Mathieu Van Der Poel stradista

Il mondo dei professionisti tra gare e complessità, e più in generale l'approccio al ciclismo di ogni appassionato
Avatar utente
Tranchée d'Arenberg
Messaggi: 18135
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:50
Località: Falconara Albanese (CS)

Re: Mathieu Van Der Poel stradista

Messaggio da leggere da Tranchée d'Arenberg » lunedì 8 aprile 2019, 10:34

Divanista ha scritto:
lunedì 8 aprile 2019, 10:18
Tranchée d'Arenberg ha scritto:
lunedì 8 aprile 2019, 9:50
Certo, ma quello che ha combinato resta comunque un'enorme ingenuità. In quel momento della corsa non c'era bisogno di saltare sul marciapiedi e fare la manovra in quel modo.
Credo che sia stata un'azione dettata sia dall'inesperienza che dalla troppa fiducia nei propri mezzi. Tutta esperienza che gli tornerà utile dal prossimo anno.
Verissimo. Questo insegna che nessuno nasce "imparato" nelle strade del nord, nemmeno i fuoriclasse.
E' proprio così. Al nord un minimo di esperienza è semplicemente fondamentale. Non ci son cazzi.


Cobblestone 2012 & 2018 - 1° Classifica Generale
Cobblestone 2012 & 2018 - 1° Classifica Classiche
Cobblestone 2013 - 1° Classifica Semiclassiche

FantaCycling Manager 2016 - 1° Classifica (squadre)


Avatar utente
Tranchée d'Arenberg
Messaggi: 18135
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:50
Località: Falconara Albanese (CS)

Re: Mathieu Van Der Poel stradista

Messaggio da leggere da Tranchée d'Arenberg » lunedì 8 aprile 2019, 10:35

Lazzaro1 ha scritto:
lunedì 8 aprile 2019, 10:29
comunque, o è fatto di gomma, o è alquanto fortunato.
Due brutte cadute e quasi come se nulla fosse.
Poteva rompersi i denti ieri :D


Cobblestone 2012 & 2018 - 1° Classifica Generale
Cobblestone 2012 & 2018 - 1° Classifica Classiche
Cobblestone 2013 - 1° Classifica Semiclassiche

FantaCycling Manager 2016 - 1° Classifica (squadre)

Road Runner
Messaggi: 672
Iscritto il: martedì 8 novembre 2016, 11:44

Re: Mathieu Van Der Poel stradista

Messaggio da leggere da Road Runner » lunedì 8 aprile 2019, 10:37

Gli rimprovero soltanto che per il fatto di essere un funambolo del cross, non deve sentirsi immortale anche su strada... Col suo talento e il suo colpo d'occhio, gli basterebbe un briciolo di attenzione in più per non cadere praticamente mai...



Avatar utente
chinaski89
Messaggi: 3783
Iscritto il: sabato 13 giugno 2015, 16:51

Re: Mathieu Van Der Poel stradista

Messaggio da leggere da chinaski89 » lunedì 8 aprile 2019, 11:05

Nel finale comunque l'ho visto fare un numero clamoroso per non (ri)cadere



Avatar utente
Divanista
Messaggi: 609
Iscritto il: lunedì 16 aprile 2018, 14:21

Re: Mathieu Van Der Poel stradista

Messaggio da leggere da Divanista » lunedì 8 aprile 2019, 11:42

chinaski89 ha scritto:
lunedì 8 aprile 2019, 11:05
Nel finale comunque l'ho visto fare un numero clamoroso per non (ri)cadere
https://tiz-cycling.racing/videos/tour- ... ast-20-km/
Andare a 15'44''


Ecco la mia presentazione. :carta:


Leonardo Civitella
Messaggi: 959
Iscritto il: sabato 3 novembre 2018, 13:36
Località: Civitella San Paolo

Re: Mathieu Van Der Poel stradista

Messaggio da leggere da Leonardo Civitella » martedì 9 aprile 2019, 15:34

Si è portato a casa anche il Circuit della Sarthe.

Saluti,Leonardo


FC2019: Tro Bro Leon-Tour of the Alps

Lazzaro1
Messaggi: 833
Iscritto il: sabato 10 febbraio 2018, 17:37

Re: Mathieu Van Der Poel stradista

Messaggio da leggere da Lazzaro1 » martedì 9 aprile 2019, 15:39

Leonardo Civitella ha scritto:
martedì 9 aprile 2019, 15:34
Si è portato a casa anche il Circuit della Sarthe.

Saluti,Leonardo
la prima tappa, pe ora



Avatar utente
Seb
Messaggi: 5506
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:07
Località: Genova
Contatta:

Re: Mathieu Van Der Poel stradista

Messaggio da leggere da Seb » martedì 9 aprile 2019, 15:39

Qui un breve video della rimonta negli ultimi metri
http://www.cicloweb.it/2019/04/09/mathi ... it-sarthe/



Lazzaro1
Messaggi: 833
Iscritto il: sabato 10 febbraio 2018, 17:37

Re: Mathieu Van Der Poel stradista

Messaggio da leggere da Lazzaro1 » martedì 9 aprile 2019, 15:46

Seb ha scritto:
martedì 9 aprile 2019, 15:39
Qui un breve video della rimonta negli ultimi metri
http://www.cicloweb.it/2019/04/09/mathi ... it-sarthe/
visto così è impressionante



