Jakub "Kuba" Mareczko, il karpata di Puegnago

Il mondo dei professionisti tra gare e complessità, e più in generale l'approccio al ciclismo di ogni appassionato
Avatar utente
Abruzzese
Messaggi: 4851
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:24

Re: Jakub "Kuba" Mareczko, il karpata di Puegnago

Messaggio da leggere da Abruzzese » lunedì 13 maggio 2019, 15:42

Avevo letto anch'io la cosa sul trafiletto, mi augurerei che fosse lì per prendere solo un caffè o qualcosa di "tollerabile" e che quindi abbia avuto la sventura di essere notato proprio in quel momento. Un po' come quelli che stanno tutto il giorno al lavoro o in facoltà e tirano fuori il cellulare in un momento di libertà e magari vengono immortalati in un momento in cui tutto il resto del mondo sta usando il telefono, a testimonianza delle derive tecnologiche.

Comunque sia oggi la tappa ha un andamento blando e l'unico Gpm non dovrebbe essere insormontabile. Insomma, oggi deve assolutamente provarci se sta bene di gamba.


"L'importante non è quello che trovi alla fine di una corsa. L'importante è ciò che provi mentre corri" (Giorgio Faletti in "Notte prima degli esami")

"qui c'è gente che è totalmente avulsa dalla realtà e nociva al forum"


dietzen
Messaggi: 5808
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 21:19

Re: Jakub "Kuba" Mareczko, il karpata di Puegnago

Messaggio da leggere da dietzen » lunedì 13 maggio 2019, 18:16

oggi è arrivato alla volata e negli ultimi 50 metri pareva pure in rimonta.
nei replay mi sono concentrato su viviani e a lui non ho fatto molto caso, ma anche in diretta non mi pareva di aver visto la sua maglia nelle primissime posizioni. è partito indietrissimo come spesso gli succede? nel caso conferma il suo spunto veloce ma anche la scarsa capacità a saper stare davanti nei finali.


Di Rocco non è il mio presidente

Avatar utente
Abruzzese
Messaggi: 4851
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:24

Re: Jakub "Kuba" Mareczko, il karpata di Puegnago

Messaggio da leggere da Abruzzese » lunedì 13 maggio 2019, 18:18

dietzen ha scritto:
lunedì 13 maggio 2019, 18:16
oggi è arrivato alla volata e negli ultimi 50 metri pareva pure in rimonta.
nei replay mi sono concentrato su viviani e a lui non ho fatto molto caso, ma anche in diretta non mi pareva di aver visto la sua maglia nelle primissime posizioni. è partito indietrissimo come spesso gli succede? nel caso conferma il suo spunto veloce ma anche la scarsa capacità a saper stare davanti nei finali.
Come dicevo nel thread della tappa, c'è stato un momento attorno ai 2 km dal traguardo dove l'avevo visto messo benissimo, era arrivato a ruota di Viviani e Ackermann, però poi si è fatto ricacciare indietro, anche dagli Israel se non sbaglio. Purtroppo in quell'attimo si è giocato la possibilità di provare veramente a giocarsi la tappa, perché poi era davvero troppo indietro per poter pensare di rimontare.


"L'importante non è quello che trovi alla fine di una corsa. L'importante è ciò che provi mentre corri" (Giorgio Faletti in "Notte prima degli esami")

"qui c'è gente che è totalmente avulsa dalla realtà e nociva al forum"

Avatar utente
Divanista
Messaggi: 483
Iscritto il: lunedì 16 aprile 2018, 14:21

Re: Jakub "Kuba" Mareczko, il karpata di Puegnago

Messaggio da leggere da Divanista » lunedì 13 maggio 2019, 18:37

Certo che se non riesce ad entrare nei 5 neanche in una tappa come quella di oggi... :gluglu:


Ecco la mia presentazione. :carta:

Luca90
Messaggi: 5138
Iscritto il: venerdì 31 luglio 2015, 22:21

Re: Jakub "Kuba" Mareczko, il karpata di Puegnago

Messaggio da leggere da Luca90 » lunedì 13 maggio 2019, 18:39

Divanista ha scritto:
lunedì 13 maggio 2019, 18:37
Certo che se non riesce ad entrare nei 5 neanche in una tappa come quella di oggi... :gluglu:
dai buon 6 posto...


2015: Tre Valli Varesine
2016 (11°) : Giro d'Italia (primi5), Tour de France tappa 11, Tour de France tappa 14, Parigi-Tours
2017 (14°) : Kuurne-Bruxelles-Kuurne, Tro Bro Leon
2018 (16°): Tour of Guangxi
2019 ( °): Dwars door Vlaanderen


Avatar utente
Abruzzese
Messaggi: 4851
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:24

Re: Jakub "Kuba" Mareczko, il karpata di Puegnago

Messaggio da leggere da Abruzzese » lunedì 13 maggio 2019, 18:58

Divanista ha scritto:
lunedì 13 maggio 2019, 18:37
Certo che se non riesce ad entrare nei 5 neanche in una tappa come quella di oggi... :gluglu:
Quello di oggi è stato il terzo piazzamento nei primi 10 ottenuto dal mese di gennaio. Pochissimo per un velocista.

La tappa è stata tutto sommato blanda e anche il temuto vento non ha fatto gli sconquassi, così che è riuscito ad arrivare davanti. A quel punto la mia incognita stava nella lunghezza della frazione, visto che Jakub le cose migliori le ha fatte sempre con chilometraggi ridotti, anche se a Reggio Emilia, due anni fa, arrivò secondo in una tappa di quasi 230 chilometri.
Ripeto: doveva gestire meglio la fase dai -2,5 km fino allo sprint, perché in quei frangenti basta un'esitazione di troppo mentre si combatte per le posizioni per poi compromettere la volata successiva.


"L'importante non è quello che trovi alla fine di una corsa. L'importante è ciò che provi mentre corri" (Giorgio Faletti in "Notte prima degli esami")

"qui c'è gente che è totalmente avulsa dalla realtà e nociva al forum"

Avatar utente
il_panta
Messaggi: 4156
Iscritto il: lunedì 21 maggio 2012, 13:39

Re: Jakub "Kuba" Mareczko, il karpata di Puegnago

Messaggio da leggere da il_panta » lunedì 13 maggio 2019, 19:12

Io vedo il bicchiere mezzo pieno. La tappa non è stata tiratissima, ma nel finale il vento si sentiva parecchio e pur senza eccellere era là. Non lo voglio trattare come il bambino speciale della situazione, ma i limiti sono sotto gli occhi di tutti, e per me non era scontato che sprintasse oggi per come l'hanno corsa.


2019: Giro d'Italia tp 4, 5, 20; 1° Giro d'Italia classifica generale.

Avatar utente
Divanista
Messaggi: 483
Iscritto il: lunedì 16 aprile 2018, 14:21

Re: Jakub "Kuba" Mareczko, il karpata di Puegnago

Messaggio da leggere da Divanista » lunedì 13 maggio 2019, 20:48

Sì va bene, però... se la tappa dev'essere corta, senza asperità, senza vento, non tirata, senza avversari di prim'ordine, allora... mi sa che le trova solo in Asia.


