Il Lombardia 2018

Il mondo dei professionisti tra gare e complessità, e più in generale l'approccio al ciclismo di ogni appassionato
Avatar utente
Beppugrillo
Messaggi: 514
Iscritto il: martedì 4 settembre 2018, 6:41

Re: Il Lombardia 2018

Messaggio da leggere da Beppugrillo » lunedì 15 ottobre 2018, 8:50

Ad aprile il Lombardia non ce lo metti di sicuro (chi si sposta? Fiandre, Roubaix, Amstel o Liegi?). L'unica soluzione è appunto invertire con la Sanremo, ma sei al punto di partenza perché chi punta ai grandi giri a marzo non ti ci arriva con una condizione discreta o più neanche se lo ricatti col rapimento dei parenti. Si può fare dopo il Giro, una specie di San Sebastian (bello...), ma di nuovo non c'è nessuna garanzia di avere un campo partenti più competitivo di com'è ora, inoltre sacrifichi del tutto altre 5 corse italiane che sono tornate a contare grazie al Lombardia




Salvatore77
Messaggi: 4169
Iscritto il: domenica 9 gennaio 2011, 19:14

Re: Il Lombardia 2018

Messaggio da leggere da Salvatore77 » lunedì 15 ottobre 2018, 9:11

Il lombardia è la corsa di autunno. Nonostante le energie sono poche raramente si sono verificate vittorie di poco spessore.
Io sono favorevole ai cambiamenti ma non sposterei il lombardia. Magari metterei più corse simili perché quest'anno c'è stato un mondiale altrettanto duro. Altrimenti un certo tipo di corridori avrebbero chiuso la stagione molto prima


1° Tour de France 2018

jumbo
Messaggi: 4368
Iscritto il: sabato 1 ottobre 2011, 10:42

Re: Il Lombardia 2018

Messaggio da leggere da jumbo » lunedì 15 ottobre 2018, 9:18

A parte la tradizione, che pone il Lombardia ad Ottobre, in primavera dove potresti metterlo?
Spesso e volentieri il tempo a Ottobre è più favorevole che a Marzo-Aprile per andare in bicicletta, mentre ora ci troviamo un calendario completamente sbilanciato di almeno 1 mese verso l'inizio dell'anno.
Come collocazione secondo me poi non è male, ora che le altre classiche italiane stanno riacquisendo valore. Chiaro che in annate come questa con un Mondiale selettivo, diventa più naturale per tanti corridori tirare fino al Lombardia, se il Mondiale è come a Doha o Copenhagen le cose vanno diversamente.
Più che spostare il Lombardia a primavera, avrebbe un senso spostare qualche altra classica di alto valore in autunno, ma anche questo non lo vedo semplice.
Come scrivevo da qualche parte, secondo me si dovrebbero creare due di circuiti di classiche, con loro classifiche e premi, che includa le monumento ma anche le altre classiche come Harelbeke, Gand, Amstel, Tre Valli, Emilia, Parigi Tours, uno in primavera dalla Strade Bianche alla Liegi o Francoforte, e uno in autunno dalla fine della Vuelta al Lombardia (se non da prima con le classiche canadesi).



Avatar utente
Beppugrillo
Messaggi: 514
Iscritto il: martedì 4 settembre 2018, 6:41

Re: Il Lombardia 2018

Messaggio da leggere da Beppugrillo » lunedì 15 ottobre 2018, 9:40

jumbo ha scritto:
lunedì 15 ottobre 2018, 9:18
Più che spostare il Lombardia a primavera, avrebbe un senso spostare qualche altra classica di alto valore in autunno, ma anche questo non lo vedo semplice.
Ecco, questa è un'ipotesi che a me piace di più



Avatar utente
nino58
Messaggi: 9466
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 14:38

Re: Il Lombardia 2018

Messaggio da leggere da nino58 » lunedì 15 ottobre 2018, 9:42

Leggiamoci l' Albo d'Oro del Lombardia (wikipedia) e ci accorgiamo che sta bene lì dove sta.


Von Rock ? Nein, danke.
Diritto di correre senza condizioni a chi ha scontato una squalifica !!!


Avatar utente
Patate
Messaggi: 3357
Iscritto il: domenica 28 febbraio 2016, 23:23

Re: Il Lombardia 2018

Messaggio da leggere da Patate » lunedì 15 ottobre 2018, 10:05

Per me il discorso su una eventuale ricollocazione del Lombardia e/o delle classiche italiane è, dopo quest'ultima edizione, quantomai vano.
Quest'anno c'erano quattro quinti di top 5 Mondiale -mancava solo un Tom stanchissimo ma che sicuramente proverà in futuro-, Pinot, Roglic, Nibali, Bernal, Daniel Martin, Rui Costa, Uran, Adam Yates, Mollema, Kelderman, Mas, Teuns e Jungels.
A mio parere una startlist eccellente.
Per me non vale la pena andare a toccare qualcosa per "invogliare" due o tre corridori da GT che comunque avrebbero qualche difficoltà ad inserirla tra i loro picchi di forma e, comunque, non sarebbero tra i primi favoriti


antani ha scritto:Non so perchè ma ho la sensazione che domani Aru possa arrivare dietro o davanti a Froome, stiamo a vedere sembra facile ma non è difficile

Strong
Messaggi: 9108
Iscritto il: mercoledì 12 gennaio 2011, 11:48

Re: Il Lombardia 2018

Messaggio da leggere da Strong » lunedì 15 ottobre 2018, 11:30

Patate ha scritto:
lunedì 15 ottobre 2018, 10:05
Per me il discorso su una eventuale ricollocazione del Lombardia e/o delle classiche italiane è, dopo quest'ultima edizione, quantomai vano.
Quest'anno c'erano quattro quinti di top 5 Mondiale -mancava solo un Tom stanchissimo ma che sicuramente proverà in futuro-, Pinot, Roglic, Nibali, Bernal, Daniel Martin, Rui Costa, Uran, Adam Yates, Mollema, Kelderman, Mas, Teuns e Jungels.
A mio parere una startlist eccellente.
Per me non vale la pena andare a toccare qualcosa per "invogliare" due o tre corridori da GT che comunque avrebbero qualche difficoltà ad inserirla tra i loro picchi di forma e, comunque, non sarebbero tra i primi favoriti
il problema non è tanto avere dei bei nomi in partenza ma averli in condizioni decenti e non spappolati da una stagione logorante
ovvio che in una corsa esigente come il lombardia tra i primi, il cattaneo di turno, non lo troviamo
a me piacerebbe vedere un lombardia ad una settimana dalla fine del Giro


i fondamentalisti del ciclismo e gli ultras dei ciclisti sono il male di questo sport.

Avatar utente
Tranchée d'Arenberg
Messaggi: 14995
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:50
Località: Falconara Albanese (CS)

Re: Il Lombardia 2018

Messaggio da leggere da Tranchée d'Arenberg » lunedì 15 ottobre 2018, 11:34

nino58 ha scritto:
lunedì 15 ottobre 2018, 9:42
Leggiamoci l' Albo d'Oro del Lombardia (wikipedia) e ci accorgiamo che sta bene lì dove sta.
:yes:


Cobblestone 2012 - 1° Classifica Generale
Cobblestone 2012 - 1° Classifica Classiche
Cobblestone 2013 - 1° Classifica Semiclassiche

FantaCycling Manager 2016 - 1° Classifica (squadre)

jumbo
Messaggi: 4368
Iscritto il: sabato 1 ottobre 2011, 10:42

Re: Il Lombardia 2018

Messaggio da leggere da jumbo » lunedì 15 ottobre 2018, 11:36

a una settimana dal giro, avremmo chi ha fatto il giro spappolato dalla fatica (se non da cadute), e chi si prepara per il tour non ancora in piena forma e magari attento a non far fuori giri.
insomma, non lo metterei lì.

san sebastian una settimana dopo il tour non se lo filano in tanti, tanto per dirne una.



