Mondiali 2018 - Prova in linea maschile Elite - 259,4 km

Il mondo dei professionisti tra gare e complessità, e più in generale l'approccio al ciclismo di ogni appassionato
Avatar utente
Walter_White
Messaggi: 10301
Iscritto il: mercoledì 23 marzo 2016, 18:01

Mondiali 2018 - Prova in linea maschile Elite - 259,4 km

Messaggio da leggere da Walter_White » mercoledì 26 settembre 2018, 17:13

Immagine

Immagine

Il mondiale più duro degli ultimi 38 anni.
Il mondiale con più favoriti e possibili vincitori degli ultimi anni.
La mia speranza è una sola: che si scateni l'inferno.


FCC 2017/18: 3°; Trofeo dei titoli; Campionato Europeo Donne Elite, Campionato del Mondo Donne Elite, ROTY


Avatar utente
Oro&Argento
Messaggi: 602
Iscritto il: giovedì 23 giugno 2016, 13:23

Re: Mondiali 2018 - Prova in linea maschile Elite - 259,4 km

Messaggio da leggere da Oro&Argento » mercoledì 26 settembre 2018, 17:24

La Francia ha una grande occasione con 4 corridori in forma sulla carta:Ala,Bardet,Pinot e Galoppin...



Avatar utente
aitutaki1
Messaggi: 215
Iscritto il: sabato 25 ottobre 2014, 12:02

Re: Mondiali 2018 - Prova in linea maschile Elite - 259,4 km

Messaggio da leggere da aitutaki1 » mercoledì 26 settembre 2018, 22:25

Se dovessimo vedere un attacco serio a 2 km dallo scollinamento del''ultima salita prima
di quello che chiamate muro sarà grasso che cola.
Certo che piovaschi sabato e brutto da lunedì .. con quasi otto ore in sella sotto l' acqua al freddo
dispiacerebbe per gli atleti ma sarebbe stato davvero emozionante.



Avatar utente
il_panta
Messaggi: 2699
Iscritto il: lunedì 21 maggio 2012, 13:39

Re: Mondiali 2018 - Prova in linea maschile Elite - 259,4 km

Messaggio da leggere da il_panta » mercoledì 26 settembre 2018, 22:27

aitutaki1 ha scritto:
mercoledì 26 settembre 2018, 22:25
Se dovessimo vedere un attacco serio a 2 km dallo scollinamento del''ultima salita prima
di quello che chiamate muro sarà grasso che cola.
Certo che piovaschi sabato e brutto da lunedì .. con quasi otto ore in sella sotto l' acqua al freddo
dispiacerebbe per gli atleti ma sarebbe stato davvero emozionante.
C'è un chilometro al 16% di media al suo interno, se non è un muro questo...



Avatar utente
aitutaki1
Messaggi: 215
Iscritto il: sabato 25 ottobre 2014, 12:02

Re: Mondiali 2018 - Prova in linea maschile Elite - 259,4 km

Messaggio da leggere da aitutaki1 » mercoledì 26 settembre 2018, 22:35

appunto quel segmento è un muro invece 320 mt di dislivello in 3 km scarsi è una salita vera da 10 minuti
fatta dopo 240 km e 7 volte la "salita pedalabile" più il muro iniziale metterà paura a molti
che avranno paura di bruciarsi prima

Intendo dire che è molto più difficile di un muro tipo Huy per citare il più celebre
come valori siamo al triplo in più dal tratto duro manca 1 km o quasi di salita vera allo scollinamento
Ultima modifica di aitutaki1 il mercoledì 26 settembre 2018, 22:51, modificato 1 volta in totale.




Avatar utente
Patate
Messaggi: 3290
Iscritto il: domenica 28 febbraio 2016, 23:23

Re: Mondiali 2018 - Prova in linea maschile Elite - 259,4 km

Messaggio da leggere da Patate » mercoledì 26 settembre 2018, 22:49

Oro&Argento ha scritto:
mercoledì 26 settembre 2018, 17:24
La Francia ha una grande occasione con 4 corridori in forma sulla carta:Ala,Bardet,Pinot e Galoppin...
Quello che si spera è che, essendo corridori che necessitano di letture di corsa completamente diverse, gestiscano il tutto con un po' di confusione


antani ha scritto:Non so perchè ma ho la sensazione che domani Aru possa arrivare dietro o davanti a Froome, stiamo a vedere sembra facile ma non è difficile

Avatar utente
aitutaki1
Messaggi: 215
Iscritto il: sabato 25 ottobre 2014, 12:02

Re: Mondiali 2018 - Prova in linea maschile Elite - 259,4 km

Messaggio da leggere da aitutaki1 » mercoledì 26 settembre 2018, 22:57

si spera .. anche io lo spero
ci vorrebbe qualche kamikaze al penultimo giro oppure una corsa anarchica molto ma molto difficile
Alaphilipphe secondo me è con valverde il favorito ma solo con andatura blanda
Pinot e Bardet non credo rischieranno prima dell' ultimo giro , speriamo in qualche Colombiano o Olandese



Avatar utente
il_panta
Messaggi: 2699
Iscritto il: lunedì 21 maggio 2012, 13:39

Re: Mondiali 2018 - Prova in linea maschile Elite - 259,4 km

Messaggio da leggere da il_panta » mercoledì 26 settembre 2018, 23:48

aitutaki1 ha scritto:
mercoledì 26 settembre 2018, 22:35
appunto quel segmento è un muro invece 320 mt di dislivello in 3 km scarsi è una salita vera da 10 minuti
fatta dopo 240 km e 7 volte la "salita pedalabile" più il muro iniziale metterà paura a molti
che avranno paura di bruciarsi prima

Intendo dire che è molto più difficile di un muro tipo Huy per citare il più celebre
come valori siamo al triplo in più dal tratto duro manca 1 km o quasi di salita vera allo scollinamento
Non avevo capito, pensavo stessi sminuendolo, invece è il contrario.
Io lo sto chiamando muro in contrapposizione alla pedalabile salita precedente.
Dato che alla Vuelta salite da 20-25 minuti come il Bizkaia vengono chiamati garage mi sono adeguato ai tempi!
Infatti per me, in uno scenario in cui c'è una fuga davanti e dietro un gruppo più nutrito in cui i protagonisti non si sono ancora mossi in prima persona, il gruppetto deve arrivare là con un minuto di vantaggio. Poi dipende chi c'è dentro e quanto ha lavorato, ma la differenza di energie spese su salite del genere si fa sentire. Chiunque lo abbia fatto in allenamento dei nostri ne ha parlato come di una salita davvero durissima, in cui ti viene voglia di mettere il piede a terra e secondo Moscon qualcuno tra i più stanchi lo farà. Chi spende troppo prima di quella salita là può perdere la corsa.
Su una salita del genere non so come se la giochi un Quintana contro un Alaphilippe. Per me bene, nel senso che 10 minuti è un range temporale in cui scalatori e scattisti forti in salita si mescolano bene ed è difficile capire chi possa prevalere.



Avatar utente
aitutaki1
Messaggi: 215
Iscritto il: sabato 25 ottobre 2014, 12:02

Re: Mondiali 2018 - Prova in linea maschile Elite - 259,4 km

Messaggio da leggere da aitutaki1 » giovedì 27 settembre 2018, 0:26

il_panta ha scritto:
mercoledì 26 settembre 2018, 23:48
Non avevo capito, pensavo stessi sminuendolo, invece è il contrario.
Io lo sto chiamando muro in contrapposizione alla pedalabile salita precedente.
Dato che alla Vuelta salite da 20-25 minuti come il Bizkaia vengono chiamati garage mi sono adeguato ai tempi!
Infatti per me, in uno scenario in cui c'è una fuga davanti e dietro un gruppo più nutrito in cui i protagonisti non si sono ancora mossi in prima persona, il gruppetto deve arrivare là con un minuto di vantaggio. Poi dipende chi c'è dentro e quanto ha lavorato, ma la differenza di energie spese su salite del genere si fa sentire. Chiunque lo abbia fatto in allenamento dei nostri ne ha parlato come di una salita davvero durissima, in cui ti viene voglia di mettere il piede a terra e secondo Moscon qualcuno tra i più stanchi lo farà. Chi spende troppo prima di quella salita là può perdere la corsa.
Su una salita del genere non so come se la giochi un Quintana contro un Alaphilippe. Per me bene, nel senso che 10 minuti è un range temporale in cui scalatori e scattisti forti in salita si mescolano bene ed è difficile capire chi possa prevalere.
Sono totalmente daccordo, le salite alla vuelta le chiamiamo ormai tutti garage perchè è il format della vuelta arrivo su salita secca spesso
con punte di dislivello pazzesche (tipo los machucos).
Anche io con un Quintana decente (non questo di fine stagione )lo darei favorito su Alaphilippe e sarà interessante vedere
chi si esprimerà meglio, solo diciamo sempre che la corsa (dura) la fanno i corridori e mi sa che è anche più vero del solito.
Intendo dire che se fosse animata con un percorso così Alaphilippe non avrebbe chances , GVA a minuti, Sagan ritirato
ma sarà così? Spero in un Lopez o un Kruijswijk all' attacco perchè ai vari Henao, Mollema o Majka credo poco, magari Bardet
che dei tre francesi sarebbe quello più indiziato per anticipare.
Ma temo tanto la pascolata e opinione personale se ti porti a spasso Alaphilippe e Valverde (che di fondo ne hanno) lotti dal terzo posto in poi
tranne forse yates che come accelerazioni quest'anno mi ha impressionato.



