La crisi del ciclismo italiano

Il mondo dei professionisti tra gare e complessità, e più in generale l'approccio al ciclismo di ogni appassionato
Marco Gaviglio
Messaggi: 674
Iscritto il: giovedì 18 febbraio 2016, 13:01
Località: Genova

Re: La crisi del ciclismo italiano

Messaggio da leggereda Marco Gaviglio » lunedì 29 maggio 2017, 2:32

CicloSprint ha scritto:La Bahrein-Merida era una riedizione della Fassa Bortolo dei primi anni 2000 con Volpi in ammiraglia...


in che senso?



Avatar utente
tetzuo
Messaggi: 7903
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 10:08

Re: La crisi del ciclismo italiano

Messaggio da leggereda tetzuo » lunedì 29 maggio 2017, 10:32

jerrydrake ha scritto:
tetzuo ha scritto:1 vittoria di tappa
podio finale
3 in top ten

promossi nibali, pozzovivo, petilli, pellizzotti, cataldo, ferrari
rimandati formolo, mareczko, conti, benedetti, sbaragli, la wilier
bocciati rosa, visconti, montaguti, la bardiani, modolo, battaglin, villella

per i gt, la situazione è pesante, vediamo Aru :diavoletto:


Promuovo solo Nibali e Pelizzotti.
Quasi sufficienti mareczko, ferrari e Pozzovivo
Rimandati Conti e Petilli
Bocciati tutti gli altri
Al posto delle 2 WC italiane dovevano invitare una selezione di vecchie glorie. Re Leone avrebbe portato a casa una volata, Chiappucci avrebbe attaccato ai -200 dall'arrivo nel tappone dello Stelvio, Coppolillo sarebbe stato sempre in fuga e Perini sarebbe stato il miglior gregario per Nibali e Visentini, sfruttando l'assenza di Roche, si sarebbe giocato il Giro.
Il mio Razzie Award va a Diego Rosa


dici che sono stato troppo di maniga larga?

AH tra i rimandati da mettere anche chiaramente Nizzolo e direi pure due neo-pro che si sono visti poco, ma hanno diverse attenuanti, uno la giovane età (Albanese), l'altro il fatto di non esseri preparato al meglio per il Giro (Ravasi) se non sbaglio chiamato all'ultimo per sostituire l'infortunato Atapuma



Avatar utente
tetzuo
Messaggi: 7903
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 10:08

Re: La crisi del ciclismo italiano

Messaggio da leggereda tetzuo » lunedì 29 maggio 2017, 10:32

Marco Gaviglio ha scritto:
CicloSprint ha scritto:La Bahrein-Merida era una riedizione della Fassa Bortolo dei primi anni 2000 con Volpi in ammiraglia...


in che senso?


Nel senso di ciclosprint



pereiro2982
Messaggi: 1281
Iscritto il: lunedì 16 maggio 2016, 14:18

Re: La crisi del ciclismo italiano

Messaggio da leggereda pereiro2982 » lunedì 29 maggio 2017, 11:48

io sono curioso di vedere in generale nei tre grandi giri come andranno le cose... la vedo nera....

strano dopo gli spiragli di luce nelle classiche ci apprestiamo a vedere un anno orribile nelle corse a tappe ,forse



Avatar utente
jerrydrake
Messaggi: 4457
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 12:14

Re: La crisi del ciclismo italiano

Messaggio da leggereda jerrydrake » lunedì 29 maggio 2017, 13:19

pereiro2982 ha scritto:strano dopo gli spiragli di luce nelle classiche ci apprestiamo a vedere un anno orribile nelle corse a tappe ,forse


Mica tanto strano. Dopo Nibali chi si è affacciato al professionismo dandoci qualche speranza per i GG? A parte Aru mi vengono in mente Capecchi, D. Caruso, Cataldo, Cattaneo, Formolo, Rosa. Manca qualcuno? Con una pattuglia così forse ci apprestiamo a vivere un decennio da incubo nelle gare a tappe.



Avatar utente
nino58
Messaggi: 7755
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 14:38

Re: La crisi del ciclismo italiano

Messaggio da leggereda nino58 » lunedì 29 maggio 2017, 13:31

jerrydrake ha scritto:
pereiro2982 ha scritto:strano dopo gli spiragli di luce nelle classiche ci apprestiamo a vedere un anno orribile nelle corse a tappe ,forse


Mica tanto strano. Dopo Nibali chi si è affacciato al professionismo dandoci qualche speranza per i GG? A parte Aru mi vengono in mente Capecchi, D. Caruso, Cataldo, Cattaneo, Formolo, Rosa. Manca qualcuno? Con una pattuglia così forse ci apprestiamo a vivere un decennio da incubo nelle gare a tappe.


Aru è una realtà.
Per il resto non c'è assolutamente nulla, né al presente, né all'orizzonte.
La Francia ha Bardet e Pinot come uomini-podio nei GT e non è male.
Il Belgio nessuno da decenni.
La Spagna, finiti Conty e Valv, ha un grande Landa.
Olanda, Colombia e Lussemburgo hanno il futuro.
Germania zero.
Anche l'Est non sta messo per niente bene.
Gli anglofoni hanno, dopo Froome e Thomas, i fratelli Yates e Mentijes.


Von Rock ? Nein, danke.
Diritto di correre senza condizioni a chi ha scontato una squalifica !!!

Avatar utente
tetzuo
Messaggi: 7903
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 10:08

Re: La crisi del ciclismo italiano

Messaggio da leggereda tetzuo » lunedì 29 maggio 2017, 13:41

per il futuro, occhio anche agli americani e alla stessa Francia che hanno ragazzi niente male, in particolare la Francia ne ha uno che è appena passato Pro è già sta facendo molto bene.



