Remco Evenepoel no limits

Il mondo dei professionisti tra gare e complessità, e più in generale l'approccio al ciclismo di ogni appassionato
Winter
Messaggi: 13321
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Remco Evenepoel no limits

Messaggio da leggere da Winter » lunedì 28 maggio 2018, 10:48

Ieri dopo l ennesimo prova di forza nel campionato nazionale juniores ( vinto da favorito con oltre 4 minuti sul secondo..) nelle interviste ha ventilato la possibilità di correre tra gli under 23.. E poi da stagista tra i pro..
I regolamenti dovrebbero vietarlo..
Perché ci sono dei limiti verso i corridori junior..
Ma se uno è tanto più forte dei suoi coetanei..
Che senso ha farlo correre e demolire gli altri?
A oggi a 15 vittorie tutte in solitaria o a crono
Parte quando vuole e nessuno gli resiste
170 x 62 kg..non è certo un fisico estremo
In più ha iniziato il ciclismo da un anno
Lui stesso si domanda se per la sua maturazione non sia meglio correre tra gli under.. Che vincere il mondiale junior ( dove nessuno ha la minima chance di batterlo)
È preservare un atleta farlo aspettare..o sta solo perdendo tempo?

Anche perché ad ogni vittoria la stampa belga accresce la pressione sul nuovo Merckx..mentre tra gli under qualche sconfitta gli farebbe bene
Mentre con gli




Albino
Messaggi: 1183
Iscritto il: mercoledì 1 novembre 2017, 20:28

Re: Remco Evenepoel no limits

Messaggio da leggere da Albino » lunedì 28 maggio 2018, 11:47

Una bella deroga e passa la paura.
Deroga giustificata dall'eccezionalità della situazione e soprattutto da quella dell'atleta.

Oltretutto in ottica Innsbruck ha manifestato la volontà di perdere un altro paio di kg (già 8 quelli in meno rispetto a quando giocava a calcio).

Il passaggio di categoria anticipato è un bene per lui, per le ragioni già citate da te, ma anche per i suoi coetanei, che stanno raccogliendo le briciole.
Non può migliorare correndo da solo.

Per dire il livello: col tempo fatto al campionato belga a crono avrebbe vinto anche tra gli under, con il 52x14 come massimo rapporto...

Aggiungo anche che spero vada direttamente in QS l'anno prossimo, farebbe un calendario più probante rispetto all'Axeon (ancora troppo legata alle corse under nonostante sia un team prof) e potrebbe imparare il mestiere da grandi corridori.
Ultima modifica di Albino il lunedì 28 maggio 2018, 11:55, modificato 1 volta in totale.


FantaCicloCross 2017-2018: Campionato del Mondo Uomini Elite

Avatar utente
galliano
Messaggi: 12024
Iscritto il: giovedì 14 aprile 2011, 12:53
Località: TN

Re: Remco Evenepoel no limits

Messaggio da leggere da galliano » lunedì 28 maggio 2018, 11:52

Come mai alla Parigi Roubaix per juniores è andato male?



Avatar utente
cauz.
Messaggi: 11566
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 12:53
Località: milano
Contatta:

Re: Remco Evenepoel no limits

Messaggio da leggere da cauz. » lunedì 28 maggio 2018, 11:55

i cambi di categoria affrettati però comportano anche un po' di "batoste" dal punto di vista morale, perchè può capitare di dover passare dal dominare ogni corsa a perdere le ruote dei migliori a metà gara. fa molto bene come educazione ma bisogna avere intorno un supporto sufficiente, perchè altrimenti è un attimo perdersi e deprimersi.
poi non vale così per tutti, sia chiaro: pozzato ha saltato gli U23 e ci ha messo un po' a ingranare tra i pro, WvA e MvdP hanno sfondato subito ma in un contesto meno affollato come il ciclocross.

diciamo che un passaggio precoce agli U23 potrebbe fargli bene, se seguito a dovere.
rispetto al fare lo stagista tra i pro credo non sia il caso di affrettare il passo per un ragazzo che ha 18 anni soltanto.

(ad ogni modo credo che questo thread sia nella sezione sbagliata :old: )


"Il male trionfa sempre, perche' il bene e' stupido" [Lord Casco]
@cauz_ | bidonmagazine.org | hoilciclo.worpdress.com | confindustrial.noblogs.org
"il Centogiro - 99 storie (più una) dal Giro d'Italia" è in libreria!

Albino
Messaggi: 1183
Iscritto il: mercoledì 1 novembre 2017, 20:28

Re: Remco Evenepoel no limits

Messaggio da leggere da Albino » lunedì 28 maggio 2018, 11:58

galliano ha scritto:
lunedì 28 maggio 2018, 11:52
Come mai alla Parigi Roubaix per juniores è andato male?
Se non ricordo male era nel gruppo inseguitore ma è caduto.

Comunque lui dice che il pavé non gli piace, eppure ha stravinto Kuurne (65 km in solitaria) e Guido Reybrouck Classic.


FantaCicloCross 2017-2018: Campionato del Mondo Uomini Elite


Winter
Messaggi: 13321
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Re: Remco Evenepoel no limits

Messaggio da leggere da Winter » lunedì 28 maggio 2018, 12:08

cauz. ha scritto:
lunedì 28 maggio 2018, 11:55
i cambi di categoria affrettati però comportano anche un po' di "batoste" dal punto di vista morale, perchè può capitare di dover passare dal dominare ogni corsa a perdere le ruote dei migliori a metà gara. fa molto bene come educazione ma bisogna avere intorno un supporto sufficiente, perchè altrimenti è un attimo perdersi e deprimersi.
poi non vale così per tutti, sia chiaro: pozzato ha saltato gli U23 e ci ha messo un po' a ingranare tra i pro, WvA e MvdP hanno sfondato subito ma in un contesto meno affollato come il ciclocross.

diciamo che un passaggio precoce agli U23 potrebbe fargli bene, se seguito a dovere.
rispetto al fare lo stagista tra i pro credo non sia il caso di affrettare il passo per un ragazzo che ha 18 anni soltanto.

(ad ogni modo credo che questo thread sia nella sezione sbagliata :old: )
Il mio discorso riguarda più i pro
È un po come il quarto anno di HS di lebron James..
Tra gli under nn credo avrà grossi problemi
Certo vincerà di meno
Ma tra i pro..un 2000.. Mi sembra troppo



Albino
Messaggi: 1183
Iscritto il: mercoledì 1 novembre 2017, 20:28

Re: Remco Evenepoel no limits

Messaggio da leggere da Albino » lunedì 28 maggio 2018, 12:19

cauz. ha scritto:
lunedì 28 maggio 2018, 11:55
i cambi di categoria affrettati però comportano anche un po' di "batoste" dal punto di vista morale, perchè può capitare di dover passare dal dominare ogni corsa a perdere le ruote dei migliori a metà gara. fa molto bene come educazione ma bisogna avere intorno un supporto sufficiente, perchè altrimenti è un attimo perdersi e deprimersi.
poi non vale così per tutti, sia chiaro: pozzato ha saltato gli U23 e ci ha messo un po' a ingranare tra i pro, WvA e MvdP hanno sfondato subito ma in un contesto meno affollato come il ciclocross.

diciamo che un passaggio precoce agli U23 potrebbe fargli bene, se seguito a dovere.
rispetto al fare lo stagista tra i pro credo non sia il caso di affrettare il passo per un ragazzo che ha 18 anni soltanto.

