Cinematografo

Dove discutere di altri sport e di tutto il resto
Gimbatbu
Messaggi: 1468
Iscritto il: mercoledì 19 aprile 2017, 17:42

Re: Cinematografo

Messaggio da leggere da Gimbatbu » giovedì 7 maggio 2020, 14:07

lemond ha scritto:
giovedì 7 maggio 2020, 9:01
Cthulhu ha scritto:
mercoledì 6 maggio 2020, 18:11

Va bene, ama i personaggi e allora a me che me ne viene di comprensione del mondo o almeno di una parte?
secondo me sbagli, l'attitudine di un narratore verso i suoi personaggi è fondamentale da un punto di vista estetico; se si sente superiore a loro o alla materia che tratta vuol dire che si nasconde dietro la sua presunzione e quindi è un artista di merda.
Va bene, ti concedo che sia importante, ma la domanda rimane.
[/quote]

Difficile da stabilire. Un esempio: Pasolini quando descrive magistralmente lo scenario delle borgate (parlo del Pasolini di Accattone, Mamma Roma, La ricotta ) a me sembra più un antropologo che posa il suo occhio senza ombra di superiorità, ma inevitabilmente da un piano diverso. Fellini quando gira 8 e mezzo ama i suoi personaggi, ma li trasforma spesso in vesti trasfigurate dal suo delirio onirico diventando a tutti gli effetti un geniale burattinaio. Probabilmente solo Ken Loach ama e crede nei suoi personaggi tanto da fondersi con essi. In Italia forse solo Citto Maselli è riuscito a fare altrettanto, e comunque in entrambi i casi si tratta di registi fortemente ideologizzati.



Cthulhu
Messaggi: 573
Iscritto il: martedì 11 ottobre 2011, 21:36

Re: Cinematografo

Messaggio da leggere da Cthulhu » giovedì 7 maggio 2020, 16:10

Gimbatbu ha scritto:
giovedì 7 maggio 2020, 14:07
lemond ha scritto:
giovedì 7 maggio 2020, 9:01
Cthulhu ha scritto:
mercoledì 6 maggio 2020, 18:11

Va bene, ama i personaggi e allora a me che me ne viene di comprensione del mondo o almeno di una parte?
secondo me sbagli, l'attitudine di un narratore verso i suoi personaggi è fondamentale da un punto di vista estetico; se si sente superiore a loro o alla materia che tratta vuol dire che si nasconde dietro la sua presunzione e quindi è un artista di merda.
Va bene, ti concedo che sia importante, ma la domanda rimane.
Difficile da stabilire. Un esempio: Pasolini quando descrive magistralmente lo scenario delle borgate (parlo del Pasolini di Accattone, Mamma Roma, La ricotta ) a me sembra più un antropologo che posa il suo occhio senza ombra di superiorità, ma inevitabilmente da un piano diverso. Fellini quando gira 8 e mezzo ama i suoi personaggi, ma li trasforma spesso in vesti trasfigurate dal suo delirio onirico diventando a tutti gli effetti un geniale burattinaio. Probabilmente solo Ken Loach ama e crede nei suoi personaggi tanto da fondersi con essi. In Italia forse solo Citto Maselli è riuscito a fare altrettanto, e comunque in entrambi i casi si tratta di registi fortemente ideologizzati.
[/quote]
Fellini che ama i suoi personaggi mi risulta nuova. Sono tutti mostri. Verso i quali è pateticamente condiscendente, al massimo li giustifica per quello che sono: il sogno di ogni ubriacone, come diceva G.B Shaw.
Ultima modifica di Cthulhu il giovedì 7 maggio 2020, 16:20, modificato 1 volta in totale.



Cthulhu
Messaggi: 573
Iscritto il: martedì 11 ottobre 2011, 21:36

Re: Cinematografo

Messaggio da leggere da Cthulhu » giovedì 7 maggio 2020, 16:18

Bitossi ha scritto:
giovedì 7 maggio 2020, 9:51
Un'altra notazione semiseria su Tarantino: ieri sera, approfittando della rassegna su Sky (ma sbaglio o "Inglorious..." non si è visto?), mi sono rivisto The hateful eights, di cui ricordavo l'ambientazione western invernale... e basta!
Ebbene, il bello è che, appena vista una scena, mi dicevo, "ah, vero, adesso ricordo!", ma non ero assolutamente in grado di anticipare quello che sarebbe successo pochi istanti dopo.
Chiaro sintomo di quello che il film mi aveva lasciato: niente! :diavoletto:

PS: il tema doppiaggio è veramente interessante, ed è un'annosa questione con importanti risvolti, che implicano dei più e dei meno alquanto delicati. Magari ci torniamo su, allargando il discorso ai rumori ambientali ed al ruolo della musica (ho già scritto qualcosa a proposito di serie televisive... ;) ).
Mi sfuggono completamente i più del doppiaggio. Forse avere abituato gli italiani - e solo gli italiani - ad accettare senza nemmeno accorgersene che i movimenti della bocca non sono in sincrono con quello che dicono ?
E comunque the hateful heights è il film più orrido di Tarantino, se la gioca con Kill Bill parte seconda. Due film fatti tanto per farli, e si nota.



Cthulhu
Messaggi: 573
Iscritto il: martedì 11 ottobre 2011, 21:36

Re: Cinematografo

Messaggio da leggere da Cthulhu » giovedì 7 maggio 2020, 16:25

lemond ha scritto:
giovedì 7 maggio 2020, 9:01
Cthulhu ha scritto:
mercoledì 6 maggio 2020, 18:11
Io il problema lo taglio alla radice: i film se posso li guardo in lingua originale:fra l'altro è un ottimo modo per imparare le lingue, io dopo 35 anni di film in lingua sono poliglotta.
Pas possible: in primis because jo sé nur Französisch; in secundis diatázei ti gynaíka tou. :D
Cthulhu ha scritto:
mercoledì 6 maggio 2020, 18:30
lemond ha scritto:
mercoledì 6 maggio 2020, 10:29


Va bene, ama i personaggi e allora a me che me ne viene di comprensione del mondo o almeno di una parte?
secondo me sbagli, l'attitudine di un narratore verso i suoi personaggi è fondamentale da un punto di vista estetico; se si sente superiore a loro o alla materia che tratta vuol dire che si nasconde dietro la sua presunzione e quindi è un artista di merda.
Va bene, ti concedo che sia importante, ma la domanda rimane.
i film mica si guardano per comprendere il mondo, qualsiasi cosa sia il mondo. Al massimo si guardano per capire il film che stai guardando. Come diceva Hitchcock, se volevo mandare dei messaggi facevo il postino.
Per il resto ti consiglio il pallosissimo film brasiliano Der leone has sept cabezas....



Avatar utente
lemond
Messaggi: 13322
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:52
Località: Firenze

Re: Cinematografo

Messaggio da leggere da lemond » giovedì 7 maggio 2020, 16:48

Cthulhu ha scritto:
giovedì 7 maggio 2020, 16:25
i film mica si guardano per comprendere il mondo, qualsiasi cosa sia il mondo. Al massimo si guardano per capire il film che stai guardando. Come diceva Hitchcock, se volevo mandare dei messaggi facevo il postino.
Per il resto ti consiglio il pallosissimo film brasiliano Der leone has sept cabezas....
Per rispondere ad Hitchcock potrei dire che il postino non manda messaggi, ma consegna solo plichi, senza, si spera, sapere quel che contengono. Chi fa un film non credo sia così cieco e quindi per forza trasmette qualcosa di sé. A me interessa conoscerlo e penserò se costui non ha nulla di buono da dirmi, oppure il contrario. Dipoi guardo i film per sorridere e trascorrere il tempo in modo piacevole; altro non chiedo e se dopo pochi minuti (possono essere sia primi che secondi) mi annoio, passo ad altro, come ho sempre fatto con Fellini. :)


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
i barbieri il lunedì
e il mitico Lopez, che lavora alla Coop,
... il martedì. :bll:

Avatar utente
Bitossi
Messaggi: 3620
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 12:41
Località: Milano

Re: Cinematografo

Messaggio da leggere da Bitossi » giovedì 7 maggio 2020, 18:25

Cthulhu ha scritto:
giovedì 7 maggio 2020, 16:18
Bitossi ha scritto:
giovedì 7 maggio 2020, 9:51
Un'altra notazione semiseria su Tarantino: ieri sera, approfittando della rassegna su Sky (ma sbaglio o "Inglorious..." non si è visto?), mi sono rivisto The hateful eights, di cui ricordavo l'ambientazione western invernale... e basta!
Ebbene, il bello è che, appena vista una scena, mi dicevo, "ah, vero, adesso ricordo!", ma non ero assolutamente in grado di anticipare quello che sarebbe successo pochi istanti dopo.
Chiaro sintomo di quello che il film mi aveva lasciato: niente! :diavoletto:

PS: il tema doppiaggio è veramente interessante, ed è un'annosa questione con importanti risvolti, che implicano dei più e dei meno alquanto delicati. Magari ci torniamo su, allargando il discorso ai rumori ambientali ed al ruolo della musica (ho già scritto qualcosa a proposito di serie televisive... ;) ).
Mi sfuggono completamente i più del doppiaggio. Forse avere abituato gli italiani - e solo gli italiani - ad accettare senza nemmeno accorgersene che i movimenti della bocca non sono in sincrono con quello che dicono ?
E comunque the hateful heights è il film più orrido di Tarantino, se la gioca con Kill Bill parte seconda. Due film fatti tanto per farli, e si nota.
Be', via, Cthu, nel dopoguerra ci fu un dibattito bello acceso (ricordo un intervento di Antonioni, quando era giornalista), anche di tipo ideologico. Fermo restando che in generale per capire pienamente le sfumature di significato del parlato di un film straniero, bisogna essere in pratica un bilingue (per noi italiani soprattutto se non recitato in lingue neolatine, ma anche con queste ultime, il più delle volte. E poi vogliamo parlare della gente di… facciamo Timbuctu, di fronte ad un film cecoslovacco, per fare un esempio?), si pone allora la questione dei sottotitoli.
Problemi spicci: ti voglio vedere a rendere un battibecco a più voci, coi sottotitoli! :D
Quand'anche ciò sia possibile, e comunque anche nei dialoghi "normali", questi giocoforza vanno ad occupare uno spazio abbastanza importante del fotogramma; fra l'altro, dovendoli leggere, distraendo in parte lo spettatore dai movimenti di macchina, attoriali, ecc.
Cioè dall'essenza stessa del cinema, no? ;)
Quindi, il più delle volte, vengono fatte delle specie di "riassunti". La cosa è molto evidente soprattutto quando i due lavori (doppiaggio e sottotitolazione) vengono fatti in tempi o da persone diverse. Lo si vede spesso nelle serie televisive, nei canali con scelta di lingua audio e sottotitoli, ma anche a volte nei DVD. Se si sceglie il doppiaggio, questo dice una cosa; se si scelgono i sottotitoli, spesso ne scrivono un'altra, ovviamente non agli antipodi, ma ogni tanto con rilevanti sfumature di senso. Quindi? A chi va dato più credito? :dubbio:

Riassumendo: non si può parlare e capire tutte le lingue del mondo. Inglese, francese e spagnolo molto raccomandati, ma bisogna essere ad un livello molto alto, se non "proficiency".
I sottotitoli rubano spazio e attenzione al fotogramma. Nel Wort-Ton-Drama del 20° secolo, chi l'ha detto che il "Wort" sia la parte più importante?
Ed un doppiaggio professionale non aiuta forse a rendere meglio quello che vogliono dire i dialoghi e di conseguenza gli artisti coinvolti?

Claro che il doppiaggio porta con sé altri problemi, ma nel succitato dibattito (Antonioni era ovviamente per il non-doppiaggio, grazie, pure io in teoria!), magari datato, c'era pure la voce che affermava che il "popolo", mediante una buona resa dei dialoghi, potesse essere maggiormente attratto da questa nuova forma d'arte, che proprio nel dopoguerra stava vivendo il suo boom, a livello planetario.
Non sono sicuro che tale impostazione molto ideologica, almeno in linea teorica e generale, non sia valida ancor oggi, anche se il mercato mondiale ormai è quasi completamente occupato da prodotti anglosassoni. :boh:


Ringrazio la mia mamma per avermi fatto studiare da ciclista

Cthulhu
Messaggi: 573
Iscritto il: martedì 11 ottobre 2011, 21:36

Re: Cinematografo

Messaggio da leggere da Cthulhu » giovedì 7 maggio 2020, 20:08

Bitossi ha scritto:
giovedì 7 maggio 2020, 18:25
Cthulhu ha scritto:
giovedì 7 maggio 2020, 16:18
Bitossi ha scritto:
giovedì 7 maggio 2020, 9:51
Un'altra notazione semiseria su Tarantino: ieri sera, approfittando della rassegna su Sky (ma sbaglio o "Inglorious..." non si è visto?), mi sono rivisto The hateful eights, di cui ricordavo l'ambientazione western invernale... e basta!
Ebbene, il bello è che, appena vista una scena, mi dicevo, "ah, vero, adesso ricordo!", ma non ero assolutamente in grado di anticipare quello che sarebbe successo pochi istanti dopo.
Chiaro sintomo di quello che il film mi aveva lasciato: niente! :diavoletto:

PS: il tema doppiaggio è veramente interessante, ed è un'annosa questione con importanti risvolti, che implicano dei più e dei meno alquanto delicati. Magari ci torniamo su, allargando il discorso ai rumori ambientali ed al ruolo della musica (ho già scritto qualcosa a proposito di serie televisive... ;) ).
Mi sfuggono completamente i più del doppiaggio. Forse avere abituato gli italiani - e solo gli italiani - ad accettare senza nemmeno accorgersene che i movimenti della bocca non sono in sincrono con quello che dicono ?
E comunque the hateful heights è il film più orrido di Tarantino, se la gioca con Kill Bill parte seconda. Due film fatti tanto per farli, e si nota.
Be', via, Cthu, nel dopoguerra ci fu un dibattito bello acceso (ricordo un intervento di Antonioni, quando era giornalista), anche di tipo ideologico. Fermo restando che in generale per capire pienamente le sfumature di significato del parlato di un film straniero, bisogna essere in pratica un bilingue (per noi italiani soprattutto se non recitato in lingue neolatine, ma anche con queste ultime, il più delle volte. E poi vogliamo parlare della gente di… facciamo Timbuctu, di fronte ad un film cecoslovacco, per fare un esempio?), si pone allora la questione dei sottotitoli.
Problemi spicci: ti voglio vedere a rendere un battibecco a più voci, coi sottotitoli! :D
Quand'anche ciò sia possibile, e comunque anche nei dialoghi "normali", questi giocoforza vanno ad occupare uno spazio abbastanza importante del fotogramma; fra l'altro, dovendoli leggere, distraendo in parte lo spettatore dai movimenti di macchina, attoriali, ecc.
Cioè dall'essenza stessa del cinema, no? ;)
Quindi, il più delle volte, vengono fatte delle specie di "riassunti". La cosa è molto evidente soprattutto quando i due lavori (doppiaggio e sottotitolazione) vengono fatti in tempi o da persone diverse. Lo si vede spesso nelle serie televisive, nei canali con scelta di lingua audio e sottotitoli, ma anche a volte nei DVD. Se si sceglie il doppiaggio, questo dice una cosa; se si scelgono i sottotitoli, spesso ne scrivono un'altra, ovviamente non agli antipodi, ma ogni tanto con rilevanti sfumature di senso. Quindi? A chi va dato più credito? :dubbio:

Riassumendo: non si può parlare e capire tutte le lingue del mondo. Inglese, francese e spagnolo molto raccomandati, ma bisogna essere ad un livello molto alto, se non "proficiency".
I sottotitoli rubano spazio e attenzione al fotogramma. Nel Wort-Ton-Drama del 20° secolo, chi l'ha detto che il "Wort" sia la parte più importante?
Ed un doppiaggio professionale non aiuta forse a rendere meglio quello che vogliono dire i dialoghi e di conseguenza gli artisti coinvolti?

Claro che il doppiaggio porta con sé altri problemi, ma nel succitato dibattito (Antonioni era ovviamente per il non-doppiaggio, grazie, pure io in teoria!), magari datato, c'era pure la voce che affermava che il "popolo", mediante una buona resa dei dialoghi, potesse essere maggiormente attratto da questa nuova forma d'arte, che proprio nel dopoguerra stava vivendo il suo boom, a livello planetario.
Non sono sicuro che tale impostazione molto ideologica, almeno in linea teorica e generale, non sia valida ancor oggi, anche se il mercato mondiale ormai è quasi completamente occupato da prodotti anglosassoni. :boh:
In inglese sono fluent, ho vissuto un anno tra Londra e New York e riconosco bene gli accenti, perlomeno capisco se uno è del midwest,o californiano, o australiano o canadese o scozzese ( facilissimo ,arrotolano le r in una maniera pazzesca ) o gallese o dello Yorkshire ( in questo caso è facilissimo, non capisco una parola, ma pare sia lo stesso per tutti ) etc, lo spagnolo lo parlo da messicano - altri 6 mesi - e non è nemmeno difficile come dialetto, basta dire chinga o chingon ogni tre parole... da giovane ero un bel giramondo, il francese in effetti è tutto cinematografico, ma un parigino da un marsigliese o un bretone o lo distinguo .Ma a parte questo, non capire molte sfumature è meglio che perdersele tutte come succede nel doppiaggio. Poi uno si veda pure i film doppiati, ma a me vedere una geisha o un cowboy che parla con accento romano fa ridere, punto e basta