Ecco la mia presentazione. :carta:

Avatar utente
Tranchée d'Arenberg
Messaggi: 16651
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:50
Località: Falconara Albanese (CS)

Re: Jakub "Kuba" Mareczko, il karpata di Puegnago

Messaggio da leggere da Tranchée d'Arenberg » lunedì 13 maggio 2019, 22:10

Divanista ha scritto:
lunedì 13 maggio 2019, 20:48
Sì va bene, però... se la tappa dev'essere corta, senza asperità, senza vento, non tirata, senza avversari di prim'ordine, allora... mi sa che le trova solo in Asia.
ed è esattamente quello che può fare Jakub oggi

:diavoletto:


Cobblestone 2012 & 2018 - 1° Classifica Generale
Cobblestone 2012 & 2018 - 1° Classifica Classiche
Cobblestone 2013 - 1° Classifica Semiclassiche

FantaCycling Manager 2016 - 1° Classifica (squadre)

Avatar utente
Abruzzese
Messaggi: 4851
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:24

Re: Jakub "Kuba" Mareczko, il karpata di Puegnago

Messaggio da leggere da Abruzzese » martedì 14 maggio 2019, 0:51

Dalle dichiarazioni pubblicate in home page:

«Sono felice per il risultato e ringrazio la squadra per come mi ha aiutato. La caduta nel finale ha complicato la situazione dato che molti dei miei compagni sono stati rallentati. Mi sento bene e penso che nei prossimi giorni riuscirò a far vedere belle cose. Francisco Ventoso è stato il mio supporto principale per tutta la giornata ma anche gli altri ragazzi mi hanno aiutato nei momenti decisivi e spero di potermi sdebitare con un bel risultato a breve».

Ecco, leggere un Jakub soddisfatto per un sesto-settimo posto credo che aiuti a comprendere lo stato d'animo di chi, quest'anno, ha fatto una fatica bestiale anche solo a piazzarsi nei primi dieci di una volata (come avevo già ricordato, questa è stata solamente la terza top ten da lui ottenuta da inizio anno). Uno con la mentalità del vincente sarebbe un minimo incazzato per aver perso un'occasione per provare a vincere. Invece si reputa soddisfatto come se fosse un Lonardi qualunque.

Io penso che per lui la miglior iniezione di fiducia sarebbe nel riuscire a fare un bel risultato nella tappa di Terracina, sia perché dopo tre giorni in cui il Giro avrà affrontato tappe dal chilometraggio di gran lunga superiore ai 200 chilometri si affronterà una tappa dal chilometraggio più soft, sia perché, dopo l'ostico avvio, ci sarebbe tutto il tempo per recuperare, nel caso si staccasse in salita.
Per lui però la condizione ideale sarebbe che la tappa non venisse subito affrontata pancia a terra, altrimenti, dovesse accumulare subito un paio di minuti e oltre sulle salite dei castelli romani, diventerebbe dura recuperare.


"L'importante non è quello che trovi alla fine di una corsa. L'importante è ciò che provi mentre corri" (Giorgio Faletti in "Notte prima degli esami")

"qui c'è gente che è totalmente avulsa dalla realtà e nociva al forum"

nikybo85
Messaggi: 2350
Iscritto il: mercoledì 23 agosto 2017, 0:06

Re: Jakub "Kuba" Mareczko, il karpata di Puegnago

Messaggio da leggere da nikybo85 » martedì 14 maggio 2019, 0:58

Abruzzese ha scritto:
martedì 14 maggio 2019, 0:51
Dalle dichiarazioni pubblicate in home page:

«Sono felice per il risultato e ringrazio la squadra per come mi ha aiutato. La caduta nel finale ha complicato la situazione dato che molti dei miei compagni sono stati rallentati. Mi sento bene e penso che nei prossimi giorni riuscirò a far vedere belle cose. Francisco Ventoso è stato il mio supporto principale per tutta la giornata ma anche gli altri ragazzi mi hanno aiutato nei momenti decisivi e spero di potermi sdebitare con un bel risultato a breve».

Ecco, leggere un Jakub soddisfatto per un sesto-settimo posto credo che aiuti a comprendere lo stato d'animo di chi, quest'anno, ha fatto una fatica bestiale anche solo a piazzarsi nei primi dieci di una volata (come avevo già ricordato, questa è stata solamente la terza top ten da lui ottenuta da inizio anno). Uno con la mentalità del vincente sarebbe un minimo incazzato per aver perso un'occasione per provare a vincere. Invece si reputa soddisfatto come se fosse un Lonardi qualunque.

Io penso che per lui la miglior iniezione di fiducia sarebbe nel riuscire a fare un bel risultato nella tappa di Terracina, sia perché dopo tre giorni in cui il Giro avrà affrontato tappe dal chilometraggio di gran lunga superiore ai 200 chilometri si affronterà una tappa dal chilometraggio più soft, sia perché, dopo l'ostico avvio, ci sarebbe tutto il tempo per recuperare, nel caso si staccasse in salita.
Per lui però la condizione ideale sarebbe che la tappa non venisse subito affrontata pancia a terra, altrimenti, dovesse accumulare subito un paio di minuti e oltre sulle salite dei castelli romani, diventerebbe dura recuperare.
Ma perché come un Lonardi qualunque!? :(
Povero Lonardi..13° comunque oggi. Almeno lì ha visti da vicino anziché dall'Asia ( ne parlammo durante il Tour of Thailand)



Avatar utente
Abruzzese
Messaggi: 4851
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:24

Re: Jakub "Kuba" Mareczko, il karpata di Puegnago

Messaggio da leggere da Abruzzese » martedì 14 maggio 2019, 1:05

nikybo85 ha scritto:
martedì 14 maggio 2019, 0:58
Abruzzese ha scritto:
martedì 14 maggio 2019, 0:51
Dalle dichiarazioni pubblicate in home page:

«Sono felice per il risultato e ringrazio la squadra per come mi ha aiutato. La caduta nel finale ha complicato la situazione dato che molti dei miei compagni sono stati rallentati. Mi sento bene e penso che nei prossimi giorni riuscirò a far vedere belle cose. Francisco Ventoso è stato il mio supporto principale per tutta la giornata ma anche gli altri ragazzi mi hanno aiutato nei momenti decisivi e spero di potermi sdebitare con un bel risultato a breve».

Ecco, leggere un Jakub soddisfatto per un sesto-settimo posto credo che aiuti a comprendere lo stato d'animo di chi, quest'anno, ha fatto una fatica bestiale anche solo a piazzarsi nei primi dieci di una volata (come avevo già ricordato, questa è stata solamente la terza top ten da lui ottenuta da inizio anno). Uno con la mentalità del vincente sarebbe un minimo incazzato per aver perso un'occasione per provare a vincere. Invece si reputa soddisfatto come se fosse un Lonardi qualunque.

