Vuelta 2019 - 16a tappa: Pravia - Alto de la Cubilla (155 km)(9 Settembre)

Il mondo dei professionisti tra gare e complessità, e più in generale l'approccio al ciclismo di ogni appassionato
Gimbatbu
Messaggi: 1112
Iscritto il: mercoledì 19 aprile 2017, 17:42

Re: Vuelta 2019 - 16a tappa: Pravia - Alto de la Cubilla (155 km)(9 Settembre)

Messaggio da leggere da Gimbatbu » lunedì 9 settembre 2019, 17:34

infatti, sta gestendo, è rientrato.




Avatar utente
Walter_White
Messaggi: 13487
Iscritto il: mercoledì 23 marzo 2016, 18:01

Re: Vuelta 2019 - 16a tappa: Pravia - Alto de la Cubilla (155 km)(9 Settembre)

Messaggio da leggere da Walter_White » lunedì 9 settembre 2019, 17:36

Salita ridicola cmq


FCC 2018/19: 1°; Superprestige; Gran Combinata
FCC 2017/18: 3°; Trofeo dei titoli; Campionato Europeo Donne Elite, Campionato del Mondo Donne Elite, ROTY

Luca90
Messaggi: 6075
Iscritto il: venerdì 31 luglio 2015, 22:21

Re: Vuelta 2019 - 16a tappa: Pravia - Alto de la Cubilla (155 km)(9 Settembre)

Messaggio da leggere da Luca90 » lunedì 9 settembre 2019, 17:42

tappa da 4 per lo spettacolo offerto...


2015:Tre Valli Varesine
2016(11°):Giro d'Italia (primi5), Tour tappa 11, Tour tappa 14, Parigi-Tours
201(14°):Kuurne-Bruxelles-Kuurne, Tro Bro Leon
2018(16°):Tour of Guangxi
2019( °):Dwars door Vlaanderen, Tour tappa 18, Vuelta tappa 8, giro dell'Emilia

Avatar utente
Abruzzese
Messaggi: 5453
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:24

Re: Vuelta 2019 - 16a tappa: Pravia - Alto de la Cubilla (155 km)(9 Settembre)

Messaggio da leggere da Abruzzese » lunedì 9 settembre 2019, 17:45

Luca90 ha scritto:
lunedì 9 settembre 2019, 17:42
tappa da 4 per lo spettacolo offerto...
Ci aspetta un'altra entusiasmante analisi delle VAM :diavoletto: :diavoletto:


"L'importante non è quello che trovi alla fine di una corsa. L'importante è ciò che provi mentre corri" (Giorgio Faletti in "Notte prima degli esami")

"qui c'è gente che è totalmente avulsa dalla realtà e nociva al forum"

Gimbatbu
Messaggi: 1112
Iscritto il: mercoledì 19 aprile 2017, 17:42

Re: Vuelta 2019 - 16a tappa: Pravia - Alto de la Cubilla (155 km)(9 Settembre)

Messaggio da leggere da Gimbatbu » lunedì 9 settembre 2019, 17:45

Walter_White ha scritto:
lunedì 9 settembre 2019, 17:36
Salita ridicola cmq
Concordo. Tappa disegnata veramente male. L' ultima salita doveva essere la prima e a seguire le altre due, possibilmente con l' ultima nell' altro versante. Sicuramente i distacchi sarebbero stati superiori e qualcuno poteva rimetterci le penne.




Luca90
Messaggi: 6075
Iscritto il: venerdì 31 luglio 2015, 22:21

Re: Vuelta 2019 - 16a tappa: Pravia - Alto de la Cubilla (155 km)(9 Settembre)

Messaggio da leggere da Luca90 » lunedì 9 settembre 2019, 17:55

Abruzzese ha scritto:
lunedì 9 settembre 2019, 17:45
Luca90 ha scritto:
lunedì 9 settembre 2019, 17:42
tappa da 4 per lo spettacolo offerto...
Ci aspetta un'altra entusiasmante analisi delle VAM :diavoletto: :diavoletto:
no perchè valverde si è staccato :diavoletto: :cincin:


2015:Tre Valli Varesine
2016(11°):Giro d'Italia (primi5), Tour tappa 11, Tour tappa 14, Parigi-Tours
201(14°):Kuurne-Bruxelles-Kuurne, Tro Bro Leon
2018(16°):Tour of Guangxi
2019( °):Dwars door Vlaanderen, Tour tappa 18, Vuelta tappa 8, giro dell'Emilia

