DICHIARAZIONI DI VOTO ELEZIONI POLITTICHE 2018

Dove discutere di altri sport e di tutto il resto

DICHIARAZIONI DI VOTO ELEZIONI POLITTICHE 2018

Sondaggio concluso il sabato 3 marzo 2018, 20:14

QUELLA CHE SE CHIAMAVA EXTRASINISTRA E CIARPAME ALIENO VARIO
8
29%
LIBBERI E UGUALI
2
7%
PD
4
14%
CINQUESTELLE
2
7%
MODERATI DE CENTRO E CIARPAME ANNESSO VARIO
0
Nessun voto
LEGA FORZAITALIA FRATELLIDITALIA
6
21%
CASAPAUND FORZA NUOVA E FASCISTAME VARIO
1
4%
CIVICHE, LOCALI, AMICI DEL GIAGUARO, ARTRI
0
Nessun voto
ASTENSIONE DAL VOTO
2
7%
SCHEDA NULLA O BIANCA
3
11%
 
Voti totali: 28

Avatar utente
Walter_White
Messaggi: 10253
Iscritto il: mercoledì 23 marzo 2016, 18:01

Re: DICHIARAZIONI DI VOTO ELEZIONI POLITTICHE 2018

Messaggio da leggere da Walter_White » lunedì 5 marzo 2018, 0:16

Bannon sarà un personaggio deprecabile, ma ci capisce di politica come pochi altri. Aveva detto che a sto giro ci sarebbe stato un exploit trumpiano, e c'è stato

PD spazzato letteralmente via, nonno Berlusca spedito al parchetto con gli altri anziani, dinosauri come Bonino, Bersani ecc schiaffeggiati


FCC 2017/18: 3°; Trofeo dei titoli; Campionato Europeo Donne Elite, Campionato del Mondo Donne Elite, ROTY


Avatar utente
Tranchée d'Arenberg
Messaggi: 14942
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:50
Località: Falconara Albanese (CS)

Re: DICHIARAZIONI DI VOTO ELEZIONI POLITTICHE 2018

Messaggio da leggere da Tranchée d'Arenberg » lunedì 5 marzo 2018, 7:43

Direi che Renzi è riuscito a portare a termine il suo compito: rottamare il PD :diavoletto:

Non che me ne freghi nulla di questo accrochio che è alla stregua della vecchia DC, ma credo che per il bene del partito l'arrogantello di Rignano dovrebbe dimettersi (anzi doveva farlo già prima dell'alba) e sparire dalla scena politica italiana almeno per i prossimi 70 anni.

Per il resto risultati che confermano l'ondata di xenofobia e imbecillità che ha travolto gli italiani. il 18 % ad un idiota come Salvini è un dato semplicemente preoccupante.

Diciamo che non vorrei essere al posto di Mattarella nei prossimi giorni.
I 5S da soli non possono governare. Gli serve l'appoggio di Lega o PD, altrimenti possono far festa per un mese, ma il governo nun se fa. Non so se ci siano i margini per un'alleanza col PD. Quello che mi terrorizza in modo serio è la possibile alleanza con la Lega, roba da far le valigie e scappare via. Certo, ci sarebbe da prenderci gusto a prendere in giro tutti quei coglioncelli sedicenti di sinistra (ne conosco tanti..na volta c'era pure un certo Admin) che hanno votato per i 5S, ma preferirei di no.

Dare l'incarico al centrodestra significherebbe Salvini premier, ma non ci sarebbero comunque i numeri, a meno che il PD scelga l'eutanasia appoggiando una roba del genere, decidendo di sparire dallo scenario politico italiano. Tra l'altro dubito che berlusca accetti d'esser comandato da Salvini.

Insomma, come al solito io tiferò per l'ingovernabilità. :bll: :diavoletto:


Cobblestone 2012 - 1° Classifica Generale
Cobblestone 2012 - 1° Classifica Classiche
Cobblestone 2013 - 1° Classifica Semiclassiche

FantaCycling Manager 2016 - 1° Classifica (squadre)

Avatar utente
Scattista
Messaggi: 2243
Iscritto il: mercoledì 24 settembre 2014, 21:22

Re: DICHIARAZIONI DI VOTO ELEZIONI POLITTICHE 2018

Messaggio da leggere da Scattista » lunedì 5 marzo 2018, 7:46

Walter_White ha scritto:Un breve pronostico: CDX coalizione con più voti ma senza maggioranza, 5S boom oltre il 32%, crollo LeU e PD vicino al 20%

In ogni caso, dal giorno dopo saranno cazzi amari
ci hai preso


Immagine

Avatar utente
lemond
Messaggi: 10231
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:52
Località: Empoli

Re: DICHIARAZIONI DI VOTO ELEZIONI POLITTICHE 2018

Messaggio da leggere da lemond » lunedì 5 marzo 2018, 8:22

Maintenant on peut le dire: la poitique c'est une sottise. (Qualche francese l'avrà detto di certo) :D


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
i barbieri il lunedì
e il mitico Lopez, che lavora alla Coop,
... il martedì. :bll:

Avatar utente
nino58
Messaggi: 9392
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 14:38

Re: DICHIARAZIONI DI VOTO ELEZIONI POLITTICHE 2018

Messaggio da leggere da nino58 » lunedì 5 marzo 2018, 9:28

Tranchée d'Arenberg ha scritto:Direi che Renzi è riuscito a portare a termine il suo compito: rottamare il PD :diavoletto:

Non che me ne freghi nulla di questo accrochio che è alla stregua della vecchia DC, ma credo che per il bene del partito l'arrogantello di Rignano dovrebbe dimettersi (anzi doveva farlo già prima dell'alba) e sparire dalla scena politica italiana almeno per i prossimi 70 anni.

Per il resto risultati che confermano l'ondata di xenofobia e imbecillità che ha travolto gli italiani. il 18 % ad un idiota come Salvini è un dato semplicemente preoccupante.

Diciamo che non vorrei essere al posto di Mattarella nei prossimi giorni.
I 5S da soli non possono governare. Gli serve l'appoggio di Lega o PD, altrimenti possono far festa per un mese, ma il governo nun se fa. Non so se ci siano i margini per un'alleanza col PD. Quello che mi terrorizza in modo serio è la possibile alleanza con la Lega, roba da far le valigie e scappare via. Certo, ci sarebbe da prenderci gusto a prendere in giro tutti quei coglioncelli sedicenti di sinistra (ne conosco tanti..na volta c'era pure un certo Admin) che hanno votato per i 5S, ma preferirei di no.