Avatar utente
tetzuo
Messaggi: 7903
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 10:08

Re: La crisi del ciclismo italiano

Messaggio da leggereda tetzuo » lunedì 29 maggio 2017, 13:51

jerrydrake ha scritto:
pereiro2982 ha scritto:strano dopo gli spiragli di luce nelle classiche ci apprestiamo a vedere un anno orribile nelle corse a tappe ,forse


Mica tanto strano. Dopo Nibali chi si è affacciato al professionismo dandoci qualche speranza per i GG? A parte Aru mi vengono in mente Capecchi, D. Caruso, Cataldo, Cattaneo, Formolo, Rosa. Manca qualcuno? Con una pattuglia così forse ci apprestiamo a vivere un decennio da incubo nelle gare a tappe.


Vero i nomi tra quelli nati metà anni '80 e primi '90 sono quelli. Ci sarebbero anche Bongiorno, Ciccone e Ravasi. Il primo è praticamente sparito (ormai corre in serie C), il secondo ha avuto un grave problema e al Giro non si è mai visto, chissà se lo rivedremo su buoni livelli, il terzo lo dobbiamo aspettare, certo non ha fatto chissà quali prestazioni in questi mesi.

Vediamo Petilli che è anche lui un buon prospetto. Coraggio e grinta non gli mancano, a 23 anni un 26esimo posto al giro, non da buttare anche se con oltre un ora di ritardo :diavoletto:, ripeto Vincenzo è altra roba ed era altra roba da subito dove si vedeva avere doti eccellenti di fondo e di recupero, ma ci dobbiamo fare l'abitudine che prima o poi smetterà anche lui di fare podi nei GT.



Tutti questi comunque sono inferiori a Nibali, quindi sì, tempi bui. Cassani che è uno che si esprime sempre con molta fiducia nei confronti dei giovani italiani, ha detto che il miglior prospetto a breve termine è Formolo, ma che è difficile possa vincere un Giro, al massimo può puntare al podio.

Spero di non vedere boiate tipo riciclare Felline o Moscon in uomini da corse a tappe.



Marco Gaviglio
Messaggi: 674
Iscritto il: giovedì 18 febbraio 2016, 13:01
Località: Genova

Re: La crisi del ciclismo italiano

Messaggio da leggereda Marco Gaviglio » lunedì 29 maggio 2017, 13:58

la Spagna ha anche Soler, oltre a Landa, e anzi direi che in potenziale Soler è pure più forte e completo del buon Mikel. Ocho!



matteo9502
Messaggi: 2488
Iscritto il: lunedì 15 luglio 2013, 21:48

Re: La crisi del ciclismo italiano

Messaggio da leggereda matteo9502 » lunedì 29 maggio 2017, 14:06

jerrydrake ha scritto:
pereiro2982 ha scritto:strano dopo gli spiragli di luce nelle classiche ci apprestiamo a vedere un anno orribile nelle corse a tappe ,forse


Mica tanto strano. Dopo Nibali chi si è affacciato al professionismo dandoci qualche speranza per i GG? A parte Aru mi vengono in mente Capecchi, D. Caruso, Cataldo, Cattaneo, Formolo, Rosa. Manca qualcuno? Con una pattuglia così forse ci apprestiamo a vivere un decennio da incubo nelle gare a tappe.

Il buon Francesco Masciarelli che purtroppo è stato costretto a chiudere la carriera troppo presto...

Tra i professionisti attuali quelli con più possibilità di far bene nei GT nel futuro sono Aru, Formolo, Ravasi e Petilli. Il panorama è abbastanza sconsolante.



CicloSprint
Messaggi: 5264
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:49

Re: La crisi del ciclismo italiano

Messaggio da leggereda CicloSprint » lunedì 29 maggio 2017, 15:07

tetzuo ha scritto:
Marco Gaviglio ha scritto:
CicloSprint ha scritto:La Bahrein-Merida era una riedizione della Fassa Bortolo dei primi anni 2000 con Volpi in ammiraglia...


in che senso?


Nel senso di ciclosprint



Che Volpi era DS della Fassa Bortolo.



Marco Gaviglio
Messaggi: 674
Iscritto il: giovedì 18 febbraio 2016, 13:01
Località: Genova

Re: La crisi del ciclismo italiano

Messaggio da leggereda Marco Gaviglio » lunedì 29 maggio 2017, 15:32

CicloSprint ha scritto:
Che Volpi era DS della Fassa Bortolo.


ok, e con ciò? allora l'Astana era una riedizione della Mercatone Uno con Martinelli in ammiraglia? :D



ciclistapazzo
Messaggi: 70
Iscritto il: lunedì 29 maggio 2017, 16:39

Re: La crisi del ciclismo italiano

Messaggio da leggereda ciclistapazzo » lunedì 29 maggio 2017, 17:30

Salve a tutti

Sono nuovo del forum, sono un appassionato di ciclismo che da tempo leggeva il vostro forum e trovando le vostre posizioni molto intelligenti e stimolanti ho deciso di iscrivermi e partecipare a qualche discussione.

In particolare questa della crisi del ciclismo italiano mi ha colpito anche perché spezza l'ipocrisia che domina non solo la tv pubblica, ma anche gran parte dei siti specialistici. Inutile dire che a leggere le pagelle del giro le insufficienze riguardano solo stranieri o casi estremi (Pirazzi Ruffoni), mentre tra i promossi decine di italiani. Addirittura un noto sito offre un generoso 6 a Vilella e un 7 a Formolo. E poi 6,5 a qualsiasi italiano abbia anche vagamente sfiorato una fuga... Meno male che almeno Cassani di fronte a Viella e Formolo ha spezzato le lodi della Di Stefano per rimproverare e spronare i ragazzi.

