Gavia 1988

Il mondo dei professionisti tra gare e complessità, e più in generale l'approccio al ciclismo di ogni appassionato
Gianluca Fidene
Messaggi: 447
Iscritto il: mercoledì 24 maggio 2017, 12:17

Gavia 1988

Messaggio da leggere da Gianluca Fidene » martedì 28 maggio 2019, 10:12

Chiedo ai più esperti del forum (non anziani, esperti :D ), cosa successe in quella tappa? Avevo 8 anni e non ricordo bene anche se sono appassionato di ciclismo da sempre.




castelli
Messaggi: 2439
Iscritto il: venerdì 26 agosto 2011, 21:12

Re: Gavia 1988

Messaggio da leggere da castelli » martedì 28 maggio 2019, 10:16

Gianluca Fidene ha scritto:
martedì 28 maggio 2019, 10:12
Chiedo ai più esperti del forum (non anziani, esperti :D ), cosa successe in quella tappa? Avevo 8 anni e non ricordo bene anche se sono appassionato di ciclismo da sempre.
il primo sul gavia arrivò ultimo.

https://www.youtube.com/watch?v=xqDr8DJIvg4


Defensor Froomey. dal 28/5/19 FORZA ROGLIC

Puntò il 20/5/19 10 euro su s.yates dato a 12. 5 euro su nibali dato a 3.
mancò il coraggio per puntare 20 euro su landa dato a 66.
non credette alla tenuta di rogla fino a verona.

jumbo
Messaggi: 4883
Iscritto il: sabato 1 ottobre 2011, 10:42

Re: Gavia 1988

Messaggio da leggere da jumbo » martedì 28 maggio 2019, 10:18

Bufera di neve in quota.
Chioccioli in maglia rosa.
Tappa Chiesa Valmalento-Bormio con Aprica e Gavia. La parte alta della strada era ancora sterrata.
Van der Velde in fuga in maglietta, arriva sul Gavia e si ferma per cambiarsi. Arrivò al traguardo tra gli ultimi.
Sulla salita, ma soprattutto sulla discesa, in tanti evidentemente non ben equipaggiati prendono molto freddo, si fermano, cercano qualcosa con cui cambiarsi, qualcosa di caldo da bere. Si rifugiano nelle auto per qualche minuto, si dice che qualcuno fece parte della discesa in auto.
Alla fine classifica sconvolta. A Santa Caterina Hampsten è in testa, seguito da Breukink. Nella discesa per Bormio Breukink supera e stacca Hampsten e l'olandese vince. Classifica sconvolta. L'americano va in maglia rosa e la terrà fino a fine Giro.



Avatar utente
jerrydrake
Messaggi: 5576
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 12:14

Re: Gavia 1988

Messaggio da leggere da jerrydrake » martedì 28 maggio 2019, 10:32

Qui, in musica, la narrazione delle epiche gesta di quel giorno:

https://www.youtube.com/watch?v=LcU7U8VLB5I



Avatar utente
Divanista
Messaggi: 579
Iscritto il: lunedì 16 aprile 2018, 14:21

Re: Gavia 1988

Messaggio da leggere da Divanista » martedì 28 maggio 2019, 10:40

Fanno impressione quei video!
Che macello.


Ecco la mia presentazione. :carta:


Trullo
Messaggi: 419
Iscritto il: martedì 23 maggio 2017, 12:26

Re: Gavia 1988

Messaggio da leggere da Trullo » martedì 28 maggio 2019, 13:27

Non ho nulla da aggiungere all'ottima ricorstruzione di Jumbo, che coincide con i miei ricordi di ragazzo diciannovenne che si preparava alla maturità.
Con il senno di oggi, mi chiedo come fossero quel giorno le previsioni meteo. Con la sensibilità di oggi non si sarebbe corso, per quello mi domando se la tormenta era prevista e "accettata", o se invece era un evento imprevisto e imprevedibile




Avatar utente
barrylyndon
Messaggi: 13852
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 15:20

Re: Gavia 1988

Messaggio da leggere da barrylyndon » martedì 28 maggio 2019, 13:36

Trullo ha scritto:
martedì 28 maggio 2019, 13:27
Non ho nulla da aggiungere all'ottima ricorstruzione di Jumbo, che coincide con i miei ricordi di ragazzo diciannovenne che si preparava alla maturità.
Con il senno di oggi, mi chiedo come fossero quel giorno le previsioni meteo. Con la sensibilità di oggi non si sarebbe corso, per quello mi domando se la tormenta era prevista e "accettata", o se invece era un evento imprevisto e imprevedibile
Non credo che fosse un evento imprevedibile..mi ricordo che anche nella mia citta' faceva freddo e pioveva..classica irruzione artica primaverile.
La sensibilita' era diversa,allora..
Piu' che una corsa e' sembrata una gara di sopravvivenza.


