La Grande Boxe

Dove discutere di altri sport e di tutto il resto
Avatar utente
eddylecannibal
Messaggi: 11
Iscritto il: mercoledì 26 gennaio 2011, 20:59
Località: Firenze

La Grande Boxe

Messaggio da leggere da eddylecannibal » sabato 29 gennaio 2011, 19:38

Immagine

Purtroppo, in questi ultimi anni, la boxe mondiale appare in flessione: troppe categorie di peso e sopratutto troppe sigle: oltre settanta sono i Campioni del Mondo, una cifra assolutamente ridicola.
Ma comunque, qualcosa di buono (con difficoltà e spendendo qualche soldino), lo si può ancora vedere.
I migliori pugili li troviamo nella categorie "leggere"(dai piuma ai welter): un nome su tutti è quello del raffigurato filippino Manny Pacquiao, che dalla categoria dei mosca è salito via via di peso, fino a conquistare otto titoli mondiali, arrivando ultimamente alla categoria dei superwelter.
Nei massimi dominano da diversi anni i fratelli ucraini Klitschko.
Tra i professionisti italiani, nessuno è in grado di competere a livello mondiale.
Tra i dilettanti, adesso, la migliore scuola è quella dell'Est.
Se avrete voglia di chiedermi qualcosa oppure di discutere, io ci sarò.


" La bicicletta è un modo di accordare la vita con il tempo e lo spazio, è l'andare e lo stare dentro misure ancora umane."
Sergio Zavoli


Avatar utente
eddylecannibal
Messaggi: 11
Iscritto il: mercoledì 26 gennaio 2011, 20:59
Località: Firenze

Re: La Grande Boxe

Messaggio da leggere da eddylecannibal » lunedì 31 gennaio 2011, 21:27

Il più grande Pound for Pound della storia: Ray "Sugar" Robinson.

Immagine

http://it.wikipedia.org/wiki/Sugar_Ray_Robinson


" La bicicletta è un modo di accordare la vita con il tempo e lo spazio, è l'andare e lo stare dentro misure ancora umane."
Sergio Zavoli

Winter
Messaggi: 13219
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Re: La Grande Boxe

Messaggio da leggere da Winter » martedì 1 febbraio 2011, 18:23

eddylecannibal ha scritto:
Tra i professionisti italiani, nessuno è in grado di competere a livello mondiale.
Confido molto in Andrea Di Luisa
Imbattuto , con tutti gli incontri vinti prima del limite e con ko molto spettacolari , di pugili cosi' in Italia ne ho visti pochi
Purtroppo , non viene quotato molto alto nelle classifiche ebu e unione europea (e non capisco il motivo ?)
20° per il titolo Europeo (tre italiani gli sono davanti.. ok Sanavia e Ali Diaye ma Di Giacomo..)
Neanche nella top 20 per l'Unione Europea

Uno dei pochi che dopo aver vinto 2 titoli italiani dilettanti , ha rischiato ed è passato pro

Prima dell'arresto un altro nome era Boschiero ma il rientro non è stato all'altezza

tu invece ?



Avatar utente
eddylecannibal
Messaggi: 11
Iscritto il: mercoledì 26 gennaio 2011, 20:59
Località: Firenze

Re: La Grande Boxe

Messaggio da leggere da eddylecannibal » mercoledì 2 febbraio 2011, 12:55

Ciao Winter. Di Luisa è ben considerato e benvoluto nell'ambiente, a me non convince. Ha una posizione troppo frontale ed è poco mobile sul tronco, lo voglio vedere con gente migliore. Ricordiamoci che la sua mascella non è proprio d'acciao, venne sconfitto per KO da Alì Ndiaye nei Campionati italiani dilettanti.
Di Giacomo non gli è superiore adesso, ma credo che con Sanavia e Ndiaye le prenda, con Tassi è da vedere. Comunque per adesso il titolo europeo non è alla sua portata.

Devis Boschiero, dopo la storiaccia, ha conquistato il titolo italiano in modo eclatante, con una vittoria per KO su Fiorletta ed è adesso l'attuale detentore del titolo. Comunico con Devis tramite Facebook e sta passando un'ennesimo periodo critico: lavora come imbianchino tutto il giorno, si è lasciato con la donna che è tornata in Romania, si allena pochissimo, perchè in Italia lo evitano. Lo vedo molto grigio il suo futuro.

Winter, ti metto il link di Boxrec, dove puoi vedere tutti i curriculum: questo che ti ho postato è la P4P attuale degli italiani. A presto ;)
http://boxrec.com/ratings.php?country=I ... &SUBMIT=Go


" La bicicletta è un modo di accordare la vita con il tempo e lo spazio, è l'andare e lo stare dentro misure ancora umane."
Sergio Zavoli

Winter
Messaggi: 13219
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Re: La Grande Boxe

Messaggio da leggere da Winter » giovedì 3 febbraio 2011, 18:01

eddylecannibal ha scritto:Ciao Winter. Di Luisa è ben considerato e benvoluto nell'ambiente, a me non convince. Ha una posizione troppo frontale ed è poco mobile sul tronco, lo voglio vedere con gente migliore. Ricordiamoci che la sua mascella non è proprio d'acciao, venne sconfitto per KO da Alì Ndiaye nei Campionati italiani dilettanti.
Di Giacomo non gli è superiore adesso, ma credo che con Sanavia e Ndiaye le prenda, con Tassi è da vedere. Comunque per adesso il titolo europeo non è alla sua portata.