Avatar utente
Tranchée d'Arenberg
Messaggi: 18135
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:50
Località: Falconara Albanese (CS)

Re: Mathieu Van Der Poel stradista

Messaggio da leggere da Tranchée d'Arenberg » martedì 9 aprile 2019, 15:50

Come se venisse sparato con un cannone :o :champion:


Cobblestone 2012 & 2018 - 1° Classifica Generale
Cobblestone 2012 & 2018 - 1° Classifica Classiche
Cobblestone 2013 - 1° Classifica Semiclassiche

FantaCycling Manager 2016 - 1° Classifica (squadre)

claudiodance
Messaggi: 565
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 16:18

Re: Mathieu Van Der Poel stradista

Messaggio da leggere da claudiodance » martedì 9 aprile 2019, 16:16

Una capatina nel forum per il definitivo sbocciare stradistico di questa miracolosa brodaglia genetica ed ambientale che risponde al nome di Mathieu Van der Poel.
Brucia letteralmente le tappe questo campione, anche su strada. La Ronde sarebbe stata probabilmente sua senza la caduta. Al Denain ed alla Dwars ha dato saggi di classe vittoriosa. Ora già rivince due giorni dopo una corsa arrembante e per certi versi scellerata.
Eppure non corre la Regina. Decisione incomprensibile (anche per Bettiol, sia chiaro, non me ne capacito!). Credo che Canyon sia più che interessata a mettere camionate di materiali e soldi a disposizione del fenomeno Mat. E una wild card, credo, sia interesse di tutti fargliela trovare.
Così non mi spiego per quale fottuto motivo non debba seminare terrore negli avversari anche sulle pietre verso il velodromo.
Questo non alcun bisogno di fare esperienza. Questo ce l'ha nel sangue e nella testa. Ha bisogno al limite, di una squadra attrezzata un pochino di più. Un paio di gregari con le palle quadrate e cominciamo a misurargli il palmares con il decametro anche su strada.
ciao belli
claudio


...oh, ghè riat Dancelli!

Avatar utente
GregLemond
Messaggi: 1819
Iscritto il: sabato 6 settembre 2014, 20:00

Re: Mathieu Van Der Poel stradista

Messaggio da leggere da GregLemond » martedì 9 aprile 2019, 16:25

Quindi possiamo dire che MVDP è il vincitore morale della Ronde?



claudiodance
Messaggi: 565
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 16:18

Re: Mathieu Van Der Poel stradista

Messaggio da leggere da claudiodance » martedì 9 aprile 2019, 16:48

GregLemond ha scritto:
martedì 9 aprile 2019, 16:25
Quindi possiamo dire che MVDP è il vincitore morale della Ronde?
La categoria VINCITORE MORALE esiste solo in versione ironica.
Mathieu ha perso per una cavolata che si è provocato da solo.
Inoltre Bettiol è andato come un missile e quindi è "moralmente" degnissimo.
Forse sottovalutato dagli altri. Poi, insomma, sull'Oude K. è andato via benissimo e dietro
si vedeva solo gente che dava di spalle ed in affanno. Non ho visto nessuno che si
amministrasse in attesa del Paterberg.


...oh, ghè riat Dancelli!

Avatar utente
Maìno della Spinetta
Messaggi: 6371
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 15:53

Re: Mathieu Van Der Poel stradista

Messaggio da leggere da Maìno della Spinetta » martedì 9 aprile 2019, 16:58

claudiodance ha scritto:
martedì 9 aprile 2019, 16:48
GregLemond ha scritto:
martedì 9 aprile 2019, 16:25
Quindi possiamo dire che MVDP è il vincitore morale della Ronde?
La categoria VINCITORE MORALE esiste solo in versione ironica.
Mathieu ha perso per una cavolata che si è provocato da solo.
Inoltre Bettiol è andato come un missile e quindi è "moralmente" degnissimo.
Forse sottovalutato dagli altri. Poi, insomma, sull'Oude K. è andato via benissimo e dietro
si vedeva solo gente che dava di spalle ed in affanno. Non ho visto nessuno che si
amministrasse in attesa del Paterberg.
Bettiol è andato via nel punto chiave, e nessuno gli è stato a ruota.
MVDP quando ha provato a fare la differenza ha staccato di due pedalate gli avversari. Avesse staccato tutti sverniciandoli e fatto un a solo di 2/3 km per poi esser riassorbito avrei anche io detto "peccato fosse dietro nella fase calda". Ma lui non ha fatto nulla di tutto ciò.

PS uno che prende la bici da cross e vince ovunque, che prende la MTB e fa secondo in coppa del mondo, che vince i mondiali su strada e al debutto al Fiandre fa 4° non lo discuto - solo diamo a Cesare quel che è di Cesare: l'unico che ha fatto la differenza sulle due salite clou è stato Bettiol. Van der Poel no.


“Our interest’s on the dangerous edge of things.
The honest thief, the tender murderer, the superstitious atheist”.