Nibali sta a Froome come Thoeni stava a Klammer.

Trullo
Messaggi: 419
Iscritto il: martedì 23 maggio 2017, 12:26

Re: Gavia 1988

Messaggio da leggere da Trullo » martedì 28 maggio 2019, 13:44

O forse era vivo il ricordo dello Stelvio di quattro anni prima, dove un eccesso di zelo (i maliziosi dicevano l'intento di non danneggiare Moser) fece immotivatamente chiudere lo Stelvio per cui si cadde nell'estremo opposto



Winter
Messaggi: 14800
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Re: Gavia 1988

Messaggio da leggere da Winter » martedì 28 maggio 2019, 19:14

Ricordo all arrivo jeff bernard accusare Torriani. .
ci vogliono far pagare dieci anni di giri fatti per moser e saronni..

Il Gavia deve la sua leggenda a quella tappa
:champion:



Theakston
Messaggi: 610
Iscritto il: venerdì 9 settembre 2016, 16:25

Re: Gavia 1988

Messaggio da leggere da Theakston » martedì 28 maggio 2019, 19:31

barrylyndon ha scritto:
martedì 28 maggio 2019, 13:36
Trullo ha scritto:
martedì 28 maggio 2019, 13:27
Non ho nulla da aggiungere all'ottima ricorstruzione di Jumbo, che coincide con i miei ricordi di ragazzo diciannovenne che si preparava alla maturità.
Con il senno di oggi, mi chiedo come fossero quel giorno le previsioni meteo. Con la sensibilità di oggi non si sarebbe corso, per quello mi domando se la tormenta era prevista e "accettata", o se invece era un evento imprevisto e imprevedibile
Non credo che fosse un evento imprevedibile..mi ricordo che anche nella mia citta' faceva freddo e pioveva..classica irruzione artica primaverile.
La sensibilita' era diversa,allora..
Piu' che una corsa e' sembrata una gara di sopravvivenza.
Tappa epica e onore ai protagonisti!
Però in una cronaca Martinello, che era presente, disse che andava annullata perché non c'erano le condizioni per gareggiare e per la regolarità stessa della corsa, qualcuno salito in macchina e ripartito



trecentobalene
Messaggi: 1668
Iscritto il: sabato 1 giugno 2013, 14:24

Re: Gavia 1988

Messaggio da leggere da trecentobalene » martedì 28 maggio 2019, 19:59

Gavia 88 e' anche molta immaginazione
Per lunghi tratti senza video . Io ricordo meglio
Alcuni flash di quella tappa che non lunghe parti della mia vita , di cui non ricordo nulla .
Poi dipende da quale eta'si e'vista , la parola hampsten non la conoscevo , ricordo che tiravo le biglie al mare sulle piste fatte da un sedere trascinato .

Dicevo., dipende poi da che eta'avevi . Se avevi tredici anni probabilmente te la ricorderai per sempre .

Se ne avevi di meno forse non capivi , se ne avevi di piu'
Forse eri gia' scafato .

Ha segnato un po'la mia vita , avevo la mia ingenuita'intatta e pronta alle peggiori derive ,
Si tifava la maglia ciclamino non la rosa .



beppesaronni
Messaggi: 3222
Iscritto il: mercoledì 9 maggio 2012, 17:25

Re: Gavia 1988

Messaggio da leggere da beppesaronni » martedì 28 maggio 2019, 20:07

Ricordo beppuzzo mio (sul viale del tramonto) in lacrime che tremava come una foglia


Ad Insbruck, Valverde e Nibali non arriveranno nei primi 5.

