FantaPercorsi, FantaGT, e chi più ne ha più ne metta

Il mondo dei professionisti tra gare e complessità, e più in generale l'approccio al ciclismo di ogni appassionato
Bomby
Messaggi: 875
Iscritto il: martedì 17 giugno 2014, 20:23

Re: FantaPercorsi, FantaGT, e chi più ne ha più ne metta

Messaggio da leggere da Bomby » sabato 10 marzo 2018, 17:26

Tappa 4: Alta Montagna, Umbertide > Poggio San Romualdo, 156.13 Km, Dislivello+ = 3829 m.
TA IV.png
TA IV.png (161.38 KiB) Visto 2255 volte
Veniamo al tappone appenninico marchigiano: tutte le salite incontrate tranne la prima sono classificate come di categoria speciale. Si attraversa l’appennino centrale partendo dall’Umbria passando da fossato di Vico e raggiungendo Fabriano. Qui si affronterà la scalata al Poggio San Romualdo (che ha una pendenza regolare attorno al 7%), indi al Monte San Vicino (in cui si raggiungono pendenze a doppia cifra e che spiana un po’ in cima, perfetto per attacchi da lontano) e di nuovo al Poggio San Romualdo. In caso di difficoltà metereologiche la tappa è comunque affrontabile salendo una sola volta all’arrivo in quota oppure fermandosi a Fabriano ed evitando il Sassopecoraro, se proprio dovesse buttare male. In condizioni normali la tappa risulta non essere certamente facile data la stagione primaverile, ma adatta ad equilibrare i risultati dati dai 20 e passa km di cronometro individuale; il chilometraggio contenuto dovrebbe comunque allievare parte delle difficoltà.
Traguardi Volanti:
• Gubbio (505 m, Km 26.3),
• Fabriano (332 m, Km 80.1).
GPM:
• Madonnina della Cima (4° Categoria, 773 m, 10.2 Km al 3.5%, Km 30.7),
• Sassopecoraro (2° Categoria, 1177 m, 0.0 Km al 0.0%, Km 46.4),
• Poggio San Romualdo (2° Categoria, 936 m, 9.8 Km al 7.0%, Km 98.1),
• Monte San Vicino (1° Categoria, 1207 m, 9.2 Km al 7.7%, Km 126.0),
• Poggio San Romualdo (2° Categoria, 936 m, 9.8 Km al 7.0%, Arrivo).
https://www.la-flamme-rouge.eu/maps/viewtrack/197570

Tappa 5: Media Montagna, Fabriano > Porto Sant'Elpidio, 85.91 Km, Dislivello+ = 3359 m.
TA V.png
TA V.png (191.56 KiB) Visto 2255 volte
TA V pla rid.png
TA V pla rid.png (287.95 KiB) Visto 2255 volte
Il weekend si conclude con la carognata: oltre 3000 metri di dislivello in muri marchigiani, tra le Coste fermane e quelle nei pressi di Porto Sant’Elpidio: 16 GPM in totale e qualche salita non è stata classificata. Senza contare il tipo di strade affrontate, solitamente strette e anche un po’ sconnesse. Ottimo allenamento anche per chi dovrà affrontare più avanti nella stagione i muri delle corse del Nord. Il tracciato planimetrico è chiaro sino a poco dopo Macerata, dopodichè si compie un arabesco intorno a Fermo con tanto di piccolo circuito intermedio per ripetere una salita, infine ci si dirige verso porto Sant’Elpidio cercando di affrotnare quanti più muri possibile, di cui uno simpaticamente parzialmente sterrato.
Traguardi Volanti:
• Jesi (70 m, Km 42.7),
• Campiglione (71 m, Km 119.0).
GPM:
• Santa Maria Nuova (4° Categoria, 254 m, 4.4 Km al 4.2%, Km 50.1),
• Filottrano (4° Categoria, 255 m, 1.6 Km al 9.3%, Km 59.8),
• Osteria Nuova (4° Categoria, 218 m, 2.6 Km al 4.9%, Km 68.0),
• Macerata (4° Categoria, 288 m, 2.9 Km al 6.6%, Km 82.1),
• Monte San Giusto (4° Categoria, 183 m, 1.9 Km al 6.9%, Km 102.8),
• Montegranaro (3° Categoria, 229 m, 1.1 Km al 14.5%, Km 107.7),
• Torre San Patrizio (4° Categoria, 189 m, 2.8 Km al 4.9%, Km 114.8),
• Fermo (Via Lauretana) (3° Categoria, 228 m, 1.7 Km al 9.9%, Km 123.1),
• Fermo (da Valloscura) (4° Categoria, 230 m, 1.2 Km al 10.6%, Km 127.6),
• Fermo (da Madonna d'Ete) (4° Categoria, 222 m, 2.3 Km al 8.1%, Km 134.6),
• Montone (4° Categoria, 219 m, 1.8 Km al 7.4%, Km 142.6),
• Fermo (da Madonna d'Ete) (4° Categoria, 219 m, 2.3 Km al 7.6%, Km 148.3),
• Monte Urano (4° Categoria, 240 m, 3.1 Km al 5.9%, Km 159.1),
• Montegranaro (via Roccolo Svampa) (4° Categoria, 209 m, 2.3 Km al 7.1%, Km 166.4),
• Sant'Elpidio a Mare (3° Categoria, 234 m, 2.5 Km al 8.0%, Km 173.1),
• Strada Santa Lucia (4° Categoria, 179 m, 1.6 Km al 9.4%, Km 178.8).
Settori di strada bianca:
• Roccolo Svampa (800 m, Km 165.1).
https://www.la-flamme-rouge.eu/maps/viewtrack/197657

Continua...




Bomby
Messaggi: 875
Iscritto il: martedì 17 giugno 2014, 20:23

Re: FantaPercorsi, FantaGT, e chi più ne ha più ne metta

Messaggio da leggere da Bomby » sabato 10 marzo 2018, 17:32

Tappa 6: Pianura (mossa), Civitanova Marche > Rieti, 241.74 Km, Dislivello+ = 3520 m.
TA VI.png
TA VI.png (169.74 KiB) Visto 2253 volte
Sesta tappa attraverso l’appennino: Monti Sibillini, Monti della Laga, pendici del Terminillo, territori colpiti dal terremoto del 2016/17. Una tappa mossa, nervosa, lunga, adatta alle fughe: tanti GPM nella fase centrale che metteranno in difficoltà gli uomini veloci meno resistenti e finale in leggera discesa e abbastanza tortuoso. Si arriva a Rieti, toccando quindi anche il Lazio come città di arrivo, ma si passa da Marche, Umbria e Abruzzo.
Traguardi Volanti:
• Camerino (621 m, Km 62.9),
• Amatrice (949 m, Km 161.9).
GPM:
• Capolapiaggia (3° Categoria, 615 m, 4.9 Km al 6.0%, Km 58.2),
• Saccovescio (4° Categoria, 697 m, 2.2 Km al 7.9%, Km 99.9),
• Forca di Ancarano (3° Categoria, 1001 m, 11.5 Km al 4.1%, Km 114.3),
• San Pellegrino (3° Categoria, 993 m, 9.2 Km al 4.4%, Km 131.0),
• Montereale (4° Categoria, 1054 m, 5.3 Km al 4.2%, Km 188.4).
https://www.la-flamme-rouge.eu/maps/viewtrack/197669

Tappa 7: Pianura, Rieti > San Benedetto del Tronto, 185.55 Km, Dislivello+ = 2080 m.
TA VII.png
TA VII.png (143.69 KiB) Visto 2253 volte
Tappa conclusiva della corsa, sempre dedicata ai velocisti. Due GPM nella prima metà della corsa, salite lunghe ma dalle pendenze mai arcigne. Finale tortuoso nella classica San Benedetto Del Tronto, dopo gli ultimi 30 km completamente piatti lungo la statale adriatica.
Traguardi Volanti:
• L'Aquila (705 m, Km 58.6),
• Giulianova (3 m, Km 158.9).
GPM:
• Sella di Corno (3° Categoria, 982 m, 13.8 Km al 3.6%, Km 35.3),
• Passo delle Capannelle (3° Categoria, 1298 m, 14.9 Km al 4.2%, Km 84.4).
https://www.la-flamme-rouge.eu/maps/viewtrack/197687

FINE

Ovviamente critiche e commenti sono ben graditi. Ho cercato di concentrare la polpa nel week-end e di lasciare gli ultimi giorni un po' più leggeri a livello altimetrico per dare modo a chi desidera partecipare alla Sanremo di iniziare a recuperare.
La corsa in ogni modo è in grado di reggere anche in assenza della tappa di alta montagna, anche nel caso peggiore di completa cancellazione dell'arrivo in quota, grazie alla presenza delle due tappe di media montagna. Proprio mal che vada si può organizzare l'arrivo sul Terminillo nella tappa di Rieti in caso le condizioni meteo in quella zona siano migliori, magari dal versante di Leonessa per non allungare troppo la tappa.



