WVA vs MVDP il dualismo del prossimo decennio

Il mondo dei professionisti tra gare e complessità, e più in generale l'approccio al ciclismo di ogni appassionato
Winter
Messaggi: 14791
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Re: WVA vs MVDP il dualismo del prossimo decennio

Messaggio da leggere da Winter » domenica 7 aprile 2019, 8:39

Gianluca Avigo - bove ha scritto:
sabato 6 aprile 2019, 17:16
Winter ha scritto:
sabato 6 aprile 2019, 15:07
Gianluca Avigo - bove ha scritto:
sabato 6 aprile 2019, 14:50
Con tutto il rispetto per i figueras e i popovich, ma questi due vengono da Marte.
Popovytch passò al professionismo dopo aver vinto tutto
le gare che non vinceva ..le Vincevano i compagni di squadra (arrivarono vicino alle 100 vittorie di squadra..)
dominava
Il suo passaggio al professionismo era quello del nuovo merckx
E se vogliamo proprio dirla tutta era la fine degli anni 90 :fischio:
Su questo concordo




Avatar utente
Divanista
Messaggi: 579
Iscritto il: lunedì 16 aprile 2018, 14:21

Re: WVA vs MVDP il dualismo del prossimo decennio

Messaggio da leggere da Divanista » domenica 7 aprile 2019, 17:11

Signori, oggi Van der Poel è arrivato quarto al suo primo Giro delle Fiandre, dopo tutto quello che ha "combinato" in gara.
Se non è un fenomeno questo...


Ecco la mia presentazione. :carta:

Avatar utente
Divanista
Messaggi: 579
Iscritto il: lunedì 16 aprile 2018, 14:21

Re: WVA vs MVDP il dualismo del prossimo decennio

Messaggio da leggere da Divanista » domenica 7 aprile 2019, 17:15

E, lasciatemelo dire, (stra)vince il confronto con il povero Van Aert... che stanotte non dormirà per gli incubi.


Ecco la mia presentazione. :carta:

matteo9502
Messaggi: 3100
Iscritto il: lunedì 15 luglio 2013, 22:48

Re: WVA vs MVDP il dualismo del prossimo decennio

Messaggio da leggere da matteo9502 » domenica 7 aprile 2019, 17:21

Brutta botta mentalmente per Van Aert che però per fortuna ha la possibilità di rifarsi subito domenica.



Avatar utente
chinaski89
Messaggi: 3756
Iscritto il: sabato 13 giugno 2015, 16:51

Re: WVA vs MVDP il dualismo del prossimo decennio

Messaggio da leggere da chinaski89 » domenica 7 aprile 2019, 17:26

Divanista ha scritto:
domenica 7 aprile 2019, 17:11
Signori, oggi Van der Poel è arrivato quarto al suo primo Giro delle Fiandre, dopo tutto quello che ha "combinato" in gara.
Se non è un fenomeno questo...
10 monumento non so, ma credo abbia ragione Admin, non ci sarà confronto col povero WVA. Oggi aiutato dalla poca battaglia davanti, ma ha fatto un numero incredibile.

Mi ricorda il primo Sagan per l'impressione di poter vincere tutto e ovunque




dietzen
Messaggi: 6064
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 21:19

Re: WVA vs MVDP il dualismo del prossimo decennio

Messaggio da leggere da dietzen » domenica 7 aprile 2019, 17:30

Divanista ha scritto:
domenica 7 aprile 2019, 17:15
E, lasciatemelo dire, (stra)vince il confronto con il povero Van Aert... che stanotte non dormirà per gli incubi.
van aert è andato forte, ha confermato che queste corse se le gioca, e di sicuro qualcuna la vincerà negli anni.
ma certo MVDP ha fatto vedere che è proprio di un'altra categoria.


Di Rocco non è il mio presidente

Avatar utente
Maìno della Spinetta
Messaggi: 6091
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 15:53

Re: WVA vs MVDP il dualismo del prossimo decennio

Messaggio da leggere da Maìno della Spinetta » domenica 7 aprile 2019, 18:11

però Bettiol li ha infilati di gran potenza - così, per dire


“Our interest’s on the dangerous edge of things.
The honest thief, the tender murderer, the superstitious atheist”.

Avatar utente
GregLemond
Messaggi: 1794
Iscritto il: sabato 6 settembre 2014, 20:00

Re: WVA vs MVDP il dualismo del prossimo decennio

Messaggio da leggere da GregLemond » domenica 7 aprile 2019, 18:15

Maìno della Spinetta ha scritto:
domenica 7 aprile 2019, 18:11
però Bettiol li ha infilati di gran potenza - così, per dire
correva anche lui?



