Serie televisive

Dove discutere di altri sport e di tutto il resto
Avatar utente
jerrydrake
Messaggi: 4457
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 12:14

Re: Serie televisive

Messaggio da leggereda jerrydrake » giovedì 23 luglio 2015, 9:13

matteo.conz ha scritto:Qualcuno ha visto il finale di stagione di ganes of thrones?
Da quasi 15anni guardo una media di un film al giorno ma pensò di non aver mai visto qualcosa che scava così a fondo nel meccanismo di auto generazione dell'odio. Più ancora degli immortali registi forse....
Sono al 50% traumatizzato e al 50% affascinato.
GoT è un opera unica e per certi versi inarrivabile.


ps: 50 episodi per vedere finalmente cercei nuda, ne è valsa la pena


Recuperata ora la V stagione. Ottimi gli autori nello scegliere di prendere un percorso narrativo completamente diverso dai libri per ovviare all'incredibile lentezza nello scrivere del vecchio Zio Marty (per intendersi uno che potrebbe tentare la doppietta Maglia Nera + Lanterne Rouge). Piacevolmente colpito da questa stagione, oserei dire la migliore e la più coraggiosa.

La Walk of Shame di Cersei è una scena veramente forte, complimenti a Rebecca Van Cleave che ha avuto il coraggio di prestare il suo corpo alla pavida Lena Headey.




Oude Kwaremont
Messaggi: 1341
Iscritto il: mercoledì 1 gennaio 2014, 12:30
Località: Pesaro

Re: Serie televisive

Messaggio da leggereda Oude Kwaremont » venerdì 14 agosto 2015, 11:45

Si è già parlato di True Detective, perlomeno della prima stagione.

L' ho da poco conclusa anch' io. E' un' ottima stagione, con i due episodi conclusivi che tirano fuori un bel crescendo. Mi piace il clima claustrofobico, malsano, che suppongo quelle terre paludose evochino bene. Ho apprezzato la storia, che magari di per sè non è originalissima (rapimenti di donne e bambini per rituali a sfondo voodoo/satanico) ma mi sembra impostata bene.
Quello che però inevitabilmente spacca è Rust, le sue frasi e riflessioni sono devastanti, che abbinate poi al look da drogato perennemente ubriaco completo un mosaico di cinismo incredibile.
E in generale non posso che constatare la bontà dei dialoghi. Non so quanto ho riso alla battuta di Michael Jordan.



Avatar utente
matteo.conz
Messaggi: 6365
Iscritto il: sabato 19 maggio 2012, 14:12

Re: Serie televisive

Messaggio da leggereda matteo.conz » giovedì 1 ottobre 2015, 20:29

Ho trovato questa serie carina che è la continuazione della storia del bel film this is england...guardate il film che è bello e se vi piace, queste serie pure vi piaceranno
http://www.filmfreestream.net/this-is-e ... -serie-tv/


Qui vige l'uguaglianza... Non conta un cazzo nessuno.
Svalorizzando gli altri non ti rendi superiore.
C'è sempre una soluzione semplice ad un problema complesso. Ed è quella sbagliata. A. Einstein

giorgio ricci
Messaggi: 1779
Iscritto il: lunedì 9 giugno 2014, 12:44

Re: Serie televisive

Messaggio da leggereda giorgio ricci » martedì 1 novembre 2016, 0:33

Qualche opinione su ' the young Pope ' di Sorrentino ?
Io ho un rapporto abbastanza buono con il cinema di Sorrentino. Ho adorato Le conseguenze dell'amore , L'amico di famiglia e La grande bellezza, per vari motivi lo considero un capolavoro; mi son piaciuti meno gli altri film.
Questa serie l'ho iniziata per curiosità. Non cerca verosimiglianza ma estetica unita a domande profonde e non accomodanti , come nel miglior Sorrentino, qui ancora coadiuvato dal geniale e coltissimo Cottarello.
In alcuni momenti è anche soporifera e paradossale , quasi ingenua ma a differenza di tutte le altre serie tv , ho guardato le puntate due volte , e ogni volta escono fuori particolari, citazioni , immagini nuove.
Voi che ne pensate ?



