Psicodramma Gavia 2019

Il mondo dei professionisti tra gare e complessità, e più in generale l'approccio al ciclismo di ogni appassionato
Avatar utente
aitutaki1
Messaggi: 841
Iscritto il: sabato 25 ottobre 2014, 12:02
Località: Trecianum

Re: Psicodramma Gavia 2019

Messaggio da leggere da aitutaki1 » sabato 25 maggio 2019, 21:26

Scandaloso, ma precisamente sto incapace da chi è raccomandato ?
Piano B incommentabile


Uguaglianza, Fratellanza e Tolleranza


Steven
Messaggi: 1560
Iscritto il: martedì 7 maggio 2013, 16:53

Re: Psicodramma Gavia 2019

Messaggio da leggere da Steven » sabato 25 maggio 2019, 21:28

Fedaia ha scritto:
sabato 25 maggio 2019, 19:17
Fosse per me comunque abolirei del tutto Stelvio e Gavia..
Siamo pieni di belle salite..non e’ possibile mortificare una tappa simile con un epilogo, decisamente probabile a Maggio inizio Giugno.
Troppi rischi, troppi esborsi per cosa? Per fare poi Cevo?
Io abolirei tutte le salite oltre i 2000 metri. Tanto col giro a maggio queste situazioni sono una costante


Nostalgia canaglia per il ciclismo anni '90

Avatar utente
aitutaki1
Messaggi: 841
Iscritto il: sabato 25 ottobre 2014, 12:02
Località: Trecianum

Re: Psicodramma Gavia 2019

Messaggio da leggere da aitutaki1 » sabato 25 maggio 2019, 21:28

giorgio ricci ha scritto:
sabato 25 maggio 2019, 21:22
Io al posto di Vegni avrei fatto lo stesso. Piuttosto che creare situazioni assurde come Val Martello 2014 é meglio pararsi il c...
A calci in culo dovevano mandarlo via dopo la farsa delle bandierine ..
e invece no , per non parlare della Tirreno


Uguaglianza, Fratellanza e Tolleranza

Gigilasegaperenne
Messaggi: 485
Iscritto il: domenica 26 dicembre 2010, 17:22

Re: Psicodramma Gavia 2019

Messaggio da leggere da Gigilasegaperenne » sabato 25 maggio 2019, 21:33

Tutte le volte che viene cambiata una tappa per neve cominciano le solfe tipo "abolire questo e quello", "mai oltre i 2000 metri", etc. Basta predisporre un piano B adeguato (questo non lo è, sia chiaro), e mettere in conto che di tanto in tanto le salite che arrivano così in alto possono anche saltare. Alcuni qui si amputerebbero una mano per non avere la rottura di doversi tagliare le unghie.



Avatar utente
Walter_White
Messaggi: 13680
Iscritto il: mercoledì 23 marzo 2016, 18:01

Re: Psicodramma Gavia 2019

Messaggio da leggere da Walter_White » sabato 25 maggio 2019, 21:36

Vi prego, guardate il commento più votato ahahah

https://twitter.com/faustocoppi60/statu ... 2306613249


FCC 2018/19: 1°; Superprestige; Gran Combinata
FCC 2017/18: 3°; Trofeo dei titoli; Campionato Europeo Donne Elite, Campionato del Mondo Donne Elite, ROTY


nikybo85
Messaggi: 3152
Iscritto il: mercoledì 23 agosto 2017, 0:06

Re: Psicodramma Gavia 2019

Messaggio da leggere da nikybo85 » sabato 25 maggio 2019, 22:19

Walter_White ha scritto:
sabato 25 maggio 2019, 21:36
Vi prego, guardate il commento più votato ahahah

https://twitter.com/faustocoppi60/statu ... 2306613249
Grande Kru! Ed è stato anche diplomatico :D



Avatar utente
il_panta
Messaggi: 5502
Iscritto il: lunedì 21 maggio 2012, 13:39

Re: Psicodramma Gavia 2019

Messaggio da leggere da il_panta » sabato 25 maggio 2019, 22:26

Gigilasegaperenne ha scritto:
sabato 25 maggio 2019, 21:33
Tutte le volte che viene cambiata una tappa per neve cominciano le solfe tipo "abolire questo e quello", "mai oltre i 2000 metri", etc. Basta predisporre un piano B adeguato (questo non lo è, sia chiaro), e mettere in conto che di tanto in tanto le salite che arrivano così in alto possono anche saltare. Alcuni qui si amputerebbero una mano per non avere la rottura di doversi tagliare le unghie.
Io vorrei che fosse chiaro il percorso. La strategia di corsa dipende fortemente da ciò che ti attende nei giorni a seguire, non si può cambiare tutto in questo modo. Addirittura i corridori decidono tra Giro e Tour in base al percorso, fossi un Landa o un Nibali mi girerebbero tantissimo i coglioni.

Non fai il Gavia? Va bene, ma devi essere pronto, avere un piano B all'altezza. Oppure, al limite, (ma già sarebbe una stortura) pubblicare già alla presentazione il piano B in caso di neve, così che i corridori conoscano le regole del gioco. Se non puoi garantire la serietà della competizione meglio non programmare il passaggio sul Gavia. Negli ultimi 5 anni abbiamo già assistito a due buffonate che falsano la corsa.


2019 (1°): Giro d'Italia tp 4, 5, 20; Giro d'Italia classifica generale; Tour de France tp 1, 10; Tour of Britain;

lucks83
Messaggi: 1001
Iscritto il: sabato 18 maggio 2013, 13:11

Re: Psicodramma Gavia 2019

Messaggio da leggere da lucks83 » sabato 25 maggio 2019, 22:33

Allora... Dico la mia.
Si dimostra la gestione dilettantesca di Vegni in queste situazioni una volta di più. Piano B ridicolo perché evidentemente studiato all'ultimo secondo.
Premesso che è da qualche giorno che dico che sul Gavia c'è troppa neve e il pericolo slavine è da considerare (se cade una slavina sulla corsa dal lato di ponte di legno ritrovano corridori e ammiraglie a fondovalle), ritengo sia anche una mancanza di rispetto far fare il culo ai volontari per ripulire la strada, rischiando anche la pelle, per poi annullare.
Quando si disegna un GT con una scalata come il Gavia o lo Stelvio, già da ottobre devi avere un piano B credibile. Non la salita di Cevo di sicuro. Se a inizio Giro hai dei dubbi sulla fattibilità di un Gavia o uno Stelvio, vai subito col piano B, che in questo caso si sarebbe potuto chiamare solo e soltanto Trivigno. Che, per inciso, non so come sia messa la strada, ma con i soldi e le energie spese per aprire il Gavia, avrebbero potuto sistemare.
Anche il Vivione poteva essere un'opzione.
Di sicuro non questa ciofeca.



Erinnerung
Messaggi: 258
Iscritto il: venerdì 28 settembre 2018, 16:58

Re: Psicodramma Gavia 2019

Messaggio da leggere da Erinnerung » sabato 25 maggio 2019, 22:45

il_panta ha scritto:
sabato 25 maggio 2019, 22:26
Gigilasegaperenne ha scritto:
sabato 25 maggio 2019, 21:33
Tutte le volte che viene cambiata una tappa per neve cominciano le solfe tipo "abolire questo e quello", "mai oltre i 2000 metri", etc. Basta predisporre un piano B adeguato (questo non lo è, sia chiaro), e mettere in conto che di tanto in tanto le salite che arrivano così in alto possono anche saltare. Alcuni qui si amputerebbero una mano per non avere la rottura di doversi tagliare le unghie.
Io vorrei che fosse chiaro il percorso. La strategia di corsa dipende fortemente da ciò che ti attende nei giorni a seguire, non si può cambiare tutto in questo modo. Addirittura i corridori decidono tra Giro e Tour in base al percorso, fossi un Landa o un Nibali mi girerebbero tantissimo i coglioni.