Io penso che per lui la miglior iniezione di fiducia sarebbe nel riuscire a fare un bel risultato nella tappa di Terracina, sia perché dopo tre giorni in cui il Giro avrà affrontato tappe dal chilometraggio di gran lunga superiore ai 200 chilometri si affronterà una tappa dal chilometraggio più soft, sia perché, dopo l'ostico avvio, ci sarebbe tutto il tempo per recuperare, nel caso si staccasse in salita.
Per lui però la condizione ideale sarebbe che la tappa non venisse subito affrontata pancia a terra, altrimenti, dovesse accumulare subito un paio di minuti e oltre sulle salite dei castelli romani, diventerebbe dura recuperare.
Ma perché come un Lonardi qualunque!? :(
Povero Lonardi..13° comunque oggi. Almeno lì ha visti da vicino anziché dall'Asia ( ne parlammo durante il Tour of Thailand)
Se ricordi quello che ho scritto nelle scorse settimane, dovresti comprendere che non voglio assolutamente sminuire il buon Giovanni.

Era per dire che se il piazzamento di Mareczko l'avesse ottenuto Lonardi, che è un neoprofessionista al debutto al Giro d'Italia, sarebbe più che comprensibile la sua gioia. Ma leggere Jakub contento per un settimo posto poi tramutato in sesto, lui che è già arrivato più di una volta sul podio di tappa del Giro, anche se non è ancora riuscito a vincere, mi sa tanto di appagamento, di "vorrei far meglio ma sono contento lo stesso". Ecco, mi piacerebbe vedere più cattiveria e convinzione invece che la soddisfazione per essere arrivato nei 10.


"L'importante non è quello che trovi alla fine di una corsa. L'importante è ciò che provi mentre corri" (Giorgio Faletti in "Notte prima degli esami")

"qui c'è gente che è totalmente avulsa dalla realtà e nociva al forum"

nikybo85
Messaggi: 2350
Iscritto il: mercoledì 23 agosto 2017, 0:06

Re: Jakub "Kuba" Mareczko, il karpata di Puegnago

Messaggio da leggere da nikybo85 » martedì 14 maggio 2019, 1:17

Abruzzese ha scritto:
martedì 14 maggio 2019, 1:05
nikybo85 ha scritto:
martedì 14 maggio 2019, 0:58
Abruzzese ha scritto:
martedì 14 maggio 2019, 0:51
Dalle dichiarazioni pubblicate in home page:

«Sono felice per il risultato e ringrazio la squadra per come mi ha aiutato. La caduta nel finale ha complicato la situazione dato che molti dei miei compagni sono stati rallentati. Mi sento bene e penso che nei prossimi giorni riuscirò a far vedere belle cose. Francisco Ventoso è stato il mio supporto principale per tutta la giornata ma anche gli altri ragazzi mi hanno aiutato nei momenti decisivi e spero di potermi sdebitare con un bel risultato a breve».

Ecco, leggere un Jakub soddisfatto per un sesto-settimo posto credo che aiuti a comprendere lo stato d'animo di chi, quest'anno, ha fatto una fatica bestiale anche solo a piazzarsi nei primi dieci di una volata (come avevo già ricordato, questa è stata solamente la terza top ten da lui ottenuta da inizio anno). Uno con la mentalità del vincente sarebbe un minimo incazzato per aver perso un'occasione per provare a vincere. Invece si reputa soddisfatto come se fosse un Lonardi qualunque.

Io penso che per lui la miglior iniezione di fiducia sarebbe nel riuscire a fare un bel risultato nella tappa di Terracina, sia perché dopo tre giorni in cui il Giro avrà affrontato tappe dal chilometraggio di gran lunga superiore ai 200 chilometri si affronterà una tappa dal chilometraggio più soft, sia perché, dopo l'ostico avvio, ci sarebbe tutto il tempo per recuperare, nel caso si staccasse in salita.
Per lui però la condizione ideale sarebbe che la tappa non venisse subito affrontata pancia a terra, altrimenti, dovesse accumulare subito un paio di minuti e oltre sulle salite dei castelli romani, diventerebbe dura recuperare.
Ma perché come un Lonardi qualunque!? :(
Povero Lonardi..13° comunque oggi. Almeno lì ha visti da vicino anziché dall'Asia ( ne parlammo durante il Tour of Thailand)
Se ricordi quello che ho scritto nelle scorse settimane, dovresti comprendere che non voglio assolutamente sminuire il buon Giovanni.

Era per dire che se il piazzamento di Mareczko l'avesse ottenuto Lonardi, che è un neoprofessionista al debutto al Giro d'Italia, sarebbe più che comprensibile la sua gioia. Ma leggere Jakub contento per un settimo posto poi tramutato in sesto, lui che è già arrivato più di una volta sul podio di tappa del Giro, anche se non è ancora riuscito a vincere, mi sa tanto di appagamento, di "vorrei far meglio ma sono contento lo stesso". Ecco, mi piacerebbe vedere più cattiveria e convinzione invece che la soddisfazione per essere arrivato nei 10.
Hai ragione, proprio per quella conversazione avrei dovuto interpretarla giusto al primo colpo, mea culpa.

Per la parte su Kuba son d'accordo sin dalla prima lettura del messaggio invece. Un 6° posto nulla sposta.



Luca90
Messaggi: 5138
Iscritto il: venerdì 31 luglio 2015, 22:21

Re: Jakub "Kuba" Mareczko, il karpata di Puegnago

Messaggio da leggere da Luca90 » martedì 14 maggio 2019, 1:33

Abruzzese ha scritto:
martedì 14 maggio 2019, 0:51
Dalle dichiarazioni pubblicate in home page:

«Sono felice per il risultato e ringrazio la squadra per come mi ha aiutato. La caduta nel finale ha complicato la situazione dato che molti dei miei compagni sono stati rallentati. Mi sento bene e penso che nei prossimi giorni riuscirò a far vedere belle cose. Francisco Ventoso è stato il mio supporto principale per tutta la giornata ma anche gli altri ragazzi mi hanno aiutato nei momenti decisivi e spero di potermi sdebitare con un bel risultato a breve».

Ecco, leggere un Jakub soddisfatto per un sesto-settimo posto credo che aiuti a comprendere lo stato d'animo di chi, quest'anno, ha fatto una fatica bestiale anche solo a piazzarsi nei primi dieci di una volata (come avevo già ricordato, questa è stata solamente la terza top ten da lui ottenuta da inizio anno). Uno con la mentalità del vincente sarebbe un minimo incazzato per aver perso un'occasione per provare a vincere. Invece si reputa soddisfatto come se fosse un Lonardi qualunque.