Ma procediamo con ordine: partiamo proprio dal Giro. Io condivido la posizione di chi sostiene che gli scarsi risultati di questo Giro dipendano dall'alto livello dei partecipanti, imparagonabile non solo agli anni dove vinceva un Menchov, ma anche alle stagioni più recenti dove a parte uno o due big delle corse a Tappe (Quintana, Contador, Nibali) per il resto le squadre schieravano seconde linee. Quest'anno non solo c'erano Quintana, Nibali, Dumulin, Pinot, Thomas ecc., non solo c'erano corridori da top 10 del tour (Mollema, Yates), ma per la prima volta dopo tanti anni c'era un signor velocista che ha deciso di arrivare a Milano, ottimi cacciatori di tappa (Rolland, Rui Costa), un Landa costretto a cercare la vittoria di tappa e i gpm (dove lottava con Fraile). In passato le fughe vedevano un livello dei fuggitivi molto più basso e allora un Ciccone ti vinceva la tappa, la classifica dei gpm se la vinceva un Pirazzi scattando a 50 m dal gpm senza essere marcato, e la maglia rossa la vinceva Nizzolo senza vincere una tappa dopo che si erano ritirati dopo 10 giorni tutti i velocisti stranieri (e quando ormai c'erano solo italiani vinceva pure Modolo). Quest'anno gli italiani in fuga (a parte la tappa di Conti e Visconti) sono stati spesso i primi a staccarsi e in salita sono stati annichiliti dai Landa, Rolland, Rui Costa, Sanchez...
Tragica la situazione delle nostre due professional invitate: la willier ha un velocista di assoluto valore come Marecko e poco altro e lo ha fatto ritirare prima delle montagne come se dovesse andare al tour. vi sembra intelligente? quante altre occasioni avrà quest'anno di finire un giro? e se un giorno dovesse davvero lottare per una maglia a punti? oppure se semplicemente al prossimo giro ci saranno due tappe per velocisti nell'ultima settimana lui avrà l'esperienza e l'allenamento per arrivarci?
La Bardiani inesistente, certo complice il trauma iniziale. Premio affetto per Barbin che lotta come un pazzo per seguire le ruote di gente che in salita ha 10 volte le sue gambe (almeno ci prova).
In questo Giro a tenere alta la bandiera italiana il solito Nibali (che però non è eterno), Pozzovivo e un giovanissimo Pellizzotti. Lodi sperticate per Formolo che centra un top 10 solo grazie al ritiro di Kruijwijk e arriva a più di 5 minuti dal nono...

Torniamo a un piano più generale. Nelle trasmissioni ciclistiche l'attenzione si è concentrata sulla mancanza di team wt: questo sfavorirebbe il passaggio dei nostri ragazzi ai livelli più alti e costringerebbe molti nostri ottimi ciclisti a finire da gregari (vedi Rosa). Tutto vero, io sono il primo a soffrire per la fine della Lampre, sostituita da una sponsorizzazione dai dubbi valori etici e politici. Però credo che la mancanza di una wt significhi soprattutto mancanza di poter programmare su scala ampia, come succede alla Francia con squadre di vecchia data sempre vive sia nel wt che tra le professional (dove c'è una Cofidis che come livello e bilanci probabilmente vale tutte le italiane messe insieme). Non credo invece che il fatto che le squadre siano straniere implichi la voluta non valorizzazione voluta degli italiani, come vorrebbe farci credere il processo alla tappa di Rai2: per esempio tutti a lamentarsi di un Battaglin costretto a fare il gregario e poi nonostante sostanzialmente abbia potuto farsi metà giro libero non si è mai visto. Se un italiano dimostra grandi qualità trova spazio anche fuori, vedrete che Moscon il prossimo anno sarà capitano nelle classiche del nord dovunque correrà, mentre un Trentin potrebbe esserlo in una qualsiasi squadra wt non specializzata in quel tipo di corse come la Etix.
Meglio ha fatto Cassani a sottolineare la mancanza di corse di livello negli under23. Condivido anche chi critica la gestione (o meglio non gestione) Bettini, zero lavoro sui giovani, zero lavoro sulla cronometro, zero lavoro sul movimento di base. Qui vedo un timido miglioramento: una nazionale italiana che corre nelle corse del calendario italiano, ritorna il Giro under23... insomma Cassani è veramente una manna, e poco importa se magari non porterà rapidamente risultati ai mondiali (come se un Viviani potesse battere Sagan, Greipel, Kittel, Gaviria ecc...).

Provo a portare una nota positiva: mi ricordo che 3 o 4 anni fa abbiamo rischiato di non avere nemmeno una squadra di livello continental. Ora le continental italiane sono tante, e molte sono quelle straniere con forti sponsorizzazione italiane. E questo vuol dire che nel movimento di base gli italiani che corrono sono ancora tantissimi: se guardiamo le gare uci di livello più basso (2.2) troviamo sempre tanti vincitori di tappa italiani. Proprio in questi giorni c'erano un giro dell'Albania, un Giro del Giappone dove l'Italia portava a casa tante vittorie. è qualcosa che tiene almeno vivo il movimento.



xwait
Messaggi: 323
Iscritto il: mercoledì 1 aprile 2015, 15:34

Re: La crisi del ciclismo italiano

Messaggio da leggereda xwait » lunedì 29 maggio 2017, 18:23

Sul discorso "squadre WT", la situazione italiana la vedo irrecuperabile.
Senza contare che molte tra le principali squadre WT hanno gia' le proprie Continental da cui pescare.

Ho scritto che gli italiani si stanno specializzando nel gregariato di alto livello, perche' il Giro 100 e' stato non solo quello col minor numero di vittorie italiane ma pure quello (credo) con meno italiani al via. Questo va di pari passo col fatto che le WT straniere abbiano portato le prime linee, gente quotata. Sempre in tema di WT, l'Italia e' ancora a secco di vittorie nell'attuale WT (allargato!) e non mi stupirei se rimanesse a secco di vittorie per tutto il 2017.