Avatar utente
Gianluca Avigo - bove
Messaggi: 2511
Iscritto il: sabato 7 settembre 2013, 23:29

Re: WVA vs MVDP il dualismo del prossimo decennio

Messaggio da leggere da Gianluca Avigo - bove » domenica 7 aprile 2019, 18:23

Che il prescelto sia tale e non solo nel cross, lo si era capito da un po. Diciamo almeno dallo scorso anno. Non butterei però così giù Wout. Sono diversi, a mio avviso il belga sarà più costate e durerà di più. Di certo non gli manca il carattere. Basti pensare che si è fatto tutte le categorie giovanili e gli ultimi 3 anni da pro, a lottare con il prescelto. Mica è roba da tutti. Vuol dire che oltre ad avere il motore ha 2 palle così! Dovrà lavorare sull'esplosività, che in effetti da quando si è concentrato sulla strada ha perso. In volata è battuto, e per vincere avrà bisogno della sparata alla Cancellara, poi il motore per stare all'aria c'è l'ha.


«A parità di fattori la spiegazione più semplice è da preferire»
(Guglielmo di Occam)

Mario Rossi
Messaggi: 489
Iscritto il: giovedì 1 novembre 2018, 14:57

Re: WVA vs MVDP il dualismo del prossimo decennio

Messaggio da leggere da Mario Rossi » domenica 7 aprile 2019, 19:03

Possibilitá per Mathieu di cambiare squadra l'anno prossimo? É scandaloso che uno come lui corra solo il Fiandre e non la Roubaix. Mi mancherá troppo sabato prossimo, oramai quest'anno mi sono abituato a vederlo scattare e a correre in maniera folle e spettacolare!!!



Avatar utente
Slegar
Messaggi: 4914
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:49

Re: WVA vs MVDP il dualismo del prossimo decennio

Messaggio da leggere da Slegar » domenica 7 aprile 2019, 19:27

Mario Rossi ha scritto:
domenica 7 aprile 2019, 19:03
Possibilitá per Mathieu di cambiare squadra l'anno prossimo? É scandaloso che uno come lui corra solo il Fiandre e non la Roubaix. Mi mancherá troppo sabato prossimo, oramai quest'anno mi sono abituato a vederlo scattare e a correre in maniera folle e spettacolare!!!
ASO aveva già spalancato la porta della Roubaix già quest'anno alla Corendon ma è stata una scelta di Van Der Poel e del suo staff quella di "fermarsi" al Fiandre per quest'anno; il 2019 è stato di apprendistato. Appuntamento al 2020, dove spero vederlo protagonista dalle Strade Bianche alla Roubaix passando per la Sanremo.

Sul cambio squadra: fino al 2020 resta sicuramente dov'è e spero proprio che non entri mai in uno squadrone.


fair play? No, Grazie!

Avatar utente
Seb
Messaggi: 5403
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:07
Località: Genova
Contatta:

Re: WVA vs MVDP il dualismo del prossimo decennio

Messaggio da leggere da Seb » domenica 7 aprile 2019, 19:36

Slegar ha scritto:
domenica 7 aprile 2019, 19:27
Mario Rossi ha scritto:
domenica 7 aprile 2019, 19:03
Possibilitá per Mathieu di cambiare squadra l'anno prossimo? É scandaloso che uno come lui corra solo il Fiandre e non la Roubaix. Mi mancherá troppo sabato prossimo, oramai quest'anno mi sono abituato a vederlo scattare e a correre in maniera folle e spettacolare!!!
è stata una scelta di Van Der Poel e del suo staff quella di "fermarsi" al Fiandre per quest'anno; il 2019 è stato di apprendistato
In realtà mi che abbia ancora un grande appuntamento in programma, in casa tra l'altro: e se si confermerà a questi livelli... :fischio:



Avatar utente
Slegar
Messaggi: 4914
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:49

Re: WVA vs MVDP il dualismo del prossimo decennio

Messaggio da leggere da Slegar » domenica 7 aprile 2019, 19:38

È vero, me l'ero dimenticato.


fair play? No, Grazie!

Avatar utente
udra
Messaggi: 6846
Iscritto il: mercoledì 1 ottobre 2014, 11:29

Re: WVA vs MVDP il dualismo del prossimo decennio

Messaggio da leggere da udra » domenica 7 aprile 2019, 19:40

Correrà anche la Freccia del Brabante prima dell'Amstel



Avatar utente
Gianluca Avigo - bove
Messaggi: 2511
Iscritto il: sabato 7 settembre 2013, 23:29

Re: WVA vs MVDP il dualismo del prossimo decennio

Messaggio da leggere da Gianluca Avigo - bove » domenica 7 aprile 2019, 22:01

Fatemelo ridire. Questo all'Amstel lascerà le buche in terra quando attaccherà.

Sul suo futuro. Ha nel mirino le olimpiadi mtb di Tokyo. Fino ad allora poche corse su strada. Non credo finirà in uno squadrone. Questo è un vincente nato, non accetterà compromessi. Se la Katusha deciderà, grazie a canyon, di darsi una rinfrescata, penso sia la soluzione più probabile.

Tra l'altro c'è un mondiale a settembre con un percorso che gli si addice. Chissà
Credo che dopo l'Amstel un po di pausa la farà, perché lo scorso anno tra cross, mtb, strada e ancora cross, non si è mai fermato.
Ultima modifica di Gianluca Avigo - bove il domenica 7 aprile 2019, 22:05, modificato 2 volte in totale.


