Giro di Lombardia (12 ottobre 2019)

Il mondo dei professionisti tra gare e complessità, e più in generale l'approccio al ciclismo di ogni appassionato
Avatar utente
Walter_White
Messaggi: 15616
Iscritto il: mercoledì 23 marzo 2016, 18:01

Re: Giro di Lombardia (12 ottobre 2019)

Messaggio da leggere da Walter_White » sabato 12 ottobre 2019, 19:06

https://twitter.com/ammattipyoraily/sta ... 59462?s=19

Mollema ha fatto il record sul Civiglio. Oggi è stata la sua giornata della vita


FCC 2019/20: rit.
FCC 2018/19: 1°; Superprestige; Gran Combinata
FCC 2017/18: 3°; Trofeo dei titoli; Campionato Europeo Donne Elite, Campionato del Mondo Donne Elite, ROTY

Mr. MM
Messaggi: 471
Iscritto il: sabato 5 marzo 2016, 19:41

Re: Giro di Lombardia (12 ottobre 2019)

Messaggio da leggere da Mr. MM » sabato 12 ottobre 2019, 19:43

nime ha scritto:
sabato 12 ottobre 2019, 16:59
Luca90 ha scritto:
sabato 12 ottobre 2019, 16:40
Quando hai a che fare con roglic blocca sempre le corse...
secondo me che Roglic sia uno che blocca le corse però è un esagerazione, dalla famosa tappa del giro molti si sono fatti questa idea, in realtà è uno che ha vinto quasi sempre attaccando con coraggio

oggi non ha sicuramente corso bene, ma secondo me era al di sotto della forma vista all'emilia e in salita ha dovuto correre in modo difensivo
Ed ecco che il lavorìo di mesi di De Luca inizia a produrre i suoi adepti.



herbie
Messaggi: 5270
Iscritto il: sabato 26 febbraio 2011, 17:19

Re: Giro di Lombardia (12 ottobre 2019)

Messaggio da leggere da herbie » sabato 12 ottobre 2019, 20:14

barrylyndon ha scritto:
sabato 12 ottobre 2019, 18:15
E bravo bauke.. Il prossimo anno avrai un luogotenente d'eccezione.. In certe corse
capisco la depressione, ma obiettivamente, detto da un tifoso di Nibali, è una cosa che non si può sentire....Basso, che ha vinto meno di Nibali, finì la carriera facendo il gregario di Contador, insomma.



herbie
Messaggi: 5270
Iscritto il: sabato 26 febbraio 2011, 17:19

Re: Giro di Lombardia (12 ottobre 2019)

Messaggio da leggere da herbie » sabato 12 ottobre 2019, 20:23

dietzen ha scritto:
sabato 12 ottobre 2019, 17:09
il_panta ha scritto:
sabato 12 ottobre 2019, 16:56
dietzen ha scritto:
sabato 12 ottobre 2019, 16:51
per me invece roglic era l'unico ad avere qualcosina più degli altri, ma se l'è bruciata nell'attacco in pianura, ma quella era una mossa della disperazione perché lì era ormai chiaro che la corsa era già andata.
Non so, sul San Fermo si è fatto prendere 12-15 secondi da dietro in un amen. Quanto è stato lungo l'attacco in pianura, un paio di km?
Per le gambe viste oggi chi può veramente recriminare è Alejandro a mio avviso, per il risultato ma non per la condotta di gara. Ha corso bene, ma quando ce ne sono tanti non in grado di staccarsi e senza gregari un esito del genere è molto probabile, è teoria dei giochi.
sì, erano più o meno tutti lì come gambe, ma roglic sul civiglio mi era parso quello con qualcosa di margine. poi ha fatto quell'azione in pianura, senza senso tranne a vederla appunto come una mossa della disperazione, e lì ha consumato la sua cartuccia.
valverde come dici oggi ha corso bene, rispetto ad altre occasioni è stato persino attaccante, ma non aveva le gambe per fare la differenza.
a posteriori, forse bernal era quello che poteva provare a forzare sul civiglio (avendo anche sosa a supporto), portare via un gruppetto di 3-4 e poi giocarsela sul san fermo.
concordo con tutto quello che scrivi, ma questa è una delle non poche corse non dico buttate, ma perse strategicamente da Valverde.
Che senso aveva quella fiammata esattamente nel punto sbagliato del Civiglio, ovvero 200 metri prima del tratto più duro della salita a 3 km. dalla cima e 19 dal traguardo? La corsa con Nibali e Pinot si era sempre decisa con attacchi appena dopo il bivio nell'ultimo km. del Civiglio, quello è sempre il punto giusto se ne hai.
Infatti trovata la rampaccia al 15% appena dopo lo scatto violento Valverde ha dovuto rifiatare, rallentare e proprio lì si è mosso Mollema, mentre tutti stavano ancora rifiatando e aspettando proprio lui.



Avatar utente
barrylyndon
Messaggi: 14952
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 15:20

Re: Giro di Lombardia (12 ottobre 2019)

Messaggio da leggere da barrylyndon » sabato 12 ottobre 2019, 20:28

herbie ha scritto:
sabato 12 ottobre 2019, 20:14
barrylyndon ha scritto:
sabato 12 ottobre 2019, 18:15
E bravo bauke.. Il prossimo anno avrai un luogotenente d'eccezione.. In certe corse
capisco la depressione, ma obiettivamente, detto da un tifoso di Nibali, è una cosa che non si può sentire....Basso, che ha vinto meno di Nibali, finì la carriera facendo il gregario di Contador, insomma.
In certe corse...ho detto...Nibali ha comunque esperienza per capire quando mettersi a disposizione di un compagno in quel momento piu' in palla...


Nibali sta a Froome come Thoeni stava a Klammer.

Primo86
Messaggi: 154
Iscritto il: martedì 2 ottobre 2018, 1:05

Re: Giro di Lombardia (12 ottobre 2019)

Messaggio da leggere da Primo86 » domenica 13 ottobre 2019, 0:08

Mi sarò fissato di brutto sul punto ma non riesco a sottrarmi dalla sensazione che il vero sconfitto di giornata sia un assente che si chiama Julian Alaphilippe.

Non quello che già a Harrogate si trascinava, ma quello che due anni fa faceva secondo qui a Como e mi dava l'impressione che di lì a poco le monumento sarebbero grandinate.
E che dopo due anni ci ritroviamo con un Tour de France dominato per due settimane e assolutamente indigesto per la terza e con una Milano - Sanremo unica monumento conquistata a 27 anni e 4 mesi (notavo che alla stessa età Gilbert aveva vinto un Lombardia, Sagan un Fiandre e due Mondiali, Valverde una Liegi, Cancellara una Sanremo e una Roubaix, Boonen due Fiandre, una Roubaix e un Mondiale).

Ora, nulla è perduto, ci mancherebbe altro. Siamo in linea coi grandissimi. Solo che a un certo punto mi ero veramente convinto, per una serie di cose che riguardavano le Liegi, la concorrenza a fine anno, quella Sanremo del 2017, il Mondiale di Bergen e i trascorsi in altra disciplina che lo avrebbero reso "immaginabile" al Nord, che in fin dei conti sarebbe stato lui quello con maggior monumento delle ultime generazioni).

In tal senso sarà interessante vedere come lui e altri calendarizzeranno il 2019.Si farà carne di porco in tal senso, state alla finestra perché ci sarà da ridere.

Ah, sul Lombardia, sennò Marco mi segnala l'off topic e mi vedrò costretto a sguinzagliargli contro la mia muta di legali (il pool - Primo).
Ho letto interessato le valutazioni su chi stesse realmente meglio, e più scorrevo i messaggi più mi sentivo convinto da tutti.
Così sono rimasto con la mia impressione e cioè, e lo dico candidamente, tutti mi sembravano con la gamba abbastanza ammerda, pure Mollema che leggo che sul Civiglio è andato a cannone.