Dare l'incarico al centrodestra significherebbe Salvini premier, ma non ci sarebbero comunque i numeri, a meno che il PD scelga l'eutanasia appoggiando una roba del genere, decidendo di sparire dallo scenario politico italiano. Tra l'altro dubito che berlusca accetti d'esser comandato da Salvini.

Insomma, come al solito io tiferò per l'ingovernabilità. :bll: :diavoletto:
L'alleanza (che non ci sarà) tra M5S e Lega sarebbe indubbiamente una sciagura.
Ma non ci sarà, perchè è contro l'interesse sia della Lega che dei 5Stelle.
I 5 Stelle sanno benissimo da dove arrivano tutti i voti presi (cioè da quelli che hanno considerato la peggiore sciagura quella di ritrovarsi un governo fascioleghista a trazione Dell'Utri) e non credo ci tenga particolarmente a riperderli in caso di nuove prossime elezioni, specie se queste derivassero dalla caduta di un Governo 5 Stelle-Lega.
Ora, oggettivamente (e il pericolo non è ancora scampato, o perlomeno io non sono tranquillo fino a riusultati completi), se il fascioleghismo non sarà al Governo è soltanto perchè l'elettorato di sinistra del sud ha fatto prendere a 5 Stelle la quasi totalità dei collegi uninominali.
Ed anche perchè, per fortuna, negli ultimi 15 giorni di campagna elettorale, i fascioleghisti hanno commesso l'errore di mandare in televisione un Silvio sempre più impresentabile e fuori dal mondo.
Per ciò che riguarda il PD, hanno semplicemente raccolto ciò che hanno seminato.
Non so se la mission di Renzi fosse quella di vincere o di smantellare il partito (è davvero difficile capirlo, per me).
Il Jobs Act è comunque stato la sua tomba (e il messaggio gli era arrivato già con il referendum costituzionale, ma non l'ha capito).
Non ha capito ( e soprattutto non l'hanno capito quelli che l'hanno riconfermato alla Segreteria del Partito) che gran parte del 40% di sì al referendum non veniva dall'elettorato di sinistra ma da quello di destra.
Anche LeU non aveva seminato bene (il PD di Bersani votò a favore della Fornero e molti dirigenti di LeU votarono pure a favore del Jobs Act quando erano nel PD)e anche di questo gli elettori di sinistra si sono ricordati.
Ora, che sia presente in Parlamento anzichè no, non lo considero un male, tutt'altro, ma è chiaro che anche lì i D'Alema e i Bersani devono godersi la vita (e ne hanno le possibilità finanziarie)e non ammorbare la nostra, come purtroppo avvenuto nelle due circostanze sopra citate.


Von Rock ? Nein, danke.
Diritto di correre senza condizioni a chi ha scontato una squalifica !!!


Avatar utente
Tranchée d'Arenberg
Messaggi: 14942
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:50
Località: Falconara Albanese (CS)

Re: DICHIARAZIONI DI VOTO ELEZIONI POLITTICHE 2018

Messaggio da leggere da Tranchée d'Arenberg » lunedì 5 marzo 2018, 9:41

nino58 ha scritto:
Tranchée d'Arenberg ha scritto:Direi che Renzi è riuscito a portare a termine il suo compito: rottamare il PD :diavoletto:

Non che me ne freghi nulla di questo accrochio che è alla stregua della vecchia DC, ma credo che per il bene del partito l'arrogantello di Rignano dovrebbe dimettersi (anzi doveva farlo già prima dell'alba) e sparire dalla scena politica italiana almeno per i prossimi 70 anni.

Per il resto risultati che confermano l'ondata di xenofobia e imbecillità che ha travolto gli italiani. il 18 % ad un idiota come Salvini è un dato semplicemente preoccupante.

Diciamo che non vorrei essere al posto di Mattarella nei prossimi giorni.
I 5S da soli non possono governare. Gli serve l'appoggio di Lega o PD, altrimenti possono far festa per un mese, ma il governo nun se fa. Non so se ci siano i margini per un'alleanza col PD. Quello che mi terrorizza in modo serio è la possibile alleanza con la Lega, roba da far le valigie e scappare via. Certo, ci sarebbe da prenderci gusto a prendere in giro tutti quei coglioncelli sedicenti di sinistra (ne conosco tanti..na volta c'era pure un certo Admin) che hanno votato per i 5S, ma preferirei di no.

Dare l'incarico al centrodestra significherebbe Salvini premier, ma non ci sarebbero comunque i numeri, a meno che il PD scelga l'eutanasia appoggiando una roba del genere, decidendo di sparire dallo scenario politico italiano. Tra l'altro dubito che berlusca accetti d'esser comandato da Salvini.

Insomma, come al solito io tiferò per l'ingovernabilità. :bll: :diavoletto:
L'alleanza (che non ci sarà) tra M5S e Lega sarebbe indubbiamente una sciagura.
Ma non ci sarà, perchè è contro l'interesse sia della Lega che dei 5Stelle.
I 5 Stelle sanno benissimo da dove arrivano tutti i voti presi (cioè da quelli che hanno considerato la peggiore sciagura quella di ritrovarsi un governo fascioleghista a trazione Dell'Utri) e non credo ci tenga particolarmente a riperderli in caso di nuove prossime elezioni, specie se queste derivassero dalla caduta di un Governo 5 Stelle-Lega.
Guarda, sto timore che condividono anche molti altri, non è del tutto infondato. Ho visto spesso (ahimè) negli ultimi giorni Di Mario e Di Battista in tv e alla domanda "fareste un governo con la lega?" hanno sempre risposto in maniera molto evasiva e ambigua, ripetendo che avrebbero fatto la loro proposta di governo a tutte le altre forze. Non hanno mai risposto "no" perchè come al solito, su molte tematiche, si sono voluti lasciare le mani libere di fare quel che più gli conveniva ad urne chiuse. E poi lo sai benissimo che la politica è l'arte dell'impossibile e che il M5S ormai è un partito a tutti gli effetti.
nino58 ha scritto: Ora, oggettivamente (e il pericolo non è ancora scampato, o perlomeno io non sono tranquillo fino a riusultati completi), se il fascioleghismo non sarà al Governo è soltanto perchè l'elettorato di sinistra del sud ha fatto prendere a 5 Stelle la quasi totalità dei collegi uninominali.
Vero e la cosa mi sorprende perchè in passato il sud era stato un serbatoio infinito di voti per Berlusconi.
nino58 ha scritto: Per ciò che riguarda il PD, hanno semplicemente raccolto ciò che hanno seminato.
Non so se la mission di Renzi fosse quella di vincere o di smantellare il partito (è davvero difficile capirlo, per me).
Il Jobs Act è comunque stato la sua tomba (e il messaggio gli era arrivato già con il referendum costituzionale, ma non l'ha capito).
Non ha capito ( e soprattutto non l'hanno capito quelli che l'hanno riconfermato alla Segreteria del Partito) che gran parte del 40% di sì al referendum non veniva dall'elettorato di sinistra ma da quello di destra.
Anche LeU non aveva seminato bene (il PD di Bersani votò a favore della Fornero e molti dirigenti di LeU votarono pure a favore del Jobs Act quando erano nel PD)e anche di questo gli elettori di sinistra si sono ricordati.
Ora, che sia presente in Parlamento anzichè no, non lo considero un male, tutt'altro, ma è chiaro che anche lì i D'Alema e i Bersani devono godersi la vita (e ne hanno le possibilità finanziarie)e non ammorbare la nostra, come purtroppo avvenuto nelle due circostanze sopra citate.
Concordo. Il PD dopo anni di forsennate politiche liberiste, dopo Jobs Act, Buona scuola e le manganellate fatte distribuire da Minniti, non poteva che raccogliere questo risultato ed è giusto che pure quelli di LeU, che si erano posti come forza di sinistra, siano puniti dalle urne dopo aver votato per 5 anni interi tutte le leggi dei governi PD.
Ultima modifica di Tranchée d'Arenberg il lunedì 5 marzo 2018, 9:47, modificato 1 volta in totale.


