Telecronache leggendarie

Il mondo dei professionisti tra gare e complessità, e più in generale l'approccio al ciclismo di ogni appassionato
Avatar utente
barrylyndon
Messaggi: 13930
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 15:20

Re: Telecronache leggendarie

Messaggio da leggere da barrylyndon » giovedì 2 gennaio 2020, 22:16

Tutto puo' essere...ma gia'' il giorno dopo Indurain, se ricordo bene, dette l'impressione di averne e di aver scalato l'Alpe non a tutta...
E non dimenticarti che c'era una crono di 65 km a poche tappe da Parigi.


Nibali sta a Froome come Thoeni stava a Klammer.


Road Runner
Messaggi: 668
Iscritto il: martedì 8 novembre 2016, 11:44

Re: Telecronache leggendarie

Messaggio da leggere da Road Runner » venerdì 3 gennaio 2020, 4:49

herbie ha scritto:
giovedì 2 gennaio 2020, 21:12
barrylyndon ha scritto:
giovedì 2 gennaio 2020, 5:50

6) Con i se e con i ma da qualche parte si va..dipende da chi si parteggia.Ma in coscienza, Indurain diffcilmente avrebbe perso quel Tour.
in quella tappa, a circa 3 km. da Sestriere, quando Indurain prese in mano in prima persona le redini dell'inseguimento, fece una azione decisa per andare a prendere Chiappucci che ormai vedeva. Giunse fino a circa 30 secondi, anche se la grafica non lo certificava ci fu un momento in cui era veramente ad un tiro di schioppo.
Poi la regia francese staccò su Chiappucci che stava comunque arrivando. Arrivò a braccia alzate quando ci si aspettava che passasse Indurain come un treno a poche centinaia di metri dall'arrivo, rispettando il trend.
Viceversa, in fondo al rettilineo spuntò Vona che ai - 2 era DIETRO Indurain. Indurain riperse da un corridore in fuga da 150, nell'ultimo chilometro tutto quanto riguadagnato con la sparata precedente. Il che significa che quel giorno era proprio giusto, in una situazione di tensione assai simile a quella che prosciugò Armstrong sulla Joux Plane.
Io credo che Bugno non se ne accorse, ma quel giorno cambiò di molto la storia del Tour.
Esattamente !! Indurain si lanciò all'inseguimento anche con una certa supponenza, dopo che era rimasto quasi a ruota tutto il giorno, ma invece di asfaltare Chiappucci rimbalzò indietro clamorosamente !! Questo la dice lunga di come sarebbe finita se non avesse avuto Bugno come gragario tutto il giorno...



Winter
Messaggi: 15014
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Re: Telecronache leggendarie

Messaggio da leggere da Winter » venerdì 3 gennaio 2020, 6:15

bugnogianni ha scritto:
giovedì 2 gennaio 2020, 0:45
Road Runner ha scritto:
mercoledì 1 gennaio 2020, 7:31
Riaccendiamo subito la polemica di Capodanno:
il giorno dopo Marco stravinse la tappa, ma un certo Gianni Bugno gli fece perdere il Giro.
La maggioranza qui ricorda il Gianni come un idolo, io invece non riesco a dimenticare che
fece perdere il Giro del 94 a Pantani e il Tour del 92 a Chiappucci.
(oltre che a spedire in galera, verme, il povero Morassut per 15 giorni per la storia delle videocassette imbottite di anfetamine che erano
indirizzate a suo padre).
Non ricordo l'evento del '94, ma che Chiappucci potesse davvero vincere il Tour '92 neanche nei sogni più bagnati di De Zan.
Dopo il Sestriere?
Il Diablo era l unico che poteva insidiare indurain
Bugno fece un gravissimo errore tattico
Con quella assurda tirata di km
Doveva lasciare fare tutto alla squadra di Miguel
E poi partire da solo
Invece fece il gregario



Road Runner
Messaggi: 668
Iscritto il: martedì 8 novembre 2016, 11:44

Re: Telecronache leggendarie

Messaggio da leggere da Road Runner » venerdì 3 gennaio 2020, 6:54

:cincin: Concordo ovviamente. Poi il fatto che Bugno fosse forte e avesse classe non lo metto in discussione. Ma il tifare per un atleta non deve far si che si debba giustificare e non ammettere qualsiasi cazzata abbia combinato.



Avatar utente
barrylyndon
Messaggi: 13930
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 15:20

Re: Telecronache leggendarie

Messaggio da leggere da barrylyndon » venerdì 3 gennaio 2020, 7:11

L'equivoco in cui voi tutti cadete, risiede nel fatto che pensiate che uno va al tour pensando a chi lo deve far vincere.
Bugno aveva delle responsabilita' enormi, articoli su Famiglia Cristiana,tanto per capirci, in quel Tour..aveva puntato tutto su quel Tour..e l'Italia del pedale puntava altresi' tutto su di lui per quel Tour.
Ora, volete che nella penultima tappa a sua disposizione per recuperare terreno si metta passivo sulle ruote della Banesto?
E' stato un errore? Puo' darsi, ma in ogni caso comprensibile, visto che anche Chiappucci non correva con la Gatorade ed era un avversario di Bugno, come lo era Indurain.
Che dopo Chiappucci avesse potuto vincere quel Tour...rientra nella casistica dei se e dei ma, che fa si che ci confezioniamo un nostro personale albo d'oro di qualsiasi corsa..


