Roglic

Il mondo dei professionisti tra gare e complessità, e più in generale l'approccio al ciclismo di ogni appassionato
Luciano Pagliarini
Messaggi: 969
Iscritto il: mercoledì 27 settembre 2017, 21:54

Re: Roglic

Messaggio da leggere da Luciano Pagliarini » giovedì 21 giugno 2018, 16:27

max ha scritto:
giovedì 21 giugno 2018, 16:07
Luciano Pagliarini ha scritto:
giovedì 21 giugno 2018, 15:32
I piani sarebbero fare classifica l'anno prossimo e puntare a vincere il Tour nel 2020.
dopo una stagione strepitosa nelle corse di una settimana va al Tour così solo per le tappe, ma non ci credo...
poi non è che tutto è programmabile, dire che proverà nel 2020 equivale a dire che non se ne farà mai nulla nei grandi giri, tra 2 anni chissà come sarà la situazione magari ci saranno nomi nuovi, altri corridori saranno cresciuti, qualcuno dei top attuali ancora vincente ecc... troppe variabili.
io credo che ci proverà di sicuro a fare classifica e vediamo quello che è in grado di fare, magari non vince ma comunque per essere competitivo anche in futuro un segnale lo deve mandare per forza quest'anno, almeno con una top 5/10 finale, se non ci provi non sai mai qual è il limite.
Mi sfugge la logica qua.

I suoi programmi erano: focus sulle brevi corse a tappe nel 2018, fare classifica al Tour nel 2019, correre per vincere il Tour nel 2020.

Poi in questi primi mesi di 2018 è andato oltre le più rosee aspettative e ora, se esce indenne dal pavé, come avevo ipotizzato e come ha confermato Alberto, proverà ad anticipare i suoi programmi di un anno.

Ripeto è un corridore al 3° anno tra i pro (con solo tre anni di Adria Mobil, come diceva Tranchée, alle spalle; in pratica sei anni, la durata della trafila che uno normalmente fa dagli esordienti agli junior), non è che se non fa classifica quest'anno non la fa più.

A maggior ragione, poi, se andiamo a vedere il corridore Roglic c'è da essere fiduciosi per il futuro anche se quest'anno si concentra sulle tappe. Intanto è uno dei pochi, ormai, che va veramente forte sia in salita che a crono. E poi è uno bravo a guidare il mezzo e, inoltre, va molto agile...e sappiamo quanto queste cose siano importanti al giorno d'oggi.




Salvatore77
Messaggi: 4684
Iscritto il: domenica 9 gennaio 2011, 19:14

Re: Roglic

Messaggio da leggere da Salvatore77 » giovedì 21 giugno 2018, 16:48

Capire Roglic per me è abbastanza difficile, ma confido nel buon senso da parte del corridore e da parte di chi sta con lui a prendere le decisioni.
Però nel passato abbiamo visto tanti corridori essere dei fenomeni in certi periodi dell'anno e in brevi corse a tappe senza poi mai raggiungere risultati di rilievo al Tour. Lui se si sente di essere uno di questi dobbiamo pazientare.
Se lui avesse una pur remota possibilità di vincere il Tour 2018 ci proverà, senza problemi, male che vada che può succedere? Nulla, è tutto di guadagnato. Sempre facendo la tara che questo sarà il suo secondo Tour e fa il ciclismo da pochissimi anni. Tutto può succedere, ma secondo me le 3 settimane non sono ancora per lui. Lui lo sa.
Poi, è chiaro, quest'anno compirà 29 anni, nel 2020 ne compirà 31 pertanto l'orologio biologico corre veloce.


1° Tour de France 2018

max
Messaggi: 430
Iscritto il: sabato 26 maggio 2012, 13:30

Re: Roglic

Messaggio da leggere da max » giovedì 21 giugno 2018, 23:46

Luciano Pagliarini ha scritto:
giovedì 21 giugno 2018, 16:27
Mi sfugge la logica qua.

I suoi programmi erano: focus sulle brevi corse a tappe nel 2018, fare classifica al Tour nel 2019, correre per vincere il Tour nel 2020.

Poi in questi primi mesi di 2018 è andato oltre le più rosee aspettative e ora, se esce indenne dal pavé, come avevo ipotizzato e come ha confermato Alberto, proverà ad anticipare i suoi programmi di un anno.

Ripeto è un corridore al 3° anno tra i pro (con solo tre anni di Adria Mobil, come diceva Tranchée, alle spalle; in pratica sei anni, la durata della trafila che uno normalmente fa dagli esordienti agli junior), non è che se non fa classifica quest'anno non la fa più.

A maggior ragione, poi, se andiamo a vedere il corridore Roglic c'è da essere fiduciosi per il futuro anche se quest'anno si concentra sulle tappe. Intanto è uno dei pochi, ormai, che va veramente forte sia in salita che a crono. E poi è uno bravo a guidare il mezzo e, inoltre, va molto agile...e sappiamo quanto queste cose siano importanti al giorno d'oggi.
quest'anno Roglic ha raggiunto già il suo top prestazionale, ha vinto sia in salita che a crono, è imbattuto nelle ultime tre brevi corse a tappe che ha corso, più di questo non può fare ed è chiaro che proverà a testarsi facendo classifica anche al Tour altro che aspettare il 2020, il suo momento è adesso considerando che anche un classe '89, deve verificare subito per la prima volta come se la cava a fare classifica su tre settimane, non può aspettare un altro anno.
Sono sicuro che alla Lotto NL Jumbo lo sappiano bene, tra l'altro con Kruijswijk formano una bella coppia e sicuramente non saranno loro a dover tenere subito le redini del gioco, quindi si potranno permettere anche di valutare dopo i primi veri arrivi in salita chi sta meglio e da lì faranno una scelta, certo se Kruijswijk dovesse tornare al livello del Giro 2016 allora Roglic potrebbe pure mettersi al servizio ma non sarà una cosa preventiva già alla partenza.



Luciano Pagliarini
Messaggi: 969
Iscritto il: mercoledì 27 settembre 2017, 21:54

Re: Roglic

Messaggio da leggere da Luciano Pagliarini » venerdì 22 giugno 2018, 0:45

max ha scritto:
giovedì 21 giugno 2018, 23:46
Luciano Pagliarini ha scritto:
giovedì 21 giugno 2018, 16:27
Mi sfugge la logica qua.

I suoi programmi erano: focus sulle brevi corse a tappe nel 2018, fare classifica al Tour nel 2019, correre per vincere il Tour nel 2020.

Poi in questi primi mesi di 2018 è andato oltre le più rosee aspettative e ora, se esce indenne dal pavé, come avevo ipotizzato e come ha confermato Alberto, proverà ad anticipare i suoi programmi di un anno.

Ripeto è un corridore al 3° anno tra i pro (con solo tre anni di Adria Mobil, come diceva Tranchée, alle spalle; in pratica sei anni, la durata della trafila che uno normalmente fa dagli esordienti agli junior), non è che se non fa classifica quest'anno non la fa più.

A maggior ragione, poi, se andiamo a vedere il corridore Roglic c'è da essere fiduciosi per il futuro anche se quest'anno si concentra sulle tappe. Intanto è uno dei pochi, ormai, che va veramente forte sia in salita che a crono. E poi è uno bravo a guidare il mezzo e, inoltre, va molto agile...e sappiamo quanto queste cose siano importanti al giorno d'oggi.
quest'anno Roglic ha raggiunto già il suo top prestazionale, ha vinto sia in salita che a crono, è imbattuto nelle ultime tre brevi corse a tappe che ha corso, più di questo non può fare ed è chiaro che proverà a testarsi facendo classifica anche al Tour altro che aspettare il 2020, il suo momento è adesso considerando che anche un classe '89, deve verificare subito per la prima volta come se la cava a fare classifica su tre settimane, non può aspettare un altro anno.
Sono sicuro che alla Lotto NL Jumbo lo sappiano bene, tra l'altro con Kruijswijk formano una bella coppia e sicuramente non saranno loro a dover tenere subito le redini del gioco, quindi si potranno permettere anche di valutare dopo i primi veri arrivi in salita chi sta meglio e da lì faranno una scelta, certo se Kruijswijk dovesse tornare al livello del Giro 2016 allora Roglic potrebbe pure mettersi al servizio ma non sarà una cosa preventiva già alla partenza.
Ancora co 'sto 2020.

Il 2019 era l'anno per fare classifica, il 2020 per vincere, né lui né io abbiamo detto che aspetterà il 2020.

Ora sappiamo che, però, se esce indenne dal pavé ci proverà già quest'anno.

Per quanto concerne l'età: Tony Rominger, caso simile a Roglic di corridore arrivato tardi tra i pro, fece classifica in un GT per la prima volta a 31 anni...e lo vinse pure. Tra i 32 e i 36 anni vinse 3 Vuelte, 1 Giro, arrivò 2° a un Tour e 3° in un altra Vuelta. In tempi un po' più recenti abbiamo Evans e Vino che fecero classifica in un GT per la prima volta a 28 anni il primo e a 29 il secondo.....mi pare che, entrambi, poi qualche soddisfazione se la siano tolta.