Avatar utente
Bitossi
Messaggi: 3620
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 12:41
Località: Milano

Re: Cinematografo

Messaggio da leggere da Bitossi » venerdì 8 maggio 2020, 0:07

Eh, appunto, l’ho scritto: per godersi a pieno un film in un’altra lingua, bisogna avere una tal dimestichezza da arrivare quasi a pensare, in quella lingua.
Non posso dimenticare i miei primi giorni negli USA, ad Austin per giunta: arrivato lì con la certezza di poter dire qualsiasi cosa, non avevo fatto i conti con l’accento texano, peggio se parlato da neri, che limitava almeno in parte la mia comprensione e quindi la comunicazione. Poi a tutto ovviamente si fa l’abitudine. Inoltre, nella vita reale si può chiedere “Would you mind repeating?”, al cinema non c’è replay... :D
Quindi il mio compromesso attuale, grazie alla tecnologia, è quello di guardare ogni tanto i film in lingua originale (praticamente sempre inglese) con i sottotitoli nella medesima. Così godo il film al 90% (c’è sempre il problema di doverli leggere, i sottotitoli, laddove non si è capito qualche grugnito), senza dover continuamente fare indietro/avanti per capire che cosa ha detto il bovaro del Southwest di turno, o anche il tossico di New York.
Questo per i film in lingua inglese, o altra conosciuta. Ma come la mettiamo con Parasite, ad esempio? (l’ho registrato, e lo vedrò nei prossimi giorni)
Tu Cthu, che cosa hai fatto? L’avrai visto doppiato in italiano, immagino, come mi accingo a fare io. Oppure l’hai visto in lingua originale, con sottotitoli in italiano?
Per come la vedo io, tra il rischio di trovarsi Kim Soo Kim che parla con accento centroitaliano (ma i doppiatori italiani da questo punto di vista non sono malaccio, mi pare) e quello di poter perdere alcune sfumature del “visivo” per leggere i sottotitoli, c’è una sostanziale parità.
Per questo scrivevo che la cosa non è così semplice, a maggior ragione se, tornando all‘italiano medio, non c’è neppure la possibilità di utilizzare il mio compromesso... :boh:


Ringrazio la mia mamma per avermi fatto studiare da ciclista

Gimbatbu
Messaggi: 1468
Iscritto il: mercoledì 19 aprile 2017, 17:42

Re: Cinematografo

Messaggio da leggere da Gimbatbu » venerdì 8 maggio 2020, 0:21

Bitossi ha scritto:
venerdì 8 maggio 2020, 0:07
Kim Soo Kim che parla con accento centroitaliano
Ma non era un pugile?

E comunque guarda come si chiama il doppiatore del protagonista. Massimo Bitossi: Park Dong-ik



Cthulhu
Messaggi: 573
Iscritto il: martedì 11 ottobre 2011, 21:36

Re: Cinematografo

Messaggio da leggere da Cthulhu » venerdì 8 maggio 2020, 0:28

Bitossi ha scritto:
venerdì 8 maggio 2020, 0:07
Eh, appunto, l’ho scritto: per godersi a pieno un film in un’altra lingua, bisogna avere una tal dimestichezza da arrivare quasi a pensare, in quella lingua.
Non posso dimenticare i miei primi giorni negli USA, ad Austin per giunta: arrivato lì con la certezza di poter dire qualsiasi cosa, non avevo fatto i conti con l’accento texano, peggio se parlato da neri, che limitava almeno in parte la mia comprensione e quindi la comunicazione. Poi a tutto ovviamente si fa l’abitudine. Inoltre, nella vita reale si può chiedere “Would you mind repeating?”, al cinema non c’è replay... :D
Quindi il mio compromesso attuale, grazie alla tecnologia, è quello di guardare ogni tanto i film in lingua originale (praticamente sempre inglese) con i sottotitoli nella medesima. Così godo il film al 90% (c’è sempre il problema di doverli leggere, i sottotitoli, laddove non si è capito qualche grugnito), senza dover continuamente fare indietro/avanti per capire che cosa ha detto il bovaro del Southwest di turno, o anche il tossico di New York.
Questo per i film in lingua inglese, o altra conosciuta. Ma come la mettiamo con Parasite, ad esempio? (l’ho registrato, e lo vedrò nei prossimi giorni)
Tu Cthu, che cosa hai fatto? L’avrai visto doppiato in italiano, immagino, come mi accingo a fare io. Oppure l’hai visto in lingua originale, con sottotitoli in italiano?
Per come la vedo io, tra il rischio di trovarsi Kim Soo Kim che parla con accento centroitaliano (ma i doppiatori italiani da questo punto di vista non sono malaccio, mi pare) e quello di poter perdere alcune sfumature del “visivo” per leggere i sottotitoli, c’è una sostanziale parità.
Per questo scrivevo che la cosa non è così semplice, a maggior ragione se, tornando all‘italiano medio, non c’è neppure la possibilità di utilizzare il mio compromesso... :boh:
I texani in effetti belano un po', se perdo il filo mi ci vuole un po' per riprenderlo. Ma è un problema che hanno anche gli altri americani. L'americano standard comunque è l'inglese più facile da capire almeno per un italiano, le consonanti le pronunciano tutte e le vocali sono piene, peggio gli inglesi.
Ovviamente Parasite l'ho visto sottotitolato. I coreani non parlano italiano. E non credo che leggere i sottotitoli disturbi così tanto l'aspetto visivo.
Meno di quanto lo disturbi vedere le labbra che si muovono fuori sincrono, comunque.
P.S: ho visto per curiosità 10 minuti di OUATIH in italiano su SKY: è veramente terribile, Pitt sembra un idiota e Di Caprio un piagnucolone.



Avatar utente
Bitossi
Messaggi: 3620
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 12:41
Località: Milano

Re: Cinematografo

Messaggio da leggere da Bitossi » venerdì 8 maggio 2020, 11:38

Gimbatbu ha scritto:
venerdì 8 maggio 2020, 0:21
Bitossi ha scritto:
venerdì 8 maggio 2020, 0:07
Kim Soo Kim che parla con accento centroitaliano
Ma non era un pugile?

E comunque guarda come si chiama il doppiatore del protagonista. Massimo Bitossi: Park Dong-ik
Reminiscenze d’infanzia, mi sembrava il classico nome coreano. :D

Per aggiungere schifezza a schifezza, ieri sera ho visto pure Grindhouse Deathproof, che a quel punto era l’unico film di Tarantino che non avevo mai visto. :vomitino:
Vabbe’, sorvoliamo... :boh:


Ringrazio la mia mamma per avermi fatto studiare da ciclista

Gimbatbu
Messaggi: 1468
Iscritto il: mercoledì 19 aprile 2017, 17:42

Re: Cinematografo

Messaggio da leggere da Gimbatbu » venerdì 8 maggio 2020, 12:35

Bitossi ha scritto:
venerdì 8 maggio 2020, 11:38
Gimbatbu ha scritto:
venerdì 8 maggio 2020, 0:21
Bitossi ha scritto:
venerdì 8 maggio 2020, 0:07
Kim Soo Kim che parla con accento centroitaliano
Ma non era un pugile?

E comunque guarda come si chiama il doppiatore del protagonista. Massimo Bitossi: Park Dong-ik
Reminiscenze d’infanzia, mi sembrava il classico nome coreano. :D

Per aggiungere schifezza a schifezza, ieri sera ho visto pure Grindhouse Deathproof, che a quel punto era l’unico film di Tarantino che non avevo mai visto. :vomitino:
Vabbe’, sorvoliamo... :boh:
Su Tarantino posso solo dire una cosa: ha talmente rotto le scatole con il deja-vu, riferimenti simbolici ecc. ecc. che se il povero Bruce Lee per nemesi cinematografica tornasse in vita, la prima cosa che farebbe è dare un sacco di botte a Quintino...



Avatar utente
nemecsek.
Messaggi: 2278
Iscritto il: mercoledì 6 gennaio 2016, 22:35

Re: Cinematografo

Messaggio da leggere da nemecsek. » venerdì 8 maggio 2020, 13:34

Bitossi ha scritto:
venerdì 8 maggio 2020, 0:07

Non posso dimenticare i miei primi giorni negli USA, ad Austin per giunta: arrivato lì con la certezza di poter dire qualsiasi cosa, non avevo fatto i conti con l’accento texano, peggio se parlato da neri, che limitava almeno in parte la mia comprensione e quindi la comunicazione. Poi a tutto ovviamente si fa l’abitudine. Inoltre, nella vita reale si può chiedere “Would you mind repeating?”, al cinema non c’è replay... :D

OT

Frequentando la linea ferroviaria TO/GE ho praticato la prossimità con parecchi nigeriani (Rosa Parks me cojoni) :diavoletto:
Ho quindi mio malgrado appreso il pidgin, lingua urlata (Rosa Parks ecc ecc) da tali gentiluomini

AHAHAHAH AI MA GA' BRADA AI MA BAH TO MA WUOMA AHAHAHAH


Immagine

Avatar utente
Bitossi
Messaggi: 3620
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 12:41
Località: Milano

Re: Cinematografo

Messaggio da leggere da Bitossi » venerdì 8 maggio 2020, 13:54

Gimbatbu ha scritto:
venerdì 8 maggio 2020, 12:35
Bitossi ha scritto:
venerdì 8 maggio 2020, 11:38
Gimbatbu ha scritto:
venerdì 8 maggio 2020, 0:21


Ma non era un pugile?

