Giro 2018

Il mondo dei professionisti tra gare e complessità, e più in generale l'approccio al ciclismo di ogni appassionato
CicloSprint
Messaggi: 5648
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:49

Re: Giro 2018

Messaggio da leggere da CicloSprint » giovedì 30 novembre 2017, 12:42

GIRO 2018, SCOPPIA IL PRIMO CASO. RCS RIMEDIA

http://www.tuttobiciweb.it/2017/11/30/1 ... -jerusalem




Avatar utente
Maìno della Spinetta
Messaggi: 5071
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 15:53

Re: Giro 2018

Messaggio da leggere da Maìno della Spinetta » giovedì 30 novembre 2017, 13:00

lucks83 ha scritto:
barrylyndon ha scritto:Oddio, Scattista, no dai..
Intanto,in pochi l'hanno detto, le tappe difficili hanno lunghezze decenti.
Di tappe dove vi potranno essere dei distacchi,minimi e non, ve ne sono una decina.
La Vuelta aveva arrivi su salitelle, anche dopo una tappa di pianura.
Si sottovaluta e non poco la tappa di Bardonecchia.
Si sottovaluta molto la tappa di Sappada.
Cervinia negli ultimi 80 km ha 4000 metri di dislivello.
L'Etna ha 30 km di salita.
Se vuoi che ti dica l'unica tappa tipica della Vuelta e' proprio quella dello Zoncolan...
Ove si e' persa un'occasione, visto che non era nel finale di giro.
Ma cio' non vuol dire che non vi saranno distacchi.
Concordo. Alla vuelta ci sono almeno 5/6 tappe che arrivano in cima a degli strappi. Qua forse solo osimo e una in Sicilia. Anche secondo me le tappe di Bardonecchia e Cervinia sono molto belle, a fine giro una doppietta da 4000 mt di dislivello l'una alla vuelta se lo sognano di piazzarla. E anche Sappada, con le fatiche dello zoncolan nelle gambe, può fare parecchi danni. Sono 3300 mt di dislivello e negli ultimi 40 km non c è un metro di pianura. Per me è un ottimo percorso per Froome, ma anche per Landa. E se andasse al Giro sarebbe molto buono anche per Quintana.....
l'unica tappa con 4000 m di dislivello alla Vuelta era Andorra, nella prima settimana. Qua di tappe lunghe e con dislivello ce ne sono.

Sullo Zoncolan non si bluffa e si andrà a tutta, volenti o nolenti, Il giorno dopo qualcuno quello sforzo lo pagherà. Questo è il Passo di Sant'Antonio da Auronzo (secondo la grafica Gazzetta si arriva in cima e poi si gira a destra per scendere, non si taglia dritto verso Danta quindi

Immagine

Questa ai meno 30 è tostissima


“Our interest’s on the dangerous edge of things.
The honest thief, the tender murderer, the superstitious atheist”.

Avatar utente
Maìno della Spinetta
Messaggi: 5071
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 15:53

Re: Giro 2018

Messaggio da leggere da Maìno della Spinetta » giovedì 30 novembre 2017, 13:11

a Cervinia ci arrivano facendo il Saint Panthaleon da Chambave - Semon, come nel 2015 (Aru), e non passando per la strada principale di Verrayes come nel 1997 (Gotti). Nel 2012 il Saint Panthaleon non si fece, perché Cervinia fu fatta tutta da Chatillon

Questo il versante 2017

Immagine


“Our interest’s on the dangerous edge of things.
The honest thief, the tender murderer, the superstitious atheist”.

Avatar utente
padoaschioppa
Messaggi: 2597
Iscritto il: domenica 19 dicembre 2010, 15:23
Località: Sapri (SA)

Re: Giro 2018

Messaggio da leggere da padoaschioppa » giovedì 30 novembre 2017, 13:32

Tutto sommato in territorio italiano un Giro godibile. Sorpreso positivamente del passaggio dalla mia Sapri, Praja conferma una bella dedizione alla corsa rosa. Io ho già prenotato una cameretta al Santuario di Montevergine, mi vedrete di certo affacciarmi da qualche finestrella dare una benedizione al fratellastro per ovvi motivi. Un saluto a voi Tutti. :gruppo:


Fanta2017: 8°
Fanta2016: 4°
Fanta2015: 6°. Vuelta 2015:
Fanta2014: 2°. Vuelta 2014: , Mondiale strada: 1
Fanta2013: 6°. Tour: ex aequo con galliano
Fanta2012: 4°. Vuelta 2012:
Fanta2011: 5°
Fanta2010: 1°
Fanta2009: 8°

CicloSprint
Messaggi: 5648
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:49

Re: Giro 2018

Messaggio da leggere da CicloSprint » giovedì 30 novembre 2017, 13:43

Maìno della Spinetta ha scritto:
lucks83 ha scritto:
barrylyndon ha scritto:Oddio, Scattista, no dai..
Intanto,in pochi l'hanno detto, le tappe difficili hanno lunghezze decenti.
Di tappe dove vi potranno essere dei distacchi,minimi e non, ve ne sono una decina.
La Vuelta aveva arrivi su salitelle, anche dopo una tappa di pianura.
Si sottovaluta e non poco la tappa di Bardonecchia.
Si sottovaluta molto la tappa di Sappada.
Cervinia negli ultimi 80 km ha 4000 metri di dislivello.
L'Etna ha 30 km di salita.
Se vuoi che ti dica l'unica tappa tipica della Vuelta e' proprio quella dello Zoncolan...
Ove si e' persa un'occasione, visto che non era nel finale di giro.
Ma cio' non vuol dire che non vi saranno distacchi.
Concordo. Alla vuelta ci sono almeno 5/6 tappe che arrivano in cima a degli strappi. Qua forse solo osimo e una in Sicilia. Anche secondo me le tappe di Bardonecchia e Cervinia sono molto belle, a fine giro una doppietta da 4000 mt di dislivello l'una alla vuelta se lo sognano di piazzarla. E anche Sappada, con le fatiche dello zoncolan nelle gambe, può fare parecchi danni. Sono 3300 mt di dislivello e negli ultimi 40 km non c è un metro di pianura. Per me è un ottimo percorso per Froome, ma anche per Landa. E se andasse al Giro sarebbe molto buono anche per Quintana.....
l'unica tappa con 4000 m di dislivello alla Vuelta era Andorra, nella prima settimana. Qua di tappe lunghe e con dislivello ce ne sono.