GiacomoXT
Messaggi: 1518
Iscritto il: sabato 27 dicembre 2014, 15:17
Località: Livorno

Re: Il Lombardia 2018

Messaggio da leggere da GiacomoXT » lunedì 15 ottobre 2018, 11:37

Trovo priva di senso la discussione su una possibile ricollocazione del Lombardia all'interno del calendario professionistico.

Specialmente a valle del lavoro di ricollocamento delle varie classiche italiane a ridosso del Lombardia stesso.


FC 2015: Kuurne; Brabante; Amstel; Freccia; Giro (primi 5); Svizzera; Tour t. 7; Tour (tappe); Vuelta t. 10; Bernocchi; Lombardia
FC 2016: Tour t. 20; Wallonie; Sabatini
FC 2017: Europeo

Trullo
Messaggi: 205
Iscritto il: martedì 23 maggio 2017, 12:26

Re: Il Lombardia 2018

Messaggio da leggere da Trullo » lunedì 15 ottobre 2018, 11:53

L'unica cosa che valuterei è il possibile scambio di date Lombardia-Mondiale
Vantaggi
- Il Lombardia permette agli scalatori di sfruttare il picco di forma della Vuelta, per chi l'ha fatta
- Il Mondiale alla fine permetterebbe di tenere alta la tensione fino alla fine, essendo questo appuntamento generalmente ritenuti più prestigioso



Strong
Messaggi: 9108
Iscritto il: mercoledì 12 gennaio 2011, 11:48

Re: Il Lombardia 2018

Messaggio da leggere da Strong » lunedì 15 ottobre 2018, 11:54

jumbo ha scritto:
lunedì 15 ottobre 2018, 11:36
a una settimana dal giro, avremmo chi ha fatto il giro spappolato dalla fatica (se non da cadute), e chi si prepara per il tour non ancora in piena forma e magari attento a non far fuori giri.
insomma, non lo metterei lì.

san sebastian una settimana dopo il tour non se lo filano in tanti, tanto per dirne una.
san sebastian non è una monumento
quelli che escono dal Giro, dopo il giusto scarico, hanno una condizioni invidiabile
chi si prepara al tour non sarà ancora brillante ma sicuro non è in riserva.
Al delfinato si vedono buone/ottime prestazioni sia da parte di quelli che escono dal Giro che da parte di quelli che si preparano per il Tour
non mi sembra che sia come dici tu


i fondamentalisti del ciclismo e gli ultras dei ciclisti sono il male di questo sport.

White Mamba
Messaggi: 982
Iscritto il: lunedì 6 luglio 2015, 11:27

Re: Il Lombardia 2018

Messaggio da leggere da White Mamba » lunedì 15 ottobre 2018, 12:02

Trullo ha scritto:
lunedì 15 ottobre 2018, 11:53
L'unica cosa che valuterei è il possibile scambio di date Lombardia-Mondiale
Vantaggi
- Il Lombardia permette agli scalatori di sfruttare il picco di forma della Vuelta, per chi l'ha fatta
- Il Mondiale alla fine permetterebbe di tenere alta la tensione fino alla fine, essendo questo appuntamento generalmente ritenuti più prestigioso
questa mi pare l'unica cosa sensata eventualmente



Lopi90
Messaggi: 901
Iscritto il: martedì 31 maggio 2011, 12:15

Re: Il Lombardia 2018

Messaggio da leggere da Lopi90 » lunedì 15 ottobre 2018, 12:02

Il lombardia e` assolutamente in ripresa dopo tempi bui. C'erano tanti protagonisti in ottima forma, in nessuna corsa riesci ad avere proprio tutti al via, ci sara` sempre chi ha altri obiettivi, chi e` stanco, e non penso che chi non c'era sarebbe stato al via con un'altra collocazione (forse giusto Alaphilippe).

Piu` che spostare il Lombardia, ci vorrebbe una promozione a WT di almeno una fra Emilia, Tre Valli e MiTo.



Salvatore77
Messaggi: 4169
Iscritto il: domenica 9 gennaio 2011, 19:14

Re: Il Lombardia 2018

Messaggio da leggere da Salvatore77 » lunedì 15 ottobre 2018, 12:06

Le monumento stanno bene dove stanno.
Sono le altre corse che hanno bisogno magari di qualche aiuto per rimanere a galla o crescere.
Basta poco per scomparire. Se penso al gp di Zurigo.


1° Tour de France 2018

GiacomoXT
Messaggi: 1518
Iscritto il: sabato 27 dicembre 2014, 15:17
Località: Livorno

Re: Il Lombardia 2018

Messaggio da leggere da GiacomoXT » lunedì 15 ottobre 2018, 12:12

Salvatore77 ha scritto:
lunedì 15 ottobre 2018, 12:06
Le monumento stanno bene dove stanno.
Sono le altre corse che hanno bisogno magari di qualche aiuto per rimanere a galla o crescere.
Basta poco per scomparire. Se penso al gp di Zurigo.
O come tutte le varie semi-classiche italiane che negli ultimi anni sono scomparse nella quasi indifferenza """generale""".


FC 2015: Kuurne; Brabante; Amstel; Freccia; Giro (primi 5); Svizzera; Tour t. 7; Tour (tappe); Vuelta t. 10; Bernocchi; Lombardia
FC 2016: Tour t. 20; Wallonie; Sabatini
FC 2017: Europeo

AntiGazza
Messaggi: 1163
Iscritto il: venerdì 15 aprile 2011, 12:23

Re: Il Lombardia 2018

Messaggio da leggere da AntiGazza » lunedì 15 ottobre 2018, 12:28

Effettivamente, questo anno c'era qualche assenza di grido ingiustificata al Lombardia?



jumbo
Messaggi: 4368
Iscritto il: sabato 1 ottobre 2011, 10:42

Re: Il Lombardia 2018

Messaggio da leggere da jumbo » lunedì 15 ottobre 2018, 12:31

le uniche corse che in genere hanno tutti i protagonisti attesi al via sono le classiche delle pietre.
anche liegi freccia ed amstel spesso vedono qualche defezione dell'ultimo momento, talora poco comprensibile, talora invece più comprensibile, di potenziali protagonisti (come MAL o Alaphilippe quest'anno). non mi pare che al lombardia succeda niente di diverso.



Avatar utente
lambohbk
Messaggi: 1996
Iscritto il: giovedì 13 ottobre 2016, 23:27

Re: Il Lombardia 2018

Messaggio da leggere da lambohbk » lunedì 15 ottobre 2018, 12:38

jumbo ha scritto:
lunedì 15 ottobre 2018, 12:31
le uniche corse che in genere hanno tutti i protagonisti attesi al via sono le classiche delle pietre.
anche liegi freccia ed amstel spesso vedono qualche defezione dell'ultimo momento, talora poco comprensibile, talora invece più comprensibile, di potenziali protagonisti (come MAL o Alaphilippe quest'anno). non mi pare che al lombardia succeda niente di diverso.
Vero.