E comunque guarda come si chiama il doppiatore del protagonista. Massimo Bitossi: Park Dong-ik
Reminiscenze d’infanzia, mi sembrava il classico nome coreano. :D

Per aggiungere schifezza a schifezza, ieri sera ho visto pure Grindhouse Deathproof, che a quel punto era l’unico film di Tarantino che non avevo mai visto. :vomitino:
Vabbe’, sorvoliamo... :boh:
Su Tarantino posso solo dire una cosa: ha talmente rotto le scatole con il deja-vu, riferimenti simbolici ecc. ecc. che se il povero Bruce Lee per nemesi cinematografica tornasse in vita, la prima cosa che farebbe è dare un sacco di botte a Quintino...
Però Inglorious Basterds l’avrei rivisto volentieri, perché comincia ad annebbiarsi nella memoria, e poi Waltz mi sta simpatico.
Ma non mi è sembrato in programmazione, almeno negli ultimi giorni. Alla faccia della rassegna, mica parliamo di Hitchcock, poi. :boh:
Nemmeno Le Iene, mi pare, mentre ho visto passare prodotti spuri come Four Rooms, Sin City e Dal tramonto all’alba.
Se è così, a cosa può essere dovuto? Questione di diritti? :dubbio:


Ringrazio la mia mamma per avermi fatto studiare da ciclista

Cthulhu
Messaggi: 573
Iscritto il: martedì 11 ottobre 2011, 21:36

Re: Cinematografo

Messaggio da leggere da Cthulhu » venerdì 8 maggio 2020, 14:12

Bitossi ha scritto:
venerdì 8 maggio 2020, 13:54
Gimbatbu ha scritto:
venerdì 8 maggio 2020, 12:35
Bitossi ha scritto:
venerdì 8 maggio 2020, 11:38

Reminiscenze d’infanzia, mi sembrava il classico nome coreano. :D

Per aggiungere schifezza a schifezza, ieri sera ho visto pure Grindhouse Deathproof, che a quel punto era l’unico film di Tarantino che non avevo mai visto. :vomitino:
Vabbe’, sorvoliamo... :boh:
Su Tarantino posso solo dire una cosa: ha talmente rotto le scatole con il deja-vu, riferimenti simbolici ecc. ecc. che se il povero Bruce Lee per nemesi cinematografica tornasse in vita, la prima cosa che farebbe è dare un sacco di botte a Quintino...
Però Inglorious Basterds l’avrei rivisto volentieri, perché comincia ad annebbiarsi nella memoria, e poi Waltz mi sta simpatico.
Ma non mi è sembrato in programmazione, almeno negli ultimi giorni. Alla faccia della rassegna, mica parliamo di Hitchcock, poi. :boh:
Nemmeno Le Iene, mi pare, mentre ho visto passare prodotti spuri come Four Rooms, Sin City e Dal tramonto all’alba.
Se è così, a cosa può essere dovuto? Questione di diritti? :dubbio:
Avranno preso un pacchetto nel quale quei due film, vai a sapere per che motivo, non c'erano. io ai suoi tempi organizzai un po' di rassegne da cineforum e non si sa come mai qualche film mancava sempre, anche se era prodotto e distribuito dagli stessi. Poi magari l'anno dopo c'era e ne mancava un altro. Gli unici che ti davano soddisfazione completa, a scorno di lemond :D ,erano quelli della San Paolo che avevano tutto di tutto, anche di noti atei e/o comunisti.



riddler
Messaggi: 1105
Iscritto il: domenica 24 luglio 2011, 22:07

Re: Cinematografo

Messaggio da leggere da riddler » sabato 9 maggio 2020, 11:04

Ieri ho visto i david di Donatello tanti riconoscimenti per il Traditore e Pinocchio
Tanti davvero
Per me anche troppi

Purtroppo ho la cattiva abitudine di fare paragoni col passato una pietra miliare del cinema italiano come Nuovo cinema paradiso che penso sia uno dei migliori film italiani di sempre ne vince uno solo come colonna sonora e 5 a Pinocchio???
Mah...
In quella edizione concorrevano anche:
La leggenda del Santo bevitore (che trionfò)
Mery per sempre
Compagni di scuola

Mi sembra che se il cinema americano non gode di brillantezza il cinema italiano non scherza
È salvato forse da Favino ma a parte lui poco

La stessa vittoria di Lo Cascio... mah
Come attore non protagonista nel senso della parola.... perché avrà recitato per 2 minuti totali
-


Ecco l'elenco delle corse minori del ciclismo:
http://it.wikipedia.org/wiki/Sacha_Modolo

riddler
Messaggi: 1105
Iscritto il: domenica 24 luglio 2011, 22:07

Re: Cinematografo

Messaggio da leggere da riddler » sabato 9 maggio 2020, 11:08

Lo avete visto Memorie di un assassino?
Ma è davvero migliore di Parasite?
Per me no
Certo che fino alla fine il fatto che non si trovi il colpevole lascia tanta suspense e l'ironia non manca nel film (la scena della flebo è una chicca)
Ma Parasite mi pare superiore come film


Ecco l'elenco delle corse minori del ciclismo:
http://it.wikipedia.org/wiki/Sacha_Modolo

Cthulhu
Messaggi: 573
Iscritto il: martedì 11 ottobre 2011, 21:36

Re: Cinematografo

Messaggio da leggere da Cthulhu » sabato 9 maggio 2020, 11:51

riddler ha scritto:
sabato 9 maggio 2020, 11:08
Lo avete visto Memorie di un assassino?
Ma è davvero migliore di Parasite?
Per me no
Certo che fino alla fine il fatto che non si trovi il colpevole lascia tanta suspense e l'ironia non manca nel film (la scena della flebo è una chicca)
Ma Parasite mi pare superiore come film
Parasite di sicuro ha una produzione migliore, ha potuto spendere di più. E' anche più stringente come apologo, l'altro è un po' più erratico, cosa che in se non è negativa a priori. Però anche Memorie è un gran bel film.
Peccato l'ho visto solo doppiato e il doppiaggio è veramente orrendo.



riddler
Messaggi: 1105
Iscritto il: domenica 24 luglio 2011, 22:07

Re: Cinematografo

Messaggio da leggere da riddler » sabato 9 maggio 2020, 12:03

Cthulhu ha scritto:
sabato 9 maggio 2020, 11:51
riddler ha scritto:
sabato 9 maggio 2020, 11:08
Lo avete visto Memorie di un assassino?
Ma è davvero migliore di Parasite?
Per me no
Certo che fino alla fine il fatto che non si trovi il colpevole lascia tanta suspense e l'ironia non manca nel film (la scena della flebo è una chicca)
Ma Parasite mi pare superiore come film
Parasite di sicuro ha una produzione migliore, ha potuto spendere di più. E' anche più stringente come apologo, l'altro è un po' più erratico, cosa che in se non è negativa a priori. Però anche Memorie è un gran bel film.
Peccato l'ho visto solo doppiato e il doppiaggio è veramente orrendo.
Ma magari non ci sono tutti sti doppiatori coreani

Ma è vera nel senso realistico la prima persona che hanno fermata quella con l'handicap?
Cioè nella realtà davvero pensavano potesse essere colpevole?


