Wildcard 2018

Il mondo dei professionisti tra gare e complessità, e più in generale l'approccio al ciclismo di ogni appassionato
CicloSprint
Messaggi: 5337
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:49

Re: Wildcard 2018

Messaggio da leggereda CicloSprint » domenica 21 gennaio 2018, 17:53

La Bardiani quest'anno ha uno sponsor importante come la Kappa.

L' Israel dopo l'invito al Giro, potrebbe prendere un corridore di primo livello che è ancora in cerca di una squadra ?




Avatar utente
maglianera
Messaggi: 631
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 22:14

Re: Wildcard 2018

Messaggio da leggereda maglianera » domenica 21 gennaio 2018, 23:00

qualche perplessità anche sulle altre scelte RCS: almeno alla Sanremo, dove le wildcard sono 7, le 4 professional italiane potevano invitarle tutte; Androni abbastanza penalizzata: al giro doveva essere invitata per forza, ma rimane fuori da tirreno (dove poteva ben figurare) e Sanremo.



Avatar utente
sceriffo
Messaggi: 1576
Iscritto il: lunedì 11 aprile 2011, 22:48

Re: Wildcard 2018

Messaggio da leggereda sceriffo » lunedì 22 gennaio 2018, 8:38

la CCC sparita da tutte le Wild card.
In effetti mi domando che strategia stiano usando: ci sono da almeno 10 anni, e a parte il 2017, hanno quasi sempre fatto corse minori, se si esclude ovviamente il Giro di Polonia, diventata una corsa decente solo da qualche anno.



Marco Gaviglio
Messaggi: 707
Iscritto il: giovedì 18 febbraio 2016, 13:01
Località: Genova

Re: Wildcard 2018

Messaggio da leggereda Marco Gaviglio » lunedì 22 gennaio 2018, 19:34

Che la Bardiani, alla faccia delle due positività dello scorso anno e del SESSANTASEIESIMO posto nella classifica dell'Europe Tour 2017, abbia ottenuto la wild card è assurdo, e toglie ogni credibilità alle giustificazioni date due anni fa da Rcs per tener fuori l'Androni, reduce dai casi di Appollonio e Taborre (che fra l'altro non avevano nemmeno danneggiato direttamente il Giro essendo arrivati, al contrario di quelli di Pirazzi-Ruffoni e in passato di Sella, in tutt'altre corse).

Ugualmente, non si capisce quali santi abbia in paradiso la Wilier, all'OTTAVA partecipazione consecutiva e nona in dieci anni, nonostante non vinca una tappa al Giro dal 2013 (e con chi, poi! Santambrogio) e nell'Europe Tour sia a sua volta arrivata 33ª dietro, tra le altre, anche ad un'altra italiana Continental come la Sangemini. Non che la squadra di Scinto sia inferiore alle altre italiane (anzi: Mareczko per la categoria è tanta roba, e Pozzato è spendibilissimo alla Sanremo dove mi pare abbia fatto top ten anche in anni recentissimi, ma già lo è molto meno al Giro) però di certo non è nemmeno superiore, ha a sua volta gli stessi scheletri nell'armadio di Bardiani ed Androni, e non si capisce quindi perché non possa mai saltare un giro anche lei.

Pochi caxxi, quest'anno strameritava di esserci la Nippo, che ha già saltato un giro l'anno scorso e che quest'anno, oltre ad offrire a Cunego la possibilità di un sacrosanto ultimo Giro, aveva anche in rosa il corridore tecnicamente forse più interessante e completo di tutte le professional italiane, e cioè Canola.

Niente da dire invece sull'invito alla Israel Academy, che ha una rosa superiore a tutte le italiane (Hermans, Plaza, Sbaragli su tuttu, ma anche Enger, Neilands, Raim, Avila...). Semmai, lo scandalo è stato partire da Israele, ma questo è un altro discorso, e una volta deciso questo scempio, chiamare la squadra di casa era scontato. Per altro, appunto, mi pare che dal punto di vista tecnico sia superiore alle Gazprom e alle CCC viste negli ultimi anni.

