Critérium du Dauphiné 2017 (4 - 11 giugno)

Il mondo dei professionisti tra gare e complessità, e più in generale l'approccio al ciclismo di ogni appassionato

Re: Critérium du Dauphiné 2017 (4 - 11 giugno)

UNREAD_POSTdi lemond » lunedì 12 giugno 2017, 7:35

barrylyndon ha scritto: ...e prenditi un po' meno sul serio.. se vuoi un consiglio

Ma scusa Barry, se non si prende lui sul serio, chi rimane? ;)
Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì ;)

http://www.youtube.com/watch?v=vK-gCpOSSr8
Avatar utente
lemond
 
Messaggi: 7178
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:52
Località: Empoli

Re: Critérium du Dauphiné 2017 (4 - 11 giugno)

UNREAD_POSTdi lemond » lunedì 12 giugno 2017, 7:39

quasar ha scritto:
Niи ha scritto:Porte ha perso per "colpa" della Sky più che per merito dell'Astana

Una volta cade, un'altra fora, un'altra ancora prende la ruota dall'uomo sbagliato, un giorno cade 100m prima del cartello dei 3km e non becca la neutralizzazione, mentre scatta in montagna tampona la moto e si ribalta, la squadra lo abbandona al proprio destino, ora è colpa della Sky, oibò pure di Froome che dall'alto del suo minuto di ritardo in classifica avrebbe dovuto portare in carrozza, tirare e far riposare il leader della generale.
È mai possibile che capitino tutte a lui?
Troppo banale pensare che abbia dei limiti in certe tipologie di corse...


Ieri l'unico limite che ha mostrato è stata la squadra e, secondo me, quasar voleva dire che ha perso *a causa della sky* non per colpa. Ma i due termini, pur non essendo sinonimi in italiano parlato talvolta si usano luno per l'altro.
Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì ;)

http://www.youtube.com/watch?v=vK-gCpOSSr8
Avatar utente
lemond
 
Messaggi: 7178
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:52
Località: Empoli

Re: Critérium du Dauphiné 2017 (4 - 11 giugno)

UNREAD_POSTdi chinaski89 » lunedì 12 giugno 2017, 7:50

lemond ha scritto:
quasar ha scritto:
Niи ha scritto:Porte ha perso per "colpa" della Sky più che per merito dell'Astana

Una volta cade, un'altra fora, un'altra ancora prende la ruota dall'uomo sbagliato, un giorno cade 100m prima del cartello dei 3km e non becca la neutralizzazione, mentre scatta in montagna tampona la moto e si ribalta, la squadra lo abbandona al proprio destino, ora è colpa della Sky, oibò pure di Froome che dall'alto del suo minuto di ritardo in classifica avrebbe dovuto portare in carrozza, tirare e far riposare il leader della generale.
È mai possibile che capitino tutte a lui?
Troppo banale pensare che abbia dei limiti in certe tipologie di corse...


Ieri l'unico limite che ha mostrato è stata la squadra e, secondo me, quasar voleva dire che ha perso *a causa della sky* non per colpa. Ma i due termini, pur non essendo sinonimi in italiano parlato talvolta si usano luno per l'altro.


Non vorrei avviare catastrofi metereologiche ma concordo in toto con lemond :cincin:
beppesaronni ha scritto: Non ricordo un solo gt in cui conty, che non era il più forte ma nemmeno il secondo, abbia anche solo provato (non dico che ci sia riuscito. Provato!!!!)


lemond ha scritto: Sagan è il più grande, ma non un gran vincente.
Avatar utente
chinaski89
 
Messaggi: 1582
Iscritto il: sabato 13 giugno 2015, 15:51

Re: Critérium du Dauphiné 2017 (4 - 11 giugno)

