Francesco Guccini

Dove discutere di altri sport e di tutto il resto
Avatar utente
Deadnature
Messaggi: 5211
Iscritto il: martedì 22 febbraio 2011, 20:49

Re: Francesco Guccini

Messaggio da leggere da Deadnature » sabato 21 gennaio 2012, 12:38

Sarebbe anche in galera per necrofilia, credo. E sul forum di cicloweb qualcuno l'accuserebbe di averlo fatto per fregarsi l'eredità e godere della pensione di reversibilità.


http://www.spazidisimpatia.wordpress.com
Spazi di simpatia, nel nome dell'amore che regna nella nostra splendida Terra
Un blog consigliato da Basso, quello giusto.

Aderii alla campagna di garbata moral suasion per cacciare Di Rocco. E infatti...


Avatar utente
lemond
Messaggi: 11680
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:52
Località: Firenze

Re: Francesco Guccini

Messaggio da leggere da lemond » domenica 22 gennaio 2012, 8:22

Raffaella Zuccari sposa Guccini: il video del matrimonioRaffaella Zuccari a 43 anni sposa Francesco Guccini di 71 anni, il matrimonio è stato celebrato ieri a Mondolfo e il maestro è parso infastidito dalla presenza di fotografi e reporter. Annunci Google
Anche per Francesco Guccini sono arrivati i tanti attesi fiori d’arancio! Il maestro, a 71 anni, non è ancora pronto a rinunciare all’amore e decide pertanto di condurre all’altare la dolce metà, ormai sua compagna da quindici anni. Per la seconda volta, il cantante ufficializza con le nozze il legame che lo unisce alla sua fidanzata. Dopo il primo matrimonio con Roberta Baccilieri, il cantante sposa Raffaella Zuccari di 43 anni.

Nonostante il tentativo di tenere riservata la celebrazione, la notizia si è diffusa velocemente, causando a Guccini problemi di cattivo umore. Non è un caso, infatti, che il “Buona sera maestro” da parte di un fotografo, si sia trasformato, come per incanto, in un modo per palesare l’insofferenza nei confronti dei curiosi: “Buonasera un paio di palle!“.

Guccini sposa Raffaella Zuccari a Mondolfo. La celebrazione ha avuto luogo ieri e Francesco è apparso abbastanza nervoso. Solo dopo aver pronunciato il fatidico sì, il cantante si è lasciato andare e ha iniziato a scherzare con sua moglie: “Scendi da sola le scale e dì che ti ho lasciata sola all’altare“, tentando, con queste parole, di stemperare la tensione dovuta alla folla di curiosi che si accalcava fuori il municipio.

Dopo 15 anni di fidanzamento, i due piccioncini hanno deciso di ufficializzare il legame alla presenza non solo degli affetti più cari ma anche di reporter e fotografi che ovviamente non si sono lasciati fuggire la ghiotta celebrazione. Ma si sa, l’occasione fa l’uomo ladro e Guccini deve arrendersi all’evidenza di essere un cantante molto amato, come dimostra il filmato girato da Marche Notizie!


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
i barbieri il lunedì
e il mitico Lopez, che lavora alla Coop,
... il martedì. :bll:

Avatar utente
lemond
Messaggi: 11680
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:52
Località: Firenze

Re: Francesco Guccini

Messaggio da leggere da lemond » lunedì 23 gennaio 2012, 8:11

Forse la canzone più rappresentativa di "Quelli che non ..." è Cencio. Il vero nome era Gengio, un amico nano. Nessun razzismo chiaro verso di lui, ma forse un po' strisciante sì. Infatti andava al cinema con loro, ma non alle feste, perché non ebbe mai il coraggio di chiederlo e gli altri di invitarlo. Era una persona molto fantasiosa, in specie riguardo al sesso; probabilmente era un modo per attirare la nostra attenzione e per sentirsi parte del gruppo.
Una volta era scappato con un circo, forse per trovarsi in mezzo ad una razza per noi strana, ma normale per lui. però lo ripresero non lontano da Bologna e tornò mesto, ma con dentro la speranza di ripartire. ;)

http://www.youtube.com/watch?v=ylvD-AFpjv0


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
i barbieri il lunedì
e il mitico Lopez, che lavora alla Coop,
... il martedì. :bll:

Avatar utente
lemond
Messaggi: 11680
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:52
Località: Firenze

Re: Francesco Guccini

Messaggio da leggere da lemond » mercoledì 25 gennaio 2012, 7:55

Nel 1993 un entomologo dilettante scoprì una nuova farfalla nell'appenino tosco-emiliano e decise di chiamarla Parnassius Mnemosyne Guccinii. Partendo proprio dal lepidottero, Francesco realizzò "Parnassius Guccinii" che si apre con "Canzone per Silvia", la cui storia, a prescindere dalle idee politiche, dovrebbe far riflettere chiunque abbia a cuore i diritti umani. Dalla prigione la Baraldini non potè sentire la canzone, perché era vietata la musica, ma scrisse comunque una lettera all'autore (dopo aver letto il testo) in cui: "... la ringrazio perché mi attribuisce delle cose molto belle che io non merito, ma cercherò di meritare."

http://www.youtube.com/watch?v=qvOLBf1t_ic


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
i barbieri il lunedì
e il mitico Lopez, che lavora alla Coop,
... il martedì. :bll:

Avatar utente
lemond
Messaggi: 11680
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:52
Località: Firenze

Re: Francesco Guccini

Messaggio da leggere da lemond » venerdì 27 gennaio 2012, 8:23

Nostra Signora dell'ipocrisia è stata paragonata alla Domenica delle Salme di F.D.A. forse per il rifermento al mercoledì delle ceneri ed alla domenica di mezza quaresima. Ma i due brani sono molto diversi: ironico quello di Francesco, molto cupo l'altro. La situazione politica è inoltre decisamente diversa, perché Guccini ha in mente il primo Berlusconi e i politici di allora, oltre che la TV e proprio per questo smise quasi subito di cantarla nei concerti, perché la canzone non riusciva a spaziare oltre i confini di una stretta attualità. :-(

http://www.youtube.com/watch?v=ektR9i1cbjc

cfr

http://www.youtube.com/watch?v=4xKunGYWwaQ


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
i barbieri il lunedì
e il mitico Lopez, che lavora alla Coop,
... il martedì. :bll:


Avatar utente
lemond
Messaggi: 11680
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:52
Località: Firenze

Re: Francesco Guccini

Messaggio da leggere da lemond » domenica 29 gennaio 2012, 8:01

"D'amore di morte e di altre sciocchezze" riassume perfettamente quello che si andrà ad ascoltare. Le sciocchezze ci sono perché, se dio vuole ed anche se non vuole, ;) siamo capaci di pensare non soltanto all'amore o alla morte. Ecco perché i fichi era giusto che ci stesse e anche che mettesse la parola fine al disco. :D

P.S.

