The Larry H. Miller Tour of Utah 2018 (6-12 agosto)

Il mondo dei professionisti tra gare e complessità, e più in generale l'approccio al ciclismo di ogni appassionato
maurofacoltosi
Messaggi: 1552
Iscritto il: mercoledì 15 dicembre 2010, 12:23
Località: Vedano Olona (Va)
Contatta:

The Larry H. Miller Tour of Utah 2018 (6-12 agosto)

Messaggio da leggere da maurofacoltosi » lunedì 6 agosto 2018, 10:22

Parte oggi la corsa statunitense. Nei primi giorni sono previste alte temperature, anche se non ai livelli visti in Portogallo. Per darvi un'idea la tappa di domani si concluderà a Cedar City, a 1300 metri sul livello del mare, e per l'ora d'arrivo sono previsti 37 gradi (fortunatamente con un'umidità bassissima, 5% appena)


Mauro Facoltosi
www.ilciclismo.it


Avatar utente
Visconte85
Messaggi: 9985
Iscritto il: giovedì 8 maggio 2014, 14:27

Re: The Larry H. Miller Tour of Utah 2018 (6-12 agosto)

Messaggio da leggere da Visconte85 » lunedì 6 agosto 2018, 23:59

Cronosquadre vinta dalla BMC
Van Garderen primo nella generale


2014: Giro tp 21,Tour tp 10,Vuelta tp 3, ARGENTO a Ponferrada
2015: Giro anch'io 3°,Tour tp 10 e 20, GpMontreal
2016: GandWevelgen, Svizzera, Tour tp 13, Vuelta tp 10
2017: Tour tp 10 Vuelta tp 2
2018: Scheldeprijs, Giro tp 21, Tour tp 11

Avatar utente
Abruzzese
Messaggi: 4305
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:24

Re: The Larry H. Miller Tour of Utah 2018 (6-12 agosto)

Messaggio da leggere da Abruzzese » martedì 7 agosto 2018, 3:29

Visconte85 ha scritto:
lunedì 6 agosto 2018, 23:59
Cronosquadre vinta dalla BMC
Van Garderen primo nella generale
Ehm Luigi, non era una cronometro a squadre ma un prologo individuale di 5 chilometri :D :D :D Ti ha sicuramente tratto in inganno il fatto che le prime tre posizioni sono state tutte appannaggio di corridori BMC ;) .

Comunque contento per Tejay, ogni tanto nella sua continua altalena di prestazioni qualche soddisfazione se la toglie .


"L'importante non è quello che trovi alla fine di una corsa. L'importante è ciò che provi mentre corri" (Giorgio Faletti in "Notte prima degli esami")

"qui c'è gente che è totalmente avulsa dalla realtà e nociva al forum"

Avatar utente
Visconte85
Messaggi: 9985
Iscritto il: giovedì 8 maggio 2014, 14:27

Re: The Larry H. Miller Tour of Utah 2018 (6-12 agosto)

Messaggio da leggere da Visconte85 » martedì 7 agosto 2018, 10:33

Abruzzese ha scritto:
martedì 7 agosto 2018, 3:29
Visconte85 ha scritto:
lunedì 6 agosto 2018, 23:59
Cronosquadre vinta dalla BMC
Van Garderen primo nella generale
Ehm Luigi, non era una cronometro a squadre ma un prologo individuale di 5 chilometri :D :D :D Ti ha sicuramente tratto in inganno il fatto che le prime tre posizioni sono state tutte appannaggio di corridori BMC ;) .
vero :D


2014: Giro tp 21,Tour tp 10,Vuelta tp 3, ARGENTO a Ponferrada
2015: Giro anch'io 3°,Tour tp 10 e 20, GpMontreal
2016: GandWevelgen, Svizzera, Tour tp 13, Vuelta tp 10
2017: Tour tp 10 Vuelta tp 2
2018: Scheldeprijs, Giro tp 21, Tour tp 11

Avatar utente
Abruzzese
Messaggi: 4305
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:24

Re: The Larry H. Miller Tour of Utah 2018 (6-12 agosto)

Messaggio da leggere da Abruzzese » mercoledì 8 agosto 2018, 3:14

Vittoria netta di Travis McCabe nella prima tappa in linea, con la Nippo che ha piazzato in sesta posizione Damiano Cima e in ottava Simone Ponzi.

Il momento clou però è stato l'epic fail del corridore della 303Project (credo fosse lo statunitense Griffin Easter) che ha esultato credendo di aver vinto quando ancora mancava un giro alla conclusione (poco meno di 5 km) :D :D

Tra l'altro in quel momento si è visto, oltre le transenne, un tizio battere un martello su una padella e sembrava che stesse usando proprio quell'espediente per segnalare ai corridori l'inizio dell'ultimo giro invece della solita campanella. Voglio sperare che fosse un tifoso, perché se davvero si sono trovati sprovvisti di campanella e sono ricorsi ad una trovata simile, unito alla già citata situazione dell'errore di valutazione, questo entrerà di diritto nella gallery dei momenti più trash dell'anno :D :D :D

Per chi non avesse visto:
https://www.youtube.com/watch?v=Gsq33ClupGo (dal minuto 2:30 in poi).