Ecco l'elenco delle corse minori del ciclismo:
http://it.wikipedia.org/wiki/Sacha_Modolo

Cthulhu
Messaggi: 573
Iscritto il: martedì 11 ottobre 2011, 21:36

Re: Cinematografo

Messaggio da leggere da Cthulhu » sabato 9 maggio 2020, 13:12

riddler ha scritto:
sabato 9 maggio 2020, 11:04
Ieri ho visto i david di Donatello tanti riconoscimenti per il Traditore e Pinocchio
Tanti davvero
Per me anche troppi

Purtroppo ho la cattiva abitudine di fare paragoni col passato una pietra miliare del cinema italiano come Nuovo cinema paradiso che penso sia uno dei migliori film italiani di sempre ne vince uno solo come colonna sonora e 5 a Pinocchio???
Mah...
In quella edizione concorrevano anche:
La leggenda del Santo bevitore (che trionfò)
Mery per sempre
Compagni di scuola

Mi sembra che se il cinema americano non gode di brillantezza il cinema italiano non scherza
È salvato forse da Favino ma a parte lui poco

La stessa vittoria di Lo Cascio... mah
Come attore non protagonista nel senso della parola.... perché avrà recitato per 2 minuti totali
-
,
il David di Donatello ha una lunga nobile tradizione di premi dati ad autentiche schifezze, sono tutte scelte da sottobosco, di soddisfazioni e contentini da dare a questo o quello.
Ad esempio Tornatore non ha vinto con Cinema Paradiso, in compenso lo hanno premiato per due filmetti che nessuno si ricorda
Per non parlare dei premi dati alla Archibugi a Soldini, a Ozpetek, a Martone ( un tizio incapace di gestire più di tre persone in un'inquadratura, se ce ne sono di più stanno a girarsi i pollici, una roba da filodrammatici ), etc, etc, tutta gente che ha santi in paradiso ( leggi ambiente PCI/DS/PD - a scanso di equivoci io sono di sinistra ). E che fa regolarmente sgomentare la critica straniera quando i loro film vengono invitati nei festival.
Sono stati premiati film ben più brutti del Traditore, che di sicuro non è un capolavoro. E' un bel ( EDIT: discreto, vai ) film che però poteva essere girato pari pari 40 anni fa. Per il resto intendo proporre una iniziativa popolare per una legge con un solo articolo. " è proibito fare film tratti da Pinocchio". Fra l'altro porta pure sfiga: Nuti ( anche se Pinocchio era solo nel titolo) e Benigni ci hanno praticamente concluso la carriera cinematografica.Tremo per Del Toro...Garrone va bene se fa Gomorra,l'imbalsamatore e Dogman, tutte le volte che si è allontanato dal seminato ha fatto delle porcherie ,anche se i critici italiani cercano di indorare come sempre la pillola: come si fa a parlare male di gente con cui vai a cena insieme ? - parlo in generale, non so con chi va a cena Garrone, ma da vecchio frequentatore di festival con accredito stampa ho capito tante cose...
Il cinema italiano in generale ha avuto anche momenti peggiori. La Rohrwacher è grande, Guadagnino ha il suo perché,anche se non è la mia tazza di te, Sorrentino lo odio,ma il grottesco all'italiana pare piaccia come sempre, Carpignano ha fatto due film veramente belli.
Ultima modifica di Cthulhu il sabato 9 maggio 2020, 13:26, modificato 1 volta in totale.



Cthulhu
Messaggi: 573
Iscritto il: martedì 11 ottobre 2011, 21:36

Re: Cinematografo

Messaggio da leggere da Cthulhu » sabato 9 maggio 2020, 13:16

riddler ha scritto:
sabato 9 maggio 2020, 12:03
Cthulhu ha scritto:
sabato 9 maggio 2020, 11:51
riddler ha scritto:
sabato 9 maggio 2020, 11:08
Lo avete visto Memorie di un assassino?
Ma è davvero migliore di Parasite?
Per me no
Certo che fino alla fine il fatto che non si trovi il colpevole lascia tanta suspense e l'ironia non manca nel film (la scena della flebo è una chicca)
Ma Parasite mi pare superiore come film
Parasite di sicuro ha una produzione migliore, ha potuto spendere di più. E' anche più stringente come apologo, l'altro è un po' più erratico, cosa che in se non è negativa a priori. Però anche Memorie è un gran bel film.
Peccato l'ho visto solo doppiato e il doppiaggio è veramente orrendo.
Ma magari non ci sono tutti sti doppiatori coreani

Ma è vera nel senso realistico la prima persona che hanno fermata quella con l'handicap?
Cioè nella realtà davvero pensavano potesse essere colpevole?
Beh i doppiatori erano italiani ovviamente. Sul caso reale non so nulla, ma perché stupirsi ? Ci hanno fatto credere che il mostro di Firenze fossero tre guardoni semianalfabeti di paese...



Avatar utente
nemecsek.
Messaggi: 2278
Iscritto il: mercoledì 6 gennaio 2016, 22:35

Re: Cinematografo

Messaggio da leggere da nemecsek. » lunedì 11 maggio 2020, 0:06

febbra ha scritto:
venerdì 24 aprile 2020, 19:01
Gimbatbu ha scritto:
venerdì 24 aprile 2020, 16:04
febbra ha scritto:
venerdì 24 aprile 2020, 0:27
Se può interessare ho visto il film Storia di un fantasma (A Ghost Story) di David Lowery con Casey Affleck ed un'ottima Rooney Mara. :cuore: Film molto particolare che dà una visione alternativa della vita, della morte e del tempo che passa, che è passato e che passerà (mi ha ricordato per molti aspetti 'Quand'ero mortale', bellissimo racconto di Javier Marias). Vedetevi il film e leggetevi il racconto, se potete. :stretta:

:hippy:
Cercherò il film, sono molto incuriosito dal parallelismo con Marias autore secondo me tra i migliori in assoluto del panorama mondiale. Anche se OT consiglio il suo Domani nella battaglia pensa a me, fantastico romanzo per piani paralleli di una bellezza avvincente. Che non abbia ancora preso il Nobel la dice lunga sulla competenza dei giurati...
Capolavoro. :yes: :stretta:

:hippy:
Vi rinnovo i ringraziamenti, fighiuletti...
Letta la battaglia, attacchiamo col fantasma (letterario).
Una prosa sorprendente, densa, tesa all'inconoscibile... e con pochi, pochissimi punti fermi.
L.F. Destouches, di cui ricorda il lucido rigore introspettivo, avrebbe detto... Formidaaaable...


Immagine

Gimbatbu
Messaggi: 1468
Iscritto il: mercoledì 19 aprile 2017, 17:42

Re: Cinematografo

Messaggio da leggere da Gimbatbu » lunedì 11 maggio 2020, 9:44

nemecsek. ha scritto:
lunedì 11 maggio 2020, 0:06
febbra ha scritto:
venerdì 24 aprile 2020, 19:01
Gimbatbu ha scritto:
venerdì 24 aprile 2020, 16:04


Cercherò il film, sono molto incuriosito dal parallelismo con Marias autore secondo me tra i migliori in assoluto del panorama mondiale. Anche se OT consiglio il suo Domani nella battaglia pensa a me, fantastico romanzo per piani paralleli di una bellezza avvincente. Che non abbia ancora preso il Nobel la dice lunga sulla competenza dei giurati...
Capolavoro. :yes: :stretta:

:hippy:
Vi rinnovo i ringraziamenti, fighiuletti...
Letta la battaglia, attacchiamo col fantasma (letterario).
Una prosa sorprendente, densa, tesa all'inconoscibile... e con pochi, pochissimi punti fermi.
L.F. Destouches, di cui ricorda il lucido rigore introspettivo, avrebbe detto... Formidaaaable...
:cincin:



Gimbatbu
Messaggi: 1468
Iscritto il: mercoledì 19 aprile 2017, 17:42

Re: Cinematografo

Messaggio da leggere da Gimbatbu » lunedì 11 maggio 2020, 10:33

nemecsek. ha scritto:
lunedì 11 maggio 2020, 0:06

Letta la battaglia, attacchiamo col fantasma (letterario).
Contento che sia di tuo gradimento, dopo aver finito il "fantasma", sempre dello stesso autore molto bello è anche "Un cuore così bianco" che affronta tra gli altri temi anche quello di coloro incaricati di tradurre da una lingua all' altra, argomento quanto mai dibattuto in questa sede.



Avatar utente
lemond
Messaggi: 13322
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:52
Località: Firenze

Re: Cinematografo

Messaggio da leggere da lemond » lunedì 11 maggio 2020, 12:30

Carlo Rovelli e l'arte (aggiungo io, cinematografica) https://youtu.be/fVany7qlUyE?list=TLPQM ... KuQ&t=1168


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
i barbieri il lunedì
e il mitico Lopez, che lavora alla Coop,
... il martedì. :bll:

Cthulhu
Messaggi: 573
Iscritto il: martedì 11 ottobre 2011, 21:36

Re: Cinematografo

Messaggio da leggere da Cthulhu » lunedì 11 maggio 2020, 15:16

lemond ha scritto:
lunedì 11 maggio 2020, 12:30
Carlo Rovelli e l'arte (aggiungo io, cinematografica) https://youtu.be/fVany7qlUyE?list=TLPQM ... KuQ&t=1168
"Negare la successione temporale, negare l’io, negare l’universo astronomico, sono disperazioni apparenti e consolazioni segrete. Il nostro destino (a differenza dell’inferno di Swedenborg e dell’inferno della mitologia tibetana) non è spaventoso perché
irreale; è spaventoso perché è irreversibile e di ferro. Il tempo è la sostanza di cui sono fatto.
Il tempo è un fiume che mi trascina, e io sono il fiume; è una tigre che mi sbrana, ma io sono
la tigre; è un fuoco che mi divora, ma io sono il fuoco. Il mondo, disgraziatamente, è reale; io,
disgraziatamente, sono Borges."

https://youtu.be/jhUwKBOwNN4?t=5598



Oude Kwaremont
Messaggi: 1646
Iscritto il: mercoledì 1 gennaio 2014, 12:30
Località: Pesaro

Re: Cinematografo

Messaggio da leggere da Oude Kwaremont » lunedì 11 maggio 2020, 19:49

Ho visto sabato sera Under The Skin.
L' idea di base poteva anche essere buona, ma ne è uscita una schifezza in cui ogni scena, anche quelle potenzialmente interessanti, diventava solo l' ennesima scena inguardabile di un film ignobile.