Avatar utente
Walter_White
Messaggi: 13598
Iscritto il: mercoledì 23 marzo 2016, 18:01

Re: Mathieu Van Der Poel stradista

Messaggio da leggere da Walter_White » martedì 9 aprile 2019, 17:00

Seb ha scritto:
martedì 9 aprile 2019, 15:39
Qui un breve video della rimonta negli ultimi metri
http://www.cicloweb.it/2019/04/09/mathi ... it-sarthe/
:shock:


FCC 2018/19: 1°; Superprestige; Gran Combinata
FCC 2017/18: 3°; Trofeo dei titoli; Campionato Europeo Donne Elite, Campionato del Mondo Donne Elite, ROTY

Salvatore77
Messaggi: 4752
Iscritto il: domenica 9 gennaio 2011, 19:14

Re: Mathieu Van Der Poel stradista

Messaggio da leggere da Salvatore77 » martedì 9 aprile 2019, 18:05

Maìno della Spinetta ha scritto:
martedì 9 aprile 2019, 16:58

Bettiol è andato via nel punto chiave, e nessuno gli è stato a ruota.
MVDP quando ha provato a fare la differenza ha staccato di due pedalate gli avversari. Avesse staccato tutti sverniciandoli e fatto un a solo di 2/3 km per poi esser riassorbito avrei anche io detto "peccato fosse dietro nella fase calda". Ma lui non ha fatto nulla di tutto ciò.

PS uno che prende la bici da cross e vince ovunque, che prende la MTB e fa secondo in coppa del mondo, che vince i mondiali su strada e al debutto al Fiandre fa 4° non lo discuto - solo diamo a Cesare quel che è di Cesare: l'unico che ha fatto la differenza sulle due salite clou è stato Bettiol. Van der Poel no.
Van Der Poel ha preso il Kwaremont nella seconda parte del gruppo, poi dopo alcuni metri il gruppo diventa una fila indiana e lui era in settima/ottava posizione. Quando è scattato Bettiol era quindi appena una decina di metri dietro a Bettiol che non è scattato dalla prima posizione.
Se avesse avuto le gambe si poteva riprendere. Però non ne aveva come Bettiol.
Quindi a Van Der Poel non va recriminato di non essere stato attento oppure di aver preso troppo dietro il muro, semmai sono le energie spese per rientrare dalla caduta.


1° Tour de France 2018

Avatar utente
GregLemond
Messaggi: 1819
Iscritto il: sabato 6 settembre 2014, 20:00

Re: Mathieu Van Der Poel stradista

Messaggio da leggere da GregLemond » martedì 9 aprile 2019, 21:01

Maìno della Spinetta ha scritto:
martedì 9 aprile 2019, 16:58
claudiodance ha scritto:
martedì 9 aprile 2019, 16:48
GregLemond ha scritto:
martedì 9 aprile 2019, 16:25
Quindi possiamo dire che MVDP è il vincitore morale della Ronde?
La categoria VINCITORE MORALE esiste solo in versione ironica.
Mathieu ha perso per una cavolata che si è provocato da solo.
Inoltre Bettiol è andato come un missile e quindi è "moralmente" degnissimo.
Forse sottovalutato dagli altri. Poi, insomma, sull'Oude K. è andato via benissimo e dietro
si vedeva solo gente che dava di spalle ed in affanno. Non ho visto nessuno che si
amministrasse in attesa del Paterberg.
Bettiol è andato via nel punto chiave, e nessuno gli è stato a ruota.
MVDP quando ha provato a fare la differenza ha staccato di due pedalate gli avversari. Avesse staccato tutti sverniciandoli e fatto un a solo di 2/3 km per poi esser riassorbito avrei anche io detto "peccato fosse dietro nella fase calda". Ma lui non ha fatto nulla di tutto ciò.

PS uno che prende la bici da cross e vince ovunque, che prende la MTB e fa secondo in coppa del mondo, che vince i mondiali su strada e al debutto al Fiandre fa 4° non lo discuto - solo diamo a Cesare quel che è di Cesare: l'unico che ha fatto la differenza sulle due salite clou è stato Bettiol. Van der Poel no.
Io sono piu estremo.
Se MVDP non cadeva, vinceva la volata per il secondo posto.
Al massimo.



Avatar utente
Tranchée d'Arenberg
Messaggi: 18135
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:50
Località: Falconara Albanese (CS)

Re: Mathieu Van Der Poel stradista

Messaggio da leggere da Tranchée d'Arenberg » martedì 9 aprile 2019, 21:25

Salvatore77 ha scritto:
martedì 9 aprile 2019, 18:05
Maìno della Spinetta ha scritto:
martedì 9 aprile 2019, 16:58

Bettiol è andato via nel punto chiave, e nessuno gli è stato a ruota.
MVDP quando ha provato a fare la differenza ha staccato di due pedalate gli avversari. Avesse staccato tutti sverniciandoli e fatto un a solo di 2/3 km per poi esser riassorbito avrei anche io detto "peccato fosse dietro nella fase calda". Ma lui non ha fatto nulla di tutto ciò.

PS uno che prende la bici da cross e vince ovunque, che prende la MTB e fa secondo in coppa del mondo, che vince i mondiali su strada e al debutto al Fiandre fa 4° non lo discuto - solo diamo a Cesare quel che è di Cesare: l'unico che ha fatto la differenza sulle due salite clou è stato Bettiol. Van der Poel no.
Van Der Poel ha preso il Kwaremont nella seconda parte del gruppo, poi dopo alcuni metri il gruppo diventa una fila indiana e lui era in settima/ottava posizione. Quando è scattato Bettiol era quindi appena una decina di metri dietro a Bettiol che non è scattato dalla prima posizione.
Se avesse avuto le gambe si poteva riprendere. Però non ne aveva come Bettiol.
Quindi a Van Der Poel non va recriminato di non essere stato attento oppure di aver preso troppo dietro il muro, semmai sono le energie spese per rientrare dalla caduta.
Ho appena scritto praticamente la stessa cosa nel thread del Fiandre :cincin:


Cobblestone 2012 & 2018 - 1° Classifica Generale
Cobblestone 2012 & 2018 - 1° Classifica Classiche
Cobblestone 2013 - 1° Classifica Semiclassiche

FantaCycling Manager 2016 - 1° Classifica (squadre)

Avatar utente
Gianluca Avigo - bove
Messaggi: 2706
Iscritto il: sabato 7 settembre 2013, 23:29

Re: Mathieu Van Der Poel stradista

Messaggio da leggere da Gianluca Avigo - bove » martedì 9 aprile 2019, 21:28

Le buche in terra, questo se non cambina cazzate, all'Amstel lasciera le buche in terra. Oltre ad essere un fenomeno genetico, questo concepisce solo la vittoria. Quest'inverno l'ho odiato perché ha ucciso una stagione intera di cross. Non ricordo con esattezza ma qualcosa come 32 vittorie su 34 o 35 gare disputate. Non è umano VdpM sta per:

Viene
Dal
Pianeta
Marte


«A parità di fattori la spiegazione più semplice è da preferire»
(Guglielmo di Occam)

Stylus
Messaggi: 1135
Iscritto il: giovedì 28 aprile 2011, 12:03

Re: Mathieu Van Der Poel stradista

Messaggio da leggere da Stylus » martedì 9 aprile 2019, 21:36

Fino a domenica mattina non si parlava d'altro che di Van Aert :bici: :bici:



Avatar utente
Gianluca Avigo - bove
Messaggi: 2706
Iscritto il: sabato 7 settembre 2013, 23:29

Re: Mathieu Van Der Poel stradista

Messaggio da leggere da Gianluca Avigo - bove » martedì 9 aprile 2019, 21:53

Personalmente ho parlato di entrambi, simpatizzando più per WVA, proprio perché è da tutta la vita "ciclistica" che si trova a combattere con questi qui. Tra l'altro riuscendoci, non spessissimo ma almeno nel cross, è stato l'unico a metterlo dietro veramente.
Ora,.guardando l'arrivo della tappa di oggi, diteme voi se un essere umano con 2 (due) pedalate ( le ho contate ) può uscire dalla ruota e battere l'avversario. Per approssimazione 2 pedalate equivalgono a 20 mt, cm più cm meno. Ma come cxxxxxxoooooo è possibile?

https://youtu.be/MfCxpQXT2d8


«A parità di fattori la spiegazione più semplice è da preferire»
(Guglielmo di Occam)

Avatar utente
Divanista
Messaggi: 609
Iscritto il: lunedì 16 aprile 2018, 14:21

Re: Mathieu Van Der Poel stradista

Messaggio da leggere da Divanista » martedì 9 aprile 2019, 22:47

Non ho più parole, non ho più aggettivi. Veramente. :boh:


Ecco la mia presentazione. :carta:

Lazzaro1
Messaggi: 833
Iscritto il: sabato 10 febbraio 2018, 17:37

Re: Mathieu Van Der Poel stradista

Messaggio da leggere da Lazzaro1 » giovedì 11 aprile 2019, 15:26

ma che anche oggi stia facendo il diavolo a quattro, è una notiza?



Admin
Messaggi: 13791
Iscritto il: domenica 21 giugno 2009, 22:48

Re: Mathieu Van Der Poel stradista

Messaggio da leggere da Admin » giovedì 11 aprile 2019, 18:07

È una non-tizia... [cit.] :D


Pantani è una leggenda come Coppi e Bartali

Avatar utente
udra
Messaggi: 7033
Iscritto il: mercoledì 1 ottobre 2014, 11:29

Re: Mathieu Van Der Poel stradista

Messaggio da leggere da udra » giovedì 11 aprile 2019, 18:20

Admin ha scritto:
giovedì 11 aprile 2019, 18:07
È una non-tizia... [cit.] :D
Sentiremo parlare di questo corridore al tg d'uno se va avanti così (scusate, ma non ho potuto resistere :D )



Avatar utente
Divanista
Messaggi: 609
Iscritto il: lunedì 16 aprile 2018, 14:21

Re: Mathieu Van Der Poel stradista

Messaggio da leggere da Divanista » mercoledì 17 aprile 2019, 17:33

Mi sa che questo topic sarà spesso in alto. :champion:


Ecco la mia presentazione. :carta:

dietzen
Messaggi: 6129
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 21:19

Re: Mathieu Van Der Poel stradista

Messaggio da leggere da dietzen » mercoledì 17 aprile 2019, 17:40

è la versione 2.0 del padre, stesse caratteristiche però meglio (e già adri era forte forte).


Di Rocco non è il mio presidente

Avatar utente
udra
Messaggi: 7033
Iscritto il: mercoledì 1 ottobre 2014, 11:29

Re: Mathieu Van Der Poel stradista

Messaggio da leggere da udra » mercoledì 17 aprile 2019, 17:44

Per me non ha neanche bisogno di una WT con il rischio di rimanere incatenato in tattiche e specializzazioni o che altro, questo va lasciato libero di fare quello che gli passa per la testa.
E' ciclismo allo stato puro.