Non fai il Gavia? Va bene, ma devi essere pronto, avere un piano B all'altezza. Oppure, al limite, (ma già sarebbe una stortura) pubblicare già alla presentazione il piano B in caso di neve, così che i corridori conoscano le regole del gioco. Se non puoi garantire la serietà della competizione meglio non programmare il passaggio sul Gavia. Negli ultimi 5 anni abbiamo già assistito a due buffonate che falsano la corsa.
Quoto in toto.
Vuoi inserire il Gavia o lo Stelvio? Allora bene prima dell'inizio del Giro devi avere in mente un'alternativa degna e praticabile..
La tappa era estrema...226 km con 5700 m di dislivello e la Cima Coppi a quota 2600.. Qualcosa per durezza che non si vedeva dai tempi del Gardeccia 2011...non mi puoi mettere la salita di Cevo e dire "è dura lo stesso"... È un'altra roba!



buiaccaro
Messaggi: 220
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 22:48
Località: Roma

Re: Psicodramma Gavia 2019

Messaggio da leggere da buiaccaro » sabato 25 maggio 2019, 22:55

Walter_White ha scritto:
sabato 25 maggio 2019, 21:36
Vi prego, guardate il commento più votato ahahah

https://twitter.com/faustocoppi60/statu ... 2306613249
:clap:



Avatar utente
il_panta
Messaggi: 5502
Iscritto il: lunedì 21 maggio 2012, 13:39

Re: Psicodramma Gavia 2019

Messaggio da leggere da il_panta » sabato 25 maggio 2019, 22:56

Erinnerung ha scritto:
sabato 25 maggio 2019, 22:45
il_panta ha scritto:
sabato 25 maggio 2019, 22:26
Gigilasegaperenne ha scritto:
sabato 25 maggio 2019, 21:33
Tutte le volte che viene cambiata una tappa per neve cominciano le solfe tipo "abolire questo e quello", "mai oltre i 2000 metri", etc. Basta predisporre un piano B adeguato (questo non lo è, sia chiaro), e mettere in conto che di tanto in tanto le salite che arrivano così in alto possono anche saltare. Alcuni qui si amputerebbero una mano per non avere la rottura di doversi tagliare le unghie.
Io vorrei che fosse chiaro il percorso. La strategia di corsa dipende fortemente da ciò che ti attende nei giorni a seguire, non si può cambiare tutto in questo modo. Addirittura i corridori decidono tra Giro e Tour in base al percorso, fossi un Landa o un Nibali mi girerebbero tantissimo i coglioni.

Non fai il Gavia? Va bene, ma devi essere pronto, avere un piano B all'altezza. Oppure, al limite, (ma già sarebbe una stortura) pubblicare già alla presentazione il piano B in caso di neve, così che i corridori conoscano le regole del gioco. Se non puoi garantire la serietà della competizione meglio non programmare il passaggio sul Gavia. Negli ultimi 5 anni abbiamo già assistito a due buffonate che falsano la corsa.
Quoto in toto.
Vuoi inserire il Gavia o lo Stelvio? Allora bene prima dell'inizio del Giro devi avere in mente un'alternativa degna e praticabile..
La tappa era estrema...226 km con 5700 m di dislivello e la Cima Coppi a quota 2600.. Qualcosa per durezza che non si vedeva dai tempi del Gardeccia 2011...non mi puoi mettere la salita di Cevo e dire "è dura lo stesso"... È un'altra roba!
Sapendo questa cosa magari Nibali ieri avrebbe attaccato più a fondo Roglic, invece di lavorarlo ai fianchi (ammesso che sia andata così, ma non è questo il punto). E' come se a tre giorni dalla fine decidessero che la crono non si corre, è una cosa che non si può fare per la serietà della competizione.


2019 (1°): Giro d'Italia tp 4, 5, 20; Giro d'Italia classifica generale; Tour de France tp 1, 10; Tour of Britain;

pitoro
Messaggi: 1752
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 18:30

Re: Psicodramma Gavia 2019

Messaggio da leggere da pitoro » sabato 25 maggio 2019, 23:04

Slegar ha scritto:
sabato 25 maggio 2019, 21:11
Interpreto le diciarazioni di Vegni: piuttosto che ricominciare il Giro con la "sega infinita" della neve sul Gavia, con il rischio di creare tensioni in gruppo con il boicottaggio della tappa in mondovisione, meglio accampare delle scuse che sono sempre buone. Dispiacere tanto, polemiche zero.

Pericolo slavine: il servizio meteo della Regione Lombardia è dall'inizio di questa settimana che non classifica più il pericolo valanghe, dato per inesistente se non alle quate più alte (diciamo dai 3.000 in su?)

Pericolo neve sulla strada e formazione di ghiaccio: con una preventiva salatura della strada, fino ai -5°C non esiste nessun problema di formazione di ghiaccio. Con lo stesso trattamento la neve a contatto con la superfcie stradale si scioglie immediatamente.
Preciso Slegar, as usual. Quella del ghiaccio sulla strada poi è troppo ridicola. Se l'ha detto con convizione è uno che non capisce niente, altrimenti è solo uno che cerca di prendere per il c..o chi ha di fronte.
Circa le slavine non si può mai essere certi di niente, ma è molto più probabile che cadano sassi su una strada in un giorno di pioggia appena forte che una slavina in questo periodo e con queste condizioni. Ma tanto c'è sempre qualcuno disposto a credere anche alle fake più evidenti.



buiaccaro
Messaggi: 220
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 22:48
Località: Roma

Re: Psicodramma Gavia 2019

Messaggio da leggere da buiaccaro » sabato 25 maggio 2019, 23:07

Piano B decisamente non all'altezza. La cosa peggiore poi è citare il versante duro dell'Aprica come se fosse lo Zoncolan. Niente di male se salta una salita ma devi essere pronto con un'alternativa credibile. Poi non è che manchino le salite dure da quelle parti anche ben sotto i 2000.

Il percorso è stato chiaramente snaturato.

Trovo incomprensibile non fare il doppio Mortirolo se hai problemi con Trivigno o altro. Anche dallo stesso versante eventualmente (due doppiette Mortirolo-Aprica, anche se sarebbe tostissimo). Se è oltre il limite dei 240 km sposti il km 0 più avanti e risolvi. Se salta la Cima Coppi puoi anche far partire la tappa 5 km più in là.

Trovo tutto incomprensibile

P.S.: ridicola la cosa della Cima Coppi. Se fosse stata all'ultima tappa che facevamo, avevamo le Torricelle come Cima Coppi???



CicloSprint
Messaggi: 6334
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:49

Re: Psicodramma Gavia 2019

Messaggio da leggere da CicloSprint » sabato 25 maggio 2019, 23:15

Slegar ha scritto:
sabato 25 maggio 2019, 21:11
Interpreto le diciarazioni di Vegni: piuttosto che ricominciare il Giro con la "sega infinita" della neve sul Gavia, con il rischio di creare tensioni in gruppo con il boicottaggio della tappa in mondovisione, meglio accampare delle scuse che sono sempre buone. Dispiacere tanto, polemiche zero.

Pericolo slavine: il servizio meteo della Regione Lombardia è dall'inizio di questa settimana che non classifica più il pericolo valanghe, dato per inesistente se non alle quate più alte (diciamo dai 3.000 in su?)

Pericolo neve sulla strada e formazione di ghiaccio: con una preventiva salatura della strada, fino ai -5°C non esiste nessun problema di formazione di ghiaccio. Con lo stesso trattamento la neve a contatto con la superfcie stradale si scioglie immediatamente.