Ascoltarla una volta è divertente, poi ...

http://www.youtube.com/watch?v=amTjN-fdUU0


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
i barbieri il lunedì
e il mitico Lopez, che lavora alla Coop,
... il martedì. :bll:

Avatar utente
TIC
Messaggi: 7255
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:20

Re: Francesco Guccini

Messaggio da leggere da TIC » domenica 29 gennaio 2012, 13:04

lemond ha scritto:Forse la canzone più rappresentativa di "Quelli che non ..." è Cencio. Il vero nome era Gengio, un amico nano. Nessun razzismo chiaro verso di lui, ma forse un po' strisciante sì. ..-

http://www.youtube.com/watch?v=ylvD-AFpjv0
Infatti, pur essendo bellissima come canzone la trovo offensiva verso l'amico.
Voglio dire, se io fossi Cencio non sarei stato tanto contento di quella canzone.

ps come fai a sapere che non andava alle feste ? Non lo dice la canzone.


Henry Kissinger : (Ad un summit presso il Ministero degli Esteri alla fine dell'intervento di Aldo Moro) Chi parla in questo modo non può che essere un imbroglione e non può che rappresentare un popolo di imbroglioni.

Avatar utente
lemond
Messaggi: 11680
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:52
Località: Firenze

Re: Francesco Guccini

Messaggio da leggere da lemond » domenica 29 gennaio 2012, 15:13

TIC ha scritto: ps come fai a sapere che non andava alle feste ? Non lo dice la canzone.
Lo dice Guccini nella sua autobiografia. :cincin:


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
i barbieri il lunedì
e il mitico Lopez, che lavora alla Coop,
... il martedì. :bll:

Avatar utente
lemond
Messaggi: 11680
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:52
Località: Firenze

Re: Francesco Guccini

Messaggio da leggere da lemond » martedì 31 gennaio 2012, 8:32

"Lettera" è dedicata a due amici morti in poco tempo: Bonvi e Victor Sogliani. Francesco voleva subito scrivere qualcosa per fissare, come poteva, il suo affetto per loro. Ma è sempre difficile parlare di un amico/i defunto, perché c'è il grosso rischio di cadere nella retorica o di essere patetico. :-( Fu scelta la forma epistolare, che pareva far correre meno rischi e per buona parte della canzone sembra che non sia successo alcunché e che la vita scorra sempre uguale: giorno dopo giorno oggi, come ieri e forse domani. Poi d'improvviso ti assale il dubbio o meglio la consapevolezza che la "fine triste della partita" non sia troppo lontana e la domanda che poni alla vita diventa rimbombante, drammatica e dietro essa ce ne sono molteplici, tutte riconducibili le une alle altre.

http://www.youtube.com/watch?v=mZooX2EpMWY


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
i barbieri il lunedì
e il mitico Lopez, che lavora alla Coop,
... il martedì. :bll:

Avatar utente
lemond
Messaggi: 11680
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:52
Località: Firenze

Re: Francesco Guccini

Messaggio da leggere da lemond » giovedì 2 febbraio 2012, 11:35

Oltre alla morte, si parla, come detto, di amore: Vorrei e Canzone delle colombe e del fiore (l'amore nuovo), Quattro Stracci (quello di ieri) [Nota-domanda per Marco-Admin: "C'è molta differenza fra quest'ultima canzone e quella di Vecchioni?"]
A me sembra molto ben scritto e documentato il "disamore", una canzone dell'addio, dell'incomprensione, del contrasto di gusti e di carattere, una canzone molto cruda, dichiaratamente cattiva (e quindi non troppo), in definitiva una chiusura senza rimpianti. :-( :-)

http://www.youtube.com/watch?v=QD1D4r9BQsk

http://www.youtube.com/watch?v=9Tkq01LgKNs


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
i barbieri il lunedì
e il mitico Lopez, che lavora alla Coop,
... il martedì. :bll:

Avatar utente
Deadnature
Messaggi: 5211
Iscritto il: martedì 22 febbraio 2011, 20:49

Re: Francesco Guccini

Messaggio da leggere da Deadnature » giovedì 2 febbraio 2012, 14:10

Avevo letto che "Quattro Stracci" è figlia di "Farewell": Guccini la fece sentire in anteprima alla sua ex-compagna, la quale, finito di ascoltarla, commentò "Adesso dovrei mettermi a piangere?". Francesco nostro, che evidentemente all'epoca non aveva ancora smaltito tutti i rancori, tornò a casa e compose il brano "post-avvelenato".


http://www.spazidisimpatia.wordpress.com
Spazi di simpatia, nel nome dell'amore che regna nella nostra splendida Terra
Un blog consigliato da Basso, quello giusto.

Aderii alla campagna di garbata moral suasion per cacciare Di Rocco. E infatti...

Avatar utente
lemond
Messaggi: 11680
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:52
Località: Firenze

Re: Francesco Guccini

Messaggio da leggere da lemond » sabato 4 febbraio 2012, 10:14

Infine, parliamo di "Cirano": un'avvelenata molti anni dopo che, riprende il tema della rabbia contro l'insipienza, la stupidità, l'infingardaggine e la mancanza di coraggio. La prima però era molto più personale, questa è invece *politica*. Poi la canzone dà modo di regolare i conti con due diverse forme di dogmatismo ideologico: i materialisti oltranzisti che fanno dell'uomo una massa bruta e i preti rezionari che dimenticano la fisicità, imponendo una visione dimezzata dell'uomo. Insomma Francesco si scaglia contro chiunque pretenda di possedere la "verità rivelata". :grr: Vi è poi una terza schiatta di nemici: i falsi artisti, gente e cantautori ad ore, oltre che la gente vuota che non riesce proprio ad "entrare nel sogno". :-(
Si termina con la parte "construens" che comincia con "Dev'esserci lo sento ..."
In definitiva Guccini, in collaborazione con i coatori Bigazzi e Dotti. si serve di un antieroe delle letteratura francese per alzare un grido conro la società, perché Cyrano/Cirano in definitiva è colui che non ha mai piegato la testa dinnanzi al potere e se anche è sconfitto, l'importante è poter dire: "Non ho sofferto invano!" Ma Cirano è anche la solitudine dell'amore impossibile, di chi non ha modo di comunicare tutto ciò che ha dentro, perché gli altri sono omologati a dei falsi, dogmatici, modelli.