Chi punta al Giro difficilmente può preparare a puntino le Ardenne: penso a Nibali, al Valverde del 2016, ai vari Pozzovivo, Formolo ed anche Pinot.

La stessa cosa la si può dire per chi viene dalle pietre: Sagan, Van Avermaet, Moscon ecc sarebbero adatti anche alle Ardenne ma, per forza di cose, non possono arrivare al 100%


Per chi tifi? Per gli italiani

FC 2017: Dwars Door Vlaanderen, Tre Giorni di La Panne, Giro dei Paesi Baschi, Vuelta España - Combinata, Japan Cup, "L'Altro Lombardia"

FC 2018: Tour of the Alps, "L'Altro Mondiale"

Avatar utente
Tranchée d'Arenberg
Messaggi: 14995
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:50
Località: Falconara Albanese (CS)

Re: Il Lombardia 2018

Messaggio da leggere da Tranchée d'Arenberg » lunedì 15 ottobre 2018, 12:41

Salvatore77 ha scritto:
lunedì 15 ottobre 2018, 12:06
Le monumento stanno bene dove stanno.
Sono le altre corse che hanno bisogno magari di qualche aiuto per rimanere a galla o crescere.
Basta poco per scomparire. Se penso al gp di Zurigo.
Quoto. Sono diverse le cose che non vanno troppo bene e che io cambierei. Le classiche monumento sono tra quelle poche cose che vanno bene perché vivono di luce propria e stanno bene dove sono.

È il resto che va rivisto e, se necessario, va ricollocato in modo da ottenere un posizionamento più appetibile. Mi pare che in questo senso qualcosa sia già stato fatto


Cobblestone 2012 - 1° Classifica Generale
Cobblestone 2012 - 1° Classifica Classiche
Cobblestone 2013 - 1° Classifica Semiclassiche

FantaCycling Manager 2016 - 1° Classifica (squadre)

Lopi90
Messaggi: 901
Iscritto il: martedì 31 maggio 2011, 12:15

Re: Il Lombardia 2018

Messaggio da leggere da Lopi90 » lunedì 15 ottobre 2018, 12:43

jumbo ha scritto:
lunedì 15 ottobre 2018, 12:31
le uniche corse che in genere hanno tutti i protagonisti attesi al via sono le classiche delle pietre.
anche liegi freccia ed amstel spesso vedono qualche defezione dell'ultimo momento, talora poco comprensibile, talora invece più comprensibile, di potenziali protagonisti (come MAL o Alaphilippe quest'anno). non mi pare che al lombardia succeda niente di diverso.
Le classiche delle pietre hanno al via tutti i protagonisti perche' per gran parte sono specialisti che focalizzano tutta la stagione su quel mese. Se un Terpstra o un Vanmarcke saltano le pietre, che gli resta? Gli uomini da ardenne e lombardia hanno molte piu` corse da giocarsi, visto che in buona parte sono anche competitivi nelle corse a tappe e giocoforza ogni anno devono saltare qualche obiettivo per non ammazzarsi.



34x27
Messaggi: 2311
Iscritto il: giovedì 16 dicembre 2010, 9:38
Località: in salita

Re: Il Lombardia 2018

Messaggio da leggere da 34x27 » lunedì 15 ottobre 2018, 13:26

il_panta ha scritto:
sabato 13 ottobre 2018, 14:19
Ma sí, io ad esempio non considero quelli con un numero dispari di lettere nel cognome.
Ah che ridere.



jumbo
Messaggi: 4368
Iscritto il: sabato 1 ottobre 2011, 10:42

Re: Il Lombardia 2018

Messaggio da leggere da jumbo » lunedì 15 ottobre 2018, 14:10

Lopi90 ha scritto:
lunedì 15 ottobre 2018, 12:43
jumbo ha scritto:
lunedì 15 ottobre 2018, 12:31
le uniche corse che in genere hanno tutti i protagonisti attesi al via sono le classiche delle pietre.
anche liegi freccia ed amstel spesso vedono qualche defezione dell'ultimo momento, talora poco comprensibile, talora invece più comprensibile, di potenziali protagonisti (come MAL o Alaphilippe quest'anno). non mi pare che al lombardia succeda niente di diverso.
Le classiche delle pietre hanno al via tutti i protagonisti perche' per gran parte sono specialisti che focalizzano tutta la stagione su quel mese. Se un Terpstra o un Vanmarcke saltano le pietre, che gli resta? Gli uomini da ardenne e lombardia hanno molte piu` corse da giocarsi, visto che in buona parte sono anche competitivi nelle corse a tappe e giocoforza ogni anno devono saltare qualche obiettivo per non ammazzarsi.
Certamente.



FRANCESCO1980
Messaggi: 62
Iscritto il: venerdì 22 agosto 2014, 15:49

Re: Il Lombardia 2018

Messaggio da leggere da FRANCESCO1980 » lunedì 15 ottobre 2018, 14:40

GiacomoXT ha scritto:
lunedì 15 ottobre 2018, 12:12
Salvatore77 ha scritto:
lunedì 15 ottobre 2018, 12:06
Le monumento stanno bene dove stanno.
Sono le altre corse che hanno bisogno magari di qualche aiuto per rimanere a galla o crescere.
Basta poco per scomparire. Se penso al gp di Zurigo.
O come tutte le varie semi-classiche italiane che negli ultimi anni sono scomparse nella quasi indifferenza """generale""".

Si dovrebbe sfruttare meglio il Giro d Lombardia x promuovere le semi-classiche italiane
io propongo questo calendario subito dopo il Mondiale :

- Mercoledì : Giro del Lazio sullo sterrato e sulle strade romane tipo Appia antica
- Venerdì : Giro della Toscana sul tracciato delle strade Bianche (che verrebbe spostata)
- Domenica: Giro dell' Emilia esattamente come è adesso

- Mercoledì: Giro del Veneto sul tracciato del mondiale di Verona
- Venerdì : Giro del Piemonte con l'arrivo sulla Cattedrale di Superga
- Domenica: Giro di Lombardia


Praticamente un secondo Giro d'Italia di un giorno in serie
ma ci deve essere il sostegno del Governo e del Ministero



Lopi90
Messaggi: 901
Iscritto il: martedì 31 maggio 2011, 12:15

Re: Il Lombardia 2018

Messaggio da leggere da Lopi90 » lunedì 15 ottobre 2018, 14:49

Ma perche` dobbiamo per forza stravolgere qualcosa che sta funzionando alla grande? Il finale di stagione italiano in questi ultimi anni e` cresciuto tantissimo di livello. La strade bianche e` perfetta dove sta, sfruttanto la contiguita` con le classiche del pave`. Al massimo un eventuale Giro del Lazio con basolato romano si potrebbe attaccare alla stade bianche, pochi giorni prima.

Quello che servirebbe magari sarebbe resuscitare qualche corsa a tappe dell'estate italiana, tipo Brixia.

Il problema in italia non e` attirare piu` partecipazione ristrutturando il calendario, e` che le corse minori fanno una fatica bestiale. In Belgio e` pieno di corse che sono Wanty contro Verandas contro Rompoot e poco altro, ma c'e` entusiasmo a sufficienza per sostenerle, in Italia se fai una corsa con solo le professional locali piu` magari una CCC o Gazprom non duri neanche 3 anni perche' non ti si fila nessuno.