Secondo me stasera le gambe fanno malino a tanti e l'unica consolazione è il pensiero che per qualche giorno è finita!

Oh scatto di Valverde sul Civiglio riedizione della Vuelta, per la serie "AAA campione del Mondo 39 enne di bell'aspetto cerca compagno per fuga a due così non ci sentiamo troppo soli nel turbinio della vita" (adoroh).

Bernal 13 - 12 - 3 non so se mi è proprio chiaro cosa sarebbe stato con Parigi - Nizza, Svizzera, Tour de France, Gran Piemonte e Lombardia, mortacci.

Fuglsang c'ha le palle. Woods ne ha persino troppe (dicono che Woods c'ha tre palle, lo chiamano Miki Flipper) ma non ha altrettante gambe. Meglio di Adam Yates, a cui sembra manchino entrambe, a volte.
A proposito "Jack Haig è un gran bel corridore" (cit.).

E Rudy Molard (oggi decimo) non ha mai fatto peggio di 26 nelle ultime sei monumento disputate (7/9 complessivamente) che può sembrare banale ma non è banale.

Ps
"Palle" per dire "coraggio" o "spessore" in modo un po' volgare, non vorrei sembrare mancante di rispetto verso qualcuno che ha un gemello che si chiama Simon, per non fare nomi.



Road Runner
Messaggi: 872
Iscritto il: martedì 8 novembre 2016, 11:44

Re: Giro di Lombardia (12 ottobre 2019)

Messaggio da leggere da Road Runner » domenica 13 ottobre 2019, 6:15

Mi aspetto a brevissimo la solita domanda da rompicoglioni del Condor: "ma cos'è successo a Nibali ?"



34x27

Re: Giro di Lombardia (12 ottobre 2019)

Messaggio da leggere da 34x27 » domenica 13 ottobre 2019, 7:55

Walter_White ha scritto:
sabato 12 ottobre 2019, 19:06
Oggi è stata la sua giornata della vita
Like Zaugg 2011.

bravo bokemollemà!



Avatar utente
eliacodogno
Messaggi: 6595
Iscritto il: venerdì 24 dicembre 2010, 1:27
Località: Susa (TO)

Re: Giro di Lombardia (12 ottobre 2019)

Messaggio da leggere da eliacodogno » domenica 13 ottobre 2019, 8:41

barrylyndon ha scritto:
sabato 12 ottobre 2019, 18:15
E bravo bauke.. Il prossimo anno avrai un luogotenente d'eccezione.. In certe corse
Ma dai, ripeto, è come sentire il mio vicino di casa gobbo che tutti gli anni metteva la giubbe come ultima delle 7 sorelle tra i favoriti al campionato :diavoletto:

Mollema è un ottimo corridore che ha trovato ieri la giornata della vita, ma anche nella travagliata storia di quest'anno (con scelte a mio avviso non giustissime) secondo me nibby ha dimostrato di essere di altra pasta.


Se il tuo modo di lavorare è questo qui, compragli un casco a Sgarbozza e fallo fare a lui il Giro, perché io non lo faccio più (P.S.)

'Idea del Forum' per me non vuol dire assolutamente niente. (H.F.)

Leonardo Civitella
Messaggi: 2056
Iscritto il: sabato 3 novembre 2018, 13:36
Località: Civitella San Paolo

Re: Giro di Lombardia (12 ottobre 2019)

Messaggio da leggere da Leonardo Civitella » domenica 13 ottobre 2019, 8:52

34x27 ha scritto:
domenica 13 ottobre 2019, 7:55
Walter_White ha scritto:
sabato 12 ottobre 2019, 19:06
Oggi è stata la sua giornata della vita
Like Zaugg 2011.

bravo bokemollemà!
Bè dai non proprio.
Zaugg prima di quel Lombardia era soltanto un buon gregario, mentre Mollema oltre al Lombardia ha conquistato un San Sebastian, due tappe nei GT, diverse top ten e un podio nei Grandi Giri.

Saluti,Leonardo


FC2019: Tro Bro Leon-Tour of the Alps
FC2020: Campionato Europeo in linea 🇪🇺

Avatar utente
barrylyndon
Messaggi: 14952
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 15:20

Re: Giro di Lombardia (12 ottobre 2019)

Messaggio da leggere da barrylyndon » domenica 13 ottobre 2019, 8:57

eliacodogno ha scritto:
domenica 13 ottobre 2019, 8:41
barrylyndon ha scritto:
sabato 12 ottobre 2019, 18:15
E bravo bauke.. Il prossimo anno avrai un luogotenente d'eccezione.. In certe corse
Ma dai, ripeto, è come sentire il mio vicino di casa gobbo che tutti gli anni metteva la giubbe come ultima delle 7 sorelle tra i favoriti al campionato :diavoletto:

Mollema è un ottimo corridore che ha trovato ieri la giornata della vita, ma anche nella travagliata storia di quest'anno (con scelte a mio avviso non giustissime) secondo me nibby ha dimostrato di essere di altra pasta.
Ho gia' risposto....in certe corse....in certe corse....in certe corse...visto che Nibali ha dimostrato di non poter piu' tenere una condizione ottimale per 9 mesi..Anche perche' si sottovaluta il fatto che l'infortunio dell'anno scorso gli ha fatto cambiare la postura in bici..dopo 34 anni non deve esser facile..


Nibali sta a Froome come Thoeni stava a Klammer.

Avatar utente
lemond
Messaggi: 14427
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:52
Località: Firenze

Re: Giro di Lombardia (12 ottobre 2019)

Messaggio da leggere da lemond » domenica 13 ottobre 2019, 9:02

Luca90 ha scritto:
sabato 12 ottobre 2019, 16:40
Quando hai a che fare con roglic blocca sempre le corse...
E le corse premiano chi oltre alla gambe ha coraggio...
Carapaz c ha vinto il giro con gambe e coraggio.... mollema questo Lombardia...
Chapeau bauke!!!
Più coraggio e il fatto che non lo hanno inseguito come succede a chi non è considerato come uno dei grandi favoriti. Lo stesso è successo al Giro e a San Sebastian, anche se l' Roglic non c'entra, ma Valverde senza grande squadra sì. Secondo me ieri l'Embatido era il più forte e sarebbe dovuto andare dietro a tutti, perché altrimenti la corsa era persa di sicuro: quando uno va da solo e gli altri non hanno gregari il risultato è scontato!


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
i barbieri il lunedì :bll:

"Per principio rifiuto di sottopormi a questi controlli. Non sono ostile alla lotta al doping, che ritengo indispensabile tra i dilettanti, ma nel caso di professionisti è differente.

Avatar utente
lemond
Messaggi: 14427
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:52
Località: Firenze

Re: Giro di Lombardia (12 ottobre 2019)

Messaggio da leggere da lemond » domenica 13 ottobre 2019, 9:03

Road Runner ha scritto:
domenica 13 ottobre 2019, 6:15
Mi aspetto a brevissimo la solita domanda da rompicoglioni del Condor: "ma cos'è successo a Nibali ?"
:diavoletto: :crazy: :diavoletto:


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
i barbieri il lunedì :bll:

"Per principio rifiuto di sottopormi a questi controlli. Non sono ostile alla lotta al doping, che ritengo indispensabile tra i dilettanti, ma nel caso di professionisti è differente.

Avatar utente
barrylyndon
Messaggi: 14952
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 15:20

Re: Giro di Lombardia (12 ottobre 2019)

Messaggio da leggere da barrylyndon » domenica 13 ottobre 2019, 9:04

lemond ha scritto:
domenica 13 ottobre 2019, 9:02
Luca90 ha scritto:
sabato 12 ottobre 2019, 16:40
Quando hai a che fare con roglic blocca sempre le corse...
E le corse premiano chi oltre alla gambe ha coraggio...
Carapaz c ha vinto il giro con gambe e coraggio.... mollema questo Lombardia...
Chapeau bauke!!!
Più coraggio e il fatto che non lo hanno inseguito come succede a chi non è considerato come uno dei grandi favoriti. Lo stesso è successo al Giro e a San Sebastian, anche se l' Roglic non c'entra, ma Valverde senza grande squadra sì. Secondo me ieri l'Embatido era il più forte e sarebbe dovuto andare dietro a tutti, perché altrimenti la corsa era persa di sicuro: quando uno va da solo e gli altri non hanno gregari il risultato è scontato!
Non vorrei sembrare eccessivamente semplicistico...ma il piu' forte ieri e' stato colui che ha vinto...ed il tempo sul Civiglio ....lo dimostra...