(ad ogni modo credo che questo thread sia nella sezione sbagliata :old: )
Condivido anche io questi contro.
E' però un ragazzo fortemente ansioso di crescere e che ha già sperimentato la delusione sportiva, inoltre il fatto che sia figlio di corridore (che non lo ha mai spinto a seguirne le orme) può essere di aiuto.

A me cmq l'Axeon non piace, per la tendenza a massimizzare (chiamamola così) lo sviluppo dei corridori negli anni da under.
Se non ci fosse un enorme conflitto di interessi sarebbe perfetta la Lotto under. :D


FantaCicloCross 2017-2018: Campionato del Mondo Uomini Elite

Avatar utente
Walter_White
Messaggi: 10441
Iscritto il: mercoledì 23 marzo 2016, 18:01

Re: Remco Evenepoel no limits

Messaggio da leggere da Walter_White » lunedì 28 maggio 2018, 12:34

È un corridore totale o più classicomane come quasi tutti i belgi?


FCC 2017/18: 3°; Trofeo dei titoli; Campionato Europeo Donne Elite, Campionato del Mondo Donne Elite, ROTY

Luciano Pagliarini
Messaggi: 946
Iscritto il: mercoledì 27 settembre 2017, 21:54

Re: Remco Evenepoel no limits

Messaggio da leggere da Luciano Pagliarini » lunedì 28 maggio 2018, 13:00

Walter_White ha scritto:
lunedì 28 maggio 2018, 12:34
È un corridore totale o più classicomane come quasi tutti i belgi?
In realtà dovrebbe essere uno da corse a tappe.

Solo che è talmente forte che vince qualsiasi tipo di corsa....sempre allo stesso modo.

Quando gli gira parte da solo e tanti saluti a tutti.



Avatar utente
Walter_White
Messaggi: 10441
Iscritto il: mercoledì 23 marzo 2016, 18:01

Re: Remco Evenepoel no limits

Messaggio da leggere da Walter_White » lunedì 28 maggio 2018, 13:05

Luciano Pagliarini ha scritto:
lunedì 28 maggio 2018, 13:00
Walter_White ha scritto:
lunedì 28 maggio 2018, 12:34
È un corridore totale o più classicomane come quasi tutti i belgi?
In realtà dovrebbe essere uno da corse a tappe.

Solo che è talmente forte che vince qualsiasi tipo di corsa....sempre allo stesso modo.

Quando gli gira parte da solo e tanti saluti a tutti.
Ah beh allora :D


FCC 2017/18: 3°; Trofeo dei titoli; Campionato Europeo Donne Elite, Campionato del Mondo Donne Elite, ROTY

giorgio ricci
Messaggi: 2354
Iscritto il: lunedì 9 giugno 2014, 13:44

Re: Remco Evenepoel no limits

Messaggio da leggere da giorgio ricci » lunedì 28 maggio 2018, 13:06

Un anno da under nel contesto giusto , e poi se va bene stagista da pro. Saronni è passato a 19 anni , in tempi in cui di gavetta ne facevi tanta.



Avatar utente
GregLemond
Messaggi: 1330
Iscritto il: sabato 6 settembre 2014, 20:00

Re: Remco Evenepoel no limits

Messaggio da leggere da GregLemond » lunedì 28 maggio 2018, 13:29

Per capire, questo giocava nell U19 Belga e poi, dal nulla, ha iniziato con la bici stradominando?



Salvatore77
Messaggi: 4169
Iscritto il: domenica 9 gennaio 2011, 19:14

Re: Remco Evenepoel no limits

Messaggio da leggere da Salvatore77 » lunedì 28 maggio 2018, 14:21

GregLemond ha scritto:
lunedì 28 maggio 2018, 13:29
Per capire, questo giocava nell U19 Belga e poi, dal nulla, ha iniziato con la bici stradominando?
Come Orson Welles, il primo film "Quarto Potere". :)


1° Tour de France 2018

Bency88
Messaggi: 8
Iscritto il: martedì 17 giugno 2014, 15:57

Re: Remco Evenepoel no limits

Messaggio da leggere da Bency88 » martedì 29 maggio 2018, 22:08

giorgio ricci ha scritto:
lunedì 28 maggio 2018, 13:06
Un anno da under nel contesto giusto , e poi se va bene stagista da pro. Saronni è passato a 19 anni , in tempi in cui di gavetta ne facevi tanta.
Per esempio Valerio Agnoli.. la FCI all'epoca gli ha impedito di passare direttamente dalla categoria juniores ai prof.. e fece un anno tra i dilettanti e poi nel finale di stagione fece lo stagista ottenendo buonissime prestazioni, cosi come l'anno dopo capitò ad Eros Capecchi.


il ciclismo è un lungo viaggio alla ricerca di noi stessi!! :bici:

giorgio ricci
Messaggi: 2354
Iscritto il: lunedì 9 giugno 2014, 13:44

Re: Remco Evenepoel no limits

Messaggio da leggere da giorgio ricci » martedì 29 maggio 2018, 23:11

Spero per Evenepoel che la similitudine con Agnoli non lo accompagni nella carriera :D



Avatar utente
Seb
Messaggi: 4499
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:07
Località: Genova
Contatta:

Re: Remco Evenepoel no limits

Messaggio da leggere da Seb » mercoledì 30 maggio 2018, 11:22

Io non so quanto l'eventuale passaggio di Evenepoel alla Quick-Step Floors nel 2019, possa essere paragonabile alla situazione di Pozzato: la Mapei aveva un organico enorme (tanto che per uno o due anni il "gruppo giovani" venne scorporato in un team a se stante) ed un calendario altrettanto largo. Magari mi ricordo male, ma nei primi anni da professionista Pozzato fece un calendario di corse più simile a quello di un giovane di una squadra Professional attuale (tipo Bernal-Androni), un misto di gare professionistiche "minori" e altre gare che oggi sarebbero considerate 1.2 o 2.2, quindi più che altro semiprofessionistiche. Evenepoel invece si troverebbe in una squadra World Tour il che vuol dire che un Giro di Norvegia (per citare una corsa recente come esempio) sarebbe una delle gare più "tranquille" del calendario e si troverebbe contro comunque altri corridori World Tour.

