La crisi del ciclismo italiano

Il mondo dei professionisti tra gare e complessità, e più in generale l'approccio al ciclismo di ogni appassionato

Re: La crisi del ciclismo italiano

UNREAD_POSTdi rizz23 » mercoledì 23 agosto 2017, 14:36

Aspetta dove e chi grida alla rinascita? Straw man fallacy, non ci provare :)

Secondo me invece sono molte meno le nazioni che ci stanno davanti.
Guardando la lista di Marco e il caso Bouhanni-Viviani mi viene invece da pensare che tendiamo ad essere vittime di una certa involontaria esterofilia. Sottovalutiamo i nostri, magari perché non hanno incontrato tutte le nostre aspettative. E sopravvalutiamo atleti stranieri che ancora devono dimostrare molto se non tutto.

E occhio che gli equilibri cambiano in fretta: cos'avremmo detto dell'Olanda prima di questa stagione?
rizz23
 
Messaggi: 1147
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:23

Re: La crisi del ciclismo italiano

UNREAD_POSTdi Tranchée d'Arenberg » mercoledì 23 agosto 2017, 14:45

rizz23 ha scritto:Guardando la lista di Marco e il caso Bouhanni-Viviani mi viene invece da pensare che tendiamo ad essere vittime di una certa involontaria esterofilia. Sottovalutiamo i nostri, magari perché non hanno incontrato tutte le nostre aspettative. E sopravvalutiamo atleti stranieri che ancora devono dimostrare molto se non tutto.


Quotone. Spesso sento parlare di Pinot come di uno che dovrebbe spaccare il mondo, mentre quasi quasi Aru è una pippa. Però se poi si guardano i risultati...


Comunque, dai campioanti del mondo su pista juniores arrivano belle news:

http://www.cicloweb.it/2017/08/23/recor ... -juniores/
Cobblestone 2012 - 1° Classifica Generale
Cobblestone 2012 - 1° Classifica Classiche
Cobblestone 2013 - 1° Classifica Semiclassiche

FantaCycling Manager 2016 - 1° Classifica (squadre)
Avatar utente
Tranchée d'Arenberg
 
Messaggi: 12563
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:50
Località: Falconara Albanese (CS)

Re: La crisi del ciclismo italiano

UNREAD_POSTdi Marco Gaviglio » mercoledì 23 agosto 2017, 14:47

rizz23 ha scritto:Aspetta dove e chi grida alla rinascita? Straw man fallacy, non ci provare :)

Secondo me invece sono molte meno le nazioni che ci stanno davanti.
Guardando la lista di Marco e il caso Bouhanni-Viviani mi viene invece da pensare che tendiamo ad essere vittime di una certa involontaria esterofilia. Sottovalutiamo i nostri, magari perché non hanno incontrato tutte le nostre aspettative. E sopravvalutiamo atleti stranieri che ancora devono dimostrare molto se non tutto.

E occhio che gli equilibri cambiano in fretta: cos'avremmo detto dell'Olanda prima di questa stagione?



su Viviani-Bouhanni sono prontissimo a fare ammenda, come d'altra parte già ho fatto rispondendo a Garviel, però ripeto: anche a voler dare ancora qualche chances ad Elia di vincere la Sanremo (difficile, cmq, essendosi accasato alla Quick Step di Gaviria: paradossalmente, per la Classicisimma avrebbe avuto più spazio in Sky), le prospettive dell'Italia nel medio termine non sono cmq esaltanti, purtroppo... anche perché più ci penso e più sono tentato di togliere pure il grassetto a Colbrelli, uno che ha perso troppo tempo a correre in Bardiani e che ora si ritrova molto più indietro dei suoi coetanei e chissà se riuscirà mai a colmare il gap.

Rispetto all'Olanda, beh, Dumoulin già da un paio d'anni era un diamante grezzo, e fino ad un paio d'anni fa si poteva pure sperare qualcosa di più da Mollema, e lo stesso Groenewegen è esploso sul finale di due stagioni fa, e ora si sono aggiunti Van der Poel e Van Ship, ma ti direi anche Tolhoek, Bowman e soprattutto Oomen - e nel frattempo hanno perso per strada Gesink e Kelderman... ok ok, forse sono un po' esterofilo :D

è che di diamanti grezzi, in casa nostra, oltre a Moscon fatico a vederne: Albanese, spero non passi in Bardiani tutti gli anni di Pozzovivo o Colbrelli, e cmq, finora, è decisamente troppo giovane per mettergli addosso la pressione del risultato; lo stesso Ganna, non so, è ancora presto per mettere le mani avanti ma ha caratteristiche tali per cui rischia di rimanere un incompiuto, parlando di strada: perché veloce non è, in salita non va, per cui o diventa veramente il nuovo Cancellara - asso tanto sulle pietre come a cronometro - altrimenti rischia di vincere cmq molto poco, nel ciclismo di oggi in cui arrivare da soli è sempre più difficile ;)
Ultima modifica di Marco Gaviglio il mercoledì 23 agosto 2017, 14:48, modificato 1 volta in totale.
Marco Gaviglio
 
Messaggi: 674
Iscritto il: giovedì 18 febbraio 2016, 13:01
Località: Genova

Re: La crisi del ciclismo italiano

UNREAD_POSTdi Lopi90 » mercoledì 23 agosto 2017, 14:48

Secondo me si tende a sopravvalutare la rinascita della Francia perche` venivano dagli anni bui in cui il migliore era Fedrigo. Finora l'unica vittoria di peso che hanno ottenuto e` la Sanremo di Demare, per il resto buoni piazzamenti, ma Pinot e Bardet un GT devono ancora vincerlo (e fin qui hanno buoni piazzamenti ma non ci sono mai andati davvero vicini), Aru una Vuelta in tasca ce l'ha. La differenza la fa principalmente il fatto che i francesi hanno tante squadre che fanno correre i loro uomini da capitani. Un Damiano Caruso francese avrebbe fatto il capitano alla Cofidis e raccolto molti piazzamenti nei GT e vittorie in corse a tappe nazionali, venendo considerato un talento come puo` essere Barguil, essendo italiano da il gregario in BMC perche' per fare il capitano dovrebbe andare alla Nippo.
Lopi90
 
Messaggi: 270
Iscritto il: martedì 31 maggio 2011, 11:15

Re: La crisi del ciclismo italiano

UNREAD_POSTdi Marco Gaviglio » mercoledì 23 agosto 2017, 14:50

Lopi90 ha scritto:Secondo me si tende a sopravvalutare la rinascita della Francia perche` venivano dagli anni bui in cui il migliore era Fedrigo. Finora l'unica vittoria di peso che hanno ottenuto e` la Sanremo di Demare, per il resto buoni piazzamenti, ma Pinot e Bardet un GT devono ancora vincerlo (e fin qui hanno buoni piazzamenti ma non ci sono mai andati davvero vicini), Aru una Vuelta in tasca ce l'ha. La differenza la fa principalmente il fatto che i francesi hanno tante squadre che fanno correre i loro uomini da capitani. Un Damiano Caruso francese avrebbe fatto il capitano alla Cofidis e raccolto molti piazzamenti nei GT e vittorie in corse a tappe nazionali, venendo considerato un talento come puo` essere Barguil, essendo italiano da il gregario in BMC perche' per fare il capitano dovrebbe andare alla Nippo.