Winter
Messaggi: 14800
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Re: Gavia 1988

Messaggio da leggere da Winter » martedì 28 maggio 2019, 20:16

trecentobalene ha scritto:
martedì 28 maggio 2019, 19:59

Dicevo., dipende poi da che eta'avevi . Se avevi tredici anni probabilmente te la ricorderai per sempre .
io ne avevo tredici
e concordo con te :cincin:



schwoch83
Messaggi: 148
Iscritto il: venerdì 4 febbraio 2011, 19:06

Re: Gavia 1988

Messaggio da leggere da schwoch83 » martedì 28 maggio 2019, 20:30

castelli ha scritto:
martedì 28 maggio 2019, 10:16
Gianluca Fidene ha scritto:
martedì 28 maggio 2019, 10:12
Chiedo ai più esperti del forum (non anziani, esperti :D ), cosa successe in quella tappa? Avevo 8 anni e non ricordo bene anche se sono appassionato di ciclismo da sempre.
il primo sul gavia arrivò ultimo.

https://www.youtube.com/watch?v=xqDr8DJIvg4
finalmente, grazie a questo video, ho avuto la risposta ad una domanda che mi facevo da sempre: quanto ritardo aveva Chioccioli in cima da Hampsten?



Avatar utente
Camoscio madonita
Messaggi: 3385
Iscritto il: sabato 11 dicembre 2010, 15:30

Re: Gavia 1988

Messaggio da leggere da Camoscio madonita » martedì 28 maggio 2019, 20:37

Se lo ritrovo vi metto il bellissimo racconto di Giuliani del suo Gavia e dei giorni a seguire ai ragazzi della Cantina Tollo se non erro in un Bicisport del 96.
Mi colpì il fatto che per il tanto freddo preso il giorno dopo salendo verso Merano 2000 tolsero le mantelline solo negli ultimi km.


Quando ero piccolo mi innamoravo di tutto, ma il primo vero amore non si scorda mai: Merano-Aprica, 5 giugno 1994.

castelli
Messaggi: 2439
Iscritto il: venerdì 26 agosto 2011, 21:12

Re: Gavia 1988

Messaggio da leggere da castelli » martedì 28 maggio 2019, 20:41

Camoscio madonita ha scritto:
martedì 28 maggio 2019, 20:37
Se lo ritrovo vi metto il bellissimo racconto di Giuliani del suo Gavia e dei giorni a seguire ai ragazzi della Cantina Tollo se non erro in un Bicisport del 96.
Mi colpì il fatto che per il tanto freddo preso il giorno dopo salendo verso Merano 2000 tolsero le mantelline solo negli ultimi km.
beh anche l'89 non scherzò. ci fu una tappa vinta da giupponi in condizioni da paura? sbaglio? fermatemi se sto sparando cazzate perché ho la memoria a pezzi.


Defensor Froomey. dal 28/5/19 FORZA ROGLIC

Puntò il 20/5/19 10 euro su s.yates dato a 12. 5 euro su nibali dato a 3.
mancò il coraggio per puntare 20 euro su landa dato a 66.
non credette alla tenuta di rogla fino a verona.

Avatar utente
Bitossi
Messaggi: 3294
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 12:41
Località: Milano

Re: Gavia 1988

Messaggio da leggere da Bitossi » martedì 28 maggio 2019, 21:20

Allora, cominciamo intanto a ridare a Johan ciò che è di Johan: non arrivò ultimo in quella tappa. :champion:

Ordine di arrivo (per gentile concessione di @HOTDOG, che me lo inviò qualche anno fa):