Secondo me sarebbe un'azzardo enorme passare già il prossimo anno in una squadra WT, figuriamoci fare lo stagista già quest'anno. Invece sul fare qualche gara con gli Under23 sono più favorevole anche perché, come avevo già detto nell'altro thread, un ragazzo che ha iniziato da pochissimo ad andare in bicicletta deve anche prendere confidenza con le dinamiche ed in movimento dentro al gruppo e non credo che tutti questi assoli vincenti, per quanto spettacolari, possano aiutarlo più di tanto da quel punto di vista. Poi oh, se questo ha pure la destrezza di un Sagan già ora, allora giù il cappello e faccia davvero quello che vuole :D



Albino
Messaggi: 1183
Iscritto il: mercoledì 1 novembre 2017, 20:28

Re: Remco Evenepoel no limits

Messaggio da leggere da Albino » mercoledì 30 maggio 2018, 11:37

Seb ha scritto:
mercoledì 30 maggio 2018, 11:22
Secondo me sarebbe un'azzardo enorme passare già il prossimo anno in una squadra WT, figuriamoci fare lo stagista già quest'anno. Invece sul fare qualche gara con gli Under23 sono più favorevole anche perché, come avevo già detto nell'altro thread, un ragazzo che ha iniziato da pochissimo ad andare in bicicletta deve anche prendere confidenza con le dinamiche ed in movimento dentro al gruppo e non credo che tutti questi assoli vincenti, per quanto spettacolari, possano aiutarlo più di tanto da quel punto di vista. Poi oh, se questo ha pure la destrezza di un Sagan già ora, allora giù il cappello e faccia davvero quello che vuole :D
Hai ragione, non sa ancora muoversi in gruppo, come confermato anche dal suo allenatore.
Correttivi: per i prossimi mesi solo gare in pianura e l'obbligo di stare per almeno metà corsa in gruppo.

Altre info interessanti: si allena due volte al giorno (studia da casa), massima distanza mai fatta in allenamento 120 km.
Fonte: https://www.nieuwsblad.be/cnt/dmf20180528_03534071


FantaCicloCross 2017-2018: Campionato del Mondo Uomini Elite

giorgio ricci
Messaggi: 2354
Iscritto il: lunedì 9 giugno 2014, 13:44

Re: Remco Evenepoel no limits

Messaggio da leggere da giorgio ricci » mercoledì 30 maggio 2018, 11:51

Allora non è ancora pronto per il salto tra i prof.
Deve fare un po' di strada negli under, 1 o 2 anni. Poi, se son rose .......



Avatar utente
Walter_White
Messaggi: 10441
Iscritto il: mercoledì 23 marzo 2016, 18:01

Re: Remco Evenepoel no limits

Messaggio da leggere da Walter_White » mercoledì 30 maggio 2018, 12:23

Albino ha scritto:
mercoledì 30 maggio 2018, 11:37
Seb ha scritto:
mercoledì 30 maggio 2018, 11:22
Secondo me sarebbe un'azzardo enorme passare già il prossimo anno in una squadra WT, figuriamoci fare lo stagista già quest'anno. Invece sul fare qualche gara con gli Under23 sono più favorevole anche perché, come avevo già detto nell'altro thread, un ragazzo che ha iniziato da pochissimo ad andare in bicicletta deve anche prendere confidenza con le dinamiche ed in movimento dentro al gruppo e non credo che tutti questi assoli vincenti, per quanto spettacolari, possano aiutarlo più di tanto da quel punto di vista. Poi oh, se questo ha pure la destrezza di un Sagan già ora, allora giù il cappello e faccia davvero quello che vuole :D
Hai ragione, non sa ancora muoversi in gruppo, come confermato anche dal suo allenatore.
Correttivi: per i prossimi mesi solo gare in pianura e l'obbligo di stare per almeno metà corsa in gruppo.

Altre info interessanti: si allena due volte al giorno (studia da casa), massima distanza mai fatta in allenamento 120 km.
Fonte: https://www.nieuwsblad.be/cnt/dmf20180528_03534071
Addirittura COSTRETTO a stare in gruppo e non attaccare....un fenomeno :champion:


FCC 2017/18: 3°; Trofeo dei titoli; Campionato Europeo Donne Elite, Campionato del Mondo Donne Elite, ROTY

Mad
Messaggi: 475
Iscritto il: sabato 11 dicembre 2010, 8:48
Località: Noceto

Re: Remco Evenepoel no limits

Messaggio da leggere da Mad » martedì 5 giugno 2018, 21:08

Albino ha scritto:
mercoledì 30 maggio 2018, 11:37
Altre info interessanti: si allena due volte al giorno (studia da casa), massima distanza mai fatta in allenamento 120 km.
Fonte: https://www.nieuwsblad.be/cnt/dmf20180528_03534071
In effetti se si allena due volte al giorno non ha bisogno di fare più di 120 km in allenamento.



Avatar utente
Niи
Messaggi: 910
Iscritto il: martedì 2 aprile 2013, 0:10

Re: Remco Evenepoel no limits

Messaggio da leggere da Niи » domenica 15 luglio 2018, 23:35

Ho letto che ha vinto il campionato europeo in linea e a crono. In quello in linea si è fatto 100 km da solo, arrivando con 10 minuti di vantaggio sul secondo.

Ma è legale? :crazy: :hippy:



Avatar utente
Visconte85
Messaggi: 9981
Iscritto il: giovedì 8 maggio 2014, 14:27

Re: Remco Evenepoel no limits

Messaggio da leggere da Visconte85 » lunedì 16 luglio 2018, 0:12

in prospettiva.... fa paura


2014: Giro tp 21,Tour tp 10,Vuelta tp 3, ARGENTO a Ponferrada
2015: Giro anch'io 3°,Tour tp 10 e 20, GpMontreal
2016: GandWevelgen, Svizzera, Tour tp 13, Vuelta tp 10
2017: Tour tp 10 Vuelta tp 2
2018: Scheldeprijs, Giro tp 21, Tour tp 11

Avatar utente
Patate
Messaggi: 3357
Iscritto il: domenica 28 febbraio 2016, 23:23

Re: Remco Evenepoel no limits

Messaggio da leggere da Patate » lunedì 16 luglio 2018, 0:38

Illegale.
Quasi come Jungels in Lussmeburgo :diavoletto: :diavoletto:


antani ha scritto:Non so perchè ma ho la sensazione che domani Aru possa arrivare dietro o davanti a Froome, stiamo a vedere sembra facile ma non è difficile

FRANCESCO1980
Messaggi: 62
Iscritto il: venerdì 22 agosto 2014, 15:49

Re: Remco Evenepoel no limits

Messaggio da leggere da FRANCESCO1980 » lunedì 16 luglio 2018, 1:16

NON sarebbe il 1° che fa il fenomeno da Juniores, arriva con difficoltà al professionismo , e poi non combina quasi nulla

tipo Palumbo, Valentino China o tanti altri

si dia una calmata



Avatar utente
pacho
Messaggi: 2451
Iscritto il: giovedì 8 settembre 2011, 19:29

Re: Remco Evenepoel no limits

Messaggio da leggere da pacho » lunedì 16 luglio 2018, 2:40

2 vonte al giorno? anche il gruppo dei russi della mia squadra da junior faceva così. quello che è durato di più è stato gusev...