è la tua frase grassettata, però, la chiave di tutto, oltre al fatto che i francesi forti sono tutti ancora molto giovani, e quindi hanno margini di crescita più (Gaudu, Latour, Sivakov) o meno (Pinot, Bardet, Alaphilippe, Demare) ampi... cmq appunto, quel che mi preoccupa è il fatto che, per numero e qualità delle squadre, nonché per numero e livello di corse dei rispettivi calendari, ad oggi non c'è confronto tra Italia e Francia: e squadre e calendari sono i bacini di coltura fondamentali per la crescita dei campioni di domani ;)
Marco Gaviglio
 
Messaggi: 674
Iscritto il: giovedì 18 febbraio 2016, 13:01
Località: Genova

Re: La crisi del ciclismo italiano

UNREAD_POSTdi Marco Gaviglio » mercoledì 23 agosto 2017, 15:07

poi, oh: non è neanche che voglio fare per forza il bastian contrario o l'esterofilo, è che il thread si chiama "la crisi del ciclismo italiano", che la crisi ci sia (grave o meno, è un'interpretazione soggettiva, la sua sussistenza è invece purtroppo oggettiva) è incontrovertibile, e da italiano trovo più giusto fare le pulci al nostro movimento che a quelli altrui. Cioè non voglio fare il disfattista a ogni costo, ma neanche far finta che vada tutto bene e non serva prendere atto che, invece, magari qualcosina sarebbe meglio cambiarla, nel nostro movimento.

Io penso che chi è a capo di un'organizzazione - sia essa un'azienda o una federazione ciclistica - dovrebbe sempre essere "sanamente pessimista" sul futuro, nel senso di non crogiolarsi sugli allori attuali e di non dare nulla per scontato per gli anni a venire, ma piuttosto lavorare per gettare delle basi il più possibile solide, senza affidarsi alla nascita di talenti alla Pantani o alla Sagan, che non nascono tutti gli anni e che, anzi, con il ridursi dei praticanti nel nostro paese, anche per un semplice calcolo di grandi numeri saranno sempre meno rari.

UPDATE: fermi tutti! al Poitou-Charentes Bouhanni ha deciso di venire in mio soccorso battendo Viviani: lo vedete, che siamo rovinati? :D :bll:
Marco Gaviglio
 
Messaggi: 674
Iscritto il: giovedì 18 febbraio 2016, 13:01
Località: Genova

Re: La crisi del ciclismo italiano

UNREAD_POSTdi Lopi90 » mercoledì 23 agosto 2017, 16:29

Marco Gaviglio ha scritto:
Lopi90 ha scritto:Secondo me si tende a sopravvalutare la rinascita della Francia perche` venivano dagli anni bui in cui il migliore era Fedrigo. Finora l'unica vittoria di peso che hanno ottenuto e` la Sanremo di Demare, per il resto buoni piazzamenti, ma Pinot e Bardet un GT devono ancora vincerlo (e fin qui hanno buoni piazzamenti ma non ci sono mai andati davvero vicini), Aru una Vuelta in tasca ce l'ha. La differenza la fa principalmente il fatto che i francesi hanno tante squadre che fanno correre i loro uomini da capitani. Un Damiano Caruso francese avrebbe fatto il capitano alla Cofidis e raccolto molti piazzamenti nei GT e vittorie in corse a tappe nazionali, venendo considerato un talento come puo` essere Barguil, essendo italiano da il gregario in BMC perche' per fare il capitano dovrebbe andare alla Nippo.


è la tua frase grassettata, però, la chiave di tutto, oltre al fatto che i francesi forti sono tutti ancora molto giovani, e quindi hanno margini di crescita più (Gaudu, Latour, Sivakov) o meno (Pinot, Bardet, Alaphilippe, Demare) ampi... cmq appunto, quel che mi preoccupa è il fatto che, per numero e qualità delle squadre, nonché per numero e livello di corse dei rispettivi calendari, ad oggi non c'è confronto tra Italia e Francia: e squadre e calendari sono i bacini di coltura fondamentali per la crescita dei campioni di domani ;)


Su questo ti do ragione, soprattutto e` la rinascita dell'entusiasmo attorno al ciclismo che si vede in Francia e si traduce in piu` corse, piu` sponsorizzazioni, piu` praticanti. In Italia il ciclismo ha perso qualunque appeal, e` considerato ormai uno sport stantio e sputtanato. Il ciclismo francese ha ancora (praticamente l'unico insieme a quello Belga) una massa critica per mantenere un calendario folto che si autosostiene con il pubblico interno e con le squadre che un Bouhanni, un Geniez o un Chavanel te li portano sicuri. In italia ormai non si riesce piu` ad avere un calendario annuale completo, bisogna creare dei filotti di corse che richiamino qualche squadra straniera, perche' se fai le cose in casa nessuno va a seguirsi Cattaneo vs Canola.
Alla lunga in 10-15 anni vinceranno loro.
Lopi90
 
Messaggi: 270
Iscritto il: martedì 31 maggio 2011, 11:15

Re: La crisi del ciclismo italiano

UNREAD_POSTdi rizz23 » mercoledì 23 agosto 2017, 16:59

Marco Gaviglio ha scritto:
UPDATE: fermi tutti! al Poitou-Charentes Bouhanni ha deciso di venire in mio soccorso battendo Viviani: lo vedete, che siamo rovinati? :D :bll:


:D :D :D
rizz23
 
Messaggi: 1147
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:23

Re: La crisi del ciclismo italiano

UNREAD_POSTdi Marco Gaviglio » mercoledì 23 agosto 2017, 17:26

Lopi90 ha scritto:Alla lunga in 10-15 anni vinceranno loro.


che poi è proprio di questo di cui mi preoccupo, i prossimi 10-15 anni ;)
Marco Gaviglio
 
Messaggi: 674
Iscritto il: giovedì 18 febbraio 2016, 13:01
Località: Genova

Re: La crisi del ciclismo italiano

UNREAD_POSTdi Otto Kruger » mercoledì 23 agosto 2017, 17:30

Marco Gaviglio ha scritto:
UPDATE: fermi tutti! al Poitou-Charentes Bouhanni ha deciso di venire in mio soccorso battendo Viviani: lo vedete, che siamo rovinati? :D :bll:


UPupdate crollano Aru e Nibali, è ufficiale: siamo nuovamente in crisi!
Avatar utente
Otto Kruger
 
Messaggi: 304
Iscritto il: giovedì 20 luglio 2017, 16:50

Re: La crisi del ciclismo italiano

UNREAD_POSTdi Mr. MM » mercoledì 23 agosto 2017, 17:58

A mio modo di vedere, un giochino che si potrebbe fare non è tanto vedere gli attuali migliori 10 corridori per ogni nazione, ma verificare quanti post-1990 (quindi dal 1991 in avanti, forse anche meglio 1992...) ci sono nei primi, non so, 200-250 posti del ranking e soprattutto qual è la media della loro posizione (o la posizione media dei primi 3-4-5).

Forse questo dà più la prospettiva dei prossimi 5-10 anni.
Mr. MM
 
Messaggi: 179
Iscritto il: sabato 5 marzo 2016, 19:41

Re: La crisi del ciclismo italiano

UNREAD_POSTdi Salvatore77 » mercoledì 23 agosto 2017, 18:04

Mr. MM ha scritto:A mio modo di vedere, un giochino che si potrebbe fare non è tanto vedere gli attuali migliori 10 corridori per ogni nazione, ma verificare quanti post-1990 (quindi dal 1991 in avanti, forse anche meglio 1992...) ci sono nei primi, non so, 200-250 posti del ranking e soprattutto qual è la media della loro posizione (o la posizione media dei primi 3-4-5).

Forse questo dà più la prospettiva dei prossimi 5-10 anni.

Se una nazione nei primi 200 ha 10 corridori under 25 è già un clamoroso successo.
Salvatore77
 
Messaggi: 3179
Iscritto il: domenica 9 gennaio 2011, 19:14

Re: La crisi del ciclismo italiano

UNREAD_POSTdi Mr. MM » mercoledì 23 agosto 2017, 18:41

Salvatore77 ha scritto:
Mr. MM ha scritto:A mio modo di vedere, un giochino che si potrebbe fare non è tanto vedere gli attuali migliori 10 corridori per ogni nazione, ma verificare quanti post-1990 (quindi dal 1991 in avanti, forse anche meglio 1992...) ci sono nei primi, non so, 200-250 posti del ranking e soprattutto qual è la media della loro posizione (o la posizione media dei primi 3-4-5).