Sullo Zoncolan non si bluffa e si andrà a tutta, volenti o nolenti, Il giorno dopo qualcuno quello sforzo lo pagherà. Questo è il Passo di Sant'Antonio da Auronzo (secondo la grafica Gazzetta si arriva in cima e poi si gira a destra per scendere, non si taglia dritto verso Danta quindi

Immagine

Questa ai meno 30 è tostissima
Lo Zovo è quello della tappa di Schio 1998, con fuoristrada di Pantani ?




Avatar utente
Maìno della Spinetta
Messaggi: 5071
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 15:53

Re: Giro 2018

Messaggio da leggere da Maìno della Spinetta » giovedì 30 novembre 2017, 13:46

no Ciclosprint, come detto da Mauro è la seconda volta che verrebbe affrontato, siamo in Comelico non nel Vicentino.


“Our interest’s on the dangerous edge of things.
The honest thief, the tender murderer, the superstitious atheist”.

Bomby
Messaggi: 943
Iscritto il: martedì 17 giugno 2014, 20:23

Re: Giro 2018

Messaggio da leggere da Bomby » giovedì 30 novembre 2017, 13:53

jumbo ha scritto: altra mia considerazione: tra Belice, Irpinia con Montevergine, Gran Sasso, Rigopiano e zone intorno ai Sibillini e Colfiorito, Assisi, partenza in Friuli, è il Giro dei terremoti, manca solo l'Emilia.
Beh, oddio, Ferrara non fu esattamente nell'epicentro del terremoto del 2012 e non subì particolari danni (non certo come dalle mie parti), ma squassarono bene anche lì. Poi che non ci caghi più nessuno è anche vero.

Per quel che riguarda il percorso, i tapponi ci sono (anche se un tappone-tappone con più vette sopra ai 2000 m manca) ma la pecca più grossa è che tutte le tappe di montagna terminano in salita difficile o monosalita.

La mia opinione:
Prime tre tappe in Israele: cronometro interessante, ma almeno una delle due tappe potevano farla un po' più mossa, considerando che si è nel weekend. Non commento gli aspetti geopolitici.
Le tre tappe siciliane mi piacciono parecchio, tutte e tre. Praia a Mare mi pare inevitabile come tappa adatta ai velocisti, evitabile mi pare Montevergine, meglio una tappa mossa sinceramente, messa così è davvero insipida, e non si può giustificarla nemmeno come "il primo test in salita" già che c'è già l'Etna e il giorno dopo il Gran Sasso simile a livello di spettacolarità, presumibilmente. Però almeno quella ci sta, ed è molto più suggestiva a livello di paesaggio.
Penne-Gualdo tappa per velocisti o per fughe bidone, ci sta. Osimo non è malaccio, dovrei provare a rifarmela su LaFlammeRouge per valutare meglio, ma al limite la avrei alleggerita di più all’inizio e indurita nel finale, mettendoci più muri, ci sono zone più ricche nelle marche ma anche lì le alternative non mancano. Imola e Nervesa purtroppo se non si volevano scacciare i velocisti in malo modo dovevano essere fatte così, e poi non sono comunque piattoni assoluti. Certo, almeno in uno dei due casi qualche giro del circuito finale schifo non avrebbe fatto, ma il giro è venuto già lungo così. Zoncolan bene, mi piace, forse si sarebbe potuto fare di meglio, ma tanto a che serve? Tutti aspetteranno il mostro e le salite precedenti servono solo a mettere fatica nelle gambe. Anche Sappada non è male, poteva in effetti essere molto peggio, e poi ci si possono aspettare attacchi prima dell’ultima salita verso Sappada.
Crono in trentino doverosa, tappa a Iseo facile per far rifiatare gli atleti. Pratonevoso sinceramente non l’ho mai capita se non per ragioni di $o£di, avrei preferito una tappa mossa nelle Langhe. La tappa di Bardonecchia secondo me non sarà poi così male: vero il Finestre è lontano, c’è un lungo tratto di falsopiano e l’ultima salita non è facile. Però se uno lo desidera davvero può tentare il tutto e per tutto, anche per via degli imprevisti che si potrebbero verificare Potevano fermarsi a Bardonecchia. La tappa di Cervinia mi piace, mi pare ben tracciata. Quello di Roma è proprio un gran finale: una crono era improponibile, probabilmente il tratto in linea avrebbe bloccato per troppo tempo le strade di Roma: a livello turistico però quel circuito mangia sulla testa sia a quello di Parigi che a quello di Madrid.



CicloSprint
Messaggi: 5648
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:49

Re: Giro 2018

Messaggio da leggere da CicloSprint » giovedì 30 novembre 2017, 15:17

Arriva il comunicato ufficiale diel comitato organizzatore: «RCS Sport tiene a precisare che la partenza del Giro d’Italia avverrà dalla città di Gerusalemme.

Nel presentare il percorso di gara è stato utilizzato materiale tecnico contenente la dicitura “Gerusalemme Ovest”, imputabile al fatto che la corsa si svilupperà logisticamente in quell’area della città.

Si sottolinea che tale dicitura, priva di alcuna valenza politica, è stata comunque subito rimossa da ogni materiale legato al Giro d’Italia».



lucks83
Messaggi: 476
Iscritto il: sabato 18 maggio 2013, 13:11

Re: Giro 2018

Messaggio da leggere da lucks83 » giovedì 30 novembre 2017, 17:56

Volevo fare una considerazione... in tanti abbiamo detto che mancano le salite Over 2000, anche 2500... vegni dal 2012 le ha sempre messe nel tracciato.. nel 2013 gli è andata malissimo, tra tappe mutilate e annullate. Nel 2014 stelvio e gavia sono state a rischio fino all'ultimo... poi nel 2016 e 2017 tutto bene. Possibile che per una volta non abbia voluto rischiare? Tra l'altro vorrei vedere cosa succede se sul finestre trovassero pioggia, cosa mai successa. Me lo vedo il buon Chris, controllare il computerino dei watt in mezzo al fango.....