Nibali sta a Froome come Thoeni stava a Klammer.


Winter
Messaggi: 15014
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Re: Telecronache leggendarie

Messaggio da leggere da Winter » venerdì 3 gennaio 2020, 8:20

Sei troppo tifoso di bugno
Vero quello che dici
Lo si poteva dire prima della Crono
Poi indurain gli diede più di tre minuti
Se voleva ribaltare avrebbe dovuto partire con chiappucci
Invece..
Corse più contro el Diablo che per vincere il tour



Avatar utente
barrylyndon
Messaggi: 13930
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 15:20

Re: Telecronache leggendarie

Messaggio da leggere da barrylyndon » venerdì 3 gennaio 2020, 8:25

Winter ha scritto:
venerdì 3 gennaio 2020, 8:20
Sei troppo tifoso di bugno
Vero quello che dici
Lo si poteva dire prima della Crono
Poi indurain gli diede più di tre minuti
Se voleva ribaltare avrebbe dovuto partire con chiappucci
Invece..
Corse più contro el Diablo che per vincere il tour
Beh se la metti cosi..Chiappucci fece la stessa cosa il giorno dopo..


Nibali sta a Froome come Thoeni stava a Klammer.

Avatar utente
maury7
Messaggi: 32
Iscritto il: venerdì 26 aprile 2019, 9:32

Re: Telecronache leggendarie

Messaggio da leggere da maury7 » venerdì 3 gennaio 2020, 9:03

Non credo che Chiappucci avrebbe potuto vincere il Tour (il giorno dopo all'Alpe Indurain salì alla grande) ma sicuramente la tattica di Bugno quel giorno si rilevò sbagliata. Indurain all'epoca aveva già vinto un Tour e un Giro quindi si sapeva che l'uomo da battere sarebbe stato lui, quindi o Bugno sta a ruota o cerca di staccarlo. Se non ricordo male anche Fignon, in un intervista con Cassani nella presentazione di qualche salita, ammise che quel giorno la sua squadra commise degli errori.

Saluti

Maurizio



Avatar utente
Maìno della Spinetta
Messaggi: 6343
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 15:53

Re: Telecronache leggendarie

Messaggio da leggere da Maìno della Spinetta » venerdì 3 gennaio 2020, 10:21

Dividendo il 94 dal 92, dico che nel 94 con la tappa in ballo e un Carneade in fuga Bugno ha fatto quello che qualsiasi DS e qualsiasi corridore farebbe: provare a vincere la tappa.

Dico che nel 1992 aspettarsi che Reichenbach e Pinot non dessero una mano a Dumoulin verso Bardonecchia sia quantomeno bizzarro, perché aveva già un Giro nel 2017 dovevano star fermi? infatti nessuno ne parlò.. ah no, scusate, siamo nel 1992... Dicevo, quella fu una tappa un po' particolare: come avrebbe fatto Bugno ad andar dietro a Chiappucci Winter?!? Sul Saisis o sulla Cormet!?!? Per come si era messa la tappa le tattiche legittime erano due: a ruota, lasciando tutto sulle spalle di Miguelon, o dare dei cambi e salvare il salvabile, e giocarsi tutto tra Alle e crono. Fu quello il Tour in cui Indurain manifestò la sua superiorità schiacciante su Bugno a crono. Non siamo al Tour 93, ma nel 92. Una botta c'era già stata nella prima crono, per cui Bugno poteva nascondersi dietro lo spagnolo e farlo andare alla deriva tirando (e lui con lui), oppure aiutarlo e puntare a ribaltare/possiate nelle tante tappe successive. Scelse la seconda e amen... Peccato per lo spettacolo e per il Diablo, ma non parlerei di coltello insanguinato. Quello c'è solo per Saprà :diavoletto:


“Our interest’s on the dangerous edge of things.
The honest thief, the tender murderer, the superstitious atheist”.

Avatar utente
kraus
Messaggi: 69
Iscritto il: sabato 23 febbraio 2019, 15:37

Re: Telecronache leggendarie

Messaggio da leggere da kraus » venerdì 3 gennaio 2020, 10:45

https://www.youtube.com/watch?v=TSlzquiUIYo

Pur avendo seguito la diretta, di quel giorno non ricordo nulla. A differenza di quello successivo, del quale ricordo dettagli, esaltazioni, apprensioni, speranze, calcoli, porte scorrevoli. Probabilmente, dopo aver visto che aveva da recuperare un distacchetto di 10 minuti, non mi sono interessato più di tanto all'attacco sul Passo di Monte Giovo.