Nibali sta a Froome come Thoeni stava a Klammer.

Strong
Messaggi: 10046
Iscritto il: mercoledì 12 gennaio 2011, 11:48

Re: Giro di Lombardia (12 ottobre 2019)

Messaggio da leggere da Strong » domenica 13 ottobre 2019, 9:09

lemond ha scritto:
domenica 13 ottobre 2019, 9:03
Road Runner ha scritto:
domenica 13 ottobre 2019, 6:15
Mi aspetto a brevissimo la solita domanda da rompicoglioni del Condor: "ma cos'è successo a Nibali ?"
:diavoletto: :crazy: :diavoletto:

però una domanda la si può fare...
chi del gruppetto ha buttato per terra la borraccia proprio in mezzo al gruppo?


i fondamentalisti del ciclismo e gli ultras dei ciclisti sono il male di questo sport.

Avatar utente
eliacodogno
Messaggi: 6595
Iscritto il: venerdì 24 dicembre 2010, 1:27
Località: Susa (TO)

Re: Giro di Lombardia (12 ottobre 2019)

Messaggio da leggere da eliacodogno » domenica 13 ottobre 2019, 9:12

Leonardo Civitella ha scritto:
domenica 13 ottobre 2019, 8:52
34x27 ha scritto:
domenica 13 ottobre 2019, 7:55
Walter_White ha scritto:
sabato 12 ottobre 2019, 19:06
Oggi è stata la sua giornata della vita
Like Zaugg 2011.

bravo bokemollemà!
Bè dai non proprio.
Zaugg prima di quel Lombardia era soltanto un buon gregario, mentre Mollema oltre al Lombardia ha conquistato un San Sebastian, due tappe nei GT, diverse top ten e un podio nei Grandi Giri.

Saluti,Leonardo
Esatto tutt'altra statura. E direi anche tutt'altra azione per arrivare alla vittoria.
barrylyndon ha scritto:
domenica 13 ottobre 2019, 8:57
eliacodogno ha scritto:
domenica 13 ottobre 2019, 8:41
barrylyndon ha scritto:
sabato 12 ottobre 2019, 18:15
E bravo bauke.. Il prossimo anno avrai un luogotenente d'eccezione.. In certe corse
Ma dai, ripeto, è come sentire il mio vicino di casa gobbo che tutti gli anni metteva la giubbe come ultima delle 7 sorelle tra i favoriti al campionato :diavoletto:

Mollema è un ottimo corridore che ha trovato ieri la giornata della vita, ma anche nella travagliata storia di quest'anno (con scelte a mio avviso non giustissime) secondo me nibby ha dimostrato di essere di altra pasta.
Ho gia' risposto....in certe corse....in certe corse....in certe corse...visto che Nibali ha dimostrato di non poter piu' tenere una condizione ottimale per 9 mesi..Anche perche' si sottovaluta il fatto che l'infortunio dell'anno scorso gli ha fatto cambiare la postura in bici..dopo 34 anni non deve esser facile..
Ritengo più probabile vedere enzino al via di meno corse e basta. Se poi per luogotenente intendiamo qualche azione a copertura di un capitano di giornata in una gara minore.... be allo squalo è già successo di recitare questo ruolo (vedi giro dell'Emilia 2017)

Peraltro con la gamba di ieri non è che ci sia molto da spendersi per la squadra. Purtroppo la stagione poteva essere impostata meglio


Se il tuo modo di lavorare è questo qui, compragli un casco a Sgarbozza e fallo fare a lui il Giro, perché io non lo faccio più (P.S.)

'Idea del Forum' per me non vuol dire assolutamente niente. (H.F.)

Avatar utente
lemond
Messaggi: 14427
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:52
Località: Firenze

Re: Giro di Lombardia (12 ottobre 2019)

Messaggio da leggere da lemond » domenica 13 ottobre 2019, 9:12

barrylyndon ha scritto:
domenica 13 ottobre 2019, 9:04
Non vorrei sembrare eccessivamente semplicistico...ma il piu' forte ieri e' stato colui che ha vinto...ed il tempo sul Civiglio ....lo dimostra...
Come si fa a considerare con lo stesso metro uno che va "a tutta" e altri che invece hanno ingranato la "riserva mentale"?
P.S. I tempi del ciclismo non sono quelli dell'atletica, perché le condizioni sono sempre diverse, ma questo lo sai meglio di me.


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
i barbieri il lunedì :bll:

"Per principio rifiuto di sottopormi a questi controlli. Non sono ostile alla lotta al doping, che ritengo indispensabile tra i dilettanti, ma nel caso di professionisti è differente.

pereiro2982
Messaggi: 2836
Iscritto il: lunedì 16 maggio 2016, 15:18

Re: Giro di Lombardia (12 ottobre 2019)

Messaggio da leggere da pereiro2982 » domenica 13 ottobre 2019, 9:37

vorrei capire ma è naturale che nelle corse ciclistiche non vincano mai i piu forti o è solo di quest'anno?

poi non capisco i favoriti si controllano uno becca il tempo giusto per avvantaggiarsi e fare il record di scalata sulla salita ma è stato sottovalutato
fagianata !
stessa situazione per altri è grande classe

maledetti outsider



Avatar utente
Walter_White
Messaggi: 15616
Iscritto il: mercoledì 23 marzo 2016, 18:01

Re: Giro di Lombardia (12 ottobre 2019)

Messaggio da leggere da Walter_White » domenica 13 ottobre 2019, 9:43

34x27 ha scritto:
domenica 13 ottobre 2019, 7:55
Walter_White ha scritto:
sabato 12 ottobre 2019, 19:06
Oggi è stata la sua giornata della vita
Like Zaugg 2011.

bravo bokemollemà!
Beh Zaugg penso sia stato il vincitore più random del dopoguerra, che concluse 1 anno dove 4 monumenti su 5 vennero vinti da seconde linee, sfruttando un livello basso e il suicidio di Nibali. Mollema si sa chi è, un buonissimo corridore anche se non un campione, e hanno sbagliato a lasciargli 45"


FCC 2019/20: rit.
FCC 2018/19: 1°; Superprestige; Gran Combinata
FCC 2017/18: 3°; Trofeo dei titoli; Campionato Europeo Donne Elite, Campionato del Mondo Donne Elite, ROTY

Avatar utente
lemond
Messaggi: 14427
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:52
Località: Firenze

Re: Giro di Lombardia (12 ottobre 2019)

Messaggio da leggere da lemond » domenica 13 ottobre 2019, 10:00

pereiro2982 ha scritto:
domenica 13 ottobre 2019, 9:37
vorrei capire ma è naturale che nelle corse ciclistiche non vincano mai i piu forti o è solo di quest'anno?

poi non capisco i favoriti si controllano uno becca il tempo giusto per avvantaggiarsi e fare il record di scalata sulla salita ma è stato sottovalutato
fagianata !
stessa situazione per altri è grande classe

maledetti outsider
Tu ci scherzi sopra, ma invece la situazione è proprio quella che descrivi e, con un tre o quattro eccezioni (ma vado a memoria), quest'anno a vincere le corse di un giorno sono stati i più furbi e non i più forti. Per molti è il bello del ciclismo e "de gustibus non disputandum est". :x :)


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
i barbieri il lunedì :bll:

"Per principio rifiuto di sottopormi a questi controlli. Non sono ostile alla lotta al doping, che ritengo indispensabile tra i dilettanti, ma nel caso di professionisti è differente.