E' previsto maltempio sul Giro per domani e martedì ;)



cassius
Messaggi: 808
Iscritto il: giovedì 19 luglio 2012, 23:01

Re: Psicodramma Gavia 2019

Messaggio da leggere da cassius » sabato 25 maggio 2019, 23:17

il_panta ha scritto:
sabato 25 maggio 2019, 22:26
Io vorrei che fosse chiaro il percorso. La strategia di corsa dipende fortemente da ciò che ti attende nei giorni a seguire, non si può cambiare tutto in questo modo. Addirittura i corridori decidono tra Giro e Tour in base al percorso, fossi un Landa o un Nibali mi girerebbero tantissimo i coglioni.
Hanno tolto 700 metri di dislivello e 32 km in una tappa di 5500 m D+ e 226 km. Con 3 giorni di anticipo.
E penso che i corridori fossero già al corrente, forse già a inizio Giro, che l'annullamento del Gavia era lo scenario più probabile.

Se a qualcuno non va bene questa cosa, può andare a fare la Vuelta.



Avatar utente
il_panta
Messaggi: 5502
Iscritto il: lunedì 21 maggio 2012, 13:39

Re: Psicodramma Gavia 2019

Messaggio da leggere da il_panta » sabato 25 maggio 2019, 23:21

cassius ha scritto:
sabato 25 maggio 2019, 23:17
il_panta ha scritto:
sabato 25 maggio 2019, 22:26
Io vorrei che fosse chiaro il percorso. La strategia di corsa dipende fortemente da ciò che ti attende nei giorni a seguire, non si può cambiare tutto in questo modo. Addirittura i corridori decidono tra Giro e Tour in base al percorso, fossi un Landa o un Nibali mi girerebbero tantissimo i coglioni.
Hanno tolto 700 metri di dislivello e 32 km in una tappa di 5500 m D+ e 226 km. Con 3 giorni di anticipo.
E penso che i corridori fossero già al corrente, forse già a inizio Giro, che l'annullamento del Gavia era lo scenario più probabile.

Se a qualcuno non va bene questa cosa, può andare a fare la Vuelta.
La durezza della tappa non si misura così, dai. Puoi fare anche 3 volte l'Aprica, ma non è nemmeno avvicinabile al Gavia.


2019 (1°): Giro d'Italia tp 4, 5, 20; Giro d'Italia classifica generale; Tour de France tp 1, 10; Tour of Britain;

CicloSprint
Messaggi: 6334
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:49

Re: Psicodramma Gavia 2019

Messaggio da leggere da CicloSprint » sabato 25 maggio 2019, 23:34

cassius ha scritto:
sabato 25 maggio 2019, 23:17
il_panta ha scritto:
sabato 25 maggio 2019, 22:26
Io vorrei che fosse chiaro il percorso. La strategia di corsa dipende fortemente da ciò che ti attende nei giorni a seguire, non si può cambiare tutto in questo modo. Addirittura i corridori decidono tra Giro e Tour in base al percorso, fossi un Landa o un Nibali mi girerebbero tantissimo i coglioni.
Hanno tolto 700 metri di dislivello e 32 km in una tappa di 5500 m D+ e 226 km. Con 3 giorni di anticipo.
E penso che i corridori fossero già al corrente, forse già a inizio Giro, che l'annullamento del Gavia era lo scenario più probabile.

Se a qualcuno non va bene questa cosa, può andare a fare la Vuelta.
Ci siamo davvero trovati a un maggio mai così invernale dal 1956, vero ?



Avatar utente
galliano
Messaggi: 13901
Iscritto il: giovedì 14 aprile 2011, 12:53
Località: TN

Re: Psicodramma Gavia 2019

Messaggio da leggere da galliano » sabato 25 maggio 2019, 23:35

udra ha scritto:
sabato 25 maggio 2019, 21:18
frcre ha scritto:
sabato 25 maggio 2019, 21:18
Ma non si poteva salire due volte da mazzo scendendo verso Grosio?
O una volta da mazzo e una da tovo?
Troppo lunga
Sì ma quanto lunga Udra, se lo sai?
240?
Come suggerito da qualcuno forse si poteva limare qualche km lungo il percorso o ad inizio tappa spostando la partenza effettiva.
Scendendo ai 230 era fattibile.



Gigilasegaperenne
Messaggi: 485
Iscritto il: domenica 26 dicembre 2010, 17:22

Re: Psicodramma Gavia 2019

Messaggio da leggere da Gigilasegaperenne » sabato 25 maggio 2019, 23:36

il_panta ha scritto:
sabato 25 maggio 2019, 22:26
Gigilasegaperenne ha scritto:
sabato 25 maggio 2019, 21:33
Tutte le volte che viene cambiata una tappa per neve cominciano le solfe tipo "abolire questo e quello", "mai oltre i 2000 metri", etc. Basta predisporre un piano B adeguato (questo non lo è, sia chiaro), e mettere in conto che di tanto in tanto le salite che arrivano così in alto possono anche saltare. Alcuni qui si amputerebbero una mano per non avere la rottura di doversi tagliare le unghie.
Io vorrei che fosse chiaro il percorso. La strategia di corsa dipende fortemente da ciò che ti attende nei giorni a seguire, non si può cambiare tutto in questo modo. Addirittura i corridori decidono tra Giro e Tour in base al percorso, fossi un Landa o un Nibali mi girerebbero tantissimo i coglioni.

Non fai il Gavia? Va bene, ma devi essere pronto, avere un piano B all'altezza. Oppure, al limite, (ma già sarebbe una stortura) pubblicare già alla presentazione il piano B in caso di neve, così che i corridori conoscano le regole del gioco. Se non puoi garantire la serietà della competizione meglio non programmare il passaggio sul Gavia. Negli ultimi 5 anni abbiamo già assistito a due buffonate che falsano la corsa.
Sì sì sui piani B sono d'accordissimo con te. Dico solo che la strada, secondo me, è quella, non privarsi a priori di Gavia e Stelvio (o Agnello o chi per loro).



Avatar utente
Patate
Messaggi: 4560
Iscritto il: domenica 28 febbraio 2016, 23:23

Re: Psicodramma Gavia 2019

Messaggio da leggere da Patate » sabato 25 maggio 2019, 23:38

Ma cos'è il "bozzo" prima di Mazzo? Un errore GPS o uno strappo?


antani ha scritto:Non so perchè ma ho la sensazione che domani Aru possa arrivare dietro o davanti a Froome, stiamo a vedere sembra facile ma non è difficile

pitoro
Messaggi: 1752
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 18:30

Re: Psicodramma Gavia 2019

Messaggio da leggere da pitoro » sabato 25 maggio 2019, 23:44

CicloSprint ha scritto:
sabato 25 maggio 2019, 23:15
Slegar ha scritto:
sabato 25 maggio 2019, 21:11
Interpreto le diciarazioni di Vegni: piuttosto che ricominciare il Giro con la "sega infinita" della neve sul Gavia, con il rischio di creare tensioni in gruppo con il boicottaggio della tappa in mondovisione, meglio accampare delle scuse che sono sempre buone. Dispiacere tanto, polemiche zero.

Pericolo slavine: il servizio meteo della Regione Lombardia è dall'inizio di questa settimana che non classifica più il pericolo valanghe, dato per inesistente se non alle quate più alte (diciamo dai 3.000 in su?)

Pericolo neve sulla strada e formazione di ghiaccio: con una preventiva salatura della strada, fino ai -5°C non esiste nessun problema di formazione di ghiaccio. Con lo stesso trattamento la neve a contatto con la superfcie stradale si scioglie immediatamente.

E' previsto maltempio sul Giro per domani e martedì ;)
Ciclosprint cosa intendi per maltempo? Le previsioni al momento dicono "possibilità di nevischio (1 cm di neve all'ora con una probabilità del 49% e solo a partire dal pomeriggio) e temperature sul Gavia sopra lo zero. Certo, sono previsioni a tre giorni, quindi possono cambiare. Un grande giornalista come te sarà comunque in grado di attingere info da fonti qualificate (mi preoccupano piuttosto i tuoi parametri interpretativi).