Cobblestone 2012 - 1° Classifica Generale
Cobblestone 2012 - 1° Classifica Classiche
Cobblestone 2013 - 1° Classifica Semiclassiche

FantaCycling Manager 2016 - 1° Classifica (squadre)

Avatar utente
lemond
Messaggi: 10231
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:52
Località: Empoli

Re: DICHIARAZIONI DI VOTO ELEZIONI POLITTICHE 2018

Messaggio da leggere da lemond » lunedì 5 marzo 2018, 9:44

Non avrei mai creduto che l’Italia diventasse il paese più a destra d’Europa, anche se ho sempre saputo che, come dice Freud dal cerchio violenza-razzismo-odio non si esce mai completamente, perché l’aggressività o l’istinto omicida è iscritto nell’uomo al pari dell’eros. Non è difficile eccitare gli uomini votare contro il diverso, proprio perché una pulsione di odio e distruzione abita nella natura umana, insieme all’istinto di conservazione della specie. :grr:

P.S. Quel che c'è di buono è che comunque le cose andranno come prima, al di là di ogni sproloquio che si possa sentire uscire dalla bocca degli pseudo-vincitori, cosa che a me non toccherà, perché mi guardo bene dall'ascoltare quei programmi demenziali che appaiono nei palinsesti televisivi (solo film e sport). :D


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
i barbieri il lunedì
e il mitico Lopez, che lavora alla Coop,
... il martedì. :bll:

Mr. MM
Messaggi: 280
Iscritto il: sabato 5 marzo 2016, 19:41

Re: DICHIARAZIONI DI VOTO ELEZIONI POLITTICHE 2018

Messaggio da leggere da Mr. MM » lunedì 5 marzo 2018, 9:50

nino58 ha scritto:L'alleanza (che non ci sarà) tra M5S e Lega sarebbe indubbiamente una sciagura.
Ma non ci sarà, perchè è contro l'interesse sia della Lega che dei 5Stelle.
I 5 Stelle sanno benissimo da dove arrivano tutti i voti presi (cioè da quelli che hanno considerato la peggiore sciagura quella di ritrovarsi un governo fascioleghista a trazione Dell'Utri) e non credo ci tenga particolarmente a riperderli in caso di nuove prossime elezioni, specie se queste derivassero dalla caduta di un Governo 5 Stelle-Lega.
Ora, oggettivamente (e il pericolo non è ancora scampato, o perlomeno io non sono tranquillo fino a riusultati completi), se il fascioleghismo non sarà al Governo è soltanto perchè l'elettorato di sinistra del sud ha fatto prendere a 5 Stelle la quasi totalità dei collegi uninominali.
Ed anche perchè, per fortuna, negli ultimi 15 giorni di campagna elettorale, i fascioleghisti hanno commesso l'errore di mandare in televisione un Silvio sempre più impresentabile e fuori dal mondo.
Per ciò che riguarda il PD, hanno semplicemente raccolto ciò che hanno seminato.
Non so se la mission di Renzi fosse quella di vincere o di smantellare il partito (è davvero difficile capirlo, per me).
Il Jobs Act è comunque stato la sua tomba (e il messaggio gli era arrivato già con il referendum costituzionale, ma non l'ha capito).
Non ha capito ( e soprattutto non l'hanno capito quelli che l'hanno riconfermato alla Segreteria del Partito) che gran parte del 40% di sì al referendum non veniva dall'elettorato di sinistra ma da quello di destra.
Anche LeU non aveva seminato bene (il PD di Bersani votò a favore della Fornero e molti dirigenti di LeU votarono pure a favore del Jobs Act quando erano nel PD)e anche di questo gli elettori di sinistra si sono ricordati.
Ora, che sia presente in Parlamento anzichè no, non lo considero un male, tutt'altro, ma è chiaro che anche lì i D'Alema e i Bersani devono godersi la vita (e ne hanno le possibilità finanziarie)e non ammorbare la nostra, come purtroppo avvenuto nelle due circostanze sopra citate.
Quoto tutto, soprattutto i discorsi su Renzi e Berlusconi che davvero è impresentabile, biascica e farnetica cose senza senso da settimane; aggiungo un particolare: a mio avviso, con una legge elettorale seria e non questa merdata qui, LeU avrebbe un 1-1,5% in più e il PD un 2-4% in più. Il che non è che li avrebbe resi vittoriosi, ma avrebbe evitato il tracollo.
Credo che tantissimi abbiano votato M5S per evitare di vedere Salvini premier e Meloni Ministro degli Interni.

Purtroppo abbiamo quello che hanno voluto con questa l.e.: nessuno vince, ingovernabilità, instabilità.