http://www.youtube.com/watch?v=0yYm2c4cPHk


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
i barbieri il lunedì
e il mitico Lopez, che lavora alla Coop,
... il martedì. :bll:

Avatar utente
lemond
Messaggi: 11680
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:52
Località: Firenze

Re: Francesco Guccini

Messaggio da leggere da lemond » lunedì 6 febbraio 2012, 15:29

"Stagioni" arruva con il nuovo millennio e nasce, come sempre, dalla voglia di guardare indietro per andare avanti e dimenticare, se si può, la follia del presente. Un oggi fatto di trasmissioni televisive ignobili e di ignoranza; di persone pronte a prostituirsi, di volgarità di immagini e di un linguaggio sempre più decaduto, dove impera fra tutte, una parola che dovrebbe essere, invece, impronunciabile, perché non significa nulla, anche se i "parlanti" gli appiccicano tutto. :grr: Solo la trasmissione Fabio Fazio si salva fra i programmi televisivi, perché forse nlui è un uomo di altri tempi. Però poi c'è la Litizzetto e rimettere le cose verso il gusto corrente. :-(

http://www.youtube.com/watch?v=fKKG2rNt ... re=related

http://www.youtube.com/watch?v=dZn6bEAE ... ure=fvwrel


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
i barbieri il lunedì
e il mitico Lopez, che lavora alla Coop,
... il martedì. :bll:

Avatar utente
lemond
Messaggi: 11680
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:52
Località: Firenze

Re: Francesco Guccini

Messaggio da leggere da lemond » mercoledì 8 febbraio 2012, 8:17

"Stagioni" comincia e termina con un *addio*. Dovendo cercare di dare una risposta, se possibile profonda, alle molte domande di oggi, non poteva bastare un ciao, ci voleva una *rottura*. Il procedimento usato è lo stesso dell' "Isola non trovata" con la tecnica dell'intro parlato e poi la ripresa e lo sviluppo, prima della chiusura. Pàvana gli ha insegnato a non nascondersi mai dietro a un dito, a prendersi quindi le proprie responsabilità e Addio ne è un esempio.

http://www.youtube.com/watch?v=Tj2STFCmki4


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
i barbieri il lunedì
e il mitico Lopez, che lavora alla Coop,
... il martedì. :bll:

Avatar utente
lemond
Messaggi: 11680
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:52
Località: Firenze

Re: Francesco Guccini

Messaggio da leggere da lemond » venerdì 10 febbraio 2012, 14:13

"Autunno" è quello del vivere: le spinte rimangono, ma attenuate. Una volta divevi sempre "io sarò", ora è più facile dire "io ero". Guccini però non è né nostalgico, né malinconico, perché invecchiando ha mantenuto la risata consueta e la voglia di vivere.

http://www.youtube.com/watch?v=-_n8YSA0tUA


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
i barbieri il lunedì
e il mitico Lopez, che lavora alla Coop,
... il martedì. :bll:

Avatar utente
lemond
Messaggi: 11680
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:52
Località: Firenze

Re: Francesco Guccini

Messaggio da leggere da lemond » lunedì 13 febbraio 2012, 8:59

Deadnature ha scritto:Beh, sempre per la figlia (cresciuta) c'è la notevolissima e struggente "E un giorno...", contenuta in Stagioni.
http://www.youtube.com/watch?v=ZmQUbKNzbTQ
Ecco, ora ci siamo e sempre in Stagioni, "Inverno '60" è un ricordo nostalgico delle balere di 50 anni fa. Allora era tremendo cercare di conquistare una ragazza: un inferno dantesco con le madri accanto alle figlie, a studiare i pretendenti. Nella festa organizzata per il lancio del disco, Francesco e compagni si sono attardati a raccontare l'assurda follia di quegli anni e di quei luoghi: palestre formidabili per gli orchestrali, oltre che posti per gli incontri della gente. ;) Insomma le balere facevano tenerezza, a differenza delle discoteche :grr: con tutti quei "decibel" e quelle luci stroboscopiche. Ed anche gli orari erano più umani: si chiudevano all'ora esatta in cui oggi si aprono ... quei "bordelli".

http://www.youtube.com/watch?v=LBs367SD1Dw


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
i barbieri il lunedì
e il mitico Lopez, che lavora alla Coop,
... il martedì. :bll:

bandana_gialla
Messaggi: 21
Iscritto il: giovedì 26 gennaio 2012, 9:53

Re: Francesco Guccini

Messaggio da leggere da bandana_gialla » martedì 14 febbraio 2012, 11:19

Non so perché ma raramente viene citato uno dei capolavoi (a mio avviso) di Guccini, ossia "il pensionato"....è una caozone di una delicatezza rara!



Avatar utente
lemond
Messaggi: 11680
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:52
Località: Firenze

Re: Francesco Guccini

Messaggio da leggere da lemond » martedì 14 febbraio 2012, 12:46

bandana_gialla ha scritto:Non so perché ma raramente viene citato uno dei capolavoi (a mio avviso) di Guccini, ossia "il pensionato"....è una caozone di una delicatezza rara!
Già citata in questa "discussione" e Marco Admin ha detto che è una delle canzoni più tristi che abbia mai ascoltato. Al che ho risposto che è anche una delle più belle. :cincin:

P.S.

Ho usato il passto prossimo anche se è trascorso parecchio tempo, perché la discussione è ancora in essere. ;)


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
i barbieri il lunedì
e il mitico Lopez, che lavora alla Coop,
... il martedì. :bll:

Avatar utente
lemond
Messaggi: 11680
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:52
Località: Firenze

Re: Francesco Guccini

Messaggio da leggere da lemond » mercoledì 15 febbraio 2012, 9:01

In Stagioni, si parla di autunno, inverno e primavera, ma non di estate ed il perché è facilmente spiegato dallo stesso Guccini: "Io in estate vivo, non scrivo canzoni". ;)

P.S.