Non è che tra due anni Roglic sarà un vecchio decrepito....sarà un 31enne con quarto dei km dei coetanei nelle gambe.



max
Messaggi: 430
Iscritto il: sabato 26 maggio 2012, 13:30

Re: Roglic

Messaggio da leggere da max » venerdì 22 giugno 2018, 1:18

Luciano Pagliarini ha scritto:
venerdì 22 giugno 2018, 0:45
Ancora co 'sto 2020.

Il 2019 era l'anno per fare classifica, il 2020 per vincere, né lui né io abbiamo detto che aspetterà il 2020.

Ora sappiamo che, però, se esce indenne dal pavé ci proverà già quest'anno.

Per quanto concerne l'età: Tony Rominger, caso simile a Roglic di corridore arrivato tardi tra i pro, fece classifica in un GT per la prima volta a 31 anni...e lo vinse pure. Tra i 32 e i 36 anni vinse 3 Vuelte, 1 Giro, arrivò 2° a un Tour e 3° in un altra Vuelta. In tempi un po' più recenti abbiamo Evans e Vino che fecero classifica in un GT per la prima volta a 28 anni il primo e a 29 il secondo.....mi pare che, entrambi, poi qualche soddisfazione se la siano tolta.

Non è che tra due anni Roglic sarà un vecchio decrepito....sarà un 31enne con quarto dei km dei coetanei nelle gambe.
sei tu che insisti col fatto della programmazione triennale stile robot 2018-2019-2020 di Roglic, in primo luogo i corridori sono umani, anche Froome al Tour 2012 doveva fare solo il gregario, poi è arrivato 2° e ha praticamente pensionato il vincitore Wiggins, se hai i numeri da campione lo fai vedere alla prima occasione giusta in cui sei in forma.
Evans a 25 anni alla terza settimana del Giro era in maglia rosa alla PRIMA partecipazione ad un grande giro, quindi aveva fatto capire bene di che pasta era fatto, e poi prima di vincerlo a 34 anni aveva già fatto 2 secondi posti al Tour e podio alla Vuelta.
Roglic dopo una stagione del genere per quanto mi riguarda è d'obbligo che cerchi di fare classifica, il fattore della durata della carriera è relativo perchè ogni corridore fa storia a sè, non abbiamo la palla di vetro per sapere fino a quando un tale corridore sarà competitivo, un dato certo è che Roglic è l'unico classe '89 dei papabili che ancora non ha mai provato la classifica e se non inizia a farlo quest'anno in cui è in una forma eccezionale a mio avviso è il segnale di qualche problema di tenuta sulle tre settimane.




Luciano Pagliarini
Messaggi: 969
Iscritto il: mercoledì 27 settembre 2017, 21:54

Re: Roglic

Messaggio da leggere da Luciano Pagliarini » venerdì 22 giugno 2018, 1:39

max ha scritto:
venerdì 22 giugno 2018, 1:18
Luciano Pagliarini ha scritto:
venerdì 22 giugno 2018, 0:45
Ancora co 'sto 2020.

Il 2019 era l'anno per fare classifica, il 2020 per vincere, né lui né io abbiamo detto che aspetterà il 2020.

Ora sappiamo che, però, se esce indenne dal pavé ci proverà già quest'anno.

Per quanto concerne l'età: Tony Rominger, caso simile a Roglic di corridore arrivato tardi tra i pro, fece classifica in un GT per la prima volta a 31 anni...e lo vinse pure. Tra i 32 e i 36 anni vinse 3 Vuelte, 1 Giro, arrivò 2° a un Tour e 3° in un altra Vuelta. In tempi un po' più recenti abbiamo Evans e Vino che fecero classifica in un GT per la prima volta a 28 anni il primo e a 29 il secondo.....mi pare che, entrambi, poi qualche soddisfazione se la siano tolta.

Non è che tra due anni Roglic sarà un vecchio decrepito....sarà un 31enne con quarto dei km dei coetanei nelle gambe.
sei tu che insisti col fatto della programmazione triennale stile robot 2018-2019-2020 di Roglic, in primo luogo i corridori sono umani, anche Froome al Tour 2012 doveva fare solo il gregario, poi è arrivato 2° e ha praticamente pensionato il vincitore Wiggins, se hai i numeri da campione lo fai vedere alla prima occasione giusta in cui sei in forma.
Evans a 25 anni alla terza settimana del Giro era in maglia rosa alla PRIMA partecipazione ad un grande giro, quindi aveva fatto capire bene di che pasta era fatto, e poi prima di vincerlo a 34 anni aveva già fatto 2 secondi posti al Tour e podio alla Vuelta.
Roglic dopo una stagione del genere per quanto mi riguarda è d'obbligo che cerchi di fare classifica, il fattore della durata della carriera è relativo perchè ogni corridore fa storia a sè, non abbiamo la palla di vetro per sapere fino a quando un tale corridore sarà competitivo, un dato certo è che Roglic è l'unico classe '89 dei papabili che ancora non ha mai provato la classifica e se non inizia a farlo quest'anno in cui è in una forma eccezionale a mio avviso è il segnale di qualche problema di tenuta sulle tre settimane.
Evidentemente scrivo in arabo.

Io non insisto su nulla, riporto quanto aveva detto lui stesso mesi fa, non è che quel programma glielo ho stillato io. E' quello che lui, e la sua squadra, che non penso siano un esercito di scemi, avevano stabilito a inizio stagione, quando, evidentemente, non pensavano che sarebbe cresciuto così in fretta (e la sua crescita è l'esempio perfetto di quanto l'età anagrafica, nel suo caso, non vuol dire nulla).

Evans era crollato brutalmente nel 2002 e nel 2004 era arrivato 60esimo alla Vuelta. Riuscì a fare classifica per la prima volta a 28 anni, nel 2005 e arrivò sul podio per la prima volta a 30, nel 2007.

Landa, prendendo ad esempio l'89 più quotato, ha iniziato a correre in bici nel 2002 ed è pro dal 2011. Roglic nel 2011 faceva le prime gran fondo....corre in bici seriamente dal 2013 ed è pro dal 2016. Come si fa a paragonarli? Roglic era in Adria Mobil quando Landa arrivava sul podio al Giro.

Uscite da questa logica che siccome ha 28 anni o fa classifica quest'anno o ha perso il treno. Nelle gambe ha meno km di molti corridori di 22/23 anni, conta quello, non l'età.

Poi non capisco come si farebbe ad intuire che ha problemi di tenuta sulle tre settimane se non fa classifica in una corsa in cui, a inizio stagione, aveva programmato di non fare classifica. Se la fa è tutto di guadagnato, ma se non la fa è solo perché non si era preparato per farla.



Avatar utente
Tranchée d'Arenberg
Messaggi: 17402
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:50
Località: Falconara Albanese (CS)

Re: Roglic

Messaggio da leggere da Tranchée d'Arenberg » venerdì 22 giugno 2018, 10:02

Luciano Pagliarini ha scritto:
venerdì 22 giugno 2018, 1:39

Uscite da questa logica che siccome ha 28 anni o fa classifica quest'anno o ha perso il treno. Nelle gambe ha meno km di molti corridori di 22/23 anni, conta quello, non l'età.
Luciano, non è che 'siamo' entrati in una logica per cui c'è un programma che ti impone di fare classifica entro i 28 anni. Io e max stiamo dicendo esattamente il contrario: uscire dagli schemi delle programmazioni fatte a tavolino.
Tu (inteso come corridore, squadra, TM...non come Luciano) puoi programmare quanto cavolo vuoi ed entro certi limiti è anche giusto tracciare delle linee guida a lungo termine. Però poi bisogna ricordarsi che i ciclisti sono esseri umani e come tali sono soggetti alle mille variabili che caratterizzano ogni individuo. Non sono macchine, non tutto è programmabile. Ci sono tanti fattori che possono far andare le cose diversamente da quanto stabilito: la testa dell'alteta, le gambe, i malanni e le cadute, gli avversari...

Quel che voglio dire è che se anche in LottoNL hanno programmato di fare classifica nel 2019, una volta che ti ritrovi un corridore già così pronto (almeno in apparenza), sarebbe solo un gran peccato non consentirgli di provarci solo perchè un programma stilato tanto tempo fa prevedeva questo. E immagino che in LottoNL queste cose le sappiano meglio di me.

Quando parli del fattore età io sono d'accordo con te. In questi anni abbiamo visto ciclisti che a 20 anni dovevano spaccare il mondo e a 25-26 erano già finiti (Popo); ne abbiamo visti altri che fino ai 33 anni erano degli sconosciuti e poi hanno vinto la Vuelta a 42 (Horner) oppure sono saliti sul podio del Tour a 37 anni (Peraud).

Se a Cunego nel 2004 avessero detto "sta tranquillo che hai 23 anni, ci proverai nel 2005", Damiano non avrebbe mai vinto un Giro.
Luciano Pagliarini ha scritto:
venerdì 22 giugno 2018, 1:39
Poi non capisco come si farebbe ad intuire che ha problemi di tenuta sulle tre settimane se non fa classifica in una corsa in cui, a inizio stagione, aveva programmato di non fare classifica. Se la fa è tutto di guadagnato, ma se non la fa è solo perché non si era preparato per farla.
Che possa avere problemi di tenuta sui 21 giorni è solo un'ipotesi, campata praticamente sul nulla. Non avendolo mai visto impegnarsi in un GT per fare classifica, qualsiasi valutazione sia in positivo sia in negativo è, secondo me, priva di valore.
Se mai ci prova, mai lo sapremo come può reagire in un GT.

