Gb Baronchelli campione d'altri tempi

Il mondo dei professionisti tra gare e complessità, e più in generale l'approccio al ciclismo di ogni appassionato
Avatar utente
Visconte85
Messaggi: 9965
Iscritto il: giovedì 8 maggio 2014, 14:27

Re: Gb Baronchelli campione d'altri tempi

Messaggio da leggere da Visconte85 » martedì 22 novembre 2016, 22:16

Morris ha scritto:Il Passo della Crocetta percorso dal Giro d’Italia 1986, era quello calabrese (ne esiste uno anche in Liguria, vicino Rapallo), situato in provincia di Cosenza, ed avente una cima che sfiora i 1000 metri. Che io sappia, da quell'anno, non è stato più percorso dalla “Corsa Rosa”. Prima altre due volte: nel 1981 e nel 1985.
si, ti chiedevo proprio del Passo della Crocetta quello della provincia di Cosenza, essendo io nato praticamente lì :)

Ho cercato sul web e nel 1985, tappa Crotone-Paola (vincitore Acacio da Silva), fu corso alla ''rovescia'' cioè all'incontrario rispetto a quello dell'anno dopo?


2014: Giro tp 21,Tour tp 10,Vuelta tp 3, ARGENTO a Ponferrada
2015: Giro anch'io 3°,Tour tp 10 e 20, GpMontreal
2016: GandWevelgen, Svizzera, Tour tp 13, Vuelta tp 10
2017: Tour tp 10 Vuelta tp 2
2018: Scheldeprijs, Giro tp 21, Tour tp 11


Avatar utente
Morris
Messaggi: 722
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 1:33

Re: Gb Baronchelli campione d'altri tempi

Messaggio da leggere da Morris » mercoledì 23 novembre 2016, 7:52

Visconte85 ha scritto:
Ho cercato sul web e nel 1985, tappa Crotone-Paola (vincitore Acacio da Silva), fu corso alla ''rovescia'' cioè all'incontrario rispetto a quello dell'anno dopo?

La Crotone-Paola del Giro 1985, venne definita il “tappone del sud”. Tre colli e 203 chilometri complessivi. Hinault e Lemond a tenaglia attaccarono la maglia rosa Visentini, che non solo si difese (il dio franco-americano gli fecero fuori tutti i gregari), ma diede l’impressione di poter staccare i due rivali. Il Passo della Crocetta (dove passò primo il colombiano Montoya), fu l’ultima asperità di giornata e dalla cima all’arrivo di Paola, solo discesa. Fu effettivamente percorso dalla parte inversa rispetto a quella del 1986.
Quella tappa del 1985, ebbe un vincitore a me caro. Ho avuto occasione di conoscere molto bene Acacio Da Silva, in Lussemburgo, nel luglio del 1998, a casa di Charly Gaul. Compivo 43 anni e li festeggiai proprio a casa dell’amico Angelo della Montagna. Acacio era di famiglia lì, abitava, ed abita tuttora, da quanto mi risulta, nel Granducato e si dimostrò un mattacchione incredibile. Un personaggio davvero.

Ciao!


Quando ti alzi la mattina, volgiti verso Aigle e fai una pernacchia o il gesto dell'ombrello. Tu non sai perché lo fai, ma ad Aigle sì.

Avatar utente
galliano
Messaggi: 12023
Iscritto il: giovedì 14 aprile 2011, 12:53
Località: TN

Re: Gb Baronchelli campione d'altri tempi

Messaggio da leggere da galliano » mercoledì 23 novembre 2016, 8:57

TIC ha scritto:Beh, adesso vado controcorrente io (e' il.mio carattere), io che sono il più grande tifoso di gb
Non aveva il carattere del grande campione, troppo modesto, intelligente ma troppo buono. Che e pure un pregio come persona , anzi ho sempre tifato per lui x questo motivo.ma x essere un grande campione ci vuole un altro carattere. Poi e vero, quei problemi al fegato lo hanno fortemente limitato nelle corse a tappe, che erano il suo forte, le ha chiuse quasi sempre in calando, hanno causato problemi con il recupero. Se non avesse avuto quei problem al fegatoi sarebbe stato un indurain, ma lui valeva di piu. Se avesse avuto il carattere voglio dire.
Anche io ho apre desiderato sapere cosa accadde al giro 86.
Sono d'accordo con TIC pur ammettendo che per esprimere giudizi bisognerebbe conoscere nel dettaglio tutti i fatti.
Da piccolo ero tifoso di Moser e nel Trentino d'allora era quasi impossibile non esserlo. Poi nel tempo ho cambiato drasticamente idea dal punto di vista del giudizio umano, ma sportivamente parlando credo non ci sia da discutere il valore dell'atleta di Palù di GIovo.

Sull'episodio del 1986 la mia sensazione è che più che Moser, sia stato Corti, il vero motivo della discordia.
Ecco Corti è un personaggio che non ho mai amato (eufemismo), non mi ispira nessuna fiducia e le parole di persone che l'hanno conosciuto mi hanno confermato l'idea che mi sono fatto.
Comunque pur in condizioni ambientali difficili io credo che il ritiro di Baronchelli in quel Giro 86 sia stato un errore. Cosa avrebbe dovuto fare allora Contador al Tour del 2009?
Per certi versi, anche se si tratta di personaggi assai diversi, si potrebbe fare un parallelo con il Visentini 1987, che fu vittima prima di tutto del suo carattere, piuttosto che del cosiddetto tradimento di Roche.



meriadoc
Messaggi: 4838
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 21:55

Re: Gb Baronchelli campione d'altri tempi

Messaggio da leggere da meriadoc » mercoledì 23 novembre 2016, 9:56

posto che apprendo questa storia di Baronchelli giusto ora, beh Contador stava vincendo il Tour, non stringeva i denti per una terza piazza, non era a fine carriera come Baronchelli, e non aveva un paese/torcida contro come l'Italia/(Deplorables for Moser) che non avrebbe fatto una piega se si fosse ritirato; a parte che oggi azioni del genere sono sotto la lente di ingrandimento di ogni tipo di media


Kruijswijk... il resto è noia

"Siamo in gennaio, siamo in Australia ma per me questo e' il successore di Froome nell'albo d'oro della grand boucle.."
21/01/2017 barrylyndon su Porte

Avatar utente
galliano
Messaggi: 12023
Iscritto il: giovedì 14 aprile 2011, 12:53
Località: TN