Forse questo dà più la prospettiva dei prossimi 5-10 anni.

Se una nazione nei primi 200 ha 10 corridori under 25 è già un clamoroso successo.

Ma io non l'ho scritto, leggi bene ;)
Mr. MM
 
Messaggi: 179
Iscritto il: sabato 5 marzo 2016, 19:41

Re: La crisi del ciclismo italiano

UNREAD_POSTdi rizz23 » giovedì 24 agosto 2017, 11:26

Comunque Viviani ha ribattuto Bouhanni :D
rizz23
 
Messaggi: 1147
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:23

Re: La crisi del ciclismo italiano

UNREAD_POSTdi Marco Gaviglio » giovedì 24 agosto 2017, 11:31

rizz23 ha scritto:Comunque Viviani ha ribattuto Bouhanni :D


quando? come? dove? stanotte io e Nacer siamo andati per baretti :vomitino: :zzz: , devono averci sorpreso con una semitappa mattutina...
Marco Gaviglio
 
Messaggi: 674
Iscritto il: giovedì 18 febbraio 2016, 13:01
Località: Genova

Re: La crisi del ciclismo italiano

UNREAD_POSTdi Tranchée d'Arenberg » giovedì 24 agosto 2017, 11:40

Marco Gaviglio ha scritto:
rizz23 ha scritto:Comunque Viviani ha ribattuto Bouhanni :D


quando? come? dove? stanotte io e Nacer siamo andati per baretti :vomitino: :zzz: , devono averci sorpreso con una semitappa mattutina...


esattamente :D

E comunque io la notte con Nacer non ci uscirei...giusto per evitar risse :diavoletto:
Cobblestone 2012 - 1° Classifica Generale
Cobblestone 2012 - 1° Classifica Classiche
Cobblestone 2013 - 1° Classifica Semiclassiche

FantaCycling Manager 2016 - 1° Classifica (squadre)
Avatar utente
Tranchée d'Arenberg
 
Messaggi: 12563
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:50
Località: Falconara Albanese (CS)

Re: La crisi del ciclismo italiano

UNREAD_POSTdi cauz. » giovedì 24 agosto 2017, 11:49

Walter_White ha scritto:Perchè non è grassettato Alarcon? :boh: :dubbio: :bll:


ma soprattutto perchè Valverde non è ritenuto un craque per i prossimi anni? :old:
"Il male trionfa sempre, perche' il bene e' stupido" [Lord Casco]
@cauz_ | bidonmagazine.org | hoilciclo.worpdress.com | confindustrial.noblogs.org
"il Centogiro - 99 storie (più una) dal Giro d'Italia" dal 4 maggio è in libreria... e al Giro!
Avatar utente
cauz.
 
Messaggi: 10958
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 12:53
Località: milano

Re: La crisi del ciclismo italiano

UNREAD_POSTdi Marco Gaviglio » giovedì 24 agosto 2017, 12:22

Tranchée d'Arenberg ha scritto:E comunque io la notte con Nacer non ci uscirei...giusto per evitar risse :diavoletto:


ma sai, io gli dò sempre ragione, al mio amico Nacer, e così non ho mai problemi :D
Marco Gaviglio
 
Messaggi: 674
Iscritto il: giovedì 18 febbraio 2016, 13:01
Località: Genova

Re: La crisi del ciclismo italiano

UNREAD_POSTdi Fabian von Paterberg » giovedì 24 agosto 2017, 12:39

Mr. MM ha scritto:
Salvatore77 ha scritto:
Mr. MM ha scritto:A mio modo di vedere, un giochino che si potrebbe fare non è tanto vedere gli attuali migliori 10 corridori per ogni nazione, ma verificare quanti post-1990 (quindi dal 1991 in avanti, forse anche meglio 1992...) ci sono nei primi, non so, 200-250 posti del ranking e soprattutto qual è la media della loro posizione (o la posizione media dei primi 3-4-5).

Forse questo dà più la prospettiva dei prossimi 5-10 anni.

Se una nazione nei primi 200 ha 10 corridori under 25 è già un clamoroso successo.

Ma io non l'ho scritto, leggi bene ;)

Dai nati nel 1992 in poi:

ITA - 7
54 Bettiol
92 Moscon
164 Mareczko
172 Formolo
177 Senni
206 Vendrame
233 Filosi
Conti e Ciccone sono over 250. Se contiamo dal '90 si aggiungono altri 7 atleti:
28 Aru
29 Colbrelli
38 Felline
96 Cattaneo
127 Villella
214 Totò
221 Ruffoni


FRA - 9
60 Calmejane
64 Alaphilippe
101 Latour
113 Barbier
126 Coquard
142 Gaudu
155 Thomas
174 Venturini
179 Senechal
Martin over 250, dal '90 altri 9 atleti:
13 Demare
16 Bardet
21 Bouhanni
26 Pinot
44 Barguil
178 Petit
200 Elissonde
215 Dassonville
237 Le Bon

BEL - 8
33 Stuyven
35 Teuns
47 Benoot
78 van Aert
109 Meurisse
134 de Buyst
156 van Lerberghe
191 Capiot
dal '90 altri 8:
15 Naesen
48 Wellens
75 Jans
114 Theuns
133 Lampaert
137 Stallaert
205 Backaert
236 Lietaer

HOL - 4
42 Groenewegen
104 van Baarle
166 van der Poel
184 Oomen
dal '90
5 Dumoulin
69 Kelderman

SPA - 2
128 Soler
159 Roson
n.b. considerando gli anni fino al '90 si aggiungono Barbero (95) Fraile (197) Herrada (213)

GER - 3
111 Buchmann
157 Bauhaus
217 Zabel
n.b. anche qui la penuria comincia già dall'annata '90, si aggiunge il solo Arndt (147)

COL - 4
22 Gaviria
97 Bernal
163 Lopez Moreno
187 Restrepo
n.b. Quintana (3) e Chaves (19) dal '90

UK - 4
25 Yates S.
59 Yates A.
226 Geoghegan
240 McLay
n.b. dal '90 Rowe (167)

USA - 1
Il solo Powless (207) a cui si aggiunge Carpenter (158) dal '90

Da questo giochino si dedurrebbe che più che essere in crisi il movimento italiano è sfavillante quello francese.
2016 Argento ITT Doha
2017 Tour de France a tempo
Avatar utente
Fabian von Paterberg
 
Messaggi: 837
Iscritto il: martedì 9 agosto 2016, 13:29
Località: Passo tre termini

Re: La crisi del ciclismo italiano

UNREAD_POSTdi Marco Gaviglio » giovedì 24 agosto 2017, 12:49

Fabian von Paterberg ha scritto:Da questo giochino si dedurrebbe che più che essere in crisi il movimento italiano è sfavillante quello francese.


questo è poco ma sicuro ;)

che poi, oh, forse il fatto che la Francia sia reduce da almeno un paio di modestissime generazioni, può anche avere ulteriormente facilitato il ricambio: sia perché loro, ad un certo punto, hanno preso atto della pochezza del loro movimento ed investito seriamente sul futuro (ed è questo il punto che mi interessa, parlando di quel che dovremmo fare noi, anche se obiettivamente non siamo messi male come lo erano i nostri cugini 10 anni fa - ma non dobbiamo aspettare di scendere a quei livelli, per darci una svegliata!), sia perché i giovani talenti tirati su, a quel punto, non hanno dovuto aspettare che si facessero da parte chissà quali mostri sacri, per raccoglierne le redini alla testa anche delle squadre più forti.

