Fabio Aru 2018

Il mondo dei professionisti tra gare e complessità, e più in generale l'approccio al ciclismo di ogni appassionato
Avatar utente
pantanimortirolo
Messaggi: 19
Iscritto il: martedì 14 agosto 2012, 11:52
Località: Darfo Boario T.

Re: Fabio Aru 2018

Messaggio da leggere da pantanimortirolo » mercoledì 30 maggio 2018, 17:30

ci sarà Aru al campionato Italiano di Darfo a difendere il titolo? spero di si


la gioventù è passata per non ritornare


Avatar utente
lambohbk
Messaggi: 1661
Iscritto il: giovedì 13 ottobre 2016, 23:27

Re: Fabio Aru 2018

Messaggio da leggere da lambohbk » mercoledì 30 maggio 2018, 21:35

pantanimortirolo ha scritto:
mercoledì 30 maggio 2018, 17:30
ci sarà Aru al campionato Italiano di Darfo a difendere il titolo? spero di si
Se rimane la regola che per essere convocati in Nazionale bisogna partecipare, direi che (senza pretese) ci sarà


Per chi tifi? Per gli italiani

FC 2017: Dwars Door Vlaanderen, Tre Giorni di La Panne, Giro dei Paesi Baschi, Vuelta España - Combinata, Japan Cup

FC 2018: Tour of the Alps

Avatar utente
nemecsek.
Messaggi: 1361
Iscritto il: mercoledì 6 gennaio 2016, 22:35

Re: Fabio Aru 2018

Messaggio da leggere da nemecsek. » mercoledì 30 maggio 2018, 21:36

dichiarò vuelta in ottica mondiale


Le insegne luminose attirano gli allocchi.
GLF

Avatar utente
skawise
Messaggi: 1222
Iscritto il: mercoledì 5 ottobre 2016, 13:01
Località: Villacidro-Milano

Re: Fabio Aru 2018

Messaggio da leggere da skawise » mercoledì 30 maggio 2018, 22:27

Sì vabbè, ma quindi per sto party?
Faccio benzina?



Avatar utente
nemecsek.
Messaggi: 1361
Iscritto il: mercoledì 6 gennaio 2016, 22:35

Re: Fabio Aru 2018

Messaggio da leggere da nemecsek. » mercoledì 30 maggio 2018, 22:33

skawise ha scritto:
mercoledì 30 maggio 2018, 22:27
Sì vabbè, ma quindi per sto party?
Faccio benzina?
Fai il pieno.


Le insegne luminose attirano gli allocchi.
GLF


herbie
Messaggi: 3488
Iscritto il: sabato 26 febbraio 2011, 17:19

Re: Fabio Aru 2018

Messaggio da leggere da herbie » mercoledì 30 maggio 2018, 23:51

galliano ha scritto:
mercoledì 30 maggio 2018, 16:13
Se continuate così mi tocca affittare maso warth del Moser.
Con quello che mi chiederà mi tocca lanciare una campagna di crowdfunding.

ps: herbie che salite vieni a fare?
già, e ora rivelo in anticipo il mio itinerario così mi espongo ad agguati, tiro di frecce dalle alte rupi , riti voodoo di cui sopra? Non vorrei cominciare improvvisamente ad andare forte a crono.
si può trattare...
Ultima modifica di herbie il giovedì 31 maggio 2018, 0:17, modificato 1 volta in totale.



peek
Messaggi: 4919
Iscritto il: sabato 8 gennaio 2011, 10:08

Re: Fabio Aru 2018

Messaggio da leggere da peek » giovedì 31 maggio 2018, 0:11

Tranchée d'Arenberg ha scritto:
mercoledì 30 maggio 2018, 9:09
Altro che non valutabile, qui siamo inequivocabilmente tutti invitati a casa di Galliano. Inizia a mandare l'indirizzo per MP :bll:
Chiunque non sia malevolmente fazioso non può che riconoscere che in questo giro Aru ha avuto delle problematiche tecniche (o addirittura guai fisici?) che non gli hanno consentito di gareggiare al meglio. Tanto è vero che non ha concluso il giro, cosa che non lo rende valutabile.
Portate pazienza fino alla prossima corsa.



qrier
Messaggi: 587
Iscritto il: giovedì 7 maggio 2015, 15:12

Re: Fabio Aru 2018

Messaggio da leggere da qrier » giovedì 31 maggio 2018, 8:19

Esempio di un corridore che sembrava perso per le grandi corse a tappe e poi è riemerso? Rigoberto Uran.

Mi chiedo se i discorsi su Aru valgano allora anche per Chaves, Yates e Pinot.

Mi sembra prematuro parlare di fine di Aru quando la penultima grande corsa a tappe non è andata così male (quinto al Tour con una tappa è maglia gialla indossata... Rimasto senza squadra nel momento topico altrimenti è molto probabile che sarebbe arrivato al terzo posto secondo me).

Al Giro ha fatto flop e non si è capito perché ma prima di sparare sentenze aspetterei la prossima grande corsa a tappe e se necessario anche quella successiva. Se fossero fallimenti in sequenza allora il discorso sull'involuzione avrebbe basi più solide.

Oggi ho letto che potrebbe essere via al Tour correndo senza pressioni visto che il capitano sarà Martin... Bah, secondo me è meglio prendersi una pausa e pensare alla Vuelta e poi al mondiale. Al Tour potrebbe correre al massimo per le tappe. Capisco che possa aver voglia di riscattarsi subito ma non mi convince.



Avatar utente
nino58
Messaggi: 9142
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 14:38

Re: Fabio Aru 2018

Messaggio da leggere da nino58 » giovedì 31 maggio 2018, 9:05

qrier ha scritto:
giovedì 31 maggio 2018, 8:19
Esempio di un corridore che sembrava perso per le grandi corse a tappe e poi è riemerso? Rigoberto Uran.

Mi chiedo se i discorsi su Aru valgano allora anche per Chaves, Yates e Pinot.

Mi sembra prematuro parlare di fine di Aru quando la penultima grande corsa a tappe non è andata così male (quinto al Tour con una tappa è maglia gialla indossata... Rimasto senza squadra nel momento topico altrimenti è molto probabile che sarebbe arrivato al terzo posto secondo me).

Al Giro ha fatto flop e non si è capito perché ma prima di sparare sentenze aspetterei la prossima grande corsa a tappe e se necessario anche quella successiva. Se fossero fallimenti in sequenza allora il discorso sull'involuzione avrebbe basi più solide.

Oggi ho letto che potrebbe essere via al Tour correndo senza pressioni visto che il capitano sarà Martin... Bah, secondo me è meglio prendersi una pausa e pensare alla Vuelta e poi al mondiale. Al Tour potrebbe correre al massimo per le tappe. Capisco che possa aver voglia di riscattarsi subito ma non mi convince.
Dipende.
Se la crisi è stata di testa può anche correre il Tour, se è stata fisica o di errori di preparazione allora è meglio lasciar perdere il Tour e puntare a Vuelta e Mondiale.


Von Rock ? Nein, danke.
Diritto di correre senza condizioni a chi ha scontato una squalifica !!!

Avatar utente
galliano
Messaggi: 11734
Iscritto il: giovedì 14 aprile 2011, 12:53
Località: TN

Re: Fabio Aru 2018

Messaggio da leggere da galliano » giovedì 31 maggio 2018, 9:25

qrier ha scritto:
giovedì 31 maggio 2018, 8:19
Esempio di un corridore che sembrava perso per le grandi corse a tappe e poi è riemerso? Rigoberto Uran.

Mi chiedo se i discorsi su Aru valgano allora anche per Chaves, Yates e Pinot.