Avatar utente
Tranchée d'Arenberg
Messaggi: 14942
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:50
Località: Falconara Albanese (CS)

Re: DICHIARAZIONI DI VOTO ELEZIONI POLITTICHE 2018

Messaggio da leggere da Tranchée d'Arenberg » lunedì 5 marzo 2018, 10:23

Mr. MM ha scritto:
Purtroppo abbiamo quello che hanno voluto con questa l.e.: nessuno vince, ingovernabilità, instabilità.
Beh, questo è l'unico aspetto positivo di queste elezioni. Speriamo non si riesca a formare un governo :boing:


A proposito, la solita stupida arroganza dei 5S. Capisco le dichiarazioni pre-elettorali. D'altronde questi si sono mostrati molto ambigui su molti temi proprio per raccogliere voti a destra e a manca. Però continuare anche oggi a dire "ora tutti devono parlare con noi" alla lunga potrebbe essere autolesionista. Politicamente hanno stravinto, ma da qui a formare una maggioranza di governo hanno bisogno necessariamente di un alleato che, numeri alla mano, può essere solo Lega o PD.
Se governò sarà, ovviamente i 5s avranno in mano il timone, ma saranno comunque soggetti alle bizze e alle esigenze dell'alleato. Ci sono stati governi tenuti per le palle da gruppettini di una manciata di parlamentari, figuriamoci cosa potrebbe succedere ora che ai 5s mancano comunque diversi deputati e senatori per avere la maggioranza delle camere.
Per questo motivo, pur partendo da una posizione di forza, se tirano troppo la corda, il governo non è detto che si faccia per forza.


Cobblestone 2012 - 1° Classifica Generale
Cobblestone 2012 - 1° Classifica Classiche
Cobblestone 2013 - 1° Classifica Semiclassiche

FantaCycling Manager 2016 - 1° Classifica (squadre)

Mr. MM
Messaggi: 280
Iscritto il: sabato 5 marzo 2016, 19:41

Re: DICHIARAZIONI DI VOTO ELEZIONI POLITTICHE 2018

Messaggio da leggere da Mr. MM » lunedì 5 marzo 2018, 10:37

Tranchée d'Arenberg ha scritto:
Mr. MM ha scritto:
Purtroppo abbiamo quello che hanno voluto con questa l.e.: nessuno vince, ingovernabilità, instabilità.
Beh, questo è l'unico aspetto positivo di queste elezioni. Speriamo non si riesca a formare un governo :boing:
Eh, ma comunque oggi o tra qualche mese dopo nuove elezioni qualcuno dovrà pure governare: M5S, fascioleghisti, PD e alleanzume vario (chiamarlo centro-sinistra mi pare troppo).
Oppure accrocchi tipo M5S+PD o M5S+Lega.
Tranchée d'Arenberg ha scritto:A proposito, la solita stupida arroganza dei 5S. Capisco le dichiarazioni pre-elettorali. D'altronde questi si sono mostrati molto ambigui su molti temi proprio per raccogliere voti a destra e a manca. Però continuare anche oggi a dire "ora tutti devono parlare con noi" alla lunga potrebbe essere autolesionista. Politicamente hanno stravinto, ma da qui a formare una maggioranza di governo hanno bisogno necessariamente di un alleato che, numeri alla mano, può essere solo Lega o PD.
Se governò sarà, ovviamente i 5s avranno in mano il timone, ma saranno comunque soggetti alle bizze e alle esigenze dell'alleato. Ci sono stati governi tenuti per le palle da gruppettini di una manciata di parlamentari, figuriamoci cosa potrebbe succedere ora che ai 5s mancano comunque diversi deputati e senatori per avere la maggioranza delle camere.
Per questo motivo, pur partendo da una posizione di forza, se tirano troppo la corda, il governo non è detto che si faccia per forza.
Vero, ma cos'altro possono dire in alternativa? Cavalcano l'onda, finchè l'onda c'è.



Avatar utente
Tranchée d'Arenberg
Messaggi: 14942
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:50
Località: Falconara Albanese (CS)

Re: DICHIARAZIONI DI VOTO ELEZIONI POLITTICHE 2018

Messaggio da leggere da Tranchée d'Arenberg » lunedì 5 marzo 2018, 10:51

Mr. MM ha scritto:
Tranchée d'Arenberg ha scritto:A proposito, la solita stupida arroganza dei 5S. Capisco le dichiarazioni pre-elettorali. D'altronde questi si sono mostrati molto ambigui su molti temi proprio per raccogliere voti a destra e a manca. Però continuare anche oggi a dire "ora tutti devono parlare con noi" alla lunga potrebbe essere autolesionista. Politicamente hanno stravinto, ma da qui a formare una maggioranza di governo hanno bisogno necessariamente di un alleato che, numeri alla mano, può essere solo Lega o PD.
Se governò sarà, ovviamente i 5s avranno in mano il timone, ma saranno comunque soggetti alle bizze e alle esigenze dell'alleato. Ci sono stati governi tenuti per le palle da gruppettini di una manciata di parlamentari, figuriamoci cosa potrebbe succedere ora che ai 5s mancano comunque diversi deputati e senatori per avere la maggioranza delle camere.
Per questo motivo, pur partendo da una posizione di forza, se tirano troppo la corda, il governo non è detto che si faccia per forza.
Vero, ma cos'altro possono dire in alternativa? Cavalcano l'onda, finchè l'onda c'è.
Beh, l'onda la cavalchi fino ad un minuto dopo la chiusura delle urne. Ora la campagna elettorale è finita e dovrebbero pure iniziare a mettere in chiaro cosa vogliono fare veramente, al di là dei proclami strillati prima. Gridare "devono venire tutti da noi" come se fosse una lite tra gang di quartiere non ha senso alcuno. Al di là della giusta euforia che li ha travolti in queste ora, i grillini per governare hanno bisogno di allearsi con qualcuno.


Cobblestone 2012 - 1° Classifica Generale
Cobblestone 2012 - 1° Classifica Classiche
Cobblestone 2013 - 1° Classifica Semiclassiche

FantaCycling Manager 2016 - 1° Classifica (squadre)