per dire: pur essendo molto strombazzato fin dagli under 23, il passaggio di Aru al professionismo è avvenuto in maniera piuttosto soft: debutto nell'estate 2012, primi fuochi all'Emilia di quell'anno, 2013 debutto al Giro da gregario di Nibali, ma sostanzialmente prima di esplodere al Giro 2014 non mi pare avesse mai corso per il risultato, nemmeno in gare minori. Gente come Bardet, Pinot o anche Quintana hanno invece avuto modo di correre per sé fin da giovanissimi, attestandosi su un certo livello prima di Aru che ancora oggi da noi è considerato un giovane. Con questo non dico che bisogna mettere i neoprofessionisti subito a far classifica in un GT, sennò li si brucia, ma che altrove magari i giovani trovano il modo di correre per vincere, ogni tanto e in corse minori, già nei loro primissimi anni di professionismo.
Marco Gaviglio
 
Messaggi: 674
Iscritto il: giovedì 18 febbraio 2016, 13:01
Località: Genova

Re: La crisi del ciclismo italiano

UNREAD_POSTdi Salvatore77 » lunedì 28 agosto 2017, 16:17

L'idea di correre i primi anni da "apprendista" invece di correre per il risultato può risultare buona.
Giusto per fare un nome, Indurain è maturato gradualmente.
Però alcuni maturano subito e riescono a sortire notevoli risultati, soprattutto i velocisti. Se vediamo l'età anagrafica della top ten della Sanremo di quest'anno possiamo dedurlo facilmente.

La nostra speranza è che alcuni dei nostri corridori "eterne promesse" stanno per avere un'esplosione l'anno prossimo. Anche se penso che non sarà cosi.
Aru e Moscon secondo me sono certezze, il resto speranze, alcune remote.
Salvatore77
 
Messaggi: 3179
Iscritto il: domenica 9 gennaio 2011, 19:14

Re: La crisi del ciclismo italiano

UNREAD_POSTdi Stylus » mercoledì 13 settembre 2017, 14:15

Stylus ha scritto:Smanettando con Excel ho cercato di analizzare i dati delle vittorie World Tour delle ultime 5 stagioni (esclusa questa) per darmi ragione sulla crisi del ciclismo italiano, in realtà ho trovato statistiche che non mi hanno proprio dato ragione :D , ho però prodotto questo.

https://docs.google.com/spreadsheets/d/ ... sp=sharing

Ho preso in esame come dati tutte le vittorie nelle corse World Tour dal 2012 al 2016 divise per nazioni. Ho considerato le vittorie di tappa e le vittorie di classifica generale finale, non ho considerato invece i traguardi parziali (maglie a punti, montagna etc) e le cronosquadre.
Lo scopo era capire se negli ultimi cinque anni la percezione di un ciclismo italiano in crisi di vittorie che contano è una percezione reale, è un impressione o oppure è semplicemente fisiologica dettata dall'aumentare delle fette divise nella torta (più nazioni emergenti).

Ho poi preso in esame il numero di vittorie totali annuali per nazioni e ho fatto un paio di statistiche per capire se veramente le nazioni di lunga tradizione del ciclismo sono in crisi, raggruppando le nazioni in "
-G3" (Belgio,Francia, Italia) ovvero le nazioni fondanti della storia del ciclismo.
-G5 (Belgio, Francia, Italia, Paesi Bassi e Spagna) ovvero quelle che invece hanno maggiormente contribuito a creare la tradizione nella storia intera del ciclismo.
-G11 (Australia,Belgio,Colombia,Francia,Germania,Italia,Regno Unito,Spagna,Stati Uniti, Svizzera) quelle nazioni che formano un gruppetto ormai stabile di nazioni dominanti del ciclismo da almeno quarant'anni e che dunque ormai non si possono più considerare nazioni emergenti. Perchè è chiaro che oggi il ciclismo è molto più globalizzato rispetto a quarant'anni fa, ma quello che voglio capire (e credo che poi andrò piu a fondo, sino agli anni 2000 anche se è più complicato poi dover considerare ciclisti sospesi e non. Per esempio, per il 2011 conto le vittorie di Contador o di Scarponi? O non considero tutte le corse dalle classifiche riscritte? Io sarei piu propenso per considerare il vincitore originale) è se davvero le nazioni "forti" hanno perso terreno per colpa di nazioni emergenti oppure hanno anch'esse la loro parte di colpa.
Inoltre ho tenuto conto anche di:
-un gruppo di nazionali anglofone (Australia, Canada, Irlanda, Regno Unito, Stati Uniti, Sudafrica) per confermare se è vero che esiste ad oggi una lobby anglosassone nel ciclismo che comanda :D

Innanzitutto, dati alla mano l'Italia è quella che ha ottenuto più vittorie dal 2012, 93, il boom stagionale è coinciso con l'anno della vittoria di Nibali al TDF, il 2014 con 23. Questo valore è sceso all'ultima stagione a 15, come nel 2013. Salvo però il 2013 l'Italia è stabilmente sul podio delle tre nazioni più vincenti a fine stagione. La seconda nazione che ha ottenuto più vittorie è la Spagna, 90 che ha avuto però un incredibile boom nel 2012, ben 33, era l'anno in cui oltre a Valverde e Contador anche Rodriguez e Moreno erano al loro top, salvo fare incredibilmente flop nel 2013 (appena 7 e vivere poi di alti e bassi. Nell'ultimo anno la Spagna è stata però appena la sesta nazione per numero di vittorie. Al terzo posto c'è la Germania con 82 vittorie. La Germania ha soprattutto beneficiato dei propri velocisti di punta restando sempre tra le prime 4 nazioni per numero di vittorie, eccetto l'ultima stagione complice i guai fisici di Kittel e Degenkolb, crollata a 10. Chi invece, inaspettatamente o no, fa la parte del leone innalzandosi tra le grande potenze ciclistiche di questo sport è il Regno Unito. Sono 79 le vittorie totali e nell'ultimo hanno è stata anche la nazione con più vittorie (19). Restando alle nazioni fondanti: Belgio e Francia hanno ottenuto [/b]53[/b] e 59 vittorie dal 2012, e a dispetto dei molti ciclisti emergenti (specialmente la Francia) crescuti negli ultimi anni e che noi dovremmo invidiare, hanno sempre ottenuto una quantità stabile di vittorie non superiore a 15. Solo il Belgio ha ottenuto tante vittorie quante l'Italia nell'ultima stagione (seconda nazione più vincitrice dopo Regno Unito): da vedere se è stato un caso oppure una tendenza, anche se, a vedere questo inizio stagione, pare confermarsi. Ovviamente prevedibile la crescita di vittorie WT della Colombia che dalle sole 3 del 2012 è passata alle 14 vittorie della stagione 2016.

Ma i dati più interessanti per capire se il ciclismo di oggi è più globalizzato rispetto a 5 anni fa è attraverso la lettura delle percentuali di vittoria dei gruppo elencati precedentemente rispetto al numero di vittorie totali.