Mi sembra prematuro parlare di fine di Aru quando la penultima grande corsa a tappe non è andata così male (quinto al Tour con una tappa è maglia gialla indossata...
Che sia prematuro, concordo, ma se posso trovare abbastanza pertinente l'accostamento con chaves, non approvo assolutamente quello con yates e pinot.
Entrambi hanno fatto un Giro da protagonisti salvo poi pagare dazio a quelli che si è sempre temuto potessero essere i loro limiti.
Certo sono saltati in maniera eclatante ma yates esce da questo Giro rafforzato e non incrinato nelle proprie certezze.
Pinot ha pagato una giornata completamente negativa ma per il resto è sempre stato lì in lotta per il podio.
Chiaramente ne esce ridimensionato, ma già da prima erano pochi quelli che vedevano in lui un possibile vincitore di GT.

Il flop di Aru è stato decisamente più clamoroso e apre legittimamente degli interrogativi sul futuro del sardo.



Avatar utente
Fabian von Paterberg
Messaggi: 908
Iscritto il: martedì 9 agosto 2016, 14:29
Località: Passo dei 3 termini

Re: Fabio Aru 2018

Messaggio da leggere da Fabian von Paterberg » giovedì 31 maggio 2018, 9:27

2.jpg
dalla Gazza di oggi
2.jpg (447.82 KiB) Visto 2141 volte


Questa è stata la battaglia più grande della mia carriera. C.Froome, May 26th, 2018
2016 argento ITT Doha
2017 Tour de France a tempo

Avatar utente
galliano
Messaggi: 11734
Iscritto il: giovedì 14 aprile 2011, 12:53
Località: TN

Re: Fabio Aru 2018

Messaggio da leggere da galliano » giovedì 31 maggio 2018, 9:53

Certo che gialanella ricade nel solito errore: "ve lo immaginate Aru che passa dal Giro d'Austria al Giro di Polonia in attesa del riscatto (la vuelta)?"
Come se vincere queste gare a tappe fosse quasi umiliante, robetta, e infatti Aru ne ha vinte a piene mani di corsette del genere.

Forse sarebbe proprio il caso di partire da questi appuntamenti per vincerli per ricrearsi un po' di certezze.
A me pare una follia andare al Tour, comunque contenti loro.



Rudepravda
Messaggi: 350
Iscritto il: domenica 5 giugno 2016, 12:40

Re: Fabio Aru 2018

Messaggio da leggere da Rudepravda » giovedì 31 maggio 2018, 9:58

galliano ha scritto:
giovedì 31 maggio 2018, 9:53
Certo che gialanella ricade nel solito errore: "ve lo immaginate Aru che passa dal Giro d'Austria al Giro di Polonia in attesa del riscatto (la vuelta)?"
Come se vincere queste gare a tappe fosse quasi umiliante, robetta, e infatti Aru ne ha vinte a piene mani di corsette del genere.

Forse sarebbe proprio il caso di partire da questi appuntamenti per vincerli per ricrearsi un po' di certezze.
A me pare una follia andare al Tour, comunque contenti loro.
Io sono tifoso di Aru, ma comunque sono 100% d'accordo con questo. Dovrebbe ripartire dal preparare la vuelta sopratutto facendo bene anche nelle altre corse. Magari anche puntare alla San Sebastian non sarebbe male. Poi leggo che per il mondiale Saronni dice che se non va a fare il capitano meglio non ci vada...are you kidding me? Un pò di lavoro per gli altri non può che fargli bene, dato che, anche per circostanze esterne a lui, ha praticamente sempre fatto il capitano (giro 14, se Scarponi non cade lui lavora per lui, e probabilmente avrebbe capito più cose)



Avatar utente
Slegar
Messaggi: 4083
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:49

Re: Fabio Aru 2018

Messaggio da leggere da Slegar » giovedì 31 maggio 2018, 10:01

Certo che al ragazzo vogliono veramente male.


fair play? No, Grazie!

Avatar utente
Walter_White
Messaggi: 9402
Iscritto il: mercoledì 23 marzo 2016, 18:01

Re: Fabio Aru 2018

Messaggio da leggere da Walter_White » giovedì 31 maggio 2018, 10:48

Fabian von Paterberg ha scritto:
giovedì 31 maggio 2018, 9:27
2.jpg
Follia assoluta. "O capitano o niente mondiale" dopo questo Giro? Ma davvero ha avuto il coraggio di dirlo Saronni? E poi al Tour a far che? Che vinca piuttosto qualche piccola corsa a tappe...


guidobaldo de medici ha scritto:gilbert capitano era una cosa ridicola, non ha mai dato segno di poter reggere un fiandre, neppure lontanamente. del resto la scelta di fare la 3 giorni di de panne era già chiara.

Eroica
Messaggi: 262
Iscritto il: mercoledì 14 marzo 2018, 19:22

Re: Fabio Aru 2018

Messaggio da leggere da Eroica » giovedì 31 maggio 2018, 11:06

cassius ha scritto:
sabato 26 maggio 2018, 20:50
Eroica ha scritto:
sabato 26 maggio 2018, 14:15
Già solo il fatto che parli di fare il capitano a Innsbruck però non mi pare un buon auspicio.
Ma quando avrebbe detto questa cosa?
Intendo, post debacle al Giro.
cycling_chrnicles ha scritto:
domenica 27 maggio 2018, 8:55
Fonte sulla cosa del fare capitano al mondiale?
Oggi Saronni ha detto che se non fa il capitano ad Innsbruck il mondiale è meglio non lo faccia (Cassani che dice?). Come ho già detto buon corridore con diversi limiti purtroppo massacrato dalla stampa e dall'ambiente intorno a lui. Tour? cominci a vincere qualche corsa in linea, ma Gialanella si rende conto che sta distruggendo il ragazzo a furia di scrivere questi articoli?
Ormai Aru è un culto, circondato da adepti che vedono in lui la reincarnazione di Coppi e Pantani, incapaci di valutare la realtà dei fatti.

Piuttosto scrivano qualcosa contra l'inadeguatezza di Saronni, incapace da anni di gestire una squadra e i corridori. Scrivano di come Mohoric sia esploso appena andato via dalla sua squadra, scrivano di Cattaneo (vincitore baby Giro) che per diventare un corridore è dovuto andare all'androni, scrivano della fine di Pozzato e Cunego. Scrivano ai vari Consonni, Ganna, ecc di fuggire a gambe levate da quella squadra se vogliono avere una carriera. La stampa dovrebbe affrontare questi argomenti se vuole rendersi utile.



NibalAru
Messaggi: 2207
Iscritto il: lunedì 23 maggio 2016, 17:05

Re: Fabio Aru 2018

Messaggio da leggere da NibalAru » giovedì 31 maggio 2018, 12:22

Sono a dir poco perplesso da quanto leggo. Se è vero quello che c'è scritto in quell'articolo hanno tutti perso il lume della ragione in casa UAE.

Andare al Tour senza obiettivi di classifica a fare da gregario a Dan Martin o al massimo da cacciatore di tappe sarebbe più gratificante di preparare la Vuelta con ambizione di classifica ed il Mondiale da seconda punta? In quale mondo?

Ma magari preparasse bene per una volta anche i Giri di Polonia ed i Giri d'Austria prima del grande appuntamento. Si tratta proprio di quello che non ha mai fatto prima e che forse potrebbe aiutare a scaricarlo di qualche pressione mettendo prima qualcosa di più alla portata in bacheca in modo di arrivare più rilassato all'appuntamento che conta. Senza considerare il fatto che un cambio di preparazione che gli permettesse di andare in forma prima magari gli sarebbe anche utile per arrivare in forma migliore agli obiettivi più importanti.