«A parità di fattori la spiegazione più semplice è da preferire»
(Guglielmo di Occam)

Avatar utente
GregLemond
Messaggi: 1794
Iscritto il: sabato 6 settembre 2014, 20:00

Re: WVA vs MVDP il dualismo del prossimo decennio

Messaggio da leggere da GregLemond » domenica 7 aprile 2019, 22:03

Gianluca Avigo - bove ha scritto:
domenica 7 aprile 2019, 22:01
Fatemelo ridire. Questo all'Amstel lascerà le buche in terra quando attaccherà.
Diavolo se hai ragione



Avatar utente
Gianluca Avigo - bove
Messaggi: 2511
Iscritto il: sabato 7 settembre 2013, 23:29

Re: WVA vs MVDP il dualismo del prossimo decennio

Messaggio da leggere da Gianluca Avigo - bove » domenica 7 aprile 2019, 22:06

Admin, ti regalo questa

MATRIX VAN DER POELS
IL PRESCELTO


«A parità di fattori la spiegazione più semplice è da preferire»
(Guglielmo di Occam)

Avatar utente
galliano
Messaggi: 13611
Iscritto il: giovedì 14 aprile 2011, 12:53
Località: TN

Re: WVA vs MVDP il dualismo del prossimo decennio

Messaggio da leggere da galliano » domenica 7 aprile 2019, 22:19

L'unico dubbio che ho su mvdp è che non mi pare una volpe d'intelligenza ciclistica.
Tra l'altro assolutamente deprecabile la rinuncia (pianificata) alla Roubaix.
Sono sempre stato dell'idea che bisogna battere il ferro finché é caldo perché del doman non vi è certezza.
Per lo stesso motivo trovo sciocca la rinuncia di Jungels alla Roubaix.

Per quanto riguarda invece le sue possibilità sulle salite lunghe (dubbio che poneva Herbie in altro 3d), non lo vedo portato.
Però abbiamo visto pistard vincere il Tour e scalatori battere Cancellara a cronometro quindi può essere che vdp si riveli pure un ottimo scalatore cosa che al momento tenderei completamente ad escludere.



Avatar utente
udra
Messaggi: 6846
Iscritto il: mercoledì 1 ottobre 2014, 11:29

Re: WVA vs MVDP il dualismo del prossimo decennio

Messaggio da leggere da udra » domenica 7 aprile 2019, 22:47

Nell'unica corsa a tappe che gli vidi fare lo scorso anno, l'Artic Race, dominò in 3 delle 4 tappe portando a casa 2 vittorie e 1 secondo posto distruggendo la concorrenza (non esaltante) su arrivi in Côte.
Nell'unica tappa che prevedeva una salita di 4 km lo fecero fuori, e arrivò tipo a 3 minuti.
Credo che su quell'aspetto ci sia da lavorare, se ne avrà voglia in futuro, ma a me va già bene come è adesso :D .



nikybo85
Messaggi: 2910
Iscritto il: mercoledì 23 agosto 2017, 0:06

Re: WVA vs MVDP il dualismo del prossimo decennio

Messaggio da leggere da nikybo85 » domenica 7 aprile 2019, 23:13

Ora mi incuriosisce molto vedere Remco al Romandia :D
Scusate l'OT



Avatar utente
Divanista
Messaggi: 579
Iscritto il: lunedì 16 aprile 2018, 14:21

Re: WVA vs MVDP il dualismo del prossimo decennio

Messaggio da leggere da Divanista » domenica 7 aprile 2019, 23:26

Alimento anch'io l'OT e aggiungo che prevedo un "terzo incomodo".
Oltre a Wout e Mathieu, per il prossimo decennio sulle pietre, penso che farà la sua bella figura un giovanotto spagnolo, che oggi ha corso il suo primo Fiandre ed è arrivato ottavo :old:


Ecco la mia presentazione. :carta:

dietzen
Messaggi: 6064
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 21:19

Re: WVA vs MVDP il dualismo del prossimo decennio

Messaggio da leggere da dietzen » domenica 7 aprile 2019, 23:43

interessante la dichiarazione di van der poel che dice che lui non si era accorto ci fosse bettiol davanti fino a pochi km dal traguardo, quando sono iniziati i lunghi rettilinei. pensava di essere in testa sul paterberg.

comunque questa settimana correrà a la sarthe prima di brabante e amstel (che secondo suo padre sono le corse che gli si adattano di più).


Di Rocco non è il mio presidente

Avatar utente
galliano
Messaggi: 13611
Iscritto il: giovedì 14 aprile 2011, 12:53
Località: TN

Re: WVA vs MVDP il dualismo del prossimo decennio

Messaggio da leggere da galliano » lunedì 8 aprile 2019, 0:09

Per quanto visto finora e per il suo fisico, il mondiale in Yorkshire gli si adatta perfettamente, do per scontato che sarà al via.
Sarebbe senza senso rinunciare.