Breukink in 3h53.12
Hampsten a 7”
Tomasini a 4.39
Giupponi a 4.55
Giovannetti a 4.58
Zimmermann a 5.02
Chioccioli a 5.04
Winnen a 5.14
Finazzi a 7.04
Delgado a 7.08
Pagnin a 7.51
Madiot a 8.08
Breu a 8.41
Bernard a 9.21
Vandelli a 9.25
Vitali a 10.19
Bombini a 10.27
Hernandez a 10.35
Vandi a 12.58
Ghirotto a 13,54
Moro
Stutz a 14.01
Contini a 14,36
Roll a 14.52
Vanotti a 14.56
Alcala
Soerensen a 15.35
Van Brabant a 16.10
Chiappucci a 16.16
Galleschi a 16.35
Fregonese a 16.56
Laguia a 17.01
Joho a 17.26
Mueller a 17.38
Freuler a 18.26
Skoda a 18.54
Vanderaerden a 19.25
Martinez a 20.19
Passera a 20.31
Lubberding a 20.42
Lauritzen a 21.18
Bontempi a 21.30
Pierce a 21.46
Portillo a 21.53
Nuiens a 22.12
Podenzana
Wjder
Noris
Franceschini
Brugnami
Pizzol
Rodriguez a 23.33
Philipot a 23.44
Lukin a 23.50
Jaermann a 24.36
Suarez
Rosola a 25.09
Volpi
Amadori a 25.33
Arnaud a 26.01
De Rooy a 26.04
Vandelli a 26.21
Kiefel a 26.40
Lammerts a 27.12
Conti a 27.22
Steinmann
Rossi
Lecchi
Gisiger a 28.06
Botteon a 28.20
Faresin
Van Vliet a 28.28
Pelper a 29.21
Van Orsouw a 29.27
Gavazzi a 29.35
Rabottini a 29.39
Vona a 30.32
Visentini a 30.54
Votolo
Loro a 31.10
Huerlimann a 31.16
Martinello a 31.20
Saronni
Lang
Salvador
Lorenzon a 31.35
Wechselberger a 31.49
Corti a 32.39
Bordonali a 33.21
Worre a 33.41
Popp a 34.13
Phinney a 35.11
Vannucci a 35.22
Giannelli a 35.31
Ronsse a 35.35
Ferretti
Rominger a 35.46
Wohlfarther
Santaromita a 35.57
Rota a 36.04
Mauri Prat
Savini a 36.12
Nilsson a 36.46
Oostergaard
Clarisse a 37.16
Piovani
Bincoletto a 37.25
Colagè
Ghiotto a 37.35
Roscioli a 37.43
Piccolo a 37.48
Pozzi a 38.02
Furlan a 38.05
Vandewalle a 39.02
Chesini
Di Basco
Piasecki a 41.23
Morandi a 42.03
Redant a 43.38
Bottola a 43.49
Cortinovis a 44.55
Saligari a 45.04
Giuliani a 45.52
Allocchio a 46.02
Cesarini a 46.10
Siboni a 46.17
Van Der Velde a 46.49
Brugna a 47.00
Spreafico a 47.10
Elli
Gambirasio a 48.18
Grimani a 48.40
Caroli a 48.46
Maini a 48.55
Strazzer a 49.10
Del Ben a 49.18
Rocchi a 50.54
Boffo a 52.42
Piva a 53.28

fuori tempo massimo Longo, Zen, Cipollini e Petito
————————————————————————————————-

Poi, le testimonianze dicono che Van Der Velde non si fosse fermato sul passo, ma che avesse iniziato la discesa, congelandosi quasi subito, cosa che lo portò a chiedere soccorso e scongelamento in un camper a bordo strada. Come sia giunto a valle, non ci è dato di sapere... :D

In ogni caso, errore che come spesso succede crea un mito, ma tappa assolutamente da annullare, o al massimo da far terminare sul Passo, dopo aver avvertito il gruppo. :boh:
NB: Hampsten era comunque tra i più forti in quel Giro, ma chissà chi lo avrebbe vinto. ;)


Ringrazio la mia mamma per avermi fatto studiare da ciclista

beppesaronni
Messaggi: 3222
Iscritto il: mercoledì 9 maggio 2012, 17:25

Re: Gavia 1988

Messaggio da leggere da beppesaronni » martedì 28 maggio 2019, 21:24

Qualcuno mi ricorda la classifica prima di quella tappa?


Ad Insbruck, Valverde e Nibali non arriveranno nei primi 5.

trecentobalene
Messaggi: 1668
Iscritto il: sabato 1 giugno 2013, 14:24

Re: Gavia 1988

Messaggio da leggere da trecentobalene » martedì 28 maggio 2019, 21:27

Non so perche'io ricordo una segnalazione di van der velde con nove minuti di vantaggio sul gruppo .
Senza scadere in pantomime fantozziane , io ricordo questo + 9,25 .



Bogaert
Messaggi: 1119
Iscritto il: lunedì 13 dicembre 2010, 20:58

Re: Gavia 1988

Messaggio da leggere da Bogaert » martedì 28 maggio 2019, 21:29

castelli ha scritto:
martedì 28 maggio 2019, 20:41
Camoscio madonita ha scritto:
martedì 28 maggio 2019, 20:37
Se lo ritrovo vi metto il bellissimo racconto di Giuliani del suo Gavia e dei giorni a seguire ai ragazzi della Cantina Tollo se non erro in un Bicisport del 96.
Mi colpì il fatto che per il tanto freddo preso il giorno dopo salendo verso Merano 2000 tolsero le mantelline solo negli ultimi km.
beh anche l'89 non scherzò. ci fu una tappa vinta da giupponi in condizioni da paura? sbaglio? fermatemi se sto sparando cazzate perché ho la memoria a pezzi.
https://www.youtube.com/watch?v=RUjmd6RM53k


"...esiste Doping dove esiste Antidoping....."