Iniziando dall'Italia ho fatto un calcolo in percentuale delle vittorie italiane sul totale e rispetto al 2012 (11,04%) abbiamo perso circa un punto e mezzo, anche se in mezzo c'è un bienno d'oro (2014-2015) in cui la percentuale era superiore al 14.
Nel 2012, le vittorie dei G3 erano il 23,31% rispetto al totale, un valore che è sceso la stagione successiva a 22.78% ma è poi ridecollato stabilendosi, nell'ultima stagione al 27,63% del totale delle vittorie. Poco più di una vittoria su quattro nel WT è o belga, o francese, o italiana.
Allargando invece il gruppo a Spagna e Paesi Bassi, G5 il dato risulta un po' instabile. Si parte dal 45,40% in gran parte arricchito dalle 33 vittorie spagnole del 2012, si scende invece addirittura al 31% del 2013 orfano delle vittorie spagnole crollate a 7. Tocca addirittura il 50% con il nuovo boom spagnolo (22 vittorie) e ridiscende al 42,11% nell'ultima stagione quando il numero di vittorie spagnole è quasi dimezzato. Se in realtà posso capire una cosa da queste statisiche è che il vero movimento in crisi (ma lo si era capito da tempo, anche con il taglio delle squadre spagnole) è quello spagnolo, tuttavia secondo me da questa stagione otterremo dati nuovamente interessanti, perchè a fronte di un movimento italiano che ha perso le sue squadre ho visto invece molte cose interessanti da giovani spagnoli come Soler. Anche il movimento dei Paesi Bassi è cresciuto dal 2012 ma non abbastanza da incidere significativamente.
Ampliando il numero di vittorie al G11 si legge un valore sostanzialmente stabile attorno all'82%: in particolare rispetto al 2012 è cambiato di appena 0,07 punti in percentuale. Quindi non si può certo dire che il ciclismo sia diventato più globalizzato rispetto a 5 anni fa: anzi, se c'è una stagione dove avuto un crollo è il 2013, soprattutto motivato dal crollo delle vittorie spagnole (per dire quanto è comunque importante che le nazioni guida del ciclismo mantengano un alto livello).
Per quanto riguarda, per concludere, il numero di vittorie percentuali del ciclismo anglosassone credo avrei più risposte andando indietro nel tempo. Il 2012 è infatti l'anno del Tour di Wiggins e della vittoria olimpica, anno in cui il ciclismo britannico è esploso, e le vittorie anglosassoni sono il 22%. Resta comunque un valore che è rimasto praticamente immutato rispetto a cinque anni fa, a conferma del fatto che il ciclismo britannico non è una moda del momento, un movimento passeggero ma una nuova realtà. specialmente considerando che negli ultimi anni sono praticamente scomparse le vittorie americane. Dunque il ciclismo britannico vale "quasi" come quello tradizionale, trovando l'eccezione della stagione 2013 quando, le vittorie anglosassoni avevano persino superato quelle dei G3 (41 a 36).

Risolto l'equivoco (come considero le vittorie che sono state riassegnate?) vorrei aggiungere elementi alla mia statistica considerando anche le annate precedenti.
E' vero che la salute di un movimento non si valuta leggendo solamente le vittorie del World Tour, ma tra alti è bassi il World Tour si è definitivamente affermato come la vera serie A del ciclismo. Abbiamo sempre detto che i nostri corridori si fanno valere molto nelle piccole corse e poco in quelle contano e questo, quello delle vittorie è un dato secondo me molto interessante, per quanto banale, da valutare, soprattutto perché quando iniziano a passare gli anni dall'ultima vittoria da questa o quella corsa non si può dire "eh però negli ultimi anni siamo andati spesso a podio" specie perchè dopo l'assenza di vittorie spesso poi segue, come sta succedendo in queste prime corse stagionali, anche l'assenza dalle top 10.

Edit: per curiosità ho anche aggiunto i dati della stagione fino adesso (che con l'allargamento del WT è quasi un "anno zero") ovviamente i dati non sono molto attendibili secondo me, piuttosto dopati dalle vittorie in terra aussie :D


Riprendo il mio commento perché, a 2 competizioni dal termine (ballano 7 vittorie), ho aggiornato il mio excel.
L'Italia dopo una prima parte di stagione ha recuperato ottimamente portando il bottino delle vittorie WT ad un totale di 16 contro le 15 della scorsa stagione (siamo in scia al Belgio), consideriamo però che quest'anno il WT è molto più allargato e dunque la proporzione rispetto alle gare corse diminuisce, ma ciò che mi interessa è la proporzione rispetto al totale delle vittorie e il rapporto con le altre.
E dunque, l'italia ha ottenuto fin'ora il9,20% delle vittorie, un valore più basso rispetto al 9,87% delle vittorie dello scorso anno ed è pure il più basso dal 1989 (fu alllora appena il 5,22% del calendario che ho tenuto il considerazione per l'anno 1989). Per quanto riguarda la percentuale del G3 (Italia, Francia, Belgio, paesi fondanti del nostro sport) la percentuale è del 25,86%, più bassa rispetto alle ultime stagioni ma pi+ alta rispetto al 2012,2013, un valore in linea. Per quanto riguarda il G5 che include anche Paesi Bassi e Spagna) siamo sul 39,66%, un valore più basso degli ultimi tre anni ma superiore al 2013. E' in discesa invece la percentuale del G11 (una specie di girone "allargato" alle nazionali che hanno fatto la storia recente di questo sport -(Australia,Belgio,Canada, Colombia,Francia,Germania,Italia,Regno Unito,Spagna,Stati Uniti, Svizzera) - interessante per capire se sono in crescita invece le vittorie di nazionali "esotiche". questo valore è al 77,59%, ed è il più basso dal 2013 (che rimane un'annata anonima). Infine il conto delle vittorie del Regno Unito, utile per capire se è un movimento realmente in crescita oppure solo trainato dai propri fari (Cavendish,Wiggins e ora Froome), è sceso ad appena 11 vittorie, ma con una percentuale che si mantiene alta (19,54%) rispetto ai valori inferiori al dieci per cento del pre2007).

Per concludere, l'Italia resta la nazione che ha vinto più corse nel WT dal 2012 ad oggi (109 contro le 104 spagnole, le 93 tedesce e le 90 inglesi.

https://docs.google.com/spreadsheets/d/ ... 1992889368

Direi che la situazione del paziente "italia", si mantiene stabile, in linea con il suo ruolo di nazione guida ma inevitabilmente con numeri molto più contenuti con l'avvento della globalizzazione così come gli altri paesi. Occhio però perché fino al TDF i numeri erano impietosi
Stylus
 
Messaggi: 531
Iscritto il: giovedì 28 aprile 2011, 11:03

Re: La crisi del ciclismo italiano

UNREAD_POSTdi TIC » mercoledì 13 settembre 2017, 14:29

Ma guardiamo la Francia ...
Guardate l'ultima volta che hanno vinto un GT (Vuelta anni 90, Giro e Tour anni 80)
Un mondiale (anni '90)

e nelle Monumento ?
Fiandre 1992
Sanremo 1995 (escludo Demare che non ha vinto...)
Roubaix 1997
Liegi 1980 (avete letto bene)
Lombardia 1997

Insomma la tanto decantata Nouvelle Vague Francese non ha fatto una beata mazza. E ormai Pinot, Bardet e compagnia non sono piu' tanto nouvelle...
Henry Kissinger : (Ad un summit presso il Ministero degli Esteri alla fine dell'intervento di Aldo Moro) Chi parla in questo modo non può che essere un imbroglione e non può che rappresentare un popolo di imbroglioni.
Avatar utente
TIC
 
Messaggi: 6790
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:20

Re: La crisi del ciclismo italiano

UNREAD_POSTdi nino58 » mercoledì 13 settembre 2017, 14:32

TIC ha scritto:Ma guardiamo la Francia ...
Guardate l'ultima volta che hanno vinto un GT (Vuelta anni 90, Giro e Tour anni 80)
Un mondiale (anni '90)

e nelle Monumento ?
Fiandre 1992
Sanremo 1995 (escludo Demare che non ha vinto...)
Roubaix 1997
Liegi 1980 (avete letto bene)
Lombardia 1997

Insomma la tanto decantata Nouvelle Vague Francese non ha fatto una beata mazza. E ormai Pinot, Bardet e compagnia non sono piu' tanto nouvelle...