Devis Boschiero, dopo la storiaccia, ha conquistato il titolo italiano in modo eclatante, con una vittoria per KO su Fiorletta ed è adesso l'attuale detentore del titolo. Comunico con Devis tramite Facebook e sta passando un'ennesimo periodo critico: lavora come imbianchino tutto il giorno, si è lasciato con la donna che è tornata in Romania, si allena pochissimo, perchè in Italia lo evitano. Lo vedo molto grigio il suo futuro.

Winter, ti metto il link di Boxrec, dove puoi vedere tutti i curriculum: questo che ti ho postato è la P4P attuale degli italiani. A presto ;)
http://boxrec.com/ratings.php?country=I ... &SUBMIT=Go
Boxrec lo conosco , è un'autentica bibbia , ci fosse anche nel ciclismo un sito del genere (memoire-du-cyclisme è bello ma non a quel livello)
Anche se sui suoi punteggi non ho mai capito molto :D

Vero non mi ricordavo della sconfitta con Ali Ndiaye agli Italiani , pero' c'erano 3 anni di differenza tra i 2
Cocco l'han affrontato entrambi , Ndiaye ha vinto a fatica , Di Luisa l'ha spedito al tappetto in un paio di minuti
Certo per ora solo in un incontro è andato all'ottava ripresa quindi la distanza è un'incognita
Pero' lo vedo come la miglior speranza azzurra (Under 30..)

Il Pareggio di Boschiero ha quindi una spiegazione

Chi sono invece i pugili su cui punteresti ?




Avatar utente
eddylecannibal
Messaggi: 11
Iscritto il: mercoledì 26 gennaio 2011, 20:59
Località: Firenze

Re: La Grande Boxe

Messaggio da leggere da eddylecannibal » giovedì 3 febbraio 2011, 19:20

Non punterei un centesimo su nessuno degli italiani.
E' doveroso informare i nostri amici utenti di questo bel forum, che l'Italia pugilistica ha solo un Campione d'Europa ed è il peso mosca sardo Andrea Sarritzu.
Altresì informiamo che il più prossimo pretendente al titolo europeo, è il superleggero umbro Michele Di Rocco, che il 5 marzo a Belfast affronterà il Campione Paul McCloskey, con pochissime speranze, a mio avviso.
Infine, il massimo-leggero Giacobbe "Gabibbo" Fragomeni è sfidante ufficiale del Campione Alexander Frenkel; anche qui le speranze del buon Giacobbe sono pari a zero.


" La bicicletta è un modo di accordare la vita con il tempo e lo spazio, è l'andare e lo stare dentro misure ancora umane."
Sergio Zavoli

Winter
Messaggi: 13219
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Re: La Grande Boxe

Messaggio da leggere da Winter » sabato 5 febbraio 2011, 14:27

Chiaro gli anni d'oro son finiti
I migliori preferiscono restare dilettanti

Sai qualcosa su Cenciarelli ?



Avatar utente
eddylecannibal
Messaggi: 11
Iscritto il: mercoledì 26 gennaio 2011, 20:59
Località: Firenze

Re: La Grande Boxe

Messaggio da leggere da eddylecannibal » sabato 5 febbraio 2011, 15:05

Non conosco personalmente Cenciarelli. Dopo l'operazione subita alla testa in Russia, nella primavera 2010, conclusa positivamante, non ne ho più saputo niente.
So che sta bene, il suo futuro da pugile è un'incognita.


" La bicicletta è un modo di accordare la vita con il tempo e lo spazio, è l'andare e lo stare dentro misure ancora umane."
Sergio Zavoli

Winter
Messaggi: 13219
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Re: La Grande Boxe

Messaggio da leggere da Winter » domenica 6 febbraio 2011, 14:53

Credo fosse la nostra piu' grande speranza

Come hai detto tu , pochi incontri importanti per i nostri e poche speranze di vittorie (tra l'altro quasi sempre all'estero..)



Avatar utente
TIC
Messaggi: 7093
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:20

Re: La Grande Boxe

Messaggio da leggere da TIC » domenica 6 novembre 2011, 19:32

Sembra che il grande Joe Frazier sia in procinto di lasciarci.

Immagine



Il primo dei tre leggendari match con Clay a cui si riferisce anche l'immagine sopra :
http://www.youtube.com/watch?v=LmcsXB-fOw0

Il secondo
http://www.youtube.com/watch?v=JMOIWWyN ... re=related


Il terzo, forse il piu' drammatico _
http://www.youtube.com/watch?v=QzG1WsCz ... re=related


Henry Kissinger : (Ad un summit presso il Ministero degli Esteri alla fine dell'intervento di Aldo Moro) Chi parla in questo modo non può che essere un imbroglione e non può che rappresentare un popolo di imbroglioni.

Winter
Messaggi: 13219
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Re: La Grande Boxe

Messaggio da leggere da Winter » lunedì 7 novembre 2011, 18:15

eddylecannibal ha scritto:Ciao Winter. Di Luisa è ben considerato e benvoluto nell'ambiente, a me non convince. Ha una posizione troppo frontale ed è poco mobile sul tronco, lo voglio vedere con gente migliore. Ricordiamoci che la sua mascella non è proprio d'acciao, venne sconfitto per KO da Alì Ndiaye nei Campionati italiani dilettanti.
Di Giacomo non gli è superiore adesso, ma credo che con Sanavia e Ndiaye le prenda, con Tassi è da vedere. Comunque per adesso il titolo europeo non è alla sua portata.