"L'importante non è quello che trovi alla fine di una corsa. L'importante è ciò che provi mentre corri" (Giorgio Faletti in "Notte prima degli esami")

"qui c'è gente che è totalmente avulsa dalla realtà e nociva al forum"


nikybo85
Messaggi: 1629
Iscritto il: mercoledì 23 agosto 2017, 0:06

Re: The Larry H. Miller Tour of Utah 2018 (6-12 agosto)

Messaggio da leggere da nikybo85 » mercoledì 8 agosto 2018, 15:50

Secondo me suonava proprio la pad...ehm la campanella :crazy:



Basso
Messaggi: 13809
Iscritto il: sabato 21 maggio 2011, 18:03
Località: Vicenza

Re: The Larry H. Miller Tour of Utah 2018 (6-12 agosto)

Messaggio da leggere da Basso » mercoledì 8 agosto 2018, 23:19

Spettacolare Kuss, un corridore che mi piace tanto già dal 2016, e che oggi si fa vedere con un numerone http://www.cicloweb.it/2018/08/08/gran- ... nda-tappa/


11 V7-Prato
12 Appennino-JapanCup
13 G9-ITARR-V20-Sabatini
14 Vasco-Dauphiné-T3-T21-Pologne-3VV
15 Laigueglia-Escaut-G2-G18-Giro-T13-Fourmies
16 Nice-V12
17 Frankfurt-T11-V16-Chrono
18 Bianche-DePanne-Romandie-Köln-Piemonte-Chrono

Stingishere
Messaggi: 73
Iscritto il: domenica 14 gennaio 2018, 18:27

Re: The Larry H. Miller Tour of Utah 2018 (6-12 agosto)

Messaggio da leggere da Stingishere » mercoledì 8 agosto 2018, 23:28

Fantastico!
EF disastrosi: erano in due dopo lo scollinamento e si sono fatti riprendere dal solo Tejay. :ouch:
I Lotto NL volano tutti quest'anno. Basti pensare che anche Battaglin è tornato ad alti livelli.



held
Messaggi: 1231
Iscritto il: lunedì 13 dicembre 2010, 18:07
Località: Sardegna

Re: The Larry H. Miller Tour of Utah 2018 (6-12 agosto)

Messaggio da leggere da held » mercoledì 8 agosto 2018, 23:46

Corsa affascinante, bellissimi paesaggi tra l'altro!
Il livello non è altissimo ma è comunque una competizione interessante.



maurofacoltosi
Messaggi: 1552
Iscritto il: mercoledì 15 dicembre 2010, 12:23
Località: Vedano Olona (Va)
Contatta:

Re: The Larry H. Miller Tour of Utah 2018 (6-12 agosto)

Messaggio da leggere da maurofacoltosi » giovedì 9 agosto 2018, 8:45

Tom Bohli, terzo nel cronoprologo, è stato squalificato al termine della seconda frazione. Non sono riuscito a trovare le motivazioni di questa decisione della giuria


Mauro Facoltosi
www.ilciclismo.it

Basso
Messaggi: 13809
Iscritto il: sabato 21 maggio 2011, 18:03
Località: Vicenza

Re: The Larry H. Miller Tour of Utah 2018 (6-12 agosto)

Messaggio da leggere da Basso » giovedì 9 agosto 2018, 16:29

maurofacoltosi ha scritto:
giovedì 9 agosto 2018, 8:45
Tom Bohli, terzo nel cronoprologo, è stato squalificato al termine della seconda frazione. Non sono riuscito a trovare le motivazioni di questa decisione della giuria
È stato squalificato per essersi attaccato ad una macchina mentre riceveva una borraccia da un'ammiraglia avversaria. Lui nega questa ricostruzione, dicendo di non essersi attaccato, ma la giuria non ha sentito ragioni.


11 V7-Prato
12 Appennino-JapanCup
13 G9-ITARR-V20-Sabatini
14 Vasco-Dauphiné-T3-T21-Pologne-3VV
15 Laigueglia-Escaut-G2-G18-Giro-T13-Fourmies
16 Nice-V12
17 Frankfurt-T11-V16-Chrono
18 Bianche-DePanne-Romandie-Köln-Piemonte-Chrono

maurofacoltosi
Messaggi: 1552
Iscritto il: mercoledì 15 dicembre 2010, 12:23
Località: Vedano Olona (Va)
Contatta:

Re: The Larry H. Miller Tour of Utah 2018 (6-12 agosto)

Messaggio da leggere da maurofacoltosi » giovedì 9 agosto 2018, 17:02

Grazie, ecco il tweet della BMC

"Unfortunately Tom Bohli was disqualified from stage 2 of #TOU2018 for holding onto a vehicle. Tom took a bottle from another team car but has been penalized for holding onto the car, which he did not do. Although we don’t agree, we have to respect the decision made."


Mauro Facoltosi
www.ilciclismo.it

Avatar utente
Abruzzese
Messaggi: 4305
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:24

Re: The Larry H. Miller Tour of Utah 2018 (6-12 agosto)

Messaggio da leggere da Abruzzese » domenica 12 agosto 2018, 4:02

herbie ha scritto:
sabato 11 agosto 2018, 23:31
non trovo il 3d del Tour of Utah:
ma questo SEPP KUSS....ma chi è? e soprattutto quanto forte va?? o ha il motorino veramente, o quando apre il gas dietro ne rimane uno per cantone nel giro di 500 metri.