Avatar utente
Patate
Messaggi: 4348
Iscritto il: domenica 28 febbraio 2016, 23:23

Re: Vuelta 2019 - 16a tappa: Pravia - Alto de la Cubilla (155 km)(9 Settembre)

Messaggio da leggere da Patate » lunedì 9 settembre 2019, 17:56

Walter_White ha scritto:
lunedì 9 settembre 2019, 17:36
Salita ridicola cmq
Nonostante le sempre entusiastiche e campanilistiche descrizioni spagnole (il paradiso dei cicloturisti, il Tourmalet spagnolo) la Cubilla è una salita normalissima -siamo al livello di una Mendola- con il plus di avere dei paesaggi bellissimi.
Oggi si doveva attaccare sulla Cobertoria


antani ha scritto:Non so perchè ma ho la sensazione che domani Aru possa arrivare dietro o davanti a Froome, stiamo a vedere sembra facile ma non è difficile

Lopi90
Messaggi: 1361
Iscritto il: martedì 31 maggio 2011, 12:15

Re: Vuelta 2019 - 16a tappa: Pravia - Alto de la Cubilla (155 km)(9 Settembre)

Messaggio da leggere da Lopi90 » lunedì 9 settembre 2019, 17:57

Majka scavalca Quintana, Valverde si salva e di spazio per farlo saltare ne e` rimasto poco, anche se Pogacar e Lopez dovrebbero provarci con insistenza.

Roglic controlla senza problemi.

Bravissimo Pernsteiner, e` uno arrivato da poco dalla MTB, potrebbe avere margini di migloramento per diventare un buon corridore, non un fenomeno, ma uno alla Majka, Zakarin o Mollema.



Avatar utente
Walter_White
Messaggi: 13487
Iscritto il: mercoledì 23 marzo 2016, 18:01

Re: Vuelta 2019 - 16a tappa: Pravia - Alto de la Cubilla (155 km)(9 Settembre)

Messaggio da leggere da Walter_White » lunedì 9 settembre 2019, 18:08

Hagen e Edet sono arrivati prima di Quintana


FCC 2018/19: 1°; Superprestige; Gran Combinata
FCC 2017/18: 3°; Trofeo dei titoli; Campionato Europeo Donne Elite, Campionato del Mondo Donne Elite, ROTY

Lopi90
Messaggi: 1361
Iscritto il: martedì 31 maggio 2011, 12:15

Re: Vuelta 2019 - 16a tappa: Pravia - Alto de la Cubilla (155 km)(9 Settembre)

Messaggio da leggere da Lopi90 » lunedì 9 settembre 2019, 18:09

Walter_White ha scritto:
lunedì 9 settembre 2019, 18:08
Hagen e Edet sono arrivati prima di Quintana
Di oltre un minuto.

In molti abbiamo criticato la scelta di Quintana di andare in Arkea perche' non era una squadra all'altezza, ma se continua questo trend finisce a fare il gregario di Barguil e Rosa.



el_condor
Messaggi: 3559
Iscritto il: sabato 14 settembre 2013, 0:10

Re: Vuelta 2019 - 16a tappa: Pravia - Alto de la Cubilla (155 km)(9 Settembre)

Messaggio da leggere da el_condor » lunedì 9 settembre 2019, 18:52

ci risiamo--Dopo Martinello, Garzelli ecco Belli a raccontare che se vai in crisi su una salita al 5/6% perdi molto di piu' che su una salita con pendenza oltre il 15% (e Magrini,poveraccio concorda), Garzelli lo ricordo' in occasione dell'Abetone palrando a proposito di una eventuale foratura.. (con conseguenze molto piu' gravi secondo garzelli-einstein che su una salita tipo Zoncolan, ove con tutta evidenza ripartire dopo una foratura è semplicissimo)

salita di 10 km al 5/6% mettiamo il vincitore la faccia a 30 km/h, impiega 20'.
quello in crisi sale a 20 km/h e impiega 30'...Distacco 10 minuti

Salita di 10 km al 10%, vincitore a 20 km/h impiega 30'
quello in crisi sale a 10 km/h e impiega 60', distacco 30 minuti.
Inoltre se vai in crisi nelle salite pedalabili un tuo eventuale compagno ti puo' aiutare molto se gli stai in scia, quando vai a 10km/h la scia non ha effetto.
Uno in crisi su pendenza estreme a volte sale a 8/9 km/h e i risultati si vedono.
Io non riesco a capire come uno che ha corso e poi fa il telecronista possa continuare a fare simili affermazioni.

ciao

el_condor

P.S: all'epoca qua ci fu qualcuno che fu d'accordo con Garzelli !!!