Utenti ignorati: Strong, Salvatore77, beppesaronni

Winter
Messaggi: 13321
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Re: Remco Evenepoel no limits

Messaggio da leggere da Winter » lunedì 16 luglio 2018, 6:09

FRANCESCO1980 ha scritto:
lunedì 16 luglio 2018, 1:16
NON sarebbe il 1° che fa il fenomeno da Juniores, arriva con difficoltà al professionismo , e poi non combina quasi nulla

tipo Palumbo, Valentino China o tanti altri

si dia una calmata
Con difficoltà al professionismo.. Ne dubito
Va più forte di tutti gli under 23
I vari palumbo e co , da under arrivavano dopo dieci anni di bici
Lui dopo uno..
E nn partivano dopo dieci km
L unico dubbio è lo stare in gruppo
Vincendo sempre in solitaria , non impara nulla
Ieri con altri tre giri doppiava tutti
Cmq su strava io nn vedo sti doppi allenamenti e nemmeno distanze da pro



Albino
Messaggi: 1183
Iscritto il: mercoledì 1 novembre 2017, 20:28

Re: Remco Evenepoel no limits

Messaggio da leggere da Albino » lunedì 16 luglio 2018, 9:27

Winter ha scritto:
lunedì 16 luglio 2018, 6:09
Con difficoltà al professionismo.. Ne dubito
Va più forte di tutti gli under 23
I vari palumbo e co , da under arrivavano dopo dieci anni di bici
Lui dopo uno..
E nn partivano dopo dieci km
L unico dubbio è lo stare in gruppo
Vincendo sempre in solitaria , non impara nulla
Ieri con altri tre giri doppiava tutti
Cmq su strava io nn vedo sti doppi allenamenti e nemmeno distanze da pro
Su Strava non carica tutto (l'ultima attività risale a 4 settimane fa).

Il suo preparatore ha affermato che si allena un paio di volte al giorno: "Hij heeft nog nooit zes uur op één dag getraind”, zegt Fred Vandervennet. “In de week voor het BK heeft hij nooit meer dan 120 trainingskilometers op één dag gehaald. Wat hij wel doet, is twee keer trainen op een dag. Maar dat is een principe dat ik al veertig jaar hanteer als trainer van lopers en zwemmers. Hij doet ook al een tijdje aan krachttraining, maar dat deed hij ook al als voetballer. Dat hij nu al zo goed is, heeft te maken met de omvang van zijn carrosserie." (consiglio Google traduttore :D )


Venendo ai punti deboli:
non è veloce (non che gli serva per ora) e non è a suo agio in gruppo (soprattutto in discesa).
Una delle poche corse in cui è rimasto in gruppo all'inizio, il mondiale di Bergen, caduta e ritiro.

Spero che l'anno prossimo ci lavori parecchio se no tra i pro lo tritano.


FantaCicloCross 2017-2018: Campionato del Mondo Uomini Elite

Avatar utente
Divanista
Messaggi: 305
Iscritto il: lunedì 16 aprile 2018, 14:21

Re: Remco Evenepoel no limits

Messaggio da leggere da Divanista » lunedì 16 luglio 2018, 9:47

Per me è il "poel" che li rende campioni...
Wout Poels...
Mathieu van der Poel...
Remco Evenepoel...
Il prossimo che si chiamerà Pincopoelpallino sarà un predestinato! :crazy:


Ecco la mia presentazione. :carta:

Avatar utente
Patate
Messaggi: 3357
Iscritto il: domenica 28 febbraio 2016, 23:23

Re: Remco Evenepoel no limits

Messaggio da leggere da Patate » lunedì 16 luglio 2018, 9:52

Divanista ha scritto:
lunedì 16 luglio 2018, 9:47
Per me è il "poel" che li rende campioni...
Wout Poels...
Mathieu van der Poel...
Remco Evenepoel...
Il prossimo che si chiamerà Pincopoelpallino sarà un predestinato! :crazy:
Ci eravamo andati vicini con Filippo Poelzzato


antani ha scritto:Non so perchè ma ho la sensazione che domani Aru possa arrivare dietro o davanti a Froome, stiamo a vedere sembra facile ma non è difficile

Avatar utente
Divanista
Messaggi: 305
Iscritto il: lunedì 16 aprile 2018, 14:21

Re: Remco Evenepoel no limits

Messaggio da leggere da Divanista » lunedì 16 luglio 2018, 10:19

Patate ha scritto:
lunedì 16 luglio 2018, 9:52
Divanista ha scritto:
lunedì 16 luglio 2018, 9:47
Per me è il "poel" che li rende campioni...
Wout Poels...
Mathieu van der Poel...
Remco Evenepoel...
Il prossimo che si chiamerà Pincopoelpallino sarà un predestinato! :crazy:
Ci eravamo andati vicini con Filippo Poelzzato
:D


Ecco la mia presentazione. :carta:

Avatar utente
Walter_White
Messaggi: 10441
Iscritto il: mercoledì 23 marzo 2016, 18:01

Re: Remco Evenepoel no limits

Messaggio da leggere da Walter_White » lunedì 16 luglio 2018, 11:21

Albino ha scritto:
lunedì 16 luglio 2018, 9:27
Winter ha scritto:
lunedì 16 luglio 2018, 6:09
Con difficoltà al professionismo.. Ne dubito
Va più forte di tutti gli under 23
I vari palumbo e co , da under arrivavano dopo dieci anni di bici
Lui dopo uno..
E nn partivano dopo dieci km
L unico dubbio è lo stare in gruppo
Vincendo sempre in solitaria , non impara nulla
Ieri con altri tre giri doppiava tutti
Cmq su strava io nn vedo sti doppi allenamenti e nemmeno distanze da pro
Su Strava non carica tutto (l'ultima attività risale a 4 settimane fa).