In entrambe le tappe il Pirata dimostrò di essere un campione anche se in cronaca nessuno lo chiamava ancora così; capisco il perché: era giusto essere prudenti nonostante le scintille e gli scatti e l'intelligenza tattica (prima ti aspetto in discesa, così ti sfianchi per bene, e poi ti ristacco in salita). E nonostante quella dote che è il preciso opposto del timore reverenziale, valaddire il coraggio irriverente.

Era giusto perché nel ciclismo come ovunque ci sono le meteore che illudono e il pur giovane De Zan, con la sua esperienza dinastica, non poteva ignorarlo; prese atto che verso Merano e verso l'Aprica s'era percepito qualcosa di unico, lo lasciò intuire e presagire, ma non lo disse apertamente. Fece benissimo. Per dirla con un'apparente contraddizione, si esaltò moderatamente.

Dicevo che non ricordo le sensazioni di quel giorno. Forse ero contento che avesse vinto un italiano, forse pensavo alla tappa dell'Aprica e vedevo la Lienz-Merano solo come un buon antipastino, con l'ultima salita lontanissima dal traguardo. Sono sempre stato un inesperto di tattiche e di giochi di squadra, mi piacevano gli scatti in salita e basta.*

Quel giorno Pantani scattò in salita ma soprattutto in discesa, allungando subito dopo lo scollinamento e rischiando brutto. "Questo ha un fegato da mille lire", "Sconsiglio la posizione a uovo", "Sembra uno sciatore", ecc. Ma ciò che fa più impressione è quel che ci ha riferito Cassani sulla sera prima del Mortirolo: "Non era contento della sua vittoria. Era la sua prima vittoria da professionista nel '94. La sera cominciò a chiedere per la tappa del giorno dopo: «Ma com'è il Mortirolo? Com'è lo Stelvio?»"

Se l'avessi saputo quel giorno stesso, avrei pensato: che sia il ciclista che stiamo aspettando da decenni?



Winter
Messaggi: 15014
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Re: Telecronache leggendarie

Messaggio da leggere da Winter » venerdì 3 gennaio 2020, 18:01

barrylyndon ha scritto:
venerdì 3 gennaio 2020, 8:25
Winter ha scritto:
venerdì 3 gennaio 2020, 8:20
Sei troppo tifoso di bugno
Vero quello che dici
Lo si poteva dire prima della Crono
Poi indurain gli diede più di tre minuti
Se voleva ribaltare avrebbe dovuto partire con chiappucci
Invece..
Corse più contro el Diablo che per vincere il tour
Beh se la metti cosi..Chiappucci fece la stessa cosa il giorno dopo..
E cosa ci trovi di strano?
:dubbio:



Avatar utente
kraus
Messaggi: 69
Iscritto il: sabato 23 febbraio 2019, 15:37

Re: Telecronache leggendarie

Messaggio da leggere da kraus » sabato 4 gennaio 2020, 12:08

https://www.youtube.com/watch?v=_1nWWctSJ44

Questa telecronaca-fiume è il capolavoro di De Zan figlio, il racconto ideale di una delle più belle imprese del Pirata. Come detto nel messaggio precedente, avrò forse ignorato la portata della sua vittoria nella tappa con l'arrivo a Merano, ma durante e dopo quell'incredibile cavalcata sul Mortirolo, per me Pantani era già leggenda e, quando staccò Indurain sul Santa Cristina (poi imitato da Chiappucci poco più avanti) ero fuori di me per l'entusiasmo, e non credo proprio d'essere stato il solo.

Momenti salienti della tappa
► Mostra testo



Avatar utente
kraus
Messaggi: 69
Iscritto il: sabato 23 febbraio 2019, 15:37

Re: Telecronache leggendarie

Messaggio da leggere da kraus » sabato 4 gennaio 2020, 13:40

Punti salienti della cronaca di tappa - seconda parte (ascesa del Mortirolo):
► Mostra testo



herbie
Messaggi: 4523
Iscritto il: sabato 26 febbraio 2011, 17:19

Re: Telecronache leggendarie

Messaggio da leggere da herbie » sabato 4 gennaio 2020, 14:09

kraus ha scritto:
sabato 4 gennaio 2020, 12:08
https://www.youtube.com/watch?v=_1nWWctSJ44

Questa telecronaca-fiume è il capolavoro di De Zan figlio, il racconto ideale di una delle più belle imprese del Pirata. Come detto nel messaggio precedente, avrò forse ignorato la portata della sua vittoria nella tappa con l'arrivo a Merano, ma durante e dopo quell'incredibile cavalcata sul Mortirolo, per me Pantani era già leggenda e, quando staccò Indurain sul Santa Cristina (poi imitato da Chiappucci poco più avanti) ero fuori di me per l'entusiasmo, e non credo proprio d'essere stato il solo.
a parte lo svolgimento della tappa, inviterei gli utenti di questo forum ad osservare attentamente i primi 5 minuti del filmato.
Il giorno prima della tappa sullo Stelvio nevicava, la mattina stessa nevicava pure, c'era neve sulla strada, non indifferenti muraglie di neve (che costituiscono sempre pericolo di piccoli smottamenti) ai lati, vento gelido e gran freddo.
Io credo di poter dire che con il battage mediatico-meteorologico di giorni e giorni prima che avverrebbe oggi, con quelle condizioni la mattina stessa della tappa poche ore prima del passaggio, questa tappa oggi non si sarebbe pacificamente corsa e nessuno avrebbe poi postato immagini del pomeriggio con il sole sullo Stelvio....
Quell'anno io non ricordo nei giorni prima qualcuno che mettesse in dubbio il passaggio sullo Stelvio, tanto che all'arrivo della tappa precedente, con una bufera di neve sullo Stelvio (il tempo era bruttino anche sul Monte Giovo) il tema giornalistico del giorno era cosa avrebbe potuto fare questo giovane scalatore nel tappone del giorno dopo.