Avatar utente
Bitossi
Messaggi: 2526
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 12:41
Località: Milano
Contatta:

Re: Serie televisive

Messaggio da leggereda Bitossi » martedì 1 novembre 2016, 15:33

giorgio ricci ha scritto:Qualche opinione su ' the young Pope ' di Sorrentino ?
Io ho un rapporto abbastanza buono con il cinema di Sorrentino. Ho adorato Le conseguenze dell'amore , L'amico di famiglia e La grande bellezza, per vari motivi lo considero un capolavoro; mi son piaciuti meno gli altri film.
Questa serie l'ho iniziata per curiosità. Non cerca verosimiglianza ma estetica unita a domande profonde e non accomodanti , come nel miglior Sorrentino, qui ancora coadiuvato dal geniale e coltissimo Cottarello.
In alcuni momenti è anche soporifera e paradossale , quasi ingenua ma a differenza di tutte le altre serie tv , ho guardato le puntate due volte , e ogni volta escono fuori particolari, citazioni , immagini nuove.
Voi che ne pensate ?

Intanto che si dovrebbe guardarla in originale: la singolarità del personaggio e della storia e pure una certa inverosimiglianza (il vescovo di Roma che non sa l'italiano!), vengono amplificate dal contrasto tra l'inglese suo e del suo entourage e quello discreto ma casereccio di Orlando ed altri. Fra l'altro col doppiaggio si perdono alcune sfumature, come nel caso del rimprovero del Papa a Voiello appunto per il suo inglese, che ovviamente in italiano diventa qualcosa che ha a che fare col proprio ministero, se ben ricordo.
Mi chiedo se sia una scelta obbligata, dovuta al cast e alla necessità di una distribuzione internazionale, o se non sia legata allo "straniamento" di cui sopra... :dubbio:
In ogni caso la provincialità ammantata di concetti "alti" della curia, e pure la sua piccineria per non dire di peggio, risaltano di più in originale, a mio parere.

Per ora rimango alla finestra: anch'io sono incuriosito e, a differenza di altre serie, non riesco ancora ad immaginare dove si andrà a parare.

(Comunque mi sto accorgendo che tra le serie televisive da me preferite, le italiane sono in testa: sarà perché di solito parlano di persone "vere" o perlomeno di situazioni possibili, e non di sopravvissuti inseguiti da zombie, o di gente che vive nel 4024, o di 140 milioni di persone sparite senza una ragione, o magari di androidi western che cominciano a farsi domande? :diavoletto: )


Ringrazio la mia mamma per avermi fatto studiare da ciclista


Avatar utente
pacho
Messaggi: 2365
Iscritto il: giovedì 8 settembre 2011, 18:29

Re: Serie televisive

Messaggio da leggereda pacho » martedì 1 novembre 2016, 15:53

su imbeccata di una fonte ideologicamente fidata, sto guardando la serie Jericho. Quello che avrei sempre voluto vedere e che l'
individualismo statunitense piu' becero e' sempre stato non in grado di concepire.

Praticamente siano alla guerra nucleare. Contrariamente alle solite americanate, dove tutti ammazzano tutti e solo l'eroe riporta l'ordine, qui e' la comunita' che si organizza dandosi regole, abolendo di fatto la proprieta' e ottimizzando le risorse (lo so, detto cosi e' una palla tremenda ma non e' cosi :D ). Ovviamente il retaggio ideologico della nostra societa' si fa sentire, con la piccola borghesia che cerca in tutti i modi di difendere la proprieta', sebbene questo atteggiamento provochi sovente risultati disastrosi a livello sociale.

In parole povere, una critica potentissima e godibilissima alla irrazionalita' del nostro modello economico e politico.
Non a caso la serie e' stata censurata dopo la I serie, e solo una protesta di massa ha convinto la produzione a proseguire fino ad una seconda serie (non ci sono ancora arrivato).


