Bici prof 2020

Il mondo dei professionisti tra gare e complessità, e più in generale l'approccio al ciclismo di ogni appassionato
castelli
Messaggi: 2452
Iscritto il: venerdì 26 agosto 2011, 21:12

Re: Bici prof 2020

Messaggio da leggere da castelli » mercoledì 8 gennaio 2020, 12:43

quello che dice herbie è condivisibile.

se fai discesa lunga e frenicchi ad un certo punto il rumore lo senti.

è ininfluente in termini di scorrevolezza (il miglior tempo di quest'anno l'ho fatto con un mozzo post mezzo bloccato...) ma certo un certo fastidio c'è.


Defensor Froomey. dal 28/5/19 FORZA ROGLIC

Puntò il 20/5/19 10 euro su s.yates dato a 12. 5 euro su nibali dato a 3.
mancò il coraggio per puntare 20 euro su landa dato a 66.
non credette alla tenuta di rogla fino a verona.


Avatar utente
Bitossi
Messaggi: 3417
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 12:41
Località: Milano

Re: Bici prof 2020

Messaggio da leggere da Bitossi » mercoledì 8 gennaio 2020, 12:52

nino58 ha scritto:
mercoledì 8 gennaio 2020, 12:38
Bitossi ha scritto:
mercoledì 8 gennaio 2020, 12:23

Mat, intendevi pastiglie, non dischi, giusto? :dubbio: (mai cambiato un disco in vita mia, nemmeno sulle mtb; o meglio, fatto una volto solo per migliorarli)
I dischi non li hai mai cambiati.
Ma di pastiglie, quante ne hai cambiate prima di scegliere quella giusta ? :fischio:
Grosso modo quanto i pattini, almeno sulla bdc, visto che non le ho ancora cambiate. :aureola:
In mtb ovviamente più spesso, perché nello scendere dalle montagne, magari via gradoni alti mezzo metro, a qualcosa ci si deve attaccare… :D
Ma lì credo non ci sia discussione, o vogliamo tornare ai ridicoli v-brakes, o peggio ai cantilever col filo doppio alla Carlo Cudega? :diavoletto:


Ringrazio la mia mamma per avermi fatto studiare da ciclista

herbie
Messaggi: 4724
Iscritto il: sabato 26 febbraio 2011, 17:19

Re: Bici prof 2020

Messaggio da leggere da herbie » mercoledì 8 gennaio 2020, 13:19

Bitossi ha scritto:
mercoledì 8 gennaio 2020, 12:23
herbie ha scritto:
martedì 7 gennaio 2020, 23:35
non so che discese fai tu, ma il mio compagno di uscite, se la discesa supera i 20 minuti, ha altri 20 minuti di zin-zin sul tratto di pianura, dovuta al surriscaldamento (e leggero aumento di dimensione) del disco. Ha speso circa 11000 euro per la sua S-Works modello Sagan.
Discese di mezz'ora capita di farne anche due o tre, quando l'uscita è tale da dare qualche soddisfazione, e la cosa risulta assai fastidiosa.
Al di là del fatto che il surriscaldamento dei dischi provoca una usura molto accentuata del componente, che si "graffia"... in pratica il cambio dei dischi, facendo discese lunghe, è più frequente del cambio dei pattini (questo non è compatibile con la mia idea di "progresso tecnologico", ovvero ciò che migliora la tecnologia precedente non deve essere più "delicato", o fragile, ma questa cosa capisco che sia un problema mio) , senza contare il fatto che un piccolo malfunzionamento provoca comunque una certa ansia e più frequenti visite (assai fastidiose) al meccanico.