Per me, in Italia, le vittorie dei singoli servono a nascondere i problemi sotto lo zerbino, nel senso che fanno piu' male che bene in prospettiva futura.
Viviani vince alle Olimpiadi in pista sbattendosi per lo piu' da solo e senza troppi investimenti (1 velodromo adeguato in tutta la penisola!) e il quartetto azzurro sembra andare bene. Deduzione? Investire non serve, tanto si vince lo stesso: Viviani alle Olimpiadi, Nibali al Giro e al Tour, Aru alla Vuelta ecc.
I giornalisti danno dei bei voti in pagella: Giro 100 con Nibali sul podio e una tappa vinta, tre nei primi 10. Ale', tutti contenti! :ponpon:

Manca tutto. Il ciclismo e' visto dai genitori come uno sport pericoloso (come dar loro torto).

Ci vorrebbero piste di BMX, investire sulla mountain bike, sulla pista (tre sport olimpici!), sul ciclocross...
Sport che non si svolgono su strade aperte e che devono essere approcciati, perche' no, anche come un divertimento, soprattutto in gioventu' (senza trattare dilettanti come professionisti in miniatura da spremere per la settimanale gara del campanile).
Credo sia una situazione ormai irrecuperabile :titanic:

Sull'argomento cronometro, che e' sempre piu' decisivo nei GT e dove gli italiani sono sempre deficitari:
ciclistapazzo ha scritto:zero lavoro sulla cronometro

Venerdì 23 giugno -> Cronometro Uomini Élite
Domenica 25 giugno -> Campionati assoluti in linea Uomini Élite

Devo aggiungere altro?
Farla il mercoledi' (come ai mondiali) o, al piu' tardi, al giovedi'? :muro:
Invece cosi' l'alteta deve scegliere se prepararne una o l'altra (ma tanto la crono la corrono in 10-15 :roll: )



Admin
Messaggi: 11465
Iscritto il: domenica 21 giugno 2009, 21:48

Re: La crisi del ciclismo italiano

Messaggio da leggereda Admin » martedì 30 maggio 2017, 2:37

xwait ha scritto:Sempre in tema di WT, l'Italia e' ancora a secco di vittorie nell'attuale WT (allargato!) e non mi stupirei se rimanesse a secco di vittorie per tutto il 2017.


E invece dovresti veramente stupirti molto, significherebbe che le vittorie di Cimolai in Catalogna e di Felline e Viviani in Romandia sarebbero state inghiottite in qualche remoto buco nero... :diavoletto:


Pantani è una leggenda come Coppi e Bartali

marco_graz
Messaggi: 224
Iscritto il: giovedì 6 ottobre 2016, 15:26

Re: La crisi del ciclismo italiano

Messaggio da leggereda marco_graz » martedì 30 maggio 2017, 7:53

Admin ha scritto:
xwait ha scritto:Sempre in tema di WT, l'Italia e' ancora a secco di vittorie nell'attuale WT (allargato!) e non mi stupirei se rimanesse a secco di vittorie per tutto il 2017.


E invece dovresti veramente stupirti molto, significherebbe che le vittorie di Cimolai in Catalogna e di Felline e Viviani in Romandia sarebbero state inghiottite in qualche remoto buco nero... :diavoletto:

Per non parlare di Colbrelli alla Parigi Nizza :D



matter1985
Messaggi: 4328
Iscritto il: domenica 1 aprile 2012, 15:38
Località: Toscana

Re: La crisi del ciclismo italiano

Messaggio da leggereda matter1985 » martedì 30 maggio 2017, 10:26

Admin ha scritto:
xwait ha scritto:Sempre in tema di WT, l'Italia e' ancora a secco di vittorie nell'attuale WT (allargato!) e non mi stupirei se rimanesse a secco di vittorie per tutto il 2017.


E invece dovresti veramente stupirti molto, significherebbe che le vittorie di Cimolai in Catalogna e di Felline e Viviani in Romandia sarebbero state inghiottite in qualche remoto buco nero... :diavoletto:

É quella di Nibali al giro


#JeSuisNizzolo

Admin
Messaggi: 11465
Iscritto il: domenica 21 giugno 2009, 21:48

Re: La crisi del ciclismo italiano

Messaggio da leggereda Admin » martedì 30 maggio 2017, 11:50

Giusto! Troppe vittorie, non ci si sta dietro! :D :cincin:


Pantani è una leggenda come Coppi e Bartali

Trullo
Messaggi: 53
Iscritto il: martedì 23 maggio 2017, 11:26

Re: La crisi del ciclismo italiano

Messaggio da leggereda Trullo » martedì 30 maggio 2017, 11:54

Vittorie di tappa, non vittorie di una gara WT



Avatar utente
nino58
Messaggi: 7755
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 14:38

Re: La crisi del ciclismo italiano

Messaggio da leggereda nino58 » martedì 30 maggio 2017, 12:10

Trullo ha scritto:Vittorie di tappa, non vittorie di una gara WT


Hai ragione, purtroppo.


Von Rock ? Nein, danke.
Diritto di correre senza condizioni a chi ha scontato una squalifica !!!

Avatar utente
Denb
Messaggi: 500
Iscritto il: venerdì 20 settembre 2013, 13:00

Re: La crisi del ciclismo italiano

Messaggio da leggereda Denb » martedì 30 maggio 2017, 12:37

Trullo ha scritto:Vittorie di tappa, non vittorie di una gara WT


Se la mettete così allora diciamo anche che quello di Nibali al giro è stato fin ora l'unico podio italiano in una gara WT :muro:


Invece come piccola nota positiva, in controtendenza rispetto agli ultimi anni, abbiamo avuto tanti italiani (8 se non ho contato male) in top10 sul pavè.



xwait
Messaggi: 323
Iscritto il: mercoledì 1 aprile 2015, 15:34

Re: La crisi del ciclismo italiano

Messaggio da leggereda xwait » martedì 30 maggio 2017, 17:39

Admin ha scritto:
xwait ha scritto:Sempre in tema di WT, l'Italia e' ancora a secco di vittorie nell'attuale WT (allargato!) e non mi stupirei se rimanesse a secco di vittorie per tutto il 2017.