Trullo
Messaggi: 147
Iscritto il: martedì 23 maggio 2017, 12:26

Re: FantaPercorsi, FantaGT, e chi più ne ha più ne metta

Messaggio da leggere da Trullo » lunedì 12 marzo 2018, 13:25

Bomby ha scritto:Trullo, noto tanti arrivi in salita, generalmente più difficile di quelle che la precedono... Un po' più di varietà non guasterebbe!
Grazie del commento
Il ciriterio che ho vercato di seguire per le sette tappe di montagna che ho inserito è stato proprio come suggerisci di variare le tipologie di arrivo
Abbiamo così
- arrivi in discesa al termine di tappone (Casteldelfino, Rieti)
- arrivo in salita unica asperità significativa della tappa (Prati di Tivo, Monte Carpegna)
- arrivo in salita impegnativa dopo tappone, con salita finale più dura di quelle immediatamente precedenti (Alpe di Siusi, Pian Gelassa)
- arrivo in salita impegnativa , immediatamente preceduta da salita ancor più impegnativa (Crostis preceduto da Zoncolan)
Sto sbagliando qualcosa? O forse sono semplicemente troppi cinque arrivi in salita (più una cronoscalata, ma più che bilanciati da 110 km a cronometro pianeggianti)?


A proposito bella la Tirreno come l'hai disegnata, con equilibio fra montagna, collina e pianura, con l'unico dubbio di lasciare le utlime due tappe poco significative per la classifica



Bomby
Messaggi: 875
Iscritto il: martedì 17 giugno 2014, 20:23

Re: FantaPercorsi, FantaGT, e chi più ne ha più ne metta

Messaggio da leggere da Bomby » lunedì 12 marzo 2018, 15:46

Quello è l'unico dubbio che avevo anch'io, però considera che sono di lunedì e martedì, meglio concentrarsi nel weekend.

Quanto alle tappe di montagna, io prevederei le seguenti tipologie che non è obbligatorio che ci siano tutte, ma più ce ne sono e meglio è:
  1. Arrivo in salita secco stile Vuelta: garantisce spettacolo, solo negli ultimi km. Ottimo per tappa infrasettimanale, quando la gente non ha tempo di stare tutto il pomeriggio davanti alla TV.
  2. Arrivo in salita difficile dopo tappone difficile. Teoricamente spettacolare, ma il rischio di delusione è alto perchè se le squadre decidono di dare spettacolo solo sulla salita finale c'è poco da fare.
  3. Arrivo in salita facile dopo salita difficile, tipo Mortirolo-Aprica o Finestre-Sestriere: in genere è più facile che si crei spettacolo, perchè si parte sulla penultima salita e poi, se si hanno le gambe si può guadagnare sul secondo GPM o se non se ne hanno tante si può assistere al rimontone, comunque spettacolare.
  4. Arrivo in discesa dopo salita facile o difficile. Se dopo salita facile vale il discorso fatto prima per arrivo in salita facile dopo salita difficile, se dopo salita difficile quantomeno si ha lo spettacolo della discesa fatta a tutta dai corridori. Un minimo di rischio c'è, ma almeno se qualcuno attacca lo spettacolo dura più di 5 minuti
  5. Salita difficile + falsopiano di una decina di km. Non necessariamente per la classifica generale, ma almeno per la tappa ci potrebbe essere un po' di spettacolo: se si hanno le gambe e si va bene anche sul passo si può guadagnare se si ha attaccato o recuperare se si viene attaccati, comunque l'inseguimento è sempre divertente. Può anche accadere che non ci siano attacchi se il falsopiano è troppo duro o lungo.
  6. Salita-mostro dopo qualsiasi tipo di tappa: in genere si arriva allo scontro negli ultimi kilometri, vedi quello che succede di solito sullo Zoncolan. Forse se rendi molto difficile il percorso in precedenza all'ultima ascesa può darsi che la tappa non si riveli un flop (tipo appunto Crostis+Zoncolan).
Poi c'è qualche considerazione sulla lunghezza delle tappe:
  1. Tappa molto corta ma molto dura. Di solito sono corse al massimo sin dall'inizio e offrono un buon spttacolo, certo il ciclismo storico è altro.
  2. Tappa molto lunga e molto dura. Se si superano di 230-240 km in montagna emergono i corridori di fondo (tipo Nibali): i gregari hanno meno energie da spendere ed è più facile arrivare allo scontro diretto tra capitani.
  3. Tappa in cui si superano più volte i 2000 m di quota, meglio se la tappa è molto lunga: le doti di fondo emergono ancora di più.
  4. Tappa media di durezza media: va bene come tappa nella prima settimana o infrasettimanale.
Detto questo, almeno 1/3 delle tappe in montagna è bene che siano con arrivo in discesa o in pianura (con poca pianura), non più di una ultracorta, non più di una con arrivo in salita secco.



Trullo
Messaggi: 147
Iscritto il: martedì 23 maggio 2017, 12:26

Re: FantaPercorsi, FantaGT, e chi più ne ha più ne metta

Messaggio da leggere da Trullo » lunedì 12 marzo 2018, 17:33

Bella classificazione, che raffina ulteriormente quella che avevo in mente io
Piazzando le mie tappe nella tua classificazione abbiamo
1) Prati di Tivo e Carpegna (una di mercoledi e una di venerdi, avevo fatto anch'io lo stesso pensiero sullo sfruttare i weekend con i tapponi
2) Alpe di Siusi e Pian Gelassa, ai quali ho di fatto applicato entrambi i tuoi criteri b) e c) per rendere più difficile che si arrivi in tanti ai piedi dell'ultima salita
3) Non è esattamente "facile" ma è quello a cui pensavo con Zoncolan-Crostis
4) Casteldelfino e Rieti
5) Non ho pensato a questa tipologia, effettivamente interessante (se non nelle tappe "di media montagna" come Cles e Aosta, adatte appunto a fughe di uomini fuori classifica)
6) L'ho evitata volutamente proprio per non trovarmi in situazioni dove la "paura del mostro" generi un gruppo che arriva compatto ai piedi dell'ultima salita (quindi Zoncolan penultima salita e Finestre addirittura a metà tappa)

Su sette tappe cinque sono con arrivo in salita e due no, quind non sono lontano dalla tua idea di equilibrio fra arrivi in salita e no, se non il fatto che le tappe con arrivo in discesa sono per caso (o meglio per i vincoli geografici) verso la fine (dovendo arrivare a Roma era quasi ovvio mettere il Terminillo l'ultimo giorno. E l'obbigo a partire da Isralee e poi trasferirsi nel sud mi ha costretto a mettere le dolomiti prima delle Alpi Occidentali, rivelandosi infattibili i trasferimenti nel caso opposto)

Poi certo, basterebbe rinunciare a uno fra Pian Gelassa e Alpe di Siusi (direi al secondo, sia pure a malincuore) oppure rinunciare all'Alpe di Siusi e arrivare a Sant'Anna di Bellino nella tappa di Casteldelfino (rientrando quindi nel caso 3 tuo con Agnello - Sant'Anna di Bellino)




Trullo
Messaggi: 147
Iscritto il: martedì 23 maggio 2017, 12:26

Re: FantaPercorsi, FantaGT, e chi più ne ha più ne metta

Messaggio da leggere da Trullo » lunedì 12 marzo 2018, 17:39

Sul tema della Tirreno Adriaticco vorrei aggiungere una considerazione: la cronosquadre non è stata, credo, messa a caso ma per permettere alle squadre di prepararsi a questo tipo di prova che si incontrerà poi nei grandi giri. Ragionevole che una corsa "di preparazione" per eccellenza come la Tirreno Adriatico ce l'abbia. Magari invece di fare 20 km a squadre e 10 individuali si sarebbe potuto fare 15 e 15...