Re: Gb Baronchelli campione d'altri tempi

Messaggio da leggere da galliano » mercoledì 23 novembre 2016, 10:13

meriadoc ha scritto:posto che apprendo questa storia di Baronchelli giusto ora, beh Contador stava vincendo il Tour, non stringeva i denti per una terza piazza, non era a fine carriera come Baronchelli, e non aveva un paese/torcida contro come l'Italia/(Deplorables for Moser) che non avrebbe fatto una piega se si fosse ritirato; a parte che oggi azioni del genere sono sotto la lente di ingrandimento di ogni tipo di media
Boh non so.
Con tutto il rispetto che posso avere per il Tista, se nella tappa di Foppolo prende 1' e 23" da Munoz, Lemond, poco meno da Visentini, quasi un minuto da Corti, non credo che la colpa si possa dare a Moser.
Se nella tappa di Sauze d'Oulx si stacca da Moser, Saronni, ecc. e arriva diciannovesimo non credo che sia tutta colpa di Moser.
Non mi sogno minimamente di negare che il tista, come altri, sia stato oggetto di aggressioni verbali, ecc. ma adesso non credo che l'abbiano buttato per terra.
Se poi mi dite che in quelle tappe il tista ha bucato, è caduto, ha dovuto farsi chilometri al vento senza appoggio della squadra, allora cambio idea.

Non sono pirla, mi rendo conto che stare in una squadra che ti considera un fastidio, non è piacevole, ma forse poteva tenere duro.




meriadoc
Messaggi: 4838
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 21:55

Re: Gb Baronchelli campione d'altri tempi

Messaggio da leggere da meriadoc » mercoledì 23 novembre 2016, 10:14

no, ma dico, proprio perchè non era cosi superiore agli altri aveva meno da perdere rispetto a un Contador che nel 2009 era spanne sopra tutti


Kruijswijk... il resto è noia

"Siamo in gennaio, siamo in Australia ma per me questo e' il successore di Froome nell'albo d'oro della grand boucle.."
21/01/2017 barrylyndon su Porte

Avatar utente
galliano
Messaggi: 12023
Iscritto il: giovedì 14 aprile 2011, 12:53
Località: TN

Re: Gb Baronchelli campione d'altri tempi

Messaggio da leggere da galliano » mercoledì 23 novembre 2016, 10:21

meriadoc ha scritto:no, ma dico, proprio perchè non era cosi superiore agli altri aveva meno da perdere rispetto a un Contador che nel 2009 era spanne sopra tutti
ah ok, non avevo capito il senso del tuo post.



Avatar utente
Visconte85
Messaggi: 9965
Iscritto il: giovedì 8 maggio 2014, 14:27

Re: Gb Baronchelli campione d'altri tempi

Messaggio da leggere da Visconte85 » mercoledì 23 novembre 2016, 11:06

essendo un ragazzino al confronto di Galliano e Meriadoc :D
e non avendo mai visto il Tista correre, escluso corse postume sul web, ma leggendo molto queste pagine, mi son fatto una mia idea.

Tista non aveva la mentalità del campione, o meglio il carattere; Aveva poi problemi al fegato che nelle tre settimane non lo facevano rendere al meglio; Stringi i denti per non perdere il posto sul podio, perché difficilmente avrebbe vinto anzi doveva difendersi, e ti trovi tutti contro!

Sei messo meglio in classifica di Moser, che è in giornata no, e 7 dei tuoi compagni di squadra sono al fianco del trentino e nessuno, nemmeno uno che ti resta al fianco.... lasciandolo poi davanti, da solo, con tutti i migliori che se le stavano dando di santa ragione!
Corti in una posizione favorevole con lui in un gruppetto e ti rema contro a foppolo!
I tifosi che fanno gli ultrà e te ne dicono di tutti i colori!
La stampa che ti nomina solo per attaccarti!
I DS inaffidabili che pendono dalla bocca del corridore trentino, uno persino suo fratello!

Che doveva fare il Tista? Secondo me non si sentiva in grado di lottare per la vittoria. Alle porte c'era anche la crono di Cremona, 36 km, dove avrebbe perso tempo dai vari Visentini-Saronni-Moser...

Per me ha fatto bene,
anch'io come lui avrei fatto così, siccome caratterialmente mi ci rispecchio molto. Vedo che son solo, come un peso, gregari (specie Corti) che ti remano contro, che fai? Mica sei un ragazzino alle prime armi? Aveva già tre podi alle spalle... Così ha mandato tutti a quel paese, correte voi che io mi son rotto i cog...


2014: Giro tp 21,Tour tp 10,Vuelta tp 3, ARGENTO a Ponferrada
2015: Giro anch'io 3°,Tour tp 10 e 20, GpMontreal
2016: GandWevelgen, Svizzera, Tour tp 13, Vuelta tp 10
2017: Tour tp 10 Vuelta tp 2
2018: Scheldeprijs, Giro tp 21, Tour tp 11

meriadoc
Messaggi: 4838
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 21:55

Re: Gb Baronchelli campione d'altri tempi

Messaggio da leggere da meriadoc » mercoledì 23 novembre 2016, 11:13

io, che non ho mai visto MOser correre nei suoi anni, e l'ho sempre considerato un mezzo stronzo per le innumerevoli volte in cui l'ho sentito esprimersi da ex, non posso che compiacermi nel constatare come la stessa sensazione l'abbia destata in tanti suoi contemporanei


Kruijswijk... il resto è noia

"Siamo in gennaio, siamo in Australia ma per me questo e' il successore di Froome nell'albo d'oro della grand boucle.."
21/01/2017 barrylyndon su Porte

meriadoc
Messaggi: 4838
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 21:55

Re: Gb Baronchelli campione d'altri tempi

Messaggio da leggere da meriadoc » mercoledì 23 novembre 2016, 11:15

Visconte85 ha scritto: Per me ha fatto bene,
anch'io come lui avrei fatto così, siccome caratterialmente mi ci rispecchio molto. Vedo che son solo, come un peso, gregari (specie Corti) che ti remano contro, che fai? Mica sei un ragazzino alle prime armi? Aveva già tre podi alle spalle... Così ha mandato tutti a quel paese, correte voi che io mi son rotto i cog...
si', ma io avrei anche chiarito i motivi dell'abbandono, se devi mandare affanculo fallo bene
manda affanculo gli italiani tutti (ma per te, non per un popolo come Grillo, aggiungo)
a meno che avesse degli obblighi legali, ecco, sui quali è meglio mettere da parte l'orgoglio