Avatar utente
PedalatorePigro
Messaggi: 70
Iscritto il: lunedì 5 marzo 2012, 10:59

Re: WVA vs MVDP il dualismo del prossimo decennio

Messaggio da leggere da PedalatorePigro » martedì 9 aprile 2019, 15:37

Potenzialmente fenomenali, ma dovranno ambedue affinare la tattica e abbandonare uno stile di corsa da ciclocross (tutti contro tutti). Van Aert domenica con tutto il vento che ha preso alla fine era cotto, Van der Poel impressionante ma se avesse speso un po' meno forse dopo l'ultimo Paterberg poteva andarsene da solo (c'è un'immagine chiara dall'alto in cui ha un bel vantaggio); ok che ha speso per la caduta, ma anche quella è dovuta a uno stile garibaldino ho contato almeno altre due volte che saltellava su e giù dai marciapiedi senza apparente motivo. Bettiol ha detto chiaro e tondo che una delle chiavi del successo è stata quella di rimanere ben protetto fino ai -20 km.

Purtroppo per noi, che giustamente andiamo in sollucchero ogni volta che li vediamo a fare uno scattino a 50 dal traguardo, sarà inevitabile che diventino più tattici nei prossimi anni.



Avatar utente
Gianluca Avigo - bove
Messaggi: 2511
Iscritto il: sabato 7 settembre 2013, 23:29

Re: WVA vs MVDP il dualismo del prossimo decennio

Messaggio da leggere da Gianluca Avigo - bove » martedì 9 aprile 2019, 19:40

MRX:GIM=MVDP:WVA

Ci sono buone probabilità che andrà così.... a mon avis
Con le dovutissime proporzioni


«A parità di fattori la spiegazione più semplice è da preferire»
(Guglielmo di Occam)

Avatar utente
cauz.
Messaggi: 12153
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 12:53
Località: milano
Contatta:

Re: WVA vs MVDP il dualismo del prossimo decennio

Messaggio da leggere da cauz. » mercoledì 10 aprile 2019, 12:37

Gianluca Avigo - bove ha scritto:
martedì 9 aprile 2019, 19:40
MRX:GIM=MVDP:WVA

Ci sono buone probabilità che andrà così.... a mon avis
Con le dovutissime proporzioni
Questa cosa degli acronimi vi sta sfuggendo di mano. Ci ho messo 5' a decifrarlo.


"Il male trionfa sempre, perche' il bene e' stupido" [Lord Casco]
@cauz_ | bidonmagazine.org | confindustrial.noblogs.org

Avatar utente
Maìno della Spinetta
Messaggi: 6091
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 15:53

Re: WVA vs MVDP il dualismo del prossimo decennio

Messaggio da leggere da Maìno della Spinetta » mercoledì 10 aprile 2019, 13:22

cauz. ha scritto:
mercoledì 10 aprile 2019, 12:37
Gianluca Avigo - bove ha scritto:
martedì 9 aprile 2019, 19:40
MRX:GIM=MVDP:WVA

Ci sono buone probabilità che andrà così.... a mon avis
Con le dovutissime proporzioni
Questa cosa degli acronimi vi sta sfuggendo di mano. Ci ho messo 5' a decifrarlo.
Il passaggio dall'acronimo alla sigla dell'aeroporto è un attimo.

Lavorando con persone innamorate degli acronimi ho avuto la mia crisi di rigetto giàda una decina d'anni. Ma non l'ho dettosolo perché avrei ripetutosolo herbie


“Our interest’s on the dangerous edge of things.
The honest thief, the tender murderer, the superstitious atheist”.

Avatar utente
Gianluca Avigo - bove
Messaggi: 2511
Iscritto il: sabato 7 settembre 2013, 23:29

Re: WVA vs MVDP il dualismo del prossimo decennio

Messaggio da leggere da Gianluca Avigo - bove » mercoledì 10 aprile 2019, 13:37

cauz. ha scritto:
mercoledì 10 aprile 2019, 12:37
Gianluca Avigo - bove ha scritto:
martedì 9 aprile 2019, 19:40
MRX:GIM=MVDP:WVA

Ci sono buone probabilità che andrà così.... a mon avis
Con le dovutissime proporzioni
Questa cosa degli acronimi vi sta sfuggendo di mano. Ci ho messo 5' a decifrarlo.

Scusate ma sono in overdose da pietre. Non riesco a controllare i neuroni. I 2 rimasti tra l'altro


«A parità di fattori la spiegazione più semplice è da preferire»
(Guglielmo di Occam)

Avatar utente
Tranchée d'Arenberg
Messaggi: 17659
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:50
Località: Falconara Albanese (CS)

Re: WVA vs MVDP il dualismo del prossimo decennio

Messaggio da leggere da Tranchée d'Arenberg » mercoledì 10 aprile 2019, 13:55

cauz. ha scritto:
mercoledì 10 aprile 2019, 12:37
Gianluca Avigo - bove ha scritto:
martedì 9 aprile 2019, 19:40
MRX:GIM=MVDP:WVA

Ci sono buone probabilità che andrà così.... a mon avis
Con le dovutissime proporzioni
Questa cosa degli acronimi vi sta sfuggendo di mano. Ci ho messo 5' a decifrarlo.
ahahah...ci vuole una lista degli acronimi. La colpa è dei belgi e degli olandesi che hanno congnomi composti da più parti.