Mr. MM
Messaggi: 280
Iscritto il: sabato 5 marzo 2016, 19:41

Re: DICHIARAZIONI DI VOTO ELEZIONI POLITTICHE 2018

Messaggio da leggere da Mr. MM » lunedì 5 marzo 2018, 10:59

Tranchée d'Arenberg ha scritto:
Mr. MM ha scritto:
Tranchée d'Arenberg ha scritto:A proposito, la solita stupida arroganza dei 5S. Capisco le dichiarazioni pre-elettorali. D'altronde questi si sono mostrati molto ambigui su molti temi proprio per raccogliere voti a destra e a manca. Però continuare anche oggi a dire "ora tutti devono parlare con noi" alla lunga potrebbe essere autolesionista. Politicamente hanno stravinto, ma da qui a formare una maggioranza di governo hanno bisogno necessariamente di un alleato che, numeri alla mano, può essere solo Lega o PD.
Se governò sarà, ovviamente i 5s avranno in mano il timone, ma saranno comunque soggetti alle bizze e alle esigenze dell'alleato. Ci sono stati governi tenuti per le palle da gruppettini di una manciata di parlamentari, figuriamoci cosa potrebbe succedere ora che ai 5s mancano comunque diversi deputati e senatori per avere la maggioranza delle camere.
Per questo motivo, pur partendo da una posizione di forza, se tirano troppo la corda, il governo non è detto che si faccia per forza.
Vero, ma cos'altro possono dire in alternativa? Cavalcano l'onda, finchè l'onda c'è.
Beh, l'onda la cavalchi fino ad un minuto dopo la chiusura delle urne. Ora la campagna elettorale è finita e dovrebbero pure iniziare a mettere in chiaro cosa vogliono fare veramente, al di là dei proclami strillati prima. Gridare "devono venire tutti da noi" come se fosse una lite tra gang di quartiere non ha senso alcuno. Al di là della giusta euforia che li ha travolti in queste ora, i grillini per governare hanno bisogno di allearsi con qualcuno.
Per governare devi essere forte. O dimostrarti forte, almeno.

Partendo dal presupposto che devo capire quanti deputati e quanti senatori manchino al M5S per avere una maggioranza, credo che la loro speranza sia che i pochi di LeU e una buona parte dei deputati e senatori PD li sostenga in un governo abbastanza instabile.

L'alternativa è dare incarico a Salvini, ma non ho idea di dove possa raccattare la maggioranza.



Avatar utente
Walter_White
Messaggi: 10253
Iscritto il: mercoledì 23 marzo 2016, 18:01

Re: DICHIARAZIONI DI VOTO ELEZIONI POLITTICHE 2018

Messaggio da leggere da Walter_White » lunedì 5 marzo 2018, 11:11

Comunque non per fare lo sborone, ma a questa tornata era abbastanza chiaro come sarebbero andate le cose. Sono stati 5 anni di politiche scellerate, e bastava ascoltare le vere opinioni delle persone, non basarsi sui sondaggi più o meno pilotati. Berlusconi ha fatto il suo tempo, in tv non rende più come anche solo 5 anni fa, e in piazza non ci va più per ovvi motivi, quindi la sua rimonta era utopia anche prima di iniziare. Renzi paga la sua arroganza, penso sia una delle parabole politiche più brevi della storia, in 4 anni dalle stelle alle stalle portandosi però a fondo tutto il partito che ora rischia non solo di stravolgersi all'interno ma secondo me pure di scomparire, a meno di interventi dei fondatori, e non escluderei un redidivo Veltroni, che quando lasciò, poteva contare ancora su una grande quantità di voti.


FCC 2017/18: 3°; Trofeo dei titoli; Campionato Europeo Donne Elite, Campionato del Mondo Donne Elite, ROTY

Avatar utente
galliano
Messaggi: 12016
Iscritto il: giovedì 14 aprile 2011, 12:53
Località: TN

Re: DICHIARAZIONI DI VOTO ELEZIONI POLITTICHE 2018

Messaggio da leggere da galliano » lunedì 5 marzo 2018, 11:48

Possiamo dire che è la fine della parabola politica del Fonzie?
Oppure da buon italiano lo vedremo navigare i mari della politica per altri quarant'anni?

Qui da noi mi fa piacere la scoppola presa da Dellai.



Avatar utente
nino58
Messaggi: 9392
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 14:38

Re: DICHIARAZIONI DI VOTO ELEZIONI POLITTICHE 2018

Messaggio da leggere da nino58 » lunedì 5 marzo 2018, 11:49

Walter_White ha scritto:Comunque non per fare lo sborone, ma a questa tornata era abbastanza chiaro come sarebbero andate le cose. Sono stati 5 anni di politiche scellerate, e bastava ascoltare le vere opinioni delle persone, non basarsi sui sondaggi più o meno pilotati. Berlusconi ha fatto il suo tempo, in tv non rende più come anche solo 5 anni fa, e in piazza non ci va più per ovvi motivi, quindi la sua rimonta era utopia anche prima di iniziare. Renzi paga la sua arroganza, penso sia una delle parabole politiche più brevi della storia, in 4 anni dalle stelle alle stalle portandosi però a fondo tutto il partito che ora rischia non solo di stravolgersi all'interno ma secondo me pure di scomparire, a meno di interventi dei fondatori, e non escluderei un redidivo Veltroni, che quando lasciò, poteva contare ancora su una grande quantità di voti.
Veltroni è stato, come fondatore, il primo affossatore.
Prodi l'ha affossato lui ancor prima che Rossi, Turigliatto, Mastella e Di Gregorio.
Non mi pare il soggetto più idoneo a rifondare alcunchè.
Anche perchè lì si rifonda (forse) solo partendo dai contenuti.
Il problema è che i loro contenuti sono tutto fuorchè di sinistra.


Von Rock ? Nein, danke.
Diritto di correre senza condizioni a chi ha scontato una squalifica !!!

Avatar utente
Slegar
Messaggi: 4168
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:49

Re: DICHIARAZIONI DI VOTO ELEZIONI POLITTICHE 2018

Messaggio da leggere da Slegar » lunedì 5 marzo 2018, 11:53

nino58 ha scritto:Il problema è che i loro contenuti sono tutto fuorchè di sinistra.
Gli unici contenuti di peso sono quelli dati dal notevole patrimonio immobiliare del partito.


fair play? No, Grazie!

Strong
Messaggi: 9095
Iscritto il: mercoledì 12 gennaio 2011, 11:48

Re: DICHIARAZIONI DI VOTO ELEZIONI POLITTICHE 2018

Messaggio da leggere da Strong » lunedì 5 marzo 2018, 11:59

nino58 ha scritto:
Tranchée d'Arenberg ha scritto:Direi che Renzi è riuscito a portare a termine il suo compito: rottamare il PD :diavoletto:

Non che me ne freghi nulla di questo accrochio che è alla stregua della vecchia DC, ma credo che per il bene del partito l'arrogantello di Rignano dovrebbe dimettersi (anzi doveva farlo già prima dell'alba) e sparire dalla scena politica italiana almeno per i prossimi 70 anni.

Per il resto risultati che confermano l'ondata di xenofobia e imbecillità che ha travolto gli italiani. il 18 % ad un idiota come Salvini è un dato semplicemente preoccupante.