Poi, come ho già scritto altrove, fossi un prof, con il meccanico che mi sistema la bici dalla sera alla mattina, tutta la vita i dischi.
Mat, intendevi pastiglie, non dischi, giusto? :dubbio: (mai cambiato un disco in vita mia, nemmeno sulle mtb; o meglio, fatto una volto solo per migliorarli)
Ripeto, io dopo 8000 km (e circa 80000 m di dislivello) non le ho ancora cambiate. Si vede che freno poco! :diavoletto: (scherzo; come già scritto, vado molto ma molto più piano di una volta)
E neppure altri fastidi; al massimo un paio di flap-flap all'anteriore dopo una frenata decisa (pastiglie ancora attaccate al disco), rumore che sparisce dopo qualche secondo. O sono fortunato io, o non so che altro… :boh:

Io rimango dell'idea che siano molto adatti anche all'uso amatoriale, proprio perché non c'è o non ci dovrebbe essere la mania del peso; in ogni caso, anche solo un pensiunà salvato un'unica volta nella vita dal drittone nel tornante bagnato, vale la spesa… :D
sì scusa, intendevo le pastiglie. Tuttavia quando il surriscaldamento è forte e non cambi prontamente le pastiglie ai primi segnali di usura, si rigano anche i dischi e il mio amico ha cambiato anche quelli.

Credo che non sia abbastanza chiaro che la differenza vera, per quanto riguarda il surriscaldamento, conseguente zin-zin, e danneggiamento, la fanno le DISCESE LUNGHE. Una stessa quantità di discesa suddivisa in 20 piccole discese da 5 minuti, non causano il surriscaldamento di una sola discesa da mezz'ora. E, se mi permetti, per un cicloamatore la soddisfazione c'è quando fai certe salite, lunghe, certi giri, lunghi, e , nei limiti del rischio accettabile, su certe discese, spettacolari, di alta montagna, dove ti puoi "divertire" un po'...
La bici da strada per il cicloamatore deve "rendere" su questo tipo di utilizzo, e deve avere minima manutenzione considerando questo tipo di utilizzo, e possibilmente deve avere il maggior numero di cose "sistemabili" al volo, per avere la minima probabilità di rimanere bloccati proprio in uno di quei 7-8 giorni sparsi per l'anno (di più è difficile ricavarne) in cui l'itinerario è tale da toglierti delle soddisfazioni . Per altre cose va bene più o meno tutto, è solo una questione di estetica, che certo a sua volta è molto importante

La maggiore sicurezza nelle rotonde, fermo restando che il guidatore medio di auto è un incapace e si spaventa, creando ancora maggior pericolo, per delle cose da nulla, mi sembra una vera e propria bufala.
Il disco ti dà tutta un'altra sensazione di sicurezza e guidabilità in discesa, quando non è scarico, funziona bene, e non fa rumore. INoltre , la sicurezza maggiore sta nel fatto che hai un minore spazio di frenata, quando l'incapace in auto che hai davanti 50 metri si blocca all'improvviso inopinatamente in mezzo alla strada perchè vede salire un altro veicolo in direzione opposta e, temendo di non passarci, frena spaventatissimo.



andreaRVR
Messaggi: 25
Iscritto il: domenica 22 dicembre 2019, 17:52

Re: Bici prof 2020

Messaggio da leggere da andreaRVR » mercoledì 8 gennaio 2020, 18:44

Nibali ha postato una foto in allenamento con una bici con i freni a disco, avevo letto che trek avrebbe montato i freni tradizionali e invece continua con i dischi, lo avranno convinto



Avatar utente
sceriffo
Messaggi: 2545
Iscritto il: lunedì 11 aprile 2011, 23:48

Re: Bici prof 2020

Messaggio da leggere da sceriffo » mercoledì 8 gennaio 2020, 19:56

andreaRVR ha scritto:
mercoledì 8 gennaio 2020, 18:44
Nibali ha postato una foto in allenamento con una bici con i freni a disco, avevo letto che trek avrebbe montato i freni tradizionali e invece continua con i dischi, lo avranno convinto
Il problema (?) è che molti telai (es systemSix di Cannodale) non vengono nemmeno prodotti per freni rim 8-)




Rispondi