Io penso che per lui la miglior iniezione di fiducia sarebbe nel riuscire a fare un bel risultato nella tappa di Terracina, sia perché dopo tre giorni in cui il Giro avrà affrontato tappe dal chilometraggio di gran lunga superiore ai 200 chilometri si affronterà una tappa dal chilometraggio più soft, sia perché, dopo l'ostico avvio, ci sarebbe tutto il tempo per recuperare, nel caso si staccasse in salita.
Per lui però la condizione ideale sarebbe che la tappa non venisse subito affrontata pancia a terra, altrimenti, dovesse accumulare subito un paio di minuti e oltre sulle salite dei castelli romani, diventerebbe dura recuperare.
ma immagino sia contento proprio perchè quest'anno la top ten l'ha vista quasi sempre col binocolo... la tappa di terracina è quella che ti dicevo giorni fa ( mi pare parlavo con te non vorrei confondermi)... li lui deve stringere i denti all'inizio sperando vada via una fuga di poco conto che tranquillizzi il gruppo e poi magari non farsi staccare sullo strappo di sezze ( lunghezza e pendenza di questo strappo?)


2015: Tre Valli Varesine
2016 (11°) : Giro d'Italia (primi5), Tour de France tappa 11, Tour de France tappa 14, Parigi-Tours
2017 (14°) : Kuurne-Bruxelles-Kuurne, Tro Bro Leon
2018 (16°): Tour of Guangxi
2019 ( °): Dwars door Vlaanderen

Avatar utente
Abruzzese
Messaggi: 4851
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:24

Re: Jakub "Kuba" Mareczko, il karpata di Puegnago

Messaggio da leggere da Abruzzese » martedì 14 maggio 2019, 1:54

Luca90 ha scritto:
martedì 14 maggio 2019, 1:33
Abruzzese ha scritto:
martedì 14 maggio 2019, 0:51
Dalle dichiarazioni pubblicate in home page:

«Sono felice per il risultato e ringrazio la squadra per come mi ha aiutato. La caduta nel finale ha complicato la situazione dato che molti dei miei compagni sono stati rallentati. Mi sento bene e penso che nei prossimi giorni riuscirò a far vedere belle cose. Francisco Ventoso è stato il mio supporto principale per tutta la giornata ma anche gli altri ragazzi mi hanno aiutato nei momenti decisivi e spero di potermi sdebitare con un bel risultato a breve».

Ecco, leggere un Jakub soddisfatto per un sesto-settimo posto credo che aiuti a comprendere lo stato d'animo di chi, quest'anno, ha fatto una fatica bestiale anche solo a piazzarsi nei primi dieci di una volata (come avevo già ricordato, questa è stata solamente la terza top ten da lui ottenuta da inizio anno). Uno con la mentalità del vincente sarebbe un minimo incazzato per aver perso un'occasione per provare a vincere. Invece si reputa soddisfatto come se fosse un Lonardi qualunque.

Io penso che per lui la miglior iniezione di fiducia sarebbe nel riuscire a fare un bel risultato nella tappa di Terracina, sia perché dopo tre giorni in cui il Giro avrà affrontato tappe dal chilometraggio di gran lunga superiore ai 200 chilometri si affronterà una tappa dal chilometraggio più soft, sia perché, dopo l'ostico avvio, ci sarebbe tutto il tempo per recuperare, nel caso si staccasse in salita.
Per lui però la condizione ideale sarebbe che la tappa non venisse subito affrontata pancia a terra, altrimenti, dovesse accumulare subito un paio di minuti e oltre sulle salite dei castelli romani, diventerebbe dura recuperare.
ma immagino sia contento proprio perchè quest'anno la top ten l'ha vista quasi sempre col binocolo... la tappa di terracina è quella che ti dicevo giorni fa ( mi pare parlavo con te non vorrei confondermi)... li lui deve stringere i denti all'inizio sperando vada via una fuga di poco conto che tranquillizzi il gruppo e poi magari non farsi staccare sullo strappo di sezze ( lunghezza e pendenza di questo strappo?)
Si si, era con me che ne parlavi (se torni a pagina 2, puoi vedere che ti avevo linkato anche l'altimetria).

Il duro sarà all'inizio, perché le salite di Rocca Priora e Rocca di Papa dovrebbero essere più lunghe e impegnative di quella di Sezze (che ha una pendenza media del 5%). Dipenderà tutto da come sarà approcciata la frazione: se partono pancia a terra, un po' di corridori potrebbero staccarsi fin dai primissimi chilometri. Se invece andranno subito in fuga in 4 o 5, tenuti costantemente sotto controllo dal gruppo (visto che la tappa misura 140 chilometri e che quindi non potranno beneficiare di 7-8 minuti di vantaggio), nel caso il ritmo non dovesse essere elevatissimo, potrebbe anche pensare di rientrare, qualora dovesse staccarsi.


"L'importante non è quello che trovi alla fine di una corsa. L'importante è ciò che provi mentre corri" (Giorgio Faletti in "Notte prima degli esami")

"qui c'è gente che è totalmente avulsa dalla realtà e nociva al forum"

Luca90
Messaggi: 5138
Iscritto il: venerdì 31 luglio 2015, 22:21

Re: Jakub "Kuba" Mareczko, il karpata di Puegnago

Messaggio da leggere da Luca90 » martedì 14 maggio 2019, 2:00

Abruzzese ha scritto:
martedì 14 maggio 2019, 1:54
Luca90 ha scritto:
martedì 14 maggio 2019, 1:33
Abruzzese ha scritto:
martedì 14 maggio 2019, 0:51
Dalle dichiarazioni pubblicate in home page:

«Sono felice per il risultato e ringrazio la squadra per come mi ha aiutato. La caduta nel finale ha complicato la situazione dato che molti dei miei compagni sono stati rallentati. Mi sento bene e penso che nei prossimi giorni riuscirò a far vedere belle cose. Francisco Ventoso è stato il mio supporto principale per tutta la giornata ma anche gli altri ragazzi mi hanno aiutato nei momenti decisivi e spero di potermi sdebitare con un bel risultato a breve».

Ecco, leggere un Jakub soddisfatto per un sesto-settimo posto credo che aiuti a comprendere lo stato d'animo di chi, quest'anno, ha fatto una fatica bestiale anche solo a piazzarsi nei primi dieci di una volata (come avevo già ricordato, questa è stata solamente la terza top ten da lui ottenuta da inizio anno). Uno con la mentalità del vincente sarebbe un minimo incazzato per aver perso un'occasione per provare a vincere. Invece si reputa soddisfatto come se fosse un Lonardi qualunque.