Diciamo che non vorrei essere al posto di Mattarella nei prossimi giorni.
I 5S da soli non possono governare. Gli serve l'appoggio di Lega o PD, altrimenti possono far festa per un mese, ma il governo nun se fa. Non so se ci siano i margini per un'alleanza col PD. Quello che mi terrorizza in modo serio è la possibile alleanza con la Lega, roba da far le valigie e scappare via. Certo, ci sarebbe da prenderci gusto a prendere in giro tutti quei coglioncelli sedicenti di sinistra (ne conosco tanti..na volta c'era pure un certo Admin) che hanno votato per i 5S, ma preferirei di no.

Dare l'incarico al centrodestra significherebbe Salvini premier, ma non ci sarebbero comunque i numeri, a meno che il PD scelga l'eutanasia appoggiando una roba del genere, decidendo di sparire dallo scenario politico italiano. Tra l'altro dubito che berlusca accetti d'esser comandato da Salvini.

Insomma, come al solito io tiferò per l'ingovernabilità. :bll: :diavoletto:
L'alleanza (che non ci sarà) tra M5S e Lega sarebbe indubbiamente una sciagura.
Ma non ci sarà, perchè è contro l'interesse sia della Lega che dei 5Stelle.
I 5 Stelle sanno benissimo da dove arrivano tutti i voti presi (cioè da quelli che hanno considerato la peggiore sciagura quella di ritrovarsi un governo fascioleghista a trazione Dell'Utri) e non credo ci tenga particolarmente a riperderli in caso di nuove prossime elezioni, specie se queste derivassero dalla caduta di un Governo 5 Stelle-Lega.
Ora, oggettivamente (e il pericolo non è ancora scampato, o perlomeno io non sono tranquillo fino a riusultati completi), se il fascioleghismo non sarà al Governo è soltanto perchè l'elettorato di sinistra del sud ha fatto prendere a 5 Stelle la quasi totalità dei collegi uninominali.
Ed anche perchè, per fortuna, negli ultimi 15 giorni di campagna elettorale, i fascioleghisti hanno commesso l'errore di mandare in televisione un Silvio sempre più impresentabile e fuori dal mondo.
Per ciò che riguarda il PD, hanno semplicemente raccolto ciò che hanno seminato.
Non so se la mission di Renzi fosse quella di vincere o di smantellare il partito (è davvero difficile capirlo, per me).
Il Jobs Act è comunque stato la sua tomba (e il messaggio gli era arrivato già con il referendum costituzionale, ma non l'ha capito).
Non ha capito ( e soprattutto non l'hanno capito quelli che l'hanno riconfermato alla Segreteria del Partito) che gran parte del 40% di sì al referendum non veniva dall'elettorato di sinistra ma da quello di destra.
Anche LeU non aveva seminato bene (il PD di Bersani votò a favore della Fornero e molti dirigenti di LeU votarono pure a favore del Jobs Act quando erano nel PD)e anche di questo gli elettori di sinistra si sono ricordati.
Ora, che sia presente in Parlamento anzichè no, non lo considero un male, tutt'altro, ma è chiaro che anche lì i D'Alema e i Bersani devono godersi la vita (e ne hanno le possibilità finanziarie)e non ammorbare la nostra, come purtroppo avvenuto nelle due circostanze sopra citate.

scusate ma perchè siete così convinti che non ci sarà nessuna alleanza?
i 5stelle sono la massima forza politica del paese e non vedono finalmente l'ora di governare per cui credo saranno disponibili a sedersi al tavolo con lega ma forse anche con il pd.
Pure Salvini non vede l'ora di salire nella stanza dei bottoni per cui non credo sia totalmente contrario all'alleanza con i 5stelle

Anche nel caso di ipotetiche alleanze i 5stelle potranno comunque offrire maggiori garanzie in termini di "controllo".


i fondamentalisti del ciclismo e gli ultras dei ciclisti sono il male di questo sport.

Gimbatbu
Messaggi: 644
Iscritto il: mercoledì 19 aprile 2017, 17:42

Re: DICHIARAZIONI DI VOTO ELEZIONI POLITTICHE 2018

Messaggio da leggere da Gimbatbu » lunedì 5 marzo 2018, 12:00

M5S ha poco più del 30% , CDX circa il 36, al massimo Mattarella può dare un mandato esplorativo dicendo tornate con una maggioranza certa. Incaricare Di Maio o Salvini capaci di presentarsi con squadre di governo quantomeno discutibili mi sembra molto azzardato. Ergo in caso di mandato a vuoto, governo tecnico di transizione con l' incarico di fare una legge elettorale che preveda il doppio turno e poi di nuovo alle elezioni. Con i numeri attuali i due schieramenti vincitori sarebbero folli a non accettare. Sarebbero... Appunto...



Basso
Messaggi: 13567
Iscritto il: sabato 21 maggio 2011, 18:03
Località: Vicenza

Re: DICHIARAZIONI DI VOTO ELEZIONI POLITTICHE 2018

Messaggio da leggere da Basso » lunedì 5 marzo 2018, 12:02

Cosa vuol dire "di sinistra" nel 2018? Perché, nel panorama politico europeo (e globale), dov'è che la "sinistra" governa? Francia, Germania, Regno Unito, Stati Uniti, Russia, Giappone, Canada, Australia e potrei andare avanti senza trovare esempi. Purtroppo. Forse la Corea del Sud può essere considerato come il più importante paese al mondo governato attualmente dal centrosinistra.

Chi ha vinto lo ha fatto promettendo o argomenti xenofobi ("prima gli italiani, fuori lo straniero") o argomenti di compravendita ("reddito di cittadinanza"), che hanno attirato 1 votante su 2. La cosiddetta "sinistra" ha attirato 1 votante su 20. Chi rispetto al passato non ha votato PD non ha votato la cosiddetta "sinistra" quanto le due forze uscite rafforzate dal voto. Quindi "sinistra", per l'ennesima volta, che continua a perdere consenso rispetto al passato.

Chi ha votato i due partiti vincitori non ha eseguito scelte di "sinistra", quindi niente idee di uguaglianza, equità sociale o valorizzazione del merito. Il Pd non ha saputo dettare la linea in campagna elettorale, trovandosi sempre ad inseguire e a non portare alla luce diverse cose buone realizzate (sfido chiunque a dire che 5 anni fa si stesse meglio di ora). Colpa di un pessimo leader, che pessimo era anche da vincente. E che è necessario che si faccia da parte per sempre.