UNREAD_POSTdi il_panta » lunedì 12 giugno 2017, 7:58

Ha anche sbagliato a sfilarsi dal gruppetto sulla Colombiere, a dirla tutta. Atleticamente fortissimo, strategicamente non perfetto, ma era nella peggior posizione possibile: squadra nulla, e avversari disinteressati al piazzamento. Questa sconfitta in vista tour fa bene, è tutta esperienza.
Riguardo alle forature, alle moto, alle cadute che se capitano 100 metri dopo sono neutralizzate, beh se non è sfortuna questa non so che dire; forse doveva staccarsi come ha fatto Quintana per evitar la moto?
A me pare che in questo forum chiunque prepari un grande giro da capitano sia smontato a priori, se non ne ha vinti almeno un paio. Poco contano le prestazioni di quest'anno e la tenuta dello scorso anno. Dovesse arrivare in giallo sui campi Elisi e perdere perché fora sette volte, il prossimo anno si dirà: "ho dubbi su Porte, ha 32 anni e non ha nemmeno un podio in passato, le tre settimane non le regge".
E io non penso nè che sia stato esente da colpe ieri (fortissimo sì), nè che sia il favorito. I miei dubbi principali riguardano le energie spese in questa prima parte di stagione. Ma come per Dumoulin al giro, forza Richie! E forza Quintana, ovviamente.
il_panta
 
Messaggi: 759
Iscritto il: lunedì 21 maggio 2012, 12:39

Re: Critérium du Dauphiné 2017 (4 - 11 giugno)

UNREAD_POSTdi nino58 » lunedì 12 giugno 2017, 8:23

il_panta ha scritto:Ha anche sbagliato a sfilarsi dal gruppetto sulla Colombiere, a dirla tutta. Atleticamente fortissimo, strategicamente non perfetto, ma era nella peggior posizione possibile: squadra nulla, e avversari disinteressati al piazzamento. Questa sconfitta in vista tour fa bene, è tutta esperienza.
Riguardo alle forature, alle moto, alle cadute che se capitano 100 metri dopo sono neutralizzate, beh se non è sfortuna questa non so che dire; forse doveva staccarsi come ha fatto Quintana per evitar la moto?
A me pare che in questo forum chiunque prepari un grande giro da capitano sia smontato a priori, se non ne ha vinti almeno un paio. Poco contano le prestazioni di quest'anno e la tenuta dello scorso anno. Dovesse arrivare in giallo sui campi Elisi e perdere perché fora sette volte, il prossimo anno si dirà: "ho dubbi su Porte, ha 32 anni e non ha nemmeno un podio in passato, le tre settimane non le regge".
E io non penso nè che sia stato esente da colpe ieri (fortissimo sì), nè che sia il favorito. I miei dubbi principali riguardano le energie spese in questa prima parte di stagione. Ma come per Dumoulin al giro, forza Richie! E forza Quintana, ovviamente.


La differenza con Dumoulin è anagrafica, e conta.
Dumoulin il GT l'ha portato a casa a ventisette anni con un quasi-podio a venticinque.
Porte a venticinque aveva in mano un jolly clamoroso (tappa dell'Aquila con vantaggio stratosferico) ma, purtroppo per lui, non sfruttato.
Son piccole cose, è vero, però ...
Speriamo in Quintana, suvvia.
Von Rock ? Nein, danke.
Diritto di correre senza condizioni a chi ha scontato una squalifica !!!
Avatar utente
nino58
 
Messaggi: 6701
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 14:38

Re: Critérium du Dauphiné 2017 (4 - 11 giugno)

UNREAD_POSTdi Salvatore77 » lunedì 12 giugno 2017, 8:51

Non è stata una tappa facile per Porte. Tutti contro di lui che era il leader, rimasto senza squadra ha fatto il possibile. lo avevano messo nel sacco eppure ha perso per un'inezia. Al tour si correrà in maniera diversa e per strada troverà piu corridori che lavoreranno indirettamente per lui per salvare il piazzamento, in situazioni simili.
Ammesso che i valori restano questi e si creeranno situazioni simili, ma poco ci credo.
Al delfinato è andato più forte di tutti.
Salvatore77
 
Messaggi: 2799
Iscritto il: domenica 9 gennaio 2011, 19:14

Re: Critérium du Dauphiné 2017 (4 - 11 giugno)