E invece dovresti veramente stupirti molto, significherebbe che le vittorie di Cimolai in Catalogna e di Felline e Viviani in Romandia sarebbero state inghiottite in qualche remoto buco nero... :diavoletto:


Intendevo vittorie in prove WT:

Qui: https://it.wikipedia.org/wiki/UCI_World_Tour_2017#Calendario
quante :italia: trovate nella colonna Vincitore? :aureola:



Basso
Messaggi: 11737
Iscritto il: sabato 21 maggio 2011, 17:03
Località: Vicenza

Re: La crisi del ciclismo italiano

Messaggio da leggereda Basso » martedì 30 maggio 2017, 17:47

Quante bandiere francesi o britanniche vedi nel link da te postato? Eppure la Francia sta vivendo il miglior momento da 20 anni a questa parte. Se vogliamo parlare della crisi del ciclismo italiano, facciamolo seriamente.

(granchio 201 - e ne ho lasciati correre per strada diversi nella scorsa settimana)


11: Vuelta7, Prato
12: Appennino, JapanCup
13: Giro9, ITA RR, Vuelta20, Sabatini
14: Vasco, Dauphiné, Tour3, Tour21, Polonia, TreValli
15: Laigueglia, Escaut, Giro2, Giro18, Giro, Tour13, Fourmies
16: Nice, Vuelta12
17: Frankfurt, Tour11, Vuelta16, Chrono

Salvatore77
Messaggi: 3184
Iscritto il: domenica 9 gennaio 2011, 19:14

Re: La crisi del ciclismo italiano

Messaggio da leggereda Salvatore77 » martedì 30 maggio 2017, 17:51

Denb ha scritto:
Trullo ha scritto:Vittorie di tappa, non vittorie di una gara WT


Se la mettete così allora diciamo anche che quello di Nibali al giro è stato fin ora l'unico podio italiano in una gara WT :muro:


Invece come piccola nota positiva, in controtendenza rispetto agli ultimi anni, abbiamo avuto tanti italiani (8 se non ho contato male) in top10 sul pavè.

Con qualcuno che ha fatto anche ottime prestazioni senza poi entrarci nella top ten.



xwait
Messaggi: 323
Iscritto il: mercoledì 1 aprile 2015, 15:34

Re: La crisi del ciclismo italiano

Messaggio da leggereda xwait » martedì 30 maggio 2017, 21:35

Basso ha scritto:Quante bandiere francesi o britanniche vedi nel link da te postato? Eppure la Francia sta vivendo il miglior momento da 20 anni a questa parte.


Quindi saremmo meglio della Francia, no? :D

Ah gia', dimenticavo: io qui di bandiere dell'arcipelago britannico e francesi ne vedo eccome:
https://en.wikipedia.org/wiki/2017_UCI_ ... our#Events
Di italiana giusto una, che fino all'altro ieri non c'era.

Se scorri la pagina, vedrai che, ad oggi, nel ranking individuale non c'e' un italiano nei primi 20.
(e, parlando di squadre, nei primi 25 non c'e' nemmeno un corridore della squadra di Saronni, che pure ha licenza UAE).

I numeri gia' *oggi* sono questi.
Io la mia qui sopra l'ho detta, anche in post articolati.
Vedo una crisi irrecuperabile e italiani che si specializzeranno nel gregrariato per capitani in squadre straniere :yoga:



Basso
Messaggi: 11737
Iscritto il: sabato 21 maggio 2011, 17:03
Località: Vicenza

Re: La crisi del ciclismo italiano

Messaggio da leggereda Basso » martedì 30 maggio 2017, 22:11

Ma fammi capire: parli di vittorie e poi allarghi il discorso ai podi. Insomma, deciditi almeno una volta :diavoletto:

Ripeto, ancora una volta: se vogliamo fare un'analisi seria, qui come in qualsiasi altro settore,, partire dalla cima della piramide è quanto di più sbagliato ci sia. Si parte dalla base e poi si arriva alla cima.


11: Vuelta7, Prato
12: Appennino, JapanCup
13: Giro9, ITA RR, Vuelta20, Sabatini
14: Vasco, Dauphiné, Tour3, Tour21, Polonia, TreValli
15: Laigueglia, Escaut, Giro2, Giro18, Giro, Tour13, Fourmies
16: Nice, Vuelta12
17: Frankfurt, Tour11, Vuelta16, Chrono

Avatar utente
nino58
Messaggi: 7755
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 14:38

Re: La crisi del ciclismo italiano

Messaggio da leggereda nino58 » mercoledì 31 maggio 2017, 7:57

Basso ha scritto:Ma fammi capire: parli di vittorie e poi allarghi il discorso ai podi. Insomma, deciditi almeno una volta :diavoletto:

Ripeto, ancora una volta: se vogliamo fare un'analisi seria, qui come in qualsiasi altro settore,, partire dalla cima della piramide è quanto di più sbagliato ci sia. Si parte dalla base e poi si arriva alla cima.


Certo.
E questo è il problema.
Alla base il movimento si è più che dimezzato.
E i risultati si vedono anche al vertice.