Avatar utente
nino58
Messaggi: 9466
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 14:38

Re: Il Lombardia 2018

Messaggio da leggere da nino58 » lunedì 15 ottobre 2018, 15:09

Lopi90 ha scritto:
lunedì 15 ottobre 2018, 14:49

Ma perche` dobbiamo per forza stravolgere qualcosa che sta funzionando alla grande? Il finale di stagione italiano in questi ultimi anni e` cresciuto tantissimo di livello. La strade bianche e` perfetta dove sta, sfruttanto la contiguita` con le classiche del pave`. Al massimo un eventuale Giro del Lazio con basolato romano si potrebbe attaccare alla stade bianche, pochi giorni prima.
Sottoscrivo al mille per mille.


Von Rock ? Nein, danke.
Diritto di correre senza condizioni a chi ha scontato una squalifica !!!

Avatar utente
cauz.
Messaggi: 11566
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 12:53
Località: milano
Contatta:

Re: Il Lombardia 2018

Messaggio da leggere da cauz. » lunedì 15 ottobre 2018, 16:21

Lopi90 ha scritto:
lunedì 15 ottobre 2018, 12:02
Il lombardia e` assolutamente in ripresa dopo tempi bui. C'erano tanti protagonisti in ottima forma, in nessuna corsa riesci ad avere proprio tutti al via, ci sara` sempre chi ha altri obiettivi, chi e` stanco, e non penso che chi non c'era sarebbe stato al via con un'altra collocazione (forse giusto Alaphilippe).

Piu` che spostare il Lombardia, ci vorrebbe una promozione a WT di almeno una fra Emilia, Tre Valli e MiTo.
una di queste e la paris-tours, tanto potrebbe già bastare per ravvivare un finale di stagione che comunque mi sembra tutt'altro che morente.


"Il male trionfa sempre, perche' il bene e' stupido" [Lord Casco]
@cauz_ | bidonmagazine.org | hoilciclo.worpdress.com | confindustrial.noblogs.org
"il Centogiro - 99 storie (più una) dal Giro d'Italia" è in libreria!

Trullo
Messaggi: 205
Iscritto il: martedì 23 maggio 2017, 12:26

Re: Il Lombardia 2018

Messaggio da leggere da Trullo » lunedì 15 ottobre 2018, 17:29

Idealmente, mi piacerebbe tornare all'idea della vecchia coppa del mondo, con poche (una decina, più o meno) gare di prima fascia
Questo permetterebbe di allungare la stagione mantenendo la possibilità per i "big" di incontrarsi il più possibile fra loro, mentre nel resto della stagione

Insomma una cosa del tipo
Classiche di primavera immediatamente seguite dalla Vuelta (metà aprile-inizio maggio)

Tour invariato come collocazione

Giro a settembre seguito da classiche (con il Lombardia ll sabato seguente la fine del giro, cioè l'ultimo sabato di settemnbre)
Mondiale a fine ottobre

Fra la Vuelta e il Tour, e fra il Tour e il Giro, due finestre per permettere anche ai big di partecipare alle corse di seconda e terza fascia

L'inversione Giro-Vuelta aumenta lo spazio fra un grande giro e l'altro (per motivi climatici ad aprile si può correre in Spagna ma non in Italia, per lo meno non sulle Alpi, mentre a settembre di norma i passi alpini sono praticabili) e quindi la possibilotà di avere i protagonisti in tutte e tre le grandi corse (e con la Liegi il weekend prima della Vuelta e il Lombardia il weekend dopo il Giro, avere gli scalatori nella forma migliore nelle due classiche a loro più adatte)
Come suggerito anche da Jumbo, andrebbe spostato qualcosa (la Amstel, quella meno "storica" delle grandi classiche primaverili) dalla primavera all'autunno per bilanciare i due gruppi di classiche (questo a prescindere dal "Mio" modello)



Avatar utente
Slegar
Messaggi: 4207
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:49

Re: Il Lombardia 2018

Messaggio da leggere da Slegar » lunedì 15 ottobre 2018, 17:36

A me il finale di stagione così com'è piace un sacco.


fair play? No, Grazie!

Avatar utente
udra
Messaggi: 5459
Iscritto il: mercoledì 1 ottobre 2014, 11:29

Re: Il Lombardia 2018

Messaggio da leggere da udra » lunedì 15 ottobre 2018, 17:55

Il più grosso problema. riguardo allo spostamento del Lombardia, è che intorno a questo appuntamento si è creato un fantastico circolo virtuoso per il nostro ciclismo.
Togliere il Lombardia da quella posizione vorrebbe dire impoverire tutto quello che si trova prima.
Per quello pensavo che forse l'unico posto dove si potrebbe infilarla è quello della Sanremo, portando quest'ultima a fine stagione.
Ma vorrebbe dire snaturare sia 3Valli che Emilia che MITO per cercare di creare un percorso di avvicinamento, e sarebbe più un danno che altro francamente.



Primo86
Messaggi: 9
Iscritto il: martedì 2 ottobre 2018, 1:05

Re: Il Lombardia 2018

Messaggio da leggere da Primo86 » lunedì 15 ottobre 2018, 21:00

Spostandomi col "cavallo di ferro" dalla mattina presto (partenza da Lecco) e sfruttando una giornata particolarmente favorevole di Trenord (non è la regola), mi son potuto recare tanto alla partenza a Bergamo quanto all'arrivo di Como, una cosa un po' matta che mi sento di consigliare e che vorrei replicare alla Sanremo.

Qualche segnalazione dai rispettivi campi:

Partenza:
-non ho avuto l'impressione di vedere tantissima gente e, soprattutto, mi ha colpito la scarsa partecipazione del pubblico (applausi tutti "chiamati" ed elargiti col contagocce) alla cerimonia del foglio firma. Meglio al momento della partenza vera e propria.
-qualche fischio (in verità sparuto) a Bardet colpevole di aver attaccato con Nibali a terra, al Tour. Vabbè...
-la magrezza di Bardet personalmente mi ha impressionato, sebbene abbia visto di peggio
-Gimondi e Guderzo (quest'ultima vista anche all'arrivo) sul palco e tributati a entrambi i giusti omaggi, così come a Franco, a un Gerrans che pareva commosso, e a Roy.

ARRIVO
-segnalo un Roglic piuttosto di buonumore dopo l'arrivo che ha dialogato a lungo, alle transenne, con un connazionale che non ho ben capito chi fosse
-Keldermann incrociato all'arrivo, subito dopo aver tagliato il traguardo (7 minuti e spiccioli), piuttosto scosso e con un'evidente abrasione in volto. Medicato dall'assistenza dopo il traguardo, l'ho incrociato nuovamente qualche minuto dopo, incerottato, e ho chiesto come stesse, ha detto che stava bene e ha parlato di "crash". Mistero assoluto su cosa e dove sia accaduto, neppure in rete ho trovato nulla.
-Alla fine della cerimonia, con lo studio Rai già smontato, si attendeva l'apertura delle transenne in attesa del rientro "di tutti i corridori". Scopro alla fine che mancava il solo Nibali che, nonostante sia con margine il vero vip per il pubblico italiano, se ne è tornato tutto tranquillo ai bus (ma poi è montato su un suv bianco), in bici, facendo praticamente quello che fanno tutti gli altri senza cautele ulteriori.
-Molto molto felice Pinot, raggiante direi, anche se evidentemente e comprensibilmente provato dallo sforzo.
-Incrociati Plaza e Hermans al bus Israel, i bus erano parcheggiati dalle parti del capannone dell Aeroclub. Salutato Plaza, mi sarei fermato volentieri a fare qualche domanda ma stavano già parlando con un signore che sinceramente non ho riconosciuto ma che immagino li stesse intervistando.
-C'era Vanotti, sempre molto disponibile, ma c'era soprattutto Riccardo Magrini (con Gregorio) che è una vera star e ha un modo tutto suo di approcciare col pubblico, una cosa che secondo me andrebbe studiata perché sinceramente non mi viene in mente metodo migliore per guadagnare popolarità (nessuna accezione negativa, beninteso).