Ad ogni modo qui andrebbe fatto un discorso più generale, che io porto avanti già dall'anno scorso: la categoria Professional andrebbe cancellata e le eventuali wild card assegnate a rappresentative nazionali. Nazionali che possano convocare, ovviamente, solo corridori delle Contiental (che a quel punto risulterebbe il secondo - e ultimo - scalone del ciclismo professionale).

Perché così come è strutturata ora, la categoria Professional è un controsenso: si tratta di squadre la cui ragion d'essere deriva dagli inviti alle corse più importanti, ma questi inviti non vengono assegnati su una base meramente meritocratica, bensì a totale discrezione degli organizzatori i quali hanno (lecitamente) interessi non necessariamente convergenti con quelli delle squadre.

E questo per altro porta anche a situazioni paradossali come quelle di vedere una squadra, la Androni, correre tutto il 2017 con l'ossessione del piazzamento in tutte le corse del calendario italiano, tanto da piazzare spesso 2-3 corridori in top ten, ma quasi disinteressandosi della vittoria. Perché quello che importava a Savio era solo ed esclusivamente la Ciclismo Cup con annessa wild card garantita per il Giro.

Oppure, il paradosso di squadre, come la Cofidis o la Direct Energie in Francia, ma anche la Wanty in Belgio o la Caja Rural in Spagna, alle quali non importa nulla di possedere una licenza WT, perché tanto hanno già la certezza di ricevere l'invito per le singole gare che gli interessano, e anzi si evitano pure l'incombenza di trasferte costose ed inutili (per loro) come potrebbero essere quelle in Australia, Canada o Cina. Certo, però, che se un domani potessero ricevere le wild card soltanto le rappresentative nazionali, ecco che anche tutte queste squadre si darebbero una bella svegliata per provare a salire nel WT.

E quanto sarebbe bello avere, al Giro, le nazionali italiana e (chessò) colombiana, più quella del paese da cui si parte (che spesso NON è l'Italia) e, alternate ogni anno, una rappresentativa continentale africana e una asiatica?



GiacomoXT
Messaggi: 1388
Iscritto il: sabato 27 dicembre 2014, 15:17
Località: Livorno

Re: Wildcard 2018

Messaggio da leggereda GiacomoXT » lunedì 22 gennaio 2018, 19:43

Capisco che umanamente può dispiacere l'esclusione della Nippo dal Giro (anche a me un pochino dispiace), ma parliamoci chiaro: non puoi pretendere di partecipare al Giro solo perché hai in squadra un ex-corridore come Cunego quando, durante la campagna acquisti, non hai ingaggiato praticamente NESSUNO. :dubbio:

Il Giro d'Italia va anche corso, non bisogna semplicemente fregiarsi di aver ottenuto una wildcard.

Dimenticavo: mi dispiace non vedere l'Androni al via della Tirreno.


FC 2015: Kuurne; Brabante; Amstel; Freccia; Giro (primi 5); Svizzera; Tour t. 7; Tour (tappe); Vuelta t. 10; Bernocchi; Lombardia
FC 2016: Tour t. 20; Wallonie; Sabatini
FC 2017: Europeo


Marco Gaviglio
Messaggi: 707
Iscritto il: giovedì 18 febbraio 2016, 13:01
Località: Genova

Re: Wildcard 2018

Messaggio da leggereda Marco Gaviglio » lunedì 22 gennaio 2018, 19:48

GiacomoXT ha scritto:Capisco che umanamente può dispiacere l'esclusione della Nippo dal Giro (anche a me un pochino dispiace), ma parliamoci chiaro: non puoi pretendere di partecipare al Giro solo perché hai in squadra un ex-corridore come Cunego quando, durante la campagna acquisti, non hai ingaggiato praticamente NESSUNO. :dubbio:

Il Giro d'Italia va anche corso, non bisogna semplicemente fregiarsi di aver ottenuto una wildcard.