Avatar utente
Patate
Messaggi: 2710
Iscritto il: domenica 28 febbraio 2016, 23:23

Re: FantaPercorsi, FantaGT, e chi più ne ha più ne metta

Messaggio da leggere da Patate » martedì 13 marzo 2018, 14:41

Per cazzarare un po'... :diavoletto:
1381418930958DSC_0322.jpg
1381418930958DSC_0322.jpg (214.78 KiB) Visto 2062 volte
don-matteo-classic.png
don-matteo-classic.png (109.89 KiB) Visto 2062 volte
Classica breve ma massacrante che unisce le due località dove ha operato il Teleprete.
La corsa si presta a colpi da lontano con i primi 100 km che sono i più difficili: pronti via e si inizia con la salita più lunga di giornata, il Valico di Pettino, che supera i 10 km con una media del 7%. Dopo un breve di passaggio a Foligno e sul terribile Muro di Collepino (media all'11%) si affronta il tratto chiave della corsa con Eremo delle Carceri, passaggio nel centro storico di Assisi e Pieve, tutte salite con ampi tratti in doppia cifra. Dopo la difficile ma breve discesa, gli ultimi 40 km sono ben più facili: la pedalabile salita che porta a San Presto, il breve strappo di Palazzone ai -12 e il lungo falsopiano che porta al traguardo eugubino.


antani ha scritto:Non so perchè ma ho la sensazione che domani Aru possa arrivare dietro o davanti a Froome, stiamo a vedere sembra facile ma non è difficile

Avatar utente
padoaschioppa
Messaggi: 2352
Iscritto il: domenica 19 dicembre 2010, 15:23
Località: Sapri (SA)

Re: FantaPercorsi, FantaGT, e chi più ne ha più ne metta

Messaggio da leggere da padoaschioppa » lunedì 19 marzo 2018, 18:44

Bellissimo vedere questi percorsi! Soprattutto quando leggo Sapri :champion:


Fanta2017: 8°
Fanta2016: 4°
Fanta2015: 6°. Vuelta 2015:
Fanta2014: 2°. Vuelta 2014: , Mondiale strada: 1
Fanta2013: 6°. Tour: ex aequo con galliano
Fanta2012: 4°. Vuelta 2012:
Fanta2011: 5°
Fanta2010: 1°
Fanta2009: 8°

Trullo
Messaggi: 147
Iscritto il: martedì 23 maggio 2017, 12:26

Re: FantaPercorsi, FantaGT, e chi più ne ha più ne metta

Messaggio da leggere da Trullo » lunedì 19 marzo 2018, 23:07

Passiamo al dettaglio della seconda settimana

Martedi 15 maggio si inizia con la celabrazione della Grande Guerra. Dal Sacrario di Redipuglia dove sono sepolti centomila militari morti nel conflitto, si arriva (in una delle poche tappe interamente pianeggianti) a Vittorio Veneto dove si svolse la battaglia decisiva che chiuse il conflitto.

Immagine

Immagine
Immagine

Immagine


Mercoledi 16 maggio da Villa Giusti, alle porte di Padova, dove si firmò l'armistizio, si arriva a Soncino dopo un'altra tappa interamente pianeggiante, ideale per velocisti
Immagine


Immagine


Immagine

Immagine


Immagine


Giovedi 17 maggio la crono pianeggiante di metà giro, l'occasione per i passisti di tenere a distanza gli scalatori. Percorso che si snoda nelle campagne cremonesi, fra il Serio e l'Adda

Immagine

Immagine

Immagine


Venerdi 18 maggio tappa di mezza montagna, con Croce Serra e Joux. Terreno ideale per i comprimari, o per un leaader fuori classifica che punti all'impresa di giornata. Verosimilemnte gli uomini di classifica si studieranno in vista del weekend
Immagine

Immagine

Immagine


Immagine

Sabato 19 maggio tappone delle alpi occidentali. Si inzia con San Carlo e Piccolo San Bernardo, si sconfina in Francia con la lunga salta all'Iseran (cima Coppi) per tornare in Italia con il Moncenisio e l'inedita ascesa finale (12 km a oltre l'8% di pendenza media). Qui chi ne ha deve attaccare, il terreno c'è. e distanza e quota aiutano ad accentuare le doti di fondo e la condizione

Immagine

Immagine

Immagine

Domenica 20 maggio, forse la tappa più dura. Dopo un inizio tranquillo, con la sola piccola asperità del Colle Braida, verso metà tappa si affronta il Colle delle Finestre, seguono due salite di media difficoltà (Sestriere e Monginevro) per chiudere in bellezza (sconfinando di nuovo in Francia) con Isoard e Agnello, e arrivo in discesa a pochi chilometri dall'ultima ascesa. Qui chi è in difficoltà può prendere anche decine di minuti, e come nel giorno precedente lunghezza della tappa e quota delle salite rendono la tappa adatta ai grandi fondisti, anche se non scalatori puri
Immagine


Immagine

Immagine

Immagine

(continua)



Bomby
Messaggi: 875
Iscritto il: martedì 17 giugno 2014, 20:23

Re: FantaPercorsi, FantaGT, e chi più ne ha più ne metta

Messaggio da leggere da Bomby » giovedì 22 marzo 2018, 16:19

Fatta in questi giorni: la Settimana Internazionale Coppi e Bartali è la corsa professionistica che passa più vicino a casa mia, anzi in molti casi è arrivata nel capoluogo del mio comune.

Ho pensato così di ridisegnare il percorso della corsa senza stravolgerlo troppo.

https://www.la-flamme-rouge.eu/maps/tours/view/8717

Rimangono 4 giornate, 3 tappe e due semitappe il primo giorno.
  • Prima semitappa, cronometro a squadre, breve, Gatteo-Gatteo a Mare. Strade di media larghezza, con qualche tortuosità nel finale: https://www.la-flamme-rouge.eu/maps/viewtrack/198987
  • Seconda semitappa, tappa pianeggiante o quasi, con partenza a Gatteo a Mare e arrivo a Gatteo, costituita da un paio di circuiti: uno nella pianura da compiersi due volte e mezzo, uno nelle colline comprendente le salite di Longiano e il "muro" di Via Cerreto: https://www.la-flamme-rouge.eu/maps/viewtrack/199532
  • Terza tappa sulle montagne romagnole, partenza da Riccione e arrivo a Sogliano al Rubicone, passando per una serie di salite di media difficoltà ma con comunque 4000 metri di dislivello positivo; finale in circuito con la salita di Ville di Montetiffi: https://www.la-flamme-rouge.eu/maps/viewtrack/199005
  • Quarta tappa in Emilia, nella pianura bolognese e modenese, da Crevalcore a Crevalcore; novità (su cui vi sarà evidente mi sono fissato) sono i tratti in strada bianca, il più lungo nel circuito finale nelle campagne tra Sant'Agata Bolognese e Crevalcore: https://www.la-flamme-rouge.eu/maps/viewtrack/199015
  • Quinta e ultima tappa che parte dalla bassa modenese (Mirandola, la città dei Pico) e arriva a Sassuolo passando da Carpi e Vignola con circuito finale sui salite (cote?) di Via Fazzano e Via del Ruvinello: https://www.la-flamme-rouge.eu/maps/viewtrack/199542
Commenti e opinioni sono sempre bene accette



Avatar utente
Patate
Messaggi: 2710
Iscritto il: domenica 28 febbraio 2016, 23:23

Re: FantaPercorsi, FantaGT, e chi più ne ha più ne metta

Messaggio da leggere da Patate » domenica 15 aprile 2018, 15:06

Innsbruck chi? :diavoletto:

Proposta di Mondiale a Trapani sfruttando la difficile salita al bellissimo borgo di Erice, quasi 10 km al 7,5 da ripetere dieci volte su strada tortuosa ed assolata :diavoletto:

Discesa tecnica ma mai stretta e pericolosa, rettilineo finale, lunghissimo, di 3000 metri
trapani.png
trapani.png (275.82 KiB) Visto 1783 volte
erice.png
erice.png (116.74 KiB) Visto 1783 volte
Immagine


antani ha scritto:Non so perchè ma ho la sensazione che domani Aru possa arrivare dietro o davanti a Froome, stiamo a vedere sembra facile ma non è difficile

Trullo
Messaggi: 147
Iscritto il: martedì 23 maggio 2017, 12:26

Re: FantaPercorsi, FantaGT, e chi più ne ha più ne metta

Messaggio da leggere da Trullo » lunedì 23 aprile 2018, 18:33

Continuiamo con il giro del concorso
https://www.la-flamme-rouge.eu/maps/tours/view/8473

Mancava giusto l'ultima settimana
Lunedi 21 riposo a Casteldelfino

Martedi 22 tappa per velocisti da Casteldelfino a Genova (con la Bocchetta nel finale, ma dal lato facile)
https://www.la-flamme-rouge.eu/maps/viewtrack/194140

Mercoledi 23 cronoscalata della Madonna della Guardia Nove chilometri all'8 per cento
https://www.la-flamme-rouge.eu/maps/viewtrack/194141

Giovedi 24 arrivo a Montecatini, aperto a diverse soluzioni (ultima possibilità per i velocisti, ma anche a fughe da lontano)
https://www.la-flamme-rouge.eu/maps/viewtrack/194142


Venerdi 25 si arriva a Monte Carpegna, arrivo in salita "storico" del giro, sette chilometri al 7,7%
https://www.la-flamme-rouge.eu/maps/viewtrack/194146


Sabato 26 tappone appenninico con Sasso Tetto all'inizio e Terminillo nel finale. Non è duro come i tapponi dei fine settimana precedenti, ma dopo tre settimane puù fare la differenza e riaprire i giochi
https://www.la-flamme-rouge.eu/maps/viewtrack/126629


Domenica 27 crono finale pianeggante con giro turistico per Roma e arrivo allo stadio Olimpico
https://www.la-flamme-rouge.eu/maps/viewtrack/194122



Bomby
Messaggi: 875
Iscritto il: martedì 17 giugno 2014, 20:23

Re: FantaPercorsi, FantaGT, e chi più ne ha più ne metta

Messaggio da leggere da Bomby » lunedì 23 aprile 2018, 20:32

Dato che Trullo ha giocato d'anticipo, linko anche qui il mio giro che parteciperà al contest de la flamme rouge. Non ho ancora scritto il papiro, ma vi basti sapere che è un adattamento dell'ultimo che avevo presentato (sono cambiate parecchie tappe, comunque, ma il disegno generale più o meno è quello).

https://www.la-flamme-rouge.eu/maps/tours/view/9004

Stasera scrivo il post su lfr, ovviamente vi invito a votare secondo le modalità previste.



Trullo
Messaggi: 147
Iscritto il: martedì 23 maggio 2017, 12:26

Re: FantaPercorsi, FantaGT, e chi più ne ha più ne metta

Messaggio da leggere da Trullo » martedì 24 aprile 2018, 10:39

Molto bello, ma mi piaceva di più il precedente, al quale immagino hai dovuto tagiare tappe per soddisfare i requisiti ....



Bomby
Messaggi: 875
Iscritto il: martedì 17 giugno 2014, 20:23

Re: FantaPercorsi, FantaGT, e chi più ne ha più ne metta

Messaggio da leggere da Bomby » martedì 24 aprile 2018, 15:06

Già, e anche stiracchiare qualcosa qua e là per farlo passare per 15 regioni. Effettivamente le 3 tappe in Israele rompono un po' le scatole perchè tolgono un po' di tappe in Italia e ho dovuto segare la tappa montana in Calabria che secondo me sarebbe stata degna persino dell'ultima settimana (bisognerebbe essere organizzatori molto coraggiosi per proporla, ma fare un Giro capovolto del tutto sarebbe comunque possibile, l'Italia credo sia il Paese migliore al mondo per chi traccia corse ciclistiche).



Trullo
Messaggi: 147
Iscritto il: martedì 23 maggio 2017, 12:26

Re: FantaPercorsi, FantaGT, e chi più ne ha più ne metta

Messaggio da leggere da Trullo » martedì 24 aprile 2018, 21:33

Concordo, gli appennini hanno una grande ricchezza di percorsi. Pochi mesi fa avevo postato un Giro che finiva a Catania affrontando nell'ultima settimana Sila, Aspromonte ed Etna (con tre versanti nell'ulrima tappa in linea)
Anzi sarebbe bello provare, per gioco, a tracciare un giro senza Alpi, con tappe al nord solo pianeggianti (tipo prima settimana dei Tour de France) e tappe di salita solo appenniniche



nibali-san baronto
Messaggi: 215
Iscritto il: mercoledì 17 agosto 2016, 20:43

Re: FantaPercorsi, FantaGT, e chi più ne ha più ne metta

Messaggio da leggere da nibali-san baronto » martedì 24 aprile 2018, 22:43

Trullo ha scritto:Concordo, gli appennini hanno una grande ricchezza di percorsi. Pochi mesi fa avevo postato un Giro che finiva a Catania affrontando nell'ultima settimana Sila, Aspromonte ed Etna (con tre versanti nell'ulrima tappa in linea)
Anzi sarebbe bello provare, per gioco, a tracciare un giro senza Alpi, con tappe al nord solo pianeggianti (tipo prima settimana dei Tour de France) e tappe di salita solo appenniniche
Io l'ho fatto con un'unica tappa vagamente alpina (con azzardato passaggio sulla vecchia strada del col di Tenda) al 4° giorno, e poi subito a sud. A breve ve lo presento.



Trullo
Messaggi: 147
Iscritto il: martedì 23 maggio 2017, 12:26

Re: FantaPercorsi, FantaGT, e chi più ne ha più ne metta

Messaggio da leggere da Trullo » giovedì 26 aprile 2018, 23:34

Ho caricato sul forum di La Flame Rouge il mio giro per il concorso



Avatar utente
Patate
Messaggi: 2710
Iscritto il: domenica 28 febbraio 2016, 23:23

Re: FantaPercorsi, FantaGT, e chi più ne ha più ne metta

Messaggio da leggere da Patate » martedì 1 maggio 2018, 11:16

Circuito del pavé a Liegi: i 12 giri prevedono ciascuno la scalata della famosa Rue Pierreuse (1 km al 9% di cui 800 m in pavé a 14%), un tratto in pavé di 800 m al 7% non segnalato sul profilo, e la famosa scalata alla Rue Naniot (600 m al 10% in pavé) per un totale di 26 km e mezzo sulle pietre
pavlieg.png
pavlieg.png (227.69 KiB) Visto 1442 volte
Rue Pierreuse:
Immagine
Rue Naniot:
Immagine


antani ha scritto:Non so perchè ma ho la sensazione che domani Aru possa arrivare dietro o davanti a Froome, stiamo a vedere sembra facile ma non è difficile

Avatar utente
Maìno della Spinetta
Messaggi: 4910
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 15:53

Re: FantaPercorsi, FantaGT, e chi più ne ha più ne metta

Messaggio da leggere da Maìno della Spinetta » giovedì 3 maggio 2018, 18:51

eccomi qua per il contest della Flamme Rouge

https://www.la-flamme-rouge.eu/maps/tours/view/8989

guardate e votate!


“Our interest’s on the dangerous edge of things.
The honest thief, the tender murderer, the superstitious atheist”.

Trullo
Messaggi: 147
Iscritto il: martedì 23 maggio 2017, 12:26

Re: FantaPercorsi, FantaGT, e chi più ne ha più ne metta

Messaggio da leggere da Trullo » venerdì 11 maggio 2018, 14:06

Bel giro, splendida la tappa del Pasubio. Per i miei gusti poca cronometro e pochi Appennini



Bomby
Messaggi: 875
Iscritto il: martedì 17 giugno 2014, 20:23

Re: FantaPercorsi, FantaGT, e chi più ne ha più ne metta

Messaggio da leggere da Bomby » sabato 12 maggio 2018, 0:45

Oltre ai pochi Appennini anche poche tappe facili... Alcune sono segnate come di pianura ma poco prima dell'arrivo ci sono delle salite non per tutti...