Ps Stefano Zanini resta il vecchio leone di sempre



Primo86
Messaggi: 9
Iscritto il: martedì 2 ottobre 2018, 1:05

Re: Il Lombardia 2018

Messaggio da leggere da Primo86 » lunedì 15 ottobre 2018, 21:25

cauz. ha scritto:
lunedì 15 ottobre 2018, 16:21
Lopi90 ha scritto:
lunedì 15 ottobre 2018, 12:02
Il lombardia e` assolutamente in ripresa dopo tempi bui. C'erano tanti protagonisti in ottima forma, in nessuna corsa riesci ad avere proprio tutti al via, ci sara` sempre chi ha altri obiettivi, chi e` stanco, e non penso che chi non c'era sarebbe stato al via con un'altra collocazione (forse giusto Alaphilippe).

Piu` che spostare il Lombardia, ci vorrebbe una promozione a WT di almeno una fra Emilia, Tre Valli e MiTo.
una di queste e la paris-tours, tanto potrebbe già bastare per ravvivare un finale di stagione che comunque mi sembra tutt'altro che morente.
Vero.
Il finale di stagione è pieno di belle corse, il punto è creare (o mantenere) i soliti meccanismi virtuosi per la massima promozione delle stesse.

Il calendario italiano può godere dell' "effetto traino" del Lombardia, un po' quello che succede a Marzo con la Sanremo e che ha permesso a Larciano di trovare nuova linfa. Le corse italiane di fine anno movimentano un certo tipo di corridori e, in tal senso, il Mondiale di Innsbruck, che è stato innegabilmente un Mondiale atipico (al di là dei giudizi negativi che sono stati dati sullo stesso e che faccio fatica a condividere), ha creato quest'anno delle aspettative maggiorate, tutt'altro che tradite dati esiti complessivi e chiusura col botto "Lombardia".

Per contro, l'edizione iridata ha tagliato fuori tipologie altre di corridori rispetto ai quali i fari si sono abbassati ma che, a rifletterci bene, non hanno un calendario comparabile a quello degli scalatori, né una settimana simile a quella italiana.
Le corse canadesi sono belle (a me piacciono tanto), ma giocoforza dispersive (anche da un punto di vista dell'interesse, dati gli orari non convenzionali per il pubblico europeo). In continente, invece, pesa molto lo spostamento dell'Eneco che vedrei meglio in questo periodo e il trattamento riservato alla Parigi Tours, che considero fermamente come una delle corse più belle del calendario.

Difficile trovare una soluzione, date le stringenti esigenze di collocazione, ma la stessa, per essere proficua, deve abbracciare una prospettiva "organica". Una visione d'insieme, cioè, che si basi sull'idea di valorizzazione delle corse facendo in modo che l'una tragga la forza dall'altra.



giorgio ricci
Messaggi: 2354
Iscritto il: lunedì 9 giugno 2014, 13:44

Re: Il Lombardia 2018

Messaggio da leggere da giorgio ricci » lunedì 15 ottobre 2018, 21:26

Salvatore77 ha scritto:
lunedì 15 ottobre 2018, 12:06
Le monumento stanno bene dove stanno.
Sono le altre corse che hanno bisogno magari di qualche aiuto per rimanere a galla o crescere.
Basta poco per scomparire. Se penso al gp di Zurigo.
Quoto
Il campionato di Zurigo ha cambiato collocazione più volte, storicamente era a inizio maggio, con la coppa del mondo é finito a metà agosto, finita la coppa é stato disputato a ottobre, poi è scomparso.
Il Giro del Lazio era storicamente collocato a fine settembre, la sua fine non sta nella diversa collocazione in calendario ma nella decisione, dopo l'edizione 1998 di spostare l'arrivo da Roma ai comuni limitrofi. Quando si è provato a farlo rinascere la frittata era già fatta, ma credo che Roma non sia più interessata ad ospitare eventi di quel genere.
Comunque ora non saprei dove collocarlo, mentre il campionato di Zurigo starebbe benissimo dopo il Gp San Sabastian, che di classica ha veramente poco, essendo nato nwl 82.
Le strade bianche furono disputate il primo anno in ottobre, poi è andato nella collocazione attuale, dico intelligentemente, perché a ottobre non avrebbe avuto successo. É una corsa giovane ma Siena ha interesse a valorizzare il territorio, a differenza di Roma.
Il Giro del Piemonte così com'è non può fare tanta strada, per me dovrebbe finire sempre nelle Langhe, territorio bellissimo che niente ha da invidiare alla Toscana (come paesaggio, intendo)



Avatar utente
Maìno della Spinetta
Messaggi: 5148
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 15:53

Re: Il Lombardia 2018

Messaggio da leggere da Maìno della Spinetta » lunedì 15 ottobre 2018, 21:50

Primo86 ha scritto:
lunedì 15 ottobre 2018, 21:00
Spostandomi col "cavallo di ferro" dalla mattina presto (partenza da Lecco) e sfruttando una giornata particolarmente favorevole di Trenord (non è la regola), mi son potuto recare tanto alla partenza a Bergamo quanto all'arrivo di Como, una cosa un po' matta che mi sento di consigliare e che vorrei replicare alla Sanremo.

Qualche segnalazione dai rispettivi campi:

Partenza:
-non ho avuto l'impressione di vedere tantissima gente e, soprattutto, mi ha colpito la scarsa partecipazione del pubblico (applausi tutti "chiamati" ed elargiti col contagocce) alla cerimonia del foglio firma. Meglio al momento della partenza vera e propria.
-qualche fischio (in verità sparuto) a Bardet colpevole di aver attaccato con Nibali a terra, al Tour. Vabbè...
-la magrezza di Bardet personalmente mi ha impressionato, sebbene abbia visto di peggio
-Gimondi e Guderzo (quest'ultima vista anche all'arrivo) sul palco e tributati a entrambi i giusti omaggi, così come a Franco, a un Gerrans che pareva commosso, e a Roy.

ARRIVO
-segnalo un Roglic piuttosto di buonumore dopo l'arrivo che ha dialogato a lungo, alle transenne, con un connazionale che non ho ben capito chi fosse
-Keldermann incrociato all'arrivo, subito dopo aver tagliato il traguardo (7 minuti e spiccioli), piuttosto scosso e con un'evidente abrasione in volto. Medicato dall'assistenza dopo il traguardo, l'ho incrociato nuovamente qualche minuto dopo, incerottato, e ho chiesto come stesse, ha detto che stava bene e ha parlato di "crash". Mistero assoluto su cosa e dove sia accaduto, neppure in rete ho trovato nulla.
-Alla fine della cerimonia, con lo studio Rai già smontato, si attendeva l'apertura delle transenne in attesa del rientro "di tutti i corridori". Scopro alla fine che mancava il solo Nibali che, nonostante sia con margine il vero vip per il pubblico italiano, se ne è tornato tutto tranquillo ai bus (ma poi è montato su un suv bianco), in bici, facendo praticamente quello che fanno tutti gli altri senza cautele ulteriori.
-Molto molto felice Pinot, raggiante direi, anche se evidentemente e comprensibilmente provato dallo sforzo.
-Incrociati Plaza e Hermans al bus Israel, i bus erano parcheggiati dalle parti del capannone dell Aeroclub. Salutato Plaza, mi sarei fermato volentieri a fare qualche domanda ma stavano già parlando con un signore che sinceramente non ho riconosciuto ma che immagino li stesse intervistando.
-C'era Vanotti, sempre molto disponibile, ma c'era soprattutto Riccardo Magrini (con Gregorio) che è una vera star e ha un modo tutto suo di approcciare col pubblico, una cosa che secondo me andrebbe studiata perché sinceramente non mi viene in mente metodo migliore per guadagnare popolarità (nessuna accezione negativa, beninteso).