Avatar utente
Tranchée d'Arenberg
Messaggi: 18135
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:50
Località: Falconara Albanese (CS)

Re: Mathieu Van Der Poel stradista

Messaggio da leggere da Tranchée d'Arenberg » mercoledì 17 aprile 2019, 18:01

dietzen ha scritto:
mercoledì 17 aprile 2019, 17:40
è la versione 2.0 del padre, stesse caratteristiche però meglio (e già adri era forte forte).
io il padre non me lo ricordo, se non nella parte finale di carriera quando ormai era abbastanza vecchio e non vinceva più. Però mi sa tanto che questo lo supererà.

Adrie sposando la figlia di Poulidor, ha dato vita ad un innesto di talento su talento incredibile :champion:


Cobblestone 2012 & 2018 - 1° Classifica Generale
Cobblestone 2012 & 2018 - 1° Classifica Classiche
Cobblestone 2013 - 1° Classifica Semiclassiche

FantaCycling Manager 2016 - 1° Classifica (squadre)

ucci90
Messaggi: 1842
Iscritto il: martedì 11 settembre 2012, 9:52

Re: Mathieu Van Der Poel stradista

Messaggio da leggere da ucci90 » mercoledì 17 aprile 2019, 18:03

Prego che non si entri mai nella "tattica anti Sagan", ossia che inizino a corrergli tutti contro purché perda. Anche se questo sembra veramente ingiocabile.



Filarete
Messaggi: 433
Iscritto il: mercoledì 20 maggio 2015, 21:46

Re: Mathieu Van Der Poel stradista

Messaggio da leggere da Filarete » mercoledì 17 aprile 2019, 18:20

Trentin potrà raccontare ai nipoti di averlo battuto.



Avatar utente
chinaski89
Messaggi: 3783
Iscritto il: sabato 13 giugno 2015, 16:51

Re: Mathieu Van Der Poel stradista

Messaggio da leggere da chinaski89 » mercoledì 17 aprile 2019, 18:21

ucci90 ha scritto:
mercoledì 17 aprile 2019, 18:03
Prego che non si entri mai nella "tattica anti Sagan", ossia che inizino a corrergli tutti contro purché perda. Anche se questo sembra veramente ingiocabile.
Beh questo accadrà di sicuro e se va avanti così anche in tempi brevi



Avatar utente
Walter_White
Messaggi: 13598
Iscritto il: mercoledì 23 marzo 2016, 18:01

Re: Mathieu Van Der Poel stradista

Messaggio da leggere da Walter_White » mercoledì 17 aprile 2019, 18:24

ucci90 ha scritto:
mercoledì 17 aprile 2019, 18:03
Prego che non si entri mai nella "tattica anti Sagan", ossia che inizino a corrergli tutti contro purché perda. Anche se questo sembra veramente ingiocabile.
Cancellara ha corso per 10 anni così, e ha vinto tantissimo. Mathieu può fare uguale, perchè mi sembra più forte di Sagan in proporzione


FCC 2018/19: 1°; Superprestige; Gran Combinata
FCC 2017/18: 3°; Trofeo dei titoli; Campionato Europeo Donne Elite, Campionato del Mondo Donne Elite, ROTY

bugnogianni
Messaggi: 227
Iscritto il: giovedì 15 febbraio 2018, 22:49

Re: Mathieu Van Der Poel stradista

Messaggio da leggere da bugnogianni » mercoledì 17 aprile 2019, 18:25

ucci90 ha scritto:
mercoledì 17 aprile 2019, 18:03
Prego che non si entri mai nella "tattica anti Sagan", ossia che inizino a corrergli tutti contro purché perda. Anche se questo sembra veramente ingiocabile.
io spero di sì invece, altrimenti si rischia la noia.


vedremo

Avatar utente
Divanista
Messaggi: 609
Iscritto il: lunedì 16 aprile 2018, 14:21

Re: Mathieu Van Der Poel stradista

Messaggio da leggere da Divanista » mercoledì 17 aprile 2019, 18:35

Spero tanto che, quando si dedicherà al 100 % su strada (penso molto presto, visti i risultati di questa primavera), rimanga un corridore da gare di un giorno o al massimo da cacciatore di tappe nei GT.
Spero che non segua l'esempio di Valverde e che non gli venga mai in mente di snaturarsi per fare classifica.
Ha un patrimonio di classe e talento che va preservato.

(...e anche per lasciare qualcosina agli avversari)


Ecco la mia presentazione. :carta:

Avatar utente
sceriffo
Messaggi: 2536
Iscritto il: lunedì 11 aprile 2011, 23:48

Re: Mathieu Van Der Poel stradista

Messaggio da leggere da sceriffo » mercoledì 17 aprile 2019, 22:52

La cosa incredibile è che mentre gli altri questo inverno si allenavano ore e ore, lui un'ora a tutta di ciclocross e li battezza tutti. Sta stravolgendo anche le teorie d'allenamento.