Inoltre la Vuelta quest'anno in teoria dovrebbe essere molto più agevole rispetto al recente passato proprio perchè quasi tutti i principali uomini da GT si sfideranno prima al Tour e poi molto probabilmente avranno come altro obiettivo importante proprio il Mondiale. La Vuelta potrebbe essere affrontata da tanti dei grandi uomini da GT solo come una corsa di preparazione al Mondiale (molto probabilmente sarà così per Nibali e qualcun altro), o potrebbe addirittura essere saltata (Froome e Dumoulin di sicuro non ci saranno). Quale occasione migliore per rilanciarsi quindi? Gli avversari principali alla Vuelta o non ci saranno oppure ci arriveranno con già nelle gambe le fatiche del Tour e con in testa l'altro obiettivo del Mondiale. Il livello della concorrenza quindi si presume che sarà più basso rispetto a quello delle precedenti stagioni. Un corridore che viene da diverse stagioni difficili come Aru a mio modo di vedere questa occasione non dovrebbe minimamente farsela sfuggire



Avatar utente
Tranchée d'Arenberg
Messaggi: 14497
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:50
Località: Falconara Albanese (CS)

Re: Fabio Aru 2018

Messaggio da leggere da Tranchée d'Arenberg » giovedì 31 maggio 2018, 12:34

Walter_White ha scritto:
giovedì 31 maggio 2018, 10:48
Fabian von Paterberg ha scritto:
giovedì 31 maggio 2018, 9:27
2.jpg
Follia assoluta. "O capitano o niente mondiale" dopo questo Giro? Ma davvero ha avuto il coraggio di dirlo Saronni? E poi al Tour a far che? Che vinca piuttosto qualche piccola corsa a tappe...
Pazzi. Ha ragione Slegar, gli vogliono male. Poi quest'uscita sul mondiale è la sublimazione della follia. A Rio Aru era il vice di Nibali. Da allora il siciliano ha vinto un altro Lombardia e una Sanremo, cogliendo pure un 3° posto al Giro e un 2° posto alla Vuelta (dietro Froome). Nello stesso periodo Aru ha raccolto solo il 5° posto all'ultimo tour (ok, con tanto di tappa e maglia gialla) e il campionato italiano.
Alla luce di questi risultati, non c'è proprio confronto e non ci sono assolutamente gli estremi per mettere Aru alla pari di Nibali. Ma manco per scherzo.


In tutto questo Vino si frega le mani. Il suo "Ma io sono convinto di una cosa: se corrono dietro ai soldi, allora se ne vanno, ma se Aru vuol vincere allora deve restare con noi" riecheggia abbastanza forte in questo momento, anche perchè al Giro, Lopez seppur senza brillare s'è portato a casa podio e maglia bianca, mentre Aru viveva un'odissea.


Cobblestone 2012 - 1° Classifica Generale
Cobblestone 2012 - 1° Classifica Classiche
Cobblestone 2013 - 1° Classifica Semiclassiche

FantaCycling Manager 2016 - 1° Classifica (squadre)

nime
Messaggi: 743
Iscritto il: domenica 22 novembre 2015, 10:50

Re: Fabio Aru 2018

Messaggio da leggere da nime » giovedì 31 maggio 2018, 12:47

secondo me quell'intervista va letta nel contesto UAE, questi non hanno vinto una mazza quest'anno, di decente solo Francoforte, tutti stanno subendo pressioni per portare qualche risultato al tour e Aru rientra in questa fretta

si non è un bel contesto, ma da l'idea della situazione nel team,

riguardo al discorso mondiale vorrei sentire direttamente le parole di Saronni, scritte così possono anche voler dire altre cose, tipo "Aru senza la condizione per poter essere tra i capitani non ha senso che faccia il mondiale" o in altre parole " o Aru trova la forma per essere protagonista al mondiale o è inutile che ci vada" che non mi sembra assurdo come ragionamento e cmq totalmente diverso dal dire " o capitano niente" come pretesa a prescindere che mi sembra l'interpretazione che alcuni stanno dando



cycling_chrnicles
Messaggi: 144
Iscritto il: lunedì 2 aprile 2018, 16:44

Re: Fabio Aru 2018

Messaggio da leggere da cycling_chrnicles » giovedì 31 maggio 2018, 13:42

Eroica ha scritto:
giovedì 31 maggio 2018, 11:06
cassius ha scritto:
sabato 26 maggio 2018, 20:50
Eroica ha scritto:
sabato 26 maggio 2018, 14:15
Già solo il fatto che parli di fare il capitano a Innsbruck però non mi pare un buon auspicio.
Ma quando avrebbe detto questa cosa?
Intendo, post debacle al Giro.
cycling_chrnicles ha scritto:
domenica 27 maggio 2018, 8:55
Fonte sulla cosa del fare capitano al mondiale?
Oggi Saronni ha detto che se non fa il capitano ad Innsbruck il mondiale è meglio non lo faccia (Cassani che dice?). Come ho già detto buon corridore con diversi limiti purtroppo massacrato dalla stampa e dall'ambiente intorno a lui. Tour? cominci a vincere qualche corsa in linea, ma Gialanella si rende conto che sta distruggendo il ragazzo a furia di scrivere questi articoli?
Ormai Aru è un culto, circondato da adepti che vedono in lui la reincarnazione di Coppi e Pantani, incapaci di valutare la realtà dei fatti.

Piuttosto scrivano qualcosa contra l'inadeguatezza di Saronni, incapace da anni di gestire una squadra e i corridori. Scrivano di come Mohoric sia esploso appena andato via dalla sua squadra, scrivano di Cattaneo (vincitore baby Giro) che per diventare un corridore è dovuto andare all'androni, scrivano della fine di Pozzato e Cunego. Scrivano ai vari Consonni, Ganna, ecc di fuggire a gambe levate da quella squadra se vogliono avere una carriera. La stampa dovrebbe affrontare questi argomenti se vuole rendersi utile.
Ci sono una serie di cose che secondo me dovresti chiarire di quello che hai scritto. Cerco di riportarle con ordine

1 - dici che Aru parla di fare il capitano a Innsbruck, ti vengono chieste le fonti e citi giorni dopo un'intervista (ci giri il link se non ti spiace... Sono da telefono e ho fatto solo una ricerca sommaria senza trovare nulla, scusami) in cui Saronni (non Aru) dice che o fa il capitano al mondiale o può anche non andare... Se il team manager parla per conto dell'atleta, mi sembra corretto ascrivere al primo la responsabilità di quello che dice.

2 - sulla reincarnazione di Coppi e Pantani... Immagino tu stia usando un'iperbole e che nessuno abbia detto queste cose. Se invece fai riferimento al comportamento dei giornalisti rai (Ads e Conti in particolare), per come la vedo io sarebbe ora di smetterla di dare seguito a chi fa giornalismo (sportivo in questo caso) in questo modo. Io ho smesso di leggere o ascoltare con attenzione chi ha troppo spesso una visione faziosa dei fatti. Se mi capita di "incrociare" quello che scrivono, o dicono, ho preso l'abitudine di farlo con beneficio di inventario, e in sostanza non li considero più voci autorevoli.

3- Saronni è il team manager del team uae... Non il preparatore atletico. È chiaramente responsabile delle persone che vengono assunte, ma il suo primo ruolo è un altro. Tra stagione scorsa e questa è riuscito ad accaparrarsi 3 dei 4 nomi più pesanti che hanno cambiato squadra (se non dimentico qualcuno oltre a Landa) e ha trovato investitori che gli hanno consentito di costruire un team che sulla carta potrebbe essere uno dei principali attori nel wt. I risultati non gli stanno dando ragione, di questo va preso atto. Ma non è detto che da qui a un po' di tempo ci troveremo a rivalutare il lavoro che ha svolto e sta svolgendo in questi anni, anche perché ha a disposizione molti liquidi se ricordo bene

4- Mohoric ha iniziato ad andare forte proprio dall'anno scorso quando vinse alla vuelta. Anche se è vero che in questa stagione ha fatto un ulteriore salto di qualità. Al di la di questo: secondo te davvero la parabola della carriera di Pozzato è riconducibile alla presenza nella squadra di Saronni? E lo stesso vale per Cunego che con saronni-galbusera ha vinto 3 giri di lombardia, un amstel 2 tappe alla vuelta e un argento mondiale (dietro a un compagno di club).