Ps Stefano Zanini resta il vecchio leone di sempre
Grazie, i resoconti dalla strada son sempre la cosa piu bella, ne tuo post si respira l'evento.


“Our interest’s on the dangerous edge of things.
The honest thief, the tender murderer, the superstitious atheist”.

34x27
Messaggi: 2311
Iscritto il: giovedì 16 dicembre 2010, 9:38
Località: in salita

Re: Il Lombardia 2018

Messaggio da leggere da 34x27 » martedì 16 ottobre 2018, 8:54

Primo86 ha scritto:
lunedì 15 ottobre 2018, 21:00
ma c'era soprattutto Riccardo Magrini (con Gregorio) che è una vera star e ha un modo tutto suo di approcciare col pubblico,
Eh beh, la classe non è acqua...



Avatar utente
nino58
Messaggi: 9466
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 14:38

Re: Il Lombardia 2018

Messaggio da leggere da nino58 » martedì 16 ottobre 2018, 9:09

In Tv fino alla fine della discesa del Civiglio, a risultato acquisito.
Poi son sceso giù e ho guardato il passaggio dei corridori allo slargo di via Borgovico, all'andata mentre prendevano il sottopasso per via Bixio salendo all'Olimpino e al ritorno ai meno 850 metri dall'arrivo.
Pubblico numeroso lì ed applausi da tutti (tranne un imbecille che ha insultato Pinot) per tutti.
Dopo il passaggio dell'auto di fine corsa dietro Plaza ci siamo spostati verso piazza Cavour passando dalla zona bus/Tir (Tir Astana).
I cacciatori di gadget all'assalto di BMC (che distribuiva borraccette), una cinquantina di persone attorno al bus Movistar in attesa che il CdM ne scendesse dopo essersi cambiato, tifose polacche che inneggiavano, con tanto di bandiera, a "Rafau" Majka, abbracci senza fine al bus FdJ, lavaggi di bici ai bus Lotto Soudal e QS, e tutti intorno al Magro che raccontava chissà cosa ad un capannello di appassionati lì a bocca aperta.
Ecco, è così che si promuove la passione, è come fa il Magro.
Disponibile, sorridente, nel suo acquario.
L'ho trovato parecchio ingrassato rispetto alla partita di calcio di dieci anni fa a Magenta, da Noè.
Riccardo dimagrisci, accidenti !!!
Der Kommissar Saligari, invece, non ha risposto neppure ad un "Buongiorno"; vabbè, alle cinque del pomeriggio si deve dire "Buonasera" : perdonato.
Poi sul rettilineo d'arrivo intravedo un nugolo di persone che corrono dietro ad una maglia rossa: era Vincenzo che se ne tornava verso i bus, dopo la premiazione, sulla sua bici senza neppure dannarsi troppo per il codazzo.
Anzi, secondo me era felice di godersi altri applausi a bruciapelo.
Infine, nelle vie dello shopping, dietro il Duomo, il Pancani a passeggiare e a discutere animatamente col su' figliolo.


Von Rock ? Nein, danke.
Diritto di correre senza condizioni a chi ha scontato una squalifica !!!

Avatar utente
lemond
Messaggi: 10331
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:52
Località: Empoli

Re: Il Lombardia 2018

Messaggio da leggere da lemond » martedì 16 ottobre 2018, 9:48

Tranchée d'Arenberg ha scritto:
lunedì 15 ottobre 2018, 11:34
nino58 ha scritto:
lunedì 15 ottobre 2018, 9:42
Leggiamoci l' Albo d'Oro del Lombardia (wikipedia) e ci accorgiamo che sta bene lì dove sta.
:yes:
L'albo d'oro dice poco, perché ad es. Nibali è un grande nome, ma l'anno scorso dominò in maniera esagerata, anche perché non aveva concorrenti e così quest'anno Pinot, a causa della vertebra del tosco/siciliano. Ad aprile Bardet credo sarebbe stato superiore al connazionale, mentre sabato Romain si è dovuto fermare sul muro, così moltissimi altri e il motivo è il solito: mancanza di energie per una stagione troppo (per loro) usurante. Onde ragion per cui, potete trovare tutti i distinguo che volete, ma il fatto resta: non è una corsa per tutti i migliori e la cosa è grave, perché meriterebbe molto di più.
Il calendario internazionale dovrebbe essere cambiato in toto, mettendo al centro (aprile/maggio) tutte le grandi corse di un giorno, vale a dire Lombardia, Strade Bianche, Roubaix, Fiandre, Liegi e, Mondiale (con un percorso simile ad esse, cioè vero).
A febbraio/marzo vanno bene le corse di preparazione (brevi corse a tappe) e Giugno/luglio/Settembre i grandi Giri. Il resto (cioè le frattaglie) mettetele pure a ottobre, tanto dovrebbero servire soltanto a dire arrivederci al prossimo anno. ;)


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
i barbieri il lunedì
e il mitico Lopez, che lavora alla Coop,
... il martedì. :bll:

Avatar utente
lemond
Messaggi: 10331
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:52
Località: Empoli

Re: Il Lombardia 2018

Messaggio da leggere da lemond » martedì 16 ottobre 2018, 10:01

Patate ha scritto:
lunedì 15 ottobre 2018, 10:05
Per me il discorso su una eventuale ricollocazione del Lombardia e/o delle classiche italiane è, dopo quest'ultima edizione, quantomai vano.
Quest'anno c'erano quattro quinti di top 5 Mondiale -mancava solo un Tom stanchissimo ma che sicuramente proverà in futuro-, Pinot, Roglic, Nibali, Bernal, Daniel Martin, Rui Costa, Uran, Adam Yates, Mollema, Kelderman, Mas, Teuns e Jungels.
A mio parere una startlist eccellente.
Per me non vale la pena andare a toccare qualcosa per "invogliare" due o tre corridori da GT che comunque avrebbero qualche difficoltà ad inserirla tra i loro picchi di forma e, comunque, non sarebbero tra i primi favoriti
Nibali dopo la caduta, Bernal lo stesso, Daniel Martin e Uran molto bravi, ma com'è che al mondiale non andavano? Rui Costa ormai ... Adam era come suo fratello (in pratica). Mollema è un discreto gregario, Jungels è stato il primo a staccarsi, Credo che per Teuns sia una corsa troppo dura, mentre Mas non l'ò notato, ma in futuro potrebbe essere un possibile vincitore. P.S. Hai dimenticato Valverde e Bardet, ma anche loro non erano evidentemente al meglio.


