Paris-Tours 2018 (7 ottobre)

Il mondo dei professionisti tra gare e complessità, e più in generale l'approccio al ciclismo di ogni appassionato
Avatar utente
nino58
Messaggi: 9517
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 14:38

Re: Paris-Tours 2018 (7 ottobre)

Messaggio da leggere da nino58 » lunedì 8 ottobre 2018, 14:59

Lopi90 ha scritto:
lunedì 8 ottobre 2018, 14:39
Poggio e Cipressa non hanno stravolto completamente la corsa, molte cose sono cambiate nel ciclismo nel corso dei decenni, e ovviamente lo svolgimento di una Sanremo attuale non è quello di una Sanremo di 40 anni fa, ma la corsa ha sempre oscillato fra possibile volata e riuscita dell'attacco fin dagli anni 50.

Però a questo punto meglio mandare in pensione proprio le vecchie classiche. Accetterei di più l'idea di far sparire la Sanremo o di farla diventare una corsa minore che se la giocano le professional, e far diventare la Strade Bianche la classica italiana di primavera per eccellenza, piuttosto che vedere una Sanremo per scalatori con 5 passi appenninici tosti al 10% di pendenza.
Si possono tenere anche entrambe, visto che ne sono sparite almeno dieci, di classiche italiane.


Von Rock ? Nein, danke.
Diritto di correre senza condizioni a chi ha scontato una squalifica !!!


nime
Messaggi: 903
Iscritto il: domenica 22 novembre 2015, 10:50

Re: Paris-Tours 2018 (7 ottobre)

Messaggio da leggere da nime » lunedì 8 ottobre 2018, 15:10

Salvatore77 ha scritto:
lunedì 8 ottobre 2018, 14:58
La corsa è stata dura ma va detto che gran parte dei corridori adatti a questo tipo di percorso erano assenti.
È da vedere se con tutte le WT, dietro i tre che si sono giocati la corsa, magari si formava un gruppo di 30-40 corridori.
hanno polemizzato in tanti, ma secondo me è perchè ha un po' colto tutti di sorpresa questo percorso, basti pensare che alla vigilia le quote davano credito a molti velocisti, mi sono anche sembrati troppo ravvicinati i tratti di sterrato e troppo disconnessi, andrebbero sistemati e riviste un po' di cose, ma a me non dispiace una specie di strade bianche o tro bro leon autunnale con i relativi specialisti

non è che ci sia tutta sta inflazione di questo tipo di corse alla fine e innovarsi con qualcosa che televisivamente funziona a scapito della tradizione, almeno nel caso di una classica decadente come questa non mi pare il demonio



Avatar utente
galliano
Messaggi: 12026
Iscritto il: giovedì 14 aprile 2011, 12:53
Località: TN

Re: Paris-Tours 2018 (7 ottobre)

Messaggio da leggere da galliano » lunedì 8 ottobre 2018, 15:48

Quello che a me non è piaciuto, ed è già stato sottolineato qui e là, non è tanto l'introduzione degli sterrati, ma il suo uso massiccio e il brutto stato degli stessi che ha rischiato di trasformare la corsa in una lotteria, più di quanto succede alla parigi roubaix.
Avrei preferito un maggiore equilibrio tra la vecchia Parigi Tours e questa versione.
Nessuno nega che ci sia stato un certo tipo di spettacolo, ma ci dovrebbero essere dei limiti, dettati dalla storia di una corsa, entro i quali muoversi.



Salvatore77
Messaggi: 4175
Iscritto il: domenica 9 gennaio 2011, 19:14

Re: Paris-Tours 2018 (7 ottobre)

Messaggio da leggere da Salvatore77 » lunedì 8 ottobre 2018, 18:06

La Parigi Tours era fine a ieri una classica fra le più piatte del ciclismo che conta. Negli ultimi 30 anni la volata è arrivata grosso modo un terzo delle volte, pochissime se pensiamo invece alla Sanremo che ha decisamente più asperità, più km.
Le motivazioni sono essenzialmente 2:
1. le poche asperità sono concentrate nel finale
2. a fine stagione la gente in forma scarseggia

Adesso la Parigi - Tours ha cercato una svolta. La scelta degli sterrati (in senso più ampio del termine) è una scelta che si sta lentamente diffondendo sia in qualche gara in linea e sia in qualche tappa dei GT. Pertanto la scelta di provare questa strada non è male.
Sembra un enorme cambio di rotta, però alla fine la corsa è diventata un pelo più dura perchè sono stati fatti fuori i velocisti non adatti agli strappi.
Se fossero stati presenti Sagan, Van Avermaet, Trentin, Colbrelli, Matthews, Moscon, con le rispettive squadre, credo che sarebbe stata una corsa ancora più bella, però con più corridori nel finale a contendersela. Siamo anni luce lontani dalla iper selezione delle Strade Bianche.
Dopo tutto 2/3 del podio di quest'anno è lo stesso dello scorso anno e comunque la gara è stata fatta a 46,3 km/h di media.
Più dura? Senz'altro, ma giusto un gradino più su delle edizioni precedenti.