frcre
Messaggi: 54
Iscritto il: domenica 29 maggio 2016, 18:08

Re: Mondiali 2018 - Prova in linea maschile Elite - 259,4 km

Messaggio da leggere da frcre » giovedì 27 settembre 2018, 0:35

il_panta ha scritto:
mercoledì 26 settembre 2018, 23:48
aitutaki1 ha scritto:
mercoledì 26 settembre 2018, 22:35
appunto quel segmento è un muro invece 320 mt di dislivello in 3 km scarsi è una salita vera da 10 minuti
fatta dopo 240 km e 7 volte la "salita pedalabile" più il muro iniziale metterà paura a molti
che avranno paura di bruciarsi prima

Intendo dire che è molto più difficile di un muro tipo Huy per citare il più celebre
come valori siamo al triplo in più dal tratto duro manca 1 km o quasi di salita vera allo scollinamento
Non avevo capito, pensavo stessi sminuendolo, invece è il contrario.
Io lo sto chiamando muro in contrapposizione alla pedalabile salita precedente.
Dato che alla Vuelta salite da 20-25 minuti come il Bizkaia vengono chiamati garage mi sono adeguato ai tempi!
Infatti per me, in uno scenario in cui c'è una fuga davanti e dietro un gruppo più nutrito in cui i protagonisti non si sono ancora mossi in prima persona, il gruppetto deve arrivare là con un minuto di vantaggio. Poi dipende chi c'è dentro e quanto ha lavorato, ma la differenza di energie spese su salite del genere si fa sentire. Chiunque lo abbia fatto in allenamento dei nostri ne ha parlato come di una salita davvero durissima, in cui ti viene voglia di mettere il piede a terra e secondo Moscon qualcuno tra i più stanchi lo farà. Chi spende troppo prima di quella salita là può perdere la corsa.
Su una salita del genere non so come se la giochi un Quintana contro un Alaphilippe. Per me bene, nel senso che 10 minuti è un range temporale in cui scalatori e scattisti forti in salita si mescolano bene ed è difficile capire chi possa prevalere.
Se la tappa fosse piatta con rampa finale di 3km senza dubbio Alaphilippe sarebbe il favorito.
Il problema è che il muro finale verrà affrontato dopo 250 km e 60 km di salita con 4000 metri di dislivello e 7 ore e rotti di corsa sulle gambe.
Secondo me uno come Alaphilippe se non salta prima rischia di arrivare all'ultima salita con le polveri bagnate, e qui non si tratta di fare 300 metri in apnea, ma il muro vero e proprio è di 1 km al 16% (circa 4 minuti e mezzo), viene dopo 1 km all'8% e precede 1 km all'8% dove chi riesce a tenere un minimo di energie può fare il vuoto vero e proprio.
Per questo secondo me emergeranno più i diesel che gli scattisti esplosivi.
Sarebbe stato perfetto per un Nibali in forma.
Dumoulin non ha convinto nella crono
Occhio a Superman :old:



frcre
Messaggi: 54
Iscritto il: domenica 29 maggio 2016, 18:08

Re: Mondiali 2018 - Prova in linea maschile Elite - 259,4 km

Messaggio da leggere da frcre » giovedì 27 settembre 2018, 0:38

aitutaki1 ha scritto:
giovedì 27 settembre 2018, 0:26
il_panta ha scritto:
mercoledì 26 settembre 2018, 23:48
Non avevo capito, pensavo stessi sminuendolo, invece è il contrario.
Io lo sto chiamando muro in contrapposizione alla pedalabile salita precedente.
Dato che alla Vuelta salite da 20-25 minuti come il Bizkaia vengono chiamati garage mi sono adeguato ai tempi!
Infatti per me, in uno scenario in cui c'è una fuga davanti e dietro un gruppo più nutrito in cui i protagonisti non si sono ancora mossi in prima persona, il gruppetto deve arrivare là con un minuto di vantaggio. Poi dipende chi c'è dentro e quanto ha lavorato, ma la differenza di energie spese su salite del genere si fa sentire. Chiunque lo abbia fatto in allenamento dei nostri ne ha parlato come di una salita davvero durissima, in cui ti viene voglia di mettere il piede a terra e secondo Moscon qualcuno tra i più stanchi lo farà. Chi spende troppo prima di quella salita là può perdere la corsa.
Su una salita del genere non so come se la giochi un Quintana contro un Alaphilippe. Per me bene, nel senso che 10 minuti è un range temporale in cui scalatori e scattisti forti in salita si mescolano bene ed è difficile capire chi possa prevalere.
Sono totalmente daccordo, le salite alla vuelta le chiamiamo ormai tutti garage perchè è il format della vuelta arrivo su salita secca spesso
con punte di dislivello pazzesche (tipo los machucos).
Anche io con un Quintana decente (non questo di fine stagione )lo darei favorito su Alaphilippe e sarà interessante vedere
chi si esprimerà meglio, solo diciamo sempre che la corsa (dura) la fanno i corridori e mi sa che è anche più vero del solito.
Intendo dire che se fosse animata con un percorso così Alaphilippe non avrebbe chances , GVA a minuti, Sagan ritirato
ma sarà così? Spero in un Lopez o un Kruijswijk all' attacco perchè ai vari Henao, Mollema o Majka credo poco, magari Bardet
che dei tre francesi sarebbe quello più indiziato per anticipare.
Ma temo tanto la pascolata e opinione personale se ti porti a spasso Alaphilippe e Valverde (che di fondo ne hanno) lotti dal terzo posto in poi
tranne forse yates che come accelerazioni quest'anno mi ha impressionato.
A me piacerebbe vedere un forcing di Olanda e Colombia negli ultimi due giri che porti ad arrivare in massimo una decina ai piedi del muro e al traguardo ad uno ad uno.



Avatar utente
il_panta
Messaggi: 2699
Iscritto il: lunedì 21 maggio 2012, 13:39

Re: Mondiali 2018 - Prova in linea maschile Elite - 259,4 km

Messaggio da leggere da il_panta » giovedì 27 settembre 2018, 0:48

frcre ha scritto:
giovedì 27 settembre 2018, 0:35
il_panta ha scritto:
mercoledì 26 settembre 2018, 23:48
aitutaki1 ha scritto:
mercoledì 26 settembre 2018, 22:35
appunto quel segmento è un muro invece 320 mt di dislivello in 3 km scarsi è una salita vera da 10 minuti
fatta dopo 240 km e 7 volte la "salita pedalabile" più il muro iniziale metterà paura a molti
che avranno paura di bruciarsi prima