Per curiosità ho visto le recensioni. Entusiastiche :dubbio:



Cthulhu
Messaggi: 573
Iscritto il: martedì 11 ottobre 2011, 21:36

Re: Cinematografo

Messaggio da leggere da Cthulhu » lunedì 11 maggio 2020, 20:22

Oude Kwaremont ha scritto:
lunedì 11 maggio 2020, 19:49
Ho visto sabato sera Under The Skin.
L' idea di base poteva anche essere buona, ma ne è uscita una schifezza in cui ogni scena, anche quelle potenzialmente interessanti, diventava solo l' ennesima scena inguardabile di un film ignobile.

Per curiosità ho visto le recensioni. Entusiastiche :dubbio:
a me non dispiace. E' volutamente repulsivo, quindi è prendere o lasciare.



Avatar utente
Bitossi
Messaggi: 3620
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 12:41
Località: Milano

Re: Cinematografo

Messaggio da leggere da Bitossi » martedì 12 maggio 2020, 1:00

Oh, finalmente ho visto Parasite. (Cthu, l’ho visto doppiato, è grave? Ma c’era la mugliera, che è abituata così... :diavoletto: )

Un film che mi ha soddisfatto praticamente a tutti i livelli, dal mix di generi e di stili, al simbolismo non intellettualizzato, alla fluidità del racconto pur in un contesto grottesco. Il tutto al servizio di vari messaggi e di un’idea centrale, come piace a me.
Inevitabili, trascurabili e perdonabili gli accenni a qualcosa di “già visto”, in primis il cinema americano, ma anche a riferimenti europei. Come in musica, le note sono dodici...

Tutto sommato, riassumerei citando un titolo famoso: “I poveri sono matti”! :D

Di Bong Joon-ho (mai capito quali siano i nomi e quali i cognomi coreani; poi pure le due famiglie di Parasite, Kim e Park, che novità!), avevo visto distrattamente solo Snowpiercer, di cui non ho un ricordo particolare. Mi sa che dovrò rivederlo.
Poi cercherò Memorie di un assassino, ma al momento nun ze trova. :boh:


Ringrazio la mia mamma per avermi fatto studiare da ciclista

Avatar utente
nemecsek.
Messaggi: 2278
Iscritto il: mercoledì 6 gennaio 2016, 22:35

Re: Cinematografo

Messaggio da leggere da nemecsek. » martedì 12 maggio 2020, 7:03

ma come nun se trova che l'ho scaricato venti giorni fa....

me pare da qqua


https://cineblog01.ac/11154-memorie-di- ... ssino.html


Immagine

Avatar utente
Bitossi
Messaggi: 3620
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 12:41
Località: Milano

Re: Cinematografo

Messaggio da leggere da Bitossi » martedì 12 maggio 2020, 10:47

nemecsek. ha scritto:
martedì 12 maggio 2020, 7:03
ma come nun se trova che l'ho scaricato venti giorni fa....

me pare da qqua


https://cineblog01.ac/11154-memorie-di- ... ssino.html
Grazie, Nem, lo sai che in queste cose non sono tanto bravo! :D (però una volta, ai tempi del modem 56k, ero all’avanguardia e riuscivo a fare quasi tutto... dev’essere cambiata qualcosa nelle modalità piratesche, che devo ancora studiarmi :diavoletto: )

A prop, già che ci siamo, visto che cb01 cambia indirizzi ogni settimana, saresti così gentile da trovarmi nuovi link a The Wire, dove sono fermo a metà della seconda stagione, e pure a The Americans, per non farci mancare niente? :cincin:
(fino a 3 popup infingardi ammessi... :D )


Ringrazio la mia mamma per avermi fatto studiare da ciclista

Cthulhu
Messaggi: 573
Iscritto il: martedì 11 ottobre 2011, 21:36

Re: Cinematografo

Messaggio da leggere da Cthulhu » martedì 12 maggio 2020, 12:11

Bitossi ha scritto:
martedì 12 maggio 2020, 1:00
Oh, finalmente ho visto Parasite. (Cthu, l’ho visto doppiato, è grave? Ma c’era la mugliera, che è abituata così... :diavoletto: )

Un film che mi ha soddisfatto praticamente a tutti i livelli, dal mix di generi e di stili, al simbolismo non intellettualizzato, alla fluidità del racconto pur in un contesto grottesco. Il tutto al servizio di vari messaggi e di un’idea centrale, come piace a me.
Inevitabili, trascurabili e perdonabili gli accenni a qualcosa di “già visto”, in primis il cinema americano, ma anche a riferimenti europei. Come in musica, le note sono dodici...

Tutto sommato, riassumerei citando un titolo famoso: “I poveri sono matti”! :D

Di Bong Joon-ho (mai capito quali siano i nomi e quali i cognomi coreani; poi pure le due famiglie di Parasite, Kim e Park, che novità!), avevo visto distrattamente solo Snowpiercer, di cui non ho un ricordo particolare. Mi sa che dovrò rivederlo.
Poi cercherò Memorie di un assassino, ma al momento nun ze trova. :boh:
Snowpiercer,da buon film di fantascienza americano, è un po' boombastic ,ma ha anche una sua certa raffinatezza.
ti consiglio The Host del 2006. Comunque Boong è il cognome e pare si pronunci qualcosa come pon'.
In Corea i cognomi sono pochi perché in origine non designavano una famiglia ma un clan.



Avatar utente
matteo.conz
Messaggi: 8075
Iscritto il: sabato 19 maggio 2012, 15:12

Re: Cinematografo

Messaggio da leggere da matteo.conz » martedì 12 maggio 2020, 16:34

Bitossi ha scritto:
martedì 12 maggio 2020, 10:47
nemecsek. ha scritto:
martedì 12 maggio 2020, 7:03
ma come nun se trova che l'ho scaricato venti giorni fa....

me pare da qqua


https://cineblog01.ac/11154-memorie-di- ... ssino.html
Grazie, Nem, lo sai che in queste cose non sono tanto bravo! :D (però una volta, ai tempi del modem 56k, ero all’avanguardia e riuscivo a fare quasi tutto... dev’essere cambiata qualcosa nelle modalità piratesche, che devo ancora studiarmi :diavoletto: )

A prop, già che ci siamo, visto che cb01 cambia indirizzi ogni settimana, saresti così gentile da trovarmi nuovi link a The Wire, dove sono fermo a metà della seconda stagione, e pure a The Americans, per non farci mancare niente? :cincin:
(fino a 3 popup infingardi ammessi... :D )
Proprio oggi lo hanno oscurato ancora più pesantemente. Comunque scarica il browser Opera, attiva la VPN integrata e cerca cb01.uno che ti darà il nuovo dominio. Oggi hanno pubblicato la guida per il nuovo sistema ma non ho voglia di mettermi. Ottima scelta the wire, è una serie tv eccezionale. Come polizieschi sono sempre indeciso con The shield ma forse preferisco The wire. Pensa che l'ho scoperta da un'intervista ad obama che disse che era la sua serie preferita.
Se hai voglia l'indirizzo ora è https://cb01.download però che palle! begli itempi di winmx, il mulo e megaupload :(


Mondiale 2019: 1 matteo.conz 53 :champion:
Svalorizzando gli altri non ti rendi superiore.
C'è sempre una soluzione semplice ad un problema complesso. Ed è quella sbagliata. A. Einstein

Oude Kwaremont
Messaggi: 1646
Iscritto il: mercoledì 1 gennaio 2014, 12:30
Località: Pesaro

Re: Cinematografo

Messaggio da leggere da Oude Kwaremont » martedì 12 maggio 2020, 16:52

Cthulhu ha scritto:
lunedì 11 maggio 2020, 20:22
Oude Kwaremont ha scritto:
lunedì 11 maggio 2020, 19:49
Ho visto sabato sera Under The Skin.
L' idea di base poteva anche essere buona, ma ne è uscita una schifezza in cui ogni scena, anche quelle potenzialmente interessanti, diventava solo l' ennesima scena inguardabile di un film ignobile.

Per curiosità ho visto le recensioni. Entusiastiche :dubbio:
a me non dispiace. E' volutamente repulsivo, quindi è prendere o lasciare.
Specifico che per "schifezza" non intendo che mi ha provocato la sensazione che dici tu: mi ha annoiato al punto che stavo per addormentarmi.