UNREAD_POSTdi lemond » lunedì 12 giugno 2017, 9:00

Salvatore77 ha scritto:Al delfinato è andato più forte di tutti.
Parole che qualcuno definirebbe *sante* io dico invece *atee*, ma il significato è lo stesso. :) Però non facciamolo sapere a El Condor. :D
Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì ;)

http://www.youtube.com/watch?v=vK-gCpOSSr8
Avatar utente
lemond
 
Messaggi: 7178
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:52
Località: Empoli

Re: Critérium du Dauphiné 2017 (4 - 11 giugno)

UNREAD_POSTdi marco_graz » lunedì 12 giugno 2017, 9:06

Raga secondo me su Fuglsang qualcuno sta esagerando, andiamoci piano che non ha mai fatto il fenomeno e potrebbe semplicemente aver mantenuto alta la forma dopo il giro dove stava gia' facendo bene ma mica stava andando alla grande (cioe' magari andava alla grande per i suoi standard ma ce ne passa).

Anche solo a darlo capitano Astana per il tour secondo me ce ne vuole, al massimo si terra' nelle zone alte. Tutto poi dipende se Aru riesce a crescere da qui al tour o meno.
marco_graz
 
Messaggi: 119
Iscritto il: giovedì 6 ottobre 2016, 15:26

Re: Critérium du Dauphiné 2017 (4 - 11 giugno)

UNREAD_POSTdi nino58 » lunedì 12 giugno 2017, 9:10

marco_graz ha scritto:
Raga secondo me su Fuglsang qualcuno sta esagerando, andiamoci piano che non ha mai fatto il fenomeno e potrebbe semplicemente aver mantenuto alta la forma dopo il giro dove stava gia' facendo bene ma mica stava andando alla grande (cioe' magari andava alla grande per i suoi standard ma ce ne passa).



Quale Giro ?
Von Rock ? Nein, danke.
Diritto di correre senza condizioni a chi ha scontato una squalifica !!!
Avatar utente
nino58
 
Messaggi: 6701
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 14:38

Re: Critérium du Dauphiné 2017 (4 - 11 giugno)

UNREAD_POSTdi marco_graz » lunedì 12 giugno 2017, 9:18

nino58 ha scritto:
marco_graz ha scritto:
Raga secondo me su Fuglsang qualcuno sta esagerando, andiamoci piano che non ha mai fatto il fenomeno e potrebbe semplicemente aver mantenuto alta la forma dopo il giro dove stava gia' facendo bene ma mica stava andando alla grande (cioe' magari andava alla grande per i suoi standard ma ce ne passa).



Quale Giro ?

Scusa, ho avuto un abbaglio, devo averlo scambiato con Kangert, non so perche' ho fatto questa associazione :hammer: :hammer: :hammer: :hammer:

Cmq il senso del commento non cambia visto che nei grandi giri ha un 7mo al Tour come migliore risultato 4 anni fa, va forte ora, ma da qui a 3 settimane (e tenere per tre settimane) ce ne passa.
marco_graz
 
Messaggi: 119
Iscritto il: giovedì 6 ottobre 2016, 15:26

Re: Critérium du Dauphiné 2017 (4 - 11 giugno)

UNREAD_POSTdi Tranchée d'Arenberg » lunedì 12 giugno 2017, 10:32

il_panta ha scritto:A me pare che in questo forum chiunque prepari un grande giro da capitano sia smontato a priori, se non ne ha vinti almeno un paio. Poco contano le prestazioni di quest'anno e la tenuta dello scorso anno. Dovesse arrivare in giallo sui campi Elisi e perdere perché fora sette volte, il prossimo anno si dirà: "ho dubbi su Porte, ha 32 anni e non ha nemmeno un podio in passato, le tre settimane non le regge".


No, non è così. Discorsi del genere non li hai sentiti a proposito di un Pinot, di Quintana e neanche di Adam Yates, ad esempio. Eppure anche loro sono passati prof senza avere nel palmares un podio al Tour :D Il motivo è semplice: questi sono corridori che andavano forte già da under, sono passati professionisti con aspettative importanti, mantenendole sin da giovanissimi anche tra i grandi.
Anche per Dumoulin - nonostante qualche perplessità di alcuni - questi discorsi non sono stati fatti, perchè 2 anni fa sfiorò la Vuelta senza neanche averla preparata più di tanto. E infatti ha vinto un Giro a 27 anni...