Avatar utente
Maìno della Spinetta
Messaggi: 4910
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 15:53

Re: FantaPercorsi, FantaGT, e chi più ne ha più ne metta

Messaggio da leggere da Maìno della Spinetta » sabato 12 maggio 2018, 21:31

Come pochi Appennini? Imboscate a Paestum, Tappa del Matese, arrivo tosto a Frontignano e strade bianche su e giù a Cingoli - due arrivi in salita e due tappacce. E c'è anche Sassuolo. 2 arrivi in salita e tre tappe da imboscate sono appenniniche.

Hai ragione Bomby, Paestum ho sbagliato a segnarla come pianura. Matera e roseto invece hanno alla fine un dente che in passato è stato domato da velocisti - certo, non è scontato che lo facciano, ma non di soli piattoni vive il velocista...


“Our interest’s on the dangerous edge of things.
The honest thief, the tender murderer, the superstitious atheist”.

Trullo
Messaggi: 147
Iscritto il: martedì 23 maggio 2017, 12:26

Re: FantaPercorsi, FantaGT, e chi più ne ha più ne metta

Messaggio da leggere da Trullo » lunedì 14 maggio 2018, 13:54

Si, mi sono spigato male. Gli appennini ci sono sia come arrivi in salita sia come tappe di media montagna, ma manca un "tappone appenninico" che ho trovato in altri Fantagiri che gli ho preferito



frcre
Messaggi: 23
Iscritto il: domenica 29 maggio 2016, 18:08

Re: FantaPercorsi, FantaGT, e chi più ne ha più ne metta

Messaggio da leggere da frcre » giovedì 17 maggio 2018, 3:19

Ecco due bei tapponi :diavoletto:

Immagine

Passo Cereda (1* Categoria 7 km 8,6%)
Passo Duran (1* Categoria 12,8 km 8,1%)
Forcella Staulanza (2* Categoria 12 km 6,6%)
Passo Giau (1* Categoria 9,8 km 9,2%)
Passo Falzarego (2* Categoria 10,9 km 5,4%)
Passo Fedaia (1* Categoria 13 km 7,7%)
Rifugio Gardeccia (1* Categoria 6,1 km 9,6%)



Immagine

Monte Grappa (1* Categoria 18,5 km 8,3%)
Passo Brocon (1* Categoria 13,5 km 6,5%)
Passo Manghen (1* Categoria 23,7 km 7%)
Alpe di Pampeago (1* Categoria 11,5 km 9,3%)



Trullo
Messaggi: 147
Iscritto il: martedì 23 maggio 2017, 12:26

Re: FantaPercorsi, FantaGT, e chi più ne ha più ne metta

Messaggio da leggere da Trullo » giovedì 17 maggio 2018, 22:50

Facendo pulizia sul PC ho trovato un vecchio excel, di epoca pre-Flamme Rouge, nel quale avevo ipotizzato un percorso
Gli spazi vuoti sono riposi, e almeno una delle cronometro, verosimilmente quella di Diamante, è a squadre
Altrettanto verosimilmente la terza e quarta tappa sono due semitappe percorse lo stesso giorno
Rivedendolo mi rendo conto dell'infattibilità della tappa di Viù (discesa del Finestre dal lato sterrato, e addirittura Colombardo)
Comunque mi piace condividerlo con voi



Matera (Cr.)
Matera-Rocca Imperiale Marina
Rocca Imperiale Marina-Terme Luigiane
Terme Luigiane-Diamante (cr)
Diamante-Monte Sirino (Monte Sirino)
Lagonegro-Napoli
Napoli-Frascati
Frascati-Roma(Cr.)

Roma-Castel di Sangro
Castel di Sangro-Campo Imperatore (Roccaraso-S.Leonardo-Svolte-Campo Imperatore)
Aquila-Prati di Tivo (Terminillo-Capannelle-Prati di Tivo)
Ancona-Bagno di Romagna
Firenze (circ.)
Lucca-Varazze
Varazze-Spotorno (cr.)
Spotorno-Torino
Torino-Viù (Braida, Finestre, Colombardo)
Viù-La Thuile (Joux. S. Pantaleon, S, Carlo)

Alessandria-Assenza
Assenza-Punta Veleno (cr.)
Malcesine-Idro
Idro-Alpe di Siusi (Pinei, Alpe di Siusi)
Castelrotto-Paluzza (Gardena, Valparola, Tre Croci, Ciampigotto, Zoncolan,)
Paluzza-Udine (cr.)



Stylus
Messaggi: 747
Iscritto il: giovedì 28 aprile 2011, 12:03

Re: FantaPercorsi, FantaGT, e chi più ne ha più ne metta

Messaggio da leggere da Stylus » giovedì 24 maggio 2018, 13:39

Montichiari - San Valentino (Monte Baldo)

Che dite? Sarà mai possibile avere al Giro una tappa simile?

Immagine

Tra San Valentino sono già arrivati ad un giro di padania...e se invece che da montichiari si partisse da su ci sarebbe l'imbarazzo della scelta x indurirla ancora di più tra bondone e santa barbara e salitelle varie... con la durissima Punta Veleno affrontata già dal Giro del Trentino anni fa che farebbe scoppiare presto la corsa, come la combo Mortirolo-Aprica!

Ho trovato questo articolo risalente a più di un anno fs
http://www.larena.it/territori/garda-ba ... ile_stay=1



Avatar utente
Patate
Messaggi: 2710
Iscritto il: domenica 28 febbraio 2016, 23:23

Re: FantaPercorsi, FantaGT, e chi più ne ha più ne metta

Messaggio da leggere da Patate » giovedì 24 maggio 2018, 19:42

Punta Veleno, Monte Baldo, Fittanze e arrivo all'Arena di Verona dopo una lunghissima discesa :cake:


antani ha scritto:Non so perchè ma ho la sensazione che domani Aru possa arrivare dietro o davanti a Froome, stiamo a vedere sembra facile ma non è difficile

Avatar utente
Tranchée d'Arenberg
Messaggi: 14339
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:50
Località: Falconara Albanese (CS)

Re: Critérium du Dauphiné 2018 (3-10 giugno 2018)

Messaggio da leggere da Tranchée d'Arenberg » martedì 29 maggio 2018, 14:13

nino58 ha scritto:
martedì 29 maggio 2018, 13:36
Trullo ha scritto:
martedì 29 maggio 2018, 13:29
Anche l'Appennino ha abbondanza di terreno per proporre tapponi..
Assolutamente sì, e quei (pochi) fatti lo hanno ampiamente dimostrato.
Poi c'è da dire che sono sempre stati disputati a metà Giro.
Messi alla fine non so che danni procurerebbero.
Tempo fa per gioco ho creato su La Flamme Rouge una tappa di montagna disegnata interamente nella mia zona (solo perchè sono salite che conosco bene) ovvero nella provincia di Cosenza, con ascesa finale a Monte Scuro (Sila). Una tappa di 200 km con 4 salite serie e almeno 4000 metri di dislivello. Allungandola di altri 20-30 km sarebbe un gran tappone.

Peccato che le tappe al centro e al sud sono normalmente affrontate nei primi 10 giorni e sappiamo bene che di solito nella prima metà della corsa tapponi non ce ne sono. Le tappe di montagna solo normalmente con 1-2 salite al massimo, non oltre.

Altrimenti anche sull'Appennino c'è tanto materiale per far venir fuori un tappone serio.


Cobblestone 2012 - 1° Classifica Generale
Cobblestone 2012 - 1° Classifica Classiche
Cobblestone 2013 - 1° Classifica Semiclassiche

FantaCycling Manager 2016 - 1° Classifica (squadre)

Winter
Messaggi: 12480
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Re: Critérium du Dauphiné 2018 (3-10 giugno 2018)

Messaggio da leggere da Winter » martedì 29 maggio 2018, 17:58

Tranchée d'Arenberg ha scritto:
martedì 29 maggio 2018, 14:13
nino58 ha scritto:
martedì 29 maggio 2018, 13:36
Trullo ha scritto:
martedì 29 maggio 2018, 13:29
Anche l'Appennino ha abbondanza di terreno per proporre tapponi..
Assolutamente sì, e quei (pochi) fatti lo hanno ampiamente dimostrato.
Poi c'è da dire che sono sempre stati disputati a metà Giro.
Messi alla fine non so che danni procurerebbero.
Tempo fa per gioco ho creato su La Flamme Rouge una tappa di montagna disegnata interamente nella mia zona (solo perchè sono salite che conosco bene) ovvero nella provincia di Cosenza, con ascesa finale a Monte Scuro (Sila). Una tappa di 200 km con 4 salite serie e almeno 4000 metri di dislivello. Allungandola di altri 20-30 km sarebbe un gran tappone.