Utenti ignorati: Strong, Salvatore77, beppesaronni

giorgio ricci
Messaggi: 1779
Iscritto il: lunedì 9 giugno 2014, 12:44

Re: Serie televisive

Messaggio da leggereda giorgio ricci » martedì 1 novembre 2016, 15:53

Condivido tutto.
Io sono spesso affascinato dall'estetica si Sorrentino e anche dalla sua vena citazionistica.
The young pope perde molto del suo fascino se non visto in originale.
Il non sapere dove si possa andare a parare è uno dei punti di forza della serie. I film di Sorrentino stanno spesso in bilico fra stupidaggine e capolavoro, per poi, come ne La grande bellezza , cadere dalla parte del capolavoro.
Anche qui aspetto con curiosità godendomi questo gioco di equilibrismo, sapendo che se fa botto , sarà fragoroso, sia come scemenza che come capolavoro .



Avatar utente
Subsonico
Messaggi: 5429
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:13

Re: Serie televisive

Messaggio da leggereda Subsonico » mercoledì 2 novembre 2016, 10:19

pacho ha scritto:su imbeccata di una fonte ideologicamente fidata, sto guardando la serie Jericho. Quello che avrei sempre voluto vedere e che l'
individualismo statunitense piu' becero e' sempre stato non in grado di concepire.

Praticamente siano alla guerra nucleare. Contrariamente alle solite americanate, dove tutti ammazzano tutti e solo l'eroe riporta l'ordine, qui e' la comunita' che si organizza dandosi regole, abolendo di fatto la proprieta' e ottimizzando le risorse (lo so, detto cosi e' una palla tremenda ma non e' cosi :D ). Ovviamente il retaggio ideologico della nostra societa' si fa sentire, con la piccola borghesia che cerca in tutti i modi di difendere la proprieta', sebbene questo atteggiamento provochi sovente risultati disastrosi a livello sociale.

In parole povere, una critica potentissima e godibilissima alla irrazionalita' del nostro modello economico e politico.
Non a caso la serie e' stata censurata dopo la I serie, e solo una protesta di massa ha convinto la produzione a proseguire fino ad una seconda serie (non ci sono ancora arrivato).


pensa te...e io che all'epoca ci vedevo solo l'ennesimo derivato di Lost.. :diavoletto: (intendiamoci, mi piaceva pure)


VINCITORE DEL FANTATOUR 2016 SUL CAMPO: certe fantaclassifiche verranno riscritte...

"Stufano è un Peter Sagan che ha smesso di sognare (E.Vittone) "

Avatar utente
jerrydrake
Messaggi: 4457
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 12:14

Re: Serie televisive

Messaggio da leggereda jerrydrake » mercoledì 2 novembre 2016, 17:14

giorgio ricci ha scritto:Qualche opinione su ' the young Pope ' di Sorrentino ?
Io ho un rapporto abbastanza buono con il cinema di Sorrentino. Ho adorato Le conseguenze dell'amore , L'amico di famiglia e La grande bellezza, per vari motivi lo considero un capolavoro; mi son piaciuti meno gli altri film.
Questa serie l'ho iniziata per curiosità. Non cerca verosimiglianza ma estetica unita a domande profonde e non accomodanti , come nel miglior Sorrentino, qui ancora coadiuvato dal geniale e coltissimo Cottarello.
In alcuni momenti è anche soporifera e paradossale , quasi ingenua ma a differenza di tutte le altre serie tv , ho guardato le puntate due volte , e ogni volta escono fuori particolari, citazioni , immagini nuove.
Voi che ne pensate ?


Per ora mi pare bene, ma ancora tutto deve concretizzarsi e quindi sospendo il giudizio.



Winter
Messaggi: 11083
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Re: Serie televisive

Messaggio da leggereda Winter » mercoledì 2 novembre 2016, 19:45

Subsonico ha scritto:
pacho ha scritto:su imbeccata di una fonte ideologicamente fidata, sto guardando la serie Jericho. Quello che avrei sempre voluto vedere e che l'
individualismo statunitense piu' becero e' sempre stato non in grado di concepire.