Avatar utente
Walter_White
Messaggi: 13501
Iscritto il: mercoledì 23 marzo 2016, 18:01

Re: Gavia 1988

Messaggio da leggere da Walter_White » martedì 28 maggio 2019, 21:30

beppesaronni ha scritto:
martedì 28 maggio 2019, 21:24
Qualcuno mi ricorda la classifica prima di quella tappa?
1 1 - CHIOCCIOLI Franco Del Tongo 64:31:45
2 2 - ZIMMERMANN Urs Carrera Jeans - Vagabond 0:33
3 3 - VISENTINI Roberto Carrera Jeans - Vagabond 0:55
4 4 - GIUPPONI Flavio Del Tongo 1:10
5 5 - HAMPSTEN Andrew 7 Eleven - Hoonved 1:18
6 6 - BERNARD Jean-François Toshiba 1:26
7 7 - BREUKINK Erik Panasonic - Isostar 1:45
8 8 - BREU Beat Cyndarella-Isotonic 2:48
9 9 - GIOVANNETTI Marco 3:07
10 10 - SARONNI Giuseppe Del Tongo 3:25

Dopo

1 5 ▲4 HAMPSTEN Andrew 7 Eleven - Hoonved 68:26:07
2 7 ▲5 BREUKINK Erik Panasonic - Isostar 0:15
3 1 ▼2 CHIOCCIOLI Franco Del Tongo 3:54
4 2 ▼2 ZIMMERMANN Urs Carrera Jeans - Vagabond 4:25
5 4 ▼1 GIUPPONI Flavio Del Tongo 4:55
6 9 ▲3 GIOVANNETTI Marco 6:55
7 - WINNEN Peter Panasonic - Isostar 8:23
8 - TOMASSINI Roberto 8:48
9 6 ▼3 BERNARD Jean-François Toshiba 9:37
10 8 ▼2 BREU Beat Cyndarella-Isotonic 10:19


FCC 2018/19: 1°; Superprestige; Gran Combinata
FCC 2017/18: 3°; Trofeo dei titoli; Campionato Europeo Donne Elite, Campionato del Mondo Donne Elite, ROTY

Avatar utente
Tranchée d'Arenberg
Messaggi: 17667
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:50
Località: Falconara Albanese (CS)

Re: Gavia 1988

Messaggio da leggere da Tranchée d'Arenberg » martedì 28 maggio 2019, 21:31

Rnk Prev ▼▲ Rider Team Time
1 1 - Chioccioli Franco Del Tongo 64:31:45
2 2 - Zimmermann Urs Carrera Jeans - Vagabond 0:33
3 3 - Visentini Roberto Carrera Jeans - Vagabond 0:55
4 4 - Giupponi Flavio Del Tongo 1:10
5 5 - Hampsten Andrew 7 Eleven - Hoonved 1:18
6 6 - Bernard Jean-François Toshiba 1:26
7 7 - Breukink Erik Panasonic - Isostar 1:45
8 8 - Breu Beat Cyndarella-Isotonic 2:48
9 9 - Giovannetti Marco 3:07
10 10 - Saronni Giuseppe Del Tongo 3:25


Cobblestone 2012 & 2018 - 1° Classifica Generale
Cobblestone 2012 & 2018 - 1° Classifica Classiche
Cobblestone 2013 - 1° Classifica Semiclassiche

FantaCycling Manager 2016 - 1° Classifica (squadre)

trecentobalene
Messaggi: 1668
Iscritto il: sabato 1 giugno 2013, 14:24

Re: Gavia 1988

Messaggio da leggere da trecentobalene » martedì 28 maggio 2019, 21:34

Con le cifre a righe come una calcolatrice .
O forse erano 4,19 .
Giuppponi , la maglia rosa chiocccioli .
Il giovane americano aampstin .
No., Winter , tutta la vita da vivere e da scegliere
Con questo tesoro che ancora conssrviamo .
Non divulgiamolo



Bogaert
Messaggi: 1119
Iscritto il: lunedì 13 dicembre 2010, 20:58

Re: Gavia 1988

Messaggio da leggere da Bogaert » martedì 28 maggio 2019, 21:39

beppesaronni ha scritto:
martedì 28 maggio 2019, 21:24
Qualcuno mi ricorda la classifica prima di quella tappa?
Dovrebbe essere questa