Devis Boschiero, dopo la storiaccia, ha conquistato il titolo italiano in modo eclatante, con una vittoria per KO su Fiorletta ed è adesso l'attuale detentore del titolo. Comunico con Devis tramite Facebook e sta passando un'ennesimo periodo critico: lavora come imbianchino tutto il giorno, si è lasciato con la donna che è tornata in Romania, si allena pochissimo, perchè in Italia lo evitano. Lo vedo molto grigio il suo futuro.

Winter, ti metto il link di Boxrec, dove puoi vedere tutti i curriculum: questo che ti ho postato è la P4P attuale degli italiani. A presto ;)
http://boxrec.com/ratings.php?country=I ... &SUBMIT=Go
Boschiero si è reso protagonista di un grande incontro contro il giapponese Ao
Dopo quasi 2 anni l'Italia avrebbe avuto un nuovo campione del mondo ma una parte della giuria (due su tre) gli han rubato scandalosamente il Titolo
La Faccia del Giapponese che non credeva alle sue orecchie quando hanno annunciato con decisione non unanime che si era confermato campione del mondo
Peccato , la rivincita è d'obbligo , ma speriamo non in Giappone (dove di neutralita' non c'e' nulla)

La prox settimana mi pare Ndiaye - Di Luisa.. ci sara' battaglia



Avatar utente
galliano
Messaggi: 12019
Iscritto il: giovedì 14 aprile 2011, 12:53
Località: TN

Re: La Grande Boxe

Messaggio da leggere da galliano » martedì 8 novembre 2011, 16:59

TIC ha scritto:Sembra che il grande Joe Frazier sia in procinto di lasciarci.

Il terzo, forse il piu' drammatico _
http://www.youtube.com/watch?v=QzG1WsCz ... re=related
joe se n'è andato.

A proposito del terzo match the Thrilla In Manila del '75, mi piacerebbe sentire qualche resoconto dei "vecchietti" del forum.
Vedendo le registrazioni, mi ha sempre stupito il ritiro di frazer, non perchè non fosse giustificato, ma perchè non te l'aspetti da uno come lui.
certo sono discorsi a tavolino, anche alì sembrava sfinito, ma ricordo il frazer contro foreman riprendersi in continuazione dai tremendi ko.

forse nel '75 i due grandi pugili non erano più all'apice della carriera.



Avatar utente
Morris
Messaggi: 722
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 1:33

Re: La Grande Boxe

Messaggio da leggere da Morris » mercoledì 9 novembre 2011, 13:12

Joe Frazier, un mito...

Se ne è andato dalla Terra, per impugnare meglio martello e scalpello e scolpire a tempo pieno il suo mito sui tanti milioni che continuano ad amare il pugilato. Se ne è andato da uomo sconfitto, come lo sono tutti di fronte alla più onesta delle volontà che ci stanno superiori e che non riusciamo a concepire nei contorni, negli interni e nei confini. Resterà perennemente quel combattente che saliva sul ring e non scendeva, se prima non aveva fatto uscire fumo dai suoi guanti.

Immagine

Caro Joe, mi impressionasti quando mandasti al tappeto il terribile Buster Mathis. Sai, in quel periodo, eravamo tutti vedovi di Cassius Clay, che ancora si chiamava così e che aveva osato dire quella verità e che, per queste, stava pagando.
Si cercava un grande che lo potesse sostituire, ed erano tanti i titolati: si pensava a Jimmy Ellis, un predestinato perché sparring preferito di Cassius, non erano pochi gli estimatori del gigantesco Oscar “Ringo” Bonavena, c’era chi sperava addirittura in un passaggio competitivo fra i massimi, dello “Sceriffo di Albuquerque”, il perticone Bob Foster. Pugili che ricordo bene, eppure tu li superasti tutti: solo con Ringo, ai punti e con qualche difficoltà. Ma fu proprio l’incontro con l’argentino, che mi fece scommettere per Alì, che era comunque il mio preferito, quando, finalmente, l’8 marzo 1971 al Madison Square Garden, ti poté incontrare.
Sai Joe, quando si tifa per un atleta e su di questi si scommette, perdere è dura, ma se si è giovani, come nel mio caso a quei tempi, e si cresce bene, una sconfitta può divenire molto meno amara, se chi vince è un grandissimo campione come te. Dimenticai la settimana senza panino a scuola, perché ero povero e tu mi avevi bucato il portafogli; sopportai, pensando a quel gancio sinistro col quale avevi spedito al tappeto Alì, l’affronto di un ceffone che una coetanea, con la quale stavo scoprendo il sesso, mi mollò; salutai meglio la possibilità che la racchetta di Rosewall mancasse anche in quel ’71, il Titolo di Wimbledon.
Ero un ragazzino Joe e voi artisti dello sport che già vi vedevo come tali, riuscivate ad integrarvi nella mia vita in formazione, anche quando per vedevi si trattava di marinare una notte, più che un giorno di scuola.
Il tuo primo incontro con Alì, t’aveva dato un giustissimo verdetto, impreziosito da quel gancio portato così innaturale, quasi in sospensione e, per questo, ancor più grande, ma era stata una vittoria dispendiosa oltre i limiti, che non poteva evitare di segnare te, più che Mohammad. Già, perché lui, e mi perdonerai se lo dico ancora oggi, era dotato di quella classe naturale nel portare con precisione i suoi colpi, certo meno potenti dei tuoi, senza dover sacrificare, per l’altezza che l’accompagnava, una parte di sé per guadagnare la distanza, come invece capitava quasi sempre a te. Dopo l’incontro del Madison, finiste entrambi al St Luke Hospital. Lui, per te sempre Cassius, vi restò una notte giusto per verificare la mascella destra, tu, invece, per oltre venti giorni. Erano sorte leggende: si diceva che avevi il cranio crepato per quei jab destri che Alì portava così precisi, si diceva e questo purtroppo era vero, che non riuscivi ad urinare, che non riuscivi a mangiare e persino a camminare. Avevi speso una grossa parte di te, Joe.
Ritornasti e mentre il per te Cassius iniziò più umile, per modo di dire, a combattere sul ring, battendo in fila, uno per uno, i più forti, tu, da campione, aspettasti quasi un anno per la prima difesa contro il modesto Terry Daniels, troppo debole per giungere anche ad un fresco claudicante come te. Dopo quella formalità aggiungesti al tuo carnet, cinque mesi dopo, un altro debole ed insignificante come Ron Stander ed anche con lui vincesti facile. Erano passaggi obbligati per l’esigenza di recuperare, ma aggiungevano poco al tuo allenamento agonistico. Il terzo incontro, sarebbe dovuto avvenire quasi due anni dopo lo scontro con Alì, ed in tanti pensavamo che per te sarebbe stato quasi impossibile superare chi ti avevano messo davanti: George Foreman.
Ancora una volta Joe, e ti chiedo perdono per questo, scommisi contro di te, ma stavolta lo feci considerandoti il mio preferito.
A differenza di tanti, pur ancora ragazzino, mi sentivo di conoscere bene Foreman. E non certo perché sapevo che lui aveva vinto le Olimpiadi di Città del Messico, come te quelle di Tokyo e Cassius Clay quelle di Roma. Lui, quel gigante vdi nome George, lo avevo visto in quelle giornate a cinque cerchi e non potevo scordare quando nella semifinale, fece restare sul tappeto, morto di paura, il nostro Giorgio Bambini. Conoscevo poi bene due avversari che aveva domato prima dell’incontro con te, l’argentino Gregorio Peralta, gran bel pugile, per me non inferiore a Ringo Bonavena ed il gigantesco canadese George Chuvalo. Avevo poi letto più volte il suo curriculum, fatto certo di nomi poco noti, ma sempre battuti prima del limite. E poi ricordandolo così alto, anche più di Alì, sapevo che per entrare nella sua guardia, avresti dovuto passare dall’inferno. Non ti vedevo pronto, anche se tutti ti davano vincente come se George fosse un Daniels qualsiasi.