Soprattutto non capisco che cosa intendi dire quando fai riferimento al fatto che Saronni è incapace di gestire i corridori. Non è una domanda faziosa, proprio non ho capito


Edit. Ho visto ora la foto dell'articolo... Niente link :)


twitter: C_C_Podcast
facebook: Cycling Chronicles
spreaker: Cycling Chronicles
soundcloud: cycling chronicles

nime
Messaggi: 743
Iscritto il: domenica 22 novembre 2015, 10:50

Re: Fabio Aru 2018

Messaggio da leggere da nime » giovedì 31 maggio 2018, 14:53

cycling_chrnicles ha scritto:
giovedì 31 maggio 2018, 13:42

3- Saronni è il team manager del team uae... Non il preparatore atletico. È chiaramente responsabile delle persone che vengono assunte, ma il suo primo ruolo è un altro. Tra stagione scorsa e questa è riuscito ad accaparrarsi 3 dei 4 nomi più pesanti che hanno cambiato squadra (se non dimentico qualcuno oltre a Landa) e ha trovato investitori che gli hanno consentito di costruire un team che sulla carta potrebbe essere uno dei principali attori nel wt. I risultati non gli stanno dando ragione, di questo va preso atto. Ma non è detto che da qui a un po' di tempo ci troveremo a rivalutare il lavoro che ha svolto e sta svolgendo in questi anni, anche perché ha a disposizione molti liquidi se ricordo bene


è un discorso delicato, cerco di spiegare il mio punto di vista nei limiti, la preparazione è tutto, se tu prendi uno per quelle cifre devi sapere tutto o il più possibile sulle sue preparazioni passate che lo hanno portato alle prestazioni per cui lo hai pagato e determinare quali sono i rischi nell'inserirlo nel tuo contesto, con i tuoi medici e relativi cambi di preparatore

questa è una delle skill che deve avere il team manager e i medici che si è scelto

per intenderci con un paradosso, tu puoi prendere Froome, ma se poi quando viene da te lo segue Tiralongo hai probabilità infinitamente più alte di non ottenere gli stessi risultati

al contrario puoi prendere uno che ottiene risultati decenti, ma si prepara da solo con mille errori e sai che può avere maggiori margini di miglioramento nel tuo contesto

il dato di fatto finale, almeno secondo me ovviamente, è che moltissimi da loro stanno rendendo meno di dove stavano prima, può essere sfiga, ma è anche molto probabile che certe cose non siano state valutate bene da Saronni e il suo team



Eroica
Messaggi: 262
Iscritto il: mercoledì 14 marzo 2018, 19:22

Re: Fabio Aru 2018

Messaggio da leggere da Eroica » giovedì 31 maggio 2018, 15:16

Allora, senza approfondire troppo:

1)articolo di oggi, gazza
2)Detto semplicemente: aru è circondato da gente che lo sopravvaluta, questo è un problema siccome al giro è crollato di testa appena ha compreso che avrebbe potuto lottare al massimo per una top 10. Lasciando stare i giornalisti che comunque lo danneggiano scrivendo cose tipo "ma che va a fare aru al polonia", a me sembra che lui si consideri un big del ciclismo.
Lui è un grande campione, il Cavaliere dei quattro mori, il futuro del ciclismo italiano, e via di hashtag, social, ecc...
Qui è dove sta cascando siccome è un buonissimo corridore, ampiamente sopra la media, ma non ha i numeri del campione. Poi se ne potrebbe discutere a lungo.
3) Ha risposto nime
4) Mohoric prima di quella vuelta aveva dimostrato veramente poco. Il 5 agosto firma col Bahrain( http://teambahrainmerida.com/matej-moho ... ling-team/ ). Il 25 agosto fa il numero alla vuelta, ovviamente era ancora con Saronni però è curioso che i risultati siano arrivati appena ha deciso di levare le tende.
Saronni poi è bravissimo a trovare gli sponsor ed a sopravvivere nel WT, ma che le sue squadre siano deboli e povere tecnicamente non lo scopriamo oggi. Cunego rimase sui livelli saeco in lampre anche se effettivamente vinse grandi corse fino al 2008, comunque in lampre cercarono di modificare in maniere abbastanza fallimentare le caratteristiche fisiche di cunego.
Pozzato aveva già dato segnali di incostanza ma nel 2012 duellava con Boonen al fiandre, a fine stagione firma un lucroso contratto con la lampre, sportivamente è morto lì. Se avesse firmato con Lefevere forse avrebbe avuto un altro epilogo di carriera.
Saronni è team manager da un sacco di anni. Ricordo di come Malori migliorò appena lasciata la Lampre. Oppure il povero Ravasi che l'anno scorso ha tappato la stagione perché mandato al giro allo sbaraglio dopo un infortunio, queste sono cose che possono bruciare anche la carriera ad un neopro.
Ma di esempi ce ne sono moltissimi. Insomma il succo è che Saronni è bravo a trovare sponsor, molto meno a motivare, sviluppare, gestire gli atleti, questo da molti anni. Ed aru piazzandosi lì lascia presagire molto un Cunego bis.



cycling_chrnicles
Messaggi: 144
Iscritto il: lunedì 2 aprile 2018, 16:44

Re: Fabio Aru 2018

Messaggio da leggere da cycling_chrnicles » giovedì 31 maggio 2018, 15:38

nime ha scritto:
giovedì 31 maggio 2018, 14:53
è un discorso delicato, cerco di spiegare il mio punto di vista nei limiti, la preparazione è tutto, se tu prendi uno per quelle cifre devi sapere tutto o il più possibile sulle sue preparazioni passate che lo hanno portato alle prestazioni per cui lo hai pagato e determinare quali sono i rischi nell'inserirlo nel tuo contesto, con i tuoi medici e relativi cambi di preparatore

questa è una delle skill che deve avere il team manager e i medici che si è scelto

per intenderci con un paradosso, tu puoi prendere Froome, ma se poi quando viene da te lo segue Tiralongo hai probabilità infinitamente più alte di non ottenere gli stessi risultati

al contrario puoi prendere uno che ottiene risultati decenti, ma si prepara da solo con mille errori e sai che può avere maggiori margini di miglioramento nel tuo contesto

il dato di fatto finale, almeno secondo me ovviamente, è che moltissimi da loro stanno rendendo meno di dove stavano prima, può essere sfiga, ma è anche molto probabile che certe cose non siano state valutate bene da Saronni e il suo team
Dici bene, è un discorso delicato e complesso. Io mi guardo bene dal ritenere che Saronni e Gianetti siano esenti da responsabilità per la scadente (a dir poco) prima parte di stagione del team uae... Il discorso di prima fatto da Eroica però mi sembra una sovrasemplificazione: questo è il primo anno da un bel po' di tempo a questa parte che il gruppo ex lampre si presenta con credenziali importanti all'inizio della stagione. Se in tanti rendono sottotono, come hai detto tu, la prima cosa che andrei a vedere è la preparazione. Ma ad esempio dall'articolo di sopra sembra che siano intenzionati a prendere degli aggiustamenti in merito.


twitter: C_C_Podcast
facebook: Cycling Chronicles
spreaker: Cycling Chronicles
soundcloud: cycling chronicles

Avatar utente
chinaski89
Messaggi: 2561
Iscritto il: sabato 13 giugno 2015, 16:51

Re: Fabio Aru 2018

Messaggio da leggere da chinaski89 » giovedì 31 maggio 2018, 17:10

Beh che si consideri già un grande campione è pacifico, l'ha affermato nell'intervista preGiro alla Gazza. A domanda "è un peso che all'età di 27 anni è ora di aggiungere qualche altro trofeo alla Vuelta?" Il virgolettato era: "Lo dico mantenendo i piedi per terra, ma credo di essere grande già da tempo. La vittoria in Spagna e un secondo e un terzo posto al Giro non sono risultati da poco. Sono diventato grande perchè da anni ho responsabilità importanti all'interno Delle squadre in cui ho corso. Certo a livello di risultati posso fare di più."


beppesaronni ha scritto: Non ricordo un solo gt in cui conty, che non era il più forte ma nemmeno il secondo, abbia anche solo provato (non dico che ci sia riuscito. Provato!!!!)
lemond ha scritto: Sagan è il più grande, ma non un gran vincente.