Avatar utente
il_panta
Messaggi: 5502
Iscritto il: lunedì 21 maggio 2012, 13:39

Re: Psicodramma Gavia 2019

Messaggio da leggere da il_panta » sabato 25 maggio 2019, 23:48

cassius ha scritto:
sabato 25 maggio 2019, 23:17
il_panta ha scritto:
sabato 25 maggio 2019, 22:26
Io vorrei che fosse chiaro il percorso. La strategia di corsa dipende fortemente da ciò che ti attende nei giorni a seguire, non si può cambiare tutto in questo modo. Addirittura i corridori decidono tra Giro e Tour in base al percorso, fossi un Landa o un Nibali mi girerebbero tantissimo i coglioni.
Hanno tolto 700 metri di dislivello e 32 km in una tappa di 5500 m D+ e 226 km. Con 3 giorni di anticipo.
E penso che i corridori fossero già al corrente, forse già a inizio Giro, che l'annullamento del Gavia era lo scenario più probabile.

Se a qualcuno non va bene questa cosa, può andare a fare la Vuelta.
Quando al Tour tolsero il finale del Ventoux non ho detto nulla perché era una scelta di buon senso. In questo caso dove sta il buon senso?
Il pericolo slavine a quell'altezza è al momento ritenuto assente, per il passaggio della tappa non è previsto particolare maltempo né freddo. Qual è il motivo qua? Che ci sia la neve sul Gavia a fine maggio mi sembra normale, no?


2019 (1°): Giro d'Italia tp 4, 5, 20; Giro d'Italia classifica generale; Tour de France tp 1, 10; Tour of Britain;

jumbo
Messaggi: 5482
Iscritto il: sabato 1 ottobre 2011, 10:42

Re: Psicodramma Gavia 2019

Messaggio da leggere da jumbo » sabato 25 maggio 2019, 23:50

Patate ha scritto:
sabato 25 maggio 2019, 23:38
Ma cos'è il "bozzo" prima di Mazzo? Un errore GPS o uno strappo?
Credo sua la salita che c'è subito dopo Tirano sulla statale.
Oppure magari fanno la provinciale immediatamente a monte che sale un po' di più.



jumbo
Messaggi: 5482
Iscritto il: sabato 1 ottobre 2011, 10:42

Re: Psicodramma Gavia 2019

Messaggio da leggere da jumbo » sabato 25 maggio 2019, 23:55

pitoro ha scritto:
sabato 25 maggio 2019, 23:44
CicloSprint ha scritto:
sabato 25 maggio 2019, 23:15
Slegar ha scritto:
sabato 25 maggio 2019, 21:11
Interpreto le diciarazioni di Vegni: piuttosto che ricominciare il Giro con la "sega infinita" della neve sul Gavia, con il rischio di creare tensioni in gruppo con il boicottaggio della tappa in mondovisione, meglio accampare delle scuse che sono sempre buone. Dispiacere tanto, polemiche zero.

Pericolo slavine: il servizio meteo della Regione Lombardia è dall'inizio di questa settimana che non classifica più il pericolo valanghe, dato per inesistente se non alle quate più alte (diciamo dai 3.000 in su?)

Pericolo neve sulla strada e formazione di ghiaccio: con una preventiva salatura della strada, fino ai -5°C non esiste nessun problema di formazione di ghiaccio. Con lo stesso trattamento la neve a contatto con la superfcie stradale si scioglie immediatamente.

E' previsto maltempio sul Giro per domani e martedì ;)
Ciclosprint cosa intendi per maltempo? Le previsioni al momento dicono "possibilità di nevischio (1 cm di neve all'ora con una probabilità del 49% e solo a partire dal pomeriggio) e temperature sul Gavia sopra lo zero. Certo, sono previsioni a tre giorni, quindi possono cambiare. Un grande giornalista come te sarà comunque in grado di attingere info da fonti qualificate (mi preoccupano piuttosto i tuoi parametri interpretativi).
La cosa più incomprensibile della scelta è basarla su previsioni incerte a 3 giorni.
Magari martedì non nevicherà per niente. Non è possibile dirlo oggi nemmeno se ci fossero previsioni più nette.
Si vede che Vegni guarda ilmeteo.it

Se hanno permesso di lavorare a chi ha sbancato la neve (immagino che voglia avranno di farsi lo stesso mazzo alla prossima volta che il Giro metterà in programma il Gavia), il pericolo di valanghe non è significativo.



team opc
Messaggi: 823
Iscritto il: domenica 17 gennaio 2016, 20:34

Re: Psicodramma Gavia 2019

Messaggio da leggere da team opc » domenica 26 maggio 2019, 0:10

Leggo che c'è il pericolo slavine. Ma per chi invece doveva liberare le strade, il pericolo non c'era? Riguardo il piano b, credo sia necessario presentarlo subito alla presentazione del Giro, non 3 giorni prima della tappa.
In un ciclismo dove si guarda ogni minimo dettaglio, aver una tappa diversa da un'altra, può determinare scelte diverse da parte dei corridori e squadre



cassius
Messaggi: 808
Iscritto il: giovedì 19 luglio 2012, 23:01

Re: Psicodramma Gavia 2019

Messaggio da leggere da cassius » domenica 26 maggio 2019, 0:25

il_panta ha scritto:
sabato 25 maggio 2019, 23:48
Quando al Tour tolsero il finale del Ventoux non ho detto nulla perché era una scelta di buon senso. In questo caso dove sta il buon senso?
Il pericolo slavine a quell'altezza è al momento ritenuto assente, per il passaggio della tappa non è previsto particolare maltempo né freddo. Qual è il motivo qua? Che ci sia la neve sul Gavia a fine maggio mi sembra normale, no?
La dichiarazione testuale di Vegni è
"Abbiamo deciso, alla luce delle risultanze meteo dei prossimi giorni che danno un peggioramento e visto cosa ci dicono i meteorologi della Lombardia, che potremo fare il Gavia. C'e' il rischio-slavine, riteniamo di prendere già stasera una decisione, in modo da preorganizzare la tappa in modo corretto"

Il primo motivo sono quindi le condizioni meteo. Siccome i servizi meteo che ho visto concordano tutti sul rischio di nevicate di svariati cm e temperatura anche sotto zero, è chiaro che l'idea di far fare una discesa di 50 km dopo un inferno così e con ancora davanti il Mortirolo sarebbe stata folle.

La cosa del rischio slavine è una cazzata? Mah, non penso che l'abbia pensata Vegni da solo.
Forse poteva evitare di dirla in quanto bastava e avanzava il rischio concreto di ripetere l'esperienza del 1988.
jumbo ha scritto:
sabato 25 maggio 2019, 23:55
La cosa più incomprensibile della scelta è basarla su previsioni incerte a 3 giorni.
Magari martedì non nevicherà per niente. Non è possibile dirlo oggi nemmeno se ci fossero previsioni più nette.
Si vede che Vegni guarda ilmeteo.it

Se hanno permesso di lavorare a chi ha sbancato la neve (immagino che voglia avranno di farsi lo stesso mazzo alla prossima volta che il Giro metterà in programma il Gavia), il pericolo di valanghe non è significativo.
Se avesse aspettato l'ultimo giorno, qualcuno avrebbe avuto (con più titolo) da ridire.
"Magari martedì non nevicherà per niente". Magari faccio i 200 in autostrada e arrivo vivo a casa, ma nel dubbio evito di farli.
"Si vede che Vegni guarda ilmeteo.it": 3bmeteo, Google, poi c'è ARPA Lombardia che dice "Dal pomeriggio rovesci o temporali diffusi, più consistenti sui settori centro-orientali" e "zero termico nel tardo pomeriggio in discesa a 2200 m".
In questi casi la domanda è d'obbligo: saranno tutti pirla?
il_panta ha scritto:
sabato 25 maggio 2019, 23:21
cassius ha scritto:
sabato 25 maggio 2019, 23:17
Hanno tolto 700 metri di dislivello e 32 km in una tappa di 5500 m D+ e 226 km. Con 3 giorni di anticipo.
E penso che i corridori fossero già al corrente, forse già a inizio Giro, che l'annullamento del Gavia era lo scenario più probabile.