Comunque, la proporzione proposta da Gianluca potrebbe avere molto senso. Da apprezzare il fatto che ha preso come termini di paragone due grandissimi :)


Cobblestone 2012 & 2018 - 1° Classifica Generale
Cobblestone 2012 & 2018 - 1° Classifica Classiche
Cobblestone 2013 - 1° Classifica Semiclassiche

FantaCycling Manager 2016 - 1° Classifica (squadre)

held
Messaggi: 1448
Iscritto il: lunedì 13 dicembre 2010, 18:07
Località: Sardegna

Re: WVA vs MVDP il dualismo del prossimo decennio

Messaggio da leggere da held » mercoledì 10 aprile 2019, 20:29

Gianluca Avigo - bove ha scritto:
martedì 9 aprile 2019, 19:40
MRX:GIM=MVDP:WVA

Ci sono buone probabilità che andrà così.... a mon avis
Con le dovutissime proporzioni
Le probabilità sono molto alte!
Spero in una ripresa di Van Aert , il quale non è andato male ma dal confronto diretto me esce con le ossa rotte. Effettivamente ha perso un po di esplosività! :uhm:



Avatar utente
Gianluca Avigo - bove
Messaggi: 2511
Iscritto il: sabato 7 settembre 2013, 23:29

Re: WVA vs MVDP il dualismo del prossimo decennio

Messaggio da leggere da Gianluca Avigo - bove » mercoledì 10 aprile 2019, 20:33

held ha scritto:
mercoledì 10 aprile 2019, 20:29
Gianluca Avigo - bove ha scritto:
martedì 9 aprile 2019, 19:40
MRX:GIM=MVDP:WVA

Ci sono buone probabilità che andrà così.... a mon avis
Con le dovutissime proporzioni
Le probabilità sono molto alte!
Spero in una ripresa di Van Aert , il quale non è andato male ma dal confronto diretto me esce con le ossa rotte. Effettivamente ha perso un po di esplosività! :uhm:
Ho rivisto finalmente gli ultimi 30 km. Ha preso veramente troppa aria. Deve imparare la regola numero uno del manuale del ciclismo su strada. Stare coperto il più possibile e tenersi 2/3 cartucce vere, da sparare nel momento giusto.
In volata, anche ristretta, difficilmente vincerà. Deve arrivare da solo, e non sarà facile


«A parità di fattori la spiegazione più semplice è da preferire»
(Guglielmo di Occam)

held
Messaggi: 1448
Iscritto il: lunedì 13 dicembre 2010, 18:07
Località: Sardegna

Re: WVA vs MVDP il dualismo del prossimo decennio

Messaggio da leggere da held » mercoledì 10 aprile 2019, 23:27

Si ma aldilà del vento in faccia lo vedo diverso, regredito rispetto a come lo conosciamo noi, dobbiamo ricordare le spallate e gli strappi a namur?
Sulla questione tattica io invece lo vorrei sempre così, più puro, coraggioso, arrembante.... Lo dico sempre, il ciclismo odierno è troppo attendista quindi alla lunga noioso, ben venga un coraggioso che non ha paura del vento o di attaccare da lontano anche se questo vorrà dire vincere di meno. Ricordiamo che lo scorso anno si è presentato alle strade bianche con un attacco da lontano coraggiosissimo e per poco quasi decisivo!
Poi come dici non avendo lo spunto veloce del rivale dovrà inventarsi qualcosa.



Avatar utente
Gianluca Avigo - bove
Messaggi: 2511
Iscritto il: sabato 7 settembre 2013, 23:29

Re: WVA vs MVDP il dualismo del prossimo decennio

Messaggio da leggere da Gianluca Avigo - bove » giovedì 11 aprile 2019, 12:37

held ha scritto:
mercoledì 10 aprile 2019, 23:27
Si ma aldilà del vento in faccia lo vedo diverso, regredito rispetto a come lo conosciamo noi, dobbiamo ricordare le spallate e gli strappi a namur?
Sulla questione tattica io invece lo vorrei sempre così, più puro, coraggioso, arrembante.... Lo dico sempre, il ciclismo odierno è troppo attendista quindi alla lunga noioso, ben venga un coraggioso che non ha paura del vento o di attaccare da lontano anche se questo vorrà dire vincere di meno. Ricordiamo che lo scorso anno si è presentato alle strade bianche con un attacco da lontano coraggiosissimo e per poco quasi decisivo!
Poi come dici non avendo lo spunto veloce del rivale dovrà inventarsi qualcosa.
Mi sono spiegato male. Non lo voglio di certo attendista. Quello che intendevo è che spesso chiude buchi in prima persona, è il primo a muoversi quando qualcuno attacca. Questa è tutta benzina sprecata. Purtroppo o per fortuna, ha dei meccanismi mentali dovuti al cross, che dovrà correggere. Nel cross non puoi lasciare 10 metri a nessuno o quasi, la gara dura 60 minuto e quindi è "tutto subito ora". Su strada bisogna anche un po bluffare e rischiare.
Non puoi fare tutto in prima persona. Quando i due impareranno e avranno vicino Compagni di spessore, saranno cazzi.