Avatar utente
Divanista
Messaggi: 609
Iscritto il: lunedì 16 aprile 2018, 14:21

Re: Mathieu Van Der Poel stradista

Messaggio da leggere da Divanista » mercoledì 17 aprile 2019, 23:44

Sto ripensando ad una cosa che ho visto oggi per la prima volta.
Tre avversari, tre sconfitti, che rispondono ai nomi di Alaphilippe, Mattews e Wellens (mica bau bau micio micio), appena tagliato il traguardo si guardano, ammiccano, sorridono, si danno una pacca sulla spalla, quasi procedono abbracciati per alcuni metri.
Giuro che è la prima volta che vedo una cosa del genere.
Mi ha dato la sensazione di un misto tra stupore, ammirazione e ineluttabilità. "Beh, ragazzi, cosa vogliamo farci? Cosa potevamo fare di più? È andata. Bravi dai".
Questo giovanotto che è piombato per stravolgere anni e anni di seghe mentali su preparazione, picchi di forma, specializzazione. Su condotte e strategie di gara, correre col bilancino e col freno tirato, tira tu che poi ti frego io.
Questo marziano che sul fango domina un'intera stagione e scherza con gli avversari come non si vedeva dai tempi di Nys. Poi sale su una bici da corsa e non smette di stupire, e di vincere. Attacca a ripetizione come un forsennato, prende vagonate di vento, non salta un cambio, e poi vince le volate di gruppo o arriva in solitaria braccato dal peloton. Vola sul pavè, scollina per primo sul Pateberg davanti ai mostri sacri e dopo una rincorsa di chilometri. Al Brabante attacca ai meno 60, poi viene ripreso, poi tiene le accelerazioni sulle cotes, alla fine vince la volata quasi per distacco.
Ecco, sul Mortirolo magari no, ma io fatico a trovare un punto debole. Dà una sensazione di onnipotenza e di facilità solo a guardarlo correre.
E di questo penso che nel gruppo se ne siano accorti. Si staranno chiedendo da dove viene questo extraterrestre e, soprattutto, dove potrà arrivare.
Scusate la lunghezza, ma sono un po' emozionato e frastornato. Non ho visto correre i Grandi del passato, ma qualcosa mi dice che sto, che stiamo, assistendo alla consacrazione di un fenomeno della bicicletta. Da cross, da corsa o mountain bike, fa un po' lo stesso.

Mi
Viene
Da
Piangere


Ecco la mia presentazione. :carta:

held
Messaggi: 1553
Iscritto il: lunedì 13 dicembre 2010, 18:07
Località: Sardegna

Re: Mathieu Van Der Poel stradista

Messaggio da leggere da held » giovedì 18 aprile 2019, 8:03

Divanista ha scritto:
mercoledì 17 aprile 2019, 23:44
Sto ripensando ad una cosa che ho visto oggi per la prima volta.
Tre avversari, tre sconfitti, che rispondono ai nomi di Alaphilippe, Mattews e Wellens (mica bau bau micio micio), appena tagliato il traguardo si guardano, ammiccano, sorridono, si danno una pacca sulla spalla, quasi procedono abbracciati per alcuni metri.
Giuro che è la prima volta che vedo una cosa del genere.
Mi ha dato la sensazione di un misto tra stupore, ammirazione e ineluttabilità. "Beh, ragazzi, cosa vogliamo farci? Cosa potevamo fare di più? È andata. Bravi dai".
Questo giovanotto che è piombato per stravolgere anni e anni di seghe mentali su preparazione, picchi di forma, specializzazione. Su condotte e strategie di gara, correre col bilancino e col freno tirato, tira tu che poi ti frego io.
Questo marziano che sul fango domina un'intera stagione e scherza con gli avversari come non si vedeva dai tempi di Nys. Poi sale su una bici da corsa e non smette di stupire, e di vincere. Attacca a ripetizione come un forsennato, prende vagonate di vento, non salta un cambio, e poi vince le volate di gruppo o arriva in solitaria braccato dal peloton. Vola sul pavè, scollina per primo sul Pateberg davanti ai mostri sacri e dopo una rincorsa di chilometri. Al Brabante attacca ai meno 60, poi viene ripreso, poi tiene le accelerazioni sulle cotes, alla fine vince la volata quasi per distacco.
Ecco, sul Mortirolo magari no, ma io fatico a trovare un punto debole. Dà una sensazione di onnipotenza e di facilità solo a guardarlo correre.
E di questo penso che nel gruppo se ne siano accorti. Si staranno chiedendo da dove viene questo extraterrestre e, soprattutto, dove potrà arrivare.
Scusate la lunghezza, ma sono un po' emozionato e frastornato. Non ho visto correre i Grandi del passato, ma qualcosa mi dice che sto, che stiamo, assistendo alla consacrazione di un fenomeno della bicicletta. Da cross, da corsa o mountain bike, fa un po' lo stesso.

Mi
Viene
Da
Piangere
Condivido tutto! Stiamo assistendo alla nascita di un fenomeno!



held
Messaggi: 1553
Iscritto il: lunedì 13 dicembre 2010, 18:07
Località: Sardegna

Re: Mathieu Van Der Poel stradista

Messaggio da leggere da held » giovedì 18 aprile 2019, 8:06

sceriffo ha scritto:
mercoledì 17 aprile 2019, 22:52
La cosa incredibile è che mentre gli altri questo inverno si allenavano ore e ore, lui un'ora a tutta di ciclocross e li battezza tutti. Sta stravolgendo anche le teorie d'allenamento.
È questa la cosa più bella!! Ma quale preparazione invernale, fondo lento, non andare fuori soglia, i watt.... Niente! Lui era a tutta sul fango del ciclocross poi senza sosta ha preso una bici da strada e domina!! Ci voleva! E non dimentichiamo che come arriva l'estate andrà a dominare se possibile anche in MTB!