Già troppe volte il Pd/Ulivo si è preso colpe anche non sue, andando a governare e subendo successive batoste elettorali nonostante i risultati economici positivi lasciati rispetto a quelli trovati. Il Pd, dunque, ha già dato. Tocca ai due nuovi idoli delle folle governare.

Ci rivediamo fra 5 anni, se non verosimilmente molto prima. E vediamo i grandi successi realizzati nella nuova legislatura.


11 V7-Prato
12 Appennino-JapanCup
13 G9-ITARR-V20-Sabatini
14 Vasco-Dauphiné-T3-T21-Pologne-3VV
15 Laigueglia-Escaut-G2-G18-Giro-T13-Fourmies
16 Nice-V12
17 Frankfurt-T11-V16-Chrono
18 Bianche-DePanne-Romandie-Köln-Piemonte-Chrono

Avatar utente
nino58
Messaggi: 9392
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 14:38

Re: DICHIARAZIONI DI VOTO ELEZIONI POLITTICHE 2018

Messaggio da leggere da nino58 » lunedì 5 marzo 2018, 12:10

Basso ha scritto:Cosa vuol dire "di sinistra" nel 2018? Perché, nel panorama politico europeo (e globale), dov'è che la "sinistra" governa? Francia, Germania, Regno Unito, Stati Uniti, Russia, Giappone, Canada, Australia e potrei andare avanti senza trovare esempi. Purtroppo. Forse la Corea del Sud può essere considerato come il più importante paese al mondo governato attualmente dal centrosinistra.

Chi ha vinto lo ha fatto promettendo o argomenti xenofobi ("prima gli italiani, fuori lo straniero") o argomenti di compravendita ("reddito di cittadinanza"), che hanno attirato 1 votante su 2. La cosiddetta "sinistra" ha attirato 1 votante su 20. Chi rispetto al passato non ha votato PD non ha votato la cosiddetta "sinistra" quanto le due forze uscite rafforzate dal voto. Quindi "sinistra", per l'ennesima volta, che continua a perdere consenso rispetto al passato.

Chi ha votato i due partiti vincitori non ha eseguito scelte di "sinistra", quindi niente idee di uguaglianza, equità sociale o valorizzazione del merito. Il Pd non ha saputo dettare la linea in campagna elettorale, trovandosi sempre ad inseguire e a non portare alla luce diverse cose buone realizzate (sfido chiunque a dire che 5 anni fa si stesse meglio di ora). Colpa di un pessimo leader, che pessimo era anche da vincente. E che è necessario che si faccia da parte per sempre.

Già troppe volte il Pd/Ulivo si è preso colpe anche non sue, andando a governare e subendo successive batoste elettorali nonostante i risultati economici positivi lasciati rispetto a quelli trovati. Il Pd, dunque, ha già dato. Tocca ai due nuovi idoli delle folle governare.

Ci rivediamo fra 5 anni, se non verosimilmente molto prima. E vediamo i grandi successi realizzati nella nuova legislatura.
Essere "di sinistra" nel 2018 significa quello che ha sempre significato : portare reddito dal capitale al lavoro così come essere di destra vuol dire portare reddito dal lavoro al capitale.
Come sempre, vediamo.


Von Rock ? Nein, danke.
Diritto di correre senza condizioni a chi ha scontato una squalifica !!!

dietzen
Messaggi: 5595
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 21:19

Re: DICHIARAZIONI DI VOTO ELEZIONI POLITTICHE 2018

Messaggio da leggere da dietzen » lunedì 5 marzo 2018, 12:11

Mr. MM ha scritto: Partendo dal presupposto che devo capire quanti deputati e quanti senatori manchino al M5S per avere una maggioranza, credo che la loro speranza sia che i pochi di LeU e una buona parte dei deputati e senatori PD li sostenga in un governo abbastanza instabile.

L'alternativa è dare incarico a Salvini, ma non ho idea di dove possa raccattare la maggioranza.
se non ho letto male mi pare che al cdx manchino troppi voti per fare una maggioranza. dieci, forse anche venti riuscirebbero a recuperarli, ma gliene mancano il doppio (mi pare). che una parte del pd vada ad appoggiare un governo salvini mi pare impossibile anche per gli standard del pd.
quindi rimarrebbe che un eventuale governo si può fare solo sulla base dei voti 5s.
le alternative sono 5s+lega+fdi o 5s+pd+leu. entrambe non facilmente ipotizzabili al momento.
paradossalmente se la lega non avesse fatto il botto sarebbe stato più facile un accordo con i 5s, ma con questi risultati salvini non credo abbia voglia di andare a fare il socio di minoranza quando ormai è il leader incontrastato del cdx (anche in vista di eventuali nuove elezioni fra un anno).
anche un accordo 5s-pd direi che è impossibile. ma forse un appoggio esterno di un pd senza renzi forse sarebbe un filo meno impossibile.
ma certo per ora sembra più plausibile l'ingovernabilità.


Di Rocco non è il mio presidente

Avatar utente
Walter_White
Messaggi: 10253
Iscritto il: mercoledì 23 marzo 2016, 18:01

Re: DICHIARAZIONI DI VOTO ELEZIONI POLITTICHE 2018

Messaggio da leggere da Walter_White » lunedì 5 marzo 2018, 12:16

Gimbatbu ha scritto:M5S ha poco più del 30% , CDX circa il 36, al massimo Mattarella può dare un mandato esplorativo dicendo tornate con una maggioranza certa. Incaricare Di Maio o Salvini capaci di presentarsi con squadre di governo quantomeno discutibili mi sembra molto azzardato. Ergo in caso di mandato a vuoto, governo tecnico di transizione con l' incarico di fiteare una legge elettorale che preveda il doppio turno e poi di nuovo alle elezioni. Con i numeri attuali i due schieramenti vincitori sarebbero folli a non accettare. Sarebbero... Appunto...
Il doppio turno sarebbe l'unica soluzione per uno scenario come il nostro. Ma è incostituzionale, come abbiamo visto con l'Italicum (l'unica cosa buona di quella legge). E prima si dovrebbe fare una legge di revisione, e quindi perderci minimo un anno. Con il Mattarellum forse la situazione sarebbe migliore, ma non ne sono certo (spero qualcuno ci faccia una simulazione sulla base dei risultati).