A tal proposito aggiungo che c'è un altro aspetto che bisonga considerare: il fattore esperienza. Ne parlavo qualche settimana fa a proposito di Ciccone. Una cosa è dimostrare d'essere forte in salita disputando un GT fuori classifica, quindi senza la pressione di dover far bene tutti i giorni, avendo la possibilità di rifiatare e scegliendosi le tappe su cui puntare; tutt'altra cosa è fare classifica dovendo stare attento 21 giorni su 21, correndo sempre davanti per non perdere tempo e spendendo quotidianamente un sacco di energie.
Ci sono atleti che da questo punto di vista nascono già 'imparati' (passatemi il termine, vi prego!); altri invece hanno bisogno di un pò di tempo per capire come si devono gestire (si è discusso parecchio in queste settimane dell'approccio di Simon Yates all'ultimo Giro).

In definitiva, io fossi nei DS della LottoNL gli darei carta bianca: "prova a fare classifica, senza eccessive pressioni, ma provaci. Poi se salti, cerca di vincere una tappa, ma comunque vada è tutta esperienza che tornerà utile l'anno prossimo"


Cobblestone 2012 & 2018 - 1° Classifica Generale
Cobblestone 2012 & 2018 - 1° Classifica Classiche
Cobblestone 2013 - 1° Classifica Semiclassiche

FantaCycling Manager 2016 - 1° Classifica (squadre)

cycling_chrnicles
Messaggi: 315
Iscritto il: lunedì 2 aprile 2018, 16:44

Re: Roglic

Messaggio da leggere da cycling_chrnicles » venerdì 22 giugno 2018, 11:43

Luciano Pagliarini ha scritto:
venerdì 22 giugno 2018, 1:39

Uscite da questa logica che siccome ha 28 anni o fa classifica quest'anno o ha perso il treno. Nelle gambe ha meno km di molti corridori di 22/23 anni, conta quello, non l'età.
Io non faccio il preparatore ma credo che contino entrambi i fattori... conta tanto l'eta anagrafica che quella ciclistica (o meglio sportiva). Che poi Roglic non è che arrivasse da un contesto esente da allentamenti esigenti in cui fisico non si logora. I km saranno anche di meno e mi guardo bene dal negare questo fatto, però se non si può ridurre la questione all'età anagrafica non si può farlo nemmeno con quella ciclistica



Luciano Pagliarini
Messaggi: 969
Iscritto il: mercoledì 27 settembre 2017, 21:54

Re: Roglic

Messaggio da leggere da Luciano Pagliarini » venerdì 22 giugno 2018, 12:25

cycling_chrnicles ha scritto:
venerdì 22 giugno 2018, 11:43
Luciano Pagliarini ha scritto:
venerdì 22 giugno 2018, 1:39

Uscite da questa logica che siccome ha 28 anni o fa classifica quest'anno o ha perso il treno. Nelle gambe ha meno km di molti corridori di 22/23 anni, conta quello, non l'età.
Io non faccio il preparatore ma credo che contino entrambi i fattori... conta tanto l'eta anagrafica che quella ciclistica (o meglio sportiva). Che poi Roglic non è che arrivasse da un contesto esente da allentamenti esigenti in cui fisico non si logora. I km saranno anche di meno e mi guardo bene dal negare questo fatto, però se non si può ridurre la questione all'età anagrafica non si può farlo nemmeno con quella ciclistica
Già fatti un sacco di esempi che dimostrano quanto l'età anagrafica sia subordinata ai km nelle gambe. Se vogliamo possiamo andare a guardare anche i dilettanti del blocco sovietico che passarono pro tardi, per di più, comunque, con anni di bici alle spalle, in cui il dilettantismo non era di livello tanto più basso del professionismo, ma, sicuramente, per una serie di motivi era meno logorante, e andarono forte fino ai 35/36, come Ugrumov o Ludwig.

Btw, se vogliamo proprio parlare di età anagrafica, Roglic ha l'età ideale per iniziare a fare classifica nei GT. I famosi santoni, tipo Santuccione (come spiega Di Luca nel suo libro), consigliavano, addirittura, di aspettare i 29/30 anni per fare classifica nelle grandi corse a tappe, perché il fisico era più maturo.



Luciano Pagliarini
Messaggi: 969
Iscritto il: mercoledì 27 settembre 2017, 21:54

Re: Roglic

Messaggio da leggere da Luciano Pagliarini » venerdì 22 giugno 2018, 12:36

Tranchée d'Arenberg ha scritto:
venerdì 22 giugno 2018, 10:02
In definitiva, io fossi nei DS della LottoNL gli darei carta bianca: "prova a fare classifica, senza eccessive pressioni, ma provaci. Poi se salti, cerca di vincere una tappa, ma comunque vada è tutta esperienza che tornerà utile l'anno prossimo"
Guarda io qua sono d'accordo.

Ma sono d'accordo con noi pure in LottoNL, a quanto pare.

Sono tutte le altre valutazioni, più di Max che tue, per la verità, che non condivido.

Sull'età, su quello che deve dimostrare.

E' al 3° anno tra i pro e al 3° GT della carriera. E' un corridore di grandissima qualità che sta bruciando le tappe, ma se quest'anno decide di non fare classifica alla Boucle non c'è nulla di male e non vuol dire che non ne sia in grado. Ha un lustro abbondante per dimostrare di avere la stoffa per fare grandi cose nei GT.



Eroica
Messaggi: 294
Iscritto il: mercoledì 14 marzo 2018, 19:22

Re: Roglic

Messaggio da leggere da Eroica » venerdì 22 giugno 2018, 12:38

Io non capisco come si possa dire con così tanta sicurezza che roglic non vincerà un GT. Questo ha tutto (crono,salita, potenza, esplosività, abilità nella guida ecc), quest'anno è stato mostruoso nelle brevi corse a tappe, è al sesto anno in bici da corsa. Potrebbe benissimo raggiungere il suo picco oltre i 30 anni, e lui lo sa, non vuole bruciarsi. Per me è molto più forte di un aru che è stato 5o al tour e sul podio al giro e una vuelta. Fa bene a seguire questo programma, poi vedremo che combina al tour, ma già l'anno scorso fece qualcosa di assurdo sul Galibier.



Avatar utente
Tranchée d'Arenberg
Messaggi: 17402
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:50
Località: Falconara Albanese (CS)

Re: Roglic

Messaggio da leggere da Tranchée d'Arenberg » venerdì 22 giugno 2018, 12:54

Luciano Pagliarini ha scritto:
venerdì 22 giugno 2018, 12:36
Tranchée d'Arenberg ha scritto:
venerdì 22 giugno 2018, 10:02
In definitiva, io fossi nei DS della LottoNL gli darei carta bianca: "prova a fare classifica, senza eccessive pressioni, ma provaci. Poi se salti, cerca di vincere una tappa, ma comunque vada è tutta esperienza che tornerà utile l'anno prossimo"
Guarda io qua sono d'accordo.

Ma sono d'accordo con noi pure in LottoNL, a quanto pare.

Sono tutte le altre valutazioni, più di Max che tue, per la verità, che non condivido.

Sull'età, su quello che deve dimostrare.

E' al 3° anno tra i pro e al 3° GT della carriera. E' un corridore di grandissima qualità che sta bruciando le tappe, ma se quest'anno decide di non fare classifica alla Boucle non c'è nulla di male e non vuol dire che non ne sia in grado. Ha un lustro abbondante per dimostrare di avere la stoffa per fare grandi cose nei GT.
Ma infatti lo so che in fin dei conti stiamo dicendo cose simili, con sfumature un pò diverse.
Eroica ha scritto:
venerdì 22 giugno 2018, 12:38
Io non capisco come si possa dire con così tanta sicurezza che roglic non vincerà un GT. Questo ha tutto (crono,salita, potenza, esplosività, abilità nella guida ecc), quest'anno è stato mostruoso nelle brevi corse a tappe, è al sesto anno in bici da corsa. Potrebbe benissimo raggiungere il suo picco oltre i 30 anni, e lui lo sa, non vuole bruciarsi. Per me è molto più forte di un aru che è stato 5o al tour e sul podio al giro e una vuelta. Fa bene a seguire questo programma, poi vedremo che combina al tour, ma già l'anno scorso fece qualcosa di assurdo sul Galibier.
Scusami, chi ha detto una cosa del genere qui? Forse mi sono perso qualcosa, ma io non l'ho letta un'affermazione di questo tipo.

Al massimo qualcuno, come me, ha consigliato prudenza: prima di darlo come sicuro vincitore di un GT bisogna aspettare un pò e vederlo all'opera mentre prova a fare classifica. Ma non ho sentito nessuno dire con sicurezza che non lo vincerà mai. Sono due cose molto molto molto diverse.