Io penso che per lui la miglior iniezione di fiducia sarebbe nel riuscire a fare un bel risultato nella tappa di Terracina, sia perché dopo tre giorni in cui il Giro avrà affrontato tappe dal chilometraggio di gran lunga superiore ai 200 chilometri si affronterà una tappa dal chilometraggio più soft, sia perché, dopo l'ostico avvio, ci sarebbe tutto il tempo per recuperare, nel caso si staccasse in salita.
Per lui però la condizione ideale sarebbe che la tappa non venisse subito affrontata pancia a terra, altrimenti, dovesse accumulare subito un paio di minuti e oltre sulle salite dei castelli romani, diventerebbe dura recuperare.
ma immagino sia contento proprio perchè quest'anno la top ten l'ha vista quasi sempre col binocolo... la tappa di terracina è quella che ti dicevo giorni fa ( mi pare parlavo con te non vorrei confondermi)... li lui deve stringere i denti all'inizio sperando vada via una fuga di poco conto che tranquillizzi il gruppo e poi magari non farsi staccare sullo strappo di sezze ( lunghezza e pendenza di questo strappo?)
Si si, era con me che ne parlavi (se torni a pagina 2, puoi vedere che ti avevo linkato anche l'altimetria).

Il duro sarà all'inizio, perché le salite di Rocca Priora e Rocca di Papa dovrebbero essere più lunghe e impegnative di quella di Sezze (che ha una pendenza media del 5%). Dipenderà tutto da come sarà approcciata la frazione: se partono pancia a terra, un po' di corridori potrebbero staccarsi fin dai primissimi chilometri. Se invece andranno subito in fuga in 4 o 5, tenuti costantemente sotto controllo dal gruppo (visto che la tappa misura 140 chilometri e che quindi non potranno beneficiare di 7-8 minuti di vantaggio), nel caso il ritmo non dovesse essere elevatissimo, potrebbe anche pensare di rientrare, qualora dovesse staccarsi.
ma passano per caso nella salita in discesa ( salita del diavolo) dalle parti di rocca di papa?


2015: Tre Valli Varesine
2016 (11°) : Giro d'Italia (primi5), Tour de France tappa 11, Tour de France tappa 14, Parigi-Tours
2017 (14°) : Kuurne-Bruxelles-Kuurne, Tro Bro Leon
2018 (16°): Tour of Guangxi
2019 ( °): Dwars door Vlaanderen

Avatar utente
Abruzzese
Messaggi: 4851
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:24

Re: Jakub "Kuba" Mareczko, il karpata di Puegnago

Messaggio da leggere da Abruzzese » martedì 14 maggio 2019, 2:08

Luca90 ha scritto:
martedì 14 maggio 2019, 2:00
Abruzzese ha scritto:
martedì 14 maggio 2019, 1:54
Luca90 ha scritto:
martedì 14 maggio 2019, 1:33


ma immagino sia contento proprio perchè quest'anno la top ten l'ha vista quasi sempre col binocolo... la tappa di terracina è quella che ti dicevo giorni fa ( mi pare parlavo con te non vorrei confondermi)... li lui deve stringere i denti all'inizio sperando vada via una fuga di poco conto che tranquillizzi il gruppo e poi magari non farsi staccare sullo strappo di sezze ( lunghezza e pendenza di questo strappo?)
Si si, era con me che ne parlavi (se torni a pagina 2, puoi vedere che ti avevo linkato anche l'altimetria).

Il duro sarà all'inizio, perché le salite di Rocca Priora e Rocca di Papa dovrebbero essere più lunghe e impegnative di quella di Sezze (che ha una pendenza media del 5%). Dipenderà tutto da come sarà approcciata la frazione: se partono pancia a terra, un po' di corridori potrebbero staccarsi fin dai primissimi chilometri. Se invece andranno subito in fuga in 4 o 5, tenuti costantemente sotto controllo dal gruppo (visto che la tappa misura 140 chilometri e che quindi non potranno beneficiare di 7-8 minuti di vantaggio), nel caso il ritmo non dovesse essere elevatissimo, potrebbe anche pensare di rientrare, qualora dovesse staccarsi.
ma passano per caso nella salita in discesa ( salita del diavolo) dalle parti di rocca di papa?
Intendi i Campi d'Annibale, che facevano anche al Giro del Lazio? Se è quella, credo di no, per il resto non saprei.

Qui comunque sono riportate anche le lunghezze e le pendenze delle salite che si affronteranno:

https://www.procyclingstats.com/race/gi ... y/profiles


"L'importante non è quello che trovi alla fine di una corsa. L'importante è ciò che provi mentre corri" (Giorgio Faletti in "Notte prima degli esami")

"qui c'è gente che è totalmente avulsa dalla realtà e nociva al forum"

Luca90
Messaggi: 5138
Iscritto il: venerdì 31 luglio 2015, 22:21

Re: Jakub "Kuba" Mareczko, il karpata di Puegnago

Messaggio da leggere da Luca90 » martedì 14 maggio 2019, 3:16

È una salita quel del diavolo che per un'illusione ottica sembra in discesa e viceversa che sta vicino rocca di papa...

Comunque pensavo fossero più dure le salite... marezcko potrebbe fare bene a meno di imprevisti


2015: Tre Valli Varesine
2016 (11°) : Giro d'Italia (primi5), Tour de France tappa 11, Tour de France tappa 14, Parigi-Tours
2017 (14°) : Kuurne-Bruxelles-Kuurne, Tro Bro Leon
2018 (16°): Tour of Guangxi
2019 ( °): Dwars door Vlaanderen

cassius
Messaggi: 492
Iscritto il: giovedì 19 luglio 2012, 23:01

Re: Jakub "Kuba" Mareczko, il karpata di Puegnago

Messaggio da leggere da cassius » martedì 14 maggio 2019, 9:04

Abruzzese ha scritto:
martedì 14 maggio 2019, 0:51
Ecco, leggere un Jakub soddisfatto per un sesto-settimo posto credo che aiuti a comprendere lo stato d'animo di chi, quest'anno, ha fatto una fatica bestiale anche solo a piazzarsi nei primi dieci di una volata (come avevo già ricordato, questa è stata solamente la terza top ten da lui ottenuta da inizio anno). Uno con la mentalità del vincente sarebbe un minimo incazzato per aver perso un'occasione per provare a vincere. Invece si reputa soddisfatto come se fosse un Lonardi qualunque.
In una tappa come quella di oggi, un corridore coi limiti di fondo e tenuta in salita che conosciamo può essere contento di essersi piazzato immediatamente a ridosso dei velocisti top di questi anni.
Ha anche avuto un bel rettilineo finale, segno che la gamba c'è e bisogna ancora lavorare su qualche astuzia (la ruota di Viviani presa forse un pochino presto?).

Quest'anno Kuba e la CCC lo devono prendere con filosofia se no non gli passa più a entrambi.
Non pensiamo ai piazzamenti dei Giri 2017-2018: c'erano 2 velocisti top, quest'anno sono almeno 5.
Il resto della stagione lo passava a fare corse spesso sotto i 150 km con avversari più scarsi di quelli di una decente corsa dilettantistica italiana.
Insomma Mareczko ha 25 anni ma ha poco più dell'esperienza di un neopro', le uniche corse davvero di livello sono state quelle pochissime volate che è riuscito a disputare al Giro.
Ma se fa un anno di corse solo WT e HC, io non ci credo che non riuscirà a migliorare. Guardate il suo rettilineo di ieri, i watt in volata ci sono tutti.