«A parità di fattori la spiegazione più semplice è da preferire»
(Guglielmo di Occam)

held
Messaggi: 1448
Iscritto il: lunedì 13 dicembre 2010, 18:07
Località: Sardegna

Re: WVA vs MVDP il dualismo del prossimo decennio

Messaggio da leggere da held » giovedì 11 aprile 2019, 16:32

Si si su questo son d'accordo! ;) :D



Avatar utente
Gianluca Avigo - bove
Messaggi: 2511
Iscritto il: sabato 7 settembre 2013, 23:29

Re: WVA vs MVDP il dualismo del prossimo decennio

Messaggio da leggere da Gianluca Avigo - bove » domenica 14 aprile 2019, 21:14

Le pietre sono finite e hanno detto che questi i numeri li hanno e alla grande. Ovviamente peccano in esperienza, ma hanno 24 anni. Se penso a me a 24 anni, mi vien da mettere le mani nei capelli. Dopo il ritiro di Bonen e Cancellara, la speranza di vedere a breve ancora numeri da campioni veri in queste gare, era abbastanza flebile. Oggi possiamo concretamente sperare di vederne delle belle almeno per i prossimi 7/8 anni. Peccato per il cross, perché con ogni probabilità, due protagonisti assoluti.


«A parità di fattori la spiegazione più semplice è da preferire»
(Guglielmo di Occam)

pereiro2982
Messaggi: 2229
Iscritto il: lunedì 16 maggio 2016, 15:18

Re: WVA vs MVDP il dualismo del prossimo decennio

Messaggio da leggere da pereiro2982 » domenica 14 aprile 2019, 23:02

Gianluca Avigo - bove ha scritto:
domenica 14 aprile 2019, 21:14
Le pietre sono finite e hanno detto che questi i numeri li hanno e alla grande. Ovviamente peccano in esperienza, ma hanno 24 anni. Se penso a me a 24 anni, mi vien da mettere le mani nei capelli. Dopo il ritiro di Bonen e Cancellara, la speranza di vedere a breve ancora numeri da campioni veri in queste gare, era abbastanza flebile. Oggi possiamo concretamente sperare di vederne delle belle almeno per i prossimi 7/8 anni. Peccato per il cross, perché con ogni probabilità, due protagonisti assoluti.
caspita dopo un gilbert che vince andando in fuga a piu di 60 km dal traguardo, con sagan che lo scorso anno parti ai -50
NON c'erano piu speranze di vedere numeri da campioni?
secondo me col duopolio la corsa diventa molto piu bloccata e si vivra del duello fra i due big che è sicuramente spettacolare ma meno di queste edizioni pazze senza padroni....



Avatar utente
Pirata81
Messaggi: 2340
Iscritto il: sabato 6 febbraio 2016, 1:37
Località: Savona

Re: WVA vs MVDP il dualismo del prossimo decennio

Messaggio da leggere da Pirata81 » lunedì 15 aprile 2019, 0:23

Van der Poel è ad un livello decisamente superiore rispetto a Van Aert,e sulle Ardenne ne avremo la conferma.
Vincerà una tra Freccia del Brabante e Amstel Gold Race se non commetterà errori come al Fiandre.


FC 2019: 3°
1° Vuelta buena
FC 2018: 9°
1° Giro anch'io
3° Vuelta
FC 2017: 2°
2° Super Tour
2° Vuelta
2° Super Vuelta
FC 2016: 6°
3° Giro
3° Tour

Avatar utente
Gianluca Avigo - bove
Messaggi: 2511
Iscritto il: sabato 7 settembre 2013, 23:29

Re: WVA vs MVDP il dualismo del prossimo decennio

Messaggio da leggere da Gianluca Avigo - bove » lunedì 15 aprile 2019, 6:20

pereiro2982 ha scritto:
domenica 14 aprile 2019, 23:02
Gianluca Avigo - bove ha scritto:
domenica 14 aprile 2019, 21:14
Le pietre sono finite e hanno detto che questi i numeri li hanno e alla grande. Ovviamente peccano in esperienza, ma hanno 24 anni. Se penso a me a 24 anni, mi vien da mettere le mani nei capelli. Dopo il ritiro di Bonen e Cancellara, la speranza di vedere a breve ancora numeri da campioni veri in queste gare, era abbastanza flebile. Oggi possiamo concretamente sperare di vederne delle belle almeno per i prossimi 7/8 anni. Peccato per il cross, perché con ogni probabilità, due protagonisti assoluti.
caspita dopo un gilbert che vince andando in fuga a piu di 60 km dal traguardo, con sagan che lo scorso anno parti ai -50
NON c'erano piu speranze di vedere numeri da campioni?
Infatti ho detto che non c'erano speranze.
Uno ha quasi 37 anni e NESSUNO ( a parte il sottoscritto ) lo aveva pronosticato ne lo scorso anno al fiandre ne quest'anno alla roubaix. L'altro ha vinto molto e credo sia alla ricerca, giustamente, di nuovi stimoli. Ma di certo non correrà per ancora 10 anni. Quello che intendevo era che, di dominatori e protagonisti certi come quelli dell'ultimo decennio, in gruppo non ce n'era all'orizzonte. Non che il gruppo fosse sprovvisto di talenti, ma di specialisti con numeri esagerati si. Mvdp e Wva, a mio avviso li hanno eccome.