Purtroppo non mi sbagliai, tu non combattesti in Jamaica in quel gennaio del ’73. Fosti completamente nelle mani di Foreman, aldilà dei sei atterramenti fra la prima e la seconda ripresa, di cui almeno quattro per non dire tutti, permettimi Joe, vissuti solo come atto di quella tutela che stavi perfettamente calcolando. Intanto Alì, il tuo vero avversario, quello che tutti volevano vedere al tuo cospetto, di incontri ne aveva sostenuti dieci, tutti vittoriosi, contro i tuoi tre e con avversari ben diversi e ben più titolati dello stesso Foreman. Arrivasti di nuovo a lui, dopo che Alì aveva subito l’onta di una seconda sconfitta con tanto di mascella rotta, subito cancellata in una difficilissima rivincita contro Ken Norton: un pugile fortissimo, intelligente e pure valente attore. Anche stavolta, il vostro incontro si consumò sul teatro del Madison Square Garden, ed anche stavolta scommisi contro di te. Caro Joe, eri davvero un fuoriclasse, perché pur perdendo, e fu verdetto giusto, dimostrasti di essere l’unico vero e tentacolare pericolo per un Alì nel pieno delle sue forze. È vero, lui aveva quasi 33 anni e tu due in meno, ma lui non aveva mai dovuto combattere per raggiungere la corta distanza e solo chi ama il pugilato, o è salito sul ring, sa cosa significhi, dover battersi con un simile handicap.
Fu un match diverso dal primo: lui stavolta ti conosceva bene e ti tenne a bada meglio, punzecchiandoti sempre al volto, perché il per te Cassius, colpiva solo lì, per scelta e quella grandezza unica che l’ha eletto a “più grande”. Non uscisti ridimensionato, anzi, ma ti eri ulteriormente logorato.
Doveva esserci bella, ma prima spettava ad Alì il tentativo mondiale con Foreman, l’intruso del regno dei massimi.

L’incontro fra costoro avvenne a Kinshasa, in Africa, nel Congo, proprio come auspicava il per te Cassius, uno che ha sempre ragionato e disquisito, come sai, sulle vostre realtà di afro-americani. Alì annientò Foreman, soprattutto dimostrò quanto fosse abissale la differenza di classe fra i due e quanto la forza e la potenza non siano tutto nella “noble art”. Un anno dopo Kinshasa, a Manila, in quelle Filippine che pagarono l’evento un ossesso, tu e il per te Cassius, vi ritrovaste di fronte per quella bella che, stavolta, aveva di nuovo il titolo in palio.