Tutto sto scetticismo che c'è attorno a Porte non è dovuto all'antipatia verso il ragazzo (a me sta pure simpatico il tipo), bensì è il frutto di valutazioni basate sulla sua carriera. La storia ci racconta che Richie, all'età di 32 anni compiuti, non ha ancora assaggiato il sapore di un podio in un GT. Sarà che è passato un pò tardi tra i prof, sarà che poi ha fatto da gregario perchè correva in Sky, sarà che ha avuto pure le sue sfortune, però ad un certo punto bisogna pure fari i conti con i dati di fatto: ad oggi Porte ha come migliori risultati nei GT il 5° posto al Tour del 2016 (in cui ha potuto beneficiare del lungo no-contest tra gli uomini di classifica) e il 7° al Giro del 2010 (grazie alla fuga bidone nella famosa tappa de l'Aquila).
Scendendo un pò più nel particolare, l'aspetto che rende ancora più scettici è il fatto che, fatta eccezione per il 2016, Porte ha sempre avuto almeno una giornata di grande difficoltà, una di quelle giornate che ti precludono la corsa per la vittoria.
Alla luce di queste considerazioni, nutrire del scetticismo nei suoi confronti, non mi sembra così strano.

Le prestazioni di quest'anno o degli scorsi anni nelle corse di una settimana, a mio modo di vedere contano poco, pochissimo. E' cosa arcinota che le 3 settimane siano un'altro sport, altrimenti ci toccherebbe mettere tra i possibili favoriti per il Tour anche Ion Izagirre.
Cobblestone 2012 - 1° Classifica Generale
Cobblestone 2012 - 1° Classifica Classiche
Cobblestone 2013 - 1° Classifica Semiclassiche

FantaCycling Manager 2016 - 1° Classifica (squadre)
Avatar utente
Tranchée d'Arenberg
 
Messaggi: 11543
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:50
Località: Falconara Albanese (CS)

Re: Critérium du Dauphiné 2017 (4 - 11 giugno)

UNREAD_POSTdi Break point » lunedì 12 giugno 2017, 10:45

Comunque ieri abbastanza inaspettatamente si è sciolta la BMC , c'erano corridori avrebbero dovuto fare di più , Bookwalter, Roche e soprattutto Hermans , non è proprio corretto dire che Porte era "senza squadra". Al tour la BMC sarà un buon team , certo nella a che vedere con la Sky fortmato tour che è qualcosa di impressionante. Però questo tour , almeno alla viglia , sembra molto più aperto ripetto l'ultimo,la forza della Sky non si discute ma Froome almeno fino ad oggi non sembra lo stesso , frulla più in discesa che in salita :D ieri la superiorità di Porte in questo delfinato è stata netta, ai piedi dell' ultima salita sarebbe stata una cronoscolata Porte vs Froome, con la differenza che Richie ha tirato pure in pianura, nonostante ciò gli ha ripreso 1'. Porte di ieri e di questo inizio stagione merita solo :clap: :clap: poi siamo tutti ad aspettare il giorno di crisi nelle tre settimane, ma se come l'anno scorso non ce l'ha , Richie potrebbe davvero portarsi a casa il Tour, e sotto sotto un pò ci inizio a sperare :hippy:
Break point
 
Messaggi: 404
Iscritto il: domenica 31 luglio 2016, 14:06

Re: Critérium du Dauphiné 2017 (4 - 11 giugno)

UNREAD_POSTdi lemond » lunedì 12 giugno 2017, 12:38

Volevo dire qualcosa sull'amico Jacob (del Magro). Per me deve ringraziare Aru che gli ha permesso di correre senza il peso di essere capitano designato. Penso che lui li senta parecchio i gradi. E' ovvio che mi posso sbagliare, ma la sensazione è questa. ;)
Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì ;)

http://www.youtube.com/watch?v=vK-gCpOSSr8
Avatar utente
lemond
 
Messaggi: 7178
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:52
Località: Empoli