34x27

Re: Giro di Lombardia (12 ottobre 2019)

Messaggio da leggere da 34x27 » domenica 13 ottobre 2019, 10:18

Leonardo Civitella ha scritto:
domenica 13 ottobre 2019, 8:52
Bè dai non proprio.
Zaugg prima di quel Lombardia era soltanto un buon gregario, mentre Mollema oltre al Lombardia ha conquistato un San Sebastian, due tappe nei GT, diverse top ten e un podio nei Grandi Giri.
Tutto quello che vuoi, ma nei pronostici della vigilia non rientrava tra i migliori dieci... entrambi (lui e Z) hanno fatto la gara della vita, questo intendevo. Che poi Mollema abbia un palmares passato migliore (non che ci voglia moltissimo), è indubbio.



jumbo
Messaggi: 6272
Iscritto il: sabato 1 ottobre 2011, 10:42

Re: Giro di Lombardia (12 ottobre 2019)

Messaggio da leggere da jumbo » domenica 13 ottobre 2019, 10:44

Zaugg probabilmente non rientrava nemmeno tra i migliori 50.
Mollema sicuramente tra i primi 20.



Avatar utente
udra
Messaggi: 8306
Iscritto il: mercoledì 1 ottobre 2014, 11:29

Re: Giro di Lombardia (12 ottobre 2019)

Messaggio da leggere da udra » domenica 13 ottobre 2019, 12:05

Comunque credo che Roglic abbia strappato davvero troppo all'inizio del San Fermo: se non ho fatto male i conti dovrebbe aver recuperato tra i 10 e 15 secondi su Mollema nei 300 metri dal sottopasso ferroviario al bivio a sx dove inizia la vera Valfresca.
Questa impressione me l'aveva data anche in diretta, in quel momento pensavo potesse riprenderlo addirittura.



Leonardo Civitella
Messaggi: 2056
Iscritto il: sabato 3 novembre 2018, 13:36
Località: Civitella San Paolo

Re: Giro di Lombardia (12 ottobre 2019)

Messaggio da leggere da Leonardo Civitella » domenica 13 ottobre 2019, 12:18

34x27 ha scritto:
domenica 13 ottobre 2019, 10:18
Leonardo Civitella ha scritto:
domenica 13 ottobre 2019, 8:52
Bè dai non proprio.
Zaugg prima di quel Lombardia era soltanto un buon gregario, mentre Mollema oltre al Lombardia ha conquistato un San Sebastian, due tappe nei GT, diverse top ten e un podio nei Grandi Giri.
Tutto quello che vuoi, ma nei pronostici della vigilia non rientrava tra i migliori dieci...
Beh forse tra i dieci migliori poteva essere inserito dopo le rimonte sul San Luca e sul Superga.
Anzi vi dirò che ieri il mio eurino l'ho fatto giocare su di lui.

Saluti,Leonardo


FC2019: Tro Bro Leon-Tour of the Alps
FC2020: Campionato Europeo in linea 🇪🇺

34x27

Re: Giro di Lombardia (12 ottobre 2019)

Messaggio da leggere da 34x27 » domenica 13 ottobre 2019, 12:26

Leonardo Civitella ha scritto:
domenica 13 ottobre 2019, 12:18
Beh forse tra i dieci migliori poteva essere inserito dopo le rimonte sul San Luca e sul Superga.
Anzi vi dirò che ieri il mio eurino l'ho fatto giocare su di lui.
Bernal, Valverde, Nibali, Roglic, Fulsgang, Woods, Benoot+Wellens, Chaves+Yates, Visconti, Ciccone, Ulissi, Gaudu, Buchmann+Majka.
Per me era dietro almeno a dieci di questi...poi oh, complimenti per la giocata: quanto hai vinto?



Fiandre
Messaggi: 690
Iscritto il: venerdì 12 gennaio 2018, 19:02

Re: Giro di Lombardia (12 ottobre 2019)

Messaggio da leggere da Fiandre » domenica 13 ottobre 2019, 12:35

Intanto Cassani difende la disfatta italiana, dicendo semplicemente beh neanche i belgi avevano nessuno nei primi 20
Mi sembra un giudizio un po' banale e anche preoccupante detta dal ct, anche perché i belgi hanno van aert e evenepol noi no



Leonardo Civitella
Messaggi: 2056
Iscritto il: sabato 3 novembre 2018, 13:36
Località: Civitella San Paolo

Re: Giro di Lombardia (12 ottobre 2019)

Messaggio da leggere da Leonardo Civitella » domenica 13 ottobre 2019, 12:52

34x27 ha scritto:
domenica 13 ottobre 2019, 12:26
Leonardo Civitella ha scritto:
domenica 13 ottobre 2019, 12:18
Beh forse tra i dieci migliori poteva essere inserito dopo le rimonte sul San Luca e sul Superga.
Anzi vi dirò che ieri il mio eurino l'ho fatto giocare su di lui.
Bernal, Valverde, Nibali, Roglic, Fulsgang, Woods, Benoot+Wellens, Chaves+Yates, Visconti, Ciccone, Ulissi, Gaudu, Buchmann+Majka.
Per me era dietro almeno a dieci di questi...poi oh, complimenti per la giocata: quanto hai vinto?
Non sono d'accordo, dopo i recuperi che ci ha regalato all'Emilia, alla Tre Valli e alla Milano Torino, io sicuramente l'avrei posto davanti a molti dei corridori da te elencati.(Forse l'avrei posto dietro soltanto a Roglic,Nibali,Valverde,Fulsgang e Woods)
Se poi il tuo discorso era basato su un'analisi prettamente statistica, allora ti posso garantire che Majka,Ciccone e Buchmann li avrei sistemati obbligatoriamente dietro.

Ho vinto poco più di 30€ (mi sembra che mollema fosse quotato a 34); diciamo che per essere la mia prima giocata della vita ho avuto un pò di fortuna😂

Saluti,Leonardo


FC2019: Tro Bro Leon-Tour of the Alps
FC2020: Campionato Europeo in linea 🇪🇺

Avatar utente
Patate
Messaggi: 5174
Iscritto il: domenica 28 febbraio 2016, 23:23

Re: Giro di Lombardia (12 ottobre 2019)

Messaggio da leggere da Patate » domenica 13 ottobre 2019, 13:27

34x27 ha scritto:
domenica 13 ottobre 2019, 12:26
Bernal, Valverde, Nibali, Roglic, Fulsgang, Woods, Benoot+Wellens, Chaves+Yates, Visconti, Ciccone, Ulissi, Gaudu, Buchmann+Majka.
Per me era dietro almeno a dieci di questi...poi oh, complimenti per la giocata: quanto hai vinto?
A Mollema vincente sinceramente non avrei mai pensato, ma metterlo sotto Benoot, Wellens, il Chaves attuale, Ulissi e Visconti proprio no


antani ha scritto:Non so perchè ma ho la sensazione che domani Aru possa arrivare dietro o davanti a Froome, stiamo a vedere sembra facile ma non è difficile

34x27

Re: Giro di Lombardia (12 ottobre 2019)

Messaggio da leggere da 34x27 » domenica 13 ottobre 2019, 13:41

Patate ha scritto:
domenica 13 ottobre 2019, 13:27
34x27 ha scritto:
domenica 13 ottobre 2019, 12:26
Bernal, Valverde, Nibali, Roglic, Fulsgang, Woods, Benoot+Wellens, Chaves+Yates, Visconti, Ciccone, Ulissi, Gaudu, Buchmann+Majka.
Per me era dietro almeno a dieci di questi...poi oh, complimenti per la giocata: quanto hai vinto?
A Mollema vincente sinceramente non avrei mai pensato, ma metterlo sotto Benoot, Wellens, il Chaves attuale, Ulissi e Visconti proprio no
Ok, quindi 12° :D



Avatar utente
galliano
Messaggi: 14937
Iscritto il: giovedì 14 aprile 2011, 12:53
Località: TN