Avatar utente
galliano
Messaggi: 13688
Iscritto il: giovedì 14 aprile 2011, 12:53
Località: TN

Re: Mathieu Van Der Poel stradista

Messaggio da leggere da galliano » giovedì 18 aprile 2019, 8:58

held ha scritto:
giovedì 18 aprile 2019, 8:06
sceriffo ha scritto:
mercoledì 17 aprile 2019, 22:52
La cosa incredibile è che mentre gli altri questo inverno si allenavano ore e ore, lui un'ora a tutta di ciclocross e li battezza tutti. Sta stravolgendo anche le teorie d'allenamento.
È questa la cosa più bella!! Ma quale preparazione invernale, fondo lento, non andare fuori soglia, i watt.... Niente! Lui era a tutta sul fango del ciclocross poi senza sosta ha preso una bici da strada e domina!! Ci voleva! E non dimentichiamo che come arriva l'estate andrà a dominare se possibile anche in MTB!
Però non prenderei VDP come parametro per valutare l'efficacia della preparazione.
Essendo un fenomeno esce dagli schemi.
Poi lui dopo l'amstel stacca con la strada, mentre i corridori da GT cominciano la loro stagione.
Non che il ciclocross faccia male, anzi, ma non trarrei conclusioni solo sulla base di quello che fa MVDP.

Dopo averlo visto in questa campagna del nord mi viene da dire che, paradossalmente, mi pare più facile da battere nel cross che su strada. :P



Winter
Messaggi: 15048
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Re: Mathieu Van Der Poel stradista

Messaggio da leggere da Winter » giovedì 18 aprile 2019, 9:07

held ha scritto:
giovedì 18 aprile 2019, 8:06
sceriffo ha scritto:
mercoledì 17 aprile 2019, 22:52
La cosa incredibile è che mentre gli altri questo inverno si allenavano ore e ore, lui un'ora a tutta di ciclocross e li battezza tutti. Sta stravolgendo anche le teorie d'allenamento.
È questa la cosa più bella!! Ma quale preparazione invernale, fondo lento, non andare fuori soglia, i watt.... Niente! Lui era a tutta sul fango del ciclocross poi senza sosta ha preso una bici da strada e domina!! Ci voleva! E non dimentichiamo che come arriva l'estate andrà a dominare se possibile anche in MTB!
Dominare.. per ora domina il ciclocross
in mtb domina Schurter



Avatar utente
nino58
Messaggi: 11156
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 14:38

Re: Mathieu Van Der Poel stradista

Messaggio da leggere da nino58 » giovedì 18 aprile 2019, 9:15

Winter ha scritto:
giovedì 18 aprile 2019, 9:07
held ha scritto:
giovedì 18 aprile 2019, 8:06
sceriffo ha scritto:
mercoledì 17 aprile 2019, 22:52
La cosa incredibile è che mentre gli altri questo inverno si allenavano ore e ore, lui un'ora a tutta di ciclocross e li battezza tutti. Sta stravolgendo anche le teorie d'allenamento.
È questa la cosa più bella!! Ma quale preparazione invernale, fondo lento, non andare fuori soglia, i watt.... Niente! Lui era a tutta sul fango del ciclocross poi senza sosta ha preso una bici da strada e domina!! Ci voleva! E non dimentichiamo che come arriva l'estate andrà a dominare se possibile anche in MTB!
Dominare.. per ora domina il ciclocross
in mtb domina Schurter
Vero, però su strada, ogni volta che ha corso, o ha vinto o ha fatto numeri.
Senza picchi o non picchi.
Come spessissimo Valverde.
Cosa voglio dire ?
Che la vecchia sana abitudine del cross invernale prepara comunque benissimo alla strada (almeno) primaverile.
Sull'estate e sull'autunno forse meno.
De Vlaeminck (IL parametro) dopo la stagione del cross stravinceva a primavera fino al Giro compreso.
Di Tour ne ha corsi pochissimi (forse uno o due con una sola tappa vinta), il Mondiale non l'ha vinto (ha un secondo posto) e ha vinto un Lombardia.
Vediamo se lo schema si ripete o meno con MVDP.


Von Rock ? Nein, danke.
Diritto di correre senza condizioni a chi ha scontato una squalifica !!!

held
Messaggi: 1553
Iscritto il: lunedì 13 dicembre 2010, 18:07
Località: Sardegna

Re: Mathieu Van Der Poel stradista

Messaggio da leggere da held » giovedì 18 aprile 2019, 9:26

Ma infatti, ho scritto "....andrà a dominare se possibile anche in MTB" che vuol dire Schurter permettendo! :D :D
Di fatto ha fatto un podio ed ha dimostrato che può far non bene ma benissimo anche li.
Sulla questione strada dico che naturalmente in primavera è avvantaggiato poi staccherà, ma quanti altri stradisti preparano la primavera e poi staccano? tanti! Lui di fatto è come se non staccasse quasi mai! Inverno a tutta, primavera a tutta, poi estate mtb ad altissimi livelli, lo scorso anno campionato europeo (con podio). Insomma fa riflettere... :champion:



castelli
Messaggi: 2452
Iscritto il: venerdì 26 agosto 2011, 21:12

Re: Mathieu Van Der Poel stradista

Messaggio da leggere da castelli » giovedì 18 aprile 2019, 9:26

ot: non c'entra vdp.

bisogna vedere che succede nei gran tour, giro e tour.
mi sa che tutte queste medie paurose da parte di corridori under 30 ci dicono una cosa semplice: i giovani quando c'è da strappare vanno di più.
voglio vedere se tra un mese alla terza settimana gli attori del ciclismo champagne ritorneranno in frigo a vantaggio dei bevitori di gazzosa di sempre.
torneranno i tom doumolin, a breve.