Cobblestone 2012 & 2018 - 1° Classifica Generale
Cobblestone 2012 & 2018 - 1° Classifica Classiche
Cobblestone 2013 - 1° Classifica Semiclassiche

FantaCycling Manager 2016 - 1° Classifica (squadre)

cycling_chrnicles
Messaggi: 315
Iscritto il: lunedì 2 aprile 2018, 16:44

Re: Roglic

Messaggio da leggere da cycling_chrnicles » venerdì 22 giugno 2018, 13:38

Luciano Pagliarini ha scritto:
venerdì 22 giugno 2018, 12:25
cycling_chrnicles ha scritto:
venerdì 22 giugno 2018, 11:43
Luciano Pagliarini ha scritto:
venerdì 22 giugno 2018, 1:39

Uscite da questa logica che siccome ha 28 anni o fa classifica quest'anno o ha perso il treno. Nelle gambe ha meno km di molti corridori di 22/23 anni, conta quello, non l'età.
Io non faccio il preparatore ma credo che contino entrambi i fattori... conta tanto l'eta anagrafica che quella ciclistica (o meglio sportiva). Che poi Roglic non è che arrivasse da un contesto esente da allentamenti esigenti in cui fisico non si logora. I km saranno anche di meno e mi guardo bene dal negare questo fatto, però se non si può ridurre la questione all'età anagrafica non si può farlo nemmeno con quella ciclistica
Già fatti un sacco di esempi che dimostrano quanto l'età anagrafica sia subordinata ai km nelle gambe. Se vogliamo possiamo andare a guardare anche i dilettanti del blocco sovietico che passarono pro tardi, per di più, comunque, con anni di bici alle spalle, in cui il dilettantismo non era di livello tanto più basso del professionismo, ma, sicuramente, per una serie di motivi era meno logorante, e andarono forte fino ai 35/36, come Ugrumov o Ludwig.

Btw, se vogliamo proprio parlare di età anagrafica, Roglic ha l'età ideale per iniziare a fare classifica nei GT. I famosi santoni, tipo Santuccione (come spiega Di Luca nel suo libro), consigliavano, addirittura, di aspettare i 29/30 anni per fare classifica nelle grandi corse a tappe, perché il fisico era più maturo.
Premetto che non sono sicuro di aver capito cosa intendi, se mi sbaglio scusami... Gli esempi di Rominger e Ugrumov per rimanere in tema di corridori da GT, potrebbero benissimo essere un caso di "confirmation bias"... Ci ricordiamo di loro perché sono gli esempi di over 30 per i quali avvalleremmo la tesi secondo cui l'età anagrafica non è importante quanto quella di agonismo praticato. Io non sono sicuro che questo fatto sia vero, e credo che in generale l'età giochi un ruolo più importante (pensa che stando a questo articolo addirittura la diminuzione della performance è in relazione quadratica, non lineare, con l'età: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2267663/).

A questo va aggiunto che Roglic ha alle spalle una carriera di agonismo anche a livello giovanile e non è assolutamente da prendere come assodato che il suo fisico sia meno logoro sulla base del fatto che in bicicletta ha fatto meno km



Luciano Pagliarini
Messaggi: 969
Iscritto il: mercoledì 27 settembre 2017, 21:54

Re: Roglic

Messaggio da leggere da Luciano Pagliarini » venerdì 22 giugno 2018, 14:08

cycling_chrnicles ha scritto:
venerdì 22 giugno 2018, 13:38
Luciano Pagliarini ha scritto:
venerdì 22 giugno 2018, 12:25
cycling_chrnicles ha scritto:
venerdì 22 giugno 2018, 11:43


Io non faccio il preparatore ma credo che contino entrambi i fattori... conta tanto l'eta anagrafica che quella ciclistica (o meglio sportiva). Che poi Roglic non è che arrivasse da un contesto esente da allentamenti esigenti in cui fisico non si logora. I km saranno anche di meno e mi guardo bene dal negare questo fatto, però se non si può ridurre la questione all'età anagrafica non si può farlo nemmeno con quella ciclistica
Già fatti un sacco di esempi che dimostrano quanto l'età anagrafica sia subordinata ai km nelle gambe. Se vogliamo possiamo andare a guardare anche i dilettanti del blocco sovietico che passarono pro tardi, per di più, comunque, con anni di bici alle spalle, in cui il dilettantismo non era di livello tanto più basso del professionismo, ma, sicuramente, per una serie di motivi era meno logorante, e andarono forte fino ai 35/36, come Ugrumov o Ludwig.

Btw, se vogliamo proprio parlare di età anagrafica, Roglic ha l'età ideale per iniziare a fare classifica nei GT. I famosi santoni, tipo Santuccione (come spiega Di Luca nel suo libro), consigliavano, addirittura, di aspettare i 29/30 anni per fare classifica nelle grandi corse a tappe, perché il fisico era più maturo.
Premetto che non sono sicuro di aver capito cosa intendi, se mi sbaglio scusami... Gli esempi di Rominger e Ugrumov per rimanere in tema di corridori da GT, potrebbero benissimo essere un caso di "confirmation bias"... Ci ricordiamo di loro perché sono gli esempi di over 30 per i quali avvalleremmo la tesi secondo cui l'età anagrafica non è importante quanto quella di agonismo praticato. Io non sono sicuro che questo fatto sia vero, e credo che in generale l'età giochi un ruolo più importante (pensa che stando a questo articolo addirittura la diminuzione della performance è in relazione quadratica, non lineare, con l'età: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2267663/).

A questo va aggiunto che Roglic ha alle spalle una carriera di agonismo anche a livello giovanile e non è assolutamente da prendere come assodato che il suo fisico sia meno logoro sulla base del fatto che in bicicletta ha fatto meno km
Ma guarda, sul discorso età, per me, non c'è tanto da analizzare.

Il periodo 28 - 33 è, generalmente, il migliore della carriera di un corridore, sia dati alla mano sia stante quanto dicono i vari preparatori.

Dopodiché, oggi, le carriere dei corridori tendono ad essere in media un po' più lunghe rispetto al passato, perché ogni atleta viene seguito in maniera maniacale. Anche se poi esempi di grande longevità erano già Coppi, Bartali e Magni.

Tornando a Roglic...penso che il salto con gli sci non solo non sia paragonabile al ciclismo dei pro, in quanto a logorio provocato, ma, nemmeno, a quello degli juniores. Anzi, fare altri sport da giovani credo sia propedeutico al ciclismo, come ci insegnano alcuni casi.



Road Runner
Messaggi: 605
Iscritto il: martedì 8 novembre 2016, 11:44

Re: Roglic

Messaggio da leggere da Road Runner » venerdì 22 giugno 2018, 14:38

L'unico insegnamento che gli ha lasciato il salto con gli sci è stata l'abitudine a non mangiare!!
Quelli che praticano questa specialità sono tutti anoressici e possono mangiare solo con gli occhi.
Non gli è sembrato vero invece che nel ciclismo qualche piatto di pasta e una banana alla settimana te la concedono!



Luca90
Messaggi: 5977
Iscritto il: venerdì 31 luglio 2015, 22:21

Re: Roglic

Messaggio da leggere da Luca90 » venerdì 22 giugno 2018, 15:01

io penso che sia nella situazione migliore per provarci a fare classifica:
- condizione + che buona
-gradi di capitano che appartengono a krujsweek quindi 0 responsabilità per lui...
per me dovrebbe tenere duro e vedere come va... magari dopo una settimana scoppia e capisce che la sua carriera può essere come spilak rui costa o il primo porte... magari tiene... ma se non provi non lo sai mai...


2015: Tre Valli Varesine
2016 (11°) : Giro d'Italia (primi5), Tour tappa 11, Tour tappa 14, Parigi-Tours
2017 (14°) : Kuurne-Bruxelles-Kuurne, Tro Bro Leon
2018 (16°): Tour of Guangxi
2019 ( °): Dwars door Vlaanderen, Tour tappa 18, Vuelta tappa 8

Avatar utente
Tranchée d'Arenberg
Messaggi: 17402
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:50
Località: Falconara Albanese (CS)

Re: Roglic

Messaggio da leggere da Tranchée d'Arenberg » venerdì 22 giugno 2018, 15:15

Road Runner ha scritto:
venerdì 22 giugno 2018, 14:38
L'unico insegnamento che gli ha lasciato il salto con gli sci è stata l'abitudine a non mangiare!!
Quelli che praticano questa specialità sono tutti anoressici e possono mangiare solo con gli occhi.
Non gli è sembrato vero invece che nel ciclismo qualche piatto di pasta e una banana alla settimana te la concedono!
:D

Proviene dall'unico sport in cui gli atleti sono più magri rispetto ai ciclisti. Anni fa Sven Hannawald, campione di inizio anni 2000, ebbe problemi d'anoressia. Da allora se non erro, hanno inserito un limite minimo di % massa grassa. Se stai al di sotto, non gareggi. Io lo farei pure nel ciclismo, così da non dover vedere dei 'cadaveri' come Hugh Carthy (ne ho citato uno che presumibilmente non creerà polemiche) :gnam:


Cobblestone 2012 & 2018 - 1° Classifica Generale
Cobblestone 2012 & 2018 - 1° Classifica Classiche
Cobblestone 2013 - 1° Classifica Semiclassiche

FantaCycling Manager 2016 - 1° Classifica (squadre)

Salvatore77
Messaggi: 4684
Iscritto il: domenica 9 gennaio 2011, 19:14

Re: Roglic

Messaggio da leggere da Salvatore77 » venerdì 22 giugno 2018, 18:05

Non credo che a Roglic sia precluso un podio ad un GT.
La differenza fra podio e vincere dipende anche dagli avversari. Per cui un podio è già una grandissima cosa.
Di Roglic non capisco che cosa gli può accadere se quest'anno prova la classifica e stecca. Anzi, credo che provare a stare con i migliori può essere utile per capire come funziona la gara di alta classifica con tutti al top, a quelle temperature eccetera.
Va detto che i risultati "strabilianti" (si fa per dire) vanno anche tarati rispetto ai pochi avversari che ha incontrato strada facendo.
Al Tour la musica sarà diversa.