Re: Critérium du Dauphiné 2017 (4 - 11 giugno)

UNREAD_POSTdi Fabruz » lunedì 12 giugno 2017, 12:44

Break point ha scritto:Comunque ieri abbastanza inaspettatamente si è sciolta la BMC , c'erano corridori avrebbero dovuto fare di più , Bookwalter, Roche e soprattutto Hermans , non è proprio corretto dire che Porte era "senza squadra". Al tour la BMC sarà un buon team , certo nella a che vedere con la Sky fortmato tour che è qualcosa di impressionante. Però questo tour , almeno alla viglia , sembra molto più aperto ripetto l'ultimo,la forza della Sky non si discute ma Froome almeno fino ad oggi non sembra lo stesso , frulla più in discesa che in salita :D ieri la superiorità di Porte in questo delfinato è stata netta, ai piedi dell' ultima salita sarebbe stata una cronoscolata Porte vs Froome, con la differenza che Richie ha tirato pure in pianura, nonostante ciò gli ha ripreso 1'. Porte di ieri e di questo inizio stagione merita solo :clap: :clap: poi siamo tutti ad aspettare il giorno di crisi nelle tre settimane, ma se come l'anno scorso non ce l'ha , Richie potrebbe davvero portarsi a casa il Tour, e sotto sotto un pò ci inizio a sperare :hippy:


Comunque il piccolo cedimento, sia pure momentaneo (ma decisivo), Porte l'ha avuto, e precisamente quando Froome è scattato di rapportone e non è riuscito a seguirlo
Fabruz
 
Messaggi: 1177
Iscritto il: martedì 28 gennaio 2014, 9:26

Re: Critérium du Dauphiné 2017 (4 - 11 giugno)

UNREAD_POSTdi il_panta » lunedì 12 giugno 2017, 13:12

Tranchée d'Arenberg ha scritto:
il_panta ha scritto:A me pare che in questo forum chiunque prepari un grande giro da capitano sia smontato a priori, se non ne ha vinti almeno un paio. Poco contano le prestazioni di quest'anno e la tenuta dello scorso anno. Dovesse arrivare in giallo sui campi Elisi e perdere perché fora sette volte, il prossimo anno si dirà: "ho dubbi su Porte, ha 32 anni e non ha nemmeno un podio in passato, le tre settimane non le regge".


No, non è così. Discorsi del genere non li hai sentiti a proposito di un Pinot, di Quintana e neanche di Adam Yates, ad esempio. Eppure anche loro sono passati prof senza avere nel palmares un podio al Tour :D Il motivo è semplice: questi sono corridori che andavano forte già da under, sono passati professionisti con aspettative importanti, mantenendole sin da giovanissimi anche tra i grandi.
Anche per Dumoulin - nonostante qualche perplessità di alcuni - questi discorsi non sono stati fatti, perchè 2 anni fa sfiorò la Vuelta senza neanche averla preparata più di tanto. E infatti ha vinto un Giro a 27 anni...

Tutto sto scetticismo che c'è attorno a Porte non è dovuto all'antipatia verso il ragazzo (a me sta pure simpatico il tipo), bensì è il frutto di valutazioni basate sulla sua carriera. La storia ci racconta che Richie, all'età di 32 anni compiuti, non ha ancora assaggiato il sapore di un podio in un GT. Sarà che è passato un pò tardi tra i prof, sarà che poi ha fatto da gregario perchè correva in Sky, sarà che ha avuto pure le sue sfortune, però ad un certo punto bisogna pure fari i conti con i dati di fatto: ad oggi Porte ha come migliori risultati nei GT il 5° posto al Tour del 2016 (in cui ha potuto beneficiare del lungo no-contest tra gli uomini di classifica) e il 7° al Giro del 2010 (grazie alla fuga bidone nella famosa tappa de l'Aquila).
Scendendo un pò più nel particolare, l'aspetto che rende ancora più scettici è il fatto che, fatta eccezione per il 2016, Porte ha sempre avuto almeno una giornata di grande difficoltà, una di quelle giornate che ti precludono la corsa per la vittoria.
Alla luce di queste considerazioni, nutrire del scetticismo nei suoi confronti, non mi sembra così strano.