Intendo dire che è molto più difficile di un muro tipo Huy per citare il più celebre
come valori siamo al triplo in più dal tratto duro manca 1 km o quasi di salita vera allo scollinamento
Non avevo capito, pensavo stessi sminuendolo, invece è il contrario.
Io lo sto chiamando muro in contrapposizione alla pedalabile salita precedente.
Dato che alla Vuelta salite da 20-25 minuti come il Bizkaia vengono chiamati garage mi sono adeguato ai tempi!
Infatti per me, in uno scenario in cui c'è una fuga davanti e dietro un gruppo più nutrito in cui i protagonisti non si sono ancora mossi in prima persona, il gruppetto deve arrivare là con un minuto di vantaggio. Poi dipende chi c'è dentro e quanto ha lavorato, ma la differenza di energie spese su salite del genere si fa sentire. Chiunque lo abbia fatto in allenamento dei nostri ne ha parlato come di una salita davvero durissima, in cui ti viene voglia di mettere il piede a terra e secondo Moscon qualcuno tra i più stanchi lo farà. Chi spende troppo prima di quella salita là può perdere la corsa.
Su una salita del genere non so come se la giochi un Quintana contro un Alaphilippe. Per me bene, nel senso che 10 minuti è un range temporale in cui scalatori e scattisti forti in salita si mescolano bene ed è difficile capire chi possa prevalere.
Se la tappa fosse piatta con rampa finale di 3km senza dubbio Alaphilippe sarebbe il favorito.
Il problema è che il muro finale verrà affrontato dopo 250 km e 60 km di salita con 4000 metri di dislivello e 7 ore e rotti di corsa sulle gambe.
Secondo me uno come Alaphilippe se non salta prima rischia di arrivare all'ultima salita con le polveri bagnate, e qui non si tratta di fare 300 metri in apnea, ma il muro vero e proprio è di 1 km al 16% (circa 4 minuti e mezzo), viene dopo 1 km all'8% e precede 1 km all'8% dove chi riesce a tenere un minimo di energie può fare il vuoto vero e proprio.
Per questo secondo me emergeranno più i diesel che gli scattisti esplosivi.
Sarebbe stato perfetto per un Nibali in forma.
Dumoulin non ha convinto nella crono
Occhio a Superman :old:
Io non penso che Alaphilippe faccia il vuoto in salita infatti, sospetto che se scollina a 10 secondi dalla testa della corsa possa essere il favorito in volata, Valverde permettendo.
Comunque questi discorsi che stiamo facendo suggeriscono che la corsa si deciderà là, sulla salita finale. Se non si riesce a capire a priori che tipo di corridori possa emergere su una salita del genere, saranno in molti a sperare di fare risultato e a non scoprire le carte troppo presto. A meno che non vada via una fuga con dentro olandesi, belgi, uno spagnolo, un francese, un italiano, e allora saranno tutti (o quasi contenti). Comunque io dei grandi nomi mi aspetto Nibali, forse Adam Yates, che si muovano in anticipo. Simon ha troppi occhi puntati addosso per farlo.
Mi aspetto che si giochino le proprie cartucce sulla salita finale Valverde, Mas, Alaphilippe, Bardet, Pinot, Dumoulin, Poels, Moscon, Kiato, Simon Yates, Quintana, Lopez, Uran. Roglic, Woods e forse altri. Non mi aspetto mosse anticipate da questi.
So che la corsa non è una Freccia Vallone, ma anche là ci sarebbe lo spazio per fare della selezione e tutti si accontentano di cercare il secondo posto dietro Valverde; concretamente parlando sono in due o tre quelli che possono sperare di vincere, negli ultimi anni, non di più. Mi aspetto che molti si accontentino anche qua, in virtù del fatto che è molto più difficile pronosticare chi potrà andar bene e chi no, non sono solo due o tre i nomi che possono vincere se arrivano in 30 sotto il muro, ma almeno una decina abbondante, perché la corsa non finisce là e perché la salita è nuova. Dopo quella salita la corsa la può vincere anche un fagiano, non c'è necessità di essere quello con le gambe migliori.



Avatar utente
aitutaki1
Messaggi: 215
Iscritto il: sabato 25 ottobre 2014, 12:02

Re: Mondiali 2018 - Prova in linea maschile Elite - 259,4 km

Messaggio da leggere da aitutaki1 » giovedì 27 settembre 2018, 0:54

Ho cercato un po' di ricognizioni su youtube e ho visto solo spezzoni, in compenso ho visto un po' della discesa finale
tolgo quindi Pinot dai favoriti :diavoletto:
Certo che per un Nibali tipo Lombardia 17 sarebbe stato il percorso perfetto



frcre
Messaggi: 54
Iscritto il: domenica 29 maggio 2016, 18:08

Re: Mondiali 2018 - Prova in linea maschile Elite - 259,4 km

Messaggio da leggere da frcre » giovedì 27 settembre 2018, 0:59

il_panta ha scritto:
giovedì 27 settembre 2018, 0:48
frcre ha scritto:
giovedì 27 settembre 2018, 0:35
il_panta ha scritto:
mercoledì 26 settembre 2018, 23:48


Non avevo capito, pensavo stessi sminuendolo, invece è il contrario.
Io lo sto chiamando muro in contrapposizione alla pedalabile salita precedente.
Dato che alla Vuelta salite da 20-25 minuti come il Bizkaia vengono chiamati garage mi sono adeguato ai tempi!
Infatti per me, in uno scenario in cui c'è una fuga davanti e dietro un gruppo più nutrito in cui i protagonisti non si sono ancora mossi in prima persona, il gruppetto deve arrivare là con un minuto di vantaggio. Poi dipende chi c'è dentro e quanto ha lavorato, ma la differenza di energie spese su salite del genere si fa sentire. Chiunque lo abbia fatto in allenamento dei nostri ne ha parlato come di una salita davvero durissima, in cui ti viene voglia di mettere il piede a terra e secondo Moscon qualcuno tra i più stanchi lo farà. Chi spende troppo prima di quella salita là può perdere la corsa.
Su una salita del genere non so come se la giochi un Quintana contro un Alaphilippe. Per me bene, nel senso che 10 minuti è un range temporale in cui scalatori e scattisti forti in salita si mescolano bene ed è difficile capire chi possa prevalere.
Se la tappa fosse piatta con rampa finale di 3km senza dubbio Alaphilippe sarebbe il favorito.
Il problema è che il muro finale verrà affrontato dopo 250 km e 60 km di salita con 4000 metri di dislivello e 7 ore e rotti di corsa sulle gambe.
Secondo me uno come Alaphilippe se non salta prima rischia di arrivare all'ultima salita con le polveri bagnate, e qui non si tratta di fare 300 metri in apnea, ma il muro vero e proprio è di 1 km al 16% (circa 4 minuti e mezzo), viene dopo 1 km all'8% e precede 1 km all'8% dove chi riesce a tenere un minimo di energie può fare il vuoto vero e proprio.
Per questo secondo me emergeranno più i diesel che gli scattisti esplosivi.
Sarebbe stato perfetto per un Nibali in forma.
Dumoulin non ha convinto nella crono
Occhio a Superman :old:
Io non penso che Alaphilippe faccia il vuoto in salita infatti, sospetto che se scollina a 10 secondi dalla testa della corsa possa essere il favorito in volata, Valverde permettendo.
Comunque questi discorsi che stiamo facendo suggeriscono che la corsa si deciderà là, sulla salita finale. Se non si riesce a capire a priori che tipo di corridori possa emergere su una salita del genere, saranno in molti a sperare di fare risultato e a non scoprire le carte troppo presto. A meno che non vada via una fuga con dentro olandesi, belgi, uno spagnolo, un francese, un italiano, e allora saranno tutti (o quasi contenti). Comunque io dei grandi nomi mi aspetto Nibali, forse Adam Yates, che si muovano in anticipo. Simon ha troppi occhi puntati addosso per farlo.
Mi aspetto che si giochino le proprie cartucce sulla salita finale Valverde, Mas, Alaphilippe, Bardet, Pinot, Dumoulin, Poels, Moscon, Kiato, Simon Yates, Quintana, Lopez, Uran. Roglic, Woods e forse altri. Non mi aspetto mosse anticipate da questi.
So che la corsa non è una Freccia Vallone, ma anche là ci sarebbe lo spazio per fare della selezione e tutti si accontentano di cercare il secondo posto dietro Valverde; concretamente parlando sono in due o tre quelli che possono sperare di vincere, negli ultimi anni, non di più. Mi aspetto che molti si accontentino anche qua, in virtù del fatto che è molto più difficile pronosticare chi potrà andar bene e chi no, non sono solo due o tre i nomi che possono vincere se arrivano in 30 sotto il muro, ma almeno una decina abbondante, perché la corsa non finisce là e perché la salita è nuova. Dopo quella salita la corsa la può vincere anche un fagiano, non c'è necessità di essere quello con le gambe migliori.
Io la vedo diversamente, per me con una salita del genere affrontata dopo tutti quei km e dislivello vince quello con le gambe migliori che va via sul tratto al 16% e incrementa il vantaggio nel tratto all'8%.
Non è un muro di 500/600 in cui puoi riuscire a stringere i denti, qua se non ne hai scollini con un paio di minuti di distacco.
Poi se non c'è quello con le gambe nettamente migliori potrebbero scollinare in 2-3-4-5.
Non ce lo vedo un gruppetto di 10/15 in cima



Avatar utente
il_panta
Messaggi: 2699
Iscritto il: lunedì 21 maggio 2012, 13:39

Re: Mondiali 2018 - Prova in linea maschile Elite - 259,4 km

Messaggio da leggere da il_panta » giovedì 27 settembre 2018, 1:07

frcre ha scritto:
giovedì 27 settembre 2018, 0:59
il_panta ha scritto:
giovedì 27 settembre 2018, 0:48
frcre ha scritto:
giovedì 27 settembre 2018, 0:35