Kruijswijk... il resto è noia

"Siamo in gennaio, siamo in Australia ma per me questo e' il successore di Froome nell'albo d'oro della grand boucle.."
21/01/2017 barrylyndon su Porte

Avatar utente
galliano
Messaggi: 12023
Iscritto il: giovedì 14 aprile 2011, 12:53
Località: TN

Re: Gb Baronchelli campione d'altri tempi

Messaggio da leggere da galliano » mercoledì 23 novembre 2016, 11:28

meriadoc ha scritto:io, che non ho mai visto MOser correre nei suoi anni, e l'ho sempre considerato un mezzo stronzo per le innumerevoli volte in cui l'ho sentito esprimersi da ex, non posso che compiacermi nel constatare come la stessa sensazione l'abbia destata in tanti suoi contemporanei
ma in realtà all'epoca era un mezzo idolo con il solo saronni a rubargli una fetta di tifo.
come sempre quando si muovono le masse, si trova una fetta di decerebrati.
pure io da piccolo tifavo per lui, ma non mi sono mai sognato di insultare il tista o altri. Anzi il tista mi stava simpatico.
C'è da dire che il Moser corridore era uno generoso, che meritava anche di vincere di più nelle classiche di un giorno.

Poi crescendo ho cominciato a valutare aspetti che andavano al di là di quelli sportivi e ho cambiato radicalmente idea. E' un furbacchione, che sa fare bene gli affari suoi, pitocco come pochi.
Figurati che per 6 anni ho abitato a 2 km da lui e lo incontravo spesso quando andavo a correre a piedi, un paio di volte ha anche rischiato di tirarmi sotto in bici perché tagliava un po' troppo le curve. Potevo simulare un contatto e rotolarmi per terra :D



meriadoc
Messaggi: 4838
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 21:55

Re: Gb Baronchelli campione d'altri tempi

Messaggio da leggere da meriadoc » mercoledì 23 novembre 2016, 11:39

si, come corridore ho sempre letto che fosse una speie di cancellarz dell'epoca
sicuramente mi sarebbe piaciuto
comunque argentin per me era della stessa pasta


Kruijswijk... il resto è noia

"Siamo in gennaio, siamo in Australia ma per me questo e' il successore di Froome nell'albo d'oro della grand boucle.."
21/01/2017 barrylyndon su Porte

Avatar utente
Visconte85
Messaggi: 9965
Iscritto il: giovedì 8 maggio 2014, 14:27

Re: Gb Baronchelli campione d'altri tempi

Messaggio da leggere da Visconte85 » mercoledì 23 novembre 2016, 11:45

meriadoc ha scritto:si, come corridore ho sempre letto che fosse una speie di cancellarz dell'epoca
sicuramente mi sarebbe piaciuto
comunque argentin per me era della stessa pasta
pasta intesa come pasta cioè ''testa'' atleta o come uomo?
Ultima modifica di Visconte85 il mercoledì 23 novembre 2016, 11:57, modificato 1 volta in totale.


2014: Giro tp 21,Tour tp 10,Vuelta tp 3, ARGENTO a Ponferrada
2015: Giro anch'io 3°,Tour tp 10 e 20, GpMontreal
2016: GandWevelgen, Svizzera, Tour tp 13, Vuelta tp 10
2017: Tour tp 10 Vuelta tp 2
2018: Scheldeprijs, Giro tp 21, Tour tp 11

Avatar utente
Tranchée d'Arenberg
Messaggi: 14952
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:50
Località: Falconara Albanese (CS)

Re: Gb Baronchelli campione d'altri tempi

Messaggio da leggere da Tranchée d'Arenberg » mercoledì 23 novembre 2016, 11:47

Morris ha scritto:Il Passo della Crocetta percorso dal Giro d’Italia 1986, era quello calabrese (ne esiste uno anche in Liguria, vicino Rapallo), situato in provincia di Cosenza, ed avente una cima che sfiora i 1000 metri. Che io sappia, da quell'anno, non è stato più percorso dalla “Corsa Rosa”. Prima altre due volte: nel 1981 e nel 1985.
Ops, scusatemi, ma qui mi emoziono a leggere Morris che parla del "mio" passo.
E' la salita che conosco meglio in assoluto, la prima vera salita che ho fatto in bici, la strada che ho percorso un'infinità di volte e che faccio tuttora quando vado dai miei, visto che collega Cosenza, dove vivo attualmente, col mio paesino d'origine.

I versanti sono 3: da San fili, da Paola e da Falconara Albanese.

Nell'85 la tappa Crotone-Paola tagliava la calabria da est ad ovest laddove la distanza tra tirreno e ionio è massima. Il versante scalato era quello da San Fili, poi giunti in cima iniziava la bellissima (a livello panoramico) discesa verso la cittadina di Paola.
Nel 1981 e nel 1986 invece fu scalato il versante da Paola (quindi dal mare), poi si scese verso San Fili e da li si arrivò nella vicina Cosenza.

Non è stato mai invece scalato il versante 'di casa mia', quello che parte da Torremezzo di Falconara, sempre sul mare. I primi km sarebbero veramente interessanti: 7 km circa ad oltre 7.5 % di pendenza media che portano al mio piccolo paesino, poi da li fino alla cima le pendenze s'addolciscono di molto.

Scusate l'intervento, ma una volta ogni 10 anni che si parla di posti a me vicini, mi arrogo il diritto di scrivere qualcosa a proposito :)


Cobblestone 2012 - 1° Classifica Generale
Cobblestone 2012 - 1° Classifica Classiche
Cobblestone 2013 - 1° Classifica Semiclassiche

FantaCycling Manager 2016 - 1° Classifica (squadre)

Avatar utente
galliano
Messaggi: 12023
Iscritto il: giovedì 14 aprile 2011, 12:53
Località: TN

Re: Gb Baronchelli campione d'altri tempi

Messaggio da leggere da galliano » mercoledì 23 novembre 2016, 11:48

meriadoc ha scritto:si, come corridore ho sempre letto che fosse una speie di cancellarz dell'epoca
sicuramente mi sarebbe piaciuto
comunque argentin per me era della stessa pasta
come corridori ovviamente diversissimi.
più furbo sicuramente argentin che rarissimamente perdeva le volate ristrette (la più sanguinosa quella con kelly alla sanremo)
come ruolo di monarca in squadra effettivamente l'accostamento ci sta, anche se Argentin era meno diretto e quindi i suoi toni erano più bassi.
Anche in nazionale, c'era comunque spazio anche per gli altri.