Praticamente siano alla guerra nucleare. Contrariamente alle solite americanate, dove tutti ammazzano tutti e solo l'eroe riporta l'ordine, qui e' la comunita' che si organizza dandosi regole, abolendo di fatto la proprieta' e ottimizzando le risorse (lo so, detto cosi e' una palla tremenda ma non e' cosi :D ). Ovviamente il retaggio ideologico della nostra societa' si fa sentire, con la piccola borghesia che cerca in tutti i modi di difendere la proprieta', sebbene questo atteggiamento provochi sovente risultati disastrosi a livello sociale.

In parole povere, una critica potentissima e godibilissima alla irrazionalita' del nostro modello economico e politico.
Non a caso la serie e' stata censurata dopo la I serie, e solo una protesta di massa ha convinto la produzione a proseguire fino ad una seconda serie (non ci sono ancora arrivato).


pensa te...e io che all'epoca ci vedevo solo l'ennesimo derivato di Lost.. :diavoletto: (intendiamoci, mi piaceva pure)

A me era piaciuta
Peccato cosi' pochi episodi



Oude Kwaremont
Messaggi: 1341
Iscritto il: mercoledì 1 gennaio 2014, 12:30
Località: Pesaro

Re: Serie televisive

Messaggio da leggereda Oude Kwaremont » mercoledì 2 novembre 2016, 19:51

Ultimamente ne ho seguite/sto seguendo tre: Black Sails, Marco Polo e The 100.
Niente di veramente imperdibile, ma credo che tutte e tre meritino tranquillamente una visione. Al momento la migliore è Marco Polo, sebbene The 100, partita in apparenza come una mezza patacca, abbia pian piano guadagnato spessore, grazie ad una storia in cui i buoni diventano in breve i cattivi e viceversa, in un' inversione delle parti spesso rapidissima. E anche ad una bella dose di violenza.



quasar
Messaggi: 1297
Iscritto il: lunedì 24 gennaio 2011, 1:53

Re: Serie televisive

Messaggio da leggereda quasar » martedì 30 maggio 2017, 23:29

Era da una vita che non seguivo telefilm, o serie tv come va di moda definirle oggi. Ero rimasto a Stursky&Hutch. :sedia:
Non è così semplice avere il tempo e la costanza per stare al passo di tante puntate e stagioni.
Sono stato tuttavia convinto, quasi obbligato, a seguirne una: The Bridge (Bron /Broen). Serie danese/svedese, genere poliziesco ma non stile inseguimenti a cui ero abituato, più investigativa.
Che dire, figata clamorosa.
Giusto il tempo necessario per calarsi nella realtà televisiva scandinava e poi scorre via che è un piacere. Una splendida scoperta.



Avatar utente
lambohbk
Messaggi: 985
Iscritto il: giovedì 13 ottobre 2016, 22:27

Re: Serie televisive

Messaggio da leggereda lambohbk » mercoledì 31 maggio 2017, 10:49

quasar ha scritto:Era da una vita che non seguivo telefilm, o serie tv come va di moda definirle oggi. Ero rimasto a Stursky&Hutch. :sedia:
Non è così semplice avere il tempo e la costanza per stare al passo di tante puntate e stagioni.
Sono stato tuttavia convinto, quasi obbligato, a seguirne una: The Bridge (Bron /Broen). Serie danese/svedese, genere poliziesco ma non stile inseguimenti a cui ero abituato, più investigativa.
Che dire, figata clamorosa.
Giusto il tempo necessario per calarsi nella realtà televisiva scandinava e poi scorre via che è un piacere. Una splendida scoperta.