Vabbè, fai tu il giudice di gara e non se ne parla più.
Von Rock ? Nein, danke.
Diritto di correre senza condizioni a chi ha scontato una squalifica !!!
Avatar utente
nino58
 
Messaggi: 7675
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 14:38

Re: La crisi del ciclismo italiano

UNREAD_POSTdi Stylus » mercoledì 13 settembre 2017, 14:34

Infatti tutto l'ambaradam :D che ho fatto era piuttosto per valutare il livello medio di un movimento piuttosto che l'eccellenze, se vi ricordavate partivamo dal timore che Nibali fosse la foglia di fico di un movimento. Bene avere un campione, meno bene avere un livello medio basso.

La Francia è ora più o meno a livello dell'italia (anche se nel 2013 ci ha battuto per numero di vittorie), ma è interessante notare come abbia superato bene la crisi di inizio secolo, crisi che abbiamo sempre il rischio di correre se le nostre promesse non fanno il salto di qualità (Moscon e Colbrelli) e i nostri talenti non rimangono ad un livello costante (Viviani e Aru)
Stylus
 
Messaggi: 531
Iscritto il: giovedì 28 aprile 2011, 11:03

Re: La crisi del ciclismo italiano

UNREAD_POSTdi riddler » mercoledì 13 settembre 2017, 16:19

A parte la vittoria di Demare quoto in tutto TIC...
La Francia è superiore all'Italia??? Ma quando mai...
Ma ragazzi ha due corridori da corse a tappe come Bardet e Pinot, secondo voi riusciranno mai a vincere un grande giro?
Li vogliamo paragonare a Nibali e Aru che di grandi giri ne hanno vinti 5 in totale (di cui, tanto per ricordare un tour de france???)
Hanno un velocista come Demare che è il migliore al mondo... se si ritirano dalle corse a tappe Kittel e Sagan però...
Hanno Alaphilippe che è bravissimo adesso nel confezionare secondi e terzi posti...


Ma di che stiamo parlando? Ma per carità...
Ecco l'elenco delle corse minori del ciclismo:
http://it.wikipedia.org/wiki/Sacha_Modolo
riddler
 
Messaggi: 729
Iscritto il: domenica 24 luglio 2011, 21:07

Re: La crisi del ciclismo italiano

UNREAD_POSTdi Winter » mercoledì 13 settembre 2017, 17:43

Devi considerare l'età dei francesi
Nibali il prossimo anno avra' 33 anni..

Bardet , Pinot li puoi paragonare ad Aru

Quest'anno

Bardet 2° al Tour - 17° alla vuelta - 1 tappa al Tour
Pinot 4° al Giro - Ritirato al Tour - 1 tappa al Giro
Aru 5° al Tour - 13° alla vuelta - 1 tappa al Tour
Winter
 
Messaggi: 10949
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Re: La crisi del ciclismo italiano

UNREAD_POSTdi riddler » giovedì 14 settembre 2017, 14:47

Pinot lo paragono al massimo a Voeckler...
Bardet a me risulta sia arrivato quest'anno terzo al giro e pure per sbaglio in un tour costruito per lui...
Non credo che riesca a vincere in futuro, per le sue caratteristiche una corsa a tappe...
Ecco l'elenco delle corse minori del ciclismo:
http://it.wikipedia.org/wiki/Sacha_Modolo
riddler
 
Messaggi: 729
Iscritto il: domenica 24 luglio 2011, 21:07

Re: La crisi del ciclismo italiano

UNREAD_POSTdi Tranchée d'Arenberg » giovedì 14 settembre 2017, 14:50

riddler ha scritto:Pinot lo paragono al massimo a Voeckler...
Bardet a me risulta sia arrivato quest'anno terzo al giro e pure per sbaglio in un tour costruito per lui...
Non credo che riesca a vincere in futuro, per le sue caratteristiche una corsa a tappe...


Pinot è arrivato 4° al Giro, mentre Bardet è arrivato 3° al Tour.
Cobblestone 2012 - 1° Classifica Generale
Cobblestone 2012 - 1° Classifica Classiche
Cobblestone 2013 - 1° Classifica Semiclassiche

FantaCycling Manager 2016 - 1° Classifica (squadre)
Avatar utente
Tranchée d'Arenberg
 
Messaggi: 12563
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:50
Località: Falconara Albanese (CS)

Re: La crisi del ciclismo italiano

UNREAD_POSTdi TIC » mercoledì 4 ottobre 2017, 19:00

da cqranking

Country Ranking More...
1. Ita Italy 10941
2. Bel Belgium 10493
3. Fra France 10147
4. Esp Spain 9283
5. Col Colombia 8596

altro che crisi, la crisi c'e' l'ha sempre avuta il ciclisno africano, non noi. E questa classifica (che privilegia i piazzamenti complessivi) ha particolarmente valore per il movimento complessivo delle nazioni.Un po' piu criticabile il ranking individuale che dovrebbe dare piu punti alle vittorie e meno ai piazzamenti, non e' possibile che uno che quest'anno non ha vinto niente come Nibali si trovi addiritura nei primi 10 (decimo mi pare)
Henry Kissinger : (Ad un summit presso il Ministero degli Esteri alla fine dell'intervento di Aldo Moro) Chi parla in questo modo non può che essere un imbroglione e non può che rappresentare un popolo di imbroglioni.
Avatar utente
TIC
 
Messaggi: 6790
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:20

Re: La crisi del ciclismo italiano

UNREAD_POSTdi barrylyndon » mercoledì 4 ottobre 2017, 19:06

Vero.Ma da aprile ad oggi, il suo peggior risultato in una classifica finale e' il 12mo posto nel campionato italiano.
E mi sembra, guaradando anche le tappe che non e' mai andato oltre il 67 mo posto nella prima tappa del Polonia.
Per il resto sempre nei primi 40 tra aprile ed oggi.
Direi un'ottima continuita' di rendimento.
beppesaronni ha scritto:
Giocati 10 euro facilissimi per Milano passaggio del turno
http://www.sportando.com/it/italia/seri ... detto.html
Avatar utente
barrylyndon
 
Messaggi: 11019
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 15:20

Re: La crisi del ciclismo italiano

UNREAD_POSTdi udra » mercoledì 4 ottobre 2017, 19:14

Effettivamente non si spiega come Modolo abbia 1000 punti in meno di Nibali quando hanno vinto lo stesso numero di corse :hammer:
Avatar utente
udra
 
Messaggi: 4393
Iscritto il: mercoledì 1 ottobre 2014, 10:29

Re: La crisi del ciclismo italiano

UNREAD_POSTdi nino58 » giovedì 5 ottobre 2017, 7:39

udra ha scritto:Effettivamente non si spiega come Modolo abbia 1000 punti in meno di Nibali quando hanno vinto lo stesso numero di corse :hammer:


Gli mancano giusto due podi GT. :)
Von Rock ? Nein, danke.
Diritto di correre senza condizioni a chi ha scontato una squalifica !!!
Avatar utente
nino58
 
Messaggi: 7675
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 14:38

Re: La crisi del ciclismo italiano

UNREAD_POSTdi riddler » lunedì 9 ottobre 2017, 12:00

Il ciclismo italiano è sempre + in crisi nera...
Ecco l'elenco delle corse minori del ciclismo:
http://it.wikipedia.org/wiki/Sacha_Modolo
riddler
 
Messaggi: 729
Iscritto il: domenica 24 luglio 2011, 21:07

Re: La crisi del ciclismo italiano

UNREAD_POSTdi qrier » lunedì 9 ottobre 2017, 13:24

Visto il finale di stagione direi che dal punto di vista del materiale umano la crisi stia finendo, non ci sono più solo Nibali e Aru, ma Trentin sembra abbia fatto il salto di qualità e il prossimo anno non sarà gregario... e Moscon promette benissimo. Viviani il suo lo sta facendo.
Mi aspetterei ancora qualcosa in più da Colbrelli, mentre Ulissi resta sempre indecifrabile.
Formolo non so a che livello possa arrivare, deve migliorare parecchio a cronometro e ancora un po' in salita.