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
i barbieri il lunedì
e il mitico Lopez, che lavora alla Coop,
... il martedì. :bll:

Avatar utente
nino58
Messaggi: 9466
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 14:38

Re: Il Lombardia 2018

Messaggio da leggere da nino58 » martedì 16 ottobre 2018, 10:19

lemond ha scritto:
martedì 16 ottobre 2018, 10:01
Patate ha scritto:
lunedì 15 ottobre 2018, 10:05
Per me il discorso su una eventuale ricollocazione del Lombardia e/o delle classiche italiane è, dopo quest'ultima edizione, quantomai vano.
Quest'anno c'erano quattro quinti di top 5 Mondiale -mancava solo un Tom stanchissimo ma che sicuramente proverà in futuro-, Pinot, Roglic, Nibali, Bernal, Daniel Martin, Rui Costa, Uran, Adam Yates, Mollema, Kelderman, Mas, Teuns e Jungels.
A mio parere una startlist eccellente.
Per me non vale la pena andare a toccare qualcosa per "invogliare" due o tre corridori da GT che comunque avrebbero qualche difficoltà ad inserirla tra i loro picchi di forma e, comunque, non sarebbero tra i primi favoriti
Nibali dopo la caduta, Bernal lo stesso, Daniel Martin e Uran molto bravi, ma com'è che al mondiale non andavano? Rui Costa ormai ... Adam era come suo fratello (in pratica). Mollema è un discreto gregario, Jungels è stato il primo a staccarsi, Credo che per Teuns sia una corsa troppo dura, mentre Mas non l'ò notato, ma in futuro potrebbe essere un possibile vincitore. P.S. Hai dimenticato Valverde e Bardet, ma anche loro non erano evidentemente al meglio.
Carlo rassegnati, il Lombardia è una corsa meravigliosa vinta dai grandissimi ( due volte Bitossi e due volte Gimondi, tanto per capirci) e sta benissimo dove sta. :cincin: :cincin: :cincin:


Von Rock ? Nein, danke.
Diritto di correre senza condizioni a chi ha scontato una squalifica !!!

Strong
Messaggi: 9108
Iscritto il: mercoledì 12 gennaio 2011, 11:48

Re: Il Lombardia 2018

Messaggio da leggere da Strong » martedì 16 ottobre 2018, 10:36

nino58 ha scritto:
martedì 16 ottobre 2018, 10:19
lemond ha scritto:
martedì 16 ottobre 2018, 10:01
Patate ha scritto:
lunedì 15 ottobre 2018, 10:05
Per me il discorso su una eventuale ricollocazione del Lombardia e/o delle classiche italiane è, dopo quest'ultima edizione, quantomai vano.
Quest'anno c'erano quattro quinti di top 5 Mondiale -mancava solo un Tom stanchissimo ma che sicuramente proverà in futuro-, Pinot, Roglic, Nibali, Bernal, Daniel Martin, Rui Costa, Uran, Adam Yates, Mollema, Kelderman, Mas, Teuns e Jungels.
A mio parere una startlist eccellente.
Per me non vale la pena andare a toccare qualcosa per "invogliare" due o tre corridori da GT che comunque avrebbero qualche difficoltà ad inserirla tra i loro picchi di forma e, comunque, non sarebbero tra i primi favoriti
Nibali dopo la caduta, Bernal lo stesso, Daniel Martin e Uran molto bravi, ma com'è che al mondiale non andavano? Rui Costa ormai ... Adam era come suo fratello (in pratica). Mollema è un discreto gregario, Jungels è stato il primo a staccarsi, Credo che per Teuns sia una corsa troppo dura, mentre Mas non l'ò notato, ma in futuro potrebbe essere un possibile vincitore. P.S. Hai dimenticato Valverde e Bardet, ma anche loro non erano evidentemente al meglio.
Carlo rassegnati, il Lombardia è una corsa meravigliosa vinta dai grandissimi ( due volte Bitossi e due volte Gimondi, tanto per capirci) e sta benissimo dove sta. :cincin: :cincin: :cincin:

tre volte cunego...tanto per capirci
il lombardia è una bella classica che però si posiziona appena sopra alla sanremo in quanto a valore
in tanti hanno fatto la doppietta al lombardia, un numero esagerato se confrontato con la media delle altre classiche
messa a fine stagione non premia per forza un campione ma premia soprattutto chi per un motivo o per l'altro arriva in condizione ad ottobre.
c'è chi si fa male ad inizio o metà stagione, c'è chi salta la prima parte per andare forte alla vuelta....ma la maggior parte dei cicilisti ci arriva in condizioni pessime e soprattutto mentalmente scarichi per aver consumato tutto negli appuntamenti precedenti più importanti (vedi mondiale Tour o Vuelta)


i fondamentalisti del ciclismo e gli ultras dei ciclisti sono il male di questo sport.

Avatar utente
Maìno della Spinetta
Messaggi: 5148
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 15:53

Re: Il Lombardia 2018

Messaggio da leggere da Maìno della Spinetta » martedì 16 ottobre 2018, 10:39

lemond ha scritto:
martedì 16 ottobre 2018, 10:01
Patate ha scritto:
lunedì 15 ottobre 2018, 10:05
Per me il discorso su una eventuale ricollocazione del Lombardia e/o delle classiche italiane è, dopo quest'ultima edizione, quantomai vano.
Quest'anno c'erano quattro quinti di top 5 Mondiale -mancava solo un Tom stanchissimo ma che sicuramente proverà in futuro-, Pinot, Roglic, Nibali, Bernal, Daniel Martin, Rui Costa, Uran, Adam Yates, Mollema, Kelderman, Mas, Teuns e Jungels.
A mio parere una startlist eccellente.
Per me non vale la pena andare a toccare qualcosa per "invogliare" due o tre corridori da GT che comunque avrebbero qualche difficoltà ad inserirla tra i loro picchi di forma e, comunque, non sarebbero tra i primi favoriti
Nibali dopo la caduta, Bernal lo stesso, Daniel Martin e Uran molto bravi, ma com'è che al mondiale non andavano? Rui Costa ormai ... Adam era come suo fratello (in pratica). Mollema è un discreto gregario, Jungels è stato il primo a staccarsi, Credo che per Teuns sia una corsa troppo dura, mentre Mas non l'ò notato, ma in futuro potrebbe essere un possibile vincitore. P.S. Hai dimenticato Valverde e Bardet, ma anche loro non erano evidentemente al meglio.
il mondiale... si è svolto in modo strano, molto controllato. Se la Francia non sferzava finiva pure peggio. Il Lombardia è andato così anche perché alcuni campioni hanno deciso di attaccare a Sormano. E quindi viene fuori una gara diversa.


“Our interest’s on the dangerous edge of things.
The honest thief, the tender murderer, the superstitious atheist”.

Strong
Messaggi: 9108
Iscritto il: mercoledì 12 gennaio 2011, 11:48

Re: Il Lombardia 2018

Messaggio da leggere da Strong » martedì 16 ottobre 2018, 10:46

lemond ha scritto:
martedì 16 ottobre 2018, 9:48
Il calendario internazionale dovrebbe essere cambiato in toto, mettendo al centro (aprile/maggio) tutte le grandi corse di un giorno, vale a dire
concordo
io istiturei il mese (o giù di li) delle Monumento

a maggio c'è il giro
a luglio c' il tour
a settembre la vuelta

tra fine Giro ed inizio Tour metterei una monumeto a settimana


i fondamentalisti del ciclismo e gli ultras dei ciclisti sono il male di questo sport.