No, tanto per fare qualche riflessione su certi "tormentoni" meteorologici di oggigiorno.

Se vengono giù metri e metri di neve una settimana o due prima del Giro (come quest'anno sul Gavia) tanto che ci sono decine di chilometri di strada da scavare nella neve, amen si cambia percorso con anticipo di una settimana e tutto il tempo di organizzarsi con le amministrazioni comunali e provinciali.
Altrimenti se la strada è già sgombra e fa un po' di brutto tempo, in qualche modo ci si arrangia sempre con ammiraglie, moto e abbondanti mezzi di sopravvivenza al seguito. Fermo restando che chi pratica questo sport ha a prescindere qualità fisiche e atletiche del tutto fuori del comune e merita un incondizionato rispetto. Ma le situazioni realmente pericolose sono altre, e penso a certe discese o ostacoli improvvisi che saltano fuori in prossimità degli sprint, tipo paletti, catarifrangenti sulla strada, piccoli spartitraffico con marciapiede.



Avatar utente
kraus
Messaggi: 69
Iscritto il: sabato 23 febbraio 2019, 15:37

Re: Telecronache leggendarie

Messaggio da leggere da kraus » sabato 4 gennaio 2020, 19:21

Punti salienti della cronaca di tappa - terza parte (discesa fino all'inizio del Valico di Santa Cristina):
► Mostra testo



Avatar utente
kraus
Messaggi: 69
Iscritto il: sabato 23 febbraio 2019, 15:37

Re: Telecronache leggendarie

Messaggio da leggere da kraus » sabato 4 gennaio 2020, 19:24

Punti salienti della cronaca di tappa - quarta parte (dal Valico di Santa Cristina fino all'arrivo):
► Mostra testo



Avatar utente
kraus
Messaggi: 69
Iscritto il: sabato 23 febbraio 2019, 15:37

Re: Telecronache leggendarie

Messaggio da leggere da kraus » sabato 4 gennaio 2020, 20:59

https://www.youtube.com/watch?v=-130lOYlyEA

La cronaca qui è un po' più breve rispetto alla tappa Merano - Aprica e per buone ragioni, trattandosi di una cronometro con distacchi ormai molto ampi, prima della tappa, tra i primi corridori in classifica. Il filmato copre solo le ultime quattro prestazioni (Bugno, Indurain, Pantani, Berzin).



Avatar utente
kraus
Messaggi: 69
Iscritto il: sabato 23 febbraio 2019, 15:37

Re: Telecronache leggendarie

Messaggio da leggere da kraus » domenica 5 gennaio 2020, 14:16

https://www.youtube.com/watch?v=R2Q8sKj8_LA

Un altro attacco del Pirata, ma come sempre accade, pochi se ne ricordano perché non è stato vincente. Un errore: Pantani è stato uno dei più grandi proprio perché era umano e non un Armstrong o un Indurain qualsiasi. Forse lo scatto era prematuro, forse la tattica di squadra sbagliata (che so, mandare prima avanti Chiappucci avrebbe potuto cambiare la storia?), forse un Argentin in forma sfolgorante ha vanificato una terza impresa che avrebbe avuto del leggendario.

Tra i numerosi rimpianti, eccone un altro: quello di non aver visto Pantani in versione "Diablo al Sestrière"; pur essendo un corridore da assalti da lunghe distanze, non riuscì né in quel 1994 né nel 2000 a sbancare il GT di turno con una fuga da lontanissimo. Forse, in un angolo di chissà dove, c'è un Pirata che scatta a 120 km dall'arrivo, ma stavolta vince e soffia ad Armstrong la maglia gialla. Per sempre.

Chiudo con una nota un po' più lieta, pensando a quegli anni:
https://www.dailymotion.com/video/xroug8
https://www.dailymotion.com/video/xrp8fh



Avatar utente
kraus
Messaggi: 69
Iscritto il: sabato 23 febbraio 2019, 15:37

Re: Telecronache leggendarie

Messaggio da leggere da kraus » mercoledì 8 gennaio 2020, 18:07

https://www.youtube.com/watch?v=yfBOC5ldjDs

Tappa guastata da condizioni atmosferiche caine e bastase (anche per quanto riguarda le immagini, purtroppo ridotte al minimo) e da un freddo che non si fatica a immaginare; peccato anche per la cronaca solo in spagnolo...