Se la tappa fosse piatta con rampa finale di 3km senza dubbio Alaphilippe sarebbe il favorito.
Il problema è che il muro finale verrà affrontato dopo 250 km e 60 km di salita con 4000 metri di dislivello e 7 ore e rotti di corsa sulle gambe.
Secondo me uno come Alaphilippe se non salta prima rischia di arrivare all'ultima salita con le polveri bagnate, e qui non si tratta di fare 300 metri in apnea, ma il muro vero e proprio è di 1 km al 16% (circa 4 minuti e mezzo), viene dopo 1 km all'8% e precede 1 km all'8% dove chi riesce a tenere un minimo di energie può fare il vuoto vero e proprio.
Per questo secondo me emergeranno più i diesel che gli scattisti esplosivi.
Sarebbe stato perfetto per un Nibali in forma.
Dumoulin non ha convinto nella crono
Occhio a Superman :old:
Io non penso che Alaphilippe faccia il vuoto in salita infatti, sospetto che se scollina a 10 secondi dalla testa della corsa possa essere il favorito in volata, Valverde permettendo.
Comunque questi discorsi che stiamo facendo suggeriscono che la corsa si deciderà là, sulla salita finale. Se non si riesce a capire a priori che tipo di corridori possa emergere su una salita del genere, saranno in molti a sperare di fare risultato e a non scoprire le carte troppo presto. A meno che non vada via una fuga con dentro olandesi, belgi, uno spagnolo, un francese, un italiano, e allora saranno tutti (o quasi contenti). Comunque io dei grandi nomi mi aspetto Nibali, forse Adam Yates, che si muovano in anticipo. Simon ha troppi occhi puntati addosso per farlo.
Mi aspetto che si giochino le proprie cartucce sulla salita finale Valverde, Mas, Alaphilippe, Bardet, Pinot, Dumoulin, Poels, Moscon, Kiato, Simon Yates, Quintana, Lopez, Uran. Roglic, Woods e forse altri. Non mi aspetto mosse anticipate da questi.
So che la corsa non è una Freccia Vallone, ma anche là ci sarebbe lo spazio per fare della selezione e tutti si accontentano di cercare il secondo posto dietro Valverde; concretamente parlando sono in due o tre quelli che possono sperare di vincere, negli ultimi anni, non di più. Mi aspetto che molti si accontentino anche qua, in virtù del fatto che è molto più difficile pronosticare chi potrà andar bene e chi no, non sono solo due o tre i nomi che possono vincere se arrivano in 30 sotto il muro, ma almeno una decina abbondante, perché la corsa non finisce là e perché la salita è nuova. Dopo quella salita la corsa la può vincere anche un fagiano, non c'è necessità di essere quello con le gambe migliori.
Io la vedo diversamente, per me con una salita del genere affrontata dopo tutti quei km e dislivello vince quello con le gambe migliori che va via sul tratto al 16% e incrementa il vantaggio nel tratto all'8%.
Non è un muro di 500/600 in cui puoi riuscire a stringere i denti, qua se non ne hai scollini con un paio di minuti di distacco.
Poi se non c'è quello con le gambe nettamente migliori potrebbero scollinare in 2-3-4-5.
Non ce lo vedo un gruppetto di 10/15 in cima
Neppure io vedo un gruppetto di 10/15 in cima, ma 3 o 4 magari sì. 10/15 per sono quelli che possono arrivare ai piedi della salita finale con speranze di vittoria, ed essendo in tanti sospetto che la corsa risulterà bloccata. Dopo la salita finale qualcuno può rientrare in discesa o in pianura approfittando di un po' di marcamenti. Ad esempio immaginati che scollinano Lopez, Bardet e Valverde (tre nomi a caso) con Alaphilippe poco dietro. A quel punto Bardet smette di tirare, Lopez lo fa col freno a mano perché in quella situazione è sicuramente battuto, Valverde indugia, e oltre ad Alaphilippe possono rientrare anche in altri 3 o 4. A quel punto, con 6/7 corridori davanti le fagianate possono risultare vincenti. Scatta un Fuglsang, tutti stanno a guardare Valverde e nel frattempo il danese vince la corsa. Tutto questo scenario è buttato a caso, ma è per spiegare come la vedo e perché manchi un presupposto fondamentale per avere corse aperta da lontano: ci sono troppi corridori che se la possono giocare nel finale.



Avatar utente
MPC...Non credibile
Messaggi: 100
Iscritto il: sabato 22 marzo 2014, 21:41

Re: Mondiali 2018 - Prova in linea maschile Elite - 259,4 km

Messaggio da leggere da MPC...Non credibile » giovedì 27 settembre 2018, 1:10

Ma tutto questo scetticismo su Nibali è scaramanzia o siete certi non ne abbia? Per me ne ha eccome. E, a meno di sfighe tipo Rio o Iglinskiy di turno, vince lui: è il percorso perfetto per lo squalo


Ferrari è un ottimo dottore: Movimento Contro il Ciclismo Pulito

Avatar utente
il_panta
Messaggi: 2699
Iscritto il: lunedì 21 maggio 2012, 13:39

Re: Mondiali 2018 - Prova in linea maschile Elite - 259,4 km

Messaggio da leggere da il_panta » giovedì 27 settembre 2018, 1:16

MPC...Non credibile ha scritto:
giovedì 27 settembre 2018, 1:10
Ma tutto questo scetticismo su Nibali è scaramanzia o siete certi non ne abbia? Per me ne ha eccome. E, a meno di sfighe tipo Rio o Iglinskiy di turno, vince lui: è il percorso perfetto per lo squalo
Se vince su questo percorso vuol dire che finora c'ha preso per il culo. Ci sta, lo spero, l'ho creduto fino a poco fa ma ultimamente non sono più così convinto.



frcre
Messaggi: 54
Iscritto il: domenica 29 maggio 2016, 18:08

Re: Mondiali 2018 - Prova in linea maschile Elite - 259,4 km

Messaggio da leggere da frcre » giovedì 27 settembre 2018, 1:17

il_panta ha scritto:
giovedì 27 settembre 2018, 1:07
frcre ha scritto:
giovedì 27 settembre 2018, 0:59
il_panta ha scritto:
giovedì 27 settembre 2018, 0:48


Io non penso che Alaphilippe faccia il vuoto in salita infatti, sospetto che se scollina a 10 secondi dalla testa della corsa possa essere il favorito in volata, Valverde permettendo.
Comunque questi discorsi che stiamo facendo suggeriscono che la corsa si deciderà là, sulla salita finale. Se non si riesce a capire a priori che tipo di corridori possa emergere su una salita del genere, saranno in molti a sperare di fare risultato e a non scoprire le carte troppo presto. A meno che non vada via una fuga con dentro olandesi, belgi, uno spagnolo, un francese, un italiano, e allora saranno tutti (o quasi contenti). Comunque io dei grandi nomi mi aspetto Nibali, forse Adam Yates, che si muovano in anticipo. Simon ha troppi occhi puntati addosso per farlo.
Mi aspetto che si giochino le proprie cartucce sulla salita finale Valverde, Mas, Alaphilippe, Bardet, Pinot, Dumoulin, Poels, Moscon, Kiato, Simon Yates, Quintana, Lopez, Uran. Roglic, Woods e forse altri. Non mi aspetto mosse anticipate da questi.
So che la corsa non è una Freccia Vallone, ma anche là ci sarebbe lo spazio per fare della selezione e tutti si accontentano di cercare il secondo posto dietro Valverde; concretamente parlando sono in due o tre quelli che possono sperare di vincere, negli ultimi anni, non di più. Mi aspetto che molti si accontentino anche qua, in virtù del fatto che è molto più difficile pronosticare chi potrà andar bene e chi no, non sono solo due o tre i nomi che possono vincere se arrivano in 30 sotto il muro, ma almeno una decina abbondante, perché la corsa non finisce là e perché la salita è nuova. Dopo quella salita la corsa la può vincere anche un fagiano, non c'è necessità di essere quello con le gambe migliori.
Io la vedo diversamente, per me con una salita del genere affrontata dopo tutti quei km e dislivello vince quello con le gambe migliori che va via sul tratto al 16% e incrementa il vantaggio nel tratto all'8%.
Non è un muro di 500/600 in cui puoi riuscire a stringere i denti, qua se non ne hai scollini con un paio di minuti di distacco.
Poi se non c'è quello con le gambe nettamente migliori potrebbero scollinare in 2-3-4-5.
Non ce lo vedo un gruppetto di 10/15 in cima
Neppure io vedo un gruppetto di 10/15 in cima, ma 3 o 4 magari sì. 10/15 per sono quelli che possono arrivare ai piedi della salita finale con speranze di vittoria, ed essendo in tanti sospetto che la corsa risulterà bloccata. Dopo la salita finale qualcuno può rientrare in discesa o in pianura approfittando di un po' di marcamenti. Ad esempio immaginati che scollinano Lopez, Bardet e Valverde (tre nomi a caso) con Alaphilippe poco dietro. A quel punto Bardet smette di tirare, Lopez lo fa col freno a mano perché in quella situazione è sicuramente battuto, Valverde indugia, e oltre ad Alaphilippe possono rientrare anche in altri 3 o 4. A quel punto, con 6/7 corridori davanti le fagianate possono risultare vincenti. Scatta un Fuglsang, tutti stanno a guardare Valverde e nel frattempo il danese vince la corsa. Tutto questo scenario è buttato a caso, ma è per spiegare come la vedo e perché manchi un presupposto fondamentale per avere corse aperta da lontano: ci sono troppi corridori che se la possono giocare nel finale.
Il punto è che secondo me se arrivano in 10/15 ai piedi dell'ultima salita Alaphilippe non c'è tra i 10/15.