1° Tour de France 2018

Avatar utente
Brogno
Messaggi: 3648
Iscritto il: martedì 21 maggio 2013, 10:37

Re: Roglic

Messaggio da leggere da Brogno » lunedì 25 giugno 2018, 15:13

Salvatore77 ha scritto:
venerdì 22 giugno 2018, 18:05
Va detto che i risultati "strabilianti" (si fa per dire) vanno anche tarati rispetto ai pochi avversari che ha incontrato strada facendo.
Al Tour la musica sarà diversa.
Be insomma:
- allo Slovenia ha battuto Uran, sul podio del Tour lo scorso anno;
- al Romandia ha battuto Bernal e Porte, uno dei favoriti al Tour;
- ai Baschi ha battuto Landa e Quintana.

Certo, non ha incontrato Froome al top, ma gli altri pretendenti alla vittoria li ha praticamente asfaltati tutti..


Comunque i bookies sono dei genii, ma quanti cazzo di soldi si faranno, con tutti quelli che punteranno su Thomas??? (Tour 2018)

Se vincono Valverde o Nibali mi tatuo in fronte la parola INSBRUCK (Innsbruck 2018)

Beppesaronni

Avatar utente
nino58
Messaggi: 10746
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 14:38

Re: Roglic

Messaggio da leggere da nino58 » lunedì 25 giugno 2018, 16:17

Roglic sarà il corridore da scoprire sulle tre settimane del Tour.
Può diventare sia un Froome/Nibali che un Porte.


Von Rock ? Nein, danke.
Diritto di correre senza condizioni a chi ha scontato una squalifica !!!

beppesaronni
Messaggi: 3169
Iscritto il: mercoledì 9 maggio 2012, 17:25

Re: Roglic

Messaggio da leggere da beppesaronni » lunedì 25 giugno 2018, 20:26

Brogno ha scritto:
lunedì 25 giugno 2018, 15:13
Salvatore77 ha scritto:
venerdì 22 giugno 2018, 18:05
Va detto che i risultati "strabilianti" (si fa per dire) vanno anche tarati rispetto ai pochi avversari che ha incontrato strada facendo.
Al Tour la musica sarà diversa.
Be insomma:
- allo Slovenia ha battuto Uran, sul podio del Tour lo scorso anno;
- al Romandia ha battuto Bernal e Porte, uno dei favoriti al Tour;
- ai Baschi ha battuto Landa e Quintana.

Certo, non ha incontrato Froome al top, ma gli altri pretendenti alla vittoria li ha praticamente asfaltati tutti..
Solo cbe gli altri erano li in preparazione. Lui è andato a queste corse per vincere.
Mi romperete l'anima per le prime due settimane, poi esploderò coi miei migliori condizionatori e i ve l'avevo detto


Ad Insbruck, Valverde e Nibali non arriveranno nei primi 5.

nikybo85
Messaggi: 2860
Iscritto il: mercoledì 23 agosto 2017, 0:06

Re: Roglic

Messaggio da leggere da nikybo85 » lunedì 25 giugno 2018, 21:49

beppesaronni ha scritto:
lunedì 25 giugno 2018, 20:26
Brogno ha scritto:
lunedì 25 giugno 2018, 15:13
Salvatore77 ha scritto:
venerdì 22 giugno 2018, 18:05
Va detto che i risultati "strabilianti" (si fa per dire) vanno anche tarati rispetto ai pochi avversari che ha incontrato strada facendo.
Al Tour la musica sarà diversa.
Be insomma:
- allo Slovenia ha battuto Uran, sul podio del Tour lo scorso anno;
- al Romandia ha battuto Bernal e Porte, uno dei favoriti al Tour;
- ai Baschi ha battuto Landa e Quintana.

Certo, non ha incontrato Froome al top, ma gli altri pretendenti alla vittoria li ha praticamente asfaltati tutti..
Solo cbe gli altri erano li in preparazione. Lui è andato a queste corse per vincere.
Mi romperete l'anima per le prime due settimane, poi esploderò coi miei migliori condizionatori e i ve l'avevo detto
Io sono arrivato tardi...Com'è la storia dei condizionatori? :mrgreen:



beppesaronni
Messaggi: 3169
Iscritto il: mercoledì 9 maggio 2012, 17:25

Re: Roglic

Messaggio da leggere da beppesaronni » lunedì 25 giugno 2018, 22:08

nikybo85 ha scritto:
lunedì 25 giugno 2018, 21:49
beppesaronni ha scritto:
lunedì 25 giugno 2018, 20:26
Brogno ha scritto:
lunedì 25 giugno 2018, 15:13

Be insomma:
- allo Slovenia ha battuto Uran, sul podio del Tour lo scorso anno;
- al Romandia ha battuto Bernal e Porte, uno dei favoriti al Tour;
- ai Baschi ha battuto Landa e Quintana.

Certo, non ha incontrato Froome al top, ma gli altri pretendenti alla vittoria li ha praticamente asfaltati tutti..
Solo cbe gli altri erano li in preparazione. Lui è andato a queste corse per vincere.
Mi romperete l'anima per le prime due settimane, poi esploderò coi miei migliori condizionatori e i ve l'avevo detto
Io sono arrivato tardi...Com'è la storia dei condizionatori? :mrgreen:
Praticamente tutti i grandi esperti del forum, ad inizio di ogni GT, vedono parecchi corridori sconfiggere facilmente froome (impara il termine: il tale sale con la pipa in bocca, mentre froome lo vedo proprio male).
Immancabili poi ci sono i nuovi fenomeni.
Il garagista chaves.
Il nuovo pantani miguel angel lopez.
Il nuovo indurain (doumulin).
L'imbattibile landa (paga solo il fatto di dover fare il gregario, ma se fosse libero infliggerebbe distacchi abissali a tutti).
Poi alla fine si svegliano tutti sudati (da qui i condizionatori) e vincitore: froome christopher


Ad Insbruck, Valverde e Nibali non arriveranno nei primi 5.

team opc
Messaggi: 780
Iscritto il: domenica 17 gennaio 2016, 20:34

Re: Roglic

Messaggio da leggere da team opc » lunedì 25 giugno 2018, 22:16

Luciano Pagliarini ha scritto:
venerdì 22 giugno 2018, 12:25
cycling_chrnicles ha scritto:
venerdì 22 giugno 2018, 11:43
Luciano Pagliarini ha scritto:
venerdì 22 giugno 2018, 1:39

Uscite da questa logica che siccome ha 28 anni o fa classifica quest'anno o ha perso il treno. Nelle gambe ha meno km di molti corridori di 22/23 anni, conta quello, non l'età.
Io non faccio il preparatore ma credo che contino entrambi i fattori... conta tanto l'eta anagrafica che quella ciclistica (o meglio sportiva). Che poi Roglic non è che arrivasse da un contesto esente da allentamenti esigenti in cui fisico non si logora. I km saranno anche di meno e mi guardo bene dal negare questo fatto, però se non si può ridurre la questione all'età anagrafica non si può farlo nemmeno con quella ciclistica
Già fatti un sacco di esempi che dimostrano quanto l'età anagrafica sia subordinata ai km nelle gambe. Se vogliamo possiamo andare a guardare anche i dilettanti del blocco sovietico che passarono pro tardi, per di più, comunque, con anni di bici alle spalle, in cui il dilettantismo non era di livello tanto più basso del professionismo, ma, sicuramente, per una serie di motivi era meno logorante, e andarono forte fino ai 35/36, come Ugrumov o Ludwig.

Btw, se vogliamo proprio parlare di età anagrafica, Roglic ha l'età ideale per iniziare a fare classifica nei GT. I famosi santoni, tipo Santuccione (come spiega Di Luca nel suo libro), consigliavano, addirittura, di aspettare i 29/30 anni per fare classifica nelle grandi corse a tappe, perché il fisico era più maturo.
Si,ma i Santuccione forse consigliavano quella età,perché il doping rispondeva meglio 😁



Avatar utente
Brogno
Messaggi: 3648
Iscritto il: martedì 21 maggio 2013, 10:37

Re: Roglic

Messaggio da leggere da Brogno » lunedì 25 giugno 2018, 22:48

beppesaronni ha scritto:
lunedì 25 giugno 2018, 20:26
Brogno ha scritto:
lunedì 25 giugno 2018, 15:13
Be insomma:
- allo Slovenia ha battuto Uran, sul podio del Tour lo scorso anno;
- al Romandia ha battuto Bernal e Porte, uno dei favoriti al Tour;
- ai Baschi ha battuto Landa e Quintana.