Il suo preparatore ha affermato che si allena un paio di volte al giorno: "Hij heeft nog nooit zes uur op één dag getraind”, zegt Fred Vandervennet. “In de week voor het BK heeft hij nooit meer dan 120 trainingskilometers op één dag gehaald. Wat hij wel doet, is twee keer trainen op een dag. Maar dat is een principe dat ik al veertig jaar hanteer als trainer van lopers en zwemmers. Hij doet ook al een tijdje aan krachttraining, maar dat deed hij ook al als voetballer. Dat hij nu al zo goed is, heeft te maken met de omvang van zijn carrosserie." (consiglio Google traduttore :D )


Venendo ai punti deboli:
non è veloce (non che gli serva per ora) e non è a suo agio in gruppo (soprattutto in discesa).
Una delle poche corse in cui è rimasto in gruppo all'inizio, il mondiale di Bergen, caduta e ritiro.

Spero che l'anno prossimo ci lavori parecchio se no tra i pro lo tritano.
Spero che lo obblighino a stare in gruppo, tanto ha vinto più di 10 corse....al mondiale poi può partire quando vuole, ma se continua così, come dici, più andrà avanti più sarà in difficoltà...


FCC 2017/18: 3°; Trofeo dei titoli; Campionato Europeo Donne Elite, Campionato del Mondo Donne Elite, ROTY

Avatar utente
GregLemond
Messaggi: 1330
Iscritto il: sabato 6 settembre 2014, 20:00

Re: Remco Evenepoel no limits

Messaggio da leggere da GregLemond » lunedì 16 luglio 2018, 11:28

Ricordo anche Kvachuk che doveva spaccare tutto e tutti... ma in realtà... nulla.
Piano con l' entusiasmo.



Avatar utente
Tranchée d'Arenberg
Messaggi: 14995
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:50
Località: Falconara Albanese (CS)

Re: Remco Evenepoel no limits

Messaggio da leggere da Tranchée d'Arenberg » lunedì 16 luglio 2018, 11:50

Winter ha scritto:
lunedì 16 luglio 2018, 6:09
FRANCESCO1980 ha scritto:
lunedì 16 luglio 2018, 1:16
NON sarebbe il 1° che fa il fenomeno da Juniores, arriva con difficoltà al professionismo , e poi non combina quasi nulla

tipo Palumbo, Valentino China o tanti altri

si dia una calmata
Con difficoltà al professionismo.. Ne dubito
Va più forte di tutti gli under 23
I vari palumbo e co , da under arrivavano dopo dieci anni di bici
Lui dopo uno..
E nn partivano dopo dieci km
L unico dubbio è lo stare in gruppo
Vincendo sempre in solitaria , non impara nulla
Ieri con altri tre giri doppiava tutti
Cmq su strava io nn vedo sti doppi allenamenti e nemmeno distanze da pro
Sicuramente non sarà il caso di Remco, però è innegabile che quanto sottolineato da Francesco e altri sia incredibilmente vero. Anzi, negli ultimi decenni abbiamo visto ragazzi dominare da under23, sparire poi tra i professionisti. Figuriamoci se non può accadere a maggior ragione la stessa cosa con gli juniores.
E infatti se si prende l'albo d'oro del mondiale Juniores, tralasciando gli ultimi che sono ovviamente ancora giovani, su 43 edizioni disputate, gli unici corridori ad averlo vinto che poi sono diventati campioni, sono Visentini, Lemond, Tonkov e Cunego. Mettiamoci pure Ulissi o meglio ancora Kreuziger e Stuyven. Ma la maggior parte dei vincitori ha veramente faticato tanto, talvolta sparendo dal professionismo in maniera assai rapida.

Palumbo, D'Amore, Jeremy Yates, Kvachuk, Reus, Gerard, Scanlon (che beffò Pozzato!), China, Loew. Più recentemente anche gente come Le Bon o Le Gac che tra i prof ci sta bene, non ha comunque dimostrato la stoffa del campione. Lecuisinier s'è già ritirato.


Cobblestone 2012 - 1° Classifica Generale
Cobblestone 2012 - 1° Classifica Classiche
Cobblestone 2013 - 1° Classifica Semiclassiche

FantaCycling Manager 2016 - 1° Classifica (squadre)

Albino
Messaggi: 1183
Iscritto il: mercoledì 1 novembre 2017, 20:28

Re: Remco Evenepoel no limits

Messaggio da leggere da Albino » lunedì 16 luglio 2018, 13:26

Tranchée d'Arenberg ha scritto:
lunedì 16 luglio 2018, 11:50
Sicuramente non sarà il caso di Remco, però è innegabile che quanto sottolineato da Francesco e altri sia incredibilmente vero. Anzi, negli ultimi decenni abbiamo visto ragazzi dominare da under23, sparire poi tra i professionisti. Figuriamoci se non può accadere a maggior ragione la stessa cosa con gli juniores.
E infatti se si prende l'albo d'oro del mondiale Juniores, tralasciando gli ultimi che sono ovviamente ancora giovani, su 43 edizioni disputate, gli unici corridori ad averlo vinto che poi sono diventati campioni, sono Visentini, Lemond, Tonkov e Cunego. Mettiamoci pure Ulissi o meglio ancora Kreuziger e Stuyven. Ma la maggior parte dei vincitori ha veramente faticato tanto, talvolta sparendo dal professionismo in maniera assai rapida.

Palumbo, D'Amore, Jeremy Yates, Kvachuk, Reus, Gerard, Scanlon (che beffò Pozzato!), China, Loew. Più recentemente anche gente come Le Bon o Le Gac che tra i prof ci sta bene, non ha comunque dimostrato la stoffa del campione. Lecuisinier s'è già ritirato.
Il mondiale, o è duro (tipo Firenze), o non fa testo tra i junior, troppo aleatorio il risultato su percorsi facilotti.
Qui non si parla di un singolo exploit ma di una stagione da 20 vittorie (su 23 corse mi pare), sui muri, in pianura, sulle cotes. Con distacchi nell'ordine dei 2,3... 10 minuti.

Se andiamo a vedere chi sono stati negli ultimi anni i junior più continui per vittorie e piazzamenti (alcuni veri e propri dominatori), ai quali ha più senso paragonarlo secondo me, per ogni Herklotz o Costa troviamo un MvdP, un Pedersen, un Soren Kragh Andersen, un Mohoric, tutti professionisti che vanno dal buono all'ottimo.


FantaCicloCross 2017-2018: Campionato del Mondo Uomini Elite

Avatar utente
Tranchée d'Arenberg
Messaggi: 14995
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:50
Località: Falconara Albanese (CS)

Re: Remco Evenepoel no limits

Messaggio da leggere da Tranchée d'Arenberg » lunedì 16 luglio 2018, 13:35

Albino ha scritto:
lunedì 16 luglio 2018, 13:26
Tranchée d'Arenberg ha scritto:
lunedì 16 luglio 2018, 11:50
Sicuramente non sarà il caso di Remco, però è innegabile che quanto sottolineato da Francesco e altri sia incredibilmente vero. Anzi, negli ultimi decenni abbiamo visto ragazzi dominare da under23, sparire poi tra i professionisti. Figuriamoci se non può accadere a maggior ragione la stessa cosa con gli juniores.
E infatti se si prende l'albo d'oro del mondiale Juniores, tralasciando gli ultimi che sono ovviamente ancora giovani, su 43 edizioni disputate, gli unici corridori ad averlo vinto che poi sono diventati campioni, sono Visentini, Lemond, Tonkov e Cunego. Mettiamoci pure Ulissi o meglio ancora Kreuziger e Stuyven. Ma la maggior parte dei vincitori ha veramente faticato tanto, talvolta sparendo dal professionismo in maniera assai rapida.