Peccato che le tappe al centro e al sud sono normalmente affrontate nei primi 10 giorni e sappiamo bene che di solito nella prima metà della corsa tapponi non ce ne sono. Le tappe di montagna solo normalmente con 1-2 salite al massimo, non oltre.

Altrimenti anche sull'Appennino c'è tanto materiale per far venir fuori un tappone serio.
Son un po' scettico
Non perche' non ci siano percorsi all'altezza (anzi.. con al sud la variabile caldo..)
ma per la lunghezza e i dislivelli delle salite
Ho notato che salite con dislivelli sotto gli 800 metri fanno molta meno differenza di un tempo
e salite di 1000 metri di dislivello (anche 2 o 3 nella stessa tappa) son un po' rare nel sud centro italia
come nelle dolomiti
1000 metri di dislivello son oltre i 40 minuti di sforzo



Avatar utente
Camoscio madonita
Messaggi: 3174
Iscritto il: sabato 11 dicembre 2010, 15:30

Re: Critérium du Dauphiné 2018 (3-10 giugno 2018)

Messaggio da leggere da Camoscio madonita » martedì 29 maggio 2018, 20:22

Winter ha scritto:
martedì 29 maggio 2018, 17:58
Tranchée d'Arenberg ha scritto:
martedì 29 maggio 2018, 14:13
nino58 ha scritto:
martedì 29 maggio 2018, 13:36


Assolutamente sì, e quei (pochi) fatti lo hanno ampiamente dimostrato.
Poi c'è da dire che sono sempre stati disputati a metà Giro.
Messi alla fine non so che danni procurerebbero.
Tempo fa per gioco ho creato su La Flamme Rouge una tappa di montagna disegnata interamente nella mia zona (solo perchè sono salite che conosco bene) ovvero nella provincia di Cosenza, con ascesa finale a Monte Scuro (Sila). Una tappa di 200 km con 4 salite serie e almeno 4000 metri di dislivello. Allungandola di altri 20-30 km sarebbe un gran tappone.

Peccato che le tappe al centro e al sud sono normalmente affrontate nei primi 10 giorni e sappiamo bene che di solito nella prima metà della corsa tapponi non ce ne sono. Le tappe di montagna solo normalmente con 1-2 salite al massimo, non oltre.

Altrimenti anche sull'Appennino c'è tanto materiale per far venir fuori un tappone serio.
Son un po' scettico
Non perche' non ci siano percorsi all'altezza (anzi.. con al sud la variabile caldo..)
ma per la lunghezza e i dislivelli delle salite
Ho notato che salite con dislivelli sotto gli 800 metri fanno molta meno differenza di un tempo
e salite di 1000 metri di dislivello (anche 2 o 3 nella stessa tappa) son un po' rare nel sud centro italia
come nelle dolomiti
1000 metri di dislivello son oltre i 40 minuti di sforzo
chiedo scusa per l'Off Topic
in realtà potrei farti un elenco molto lungo di salite sopra i 1000m di dislivello.

Lo stesso Monte Scuro citato da Tranchèè ha più di 1300 m di dislivello.

Te ne cito solo alcune che mi passano per la mente
Solo in Sicilia:
Piano battaglia +1500 m di dislivello (casa mia)
Portella femmina morte, Portella dell'obolo sui nebrodi
Etna, ben 5 versanti sopra i 1000 m di dislivello
Maielletta, diversi versanti
Gambarie e Monte Scuro in Calabria
San pellegrino in Alpe in toscana
Monte Nerone e Monte Catria nelle Marche
Terminillo e molte altre tra lazio e abruzzo.


Quando ero piccolo mi innamoravo di tutto, ma il primo vero amore non si scorda mai: Merano-Aprica, 5 giugno 1994.

Winter
Messaggi: 12480
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Re: Critérium du Dauphiné 2018 (3-10 giugno 2018)

Messaggio da leggere da Winter » martedì 29 maggio 2018, 20:35

si ma devono starci in 200 km :D
tra Terminillo e le altre quanti km ci sono :uhm:

3 salite con mille metri di dislivello.. nel centro e sud italia.. son stra rare
etna ok.. ma tre volte una stessa salita non mi entusiasma

in piemonte esischie sampeyre agnello.. li fai di seguito
da me zuccore joux saint pantaleon idem



Avatar utente
Patate
Messaggi: 2710
Iscritto il: domenica 28 febbraio 2016, 23:23

Re: Critérium du Dauphiné 2018 (3-10 giugno 2018)

Messaggio da leggere da Patate » martedì 29 maggio 2018, 21:44

Winter ha scritto:
martedì 29 maggio 2018, 20:35
si ma devono starci in 200 km :D
tra Terminillo e le altre quanti km ci sono :uhm:

3 salite con mille metri di dislivello.. nel centro e sud italia.. son stra rare
etna ok.. ma tre volte una stessa salita non mi entusiasma

in piemonte esischie sampeyre agnello.. li fai di seguito
da me zuccore joux saint pantaleon idem
Effettivamente gli incastri folli che permettono le Alpi sono ben più rari sugli Appennini ma le possibilità non mancano: oltre all'Etna altre salite che possono ripetersi da sole (a me non dispiace come idea occasionalmente, tipo la tappa dell'Umbrail) sono il Lanciano/Blockhaus -che sfiora i 2000 di dislivello- e il sottovalutatissimo Monte Amiata (sui 1300 di dislivello).
Anche il Monte Ruggio in Calabria sono sempre 1300 di dislivello ed è circondato da altre salite importanti, ed anche la zona dell'Aspromonte offre decine di salite di quel tenore: quello è forse il terreno più fertile per creare veri e propri tapponi. Certo, non tutte le strade sono perfette, ma Sampeyre e Fauniera sono messi peggio allo stato attuale.
Per non parlare delle combinazioni già sfruttate (San Pellegrino+Abetone con altri colli prima; Catria+Petrano+Nerone), altre con salite poco più brevi ma ugualmente dure (i dintorni di Sestola, il Casentinese, il Pistoiese, il Taburno, Sassotetto sono zone che possono originare tappe ben più dure di Sappada) o di belle salite isolate che meritano comunque (Faito, Madonna di Viggiano, Gelbison, Malaina, Prati di Tivo, Gran Sasso, Penice, Monte Piselli con tanto di sterrato finale)
Insomma, le possibilità ci sono, non a migliaia come le Alpi, ma il terreno per una decina di tapponi da usare a rotazione c'è eccome. I problemi mi paiono più logistici che di mancanza intrinseca di spunti nel territorio

(OT un po' lunghino da parte mia :D )


antani ha scritto:Non so perchè ma ho la sensazione che domani Aru possa arrivare dietro o davanti a Froome, stiamo a vedere sembra facile ma non è difficile

jumbo
Messaggi: 4097
Iscritto il: sabato 1 ottobre 2011, 10:42

Re: Critérium du Dauphiné 2018 (3-10 giugno 2018)

Messaggio da leggere da jumbo » martedì 29 maggio 2018, 21:57

Nella tappa dell'Umbrail non hanno fatto salite due volte.

C'è anche la zona dell'Appennino ligure e tosco emiliano con salite di un certo spessore, poco usate dal Giro.
Ad esempio nel parmense.



Avatar utente
Patate
Messaggi: 2710
Iscritto il: domenica 28 febbraio 2016, 23:23

Re: Critérium du Dauphiné 2018 (3-10 giugno 2018)

Messaggio da leggere da Patate » martedì 29 maggio 2018, 22:06

jumbo ha scritto:
martedì 29 maggio 2018, 21:57
Nella tappa dell'Umbrail non hanno fatto salite due volte.