Questo è vero, ma non mi pare che la Bardiani abbia preso Coppi e la Wilier Gimondi. Poi anzi, parlando di una squadra che era già rimasta fuori l'anno scorso, aver trattenuto Canola e preso Ponzi mi pare il massimo che potesse fare sul mercato, la Nippo, per esser presa in considerazione. O Senni é davvero un corridore capace di spostare gli equilibri? Mah!



marco_graz
Messaggi: 251
Iscritto il: giovedì 6 ottobre 2016, 15:26

Re: Wildcard 2018

Messaggio da leggereda marco_graz » lunedì 22 gennaio 2018, 21:05

Spero che Canola vada in Androni o Wilier l'anno prossimo perche' che sia rimasto fuori lui e' l'unico il peccato di queste Wild Card. Per il resto ci sta, avere Cunego non giustifica la presenza e capisco che i giappo portano soldi ma sono rimasti fuori dalle Professional tanti buoni corridori che magari nn spostavano gli equilibri in senso generale ma potevano aiutare a prendere la wild card.

Wilier alla fine ha fatto i risultati migliori allo scorso Giro e Bardiani e' da sempre un polo italiano (differenze di trattamento con Androni a parte..).



bartoli
Messaggi: 1217
Iscritto il: mercoledì 2 marzo 2011, 14:40
Località: Rho

Re: Wildcard 2018

Messaggio da leggereda bartoli » lunedì 22 gennaio 2018, 23:01

Ponzi viene da due fratture delle clavicole, l'anno scorso ha ottenuto la bellezza di tre top 10 in tutta la stagione e al Giro ha partecipato cogliendo una top 20 ed entrando in fuga un solo giorno
Cunego è entrato in top 10 solo due volte, entrambe al Qinghai Lake
La stagione di entrambi è stata inferiore a quella di un Bertazzo o di un Mosca, solo per fare due nomi


Soffrire, cadere, rialzarsi, vincere. Questo è il vocabolario del ciclismo e della vita

peek
Messaggi: 4707
Iscritto il: sabato 8 gennaio 2011, 10:08

Re: Wildcard 2018

Messaggio da leggereda peek » lunedì 22 gennaio 2018, 23:46

Bardiani = S C A N D A L O S O



Avatar utente
Visconte85
Messaggi: 9262
Iscritto il: giovedì 8 maggio 2014, 13:27

Re: Wildcard 2018

Messaggio da leggereda Visconte85 » martedì 23 gennaio 2018, 0:04

peek ha scritto:Bardiani = S C A N D A L O S O


hai riassunto perfettamente il tutto :D


2014: Giro tp 21,Tour tp 10,Vuelta tp 3, ARGENTO a Ponferrada
2015: Giro anch'io 3°,Tour tp 10 e 20, GpMontreal
2016: GandWevelgen, Svizzera, Tour tp 13, Vuelta tp 10
2017: Tour tp 10 Vuelta tp 2

Avatar utente
Maìno della Spinetta
Messaggi: 4535
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 15:53

Re: Wildcard 2018

Messaggio da leggereda Maìno della Spinetta » martedì 23 gennaio 2018, 7:04

Pat McQuaid ha scritto:Nippo aveva un team dignitoso per fare 20 giorni di gara al Giro d'Italia? Secondo me no.
Non è per niente scandaloso che sia restata fuori, ovviamente la scelta più bella sarebbe riservare 3 posti a italiane e 1 posto a una Professional di alto livello, perchè no ad una Caja Rural considerando che Cofidis Fortuneo e Direct Energie non porterebbero nomi di spicco (già proiettati al Tour) e che la Wanty tra corse in Belgio precedenti e Tour successivo rischia anche lei di portare seconde linee.

Certo si poteva scegliere meglio al posto della Israel, scelta ovviamente ''obbligata'', cosa che al Tour ad esempio non vediamo mai.

Altra scelta ''obbligata'' la Novo Nordisk alla Sanremo.

Mi stupisco della totale assenza della Direct Energie, specialmente alla Sanremo, peccato.


alla Nippo hanno dato quello per cui ha il contingente più adatto: classiche e mini corse. Scalatori da fuga sulle alpi, velocisti forti... non mi sembra ne abbia. La Bardiani non è fortissima, ma è la squadra della gioventù italica, non mi dispiace che sia al Giro, affatto. Spiace ovviamente per gli sponsor della Nippo, ma si è presa anche tutti gli inviti nelle altre corse RCS (attendendo il Lombardia)


“Our interest’s on the dangerous edge of things.
The honest thief, the tender murderer, the superstitious atheist”.