Nella vita di tutti i giorni, non saprei dire, conoscendo poco Argentin. Mi pare che anche in questo sia più riflessivo rispetto a Moser e prenda delle posizioni più condivisibili, ma ripeto, non l'ho seguito molto.



meriadoc
Messaggi: 4838
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 21:55

Re: Gb Baronchelli campione d'altri tempi

Messaggio da leggere da meriadoc » mercoledì 23 novembre 2016, 12:03

Visconte85 ha scritto:
meriadoc ha scritto:si, come corridore ho sempre letto che fosse una speie di cancellarz dell'epoca
sicuramente mi sarebbe piaciuto
comunque argentin per me era della stessa pasta
pasta intesa come pasta cioè ''testa'' atleta o come uomo?
pasta intesa come persona, cioè mi sono sempre sembrati odiosi e insopportabili nelle loro dichiarazioni (Moser era dappertutto a qualunque titolo, Argentin mi pare fosse presidente dell'assocorridori o roba del genere)
non parlo delle loro gare, Argentin visto di strscio, Moser mai


Kruijswijk... il resto è noia

"Siamo in gennaio, siamo in Australia ma per me questo e' il successore di Froome nell'albo d'oro della grand boucle.."
21/01/2017 barrylyndon su Porte

Avatar utente
Visconte85
Messaggi: 9965
Iscritto il: giovedì 8 maggio 2014, 14:27

Re: Gb Baronchelli campione d'altri tempi

Messaggio da leggere da Visconte85 » mercoledì 23 novembre 2016, 12:11

meriadoc ha scritto: pasta intesa come persona, cioè mi sono sempre sembrati odiosi e insopportabili nelle loro dichiarazioni (Moser era dappertutto a qualunque titolo, Argentin mi pare fosse presidente dell'assocorridori o roba del genere)
non parlo delle loro gare, Argentin visto di strscio, Moser mai
su Moser ne avevo letto molte, questo lato di Argentin non lo conoscevo ad essere sincero.
meriadoc ha scritto:
Visconte85 ha scritto: Per me ha fatto bene,
anch'io come lui avrei fatto così, siccome caratterialmente mi ci rispecchio molto. Vedo che son solo, come un peso, gregari (specie Corti) che ti remano contro, che fai? Mica sei un ragazzino alle prime armi? Aveva già tre podi alle spalle... Così ha mandato tutti a quel paese, correte voi che io mi son rotto i cog...
si', ma io avrei anche chiarito i motivi dell'abbandono, se devi mandare affanculo fallo bene
manda affanculo gli italiani tutti (ma per te, non per un popolo come Grillo, aggiungo)
a meno che avesse degli obblighi legali, ecco, sui quali è meglio mettere da parte l'orgoglio
concordo anch'io,
non dico il giorno dopo o la sera stessa, ma almeno un mese dopo!
Invece sono passati 30 anni e non ha mai chiarito nulla sui motivi di quell'abbandono...


2014: Giro tp 21,Tour tp 10,Vuelta tp 3, ARGENTO a Ponferrada
2015: Giro anch'io 3°,Tour tp 10 e 20, GpMontreal
2016: GandWevelgen, Svizzera, Tour tp 13, Vuelta tp 10
2017: Tour tp 10 Vuelta tp 2
2018: Scheldeprijs, Giro tp 21, Tour tp 11

giorgio ricci
Messaggi: 2311
Iscritto il: lunedì 9 giugno 2014, 13:44

Re: Gb Baronchelli campione d'altri tempi

Messaggio da leggere da giorgio ricci » mercoledì 23 novembre 2016, 15:13

Il Tista non parlò allora perché non faceva polemiche, e tantomeno ora , dopo 30 anni .
Credo abbia lasciato dietro di sé il suo passato da corridore , e viva serenamente il suo presente. Questo da come l'ho visto io durante un incontro nel suo laboratorio.
Non credo che dietro a tante sue prestazioni altalenanti nei Gt ci sia l'epatite contratta nel 75 , ma una forma altalenante per natura, che si evidenziava nei Gt. Probabilmente, cone dice Morris , venne sopravalutata la prestazione contro Merckx nel 74 ; un Merckx non in forma , che Fuente , senza la crisi di Sanremo , avrebbe sicuramente battuto. ( Pure el Tarangu come prestazioni era tutt'altro che continuo ) .
Sul Giro 86 , tutti conoscevamo i limiti del Tista , ma io , ad esempio , mi commossi quando dedicò la maglia rosa al padre, e la simpatia per lui era spontanea. Poi confesso, , che nel amplificare quel gesto a Foppolo , contribuì pure la mia antipatia per Moser , e non considerai neppure il fattore Corti . Credo che se avesse continuato avrebbe concluso quinto. Vidi il Lombardia come una rivalsa , ma anche come il canto del cigno.
Su Moser , io tifavo per lui alla Roubaix ma non al Giro. Lo ritenevo responsabile dello snaturamento dei Giro degli anni 77 -86.
Non mi piaceva il suo atteggiamento verso gli altri corridori, le dichiarazioni ai media e la totale mancanza di autocritica.
Inoltre , dopo il record dell'ora sentivo puzza di zolfo.
La sua autobiografia, un peana senza il minimo senso di autocritica, nemmeno verso fatti puramente evidenti ha accentuato in me questa insofferenza.
Argentin pure , non mi piaceva. Aveva prestazioni da automa, prima fortissimo , e poi spariva per mesi . E pure per lui , per i suoi ritorni dall'oltretomba, prima nel 90 e poi nel 93 , il mio sentimento oscillava fra fastidio e sospetto.



Avatar utente
TIC
Messaggi: 7095
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:20

Re: Gb Baronchelli campione d'altri tempi

Messaggio da leggere da TIC » martedì 6 dicembre 2016, 19:50

nino58 ha scritto:
Bitossi ha scritto:Per la verità Baronchelli partecipò a due Tour: '76 e '79.
Mi viene in mente che in una tappa di uno dei due (mi pare il primo) fosse andato in fuga con un buon vantaggio, a livello di prendere la maglia se ricordo bene, ma si dimenticò di mangiare, ed andò in crisi. Chi si ricorda la circostanza con esattezza? :dubbio:

Per quel che riguarda la vita successiva, mi è capitato di incrociarlo a qualche Granfondo, ormai diversi anni fa, sia in bdc sia in mtb. Disinteressato (come giusto) alla vittoria, e gentile con i ritardatari doppiati (come successe a me in una GF in mtb... :diavoletto: ), al contrario di tanti amatori adrenalinici che abbiamo più volte criticato in queste pagine... :D
Era l'Alpe d'Huez.
Maglia gialla virtuale fino ai meno due.
Poi restò vuoto.
Il Tour di Van Impe.
Un Tour non impossibile.