1° Tour de France 2018

Salvatore77
Messaggi: 4175
Iscritto il: domenica 9 gennaio 2011, 19:14

Re: Paris-Tours 2018 (7 ottobre)

Messaggio da leggere da Salvatore77 » lunedì 8 ottobre 2018, 18:13

galliano ha scritto:
lunedì 8 ottobre 2018, 15:48
Quello che a me non è piaciuto, ed è già stato sottolineato qui e là, non è tanto l'introduzione degli sterrati, ma il suo uso massiccio e il brutto stato degli stessi che ha rischiato di trasformare la corsa in una lotteria, più di quanto succede alla parigi roubaix.
Avrei preferito un maggiore equilibrio tra la vecchia Parigi Tours e questa versione.
Nessuno nega che ci sia stato un certo tipo di spettacolo, ma ci dovrebbero essere dei limiti, dettati dalla storia di una corsa, entro i quali muoversi.
Rispetto al pavè e alle strade bianche italiane, mi sembra più arcigno questo.
Sembra ci siano più sassi e le forature potrebbero essere di più.
Con la pioggia poi immagino una corsa davvero difficile.


1° Tour de France 2018


Arme
Messaggi: 893
Iscritto il: lunedì 9 aprile 2012, 23:05
Località: Bergamo
Contatta:

Re: Paris-Tours 2018 (7 ottobre)

Messaggio da leggere da Arme » martedì 9 ottobre 2018, 10:57

galliano ha scritto:
domenica 7 ottobre 2018, 17:44
Arme ha scritto:
domenica 7 ottobre 2018, 16:21
Tra le HC è forse la più importante, ma non essendo WT è già tanto che la mandino. Una volta era appuntamento fisso, ma non mi stupisce che esigenze di sponsor o di audience diano la precedenza alla corsa italiana, anche se come storia e interesse non c'è paragone. Oltretutto sono della stessa categoria.
Che beghelli e Parigi Tours siano della stessa categoria (sei sicuro?) è una bestemmia verso la storia del ciclismo.
https://www.procyclingstats.com/races.p ... ter=Filter
massì, entrambe 1HC.
D'altronde non c'è un livello intermedio tra WT e l 1HC del circuito Europe Tour. Poi credo che siamo proprio ai due estremi tra le tantissime di questa categoria, nel senso che una direi che è la più importante, forse con Barbante, o anche Dwars door West-Vlaanderen, Kuurne-Bruxelles-Kuurne e Scheldeprijs, (ma ci sono anche Emilia e MI-To) e l'altra una delle meno .



Trullo
Messaggi: 222
Iscritto il: martedì 23 maggio 2017, 12:26

Re: Paris-Tours 2018 (7 ottobre)

Messaggio da leggere da Trullo » martedì 9 ottobre 2018, 18:10

Lopi90 ha scritto:
lunedì 8 ottobre 2018, 10:23
A questo punto perchè non potrebbero far comprare la Parigi Tours ai cinesi e farla correre come circuito cittadino a Shangai mantenendo intatto il nome? Sarebbe ancora la Parigi Tours con tutto il suo fascino o sarebbe una minchiata?
Per anni la Parigi-Tours ha cambiato nome (G.P. d'Autunno) e percorso (nei primi anni '80 si correva da Blois a Chaville) mantenendo comuqnue invariate caratteristiche tecniche e importanza



FRANCESCO1980
Messaggi: 65
Iscritto il: venerdì 22 agosto 2014, 15:49

Re: Paris-Tours 2018 (7 ottobre)

Messaggio da leggere da FRANCESCO1980 » martedì 9 ottobre 2018, 18:39

Il nuovo percorso mi è molto piaciuto,
era una corsa troppo noiosa in passato

Perchè non fare anche il Giro del Lazio con lo sterrato e le strade romane tipo l'Appia Antica ? ! ?




Rispondi