Palumbo, D'Amore, Jeremy Yates, Kvachuk, Reus, Gerard, Scanlon (che beffò Pozzato!), China, Loew. Più recentemente anche gente come Le Bon o Le Gac che tra i prof ci sta bene, non ha comunque dimostrato la stoffa del campione. Lecuisinier s'è già ritirato.
Il mondiale, o è duro (tipo Firenze), o non fa testo tra i junior, troppo aleatorio il risultato su percorsi facilotti.
Qui non si parla di un singolo exploit ma di una stagione da 20 vittorie (su 23 corse mi pare), sui muri, in pianura, sulle cotes. Con distacchi nell'ordine dei 2,3... 10 minuti.

Se andiamo a vedere chi sono stati negli ultimi anni i junior più continui per vittorie e piazzamenti (alcuni veri e propri dominatori), ai quali ha più senso paragonarlo secondo me, per ogni Herklotz o Costa troviamo un MvdP, un Pedersen, un Soren Kragh Andersen, un Mohoric, tutti professionisti che vanno dal buono all'ottimo.
Valutazioni assolutamente condivisibili, le tue. Avevo preso come riferimento solo il mondiale perchè è la gara più importante e a cui normalmente partecipa il meglio della categoria. Poi fai bene a precisare che contano di più i successi stagionali piuttosto che il singolo evento che può anche essere condizionato da tante diverse questioni.

Detto ciò, capita comunque anche che gente come Herklotz o Costa, che erano visti come dei futuri fuoriclasse, spariscano ancora prima di compiere 23 anni. Ecco perchè richiamo ad un certa prudenza. Ma è proprio una cosa che faccio sempre sia per gli under sia per gli juniorse.


Cobblestone 2012 - 1° Classifica Generale
Cobblestone 2012 - 1° Classifica Classiche
Cobblestone 2013 - 1° Classifica Semiclassiche

FantaCycling Manager 2016 - 1° Classifica (squadre)

Winter
Messaggi: 13321
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Re: Remco Evenepoel no limits

Messaggio da leggere da Winter » lunedì 16 luglio 2018, 20:44

GregLemond ha scritto:
lunedì 16 luglio 2018, 11:28
Ricordo anche Kvachuk che doveva spaccare tutto e tutti... ma in realtà... nulla.
Piano con l' entusiasmo.
:uhm:
parliamo di due categorie differenti

Kvachuk 1983
anno 2001
vittorie 8

19/5 Garolda - Crono
16/6 Coppa Nazioni - Crono

alla data di oggi , aveva due vittorie

dopo vinse

7/9 Tappa Giro Lunigiana
9/9 Generale Giro Lunigiana (distacco 8 secondi)
20/9 Tappa Basilicata
23/9 Generale Giro Basilicata (distacco 1 minuto 11 secondi)
13/10 Mondiale su strada (distacco un minuto 7 secondi)

Invece Remco quest'anno

18/2 Rumst 3 minuti e 32 secondi
25/2 Kuurne 33 secondi (60 km di fuga)
18/3 Gp Reybrouck 3 minuti e 17 secondi
2/4 Tappa ster van zuid Limburg 1 minuto e 28 secondi
5/4 Regionale crono
dall otto aprile vince tutte le gare in cui ha corso
21/4 Chimay crono
1/5 Belgio crono
4/5 Tappa Giro della Pace crono
6/5 Tappa Giro della Pace 1 minuto e 17 secondi
6/5 Generale Giro della Pace (1 minuto e 55 secondi)
13/5 Regionale Strada 4 minuto e 52 secondi
19/5 Tappa Morbihan 3 minuto e 26 secondi
20/5 Generale Morbihan
27/5 Belgio strada 4 minuto 38 secondi
30/5 Montenaken crono
17/6 Ingooigem 2 minuto 10 secondi
23/6 Roosdaal 5 minuti 40 secondi
24/6 De Arend Juniores 2 minuti 16 secondi
30/6 Tour du Condroz 4 minuti 7 secondi
7/7 tappa Gp Patton 2 minuti 7 secondi
8/7 tappa Gp Patton 33 secondi
8/7 Generale Gp Patton (4 minuti 58 secondi)
13/7 Europeo Crono
15/7 Mondiale Crono

mi manca una vittoria che non riesco a trovare(24 in totale)
Escludendo le tappe non ha vinto
3/3 Sint maria Lierde dove ha perso in volata
10/3 Nokere - Koerse dove ha rotto la bici
25/3 Gent - Wevelgem 11
8/4 Paris - Roubaix dove s'e' ritirato



Winter
Messaggi: 13321
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Re: Remco Evenepoel no limits

Messaggio da leggere da Winter » lunedì 16 luglio 2018, 20:51

Tranchée d'Arenberg ha scritto:
lunedì 16 luglio 2018, 11:50
Sicuramente non sarà il caso di Remco, però è innegabile che quanto sottolineato da Francesco e altri sia incredibilmente vero. Anzi, negli ultimi decenni abbiamo visto ragazzi dominare da under23, sparire poi tra i professionisti. Figuriamoci se non può accadere a maggior ragione la stessa cosa con gli juniores.
E infatti se si prende l'albo d'oro del mondiale Juniores, tralasciando gli ultimi che sono ovviamente ancora giovani, su 43 edizioni disputate, gli unici corridori ad averlo vinto che poi sono diventati campioni, sono Visentini, Lemond, Tonkov e Cunego. Mettiamoci pure Ulissi o meglio ancora Kreuziger e Stuyven. Ma la maggior parte dei vincitori ha veramente faticato tanto, talvolta sparendo dal professionismo in maniera assai rapida.