Certo, non ha incontrato Froome al top, ma gli altri pretendenti alla vittoria li ha praticamente asfaltati tutti..
Solo cbe gli altri erano li in preparazione. Lui è andato a queste corse per vincere.
Mi romperete l'anima per le prime due settimane, poi esploderò coi miei migliori condizionatori e i ve l'avevo detto
Ma quello e' un altro discorso.
Se mi dici "ma non aveva avversari", rispondo "gli avversari c'erano".
Se mi dici "ma gli avversari erano in preparazione", e' un discorso diverso, sul quale sono anche d'accordo.
Roglic non e' un pretendente al podio, non ti scaldare beppe. Sembra che vuoi mettere le mani avanti mettendo in bocca alle persone cose che non pensano.

Froome e' il favorito, c'e' poco da dire..


Comunque i bookies sono dei genii, ma quanti cazzo di soldi si faranno, con tutti quelli che punteranno su Thomas??? (Tour 2018)

Se vincono Valverde o Nibali mi tatuo in fronte la parola INSBRUCK (Innsbruck 2018)

Beppesaronni

nikybo85
Messaggi: 2860
Iscritto il: mercoledì 23 agosto 2017, 0:06

Re: Roglic

Messaggio da leggere da nikybo85 » martedì 26 giugno 2018, 0:01

beppesaronni ha scritto:
lunedì 25 giugno 2018, 22:08
nikybo85 ha scritto:
lunedì 25 giugno 2018, 21:49
beppesaronni ha scritto:
lunedì 25 giugno 2018, 20:26


Solo cbe gli altri erano li in preparazione. Lui è andato a queste corse per vincere.
Mi romperete l'anima per le prime due settimane, poi esploderò coi miei migliori condizionatori e i ve l'avevo detto
Io sono arrivato tardi...Com'è la storia dei condizionatori? :mrgreen:
Praticamente tutti i grandi esperti del forum, ad inizio di ogni GT, vedono parecchi corridori sconfiggere facilmente froome (impara il termine: il tale sale con la pipa in bocca, mentre froome lo vedo proprio male).
Immancabili poi ci sono i nuovi fenomeni.
Il garagista chaves.
Il nuovo pantani miguel angel lopez.
Il nuovo indurain (doumulin).
L'imbattibile landa (paga solo il fatto di dover fare il gregario, ma se fosse libero infliggerebbe distacchi abissali a tutti).
Poi alla fine si svegliano tutti sudati (da qui i condizionatori) e vincitore: froome christopher
Ahahaha :hippy:

Io comunque quando lui corre ho la sensazione dentro che non si possa battere...Questo non vuole essere né un'analisi ne una previsione,è quel che sento dentro.Come previsione Io metto favorito nonostante il giro



Salvatore77
Messaggi: 4684
Iscritto il: domenica 9 gennaio 2011, 19:14

Re: Roglic

Messaggio da leggere da Salvatore77 » giovedì 28 giugno 2018, 16:44

Che poi Froome qualche anno fa era davvero un abisso più forte degli altri e vinceva il Tour e basta.
Adesso invece sembra sia appena un pelo più forte degli altri e vince GT a grappoli.


1° Tour de France 2018

Avatar utente
Patate
Messaggi: 4306
Iscritto il: domenica 28 febbraio 2016, 23:23

Re: Roglic

Messaggio da leggere da Patate » giovedì 28 giugno 2018, 17:32

Salvatore77 ha scritto:
giovedì 28 giugno 2018, 16:44
Che poi Froome qualche anno fa era davvero un abisso più forte degli altri e vinceva il Tour e basta.
Adesso invece sembra sia appena un pelo più forte degli altri e vince GT a grappoli.
Per me il Froome odierno, invece, è più forte.
Niente cali vistosi nella terza settimana, più forte in discesa e nella guida del mezzo, ugualmente forte a crono.
Molto, molto più solido sia tecnicamente che mentalmente


antani ha scritto:Non so perchè ma ho la sensazione che domani Aru possa arrivare dietro o davanti a Froome, stiamo a vedere sembra facile ma non è difficile

Salvatore77
Messaggi: 4684
Iscritto il: domenica 9 gennaio 2011, 19:14

Re: Roglic

Messaggio da leggere da Salvatore77 » giovedì 28 giugno 2018, 18:19

Patate ha scritto:
giovedì 28 giugno 2018, 17:32
Salvatore77 ha scritto:
giovedì 28 giugno 2018, 16:44
Che poi Froome qualche anno fa era davvero un abisso più forte degli altri e vinceva il Tour e basta.
Adesso invece sembra sia appena un pelo più forte degli altri e vince GT a grappoli.
Per me il Froome odierno, invece, è più forte.
Niente cali vistosi nella terza settimana, più forte in discesa e nella guida del mezzo, ugualmente forte a crono.
Molto, molto più solido sia tecnicamente che mentalmente
Però il divario rispetto agli avversari e inferiore.


1° Tour de France 2018

Avatar utente
Patate
Messaggi: 4306
Iscritto il: domenica 28 febbraio 2016, 23:23

Re: Roglic

Messaggio da leggere da Patate » giovedì 28 giugno 2018, 18:36

Salvatore77 ha scritto:
giovedì 28 giugno 2018, 18:19
Però il divario rispetto agli avversari e inferiore.
In termini di secondi sì, però così è riuscito a fare -finora :diavoletto: - tripletta, cosa impensabile negli anni degli exploit in salita come 2013 o 2015, dove arrivava con la coperta stretta a fine Tour, figurarsi alla Vuelta.


antani ha scritto:Non so perchè ma ho la sensazione che domani Aru possa arrivare dietro o davanti a Froome, stiamo a vedere sembra facile ma non è difficile

beppesaronni
Messaggi: 3169
Iscritto il: mercoledì 9 maggio 2012, 17:25

Re: Roglic

Messaggio da leggere da beppesaronni » giovedì 28 giugno 2018, 20:13

Salvatore77 ha scritto:
giovedì 28 giugno 2018, 18:19
Patate ha scritto:
giovedì 28 giugno 2018, 17:32
Salvatore77 ha scritto:
giovedì 28 giugno 2018, 16:44
Che poi Froome qualche anno fa era davvero un abisso più forte degli altri e vinceva il Tour e basta.
Adesso invece sembra sia appena un pelo più forte degli altri e vince GT a grappoli.
Per me il Froome odierno, invece, è più forte.
Niente cali vistosi nella terza settimana, più forte in discesa e nella guida del mezzo, ugualmente forte a crono.
Molto, molto più solido sia tecnicamente che mentalmente
Però il divario rispetto agli avversari e inferiore.
Se volesse bastonerebbe ancora tutti su tutte le salite.
Ma ha cambiato preparazione da almeno tre anni.
Ora gioca per vincere due gt all anno, quindi meno frullate e piu solidità ovunque.
Vi sico in anticipo quale sarà la sua tattica quest anno.
Dominare la cronosquadre, attaccare sul pave esui ventagli, scavare il.solco nelle prime due settimane e vivere di rendita nell ultima.
Poi lascerà andare il bardet di turno, che si troverà ad 8 minuti e voi ci vedrete la crisi, la fine del ciclo, il.declino del campione....l'ultima tappa nibali, quinto a 5.40 ma in corsa per il podio attacchera in discesa lo lascerà andare e insomma dai, per finire, vincitore froome cristopher.
Ma per voi non staccherà piu nessuno


Ad Insbruck, Valverde e Nibali non arriveranno nei primi 5.

Salvatore77
Messaggi: 4684
Iscritto il: domenica 9 gennaio 2011, 19:14

Re: Roglic

Messaggio da leggere da Salvatore77 » giovedì 28 giugno 2018, 21:08

Grosso modo credo sia proprio così.
Poi con gli anni si migliora anche in esperienza e si impara a capire i propri limiti e le proprie forze.
Ma non sembra un Froome imbattibile. Al Giro quest'anno è andato di giustezza, quasi non lo vinceva, altro che va più forte di prima.


1° Tour de France 2018

Luca90
Messaggi: 5977
Iscritto il: venerdì 31 luglio 2015, 22:21

Re: Roglic

Messaggio da leggere da Luca90 » venerdì 29 giugno 2018, 2:11

beppesaronni ha scritto:
giovedì 28 giugno 2018, 20:13
Salvatore77 ha scritto:
giovedì 28 giugno 2018, 18:19
Patate ha scritto:
giovedì 28 giugno 2018, 17:32


Per me il Froome odierno, invece, è più forte.
Niente cali vistosi nella terza settimana, più forte in discesa e nella guida del mezzo, ugualmente forte a crono.
Molto, molto più solido sia tecnicamente che mentalmente
Però il divario rispetto agli avversari e inferiore.
Se volesse bastonerebbe ancora tutti su tutte le salite.
Ma ha cambiato preparazione da almeno tre anni.
Ora gioca per vincere due gt all anno, quindi meno frullate e piu solidità ovunque.
Vi sico in anticipo quale sarà la sua tattica quest anno.
Dominare la cronosquadre, attaccare sul pave esui ventagli, scavare il.solco nelle prime due settimane e vivere di rendita nell ultima.
Poi lascerà andare il bardet di turno, che si troverà ad 8 minuti e voi ci vedrete la crisi, la fine del ciclo, il.declino del campione....l'ultima tappa nibali, quinto a 5.40 ma in corsa per il podio attacchera in discesa lo lascerà andare e insomma dai, per finire, vincitore froome cristopher.
Ma per voi non staccherà piu nessuno
e se prende la bastonata sui denti come nel 2014 che non ci arriva nemmeno sul pavè?