Poiché a mio giudizio in questo album le altre canzoni non sono "memorabili", preferisco spedirne una "fuori sacco" che mi piace molto. ;)

http://www.youtube.com/watch?v=xLgX8GdNKWY


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
i barbieri il lunedì
e il mitico Lopez, che lavora alla Coop,
... il martedì. :bll:

Avatar utente
lemond
Messaggi: 11680
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:52
Località: Firenze

Re: Francesco Guccini

Messaggio da leggere da lemond » venerdì 17 febbraio 2012, 8:41

Il 21 ottobre 2002 consegnano a Francesco la laurea "honoris causa" in Scienze della Formazione Primaria e un giornalista di Vanity Fair avrebbe scritto qualche anno dopo che era ora di finirla di "regalare laure a ..." Solo che a Guccini mancava davvero solo la tesi per laurearsi, dopo aver dato, appunto, tutti gli esami, oltre ad aver scritto (al posto della tesi) un dizionario pavanese-italiano. ;) Comunque sia, da laureato il Nostro ebbe l'idea dell'ultimo, per ora, suo album: Ritratti.
Odysseus è il coraggio e l'incoscienza, l'uomo che osa, come Prometheus e si ... Chi va per mare, da isolano, è come l'uomo di montagna. Pensiamo ai sardi che non sono mai stati pescatori o ai siciliani che sono, per lo più, uomini d'interno. Il montanaro vede un monte ci arriva e vede un'altra cima e ... così l'isolano si sposta alla conquista di un'isola dietro l'altra ed in questo modo gli asiatici sono arrivati in Polinesia. ;)

http://www.youtube.com/watch?v=A-NiIjhL_Uc


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
i barbieri il lunedì
e il mitico Lopez, che lavora alla Coop,
... il martedì. :bll:

Avatar utente
lemond
Messaggi: 11680
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:52
Località: Firenze

Re: Francesco Guccini

Messaggio da leggere da lemond » domenica 19 febbraio 2012, 7:39

Colombo e Canzone per il Che credo non lasceranno traccia, perché sono ritratti un po' troppo rivisti: addirittura si canta il fatto che il Che fosse un rivoluzionario cubano, scambiando la rivoluzione con il conculcamento della libertà. E' un fatto molto comune, ma da Guccini mi aspetto di meglio. Invece per "Piazza Alimonda" a Genova gli ascoltatori si sono alzati tutti in piedi ad applaudire, in un modo che sembrava non finire mai, e poi si sono rimessi a sedere, tranquilli. ;)
Devo dire che per me Carlo Giuliani di bello ha solo il nome (il prenome dei romani), però la canzone è un ritratto di Genova in quel giorno e gli uomini armati del G8 non avevano nobiltà di spirito, ma solo la durezza dell'armatura. :-(

http://www.youtube.com/watch?v=ITkp4GHHEj4


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
i barbieri il lunedì
e il mitico Lopez, che lavora alla Coop,
... il martedì. :bll:

Avatar utente
lemond
Messaggi: 11680
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:52
Località: Firenze

Re: Francesco Guccini

Messaggio da leggere da lemond » martedì 21 febbraio 2012, 9:41

Ritratti però, non è solo ritratti, ad es. Una canzone è un manifesto che ci dice come si opera la traduzione di pensieri in parole. Scrivere è bellissimo e il risultato finale fa "allargare il cuore". L'ispirazione per Guccini non esiste, è un concetto romatico, al massimo si può parlare di un'idea, di uno spunto, ma più che altro la canzone è sudore, duro lavoro e capacità di attendere, perché un'idea può rimanere dentro per anni, senza mai decidersi ad "uscire", :-(

http://www.youtube.com/watch?v=pOM8b7J9oMY


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
i barbieri il lunedì
e il mitico Lopez, che lavora alla Coop,
... il martedì. :bll:

Avatar utente
lemond
Messaggi: 11680
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:52
Località: Firenze

Re: Francesco Guccini

Messaggio da leggere da lemond » giovedì 23 febbraio 2012, 8:13

Vite è la prima canzone ad essere stata scritta per Ritratti e l'ispirazione gli venne da una casa che si vedeva bene dalla sua abitazione di Pàvana. Ora è chiusa, ma è un tempo era piena di vita. Coloro che avevano diritto all'eredità non si sono neppure accorti della sua esistenza. Francesco una volta che andava a Bologna notò qualcosa che altre volte gli era sfuggita: almeno sette case diroccate lungo i binari della ferrovia. :-( E mentre guardava quel brutto spettacolo gli venne in mente l'immagine del rigattiere dove puoi trovare, alla rinfusa, cose che un tempo erano forse state amate e custodite con cura. Naturalmente dietro l'amore per gli oggetti, c'è anche quello più importante, che lo sottende. ;)

http://www.youtube.com/watch?v=vyEw-cXxxIo


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
i barbieri il lunedì
e il mitico Lopez, che lavora alla Coop,
... il martedì. :bll:

Avatar utente
lemond
Messaggi: 11680
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:52
Località: Firenze

Re: Francesco Guccini

Messaggio da leggere da lemond » sabato 25 febbraio 2012, 10:19

E questa è l'ultima notizia che invierò, per il momento, su Guccini

http://www.ternimagazine.it/60582/cultu ... video.html


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
i barbieri il lunedì
e il mitico Lopez, che lavora alla Coop,
... il martedì. :bll:

bandana_gialla
Messaggi: 21
Iscritto il: giovedì 26 gennaio 2012, 9:53

Re: Francesco Guccini

Messaggio da leggere da bandana_gialla » lunedì 5 marzo 2012, 10:12

lemond ha scritto:
bandana_gialla ha scritto:Non so perché ma raramente viene citato uno dei capolavoi (a mio avviso) di Guccini, ossia "il pensionato"....è una caozone di una delicatezza rara! L'ho visto in concerto durante una memorabile vacanza a Bologna e mi ha quasi commosso sta canzone
Già citata in questa "discussione" e Marco Admin ha detto che è una delle canzoni più tristi che abbia mai ascoltato. Al che ho risposto che è anche una delle più belle. :cincin:

P.S.

Ho usato il passto prossimo anche se è trascorso parecchio tempo, perché la discussione è ancora in essere. ;)
Boh de gustibus....ripeto, io la trovo stupenda!