Se a qualcuno non va bene questa cosa, può andare a fare la Vuelta.
La durezza della tappa non si misura così, dai. Puoi fare anche 3 volte l'Aprica, ma non è nemmeno avvicinabile al Gavia.
Lo so, ma martedì con ogni probabilità sul Gavia nevicherà.
Si poteva fare 2 volte il Mortirolo? L'organizzazione ha detto che non era fattibile, si sarà fatta i suoi conti: figurati se non ingolosiva pure loro doppiare questa salita mitica!!
CicloSprint ha scritto:
sabato 25 maggio 2019, 23:34
Ci siamo davvero trovati a un maggio mai così invernale dal 1956, vero ?
Come mese di maggio ne ho già visti di migliori.
I casi sono: o rinunciamo all'idea di varcare quota 2000 perchè se no oddio poi se annulliamo una salita il forum cicloweb ce ne scrive di ogni, oppure lo mettiamo, e ogni tanto quella salita salterà.



Avatar utente
il_panta
Messaggi: 5502
Iscritto il: lunedì 21 maggio 2012, 13:39

Re: Psicodramma Gavia 2019

Messaggio da leggere da il_panta » domenica 26 maggio 2019, 0:48

cassius ha scritto:
domenica 26 maggio 2019, 0:25
Lo so, ma martedì con ogni probabilità sul Gavia nevicherà.
Si poteva fare 2 volte il Mortirolo? L'organizzazione ha detto che non era fattibile, si sarà fatta i suoi conti: figurati se non ingolosiva pure loro doppiare questa salita mitica!!
Fosse stato Zomegnan non avrei avuto dubbi sulla volontà di proporre il doppio Mortirolo. :diavoletto:
Su Vegni ammetto di essere un po' prevenuto, la Tirreno Adriatico di tre (vado a memoria) anni fa non mi è ancora andata giù. Vero che al Giro 2014 fu coraggioso (ma solo a metà, combinando alla fine solo un mezzo disastro), ma mi sembra che abbia un po' il braccino. Se non si può fare il doppio Mortirolo è perché si sono svegliati tardi, doveva essere già pensata mesi fa.
Mi infastidisce inoltre la scelta di prendere decisioni in anticipo prendendo in esame il peggior scenario meteorologico possibile. 3bmeteo martedì alle 15 prevede 2 gradi e la possibilità di uno scarso nevischio. arpa lombardia a quanto riportato qua sul forum dà pericolo slavine assenti. Non ho le competenze per consultare le mappe, ma le previsioni non mi sembrano tali da non correre. Se si può correre solo in presenza di sole battente è meglio tracciare percorsi diversi, così da non mutilare la corsa in corso d'opera. Non sarebbe meglio proporre una tappa con doppio Mortirolo o Trivigno+Mortirolo sicuri (o quasi) invece di correre su un percorso che può cambiare radicalmente in corso d'opera?


2019 (1°): Giro d'Italia tp 4, 5, 20; Giro d'Italia classifica generale; Tour de France tp 1, 10; Tour of Britain;

Avatar utente
Patate
Messaggi: 4560
Iscritto il: domenica 28 febbraio 2016, 23:23

Re: Psicodramma Gavia 2019

Messaggio da leggere da Patate » domenica 26 maggio 2019, 0:50

jumbo ha scritto:
sabato 25 maggio 2019, 23:50
Patate ha scritto:
sabato 25 maggio 2019, 23:38
Ma cos'è il "bozzo" prima di Mazzo? Un errore GPS o uno strappo?
Credo sua la salita che c'è subito dopo Tirano sulla statale.
Oppure magari fanno la provinciale immediatamente a monte che sale un po' di più.
Vero, grazie.
Dalla planimetria sembra la Statale


antani ha scritto:Non so perchè ma ho la sensazione che domani Aru possa arrivare dietro o davanti a Froome, stiamo a vedere sembra facile ma non è difficile

lucks83
Messaggi: 1001
Iscritto il: sabato 18 maggio 2013, 13:11

Re: Psicodramma Gavia 2019

Messaggio da leggere da lucks83 » domenica 26 maggio 2019, 0:52

cassius ha scritto:
domenica 26 maggio 2019, 0:25
il_panta ha scritto:
sabato 25 maggio 2019, 23:48
Quando al Tour tolsero il finale del Ventoux non ho detto nulla perché era una scelta di buon senso. In questo caso dove sta il buon senso?
Il pericolo slavine a quell'altezza è al momento ritenuto assente, per il passaggio della tappa non è previsto particolare maltempo né freddo. Qual è il motivo qua? Che ci sia la neve sul Gavia a fine maggio mi sembra normale, no?
La dichiarazione testuale di Vegni è
"Abbiamo deciso, alla luce delle risultanze meteo dei prossimi giorni che danno un peggioramento e visto cosa ci dicono i meteorologi della Lombardia, che potremo fare il Gavia. C'e' il rischio-slavine, riteniamo di prendere già stasera una decisione, in modo da preorganizzare la tappa in modo corretto"

Il primo motivo sono quindi le condizioni meteo. Siccome i servizi meteo che ho visto concordano tutti sul rischio di nevicate di svariati cm e temperatura anche sotto zero, è chiaro che l'idea di far fare una discesa di 50 km dopo un inferno così e con ancora davanti il Mortirolo sarebbe stata folle.

La cosa del rischio slavine è una cazzata? Mah, non penso che l'abbia pensata Vegni da solo.
Forse poteva evitare di dirla in quanto bastava e avanzava il rischio concreto di ripetere l'esperienza del 1988.
jumbo ha scritto:
sabato 25 maggio 2019, 23:55
La cosa più incomprensibile della scelta è basarla su previsioni incerte a 3 giorni.
Magari martedì non nevicherà per niente. Non è possibile dirlo oggi nemmeno se ci fossero previsioni più nette.
Si vede che Vegni guarda ilmeteo.it

Se hanno permesso di lavorare a chi ha sbancato la neve (immagino che voglia avranno di farsi lo stesso mazzo alla prossima volta che il Giro metterà in programma il Gavia), il pericolo di valanghe non è significativo.
Se avesse aspettato l'ultimo giorno, qualcuno avrebbe avuto (con più titolo) da ridire.
"Magari martedì non nevicherà per niente". Magari faccio i 200 in autostrada e arrivo vivo a casa, ma nel dubbio evito di farli.
"Si vede che Vegni guarda ilmeteo.it": 3bmeteo, Google, poi c'è ARPA Lombardia che dice "Dal pomeriggio rovesci o temporali diffusi, più consistenti sui settori centro-orientali" e "zero termico nel tardo pomeriggio in discesa a 2200 m".
In questi casi la domanda è d'obbligo: saranno tutti pirla?
il_panta ha scritto:
sabato 25 maggio 2019, 23:21
cassius ha scritto:
sabato 25 maggio 2019, 23:17
Hanno tolto 700 metri di dislivello e 32 km in una tappa di 5500 m D+ e 226 km. Con 3 giorni di anticipo.
E penso che i corridori fossero già al corrente, forse già a inizio Giro, che l'annullamento del Gavia era lo scenario più probabile.