Von Rock ? Nein, danke.
Diritto di correre senza condizioni a chi ha scontato una squalifica !!!

quasar
Messaggi: 1297
Iscritto il: lunedì 24 gennaio 2011, 1:53

Re: La crisi del ciclismo italiano

Messaggio da leggereda quasar » giovedì 1 giugno 2017, 16:54

tetzuo ha scritto:1 vittoria di tappa
podio finale
3 in top ten

promossi nibali, pozzovivo, petilli, pellizzotti, cataldo, ferrari
rimandati formolo, mareczko, conti, benedetti, sbaragli, la wilier
bocciati rosa, visconti, montaguti, la bardiani, modolo, battaglin, villella

Valutazione piuttosto corretta, con la Bardiani più di tutti sotto le aspettative, sia per quanto ci aveva abituati in passato sia perché più di ogni altra squadra aveva il dovere di meritarsi, sulla strada, l'invito della discordia.
A proposito. Ma quel Zardini che 3 anni fa si levava di ruota gente del calibro di Landa, che fine ha fatto?
Va talmente piano da non riuscire a ritagliarsi uno spazio adeguato in questa Bardiani?



Avatar utente
tetzuo
Messaggi: 7903
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 10:08

Re: La crisi del ciclismo italiano

Messaggio da leggereda tetzuo » giovedì 1 giugno 2017, 21:15

Non vorrei dire cavolate, ma zardini se ricordo bene ha avuto un gravissimo incidente e ha fatto fatica a recuperare



xwait
Messaggi: 323
Iscritto il: mercoledì 1 aprile 2015, 15:34

Re: La crisi del ciclismo italiano

Messaggio da leggereda xwait » venerdì 2 giugno 2017, 0:21

Basso ha scritto:Ripeto, ancora una volta: se vogliamo fare un'analisi seria, qui come in qualsiasi altro settore,, partire dalla cima della piramide è quanto di più sbagliato ci sia. Si parte dalla base e poi si arriva alla cima.


Eh, ma tu hai la lettura selettiva. Oppure e' cyberbullismo :uhm:

xwait ha scritto:Il ciclismo e' visto dai genitori come uno sport pericoloso (come dar loro torto).

Ci vorrebbero piste di BMX, investire sulla mountain bike, sulla pista (tre sport olimpici!), sul ciclocross...
Sport che non si svolgono su strade aperte e che devono essere approcciati, perche' no, anche come un divertimento, soprattutto in gioventu' (senza trattare dilettanti come professionisti in miniatura da spremere per la settimanale gara del campanile).

http://forum.cicloweb.it/viewtopic.php?f=2&t=7580&start=300#p430755
Per me, la base e' questa. Quanto dico verra' fatto? Quasi sicuramente no.

Poi posso pure inca22armi se alla cima della piramide organizzano i campionati italiani crono il venerdi' e quelli in linea la domenica.
O e' vietato anche questo? Da quanti anni sentiamo regolarmente "eh si', [corridore italiano in un GT] e' penalizzato nelle corse contro il tempo".



Basso
Messaggi: 11737
Iscritto il: sabato 21 maggio 2011, 17:03
Località: Vicenza

Re: La crisi del ciclismo italiano

Messaggio da leggereda Basso » venerdì 2 giugno 2017, 9:12

'Scolta, simpaticone. Prima che tu, persona coperta da anonimato, possa permetterti di affibbiare tali accuse a chicchessia ce ne passa. Le tue affermazioni senza senso e puntualmente smentite si contano a iosa su tutti gli argomenti; e tu controbatti evitando di comprendere gli errori, svicolando sempre l'attenzione.

Riprovando per l'ennesima volta, prometto l'ultima perché sono arcistufo di perdere tempo con te, a precisare le tue affermazioni. Un grande problema è la collocazione della crono al venerdì?!? Posto che la data può essere benissimo diversa, sai quali altri paesi quest'anno disputano la prova contro il tempo di venerdì e la prova in linea di domenica? Brasile, Germania, Lituania, Romania, Russia, Serbia, Slovacchia, Spagna, Ungheria, Venezuela. Se questo fosse un grave problema per il ciclismo italiano, bè, staremmo da Dio.

Ah, una cosa che credo sia rispettosa degli altri (e che, dal mio punto di vista, avevo provato a suggerirti in passato): 1) usare svariate dimensioni di caratteri non è figo quanto disturbante alla vista; 2) se anche togli la connessione in incognito sarebbe meglio, così gli altri forumisti possono vedere se risponderti al momento o attendere. Giusto per rispetto degli altri. Ma vedendo le accuse che lanci, temo che le mie siano parole al vento.


11: Vuelta7, Prato
12: Appennino, JapanCup
13: Giro9, ITA RR, Vuelta20, Sabatini
14: Vasco, Dauphiné, Tour3, Tour21, Polonia, TreValli
15: Laigueglia, Escaut, Giro2, Giro18, Giro, Tour13, Fourmies
16: Nice, Vuelta12
17: Frankfurt, Tour11, Vuelta16, Chrono

Salvatore77
Messaggi: 3184
Iscritto il: domenica 9 gennaio 2011, 19:14

Re: La crisi del ciclismo italiano

Messaggio da leggereda Salvatore77 » venerdì 2 giugno 2017, 9:36

O venerdì o sabato, rimane il fatto che per le crono l'Italia non fa nulla.



Basso
Messaggi: 11737
Iscritto il: sabato 21 maggio 2011, 17:03
Località: Vicenza

Re: La crisi del ciclismo italiano

Messaggio da leggereda Basso » venerdì 2 giugno 2017, 9:41

E chi afferma il contrario, Salvatore?


11: Vuelta7, Prato
12: Appennino, JapanCup
13: Giro9, ITA RR, Vuelta20, Sabatini
14: Vasco, Dauphiné, Tour3, Tour21, Polonia, TreValli
15: Laigueglia, Escaut, Giro2, Giro18, Giro, Tour13, Fourmies
16: Nice, Vuelta12
17: Frankfurt, Tour11, Vuelta16, Chrono

Salvatore77
Messaggi: 3184
Iscritto il: domenica 9 gennaio 2011, 19:14

Re: La crisi del ciclismo italiano

Messaggio da leggereda Salvatore77 » venerdì 2 giugno 2017, 9:45

Basso ha scritto:E chi afferma il contrario, Salvatore?