Avatar utente
Maìno della Spinetta
Messaggi: 6343
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 15:53

Re: Telecronache leggendarie

Messaggio da leggere da Maìno della Spinetta » mercoledì 8 gennaio 2020, 19:31

kraus ha scritto:
domenica 5 gennaio 2020, 14:16
https://www.youtube.com/watch?v=R2Q8sKj8_LA

Un altro attacco del Pirata, ma come sempre accade, pochi se ne ricordano perché non è stato vincente. Un errore: Pantani è stato uno dei più grandi proprio perché era umano e non un Armstrong o un Indurain qualsiasi. Forse lo scatto era prematuro, forse la tattica di squadra sbagliata (che so, mandare prima avanti Chiappucci avrebbe potuto cambiare la storia?), forse un Argentin in forma sfolgorante ha vanificato una terza impresa che avrebbe avuto del leggendario.

Tra i numerosi rimpianti, eccone un altro: quello di non aver visto Pantani in versione "Diablo al Sestrière"; pur essendo un corridore da assalti da lunghe distanze, non riuscì né in quel 1994 né nel 2000 a sbancare il GT di turno con una fuga da lontanissimo. Forse, in un angolo di chissà dove, c'è un Pirata che scatta a 120 km dall'arrivo, ma stavolta vince e soffia ad Armstrong la maglia gialla. Per sempre.

Chiudo con una nota un po' più lieta, pensando a quegli anni:
https://www.dailymotion.com/video/xroug8
https://www.dailymotion.com/video/xrp8fh
Quella tappa non la capii: avevi Chiappucci, avevi Pulnikov, ma perché fare scattare Pantani così da solo? Perché non portare avanti qualcuno che lo scortasse almeno per metà Izoard? Misteri..


“Our interest’s on the dangerous edge of things.
The honest thief, the tender murderer, the superstitious atheist”.

Avatar utente
Slegar
Messaggi: 5172
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:49

Re: Telecronache leggendarie

Messaggio da leggere da Slegar » mercoledì 8 gennaio 2020, 19:31

kraus ha scritto:
domenica 5 gennaio 2020, 14:16
https://www.youtube.com/watch?v=R2Q8sKj8_LA

Un altro attacco del Pirata, ma come sempre accade, pochi se ne ricordano perché non è stato vincente. Un errore: Pantani è stato uno dei più grandi proprio perché era umano e non un Armstrong o un Indurain qualsiasi. Forse lo scatto era prematuro, forse la tattica di squadra sbagliata (che so, mandare prima avanti Chiappucci avrebbe potuto cambiare la storia?), forse un Argentin in forma sfolgorante ha vanificato una terza impresa che avrebbe avuto del leggendario.

Tra i numerosi rimpianti, eccone un altro: quello di non aver visto Pantani in versione "Diablo al Sestrière"; pur essendo un corridore da assalti da lunghe distanze, non riuscì né in quel 1994 né nel 2000 a sbancare il GT di turno con una fuga da lontanissimo. Forse, in un angolo di chissà dove, c'è un Pirata che scatta a 120 km dall'arrivo, ma stavolta vince e soffia ad Armstrong la maglia gialla. Per sempre.
Chiappucci mai e poi mai si sarebbe messo al servizio di Pantani, men che meno Pulnikov che vinse la tappa; diciamo che la Carrera non supportò granché Pantani in quel Giro a differenza della Gewiss. In quella tappa Argentin, che mai era andato così forte in montagna come in quel suo terz'ultimo giorno di carriera, salvò il Giro di Berzin. Curioso che chi di fatto stoppò il Pirata nelle due imprese sia la stessa persona: il Dottor Mito.


fair play? No, Grazie!

Winter
Messaggi: 15014
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Re: Telecronache leggendarie

Messaggio da leggere da Winter » mercoledì 8 gennaio 2020, 19:40

Argentin tirò per settanta km da solo
in più ci fu il vento contro sul lautaret

Agnello , affrontato poche volte al giro ma garanzia di spettacolo



Avatar utente
kraus
Messaggi: 69
Iscritto il: sabato 23 febbraio 2019, 15:37

Re: Telecronache leggendarie

Messaggio da leggere da kraus » mercoledì 8 gennaio 2020, 20:30

Slegar ha scritto:
mercoledì 8 gennaio 2020, 19:31
Chiappucci mai e poi mai si sarebbe messo al servizio di Pantani, men che meno Pulnikov che vinse la tappa; diciamo che la Carrera non supportò granché Pantani in quel Giro a differenza della Gewiss. In quella tappa Argentin, che mai era andato così forte in montagna come in quel suo terz'ultimo giorno di carriera, salvò il Giro di Berzin. Curioso che chi di fatto stoppò il Pirata nelle due imprese sia la stessa persona: il Dottor Mito.
Da tifoso anche del Diablo, temo sia vero. Entrambi avevano un ego troppo grande per mettersi l'uno al servizio dell'altro. Nella migliore delle ipotesi, avrebbero fatto una corsa indipendente come nella Merano-Aprica.