Defensor Froomey. dal 28/5/19 FORZA ROGLIC

Puntò il 20/5/19 10 euro su s.yates dato a 12. 5 euro su nibali dato a 3.
mancò il coraggio per puntare 20 euro su landa dato a 66.
non credette alla tenuta di rogla fino a verona.

Winter
Messaggi: 15048
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Re: Mathieu Van Der Poel stradista

Messaggio da leggere da Winter » giovedì 18 aprile 2019, 9:47

held ha scritto:
giovedì 18 aprile 2019, 9:26
Ma infatti, ho scritto "....andrà a dominare se possibile anche in MTB" che vuol dire Schurter permettendo! :D :D
Di fatto ha fatto un podio ed ha dimostrato che può far non bene ma benissimo anche li.
Sulla questione strada dico che naturalmente in primavera è avvantaggiato poi staccherà, ma quanti altri stradisti preparano la primavera e poi staccano? tanti! Lui di fatto è come se non staccasse quasi mai! Inverno a tutta, primavera a tutta, poi estate mtb ad altissimi livelli, lo scorso anno campionato europeo (con podio). Insomma fa riflettere... :champion:
;)
Concordo :champion:



Avatar utente
sceriffo
Messaggi: 2536
Iscritto il: lunedì 11 aprile 2011, 23:48

Re: Mathieu Van Der Poel stradista

Messaggio da leggere da sceriffo » giovedì 18 aprile 2019, 10:39

galliano ha scritto:
giovedì 18 aprile 2019, 8:58
held ha scritto:
giovedì 18 aprile 2019, 8:06
sceriffo ha scritto:
mercoledì 17 aprile 2019, 22:52
La cosa incredibile è che mentre gli altri questo inverno si allenavano ore e ore, lui un'ora a tutta di ciclocross e li battezza tutti. Sta stravolgendo anche le teorie d'allenamento.
È questa la cosa più bella!! Ma quale preparazione invernale, fondo lento, non andare fuori soglia, i watt.... Niente! Lui era a tutta sul fango del ciclocross poi senza sosta ha preso una bici da strada e domina!! Ci voleva! E non dimentichiamo che come arriva l'estate andrà a dominare se possibile anche in MTB!
Però non prenderei VDP come parametro per valutare l'efficacia della preparazione.
Essendo un fenomeno esce dagli schemi.
Poi lui dopo l'amstel stacca con la strada, mentre i corridori da GT cominciano la loro stagione.
Non che il ciclocross faccia male, anzi, ma non trarrei conclusioni solo sulla base di quello che fa MVDP.

Dopo averlo visto in questa campagna del nord mi viene da dire che, paradossalmente, mi pare più facile da battere nel cross che su strada. :P
E' anche vero che resta un corridore da classiche e non da GT, o meglio uomo da classifica da GT. Quindi i lunghi ripetuti non sarebbe comunque la preparazione che gli verrebbe programmata



guidobaldo de medici
Messaggi: 3419
Iscritto il: venerdì 15 maggio 2015, 22:13

Re: Mathieu Van Der Poel stradista

Messaggio da leggere da guidobaldo de medici » giovedì 18 aprile 2019, 13:43

non ho capito se rimane alla corendon circus... con il rischio di non poter correre dove vuole perché magari non invitano la squadra... o se ci sono novità in questo senso



Avatar utente
nino58
Messaggi: 11156
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 14:38

Re: Mathieu Van Der Poel stradista

Messaggio da leggere da nino58 » giovedì 18 aprile 2019, 13:46

guidobaldo de medici ha scritto:
giovedì 18 aprile 2019, 13:43
non ho capito se rimane alla corendon circus... con il rischio di non poter correre dove vuole perché magari non invitano la squadra... o se ci sono novità in questo senso
Di questo passo la Corendon la invitano dappertutto se il Team assicura la sua presenza.


Von Rock ? Nein, danke.
Diritto di correre senza condizioni a chi ha scontato una squalifica !!!

guidobaldo de medici
Messaggi: 3419
Iscritto il: venerdì 15 maggio 2015, 22:13

Re: Mathieu Van Der Poel stradista

Messaggio da leggere da guidobaldo de medici » giovedì 18 aprile 2019, 13:57

nino58 ha scritto:
giovedì 18 aprile 2019, 13:46
guidobaldo de medici ha scritto:
giovedì 18 aprile 2019, 13:43
non ho capito se rimane alla corendon circus... con il rischio di non poter correre dove vuole perché magari non invitano la squadra... o se ci sono novità in questo senso
Di questo passo la Corendon la invitano dappertutto se il Team assicura la sua presenza.
spero che sia come dici. non vorrei che le altre squadre usassero qualche cavillo o qualche cavolo regolamentare per tenere fuori vdp dalle corse.



Avatar utente
galliano
Messaggi: 13688
Iscritto il: giovedì 14 aprile 2011, 12:53
Località: TN

Re: Mathieu Van Der Poel stradista

Messaggio da leggere da galliano » giovedì 18 aprile 2019, 14:07

Ma tanto lui dopo l'AGR non corre più su strada.
Non ho però capito se preparerà il mondiale su strada in Yorkshire, se non ci sarà meglio per gli altri, ma sarebbe una scelta piuttosto criticabile




Rispondi