Admin
Messaggi: 13431
Iscritto il: domenica 21 giugno 2009, 22:48

Re: Francesco Guccini

Messaggio da leggere da Admin » lunedì 5 marzo 2012, 10:17

Beh, il fatto che sia triste non toglie che sia bellissima ;)


Pantani è una leggenda come Coppi e Bartali

Avatar utente
Camoscio madonita
Messaggi: 3373
Iscritto il: sabato 11 dicembre 2010, 15:30

Re: Francesco Guccini

Messaggio da leggere da Camoscio madonita » lunedì 23 luglio 2012, 0:04

Riprendo questi vecchio topic per raccontarvi qualcosa che mi succede spesso con una canzone di Guccini, non la più bella ma la mia preferita: ogni volta che ascolto Incontro o la canto con la chitarra non riesco a concludere l'ultima strofa senza emozionarmi:

E pensavo dondolato dal vagone
"Cara amica il tempo prende il tempo da"
Noi corriamo sempre in una direzione
ma qual sia, che senso abbia chi lo sa
Restano i sogni senza tempo
le impressioni di un momento
le luci nel buio di case
intraviste da un treno
Siamo qualcosa che non resta
frasi vuote nella testa
ed il cuore di simboli pieno...

Guccini ci dimostra con questa bellissima strofa come la vita, i sentimenti siano quasi un attimo, un momento effimero che fugge via lasciando pochi ricordi legati a sensazioni/ visioni momentanee (le luci nel buio di case)
Un tema che a mio modo di vedere riprende nella bellissima "Canzone quasi d'amore"


Quando ero piccolo mi innamoravo di tutto, ma il primo vero amore non si scorda mai: Merano-Aprica, 5 giugno 1994.

Avatar utente
lemond
Messaggi: 11680
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:52
Località: Firenze

Re: Francesco Guccini

Messaggio da leggere da lemond » lunedì 23 luglio 2012, 8:21

Camoscio madonita ha scritto:Riprendo questi vecchio topic per raccontarvi qualcosa che mi succede spesso con una canzone di Guccini, non la più bella ma la mia preferita: ogni volta che ascolto Incontro o la canto con la chitarra non riesco a concludere l'ultima strofa senza emozionarmi:

E pensavo dondolato dal vagone
"Cara amica il tempo prende il tempo dà"
Noi corriamo sempre in una direzione
ma qual sia, che senso abbia chi lo sa
Restano i sogni senza tempo
le impressioni di un momento
le luci nel buio di case
intraviste da un treno
Siamo qualcosa che non resta
frasi vuote nella testa
ed il cuore di simboli pieno...

Guccini ci dimostra con questa bellissima strofa come la vita, i sentimenti siano quasi un attimo, un momento effimero che fugge via lasciando pochi ricordi legati a sensazioni/ visioni momentanee (le luci nel buio di case)
Un tema che a mio modo di vedere riprende nella bellissima "Canzone quasi d'amore"
E allora, oltre che leggerle, riascoltiamole. :clap:

http://www.youtube.com/watch?v=2Hgyl3GdhMY

http://www.youtube.com/watch?v=Il6Xz2nNkYQ


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
i barbieri il lunedì
e il mitico Lopez, che lavora alla Coop,
... il martedì. :bll:

Avatar utente
lemond
Messaggi: 11680
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:52
Località: Firenze

Re: Francesco Guccini

Messaggio da leggere da lemond » lunedì 10 dicembre 2012, 12:46



Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
i barbieri il lunedì
e il mitico Lopez, che lavora alla Coop,
... il martedì. :bll:

Avatar utente
lemond
Messaggi: 11680
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:52
Località: Firenze

Re: Francesco Guccini

Messaggio da leggere da lemond » mercoledì 26 dicembre 2012, 7:57



Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
i barbieri il lunedì
e il mitico Lopez, che lavora alla Coop,
... il martedì. :bll:

Avatar utente
matteo.conz
Messaggi: 7591
Iscritto il: sabato 19 maggio 2012, 15:12

Re: Francesco Guccini

Messaggio da leggere da matteo.conz » sabato 30 marzo 2013, 14:43

Guccini è un grandissimo,insieme a de andrè l'unico italiano che considero, e tralaltro è una gran persona. Ho abitato a bologna in via masia di cui via paolo sarpi è una laterale e avevo sentito dire che li c'era una osteria gestita da guccini quindi non ho potuto nn andarci. Dopo vari volte che compravo il vino da la finalmente lo incrocio...il tutto semplicissimo,gli dò la mano,lo ringrazio per la sua grande opera e beviamo un rosso: mi ha messo subito a mio agio. Se siete a bologna con pochi soldi (o anche no) andateci,prezzi popolari e si mangia bene: 3e al litro buon vino dei colli,san giovese credo.


Qui vige l'uguaglianza... Non conta un cazzo nessuno.
Svalorizzando gli altri non ti rendi superiore.
C'è sempre una soluzione semplice ad un problema complesso. Ed è quella sbagliata. A. Einstein

Avatar utente
lemond
Messaggi: 11680
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:52
Località: Firenze

Re: Francesco Guccini

Messaggio da leggere da lemond » sabato 30 marzo 2013, 18:02

matteo.conz ha scritto:Guccini è un grandissimo,insieme a de andrè l'unico italiano che considero, e tralaltro è una gran persona. Ho abitato a bologna in via masia di cui via paolo sarpi è una laterale e avevo sentito dire che li c'era una osteria gestita da guccini quindi non ho potuto nn andarci. Dopo vari volte che compravo il vino da la finalmente lo incrocio...il tutto semplicissimo,gli dò la mano,lo ringrazio per la sua grande opera e beviamo un rosso: mi ha messo subito a mio agio. Se siete a bologna con pochi soldi (o anche no) andateci,prezzi popolari e si mangia bene: 3e al litro buon vino dei colli,san giovese credo.
Condivido tutto, tranne che mi sembrano pochi *due* italiani da considerare. :dubbio:


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
i barbieri il lunedì
e il mitico Lopez, che lavora alla Coop,
... il martedì. :bll:

Avatar utente
matteo.conz
Messaggi: 7591
Iscritto il: sabato 19 maggio 2012, 15:12