Si vero, bella serie, la vidi su sky circa 2 anni fa


Per chi tifi? Per gli italiani

FC 2017: Dwars Door Vlaanderen, Tre Giorni di La Panne, Giro dei Paesi Baschi, Vuelta España - Combinata, Japan Cup

bicibici
Messaggi: 5
Iscritto il: lunedì 17 luglio 2017, 16:34

Re: Serie televisive

Messaggio da leggereda bicibici » lunedì 17 luglio 2017, 16:49

Ancora non ho visto una serie in questo forum: Narcos! Dopo di Breaking Bad e la migliore serie TV per me! O forse allo stesso livello di Breaking Bad. Tanto non sapevo cosa ha fatto Pablo Escobar...mamma mia!



Oude Kwaremont
Messaggi: 1341
Iscritto il: mercoledì 1 gennaio 2014, 12:30
Località: Pesaro

Re: Serie televisive

Messaggio da leggereda Oude Kwaremont » lunedì 17 luglio 2017, 19:02

bicibici ha scritto:Ancora non ho visto una serie in questo forum: Narcos! Dopo di Breaking Bad e la migliore serie TV per me! O forse allo stesso livello di Breaking Bad. Tanto non sapevo cosa ha fatto Pablo Escobar...mamma mia!


Io l' ho vista.
Serie di valore, con tanti spunti buoni, anche se personalmente non mi ha fatto impazzire.



giorgio ricci
Messaggi: 1779
Iscritto il: lunedì 9 giugno 2014, 12:44

Re: Serie televisive

Messaggio da leggereda giorgio ricci » mercoledì 6 dicembre 2017, 0:02

Ho visto ( sono alla penultima puntata) una serie che definirei usando una coltissima definizione ' una cagata pazzesca ', The Leftovers'.
Non so neanche giudicarla, un epigono di livello infimo di Lost. Alcune serie stanno sul filo fra capolavoro e scemenza per un po', per poi prendere inevitabilmente la seconda via, che è anche narrativamente la più facile , ma questa semplicemente vaga , non sapendo dove andare e nemmeno come farlo.
L'ho vista perché era definita su internet una gran serie, profonda ed emozionante, ma per me è stata semplicemente stitica. Non accade praticamente nulla , se non qualche inconcludente citazione dell'inferno dantesco , un po' di onirismo e qualche momento in cui sembra che possa esserci il 'coupe de teatre ', ma che poi atterra fracassandosi in mezzo ad un mare di rabbrividente caos narrativo.
Cosa posso dire, semplicemente irritante .



Avatar utente
Bitossi
Messaggi: 2526
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 12:41
Località: Milano
Contatta:

Re: Serie televisive

Messaggio da leggereda Bitossi » mercoledì 6 dicembre 2017, 12:24

giorgio ricci ha scritto:Ho visto ( sono alla penultima puntata) una serie che definirei usando una coltissima definizione ' una cagata pazzesca ', The Leftovers'.
Non so neanche giudicarla, un epigono di livello infimo di Lost. Alcune serie stanno sul filo fra capolavoro e scemenza per un po', per poi prendere inevitabilmente la seconda via, che è anche narrativamente la più facile , ma questa semplicemente vaga , non sapendo dove andare e nemmeno come farlo.
L'ho vista perché era definita su internet una gran serie, profonda ed emozionante, ma per me è stata semplicemente stitica. Non accade praticamente nulla , se non qualche inconcludente citazione dell'inferno dantesco , un po' di onirismo e qualche momento in cui sembra che possa esserci il 'coupe de teatre ', ma che poi atterra fracassandosi in mezzo ad un mare di rabbrividente caos narrativo.
Cosa posso dire, semplicemente irritante .

Non voglio anticipare niente, ma alla fine, contrariamente a quanto m'aspettavo, una sorta di spiegazione viene data, con stile e logica narrativa quasi convincente, ed abbastanza inaspettata, anche se intuitiva. Ripeto, non avrei mai detto! :diavoletto:
Direi che, solo per questo, almeno l'ultima puntata si salva in corner. Rimangono altre 800.000 questioni irrisolte, ma non sottilizziamo... :D