ERRATO NINO :D , era la tappa dell' Izoard con arrivo sul Moncenisio. Maglia gialla virtuale fino ai -6, poi crisi di fame, arrivo' con 3 o 4 minuti, con Riccomi che dovette fermarsi ad aspettarlo. Riccomi fece quinto in quel Tour.


Henry Kissinger : (Ad un summit presso il Ministero degli Esteri alla fine dell'intervento di Aldo Moro) Chi parla in questo modo non può che essere un imbroglione e non può che rappresentare un popolo di imbroglioni.

quasar
Messaggi: 1297
Iscritto il: lunedì 24 gennaio 2011, 1:53

Re: Gb Baronchelli campione d'altri tempi

Messaggio da leggere da quasar » martedì 6 dicembre 2016, 20:34

TIC ha scritto:
nino58 ha scritto:
Era l'Alpe d'Huez.
Maglia gialla virtuale fino ai meno due.
Poi restò vuoto.
Il Tour di Van Impe.
Un Tour non impossibile.

ERRATO NINO :D , era la tappa dell' Izoard con arrivo sul Moncenisio. Maglia gialla virtuale fino ai -6, poi crisi di fame, arrivo' con 3 o 4 minuti, con Riccomi che dovette fermarsi ad aspettarlo. Riccomi fece quinto in quel Tour.
Sull'Alpe ci fu l'attacco deciso di Van Impe e zoetemelk, la crisi di Maertens che perse la maglia e Baronchelli che invece limitò i danni, salendo regolare ed arrivando ad un minutino dai due di testa.
Il fattaccio si verificò il giorno dopo come ricordato da Tic.



Avatar utente
Bitossi
Messaggi: 2869
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 12:41
Località: Milano

Re: Gb Baronchelli campione d'altri tempi

Messaggio da leggere da Bitossi » martedì 6 dicembre 2016, 20:35

Imprecisione per imprecisione... Monginevro, non Moncenisio. ;)
(in effetti nella tappa dell'Alpe del giorno prima il Tista aveva tenuto, finendo con Bertoglio a meno di 2 minuti da Zoetemelk e Van Impe, ed era ancora 5.o in CG, a circa un minuto e mezzo)


Ringrazio la mia mamma per avermi fatto studiare da ciclista

Avatar utente
TIC
Messaggi: 7095
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:20

Re: Gb Baronchelli campione d'altri tempi

Messaggio da leggere da TIC » martedì 6 dicembre 2016, 21:45

Bitossi ha scritto:Imprecisione per imprecisione... Monginevro, non Moncenisio. ;)
(in effetti nella tappa dell'Alpe del giorno prima il Tista aveva tenuto, finendo con Bertoglio a meno di 2 minuti da Zoetemelk e Van Impe, ed era ancora 5.o in CG, a circa un minuto e mezzo)
Si, Monginevro.... Se ne ando da solo nella discesa dell'izoard, all'attacco del monginevro aveva 1. 30, dopo i primi 2 km di salita il vantaggio era aumentato a due minuti, poi la crisi. Non so se ando veramente in crisi di fame o pago' lo sforzo in pianura del tratto prima del moginevro.


Henry Kissinger : (Ad un summit presso il Ministero degli Esteri alla fine dell'intervento di Aldo Moro) Chi parla in questo modo non può che essere un imbroglione e non può che rappresentare un popolo di imbroglioni.

Avatar utente
nino58
Messaggi: 9429
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 14:38

Re: Gb Baronchelli campione d'altri tempi

Messaggio da leggere da nino58 » mercoledì 7 dicembre 2016, 10:07

TIC ha scritto:
nino58 ha scritto:
Bitossi ha scritto:Per la verità Baronchelli partecipò a due Tour: '76 e '79.
Mi viene in mente che in una tappa di uno dei due (mi pare il primo) fosse andato in fuga con un buon vantaggio, a livello di prendere la maglia se ricordo bene, ma si dimenticò di mangiare, ed andò in crisi. Chi si ricorda la circostanza con esattezza? :dubbio:

Per quel che riguarda la vita successiva, mi è capitato di incrociarlo a qualche Granfondo, ormai diversi anni fa, sia in bdc sia in mtb. Disinteressato (come giusto) alla vittoria, e gentile con i ritardatari doppiati (come successe a me in una GF in mtb... :diavoletto: ), al contrario di tanti amatori adrenalinici che abbiamo più volte criticato in queste pagine... :D
Era l'Alpe d'Huez.
Maglia gialla virtuale fino ai meno due.
Poi restò vuoto.
Il Tour di Van Impe.
Un Tour non impossibile.

ERRATO NINO :D , era la tappa dell' Izoard con arrivo sul Moncenisio. Maglia gialla virtuale fino ai -6, poi crisi di fame, arrivo' con 3 o 4 minuti, con Riccomi che dovette fermarsi ad aspettarlo. Riccomi fece quinto in quel Tour.
Eravamo in campeggio in tenda canadese con l'Oratorio del mio paese.
Il lontano cugino del Tista, UribeZubia, arrivò facendomi leggere metà del titolo della Gazza "Baronchelli maglia gialla" e nascondendo l'altra metà "fino a cinque chilometri dall'arrivo".
Quando me la mostrò mi rifilò un colpo da KO.
Non so perchè mi è rimasta in mente l'Alpe d'Huez.


Von Rock ? Nein, danke.
Diritto di correre senza condizioni a chi ha scontato una squalifica !!!

Avatar utente
UribeZubia
Messaggi: 2052
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 18:27

Re: Gb Baronchelli campione d'altri tempi

Messaggio da leggere da UribeZubia » mercoledì 7 dicembre 2016, 16:05

Già, ricordo benissimo quell'episodio della prima pagina della Gazzetta. :D


Il riso abbonda sulla bocca degli stolti.