E' il tour of Utah ok..ma è impressionante in salita questo personaggio.
Ho visto che avete già iniziato la discussione nell'altro thread, comunque qualche giorno fa io e Tranchée facevamo una discussione sui corridori americani ed io facevo notare come, non di rado nei tempi attuali, i corridori statunitensi facciano abbastanza fatica nelle gare del World Tour in Europa mentre nelle gare di casa riescano ad emergere con prestazioni anche ragguardevoli. Mi veniva da pensare anche a Rosskopf che in Europa, al di là di qualche buona prestazione in alcune brevi gare a tappe, non è riuscito a lasciare tantissime impronte (ok che poi nei grandi giri la BMC aveva altri leader designati). Dombrowski sembrava dovesse essere un fenomeno ma ora come ora se va bene lo si vede in qualche fuga e giusto nelle gare a tappe americane qualche discreto piazzamento lo tira fuori.
Insomma, tralasciando l'era Armstrong (e Landis, e Hamilton), Pierpaolo se non erro mi faceva notare che comunque qualche corridore statunitense la sua porca figura spesso riusciva a farla (mi viene da pensare a Leipheimer, anche se per certi versi può essere legato all'era già citata, o anche al discontinuo Danielson), c'era Zabriskie che faceva eccellenti cronometro, Vande Velde che tirava fuori qualche prestazione importante, per non parlare di Taylor Phinney, a cui i seri incidenti hanno definitivamente mangiato anni di carriera, fino al presente di un corridore che vive il suo professionismo in maniera più che serena (se poi le cose van male, può sempre consolarsi alla grande con Kasia Niewiadoma :D :D ).
Mi pare che ora facciano un po' più fatica ad emergere nel nostro continente. Su alcuni c'è magari l'incognita di venir tirati già al massimo nelle categorie giovanili (vedremo infatti come proseguirà il cammino dei vari McNulty, Powless, Bennett e via dicendo), su altri oltre a questo si è abbattuta anche una tremenda sventura (il caso di Adrien Costa). Per il resto, non voglio entrare in discorsi antipatici, del tipo che la regolamentazione del passaporto biologico imponga una maggior attenzione nel momento in cui si trovino a gareggiare in corse di maggior tradizione e che quindi le loro prestazioni ne risentano, esattamente come quelle di corridori abituati a spadroneggiare con Continental e Professional nei paesi più svariati, salvo poi rientrare nettamente nei ranghi in occasioni ben precise. Oppure, semplicemente, parliamo di un ciclismo diverso, che non è certamente paragonabile al livello di Giro, Tour o Vuelta ma anche di Delfinato, Romandia, Parigi-Nizza tanto per fare qualche esempio.


"L'importante non è quello che trovi alla fine di una corsa. L'importante è ciò che provi mentre corri" (Giorgio Faletti in "Notte prima degli esami")

"qui c'è gente che è totalmente avulsa dalla realtà e nociva al forum"

Faxnico
Messaggi: 938
Iscritto il: mercoledì 12 gennaio 2011, 15:12

Re: The Larry H. Miller Tour of Utah 2018 (6-12 agosto)

Messaggio da leggere da Faxnico » domenica 12 agosto 2018, 11:05

Kuss Kuss dominante... :clap:

Occhio che seppur sfocato in lontananza, s'intravede (confermandosi) "a new Alcala in the making" dietro.
La tonalità di verde della maglia sarà diversa, però '98, fisicamente ben strutturato, giuste esperienze fuori da junior/pista/tt...
Da continuare a seguire con attenzione.



Basso
Messaggi: 13809
Iscritto il: sabato 21 maggio 2011, 18:03
Località: Vicenza

Re: The Larry H. Miller Tour of Utah 2018 (6-12 agosto)

Messaggio da leggere da Basso » domenica 12 agosto 2018, 23:19

Altra puntata del Sepp Kuss one-man show


11 V7-Prato
12 Appennino-JapanCup
13 G9-ITARR-V20-Sabatini
14 Vasco-Dauphiné-T3-T21-Pologne-3VV
15 Laigueglia-Escaut-G2-G18-Giro-T13-Fourmies
16 Nice-V12
17 Frankfurt-T11-V16-Chrono
18 Bianche-DePanne-Romandie-Köln-Piemonte-Chrono

peek
Messaggi: 5082
Iscritto il: sabato 8 gennaio 2011, 10:08

Re: The Larry H. Miller Tour of Utah 2018 (6-12 agosto)

Messaggio da leggere da peek » domenica 12 agosto 2018, 23:56

Basso ha scritto:
domenica 12 agosto 2018, 23:19
Altra puntata del Sepp Kuss one-man show
Ma questo qui va forte davvero. Era un biker?



Avatar utente
Abruzzese
Messaggi: 4305
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:24

Re: The Larry H. Miller Tour of Utah 2018 (6-12 agosto)

Messaggio da leggere da Abruzzese » lunedì 13 agosto 2018, 3:22

Buon finale di Tour of Utah anche per Nicola Conci: due top ten portate a casa e dodicesima posizione finale ;)


"L'importante non è quello che trovi alla fine di una corsa. L'importante è ciò che provi mentre corri" (Giorgio Faletti in "Notte prima degli esami")

"qui c'è gente che è totalmente avulsa dalla realtà e nociva al forum"

held
Messaggi: 1231
Iscritto il: lunedì 13 dicembre 2010, 18:07
Località: Sardegna

Re: The Larry H. Miller Tour of Utah 2018 (6-12 agosto)

Messaggio da leggere da held » lunedì 13 agosto 2018, 7:25

Abruzzese ha scritto:
domenica 12 agosto 2018, 4:02
herbie ha scritto:
sabato 11 agosto 2018, 23:31
non trovo il 3d del Tour of Utah:
ma questo SEPP KUSS....ma chi è? e soprattutto quanto forte va?? o ha il motorino veramente, o quando apre il gas dietro ne rimane uno per cantone nel giro di 500 metri.