Giordano Bruno
Non temete nuotare contro il torrente, è d'un anima sordida pensare come il volgo, perché il volgo è in maggioranza."

Avatar utente
Patate
Messaggi: 4348
Iscritto il: domenica 28 febbraio 2016, 23:23

Re: Vuelta 2019 - 16a tappa: Pravia - Alto de la Cubilla (155 km)(9 Settembre)

Messaggio da leggere da Patate » lunedì 9 settembre 2019, 19:22

el_condor ha scritto:
lunedì 9 settembre 2019, 18:52
ci risiamo--Dopo Martinello, Garzelli ecco Belli a raccontare che se vai in crisi su una salita al 5/6% perdi molto di piu' che su una salita con pendenza oltre il 15% (e Magrini,poveraccio concorda), Garzelli lo ricordo' in occasione dell'Abetone palrando a proposito di una eventuale foratura.. (con conseguenze molto piu' gravi secondo garzelli-einstein che su una salita tipo Zoncolan, ove con tutta evidenza ripartire dopo una foratura è semplicissimo)

salita di 10 km al 5/6% mettiamo il vincitore la faccia a 30 km/h, impiega 20'.
quello in crisi sale a 20 km/h e impiega 30'...Distacco 10 minuti

Salita di 10 km al 10%, vincitore a 20 km/h impiega 30'
quello in crisi sale a 10 km/h e impiega 60', distacco 30 minuti.
Inoltre se vai in crisi nelle salite pedalabili un tuo eventuale compagno ti puo' aiutare molto se gli stai in scia, quando vai a 10km/h la scia non ha effetto.
Uno in crisi su pendenza estreme a volte sale a 8/9 km/h e i risultati si vedono.
Io non riesco a capire come uno che ha corso e poi fa il telecronista possa continuare a fare simili affermazioni.

ciao

el_condor

P.S: all'epoca qua ci fu qualcuno che fu d'accordo con Garzelli !!!
Per me i calcoli che proponi hanno diverse lacune: una su tutte la velocità di "crisi", di troppo inferiore alla velocità del vincitore: mi sembra più una velocità da gruppetto. Non capisco poi perché nelle salite pedalabili sia 2/3 e nei muri solo la metà.
Poi le velocità medie sono molto generose: 30 all'ora è velocità da Poggio più che da Abetone, ed anche 20 all'ora è veramente troppo (ad esempio il San Carlo si fa a 17 di media e lo Zoncolan sotto i 15): sarebbe una VAM di 2000 per ritornare ai discorsi di ieri.
Senza contare che stai paragonando salite da 500 di dislivello con salite da 1000


antani ha scritto:Non so perchè ma ho la sensazione che domani Aru possa arrivare dietro o davanti a Froome, stiamo a vedere sembra facile ma non è difficile

Salvatore77
Messaggi: 4755
Iscritto il: domenica 9 gennaio 2011, 19:14

Re: Vuelta 2019 - 16a tappa: Pravia - Alto de la Cubilla (155 km)(9 Settembre)

Messaggio da leggere da Salvatore77 » lunedì 9 settembre 2019, 19:44

Secondo me il discorso vale sicuramente per le salite oltre il 20% che il vincitore le fa a 10 km/h mentre se vai in crisi fai prima ad andare a piedi quindi 6 km/h si fanno tranquillamente ;)


1° Tour de France 2018

Avatar utente
il_panta
Messaggi: 5150
Iscritto il: lunedì 21 maggio 2012, 13:39

Re: Vuelta 2019 - 16a tappa: Pravia - Alto de la Cubilla (155 km)(9 Settembre)