«A parità di fattori la spiegazione più semplice è da preferire»
(Guglielmo di Occam)

held
Messaggi: 1448
Iscritto il: lunedì 13 dicembre 2010, 18:07
Località: Sardegna

Re: WVA vs MVDP il dualismo del prossimo decennio

Messaggio da leggere da held » lunedì 15 aprile 2019, 16:12

Purtroppo ieri non ho visto granché della corsa, devo immediatamente recuperare! Leggo però che Wout ha fatto un figurone ma sopratutto ha mostrato i denti, ragazzi Van der Poel è un fenomeno ma lui non è da meno



Admin
Messaggi: 13499
Iscritto il: domenica 21 giugno 2009, 22:48

Re: WVA vs MVDP il dualismo del prossimo decennio

Messaggio da leggere da Admin » lunedì 15 aprile 2019, 17:37

held ha scritto:
lunedì 15 aprile 2019, 16:12
sopratutto ha mostrato i denti
No, quello era Politt.

(Ok, ok, la pianto) :D :pomodoro:


Pantani è una leggenda come Coppi e Bartali

held
Messaggi: 1448
Iscritto il: lunedì 13 dicembre 2010, 18:07
Località: Sardegna

Re: WVA vs MVDP il dualismo del prossimo decennio

Messaggio da leggere da held » lunedì 15 aprile 2019, 20:56

Non l'ho capita! Cosa mi son perso? :ouch: :(



Avatar utente
il_panta
Messaggi: 5178
Iscritto il: lunedì 21 maggio 2012, 13:39

Re: WVA vs MVDP il dualismo del prossimo decennio

Messaggio da leggere da il_panta » lunedì 15 aprile 2019, 20:59

held ha scritto:
lunedì 15 aprile 2019, 20:56
Non l'ho capita! Cosa mi son perso? :ouch: :(
Politt durante lo sforzo mostrava gli (enormi) incisivi dell'arcata superiore, a tal punto da dar l'impressione di portare un paradenti. Non ho trovato foto online purtroppo, ma in diretta ero sicuro che avesse un paradenti, per quanto assurdo mi sembrasse.


2019: Giro d'Italia tp 4, 5, 20; Giro d'Italia classifica generale; Tour de France tp 1, 10; Tour of Britain;

held
Messaggi: 1448
Iscritto il: lunedì 13 dicembre 2010, 18:07
Località: Sardegna

Re: WVA vs MVDP il dualismo del prossimo decennio

Messaggio da leggere da held » lunedì 15 aprile 2019, 21:45

Grazie!! Credo di aver perso una delle corse più spettacolari degli ultimi anni, la roubaix non delude mai! :hammer:



held
Messaggi: 1448
Iscritto il: lunedì 13 dicembre 2010, 18:07
Località: Sardegna

Re: WVA vs MVDP il dualismo del prossimo decennio

Messaggio da leggere da held » martedì 16 aprile 2019, 10:16

Ho recuperato, con grave ritardo, la Roubaix di domenica! (non tiratemi i pomodori in faccia :pomodoro: ).
Ok Gilbert campione, fenomeno vero ma lasciatemelo dire... ma cosa ha fatto Wout van Aert????' Io lo amo! Indiavolato! :drool:
rompe la bici nella foresta, perde terreno, cambia bici e via all'inseguimento, rientra, cade e nuovamente staccato, più di un minuto staccato e di nuovo via ad inseguire! Sul pavè un colosso e rientra sui primi, a pochi km dal traguardo è ancora lì a giocarsela! Cede solo per sfinimento ed arriva comunque 6° (esatto?)! :o :clap: :clap: :clap:
Un grande! Con questa prova, che ricorda la tenacia delle strade bianche 2018, recupera molti punti nei confronti del rivale Van Der Poel!
Ragazzi che meraviglia questi due, un giorno potremo dire, noi c'eravamo! :gnam:



Avatar utente
Divanista
Messaggi: 579
Iscritto il: lunedì 16 aprile 2018, 14:21

Re: WVA vs MVDP il dualismo del prossimo decennio

Messaggio da leggere da Divanista » martedì 16 aprile 2019, 10:38

held ha scritto:
martedì 16 aprile 2019, 10:16
Ho recuperato, con grave ritardo, la Roubaix di domenica! (non tiratemi i pomodori in faccia :pomodoro: ).
Ok Gilbert campione, fenomeno vero ma lasciatemelo dire... ma cosa ha fatto Wout van Aert????' Io lo amo! Indiavolato! :drool:
rompe la bici nella foresta, perde terreno, cambia bici e via all'inseguimento, rientra, cade e nuovamente staccato, più di un minuto staccato e di nuovo via ad inseguire! Sul pavè un colosso e rientra sui primi, a pochi km dal traguardo è ancora lì a giocarsela! Cede solo per sfinimento ed arriva comunque 6° (esatto?)! :o :clap: :clap: :clap:
Un grande! Con questa prova, che ricorda la tenacia delle strade bianche 2018, recupera molti punti nei confronti del rivale Van Der Poel!
Ragazzi che meraviglia questi due, un giorno potremo dire, noi c'eravamo! :gnam:
Tutto giusto e condivisibile, a parte che è arrivato 22° ma non 6° (comunque la sostanza non cambia).


Ecco la mia presentazione. :carta:

Avatar utente
Gianluca Avigo - bove
Messaggi: 2511
Iscritto il: sabato 7 settembre 2013, 23:29

Re: WVA vs MVDP il dualismo del prossimo decennio

Messaggio da leggere da Gianluca Avigo - bove » martedì 16 aprile 2019, 11:51

held ha scritto:
martedì 16 aprile 2019, 10:16
Ho recuperato, con grave ritardo, la Roubaix di domenica! (non tiratemi i pomodori in faccia :pomodoro: ).
Ok Gilbert campione, fenomeno vero ma lasciatemelo dire... ma cosa ha fatto Wout van Aert????' Io lo amo! Indiavolato! :drool:
rompe la bici nella foresta, perde terreno, cambia bici e via all'inseguimento, rientra, cade e nuovamente staccato, più di un minuto staccato e di nuovo via ad inseguire! Sul pavè un colosso e rientra sui primi, a pochi km dal traguardo è ancora lì a giocarsela! Cede solo per sfinimento ed arriva comunque 6° (esatto?)! :o :clap: :clap: :clap:
Un grande! Con questa prova, che ricorda la tenacia delle strade bianche 2018, recupera molti punti nei confronti del rivale Van Der Poel!
Ragazzi che meraviglia questi due, un giorno potremo dire, noi c'eravamo! :gnam:
Come spesso capita d'accordissimo :cincin:


«A parità di fattori la spiegazione più semplice è da preferire»
(Guglielmo di Occam)

Avatar utente
Pirata81
Messaggi: 2340
Iscritto il: sabato 6 febbraio 2016, 1:37
Località: Savona

Re: WVA vs MVDP il dualismo del prossimo decennio

Messaggio da leggere da Pirata81 » mercoledì 17 aprile 2019, 18:17

Pirata81 ha scritto:
lunedì 15 aprile 2019, 0:23
Van der Poel è ad un livello decisamente superiore rispetto a Van Aert,e sulle Ardenne ne avremo la conferma.
Vincerà una tra Freccia del Brabante e Amstel Gold Race se non commetterà errori come al Fiandre.
CVD.
MI sa che VDP vincerà anche l'Amstel Gold Race.


FC 2019: 3°
1° Vuelta buena
FC 2018: 9°
1° Giro anch'io
3° Vuelta
FC 2017: 2°
2° Super Tour
2° Vuelta
2° Super Vuelta
FC 2016: 6°
3° Giro
3° Tour

Avatar utente
lambohbk
Messaggi: 2498
Iscritto il: giovedì 13 ottobre 2016, 23:27

Re: WVA vs MVDP il dualismo del prossimo decennio

Messaggio da leggere da lambohbk » mercoledì 17 aprile 2019, 18:45

Chiudiamo il thread? :D :D


FC 2017: Dwars, La Panne, Paesi Baschi, Vuelta España - Combinata, Japan Cup, "L'Altro Lombardia"
FC 2018: Tour of the Alps, "L'Altro Mondiale", 3° Classificato Classifica Generale
FC 2019: Volta Limburg, Tour of California

held
Messaggi: 1448
Iscritto il: lunedì 13 dicembre 2010, 18:07
Località: Sardegna

Re: WVA vs MVDP il dualismo del prossimo decennio

Messaggio da leggere da held » mercoledì 17 aprile 2019, 22:06

lambohbk ha scritto:
mercoledì 17 aprile 2019, 18:45
Chiudiamo il thread? :D :D
Mai!!! :D
OK ormai è un botta e risposta. Oggi Van der Poel ha giocato l'asso! Confermo quanto detto, è un fenomeno è vincerà di più ma se c'è una cosa di cui son certo è la grinta e la tenacia di Van Aert! Non lo batterà spesso ma darà l'anima per riuscirci. È più probabile che fonda il motore per stargli dietro più che molli la presa! Quindi il duello e lo spettacolo è garantito.



bugnogianni
Messaggi: 214
Iscritto il: giovedì 15 febbraio 2018, 22:49

Re: WVA vs MVDP il dualismo del prossimo decennio

Messaggio da leggere da bugnogianni » domenica 21 aprile 2019, 19:33

povero Wout Van Aert, fa prima a cambiare sport.


vedremo


Rispondi