E' il tour of Utah ok..ma è impressionante in salita questo personaggio.
Ho visto che avete già iniziato la discussione nell'altro thread, comunque qualche giorno fa io e Tranchée facevamo una discussione sui corridori americani ed io facevo notare come, non di rado nei tempi attuali, i corridori statunitensi facciano abbastanza fatica nelle gare del World Tour in Europa mentre nelle gare di casa riescano ad emergere con prestazioni anche ragguardevoli. Mi veniva da pensare anche a Rosskopf che in Europa, al di là di qualche buona prestazione in alcune brevi gare a tappe, non è riuscito a lasciare tantissime impronte (ok che poi nei grandi giri la BMC aveva altri leader designati). Dombrowski sembrava dovesse essere un fenomeno ma ora come ora se va bene lo si vede in qualche fuga e giusto nelle gare a tappe americane qualche discreto piazzamento lo tira fuori.
Insomma, tralasciando l'era Armstrong (e Landis, e Hamilton), Pierpaolo se non erro mi faceva notare che comunque qualche corridore statunitense la sua porca figura spesso riusciva a farla (mi viene da pensare a Leipheimer, anche se per certi versi può essere legato all'era già citata, o anche al discontinuo Danielson), c'era Zabriskie che faceva eccellenti cronometro, Vande Velde che tirava fuori qualche prestazione importante, per non parlare di Taylor Phinney, a cui i seri incidenti hanno definitivamente mangiato anni di carriera, fino al presente di un corridore che vive il suo professionismo in maniera più che serena (se poi le cose van male, può sempre consolarsi alla grande con Kasia Niewiadoma :D :D ).
Mi pare che ora facciano un po' più fatica ad emergere nel nostro continente. Su alcuni c'è magari l'incognita di venir tirati già al massimo nelle categorie giovanili (vedremo infatti come proseguirà il cammino dei vari McNulty, Powless, Bennett e via dicendo), su altri oltre a questo si è abbattuta anche una tremenda sventura (il caso di Adrien Costa). Per il resto, non voglio entrare in discorsi antipatici, del tipo che la regolamentazione del passaporto biologico imponga una maggior attenzione nel momento in cui si trovino a gareggiare in corse di maggior tradizione e che quindi le loro prestazioni ne risentano, esattamente come quelle di corridori abituati a spadroneggiare con Continental e Professional nei paesi più svariati, salvo poi rientrare nettamente nei ranghi in occasioni ben precise. Oppure, semplicemente, parliamo di un ciclismo diverso, che non è certamente paragonabile al livello di Giro, Tour o Vuelta ma anche di Delfinato, Romandia, Parigi-Nizza tanto per fare qualche esempio.
Discorso interessantissimo, mi sono fatto le stesse domande più volte!
È chiaro però che la prima cosa che ho fatto è andata a cercare "Kasia Niewiadoma" :D



Avatar utente
Walter_White
Messaggi: 10533
Iscritto il: mercoledì 23 marzo 2016, 18:01

Re: The Larry H. Miller Tour of Utah 2018 (6-12 agosto)

Messaggio da leggere da Walter_White » lunedì 13 agosto 2018, 8:16

Kuss nuovo Roglic?


FCC 2017/18: 3°; Trofeo dei titoli; Campionato Europeo Donne Elite, Campionato del Mondo Donne Elite, ROTY

34x27
Messaggi: 2319
Iscritto il: giovedì 16 dicembre 2010, 9:38
Località: in salita

Re: The Larry H. Miller Tour of Utah 2018 (6-12 agosto)

Messaggio da leggere da 34x27 » lunedì 13 agosto 2018, 8:20

Walter_White ha scritto:
lunedì 13 agosto 2018, 8:16
Kuss nuovo Roglic?
Ho dato un'occhiata ai suoi piazzamenti negli ultimi due anni...mi pare che il ragazzo sia andato forte solo in USA/Canada...mancano un po' i risultati in Europa (a parte un super mediocre 14° alla Bernocchi). Vedremo.



Avatar utente
Denb
Messaggi: 629
Iscritto il: venerdì 20 settembre 2013, 14:00

Re: The Larry H. Miller Tour of Utah 2018 (6-12 agosto)

Messaggio da leggere da Denb » lunedì 13 agosto 2018, 10:21

Walter_White ha scritto:
lunedì 13 agosto 2018, 8:16
Kuss nuovo Roglic?
Nuovo Lachlan Morton



nikybo85
Messaggi: 1629
Iscritto il: mercoledì 23 agosto 2017, 0:06

Re: The Larry H. Miller Tour of Utah 2018 (6-12 agosto)

Messaggio da leggere da nikybo85 » lunedì 13 agosto 2018, 10:29

Abruzzese ha scritto:
lunedì 13 agosto 2018, 3:22
Buon finale di Tour of Utah anche per Nicola Conci: due top ten portate a casa e dodicesima posizione finale ;)
Mi chiedevo proprio quando lo avremmo rivisto,dopo uno splendido campionato italiano. Prossimi (e più probanti) obiettivi?



Avatar utente
lambohbk
Messaggi: 2023
Iscritto il: giovedì 13 ottobre 2016, 23:27

Re: The Larry H. Miller Tour of Utah 2018 (6-12 agosto)

Messaggio da leggere da lambohbk » lunedì 13 agosto 2018, 12:37

nikybo85 ha scritto:
lunedì 13 agosto 2018, 10:29
Abruzzese ha scritto:
lunedì 13 agosto 2018, 3:22
Buon finale di Tour of Utah anche per Nicola Conci: due top ten portate a casa e dodicesima posizione finale ;)
Mi chiedevo proprio quando lo avremmo rivisto,dopo uno splendido campionato italiano. Prossimi (e più probanti) obiettivi?
Colorado Classic :diavoletto:

Potrebbe correre qualche classica italiana a settembre e magari terminare la stagione con Giro di Turchia o Guanxji