Intanto ho cominciato a seguire Babylon Berlin, ambientata nella Repubblica di Weimar alla fine degli anni '20, e sia il plot sia l'ambientazione mi stanno prendendo bene.
Immagino serie a stagione unica, che sono quelle che tendo a preferire (o al massimo quelle antologiche, dove l'argomento, i protagonsiti ed il contesto cambiano da stagione a stagione).
Anche se, ammetto, Gomorra mi piace. Ho pure il compito di interprete per mia moglie! :diavoletto: (a volte i sottotitoli non bastano per le sfumature di significato... ;) )


Ringrazio la mia mamma per avermi fatto studiare da ciclista

Avatar utente
lemond
Messaggi: 8510
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:52
Località: Empoli

Re: Serie televisive

Messaggio da leggereda lemond » mercoledì 6 dicembre 2017, 14:12

jerrydrake ha scritto:
giorgio ricci ha scritto:Qualche opinione su ' the young Pope ' di Sorrentino ?
Io ho un rapporto abbastanza buono con il cinema di Sorrentino. Ho adorato Le conseguenze dell'amore , L'amico di famiglia e La grande bellezza, per vari motivi lo considero un capolavoro; mi son piaciuti meno gli altri film.
Questa serie l'ho iniziata per curiosità. Non cerca verosimiglianza ma estetica unita a domande profonde e non accomodanti , come nel miglior Sorrentino, qui ancora coadiuvato dal geniale e coltissimo Cottarello.
In alcuni momenti è anche soporifera e paradossale , quasi ingenua ma a differenza di tutte le altre serie tv , ho guardato le puntate due volte , e ogni volta escono fuori particolari, citazioni , immagini nuove.
Voi che ne pensate ?


Per ora mi pare bene, ma ancora tutto deve concretizzarsi e quindi sospendo il giudizio.


Per me è il massimo a cui può arrivare un genio: tutto è al meglio, a cominciare dalla recitazione, che per me non è mai la cosa più importante, ma la camminata di J. Love nel corridoio con i quadri è fenomenale. Della sceneggiatura poi non ne parliamo, nemmeno Moretti in "Habemus papam" è arrivato a tanto. Chi non l'à visto, per me ... peste lo colga! :grr:

P.S. Non sono un fan di Sorrentino e infatti "La grande bruttezza" invece è tutto il contrario, solo un film, per me, nella storia è peggio: La dolce vita! :grr:


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì ;)

http://www.youtube.com/watch?v=vK-gCpOSSr8

dietzen
Messaggi: 5249
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 21:19

Re: Serie televisive

Messaggio da leggereda dietzen » mercoledì 6 dicembre 2017, 14:48

Bitossi ha scritto:Intanto ho cominciato a seguire Babylon Berlin, ambientata nella Repubblica di Weimar alla fine degli anni '20, e sia il plot sia l'ambientazione mi stanno prendendo bene.
Immagino serie a stagione unica, che sono quelle che tendo a preferire (o al massimo quelle antologiche, dove l'argomento, i protagonsiti ed il contesto cambiano da stagione a stagione).


in germania hanno già mandato anche la seconda stagione... però è una bella serie lo stesso. ;)


Di Rocco non è il mio presidente

Avatar utente
Bitossi
Messaggi: 2526
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 12:41
Località: Milano
Contatta:

Re: Serie televisive

Messaggio da leggereda Bitossi » giovedì 7 dicembre 2017, 9:55

dietzen ha scritto:
Bitossi ha scritto:Intanto ho cominciato a seguire Babylon Berlin, ambientata nella Repubblica di Weimar alla fine degli anni '20, e sia il plot sia l'ambientazione mi stanno prendendo bene.
Immagino serie a stagione unica, che sono quelle che tendo a preferire (o al massimo quelle antologiche, dove l'argomento, i protagonsiti ed il contesto cambiano da stagione a stagione).


in germania hanno già mandato anche la seconda stagione... però è una bella serie lo stesso. ;)

Non lo sapevo; ho visto comunque che è progettata su due stagioni da 8 episodi ciascuna.
Quindi nella media per me “giusta”, se la seconda dovesse arrivare in Italia entro qualche mese.
Non sopporto quelle che vanno avanti troppo, a parte The Americans, per il momento.