Avatar utente
nino58
Messaggi: 11131
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 14:38

Re: Telecronache leggendarie

Messaggio da leggere da nino58 » giovedì 9 gennaio 2020, 13:08

kraus ha scritto:
mercoledì 8 gennaio 2020, 20:30
Slegar ha scritto:
mercoledì 8 gennaio 2020, 19:31
Chiappucci mai e poi mai si sarebbe messo al servizio di Pantani, men che meno Pulnikov che vinse la tappa; diciamo che la Carrera non supportò granché Pantani in quel Giro a differenza della Gewiss. In quella tappa Argentin, che mai era andato così forte in montagna come in quel suo terz'ultimo giorno di carriera, salvò il Giro di Berzin. Curioso che chi di fatto stoppò il Pirata nelle due imprese sia la stessa persona: il Dottor Mito.
Da tifoso anche del Diablo, temo sia vero. Entrambi avevano un ego troppo grande per mettersi l'uno al servizio dell'altro. Nella migliore delle ipotesi, avrebbero fatto una corsa indipendente come nella Merano-Aprica.
Nella Merano-Aprica andò bene ad entrambi.
Però Boifava ...eccheccavolo, manco mezza parola.


Von Rock ? Nein, danke.
Diritto di correre senza condizioni a chi ha scontato una squalifica !!!

Avatar utente
kraus
Messaggi: 69
Iscritto il: sabato 23 febbraio 2019, 15:37

Re: Telecronache leggendarie

Messaggio da leggere da kraus » domenica 19 gennaio 2020, 12:37

Ultima tappa di quel giro:
https://www.youtube.com/watch?v=yfBOC5ldjDs

Niente telecronaca in italiano, stavolta, purtroppo.
Ad aggiungere altra sfortuna a quella, già proverbiale, del Pirata, c'è il fatto di aver trovato in quel giro Berzin nel suo unico anno di grazia: mai il russo avrebbe più ripetuto una stagione simile.

L’anno dopo, dopo il giro d’Italia saltato dal Pirata per un banale infortunio e vinto a man bassa da Rominger, darà da pensare la facilità irrisoria con cui, nella tappa verso Guzet Neige, Pantani salterà lo svizzero subito dopo essere scattato verso la sua prima vittoria al Tour.



Avatar utente
kraus
Messaggi: 69
Iscritto il: sabato 23 febbraio 2019, 15:37

Re: Telecronache leggendarie

Messaggio da leggere da kraus » domenica 19 gennaio 2020, 13:10

Un passo indietro per render merito al mitico Chiappucci. Sono un maledetto, un ostinato e un antisportivo, ma a differenza dell'eccellente Davide De Zan (che un giorno scriverà per difendere il Pirata: "tutti i ragazzi che mi credevano devono parlare"), non riuscirò mai a levarmi il cappello davanti a Indurain: scontato, banale, glaciale e noioso come la pioggia della tappa precedente e di questa (mica per colpa sua, ma per me il ciclismo è un'altra cosa).

Lo levo invece volentierissimo per il nostro Diablo; ricordo scene tristissime al bar quell'estate, quando tutti rispettosamente assistevano alle vittorie di Indurain a cronometro e io non volevo saperne di dire che era bravo, a costo di litigare con gli altri avventori; anzi schiumavo rabbia con tutte le mie forze. E giù parolacce, invettive coram populo, voglia di vedere un Pirata che ancora non potevo conoscere e che per il momento era in fase di costruzione.

https://www.youtube.com/watch?v=F8C1A67s6yg

Qui la telecronaca, ma più ampia, della stessa tappa in spagnolo:

https://www.youtube.com/watch?v=Q3G165vsSFk



Avatar utente
GregLemond
Messaggi: 1814
Iscritto il: sabato 6 settembre 2014, 20:00

Re: Telecronache leggendarie

Messaggio da leggere da GregLemond » domenica 19 gennaio 2020, 15:39

Il livore nei confronti di Indurain e Bugno a cosa è dovuto?

A qualche avvenimento particolare o all' inconsistenza del Diablo raggiunto un certo livello?



Avatar utente
GregLemond
Messaggi: 1814
Iscritto il: sabato 6 settembre 2014, 20:00

Re: Telecronache leggendarie

Messaggio da leggere da GregLemond » domenica 19 gennaio 2020, 15:42




Avatar utente
kraus
Messaggi: 69
Iscritto il: sabato 23 febbraio 2019, 15:37

Re: Telecronache leggendarie

Messaggio da leggere da kraus » domenica 19 gennaio 2020, 18:28

Nessun livore nei confronti di Bugno, anzi; avrei voluto veder vincere degli italiani e mi dispiaceva quando non ci riuscivano.

Ultima vittoria di tappa di Chiappucci al tour:
https://www.youtube.com/watch?v=WBi8Ex4dyJc



Avatar utente
GregLemond
Messaggi: 1814
Iscritto il: sabato 6 settembre 2014, 20:00

Re: Telecronache leggendarie

Messaggio da leggere da GregLemond » domenica 19 gennaio 2020, 20:40

kraus ha scritto:
domenica 19 gennaio 2020, 18:28
Nessun livore nei confronti di Bugno, anzi; avrei voluto veder vincere degli italiani e mi dispiaceva quando non ci riuscivano.