Per chi tifi? Per gli italiani

FC 2017: Dwars Door Vlaanderen, Tre Giorni di La Panne, Giro dei Paesi Baschi, Vuelta España - Combinata, Japan Cup, "L'Altro Lombardia"

FC 2018: Tour of the Alps, "L'Altro Mondiale"

Avatar utente
Patate
Messaggi: 3388
Iscritto il: domenica 28 febbraio 2016, 23:23

Re: The Larry H. Miller Tour of Utah 2018 (6-12 agosto)

Messaggio da leggere da Patate » lunedì 13 agosto 2018, 12:39

Leggo che Kuss farà la Vuelta


antani ha scritto:Non so perchè ma ho la sensazione che domani Aru possa arrivare dietro o davanti a Froome, stiamo a vedere sembra facile ma non è difficile

GiacomoXT
Messaggi: 1522
Iscritto il: sabato 27 dicembre 2014, 15:17
Località: Livorno

Re: The Larry H. Miller Tour of Utah 2018 (6-12 agosto)

Messaggio da leggere da GiacomoXT » lunedì 13 agosto 2018, 12:40

Denb ha scritto:
lunedì 13 agosto 2018, 10:21
Walter_White ha scritto:
lunedì 13 agosto 2018, 8:16
Kuss nuovo Roglic?
Nuovo Lachlan Morton
Speriamo di no (per lui).


FC 2015: Kuurne; Brabante; Amstel; Freccia; Giro (primi 5); Svizzera; Tour t. 7; Tour (tappe); Vuelta t. 10; Bernocchi; Lombardia
FC 2016: Tour t. 20; Wallonie; Sabatini
FC 2017: Europeo

nikybo85
Messaggi: 1629
Iscritto il: mercoledì 23 agosto 2017, 0:06

Re: The Larry H. Miller Tour of Utah 2018 (6-12 agosto)

Messaggio da leggere da nikybo85 » lunedì 13 agosto 2018, 14:32

lambohbk ha scritto:
lunedì 13 agosto 2018, 12:37
nikybo85 ha scritto:
lunedì 13 agosto 2018, 10:29
Abruzzese ha scritto:
lunedì 13 agosto 2018, 3:22
Buon finale di Tour of Utah anche per Nicola Conci: due top ten portate a casa e dodicesima posizione finale ;)
Mi chiedevo proprio quando lo avremmo rivisto,dopo uno splendido campionato italiano. Prossimi (e più probanti) obiettivi?
Colorado Classic :diavoletto:

Potrebbe correre qualche classica italiana a settembre e magari terminare la stagione con Giro di Turchia o Guanxji
Tutto molto probante :diavoletto: :ouch:

Speriamo nelle classiche italiane allora...almeno



Avatar utente
Patate
Messaggi: 3388
Iscritto il: domenica 28 febbraio 2016, 23:23

Re: The Larry H. Miller Tour of Utah 2018 (6-12 agosto)

Messaggio da leggere da Patate » lunedì 13 agosto 2018, 15:33

nikybo85 ha scritto:
lunedì 13 agosto 2018, 14:32
Tutto molto probante :diavoletto: :ouch:

Speriamo nelle classiche italiane allora...almeno
Beh dai, non sono prove da buttare. Al Colorado ritroverà Kuss con Yates e Martinez, per me meglio un test così che con tutti i supertop che, ovviamente, sono ancora ben lontani. Idem per Turchia o Guangxi in cui qualche nome di valore in più ci dovrebbe essere.
Ma che corridore è? Scalatore puro, uomo da GC o un polivalente da classiche dure?


antani ha scritto:Non so perchè ma ho la sensazione che domani Aru possa arrivare dietro o davanti a Froome, stiamo a vedere sembra facile ma non è difficile

Avatar utente
Abruzzese
Messaggi: 4305
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:24

Re: The Larry H. Miller Tour of Utah 2018 (6-12 agosto)

Messaggio da leggere da Abruzzese » lunedì 13 agosto 2018, 16:08

Patate ha scritto:
lunedì 13 agosto 2018, 15:33
nikybo85 ha scritto:
lunedì 13 agosto 2018, 14:32
Tutto molto probante :diavoletto: :ouch:

Speriamo nelle classiche italiane allora...almeno
Beh dai, non sono prove da buttare. Al Colorado ritroverà Kuss con Yates e Martinez, per me meglio un test così che con tutti i supertop che, ovviamente, sono ancora ben lontani. Idem per Turchia o Guangxi in cui qualche nome di valore in più ci dovrebbe essere.
Ma che corridore è? Scalatore puro, uomo da GC o un polivalente da classiche dure?
Nelle categorie giovanili Conci vinceva a ripetizione, soprattutto da allievo arrivava quasi sempre da solo mostrando una certa superiorità in salita. Da juniores, se non ricordo male, aveva cominciato ad affinare un po' anche lo spunto veloce, cosa che gli ha permesso di vincere e ben figurare in più occasioni.

Tra i dilettanti ci è rimasto per due stagioni con la Zalf, piazzandosi settimo al Giro Under 23. Per me ha ancora dei limiti di tenuta sulle gare a tappe, nel senso che finché si tratta di brevi, come possono essere Tour of Utah e altre, può ottenere piazzamenti molto buoni. Sulle tre settimane invece è completamente da testare e il percorso maturato finora non ci permette ancora di dire se realmente un giorno riuscirà ad essere del tutto competitivo in un grande giro. Le potenzialità ci sarebbero ma, considerando anche il discreto spunto veloce, penso che alla fine possa diventare un corridore più adatto alle classiche dure, in grado quindi di giocarsi Liegi, Lombardia e via dicendo. Sperando che non si riveli un corridore né carne né pesce come accaduto ad altri potenziali talenti mai del tutto sbocciati.