Avatar utente
nino58
Messaggi: 8068
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 14:38

Re: Wildcard 2018

Messaggio da leggereda nino58 » martedì 23 gennaio 2018, 9:15

Marco Gaviglio ha scritto:
GiacomoXT ha scritto:Capisco che umanamente può dispiacere l'esclusione della Nippo dal Giro (anche a me un pochino dispiace), ma parliamoci chiaro: non puoi pretendere di partecipare al Giro solo perché hai in squadra un ex-corridore come Cunego quando, durante la campagna acquisti, non hai ingaggiato praticamente NESSUNO. :dubbio:

Il Giro d'Italia va anche corso, non bisogna semplicemente fregiarsi di aver ottenuto una wildcard.


Questo è vero, ma non mi pare che la Bardiani abbia preso Coppi e la Wilier Gimondi. Poi anzi, parlando di una squadra che era già rimasta fuori l'anno scorso, aver trattenuto Canola e preso Ponzi mi pare il massimo che potesse fare sul mercato, la Nippo, per esser presa in considerazione. O Senni é davvero un corridore capace di spostare gli equilibri? Mah!


Senni è un corridore di buon livello ed anche in crescita.
E' chiaro che, al Giro e con le salite del Giro, i fari siano puntati su Ciccone, che al Giro ha già vinto e l'anno scorso ha vinto ancora in salita nello Utah.
Dopo Formolo, è l'unico giovane che può far bene in montagna.


Von Rock ? Nein, danke.
Diritto di correre senza condizioni a chi ha scontato una squalifica !!!

Avatar utente
Walter_White
Messaggi: 6966
Iscritto il: mercoledì 23 marzo 2016, 18:01

Re: Wildcard 2018

Messaggio da leggereda Walter_White » martedì 23 gennaio 2018, 9:32

Marco Gaviglio ha scritto:
Pochi caxxi, quest'anno strameritava di esserci la Nippo, che ha già saltato un giro l'anno scorso e che quest'anno, oltre ad offrire a Cunego la possibilità di un sacrosanto ultimo Giro, aveva anche in rosa il corridore tecnicamente forse più interessante e completo di tutte le professional italiane, e cioè Canola.



La Nippo, a parte Canola, è scarsissima, ed è sacrosanto che non ci sia.


FCC 2017/18:; Trofeo dei titoli; Campionato Europeo Donne Elite, DVV Trofee t. 3, Campionato del Mondo Donne Elite

torcia86
Messaggi: 355
Iscritto il: lunedì 5 ottobre 2015, 13:52

Re: Wildcard 2018

Messaggio da leggereda torcia86 » martedì 23 gennaio 2018, 9:51

la bardiani ha possibilità di schierare una squadra più che dignitosa e con 3/4 elementi che possono anche puntare a qualche risultato ( albanese ciccone guardini e senni). la nippo tolto canola 0 assoluto



il_panta
Messaggi: 1412
Iscritto il: lunedì 21 maggio 2012, 12:39

Re: Wildcard 2018

Messaggio da leggereda il_panta » martedì 23 gennaio 2018, 10:16

Sul lato tecnico non credo sia in discussione la superiorità della Bardiani. A me sembrano scelte logiche.



marco_graz
Messaggi: 251
Iscritto il: giovedì 6 ottobre 2016, 15:26

Re: Wildcard 2018

Messaggio da leggereda marco_graz » martedì 23 gennaio 2018, 14:58

nino58 ha scritto:
Marco Gaviglio ha scritto:
GiacomoXT ha scritto:Capisco che umanamente può dispiacere l'esclusione della Nippo dal Giro (anche a me un pochino dispiace), ma parliamoci chiaro: non puoi pretendere di partecipare al Giro solo perché hai in squadra un ex-corridore come Cunego quando, durante la campagna acquisti, non hai ingaggiato praticamente NESSUNO. :dubbio:

Il Giro d'Italia va anche corso, non bisogna semplicemente fregiarsi di aver ottenuto una wildcard.


Questo è vero, ma non mi pare che la Bardiani abbia preso Coppi e la Wilier Gimondi. Poi anzi, parlando di una squadra che era già rimasta fuori l'anno scorso, aver trattenuto Canola e preso Ponzi mi pare il massimo che potesse fare sul mercato, la Nippo, per esser presa in considerazione. O Senni é davvero un corridore capace di spostare gli equilibri? Mah!