Le prestazioni di quest'anno o degli scorsi anni nelle corse di una settimana, a mio modo di vedere contano poco, pochissimo. E' cosa arcinota che le 3 settimane siano un'altro sport, altrimenti ci toccherebbe mettere tra i possibili favoriti per il Tour anche Ion Izagirre.


Può darsi tu abbia ragione, e i paragoni che hai fatto con gli altri nome hanno pienamente senso.
Riguardo all'età, faccio mia la risposta di Castelli nel thread su Froome. 32 anni non sono tanti in senso assoluto. Porte a 25, nel giro 2010, era un ciclista ancora acerbo. Poi ha fatto il gregario, con i suoi passaggi a vuoto, ma è diverso preparasi da gregario e da capitano. Ho una scarsa memoria, e non ricordo come saltò al giro che corse da capitano nè al tour di Nibali. L'anno scorso al tour in partenza arrivava con i gradi di cocapitano con TJVG, e me lo ricordo come il più brillante (a mia sensazione) sul Ventoux, e purtroppo sofferente dopo la caduta. E' solo un anno, ma ne è passata di acqua sotto i ponti, tra lui e TJVG. La sua parabola a me sembra indicare che è pronto, è in ascesa, è il suo momento. Io mi aspetto che cali nell'arco del tour, ma come abbiamo visto con Dumoulin se la superiorità nella prima parte è netta si può vincere anche in calando. Avrà il problema di correre contro due atleti che danno tutto per il primo posto (Contador e Froome), ma potrebbe avere in un Quintana sulla difensiva un bell'alleato, dato che lui tra l'uovo oggi e la gallina domani sceglie sempre l'uovo.
Non vedo l'ora che il tour inizi. Le corse in Svizzera non le sopporto, le trovo tristi.
PS se vuoi rispondermi puoi quotarmi e proseguiamo nel topic di Porte.
il_panta
 
Messaggi: 759
Iscritto il: lunedì 21 maggio 2012, 12:39

Re: Critérium du Dauphiné 2017 (4 - 11 giugno)

UNREAD_POSTdi lemond » lunedì 12 giugno 2017, 13:17

Fabruz ha scritto:Comunque il piccolo cedimento, sia pure momentaneo (ma decisivo), Porte l'ha avuto, e precisamente quando Froome è scattato di rapportone e non è riuscito a seguirlo


Quello non mi pare un cedimento, ma il non avere una punta di velocità in salita come il cheniano. Mica tutti sono capaci di scattare e Froome lo sapeva. :)
Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì ;)

http://www.youtube.com/watch?v=vK-gCpOSSr8
Avatar utente
lemond
 
Messaggi: 7178
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:52
Località: Empoli

Re: Critérium du Dauphiné 2017 (4 - 11 giugno)

UNREAD_POSTdi galliano » lunedì 12 giugno 2017, 14:03

Norman7 ha scritto:
galliano ha scritto:
Norman7 ha scritto:Se vogliamo dirla tutta, Aru è stato anche più al vento di Porte. E alla fine gli è arrivato anche davanti.
.

Abbiamo visto due corse diverse. Senza dubbio.

Guarda che Aru era quello con casco bianco, già in fuga prima che si collegasse la TV :diavoletto: :D

Certo lo so che Aru era uscito prima che iniziasse il collegamento TV.
Posso rivedere le mie valutazioni e mettere Aru davanti a Froome e Martin, ma in nessun modo ritengo si possa affermare che ha fatto meglio di Porte.