Avatar utente
Scattista
Messaggi: 2243
Iscritto il: mercoledì 24 settembre 2014, 21:22

Re: Giro 2018

Messaggio da leggere da Scattista » giovedì 30 novembre 2017, 18:52

ci facciamo già i viaggi di Landa che attacca sul Finestre! Sognare non costa nulla, ma a me fastidia pensare che ci dovremo sorbire questa solfa per sei mesi fino al fatidico giorno in cui...

..sul Finestre non attaccherà nessuno, nessuno dei primi 10 in classifica. Segnatevelo e venitemi a cercare quel giorno.



Questo Giro fa schifo, fa schifo a tutti e non c'è un perché. Il 2017 fu disegnato palesemente per far abboccare Froome, e ci poteva anche stare. Visto che il percorso non ha funzionato, ma i milioni sì, potevano anche permettersi di disegnare un Giro decente. Non gli costava nulla, Froome veniva lo stesso. Zomegnan era anni luce avanti.


Immagine

Avatar utente
udra
Messaggi: 5409
Iscritto il: mercoledì 1 ottobre 2014, 11:29

Re: Giro 2018

Messaggio da leggere da udra » giovedì 30 novembre 2017, 18:54

Scattista ha scritto:
Questo Giro fa schifo, fa schifo a tutti e non c'è un perché.
Non conosco questo tutti, ma io di sicuro non ne faccio parte :D



Avatar utente
udra
Messaggi: 5409
Iscritto il: mercoledì 1 ottobre 2014, 11:29

Re: Giro 2018

Messaggio da leggere da udra » giovedì 30 novembre 2017, 18:56

Sarebbe l'occasione buona per testare i sondaggi, un bel voto sul percorso del giro



JoeBike
Messaggi: 6
Iscritto il: venerdì 28 ottobre 2016, 15:24

Re: Giro 2018

Messaggio da leggere da JoeBike » giovedì 30 novembre 2017, 21:17

my opinion:

le tappe palestinesi (ops non si può dire) mi garbano, non tanto a livello tecnico ma per tutto il contesto
ottime le due prime date siciliane...
ma deludente quella etnea (a mio avviso). Come l'anno scorso non si e' voluto fare una tappa superdura in Sicilia (con qualche salita in piu') ma questo tabù vale per tutte le date che si organizzano al sud.
Cmq qst data etnea ha l'incognita strada. Ora non so esattamente le pendenze, ma la strada che faranno è una strada secondaria...meno larga della SP92. Potrebbe esser pur psicologicamente piu' dura.
Curioso di vedere la tappa a campo imperatore...anche se pure qui vale il discorso della tappa etnea. Un'altra salita in più (e in abbruzzo non mancano) e pure qui poteva veniva un mega tappone che niente avrebbe di meno di un tappone alpino.
Delle tappe alpine buone....ma un 2500?? Mancava poco che C.Imperatore diventasse la cima Coppi.

Vincitore.....troppo scontato!!

Il mio sogno x il futuro: da siciliano e amante dell'Etna.....un mega tappone con 2-3 valichi nebroidei prima e poi arrivo sull'etna, ma non come fatto finora sulle strade, che sul vulcano arrivano fino ai 2000 mt, ma con un arrivo oltre ....con un percorso che lasciando l'asfalto a 2000 metri prenda per una strada sterrata per arrivare sui 2300-2400 metri di quota...su quei sentieri polverosi (ma che per via dei transiti continui dei pulmini-jeep che portano i turisti in quota) son ben compattati e quindi percorribili e potrebbero esser un finale coi botti per una tappa unica.



Avatar utente
Patate
Messaggi: 3276
Iscritto il: domenica 28 febbraio 2016, 23:23

Re: Giro 2018

Messaggio da leggere da Patate » giovedì 30 novembre 2017, 21:35

lucks83 ha scritto:Volevo fare una considerazione... in tanti abbiamo detto che mancano le salite Over 2000, anche 2500... vegni dal 2012 le ha sempre messe nel tracciato.. nel 2013 gli è andata malissimo, tra tappe mutilate e annullate. Nel 2014 stelvio e gavia sono state a rischio fino all'ultimo... poi nel 2016 e 2017 tutto bene. Possibile che per una volta non abbia voluto rischiare? Tra l'altro vorrei vedere cosa succede se sul finestre trovassero pioggia, cosa mai successa. Me lo vedo il buon Chris, controllare il computerino dei watt in mezzo al fango.....
2012 e 2013 era gestione Acquarone però!


antani ha scritto:Non so perchè ma ho la sensazione che domani Aru possa arrivare dietro o davanti a Froome, stiamo a vedere sembra facile ma non è difficile

herbie
Messaggi: 3595
Iscritto il: sabato 26 febbraio 2011, 17:19

Re: Giro 2018

Messaggio da leggere da herbie » giovedì 30 novembre 2017, 21:36

JoeBike ha scritto:my opinion:

le tappe palestinesi (ops non si può dire) mi garbano, non tanto a livello tecnico ma per tutto il contesto
ottime le due prime date siciliane...
ma deludente quella etnea (a mio avviso). Come l'anno scorso non si e' voluto fare una tappa superdura in Sicilia (con qualche salita in piu') ma questo tabù vale per tutte le date che si organizzano al sud.
Cmq qst data etnea ha l'incognita strada. Ora non so esattamente le pendenze, ma la strada che faranno è una strada secondaria...meno larga della SP92. Potrebbe esser pur psicologicamente piu' dura.
Curioso di vedere la tappa a campo imperatore...anche se pure qui vale il discorso della tappa etnea. Un'altra salita in più (e in abbruzzo non mancano) e pure qui poteva veniva un mega tappone che niente avrebbe di meno di un tappone alpino.
Delle tappe alpine buone....ma un 2500?? Mancava poco che C.Imperatore diventasse la cima Coppi.

Vincitore.....troppo scontato!!