Il vostro terzo incontro non fu un match, ma un insieme di fotogrammi da leggenda, in cui ogni round rappresentava uno spaccato di quella boxe che può e deve far innamorare i giovani, dove la violenza è la rappresentazione della vita e le schivate e gli affondi, sono le correzioni che ognuno si da per sopravvivere. Quella boxe che sa far grandi le abilità, i distingui, quei colpi d’occhio che nel volgere di millesimi di secondo, fanno dell’uomo una macchina-computer dotata di quel cervello che nessuna elettronica può dare e dove, ogni passo laterale o in diagonale, rappresenta una danza che ha il peso ed i significati di un trattato su come giungere alle possibilità di successo. Un caleidoscopio che, rimembrandolo, fa tornare il sottoscritto al bambino che s’appassionò e che oggi urla sempre più, quanto il vostro terzo incontro, sia stato, purtroppo, l’ultimo mohicano fra i massimi.
Foste selvaggi ed intelligenti Joe, spendeste tutto quel che c’era da spendere, usando l’intero campionario dei vostri repertori. Carlos Padilla fu un grande arbitro, come lo è stato quasi sempre in carriera e voi due giganti che andrebbero riproposti agli odierni pessimi massimi, affinché imparino qualche frammento, o decidano di smettere per manifeste incapacità. Il verdetto, Joe, all’alba del quattordicesimo round ti vedeva sotto di sei, quattro e cinque punti, secondo i tre cartellini, ma tu avevi dato tutto, ed anche se non dimostravi di stare tanto peggio del per te Cassius, come alla fine del primo match, dove le conseguenze del match erano più gravi per te, non ti rialzasti dallo sgabello, consegnando così, anzitempo, all’altrettanto esausto Alì, il match. E che tu avessi dato tutto, lo dimostrò il dopo. Finisti lì la carriera, il secondo incontro con Foreman non fa testo e ancor meno quell’appendice del 1981, col modesto Cummings.

Caro Joe, dopo quella sera filippina, ormai adulto, più per esigenze di vita che per anni, continuai a cercare un tuo erede, col rispetto che si deve ai grandi già divenuti miti per manifesti segni di nobiltà. Di gente come te, non ne ho più vista fra i massimi e, col tempo, sono diventato tuo tifoso anche se non combattevi più. Mai potrò dimenticare l’incosciente coraggio nella ricerca d’imitare il padre, di tuo figlio Marvis, quel ragazzo che mettesti al mondo poco più che sedicenne, picchiato oltremodo da Larry Holmes già alla prima ripresa. E quella sera avrei preso a calci Mills Lane, l’arbitro sosia di Robert Duval, che continuava ad ignorare l’evidenza nonché i continui inviti di Larry a chiudere quel match completamente impari.

Ricordo poi la tua fibra di uomo che il tempo aveva reso meno segnato dallo sport rispetto ad altri e ricordo quando, quasi per lavoro, fui costretto a vedermi un match fra massimi, che scimmiottavano sul ring la tua arte e quella di Alì, tali Chris Arreola e Manuel Quezada, due che riuscirono a farmi addormentare e non certo perché s’era in piena notte.
Nostalgie immortali Joe, nostalgie che vivo come quei giorni di primavera, in cui il bambino sottoscritto, faceva esordire sui selciati fuori casa i “quarcì” dei corridori, strizzando l’occhio a quel bel album di figurine che gli faceva scoprire le versioni precedenti, al Dick Tiger avversario sconfitto da Bob Foster; o quel Silvano Simeon che si lanciava col suo disco verso Jay Silvester e Al Oerter, oppure ancora sui vicini fogli di “Stadio” che leggevo avidamente dove, finalmente, mi potevo intenerire sapendo che Ken Rosewall e Rod Laver, avrebbero potuto rigiocare coi cosiddetti dilettanti della racchetta.
Altri tempi ed altri uomini, Joe, nel pugilato più che mai.
Altri tempi, che segnano la tua immortalità in milioni e milioni di menti, come oggi, come sempre, per quell’uomo che saliva sul ring e non scendeva fino a quando non aveva fatto uscire fumo dai suoi guanti.
Ti sia lieve la terra.

Morris


Quando ti alzi la mattina, volgiti verso Aigle e fai una pernacchia o il gesto dell'ombrello. Tu non sai perché lo fai, ma ad Aigle sì.

Avatar utente
GiboSimoni
Messaggi: 860
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 17:29
Località: Bari

Re: La Grande Boxe

Messaggio da leggere da GiboSimoni » lunedì 16 gennaio 2012, 16:38

http://www.repubblica.it/rubriche/la-st ... ef=HRERO-1

Alì è uno di quei personaggi immortali ....


Gibo il migliore!!!!!

Signori non ce ne sono più - Gilberto Simoni ad Aprica 2006

30 Maggio 2010 La fine di un Sogno Magnifico!

Le vere emozioni sono nell'accarezzare una mamma non più autosufficiente e su una sedia rotelle e vedere il sorriso di essa.

bandana_gialla
Messaggi: 21
Iscritto il: giovedì 26 gennaio 2012, 9:53

Re: La Grande Boxe

Messaggio da leggere da bandana_gialla » mercoledì 29 febbraio 2012, 10:32

Sono banale citando il nostro "quasi connazionale" Rocky marciano?'
Che uomo!!Immagine



Avatar utente
jerrydrake
Messaggi: 4885
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 12:14

Re: La Grande Boxe

Messaggio da leggere da jerrydrake » domenica 27 ottobre 2013, 8:08

Un grandissimo dello sport azzurro ci riporta in cima al Mondo! Onore all'eclettico talento di Marcianise, a quel Clemente Russo che tanto mi aveva emozionato a Londra e che ieri, in quel di Almaty, torna dopo 6 anni sul trono dei Massimi. Una grande carriera per il nostro Tatanka, che vanta anche due argenti olimpici e un oro ed un argento europeo. :champion:



Avatar utente
matteo.conz
Messaggi: 6919
Iscritto il: sabato 19 maggio 2012, 15:12

Re: La Grande Boxe

Messaggio da leggere da matteo.conz » domenica 27 ottobre 2013, 11:16

bellissimo il ritratto di frazier però che occhi tristi...