Re: Francesco Guccini

Messaggio da leggere da matteo.conz » sabato 30 marzo 2013, 18:12

lemond ha scritto:
matteo.conz ha scritto:Guccini è un grandissimo,insieme a de andrè l'unico italiano che considero, e tralaltro è una gran persona. Ho abitato a bologna in via masia di cui via paolo sarpi è una laterale e avevo sentito dire che li c'era una osteria gestita da guccini quindi non ho potuto nn andarci. Dopo vari volte che compravo il vino da la finalmente lo incrocio...il tutto semplicissimo,gli dò la mano,lo ringrazio per la sua grande opera e beviamo un rosso: mi ha messo subito a mio agio. Se siete a bologna con pochi soldi (o anche no) andateci,prezzi popolari e si mangia bene: 3e al litro buon vino dei colli,san giovese credo.
Condivido tutto, tranne che mi sembrano pochi *due* italiani da considerare. :dubbio:
musicalmente le uniche cose che ascolto in italiano sono verdena,i vecchi afterhours,pan del diavolo,99 posse,i colle der fomento,kaos one,neffa e sangue misto e qualcosa altro di hip hop old school,dei dj e producer della scena tekno/rave e appunto de andrè e guccini...gli altri non te li avevo nominati per differenza di età e credo attitudine. Lo so che sono limitato ma ormai da molto in italia la musica è finita,molto più che il ciclismo. Per il cinema uguale a parte qualche mosca bianca come il film che ho citato nell'altro 3d. peccato...tristezza... :cry:


Qui vige l'uguaglianza... Non conta un cazzo nessuno.
Svalorizzando gli altri non ti rendi superiore.
C'è sempre una soluzione semplice ad un problema complesso. Ed è quella sbagliata. A. Einstein

Avatar utente
nemecsek.
Messaggi: 1830
Iscritto il: mercoledì 6 gennaio 2016, 22:35

Re: Francesco Guccini

Messaggio da leggere da nemecsek. » sabato 12 marzo 2016, 0:11

Guccini cade ad Auscviz

non so voi, a me vien da ridere :D


Immagine

nibali-san baronto
Messaggi: 549
Iscritto il: mercoledì 17 agosto 2016, 20:43

Re: Francesco Guccini

Messaggio da leggere da nibali-san baronto » lunedì 4 febbraio 2019, 23:38

Bello vedere tanti amici del ciclismo gucciniano!
Ho scoperto oggi l'esistenza di questo topic e mi sono letto quasi tutto.
Peccato che non sia più scritto nulla.
Se posso dire la mia l'unica pecca è che per parlare di i Guccini sono convinto che se ne debba parlare con occhio letterario/filologico, rintracciando l'ideologia di fondo, la formazione culturale, i riferimenti che fa alla sue stesse canzoni e a quelli degli altri e soprattutto il pensiero para-politico che pur restando fedele all'anarchia di fondo si evolve col passare del tempo.

Inoltre molti album di Guccini sono concept (con un'accezione diversa rispetto a De André) e vanno analizzati nella loro interezza.

In ogni caso bello che si parli di Guccini!



Avatar utente
lemond
Messaggi: 11680
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:52
Località: Firenze

Re: Francesco Guccini

Messaggio da leggere da lemond » venerdì 15 marzo 2019, 10:19

matteo.conz ha scritto:
sabato 30 marzo 2013, 18:12
lemond ha scritto:
matteo.conz ha scritto:Guccini è un grandissimo,insieme a de andrè l'unico italiano che considero, e tralaltro è una gran persona. Ho abitato a bologna in via masia di cui via paolo sarpi è una laterale e avevo sentito dire che li c'era una osteria gestita da guccini quindi non ho potuto nn andarci. Dopo vari volte che compravo il vino da la finalmente lo incrocio...il tutto semplicissimo,gli dò la mano,lo ringrazio per la sua grande opera e beviamo un rosso: mi ha messo subito a mio agio. Se siete a bologna con pochi soldi (o anche no) andateci,prezzi popolari e si mangia bene: 3e al litro buon vino dei colli,san giovese credo.
Condivido tutto, tranne che mi sembrano pochi *due* italiani da considerare. :dubbio:
musicalmente le uniche cose che ascolto in italiano sono verdena,i vecchi afterhours,pan del diavolo,99 posse,i colle der fomento,kaos one,neffa e sangue misto e qualcosa altro di hip hop old school,dei dj e producer della scena tekno/rave e appunto de andrè e guccini...gli altri non te li avevo nominati per differenza di età e credo attitudine. Lo so che sono limitato ma ormai da molto in italia la musica è finita,molto più che il ciclismo. Per il cinema uguale a parte qualche mosca bianca come il film che ho citato nell'altro 3d. peccato...tristezza... :cry:
Forse perché non conosci Gaber, Vecchioni e naturalmente Brel, ma lui non è italiano, anche se è riconosciuto il padre dei nostri.
Ma torniamo a Guccini e comincerò questa serie di interventi quotidiani su di lui con il dire che il lascito maggiore è "a modo suo" il socratico *non sapere*, perché quasi sempre la curiosità per la vita si scontra con la difficoltà di comprenderla e moltissimi interrogativi sfuggono a una risposta esaustiva. Ma in lui e noi resta comunque la speranza ed è quindi d'uopo continuare. ;)


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
i barbieri il lunedì
e il mitico Lopez, che lavora alla Coop,
... il martedì. :bll:

Avatar utente
nino58
Messaggi: 10674
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 14:38

Re: Francesco Guccini

Messaggio da leggere da nino58 » venerdì 15 marzo 2019, 10:50

matteo.conz ha scritto:
sabato 30 marzo 2013, 14:43
Guccini è un grandissimo,insieme a de andrè l'unico italiano che considero, e tralaltro è una gran persona. Ho abitato a bologna in via masia di cui via paolo sarpi è una laterale e avevo sentito dire che li c'era una osteria gestita da guccini quindi non ho potuto nn andarci. Dopo vari volte che compravo il vino da la finalmente lo incrocio...il tutto semplicissimo,gli dò la mano,lo ringrazio per la sua grande opera e beviamo un rosso: mi ha messo subito a mio agio. Se siete a bologna con pochi soldi (o anche no) andateci,prezzi popolari e si mangia bene: 3e al litro buon vino dei colli,san giovese credo.
Tre euro al litro al tavolo è un prezzo più che buono.
L'Osteria è quella "delle Dame" ?
Ma forse, nel 2013, non aveva ancora riaperto.
Qual è, allora ?


Von Rock ? Nein, danke.
Diritto di correre senza condizioni a chi ha scontato una squalifica !!!