Se a qualcuno non va bene questa cosa, può andare a fare la Vuelta.
La durezza della tappa non si misura così, dai. Puoi fare anche 3 volte l'Aprica, ma non è nemmeno avvicinabile al Gavia.
Lo so, ma martedì con ogni probabilità sul Gavia nevicherà.
Si poteva fare 2 volte il Mortirolo? L'organizzazione ha detto che non era fattibile, si sarà fatta i suoi conti: figurati se non ingolosiva pure loro doppiare questa salita mitica!!
CicloSprint ha scritto:
sabato 25 maggio 2019, 23:34
Ci siamo davvero trovati a un maggio mai così invernale dal 1956, vero ?
Come mese di maggio ne ho già visti di migliori.
I casi sono: o rinunciamo all'idea di varcare quota 2000 perchè se no oddio poi se annulliamo una salita il forum cicloweb ce ne scrive di ogni, oppure lo mettiamo, e ogni tanto quella salita salterà.
Qua non si tratta di forzare la mano sul passaggio del Gavia o sul doppio Mortirolo o di rinunciare ai passi over 2000.
Effettivamente l'accoppiata Gavia seguito dal Mortirolo è stata proposta nel 1996 per la prima volta,poi nel 1999, 2006, e 2008. E sul Gavia non è mai successo niente ai fini dello svolgimento della corsa, perché troppo lontano dal Mortirolo.Certo lo spettacolo paesaggistico fu ineguagliabile ma fine a sé stesso. Però è una salita che resta nelle gambe dei ciclisti e condiziona poi il Mortirolo e favorisce la selezione. Per questo dico che come piano B i Cevo e Aprica non sono sufficienti a rimpiazzare il Gavia, nemmeno lontanamente. Cominciavamo a ragionare inserendo un Paspardo prima di Cevo, un'altra salita in più che rimane nei polpacci dei corridori.
Oppure un Trivigno (salitona), indicato da subito come piano B e messo in sicurezza alle prime avvisaglie di difficoltà sul Gavia.
Alternative ce ne erano in val Camonica (il Vivione mannaggia?) per approntare una tappa di riserva senza Gavia e senza salite over 2000 ma con eguale dislivello e chilometraggio.
Così si falsa la corsa.
E poi, perché non aspettare lunedì e le previsioni meteo più certe?
Sai che ridere se poi sul Gavia non nevicherà?



Avatar utente
galliano
Messaggi: 13901
Iscritto il: giovedì 14 aprile 2011, 12:53
Località: TN

Re: Psicodramma Gavia 2019

Messaggio da leggere da galliano » domenica 26 maggio 2019, 1:00

Vegni indubbiamente ha il braccino corto.
Il problema dei piani B lo si è sollevato più volte e puntualmente la soluzione proposta è insoddisfacente.
Non dico sia banale, sicuramente no, ma ci si limita sempre al compitino.



Avatar utente
Patate
Messaggi: 4560
Iscritto il: domenica 28 febbraio 2016, 23:23

Re: Psicodramma Gavia 2019

Messaggio da leggere da Patate » domenica 26 maggio 2019, 1:06

lucks83 ha scritto:
domenica 26 maggio 2019, 0:52
Cominciavamo a ragionare inserendo un Paspardo prima di Cevo, un'altra salita in più che rimane nei polpacci dei corridori.
Ci sarebbe stato strabene, tra l'altro con bella sede stradale
mortalt.png
mortalt.png (211.64 KiB) Visto 1885 volte


antani ha scritto:Non so perchè ma ho la sensazione che domani Aru possa arrivare dietro o davanti a Froome, stiamo a vedere sembra facile ma non è difficile

nibali-san baronto
Messaggi: 748
Iscritto il: mercoledì 17 agosto 2016, 20:43

Re: Psicodramma Gavia 2019

Messaggio da leggere da nibali-san baronto » domenica 26 maggio 2019, 1:14

Premesso che non so quanto fosse necessario decidere già adesso per il Gavia e che il piano B è deludente.

Non dobbiamo dimenticarci che per far passare una corsa da una strada servono permessi di enti locali, prefetti, carabinieri e quant'altro. A 3 giorni dall'evento qualcuno potrebbe anche impedire per ragioni svariate di passare da determinate strade (magari è il caso di Paspardo). E' un po' il motivo per cui, in vista del Giro, Vegni ha dovuto togliere il San Fermo dalla tappa di domani.



lucks83
Messaggi: 1001
Iscritto il: sabato 18 maggio 2013, 13:11

Re: Psicodramma Gavia 2019

Messaggio da leggere da lucks83 » domenica 26 maggio 2019, 1:17

Patate ha scritto:
domenica 26 maggio 2019, 1:06
lucks83 ha scritto:
domenica 26 maggio 2019, 0:52
Cominciavamo a ragionare inserendo un Paspardo prima di Cevo, un'altra salita in più che rimane nei polpacci dei corridori.
Ci sarebbe stato strabene, tra l'altro con bella sede stradale
mortalt.png
come fai a inserire i nomi di salite e località nell'altimetria???



lucks83
Messaggi: 1001
Iscritto il: sabato 18 maggio 2013, 13:11

Re: Psicodramma Gavia 2019

Messaggio da leggere da lucks83 » domenica 26 maggio 2019, 1:30

galliano ha scritto:
domenica 26 maggio 2019, 1:00
Vegni indubbiamente ha il braccino corto.
Il problema dei piani B lo si è sollevato più volte e puntualmente la soluzione proposta è insoddisfacente.
Non dico sia banale, sicuramente no, ma ci si limita sempre al compitino.
Secondo me perchè in realtà Vegni pensa ai piani B solo all'ultimo secondo.
Faccio un esempio: Giro 2016, se avessero trovato brutto tempo nelle tappe di Risoul con l'Agnello e nella successiva di Sant'anna di Vinadio con la Bonette e la Lombarda, quali erano i piani B?
Date le zone e le strade presenti in loco il piano B sarebbe stato l'annullamento? A Risoul senza l'Agnello ci arrivi dal Sestriere e Monginevro, con immenso fondovalle poi. Perchè se fa brutto non fai nemmeno l'Izoard..
E a Vinadio, dalla Francia (Guillestre) come ci arrivavi, visto che il Larche all'epoca non si poteva fare in bici causa rischio frana?
Tracciare tapponi siamo capaci tutti, tracciarli da un punto all'altro stabiliti, riservandosi la possibilità di tracciare dei credibili piani B,è piu' difficile e in questo Vegni non mi pare sia un professionista.



Avatar utente
il_panta
Messaggi: 5502
Iscritto il: lunedì 21 maggio 2012, 13:39

Re: Psicodramma Gavia 2019

Messaggio da leggere da il_panta » domenica 26 maggio 2019, 1:31

nibali-san baronto ha scritto:
domenica 26 maggio 2019, 1:14
Premesso che non so quanto fosse necessario decidere già adesso per il Gavia e che il piano B è deludente.

Non dobbiamo dimenticarci che per far passare una corsa da una strada servono permessi di enti locali, prefetti, carabinieri e quant'altro. A 3 giorni dall'evento qualcuno potrebbe anche impedire per ragioni svariate di passare da determinate strade (magari è il caso di Paspardo). E' un po' il motivo per cui, in vista del Giro, Vegni ha dovuto togliere il San Fermo dalla tappa di domani.
Per questo ti devi organizzare in anticipo. Che il Gavia a maggio sia un azzardo è cosa arcinota.