Gimbatbu
Messaggi: 1468
Iscritto il: mercoledì 19 aprile 2017, 17:42

Re: Cinematografo

Messaggio da leggere da Gimbatbu » martedì 12 maggio 2020, 16:54

Ho trovato dopo lunga ricerca il titolo di un film visto tanti anni fa "Welcome back, Mr Mcdonald", che nonostante il titolo è un film giapponese di Koki Mitani. La vicenda prende spunto da un dietro le quinte di uno sceneggiato radiofonico con drammi e ironie culminanti nell'esilarante colpo di scena finale. Da sottolineare la presenza di Ken Watanabe (Lettere da Ivo Jima, Memorie di una geisha, L'ultimo samurai ecc.) in una inusuale interpretazione di un rude camionista che si commuove all'ascolto della soap....... Ruolo (il camionista) che interpretò anche in Tampopo, citato da Cthulhu tra i flm nipponici degli anni '80.



Cthulhu
Messaggi: 573
Iscritto il: martedì 11 ottobre 2011, 21:36

Re: Cinematografo

Messaggio da leggere da Cthulhu » martedì 12 maggio 2020, 17:33

Oude Kwaremont ha scritto:
martedì 12 maggio 2020, 16:52
Cthulhu ha scritto:
lunedì 11 maggio 2020, 20:22
Oude Kwaremont ha scritto:
lunedì 11 maggio 2020, 19:49
Ho visto sabato sera Under The Skin.
L' idea di base poteva anche essere buona, ma ne è uscita una schifezza in cui ogni scena, anche quelle potenzialmente interessanti, diventava solo l' ennesima scena inguardabile di un film ignobile.

Per curiosità ho visto le recensioni. Entusiastiche :dubbio:
a me non dispiace. E' volutamente repulsivo, quindi è prendere o lasciare.
Specifico che per "schifezza" non intendo che mi ha provocato la sensazione che dici tu: mi ha annoiato al punto che stavo per addormentarmi.
Beh comunque ha una colonna sonora coi controc***i. Quello è innegabile. Credo volesse proprio essere un film "noioso" con pochi eventi, e con una storia appena abbozzata, non è un horror né un film di fantascienza. Capisco che possa dare sui nervi.



Cthulhu
Messaggi: 573
Iscritto il: martedì 11 ottobre 2011, 21:36

Re: Cinematografo

Messaggio da leggere da Cthulhu » martedì 12 maggio 2020, 17:35

Gimbatbu ha scritto:
martedì 12 maggio 2020, 16:54
Ho trovato dopo lunga ricerca il titolo di un film visto tanti anni fa "Welcome back, Mr Mcdonald", che nonostante il titolo è un film giapponese di Koki Mitani. La vicenda prende spunto da un dietro le quinte di uno sceneggiato radiofonico con drammi e ironie culminanti nell'esilarante colpo di scena finale. Da sottolineare la presenza di Ken Watanabe (Lettere da Ivo Jima, Memorie di una geisha, L'ultimo samurai ecc.) in una inusuale interpretazione di un rude camionista che si commuove all'ascolto della soap....... Ruolo (il camionista) che interpretò anche in Tampopo, citato da Cthulhu tra i flm nipponici degli anni '80.
Questo me lo sono perso. Male, molto male...
Non è che hai un link ?



Gimbatbu
Messaggi: 1468
Iscritto il: mercoledì 19 aprile 2017, 17:42

Re: Cinematografo

Messaggio da leggere da Gimbatbu » martedì 12 maggio 2020, 18:25

Cthulhu ha scritto:
martedì 12 maggio 2020, 17:35
Gimbatbu ha scritto:
martedì 12 maggio 2020, 16:54
Ho trovato dopo lunga ricerca il titolo di un film visto tanti anni fa "Welcome back, Mr Mcdonald", che nonostante il titolo è un film giapponese di Koki Mitani. La vicenda prende spunto da un dietro le quinte di uno sceneggiato radiofonico con drammi e ironie culminanti nell'esilarante colpo di scena finale. Da sottolineare la presenza di Ken Watanabe (Lettere da Ivo Jima, Memorie di una geisha, L'ultimo samurai ecc.) in una inusuale interpretazione di un rude camionista che si commuove all'ascolto della soap....... Ruolo (il camionista) che interpretò anche in Tampopo, citato da Cthulhu tra i flm nipponici degli anni '80.
Questo me lo sono perso. Male, molto male...
Non è che hai un link ?
L' ho visto su Sky almeno una dozzina di anni fa, mi pare che è possibile trovarlo su Netflix, purtroppo ne capisco poco di "scaricamenti"...



Avatar utente
matteo.conz
Messaggi: 8075
Iscritto il: sabato 19 maggio 2012, 15:12

Re: Cinematografo

Messaggio da leggere da matteo.conz » martedì 12 maggio 2020, 18:53

Scusa Bitossi mi son fatto fregare da un sito fake per troppa fretta :( ad oggi il vero cb01 è qui con la serie The wire. Quando passi al sito di hosting però devi disattivare la vpn https://cb01.work/serietv/the-wire/


Mondiale 2019: 1 matteo.conz 53 :champion:
Svalorizzando gli altri non ti rendi superiore.
C'è sempre una soluzione semplice ad un problema complesso. Ed è quella sbagliata. A. Einstein

Avatar utente
febbra
Messaggi: 10648
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 15:05

Re: Cinematografo

Messaggio da leggere da febbra » martedì 12 maggio 2020, 19:41

Segnalo en passant tre film godibili sui rischi dei social:

Disconnect (2012)
Ingrid va ad ovest (2017)
Eighth Grade (2018)

Riguardandoli mi è venuta la nostalgia della macchina da scrivere e delle lettere d'amore.

:hippy:


1° FC 2008
1° FC a Squadre 2015, 2016
Vincitore Morale Coppa dei Campioni WT 2018
Se insisti e persisti, raggiungi e conquisti
Emargina padoaschioppa! Dici anche tu no alle capre! :no: :capra:

Avatar utente
nemecsek.
Messaggi: 2278
Iscritto il: mercoledì 6 gennaio 2016, 22:35

Re: Cinematografo

Messaggio da leggere da nemecsek. » martedì 12 maggio 2020, 20:29

Bitossi ha scritto:
martedì 12 maggio 2020, 10:47
nemecsek. ha scritto:
martedì 12 maggio 2020, 7:03
ma come nun se trova che l'ho scaricato venti giorni fa....

me pare da qqua


https://cineblog01.ac/11154-memorie-di- ... ssino.html
Grazie, Nem, lo sai che in queste cose non sono tanto bravo! :D (però una volta, ai tempi del modem 56k, ero all’avanguardia e riuscivo a fare quasi tutto... dev’essere cambiata qualcosa nelle modalità piratesche, che devo ancora studiarmi :diavoletto: )

A prop, già che ci siamo, visto che cb01 cambia indirizzi ogni settimana, saresti così gentile da trovarmi nuovi link a The Wire, dove sono fermo a metà della seconda stagione, e pure a The Americans, per non farci mancare niente? :cincin:
(fino a 3 popup infingardi ammessi... :D )
matteo.conz ha scritto:
martedì 12 maggio 2020, 18:53
Scusa Bitossi mi son fatto fregare da un sito fake per troppa fretta :( ad oggi il vero cb01 è qui con la serie The wire. Quando passi al sito di hosting però devi disattivare la vpn https://cb01.work/serietv/the-wire/
bah, io non scarico massivamente e della qualità assoluta frega poco, ma con dieci euro mensili di tethering iliad e il vecchio mac non ho problemi
mica che se capiti sul sito fake te magna la carta de credito, al massimo ci perdi qualche decina di secondi..soprattutto se ci hai i antiviruss


su memorie
► Mostra testo


Immagine

Avatar utente
matteo.conz
Messaggi: 8075
Iscritto il: sabato 19 maggio 2012, 15:12

Re: Cinematografo

Messaggio da leggere da matteo.conz » martedì 12 maggio 2020, 20:42

Beh certo per utenti un minimo consapevoli è così, ho detto che mi sono fatto fregare nel senso che ho beccato il sito fake però conosco gente che ad esempio ha pagato l'albergo tramite un sito di phising perchè si erano impanicati e han perso 2-300e. Ci sono quelli che credono ad una pagina che gli dice che sono stati intercettati su cazzate e se non pagano gli arriva la postale oppure cerrti che si fan fregare dal banner con la tipa figa che vuole sesso a 5 km da te :diavoletto:
Servirebbe un po' più di cultura su questi temi.