Tornando a BB, immagino si vada verso la crisi pazzesca del 1929; si intravedono già poi alcune avvisaglie del nazismo.
L’unico piccolo appunto lo farei rispetto alle musiche, più che altro per motivi storici: mi paiono leggermente anacronistiche, nel senso ad esempio della canzone leit-motiv dello spettacolo “burlesque” della russacchiona traditrice del popolo. Troppo moderna, a mio avviso... :boh:


Ringrazio la mia mamma per avermi fatto studiare da ciclista

Avatar utente
lemond
Messaggi: 8510
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:52
Località: Empoli

Re: Serie televisive

Messaggio da leggereda lemond » giovedì 7 dicembre 2017, 12:08

Vi ringrazio per la "dritta" (Babylon Berlin), perché mia moglie è alla continua ricerca di film/serie da vedere dopocena e lei, purtroppo, non vuol rivedere le cose già viste, a differenza di me, che invece le preferisco. :)


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
...
e i barbieri il lunedì ;)

http://www.youtube.com/watch?v=vK-gCpOSSr8

Avatar utente
Otto Kruger
Messaggi: 332
Iscritto il: giovedì 20 luglio 2017, 16:50

Re: Serie televisive

Messaggio da leggereda Otto Kruger » giovedì 7 dicembre 2017, 13:47

Bitossi ha scritto:
dietzen ha scritto:
Bitossi ha scritto:Intanto ho cominciato a seguire Babylon Berlin, ambientata nella Repubblica di Weimar alla fine degli anni '20, e sia il plot sia l'ambientazione mi stanno prendendo bene.
Immagino serie a stagione unica, che sono quelle che tendo a preferire (o al massimo quelle antologiche, dove l'argomento, i protagonsiti ed il contesto cambiano da stagione a stagione).


in germania hanno già mandato anche la seconda stagione... però è una bella serie lo stesso. ;)

Non lo sapevo; ho visto comunque che è progettata su due stagioni da 8 episodi ciascuna.
Quindi nella media per me “giusta”, se la seconda dovesse arrivare in Italia entro qualche mese.
Non sopporto quelle che vanno avanti troppo, a parte The Americans, per il momento.

Tornando a BB, immagino si vada verso la crisi pazzesca del 1929; si intravedono già poi alcune avvisaglie del nazismo.
L’unico piccolo appunto lo farei rispetto alle musiche, più che altro per motivi storici: mi paiono leggermente anacronistiche, nel senso ad esempio della canzone leit-motiv dello spettacolo “burlesque” della russacchiona traditrice del popolo. Troppo moderna, a mio avviso... :boh:


Anche a me BB sta prendendo parecchio, dissento tuttavia dal tuo giudizio sulla canzone della russacchiona. Favolosa!



Avatar utente
Bitossi
Messaggi: 2526
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 12:41
Località: Milano
Contatta:

Re: Serie televisive

Messaggio da leggereda Bitossi » giovedì 7 dicembre 2017, 15:00

Otto Kruger ha scritto:Anche a me BB sta prendendo parecchio, dissento tuttavia dal tuo giudizio sulla canzone della russacchiona. Favolosa!

Ma io mica ho scritto che non mi piace! :boh:
Fra l’altro con la russicchiona (l’attrice dal cognome dovrebbe però essere lituana) scambierei volentieri due chiacchiere... :diavoletto:

Solo che, ti pare una canzone del 1929 questa qui? :dubbio:
https://m.youtube.com/watch?v=QEFdrQcrjTU

Ad un orecchio attento nel ritornello si sentono persino strumenti elettrici; niente da dire se fosse parte della colonna sonora, ma questa è un’esibizione dal vivo! E poi la dinamica della batteria, anche negli altri brani jazz: si sente che è suonata al giorno d’oggi. Volendo, anche alcuni fraseggi dei fiati. Il tutto quindi mi suona leggermente posticcio.
Veniale errore filologico, tutto qui... :boh:


Ringrazio la mia mamma per avermi fatto studiare da ciclista