Avatar utente
matteo.conz
Messaggi: 7591
Iscritto il: sabato 19 maggio 2012, 15:12

Re: Francesco Guccini

Messaggio da leggere da matteo.conz » venerdì 15 marzo 2019, 12:45

nino58 ha scritto:
venerdì 15 marzo 2019, 10:50
matteo.conz ha scritto:
sabato 30 marzo 2013, 14:43
Guccini è un grandissimo,insieme a de andrè l'unico italiano che considero, e tralaltro è una gran persona. Ho abitato a bologna in via masia di cui via paolo sarpi è una laterale e avevo sentito dire che li c'era una osteria gestita da guccini quindi non ho potuto nn andarci. Dopo vari volte che compravo il vino da la finalmente lo incrocio...il tutto semplicissimo,gli dò la mano,lo ringrazio per la sua grande opera e beviamo un rosso: mi ha messo subito a mio agio. Se siete a bologna con pochi soldi (o anche no) andateci,prezzi popolari e si mangia bene: 3e al litro buon vino dei colli,san giovese credo.
Tre euro al litro al tavolo è un prezzo più che buono.
L'Osteria è quella "delle Dame" ?
Ma forse, nel 2013, non aveva ancora riaperto.
Qual è, allora ?
Non al tavolo, ce lo vendevano "da esporto" perchè poi andavamo in giro la notte. Era il 2006-7-8...il nome boh, c'era scritto fuori solo osteria. E si mangiava pure strabene! no roba alla cracco, roba massiccia per la gente spiccia (cit.)


Qui vige l'uguaglianza... Non conta un cazzo nessuno.
Svalorizzando gli altri non ti rendi superiore.
C'è sempre una soluzione semplice ad un problema complesso. Ed è quella sbagliata. A. Einstein

Avatar utente
lemond
Messaggi: 11680
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:52
Località: Firenze

Re: Francesco Guccini

Messaggio da leggere da lemond » sabato 16 marzo 2019, 9:04

Auschwitz
Il titolo originale era "La Canzone del bambino nel vento" e non a caso, perché il vento è un chiaro riferimento al titolo del pezzo pacifista di Bob Dylan, che non conosco perché non frequento gli autori di lingua inglese (purtroppo o per fortuna avrebbe detto Gaber ;) )
Prendere un bambino come simbolo (lo farà in modo maldestro anche Benigni molti anni dopo) mi sembra piuttosto originale ed efficace, anche se non (è ovvio) per tutti, perché nell'umanità i negazionisti ci saranno sempre, auguriamoci che non diventino mai maggioranza e che anzi l'uomo, prima o poi, riesca a vivere senza ammazzare! :x


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
i barbieri il lunedì
e il mitico Lopez, che lavora alla Coop,
... il martedì. :bll:

Avatar utente
lemond
Messaggi: 11680
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:52
Località: Firenze

Re: Francesco Guccini

Messaggio da leggere da lemond » domenica 17 marzo 2019, 10:19

Dio è morto I

Per me, insieme alla locomotiva, è la canzone più sbagliata che ci sia del grande Francesco. Sarebbe giusta se solo avesse cambiato *morto* con vivo*!
Possiamo cominciare con "Ho visto gente della mia età ..." Per ammissione dello stesso autore c'è il riferimento ad Allen Ginsberg che ritraeva l'altra faccia del sogno americano, fatta di droga, morte, solitudine e follia. Si dimentica che l'America è nata ed è rimasta tutt'una con Dio (l'ànno scritto anche sui dollari quello in cui credono e nei tribunali fanno giurare sulla Bibbia)! E che cosa è quel libro se non la storia di solitudine e follia? La droga è solo un modo per avvicinarsi in terra a quel Paradiso tanto promesso dai padri pellegrini che attraversarono l'atlantico nei primi anni del Seicento. :x
"Ai bordi delle strade ..." Ovvero le puttane, ma perché Dio ha fatto qualcosa per estinguere il mestiere più diffuso da sempre o forse Francesco pensava che costoro non fossero religiose come tutte le altre, secondo i desideri del teorico del cristianesimo, tal Saulo di Tarso che forse vedeva proprio quel lavoro, come l'unico degno di loro! :x (continua)

https://www.youtube.com/watch?v=WOghUuL0P9Q


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
i barbieri il lunedì
e il mitico Lopez, che lavora alla Coop,
... il martedì. :bll:

Avatar utente
lemond
Messaggi: 11680
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:52
Località: Firenze

Re: Francesco Guccini

Messaggio da leggere da lemond » lunedì 18 marzo 2019, 9:20

Dio è morto II

*nelle auto prese a rate, nei miti dell'estate...* Ovvero il consumismo (c'è chi addirittura ha preso prestiti per vacanze allora milionarie o per i regali di Natale). La festività principale cristiana che cosa è se non la spinta al consumismo più totale? D'altra parte anche i Saturnali (da cui hanno copiato) erano feste abbastanza improntate alla baldoria e quindi alle spese superflue, ma con il Natale si è davvero esagerato! Quindi solo con un dio veramente *morto* si sarebbe potuto pensare a una scelta vera del consumatore, anche se ci credo poco! :x


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
i barbieri il lunedì
e il mitico Lopez, che lavora alla Coop,
... il martedì. :bll:

Avatar utente
jerrydrake
Messaggi: 5421
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 12:14

Re: Francesco Guccini

Messaggio da leggere da jerrydrake » lunedì 18 marzo 2019, 10:34

lemond ha scritto:
domenica 17 marzo 2019, 10:19
Dio è morto I

Per me, insieme alla locomotiva, è la canzone più sbagliata che ci sia del grande Francesco. Sarebbe giusta se solo avesse cambiato *morto* con vivo*!
"Dio è morto" è la più commerciale delle canzoni di Guccini, "La Locomotiva" è il suo massimo capolavoro.



Avatar utente
nino58
Messaggi: 10674
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 14:38

Re: Francesco Guccini

Messaggio da leggere da nino58 » lunedì 18 marzo 2019, 12:19

jerrydrake ha scritto:
lunedì 18 marzo 2019, 10:34
lemond ha scritto:
domenica 17 marzo 2019, 10:19
Dio è morto I

Per me, insieme alla locomotiva, è la canzone più sbagliata che ci sia del grande Francesco. Sarebbe giusta se solo avesse cambiato *morto* con vivo*!
"Dio è morto" è la più commerciale delle canzoni di Guccini, "La Locomotiva" è il suo massimo capolavoro.
"La Locomotiva" la collocherei in trilogia con "Donchisciotte" e "Cyrano" così come, per ciò che riguarda il ticket Mogol-Battisti, la mia trilogia ideale è "La Canzone del sole"-"Pensieri e Parole"-"I giardini di Marzo".