Avatar utente
lambohbk
Messaggi: 1661
Iscritto il: giovedì 13 ottobre 2016, 23:27

Re: Fabio Aru 2018

Messaggio da leggere da lambohbk » giovedì 31 maggio 2018, 18:18

Oggi pensavo a questa cosa (che già in parte alcuni di voi hanno detto):

Aru è passato pro con tante aspettative ed è stato subito coccolato e trattato come il futuro faro della squadra. In pratica ha saltato lo step di "gregario" in quanto nel 2013 è stato spesso affiancato a Nibali ma non ricordo particolari azioni di gregariato (infatti al Trentino vinto da Nibali, Aru ha fatto quarto) e io credo che questa "gavetta" mancata la stia in parte pagando ora.

Quello che intendo dire è che Aru non è mai stato abituato a fare fatica senza poi ottenere risultati, cosa che abitualmente fa il gregario (lui fatica e il capitano vince), per cui ora che non riesce ad essere tra i primi si trova in una situazione completamente nuova e la sua mente ripudia il fatto di fare magari un passo indietro e prendere le cose più alla leggera (mettersi al servizio di un compagno, cercare qualche vittoria meno prestigiosa per rilanciarsi mentalmente, ecc).

Per fare un parallelo con Nibali: Nibali è passato pro nel 2005 e la sua prima stagione da capitano è stata il 2009 (senza dimenticare che comunque nel 2010 ha anche lavorato per Basso) e credo che quel percorso lo abbia molto aiutato a rimanere coi piedi per terra, crescendo gradualmente. Nibali non ha problemi a tirare il gruppo per portare avanti Colbrelli (vedi Dubai Tour) mentre Aru che si sacrifica per un compagno è cosa rarissima.

Questo è relativo al "crollo" psicologico che sta avendo il sardo in questo periodo


Per chi tifi? Per gli italiani

FC 2017: Dwars Door Vlaanderen, Tre Giorni di La Panne, Giro dei Paesi Baschi, Vuelta España - Combinata, Japan Cup

FC 2018: Tour of the Alps

Luca90
Messaggi: 3989
Iscritto il: venerdì 31 luglio 2015, 22:21

Re: Fabio Aru 2018

Messaggio da leggere da Luca90 » giovedì 31 maggio 2018, 18:18

il programma giro d'austria, giro di polonia e vuelta era perfetto con magari in mezzo san sebastian... andare al tour per me è follia... c'è daniel martin per la generale, kristoff per le volate e rui costa per le tappe...


2015: Tre Valli Varesine
2016 (11°) : Giro d'Italia (primi5), Tour de France tappa 11, Tour de France tappa 14, Parigi-Tours
2017 (14°) : Kuurne-Bruxelles-Kuurne, Tro Bro Leon

Eroica
Messaggi: 262
Iscritto il: mercoledì 14 marzo 2018, 19:22

Re: Fabio Aru 2018

Messaggio da leggere da Eroica » giovedì 31 maggio 2018, 18:40

Luca90 ha scritto:
giovedì 31 maggio 2018, 18:18
il programma giro d'austria, giro di polonia e vuelta era perfetto con magari in mezzo san sebastian... andare al tour per me è follia... c'è daniel martin per la generale, kristoff per le volate e rui costa per le tappe...
Infatti, più i deliri sul mondiale.
Sono tutti segnali che hanno completamente perso contatto con la realtà, lui e Saronni.
Martinelli oggi sulla gazza ha detto che per aru sarebbe meglio riprendersi in vista della vuelta, chissà cosa gli diranno in UAE.
Il fatto che lui si consideri un grande campione è un problema, e lo è ancora di più che la stampa continui a considerarlo tale. Chi lo fa scendere dal pero adesso? Certo che Gialanella a scrivere che aru è troppo grande per puntare ad austria e polonia si rende ridicolo. Qualcuno dovrebbe riportato alla realtà.
Tranchée d'Arenberg ha scritto:
giovedì 31 maggio 2018, 12:34
In tutto questo Vino si frega le mani. Il suo "Ma io sono convinto di una cosa: se corrono dietro ai soldi, allora se ne vanno, ma se Aru vuol vincere allora deve restare con noi" riecheggia abbastanza forte in questo momento, anche perchè al Giro, Lopez seppur senza brillare s'è portato a casa podio e maglia bianca, mentre Aru viveva un'odissea.
questo senza dubbio, con ringraziamento alla rai che premeva per una separazione aru-astana.



Avatar utente
Maìno della Spinetta
Messaggi: 4967
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 15:53

Re: Fabio Aru 2018

Messaggio da leggere da Maìno della Spinetta » giovedì 31 maggio 2018, 18:55

Luca90 ha scritto:
giovedì 31 maggio 2018, 18:18
il programma giro d'austria, giro di polonia e vuelta era perfetto con magari in mezzo san sebastian... andare al tour per me è follia... c'è daniel martin per la generale, kristoff per le volate e rui costa per le tappe...
che poi Nibali e Froome si portavano a casa delfinati e Tirreno - cioé, Nibali e Froome, cacchio, qui ci sono delle pagnotte da mangiare prima di fare gli snob sulle corse di seconda fascia


“Our interest’s on the dangerous edge of things.
The honest thief, the tender murderer, the superstitious atheist”.

cassius
Messaggi: 128
Iscritto il: giovedì 19 luglio 2012, 23:01

Re: Fabio Aru 2018

Messaggio da leggere da cassius » giovedì 31 maggio 2018, 19:13

Correre il Tour è una follia per Aru e, se Saronni lo deciderà, è la conferma che possiamo solo sperare che prima o poi finiscano gli sponsor disposti a finanziare la sua incapacità di capire il ciclismo manageriale, che é un po' diverso da quello pedalato. Pressioni mediatiche enormi addosso, recupero quantomai incerto dal giro (che cmq ha quasi completato faticando non poco), demotivante per Daniel Martin.

Aru deve fare una seconda metà di stagione a fari spenti, senza farsi vedere, senza concedere interviste.
Si porti a casa qualche risultato "minore", se riesce (non è che al Giro di Polonia ci trovi i tapascioni, eh), e prepari Vuelta, Mondiale (salvo miracoli, da gregario, ed è un onore correrlo anche così) e Lombardia.
Per tornare a far parlare gli ordini di arrivo.