Il mio sogno x il futuro: da siciliano e amante dell'Etna.....un mega tappone con 2-3 valichi nebroidei prima e poi arrivo sull'etna, ma non come fatto finora sulle strade, che sul vulcano arrivano fino ai 2000 mt, ma con un arrivo oltre ....con un percorso che lasciando l'asfalto a 2000 metri prenda per una strada sterrata per arrivare sui 2300-2400 metri di quota...su quei sentieri polverosi (ma che per via dei transiti continui dei pulmini-jeep che portano i turisti in quota) son ben compattati e quindi percorribili e potrebbero esser un finale coi botti per una tappa unica.
ottima idea, e sono d'accordo su tutto.
Una tappa che avrebbe il sapore della sfida agli elementi della natura questa a risalire le brulle, scure pendici del vulcano, sempre più in su.
Che poi, mi sa che sarebbe anche più facile da sistemare, quella larga sterrata, pure rispetto a pur spettacolare Finestre.



JoeBike
Messaggi: 6
Iscritto il: venerdì 28 ottobre 2016, 15:24

Re: Giro 2018

Messaggio da leggere da JoeBike » giovedì 30 novembre 2017, 21:55

herbie ha scritto:
JoeBike ha scritto:my opinion:

le tappe palestinesi (ops non si può dire) mi garbano, non tanto a livello tecnico ma per tutto il contesto
ottime le due prime date siciliane...
ma deludente quella etnea (a mio avviso). Come l'anno scorso non si e' voluto fare una tappa superdura in Sicilia (con qualche salita in piu') ma questo tabù vale per tutte le date che si organizzano al sud.
Cmq qst data etnea ha l'incognita strada. Ora non so esattamente le pendenze, ma la strada che faranno è una strada secondaria...meno larga della SP92. Potrebbe esser pur psicologicamente piu' dura.
Curioso di vedere la tappa a campo imperatore...anche se pure qui vale il discorso della tappa etnea. Un'altra salita in più (e in abbruzzo non mancano) e pure qui poteva veniva un mega tappone che niente avrebbe di meno di un tappone alpino.
Delle tappe alpine buone....ma un 2500?? Mancava poco che C.Imperatore diventasse la cima Coppi.

Vincitore.....troppo scontato!!

Il mio sogno x il futuro: da siciliano e amante dell'Etna.....un mega tappone con 2-3 valichi nebroidei prima e poi arrivo sull'etna, ma non come fatto finora sulle strade, che sul vulcano arrivano fino ai 2000 mt, ma con un arrivo oltre ....con un percorso che lasciando l'asfalto a 2000 metri prenda per una strada sterrata per arrivare sui 2300-2400 metri di quota...su quei sentieri polverosi (ma che per via dei transiti continui dei pulmini-jeep che portano i turisti in quota) son ben compattati e quindi percorribili e potrebbero esser un finale coi botti per una tappa unica.
ottima idea, e sono d'accordo su tutto.
Una tappa che avrebbe il sapore della sfida agli elementi della natura questa a risalire le brulle, scure pendici del vulcano, sempre più in su.
Che poi, mi sa che sarebbe anche più facile da sistemare, quella larga sterrata, pure rispetto a pur spettacolare Finestre.

oltre al sapore della sfida sarebbe pure piu' dura a livello tecnico-fisico e non solo per il "non asfalto"...ma per le pendenze che sull'etna aumentano notevolmente oltre i 2000 mt di quota....

altra cosa che mi son dimenticato di commentare...è il finale di Roma. Bello ma lo avrei visto a metà giro una tappa così....



Avatar utente
nemecsek.
Messaggi: 1436
Iscritto il: mercoledì 6 gennaio 2016, 22:35

Re: Giro 2018

Messaggio da leggere da nemecsek. » giovedì 30 novembre 2017, 23:10

Scattista ha scritto:ci facciamo già i viaggi di Landa che attacca sul Finestre! Sognare non costa nulla, ma a me fastidia pensare che ci dovremo sorbire questa solfa per sei mesi fino al fatidico giorno in cui...

..sul Finestre non attaccherà nessuno, nessuno dei primi 10 in classifica.
MUBUAHAHAHAHA

:lol:

:clap:


Le insegne luminose attirano gli allocchi.
GLF

Avatar utente
nino58
Messaggi: 9415
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 14:38

Re: Giro 2018

Messaggio da leggere da nino58 » venerdì 1 dicembre 2017, 13:41

nemecsek. ha scritto:
Scattista ha scritto:ci facciamo già i viaggi di Landa che attacca sul Finestre! Sognare non costa nulla, ma a me fastidia pensare che ci dovremo sorbire questa solfa per sei mesi fino al fatidico giorno in cui...

..sul Finestre non attaccherà nessuno, nessuno dei primi 10 in classifica.
MUBUAHAHAHAHA

:lol:

:clap:
Ride bene ....


Von Rock ? Nein, danke.
Diritto di correre senza condizioni a chi ha scontato una squalifica !!!

maurofacoltosi
Messaggi: 1271
Iscritto il: mercoledì 15 dicembre 2010, 12:23
Località: Vedano Olona (Va)
Contatta:

Re: Giro 2018

Messaggio da leggere da maurofacoltosi » venerdì 1 dicembre 2017, 21:05

Mica male la salita del Passo del Termine che sarà affrontata nella tappa di Osimo. Peccato sia collocata in partenza, ma potrebbe lasciare il segno

https://www.la-flamme-rouge.eu/maps/viewtrack/176873


Mauro Facoltosi
www.ilciclismo.it

giorgio ricci
Messaggi: 2305
Iscritto il: lunedì 9 giugno 2014, 13:44

Re: Giro 2018

Messaggio da leggere da giorgio ricci » venerdì 1 dicembre 2017, 23:48

Se non verranno gli uomini da classiche io vedo tappe per velocisti puri le due in Palestina , Praia a mare ,Imola ,Nervesa e Roma .
Da fughe potenzialmente Caltagirone, Santa Ninfa, Gualdo Tadino, Osimo.
Iseo anche non la vedo da velocisti , mossa all'inizio, corta e dopo un trittico che avrà già fatto ritirare tutte le ruote veloci.
La stessa Imola si presta a qualche finisseur .
Sulle montagne sarà difficile tenere la corsa a Sappada e
Bardonecchia, per varie ragioni.
Voi che ne pensate ?