Fiammingo
Messaggi: 702
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 16:40

Re: Gb Baronchelli campione d'altri tempi

Messaggio da leggere da Fiammingo » giovedì 18 maggio 2017, 15:30

Bella clip su Baronchelli messa in onda durante la tappa del Giro. Non sapevo di questa sua fede cosi forte.
Tic, ti consiglio di vederla!



Avatar utente
sceriffo
Messaggi: 1910
Iscritto il: lunedì 11 aprile 2011, 23:48

Re: Gb Baronchelli campione d'altri tempi

Messaggio da leggere da sceriffo » giovedì 18 maggio 2017, 15:36

Fiammingo ha scritto:Bella clip su Baronchelli messa in onda durante la tappa del Giro. Non sapevo di questa sua fede cosi forte.
Tic, ti consiglio di vederla!
Mi sembra invecchiato moltissimo



donadeus
Messaggi: 165
Iscritto il: venerdì 13 gennaio 2017, 10:13

Re: Gb Baronchelli campione d'altri tempi

Messaggio da leggere da donadeus » giovedì 18 maggio 2017, 16:20

Fiammingo ha scritto:Bella clip su Baronchelli messa in onda durante la tappa del Giro. Non sapevo di questa sua fede cosi forte.
Tic, ti consiglio di vederla!
Bella veramente



giorgio ricci
Messaggi: 2311
Iscritto il: lunedì 9 giugno 2014, 13:44

Re: Gb Baronchelli campione d'altri tempi

Messaggio da leggere da giorgio ricci » giovedì 18 maggio 2017, 16:50

Non l'ho vista. Dove la posso trovare ?



AlessandroCam
Messaggi: 239
Iscritto il: sabato 11 dicembre 2010, 14:48
Località: GENOVA

Re: Gb Baronchelli campione d'altri tempi

Messaggio da leggere da AlessandroCam » giovedì 18 maggio 2017, 18:11

giorgio ricci ha scritto:Non l'ho vista. Dove la posso trovare ?
Cercando sul sito RAI le repliche delle tappe; mi sembrerebbe situata circa ai meno 50 - 60 km dall'arrivo quando vanno riempiti i tempi "morti".
Vale la pena vederla.



Opabinia
Messaggi: 4
Iscritto il: lunedì 8 gennaio 2018, 21:29

Re: Gb Baronchelli campione d'altri tempi

Messaggio da leggere da Opabinia » lunedì 8 gennaio 2018, 21:41

Theakston ha scritto:
giorgio ricci ha scritto:Bellissimo l'articolo di Janjanssen . Grazie a Visconte85 per averlo riproposto.
Condivido totalmente la disamina di TIC. I fatti del Giro 86 chiudono un periodo del ciclismo italiano che non ho amato, e che trovo anzi sopravvalutato. L'omerta che è caduta,su quel fatto mi da fastidio. Vorrei vedere se fosse accaduto in altre circostanze che scandalo,avrebbe provocato. Dimostra pure,la tracotanza dei mammasantissima di quel periodo.
Mi piacerebbe conoscere qualche aneddoto sul tanto criticato strapotere del duo Saronni-Moser, un periodo di dimensione piuttosto provinciale del ciclismo nostrano. Sapevo qualcosa di Giri disegnati su misura, intemperanze dei tifosi degne del peggior contesto calcistico, rivalità a danno di altri validi corridori.... Chi ha qualche storia da raccontare? (senza rischiare querele.... :D )
Guardati i profili dei Giri dal 1977 al 1986: erano molto più facili di quelli precedenti o successivi. Il culmine si toccò nel 1979, quando l'unica salita degna di questo nome, in tutto il Giro, fu il Pordoi, messo a 100 km dal traguardo!



Opabinia
Messaggi: 4
Iscritto il: lunedì 8 gennaio 2018, 21:29

Re: Gb Baronchelli campione d'altri tempi

Messaggio da leggere da Opabinia » lunedì 8 gennaio 2018, 21:45

Slegar ha scritto:
Theakston ha scritto:Mi piacerebbe conoscere qualche aneddoto sul tanto criticato strapotere del duo Saronni-Moser, un periodo di dimensione piuttosto provinciale del ciclismo nostrano. Sapevo qualcosa di Giri disegnati su misura, intemperanze dei tifosi degne del peggior contesto calcistico, rivalità a danno di altri validi corridori.... Chi ha qualche storia da raccontare? (senza rischiare querele.... :D )
Dimensione provinciale una ciufola; Saronni e Moser erano le punte di un movimento che in quegli anni era leader nel mondo delle due ruote. Tornando a GB Baronchelli, e al duo Moser-Saronni, quel Lombardia è stato l'ultimo lampo, e che lampo, di una grande carriera che in quel 1986 fu molto particolare; iniziò la stagione alla Supermercati Brianzoli come gregario di Moser per il Giro e a luglio, dopo lo sgarbo della 4ª tappa del Giro in cui il Tista battè Moser indossando la maglia rosa, si trasferì alla Del Tongo di Saronni.
Saronni e soprattutto Moser non erano grandissimi corridori di corse a tappe, cosa che comportò una certa provincializzazione del Giro.



Opabinia
Messaggi: 4
Iscritto il: lunedì 8 gennaio 2018, 21:29

Re: Gb Baronchelli campione d'altri tempi

Messaggio da leggere da Opabinia » lunedì 8 gennaio 2018, 21:49

Winter ha scritto:
Slegar ha scritto:
Theakston ha scritto:Mi piacerebbe conoscere qualche aneddoto sul tanto criticato strapotere del duo Saronni-Moser, un periodo di dimensione piuttosto provinciale del ciclismo nostrano. Sapevo qualcosa di Giri disegnati su misura, intemperanze dei tifosi degne del peggior contesto calcistico, rivalità a danno di altri validi corridori.... Chi ha qualche storia da raccontare? (senza rischiare querele.... :D )
Dimensione provinciale una ciufola; Saronni e Moser erano le punte di un movimento che in quegli anni era leader nel mondo delle due ruote. .
Gia..
anche perche' i veri rivali di Hinault non erano certo Zoetemelk e co.. ma Moser e Saronni (e lo stesso Hinault lo diceva)
Saranno anche stati provinciali
pero' nel periodo del Tour facevano 50mila spettatori nei vari circuiti.. e li conoscevano tutti , anche fuori dal ciclismo
Mentre Nibali ha vinto il Tour e lo conoscono solo gli appassionati di ciclismo
Nibali lo conoscono solo gli appassionati perché il ciclismo, specialmente dopo i casi di Pantani e Armstrong, ha meno seguaci che all'epoca di Moser e Saronni. Nibali è sicuramente miglior corridore di corse a tappe dei due citati. I quali saranno stati, per Hinault, una minaccia nelle corse di un giorno e, soprattutto, nel mondiale non certo nelle corse a tappe: Moser e Saronni non hanno mai corso né Vuelta né Tour contro il bretone, né hanno mai costituito un pericolo nei tre giri vinti da Hinault, se si esclude Moser nel Giro del 1985 (corso su un percorso facilissimo).