Il Complottista
Messaggi: 99
Iscritto il: domenica 16 luglio 2017, 23:40

Re: Fabio Aru 2018

Messaggio da leggere da Il Complottista » giovedì 31 maggio 2018, 20:13

Sicuri che siano parole di Saronni e non virgolettati fatti con i pensieri di Gialanella ?
Articolo pieno di omissioni e dimenticanze , roba da far impallidire la Pravda .
Perchè questo signore è poi lo stesso che quattro anni fa è scappato da Twitter perchè qualcuno osava criticare con argomentazioni ciò che scriveva e scrive anche oggi
La guerra mossa perchè Nibali non venne al Giro del 2014 facendo un danno a Rcs contro l'Astana e il Doping sono opera sua
Questo Incapace ( spero che mi legga ) è stato uno di quelli che ha spinto di più affinchè Aru mollasse Vino e Astana
Ora siccome le cose non vanno bene ci mette poco a scaricare anche Saronni e La Uae , facendo tabelline lui di corse di Serie A e B
La questione dei doppio capitano fa ridere . A oggi per il mondiale il Capitano è il Signor Vincenzo Nibali , Aru può essere una seconda punta qualora le cose si mettessero male
Sarebbe anche ora che Aru lo facesse visto che in 6 anni da Pro non lo ha mai fatto .
E Gialanella si guarda bene dal dirlo .



Fedaia
Messaggi: 943
Iscritto il: sabato 11 giugno 2016, 19:18

Re: Fabio Aru 2018

Messaggio da leggere da Fedaia » giovedì 31 maggio 2018, 23:13

Ma che ve frega se Aru va al Tour?
E’ un corridore, strapagato, che deve dimostrare qualcosa alla societa’ per cui e’ impiegato, ai suoi tifosi, a se’ stesso.
Peggio di come e’ andato al Giro dubito possa accadere, quindi fiducia e meno paturnie.
Ne sto leggendo davvero di cotte e di crude: Aru non e’ un poverino maltrattato da Saronni o altri ne’ un fenomeno come qualcuno credeva.
Un ottimo corridore, di grande carattere piu’ che talento, che probabilmente dovrebbe dedicarsi piu’ alle piccole corse a tappe, corse di un giorno, e vittorie di tappa all’interno di un Gt.
Dovesse incaponirsi ancora lui e chi lo circonda a rincorrere chimere di alta classifica, a mio modesto parere, non farebbe altro che autoledersi.
In tal caso lo vedrei fare incetta di posti compresi tra il quinto (picco) e il quindicesimo posto di classifica nei vari Gt. Nulla che giustificherebbe 24 pagine di post dedicato...



Avatar utente
skawise
Messaggi: 1222
Iscritto il: mercoledì 5 ottobre 2016, 13:01
Località: Villacidro-Milano

Re: Fabio Aru 2018

Messaggio da leggere da skawise » giovedì 31 maggio 2018, 23:28

Beh dai, in Nazionale non ha mai fatto la punta. E a Rio ha fatto un grandissimo lavoro per Vincenzo. Almeno su questo siamo onesti.

Andare al Tour comunque sarebbe una follia. Vorrebbe dire sacrificare tutta la seconda parte di stagione. Sono d'accordo pure io col fare le gare a tappe minori e poi fare Vuelta e Mondiale. Come previsto.
Poi si ricominicia nel 2019 e si valuta.



Avatar utente
Patate
Messaggi: 2870
Iscritto il: domenica 28 febbraio 2016, 23:23

Re: Fabio Aru 2018

Messaggio da leggere da Patate » venerdì 1 giugno 2018, 0:18

No eh, il Tour no.

Che voglio vederlo lottare al Polonia con Antunes :diavoletto: :diavoletto:


antani ha scritto:Non so perchè ma ho la sensazione che domani Aru possa arrivare dietro o davanti a Froome, stiamo a vedere sembra facile ma non è difficile

Stingishere
Messaggi: 47
Iscritto il: domenica 14 gennaio 2018, 18:27

Re: Fabio Aru 2018

Messaggio da leggere da Stingishere » venerdì 1 giugno 2018, 0:24

Ma qualcuno ha visto Radiocorsa?
Ci dovrebbe essere stato il suo agente per dire il calendario della 2° parte di stagione.
Ha confermato o smentito il tour?



Avatar utente
Brogno
Messaggi: 3299
Iscritto il: martedì 21 maggio 2013, 10:37

Re: Fabio Aru 2018

Messaggio da leggere da Brogno » venerdì 1 giugno 2018, 9:20

galliano ha scritto:
giovedì 31 maggio 2018, 9:25
qrier ha scritto:
giovedì 31 maggio 2018, 8:19
Esempio di un corridore che sembrava perso per le grandi corse a tappe e poi è riemerso? Rigoberto Uran.

Mi chiedo se i discorsi su Aru valgano allora anche per Chaves, Yates e Pinot.

Mi sembra prematuro parlare di fine di Aru quando la penultima grande corsa a tappe non è andata così male (quinto al Tour con una tappa è maglia gialla indossata...
Che sia prematuro, concordo, ma se posso trovare abbastanza pertinente l'accostamento con chaves, non approvo assolutamente quello con yates e pinot.
Entrambi hanno fatto un Giro da protagonisti salvo poi pagare dazio a quelli che si è sempre temuto potessero essere i loro limiti.
Certo sono saltati in maniera eclatante ma yates esce da questo Giro rafforzato e non incrinato nelle proprie certezze.
Pinot ha pagato una giornata completamente negativa ma per il resto è sempre stato lì in lotta per il podio.
Chiaramente ne esce ridimensionato, ma già da prima erano pochi quelli che vedevano in lui un possibile vincitore di GT.

Il flop di Aru è stato decisamente più clamoroso e apre legittimamente degli interrogativi sul futuro del sardo.
Ma Pinot, dopo aver fatto 7 alla Vuelta e 3 al Tour 2014, ha inanellato una serie di risultati negativi, un DNF alla Vuelta 2014, un 16 al Tour 2015 e un DNF al Tour 2016. Mi sembra che basti per provare che non e' assolutamente vero che non ci sono casi passati in cui ad un tonfo (anche pesante) l'atleta non sia stato in grado di riprendersi.
Come ho detto su, potrei trovare mille esempi. E' un falso, che ovviamente fa comodo perche' si parla di Fabio Aru.



Avatar utente
lambohbk
Messaggi: 1661
Iscritto il: giovedì 13 ottobre 2016, 23:27

Re: Fabio Aru 2018

Messaggio da leggere da lambohbk » venerdì 1 giugno 2018, 12:03

Stingishere ha scritto:
venerdì 1 giugno 2018, 0:24
Ma qualcuno ha visto Radiocorsa?
Ci dovrebbe essere stato il suo agente per dire il calendario della 2° parte di stagione.
Ha confermato o smentito il tour?
Non è che abbia detto chissà cosa. Ha detto che ne parleranno col Team ma prima vogliono vedere l'esito di questi esami che hanno fatto recentemente. Ha comunque fatto capire che è più facile Vuelta


Per chi tifi? Per gli italiani

FC 2017: Dwars Door Vlaanderen, Tre Giorni di La Panne, Giro dei Paesi Baschi, Vuelta España - Combinata, Japan Cup

FC 2018: Tour of the Alps

NibalAru
Messaggi: 2207
Iscritto il: lunedì 23 maggio 2016, 17:05

Re: Fabio Aru 2018

Messaggio da leggere da NibalAru » venerdì 1 giugno 2018, 12:48

Brogno ha scritto:
venerdì 1 giugno 2018, 9:20

Ma Pinot, dopo aver fatto 7 alla Vuelta e 3 al Tour 2014, ha inanellato una serie di risultati negativi, un DNF alla Vuelta 2014, un 16 al Tour 2015 e un DNF al Tour 2016. Mi sembra che basti per provare che non e' assolutamente vero che non ci sono casi passati in cui ad un tonfo (anche pesante) l'atleta non sia stato in grado di riprendersi.
Come ho detto su, potrei trovare mille esempi. E' un falso, che ovviamente fa comodo perche' si parla di Fabio Aru.
Prima dell'inizio del Giro avevo fatto una breve ricerca, ed avevo scoperto che nella storia del ciclismo, nessun vincitore di un GT è stato capace di vincere o risalire sul podio di un GT dopo tre anni consecutivi senza piazzamenti a podio. Dalla vittoria della Vuelta di Aru nel 2015 questo è proprio il terzo anno consecutivo per il corridore sardo senza piazzamenti a podio in qualsiasi GT. Gli è rimasta una sola occasione (prossimo Tour o Vuelta) per evitare che anche la statistica gli sia avversa.