Re: Giro di Lombardia (12 ottobre 2019)

Messaggio da leggere da galliano » domenica 13 ottobre 2019, 13:46

Io lo vedevo tra il quarto e il settimo posto, non mi aspettavo certo la vittoria.
Nella prima metà del civiglio si staccava ad ogni accelerazione poi però è andato forte.



herbie
Messaggi: 5270
Iscritto il: sabato 26 febbraio 2011, 17:19

Re: Giro di Lombardia (12 ottobre 2019)

Messaggio da leggere da herbie » domenica 13 ottobre 2019, 14:11

galliano ha scritto:
domenica 13 ottobre 2019, 13:46
Io lo vedevo tra il quarto e il settimo posto, non mi aspettavo certo la vittoria.
Nella prima metà del civiglio si staccava ad ogni accelerazione poi però è andato forte.
come sempre, è un mix di come vai tu e di come vanno gli altri... :D

resta l'errore di Valvlerde nel dare quella fiammata violenta appena prima del tratto più duro del Civiglio.
Valverde al quale, mai come quest'anno, sarebbe bastato correre sulle ruote (stavolta, come forse mai gli è capitato al Lombardia, non lo avrebbe staccato nessuno) per vincere senza troppi problemi uno sprint ristrettissimo.



herbie
Messaggi: 5270
Iscritto il: sabato 26 febbraio 2011, 17:19

Re: Giro di Lombardia (12 ottobre 2019)

Messaggio da leggere da herbie » domenica 13 ottobre 2019, 14:20

udra ha scritto:
domenica 13 ottobre 2019, 12:05
Comunque credo che Roglic abbia strappato davvero troppo all'inizio del San Fermo: se non ho fatto male i conti dovrebbe aver recuperato tra i 10 e 15 secondi su Mollema nei 300 metri dal sottopasso ferroviario al bivio a sx dove inizia la vera Valfresca.
Questa impressione me l'aveva data anche in diretta, in quel momento pensavo potesse riprenderlo addirittura.
sono d'accordo con te, ho avuto la stessa impressione. Quel tratto poi è abbastanza semplice, tirare forte lì ti fa spendere tanto per guadaganare poco.
Ma, come è stato detto, quell'azione era la mossa della disperazione quando ha finalmente, e troppo tardi, capito che la corsa era quasi andata.

Secondo me, il tratto dove gli inseguitori di Mollema hanno realmente perso è stata la discesa del Civiglio - si vedeva ad occhio che andavano piano, da come gli ultimi del gruppetto frenavano a ruota- e i 500 metri subito dopo. In cima al Civiglio, lasciando perdere i secondi, Mollema era avanti 150 metri rispetto a Latour e 200 sugli altri.
Infatti, dai tempi di scalata sopra pubblicati, a dispetto del distacco piuttosto sballato segnalato nel GPS in grafica RAI - che ad un certo punto segnalava più di un minuto e poi d'un tratto si è ritrovato sui 20 secondi -, in cima al CIviglio Mollema aveva giusto 10 secondi su Latour, e 19 sul gruppetto degli altri. In fondo alla discesa (distacco preso da me) erano quasi 40.



Avatar utente
nino58
Messaggi: 12286
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 14:38

Re: Giro di Lombardia (12 ottobre 2019)

Messaggio da leggere da nino58 » lunedì 14 ottobre 2019, 9:51

herbie ha scritto:
domenica 13 ottobre 2019, 14:20
udra ha scritto:
domenica 13 ottobre 2019, 12:05
Comunque credo che Roglic abbia strappato davvero troppo all'inizio del San Fermo: se non ho fatto male i conti dovrebbe aver recuperato tra i 10 e 15 secondi su Mollema nei 300 metri dal sottopasso ferroviario al bivio a sx dove inizia la vera Valfresca.
Questa impressione me l'aveva data anche in diretta, in quel momento pensavo potesse riprenderlo addirittura.
sono d'accordo con te, ho avuto la stessa impressione. Quel tratto poi è abbastanza semplice, tirare forte lì ti fa spendere tanto per guadaganare poco.
Ma, come è stato detto, quell'azione era la mossa della disperazione quando ha finalmente, e troppo tardi, capito che la corsa era quasi andata.

Secondo me, il tratto dove gli inseguitori di Mollema hanno realmente perso è stata la discesa del Civiglio - si vedeva ad occhio che andavano piano, da come gli ultimi del gruppetto frenavano a ruota- e i 500 metri subito dopo. In cima al Civiglio, lasciando perdere i secondi, Mollema era avanti 150 metri rispetto a Latour e 200 sugli altri.
Infatti, dai tempi di scalata sopra pubblicati, a dispetto del distacco piuttosto sballato segnalato nel GPS in grafica RAI - che ad un certo punto segnalava più di un minuto e poi d'un tratto si è ritrovato sui 20 secondi -, in cima al CIviglio Mollema aveva giusto 10 secondi su Latour, e 19 sul gruppetto degli altri. In fondo alla discesa (distacco preso da me) erano quasi 40.
Sì, molto spesso è la discesa del Civiglio a decidere il risultato.
Certo, in cima al Civiglio ci devi arrivare davanti ...ma poi la discesa spesso dilata, anzichè ridurre, i distacchi.


Von Rock ? Nein, danke.
Diritto di correre senza condizioni a chi ha scontato una squalifica !!!

Oudenaarde
Messaggi: 324
Iscritto il: lunedì 16 novembre 2015, 15:02

Re: Giro di Lombardia (12 ottobre 2019)

Messaggio da leggere da Oudenaarde » lunedì 14 ottobre 2019, 10:45

lemond ha scritto:
domenica 13 ottobre 2019, 10:00
pereiro2982 ha scritto:
domenica 13 ottobre 2019, 9:37
vorrei capire ma è naturale che nelle corse ciclistiche non vincano mai i piu forti o è solo di quest'anno?

poi non capisco i favoriti si controllano uno becca il tempo giusto per avvantaggiarsi e fare il record di scalata sulla salita ma è stato sottovalutato
fagianata !
stessa situazione per altri è grande classe

maledetti outsider
Tu ci scherzi sopra, ma invece la situazione è proprio quella che descrivi e, con un tre o quattro eccezioni (ma vado a memoria), quest'anno a vincere le corse di un giorno sono stati i più furbi e non i più forti. Per molti è il bello del ciclismo e "de gustibus non disputandum est". :x :)
Beh, mi sembra un quantomeno una forzatura affermare che Mollema, Bettiol, Pedersen (i primi cosiddetti outsider che mi vengono in mente) sian stati solo i più furbi.



Avatar utente
Caba
Messaggi: 638
Iscritto il: martedì 17 luglio 2012, 11:15

Re: Giro di Lombardia (12 ottobre 2019)

Messaggio da leggere da Caba » lunedì 14 ottobre 2019, 11:14

Io metterei dei giudici sportivi. Per esempio al Fiandre, quando è scattato Bettiol e ha lasciato tutti li, il giudice avrebbe dovuto fermarlo: cartellino giallo! Con tanto di ammonizione verbale: "Caro Bettiol stai facendo il furbo, se scatti un'altra volta sei espulso".


MG, sai solo fregare...

Avatar utente
Kwaremont
Messaggi: 475
Iscritto il: martedì 21 maggio 2019, 12:59

Re: Giro di Lombardia (12 ottobre 2019)

Messaggio da leggere da Kwaremont » lunedì 14 ottobre 2019, 11:50

Ho seguito la corsa in diretta ma non ho potuto commentare prima.

La mia sensazione netta è che Valverde fosse quello che ne aveva di più, e a contrario di tante corse perse per assenza di coraggio/iniziativa, stavolta è stato quello tra i big più attivi per cercare di andare a riprendere Mollema.
E' una situazione che nel ciclismo può capitare, con i favoriti che si marcano a uomo, ed un outsider (comunque ottimo corridore e con grande gambe quel giorno) viene lasciato partire ed avvantaggiarsi, forse perfino sottovalutandolo. Quando poi i big si svegliano, ormai è tardi per andarlo a riprendere. Pertanto vittoria meritata di Mollema, anche per aver scelto il momento tatticamente perfetto per se.