Avatar utente
Patate
Messaggi: 3276
Iscritto il: domenica 28 febbraio 2016, 23:23

Re: Giro 2018

Messaggio da leggere da Patate » sabato 2 dicembre 2017, 0:08

Imola nel 2015 fu tutto tranne che una tappa per velocisti, complice il tempaccio e la parte iniziale molto più dura.
Il circuito sarà sempre quello con la scalata spezzettata ai Tre Monti e arrivo nell'autodromo?
Sarà comunque un finale divertente, con i finisseur -Gilbert su tutti, se stavolta riesce a venire- che proveranno ad anticipare in un terreno dove non è facile inseguire.
Nervesa la vedo mooooolto più per le ruote veloci, forse la più scontata dopo i piattoni israeliani (vento permettendo) e Roma. Se c'è una cosa positiva in questo Giro è quella di rendere meno banali le tappe per velocisti: anche Praia è tutt'altro che facile. Iseo è difficile ma verrà tenuta d'occhio perché sarà una delle poche chance rimaste, al contrario della tappa di Salon de Provence dell'ultimo Tour che aveva un tracciato molto simile.


antani ha scritto:Non so perchè ma ho la sensazione che domani Aru possa arrivare dietro o davanti a Froome, stiamo a vedere sembra facile ma non è difficile

Avatar utente
udra
Messaggi: 5409
Iscritto il: mercoledì 1 ottobre 2014, 11:29

Re: Giro 2018

Messaggio da leggere da udra » sabato 2 dicembre 2017, 1:17

Io direi x velocisti al 100% le due israeliane (al netto del vento che a quanto ho capito potrebbe essere un fattore), Praia al 70% (c'è la salita a San Nicola Arcella che era già stata affrontata nel 2016, senza una discesa immediata, ma quel drittone finale di 2-3 km aiuta molto), Imola al 50% (dipende sempre da chi si presenta al via con un certo feeling per le classiche), Nervesa al 100% (quel circuito finale non lascia speranze) così come Roma.
Iseo devo ancora guardarla.



maurofacoltosi
Messaggi: 1271
Iscritto il: mercoledì 15 dicembre 2010, 12:23
Località: Vedano Olona (Va)
Contatta:

Re: Giro 2018

Messaggio da leggere da maurofacoltosi » sabato 2 dicembre 2017, 11:00

udra ha scritto:Io direi x velocisti al 100% le due israeliane (al netto del vento che a quanto ho capito potrebbe essere un fattore), Praia al 70% (c'è la salita a San Nicola Arcella che era già stata affrontata nel 2016, senza una discesa immediata, ma quel drittone finale di 2-3 km aiuta molto), Imola al 50% (dipende sempre da chi si presenta al via con un certo feeling per le classiche), Nervesa al 100% (quel circuito finale non lascia speranze) così come Roma.
Iseo devo ancora guardarla.
Roma da volata al 100% ok, ma potrebbe venirne fuori una tappa più dura del previsto con tutti quei sampietrini. Ricordate la caduta di Menchov nel finale di Roma nel 2009? Se dovrebbe accadere più di una caduta in gruppo stavolta potrebbe rimanere indietro anche qualche pezzo grosso della classifica... e se non lo attendono potrebbero anche esserci delle sorprese


Mauro Facoltosi
www.ilciclismo.it

maurofacoltosi
Messaggi: 1271
Iscritto il: mercoledì 15 dicembre 2010, 12:23
Località: Vedano Olona (Va)
Contatta:

Re: Giro 2018

Messaggio da leggere da maurofacoltosi » sabato 2 dicembre 2017, 11:38

Questo è il Muro di Filottrano, che dovrebbe essere affrontato sia al Giro, sia alla Tirreno-Adriatico

https://www.la-flamme-rouge.eu/maps/viewtrack/176952


Mauro Facoltosi
www.ilciclismo.it

CicloSprint
Messaggi: 5648
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:49

Re: Giro 2018

Messaggio da leggere da CicloSprint » sabato 2 dicembre 2017, 12:56

La salita di San Nicola Arcella la faranno dalla Stradale e non dalla vecchia strada (che fu usata nel 2016). Gualdo è un incognita.

Bisogna ricordare che le corse non le fa il percorso, ma i corridori.



Admin
Messaggi: 12601
Iscritto il: domenica 21 giugno 2009, 22:48

Re: Giro 2018

Messaggio da leggere da Admin » sabato 2 dicembre 2017, 18:24

Come non condividere la saggezza di Ciclosprint! :cincin:


Pantani è una leggenda come Coppi e Bartali

Avatar utente
Pafer1
Messaggi: 492
Iscritto il: venerdì 19 settembre 2014, 20:54

Re: Giro 2018

Messaggio da leggere da Pafer1 » sabato 2 dicembre 2017, 19:39

CicloSprint ha scritto:La salita di San Nicola Arcella la faranno dalla Stradale e non dalla vecchia strada (che fu usata nel 2016). Gualdo è un incognita.

Bisogna ricordare che le corse non le fa il percorso, ma i corridori.

:diavoletto: :diavoletto: :diavoletto: :diavoletto: :diavoletto: :diavoletto: :diavoletto: :diavoletto: :diavoletto:



Luisito84
Messaggi: 182
Iscritto il: lunedì 25 settembre 2017, 10:55

Re: Giro 2018

Messaggio da leggere da Luisito84 » domenica 3 dicembre 2017, 10:35

Stamattina, mi sono studiato il percorso per poter rispondere al sondaggio, devo dire che è un giro sulla falsariga dei grandi giri degli anni scorsi, che si sono tutti un po' assestati e omologati sulla stessa struttura.

Cronometro poche, salite tante, ma per la maggior parte pedalabili a parte due o tre tappe in cui va alla fine a concentrarsi tutto l'interesse che viene puntualmente deluso da condotte di gara prudenti.

Di primo acchitto mi era sembrato un ottimo giro, studiando il percorso però devo dire che non mi convince del tutto, soprattutto abbinato alla presenza di una squadra in grado di dominare la corsa e rendere innocue anche le due o tre tappe interessanti.

Di positivo c'è l'ottimo chilometraggio di quasi tutte le tappe, ma non so se basterà a smuovere qualcosa.


Tarallucci e Ventolin (cit.)

Avatar utente
nemecsek.
Messaggi: 1436
Iscritto il: mercoledì 6 gennaio 2016, 22:35

Re: Giro 2018

Messaggio da leggere da nemecsek. » martedì 5 dicembre 2017, 0:41

nino58 ha scritto:
nemecsek. ha scritto:
Scattista ha scritto:ci facciamo già i viaggi di Landa che attacca sul Finestre! Sognare non costa nulla, ma a me fastidia pensare che ci dovremo sorbire questa solfa per sei mesi fino al fatidico giorno in cui...