Avatar utente
aitutaki1
Messaggi: 215
Iscritto il: sabato 25 ottobre 2014, 12:02

Re: Mondiali 2018 - Prova in linea maschile Elite - 259,4 km

Messaggio da leggere da aitutaki1 » giovedì 27 settembre 2018, 1:18

il_panta ha scritto:
giovedì 27 settembre 2018, 1:07
[

Neppure io vedo un gruppetto di 10/15 in cima, ma 3 o 4 magari sì. 10/15 per sono quelli che possono arrivare ai piedi della salita finale con speranze di vittoria, ed essendo in tanti sospetto che la corsa risulterà bloccata. Dopo la salita finale qualcuno può rientrare in discesa o in pianura approfittando di un po' di marcamenti. Ad esempio immaginati che scollinano Lopez, Bardet e Valverde (tre nomi a caso) con Alaphilippe poco dietro. A quel punto Bardet smette di tirare, Lopez lo fa col freno a mano perché in quella situazione è sicuramente battuto, Valverde indugia, e oltre ad Alaphilippe possono rientrare anche in altri 3 o 4. A quel punto, con 6/7 corridori davanti le fagianate possono risultare vincenti. Scatta un Fuglsang, tutti stanno a guardare Valverde e nel frattempo il danese vince la corsa. Tutto questo scenario è buttato a caso, ma è per spiegare come la vedo e perché manchi un presupposto fondamentale per avere corse aperta da lontano: ci sono troppi corridori che se la possono giocare nel finale.
In generale sono d' accordo ma in uno scenario come quello proposto Valverde (che in discesa è un fenomeno) lo rivedi all arrivo.
Che Fuglsang possa stare con i migliori non ci crederei nemmeno se lo vedessi, magari Roglic.
Anche per me corsa chiusa o quasi al massimo attacchi sul tratto al 10% della penultima salita, in ogni
caso attacchi suicidi, anche a spremerti quanto puoi guadagnare ?



frcre
Messaggi: 54
Iscritto il: domenica 29 maggio 2016, 18:08

Re: Mondiali 2018 - Prova in linea maschile Elite - 259,4 km

Messaggio da leggere da frcre » giovedì 27 settembre 2018, 1:27

aitutaki1 ha scritto:
giovedì 27 settembre 2018, 1:18
il_panta ha scritto:
giovedì 27 settembre 2018, 1:07
[

Neppure io vedo un gruppetto di 10/15 in cima, ma 3 o 4 magari sì. 10/15 per sono quelli che possono arrivare ai piedi della salita finale con speranze di vittoria, ed essendo in tanti sospetto che la corsa risulterà bloccata. Dopo la salita finale qualcuno può rientrare in discesa o in pianura approfittando di un po' di marcamenti. Ad esempio immaginati che scollinano Lopez, Bardet e Valverde (tre nomi a caso) con Alaphilippe poco dietro. A quel punto Bardet smette di tirare, Lopez lo fa col freno a mano perché in quella situazione è sicuramente battuto, Valverde indugia, e oltre ad Alaphilippe possono rientrare anche in altri 3 o 4. A quel punto, con 6/7 corridori davanti le fagianate possono risultare vincenti. Scatta un Fuglsang, tutti stanno a guardare Valverde e nel frattempo il danese vince la corsa. Tutto questo scenario è buttato a caso, ma è per spiegare come la vedo e perché manchi un presupposto fondamentale per avere corse aperta da lontano: ci sono troppi corridori che se la possono giocare nel finale.
In generale sono d' accordo ma in uno scenario come quello proposto Valverde (che in discesa è un fenomeno) lo rivedi all arrivo.
Che Fuglsang possa stare con i migliori non ci crederei nemmeno se lo vedessi, magari Roglic.
Anche per me corsa chiusa o quasi al massimo attacchi sul tratto al 10% della penultima salita, in ogni
caso attacchi suicidi, anche a spremerti quanto puoi guadagnare ?
Secondo me un attacco all'ultimo giro è suicida.
Uno come Moscon dovrebbe cercare di portare via un gruppetto di una decina di corridori con le maggiori nazionali rappresentate al penultimo o al terzultimo giro.



Avatar utente
Walter_White
Messaggi: 10301
Iscritto il: mercoledì 23 marzo 2016, 18:01

Re: Mondiali 2018 - Prova in linea maschile Elite - 259,4 km

Messaggio da leggere da Walter_White » giovedì 27 settembre 2018, 6:43

Per me si risolverà prima del Gramartboden


FCC 2017/18: 3°; Trofeo dei titoli; Campionato Europeo Donne Elite, Campionato del Mondo Donne Elite, ROTY

Avatar utente
GregLemond
Messaggi: 1329
Iscritto il: sabato 6 settembre 2014, 20:00

Re: Mondiali 2018 - Prova in linea maschile Elite - 259,4 km

Messaggio da leggere da GregLemond » giovedì 27 settembre 2018, 8:26

Premesso che l' ultima salita messa cosi, ad cazzum, una sola volta sciupa tutto il disegno...se utilizzano solo e solo quella per far casino si meritano che vinca Valverde.



ucci90
Messaggi: 1588
Iscritto il: martedì 11 settembre 2012, 9:52

Re: Mondiali 2018 - Prova in linea maschile Elite - 259,4 km

Messaggio da leggere da ucci90 » giovedì 27 settembre 2018, 9:19

Si parla sempre di questa fantomatica azione al terzultimo/penultimo giro che decide il mondiale, ma da quanto non si verifica?
Per me l'Italia deve coprirsi in ogni fuga con i vari Caruso/Pozzovivo/De Marchi, ma tenere al sicuro Nibali e Moscon in gruppo perché la corsa vivrà sulla selezione da dietro e all'ultimo giro chi ne avrà andrà come a Firenze.



Avatar utente
GregLemond
Messaggi: 1329
Iscritto il: sabato 6 settembre 2014, 20:00

Re: Mondiali 2018 - Prova in linea maschile Elite - 259,4 km

Messaggio da leggere da GregLemond » giovedì 27 settembre 2018, 9:25

ucci90 ha scritto:
giovedì 27 settembre 2018, 9:19
Si parla sempre di questa fantomatica azione al terzultimo/penultimo giro che decide il mondiale, ma da quanto non si verifica?
Per me l'Italia deve coprirsi in ogni fuga con i vari Caruso/Pozzovivo/De Marchi, ma tenere al sicuro Nibali e Moscon in gruppo perché la corsa vivrà sulla selezione da dietro e all'ultimo giro chi ne avrà andrà come a Firenze.
A Firenze l azione di Scarponi doveva essere al giro prima



lucks83
Messaggi: 489
Iscritto il: sabato 18 maggio 2013, 13:11

Re: Mondiali 2018 - Prova in linea maschile Elite - 259,4 km

Messaggio da leggere da lucks83 » giovedì 27 settembre 2018, 10:06

GregLemond ha scritto:
giovedì 27 settembre 2018, 8:26
Premesso che l' ultima salita messa cosi, ad cazzum, una sola volta sciupa tutto il disegno...se utilizzano solo e solo quella per far casino si meritano che vinca Valverde.
Anche a me non pare il massimo della libidine quell'ultima salita piazzata li. È la classica salita che ti fa paura e ingessa la corsa fino all'ultimo giro, anzi proprio all'ultima salita. Hai voglia ad attaccare prima, se poi ti pianti sul Gramartboten o come si chiama. Mah..



jumbo
Messaggi: 4296
Iscritto il: sabato 1 ottobre 2011, 10:42

Re: Mondiali 2018 - Prova in linea maschile Elite - 259,4 km

Messaggio da leggere da jumbo » giovedì 27 settembre 2018, 10:13

Il problema è che se ti porti Alaphilippe o un Valverde in forma sul muro finale, rischi che ti lasci lì lui, per cui conviene sfiancarli e possibilmente staccarli prima sulla salita lunga, quindi per alcuni il muro finale è un incitamento a muoversi prima.



beppesaronni
Messaggi: 2772
Iscritto il: mercoledì 9 maggio 2012, 17:25

Re: Mondiali 2018 - Prova in linea maschile Elite - 259,4 km

Messaggio da leggere da beppesaronni » giovedì 27 settembre 2018, 10:29

MPC...Non credibile ha scritto:
giovedì 27 settembre 2018, 1:10
Ma tutto questo scetticismo su Nibali è scaramanzia o siete certi non ne abbia? Per me ne ha eccome. E, a meno di sfighe tipo Rio o Iglinskiy di turno, vince lui: è il percorso perfetto per lo squalo
Ma per l'amor del cielo, su .... è più facile che vinca uno tra Froome e Geriant Thomas!