-----------
Credo sia un caso molto diverso da Bettiol che al Fiandre, di forza, nel punto più atteso, ha staccato tutti. Che poi dopo non siano riusciti ad organizzarsi è un altro discorso, dovuto anche al fatto che erano con le energie al lumicino e nessuno voleva portare Kristoff a vittoria sicura in volata.



34x27

Re: Giro di Lombardia (12 ottobre 2019)

Messaggio da leggere da 34x27 » lunedì 14 ottobre 2019, 11:59

Oudenaarde ha scritto:
lunedì 14 ottobre 2019, 10:45
Beh, mi sembra un quantomeno una forzatura affermare che Mollema, Bettiol, Pedersen (i primi cosiddetti outsider che mi vengono in mente) sian stati solo i più furbi.
Assolutamente no, a mio parere hanno "solo" colto l'attimo. Non mi esprimo sui due stranieri, ma -ad oggi- per quanto riguarda AB ritengo il suo il più grande exploit nello sport italiano del 2019; l'anno scorso avevo idealmente consegnato il premio a Cecchinato, semifinalista del Roland Garros battendo addirittura Djokovic ai quarti. Mi auguro per lui che sappia ripetersi su quei livelli eccelsi anche nel 2020 -a differenza del tennista siciliano- ma ho fortissimi dubbi al riguardo...



Avatar utente
lemond
Messaggi: 14427
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:52
Località: Firenze

Re: Giro di Lombardia (12 ottobre 2019)

Messaggio da leggere da lemond » lunedì 14 ottobre 2019, 12:01

Oudenaarde ha scritto:
lunedì 14 ottobre 2019, 10:45
lemond ha scritto:
domenica 13 ottobre 2019, 10:00
Tu ci scherzi sopra, ma invece la situazione è proprio quella che descrivi e, con un tre o quattro eccezioni (ma vado a memoria), quest'anno a vincere le corse di un giorno sono stati i più furbi e non i più forti. Per molti è il bello del ciclismo e "de gustibus non disputandum est". :x :)
Beh, mi sembra un quantomeno una forzatura affermare che Mollema, Bettiol, Pedersen (i primi cosiddetti outsider che mi vengono in mente) sian stati solo i più furbi.
Forse, ma poi occorre intenderci su che cosa significhi *furbo*, che è diverso da furbino. Per esempio l'Embatido ha l'enorme difetto di non esserlo e ha perso molte corse per quello. L'emblema è proprio la corsa di sabato dove credo proprio fosse il più forte (anche di Roglic), ma ha fatto una sparata (come quella di Cancellara a Mendrisio) dove ha scoperto le carte e in più ha disperso anche energie. Subito dopo ha lasciato andare via Mollema, perché? :dubbio: Bettiol era fra i più forti e sapeva che in volata non avrebbe mai vinto e quindi ha provato e gli è andata bene; bravo ma il Kaiser quel giorno gli era superiore, salvo nella testa e anche quella conta. A me dispiace, perché vedo nel ciclismo uno sport più di forza/resistenza che di tattica, mentre in altre discipline mi intriga molto e mi piace che il più intelligente abbia la meglio, ad es. quando c'era il tennis applaudii moltissimo la vittoria di Chang su Lendl (famosa quella sua battuta a cucchiaio :crazy: ), anche se il primo era chiaramente inferiore. Pedersen non è stato invece furbo, ma solo il più resistente a condizioni ambientali affatto particolari. :cincin:


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
i barbieri il lunedì :bll:

"Per principio rifiuto di sottopormi a questi controlli. Non sono ostile alla lotta al doping, che ritengo indispensabile tra i dilettanti, ma nel caso di professionisti è differente.

Avatar utente
Caba
Messaggi: 638
Iscritto il: martedì 17 luglio 2012, 11:15

Re: Giro di Lombardia (12 ottobre 2019)

Messaggio da leggere da Caba » lunedì 14 ottobre 2019, 12:39

lemond ha scritto:
lunedì 14 ottobre 2019, 12:01
A me dispiace, perché vedo nel ciclismo uno sport più di forza/resistenza che di tattica
E invece la tattica conta come la forza del singolo e come la squadra, per praticità si potrebbe fare 1/3 ciascuno.
Se non ci fosse tattica sarebbe impossibile per uno solo andare via da un gruppo. Sta proprio li il bello del ciclismo.


MG, sai solo fregare...

Avatar utente
Kwaremont
Messaggi: 475
Iscritto il: martedì 21 maggio 2019, 12:59

Re: Giro di Lombardia (12 ottobre 2019)

Messaggio da leggere da Kwaremont » lunedì 14 ottobre 2019, 12:43

Caba ha scritto:
lunedì 14 ottobre 2019, 12:39
lemond ha scritto:
lunedì 14 ottobre 2019, 12:01
A me dispiace, perché vedo nel ciclismo uno sport più di forza/resistenza che di tattica
E invece la tattica conta come la forza del singolo e come la squadra, per praticità si potrebbe fare 1/3 ciascuno.
Se non ci fosse tattica sarebbe impossibile per uno solo andare via da un gruppo. Sta proprio li il bello del ciclismo.
Anzi mi pare che negli ultimi anni, con un livellamento tra i corridori "BiG" e gli altri, la tattica conti sempre di più.
Il ciclismo non è l'atletica con le ruote, ma uno sport individuale dove si corre però in squadra, con tantissime variabili imprevedibili (tra cui il meteo, le cadute, i guasti meccanici ecc).
Per questo lo trovo bellissimo oltre che imprevedibile...



Avatar utente
galliano
Messaggi: 14937
Iscritto il: giovedì 14 aprile 2011, 12:53
Località: TN

Re: Giro di Lombardia (12 ottobre 2019)

Messaggio da leggere da galliano » lunedì 14 ottobre 2019, 12:47

lemond ha scritto:
lunedì 14 ottobre 2019, 12:01
Oudenaarde ha scritto:
lunedì 14 ottobre 2019, 10:45
lemond ha scritto:
domenica 13 ottobre 2019, 10:00
Tu ci scherzi sopra, ma invece la situazione è proprio quella che descrivi e, con un tre o quattro eccezioni (ma vado a memoria), quest'anno a vincere le corse di un giorno sono stati i più furbi e non i più forti. Per molti è il bello del ciclismo e "de gustibus non disputandum est". :x :)
Beh, mi sembra un quantomeno una forzatura affermare che Mollema, Bettiol, Pedersen (i primi cosiddetti outsider che mi vengono in mente) sian stati solo i più furbi.
Forse, ma poi occorre intenderci su che cosa significhi *furbo*, che è diverso da furbino. Per esempio l'Embatido ha l'enorme difetto di non esserlo e ha perso molte corse per quello. L'emblema è proprio la corsa di sabato dove credo proprio fosse il più forte (anche di Roglic), ma ha fatto una sparata (come quella di Cancellara a Mendrisio) dove ha scoperto le carte e in più ha disperso anche energie. Subito dopo ha lasciato andare via Mollema, perché? :dubbio: Bettiol era fra i più forti e sapeva che in volata non avrebbe mai vinto e quindi ha provato e gli è andata bene; bravo ma il Kaiser quel giorno gli era superiore, salvo nella testa e anche quella conta. A me dispiace, perché vedo nel ciclismo uno sport più di forza/resistenza che di tattica, mentre in altre discipline mi intriga molto e mi piace che il più intelligente abbia la meglio, ad es. quando c'era il tennis applaudii moltissimo la vittoria di Chang su Lendl (famosa quella sua battuta a cucchiaio :crazy: ), anche se il primo era chiaramente inferiore. Pedersen non è stato invece furbo, ma solo il più resistente a condizioni ambientali affatto particolari. :cincin:
Rivediamo
Milano Sanremo - Alaphilippe - il più forte
FIandre - Bettiol - il più forte assieme a MVDP
ROubaix - Gilbert - il più forte assieme a WVA
Amstel - MVDP - il più forte assieme a Fuglsang
Freccia - Alaphilippe - il più forte
Liegi - Fuglsang - il più forte
Mondiale - Pedersen - non il più forte
Lombardia - Mollema - non il più forte