..sul Finestre non attaccherà nessuno, nessuno dei primi 10 in classifica.
MUBUAHAHAHAHA

:lol:

:clap:
Ride bene ....
A Nì, guarda che a me Landa piace assai...


Le insegne luminose attirano gli allocchi.
GLF

Avatar utente
nino58
Messaggi: 9415
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 14:38

Re: Giro 2018

Messaggio da leggere da nino58 » martedì 5 dicembre 2017, 10:14

nemecsek. ha scritto:
A Nì, guarda che a me Landa piace assai...
A chiunque capisca di ciclismo dovrebbe piacere assai :)


Von Rock ? Nein, danke.
Diritto di correre senza condizioni a chi ha scontato una squalifica !!!

Avatar utente
Maìno della Spinetta
Messaggi: 5071
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 15:53

Re: Giro 2018

Messaggio da leggere da Maìno della Spinetta » martedì 5 dicembre 2017, 14:06

nino58 ha scritto:
nemecsek. ha scritto:
A Nì, guarda che a me Landa piace assai...
A chiunque capisca di ciclismo dovrebbe piacere assai :)
un matto che sale ancora con la potenza del fuoriclasse, come si fa a non amarlo?

Io per primo ho criticato duramente la tappa dello Jafferau, a Giro non presentato. Guardando un aspetto positivo di quella tappa mi sono limitato a osservare che offre due scenari che sono merce rara di questi temi: l'attacco da lontanissimo (e qua mi deridete, ma se uno in classifica si muovesse sul Finestre, che so, un Chaves, hai voglia aumentare il ritmo e tenerlo a bagno maria... fan fatica tutti, e sullo sterrato, specie se è secco come nel 2005, si fa tanta fatica anche a stare a ruota. Secondo, se anche (come ho sostenuto 2 mesi fa) si limitassero tutti a stare dietro al leader temendo la tanto pianura e le salite dove si sta bene a ruota, da Ousseaux a Bardonecchia (ben più di un'ora di corsa), almeno avremmo il lusso inusitato di questi tempi di avere 6 km finali senza super gregari per le palle.

Comunque il Finestre è circa un'ora di salita al massimo, non è uno sforzo che ha uguali nel ciclismo di oggi: non è da fuori di testa sperare che qualcuno abbia un passaggio a vuoto, anche se non attaccato. Se si guarda lo sparpaglio che ha fatto nel 2015 senza nessun attacco sfrontato particolare, ed essendo la prima salita di giornata, non è un'ipotesi impossibile. Lo Stelvio 2017 ha deluso da questo punto di vista? è molto più pedalabile del Finestre, innanzitutto. Secondo, ha impiccato il fisico della Maglia Rosa, e di tutti quanti - infatti alle prime accelerazioni sull'Umbrail tanto ma tanto sparpaglio. Come diceva credo herbie, in troppi pensano al ciclismo come l'atletica, in cui si fa un certo tipo di sforzo e basta. La bellezza dei tapponi (e quello dello Jafferau presenterà questo aspetto) è che saranno richiesti diversi sforzi intensi a distanza, e non tutti (froome magari sì, Zakarin magari no) sanno rispondere bene a cicli di sforzi ripetuti al massimo.


“Our interest’s on the dangerous edge of things.
The honest thief, the tender murderer, the superstitious atheist”.

Luisito84
Messaggi: 182
Iscritto il: lunedì 25 settembre 2017, 10:55

Re: Giro 2018

Messaggio da leggere da Luisito84 » martedì 5 dicembre 2017, 22:53

Maìno della Spinetta ha scritto:
nino58 ha scritto:
nemecsek. ha scritto:
A Nì, guarda che a me Landa piace assai...
A chiunque capisca di ciclismo dovrebbe piacere assai :)
un matto che sale ancora con la potenza del fuoriclasse, come si fa a non amarlo?

Io per primo ho criticato duramente la tappa dello Jafferau, a Giro non presentato. Guardando un aspetto positivo di quella tappa mi sono limitato a osservare che offre due scenari che sono merce rara di questi temi: l'attacco da lontanissimo (e qua mi deridete, ma se uno in classifica si muovesse sul Finestre, che so, un Chaves, hai voglia aumentare il ritmo e tenerlo a bagno maria... fan fatica tutti, e sullo sterrato, specie se è secco come nel 2005, si fa tanta fatica anche a stare a ruota. Secondo, se anche (come ho sostenuto 2 mesi fa) si limitassero tutti a stare dietro al leader temendo la tanto pianura e le salite dove si sta bene a ruota, da Ousseaux a Bardonecchia (ben più di un'ora di corsa), almeno avremmo il lusso inusitato di questi tempi di avere 6 km finali senza super gregari per le palle.

Comunque il Finestre è circa un'ora di salita al massimo, non è uno sforzo che ha uguali nel ciclismo di oggi: non è da fuori di testa sperare che qualcuno abbia un passaggio a vuoto, anche se non attaccato. Se si guarda lo sparpaglio che ha fatto nel 2015 senza nessun attacco sfrontato particolare, ed essendo la prima salita di giornata, non è un'ipotesi impossibile. Lo Stelvio 2017 ha deluso da questo punto di vista? è molto più pedalabile del Finestre, innanzitutto. Secondo, ha impiccato il fisico della Maglia Rosa, e di tutti quanti - infatti alle prime accelerazioni sull'Umbrail tanto ma tanto sparpaglio. Come diceva credo herbie, in troppi pensano al ciclismo come l'atletica, in cui si fa un certo tipo di sforzo e basta. La bellezza dei tapponi (e quello dello Jafferau presenterà questo aspetto) è che saranno richiesti diversi sforzi intensi a distanza, e non tutti (froome magari sì, Zakarin magari no) sanno rispondere bene a cicli di sforzi ripetuti al massimo.
Si guardando la tappa del Jafferau ho pensato la stessa cosa e cioè che nasconda al suo interno diverse insidie, spero però che tra i due si verifichi il primo scenario. Ci sarebbe da divertirsi.