Porte
Fuglsang
Aru
Martin
Froome
Meintjes
Buchmann
Bardet
Avatar utente
galliano
 
Messaggi: 9547
Iscritto il: giovedì 14 aprile 2011, 11:53
Località: TN

Re: Critérium du Dauphiné 2017 (4 - 11 giugno)

UNREAD_POSTdi Filarete » lunedì 12 giugno 2017, 14:21

Si può dire che Porte il Delfinato l'abbia perso in discesa? Froome l'ha staccato sì in salita ma poi l'ha seminato in discesa, Kwiato che ha iniziato la discesa dietro il tasmaniano è rientrato sul gruppo di Froome e dato un contributo fondamentale per la conservazione del vantaggio che aveva ottenuto.
Filarete
 
Messaggi: 119
Iscritto il: mercoledì 20 maggio 2015, 20:46

Re: Critérium du Dauphiné 2017 (4 - 11 giugno)

UNREAD_POSTdi il_panta » lunedì 12 giugno 2017, 14:33

Filarete ha scritto:Si può dire che Porte il Delfinato l'abbia perso in discesa? Froome l'ha staccato sì in salita ma poi l'ha seminato in discesa, Kwiato che ha iniziato la discesa dietro il tasmaniano è rientrato sul gruppo di Froome e dato un contributo fondamentale per la conservazione del vantaggio che aveva ottenuto.

In discesa e nel momento in cui ha lasciato andare tutti controllando solo Froome ed esponendosi al suo contropiede.
il_panta
 
Messaggi: 759
Iscritto il: lunedì 21 maggio 2012, 12:39

Re: Critérium du Dauphiné 2017 (4 - 11 giugno)

UNREAD_POSTdi Tranchée d'Arenberg » lunedì 12 giugno 2017, 14:37

galliano ha scritto:Posso rivedere le mie valutazioni e mettere Aru davanti a Froome e Martin, ma in nessun modo ritengo si possa affermare che ha fatto meglio di Porte.



Un modo, quello più oggettivo tra i tanti, in realtà c'è. Basterebbe guardare la classifica della tappa e ti renderesti conto che ha fatto meglio di Porte :bll:
Cobblestone 2012 - 1° Classifica Generale
Cobblestone 2012 - 1° Classifica Classiche
Cobblestone 2013 - 1° Classifica Semiclassiche

FantaCycling Manager 2016 - 1° Classifica (squadre)
Avatar utente
Tranchée d'Arenberg
 
Messaggi: 11543
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:50
Località: Falconara Albanese (CS)

Re: Critérium du Dauphiné 2017 (4 - 11 giugno)

UNREAD_POSTdi galliano » lunedì 12 giugno 2017, 14:51

Tranchée d'Arenberg ha scritto:
galliano ha scritto:Posso rivedere le mie valutazioni e mettere Aru davanti a Froome e Martin, ma in nessun modo ritengo si possa affermare che ha fatto meglio di Porte.



Un modo, quello più oggettivo tra i tanti, in realtà c'è. Basterebbe guardare la classifica della tappa e ti renderesti conto che ha fatto meglio di Porte :bll:

No dai non si può essere più realisti del re.
Sarebbe come dire che Talanski era più forte di Contador nel Delfinato 2014, mentre sappiamo tutti che la sua vittoria fu frutto di tatticismo esasperato.
Ieri è successo lo stesso.
Sennò con lo stesso metro oggettivo dovremmo dire che Martin è stato più forte di Aru. :gnegne:
E bardet è stato più forte di Porte
Avatar utente
galliano
 
Messaggi: 9547
Iscritto il: giovedì 14 aprile 2011, 11:53
Località: TN

Re: Critérium du Dauphiné 2017 (4 - 11 giugno)

UNREAD_POSTdi Tranchée d'Arenberg » lunedì 12 giugno 2017, 15:13

galliano ha scritto:
Tranchée d'Arenberg ha scritto:
galliano ha scritto:Posso rivedere le mie valutazioni e mettere Aru davanti a Froome e Martin, ma in nessun modo ritengo si possa affermare che ha fatto meglio di Porte.