ali-frazier match of century,per la prima volta nella sua carriera cassius clay viene battuto:
http://www.youtube.com/watch?v=ctKAGKVpCUU


Qui vige l'uguaglianza... Non conta un cazzo nessuno.
Svalorizzando gli altri non ti rendi superiore.
C'è sempre una soluzione semplice ad un problema complesso. Ed è quella sbagliata. A. Einstein

Avatar utente
matteo.conz
Messaggi: 6919
Iscritto il: sabato 19 maggio 2012, 15:12

Re: La Grande Boxe

Messaggio da leggere da matteo.conz » domenica 27 ottobre 2013, 12:06

Anche questo non scherza, potenzialmente il più forte http://www.youtube.com/watch?v=g-478QGV9pc


Qui vige l'uguaglianza... Non conta un cazzo nessuno.
Svalorizzando gli altri non ti rendi superiore.
C'è sempre una soluzione semplice ad un problema complesso. Ed è quella sbagliata. A. Einstein

Winter
Messaggi: 13219
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Re: La Grande Boxe

Messaggio da leggere da Winter » domenica 27 ottobre 2013, 13:17

jerrydrake ha scritto:Un grandissimo dello sport azzurro ci riporta in cima al Mondo! Onore all'eclettico talento di Marcianise, a quel Clemente Russo che tanto mi aveva emozionato a Londra e che ieri, in quel di Almaty, torna dopo 6 anni sul trono dei Massimi. Una grande carriera per il nostro Tatanka, che vanta anche due argenti olimpici e un oro ed un argento europeo. :champion:
Classe 1982.. contro avversari inesperti di 10-12 anni piu' giovani..
Perche' non va nei pro ?
Gia' lo stipendio fisso statale..



Avatar utente
matteo.conz
Messaggi: 6919
Iscritto il: sabato 19 maggio 2012, 15:12

Re: La Grande Boxe

Messaggio da leggere da matteo.conz » lunedì 14 settembre 2015, 16:59

Non è grande box però...non combatte, picchia gente! https://www.youtube.com/watch?v=Uh7PmaVQeQ8


Qui vige l'uguaglianza... Non conta un cazzo nessuno.
Svalorizzando gli altri non ti rendi superiore.
C'è sempre una soluzione semplice ad un problema complesso. Ed è quella sbagliata. A. Einstein

Winter
Messaggi: 13219
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Re: La Grande Boxe

Messaggio da leggere da Winter » domenica 15 aprile 2018, 18:44

Oggi blandamura ha provato a riportare in italia un titolo mondiale
la missione era quasi impossibile
murata troppo forte

C erano 17 mila spettatori a yokohama (tutto esaurito)
L ultimo incontro di murata è stato seguito da 30 ml di giapponesi
altro che da noi :(



Albino
Messaggi: 1127
Iscritto il: mercoledì 1 novembre 2017, 20:28

Re: La Grande Boxe

Messaggio da leggere da Albino » domenica 15 aprile 2018, 20:55

Troppo il divario in altezza e allungo a favore di Murata.
Se poi a questo si aggiunge che il giapponese è un pugile solido, essenziale ma efficace, la missione era davvero impossibile.

Per Blandamura comunque, alla soglia dei 40, un successo solo esserci :clap:

Il paragone è impietoso, qui la boxe pro non esiste in pratica.
Tra l'altro mai capito perché i nostri plurimedagliati dilettanti non hanno provato a fare il salto da giovani...


FantaCicloCross 2017-2018: Campionato del Mondo Uomini Elite

Winter
Messaggi: 13219
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Re: La Grande Boxe

Messaggio da leggere da Winter » lunedì 16 aprile 2018, 19:25

Sì sono accontentati di fare i dilettanti di stato
Con stipendi nettamente più alti dei pro
escludendo blandamura (bravissimo il suo manager) , per un europeo pro si parla di 20.. 30 mila euro
I pro reali si contano sulle dita di una mano
gli altri hanno tutti un lavoro
russo con il suo stile avrebbe avuto , per me , poche chance tra i pro
invece cammarelle :(
aveva tutto, la categoria , i kg , la potenza
Valentino è passato adesso a 33 anni..



Albino
Messaggi: 1127
Iscritto il: mercoledì 1 novembre 2017, 20:28

Re: La Grande Boxe

Messaggio da leggere da Albino » sabato 5 maggio 2018, 0:42

Weekend del cinco de mayo, weekend di boxe.

In assenza dell'atteso rematch tra Golovkin e "Canelo" Alvarez (fermato per clenbuterolo), il tuonante kazako affronterà l'americano di origine armena Martirosyan in un incontro dall'esito scontato.

Perché vederlo? Per ammirare la splendida varietà di colpi di Golovkin e la sua incessante pressione, come un instancabile cacciatore.

In Gran Bretagna invece viene riproposta una delle sfide più assurde e divertenti dello scorso anno, Bellew vs Haye, conclusasi con la sorprendente vittoria del primo.

Perché vederlo? Due pugili dalle chiare carenze (atletiche Haye e difensive Bellew) e non di livello assoluto ma che promettono grande azione, in più insulti a gogo e odio reciproco per gli amanti del genere. Ignoranza e mazzate a palate, per una serata spensierata.
Diretta su Sky Sport Plus dalle 21.


Settimana prossima Linares vs Lomachenko, il match più stiloso dell'anno. Per puristi.
Se riesco farò una mini presentazione.