"L'importante non è quello che trovi alla fine di una corsa. L'importante è ciò che provi mentre corri" (Giorgio Faletti in "Notte prima degli esami")

"qui c'è gente che è totalmente avulsa dalla realtà e nociva al forum"

Avatar utente
Abruzzese
Messaggi: 4305
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:24

Re: The Larry H. Miller Tour of Utah 2018 (6-12 agosto)

Messaggio da leggere da Abruzzese » lunedì 13 agosto 2018, 16:10

held ha scritto:
lunedì 13 agosto 2018, 7:25
Abruzzese ha scritto:
domenica 12 agosto 2018, 4:02
herbie ha scritto:
sabato 11 agosto 2018, 23:31
non trovo il 3d del Tour of Utah:
ma questo SEPP KUSS....ma chi è? e soprattutto quanto forte va?? o ha il motorino veramente, o quando apre il gas dietro ne rimane uno per cantone nel giro di 500 metri.

E' il tour of Utah ok..ma è impressionante in salita questo personaggio.
Ho visto che avete già iniziato la discussione nell'altro thread, comunque qualche giorno fa io e Tranchée facevamo una discussione sui corridori americani ed io facevo notare come, non di rado nei tempi attuali, i corridori statunitensi facciano abbastanza fatica nelle gare del World Tour in Europa mentre nelle gare di casa riescano ad emergere con prestazioni anche ragguardevoli. Mi veniva da pensare anche a Rosskopf che in Europa, al di là di qualche buona prestazione in alcune brevi gare a tappe, non è riuscito a lasciare tantissime impronte (ok che poi nei grandi giri la BMC aveva altri leader designati). Dombrowski sembrava dovesse essere un fenomeno ma ora come ora se va bene lo si vede in qualche fuga e giusto nelle gare a tappe americane qualche discreto piazzamento lo tira fuori.
Insomma, tralasciando l'era Armstrong (e Landis, e Hamilton), Pierpaolo se non erro mi faceva notare che comunque qualche corridore statunitense la sua porca figura spesso riusciva a farla (mi viene da pensare a Leipheimer, anche se per certi versi può essere legato all'era già citata, o anche al discontinuo Danielson), c'era Zabriskie che faceva eccellenti cronometro, Vande Velde che tirava fuori qualche prestazione importante, per non parlare di Taylor Phinney, a cui i seri incidenti hanno definitivamente mangiato anni di carriera, fino al presente di un corridore che vive il suo professionismo in maniera più che serena (se poi le cose van male, può sempre consolarsi alla grande con Kasia Niewiadoma :D :D ).
Mi pare che ora facciano un po' più fatica ad emergere nel nostro continente. Su alcuni c'è magari l'incognita di venir tirati già al massimo nelle categorie giovanili (vedremo infatti come proseguirà il cammino dei vari McNulty, Powless, Bennett e via dicendo), su altri oltre a questo si è abbattuta anche una tremenda sventura (il caso di Adrien Costa). Per il resto, non voglio entrare in discorsi antipatici, del tipo che la regolamentazione del passaporto biologico imponga una maggior attenzione nel momento in cui si trovino a gareggiare in corse di maggior tradizione e che quindi le loro prestazioni ne risentano, esattamente come quelle di corridori abituati a spadroneggiare con Continental e Professional nei paesi più svariati, salvo poi rientrare nettamente nei ranghi in occasioni ben precise. Oppure, semplicemente, parliamo di un ciclismo diverso, che non è certamente paragonabile al livello di Giro, Tour o Vuelta ma anche di Delfinato, Romandia, Parigi-Nizza tanto per fare qualche esempio.
Discorso interessantissimo, mi sono fatto le stesse domande più volte!
È chiaro però che la prima cosa che ho fatto è andata a cercare "Kasia Niewiadoma" :D
Effettivamente i quesiti ce li si pone, specialmente quando si vedono domini così marcati. Comunque di Kuss parlano molto bene, spero che riesca ad emergere anche in ambito europeo ;)

Quanto alla Niewiadoma beh, seguire il ciclismo femminile ha sempre i suoi pro :D Peraltro la polacca, se non la conosci come atleta, è anche una delle più forti ;)


"L'importante non è quello che trovi alla fine di una corsa. L'importante è ciò che provi mentre corri" (Giorgio Faletti in "Notte prima degli esami")

"qui c'è gente che è totalmente avulsa dalla realtà e nociva al forum"

Albino
Messaggi: 1205
Iscritto il: mercoledì 1 novembre 2017, 20:28

Re: The Larry H. Miller Tour of Utah 2018 (6-12 agosto)

Messaggio da leggere da Albino » lunedì 13 agosto 2018, 17:43

Patate ha scritto:
lunedì 13 agosto 2018, 15:33
nikybo85 ha scritto:
lunedì 13 agosto 2018, 14:32
Tutto molto probante :diavoletto: :ouch:

Speriamo nelle classiche italiane allora...almeno
Beh dai, non sono prove da buttare. Al Colorado ritroverà Kuss con Yates e Martinez, per me meglio un test così che con tutti i supertop che, ovviamente, sono ancora ben lontani. Idem per Turchia o Guangxi in cui qualche nome di valore in più ci dovrebbe essere.
Sono d'accordo con Patate.

Per me sta facendo tanto sia in termini di giorni di corsa, sia in termini di risultati.
Bisogna tener conto che viene da un'esperienza da dilettante di fatto di un anno solo, visto che il primo in Zalf è stato di ambientamento.