Ad Insbruck, Valverde e Nibali non arriveranno nei primi 5.

AntiGazza
Messaggi: 1163
Iscritto il: venerdì 15 aprile 2011, 12:23

Re: Mondiali 2018 - Prova in linea maschile Elite - 259,4 km

Messaggio da leggere da AntiGazza » giovedì 27 settembre 2018, 10:39

Scrissi tempo fa che a me sarebbe piaciuto di + se il percorso avesse fatto entrambe le salite, magari 5 giri al posto di 7.
Però non so se sia fattibile o meno .

In ogni caso se una nazionale vuol fare corsa dura, deve farla da subito, già al primo giro ritmo forte sulla salita di 8 km.
Allora si che si screma il gruppo e si può provare a fare qualcosa di importante.
Ma ce'è una nazionale che può fare un lavoro simile ?



Avatar utente
aitutaki1
Messaggi: 215
Iscritto il: sabato 25 ottobre 2014, 12:02

Re: Mondiali 2018 - Prova in linea maschile Elite - 259,4 km

Messaggio da leggere da aitutaki1 » giovedì 27 settembre 2018, 11:19

AntiGazza ha scritto:
giovedì 27 settembre 2018, 10:39
Scrissi tempo fa che a me sarebbe piaciuto di + se il percorso avesse fatto entrambe le salite, magari 5 giri al posto di 7.
Però non so se sia fattibile o meno .

In ogni caso se una nazionale vuol fare corsa dura, deve farla da subito, già al primo giro ritmo forte sulla salita di 8 km.
Allora si che si screma il gruppo e si può provare a fare qualcosa di importante.
Ma ce'è una nazionale che può fare un lavoro simile ?
Anche a me sarebbe piaciuto ma non è fattibile causa carreggiata stretta e conseguente rischio cadute per prenderla davanti

Farla forte dal primo giro è impensabile con 170 km e sette salite da fare, mi accontenterei dal penultimo giro

ma poi chi dovrebbe tirare così presto .. Francia no ,Spagna neanche a pensarlo , Belgio non ha interesse, Colombia non credo
Polonia nemmeno, ok non c'è più Boonen ma hanno ancora K
Olanda? vista a la salita di TD ieri direi di no



beppesaronni
Messaggi: 2772
Iscritto il: mercoledì 9 maggio 2012, 17:25

Re: Mondiali 2018 - Prova in linea maschile Elite - 259,4 km

Messaggio da leggere da beppesaronni » giovedì 27 settembre 2018, 11:19

AntiGazza ha scritto:
giovedì 27 settembre 2018, 10:39
Scrissi tempo fa che a me sarebbe piaciuto di + se il percorso avesse fatto entrambe le salite, magari 5 giri al posto di 7.
Però non so se sia fattibile o meno .

In ogni caso se una nazionale vuol fare corsa dura, deve farla da subito, già al primo giro ritmo forte sulla salita di 8 km.
Allora si che si screma il gruppo e si può provare a fare qualcosa di importante.
Ma ce'è una nazionale che può fare un lavoro simile ?
Olanda e Colombia, se proprio la Francia deve corre per Alaphilippe


Ad Insbruck, Valverde e Nibali non arriveranno nei primi 5.

Avatar utente
Oro&Argento
Messaggi: 602
Iscritto il: giovedì 23 giugno 2016, 13:23

Re: Mondiali 2018 - Prova in linea maschile Elite - 259,4 km

Messaggio da leggere da Oro&Argento » giovedì 27 settembre 2018, 11:20

AntiGazza ha scritto:
giovedì 27 settembre 2018, 10:39
Scrissi tempo fa che a me sarebbe piaciuto di + se il percorso avesse fatto entrambe le salite, magari 5 giri al posto di 7.
Però non so se sia fattibile o meno .

In ogni caso se una nazionale vuol fare corsa dura, deve farla da subito, già al primo giro ritmo forte sulla salita di 8 km.
Allora si che si screma il gruppo e si può provare a fare qualcosa di importante.
Ma ce'è una nazionale che può fare un lavoro simile ?
Secondo te quando mancano 180km devono fare ritmo forte?cerchiamo di tenere separati i sogni con la realtà...sicuramente ci si può aspettare una selezione naturale importante già a meta gara ma non esageriamo.



Avatar utente
nino58
Messaggi: 9429
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 14:38

Re: Mondiali 2018 - Prova in linea maschile Elite - 259,4 km

Messaggio da leggere da nino58 » giovedì 27 settembre 2018, 11:21

Moltissima selezione naturale.


Von Rock ? Nein, danke.
Diritto di correre senza condizioni a chi ha scontato una squalifica !!!

Avatar utente
Oro&Argento
Messaggi: 602
Iscritto il: giovedì 23 giugno 2016, 13:23

Re: Mondiali 2018 - Prova in linea maschile Elite - 259,4 km

Messaggio da leggere da Oro&Argento » giovedì 27 settembre 2018, 11:22

beppesaronni ha scritto:
giovedì 27 settembre 2018, 11:19
AntiGazza ha scritto:
giovedì 27 settembre 2018, 10:39
Scrissi tempo fa che a me sarebbe piaciuto di + se il percorso avesse fatto entrambe le salite, magari 5 giri al posto di 7.
Però non so se sia fattibile o meno .

In ogni caso se una nazionale vuol fare corsa dura, deve farla da subito, già al primo giro ritmo forte sulla salita di 8 km.
Allora si che si screma il gruppo e si può provare a fare qualcosa di importante.
Ma ce'è una nazionale che può fare un lavoro simile ?
Olanda e Colombia, se proprio la Francia deve corre per Alaphilippe
La Colombia se aveva anche Chaves e Bernal sicuramente qualcosa inventava...ma con Uran(che giustamente aspetta per vedere che aria tira) e Quintana che non gli si può chiedere nulla la vedo dura che faccia qualcosa



AntiGazza
Messaggi: 1163
Iscritto il: venerdì 15 aprile 2011, 12:23

Re: Mondiali 2018 - Prova in linea maschile Elite - 259,4 km

Messaggio da leggere da AntiGazza » giovedì 27 settembre 2018, 11:36

Oro&Argento ha scritto:
giovedì 27 settembre 2018, 11:20
AntiGazza ha scritto:
giovedì 27 settembre 2018, 10:39
Scrissi tempo fa che a me sarebbe piaciuto di + se il percorso avesse fatto entrambe le salite, magari 5 giri al posto di 7.
Però non so se sia fattibile o meno .

In ogni caso se una nazionale vuol fare corsa dura, deve farla da subito, già al primo giro ritmo forte sulla salita di 8 km.
Allora si che si screma il gruppo e si può provare a fare qualcosa di importante.
Ma ce'è una nazionale che può fare un lavoro simile ?
Secondo te quando mancano 180km devono fare ritmo forte?cerchiamo di tenere separati i sogni con la realtà...sicuramente ci si può aspettare una selezione naturale importante già a meta gara ma non esageriamo.
Non è un paragone molto calzante, però per dire nella tappa della Jaffreau questo anno al giro la SKY iniziò a far casino al km 0 .... E' sicuramente un altra cosa, ma iniziare a tenere un ritmo molto alto già dal primo giro per me è da fare se una nazionale vuole fare selezione vera.

Poi ovviamente non si farà e se succede qualcosa nel penultimo giro è già tanto ,in tal caso si arriva al muro in 10.

Ovvio che io parlo delle mie speranze , sono uno spettatore che vuole divertirsi , non un DTN.