Avatar utente
pacho
Messaggi: 2716
Iscritto il: giovedì 8 settembre 2011, 19:29

Re: Jakub "Kuba" Mareczko, il karpata di Puegnago

Messaggio da leggere da pacho » martedì 14 maggio 2019, 9:38

Ho visto la sua volata e non mi è piaciuta. Se aveva gambe, si vede bene che ha lottato esclusivamente x un piazzamento...non uscendo mai anche quando ne aveva lo spazio ma temporeggiando dietro, cercando "l'effetto risucchio". Insomma, quello che di solito fa qualche non-velocista che si vuole piazzare.
Se invece ha fatto cosi perche non aveva le gambe...beh è grave non aver le gambe al secondo giorno del giro in una tappa presa a ritmo blando.

https://m.youtube.com/watch?v=u2B1IrYxjfA


Utenti ignorati: Strong, Salvatore77, beppesaronni

Avatar utente
Tranchée d'Arenberg
Messaggi: 16651
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:50
Località: Falconara Albanese (CS)

Re: Jakub "Kuba" Mareczko, il karpata di Puegnago

Messaggio da leggere da Tranchée d'Arenberg » martedì 14 maggio 2019, 9:44

pacho ha scritto:
martedì 14 maggio 2019, 9:38
Ho visto la sua volata e non mi è piaciuta. Se aveva gambe, si vede bene che ha lottato esclusivamente x un piazzamento...non uscendo mai anche quando ne aveva lo spazio ma temporeggiando dietro, cercando "l'effetto risucchio". Insomma, quello che di solito fa qualche non-velocista che si vuole piazzare.
Se invece ha fatto cosi perche non aveva le gambe...beh è grave non aver le gambe al secondo giorno del giro in una tappa presa a ritmo blando.

https://m.youtube.com/watch?v=u2B1IrYxjfA
Hai ragione pacho, ma devi pure contestualizzare. La sua annata finora è stata mediocre, per non dire di peggio. Fino a ieri era entrato in una top ten solo il 15 gennaio alla prima tappa del Down Under (3°) e all'UAE Tour (8° nella 5a tappa). Veramente molto poco. Quello di ieri è il suo terzo piazzamento nei 10 della stagione, ottenuto tra l'altro con una start list molto buona.

Quello che voglio dire è che il suo livello è questo, ovvero quello di un piazzato. Tant'è che ieri si è detto soddisfatto. Uno forte, dopo una volata del genere, dovrebbe bestemmiare davanti alle telecamere, non dire che è soddisfatto. Secondo me le gambe non le aveva.


Cobblestone 2012 & 2018 - 1° Classifica Generale
Cobblestone 2012 & 2018 - 1° Classifica Classiche
Cobblestone 2013 - 1° Classifica Semiclassiche

FantaCycling Manager 2016 - 1° Classifica (squadre)

cassius
Messaggi: 492
Iscritto il: giovedì 19 luglio 2012, 23:01

Re: Jakub "Kuba" Mareczko, il karpata di Puegnago

Messaggio da leggere da cassius » martedì 14 maggio 2019, 23:17

pacho ha scritto:
martedì 14 maggio 2019, 9:38
Ho visto la sua volata e non mi è piaciuta. Se aveva gambe, si vede bene che ha lottato esclusivamente x un piazzamento...non uscendo mai anche quando ne aveva lo spazio ma temporeggiando dietro, cercando "l'effetto risucchio". Insomma, quello che di solito fa qualche non-velocista che si vuole piazzare.
Se invece ha fatto cosi perche non aveva le gambe...beh è grave non aver le gambe al secondo giorno del giro in una tappa presa a ritmo blando.

https://m.youtube.com/watch?v=u2B1IrYxjfA
Ehm...la volata era controvento, infatti Ackermann che ha fatto volata lunga è stato l'apripista per gli altri.
Infatti anche Viviani è rimasto dietro più del solito ( e poi per uscire ha commesso una scorrettezza).
Stare bene a ruota era la cosa più furba da fare.
L'occasione di fare un piazzamento migliore, Kuba secondo me l'ha persa nella accoppiata di curve a gomito. Le ha prese un po' male.



dietzen
Messaggi: 5808
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 21:19

Re: Jakub "Kuba" Mareczko, il karpata di Puegnago

Messaggio da leggere da dietzen » mercoledì 15 maggio 2019, 18:15

(riporto quanto ho già scritto nel thread della tappa)
oggi l'ho seguito bene negli ultimi km perché le maglie della ccc si riconoscevano facilmente fra tutte le mantelline scure.
aveva due uomini che provavano a fare un trenino per portarlo fuori, un paio di volte si sono voltati verso di lui che era in mezzo agli altri velocisti, come per chiamarlo, ma mareckzo non ha voluto spostarsi (o non ci è riuscito), e quando si è entrati nell'ultimo km si è perso.


Di Rocco non è il mio presidente

Avatar utente
Abruzzese
Messaggi: 4851
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:24

Re: Jakub "Kuba" Mareczko, il karpata di Puegnago

Messaggio da leggere da Abruzzese » mercoledì 15 maggio 2019, 18:22

Oggi ha perso un'altra bella occasione, considerando che sono riusciti a sprintare anche ragazzi come Simion e Biermans che avevano molti meno compagni ad aiutarli.
Anche stavolta verso i -3, -2,5 era piazzato bene a ruota di Ackermann e Viviani, poi però è completamente sparito e, di fatto, non è riuscito a far la volata. A questo punto restano solo Modena e Novi Ligure per provare a migliorare il risultato di Orbetello.


"L'importante non è quello che trovi alla fine di una corsa. L'importante è ciò che provi mentre corri" (Giorgio Faletti in "Notte prima degli esami")

"qui c'è gente che è totalmente avulsa dalla realtà e nociva al forum"

Avatar utente
Slegar
Messaggi: 4539
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:49

Re: Jakub "Kuba" Mareczko, il karpata di Puegnago

Messaggio da leggere da Slegar » mercoledì 15 maggio 2019, 19:35

Mi dispiace dirlo, ma non ci siamo proprio. Dal Giro dello scorso anno sta subendo un'involuzione preoccupante.


fair play? No, Grazie!

Lopi90
Messaggi: 1193
Iscritto il: martedì 31 maggio 2011, 12:15

Re: Jakub "Kuba" Mareczko, il karpata di Puegnago

Messaggio da leggere da Lopi90 » lunedì 20 maggio 2019, 13:08

Domani e dopo domani sanno tanto di ultima chiamata per Mareczko. Non dovesse riuscire a centrare un podo o almeno una top 5 rappresenterebbe un pesante ridimensionamento.