2015: Tre Valli Varesine
2016 (11°) : Giro d'Italia (primi5), Tour tappa 11, Tour tappa 14, Parigi-Tours
2017 (14°) : Kuurne-Bruxelles-Kuurne, Tro Bro Leon
2018 (16°): Tour of Guangxi
2019 ( °): Dwars door Vlaanderen, Tour tappa 18, Vuelta tappa 8

Avatar utente
nino58
Messaggi: 10746
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 14:38

Re: Roglic

Messaggio da leggere da nino58 » venerdì 29 giugno 2018, 9:34

Nella cronosquadre Froome prenderà un bel vantaggio su tutti (tranne QS e BMC, che comunque non hanno uomini da vittoria finale) però davvero sarà la giornata del pavè a dare un giudizio serio sui suoi miglioramenti.
Nel 2014 si ritirò appena prima perchè non stava in piedi con la pioggia e nel 2015 fu bravo a salvarsi per un pelino da una scarrozzata su di un marciapiede che l'avrebbe messo nuovamente fuori gioco.
Quest'anno vediamo come se la cava lì; i coequipiers sono importantissimi ma non sufficienti a cavarsela su quel tipo di fondo.
Penso anch'io sia migliorato in equilibrio, però vediamo.
Mi scuso se siamo finiti a parlare di Froome nel 3d di Roglic.


Von Rock ? Nein, danke.
Diritto di correre senza condizioni a chi ha scontato una squalifica !!!

castelli
Messaggi: 2437
Iscritto il: venerdì 26 agosto 2011, 21:12

Re: Roglic

Messaggio da leggere da castelli » venerdì 29 giugno 2018, 9:43

Luca90 ha scritto:
venerdì 29 giugno 2018, 2:11
beppesaronni ha scritto:
giovedì 28 giugno 2018, 20:13
Salvatore77 ha scritto:
giovedì 28 giugno 2018, 18:19


Però il divario rispetto agli avversari e inferiore.
Se volesse bastonerebbe ancora tutti su tutte le salite.
Ma ha cambiato preparazione da almeno tre anni.
Ora gioca per vincere due gt all anno, quindi meno frullate e piu solidità ovunque.
Vi sico in anticipo quale sarà la sua tattica quest anno.
Dominare la cronosquadre, attaccare sul pave esui ventagli, scavare il.solco nelle prime due settimane e vivere di rendita nell ultima.
Poi lascerà andare il bardet di turno, che si troverà ad 8 minuti e voi ci vedrete la crisi, la fine del ciclo, il.declino del campione....l'ultima tappa nibali, quinto a 5.40 ma in corsa per il podio attacchera in discesa lo lascerà andare e insomma dai, per finire, vincitore froome cristopher.
Ma per voi non staccherà piu nessuno
e se prende la bastonata sui denti come nel 2014 che non ci arriva nemmeno sul pavè?
più facile la prenda da uno spettatore/coglione quella.


Defensor Froomey. dal 28/5/19 FORZA ROGLIC

Puntò il 20/5/19 10 euro su s.yates dato a 12. 5 euro su nibali dato a 3.
mancò il coraggio per puntare 20 euro su landa dato a 66.
non credette alla tenuta di rogla fino a verona.

Bomby
Messaggi: 1276
Iscritto il: martedì 17 giugno 2014, 20:23

Re: Roglic

Messaggio da leggere da Bomby » venerdì 29 giugno 2018, 9:45

castelli ha scritto:
venerdì 29 giugno 2018, 9:43
Luca90 ha scritto:
venerdì 29 giugno 2018, 2:11
beppesaronni ha scritto:
giovedì 28 giugno 2018, 20:13


Se volesse bastonerebbe ancora tutti su tutte le salite.
Ma ha cambiato preparazione da almeno tre anni.
Ora gioca per vincere due gt all anno, quindi meno frullate e piu solidità ovunque.
Vi sico in anticipo quale sarà la sua tattica quest anno.
Dominare la cronosquadre, attaccare sul pave esui ventagli, scavare il.solco nelle prime due settimane e vivere di rendita nell ultima.
Poi lascerà andare il bardet di turno, che si troverà ad 8 minuti e voi ci vedrete la crisi, la fine del ciclo, il.declino del campione....l'ultima tappa nibali, quinto a 5.40 ma in corsa per il podio attacchera in discesa lo lascerà andare e insomma dai, per finire, vincitore froome cristopher.
Ma per voi non staccherà piu nessuno
e se prende la bastonata sui denti come nel 2014 che non ci arriva nemmeno sul pavè?
più facile la prenda da uno spettatore/coglione quella.
È la mia più grande paura, quella.



beppesaronni
Messaggi: 3169
Iscritto il: mercoledì 9 maggio 2012, 17:25

Re: Roglic

Messaggio da leggere da beppesaronni » venerdì 29 giugno 2018, 10:47

Salvatore77 ha scritto:
giovedì 28 giugno 2018, 21:08
Grosso modo credo sia proprio così.
Poi con gli anni si migliora anche in esperienza e si impara a capire i propri limiti e le proprie forze.
Ma non sembra un Froome imbattibile. Al Giro quest'anno è andato di giustezza, quasi non lo vinceva, altro che va più forte di prima.
Salvatore carissimo. Ma allora tu non mi leggi :D
Froome prepara 2 GT, quindi è logico che non sia a tutta manetta in nessuno dei due. Ma aggiungo che nell'ultima tappa, se avesse voluto aggiungere un minuto tra lui e Tom, lo avrebbe fatto Solo che non serviva.

Comunque tornando a Roglic, aspetto quando si sfilerà da dietro e lo inquadreranno impietosamente per dirvi: io ve l'avevo detto! :D


Ad Insbruck, Valverde e Nibali non arriveranno nei primi 5.

Lopi90
Messaggi: 1339
Iscritto il: martedì 31 maggio 2011, 12:15

Re: Roglic

Messaggio da leggere da Lopi90 » venerdì 29 giugno 2018, 11:24

Secondo Roglic me e` un gran talento che il Tour lo puo` vincere prima o poi, ma quest'anno ci sta arrivando un po' a casaccio, senza averlo preparato specificamente. Tutti sappiamo in un GT, e in particolare al Tour, quanto sia importante arrivarci con un percorso ben delineato fin dall'inverno. Arrivasse sul podio, il che vorrebbe dire con ogni probabilita` mettersi dietro gente come Landa, Porte, Uran, Bardet, che il tour lo prepara dall'anno scorso, sarebbe un risultato pazzesco.



beppesaronni
Messaggi: 3169
Iscritto il: mercoledì 9 maggio 2012, 17:25

Re: Roglic

Messaggio da leggere da beppesaronni » venerdì 29 giugno 2018, 11:40

Lopi90 ha scritto:
venerdì 29 giugno 2018, 11:24
Secondo Roglic me e` un gran talento che il Tour lo puo` vincere prima o poi, ma quest'anno ci sta arrivando un po' a casaccio, senza averlo preparato specificamente. Tutti sappiamo in un GT, e in particolare al Tour, quanto sia importante arrivarci con un percorso ben delineato fin dall'inverno. Arrivasse sul podio, il che vorrebbe dire con ogni probabilita` mettersi dietro gente come Landa, Porte, Uran, Bardet, che il tour lo prepara dall'anno scorso, sarebbe un risultato pazzesco.
Anche Nibali :D

Comunque tranquillo. Mi gioco la reputazione che non ci arriva manco vicino, al podio ....


Ad Insbruck, Valverde e Nibali non arriveranno nei primi 5.