Messaggio da leggere da il_panta » lunedì 9 settembre 2019, 20:00

Patate ha scritto:
lunedì 9 settembre 2019, 19:22
el_condor ha scritto:
lunedì 9 settembre 2019, 18:52
ci risiamo--Dopo Martinello, Garzelli ecco Belli a raccontare che se vai in crisi su una salita al 5/6% perdi molto di piu' che su una salita con pendenza oltre il 15% (e Magrini,poveraccio concorda), Garzelli lo ricordo' in occasione dell'Abetone palrando a proposito di una eventuale foratura.. (con conseguenze molto piu' gravi secondo garzelli-einstein che su una salita tipo Zoncolan, ove con tutta evidenza ripartire dopo una foratura è semplicissimo)

salita di 10 km al 5/6% mettiamo il vincitore la faccia a 30 km/h, impiega 20'.
quello in crisi sale a 20 km/h e impiega 30'...Distacco 10 minuti

Salita di 10 km al 10%, vincitore a 20 km/h impiega 30'
quello in crisi sale a 10 km/h e impiega 60', distacco 30 minuti.
Inoltre se vai in crisi nelle salite pedalabili un tuo eventuale compagno ti puo' aiutare molto se gli stai in scia, quando vai a 10km/h la scia non ha effetto.
Uno in crisi su pendenza estreme a volte sale a 8/9 km/h e i risultati si vedono.
Io non riesco a capire come uno che ha corso e poi fa il telecronista possa continuare a fare simili affermazioni.

ciao

el_condor

P.S: all'epoca qua ci fu qualcuno che fu d'accordo con Garzelli !!!
Per me i calcoli che proponi hanno diverse lacune: una su tutte la velocità di "crisi", di troppo inferiore alla velocità del vincitore: mi sembra più una velocità da gruppetto. Non capisco poi perché nelle salite pedalabili sia 2/3 e nei muri solo la metà.
Poi le velocità medie sono molto generose: 30 all'ora è velocità da Poggio più che da Abetone, ed anche 20 all'ora è veramente troppo (ad esempio il San Carlo si fa a 17 di media e lo Zoncolan sotto i 15): sarebbe una VAM di 2000 per ritornare ai discorsi di ieri.
Senza contare che stai paragonando salite da 500 di dislivello con salite da 1000
Non chiamerei quelli del Condor calcoli, perché basati su ipotesi non rigorose. Per fare un'analisi seria bisogna supporre che il corridore X al suo top fa 400W e in crisi fa 300W. Poi stimando le forze in gioco si possono trarre conclusioni. Non vorrei dire fesserie, ma mi pare che in assenza di attrito dell'aria sarebbe indifferente andare in crisi al 5% o al 10%. In presenza di attrito andare in crisi al 5% è meno grave. Se però ti stacchi da solo da un gruppo di corridori che collaborano è probabilmente meglio staccarsi al 10% che al 5%.


2019: Giro d'Italia tp 4, 5, 20; 1° Giro d'Italia classifica generale; Tour de France: tp 1, tp 10; Tour of Britain;

Avatar utente
barrylyndon
Messaggi: 13841
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 15:20

Re: Vuelta 2019 - 16a tappa: Pravia - Alto de la Cubilla (155 km)(9 Settembre)

Messaggio da leggere da barrylyndon » lunedì 9 settembre 2019, 20:10

Comunque, come da logica, stanno calando i reduci del Tour, a favore dei reduci del Giro.


Nibali sta a Froome come Thoeni stava a Klammer.

Winter
Messaggi: 14765
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Re: Vuelta 2019 - 16a tappa: Pravia - Alto de la Cubilla (155 km)(9 Settembre)

Messaggio da leggere da Winter » lunedì 9 settembre 2019, 20:13

Abruzzese ha scritto:
lunedì 9 settembre 2019, 17:45
Luca90 ha scritto:
lunedì 9 settembre 2019, 17:42
tappa da 4 per lo spettacolo offerto...
Ci aspetta un'altra entusiasmante analisi delle VAM :diavoletto: :diavoletto:
no d'ora in poi scriverò di meno
Viste che le analisi ti danno fastidio ;)



Avatar utente
Abruzzese
Messaggi: 5453
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:24

Re: Vuelta 2019 - 16a tappa: Pravia - Alto de la Cubilla (155 km)(9 Settembre)