1 CHIOCCIOLI Franco
2 ZIMMERMANN Urs 33"
3 VISENTINI Roberto 55"
4 GIUPPONI Flavio 1'10"
5 HAMPSTEN Andy 1'18"
6 BERNARD Jean Francois 1'26"
7 BREUKINK Erik 1'45"
8 BREU Beat 2'49"
9 GIOVANNETTI Marco 3'07"
10 SARONNI Giuseppe 3'25"
:bici:


"...esiste Doping dove esiste Antidoping....."

castelli
Messaggi: 2439
Iscritto il: venerdì 26 agosto 2011, 21:12

Re: Gavia 1988

Messaggio da leggere da castelli » martedì 28 maggio 2019, 21:45

Bogaert ha scritto:
martedì 28 maggio 2019, 21:29
castelli ha scritto:
martedì 28 maggio 2019, 20:41
Camoscio madonita ha scritto:
martedì 28 maggio 2019, 20:37
Se lo ritrovo vi metto il bellissimo racconto di Giuliani del suo Gavia e dei giorni a seguire ai ragazzi della Cantina Tollo se non erro in un Bicisport del 96.
Mi colpì il fatto che per il tanto freddo preso il giorno dopo salendo verso Merano 2000 tolsero le mantelline solo negli ultimi km.
beh anche l'89 non scherzò. ci fu una tappa vinta da giupponi in condizioni da paura? sbaglio? fermatemi se sto sparando cazzate perché ho la memoria a pezzi.
https://www.youtube.com/watch?v=RUjmd6RM53k
Ah ah grazie. Giupponi poi si era rimesso a fare il granfondista


Defensor Froomey. dal 28/5/19 FORZA ROGLIC

Puntò il 20/5/19 10 euro su s.yates dato a 12. 5 euro su nibali dato a 3.
mancò il coraggio per puntare 20 euro su landa dato a 66.
non credette alla tenuta di rogla fino a verona.

giorgio ricci
Messaggi: 3083
Iscritto il: lunedì 9 giugno 2014, 13:44

Re: Gavia 1988

Messaggio da leggere da giorgio ricci » martedì 28 maggio 2019, 23:26

Ricordo bene quel Giro, e devo dire non è tra i miei preferiti. Fu tormentato dall'inizio. Prima ci fu la caduta di Bugno che si fatturó la Clavicola, poi l'"incidente di Massi, che se ben ricordo si ruppe il femore, successivamente l'annullamento della tappa di Castelnuovo Don Bosco per una protesta contro l'Acna di Cengio, organizzata fra l'altro con l'aiuto di alcuni politici del basso Piemonte.
Le tappe di avvicinamento al Gavia furono mediocri , e videro anche Saronni ritornare su buoni livelli, soprattutto nelle tappe prealpina. Direi che fino a quel momento solo la tappa di Campitello Maltese fu da ricordare con Chioccioli che staccó tutti.
Come andarono lo cose lo spiega benissimo il nostro Bitossi, e nel video le parole di Visentini sono senz'altro le più azzeccate. Arrivarono a Bormio per totale negligenza degli organizzatori, Torriani era felice perché era riuscito a mantenere la parola con gli enti che pagavano. La tappa fu tutt'altro che bella, I valori in campo stravolti, ed era da annullare. Fu un caos totale.
Non so se Chioccioli avrebbe vinto il Giro, ma lo svolgimento fu completamente sconvolto. Anche le tappe successive risentiremo di quella farsa, Bormio 2000 venne ridotta a 80 km, I corridori erano ancora stremati. Poi alcune belle tappe ci furono. Per quel che mi riguarda la tappa del Gavia fece calare il mio interesse per il Giro, in quanto lo consideravo falsato.



Theakston
Messaggi: 610
Iscritto il: venerdì 9 settembre 2016, 16:25

Re: Gavia 1988

Messaggio da leggere da Theakston » mercoledì 29 maggio 2019, 13:36

Bitossi ha scritto:
martedì 28 maggio 2019, 21:20

fuori tempo massimo Longo, Zen, Cipollini e Petito
————————————————————————————————-


In ogni caso, errore che come spesso succede crea un mito, ma tappa assolutamente da annullare, o al massimo da far terminare sul Passo, dopo aver avvertito il gruppo. :boh:
NB: Hampsten era comunque tra i più forti in quel Giro, ma chissà chi lo avrebbe vinto. ;)
Chissà se i fuori tempo massimo furono riammessi? Voglio dire...se non lo fecero in quelle circostanze...