Palumbo, D'Amore, Jeremy Yates, Kvachuk, Reus, Gerard, Scanlon (che beffò Pozzato!), China, Loew. Più recentemente anche gente come Le Bon o Le Gac che tra i prof ci sta bene, non ha comunque dimostrato la stoffa del campione. Lecuisinier s'è già ritirato.
Ha gia' risposto Albino
pero' preciso anch'io

Seguo gli junior under 23 da inizio anni 90 un fenomeno come questo non l'ho mai visto
Da Under c'era sicuramente stato Popovytch pero' correva in un dream team da 100 vittorie
dove facendo tripletta in tante gare

lui è diverso , attacca da solo , correndo in testa

Grazie ad internet ho seguito un po' il ciclismo belga junior
dagli anni 90 a oggi 4 corridori erano una spanna sopra gli altri
Frank Vandenbroucke (solo dai risultati , all'epoca nn avevo internet)
Tom Boonen
Michael Van der Poel (che è nato e ha sempre vissuto in Belgio)
e adesso lui

Nessuno degli altri 3 dava quei distacchi in tutte le gare in cui partecipa
domenica nelle interviste pre corsa , si parlava di santa alleanza contro di lui
dopo venti km se n'e' andato
e tutti sapevano che dovevano seguirlo.. perche' se no lo rivedevano all'arrivo eppure non ce l'han fatta nessuno

Ovvio tra i pro non puo' correre cosi
pero' uno che va fortisssimo a crono.. e fortissimo in salita..
forse per le gare a tappe..



Winter
Messaggi: 13321
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Re: Remco Evenepoel no limits

Messaggio da leggere da Winter » lunedì 16 luglio 2018, 20:53

[quote=Albino post_id=527965 time=1531726069 user_id=17287

Venendo ai punti deboli:
non è veloce (non che gli serva per ora) e non è a suo agio in gruppo (soprattutto in discesa).
Una delle poche corse in cui è rimasto in gruppo all'inizio, il mondiale di Bergen, caduta e ritiro.

Spero che l'anno prossimo ci lavori parecchio se no tra i pro lo tritano.
[/quote]
D'altronde è in gruppo da un anno
normale abbia qualche lacuna

In quick step trovera' l'ambiente giusto per migliorare



Avatar utente
Walter_White
Messaggi: 10441
Iscritto il: mercoledì 23 marzo 2016, 18:01

Re: Remco Evenepoel no limits

Messaggio da leggere da Walter_White » lunedì 16 luglio 2018, 21:09

Winter ha scritto:
lunedì 16 luglio 2018, 20:51
Tranchée d'Arenberg ha scritto:
lunedì 16 luglio 2018, 11:50
Sicuramente non sarà il caso di Remco, però è innegabile che quanto sottolineato da Francesco e altri sia incredibilmente vero. Anzi, negli ultimi decenni abbiamo visto ragazzi dominare da under23, sparire poi tra i professionisti. Figuriamoci se non può accadere a maggior ragione la stessa cosa con gli juniores.
E infatti se si prende l'albo d'oro del mondiale Juniores, tralasciando gli ultimi che sono ovviamente ancora giovani, su 43 edizioni disputate, gli unici corridori ad averlo vinto che poi sono diventati campioni, sono Visentini, Lemond, Tonkov e Cunego. Mettiamoci pure Ulissi o meglio ancora Kreuziger e Stuyven. Ma la maggior parte dei vincitori ha veramente faticato tanto, talvolta sparendo dal professionismo in maniera assai rapida.

Palumbo, D'Amore, Jeremy Yates, Kvachuk, Reus, Gerard, Scanlon (che beffò Pozzato!), China, Loew. Più recentemente anche gente come Le Bon o Le Gac che tra i prof ci sta bene, non ha comunque dimostrato la stoffa del campione. Lecuisinier s'è già ritirato.
Ha gia' risposto Albino
pero' preciso anch'io

Seguo gli junior under 23 da inizio anni 90 un fenomeno come questo non l'ho mai visto
Da Under c'era sicuramente stato Popovytch pero' correva in un dream team da 100 vittorie
dove facendo tripletta in tante gare

lui è diverso , attacca da solo , correndo in testa

Grazie ad internet ho seguito un po' il ciclismo belga junior
dagli anni 90 a oggi 4 corridori erano una spanna sopra gli altri
Frank Vandenbroucke (solo dai risultati , all'epoca nn avevo internet)
Tom Boonen
Michael Van der Poel (che è nato e ha sempre vissuto in Belgio)
e adesso lui

Nessuno degli altri 3 dava quei distacchi in tutte le gare in cui partecipa
domenica nelle interviste pre corsa , si parlava di santa alleanza contro di lui
dopo venti km se n'e' andato
e tutti sapevano che dovevano seguirlo.. perche' se no lo rivedevano all'arrivo eppure non ce l'han fatta nessuno

Ovvio tra i pro non puo' correre cosi
pero' uno che va fortisssimo a crono.. e fortissimo in salita..
forse per le gare a tappe..
Com'era Gilbert da junior? :uhm:


FCC 2017/18: 3°; Trofeo dei titoli; Campionato Europeo Donne Elite, Campionato del Mondo Donne Elite, ROTY

Winter
Messaggi: 13321
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Re: Remco Evenepoel no limits

Messaggio da leggere da Winter » lunedì 16 luglio 2018, 21:17

Nonostante fosse vallone correva nelle fiandre
era molto promettente
Tra i tre più forti della sua annata in belgio
ma non era paragonabile a remco
nei primi due anni da under fece un notevole salto di qualità



Avatar utente
Niи
Messaggi: 910
Iscritto il: martedì 2 aprile 2013, 0:10

Re: Remco Evenepoel no limits

Messaggio da leggere da Niи » lunedì 16 luglio 2018, 21:34

Fare quei distacchi da junior è difficilissimo. Io son quasi shoccato.

Ho cercato foto e video per farmi un idea di come sia e come pedali, ma non ho trovato gran ché.
Dal viso mi sembra ancora molto giovane e sbarbato, segno che non dovrebbe essere maturato più dei suoi coetanei. Vedendo immagini del podio europeo, mi sembra anche abbastanza basso (1.75?) e non eccessivamente tirato.

Winter e Albino, cosa potete dire dal punto di vista fisico?



Theakston
Messaggi: 408
Iscritto il: venerdì 9 settembre 2016, 16:25

Re: Remco Evenepoel no limits

Messaggio da leggere da Theakston » lunedì 16 luglio 2018, 21:42

Tranchée d'Arenberg ha scritto:
lunedì 16 luglio 2018, 11:50
Winter ha scritto:
lunedì 16 luglio 2018, 6:09
FRANCESCO1980 ha scritto:
lunedì 16 luglio 2018, 1:16
NON sarebbe il 1° che fa il fenomeno da Juniores, arriva con difficoltà al professionismo , e poi non combina quasi nulla

tipo Palumbo, Valentino China o tanti altri

si dia una calmata
Con difficoltà al professionismo.. Ne dubito
Va più forte di tutti gli under 23
I vari palumbo e co , da under arrivavano dopo dieci anni di bici
Lui dopo uno..
E nn partivano dopo dieci km
L unico dubbio è lo stare in gruppo
Vincendo sempre in solitaria , non impara nulla
Ieri con altri tre giri doppiava tutti
Cmq su strava io nn vedo sti doppi allenamenti e nemmeno distanze da pro
Sicuramente non sarà il caso di Remco, però è innegabile che quanto sottolineato da Francesco e altri sia incredibilmente vero. Anzi, negli ultimi decenni abbiamo visto ragazzi dominare da under23, sparire poi tra i professionisti. Figuriamoci se non può accadere a maggior ragione la stessa cosa con gli juniores.
E infatti se si prende l'albo d'oro del mondiale Juniores, tralasciando gli ultimi che sono ovviamente ancora giovani, su 43 edizioni disputate, gli unici corridori ad averlo vinto che poi sono diventati campioni, sono Visentini, Lemond, Tonkov e Cunego. Mettiamoci pure Ulissi o meglio ancora Kreuziger e Stuyven. Ma la maggior parte dei vincitori ha veramente faticato tanto, talvolta sparendo dal professionismo in maniera assai rapida.