FantaCicloCross 2017-2018: Campionato del Mondo Uomini Elite

Winter
Messaggi: 13219
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Re: La Grande Boxe

Messaggio da leggere da Winter » domenica 6 maggio 2018, 11:49

Spazzato via martirosyan
molto curioso di vedere Linares lomachenko



Albino
Messaggi: 1127
Iscritto il: mercoledì 1 novembre 2017, 20:28

Re: La Grande Boxe

Messaggio da leggere da Albino » domenica 6 maggio 2018, 12:18

Appena è stato toccato al volto è finito l'allenamento ed è cominciato il match vero e proprio. In grande evidenza il montante destro e il jab di GGG, Martirosyan coraggioso ma senza speranze.

Video analisi di Lina-Loma: https://www.thefightcity.com/linares-vs ... ie-boxing/

Interessante: gli ultimi due incontri di Linares sono stati contro due mancini, anche se Loma è di un altro livello, per tecnica, velocità e ritmo.


FantaCicloCross 2017-2018: Campionato del Mondo Uomini Elite

AntiGazza
Messaggi: 1160
Iscritto il: venerdì 15 aprile 2011, 12:23

Re: La Grande Boxe

Messaggio da leggere da AntiGazza » mercoledì 9 maggio 2018, 14:51

Scopro solo ora questo topic.

GGG contro Martorysyan vabbè era un verdetto annunciato, GGG come al solito si dimostra un signore , al contrario di alcune voci che avevo sentito che GGG avrebbe lavorato sul numero di round in vista del match di settembre.
In quel caso sarebbe stato una punizione eccessiva per l'avversario.

Lomachenko Lineares..... be affascinante, Lineares è un bel pugile ma non ha per me nessuna caratteristica per mettere in difficoltà un fenomeno ,per me assoluto, come Lomachenko, che per ora ha dimostrato solo di soffrire i pugili un po "rozzi e di mestiere" come Salido .
Sia chiaro che il rozzo è chiaramente un iperbole, a quei livelli la tecnica è stellare per tutti.
E sia chiaro anche che Loma ha sofferto in senso lato diciamo, nel senso che il match non è stato poi dominato da Salido e che Lomachenko ha pagato una non abitudine a certe smaliziate nei pro.Fatto ora (o anche qualche match fa quando l'ucraino era ancora superpiuma) Lomachenko avrebbe impartito l'ennesima lezione di pugilato a Salido.

Non c'entra nulla, ma prospetto italiano io direi Turchi , anche se conosco poco la boxe pro italiana.



Winter
Messaggi: 13219
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Re: La Grande Boxe

Messaggio da leggere da Winter » mercoledì 9 maggio 2018, 21:30

Spero anche io in turchi
che sta cercando fortuna in America

Salido pesava 5 kg più di lomachenko (il messicano era un welter. . :o )
in più fece un mucchio di scorrettezze



AntiGazza
Messaggi: 1160
Iscritto il: venerdì 15 aprile 2011, 12:23

Re: La Grande Boxe

Messaggio da leggere da AntiGazza » giovedì 10 maggio 2018, 11:00

Winter ha scritto:
mercoledì 9 maggio 2018, 21:30
Spero anche io in turchi
che sta cercando fortuna in America

Salido pesava 5 kg più di lomachenko (il messicano era un welter. . :o )
in più fece un mucchio di scorrettezze
Beh ma le cose che ha fatto Salido sono cose che nei pro si fanno , sia il taglio del peso (sia pur fallito ma di un kg) sia le scorrettezze.
Alla fine se pure fenomeno era il secondo match da pro ,e il pugilato pro e dilettantistico sono due sport diversi.
Era palese che Lomachenko quello pagò , e ora come ora lo asflaterebbe senza problema.
Però è stato l'unico momento della sua carriera pro in cui è stato in minima difficoltà , per cui se dovessi vedere uno stile che potrebbe dargli noia è quello fatto appunto di colpi al limite del regolamento , di malizie varie,e magari mani di mattone.
Lineares per me è pugile che esalta le caratteristiche di Loma, pur essendo un gran bel pugile.
Ora la vera sfida sarà nei super leggeri con Mickey Garcia.



Albino
Messaggi: 1127
Iscritto il: mercoledì 1 novembre 2017, 20:28

Re: La Grande Boxe

Messaggio da leggere da Albino » mercoledì 16 maggio 2018, 10:03

Come mi sono divertito!

Linares ha boxato al meglio, controbattendo con colpi singoli e potenti, aiutato anche da un maggiore fisicità (6/7 kg di differenza la sera del match). Ha addirittura fatto segnare un atterramento nel sesto, il primo in carriera per l'ucraino.

Alla lunga, tuttavia, il volume dei colpi, la rapidità e l'intelligenza di Loma si sono dimostrati insuperabili.
Bellissimo il ko, gancio al fegato al termine di una combo alla testa, a certificare una superiorità non nettissima come altre volte ma cmq visibile.

È proprio speciale Loma.
Oltre all'enorme classe ha mostrato anche altri e forse più importanti attributi per un pugile: una mascella che tiene e una grande capacità di reazione.
Il kd quasi non l'ha sentito e dopo un round tranquillo ha alzato ulteriormente il ritmo fino ad ottenere il ko.

Credo sia un record tre titoli mondiali in tre classi di peso in così pochi match :champion:


FantaCicloCross 2017-2018: Campionato del Mondo Uomini Elite

AntiGazza
Messaggi: 1160
Iscritto il: venerdì 15 aprile 2011, 12:23

Re: La Grande Boxe

Messaggio da leggere da AntiGazza » lunedì 21 maggio 2018, 12:39

Albino ha scritto:
mercoledì 16 maggio 2018, 10:03
Come mi sono divertito!