Senni è un corridore di buon livello ed anche in crescita.
E' chiaro che, al Giro e con le salite del Giro, i fari siano puntati su Ciccone, che al Giro ha già vinto e l'anno scorso ha vinto ancora in salita nello Utah.
Dopo Formolo, è l'unico giovane che può far bene in montagna.

A proposito di Ciccone, onestamente spero traslochi nel WT l'anno prossimo, o rischiamo un altro Zardini/Bongiorno/se va bene Pozzovivo



Admin
Messaggi: 11836
Iscritto il: domenica 21 giugno 2009, 21:48

Re: Wildcard 2018

Messaggio da leggereda Admin » martedì 23 gennaio 2018, 20:55



Pantani è una leggenda come Coppi e Bartali

Theakston
Messaggi: 205
Iscritto il: venerdì 9 settembre 2016, 15:25

Re: Wildcard 2018

Messaggio da leggereda Theakston » martedì 30 gennaio 2018, 18:10

http://www.cicloweb.it/2018/01/30/asseg ... -asciutta/

Vedo che in Belgio non si fanno troppi problemi a privilegiare le formazioni locali lasciando fuori Direct Energie e Wilier



Avatar utente
Patate
Messaggi: 1820
Iscritto il: domenica 28 febbraio 2016, 23:23

Re: Wildcard 2018

Messaggio da leggereda Patate » martedì 30 gennaio 2018, 18:44

Pippo :gluglu:


antani ha scritto:Non so perchè ma ho la sensazione che domani Aru possa arrivare dietro o davanti a Froome, stiamo a vedere sembra facile ma non è difficile

Luca90
Messaggi: 3295
Iscritto il: venerdì 31 luglio 2015, 21:21

Re: Wildcard 2018

Messaggio da leggereda Luca90 » martedì 30 gennaio 2018, 18:45

Patate ha scritto:Pippo :gluglu:

peccato una top ten poteva portarla a casa di nuovo...


2015: Tre Valli Varesine
2016 (11°) : Giro d'Italia (primi5), Tour de France tappa 11, Tour de France tappa 14, Parigi-Tours
2017 (14°) : Kuurne-Bruxelles-Kuurne, Tro Bro Leon

peek
Messaggi: 4707
Iscritto il: sabato 8 gennaio 2011, 10:08

Re: Wildcard 2018

Messaggio da leggereda peek » mercoledì 31 gennaio 2018, 7:34

Perché non c'è più l'emoticon di quello che vomita che adesso mi serviva per commentare le wild cards del Fiandre?



Admin
Messaggi: 11836
Iscritto il: domenica 21 giugno 2009, 21:48

Re: Wildcard 2018

Messaggio da leggereda Admin » mercoledì 31 gennaio 2018, 9:18

:vomitino:
C'è!


Pantani è una leggenda come Coppi e Bartali

Avatar utente
Slegar
Messaggi: 3841
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:49

Re: Wildcard 2018

Messaggio da leggereda Slegar » mercoledì 31 gennaio 2018, 9:25

Theakston ha scritto:http://www.cicloweb.it/2018/01/30/assegnate-le-wildcard-giro-delle-fiandre-italia-ancora-bocca-asciutta/

Vedo che in Belgio non si fanno troppi problemi a privilegiare le formazioni locali lasciando fuori Direct Energie e Wilier

Potrà dispiacere ma le wildcard hanno una loro logica. Sport Vlaanderen è l'equivalente in Belgio della Bardiani, Wanty è una delle migliori professional al mondo, Cofidis c'è dappertutto, Roompot a quelle latitudini è una presenza fissa. Rispetto allo scorso anno quello che cambierà è il ruolo della Véranda Willems che se schiererà al via Van Aert dovrà fare la gara per il proprio capitano, per cui gli organizzatori avranno bisogno di un'altra squadra di "regionali" che animi le prime fasi della gara e così si spiega l'invito della Veranclassic, l'anno scorso assenti, al posto probabilmente della Wilier. Per la squadra francese mancante hanno preferito Coquard a Chavanel (che magari punterà tutte le sue cartucce sulla Roubaix).