Mondiali 2018 - Prova in linea maschile Elite - 259,4 km

Il mondo dei professionisti tra gare e complessità, e più in generale l'approccio al ciclismo di ogni appassionato
Winter
Messaggi: 13225
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Re: Mondiali 2018 - Prova in linea maschile Elite - 259,4 km

Messaggio da leggere da Winter » sabato 6 ottobre 2018, 10:32

rizz23 ha scritto:
sabato 6 ottobre 2018, 9:26

Sì, ma a parole ne avrei vinti 12 di mondiali.
Quello che non ti piace in quanto attendista domenica ha usato la squadra per fare gara dura, si è messo a ruota dei francesi, ha rilanciato in discesa, ha preso la volata in testa.

Quello che ti piace perché non è attendista non si è visto mai, né in prima persona né con la squadra, fino al muro finale, dove ha fatto trenino in stile Sky. Solo che invece di metterlo a frutto si è staccato prima di aver mai messo il naso fuori.

Però Valverde è un brutto attendista sopravvalutato. Alaphilippe un campione assoluto che meritava di vincere.
Il ciclismo delle intenzioni vince sul ciclismo reale.

Guardando il ciclismo reale, e godendoselo senza troppe simpatie e antipatie preconcette, è inconcepibile non ammirare la grandezza di Valverde e della sua rincorsa al Mondiale finalmente riuscita. Così come al Tour e in altre situazioni è stato impossibile ignorare il talento di Alaphilippe e preconizzare un futuro in cui ci farà divertire molto.
1) Quella era la tattica poi in mezzo ci son le gambe (e alaphilippe non le ha avute)
Quello che dice Guimard ha la stessa valenza di quello che dice Cassani
2) Non ho scritto che alaphilippe meritasse di vincere (come hai giustamente detto , non s'e' mai visto) ne che valverde è sopravvalutato
Non è un ciclista che stimo (diversamente da te , ognuno ha le proprie simpatie o antipatie , mica ho mai detto di esser nel giusto)




Winter
Messaggi: 13225
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Re: Mondiali 2018 - Prova in linea maschile Elite - 259,4 km

Messaggio da leggere da Winter » sabato 6 ottobre 2018, 10:34

Merlozoro ha scritto:
sabato 6 ottobre 2018, 9:30

Si sopravvaluta il buon Julian allora
Me lo ricordo sputare sangue alla Vuelta nella tappa di Xorret contro Majka per poi batterlo in volata (non aveva mai messo il muso davanti per tutta la salita)
Il muro finale non era corto abbastanza per permettergli di scattare. Avrebbe fatto davvero il massimo se avesse resistito alle accelerazioni di Woods, da qua ad attaccare su una salita di 11/12 minuti contro i migliori esponenti Delle corse di un giorno/scalatori ce ne vuole (non in fuga al Tour dopo 160 km).
Non è solo la tua opinione
ma anche quella di Fofonov ed altri (credo Slongo)
Con ritmi elevati su salite di 15 minuti (inteso quella di igls) , per loro Alaphilippe avrebbe avuto difficolta' (ed è poi quello che è successo)
Alaphilippe (e Guimard) la pensavano in altro modo (e son stati sconfitti)



Avatar utente
il_panta
Messaggi: 2687
Iscritto il: lunedì 21 maggio 2012, 13:39

Re: Mondiali 2018 - Prova in linea maschile Elite - 259,4 km

Messaggio da leggere da il_panta » giovedì 11 ottobre 2018, 22:44

pacho ha scritto:
domenica 30 settembre 2018, 16:48
il_panta ha scritto:
domenica 30 settembre 2018, 16:46
pacho ha scritto:
domenica 30 settembre 2018, 16:44
non so. Valverde è stato attaccato a Bardet con lo sputo. Moscon ha speso tanto prima del muro e secondo me se fosse stato coperto avrebbe avuto la forza per fare il vuoto, o comunque dare la botta che avrebbe fatto saltare Valverde. Ripeto, per 10 km prima del muro ha speso infinitamente in piu degli altri ed alla fine ha (giustamente) pagato. A continuare a fare il gregario ha dimenticato come si vincono le corse.
Valverde non ha mai perso un metro da Valverde, poi ha tirato il doppio e ha vinto la volata di una bici.
Dov'era attaccato con lo sputo?
Appena prima che cedesse Moscon.
Non capisco cosa c'entra che poi abbia tirato e vinto la volata.
e la volata l'ha vinta di poco piu di mezza bicicletta su un noto velocista come Bardet.
L'hanno fatta rivedere a Radiocorsa ora, mi hai corretto "una bicicletta" in "mezza bicicletta", e in realtà era una bicicletta e mezzo. Non che cambi così tanto il senso del discorso, era solo per precisare.




Rispondi