, 19:11
Primo86 ha scritto:
mercoledì 17 giugno 2020, 18:35
Mario Rossi ha scritto:
mercoledì 17 giugno 2020, 14:43
[


( su Trentin non avrei scommesso un euro, eppure è stato messe nelle condizioni di) ,
È stato messo nella condizioni di?
Da chi?
Dalle sue gambe :D
Sicuramente dalle sue gambe, ma certo la nazionale non e' stata inutile, sicuramente con Moscon che ha fomentato l'azione, e poi da chi l'ha tenuto coperto per tanti km. Poi senza gambe ovviamente non era sicuramente li.

Ma visto che siamo nel topic di Moscon, cos'avrebbe potuto fare Gianni se non fosse rientrato Trentin? visto poi che VDP si e staccato, avrebbe potuto vincere? Ovviamente essendo 1v2 e venendo da gare non brillanti non ci si poteva puntare, pero' col senno di poi, magari nascondendosi dietro il capitano dietro.. :diavoletto:



pietro
Messaggi: 1524
Iscritto il: mercoledì 18 marzo 2020, 19:32

Re: Gianni Moscon

Messaggio da leggere da pietro » giovedì 18 giugno 2020, 10:18

marco_graz ha scritto:
giovedì 18 giugno 2020, 10:09

Ma visto che siamo nel topic di Moscon, cos'avrebbe potuto fare Gianni se non fosse rientrato Trentin? visto poi che VDP si e staccato, avrebbe potuto vincere? Ovviamente essendo 1v2 e venendo da gare non brillanti non ci si poteva puntare, pero' col senno di poi, magari nascondendosi dietro il capitano dietro.. :diavoletto:
Podio sicuro :diavoletto:
Però lui ha speso tutte le energie per aiutare Trentin.
Fosse stato l'unico della Nazionale avrebbe potuto provare un'azione sul tratto in salita dove Pedersen aveva perso qualche metro.



marco_graz
Messaggi: 1326
Iscritto il: giovedì 6 ottobre 2016, 16:26

Re: Gianni Moscon

Messaggio da leggere da marco_graz » giovedì 18 giugno 2020, 10:23

pietro ha scritto:
giovedì 18 giugno 2020, 10:18
marco_graz ha scritto:
giovedì 18 giugno 2020, 10:09

Ma visto che siamo nel topic di Moscon, cos'avrebbe potuto fare Gianni se non fosse rientrato Trentin? visto poi che VDP si e staccato, avrebbe potuto vincere? Ovviamente essendo 1v2 e venendo da gare non brillanti non ci si poteva puntare, pero' col senno di poi, magari nascondendosi dietro il capitano dietro.. :diavoletto:
Podio sicuro :diavoletto:
Però lui ha speso tutte le energie per aiutare Trentin.
Fosse stato l'unico della Nazionale avrebbe potuto provare un'azione sul tratto in salita dove Pedersen aveva perso qualche metro.
Ecco a quello volevo arrivare, alla fine col senno di poi che Trentin sia rientrato potrebbe aver peggiorato il risultato finale :crazy: Comunque non voglio sminuire nessuno, per me ci siamo giocati al meglio le nostre carte e gia' che Matteo sia l'unico ad essere rimasto con VDP e' qualcosa che lo eleva ad un'altra dimensione, peccato non abbia finalizzato



Avatar utente
nino58
Messaggi: 11664
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 14:38

Re: Gianni Moscon

Messaggio da leggere da nino58 » giovedì 18 giugno 2020, 11:45

marco_graz ha scritto:
giovedì 18 giugno 2020, 10:23
pietro ha scritto:
giovedì 18 giugno 2020, 10:18
marco_graz ha scritto:
giovedì 18 giugno 2020, 10:09

Ma visto che siamo nel topic di Moscon, cos'avrebbe potuto fare Gianni se non fosse rientrato Trentin? visto poi che VDP si e staccato, avrebbe potuto vincere? Ovviamente essendo 1v2 e venendo da gare non brillanti non ci si poteva puntare, pero' col senno di poi, magari nascondendosi dietro il capitano dietro.. :diavoletto:
Podio sicuro :diavoletto:
Però lui ha speso tutte le energie per aiutare Trentin.
Fosse stato l'unico della Nazionale avrebbe potuto provare un'azione sul tratto in salita dove Pedersen aveva perso qualche metro.
Ecco a quello volevo arrivare, alla fine col senno di poi che Trentin sia rientrato potrebbe aver peggiorato il risultato finale :crazy: Comunque non voglio sminuire nessuno, per me ci siamo giocati al meglio le nostre carte e gia' che Matteo sia l'unico ad essere rimasto con VDP e' qualcosa che lo eleva ad un'altra dimensione, peccato non abbia finalizzato
Sì, anche perchè non fossero rientrati Trentin e MVDP, poteva pure darsi che sarebbero stati ripresi dal "gruppo".


Von Rock ? Nein, danke.
Diritto di correre senza condizioni a chi ha scontato una squalifica !!!

Rispondi