Tarallucci e Ventolin (cit.)

Admin
Messaggi: 12601
Iscritto il: domenica 21 giugno 2009, 22:48

Re: Giro 2018

Messaggio da leggere da Admin » mercoledì 6 dicembre 2017, 3:34

Pensierini ricicciati sul Giro.

https://www.youtube.com/watch?v=r_2VuDJDWtg


Pantani è una leggenda come Coppi e Bartali

oronzo2
Messaggi: 381
Iscritto il: mercoledì 10 agosto 2011, 23:15

Re: Giro 2018

Messaggio da leggere da oronzo2 » mercoledì 6 dicembre 2017, 17:37

Volutamente evitando questioni politiche ma limitandomi all'aspetto tecnico, credo che quanto stia avvenendo a livello internazionale su "Gerusalemme, capitale d'Israele" vada tenuto in considerazione.

Inutile aprire un dibattito sul giusto o sbagliato. Piuttosto, c'è da sperare che esista un piano B nel caso in primavera la situazione sfugga di controllo.

Ho il forte dubbio che Cairo & Co non abbiano ben soppesato TUTTI i vantaggi e svantaggi di essere parte dei festeggiamenti dei 70 anni dello Stato d'Israele.

Speriamo bene.

PS Chiede scusa all'Administrator se ho sforato ma credo che l'ipotesi, speriamo remota, di un cambio di percorso nelle prime tre tappe non possa essere scartata.



Admin
Messaggi: 12601
Iscritto il: domenica 21 giugno 2009, 22:48

Re: Giro 2018

Messaggio da leggere da Admin » mercoledì 6 dicembre 2017, 23:40

Oronzo, non temere, è chiaro che l'ipotesi di piano B vada attentamente vagliata, giunti a questo punto.

Se ti interessa, qui trovi la discussione "politica" sviscerata nel dettaglio: viewtopic.php?f=3&t=8150 ;)


Pantani è una leggenda come Coppi e Bartali

Avatar utente
nemecsek.
Messaggi: 1436
Iscritto il: mercoledì 6 gennaio 2016, 22:35

Re: Giro 2018

Messaggio da leggere da nemecsek. » giovedì 7 dicembre 2017, 1:24

oronzo2 ha scritto:Volutamente evitando questioni politiche ma limitandomi all'aspetto tecnico, credo che quanto stia avvenendo a livello internazionale su "Gerusalemme, capitale d'Israele" vada tenuto in considerazione.

Inutile aprire un dibattito sul giusto o sbagliato. Piuttosto, c'è da sperare che esista un piano B nel caso in primavera la situazione sfugga di controllo.

Ho il forte dubbio che Cairo & Co non abbiano ben soppesato TUTTI i vantaggi e svantaggi di essere parte dei festeggiamenti dei 70 anni dello Stato d'Israele.

Speriamo bene.

PS Chiede scusa all'Administrator se ho sforato ma credo che l'ipotesi, speriamo remota, di un cambio di percorso nelle prime tre tappe non possa essere scartata.

Israele sò 70 anni che è circondata da stati che li vogliono buttare a mare e ve preoccupate de tre ggiorni de corsa?
Tranqulli che se corre, Vegni sarà più preoccupato della logistica in certe regioni d Italia che della trasferta in un paese moderno ed iperefficente.


Le insegne luminose attirano gli allocchi.
GLF

domcal
Messaggi: 16
Iscritto il: lunedì 20 luglio 2015, 11:46

Re: Giro 2018

Messaggio da leggere da domcal » sabato 9 dicembre 2017, 20:11

Io fossi in Vegni provvederei a mettere a punto il piano B. In Israele non si può stare tranquilli.



Avatar utente
Tranchée d'Arenberg
Messaggi: 14945
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:50
Località: Falconara Albanese (CS)

Re: Giro 2018

Messaggio da leggere da Tranchée d'Arenberg » domenica 10 dicembre 2017, 7:37

Admin ha scritto:Oronzo, non temere, è chiaro che l'ipotesi di piano B vada attentamente vagliata, giunti a questo punto.

Se ti interessa, qui trovi la discussione "politica" sviscerata nel dettaglio: viewtopic.php?f=3&t=8150 ;)
A proposito, mi aspetto un tuo video-intervento riguardo i recenti sviluppi. Insomma, hai fatto un endorsment pubblico nei confronti della partenza da Israele. Sei sempre della stessa opinione?


Cobblestone 2012 - 1° Classifica Generale
Cobblestone 2012 - 1° Classifica Classiche
Cobblestone 2013 - 1° Classifica Semiclassiche

FantaCycling Manager 2016 - 1° Classifica (squadre)

Avatar utente
udra
Messaggi: 5409
Iscritto il: mercoledì 1 ottobre 2014, 11:29

Re: Giro 2018

Messaggio da leggere da udra » domenica 10 dicembre 2017, 9:56

Se non mi sbaglio Vegni disse poco tempo fa di avere già in mano un piano alternativo nel centro Italia dopo un'eventuale partenza in Sicilia



Basso
Messaggi: 13588
Iscritto il: sabato 21 maggio 2011, 18:03
Località: Vicenza

Re: Giro 2018

Messaggio da leggere da Basso » domenica 10 dicembre 2017, 10:59

La presenza di Froome ha provocato un cambio di idea di un protagonista (che magari ci sarà comunque, solo che con un diverso programma)
http://www.cicloweb.it/2017/12/10/prese ... obiettivi/


11 V7-Prato
12 Appennino-JapanCup
13 G9-ITARR-V20-Sabatini
14 Vasco-Dauphiné-T3-T21-Pologne-3VV
15 Laigueglia-Escaut-G2-G18-Giro-T13-Fourmies
16 Nice-V12
17 Frankfurt-T11-V16-Chrono
18 Bianche-DePanne-Romandie-Köln-Piemonte-Chrono

Avatar utente
Maìno della Spinetta
Messaggi: 5071
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 15:53

Re: Giro 2018

Messaggio da leggere da Maìno della Spinetta » mercoledì 13 dicembre 2017, 9:00

tra Trump che porta làambasciata USA a Gerusalemme e le analisi antidoping a Froome, Vegni ha tirato giù più madonne in questi 10 giorni che in tutte le nevicate del 2013 :diavoletto: :diavoletto: :diavoletto:


“Our interest’s on the dangerous edge of things.
The honest thief, the tender murderer, the superstitious atheist”.