C'è anche la zona dell'Appennino ligure e tosco emiliano con salite di un certo spessore, poco usate dal Giro.
Ad esempio nel parmense.
Intendevo l'usare lo stesso monte/passo -non so la terminologia :D - da versanti differenti come potrebbe accadere con Amiata e come è già successo con l'Etna


antani ha scritto:Non so perchè ma ho la sensazione che domani Aru possa arrivare dietro o davanti a Froome, stiamo a vedere sembra facile ma non è difficile

Bomby
Messaggi: 875
Iscritto il: martedì 17 giugno 2014, 20:23

Re: Critérium du Dauphiné 2018 (3-10 giugno 2018)

Messaggio da leggere da Bomby » martedì 29 maggio 2018, 23:19

Proseguo OT: nell'Appennino ci sono vaste aree con salite sottoutilizzate. Nell'Appennino Modenese non c'è solo il Passo del Lupo, ma c'è molta roba nei paraggi (buona parte delle salite visibili su La Flamme Rouge le ho caricate io, non tutte). Aggiungo anche il Passo della Croce Arcana, la strada sterrata in cima dovrebbe essere rimessa a posto e c'è un tratto di discesa su sterrato che forse andrebbe asfaltato, ma il fondo non mi pare peggiore del Finestre ed è abbastanza vicina all'Abetone o ad altre salite della zona.
Ci sono poi tutte le salite e salitelle degli appennini romagnoli: zone che pullulano di appassionati (pubblico) e possibilità di realizzare tappe con dislivelli da tapponi alpini.
Il Monte Amiata offre almeno 3 versanti che possono essere fatti in una stessa tappa prendendone solo un quarto da fare in discesa (e da ripetere) e salendo da tutti gli altri, tutti più o meno duri. Oltretutto si potrebbe anticipare la scalata con tratti di strada bianca, giusto per scompigliare le carte.
Per dire, c'è anche la zona di San Remo che si presta: altro che Poggio o Pompeiana, salite di prima categoria in zone diversamente battute.

Insomma, spero che un'occhiata quelli di RCS alla mappa delle salite di LFR ce la buttino e ci giochino un po'. Si trovano moltissimi spunti diversi dalle solite salite che si vedono. In un giro almeno se non più di una tra Mortirolo, Zoncolan, Stelvio, Finestre, Tre Cime/qualsiasi altra salita dolomitica ci deve assere, ma sarebbe bene variare anche il menu, assistiti dagli enti locali, magari suggerendo. E' noto che gli uffici turismo non si accorgano sempre di quello che hanno intorno e quindi, per esempio, a Sanremo propongono sempre l'arrivo in volata o a crono: ma fai vedere che intorno hai anche delle salite, porti turisti a spendere anche alle località dell'entroterra, ma buona parte di costoro prenderanno alloggio in città.



Avatar utente
Tranchée d'Arenberg
Messaggi: 14339
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:50
Località: Falconara Albanese (CS)

Re: Critérium du Dauphiné 2018 (3-10 giugno 2018)

Messaggio da leggere da Tranchée d'Arenberg » mercoledì 30 maggio 2018, 12:21

Winter ha scritto:
martedì 29 maggio 2018, 20:35
si ma devono starci in 200 km :D
tra Terminillo e le altre quanti km ci sono :uhm:

3 salite con mille metri di dislivello.. nel centro e sud italia.. son stra rare
etna ok.. ma tre volte una stessa salita non mi entusiasma

in piemonte esischie sampeyre agnello.. li fai di seguito
da me zuccore joux saint pantaleon idem
La tappa che ho 'disegnato' io e che ha generato questo mega-OT, prevede 4 salite. 3 delle quali hanno la cima a circa 1000 metri, partendo però da un'altitudine in 2 casi su 3 pari a quella del mare, quindi il dislivello si aggira proprio intorno ai 1000 m. La quarta salita che proponevo, quella che porta a Monte Scuro, supera i 1000 m di dislivello giungendo ad circa 1500 metri di altitudine.

Adesso non vorrei alimentare ancora l'OT. Magari ne parliamo in un apposido thread (uno nuovo?). Nel frattempo appena posso ti mando l'altimetria per vedere che ne pensi ;)


Cobblestone 2012 - 1° Classifica Generale
Cobblestone 2012 - 1° Classifica Classiche
Cobblestone 2013 - 1° Classifica Semiclassiche

FantaCycling Manager 2016 - 1° Classifica (squadre)

Trullo
Messaggi: 147
Iscritto il: martedì 23 maggio 2017, 12:26

Re: Critérium du Dauphiné 2018 (3-10 giugno 2018)

Messaggio da leggere da Trullo » mercoledì 30 maggio 2018, 15:02

Tranchée d'Arenberg ha scritto:
mercoledì 30 maggio 2018, 12:21
Winter ha scritto:
martedì 29 maggio 2018, 20:35
si ma devono starci in 200 km :D
tra Terminillo e le altre quanti km ci sono :uhm:

3 salite con mille metri di dislivello.. nel centro e sud italia.. son stra rare
etna ok.. ma tre volte una stessa salita non mi entusiasma

in piemonte esischie sampeyre agnello.. li fai di seguito
da me zuccore joux saint pantaleon idem
La tappa che ho 'disegnato' io e che ha generato questo mega-OT, prevede 4 salite. 3 delle quali hanno la cima a circa 1000 metri, partendo però da un'altitudine in 2 casi su 3 pari a quella del mare, quindi il dislivello si aggira proprio intorno ai 1000 m. La quarta salita che proponevo, quella che porta a Monte Scuro, supera i 1000 m di dislivello giungendo ad circa 1500 metri di altitudine.

Adesso non vorrei alimentare ancora l'OT. Magari ne parliamo in un apposido thread (uno nuovo?). Nel frattempo appena posso ti mando l'altimetria per vedere che ne pensi ;)
Abbiamo un topic apposta per le "fantatappe". Comunque per esempio per l'Etna puoi fare il rifugio Mareneve poi uno dei tre versanti del rifugio oSapienza, scendere dal secondo e risalire dal terzo. Su Terminillo e appennino abruzzese ci si può sbizzarrire volendo. E il limite del 200 km nel caso di tapponi si sposta a 230-250

Poi va da se che una corsa "di preparazione "come il Delfinato o il Trentino cerchi di limitare i chilometri per mantenere fede appunto al suo scopo e non fare arrivare i protagonisti "distrutti" all'appuntamento principale. Viceversa un grande giro può e deve avere varietà di percorsi per le tappe di montagna, con varietà sia sul chilometraggio sia sull'altimetria (tappa pianeggiante con unica salita finale, tappa con molte salite e arrivo in salita con salita più dura alla fine, tappa con molte salite e arrivo in salita con salita più dura a 70-80 km dalla fine, tappa con molte salite e arrivo in discesa o pianura...)



pereiro2982
Messaggi: 1506
Iscritto il: lunedì 16 maggio 2016, 15:18

Re: FantaPercorsi, FantaGT, e chi più ne ha più ne metta

Messaggio da leggere da pereiro2982 » venerdì 1 giugno 2018, 14:40

scusate qualcuno conosce siti dove si possono trovare altmetrie e planimetrie di vecchi percorsi delle corse a tappe?



Avatar utente
Fabian von Paterberg
Messaggi: 907
Iscritto il: martedì 9 agosto 2016, 14:29
Località: Passo dei 3 termini

Re: FantaPercorsi, FantaGT, e chi più ne ha più ne metta

Messaggio da leggere da Fabian von Paterberg » venerdì 1 giugno 2018, 15:10

pereiro2982 ha scritto:
venerdì 1 giugno 2018, 14:40
scusate qualcuno conosce siti dove si possono trovare altmetrie e planimetrie di vecchi percorsi delle corse a tappe?
Dal nostro Mauro Facoltosi http://www.ilciclismo.it/2009/ subito sotto alla home trovi la sezione "atimetrie storiche gt"

edit: non lo consultavo da un po' e ora vedo che non mi trova molte pagine, prova a chiedere a Mauro direttamente


Questa è stata la battaglia più grande della mia carriera. C.Froome, May 26th, 2018
2016 argento ITT Doha
2017 Tour de France a tempo