Von Rock ? Nein, danke.
Diritto di correre senza condizioni a chi ha scontato una squalifica !!!

Avatar utente
nino58
Messaggi: 10674
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 14:38

Re: Francesco Guccini

Messaggio da leggere da nino58 » lunedì 18 marzo 2019, 12:37

Ma il suo diamante è "Van Loon".


Von Rock ? Nein, danke.
Diritto di correre senza condizioni a chi ha scontato una squalifica !!!

Avatar utente
lemond
Messaggi: 11680
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:52
Località: Firenze

Re: Francesco Guccini

Messaggio da leggere da lemond » lunedì 18 marzo 2019, 13:15

Van Loon, per quanto rammento è stupenda, mentre la Locomotiva è la storia di uno stupido (o eroe, fate voi) che intende l'anarchia nel modo opposto: violento e non umanitario! Ma ci sarà modo di analizzarla in seguito, se qualcuno non volesse anticipare, cosa che a me va sempre bene, perché, come diceva sempre mio nonno: "È meglio una cosa fatta, che cento da fare!" ;)


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
i barbieri il lunedì
e il mitico Lopez, che lavora alla Coop,
... il martedì. :bll:

Avatar utente
lemond
Messaggi: 11680
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:52
Località: Firenze

Re: Francesco Guccini

Messaggio da leggere da lemond » lunedì 18 marzo 2019, 13:18

nino58 ha scritto:
lunedì 18 marzo 2019, 12:19
jerrydrake ha scritto:
lunedì 18 marzo 2019, 10:34
lemond ha scritto:
domenica 17 marzo 2019, 10:19
Dio è morto I

Per me, insieme alla locomotiva, è la canzone più sbagliata che ci sia del grande Francesco. Sarebbe giusta se solo avesse cambiato *morto* con vivo*!
"Dio è morto" è la più commerciale delle canzoni di Guccini, "La Locomotiva" è il suo massimo capolavoro.
"La Locomotiva" la collocherei in trilogia con "Donchisciotte" e "Cyrano" così come, per ciò che riguarda il ticket Mogol-Battisti, la mia trilogia ideale è "La Canzone del sole"-"Pensieri e Parole"-"I giardini di Marzo".
Mogol Battisti non li conosco, ma Donchisciotte e Cyrano per me non c'entrano nulla con la Locomotiva e infatti non ho mai sopportato l'ultima, mentre mi piacciono immensamente le altre due. :cincin:


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
i barbieri il lunedì
e il mitico Lopez, che lavora alla Coop,
... il martedì. :bll:

Avatar utente
jerrydrake
Messaggi: 5421
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 12:14

Re: Francesco Guccini

Messaggio da leggere da jerrydrake » lunedì 18 marzo 2019, 13:26

lemond ha scritto:
lunedì 18 marzo 2019, 13:18
nino58 ha scritto:
lunedì 18 marzo 2019, 12:19

"La Locomotiva" la collocherei in trilogia con "Donchisciotte" e "Cyrano" così come, per ciò che riguarda il ticket Mogol-Battisti, la mia trilogia ideale è "La Canzone del sole"-"Pensieri e Parole"-"I giardini di Marzo".
Donchisciotte e Cyrano per me non c'entrano nulla con la Locomotiva e infatti non ho mai sopportato l'ultima, mentre mi piacciono immensamente le altre due. :cincin:
Concordo col fatto che Donchisciotte e Cyrano non c'entrino nulla con la Locomotiva. Tuttavia ritengo Donchisciotte infinitamente superiore a Cyrano.



Avatar utente
matteo.conz
Messaggi: 7591
Iscritto il: sabato 19 maggio 2012, 15:12

Re: Francesco Guccini

Messaggio da leggere da matteo.conz » lunedì 18 marzo 2019, 13:27

jerrydrake ha scritto:
lunedì 18 marzo 2019, 10:34
lemond ha scritto:
domenica 17 marzo 2019, 10:19
Dio è morto I

Per me, insieme alla locomotiva, è la canzone più sbagliata che ci sia del grande Francesco. Sarebbe giusta se solo avesse cambiato *morto* con vivo*!
"Dio è morto" è la più commerciale delle canzoni di Guccini, "La Locomotiva" è il suo massimo capolavoro.
La locomotiva e l'avvelenata :)


Qui vige l'uguaglianza... Non conta un cazzo nessuno.
Svalorizzando gli altri non ti rendi superiore.
C'è sempre una soluzione semplice ad un problema complesso. Ed è quella sbagliata. A. Einstein

Avatar utente
jerrydrake
Messaggi: 5421
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 12:14

Re: Francesco Guccini

Messaggio da leggere da jerrydrake » lunedì 18 marzo 2019, 13:39

lemond ha scritto:
lunedì 18 marzo 2019, 13:15
la Locomotiva è la storia di uno stupido (o eroe, fate voi) che intende l'anarchia nel modo opposto: violento e non umanitario! Ma ci sarà modo di analizzarla in seguito, se qualcuno non volesse anticipare, cosa che a me va sempre bene, perché, come diceva sempre mio nonno: "È meglio una cosa fatta, che cento da fare!" ;)
Scusa Carlo, ma Pietro Rigosi (il protagonista della canzone) non si dichiarò mai anarchico. Capisco che Guccini per ragioni di metrica o per elucubrazioni personali abbia inserito la frase "la fiaccola dell'anarchia", ma il folle gesto del fuochista non ebbe mai una motivazione ufficiale e lui non ne spiegò mai il perché. Quindi ci sono pochi indizi per associare l'anarchia al Rigosi che, vista l'epoca storica, poteva anche essere un simpatizzante del movimento russo Narodnaja volja che predicava la violenza come strumento di lotta politica.



Avatar utente
matteo.conz
Messaggi: 7591
Iscritto il: sabato 19 maggio 2012, 15:12

Re: Francesco Guccini

Messaggio da leggere da matteo.conz » lunedì 18 marzo 2019, 14:18

E questa? chi conosce un po' bolo non può non amarla https://www.youtube.com/watch?v=30X-gjtVKig&index=29&list=RDKeX1Yb8CSjw


Qui vige l'uguaglianza... Non conta un cazzo nessuno.
Svalorizzando gli altri non ti rendi superiore.
C'è sempre una soluzione semplice ad un problema complesso. Ed è quella sbagliata. A. Einstein


Rispondi