Giusto non mandarlo in pasto ai leoni subito. Le corse americane sono perfette per abituarsi al professionismo: livello discreto, poco stress, tante salite.

Mi sta piacendo molto cmq il ragazzo, ha fondo, coraggio e voglia di attaccare.


FantaCicloCross 2017-2018: Campionato del Mondo Uomini Elite

henny5
Messaggi: 602
Iscritto il: lunedì 22 giugno 2015, 17:58

Re: The Larry H. Miller Tour of Utah 2018 (6-12 agosto)

Messaggio da leggere da henny5 » lunedì 13 agosto 2018, 18:29

Patate ha scritto:
lunedì 13 agosto 2018, 12:39
Leggo che Kuss farà la Vuelta
allora spero che non faccia la colorado classic;sarebbero energie sprecate in vista della vuelta.



Avatar utente
Patate
Messaggi: 3388
Iscritto il: domenica 28 febbraio 2016, 23:23

Re: The Larry H. Miller Tour of Utah 2018 (6-12 agosto)

Messaggio da leggere da Patate » lunedì 13 agosto 2018, 18:44

henny5 ha scritto:
lunedì 13 agosto 2018, 18:29
allora spero che non faccia la colorado classic;sarebbero energie sprecate in vista della vuelta.
Ovviamente non come capitano però: ci sono anche Kruijswijk e Bennett


antani ha scritto:Non so perchè ma ho la sensazione che domani Aru possa arrivare dietro o davanti a Froome, stiamo a vedere sembra facile ma non è difficile

herbie
Messaggi: 3657
Iscritto il: sabato 26 febbraio 2011, 17:19

Re: The Larry H. Miller Tour of Utah 2018 (6-12 agosto)

Messaggio da leggere da herbie » lunedì 13 agosto 2018, 20:28

Patate ha scritto:
lunedì 13 agosto 2018, 18:44
henny5 ha scritto:
lunedì 13 agosto 2018, 18:29
allora spero che non faccia la colorado classic;sarebbero energie sprecate in vista della vuelta.
Ovviamente non come capitano però: ci sono anche Kruijswijk e Bennett
:D beh, l'olandese si è già trovato facilmente (e non troppo serenamente) spodestato da Roglic al Tour...ci mancherebbe ora solo che cedesse i gradi a KUSS alla Vuelta. Non so come la prenderebbe, visto quello che è successo sull'Aubisque...
Io comunque, al di là del fatto che capitani della squadra sono altri- i quali non credo abbiano la necessità di controllare la corsa, visto che non partono esattamente favoritissimi per la vittoria finale - questo Kuss lo proverei in una tappa tosta contro altri avversari rispetto a quelli del Tour of Utah (dove ha dato secondo me una impressione di grande facilità) , giusto per capire a che livello si posiziona, prima di fargli fare il gregario da salita.
In fondo, tenendolo tranquillo solo poche tappe all'inizio, poi alla Vuelta le tappe giuste arrivano quasi subito.



nikybo85
Messaggi: 1629
Iscritto il: mercoledì 23 agosto 2017, 0:06

Re: The Larry H. Miller Tour of Utah 2018 (6-12 agosto)

Messaggio da leggere da nikybo85 » lunedì 13 agosto 2018, 20:34

Abruzzese ha scritto:
lunedì 13 agosto 2018, 16:08
Patate ha scritto:
lunedì 13 agosto 2018, 15:33
nikybo85 ha scritto:
lunedì 13 agosto 2018, 14:32
Tutto molto probante :diavoletto: :ouch:

Speriamo nelle classiche italiane allora...almeno
Beh dai, non sono prove da buttare. Al Colorado ritroverà Kuss con Yates e Martinez, per me meglio un test così che con tutti i supertop che, ovviamente, sono ancora ben lontani. Idem per Turchia o Guangxi in cui qualche nome di valore in più ci dovrebbe essere.
Ma che corridore è? Scalatore puro, uomo da GC o un polivalente da classiche dure?
Nelle categorie giovanili Conci vinceva a ripetizione, soprattutto da allievo arrivava quasi sempre da solo mostrando una certa superiorità in salita. Da juniores, se non ricordo male, aveva cominciato ad affinare un po' anche lo spunto veloce, cosa che gli ha permesso di vincere e ben figurare in più occasioni.

Tra i dilettanti ci è rimasto per due stagioni con la Zalf, piazzandosi settimo al Giro Under 23. Per me ha ancora dei limiti di tenuta sulle gare a tappe, nel senso che finché si tratta di brevi, come possono essere Tour of Utah e altre, può ottenere piazzamenti molto buoni. Sulle tre settimane invece è completamente da testare e il percorso maturato finora non ci permette ancora di dire se realmente un giorno riuscirà ad essere del tutto competitivo in un grande giro. Le potenzialità ci sarebbero ma, considerando anche il discreto spunto veloce, penso che alla fine possa diventare un corridore più adatto alle classiche dure, in grado quindi di giocarsi Liegi, Lombardia e via dicendo. Sperando che non si riveli un corridore né carne né pesce come accaduto ad altri potenziali talenti mai del tutto sbocciati.
Le prestazioni al tour of alps,Dove c'erano anche dei supertop mi facevano sperare in un corridore da corse a tappe,GT...chiaro che la terza settimana è un altro sport e finché non ci si confronta non potremmo capire..
Io dopo il Thomas di quest'anno ormai non dico più nulla su nessuno sotto i 30 :P

P.s proprio durante il tour of alps avevo aperto un 3d su di lui,se dovessimo continuare...



held
Messaggi: 1231
Iscritto il: lunedì 13 dicembre 2010, 18:07
Località: Sardegna