Stylus
Messaggi: 787
Iscritto il: giovedì 28 aprile 2011, 12:03

Re: Giro 2018

Messaggio da leggere da Stylus » mercoledì 13 dicembre 2017, 9:08

E ora con la barcata di soldi presa da Israele per le invitare Froome Vegni cosa se ne fa? Mette Froome nel soggiorno di casa x alimentare un albero di natale e osostenibile pizzarotti style? Li devolve a Livestrong? Sfancula israele e cambia partenza? In faccia all avarizia li spenderà tutti per il prossimo giro in cui non chiedendo più soldi alle amministrazioni ritroveremo sampeyre, fauniera e assetta asfaltato?



Avatar utente
Maìno della Spinetta
Messaggi: 5071
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 15:53

Re: Giro 2018

Messaggio da leggere da Maìno della Spinetta » mercoledì 13 dicembre 2017, 9:10

Stylus ha scritto:E ora con la barcata di soldi presa da Israele per le invitare Froome Vegni cosa se ne fa? Mette Froome nel soggiorno di casa x alimentare un albero di natale e osostenibile pizzarotti style? Li devolve a Livestrong? Sfancula israele e cambia partenza? In faccia all avarizia li spenderà tutti per il prossimo giro in cui non chiedendo più soldi alle amministrazioni ritroveremo sampeyre, fauniera e assetta asfaltato?
mezza cassa di Franciacorta arrivato sottobanco per la tappa di Iseo l'han fatta fuori incazzati, l'altra mezza per la felicita' di risparmiare i due cucucconi


“Our interest’s on the dangerous edge of things.
The honest thief, the tender murderer, the superstitious atheist”.

ucci90
Messaggi: 1588
Iscritto il: martedì 11 settembre 2012, 9:52

Re: Giro 2018

Messaggio da leggere da ucci90 » mercoledì 13 dicembre 2017, 9:11

Froome opinionista fisso al processo alla tappa :D



Avatar utente
Patate
Messaggi: 3276
Iscritto il: domenica 28 febbraio 2016, 23:23

Re: Giro 2018

Messaggio da leggere da Patate » mercoledì 13 dicembre 2017, 9:23

ucci90 ha scritto:Froome opinionista fisso al processo alla tappa :D
:champion:


antani ha scritto:Non so perchè ma ho la sensazione che domani Aru possa arrivare dietro o davanti a Froome, stiamo a vedere sembra facile ma non è difficile

Stylus
Messaggi: 787
Iscritto il: giovedì 28 aprile 2011, 12:03

Re: Giro 2018

Messaggio da leggere da Stylus » mercoledì 13 dicembre 2017, 13:10

Spero non avvenga la cosa più patetica, che vengano girati alla Bahrain per invitare Nibali



Il Complottista
Messaggi: 97
Iscritto il: domenica 16 luglio 2017, 23:40

Re: Giro 2018

Messaggio da leggere da Il Complottista » mercoledì 13 dicembre 2017, 14:20

A oggi nonostante la pravda Gazzettiana parli di Giro fantastico c'è certa la sola presenza di Aru e Chaves
Tra Landa e Valverde ancora nulla di certo e Tom Dumoulin mica ha detto si . Pinot ? Forse
Con il caso Froome perdono tantissimo e faranno di tutto affinchè Nibali partecipi alla corsa
Visto che è l'unico che ha lo status superiore al Britannico
Senza il Siciliano al via può vincerlo chiunque



Avatar utente
Walter_White
Messaggi: 10270
Iscritto il: mercoledì 23 marzo 2016, 18:01

Re: Giro 2018

Messaggio da leggere da Walter_White » mercoledì 13 dicembre 2017, 14:32

Il Complottista ha scritto:A oggi nonostante la pravda Gazzettiana parli di Giro fantastico c'è certa la sola presenza di Aru e Chaves
Tra Landa e Valverde ancora nulla di certo e Tom Dumoulin mica ha detto si . Pinot ? Forse
Con il caso Froome perdono tantissimo e faranno di tutto affinchè Nibali partecipi alla corsa
Visto che è l'unico che ha lo status superiore al Britannico
Senza il Siciliano al via può vincerlo chiunque
E sarebbe un gran bel Giro. Io comunque credo che Froome sarà al via.


FCC 2017/18: 3°; Trofeo dei titoli; Campionato Europeo Donne Elite, Campionato del Mondo Donne Elite, ROTY

dietzen
Messaggi: 5599
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 21:19

Re: Giro 2018

Messaggio da leggere da dietzen » mercoledì 13 dicembre 2017, 14:55

ma solo io oggi sto facendo il retropensiero di froome e sky che fanno una mossa alla contador 2011?

lui e la squadra sanno dal 20 settembre della positività.
sanno che non richiede sospensione e che comunque ci vorranno vari mesi fra perizie e gradi di giudizio.
difficile da dire come sarà la situazione a luglio prossimo: assoluzione? lieve squalifica? ancora in attesa di giudizio?
il giro invece si correrà probabilmente prima di una sentenza definitiva sul caso.
a quel punto decidono che intanto si va al giro, poi si vede.


Di Rocco non è il mio presidente

Il Complottista
Messaggi: 97
Iscritto il: domenica 16 luglio 2017, 23:40

Re: Giro 2018

Messaggio da leggere da Il Complottista » mercoledì 13 dicembre 2017, 15:10

dietzen ha scritto:ma solo io oggi sto facendo il retropensiero di froome e sky che fanno una mossa alla contador 2011?

lui e la squadra sanno dal 20 settembre della positività.
sanno che non richiede sospensione e che comunque ci vorranno vari mesi fra perizie e gradi di giudizio.
difficile da dire come sarà la situazione a luglio prossimo: assoluzione? lieve squalifica? ancora in attesa di giudizio?
il giro invece si correrà probabilmente prima di una sentenza definitiva sul caso.
a quel punto decidono che intanto si va al giro, poi si vede.
Sky non credo rinuncerebbe a una possibile corsa vinta
E al Giro adesso mica si può presentare per me
A parte il clima che troverebbe ma anche per una questione di stile




Rispondi