herbie
Messaggi: 3488
Iscritto il: sabato 26 febbraio 2011, 17:19

Re: Fabio Aru 2018

Messaggio da leggere da herbie » venerdì 1 giugno 2018, 21:31

Eroica ha scritto:
mercoledì 30 maggio 2018, 16:27
Forse l'esempio di Majka è un po' infelice perché pure lui sembra avere una certa involuzione, tuttavia quello che dico è che aru aveva un motore notevole ma non al livello di chi vince grandi giri e l'ha distrutto a furia di andare oltre il limite cercando di esserne uno
no, veramente. Scusatemi la poca gentilezza, ma questa dovete dirmi da quale forum gazzetta o di Juvemagazine l'avete presa. Non ci credo, da quello che altrove scrivete, che ci credete anche voi. Il principio dell'allenamento è esattamente quello di forzare limiti e soglie proprio per spostare in là frequenze e wattaggi forzando regolarmente questi valori. E' un secolo che i corridori, quelli all'antica, si "allenano correndo", proprio per fare questi sforzi oltre i limiti attuali con lo stimolo dell'avversario da seguire, senza doverli riprodurre asetticamente in allenamento, e ancora siamo qui a dire che poverino, Aru si sforza troppo, fa le facce brutte??? Aru come tutti i colleghi raschia centinaia di volte il fondo del barile in corsa, è semplicemente lo sport professionistico (e anche quello amatoriale è abbastanza lì vicino, ormai). Se vuole ottenere qualche straccio di risultato, un atleta deve andare a faticare là sopra, in quel modo.
Che poi si voglia fare il discorso della voglia che viene a mancare perché Aru sarebbe stato spremuto nelle formazioni giovanili, è un'altra cosa, che ci può anche stare, ma il corridore "spremuto" da giovane non ottiene i risultati di Aru in questi anni, ma vira ben presto su una carriera meno esigente. Vedi Popovich. Opinione personale, comunque
Eroica ha scritto:
mercoledì 30 maggio 2018, 16:27
Dovresti avere paura di essere smentito siccome aru da settembre 2015, eccetto un mese l'anno scorso che sembrerebbe eccezionale, ad oggi non ha combinato niente. Lo dissi un mese fa: togliere le fette di prosciutto dagl'occhi. Altro che terno al lotto, io vedevo chiaramente, vista l'involuzione e la stagione, un aru inferiore a Formolo e Pozzo .Escluso quel mese è ampiamente inferiore a Pozzovivo e pure a Formolo dal settembre 2015. Tu cianciavi "fuori dal podio un fallimento", io ti risposi: calma.
L'esempio di Pantani è quantomeno infelice, 2 vittorie di tappa al tour, non era più forte che nel 98/99, per poi fare la fine che ha fatto. Aru potrebbe salvarsi riciclandosi in battitore libero, ma ricordo pochi corridori che dopo 3 annate anonime sono ritornati su livelli eccelsi, non escludo che possa avere qualche fiammata stile luglio 2017 in futuro.
Dici che aru è più forte di Formolo? Orbene il cavaliere ha preparato da gennaio il Giro, ha puntato tutto su di esso, non ha avuto contrattempi, infortuni o malattie o sbaglio? Allora com'è che Formolo ha dato la paga ad aru ovunque tranne che sull'Etna (dove cadde) e nella crono (dietro derny). Ti ricordo che davide ha fatto un 7o alla Liegi, aru dov'era? Alla tirreno c'era pure aru, orbene formolo gli è arrivato davanti. Non mi pare che sia nettamente inferiore sinceramente. Sul futuro non scommetterei mai contro Formolo tra lui ed il cavaliere, davide ha 2 anni in meno di un bardet ed a piccoli passettini migliora di anno in anno, quest'anno è molto migliorato a crono ed ha mostrato una buona attitudine ai finali nervosi, certo che roccia si deve dare una svegliata ed attaccare e a vincere qualcosa.

Attualmente pozzovivo viaggia su un altro livello rispetto al cavaliere, questo indipendente dal palmares siccome non si può dire che Cunego sia meglio di Lopez perché ha vinto questo, quello e quell'altro, stesso discorso si potrebbe fare per Stuyven e Pozzato e molti altri.
Non ho capito che c'entrano Cunego e Lopez. A parte che ad oggi, non c'è proprio paragone....
l'Aru di giugno, prima metà di luglio, l'anno scorso in salita stava con Froome. E basta. A meno che si voglia per forza pensare a qualche "scoperta" in esclusiva, uno che palesa questi valori, e non era la prima volta, non è un corridore che deve temere il decimo o il quindicesimo in classifica.
Che poi debba evitare inutili nervosismi e presunzioni (il mondiale da capitano, su pendenze che non sono l'ideale nemmeno per Nibali e la stragrande maggioranza dei corridori come lui, ma perchè?) , e rimboccarsi le maniche mantenendo estrema calma senza pensare di spaccare tutto, siamo tutti d'accordo, credo.
Che poi sia una assurdità pensare di fare il Tour, snobbando corse assolutamente non facili e nemmeno brutte o di minor valore, come quelle citate, siamo credo quasi tutti d'accordo.



team opc
Messaggi: 500
Iscritto il: domenica 17 gennaio 2016, 20:34

Re: Fabio Aru 2018

Messaggio da leggere da team opc » venerdì 1 giugno 2018, 22:39

Settimana prossima dovrebbe arrivarmi il bicisport di cui sono abbonato.Leggo nelle anticipazioni che gli consigliano di andare al Tour.
Andiamo bene,ma si rendono conto della follia?
Che si fermi due settimane,e poi piano piano si deve puntare ad un podio alla Vuelta.
Curioso anche di leggere ciò che dicono di Froome,che non è mai stato troppo amato



peek
Messaggi: 4919
Iscritto il: sabato 8 gennaio 2011, 10:08

Re: Fabio Aru 2018

Messaggio da leggere da peek » sabato 2 giugno 2018, 0:36

Stingishere ha scritto:
venerdì 1 giugno 2018, 0:24
Ma qualcuno ha visto Radiocorsa?
Ci dovrebbe essere stato il suo agente per dire il calendario della 2° parte di stagione.
Ha confermato o smentito il tour?
Ha anche detto che adesso prendono dei nuovi tecnici e preparatori dall'estero.



Stingishere
Messaggi: 47
Iscritto il: domenica 14 gennaio 2018, 18:27

Re: Fabio Aru 2018

Messaggio da leggere da Stingishere » sabato 2 giugno 2018, 2:27

peek ha scritto:
sabato 2 giugno 2018, 0:36
Stingishere ha scritto:
venerdì 1 giugno 2018, 0:24
Ma qualcuno ha visto Radiocorsa?
Ci dovrebbe essere stato il suo agente per dire il calendario della 2° parte di stagione.
Ha confermato o smentito il tour?
Ha anche detto che adesso prendono dei nuovi tecnici e preparatori dall'estero.
Lo hanno detto a Radiocorsa?