Che ne so....
Lo dicevo per dire che chi gestisce il ciclismo non è attenta ai problemi che il ciclismo sta avendo in questi anni.
Quando si ha un problema, forse occorre scuotere un po' la situazione cercando magari soluzioni alternative. Per esempio la maglia tricolore in prova unica potrebbe lasciare il posto a qualcosa di diverso. Almeno il tricolore a cronometro potrebbe essere attribuito su più prove per indurre i pretendenti a correre più crono, diversificando distanze e percorsi.



bartoli
Messaggi: 1168
Iscritto il: mercoledì 2 marzo 2011, 14:40
Località: Rho

Re: La crisi del ciclismo italiano

Messaggio da leggereda bartoli » venerdì 2 giugno 2017, 11:08

tetzuo ha scritto:Non vorrei dire cavolate, ma zardini se ricordo bene ha avuto un gravissimo incidente e ha fatto fatica a recuperare

Sì, l'anno scorso a Lugano. Peccato, bravissimo ragazzo che speriamo possa riprendersi nel finale di stagione


Soffrire, cadere, rialzarsi, vincere. Questo è il vocabolario del ciclismo e della vita

Admin
Messaggi: 11465
Iscritto il: domenica 21 giugno 2009, 21:48

Re: La crisi del ciclismo italiano

Messaggio da leggereda Admin » venerdì 2 giugno 2017, 12:36

Non bisticciate ragazzi.


Pantani è una leggenda come Coppi e Bartali

xwait
Messaggi: 323
Iscritto il: mercoledì 1 aprile 2015, 15:34

Re: La crisi del ciclismo italiano

Messaggio da leggereda xwait » lunedì 5 giugno 2017, 21:44

Basso ha scritto:Riprovando per l'ennesima volta, prometto l'ultima perché sono arcistufo di perdere tempo con te

Non te l'ha mica ordinato il dottore, no?
Non esiste la funzione 'ignore' su questo forum? Se si', attivala nei miei confronti e non leggermi piu'.
Io attivo l'opzione "connessione in incognito" perche' il forum la consente e non e' contro alcun regolamento.

Da quando ho iniziato a postare ti sei convinto che io sia un coglione da raddrizzare, manco fosse un tuo dovere morale.
Sei l'unico a farlo, eh, non l'hai notato? E lo fai solo con me.

Durante il Giro 2016, avevo scritto qui sul forum che uno spostamento del Giro su RaiDue avrebbe fatto bene agli ascolti: QUI.
La tua risposta fu QUESTA: "non cambia nulla portarlo su Rai 2 o su Rai 3. Il prodotto ciclismo non lo svecchi in questa maniera (e i giovani non sono su Rai 2 piuttosto che su Rai 3)."

Poi leggo QUESTO editoriale, dove si parla del Giro 100 su RaiDue e trovo frasi come "Ottime notizie dal fronte ascolti", "Mai così alti nelle precedenti sette edizioni", "A fare la differenza è la media giornaliera che, come detto, dopo sette anni torna a superare quota 2 milioni". :uhm:

Basso ha scritto:a precisare le tue affermazioni. Un grande problema è la collocazione della crono al venerdì?!? Posto che la data può essere benissimo diversa, sai quali altri paesi quest'anno disputano la prova contro il tempo di venerdì e la prova in linea di domenica? Brasile, Germania, Lituania, Romania, Russia, Serbia, Slovacchia, Spagna, Ungheria, Venezuela. Se questo fosse un grave problema per il ciclismo italiano, bè, staremmo da Dio.

Mi soffermo solo sulle parti sottolineate per notare come tendi a sovrainterpretare, nel senso che io non ho mai parlato di "grande problema" e nemmeno di "grave problema per il ciclismo italiano", a questo proposito. Ho solo detto che e' una cosa che non condivido e che non trovo un bel segnale, stop.

Poi oh, Brasile, Romania, Serbia, Ungheria, Venezuela... proprio il gotha delle crono WT :yoga:

P.S: @Admin: io non bisticcio, al piu' cerco di difendermi da continui attacchi.



ciclistapazzo
Messaggi: 70
Iscritto il: lunedì 29 maggio 2017, 16:39

Re: La crisi del ciclismo italiano

Messaggio da leggereda ciclistapazzo » martedì 13 giugno 2017, 9:23

Nonostante la netta predominanza numerica di atleti italiani, per ora anche nel giro U23 le vittorie Italiane sono 0 e pochi sono anche i podi. L'unico italiano al momento nei primi 10 è Matteo Fabbro che si trova in quinta posizione. è vero che mancano ancora le tappe più impegnative e che può anche ribaltarsi tutto, ma l'inizio non è proprio incoraggiante.

Arrivano le salite, in particolare l'ultima tappa ribalterà e deciderà la classifica, speriamo di vedere qualche azzurro tra i protagonisti.



Avatar utente
Walter_White
Messaggi: 6623
Iscritto il: mercoledì 23 marzo 2016, 18:01

Re: La crisi del ciclismo italiano

Messaggio da leggereda Walter_White » martedì 13 giugno 2017, 10:19

ciclistapazzo ha scritto:Nonostante la netta predominanza numerica di atleti italiani, per ora anche nel giro U23 le vittorie Italiane sono 0 e pochi sono anche i podi. L'unico italiano al momento nei primi 10 è Matteo Fabbro che si trova in quinta posizione. è vero che mancano ancora le tappe più impegnative e che può anche ribaltarsi tutto, ma l'inizio non è proprio incoraggiante.