Avatar utente
aitutaki1
Messaggi: 215
Iscritto il: sabato 25 ottobre 2014, 12:02

Re: Mondiali 2018 - Prova in linea maschile Elite - 259,4 km

Messaggio da leggere da aitutaki1 » giovedì 27 settembre 2018, 11:36

nino58 ha scritto:
giovedì 27 settembre 2018, 11:21
Moltissima selezione naturale.
però vedremo di che tipo : stabilizzante, diversificante o direzionale ?
e se direzionale sarà più verso gli scattisti (es. Alaphilippe) o gli scalatori fondisti (es. Nibali)
potrebbe essere stabilizzante (es. Yates)



Avatar utente
Seb
Messaggi: 4484
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:07
Località: Genova
Contatta:

Re: Mondiali 2018 - Prova in linea maschile Elite - 259,4 km

Messaggio da leggere da Seb » giovedì 27 settembre 2018, 12:00

AntiGazza ha scritto:
giovedì 27 settembre 2018, 10:39
In ogni caso se una nazionale vuol fare corsa dura, deve farla da subito, già al primo giro ritmo forte sulla salita di 8 km.
Allora si che si screma il gruppo e si può provare a fare qualcosa di importante.
Ma ce'è una nazionale che può fare un lavoro simile ?
Una nazionale non può fare corsa dura: mettersi a tirare forte vorrebbe dire consumare gregari e tenere tutto il resto del gruppo a ruota, rischiando di trovarsi a scattare contro squadre più numerose quando si tratta di fare sul serio. A meno che non si tratti di fare un forcing veramente forte da ridurre il gruppo il più possibile e creare quindi una corsa un po' "anarchica": una cosa così, però, non me l'aspetto da chi uno o due corridori che quel giorno si sentono forti ed in forma ed a cui quindi converrebbe ritardare il più possibile lo scontro.
Per fare corsa dura servirebbe che partisse una fuga giusta che stia davvero bene a due o tre nazionali e non stia bene ad altre: ma si tratta di un caso molto complesso perché può bastare davanti un corridore che non tira a far morire subito la fuga.



Edoardo9819
Messaggi: 176
Iscritto il: lunedì 16 ottobre 2017, 20:56

Re: Mondiali 2018 - Prova in linea maschile Elite - 259,4 km

Messaggio da leggere da Edoardo9819 » giovedì 27 settembre 2018, 12:17

frcre ha scritto:
giovedì 27 settembre 2018, 1:17
il_panta ha scritto:
giovedì 27 settembre 2018, 1:07
frcre ha scritto:
giovedì 27 settembre 2018, 0:59


Io la vedo diversamente, per me con una salita del genere affrontata dopo tutti quei km e dislivello vince quello con le gambe migliori che va via sul tratto al 16% e incrementa il vantaggio nel tratto all'8%.
Non è un muro di 500/600 in cui puoi riuscire a stringere i denti, qua se non ne hai scollini con un paio di minuti di distacco.
Poi se non c'è quello con le gambe nettamente migliori potrebbero scollinare in 2-3-4-5.
Non ce lo vedo un gruppetto di 10/15 in cima
Neppure io vedo un gruppetto di 10/15 in cima, ma 3 o 4 magari sì. 10/15 per sono quelli che possono arrivare ai piedi della salita finale con speranze di vittoria, ed essendo in tanti sospetto che la corsa risulterà bloccata. Dopo la salita finale qualcuno può rientrare in discesa o in pianura approfittando di un po' di marcamenti. Ad esempio immaginati che scollinano Lopez, Bardet e Valverde (tre nomi a caso) con Alaphilippe poco dietro. A quel punto Bardet smette di tirare, Lopez lo fa col freno a mano perché in quella situazione è sicuramente battuto, Valverde indugia, e oltre ad Alaphilippe possono rientrare anche in altri 3 o 4. A quel punto, con 6/7 corridori davanti le fagianate possono risultare vincenti. Scatta un Fuglsang, tutti stanno a guardare Valverde e nel frattempo il danese vince la corsa. Tutto questo scenario è buttato a caso, ma è per spiegare come la vedo e perché manchi un presupposto fondamentale per avere corse aperta da lontano: ci sono troppi corridori che se la possono giocare nel finale.
Il punto è che secondo me se arrivano in 10/15 ai piedi dell'ultima salita Alaphilippe non c'è tra i 10/15.
Concordo



Avatar utente
Oro&Argento
Messaggi: 602
Iscritto il: giovedì 23 giugno 2016, 13:23

Re: Mondiali 2018 - Prova in linea maschile Elite - 259,4 km

Messaggio da leggere da Oro&Argento » giovedì 27 settembre 2018, 12:21

AntiGazza ha scritto:
giovedì 27 settembre 2018, 11:36
Oro&Argento ha scritto:
giovedì 27 settembre 2018, 11:20
AntiGazza ha scritto:
giovedì 27 settembre 2018, 10:39
Scrissi tempo fa che a me sarebbe piaciuto di + se il percorso avesse fatto entrambe le salite, magari 5 giri al posto di 7.
Però non so se sia fattibile o meno .

In ogni caso se una nazionale vuol fare corsa dura, deve farla da subito, già al primo giro ritmo forte sulla salita di 8 km.
Allora si che si screma il gruppo e si può provare a fare qualcosa di importante.
Ma ce'è una nazionale che può fare un lavoro simile ?
Secondo te quando mancano 180km devono fare ritmo forte?cerchiamo di tenere separati i sogni con la realtà...sicuramente ci si può aspettare una selezione naturale importante già a meta gara ma non esageriamo.
Non è un paragone molto calzante, però per dire nella tappa della Jaffreau questo anno al giro la SKY iniziò a far casino al km 0 .... E' sicuramente un altra cosa, ma iniziare a tenere un ritmo molto alto già dal primo giro per me è da fare se una nazionale vuole fare selezione vera.

Poi ovviamente non si farà e se succede qualcosa nel penultimo giro è già tanto ,in tal caso si arriva al muro in 10.

Ovvio che io parlo delle mie speranze , sono uno spettatore che vuole divertirsi , non un DTN.
Appunto è un'altra cosa...la tattica in u grande giro è tutt'altra storia...qui siamo in una gara dura ma di un giorno...sono 260km non possiamo pretendere che le nazionali si suicidano solo perché lo spettatore si deve divertire



ciclistasiciliano
Messaggi: 455
Iscritto il: giovedì 12 gennaio 2017, 10:02

Re: Mondiali 2018 - Prova in linea maschile Elite - 259,4 km

Messaggio da leggere da ciclistasiciliano » giovedì 27 settembre 2018, 12:23

ecco che cominciano le teorie dei CT da tastiera.....



AntiGazza
Messaggi: 1163
Iscritto il: venerdì 15 aprile 2011, 12:23

Re: Mondiali 2018 - Prova in linea maschile Elite - 259,4 km

Messaggio da leggere da AntiGazza » giovedì 27 settembre 2018, 13:05

Oro&Argento ha scritto:
giovedì 27 settembre 2018, 12:21
AntiGazza ha scritto:
giovedì 27 settembre 2018, 11:36
Oro&Argento ha scritto:
giovedì 27 settembre 2018, 11:20

Secondo te quando mancano 180km devono fare ritmo forte?cerchiamo di tenere separati i sogni con la realtà...sicuramente ci si può aspettare una selezione naturale importante già a meta gara ma non esageriamo.
Non è un paragone molto calzante, però per dire nella tappa della Jaffreau questo anno al giro la SKY iniziò a far casino al km 0 .... E' sicuramente un altra cosa, ma iniziare a tenere un ritmo molto alto già dal primo giro per me è da fare se una nazionale vuole fare selezione vera.

Poi ovviamente non si farà e se succede qualcosa nel penultimo giro è già tanto ,in tal caso si arriva al muro in 10.

Ovvio che io parlo delle mie speranze , sono uno spettatore che vuole divertirsi , non un DTN.
Appunto è un'altra cosa...la tattica in u grande giro è tutt'altra storia...qui siamo in una gara dura ma di un giorno...sono 260km non possiamo pretendere che le nazionali si suicidano solo perché lo spettatore si deve divertire
Ma una Colombia , o un Italia, non avrebbero tutto da guadagnare a fare corsa dura fin dal primo giro ?
Forse la colombia no con Uran, ma l'Italia se punta su Nibali che interesse ha a non far rimanere soli i capitani prima possibile ? Il problema che vedo è che come dice Seb si rischia su una salita come questa di stare troppo bene a ruota.

Inoltre è vero che GT e gare di un giorno sono differenti, ma nelle gare di un giorno di bruciarmi i gregari me ne frega relativamente meno, dato che in una gara del genere a 20 dalla fine non ne ho comunque più nemmeno uno (o forse uno).



AntiGazza
Messaggi: 1163
Iscritto il: venerdì 15 aprile 2011, 12:23

Re: Mondiali 2018 - Prova in linea maschile Elite - 259,4 km

Messaggio da leggere da AntiGazza » giovedì 27 settembre 2018, 13:06

Seb ha scritto:
giovedì 27 settembre 2018, 12:00
AntiGazza ha scritto:
giovedì 27 settembre 2018, 10:39
In ogni caso se una nazionale vuol fare corsa dura, deve farla da subito, già al primo giro ritmo forte sulla salita di 8 km.
Allora si che si screma il gruppo e si può provare a fare qualcosa di importante.
Ma ce'è una nazionale che può fare un lavoro simile ?
Una nazionale non può fare corsa dura: mettersi a tirare forte vorrebbe dire consumare gregari e tenere tutto il resto del gruppo a ruota, rischiando di trovarsi a scattare contro squadre più numerose quando si tratta di fare sul serio. A meno che non si tratti di fare un forcing veramente forte da ridurre il gruppo il più possibile e creare quindi una corsa un po' "anarchica": una cosa così, però, non me l'aspetto da chi uno o due corridori che quel giorno si sentono forti ed in forma ed a cui quindi converrebbe ritardare il più possibile lo scontro.
Per fare corsa dura servirebbe che partisse una fuga giusta che stia davvero bene a due o tre nazionali e non stia bene ad altre: ma si tratta di un caso molto complesso perché può bastare davanti un corridore che non tira a far morire subito la fuga.
Questo è vero , sulla salita del mondiale si rischia comunque di stare bene a ruota.