Linares ha boxato al meglio, controbattendo con colpi singoli e potenti, aiutato anche da un maggiore fisicità (6/7 kg di differenza la sera del match). Ha addirittura fatto segnare un atterramento nel sesto, il primo in carriera per l'ucraino.

Alla lunga, tuttavia, il volume dei colpi, la rapidità e l'intelligenza di Loma si sono dimostrati insuperabili.
Bellissimo il ko, gancio al fegato al termine di una combo alla testa, a certificare una superiorità non nettissima come altre volte ma cmq visibile.

È proprio speciale Loma.
Oltre all'enorme classe ha mostrato anche altri e forse più importanti attributi per un pugile: una mascella che tiene e una grande capacità di reazione.
Il kd quasi non l'ha sentito e dopo un round tranquillo ha alzato ulteriormente il ritmo fino ad ottenere il ko.

Credo sia un record tre titoli mondiali in tre classi di peso in così pochi match :champion:
Non ho potuto commentare prima in quanto ero in ferie, però devo dire che il Lomachenko ha veramente fatto un grande match , ma Lineares ancora di + di quello che potevo immaginare.

Però ora rimango davvero dubbioso su un eventuale sfida con Garcia, che prima mi auspicavo.
Garcia che se non erro è ancora una categoria sopra ai leggeri (che mi sono sembrati cmq un po "oversize" per Loma) e che fa davvero male.



Albino
Messaggi: 1127
Iscritto il: mercoledì 1 novembre 2017, 20:28

Re: La Grande Boxe

Messaggio da leggere da Albino » lunedì 21 maggio 2018, 12:55

Garcia ha fatto il penultimo match a 140 (mi pare) con Broner e picchia davvero duro.
Magari in futuro, ma è un abbinamento pericolosissimo, più per Loma mi sa.

Anche a me è sembrato enorme il divario fisico, i leggeri sono il massimo a cui può salire.

La sera del match era solo 3 pounds sopra il limite di peso, Linares quasi 20
in più 10 cm di allungo a sfavore (più o meno sarò lo stesso con Garcia) :o


FantaCicloCross 2017-2018: Campionato del Mondo Uomini Elite

Albino
Messaggi: 1127
Iscritto il: mercoledì 1 novembre 2017, 20:28

Re: La Grande Boxe

Messaggio da leggere da Albino » domenica 10 giugno 2018, 23:57

Crawford fantastico, campione welter alla maniera forte, match dominato dal primo all'ultimo secondo.
Cementa il suo posto in cima al ranking p4p (la lotta è tra lui e Loma secondo me), che pugile!

Settimana scorsa Inoue ha distrutto in meno di due minuti il lunghissimo McDonnell.
Il giapponese un vero iradiddio, pochissimi colpiscono duro come lui.


FantaCicloCross 2017-2018: Campionato del Mondo Uomini Elite

AntiGazza
Messaggi: 1160
Iscritto il: venerdì 15 aprile 2011, 12:23

Re: La Grande Boxe

Messaggio da leggere da AntiGazza » giovedì 26 luglio 2018, 14:24

Non so se qualcuno ha visto la finale del torneo dei pesi cruiser che ha consacrato un pugile per me straordinario,l'ucraino oleksander Usyk .
Pare che sia deciso un suo passaggio tra i massimi , in cui finalmente porterà una ventata di tecnicismo e per me ne porterà a scuola tanti tanti .
Spero tra quei tanti ci sia anche quel obrobrio tecnico che è Deontay Wilder



Albino
Messaggi: 1127
Iscritto il: mercoledì 1 novembre 2017, 20:28

Re: La Grande Boxe

Messaggio da leggere da Albino » lunedì 6 agosto 2018, 9:00

AntiGazza ha scritto:
giovedì 26 luglio 2018, 14:24
Non so se qualcuno ha visto la finale del torneo dei pesi cruiser che ha consacrato un pugile per me straordinario,l'ucraino oleksander Usyk .
Pare che sia deciso un suo passaggio tra i massimi , in cui finalmente porterà una ventata di tecnicismo e per me ne porterà a scuola tanti tanti .
Spero tra quei tanti ci sia anche quel obrobrio tecnico che è Deontay Wilder
Vedo solo ora il tuo messaggio.

Fantastica, davvero fantastica prestazione di Usyk. Ridurre all'impotenza non solo tecnica ma anche psicologica un bulldozer come Gassiev è da eletti.
Nei massimi porterà non solo una ventata di tecnicismo ma anche di rapidità: rarissimo vedere un pugile così grosso muoversi così agilmente.

Da vedere come si comporterà a livello di cardio con addosso peso extra ma non ho dubbi, farà benissimo (e magari nel frattempo da una lezione a Bellew).

Su Wilder, non si può vedere è vero, però ha una potenza incredibile (e naturale visto che non viene da una tecnica corretta) e ha dimostrato contro Ortiz di avere grande resistenza ai colpi e cuore. Non dico che mi piace ma lo sto apprezzando più che in passato.

Sempre riguardo ai massimi settimana scorsa Chisora-Takam e Whyte-Parker sono stati bellissimi match.
Whyte ha battuto l'ex campione WBO facendo uso di tutto il campionario di scorrettezze possibile: testate (una gli è valsa un kd, assurdo), spinte, clinch prolungato... arbitraggio indecente ma incontro con momenti di impareggiabile agonismo.


FantaCicloCross 2017-2018: Campionato del Mondo Uomini Elite


Rispondi