Opabinia
Messaggi: 4
Iscritto il: lunedì 8 gennaio 2018, 21:29

Re: Gb Baronchelli campione d'altri tempi

Messaggio da leggere da Opabinia » lunedì 8 gennaio 2018, 21:50

Maìno della Spinetta ha scritto:Grazie a dio il tourcentrismo è un'invenzione recente, non bisogna guardare a quegli anni, come slegar e Giorgio ci consigliano, con gli occhi di oggi.
Il Tour è sempre stato la corsa più importante dell'anno.



Avatar utente
Maìno della Spinetta
Messaggi: 5076
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 15:53

Re: Gb Baronchelli campione d'altri tempi

Messaggio da leggere da Maìno della Spinetta » martedì 9 gennaio 2018, 5:53

Opabinia ha scritto:
Maìno della Spinetta ha scritto:Grazie a dio il tourcentrismo è un'invenzione recente, non bisogna guardare a quegli anni, come slegar e Giorgio ci consigliano, con gli occhi di oggi.
Il Tour è sempre stato la corsa più importante dell'anno.
Non ho detto il contrario, leggi in che contesto ho scritto quella frase: Si diceva che moser e Saronni erano molto forti e non andavano al Tour, e che le corse di seconda fascia italiane di luglio erano stracolme di spettatori, la gente li andava a vedere in massa. Spettatori in strada, protagonisti che corrono in Italia, ergo, il senso che qualsiasi corsa sia inutile se non è il Tour de France non si era ancora affermato.

Sul Goro 1979, ecco le terribili tappe: http://bikeraceinfo.com/giro/giro1979.html oggi CW organizzerebbe un attentato a Torriani se una cosa del genere venisse proposta.


“Our interest’s on the dangerous edge of things.
The honest thief, the tender murderer, the superstitious atheist”.

Avatar utente
TIC
Messaggi: 7095
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:20

Re: Gb Baronchelli campione d'altri tempi

Messaggio da leggere da TIC » martedì 9 gennaio 2018, 7:55

L'ultimo giro difficile fu quello del '75, che fu disegnato proprio per il Tista che pero' si ammalo. Tanto che Moser polemicamente lo diserto' e fece il Tour. Tutti i giri per i successivi 10 anni furono vergognosi, se fossero stati normali li avrebbe vinti tutti il Tista tranne un paio che lascio a Hinault. Pertanto GiBi vinse 7 o 8 giri d' Italia, record ancora imbattuto.
Quello del '79 fu addiritura ridicolo, tanto che GB lo diserto'


Henry Kissinger : (Ad un summit presso il Ministero degli Esteri alla fine dell'intervento di Aldo Moro) Chi parla in questo modo non può che essere un imbroglione e non può che rappresentare un popolo di imbroglioni.

giorgio ricci
Messaggi: 2311
Iscritto il: lunedì 9 giugno 2014, 13:44

Re: Gb Baronchelli campione d'altri tempi

Messaggio da leggere da giorgio ricci » martedì 9 gennaio 2018, 16:11

Il Tour è sempre stato molto importante ma non godeva di tutto questo risalto mediatico. Stiamo parlando di anni dove c'era Europa dell' Ovest e dell'est e negli altri continenti il ciclismo su strada non era popolare come ora.
Pensate solo al nulla prodotto dagli inglesi o dai tedeschi fino ancora a pochi anni fa e alla loro importanza nel ciclismo attuale. Fino alla meta degli anni 90 si parlava ancora di Simpson per gli uni e Altig per gli altri come i loro nomi più importanti .
Il ciclismo era un altra cosa , molto diversa da ora .
I mitici Giri degli anni di Moser e Saronni: il libro di Beppe Conti :Moser - Saronni , duello infinito spiega bene l'atmosfera volutamente autarchica che vi era in quegli anni , corse che nascevano ad hoc per avere i due e la gente per strada che tifava , spesso senza alcuna competenza.
Alcuni Giri erano veramente ridicoli ma dire che con percorsi normali il Tista li avrebbe vinti tutti forse è un tantino esagerato. Il Giro 78 , se avessero fatto un bel Mortirolo nelle tappe finali lo avrebbe vinto , perché stava bene ma dopo la sua forma era troppo altalenante nei GT.



maurofacoltosi
Messaggi: 1277
Iscritto il: mercoledì 15 dicembre 2010, 12:23
Località: Vedano Olona (Va)
Contatta:

Re: Gb Baronchelli campione d'altri tempi

Messaggio da leggere da maurofacoltosi » martedì 9 gennaio 2018, 22:47

Secondo me il Giro peggiore fu quello del 1985. C'erano molte più salite del 1979, ma tutte collocate male (un tappone dolomitico facilissimo collocato a inizio Giro; Passo Tre Croci da Misurina e arrivo a Vittorio Veneto; arrivo in salita al Gran Sasso senza praticamente affrontare la salita perchè si decise di mettere il traguardo a Fonte Cerreto, tappa da Domodossola a Saint-Vincent con Sempione in partenza e Gran San Bernardo lontano dall'arrivo e tagliato con il traforo; arrivo in salita a Cogne al termine di una tappa di soli 58 Km che avrebbe avuto un senso nel contesto di un percorso nel complesso molto più impegnativo)