La vera crisi del ciclismo italiano è dato dalle squadre, rivorrei almeno una squadra italiana world tour e un rilancio delle professional.
qrier
 
Messaggi: 252
Iscritto il: giovedì 7 maggio 2015, 14:12

Re: La crisi del ciclismo italiano

UNREAD_POSTdi Tranchée d'Arenberg » lunedì 9 ottobre 2017, 13:29

TIC ha scritto: Un po' piu criticabile il ranking individuale che dovrebbe dare piu punti alle vittorie e meno ai piazzamenti, non e' possibile che uno che quest'anno non ha vinto niente come Nibali si trovi addiritura nei primi 10 (decimo mi pare)


Una sentenza. Neanche 72 ore dopo Nibali ha firmato un vero e proprio capolavoro vincendo il Lombardia. Spettacolare TIC :clap:
Cobblestone 2012 - 1° Classifica Generale
Cobblestone 2012 - 1° Classifica Classiche
Cobblestone 2013 - 1° Classifica Semiclassiche

FantaCycling Manager 2016 - 1° Classifica (squadre)
Avatar utente
Tranchée d'Arenberg
 
Messaggi: 12563
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:50
Località: Falconara Albanese (CS)

Re: La crisi del ciclismo italiano

UNREAD_POSTdi GregLemond » lunedì 9 ottobre 2017, 14:03

I ciclisti ci sono...

Nibali, Trentin, Aru, Moscon, Bettiol, Formolo, Viviani , Colbrelli, Ulissi... Ma mi permetto di inserire anche Ganna e Consonni...


Manca la struttura, il team WT e le professional
GregLemond
 
Messaggi: 853
Iscritto il: sabato 6 settembre 2014, 19:00

Re: La crisi del ciclismo italiano

UNREAD_POSTdi nikybo85 » lunedì 9 ottobre 2017, 15:02

GregLemond ha scritto:I ciclisti ci sono...

Nibali, Trentin, Aru, Moscon, Bettiol, Formolo, Viviani , Colbrelli, Ulissi... Ma mi permetto di inserire anche Ganna e Consonni...


Manca la struttura, il team WT e le professional

concordo..cn squadre italiane di livello come nei 90'-00' anke un de negri x esempio potrebbe avere spazi importanti..e ci sarebbe possibilità x più nostri corridori di venire fuori..e de negri sarebbe un ottimo gregario in una squadra italiana di prima fascia
nikybo85
 
Messaggi: 110
Iscritto il: martedì 22 agosto 2017, 23:06

Re: La crisi del ciclismo italiano

UNREAD_POSTdi Salvatore77 » lunedì 9 ottobre 2017, 17:19

qrier ha scritto:La vera crisi del ciclismo italiano è dato dalle squadre, rivorrei almeno una squadra italiana world tour e un rilancio delle professional.

Infatti. Questo rappresenta una falla enorme del sistema (che forse non esiste) colmato da individualità spesso cresciute fuori.
Salvatore77
 
Messaggi: 3179
Iscritto il: domenica 9 gennaio 2011, 19:14

Re: La crisi del ciclismo italiano

UNREAD_POSTdi Stylus » lunedì 9 ottobre 2017, 18:37

Salvatore77 ha scritto:
qrier ha scritto:La vera crisi del ciclismo italiano è dato dalle squadre, rivorrei almeno una squadra italiana world tour e un rilancio delle professional.

Infatti. Questo rappresenta una falla enorme del sistema (che forse non esiste) colmato da individualità spesso cresciute fuori.


Squadre e corse. E' notizia di poche settimane che il prossimo anno tornerà un'altra corsa, la Vuelta Aragona. E' la seconda che torna dopo la Vuelta Comunidad Valenciana, insieme ad altre che dopo essere state ristrette in tempo di ricrisi hanno ripreso la loro lunghezza. In Italia le corse muoiono e non ritornano più
Stylus
 
Messaggi: 531
Iscritto il: giovedì 28 aprile 2011, 11:03

Re: La crisi del ciclismo italiano

UNREAD_POSTdi marco_graz » lunedì 9 ottobre 2017, 19:18

Stylus ha scritto:
Salvatore77 ha scritto:
qrier ha scritto:La vera crisi del ciclismo italiano è dato dalle squadre, rivorrei almeno una squadra italiana world tour e un rilancio delle professional.

Infatti. Questo rappresenta una falla enorme del sistema (che forse non esiste) colmato da individualità spesso cresciute fuori.


Squadre e corse. E' notizia di poche settimane che il prossimo anno tornerà un'altra corsa, la Vuelta Aragona. E' la seconda che torna dopo la Vuelta Comunidad Valenciana, insieme ad altre che dopo essere state ristrette in tempo di ricrisi hanno ripreso la loro lunghezza. In Italia le corse muoiono e non ritornano più

Ma anche noi abbiamo risollevato corse, la Strade Bianche, il Tre Valli e il GIro dell'Emilia di quest'anno. Certo e' poco pero' riorganizzando meglio il calendario c'e' spazio per migliorare.

Ci mancherebbe purtroppo una corsa a tappe importante oltre alla Tirreno e al Tour des Alpes.

D'accordissimo invece sulla mancanza di una squadra Italia-centrica. UAE e TBahrain per quanto con una certa matrice non si possono considerare tali.

Certo mentre qualche mese fa stavamo qui a disperarci vedo la situazione molto piu' rosea ora, sperando in un miglioramento generale dei nostri nel 2018 visto che alla fine di vincenti in la con gli anni abbiamo praticamente solo Nibali e piu' di qualcuno fra i nostri migliori cambia squadra con ruoli piu' adatti a portare a casa qualche vittoria in piu.
marco_graz
 
Messaggi: 221
Iscritto il: giovedì 6 ottobre 2016, 15:26

Re: La crisi del ciclismo italiano

UNREAD_POSTdi nino58 » martedì 10 ottobre 2017, 8:56

Per le corse a tappe basterebbe "allargare" il Giro di Toscana a 4 tappe.
Ma è un periodo dell'anno troppo ingolfato.
Un Giro di Toscana di 4 giorni ci starebbe nel periodo del Tour of Alps e il Tour of Alps in estate (dove non c'è nulla).
Ah, poi c'è comunque la Coppi e Bartali.
Per ciò che riguarda le corse in linea sono certamente da ripristinare il Giro del Lazio, il Giro di Campania, il Giro del Veneto (incomprensibile la sua scomparsa) ed il Giro di Romagna/Coppa Placci (anche unificati).
In primavera si potrebbero alternare Reggio Calabria, Etna/Pantalica (anche unificando), la Sassari/Cagliari (se non si può fare la corsa a tappe).
Von Rock ? Nein, danke.
Diritto di correre senza condizioni a chi ha scontato una squalifica !!!
Avatar utente
nino58
 
Messaggi: 7675
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 14:38

Re: La crisi del ciclismo italiano

UNREAD_POSTdi Stylus » martedì 10 ottobre 2017, 9:04

nino58 ha scritto:Per le corse a tappe basterebbe "allargare" il Giro di Toscana a 4 tappe.
Ma è un periodo dell'anno troppo ingolfato.
Un Giro di Toscana di 4 giorni ci starebbe nel periodo del Tour of Alps e il Tour of Alps in estate (dove non c'è nulla).
Ah, poi c'è comunque la Coppi e Bartali.
Per ciò che riguarda le corse in linea sono certamente da ripristinare il Giro del Lazio, il Giro di Campania, il Giro del Veneto (incomprensibile la sua scomparsa) ed il Giro di Romagna/Coppa Placci (anche unificati).
In primavera si potrebbero alternare Reggio Calabria, Etna/Pantalica (anche unificando), la Sassari/Cagliari (se non si può fare la corsa a tappe).