Trullo
Messaggi: 419
Iscritto il: martedì 23 maggio 2017, 12:26

Re: Gavia 1988

Messaggio da leggere da Trullo » mercoledì 29 maggio 2019, 13:47

Ho controllato su Bikeracerinfo, alcuni di loro figurano nella classifica generale finale quindi furono riammessi



Avatar utente
Bitossi
Messaggi: 3294
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 12:41
Località: Milano

Re: Gavia 1988

Messaggio da leggere da Bitossi » mercoledì 29 maggio 2019, 13:55

Trullo ha scritto:
mercoledì 29 maggio 2019, 13:47
Ho controllato su Bikeracerinfo, alcuni di loro figurano nella classifica generale finale quindi furono riammessi
Yes, nello specifico Petito e Zen. Longo e Cipollini (senior) no, ma molto probabilmente si ritirarono successivamente. ;)


Ringrazio la mia mamma per avermi fatto studiare da ciclista

galibier98
Messaggi: 86
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 21:14

Re: Gavia 1988

Messaggio da leggere da galibier98 » mercoledì 29 maggio 2019, 14:02

Ero ragazzino e ricordo che quel pomeriggio ero arrabbiato sia perché mancando le immagini non mi ero potuto gustare la tappa che aspettavo da inizio giro e sia perché ritenevo falsato il Giro. Però, contemporaneamente, avevo la sensazione di avere assistito a qualcosa di leggendario che sarebbe passato alla storia



Dorico
Messaggi: 20
Iscritto il: martedì 6 novembre 2018, 21:59

Re: Gavia 1988

Messaggio da leggere da Dorico » mercoledì 29 maggio 2019, 14:04

Da sottolineare il piazzamento di alcuni velocisti (Freuler 35°, Vanderaerden 37°, Bontempi 42°) davanti a uomini come Saronni, Visentini, Rominger, di certo più adatti ad una tappa del genere.
Si disse che fu dovuto al fatto che una volta arrivati in cima si cambiarono e affrontarono la discesa con indumenti adatti, cosa che gli uomini di classifica non poterono fare.
Per quel che riguarda i ricordi personali, io, dopo essere stato a Urbino a vedere il prologo e aver visto le tappe in tv, quel giorno ero allo stadio. Si giocava Ancona Livorno, una partita storica perché dopo 37 anni si tornava in serie B. Ascoltavo alla radio i collegamenti dal Giro ed ero contento perché Van der Velde, che a me piaceva tantissimo, era in testa. Poi improvvisamente l’olandese letteralmente scomparve, non venne più nominato. La corsa andò avanti, vittoria di Breukink, maglia a Hampsten ma solo alla sera, una volta tornato a casa venni a sapere cosa era successo e che fine aveva fatto Van der Velde.



Avatar utente
maglianera
Messaggi: 711
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 22:14

Re: Gavia 1988

Messaggio da leggere da maglianera » domenica 2 giugno 2019, 22:31

jumbo ha scritto:
martedì 28 maggio 2019, 10:18
Bufera di neve in quota.
Chioccioli in maglia rosa.
Tappa Chiesa Valmalento-Bormio con Aprica e Gavia. La parte alta della strada era ancora sterrata.
Van der Velde in fuga in maglietta, arriva sul Gavia e si ferma per cambiarsi. Arrivò al traguardo tra gli ultimi.
Sulla salita, ma soprattutto sulla discesa, in tanti evidentemente non ben equipaggiati prendono molto freddo, si fermano, cercano qualcosa con cui cambiarsi, qualcosa di caldo da bere. Si rifugiano nelle auto per qualche minuto, si dice che qualcuno fece parte della discesa in auto.
Alla fine classifica sconvolta. A Santa Caterina Hampsten è in testa, seguito da Breukink. Nella discesa per Bormio Breukink supera e stacca Hampsten e l'olandese vince. Classifica sconvolta. L'americano va in maglia rosa e la terrà fino a fine Giro.
Van de Velde, lo ricordo in maglietta maniche corte (mi sembra avesse la maglia ciclamino) e cappellino imbiancato dalla neve, non si fermò in cima a cambiarsi, neanche prese una mantellina, e proprio per questo arrivò tra gli ultimi, congelandosi nel primo tratto di discesa e mettendoci un bel po' a riprendersi. Le immagini televisive fino ai passaggi in cima al Gavia si erano viste; poi ripresero nel tratto finale in falsopiano verso il traguardo. Inoltre, per come lo ricordo, Breukink e Hampsten procedettero assieme di buon accordo fino all'arrivo, a Breukink andò la tappa e all'americano la maglia.