Avatar utente
nino58
Messaggi: 9466
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 14:38

Re: Il Lombardia 2018

Messaggio da leggere da nino58 » martedì 16 ottobre 2018, 10:59

Togliere il Lombardia da dov'è è come strangolare la gallina dalle uova d'oro: sport nazionale, viene perfino prima di calcio e F1.


Von Rock ? Nein, danke.
Diritto di correre senza condizioni a chi ha scontato una squalifica !!!

Avatar utente
Walter_White
Messaggi: 10441
Iscritto il: mercoledì 23 marzo 2016, 18:01

Re: Il Lombardia 2018

Messaggio da leggere da Walter_White » martedì 16 ottobre 2018, 11:06

Strong ha scritto:
martedì 16 ottobre 2018, 10:46
lemond ha scritto:
martedì 16 ottobre 2018, 9:48
Il calendario internazionale dovrebbe essere cambiato in toto, mettendo al centro (aprile/maggio) tutte le grandi corse di un giorno, vale a dire
concordo
io istiturei il mese (o giù di li) delle Monumento

a maggio c'è il giro
a luglio c' il tour
a settembre la vuelta

tra fine Giro ed inizio Tour metterei una monumeto a settimana
Così si ammazzano tutte le altre classiche in Belgio e in Italia che precedono Fiandre, Roubaix e Lombardia


FCC 2017/18: 3°; Trofeo dei titoli; Campionato Europeo Donne Elite, Campionato del Mondo Donne Elite, ROTY

Avatar utente
nino58
Messaggi: 9466
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 14:38

Re: Il Lombardia 2018

Messaggio da leggere da nino58 » martedì 16 ottobre 2018, 11:07

Strong ha scritto:
martedì 16 ottobre 2018, 10:36

in tanti hanno fatto la doppietta al lombardia, un numero esagerato se confrontato con la media delle altre classiche
Effettivamente quel Merckx lì era proprio scarsino.
E Coppi, che ne ha vinte cinque, che pippa !!!
E Hinault ? Chi cazz'è 'sto Hinault ?


Von Rock ? Nein, danke.
Diritto di correre senza condizioni a chi ha scontato una squalifica !!!

Erinnerung
Messaggi: 62
Iscritto il: venerdì 28 settembre 2018, 16:58

Re: Il Lombardia 2018

Messaggio da leggere da Erinnerung » martedì 16 ottobre 2018, 11:09

Scusate non ho capito: dovremmo spostare il Lombardia perché i migliori non arrivano in forma a fine anno?
E Nibali come fa? É un alieno?...L'anno scorso terzo al Giro, secondo alla Vuelta e primo al Lombardia, quest'anno primo alla Sanremo, in forma al Tour (peccato!), secondo al Lombardia.
Volevamo un campione che potesse vincere da marzo a ottobre? Eccolo! No non va bene perché non ha avversari in forma...si adeguino loro e provassero a vincere anche a ottobre! :boh:



TASSO
Messaggi: 1132
Iscritto il: giovedì 22 settembre 2011, 9:55
Località: BRESCIA

Re: Il Lombardia 2018

Messaggio da leggere da TASSO » martedì 16 ottobre 2018, 11:11

Erinnerung ha scritto:
martedì 16 ottobre 2018, 11:09
Scusate non ho capito: dovremmo spostare il Lombardia perché i migliori non arrivano in forma a fine anno?
E Nibali come fa? É un alieno?...L'anno scorso terzo al Giro, secondo alla Vuelta e primo al Lombardia, quest'anno primo alla Sanremo, in forma al Tour (peccato!), secondo al Lombardia.
Volevamo un campione che potesse vincere da marzo a ottobre? Eccolo! No non va bene perché non ha avversari in forma...si adeguino loro e provassero a vincere anche a ottobre! :boh:
stra quoto ................................ applausi per questo intervento :clap: :clap: :clap: :clap:



Avatar utente
barrylyndon
Messaggi: 12700
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 15:20

Re: Il Lombardia 2018

Messaggio da leggere da barrylyndon » martedì 16 ottobre 2018, 11:58

Erinnerung ha scritto:
martedì 16 ottobre 2018, 11:09
Scusate non ho capito: dovremmo spostare il Lombardia perché i migliori non arrivano in forma a fine anno?
E Nibali come fa? É un alieno?...L'anno scorso terzo al Giro, secondo alla Vuelta e primo al Lombardia, quest'anno primo alla Sanremo, in forma al Tour (peccato!), secondo al Lombardia.
Volevamo un campione che potesse vincere da marzo a ottobre? Eccolo! No non va bene perché non ha avversari in forma...si adeguino loro e provassero a vincere anche a ottobre! :boh:
Siccome hanno visto Nibali protagonista, Sanremo e Lombardia valgono di meno..
Quindi anche Cunego e Bettini son dei pirla qualunque ad averlo vinto, il Lombardia..
Capito il concetto?
Se un Froome qualunque vincesse il Beghelli, sarebbe la classica dell'anno, perche' tutti ad inizio anno sul Beghelli(con rispetto parlando, si intende) puntano le loro fiches.
Sempre secondo i canoni di qualche utente.
Non so quanto ci leggi, ma le tendenza e' questa qui...per alcuni utenti


beppesaronni ha scritto:
Giocati 10 euro facilissimi per Milano passaggio del turno
http://www.sportando.com/it/italia/seri ... detto.html

Salvatore77
Messaggi: 4169
Iscritto il: domenica 9 gennaio 2011, 19:14

Re: Il Lombardia 2018

Messaggio da leggere da Salvatore77 » martedì 16 ottobre 2018, 11:59

Nibali ha dimostrato di saper essere in forma quasi tutto l'anno però è uno dei pochi.
La collocazione del Lombardia c'entra relativamente.
Sono scelte personali. Differenti per esempio da quelle di Froome e Thomas.
Nibali primo alla Sanremo e secondo al Lombardia. Italiano in due corse italiane. Ha lo stimolo per fare una stagione cosi e lo fa. Bravo. È fattibile. Ci vuole la volontà. Gli altri non hanno volontà.
Per esempio Viviani si è fatto 2 gt e una marea di altre corse. Bravo anche lui.


1° Tour de France 2018

Salvatore77
Messaggi: 4169
Iscritto il: domenica 9 gennaio 2011, 19:14

Re: Il Lombardia 2018

Messaggio da leggere da Salvatore77 » martedì 16 ottobre 2018, 12:13

barrylyndon ha scritto:
martedì 16 ottobre 2018, 11:58


Siccome hanno visto Nibali protagonista, Sanremo e Lombardia valgono di meno..
Quindi anche Cunego e Bettini son dei pirla qualunque ad averlo vinto, il Lombardia..
Capito il concetto?
Se un Froome qualunque vincesse il Beghelli, sarebbe la classica dell'anno, perche' tutti ad inizio anno sul Beghelli(con rispetto parlando, si intende) puntano le loro fiches.
Sempre secondo i canoni di qualche utente.
Non so quanto ci leggi, ma le tendenza e' questa qui...per alcuni utenti
Ognuno pensa quello che vuole. Sia gli utenti che i corridori che preparano il lombardia.
È un dato di fatto che rispetto alla liegi, che è l'altra classica con salite dure, ha una starting list inferiore. Peggio per loro (gli assenti).
Per essere una gara per corridori da gt capita poche volte che chi vince un gt vince anche il Lombardia.
Credo che è un problema che riguarda anche le altre classiche.
La dicotomia gt - classiche negli ultimi 30 anni si è abbastanza consolidata. Forse nibali è una buona eccezione


1° Tour de France 2018


Rispondi