Messaggio da leggere da Abruzzese » lunedì 9 settembre 2019, 20:21

Winter ha scritto:
lunedì 9 settembre 2019, 20:13
Abruzzese ha scritto:
lunedì 9 settembre 2019, 17:45
Luca90 ha scritto:
lunedì 9 settembre 2019, 17:42
tappa da 4 per lo spettacolo offerto...
Ci aspetta un'altra entusiasmante analisi delle VAM :diavoletto: :diavoletto:
no d'ora in poi scriverò di meno
Viste che le analisi ti danno fastidio ;)
Ma guarda che non devi giustificarti, io ho fatto solo una battuta (ripresa anche da Luca peraltro).
Voi potete scrivere e parlare di VAM quanto vi pare. Dico solo che è un peccato ed è triste se ci si riduca a parlare solo di quello.

Sarebbe più gradevole se commentassi la Vuelta di Edet, tanto per dirne uno ;) Ma ovviamente io non impongo nulla e lascio che ognuno si esprima come meglio creda. Solo, come ho detto, intervengo quando vedo grosse incoerenze negli atteggiamenti (ma non è una cosa che riguarda solo te) oppure quando qualcuno viene a fare il maestro dell'Assoluto parlando di tutto meno che di ciclismo.


"L'importante non è quello che trovi alla fine di una corsa. L'importante è ciò che provi mentre corri" (Giorgio Faletti in "Notte prima degli esami")

"qui c'è gente che è totalmente avulsa dalla realtà e nociva al forum"

el_condor
Messaggi: 3559
Iscritto il: sabato 14 settembre 2013, 0:10

Re: Vuelta 2019 - 16a tappa: Pravia - Alto de la Cubilla (155 km)(9 Settembre)

Messaggio da leggere da el_condor » lunedì 9 settembre 2019, 22:52

il_panta ha scritto:
lunedì 9 settembre 2019, 20:00




Non chiamerei quelli del Condor calcoli, perché basati su ipotesi non rigorose. Per fare un'analisi seria bisogna supporre che il corridore X al suo top fa 400W e in crisi fa 300W. Poi stimando le forze in gioco si possono trarre conclusioni. Non vorrei dire fesserie, ma mi pare che in assenza di attrito dell'aria sarebbe indifferente andare in crisi al 5% o al 10%. In presenza di attrito andare in crisi al 5% è meno grave. Se però ti stacchi da solo da un gruppo di corridori che collaborano è probabilmente meglio staccarsi al 10% che al 5%.
hai ragione sono ipotesi, di casi che si possono verificare..
Se sei su una salita al 5% e mancano 2 km e uno ti stacca quello in circa 4 minuti arriva, se la salita è al 15% quello deve pedalare ancora 8 minuti, elementare capire che su 8 minuti i distacchi sono maggiori che su 4 minuti..
A suo tempo postai dei calcoli precisi ai quali nessuno rispose.
Rimane il fatto che affermare che si perde meno tempo andando in crisi su una salita al 5 % che su una al 12 % e' uno sciocchezza tale che non vale nemmeno la pena di parlarne.
Dice il magro e dice Belli , si va talmente piano che non si fa la differenza..Tra uno che sale a 12 km/h e uno che sale a 10 km/h c'e' un minuto al km e vanno piano tutto e due. ..

ciao
el_condor


Giordano Bruno
Non temete nuotare contro il torrente, è d'un anima sordida pensare come il volgo, perché il volgo è in maggioranza."

Avatar utente
nemecsek.
Messaggi: 1901
Iscritto il: mercoledì 6 gennaio 2016, 22:35

Re: Vuelta 2019 - 16a tappa: Pravia - Alto de la Cubilla (155 km)(9 Settembre)

Messaggio da leggere da nemecsek. » lunedì 9 settembre 2019, 23:00

el_condor ha scritto:
lunedì 9 settembre 2019, 22:52
il_panta ha scritto:
lunedì 9 settembre 2019, 20:00