Arrivano le salite, in particolare l'ultima tappa ribalterà e deciderà la classifica, speriamo di vedere qualche azzurro tra i protagonisti.


Fabbro ieri si è rotto la clavicola


guidobaldo de medici ha scritto:gilbert capitano era una cosa ridicola, non ha mai dato segno di poter reggere un fiandre, neppure lontanamente. del resto la scelta di fare la 3 giorni di de panne era già chiara.

ciclistapazzo
Messaggi: 70
Iscritto il: lunedì 29 maggio 2017, 16:39

Re: La crisi del ciclismo italiano

Messaggio da leggereda ciclistapazzo » martedì 13 giugno 2017, 11:10

Altra tappa senza italiani nella top 3... aspettiamo la crono di oggi pomeriggio



Avatar utente
nino58
Messaggi: 7755
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 14:38

Re: La crisi del ciclismo italiano

Messaggio da leggereda nino58 » martedì 13 giugno 2017, 11:26

ciclistapazzo ha scritto:Altra tappa senza italiani nella top 3... aspettiamo la crono di oggi pomeriggio


Un italiano vincente o piazzato a crono è come se Orfini venisse ingaggiato come nuovo componente dai Led Zeppelin (cit. A.Scanzi)


Von Rock ? Nein, danke.
Diritto di correre senza condizioni a chi ha scontato una squalifica !!!

Avatar utente
jerrydrake
Messaggi: 4457
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 12:14

Re: La crisi del ciclismo italiano

Messaggio da leggereda jerrydrake » martedì 13 giugno 2017, 13:57

Ormai anche il Ruanda è ciclisticamente più forte dell'Italia :diavoletto:



Avatar utente
Spartacus
Messaggi: 2378
Iscritto il: sabato 22 gennaio 2011, 18:36

Re: La crisi del ciclismo italiano

Messaggio da leggereda Spartacus » martedì 13 giugno 2017, 17:36

anche la crono finisce con trionfo straniero, vince Hamilton con Sivakov in rosa
Baccio miglior italiano a 11 secondi dal vincitore



Winter
Messaggi: 11026
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Re: La crisi del ciclismo italiano

Messaggio da leggereda Winter » martedì 13 giugno 2017, 18:35

Chissà cosa diranno cassani e di Rocco?
Per loro non c era nessuna crisi



Avatar utente
Slegar
Messaggi: 3796
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:49

Re: La crisi del ciclismo italiano

Messaggio da leggereda Slegar » martedì 13 giugno 2017, 19:14

Le ultime annate di ciclisti passati pro' sembrano buone solo per il gregariato, mi sa che quelle prossime neanche per quello.

OT (con scuse ad Admin): ....... e non venitemi dire che il ciclismo italiano era ai vertici solamente perché in Italia ci si dopava meglio.
Ultima modifica di Slegar il martedì 13 giugno 2017, 19:15, modificato 1 volta in totale.



Avatar utente
Spartacus
Messaggi: 2378
Iscritto il: sabato 22 gennaio 2011, 18:36

Re: La crisi del ciclismo italiano

Messaggio da leggereda Spartacus » martedì 13 giugno 2017, 19:14

per ora si salva Conci, settimo in classifica dopo aver recuperato qualche posizione con la cronometro e che dovrebbe essere la nostra speranza per le ultime due tappe



Avatar utente
jerrydrake
Messaggi: 4457
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 12:14

Re: La crisi del ciclismo italiano

Messaggio da leggereda jerrydrake » martedì 13 giugno 2017, 19:21

Nota positiva di oggi la prestazione di Valerio Conti in Svizzera



Winter
Messaggi: 11026
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Re: La crisi del ciclismo italiano

Messaggio da leggereda Winter » martedì 13 giugno 2017, 20:19

Slegar ha scritto:Le ultime annate di ciclisti passati pro' sembrano buone solo per il gregariato, mi sa che quelle prossime neanche per quello.

OT (con scuse ad Admin): ....... e non venitemi dire che il ciclismo italiano era ai vertici solamente perché in Italia ci si dopava meglio.

No il problema parte da lontano

Moscon e ganna faranno bene
sul resto temo tu abbia ragione
Qualche talento c è (conci , savini ecc) ma è il livello più basso della nostra storia



Mad
Messaggi: 434
Iscritto il: sabato 11 dicembre 2010, 8:48
Località: Noceto

Re: La crisi del ciclismo italiano

Messaggio da leggereda Mad » martedì 13 giugno 2017, 21:22

Winter ha scritto:No il problema parte da lontano

sul resto temo tu abbia ragione
Qualche talento c è (conci , savini ecc) ma è il livello più basso della nostra storia


Visto i nomi che hai fatto, direi che a questo giro non si siano fatti vedere i nostri delle classi 95 e 96, mentre i 97 sono ben rappresentati.



Admin
Messaggi: 11465
Iscritto il: domenica 21 giugno 2009, 21:48

Re: La crisi del ciclismo italiano

Messaggio da leggereda Admin » mercoledì 14 giugno 2017, 1:27

nino58 ha scritto:
ciclistapazzo ha scritto:Altra tappa senza italiani nella top 3... aspettiamo la crono di oggi pomeriggio


Un italiano vincente o piazzato a crono è come se Orfini venisse ingaggiato come nuovo componente dai Led Zeppelin (cit. A.Scanzi)


1.Lucas Hamilton 17"45
2 Scott Davies a 6"
3 Senne Leysen a 8"
4 Pavel Sivakov a 10"
5 Neilson Powless a 11"
6 Paolo Baccio a 11"

Cioè mi stai dicendo che per tre miseri secondi ci siamo salvati da quest'orrore?????

ledzepporfin2.jpg
ledzepporfin2.jpg (81.35 KiB) Visto 953 volte


:crazy: :crazy: :crazy:


Pantani è una leggenda come Coppi e Bartali