Trullo
Messaggi: 147
Iscritto il: martedì 23 maggio 2017, 12:26

Re: FantaPercorsi, FantaGT, e chi più ne ha più ne metta

Messaggio da leggere da Trullo » mercoledì 6 giugno 2018, 17:31




Avatar utente
udra
Messaggi: 5126
Iscritto il: mercoledì 1 ottobre 2014, 11:29

Re: FantaPercorsi, FantaGT, e chi più ne ha più ne metta

Messaggio da leggere da udra » sabato 9 giugno 2018, 11:20

Si parla di Cuneo Pinerolo per il Giro 2019, quindi dato che la versione preistorica partorirebbe uno spettacolo indegno in ricordo dell'Airone dobbiamo dare una mano a Maurone Vegni per realizzare una rivisitazione contemporanea decente :D :D .
Io ne avevo realizzata una tempo fa: https://www.la-flamme-rouge.eu/maps/viewtrack/57641. Posso dire di essere stato il primo a sdoganare l'idea del Finestre lontano dal traguardo :D .



pereiro2982
Messaggi: 1506
Iscritto il: lunedì 16 maggio 2016, 15:18

Re: FantaPercorsi, FantaGT, e chi più ne ha più ne metta

Messaggio da leggere da pereiro2982 » giovedì 14 giugno 2018, 11:08

https://www.la-flamme-rouge.eu/maps/viewtrack/224925


https://www.la-flamme-rouge.eu/maps/viewtrack/224627



mi chiedevo ma come mai il tour snobba queste zone?

da quant'è che non si passa da queste parti?
sempre che non siano salite inedite, sarebbe un peccato vista la pecca della monotonia nei percorsi del tour de france .



Avatar utente
Patate
Messaggi: 2710
Iscritto il: domenica 28 febbraio 2016, 23:23

Re: FantaPercorsi, FantaGT, e chi più ne ha più ne metta

Messaggio da leggere da Patate » giovedì 14 giugno 2018, 11:19

pereiro2982 ha scritto:
giovedì 14 giugno 2018, 11:08

mi chiedevo ma come mai il tour snobba queste zone?

da quant'è che non si passa da queste parti?
sempre che non siano salite inedite, sarebbe un peccato vista la pecca della monotonia nei percorsi del tour de france .
Per me principalmente per un problema di discese, strettissime e pendenti.
Anche perché di centri importanti (e che paghino) per un arrivo non è che ce ne siano molti, mi vengono in mente Bayonne, Pamplona e LPSM ma sono molto lontani.
Gli unici che hanno discese fattibili dovrebbero essere Burdincurutcheta, Bagargui (che mi pare siano comparsi, lontanissimi, in una tappa di Pau degli anni 80) e il Port de Larrau che potrebbe anche ospitare un arrivo di tappa


antani ha scritto:Non so perchè ma ho la sensazione che domani Aru possa arrivare dietro o davanti a Froome, stiamo a vedere sembra facile ma non è difficile

pereiro2982
Messaggi: 1506
Iscritto il: lunedì 16 maggio 2016, 15:18

Re: FantaPercorsi, FantaGT, e chi più ne ha più ne metta

Messaggio da leggere da pereiro2982 » giovedì 14 giugno 2018, 11:33

Patate ha scritto:
giovedì 14 giugno 2018, 11:19
pereiro2982 ha scritto:
giovedì 14 giugno 2018, 11:08

mi chiedevo ma come mai il tour snobba queste zone?

da quant'è che non si passa da queste parti?
sempre che non siano salite inedite, sarebbe un peccato vista la pecca della monotonia nei percorsi del tour de france .
Per me principalmente per un problema di discese, strettissime e pendenti.
Anche perché di centri importanti (e che paghino) per un arrivo non è che ce ne siano molti, mi vengono in mente Bayonne, Pamplona e LPSM ma sono molto lontani.
Gli unici che hanno discese fattibili dovrebbero essere Burdincurutcheta, Bagargui (che mi pare siano comparsi, lontanissimi, in una tappa di Pau degli anni 80) e il Port de Larrau che potrebbe anche ospitare un arrivo di tappa



un vero peccato, ma quindi il tour non c'è mai passato nella sua storia?



Avatar utente
Patate
Messaggi: 2710
Iscritto il: domenica 28 febbraio 2016, 23:23

Re: FantaPercorsi, FantaGT, e chi più ne ha più ne metta

Messaggio da leggere da Patate » giovedì 14 giugno 2018, 12:16

pereiro2982 ha scritto:
giovedì 14 giugno 2018, 11:33

un vero peccato, ma quindi il tour non c'è mai passato nella sua storia?
Credo solo su Bagargui e Burdincurutcheta, ma mai in posizioni strategiche
Immagine
(tour 2003)


antani ha scritto:Non so perchè ma ho la sensazione che domani Aru possa arrivare dietro o davanti a Froome, stiamo a vedere sembra facile ma non è difficile

pereiro2982
Messaggi: 1506
Iscritto il: lunedì 16 maggio 2016, 15:18

Re: FantaPercorsi, FantaGT, e chi più ne ha più ne metta

Messaggio da leggere da pereiro2982 » venerdì 15 giugno 2018, 0:50

Patate ha scritto:
giovedì 14 giugno 2018, 12:16
pereiro2982 ha scritto:
giovedì 14 giugno 2018, 11:33

un vero peccato, ma quindi il tour non c'è mai passato nella sua storia?
Credo solo su Bagargui e Burdincurutcheta, ma mai in posizioni strategiche
Immagine
(tour 2003)
tappa del 1986 Bayonne - Pau, 217.5 km con Burdincurutcheta, Bargargui, Ichère, Marie-Blanque
ed 1987 stessa tappa con Burdincurutcheta, Bargargui, Soudet, Marie-Blanque
grazie per la curiosità



Avatar utente
Maìno della Spinetta
Messaggi: 4910
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 15:53

Re: FantaPercorsi, FantaGT, e chi più ne ha più ne metta

Messaggio da leggere da Maìno della Spinetta » venerdì 15 giugno 2018, 4:10

Ero sicuro di una tappa negli anni 80, invece son due - si potrebbe arrivare dall'atlantico e finire al Soudet/la pierre saint martin, dove si scia, così li si userebbe bene. Se no i passi baschi francesi collegano paesoni... Poco appeal.

Edit, tappa 86
Immagine

Sito spagnolo con tutte le tappe fatte al tour e possibili percorsi
https://www.39x28altimetrias.com/eldesa ... varro.html


“Our interest’s on the dangerous edge of things.
The honest thief, the tender murderer, the superstitious atheist”.

Avatar utente
Patate
Messaggi: 2710
Iscritto il: domenica 28 febbraio 2016, 23:23

Re: FantaPercorsi, FantaGT, e chi più ne ha più ne metta

Messaggio da leggere da Patate » giovedì 12 luglio 2018, 10:58

Dato che è periodo di Tour, due tapponi con salite già note ma combinazioni inedite:
megeve.png
megeve.png (414.9 KiB) Visto 164 volte
Partenza in Italia con il lungo e pedalabile San Bernardo prima della coppia Roselend+Bisanne. Ultimi 35 km tra discesa e facile salita finale all'aeroporto di Megève, a mò di Aprica
portillon.png
portillon.png (367.85 KiB) Visto 164 volte
Un misto tra le tappe di Bagnères e Sappada di quest'anno: la salita ad Arres è molto simile al lato duro del Portillon per pendenze ed è stata recentemente asfaltata
(Il Tourmalet è evidentemente di troppo :diavoletto: )

lolpe-dhuez.png
lolpe-dhuez.png (419.36 KiB) Visto 164 volte
Partenza ed arrivo a Huez.
A parte la sadica esagerazione di Galibier e Glandon :D mi chiedo perché non si sia mai provata la combinazione Alpe d'Huez - Sarenne - Deux Alpes che per me potrebbe garantire un bello spettacolo


antani ha scritto:Non so perchè ma ho la sensazione che domani Aru possa arrivare dietro o davanti a Froome, stiamo a vedere sembra facile ma non è difficile

andrea82
Messaggi: 378
Iscritto il: martedì 14 dicembre 2010, 21:00
Località: Colico (Lecco)

Re: FantaPercorsi, FantaGT, e chi più ne ha più ne metta

Messaggio da leggere da andrea82 » sabato 14 luglio 2018, 10:33

Scusatemi, sto provando a creare un fantagiro ma non mi disegna più i profili altimetrici, cliccando su disegna profilo non succede niente. Qualcuno può aiutarmi? grazie




Rispondi