Ultima vittoria di tappa di Chiappucci al tour:
https://www.youtube.com/watch?v=WBi8Ex4dyJc

Nessuna polemica, solo per confronto...

Io ero piccolo ai tempi di chiappucci, ma col senno di poi mi pare uno che abbia parlato piu di quanto ha effettivamente fatto...



Avatar utente
Maìno della Spinetta
Messaggi: 6343
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 15:53

Re: Telecronache leggendarie

Messaggio da leggere da Maìno della Spinetta » domenica 19 gennaio 2020, 20:48

Salvatore77 ha scritto:
venerdì 25 settembre 2015, 13:53
MagliaRossa ha scritto:Due perle di De Zan.

Benidorm 1992. "l'arrivo è in leggera salita... Bugno... Bugno... BUGNOOOOOOOO"

Giro 1998. "Pantani-Tonkov. Il testa a testa finale. Si decide il giro d'Italia"
https://www.youtube.com/watch?v=w59NB444M-0

da aggiungere:

"Bugno su Jalabert. E poi vicino a noi un signore si è sentito male. Un tifoso di Bugno si è sentito male per gridare Gianni Bugno." :D

Da notare le inquadrature pessime che ci hanno fatto capire più a meno negli ultimi 40 / 50 m cosa stava accadendo, per colpa di uno striscione d'arrivo enorme, una macchina e una moto che non so quale utilità aveva di stare in volata avanti al gruppo.
Che volata potente. Dopo tre minuti aveva ancora il fiatone, altro che certe scene viste negli anni successivi. Ha lasciato il terzo a 25 metri. Jalabert ha messo la ruota fuori ed è rimbalzato. Ero in campagna, c'erano amici dei miei a fare un BBQ. Salgo a vedere il mondiale e dalla finestra annuncio la grande vittoria. E me lo ricordo ancora.


“Our interest’s on the dangerous edge of things.
The honest thief, the tender murderer, the superstitious atheist”.

Avatar utente
barrylyndon
Messaggi: 13930
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 15:20

Re: Telecronache leggendarie

Messaggio da leggere da barrylyndon » domenica 19 gennaio 2020, 20:51

GregLemond ha scritto:
domenica 19 gennaio 2020, 20:40
kraus ha scritto:
domenica 19 gennaio 2020, 18:28
Nessun livore nei confronti di Bugno, anzi; avrei voluto veder vincere degli italiani e mi dispiaceva quando non ci riuscivano.

Ultima vittoria di tappa di Chiappucci al tour:
https://www.youtube.com/watch?v=WBi8Ex4dyJc

Nessuna polemica, solo per confronto...

Io ero piccolo ai tempi di chiappucci, ma col senno di poi mi pare uno che abbia parlato piu di quanto ha effettivamente fatto...
"E' la vittoria di chi chiacchiera poco" M.Argentin, Benidorm 1992, dopo la volata di Bugno.
"Chiappucci, sembra in giornata,Scatta sempre, forse anche troppo" M.Fondriest, Benidorm 1992, intervista dopo il suo ritiro in corsa.
Chiappucci ha parlato veramente tanto, spesso a sproposito, di sicuro amato in gruppo non lo era,e questo gli ha probabilmente fatto perdere alcune corse.
"Il ciclismo sono io" C.Chiappucci dopo il Tour 1992.


Nibali sta a Froome come Thoeni stava a Klammer.

Avatar utente
kraus
Messaggi: 69
Iscritto il: sabato 23 febbraio 2019, 15:37

Re: Telecronache leggendarie

Messaggio da leggere da kraus » lunedì 20 gennaio 2020, 12:12

Ed eccoci a Bugno; qui la sua prima vittoria all'Alpe d'Huez:

https://www.youtube.com/watch?v=CJZQuFY2YMo

E l'altra sua vittoria in quel Tour del '90:

https://www.youtube.com/watch?v=Sg_y5z82F2c

Molti rimpianti... Dopo il Giro del '90 ci credevo anch'io.



Avatar utente
kraus
Messaggi: 69
Iscritto il: sabato 23 febbraio 2019, 15:37

Re: Telecronache leggendarie

Messaggio da leggere da kraus » lunedì 20 gennaio 2020, 16:49

Altra vittoria sull'Alpe d'Huez e gran tappa:

https://www.youtube.com/watch?v=lIjyFXWLaVI

E una sua volatona di qualche mese prima al Giro:

https://www.youtube.com/watch?v=Gn4RJk7RNZM



Avatar utente
Slegar
Messaggi: 5172
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:49

Re: Telecronache leggendarie

Messaggio da leggere da Slegar » lunedì 20 gennaio 2020, 17:22

Le più bella tappe al Giro degli ultimi vent'anni viste in TV:

18ª tappa Giro 2003: Santuario di Vicoforte - Chianale:

https://www.youtube.com/watch?v=MwMB1yGLW70


19ª tappa Giro 2005: Savigliano - Sestriere:

https://www.youtube.com/watch?v=fr5glbxJmj8


7ª tappa Giro 2010: Carrara - Montalcino:

https://www.youtube.com/watch?v=GQmx2TBtYRc


fair play? No, Grazie!