Merlozoro
Messaggi: 5656
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:47
Località: Trento

Re: Mondiali 2018 - Prova in linea maschile Elite - 259,4 km

Messaggio da leggere da Merlozoro » giovedì 27 settembre 2018, 14:13

Dalla Gazzetta leggo che per Cassani tutti vanno come treni, pure Pozzovivo; tutti tranne Nibali :sherlock:


2018: classifica generale L'ALTRO circuito 1000

pereiro2982
Messaggi: 1800
Iscritto il: lunedì 16 maggio 2016, 15:18

Re: Mondiali 2018 - Prova in linea maschile Elite - 259,4 km

Messaggio da leggere da pereiro2982 » giovedì 27 settembre 2018, 14:36

Merlozoro ha scritto:
giovedì 27 settembre 2018, 14:13
Dalla Gazzetta leggo che per Cassani tutti vanno come treni, pure Pozzovivo; tutti tranne Nibali :sherlock:



scommetto che se nibali vince tutti daranno merito a questa strategia " nibali non va".......
magari pensano che vince in stile sanremo con una fagianata?



Avatar utente
Brogno
Messaggi: 3417
Iscritto il: martedì 21 maggio 2013, 10:37

Re: Mondiali 2018 - Prova in linea maschile Elite - 259,4 km

Messaggio da leggere da Brogno » giovedì 27 settembre 2018, 14:39

Merlozoro ha scritto:
giovedì 27 settembre 2018, 14:13
Dalla Gazzetta leggo che per Cassani tutti vanno come treni, pure Pozzovivo; tutti tranne Nibali :sherlock:
In quel caso mi spiego come fosse possibile che Aru fosse in ballo sino all'ultimo.. :uhm:


Comunque i bookies sono dei genii, ma quanti cazzo di soldi si faranno, con tutti quelli che punteranno su Thomas??? (Tour 2018)

Se vincono Valverde o Nibali mi tatuo in fronte la parola INSBRUCK (Innsbruck 2018)

Beppesaronni

Salvatore77
Messaggi: 4152
Iscritto il: domenica 9 gennaio 2011, 19:14

Re: Mondiali 2018 - Prova in linea maschile Elite - 259,4 km

Messaggio da leggere da Salvatore77 » giovedì 27 settembre 2018, 15:13

Come dicevo giorni fa, la corsa dura favorisce il corridore più forte e ad oggi le nazionali non sanno se un proprio esponente può essere il più in forma quel giorno.
Magari si può ipotizzare che al massimo la Francia può immaginare di avere una superiorità numerica, nel senso che se nel finale restano in 20, forse 3/4 sono francesi e mettere la tattica in tale direzione.
Però questa è teoria, ovviamente.
L'esperienze degli anni precedenti mi fanno pensare che il 30 settembre le energie residue sono poche, pertanto i valori in campo vanno misurati "work in progress".

Chi vorrà fare corsa dura, lo farà comunque nel finale, non dal primo / secondo giro.


1° Tour de France 2018

Salvatore77
Messaggi: 4152
Iscritto il: domenica 9 gennaio 2011, 19:14

Re: Mondiali 2018 - Prova in linea maschile Elite - 259,4 km

Messaggio da leggere da Salvatore77 » giovedì 27 settembre 2018, 15:14

Merlozoro ha scritto:
giovedì 27 settembre 2018, 14:13
Dalla Gazzetta leggo che per Cassani tutti vanno come treni, pure Pozzovivo; tutti tranne Nibali :sherlock:
Pretattica. :)


1° Tour de France 2018

Salvatore77
Messaggi: 4152
Iscritto il: domenica 9 gennaio 2011, 19:14

Re: Mondiali 2018 - Prova in linea maschile Elite - 259,4 km

Messaggio da leggere da Salvatore77 » giovedì 27 settembre 2018, 15:17

AntiGazza ha scritto:
giovedì 27 settembre 2018, 13:05

Inoltre è vero che GT e gare di un giorno sono differenti, ma nelle gare di un giorno di bruciarmi i gregari me ne frega relativamente meno, dato che in una gara del genere a 20 dalla fine non ne ho comunque più nemmeno uno (o forse uno).
Interessante considerazione.
Cassani dovrà stabilire chi deve fare cosa, se nel finale rimangono i 2 capitani.
Vedi il Mondiale di Utsonomia 1990 quando Fondriest fece lo gnorri e non lavorò per Bugno e vinse il "Belgio", terzo Bugno a pochi secondi.


1° Tour de France 2018

AntiGazza
Messaggi: 1163
Iscritto il: venerdì 15 aprile 2011, 12:23

Re: Mondiali 2018 - Prova in linea maschile Elite - 259,4 km

Messaggio da leggere da AntiGazza » giovedì 27 settembre 2018, 15:35

Salvatore77 ha scritto:
giovedì 27 settembre 2018, 15:17
AntiGazza ha scritto:
giovedì 27 settembre 2018, 13:05

Inoltre è vero che GT e gare di un giorno sono differenti, ma nelle gare di un giorno di bruciarmi i gregari me ne frega relativamente meno, dato che in una gara del genere a 20 dalla fine non ne ho comunque più nemmeno uno (o forse uno).
Interessante considerazione.
Cassani dovrà stabilire chi deve fare cosa, se nel finale rimangono i 2 capitani.
Vedi il Mondiale di Utsonomia 1990 quando Fondriest fece lo gnorri e non lavorò per Bugno e vinse il "Belgio", terzo Bugno a pochi secondi.
Infatti potrebbe nascere la diatriba Nibali/Moscon
Se per esempio scappassero via in 4/5 sul finale della penultima salita (l'ultima del circuito prima del muro) Moscon lavorerebbe per ricucire lo strappetto ?
O Nibali lavorerebbe per Moscon ?
Voi come la vedreste?



Salvatore77
Messaggi: 4152
Iscritto il: domenica 9 gennaio 2011, 19:14

Re: Mondiali 2018 - Prova in linea maschile Elite - 259,4 km

Messaggio da leggere da Salvatore77 » giovedì 27 settembre 2018, 17:02

AntiGazza ha scritto:
giovedì 27 settembre 2018, 15:35
Salvatore77 ha scritto:
giovedì 27 settembre 2018, 15:17
AntiGazza ha scritto:
giovedì 27 settembre 2018, 13:05

Inoltre è vero che GT e gare di un giorno sono differenti, ma nelle gare di un giorno di bruciarmi i gregari me ne frega relativamente meno, dato che in una gara del genere a 20 dalla fine non ne ho comunque più nemmeno uno (o forse uno).
Interessante considerazione.
Cassani dovrà stabilire chi deve fare cosa, se nel finale rimangono i 2 capitani.
Vedi il Mondiale di Utsonomia 1990 quando Fondriest fece lo gnorri e non lavorò per Bugno e vinse il "Belgio", terzo Bugno a pochi secondi.
Infatti potrebbe nascere la diatriba Nibali/Moscon
Se per esempio scappassero via in 4/5 sul finale della penultima salita (l'ultima del circuito prima del muro) Moscon lavorerebbe per ricucire lo strappetto ?
O Nibali lavorerebbe per Moscon ?
Voi come la vedreste?
Domanda difficile.
Sulla carta Cassani parte alla vigilia Moscon e poi Nibali nelle gerarchie e secondo me uno dei due tenta l'azione prima del circuito finale, quindi non so.


1° Tour de France 2018

Avatar utente
Patate
Messaggi: 3290
Iscritto il: domenica 28 febbraio 2016, 23:23

Re: Mondiali 2018 - Prova in linea maschile Elite - 259,4 km

Messaggio da leggere da Patate » giovedì 27 settembre 2018, 17:26

Vedendo dalle prove juniores come "fila" il circuito di Igls, con tanto di bel finale cittadino, mi chiedo veramente cosa avevano in testa quelli che hanno inserito il muro alla fine


antani ha scritto:Non so perchè ma ho la sensazione che domani Aru possa arrivare dietro o davanti a Froome, stiamo a vedere sembra facile ma non è difficile


Rispondi