In sostanza tranne gli ultimi due casi, il vincente è stato anche il più forte, in solitaria o in condominio
DIrei che non ci si può lamentare ;)



pereiro2982
Messaggi: 2836
Iscritto il: lunedì 16 maggio 2016, 15:18

Re: Giro di Lombardia (12 ottobre 2019)

Messaggio da leggere da pereiro2982 » lunedì 14 ottobre 2019, 12:53

e quando valverde sta a ruota è troppo passivo e perde le corse
sta bene e scatta e non trova collaborazione , doveva nascondersi e perde le corse....
sto valverde o è un gran perdente o magari vincere nel ciclismo è molto ma molto complicato

se in un fiandre riesci a rimanere coperto a risparmiare energie e consumarle tutte nel momento decisivo credo che nelle corse sia un merito che poi i piu forti abbiano sprecato energie in vari modi e per vari motivi fa parte delle corse e va bene cosi.

poi ste corsette come fiandre ,lombardia e campionati del mondo sono state tra le corse piu dure quest'anno ma non hanno vinto i piu forti.....



Oudenaarde
Messaggi: 324
Iscritto il: lunedì 16 novembre 2015, 15:02

Re: Giro di Lombardia (12 ottobre 2019)

Messaggio da leggere da Oudenaarde » lunedì 14 ottobre 2019, 12:55

lemond ha scritto:
lunedì 14 ottobre 2019, 12:01
Oudenaarde ha scritto:
lunedì 14 ottobre 2019, 10:45
lemond ha scritto:
domenica 13 ottobre 2019, 10:00
Tu ci scherzi sopra, ma invece la situazione è proprio quella che descrivi e, con un tre o quattro eccezioni (ma vado a memoria), quest'anno a vincere le corse di un giorno sono stati i più furbi e non i più forti. Per molti è il bello del ciclismo e "de gustibus non disputandum est". :x :)
Beh, mi sembra un quantomeno una forzatura affermare che Mollema, Bettiol, Pedersen (i primi cosiddetti outsider che mi vengono in mente) sian stati solo i più furbi.
Forse, ma poi occorre intenderci su che cosa significhi *furbo*, che è diverso da furbino. Per esempio l'Embatido ha l'enorme difetto di non esserlo e ha perso molte corse per quello. L'emblema è proprio la corsa di sabato dove credo proprio fosse il più forte (anche di Roglic), ma ha fatto una sparata (come quella di Cancellara a Mendrisio) dove ha scoperto le carte e in più ha disperso anche energie. Subito dopo ha lasciato andare via Mollema, perché? :dubbio: Bettiol era fra i più forti e sapeva che in volata non avrebbe mai vinto e quindi ha provato e gli è andata bene; bravo ma il Kaiser quel giorno gli era superiore, salvo nella testa e anche quella conta. A me dispiace, perché vedo nel ciclismo uno sport più di forza/resistenza che di tattica, mentre in altre discipline mi intriga molto e mi piace che il più intelligente abbia la meglio, ad es. quando c'era il tennis applaudii moltissimo la vittoria di Chang su Lendl (famosa quella sua battuta a cucchiaio :crazy: ), anche se il primo era chiaramente inferiore. Pedersen non è stato invece furbo, ma solo il più resistente a condizioni ambientali affatto particolari. :cincin:
La vedo diversamente, Mollema ha avuto la lucidità di scattare nel momento giusto, Valverde no. L'intelligenza di cui parli tu io le vedo nel sapere cogliere l'attimo fuggente.
Bettiol per me non ha provato, per me ha deciso che quello era il momento giusto, ed ha vinto con una chiarezza tale, che non mi fa dubitare che sia stato il più forte.
Su Pedersen, concordo con te, più di resistenza che di "intelligenza", ma comunque sembrerebbe essere stato il più lucido.
;)



Avatar utente
Kwaremont
Messaggi: 475
Iscritto il: martedì 21 maggio 2019, 12:59

Re: Giro di Lombardia (12 ottobre 2019)

Messaggio da leggere da Kwaremont » lunedì 14 ottobre 2019, 13:02

Oudenaarde ha scritto:
lunedì 14 ottobre 2019, 12:55
lemond ha scritto:
lunedì 14 ottobre 2019, 12:01
Oudenaarde ha scritto:
lunedì 14 ottobre 2019, 10:45


Beh, mi sembra un quantomeno una forzatura affermare che Mollema, Bettiol, Pedersen (i primi cosiddetti outsider che mi vengono in mente) sian stati solo i più furbi.
Forse, ma poi occorre intenderci su che cosa significhi *furbo*, che è diverso da furbino. Per esempio l'Embatido ha l'enorme difetto di non esserlo e ha perso molte corse per quello. L'emblema è proprio la corsa di sabato dove credo proprio fosse il più forte (anche di Roglic), ma ha fatto una sparata (come quella di Cancellara a Mendrisio) dove ha scoperto le carte e in più ha disperso anche energie. Subito dopo ha lasciato andare via Mollema, perché? :dubbio: Bettiol era fra i più forti e sapeva che in volata non avrebbe mai vinto e quindi ha provato e gli è andata bene; bravo ma il Kaiser quel giorno gli era superiore, salvo nella testa e anche quella conta. A me dispiace, perché vedo nel ciclismo uno sport più di forza/resistenza che di tattica, mentre in altre discipline mi intriga molto e mi piace che il più intelligente abbia la meglio, ad es. quando c'era il tennis applaudii moltissimo la vittoria di Chang su Lendl (famosa quella sua battuta a cucchiaio :crazy: ), anche se il primo era chiaramente inferiore. Pedersen non è stato invece furbo, ma solo il più resistente a condizioni ambientali affatto particolari. :cincin:
La vedo diversamente, Mollema ha avuto la lucidità di scattare nel momento giusto, Valverde no. L'intelligenza di cui parli tu io le vedo nel sapere cogliere l'attimo fuggente.
Bettiol per me non ha provato, per me ha deciso che quello era il momento giusto, ed ha vinto con una chiarezza tale, che non mi fa dubitare che sia stato il più forte.
Su Pedersen, concordo con te, più di resistenza che di "intelligenza", ma comunque sembrerebbe essere stato il più lucido.
;)
Se Valverde fosse scattato in punto "facile", probabilmente sarebbero andati tutti a riprenderlo.
Le vittoria come quella di Mollema, difficilmente possono farle i cd "Big". Stessa cosa per Roglic (che per me nemmeno aveva una grande gamba).
Bettiol ha vinto nettamente, trovo sorprendente che se ne discuta ancora a distanza di mesi.



Stylus
Messaggi: 1408
Iscritto il: giovedì 28 aprile 2011, 12:03

Re: Giro di Lombardia (12 ottobre 2019)

Messaggio da leggere da Stylus » lunedì 14 ottobre 2019, 13:42

Corsa deludente. Si sono controllati ingiustificabilmente come in un tappone di una corsa a tappe ed era quando si fermavano che Mollema guadagnava tutto il vantaggio, perdendolo quando invece scattavano, a dimostrazione che Bauke non è stato certo il più forte, ma il più furbo. Peccato per Valverde, Roglic invece rimane un mistero, mi sembra uno che osa solo e solamente quando sente d'avere una gamba fuori dalla norma: sabato mi sembrava ancora in eccellenti condizioni, pur non essendo quello dell'emilia, questa cosa ha bloccato lui e bloccato pure la corsa.