Avatar utente
Maìno della Spinetta
Messaggi: 6343
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 15:53

Re: Telecronache leggendarie

Messaggio da leggere da Maìno della Spinetta » lunedì 20 gennaio 2020, 21:39

Slegar ha scritto:
lunedì 20 gennaio 2020, 17:22
Le più bella tappe al Giro degli ultimi vent'anni viste in TV:

18ª tappa Giro 2003: Santuario di Vicoforte - Chianale:

https://www.youtube.com/watch?v=MwMB1yGLW70


19ª tappa Giro 2005: Savigliano - Sestriere:

https://www.youtube.com/watch?v=fr5glbxJmj8


7ª tappa Giro 2010: Carrara - Montalcino:

https://www.youtube.com/watch?v=GQmx2TBtYRc
Mi ero dimenticato che a Montalcino avevano menato con la maglia rosa a terra - il famoso Fair play


“Our interest’s on the dangerous edge of things.
The honest thief, the tender murderer, the superstitious atheist”.

Avatar utente
kraus
Messaggi: 69
Iscritto il: sabato 23 febbraio 2019, 15:37

Re: Telecronache leggendarie

Messaggio da leggere da kraus » mercoledì 22 gennaio 2020, 10:56




Avatar utente
GregLemond
Messaggi: 1814
Iscritto il: sabato 6 settembre 2014, 20:00

Re: Telecronache leggendarie

Messaggio da leggere da GregLemond » mercoledì 22 gennaio 2020, 13:41

Scusate ragazzi, faccio l' Admin anche se non lo sono.

Il topic sarebbe nato per un altro scopo... per un altro tipo di condivisione.

:)



Avatar utente
kraus
Messaggi: 69
Iscritto il: sabato 23 febbraio 2019, 15:37

Re: Telecronache leggendarie

Messaggio da leggere da kraus » domenica 2 febbraio 2020, 14:43

https://www.youtube.com/watch?v=4pckhL-iTiQ
https://www.youtube.com/watch?v=_Fu3LCAS7C8

Da inguaribile passatista (non ricordo nemmen più quale sia l'anno in cui ho smesso di guardar gare ciclistiche, forse il 2007 o il 2008), un paio di giorni fa ho affittato una macchina del tempo chiamata YouTube e mi son visto qualche tappa del Tour vinto da Nibali. Nel vedere tutte quelle magliette ammodino e quelle riprese futuristiche (per l'appunto), ho pensato di avere sbagliato la ricerca su Google e di essermi imbattuto in un bel videogioco o in un altro sport. Mancavano le lucine e lo striscione con la scritta “Ciao Kraus, benvenuto nel passato prossimo”.

Ci è insomma voluto un po' prima che mi rendessi conto che era tutto vero e che i ciclisti e i paesaggi non erano frutto di un codice informatico; c'era pure una telecronaca competente, persino coinvolgente e molto spregiudicata*, ch'era poi la cosa più spassosa di tutto il complesso, giustamente preferita dal proprietario del canale a quella soporifera della Rai (De Zan junior e senior, ma anche Bulbarelli & Cassani, quanto mi mancate!).

* Mea culpa: non avevo mai sentito Aiello e Magrini, se non alle prese con un'imitazione di De Zan (forse addirittura migliore di quelle di Butinar sopra riportate). Peccato per l'audio molto basso:

https://www.youtube.com/watch?v=B9GwGozpFGM

Novità grafiche e ritorno alla vittoria d'un italiano a parte, questo tour somigliava né più e né meno a molti giri dei primi anni 2000, con GPM a iosa ma rigorosamente senza attacchi di classifica prima dei 10 km alla fine.

Mi è comunque spiaciuto per le cadute che hanno sminuito la vittoria di Nibali, manco fosse stata colpa sua, e per tutta la buona volontà da lui dimostrata per legittimare una vittoria definita monca fin dagli stessi giorni in cui prendeva vigorosamente corpo. Sapevo già di quelle cadute, ma una pallida curiosità di vedere l’erede di Pantani (almeno nell’albo del Tour), dagli e dagli, mi ha spinto a vedere la ricca antologia offerta da Ciclismo Grandi Giri.

Un conto era vedersi il Tour '98 giorno dietro giorno, senza sapere come sarebbe finito, con gli amici anziani che confidavano nel recupero del Pirata consigliando tuttavia prudenza, profilo basso e niente illusioni, e io che ero certo della sua rimonta e li rassicuravo che ce l’avrebbe fatta a vincere la corsa; altro è trovarsi spettatore di un racconto già noto, di cui si sa il finale e si conosce a grandi linee la trama:
https://www.youtube.com/watch?v=xap4-Wybk3E




Rispondi