Avatar utente
Bitossi
Messaggi: 3294
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 12:41
Località: Milano

Re: Gavia 1988

Messaggio da leggere da Bitossi » domenica 2 giugno 2019, 23:04

maglianera ha scritto:
domenica 2 giugno 2019, 22:31
jumbo ha scritto:
martedì 28 maggio 2019, 10:18
Bufera di neve in quota.
Chioccioli in maglia rosa.
Tappa Chiesa Valmalento-Bormio con Aprica e Gavia. La parte alta della strada era ancora sterrata.
Van der Velde in fuga in maglietta, arriva sul Gavia e si ferma per cambiarsi. Arrivò al traguardo tra gli ultimi.
Sulla salita, ma soprattutto sulla discesa, in tanti evidentemente non ben equipaggiati prendono molto freddo, si fermano, cercano qualcosa con cui cambiarsi, qualcosa di caldo da bere. Si rifugiano nelle auto per qualche minuto, si dice che qualcuno fece parte della discesa in auto.
Alla fine classifica sconvolta. A Santa Caterina Hampsten è in testa, seguito da Breukink. Nella discesa per Bormio Breukink supera e stacca Hampsten e l'olandese vince. Classifica sconvolta. L'americano va in maglia rosa e la terrà fino a fine Giro.
Van de Velde, lo ricordo in maglietta maniche corte (mi sembra avesse la maglia ciclamino) e cappellino imbiancato dalla neve, non si fermò in cima a cambiarsi, neanche prese una mantellina, e proprio per questo arrivò tra gli ultimi, congelandosi nel primo tratto di discesa e mettendoci un bel po' a riprendersi. Le immagini televisive fino ai passaggi in cima al Gavia si erano viste; poi ripresero nel tratto finale in falsopiano verso il traguardo. Inoltre, per come lo ricordo, Breukink e Hampsten procedettero assieme di buon accordo fino all'arrivo, a Breukink andò la tappa e all'americano la maglia.
Forse ricordo male io, ma non mi pare si fosse visto niente in diretta, a parte gli ultimi km da S.ta Caterina/S. Antonio... :boh:
La storia di Van Der Velde è già stata raccontata, comunque farei notare che non aveva neanche il cappellino, come si può vedere anche dalle riprese (trasmesse in seguito, sempre se ricordo bene).
Cioè, aveva un cappellino... ma era fatto di neve! :diavoletto:
41942983-FB8D-4736-9539-B8C62C48C2E8.jpeg
41942983-FB8D-4736-9539-B8C62C48C2E8.jpeg (56.91 KiB) Visto 740 volte
PS: e neanche i guanti! :hammer:
Ultima modifica di Bitossi il lunedì 3 giugno 2019, 0:16, modificato 1 volta in totale.


Ringrazio la mia mamma per avermi fatto studiare da ciclista

CicloSprint
Messaggi: 6274
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:49

Re: Gavia 1988

Messaggio da leggere da CicloSprint » domenica 2 giugno 2019, 23:18

Fu qualcosa di veramente alluncinante quella tappa del Gavia 1988, quella tappa era da annullare.

Le tappe più alluncinanti della Storia del Giro sono state la Merano-Monte Bondone del 1956 e poi la Trento-San Pellegrino sempre del 1956 (il day after del Bondone, con i corridori superstiti ancora stremati dalla tremenda tappa del giorno prima che chiedevano ancora l'ossigeno), e le tappe della Tre Cime di Lavaredo, quasi arrivate sempre con la neve.



tarangu
Messaggi: 208
Iscritto il: lunedì 13 dicembre 2010, 9:49

Re: Gavia 1988

Messaggio da leggere da tarangu » lunedì 3 giugno 2019, 10:37




trecentobalene
Messaggi: 1668
Iscritto il: sabato 1 giugno 2013, 14:24

Re: Gavia 1988

Messaggio da leggere da trecentobalene » giovedì 6 giugno 2019, 21:59

La storia di vandervelde e'raccontata da Offlaga ,
In tulipani .
La canzone procede mezza ciclostile democrazia
Proletaria , mezza de zan , mezza ferretti lindo .
E per l'ultima meta'una roulotte .

Dove demare caco' .

Nella storia dell'olimpiade gli americani lasciano il segno.
Nel mio disinteresse per tutto
Leggo la sintesi e mai lo sviluppo .

Nell'aria Offlaga rimane l'unica armonia di quel tempo .




Rispondi