Mauro Facoltosi
www.ilciclismo.it

giorgio ricci
Messaggi: 2311
Iscritto il: lunedì 9 giugno 2014, 13:44

Re: Gb Baronchelli campione d'altri tempi

Messaggio da leggere da giorgio ricci » mercoledì 10 gennaio 2018, 0:03

Giro 79 : NC. Era un Giro per cronomen e scattisti , voluto a furor di popolo . Tutti volevano vedere Moser vincere il Giro , per questo misero tante crono e niente abbuoni , ma non fecero i conti con la cattiva forma ( dovuta ad una congiuntivite ) del Trentino e con le caratteristiche del giovane Saronni. Comunque Giro totalmente atipico e anti tradizionale.
Giro 80 : 6. Il Giro di disegnato da Guimard per Hinault, capostipite dei vari Armstrong e Froome , anche se pure nel 77 furono sganciate somme e trovato uno sponsor per avere Maertens. Comunque il Giro era nervoso , con varie salite e tappe non banali . Ricordo l'Elba , Campotenese , Roccaraso e lo Stelvio.
Giro 81 : 5,5. Giro con abbuoni 30 20 10 secondi ai primi 3 , pero era interessante a tratti , con Terminillo , Passo furcia e Tre Cime come asperità maggiori. Battaglin lo vinse bene , sfruttando tutte le occasioni.
Giro 82 : 6 Ricordo un Giro non orrendo . Poche salite però ben piazzate . Campitello Matese , gli Appennini abbruzzesi , il Monte Grappa e la mini tappa di Montecampione , decisiva più l'altisonante anche se ininfluente Cuneo -Pinerolo .
Giro 83 : 5 . Abbuoni a manetta e tanta crono , ma qualche salita c'era. Credo Campitello Matese e le Dolomiti con Selva di Valgardena e il tappone con il Pordoi.
Giro 84 : 4 Tutto un 'Forza Moser abbasso Fignon. Stelvio saltato con scusa assurda, Bardonecchia per velocisti , ma c'era il Blockhaus, anche se non ricordo se dimezzato e le solite tappe Dolomitiche , giusto per non perdere la faccia ( ma Moser quasi il Giro lo perdeva )
Giro 85 : NC . Condivido che fecero più bella figura a disegnare il Giro 79 che a presentare una 'presa in Giro' come quella. Gran Sasso a 1000 metri presentato come se fosse lo Stelvio , e altre amenità come la tappa dei trafori. Lo chiamarono il Giro dei tunnel . Tutto detto.
Giro 86: 5. Si stava chiudendo un epoca e si intravedeva. Percorso con qualche spunto . Cronosquadre dura a Taormina, tappe calabresi nervose, Terminillo , anche se troppo distante dall'arrivo.Poi Sauze D'oux e la tappa di Foppolo che non era male . Il resto era deludente .



Trullo
Messaggi: 182
Iscritto il: martedì 23 maggio 2017, 12:26

Re: Gb Baronchelli campione d'altri tempi

Messaggio da leggere da Trullo » mercoledì 10 gennaio 2018, 21:58

I miei ricordi coincidono sostanzialmente con quelli di Giorgio. Confermo che nell'84 il Block Haus non fu percorso per intero (Argentin salì sul podio finale di quel giro, per capire di che percorso stiamo parlando). Nell''80 la cosa interessante fu che Panizza andò via con altri da lontano in una tappa non particolarmente impegnativa (il Monte Amiata) rosicchiando tre o quattro minuti al Tasso, che fu costretto al "numero" nella tappa dello Stelvio, con salita a un'ottantina di chilometri dal traguardo sfruttata come trampolino di lancio. Questo per dire che i "grandissimi" riescono a rendere interessanti anche tappe apparentemente destinate ad essere ininfluenti Nell'82 Contini lo attaccò quasi tutte le tappe impegnative, portandogli via la maglia con una fuga nata sul Croce Domini, ma ll Tasso questa volta fece l'impresa a Monte Campione. Infine nell'85 non ebbe bisogno di alcuna impresa l'unico che poteva impenserirlo a cronometro (Moser) fu staccato sull'unica vera salita di quel giro, l'arrivo a Selva di Val Gardena in una delle prime tappe, e il resto del percorso non diede modo a nessuno di insidiarlo



CicloSprint
Messaggi: 5652
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:49

Re: Gb Baronchelli campione d'altri tempi

Messaggio da leggere da CicloSprint » mercoledì 10 gennaio 2018, 23:40

giorgio ricci ha scritto: Giro 85 : NC . Condivido che fecero più bella figura a disegnare il Giro 79 che a presentare una 'presa in Giro' come quella. Gran Sasso a 1000 metri presentato come se fosse lo Stelvio , e altre amenità come la tappa dei trafori. Lo chiamarono il Giro dei tunnel . Tutto detto.
Hinault lo vinse solo per la crono di Maddaloni. il resto tutto ridicolo....

Lo fecero per aumentare le copie della Gazzetta.

In quel giro del 1979 tutti aspettarono Moser, tranne uno (che era l'allora ct Martini...) che predisse la vittoria di Saronni.



giorgio ricci
Messaggi: 2311
Iscritto il: lunedì 9 giugno 2014, 13:44

Re: Gb Baronchelli campione d'altri tempi

Messaggio da leggere da giorgio ricci » mercoledì 21 marzo 2018, 23:16

Ho letto il bellissimo libro di Gian Carlo Iannella :
GB Baronchelli :dodici secondi .
Posso solo ringraziare l'autore , che ha avuto l'idea di scrivere la biografia di questo grande personaggio, carico di umanità e semplicità.
Consiglio di leggerlo a chi ha vissuto l'epoca del Tista e a chi , per motivi anagrafici , non ha fatto in tempo a conoscerlo. La scrittura , essenziale ma coinvolgente, fa entrare il lettore nello spirito dell'epoca , recente ma ormai lontanissima, e fa venire la voglia di dare una spinta a questo eroe mite del ciclismo italiano .



tarangu
Messaggi: 192
Iscritto il: lunedì 13 dicembre 2010, 9:49

Re: Gb Baronchelli campione d'altri tempi

Messaggio da leggere da tarangu » mercoledì 28 marzo 2018, 10:55

oggi puntata di Baronchelli in rai sport:


por registrare la puntata di baronchelli di rai sport?


Due nuove puntate di "Memory" sono in arrivo sui canali Rai Sport. Mercoledì 28 marzo dalle 9.10 la puntata su Gianbattista Baronchelli, alle 4.00 della notte tra mercoledì e giovedì 29 marzo, solo su Rai Sport+ HD, la puntata su Felice Gimondi. Inoltre, nella notte tra martedì e mercoledì, dalle 4.30 solo su Rai Sport+ HD, "La Domenica Sportiva" del 3 giugno 1984 seguita alle 5.20 da "Un anno di ciclismo 1968", dalle 5.35 anche su Rai Sport. Nella notte tra mercoledì e giovedì dalle 5.00, solo su Rai Sport+ HD e dalle 5.25 anche su Rai Sport.




Rispondi