Re: The Larry H. Miller Tour of Utah 2018 (6-12 agosto)

Messaggio da leggere da held » martedì 14 agosto 2018, 8:32

Abruzzese ha scritto:
lunedì 13 agosto 2018, 16:10
held ha scritto:
lunedì 13 agosto 2018, 7:25

Discorso interessantissimo, mi sono fatto le stesse domande più volte!
È chiaro però che la prima cosa che ho fatto è andata a cercare "Kasia Niewiadoma" :D
Effettivamente i quesiti ce li si pone, specialmente quando si vedono domini così marcati. Comunque di Kuss parlano molto bene, spero che riesca ad emergere anche in ambito europeo ;)

Quanto alla Niewiadoma beh, seguire il ciclismo femminile ha sempre i suoi pro :D Peraltro la polacca, se non la conosci come atleta, è anche una delle più forti ;)
Cercherò di colmare questa lacuna! :D
In generale aldilà di possibili pensieri maligni c'è da dire che quest'anno la lotto jumbo sta andando veramente bene nei GT !



Avatar utente
Abruzzese
Messaggi: 4305
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:24

Re: The Larry H. Miller Tour of Utah 2018 (6-12 agosto)

Messaggio da leggere da Abruzzese » martedì 14 agosto 2018, 17:22

held ha scritto:
martedì 14 agosto 2018, 8:32
In generale aldilà di possibili pensieri maligni c'è da dire che quest'anno la lotto jumbo sta andando veramente bene nei GT !
Alla fine il mio non era un voler "pensar male", mi sono solo posto la questione relativa al rendimento dei corridori americani nelle ultime stagione, che oggettivamente mi pare stiano facendo un po' più di difficoltà ad emergere in Europa.
Riguardo la Lotto NL Jumbo, sicuramente il suo Tour è stato veramente ottimo, adesso vedremo se anche alla Vuelta saranno grandi protagonisti. ;)


"L'importante non è quello che trovi alla fine di una corsa. L'importante è ciò che provi mentre corri" (Giorgio Faletti in "Notte prima degli esami")

"qui c'è gente che è totalmente avulsa dalla realtà e nociva al forum"

held
Messaggi: 1231
Iscritto il: lunedì 13 dicembre 2010, 18:07
Località: Sardegna

Re: The Larry H. Miller Tour of Utah 2018 (6-12 agosto)

Messaggio da leggere da held » martedì 14 agosto 2018, 23:49

Abruzzese ha scritto:
martedì 14 agosto 2018, 17:22
held ha scritto:
martedì 14 agosto 2018, 8:32
In generale aldilà di possibili pensieri maligni c'è da dire che quest'anno la lotto jumbo sta andando veramente bene nei GT !
Alla fine il mio non era un voler "pensar male", mi sono solo posto la questione relativa al rendimento dei corridori americani nelle ultime stagione, che oggettivamente mi pare stiano facendo un po' più di difficoltà ad emergere in Europa.
Riguardo la Lotto NL Jumbo, sicuramente il suo Tour è stato veramente ottimo, adesso vedremo se anche alla Vuelta saranno grandi protagonisti. ;)
Si si assolutamente, non era rivolto a nessuno, mi riferivo ai miei pensieri ma per l'appunto son solo pensieri. Sicuramente ci saranno mille motivi a giustificare questa alternanza di rendimento. Probabilmente sbaglio io a fare certi pensieri. Nel caso di Kuss direi semplicemente start list non eccezionale, corsa di casa etc etc...
:)



Avatar utente
lambohbk
Messaggi: 2023
Iscritto il: giovedì 13 ottobre 2016, 23:27

Re: The Larry H. Miller Tour of Utah 2018 (6-12 agosto)

Messaggio da leggere da lambohbk » lunedì 20 agosto 2018, 17:29

nikybo85 ha scritto:
lunedì 13 agosto 2018, 10:29
Abruzzese ha scritto:
lunedì 13 agosto 2018, 3:22
Buon finale di Tour of Utah anche per Nicola Conci: due top ten portate a casa e dodicesima posizione finale ;)
Mi chiedevo proprio quando lo avremmo rivisto,dopo uno splendido campionato italiano. Prossimi (e più probanti) obiettivi?
E invece farà la Vuelta :bici:


Per chi tifi? Per gli italiani

FC 2017: Dwars Door Vlaanderen, Tre Giorni di La Panne, Giro dei Paesi Baschi, Vuelta España - Combinata, Japan Cup, "L'Altro Lombardia"

FC 2018: Tour of the Alps, "L'Altro Mondiale"

nikybo85
Messaggi: 1629
Iscritto il: mercoledì 23 agosto 2017, 0:06

Re: The Larry H. Miller Tour of Utah 2018 (6-12 agosto)

Messaggio da leggere da nikybo85 » lunedì 20 agosto 2018, 21:36

lambohbk ha scritto:
lunedì 20 agosto 2018, 17:29
nikybo85 ha scritto:
lunedì 13 agosto 2018, 10:29
Abruzzese ha scritto:
lunedì 13 agosto 2018, 3:22
Buon finale di Tour of Utah anche per Nicola Conci: due top ten portate a casa e dodicesima posizione finale ;)
Mi chiedevo proprio quando lo avremmo rivisto,dopo uno splendido campionato italiano. Prossimi (e più probanti) obiettivi?
E invece farà la Vuelta :bici:
Ah però! Questa è una sorpresa...Spero la affronti e gliela facciano affrontare con lo spirito giusto..ovvero poche pressioni e,qualora la gamba si appesantisse, senza sforzi inutili. I mean, se si deve trascinare verso il finale meglio farne solo un pezzo




Rispondi