Palumbo, D'Amore, Jeremy Yates, Kvachuk, Reus, Gerard, Scanlon (che beffò Pozzato!), China, Loew. Più recentemente anche gente come Le Bon o Le Gac che tra i prof ci sta bene, non ha comunque dimostrato la stoffa del campione. Lecuisinier s'è già ritirato.
Mi viene in mente la storia triste di Michel Zanoli.
Ovviamente a Remco auguriamo il meglio!



Winter
Messaggi: 13321
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Re: Remco Evenepoel no limits

Messaggio da leggere da Winter » lunedì 16 luglio 2018, 21:45

Niи ha scritto:
lunedì 16 luglio 2018, 21:34
Fare quei distacchi da junior è difficilissimo. Io son quasi shoccato.

Ho cercato foto e video per farmi un idea di come sia e come pedali, ma non ho trovato gran ché.
Dal viso mi sembra ancora molto giovane e sbarbato, segno che non dovrebbe essere maturato più dei suoi coetanei. Vedendo immagini del podio europeo, mi sembra anche abbastanza basso (1.75?) e non eccessivamente tirato.

Winter e Albino, cosa potete dire dal punto di vista fisico?
170x61
prototipo dello scalatore



Albino
Messaggi: 1183
Iscritto il: mercoledì 1 novembre 2017, 20:28

Re: Remco Evenepoel no limits

Messaggio da leggere da Albino » lunedì 16 luglio 2018, 21:49

Niи ha scritto:
lunedì 16 luglio 2018, 21:34
Fare quei distacchi da junior è difficilissimo. Io son quasi shoccato.

Ho cercato foto e video per farmi un idea di come sia e come pedali, ma non ho trovato gran ché.
Dal viso mi sembra ancora molto giovane e sbarbato, segno che non dovrebbe essere maturato più dei suoi coetanei. Vedendo immagini del podio europeo, mi sembra anche abbastanza basso (1.75?) e non eccessivamente tirato.

Winter e Albino, cosa potete dire dal punto di vista fisico?
170 cm x 62 kg (con l'obiettivo di scendere a 60 per i mondiali).
Il calcio e il lavoro in palestra gli hanno lasciato in eredità, nonostante un'importante perdita di peso (sui 6/7 kg), dorsali e quadricipiti molto sviluppati.

In sella è composto, un po' scolastico per i miei gusti ma è messo bene, a crono rispetto allo scorso anno è migliorato nella posizione anche se resta un filino alto.


FantaCicloCross 2017-2018: Campionato del Mondo Uomini Elite

nikybo85
Messaggi: 1622
Iscritto il: mercoledì 23 agosto 2017, 0:06

Re: Remco Evenepoel no limits

Messaggio da leggere da nikybo85 » lunedì 16 luglio 2018, 21:54

Ah scalatore!? :?
Pensavo fosse un possibile dominatore di classiche.a come fa uno scalatore puro a dare 10' a tutti in un percorso credo misto..?
Ho seguito sempre pocoa sta cosa dei 10' ha iniziato a colpire anche me



Winter
Messaggi: 13321
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Re: Remco Evenepoel no limits

Messaggio da leggere da Winter » lunedì 16 luglio 2018, 21:57

No era un percorso durissimo
infatti sia junior che under han fatto i 36 di media



Avatar utente
Niи
Messaggi: 910
Iscritto il: martedì 2 aprile 2013, 0:10

Re: Remco Evenepoel no limits

Messaggio da leggere da Niи » lunedì 16 luglio 2018, 22:52

Grazie ad entrambi :D
Beh, tutto ciò è ancora più incredibile. Allora per i mondiali di Innsbruck sarà imbattibile e cercherò di guardare la prova junior solo per vederlo all'opera :trofeo:



nikybo85
Messaggi: 1622
Iscritto il: mercoledì 23 agosto 2017, 0:06

Re: Remco Evenepoel no limits

Messaggio da leggere da nikybo85 » lunedì 16 luglio 2018, 22:53

Winter ha scritto:
lunedì 16 luglio 2018, 21:57
No era un percorso durissimo
infatti sia junior che under han fatto i 36 di media
Ecco questo già mi aiuta a vedeRe più normale la cosa



Avatar utente
Abruzzese
Messaggi: 4306
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:24

Re: Remco Evenepoel no limits

Messaggio da leggere da Abruzzese » martedì 17 luglio 2018, 2:26

Winter ha scritto:
lunedì 16 luglio 2018, 20:51
Seguo gli junior under 23 da inizio anni 90 un fenomeno come questo non l'ho mai visto
Da Under c'era sicuramente stato Popovytch pero' correva in un dream team da 100 vittorie
dove facendo tripletta in tante gare

lui è diverso , attacca da solo , correndo in testa
Come avevo detto l'altro giorno, a me l'impresa di Evenepoel ha riportato alla memoria certi mitici racconti legati a Sergei Soukhoroutchenkov, come quello legato a questa tappa del Giro delle Regioni (un aneddoto che anche Davide Cassani raccontò più di una volta quand'era commentatore in Rai):

https://www.indiscreto.info/2015/05/sou ... rsari.html

Chissà, magari i suiveurs più attempati potrebbero dirci se un minimo di paragone potrebbe esserci.


"L'importante non è quello che trovi alla fine di una corsa. L'importante è ciò che provi mentre corri" (Giorgio Faletti in "Notte prima degli esami")

"qui c'è gente che è totalmente avulsa dalla realtà e nociva al forum"

Avatar utente
Slegar
Messaggi: 4207
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:49

Re: Remco Evenepoel no limits

Messaggio da leggere da Slegar » martedì 17 luglio 2018, 11:03

Purtoppo dell'impresa di Soukhoroutchenkov alle Olimpiadi del 1980 non esiste traccia, perché la TV sovietica non effettuò le riprese se non degli ultimi km. Ricordo però un di un estasiato Adriano De Zan al commento di quelle poche immagini che magnificava quell'impresa "d'altri tempi".


fair play? No, Grazie!


Rispondi