Avatar utente
Tranchée d'Arenberg
Messaggi: 16651
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:50
Località: Falconara Albanese (CS)

Re: Jakub "Kuba" Mareczko, il karpata di Puegnago

Messaggio da leggere da Tranchée d'Arenberg » lunedì 20 maggio 2019, 14:49

Lopi90 ha scritto:
lunedì 20 maggio 2019, 13:08
Domani e dopo domani sanno tanto di ultima chiamata per Mareczko. Non dovesse riuscire a centrare un podo o almeno una top 5 rappresenterebbe un pesante ridimensionamento.
Per quanto mi riguarda non parlerei di ridimensionamento, ma solo perchè io nelle mie personalissime valutazioni l'ho già ridimensionato da tempo.
Un corridore che in tutta la stagione, pur essendo il principale velocista della squadra, ha ottenuto la miseria di soli 3 piazzamenti nei dieci ed un solo podio (in Australia a gennaio). Secondo me gli stiamo danto fin troppe attenzioni per il livello mediocre che esprime.

Ora ci sono ste due tappe, le due più semplici di tutto il Giro, in particolare quella di domani che è pure molto corta. Ha le ultime due chances, anche perchè poi immagino che a Novi Ligure saluterà il Giro. Sono le ultime due occasioni che ha per fare risultato e salvare una prima parte di stagione molto difficoltosa. Io ci credo poco, considerato anche il livello degli avversari...Dovesse andar male credo che anche in CCC inizieranno a farsi delle domande.

La cosa peggiore, tra l'altro, è che Mareczko ha la stessa età di Ackermann, Ewan e Gaviria. Tutta gente che tra i prof ha già vinto parecchio, corse serie intedno. Al loro cospetto Mareczko ha una sfilza di vittorie in corse asiatiche (o africane) di 3a/4a serie. La differenza è enorme.


Cobblestone 2012 & 2018 - 1° Classifica Generale
Cobblestone 2012 & 2018 - 1° Classifica Classiche
Cobblestone 2013 - 1° Classifica Semiclassiche

FantaCycling Manager 2016 - 1° Classifica (squadre)

Avatar utente
il_panta
Messaggi: 4156
Iscritto il: lunedì 21 maggio 2012, 13:39

Re: Jakub "Kuba" Mareczko, il karpata di Puegnago

Messaggio da leggere da il_panta » mercoledì 22 maggio 2019, 20:49

Nono posto che "non è un risultato malvagio". Non dico che dovrebbe essere come Viviani, che quando non vince la vive malissimo, ma lui pare proprio l'estremo opposto. Una via di mezzo sarebbe auspicabile.


2019: Giro d'Italia tp 4, 5, 20; 1° Giro d'Italia classifica generale.

cassius
Messaggi: 492
Iscritto il: giovedì 19 luglio 2012, 23:01

Re: Jakub "Kuba" Mareczko, il karpata di Puegnago

Messaggio da leggere da cassius » mercoledì 22 maggio 2019, 21:52

alla fine la CCC può pure accontentarsi di lui perché per il resto ha solo GVA.
Ed è la dimostrazione che il WT è un gigante di cartone: se togliete le prime 10-12 squadre, le altre non si capisce in cosa si differenzino da delle buone Professional.
E allora riducessero il numero di squadre a cui chiedere di girare il mondo, spendendo una barca di soldi, e lasciassero lo spazio a squadre che puntano davvero ad una certa corsa perché lo sponsor lí ha il suo mercato...



Avatar utente
sceriffo
Messaggi: 2290
Iscritto il: lunedì 11 aprile 2011, 23:48

Re: Jakub "Kuba" Mareczko, il karpata di Puegnago

Messaggio da leggere da sceriffo » mercoledì 22 maggio 2019, 23:18

cassius ha scritto:
mercoledì 22 maggio 2019, 21:52
alla fine la CCC può pure accontentarsi di lui perché per il resto ha solo GVA.
Ed è la dimostrazione che il WT è un gigante di cartone: se togliete le prime 10-12 squadre, le altre non si capisce in cosa si differenzino da delle buone Professional.
E allora riducessero il numero di squadre a cui chiedere di girare il mondo, spendendo una barca di soldi, e lasciassero lo spazio a squadre che puntano davvero ad una certa corsa perché lo sponsor lí ha il suo mercato...
Sono assolutamente d'accordo con te.
Oltretutto GVA ha vinto 2 corse minori, non certamente quelle che sperava nella campagna del Nord, dove non ha visto il podio nemmeno da lontano. D'altronde è un team creato da un'improbabile fusione dove i pezzi migliori della BMC, a parte GVA e De Marchi, han preso altre strade



Avatar utente
PedalatorePigro
Messaggi: 45
Iscritto il: lunedì 5 marzo 2012, 10:59

Re: Jakub "Kuba" Mareczko, il karpata di Puegnago

Messaggio da leggere da PedalatorePigro » mercoledì 22 maggio 2019, 23:38

Si ritira? Nel caso rimanesse, secondo voi ha qualche possibilità di arrivare alla prossima volata?



Avatar utente
il_panta
Messaggi: 4156
Iscritto il: lunedì 21 maggio 2012, 13:39

Re: Jakub "Kuba" Mareczko, il karpata di Puegnago

Messaggio da leggere da il_panta » mercoledì 22 maggio 2019, 23:50

PedalatorePigro ha scritto:
mercoledì 22 maggio 2019, 23:38
Si ritira? Nel caso rimanesse, secondo voi ha qualche possibilità di arrivare alla prossima volata?
Per me non ha nessuna possibilità. Superare il venerdì mi sembra difficile, superare il sabato proprio impossibile.


2019: Giro d'Italia tp 4, 5, 20; 1° Giro d'Italia classifica generale.

Lazzaro1
Messaggi: 697
Iscritto il: sabato 10 febbraio 2018, 17:37

Re: Jakub "Kuba" Mareczko, il karpata di Puegnago

Messaggio da leggere da Lazzaro1 » mercoledì 22 maggio 2019, 23:58

il_panta ha scritto:
mercoledì 22 maggio 2019, 23:50
PedalatorePigro ha scritto:
mercoledì 22 maggio 2019, 23:38
Si ritira? Nel caso rimanesse, secondo voi ha qualche possibilità di arrivare alla prossima volata?
Per me non ha nessuna possibilità. Superare il venerdì mi sembra difficile, superare il sabato proprio impossibile.
Si ci prova la mia valutazione cambia e di molto



cassius
Messaggi: 492
Iscritto il: giovedì 19 luglio 2012, 23:01

Re: Jakub "Kuba" Mareczko, il karpata di Puegnago

Messaggio da leggere da cassius » giovedì 23 maggio 2019, 13:06

PedalatorePigro ha scritto:
mercoledì 22 maggio 2019, 23:38
Si ritira? Nel caso rimanesse, secondo voi ha qualche possibilità di arrivare alla prossima volata?
Live from Cuneo ve lo segnalo alla partenza. Bravo



Avatar utente
Slegar
Messaggi: 4539
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:49

Re: Jakub "Kuba" Mareczko, il karpata di Puegnago

Messaggio da leggere da Slegar » giovedì 23 maggio 2019, 17:48

Cattura Kuba.PNG
Cattura Kuba.PNG (22.68 KiB) Visto 902 volte


fair play? No, Grazie!

cassius
Messaggi: 492
Iscritto il: giovedì 19 luglio 2012, 23:01

Re: Jakub "Kuba" Mareczko, il karpata di Puegnago

Messaggio da leggere da cassius » giovedì 23 maggio 2019, 18:37

Da PCS lo danno fuori tempo massimo, il sito della Gazza non specifica. Stamattina era partito.



jumbo
Messaggi: 4729
Iscritto il: sabato 1 ottobre 2011, 10:42

Re: Jakub "Kuba" Mareczko, il karpata di Puegnago

Messaggio da leggere da jumbo » giovedì 23 maggio 2019, 19:10

Be' dai almeno ci ha provato.