Avatar utente
Brogno
Messaggi: 3299
Iscritto il: martedì 21 maggio 2013, 10:37

Re: Fabio Aru 2018

Messaggio da leggere da Brogno » sabato 2 giugno 2018, 8:13

peek ha scritto:
sabato 2 giugno 2018, 0:36
Stingishere ha scritto:
venerdì 1 giugno 2018, 0:24
Ma qualcuno ha visto Radiocorsa?
Ci dovrebbe essere stato il suo agente per dire il calendario della 2° parte di stagione.
Ha confermato o smentito il tour?
Ha anche detto che adesso prendono dei nuovi tecnici e preparatori dall'estero.
ci sarebbe questo dottore qui, pare che fosse bravo, mi pare che si chiamasse qualcosa come leggenda..o simili, mi pareva si disse che fosse bravino..
no dico, se proprio non si sa chi prendere.. :D



peek
Messaggi: 4919
Iscritto il: sabato 8 gennaio 2011, 10:08

Re: Fabio Aru 2018

Messaggio da leggere da peek » sabato 2 giugno 2018, 9:40

Stingishere ha scritto:
sabato 2 giugno 2018, 2:27
peek ha scritto:
sabato 2 giugno 2018, 0:36
Stingishere ha scritto:
venerdì 1 giugno 2018, 0:24
Ma qualcuno ha visto Radiocorsa?
Ci dovrebbe essere stato il suo agente per dire il calendario della 2° parte di stagione.
Ha confermato o smentito il tour?
Ha anche detto che adesso prendono dei nuovi tecnici e preparatori dall'estero.
Lo hanno detto a Radiocorsa?
Sì.



Avatar utente
chinaski89
Messaggi: 2561
Iscritto il: sabato 13 giugno 2015, 16:51

Re: Fabio Aru 2018

Messaggio da leggere da chinaski89 » sabato 2 giugno 2018, 9:42

team opc ha scritto:
venerdì 1 giugno 2018, 22:39
Settimana prossima dovrebbe arrivarmi il bicisport di cui sono abbonato.Leggo nelle anticipazioni che gli consigliano di andare al Tour.
Andiamo bene,ma si rendono conto della follia?
Che si fermi due settimane,e poi piano piano si deve puntare ad un podio alla Vuelta.
Curioso anche di leggere ciò che dicono di Froome,che non è mai stato troppo amato
L'ho visto ieri all'edicola e comprato, devo ancora leggere bene ma ho visto anche io quel consiglio per Aru :uhm:

Su Froome mi sa tanto che come molti altri, me compreso per certi versi, si son ricreduti :D


beppesaronni ha scritto: Non ricordo un solo gt in cui conty, che non era il più forte ma nemmeno il secondo, abbia anche solo provato (non dico che ci sia riuscito. Provato!!!!)
lemond ha scritto: Sagan è il più grande, ma non un gran vincente.

Luca90
Messaggi: 3989
Iscritto il: venerdì 31 luglio 2015, 22:21

Re: Fabio Aru 2018

Messaggio da leggere da Luca90 » mercoledì 13 giugno 2018, 13:30



2015: Tre Valli Varesine
2016 (11°) : Giro d'Italia (primi5), Tour de France tappa 11, Tour de France tappa 14, Parigi-Tours
2017 (14°) : Kuurne-Bruxelles-Kuurne, Tro Bro Leon

Avatar utente
Patate
Messaggi: 2870
Iscritto il: domenica 28 febbraio 2016, 23:23

Re: Fabio Aru 2018

Messaggio da leggere da Patate » mercoledì 13 giugno 2018, 13:47

Io non ci capisco niente di preparazioni e roba "tecnica" ma mi è sembrata una follia affidarsi così ciecamente a uno nuovo del mestiere come Tiralongo


antani ha scritto:Non so perchè ma ho la sensazione che domani Aru possa arrivare dietro o davanti a Froome, stiamo a vedere sembra facile ma non è difficile

Avatar utente
skawise
Messaggi: 1222
Iscritto il: mercoledì 5 ottobre 2016, 13:01
Località: Villacidro-Milano

Re: Fabio Aru 2018

Messaggio da leggere da skawise » mercoledì 13 giugno 2018, 14:30

Lo avevamo detto un po' tutti qua dentro in effetti, anche senza avere insider in UAE.



Avatar utente
sceriffo
Messaggi: 1856
Iscritto il: lunedì 11 aprile 2011, 23:48

Re: Fabio Aru 2018

Messaggio da leggere da sceriffo » mercoledì 13 giugno 2018, 14:53

Patate ha scritto:
mercoledì 13 giugno 2018, 13:47
Io non ci capisco niente di preparazioni e roba "tecnica" ma mi è sembrata una follia affidarsi così ciecamente a uno nuovo del mestiere come Tiralongo
Paolo Tiralongo c'entra nulla con la debacle di Aru. A parte che un atleta che ha vinto una Vuelta e che ha fatto podio al Giro, credo sappia come affrontare la preparazione, il problema di Aru era da imputare a problemi fisici e non di preparazione. Vi sembra possibile che un atleta come lui, in salita si stacchi da 30 corridori per motivi di preparazione?



Avatar utente
Brogno
Messaggi: 3299
Iscritto il: martedì 21 maggio 2013, 10:37

Re: Fabio Aru 2018

Messaggio da leggere da Brogno » mercoledì 13 giugno 2018, 15:02

sceriffo ha scritto:
mercoledì 13 giugno 2018, 14:53
Patate ha scritto:
mercoledì 13 giugno 2018, 13:47
Io non ci capisco niente di preparazioni e roba "tecnica" ma mi è sembrata una follia affidarsi così ciecamente a uno nuovo del mestiere come Tiralongo
Paolo Tiralongo c'entra nulla con la debacle di Aru. A parte che un atleta che ha vinto una Vuelta e che ha fatto podio al Giro, credo sappia come affrontare la preparazione, il problema di Aru era da imputare a problemi fisici e non di preparazione. Vi sembra possibile che un atleta come lui, in salita si stacchi da 30 corridori per motivi di preparazione?
per me si, e' possibile. Se arrivi in ritardo e sei sempre al gancio, arriva il giorno che la corda si spezza.
Relativamente al discorso "credo sappia come affrontare la preparazione", io non sono d'accordo, ci sono altri esempi di corridori che hanno cannato, eppure dovrebbero sapere bene come preparare un Giro, basta pensare a Cunego, ma anche lo stesso Nibali in alcuni frangenti..



Avatar utente
sceriffo
Messaggi: 1856
Iscritto il: lunedì 11 aprile 2011, 23:48

Re: Fabio Aru 2018

Messaggio da leggere da sceriffo » mercoledì 13 giugno 2018, 15:06

Brogno ha scritto:
mercoledì 13 giugno 2018, 15:02
sceriffo ha scritto:
mercoledì 13 giugno 2018, 14:53
Patate ha scritto:
mercoledì 13 giugno 2018, 13:47
Io non ci capisco niente di preparazioni e roba "tecnica" ma mi è sembrata una follia affidarsi così ciecamente a uno nuovo del mestiere come Tiralongo
Paolo Tiralongo c'entra nulla con la debacle di Aru. A parte che un atleta che ha vinto una Vuelta e che ha fatto podio al Giro, credo sappia come affrontare la preparazione, il problema di Aru era da imputare a problemi fisici e non di preparazione. Vi sembra possibile che un atleta come lui, in salita si stacchi da 30 corridori per motivi di preparazione?
per me si, e' possibile. Se arrivi in ritardo e sei sempre al gancio, arriva il giorno che la corda si spezza.
Relativamente al discorso "credo sappia come affrontare la preparazione", io non sono d'accordo, ci sono altri esempi di corridori che hanno cannato, eppure dovrebbero sapere bene come preparare un Giro, basta pensare a Cunego, ma anche lo stesso Nibali in alcuni frangenti..
Cannare sì, però vuol dire arrivare prossimi al podio. Aru è letteralmente sprofondato, qualcosa di fisico doveva avere.




Rispondi