Il problema è che, mentre in Spagna qualcuno ha avuto interesse a riportare in vita alcune corse, in Italia sembra proprio di no. E il Camaiore? Barattato per l'inizio della Tirreno. E il Melinda? spacciato per un campionato nazionale e poi sparito.
Stylus
 
Messaggi: 531
Iscritto il: giovedì 28 aprile 2011, 11:03

Re: La crisi del ciclismo italiano

UNREAD_POSTdi jerrydrake » martedì 10 ottobre 2017, 11:28

Riporto qui, aggiornandole, le statistiche di un vecchio thread, ricordando le premesse

jerrydrake ha scritto:Ho considerato i ranking annuali (dal 1999) del sito CQranking, a mio avviso uno dei migliori in materia, più facili da consultare, che non si limita a considerare le gare del World Tour.
Sono andato a vedere quanti corridori italiani sono presenti nei primi 10, 20, 50, 100, 300 e 500 del ranking di ogni anno (per il 2017 da gennaio ad adesso). Ecco la situazione in forma di tabella e di grafici.


tabella 2017.jpg
tabella 2017.jpg (39.01 KiB) Osservato 503 volte


alto_livello 2017.jpg
alto_livello 2017.jpg (29.37 KiB) Osservato 503 volte


medio_livello 2017.jpg
medio_livello 2017.jpg (31.36 KiB) Osservato 503 volte


Nella memoria del tifoso italiano rimangono il meraviglioso Nibali del Lombardia, lo scintillante Trentin, la splendida promessa Moscon, ma i numeri dicono altro. I campioni rimangono pochissimi e continua imperterrito il crollo dei ciclisti di medio livello.
Avatar utente
jerrydrake
 
Messaggi: 4457
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 12:14

Re: La crisi del ciclismo italiano

UNREAD_POSTdi nino58 » martedì 10 ottobre 2017, 11:37

Infatti.
Il top 300 è il più inquietante.
Von Rock ? Nein, danke.
Diritto di correre senza condizioni a chi ha scontato una squalifica !!!
Avatar utente
nino58
 
Messaggi: 7675
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 14:38

Re: La crisi del ciclismo italiano

UNREAD_POSTdi jerrydrake » martedì 10 ottobre 2017, 11:44

nino58 ha scritto:Infatti.
Il top 300 è il più inquietante.

Inquietante è il termine corretto. Ho ricontrollato più volte perché non ci credevo. Direi che questo dato è dovuto al calo degli italiani nelle Professional italiane: tra i primi 300 solo 2 Nippo, 2 Androni, un Bardiani e un Wilier (tra l'altro questi ultimi due sono oltre la 200esima posizione). L'anno scorso i Wilier erano 4 e la Bardiani aveva il 17° in classifica.
Avatar utente
jerrydrake
 
Messaggi: 4457
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 12:14

Re: La crisi del ciclismo italiano

UNREAD_POSTdi Lopi90 » martedì 10 ottobre 2017, 12:49

jerrydrake ha scritto:
nino58 ha scritto:Infatti.
Il top 300 è il più inquietante.

Inquietante è il termine corretto. Ho ricontrollato più volte perché non ci credevo. Direi che questo dato è dovuto al calo degli italiani nelle Professional italiane: tra i primi 300 solo 2 Nippo, 2 Androni, un Bardiani e un Wilier (tra l'altro questi ultimi due sono oltre la 200esima posizione). L'anno scorso i Wilier erano 4 e la Bardiani aveva il 17° in classifica.


Piu` che altro e` dato dalla riduzione del numero di professional italiane. E` pieno di corridori discreti che correndo da capitani in una professional alla Gavazzi nei 300 ci starebbero comodi, ma fanno i gregari altrove e raccolgono pochi punti. Abbiamo ad esempio Rosa, Oss, Battaglin, De Marchi, Cimolai, Martinelli, Marcato, Gatto, Ferrari, Pelucchi, Brambilla.

Nel 2009 molti di questi avrebbero corso in professional italiane da capitani, e infatti c'erano 23 (!) corridori di professional e continental italiane nei 300.
Lopi90
 
Messaggi: 270
Iscritto il: martedì 31 maggio 2011, 11:15

Re: La crisi del ciclismo italiano

UNREAD_POSTdi TIC » martedì 10 ottobre 2017, 13:16

jerrydrake ha scritto:
nino58 ha scritto:Infatti.
Il top 300 è il più inquietante.

Inquietante è il termine corretto. Ho ricontrollato più volte perché non ci credevo. Direi che questo dato è dovuto al calo degli italiani nelle Professional italiane: tra i primi 300 solo 2 Nippo, 2 Androni, un Bardiani e un Wilier (tra l'altro questi ultimi due sono oltre la 200esima posizione). L'anno scorso i Wilier erano 4 e la Bardiani aveva il 17° in classifica.


Balle.
Non si deve affatto guardare il valore assoluto (tot italiani nei primi 100) ma il valore relativo confrontato alle altre nazioni. Se adesso nascono campioni in Inghilterra Colombia, Australia che 20 anni fa non c'erano, o c'e'rano in minor misura, e' chiaro che TUTTE le nazioni avranno meno corridori TOP. Quel che conta, restando a CQ Rankimg, e' che come punteggio siamo i primi, e ultimamnente non era cosi'. Cosi' si misura il movimento, poi se arriva il campionissimo e' sempre un caso (anche se ora e' arrivato....) Poi evitiamo di guardare glia anni '90 e un po' anche inizio millennio dove noi eravamo avvantaggiati in modo fraudolento rispetto a tutti.
Per quanto riguarda le varie corsette italiane e' un bene che siano sparite, auspico che ne spariscano anche altre.
Secondo, che non ci siano WT Italiane non c'entra niente, neanche in Colombia ce ne sono.... (e poi siamo primi in CQ Ranking anche senza squadre WT).
Henry Kissinger : (Ad un summit presso il Ministero degli Esteri alla fine dell'intervento di Aldo Moro) Chi parla in questo modo non può che essere un imbroglione e non può che rappresentare un popolo di imbroglioni.
Avatar utente
TIC
 
Messaggi: 6790
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:20

Re: La crisi del ciclismo italiano

UNREAD_POSTdi Strong » martedì 10 ottobre 2017, 13:54

negli anni 90' il nostro sistema aveva potere economico e soprattutto politico per coprire praticamente tutto il movimento
ma poi con il passare degli anni "l'ombrello" si è ridemensionato ed ora il "sistema italia" si può permettere di tenere sotto pochi intimi.

il resto sono tutte pippe mentali. :D
i fondamentalisti del ciclismo e gli ultras dei ciclisti sono il male di questo sport.
Strong
 
Messaggi: 8483
Iscritto il: mercoledì 12 gennaio 2011, 11:48

Re: La crisi del ciclismo italiano

UNREAD_POSTdi nemecsek. » martedì 10 ottobre 2017, 14:00

Strong ha scritto:negli anni 90' il nostro sistema aveva potere economico e soprattutto politico per coprire praticamente tutto il movimento
ma poi con il passare degli anni "l'ombrello" si è ridemensionato


...e le nefandezze, pardon, le "imprese" si sono ridimensionate.... :diavoletto:
...ve lo meritate Nanni Moretti....

Immagine
Avatar utente
nemecsek.
 
Messaggi: 921
Iscritto il: mercoledì 6 gennaio 2016, 22:35

Re: La crisi del ciclismo italiano

simila

simila
 

PrecedenteProssimo

Torna a Dite la vostra sul ciclismo!

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google Adsense [Bot] e 13 ospiti