Non chiamerei quelli del Condor calcoli, perché basati su ipotesi non rigorose. Per fare un'analisi seria bisogna supporre che il corridore X al suo top fa 400W e in crisi fa 300W. Poi stimando le forze in gioco si possono trarre conclusioni. Non vorrei dire fesserie, ma mi pare che in assenza di attrito dell'aria sarebbe indifferente andare in crisi al 5% o al 10%. In presenza di attrito andare in crisi al 5% è meno grave. Se però ti stacchi da solo da un gruppo di corridori che collaborano è probabilmente meglio staccarsi al 10% che al 5%.
hai ragione sono ipotesi, di casi che si possono verificare..
Se sei su una salita al 5% e mancano 2 km e uno ti stacca quello in circa 4 minuti arriva, se la salita è al 15% quello deve pedalare ancora 8 minuti, elementare capire che su 8 minuti i distacchi sono maggiori che su 4 minuti..
A suo tempo postai dei calcoli precisi ai quali nessuno rispose.
Rimane il fatto che affermare che si perde meno tempo andando in crisi su una salita al 5 % che su una al 12 % e' uno sciocchezza tale che non vale nemmeno la pena di parlarne.
Dice il magro e dice Belli , si va talmente piano che non si fa la differenza..Tra uno che sale a 12 km/h e uno che sale a 10 km/h c'e' un minuto al km e vanno piano tutto e due. ..

ciao
el_condor
he condorre è come quella se te bagni de più sotto la pioggia se cori o camini.... :hammer: :hammer: :hammer: :hammer:


Immagine

el_condor
Messaggi: 3559
Iscritto il: sabato 14 settembre 2013, 0:10

Re: Vuelta 2019 - 16a tappa: Pravia - Alto de la Cubilla (155 km)(9 Settembre)

Messaggio da leggere da el_condor » martedì 10 settembre 2019, 23:17

nemecsek. ha scritto:
lunedì 9 settembre 2019, 23:00
[

he condorre è come quella se te bagni de più sotto la pioggia se cori o camini.... :hammer: :hammer: :hammer: :hammer:
qua è molto piu' semplice, sono calcoli di seconda media. nelle salite tra il 15 e il 20% chi è in crisi a volte va sua 6 km/h, dunque a fare 1 km impiega 10 minuti,chi va a 12 km/h impiega 5 mi km/h ,chi va a 15 km/h impiega 4 minuti : facile calcolare i distacchi che ci possono essere in 2 km.In una salita al 5% un prof anche moribondo difficilmente perde un minuto al km..
Tutti hanno visto ciclisti in crisi zigzagare su salite vicine al 20% io non ho mai visto nulla di simile su salite al 5%..
Adoravo le pendenze estreme, che soddisfazioni...

ciao

el_condor

P.S: non so se qualcuno ricorda Cadel Evans in un giro d'Italia in crisi che saliva a 7/8 km/h....


Giordano Bruno
Non temete nuotare contro il torrente, è d'un anima sordida pensare come il volgo, perché il volgo è in maggioranza."

Avatar utente
Abruzzese
Messaggi: 5453
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:24

Re: Vuelta 2019 - 16a tappa: Pravia - Alto de la Cubilla (155 km)(9 Settembre)

Messaggio da leggere da Abruzzese » mercoledì 11 settembre 2019, 2:12

el_condor ha scritto:
martedì 10 settembre 2019, 23:17

P.S: non so se qualcuno ricorda Cadel Evans in un giro d'Italia in crisi che saliva a 7/8 km/h....
Fu la tappa del Giro 2002 che si concludeva a Passo Coe, sopra Folgaria e che fu vinta da Pavel Tonkov. Evans era al primo Giro d'Italia e aveva conquistato la maglia rosa il giorno prima. Su quell'ultima salita prese una crisi tremenda e perse oltre un quarto d'ora, su un'ascesa di una decina di km e con pendenze che, se non erro, avevano punte massime attorno al 15%.
Consideriamo pure che quel giorno la tappa superava i 220 km e c'erano state altre salite in precedenza, per cui l'australiano, ancora inesperto al tempo, avrà pagato sicuramente quelle e anche le fatiche dei giorni precedenti.
Ecco, forse si dovrebbe porre l'accento che certi tapponi magari al giorno d'oggi sempre più difficilmente verrebbero condotti all'arma bianca fin da subito, favorendo il greggismo, però con una tale lunghezza e tante salite in sequenza la lampadina potrebbe spegnersi a chiunque anche ora.


"L'importante non è quello che trovi alla fine di una corsa. L'importante è ciò che provi mentre corri" (Giorgio Faletti in "Notte prima degli esami")

"qui c'è gente che è totalmente avulsa dalla realtà e nociva al forum"


Rispondi