Avatar utente
Brogno
Messaggi: 3648
Iscritto il: martedì 21 maggio 2013, 10:37

Re: Roglic

Messaggio da leggere da Brogno » venerdì 29 giugno 2018, 11:41

beppesaronni ha scritto:
venerdì 29 giugno 2018, 11:40
Lopi90 ha scritto:
venerdì 29 giugno 2018, 11:24
Secondo Roglic me e` un gran talento che il Tour lo puo` vincere prima o poi, ma quest'anno ci sta arrivando un po' a casaccio, senza averlo preparato specificamente. Tutti sappiamo in un GT, e in particolare al Tour, quanto sia importante arrivarci con un percorso ben delineato fin dall'inverno. Arrivasse sul podio, il che vorrebbe dire con ogni probabilita` mettersi dietro gente come Landa, Porte, Uran, Bardet, che il tour lo prepara dall'anno scorso, sarebbe un risultato pazzesco.
Anche Nibali :D

Comunque tranquillo. Mi gioco la reputazione che non ci arriva manco vicino, al podio ....
guarda che la tua reputazione te la sei gia' giocata e persa qualche altra volta, non hai piu nulla da giocarti.. :bll: :D


Comunque i bookies sono dei genii, ma quanti cazzo di soldi si faranno, con tutti quelli che punteranno su Thomas??? (Tour 2018)

Se vincono Valverde o Nibali mi tatuo in fronte la parola INSBRUCK (Innsbruck 2018)

Beppesaronni

Lopi90
Messaggi: 1339
Iscritto il: martedì 31 maggio 2011, 12:15

Re: Roglic

Messaggio da leggere da Lopi90 » venerdì 29 giugno 2018, 11:49

beppesaronni ha scritto:
venerdì 29 giugno 2018, 11:40
Lopi90 ha scritto:
venerdì 29 giugno 2018, 11:24
Secondo Roglic me e` un gran talento che il Tour lo puo` vincere prima o poi, ma quest'anno ci sta arrivando un po' a casaccio, senza averlo preparato specificamente. Tutti sappiamo in un GT, e in particolare al Tour, quanto sia importante arrivarci con un percorso ben delineato fin dall'inverno. Arrivasse sul podio, il che vorrebbe dire con ogni probabilita` mettersi dietro gente come Landa, Porte, Uran, Bardet, che il tour lo prepara dall'anno scorso, sarebbe un risultato pazzesco.
Anche Nibali :D

Comunque tranquillo. Mi gioco la reputazione che non ci arriva manco vicino, al podio ....
Nibali non l'ho citato perche' ho l'impressione che stia abbandonando i GT per diventare uomo da classiche, dove si puo` essere competitivi fino ai 40 anni. L'anno scorso ha fatto podio a Giro e Vuelta, ma solo di grinta ed esperienza, senza mai sembrare il piu` forte. Sono convinto che il centro della sua stagione sia il Mondiale.

Mi trovi d'accordo, il podio a meno di situazioni veramente imprevedibili ora come ora e` fuori dalla portata di Roglic, penso che il capitano Lotto per la classifica sia Krujiswijk (che puo` ambire ad un 5-6 posto) e che lo sloveno correra` in suo appoggio o per le tappe.



beppesaronni
Messaggi: 3169
Iscritto il: mercoledì 9 maggio 2012, 17:25

Re: Roglic

Messaggio da leggere da beppesaronni » venerdì 29 giugno 2018, 11:56

Brogno ha scritto:
venerdì 29 giugno 2018, 11:41
beppesaronni ha scritto:
venerdì 29 giugno 2018, 11:40
Lopi90 ha scritto:
venerdì 29 giugno 2018, 11:24
Secondo Roglic me e` un gran talento che il Tour lo puo` vincere prima o poi, ma quest'anno ci sta arrivando un po' a casaccio, senza averlo preparato specificamente. Tutti sappiamo in un GT, e in particolare al Tour, quanto sia importante arrivarci con un percorso ben delineato fin dall'inverno. Arrivasse sul podio, il che vorrebbe dire con ogni probabilita` mettersi dietro gente come Landa, Porte, Uran, Bardet, che il tour lo prepara dall'anno scorso, sarebbe un risultato pazzesco.
Anche Nibali :D

Comunque tranquillo. Mi gioco la reputazione che non ci arriva manco vicino, al podio ....
guarda che la tua reputazione te la sei gia' giocata e persa qualche altra volta, non hai piu nulla da giocarti.. :bll: :D
Eh carissimo, a forza di fare pronostici, prima o poi qualcuno lo si sbaglia.
Sai cos'è che sto "prendendo" ultimamente?
I vincitori dei GT .... :bll:


Ad Insbruck, Valverde e Nibali non arriveranno nei primi 5.

Luisito84
Messaggi: 318
Iscritto il: lunedì 25 settembre 2017, 10:55

Re: Roglic

Messaggio da leggere da Luisito84 » venerdì 29 giugno 2018, 12:32

beppesaronni ha scritto:
venerdì 29 giugno 2018, 11:56
Brogno ha scritto:
venerdì 29 giugno 2018, 11:41
beppesaronni ha scritto:
venerdì 29 giugno 2018, 11:40


Anche Nibali :D

Comunque tranquillo. Mi gioco la reputazione che non ci arriva manco vicino, al podio ....
guarda che la tua reputazione te la sei gia' giocata e persa qualche altra volta, non hai piu nulla da giocarti.. :bll: :D
Eh carissimo, a forza di fare pronostici, prima o poi qualcuno lo si sbaglia.
Sai cos'è che sto "prendendo" ultimamente?
I vincitori dei GT .... :bll:
Non molto difficili e anche abbastanza noiosi come pronostici dato che prevedi sempre il corridore più forte, Froome è il più forte ok, ma un susseguirsi di pronostici scontati e tifosi sul forum diventa uno stillicidio.
Anche perché ti informo che Froome non è Dio, anche se gioca molto a fare il Deus ex machina del tipo se volessi vi prenderei tutti con una gamba sola, ma preferisco gestire tutto con calma, vedremo.



raf81
Messaggi: 104
Iscritto il: domenica 27 agosto 2017, 13:44

Re: Roglic

Messaggio da leggere da raf81 » martedì 10 luglio 2018, 16:00

il solco froome non l'ha fatto visto che ha perso 50 secondi per la caduta e siamo tutti li'. quelli dietro ora sono quintana e roglic e capitano che ieri hanno preso un minuto buono. l'importante per me' sara' vederlo con i primi in salita.



beppesaronni
Messaggi: 3169
Iscritto il: mercoledì 9 maggio 2012, 17:25

Re: Roglic

Messaggio da leggere da beppesaronni » giovedì 12 luglio 2018, 15:42

beppesaronni ha scritto:
venerdì 29 giugno 2018, 11:40
Lopi90 ha scritto:
venerdì 29 giugno 2018, 11:24
Secondo Roglic me e` un gran talento che il Tour lo puo` vincere prima o poi, ma quest'anno ci sta arrivando un po' a casaccio, senza averlo preparato specificamente. Tutti sappiamo in un GT, e in particolare al Tour, quanto sia importante arrivarci con un percorso ben delineato fin dall'inverno. Arrivasse sul podio, il che vorrebbe dire con ogni probabilita` mettersi dietro gente come Landa, Porte, Uran, Bardet, che il tour lo prepara dall'anno scorso, sarebbe un risultato pazzesco.
Anche Nibali :D

Comunque tranquillo. Mi gioco la reputazione che non ci arriva manco vicino, al podio ....
E non dite che porto sfiga...


Ad Insbruck, Valverde e Nibali non arriveranno nei primi 5.

Avatar utente
Tranchée d'Arenberg
Messaggi: 17402
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:50
Località: Falconara Albanese (CS)

Re: Roglic

Messaggio da leggere da Tranchée d'Arenberg » giovedì 12 luglio 2018, 17:19

beppesaronni ha scritto:
giovedì 12 luglio 2018, 15:42
beppesaronni ha scritto:
venerdì 29 giugno 2018, 11:40
Lopi90 ha scritto:
venerdì 29 giugno 2018, 11:24
Secondo Roglic me e` un gran talento che il Tour lo puo` vincere prima o poi, ma quest'anno ci sta arrivando un po' a casaccio, senza averlo preparato specificamente. Tutti sappiamo in un GT, e in particolare al Tour, quanto sia importante arrivarci con un percorso ben delineato fin dall'inverno. Arrivasse sul podio, il che vorrebbe dire con ogni probabilita` mettersi dietro gente come Landa, Porte, Uran, Bardet, che il tour lo prepara dall'anno scorso, sarebbe un risultato pazzesco.
Anche Nibali :D

Comunque tranquillo. Mi gioco la reputazione che non ci arriva manco vicino, al podio ....
E non dite che porto sfiga...
Oggi hai parlato troppo presto però :bll:


Cobblestone 2012 & 2018 - 1° Classifica Generale
Cobblestone 2012 & 2018 - 1° Classifica Classiche
Cobblestone 2013 - 1° Classifica Semiclassiche

FantaCycling Manager 2016 - 1° Classifica (squadre)

beppesaronni
Messaggi: 3169
Iscritto il: mercoledì 9 maggio 2012, 17:25

Re: Roglic

Messaggio da leggere da beppesaronni » giovedì 12 luglio 2018, 17:50

:D :D :D


Ad Insbruck, Valverde e Nibali non arriveranno nei primi 5.

Avatar utente
Patate
Messaggi: 4306
Iscritto il: domenica 28 febbraio 2016, 23:23

Re: Roglic

Messaggio da leggere da Patate » giovedì 12 luglio 2018, 18:57

Nel 2012 la carriera di Tour-ista di Froome iniziò proprio con un ventaglio.
Beppe, sei avvisato :bll:


antani ha scritto:Non so perchè ma ho la sensazione che domani Aru possa arrivare dietro o davanti a Froome, stiamo a vedere sembra facile ma non è difficile

raf81
Messaggi: 104
Iscritto il: domenica 27 agosto 2017, 13:44

Re: Roglic

Messaggio da leggere da raf81 » domenica 15 luglio 2018, 15:21

foratura,speriamo rientri..



raf81
Messaggi: 104
Iscritto il: domenica 27 agosto 2017, 13:44

Re: Roglic

Messaggio da leggere da raf81 » lunedì 16 luglio 2018, 9:47

bene, alla fine è rientrato e quando l'ho visto mi è sembrato pedalare molto bene.




Rispondi