Un modo, quello più oggettivo tra i tanti, in realtà c'è. Basterebbe guardare la classifica della tappa e ti renderesti conto che ha fatto meglio di Porte :bll:

No dai non si può essere più realisti del re.
Sarebbe come dire che Talanski era più forte di Contador nel Delfinato 2014, mentre sappiamo tutti che la sua vittoria fu frutto di tatticismo esasperato.
Ieri è successo lo stesso.
Sennò con lo stesso metro oggettivo dovremmo dire che Martin è stato più forte di Aru. :gnegne:
E bardet è stato più forte di Porte


Certo che si può dire. Qua si dice tutto e il contrario di tutto: c'è chi da Lopez favorito al Tour, chi dice che Aru è una pippa, chi sostiene che Nibali non è forte in discesa... figurati se non si può dire che uno che è arrivato davanti è andato più forte di chi è arrivato dietro :diavoletto: :unzunz:

ps: Gallià, se non ti coglioniamo un pò ora, c'è il rischio che poi non possiamo farlo più. Quindi è meglio approfittarne :D :cincin:
Cobblestone 2012 - 1° Classifica Generale
Cobblestone 2012 - 1° Classifica Classiche
Cobblestone 2013 - 1° Classifica Semiclassiche

FantaCycling Manager 2016 - 1° Classifica (squadre)
Avatar utente
Tranchée d'Arenberg
 
Messaggi: 11543
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:50
Località: Falconara Albanese (CS)

Re: Critérium du Dauphiné 2017 (4 - 11 giugno)

UNREAD_POSTdi antani » lunedì 12 giugno 2017, 15:18

[quote]Certo lo so che Aru era uscito prima che iniziasse il collegamento TV.
Posso rivedere le mie valutazioni e mettere Aru davanti a Froome e Martin, ma in nessun modo ritengo si possa affermare che ha fatto meglio di Porte.

Porte
Fuglsang
Aru
Martin
Froome
Meintjes
Buchmann
Bardet[Galliano/quote]
Ti quoto Galliano e aggiungo che secondo me i valori non valevano solo per la tappa ma per il delfinato in generale con froome sopra Martin pero, ah Gallia pensa per un secondo se Nairo è pressapoco quello del Giro, e la condizione dei partecipanti del delfinato rimane simile con la differenza che Porte cala leggermente , Fuglslang cala vistosamente mentre Aru cresce un pochino,missa che ci divertiremo tutti eccetto tu :D :D :D :D :D :D :D :cincin:
Avatar utente
antani
 
Messaggi: 407
Iscritto il: lunedì 26 settembre 2016, 11:31

Re: Critérium du Dauphiné 2017 (4 - 11 giugno)

UNREAD_POSTdi galliano » lunedì 12 giugno 2017, 15:55

antani ha scritto:Ti quoto Galliano e aggiungo che secondo me i valori non valevano solo per la tappa ma per il delfinato in generale con froome sopra Martin pero, ah Gallia pensa per un secondo se Nairo è pressapoco quello del Giro, e la condizione dei partecipanti del delfinato rimane simile con la differenza che Porte cala leggermente , Fuglslang cala vistosamente mentre Aru cresce un pochino,missa che ci divertiremo tutti eccetto tu :D :D :D :D :D :D :D :cincin:

mi sembra giusto sognare quindi non voglio togliere le illusioni, sopratutto pensando al povero Jerrydrake.
Ma credo che al TOur vedremo una corsa ben diversa dal Delfinato.
Personalmente non punterei 1€ su Fuglsang nei 5, mentre credo che Contador sarà comunque protagonista.
Se Aru precedesse Quintana per me sarebbe un sorpresone.
Ora chiudo per evitare soffiate sul Tour de Suisse che mi vedo in registrata.
Avatar utente
galliano
 
Messaggi: 9547
Iscritto il: giovedì 14 aprile 2011, 11:53
Località: TN

Re: Critérium du Dauphiné 2017 (4 - 11 giugno)

simila

simila
 

Precedente

Torna a Dite la vostra sul ciclismo!

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Alanford, Baidu [Spider], Bing [Bot], Bitossi, dexter, Google Adsense [Bot], Norman7, Oro&Argento, peek, Rudy80, Salvatore77, simociclo, TIC e 37 ospiti