Mondiale 2019: 1 matteo.conz 53 :champion:
Svalorizzando gli altri non ti rendi superiore.
C'è sempre una soluzione semplice ad un problema complesso. Ed è quella sbagliata. A. Einstein

Avatar utente
nemecsek.
Messaggi: 2278
Iscritto il: mercoledì 6 gennaio 2016, 22:35

Re: Cinematografo

Messaggio da leggere da nemecsek. » martedì 12 maggio 2020, 20:47

matteo.conz ha scritto:
martedì 12 maggio 2020, 20:42
Beh certo per utenti un minimo consapevoli è così, ho detto che mi sono fatto fregare nel senso che ho beccato il sito fake però conosco gente che ad esempio ha pagato l'albergo tramite un sito di phising perchè si erano impanicati e han perso 2-300e. Ci sono quelli che credono ad una pagina che gli dice che sono stati intercettati su cazzate e se non pagano gli arriva la postale oppure cerrti che si fan fregare dal banner con la tipa figa che vuole sesso a 5 km da te :diavoletto:
Servirebbe un po' più di cultura su questi temi.
una vittima illustre fu buonanima di Vittorio Zucconi, che ignorava la profilazione, e si lamentò pubblicamente della pubblicità di rolex e dentiere sul blog di Grillo :diavoletto:
diciamo che gli andò ancora bene, a me propongono distillati scozzesi e quarantenni insonni a 2 km da casa mia... :D


Immagine

Avatar utente
matteo.conz
Messaggi: 8075
Iscritto il: sabato 19 maggio 2012, 15:12

Re: Cinematografo

Messaggio da leggere da matteo.conz » martedì 12 maggio 2020, 21:00

nemecsek. ha scritto:
martedì 12 maggio 2020, 20:47
matteo.conz ha scritto:
martedì 12 maggio 2020, 20:42
Beh certo per utenti un minimo consapevoli è così, ho detto che mi sono fatto fregare nel senso che ho beccato il sito fake però conosco gente che ad esempio ha pagato l'albergo tramite un sito di phising perchè si erano impanicati e han perso 2-300e. Ci sono quelli che credono ad una pagina che gli dice che sono stati intercettati su cazzate e se non pagano gli arriva la postale oppure cerrti che si fan fregare dal banner con la tipa figa che vuole sesso a 5 km da te :diavoletto:
Servirebbe un po' più di cultura su questi temi.
una vittima illustre fu buonanima di Vittorio Zucconi, che ignorava la profilazione, e si lamentò pubblicamente della pubblicità di rolex e dentiere sul blog di Grillo :diavoletto:
diciamo che gli andò ancora bene, a me propongono distillati scozzesi e quarantenni insonni a 2 km da casa mia... :D
A me, tra le altre, propinano l'allungamento del pene :diavoletto: mi sa che c'hanno azzeccato :D
Scherzi a parte, facendosi profilare a volte e a volte no, puoi fare affari sugli e-commerce...tipo se vedono che non compri da un po' ti propongono sconti altissimi oppure la banca online ti da "codici porta un amico" da 100e al colpo: buttali via per fargli pubblicità un attimo.


Mondiale 2019: 1 matteo.conz 53 :champion:
Svalorizzando gli altri non ti rendi superiore.
C'è sempre una soluzione semplice ad un problema complesso. Ed è quella sbagliata. A. Einstein

Avatar utente
Bitossi
Messaggi: 3620
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 12:41
Località: Milano

Re: Cinematografo

Messaggio da leggere da Bitossi » martedì 12 maggio 2020, 21:27

matteo.conz ha scritto:
martedì 12 maggio 2020, 18:53
Scusa Bitossi mi son fatto fregare da un sito fake per troppa fretta :( ad oggi il vero cb01 è qui con la serie The wire. Quando passi al sito di hosting però devi disattivare la vpn https://cb01.work/serietv/the-wire/
Grazie Matthew, adesso funziona, ma è ancora in stato di blocco per utenti non registrati, come era prima dei cambi di indirizzo, cosa che mi aveva fatto fermare alla Stagione 2.

Grazie ancora, riproverò prossimamente! :cincin:


Ringrazio la mia mamma per avermi fatto studiare da ciclista

Avatar utente
matteo.conz
Messaggi: 8075
Iscritto il: sabato 19 maggio 2012, 15:12

Re: Cinematografo

Messaggio da leggere da matteo.conz » martedì 12 maggio 2020, 21:42

Bitossi ha scritto:
martedì 12 maggio 2020, 21:27
matteo.conz ha scritto:
martedì 12 maggio 2020, 18:53
Scusa Bitossi mi son fatto fregare da un sito fake per troppa fretta :( ad oggi il vero cb01 è qui con la serie The wire. Quando passi al sito di hosting però devi disattivare la vpn https://cb01.work/serietv/the-wire/
Grazie Matthew, adesso funziona, ma è ancora in stato di blocco per utenti non registrati, come era prima dei cambi di indirizzo, cosa che mi aveva fatto fermare alla Stagione 2.

Grazie ancora, riproverò prossimamente! :cincin:
Di niente! Io sono alla ricerca della serie di M.A.S.H ma non la trovo...se qualcuno mi da una mano sarò riconoscente.
Io non mi registro, per fare la ricerca con opera devi attivare la vpn poi disattivarla quando arrivi su cineblog e disattivare il blocco pubblicità. nel link di Wstream in fondo alla pagina basta clikkare due volte "continue" e parte guardi il primo episodio della terza serie. The wire è un crescendo corale tra la macro storia e la micro storia, la quarta e quinta serie sono le mia preferiete.
https://4snip.pw/decode/gircGKi2CjZzUDX ... y5LYak_eqq_

PS: basta avast free per bloccare i generatori di pubblicità, non servono antivirus a pagamento


Mondiale 2019: 1 matteo.conz 53 :champion:
Svalorizzando gli altri non ti rendi superiore.
C'è sempre una soluzione semplice ad un problema complesso. Ed è quella sbagliata. A. Einstein

Cthulhu
Messaggi: 573
Iscritto il: martedì 11 ottobre 2011, 21:36

Re: Cinematografo

Messaggio da leggere da Cthulhu » martedì 12 maggio 2020, 22:07

rutracker.net

chiaramente in italiano non c'e nulla ,ma ci sono vari sottotitoli di solito
volete the wire ?
https://rutracker.net/forum/viewtopic.php?t=5444336



Avatar utente
lemond
Messaggi: 13322
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:52
Località: Firenze

Re: Cinematografo

Messaggio da leggere da lemond » mercoledì 13 maggio 2020, 14:59

Non mi piace molto parlare dei morti, ma per me lui è l'eccezione che ... https://www.youtube.com/watch?v=8g5S_HOENQ0


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
i barbieri il lunedì
e il mitico Lopez, che lavora alla Coop,
... il martedì. :bll:

Gimbatbu
Messaggi: 1468
Iscritto il: mercoledì 19 aprile 2017, 17:42

Re: Cinematografo

Messaggio da leggere da Gimbatbu » giovedì 14 maggio 2020, 14:15

Bitossi ha scritto:
martedì 12 maggio 2020, 1:00
Oh, finalmente ho visto Parasite. (Cthu, l’ho visto doppiato, è grave? Ma c’era la mugliera, che è abituata così... :diavoletto: )

Un film che mi ha soddisfatto praticamente a tutti i livelli, dal mix di generi e di stili, al simbolismo non intellettualizzato, alla fluidità del racconto pur in un contesto grottesco. Il tutto al servizio di vari messaggi e di un’idea centrale, come piace a me.
Inevitabili, trascurabili e perdonabili gli accenni a qualcosa di “già visto”, in primis il cinema americano, ma anche a riferimenti europei. Come in musica, le note sono dodici...

Tutto sommato, riassumerei citando un titolo famoso: “I poveri sono matti”! :D

Di Bong Joon-ho (mai capito quali siano i nomi e quali i cognomi coreani; poi pure le due famiglie di Parasite, Kim e Park, che novità!), avevo visto distrattamente solo Snowpiercer, di cui non ho un ricordo particolare. Mi sa che dovrò rivederlo.
Poi cercherò Memorie di un assassino, ma al momento nun ze trova. :boh:
L' ho visto ieri sera, sottotitolato, doppiato, le ho provate tutte, ma non mi ha particolarmente impressionato, secondo me i riferimenti ci sono e sono anche troppi, il cinema è pieno di bunker nascosti e di poveri mimetici. Perfino Verdone si trasforma nella casa di Manuel Fantoni e al posto dei Park arriva Mario Brega. Altra stoffa era il "parassita" del Teorema pasoliniano che "divorava" la famiglia ospitante su vari piani fisici, morali e spirituali. Era il 68, da allora non mi pare che abbiamo fatto passi avanti.



Avatar utente
lemond
Messaggi: 13322
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:52
Località: Firenze

Re: Cinematografo

Messaggio da leggere da lemond » giovedì 14 maggio 2020, 14:21

Troisi raccontato da Roberto Vecchioni

https://www.youtube.com/watch?v=pU5DzVwXLPc


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
i barbieri il lunedì
e il mitico Lopez, che lavora alla Coop,
... il martedì. :bll:

Rispondi