Avatar utente
Brogno
Messaggi: 3521
Iscritto il: martedì 21 maggio 2013, 10:37

Re: Jakub "Kuba" Mareczko, il karpata di Puegnago

Messaggio da leggere da Brogno » giovedì 23 maggio 2019, 21:22

jumbo ha scritto:
giovedì 23 maggio 2019, 19:10
Be' dai almeno ci ha provato.
Non ci fosse stato non si sarebbe notata alcuna differenza. Molto male.


Comunque i bookies sono dei genii, ma quanti cazzo di soldi si faranno, con tutti quelli che punteranno su Thomas??? (Tour 2018)

Se vincono Valverde o Nibali mi tatuo in fronte la parola INSBRUCK (Innsbruck 2018)

Beppesaronni

Dorico
Messaggi: 12
Iscritto il: martedì 6 novembre 2018, 21:59

Re: Jakub "Kuba" Mareczko, il karpata di Puegnago

Messaggio da leggere da Dorico » venerdì 24 maggio 2019, 12:05

E' arrivato 160esimo a 37’01” da Cesare Benedetti, il tempo massimo era 28’50”.
Il 159esimo (Bole) è arrivato a 21'38".



Avatar utente
pacho
Messaggi: 2716
Iscritto il: giovedì 8 settembre 2011, 19:29

Re: Jakub "Kuba" Mareczko, il karpata di Puegnago

Messaggio da leggere da pacho » venerdì 24 maggio 2019, 12:15

imbarazzante.


Utenti ignorati: Strong, Salvatore77, beppesaronni

Avatar utente
Tranchée d'Arenberg
Messaggi: 16651
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:50
Località: Falconara Albanese (CS)

Re: Jakub "Kuba" Mareczko, il karpata di Puegnago

Messaggio da leggere da Tranchée d'Arenberg » venerdì 24 maggio 2019, 12:20

jumbo ha scritto:
giovedì 23 maggio 2019, 19:10
Be' dai almeno ci ha provato.
Questo è vero, anche se probabilmente lui a differenza di Viviani ed Ewan non ha la possibilità di fare il Tour e quindi ha deciso di non risparmiarsi.

Ad ogni modo, al di là della sua buona volontà, ancora una volta concordo con pacho: imbarazzante.
Dorico ha scritto:
venerdì 24 maggio 2019, 12:05
E' arrivato 160esimo a 37’01” da Cesare Benedetti, il tempo massimo era 28’50”.
Il 159esimo (Bole) è arrivato a 21'38".
Cioè ha preso quasi il doppio dell'ultimo atleta che lo ha preceduto. Quasi 10 minuti oltre il tempo massimo. E se per un qualche caso fosse arrivato in tempo, oggi avrebbe preso un paio d'ore di ritardo.

Mi pare evidente che sto ragazzo non potrà mai portare a termine un Giro d'Italia o un Tour de France. :gluglu:


Cobblestone 2012 & 2018 - 1° Classifica Generale
Cobblestone 2012 & 2018 - 1° Classifica Classiche
Cobblestone 2013 - 1° Classifica Semiclassiche

FantaCycling Manager 2016 - 1° Classifica (squadre)

Winter
Messaggi: 14083
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Re: Jakub "Kuba" Mareczko, il karpata di Puegnago

Messaggio da leggere da Winter » venerdì 24 maggio 2019, 12:42

pacho ha scritto:
venerdì 24 maggio 2019, 12:15
imbarazzante.
Non è migliorato in nulla..
Era così da under..così è restato da pro
Ha un biennale?



Avatar utente
chinaski89
Messaggi: 3337
Iscritto il: sabato 13 giugno 2015, 16:51

Re: Jakub "Kuba" Mareczko, il karpata di Puegnago

Messaggio da leggere da chinaski89 » venerdì 24 maggio 2019, 12:46

pacho ha scritto:
venerdì 24 maggio 2019, 12:15
imbarazzante.
Concordo. Direi che il tuo commento basta e avanza.


Pregasi diffidare delle imitazioni, fedina immacolata :crazy: :D

Avatar utente
Tranchée d'Arenberg
Messaggi: 16651
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:50
Località: Falconara Albanese (CS)

Re: Jakub "Kuba" Mareczko, il karpata di Puegnago

Messaggio da leggere da Tranchée d'Arenberg » venerdì 24 maggio 2019, 14:05

Winter ha scritto:
venerdì 24 maggio 2019, 12:42
pacho ha scritto:
venerdì 24 maggio 2019, 12:15
imbarazzante.
Non è migliorato in nulla..
Era così da under..così è restato da pro
Ha un biennale?
Per tre anni, Giro d'Italia a parte, ha corso principalmente in Asia, corse completamente piatte contro avversai si 4a/5a fascia. Normale che non migliori in nulla. Probabilmente lui non ha neanche i margini per farlo, ma se tu lo mandi a correre sempre il Tour of Hainan e il Tour of Tahiu Lake...


Cobblestone 2012 & 2018 - 1° Classifica Generale
Cobblestone 2012 & 2018 - 1° Classifica Classiche
Cobblestone 2013 - 1° Classifica Semiclassiche

FantaCycling Manager 2016 - 1° Classifica (squadre)

nikybo85
Messaggi: 2350
Iscritto il: mercoledì 23 agosto 2017, 0:06

Re: Jakub "Kuba" Mareczko, il karpata di Puegnago

Messaggio da leggere da nikybo85 » venerdì 24 maggio 2019, 15:14

Tranchée d'Arenberg ha scritto:
venerdì 24 maggio 2019, 14:05
Winter ha scritto:
venerdì 24 maggio 2019, 12:42
pacho ha scritto:
venerdì 24 maggio 2019, 12:15
imbarazzante.
Non è migliorato in nulla..
Era così da under..così è restato da pro
Ha un biennale?
Per tre anni, Giro d'Italia a parte, ha corso principalmente in Asia, corse completamente piatte contro avversai si 4a/5a fascia. Normale che non migliori in nulla. Probabilmente lui non ha neanche i margini per farlo, ma se tu lo mandi a correre sempre il Tour of Hainan e il Tour of Tahiu Lake...
Visto che il suo standard è quello han fatto bene a monetizzare in quella maniera..




Rispondi