2019 (1°): Giro d'Italia tp 4, 5, 20; Giro d'Italia classifica generale; Tour de France tp 1, 10; Tour of Britain;

Avatar utente
Patate
Messaggi: 4560
Iscritto il: domenica 28 febbraio 2016, 23:23

Re: Psicodramma Gavia 2019

Messaggio da leggere da Patate » domenica 26 maggio 2019, 1:42

lucks83 ha scritto:
domenica 26 maggio 2019, 1:17
Patate ha scritto:
domenica 26 maggio 2019, 1:06
lucks83 ha scritto:
domenica 26 maggio 2019, 0:52
Cominciavamo a ragionare inserendo un Paspardo prima di Cevo, un'altra salita in più che rimane nei polpacci dei corridori.
Ci sarebbe stato strabene, tra l'altro con bella sede stradale
mortalt.png
come fai a inserire i nomi di salite e località nell'altimetria???
Devi andare su modifica intermedi e cliccare sulla mappa per far comparire uno sprint.
Cliccando sullo sprint modifichi la tipologia (GPM, crono ecc...), mente per cambiare il nome devi scendere in fondo alla pagina


antani ha scritto:Non so perchè ma ho la sensazione che domani Aru possa arrivare dietro o davanti a Froome, stiamo a vedere sembra facile ma non è difficile

lucks83
Messaggi: 1001
Iscritto il: sabato 18 maggio 2013, 13:11

Re: Psicodramma Gavia 2019

Messaggio da leggere da lucks83 » domenica 26 maggio 2019, 1:47

nibali-san baronto ha scritto:
domenica 26 maggio 2019, 1:14
Premesso che non so quanto fosse necessario decidere già adesso per il Gavia e che il piano B è deludente.

Non dobbiamo dimenticarci che per far passare una corsa da una strada servono permessi di enti locali, prefetti, carabinieri e quant'altro. A 3 giorni dall'evento qualcuno potrebbe anche impedire per ragioni svariate di passare da determinate strade (magari è il caso di Paspardo). E' un po' il motivo per cui, in vista del Giro, Vegni ha dovuto togliere il San Fermo dalla tappa di domani.
Ma infatti per quello che bisognerebbe avere un piano B credibile e simile all'originale, già pronto il giorno della presentazione. Per avere eventuali permessi da enti locali, prefetti, carabinieri, eccetera eccetera. Se a inizio Giro hai dei dubbi su un Gavia o uno Stelvio, o un Agnello, hai già i permessi per un percorso alternativo decoroso e sicuro. E punti tutto su quello, senza costringere dei bravissimi volontari a farsi un mazzo cosi tra i ghiacci del Gavia, col rischio anche di farsi male, per poi annullargli tutto in faccia e presentare un percorso ridicolo rispetto all'originale.
I professionisti fanno cosi.
Vegni da troppi anni fa queste figure barbine: Zoncolan 2011, Val Martello 2013 e 2014, Gavia 2019 e ringrazi il meteo se non ha fatto figuracce con Bormio 2017(in caso di brutto tempo qual era il percorso alternativo al doppio Stelvio?)e Risoul + Vinadio 2016.
P.S. essendo di Como ti posso dire che il San Fermo non lo ha tolto all'ultimo, perchè la Valfresca non era agibile da mesi e non si sapeva se sarebbe stata percorribile,l'ha voluta inserire lo stesso e ha fatto figure anche perchè a Cernobbio domani ci sarà un evento modaiolo programmato da tempo e, per non congestionare il traffico, non si sarebbe potuti passare da S. fermo a prescindere. Quindi perchè inserirla?



Avatar utente
udra
Messaggi: 7099
Iscritto il: mercoledì 1 ottobre 2014, 11:29

Re: Psicodramma Gavia 2019

Messaggio da leggere da udra » domenica 26 maggio 2019, 2:14

Non è che prima di Vegni le cose fossero uno splendore: io ricordo con Zomegnan delle pantomime clamorose in più giri d'Italia (2006 con Plan de Corones e Erbe tranciate con traguardo spostato e la storia della cronoscalata del Ghisallo l'ultimo giorno; 2009 Cuneo Pinerolo stravolta per non meglio precisati problemi al confine, Blockhaus amputato per neve; 2011 tappa dello Zoncolan cambiata il giorno prima dopo tutti i lavori di messa in sicurezza della panoramica del Crostis, modificata durante la corsa di nuovo per proteste).
Io, ripeto, non ho idea se si possa formulare un piano B dipendendo da enti che sono responsabili di eventuali lavori su strade che potrebbero rimanere inutilizzate e di scarsa importanza per il traffico veicolare, quindi sprecando eventualmente risorse che sono già risibili.



lucks83
Messaggi: 1001
Iscritto il: sabato 18 maggio 2013, 13:11

Re: Psicodramma Gavia 2019

Messaggio da leggere da lucks83 » domenica 26 maggio 2019, 2:53

udra ha scritto:
domenica 26 maggio 2019, 2:14
Non è che prima di Vegni le cose fossero uno splendore: io ricordo con Zomegnan delle pantomime clamorose in più giri d'Italia (2006 con Plan de Corones e Erbe tranciate con traguardo spostato e la storia della cronoscalata del Ghisallo l'ultimo giorno; 2009 Cuneo Pinerolo stravolta per non meglio precisati problemi al confine, Blockhaus amputato per neve; 2011 tappa dello Zoncolan cambiata il giorno prima dopo tutti i lavori di messa in sicurezza della panoramica del Crostis, modificata durante la corsa di nuovo per proteste).
Io, ripeto, non ho idea se si possa formulare un piano B dipendendo da enti che sono responsabili di eventuali lavori su strade che potrebbero rimanere inutilizzate e di scarsa importanza per il traffico veicolare, quindi sprecando eventualmente risorse che sono già risibili.
Proprio per questo gli utenti del Forum sono incacchiati. Queste pantomime si ripetono da anni e chi organizza il Giro non ha imparato nulla dagli errori e dalle figure di cacca del passato, sia che si chiami Zomegnan sia che si chiami Vegni. Nel 2006 a difesa di Zomegnan il tempo era veramente da lupi, la tappa fu difficile farla svogere. Diverso il discorso sulla Cuneo - Pinerolo del 2009, perchè già ai tempi si sapeva che il colle della Maddalena era chiuso ai ciclisti causa frana, perchè insistere nel volerlo proporre? Anche il Blockhaus non fu amputato per neve, quella fu la scusa ufficiale. La realtà è che nei sopralluoghi prima del Giro ci si rese conto che in cima non c'era spazio per carovana e mezzi RAI. Roba da dilettanti. Stendo un velo pietoso sullo Zoncolan 2011, perchè era messo nella piu' totale sicurezza e un certo Riis lo boicotto' perchè aveva il suo uomo in rosa. Gli organizzatori non ebbero le palle di dirgli che se a Contador faceva paura una discesa, poteva benissimo tornare a casa.
Io, mi ripetero' fino alla nausea, fossi io direttore di corsa, alle prime avvisaglie che un Gavia puo' saltare, e con un preciso piano B in tasca (Trivigno) punto su quello. E gli enti impegnati in pesanti lavori sulle strade del Gavia li si impegna sul Trivigno. Che poi arriva a malapena a 1600 mt, non è che abbia bisogno di chissà che manutenzione...



frcre
Messaggi: 525
Iscritto il: domenica 29 maggio 2016, 18:08

Re: Psicodramma Gavia 2019

Messaggio da leggere da frcre » domenica 26 maggio 2019, 4:17

Edit
Ultima modifica di frcre il domenica 26 maggio 2019, 4:19, modificato 1 volta in totale.



frcre
Messaggi: 525
Iscritto il: domenica 29 maggio 2016, 18:08

Re: Psicodramma Gavia 2019

Messaggio da leggere da frcre » domenica 26 maggio 2019, 4:18

frcre ha scritto:
domenica 26 maggio 2019, 4:17
udra ha scritto:
sabato 25 maggio 2019, 21:18
Ma non si poteva salire due volte da mazzo scendendo verso Grosio?
O una volta da mazzo e una da tovo?
Troppo lunga

Immagine

Io avevo disegnato questa con Padrio, Mortirolo da Tovo saltando gli ultimi km in comune col versante di mazzo, discesa verso Grosio e subito Mortirolo da mazzo.
E si sta sotto i 200 km evitando sovrapposizioni di percorso.
Poi volendo si poteva saltare il Padrio ma il doppio Mortirolo era fattibilissimo da qualsiasi versante.
Secondo me vegni ha detto no al doppio Mortirolo per evitare la discesa verso Grosio, altre spiegazioni non ci sono.
Se facevano padrio+doppio Mortirolo li raccoglievano a Ponte di Legno col cucchiaino