Avatar utente
Maìno della Spinetta
Messaggi: 7849
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 15:53

Re: Giro di Lombardia (12 ottobre 2019)

Messaggio da leggere da Maìno della Spinetta » lunedì 14 ottobre 2019, 14:42

Kwaremont ha scritto:
lunedì 14 ottobre 2019, 13:02
Oudenaarde ha scritto:
lunedì 14 ottobre 2019, 12:55
lemond ha scritto:
lunedì 14 ottobre 2019, 12:01


Forse, ma poi occorre intenderci su che cosa significhi *furbo*, che è diverso da furbino. Per esempio l'Embatido ha l'enorme difetto di non esserlo e ha perso molte corse per quello. L'emblema è proprio la corsa di sabato dove credo proprio fosse il più forte (anche di Roglic), ma ha fatto una sparata (come quella di Cancellara a Mendrisio) dove ha scoperto le carte e in più ha disperso anche energie. Subito dopo ha lasciato andare via Mollema, perché? :dubbio: Bettiol era fra i più forti e sapeva che in volata non avrebbe mai vinto e quindi ha provato e gli è andata bene; bravo ma il Kaiser quel giorno gli era superiore, salvo nella testa e anche quella conta. A me dispiace, perché vedo nel ciclismo uno sport più di forza/resistenza che di tattica, mentre in altre discipline mi intriga molto e mi piace che il più intelligente abbia la meglio, ad es. quando c'era il tennis applaudii moltissimo la vittoria di Chang su Lendl (famosa quella sua battuta a cucchiaio :crazy: ), anche se il primo era chiaramente inferiore. Pedersen non è stato invece furbo, ma solo il più resistente a condizioni ambientali affatto particolari. :cincin:
La vedo diversamente, Mollema ha avuto la lucidità di scattare nel momento giusto, Valverde no. L'intelligenza di cui parli tu io le vedo nel sapere cogliere l'attimo fuggente.
Bettiol per me non ha provato, per me ha deciso che quello era il momento giusto, ed ha vinto con una chiarezza tale, che non mi fa dubitare che sia stato il più forte.
Su Pedersen, concordo con te, più di resistenza che di "intelligenza", ma comunque sembrerebbe essere stato il più lucido.
;)
Se Valverde fosse scattato in punto "facile", probabilmente sarebbero andati tutti a riprenderlo.
Le vittoria come quella di Mollema, difficilmente possono farle i cd "Big". Stessa cosa per Roglic (che per me nemmeno aveva una grande gamba).
Bettiol ha vinto nettamente, trovo sorprendente che se ne discuta ancora a distanza di mesi.
che strano vedere Oudenaarde in disaccordo con Kwaremont - avrei capito di più con Grammont, ma con Kwaremont... inspiegabile


“Our interest’s on the dangerous edge of things.
The honest thief, the tender murderer, the superstitious atheist”.

Avatar utente
lemond
Messaggi: 14427
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:52
Località: Firenze

Re: Giro di Lombardia (12 ottobre 2019)

Messaggio da leggere da lemond » lunedì 14 ottobre 2019, 14:52

Kwaremont ha scritto:
lunedì 14 ottobre 2019, 13:02
Oudenaarde ha scritto:
lunedì 14 ottobre 2019, 12:55
La vedo diversamente, Mollema ha avuto la lucidità di scattare nel momento giusto, Valverde no. L'intelligenza di cui parli tu io le vedo nel sapere cogliere l'attimo fuggente.
Bettiol per me non ha provato, per me ha deciso che quello era il momento giusto, ed ha vinto con una chiarezza tale, che non mi fa dubitare che sia stato il più forte.
Su Pedersen, concordo con te, più di resistenza che di "intelligenza", ma comunque sembrerebbe essere stato il più lucido.
;)
Secondo me siamo d'accordo su tutto invece, perché anch'io ho detto che L'Embatido è forte, ma non sa correre e provare e pensare che quello fosse il momento giusto, l'unica differenza è che per me il modo è congiuntivo (dubbio) e per te l'indicativo (certezza). Ma non credo che nemmeno Alberto (che stimo e ammiro) fosse sicuro. ;)
Kwaremont ha scritto:
lunedì 14 ottobre 2019, 13:02
Se Valverde fosse scattato in punto "facile", probabilmente sarebbero andati tutti a riprenderlo.
Le vittoria come quella di Mollema, difficilmente possono farle i cd "Big". Stessa cosa per Roglic (che per me nemmeno aveva una grande gamba).
Appunto è proprio codesta la discriminante: uno può essere furbo anche in proporzione a quanto poco grande è o meglio (quel che più conta) è considerato tale.


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
i barbieri il lunedì :bll:

"Per principio rifiuto di sottopormi a questi controlli. Non sono ostile alla lotta al doping, che ritengo indispensabile tra i dilettanti, ma nel caso di professionisti è differente.

Avatar utente
barrylyndon
Messaggi: 14952
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 15:20

Re: Giro di Lombardia (12 ottobre 2019)

Messaggio da leggere da barrylyndon » lunedì 14 ottobre 2019, 20:57

Faccio umilmente notare che il nostro si e' fatto un bel po di km al vento...eppure sul San Fermo non e' che abbia perso poi molto..
E' corretto pensare che da un certo punto della corsa in poi era quello che ne aveva un po' di piu'?
Perche' altrimenti rivalutiamo anche la vittoria di Nibali nel 2015...dove un certo Moreno ha rischiato di andarlo a prendere in cima al S.Fermo..


Nibali sta a Froome come Thoeni stava a Klammer.

dietzen
Messaggi: 6518
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 21:19

Re: Giro di Lombardia (12 ottobre 2019)

Messaggio da leggere da dietzen » lunedì 14 ottobre 2019, 21:15

barrylyndon ha scritto:
lunedì 14 ottobre 2019, 20:57
Faccio umilmente notare che il nostro si e' fatto un bel po di km al vento...eppure sul San Fermo non e' che abbia perso poi molto..
E' corretto pensare che da un certo punto della corsa in poi era quello che ne aveva un po' di piu'?
Perche' altrimenti rivalutiamo anche la vittoria di Nibali nel 2015...dove un certo Moreno ha rischiato di andarlo a prendere in cima al S.Fermo..
non ha senso nemmeno per me dire che mollema non fosse il più forte al lombardia.
al massimo possiamo dire che era il più forte insieme a valverde, roglic, bernal (a seconda delle opinioni).


Di Rocco non è il mio presidente

Fedaia
Messaggi: 1867
Iscritto il: sabato 11 giugno 2016, 19:18

Re: Giro di Lombardia (12 ottobre 2019)

Messaggio da leggere da Fedaia » lunedì 14 ottobre 2019, 21:46

barrylyndon ha scritto:
lunedì 14 ottobre 2019, 20:57
Faccio umilmente notare che il nostro si e' fatto un bel po di km al vento...eppure sul San Fermo non e' che abbia perso poi molto..
E' corretto pensare che da un certo punto della corsa in poi era quello che ne aveva un po' di piu'?
Perche' altrimenti rivalutiamo anche la vittoria di Nibali nel 2015...dove un certo Moreno ha rischiato di andarlo a prendere in cima al S.Fermo..
Vittoria limpida. Si e’ fatto da mezzo Civiglio all’arrivo da solo, in piena spinta, con 40-45 secondi di vantaggio come massimo ( tolte le boiate del gps).
Se non hai una gamba super non ce la fai, considerando chi c’era dietro.
A volte bisognerebbe accettare il verdetto del campo e ol fatto che possa vincere anche un onesto, ma non certo scarso, corridore e non i mammasantissima del circuito.
Non sono le figurine.
Che poi Mollema secondo me e’ solo uno di quelli che hanno patito piu’ di altri i disegni soft a livelo di chilometraggi dei Gt.
Mi da proprio l’idea di uno che possa emergere solo a certi livelli di fatica, piu’ che di esplosivita’.
In un ciclismo diverso, probabilmente avrebbe vinto quLcosa di piu’.



Rispondi