Avatar utente
barrylyndon
Messaggi: 14065
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 15:20

Re: Psicodramma Gavia 2019

Messaggio da leggere da barrylyndon » domenica 26 maggio 2019, 6:47

udra ha scritto:
domenica 26 maggio 2019, 2:14
Non è che prima di Vegni le cose fossero uno splendore: io ricordo con Zomegnan delle pantomime clamorose in più giri d'Italia (2006 con Plan de Corones e Erbe tranciate con traguardo spostato e la storia della cronoscalata del Ghisallo l'ultimo giorno; 2009 Cuneo Pinerolo stravolta per non meglio precisati problemi al confine, Blockhaus amputato per neve; 2011 tappa dello Zoncolan cambiata il giorno prima dopo tutti i lavori di messa in sicurezza della panoramica del Crostis, modificata durante la corsa di nuovo per proteste).
Io, ripeto, non ho idea se si possa formulare un piano B dipendendo da enti che sono responsabili di eventuali lavori su strade che potrebbero rimanere inutilizzate e di scarsa importanza per il traffico veicolare, quindi sprecando eventualmente risorse che sono già risibili.
Nel 2011 Zomegnan potevas poco...e' stata una decisione della giuria tagliare il Crostis..a meno di 24 ore della tappa.
E anche con le proteste,cose poteva fare? Mica lui poteva decidere di sgomberare le strade interessate dalla protesta...


Nibali sta a Froome come Thoeni stava a Klammer.

Avatar utente
neno
Messaggi: 86
Iscritto il: domenica 2 ottobre 2016, 15:33
Località: Bassano del Grappa
Contatta:

Re: Psicodramma Gavia 2019

Messaggio da leggere da neno » domenica 26 maggio 2019, 8:06

piccola divafagazione sul Tour.... mi pare di ricordare che il Tour pur disputandosi a Luglio, abbia già pronto il piano B x tappe particolari ancor prima di partire o sbaglio????
Altra soluzione che potrebbe giovare al Giro ma che comporta un casino a livello di calendario internazionale: xchè non farlo partire nell'ultima settimana di maggio???



Avatar utente
Slegar
Messaggi: 5423
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:49

Re: Psicodramma Gavia 2019

Messaggio da leggere da Slegar » domenica 26 maggio 2019, 8:10

Se Vegni ha ritenuto di tagliare il Gavia vuol dire che non aveva rassicurazioni che per stasera la strada era pronta. La mia impressione, viste le poche foto circolate, è che gli organizzatori non sono riusciti a pulire la strada in tempo per farci passare un gara di ciclismo come il Giro d'Italia.

Piuttosto che dire in conferenza stampa queste cose fastidiose, soprattutto nei confronti di chi si è impegnato nella pulizia della strada, meglio prendersela col maltempo.


fair play? No, Grazie!

Avatar utente
Walter_White
Messaggi: 13680
Iscritto il: mercoledì 23 marzo 2016, 18:01

Re: Psicodramma Gavia 2019

Messaggio da leggere da Walter_White » domenica 26 maggio 2019, 8:21

Ripeto, Forcola, Eire e Foscagno era proprio impossibile?


FCC 2018/19: 1°; Superprestige; Gran Combinata
FCC 2017/18: 3°; Trofeo dei titoli; Campionato Europeo Donne Elite, Campionato del Mondo Donne Elite, ROTY

cassius
Messaggi: 808
Iscritto il: giovedì 19 luglio 2012, 23:01

Re: Psicodramma Gavia 2019

Messaggio da leggere da cassius » domenica 26 maggio 2019, 8:46

udra ha scritto:
domenica 26 maggio 2019, 2:14
Io, ripeto, non ho idea se si possa formulare un piano B dipendendo da enti che sono responsabili di eventuali lavori su strade che potrebbero rimanere inutilizzate e di scarsa importanza per il traffico veicolare, quindi sprecando eventualmente risorse che sono già risibili.
Bene, visto che non ne hai idea ti do un suggerimento: le Province non hanno neanche i soldi per piangere, le Regioni non stanno messe troppo meglio, e ormai già solo liberare dalla neve un colle diventa una spesa difficile da sostenere e poi se sotto la neve l'asfalto è messo male, lì se vuoi fare lavori seri parte il milioncino come ridere.

Questa è la situazione. Vegni e chi lo seguirà in futuro dipende da queste cose qua. Per questo mi incazzo a leggere sto coro, perché scrivete senza avere la minima idea delle condizioni (monetarie ma non solo) al contorno. E se ce l'avete allora ve ne fregate.
E non potete neanche tirar fuori l'esempio del Tour per una volta, perché a luglio tutti questi colli sarebbero generalmente praticabili.



gybbyr
Messaggi: 14
Iscritto il: martedì 26 maggio 2015, 15:12

Re: Psicodramma Gavia 2019

Messaggio da leggere da gybbyr » domenica 26 maggio 2019, 8:51

Non era solo il pericolo slavine il problema. All'interno della galleria ci sono vere e proprie candele di ghiaccio gigantesche e se si staccavano.

Seconda cosa mi è stato detto che il problema non era tanto il passaggio della carovana ma il non poter far salire gli spettatori per la loro incolumità. Insomma visto i tanti versanti con cui si può raggiungere il gavia era impossibile bloccarli.

Terzo sono 7 giorni che chi puliva sapeva che non si sarebbe saliti ma fino all'ultimo non lo dici se no la ditta che ha l'appalto col cavolo che becca i soldi 😉



buiaccaro
Messaggi: 220
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 22:48
Località: Roma

Re: Psicodramma Gavia 2019

Messaggio da leggere da buiaccaro » domenica 26 maggio 2019, 9:07

Io non questiono sul Gavia. Non ho le minime competenze per poter dire se si poteva fare o no, ma possibile che il doppio Mortirolo fosse impossibile? Tutti i suoi versanti sono stati fatti in anni recenti e, immagino che non ci sia sto mostruoso traffico veicolare, quanto potranno essere rovinati? Poi c'era sempre l'alternativa doppio Mortirolo-Aprica. Durissima ma Gavia o Stelvio + Mortirolo non è che sia così meno dura e alle amministrazioni locali non dovevi chiedere nulla.

Io penso che con un minimo di programmazione ed un po' di buona volontà sta tappa si poteva 'salvare'. Poi ci saranno motivazioni che fatico a capire ma ho fatto anche io l'amministratore locale nella mia vita e conosco sia le difficoltà che i possibili rimedi. Se si vuole le soluzioni si trovano.

Non è che devi arrivare sul Mont Ventoux che di salita c'è solo quella e non hai alternative. Stai in valli alpine con tante opportunità.

Mah...!



buiaccaro
Messaggi: 220
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 22:48
Località: Roma

Re: Psicodramma Gavia 2019

Messaggio da leggere da buiaccaro » domenica 26 maggio 2019, 9:18

Walter_White ha scritto:
domenica 26 maggio 2019, 8:21
Ripeto, Forcola, Eire e Foscagno era proprio impossibile?
In questo caso sì, vengono 270 km a meno che non tagliavi Presolana e Croce di Salven ma immagino non sia proponibile



guidobaldo de medici
Messaggi: 3519
Iscritto il: venerdì 15 maggio 2015, 22:13

Re: Psicodramma Gavia 2019

Messaggio da leggere da guidobaldo de medici » domenica 26 maggio 2019, 9:22

la mia domanda da idiota è: ma se si alleggerisce questa tappa, non si potrebbe indurirne un'altra? così andiamo pari




Rispondi