FCC 2017/18: 3°; Trofeo dei titoli; Campionato Europeo Donne Elite, Campionato del Mondo Donne Elite, ROTY

Mr. MM
Messaggi: 280
Iscritto il: sabato 5 marzo 2016, 19:41

Re: DICHIARAZIONI DI VOTO ELEZIONI POLITTICHE 2018

Messaggio da leggere da Mr. MM » lunedì 5 marzo 2018, 12:18

Basso ha scritto:Cosa vuol dire "di sinistra" nel 2018? Perché, nel panorama politico europeo (e globale), dov'è che la "sinistra" governa? Francia, Germania, Regno Unito, Stati Uniti, Russia, Giappone, Canada, Australia e potrei andare avanti senza trovare esempi. Purtroppo. Forse la Corea del Sud può essere considerato come il più importante paese al mondo governato attualmente dal centrosinistra.

Chi ha vinto lo ha fatto promettendo o argomenti xenofobi ("prima gli italiani, fuori lo straniero") o argomenti di compravendita ("reddito di cittadinanza"), che hanno attirato 1 votante su 2. La cosiddetta "sinistra" ha attirato 1 votante su 20. Chi rispetto al passato non ha votato PD non ha votato la cosiddetta "sinistra" quanto le due forze uscite rafforzate dal voto. Quindi "sinistra", per l'ennesima volta, che continua a perdere consenso rispetto al passato.

Chi ha votato i due partiti vincitori non ha eseguito scelte di "sinistra", quindi niente idee di uguaglianza, equità sociale o valorizzazione del merito. Il Pd non ha saputo dettare la linea in campagna elettorale, trovandosi sempre ad inseguire e a non portare alla luce diverse cose buone realizzate (sfido chiunque a dire che 5 anni fa si stesse meglio di ora). Colpa di un pessimo leader, che pessimo era anche da vincente. E che è necessario che si faccia da parte per sempre.

Già troppe volte il Pd/Ulivo si è preso colpe anche non sue, andando a governare e subendo successive batoste elettorali nonostante i risultati economici positivi lasciati rispetto a quelli trovati. Il Pd, dunque, ha già dato. Tocca ai due nuovi idoli delle folle governare.

Ci rivediamo fra 5 anni, se non verosimilmente molto prima. E vediamo i grandi successi realizzati nella nuova legislatura.
Considerazioni sparse:
1) quante cose di sinistra sono state fatte in Italia negli ultimi governi di centrosinistra? Penso alle ultime leggi sui diritti civili, e poi? Mi vengono, invece, in mente privatizzazioni di aziende date in mano a pseudo-imprenditori (es: Telecom), bombardamenti vari in giro per il mondo (a partire dalla Serbia nel 1999), inciuci vari (da D'Alema-Berlusconi a Renzi-Berlusconi, a volte ritornano), senza contare l'appoggio al governo Monti (la legge Fornero ne è il faro), votazioni dubbie come nel caso del Jobs Act (prima votato dalla minoranza PD e poi osteggiato una volta "buttati fuori" dal partito).
2) perdere le elezioni quando in 5 anni la situazione economico-sociale è comunque migliorata è pure un aggravante grottesca (anche se credo che la situazione in Italia sia migliorata grazie al miglioramento della situazione in tutto il mondo).
3) chi vuole votare sinistra, cosa vota, secondo te?



Basso
Messaggi: 13567
Iscritto il: sabato 21 maggio 2011, 18:03
Località: Vicenza

Re: DICHIARAZIONI DI VOTO ELEZIONI POLITTICHE 2018

Messaggio da leggere da Basso » lunedì 5 marzo 2018, 12:22

Mr. MM ha scritto:Considerazioni sparse:
1) quante cose di sinistra sono state fatte in Italia negli ultimi governi di centrosinistra? Penso alle ultime leggi sui diritti civili, e poi? Mi vengono, invece, in mente privatizzazioni di aziende date in mano a pseudo-imprenditori (es: Telecom), bombardamenti vari in giro per il mondo (a partire dalla Serbia nel 1999), inciuci vari (da D'Alema-Berlusconi a Renzi-Berlusconi, a volte ritornano), senza contare l'appoggio al governo Monti (la legge Fornero ne è il faro), votazioni dubbie come nel caso del Jobs Act (prima votato dalla minoranza PD e poi osteggiato una volta "buttati fuori" dal partito).
2) perdere le elezioni quando in 5 anni la situazione economico-sociale è comunque migliorata è pure un aggravante grottesca (anche se credo che la situazione in Italia sia migliorata grazie al miglioramento della situazione in tutto il mondo).
3) chi vuole votare sinistra, cosa vota, secondo te?
1) Concordo con te, diritti civili e basta
2) Assolutamente no. È sempre favorito chi non governa rispetto a chi governa, in qualsiasi paese che vogliamo analizzare.
3) Ha votato M5S e Lega, mi pare evidente. Non si è di certo astenuta in massa né tantomeno ha votato LeU, PaP o la galassia comunista.


11 V7-Prato
12 Appennino-JapanCup
13 G9-ITARR-V20-Sabatini
14 Vasco-Dauphiné-T3-T21-Pologne-3VV
15 Laigueglia-Escaut-G2-G18-Giro-T13-Fourmies
16 Nice-V12
17 Frankfurt-T11-V16-Chrono
18 Bianche-DePanne-Romandie-Köln-Piemonte-Chrono

Mr. MM
Messaggi: 280
Iscritto il: sabato 5 marzo 2016, 19:41

Re: DICHIARAZIONI DI VOTO ELEZIONI POLITTICHE 2018

Messaggio da leggere da Mr. MM » lunedì 5 marzo 2018, 12:27

Basso ha scritto:
Mr. MM ha scritto:Considerazioni sparse:
1) quante cose di sinistra sono state fatte in Italia negli ultimi governi di centrosinistra? Penso alle ultime leggi sui diritti civili, e poi? Mi vengono, invece, in mente privatizzazioni di aziende date in mano a pseudo-imprenditori (es: Telecom), bombardamenti vari in giro per il mondo (a partire dalla Serbia nel 1999), inciuci vari (da D'Alema-Berlusconi a Renzi-Berlusconi, a volte ritornano), senza contare l'appoggio al governo Monti (la legge Fornero ne è il faro), votazioni dubbie come nel caso del Jobs Act (prima votato dalla minoranza PD e poi osteggiato una volta "buttati fuori" dal partito).
2) perdere le elezioni quando in 5 anni la situazione economico-sociale è comunque migliorata è pure un aggravante grottesca (anche se credo che la situazione in Italia sia migliorata grazie al miglioramento della situazione in tutto il mondo).
3) chi vuole votare sinistra, cosa vota, secondo te?
1) Concordo con te, diritti civili e basta
2) Assolutamente no. È sempre favorito chi non governa rispetto a chi governa, in qualsiasi paese che vogliamo analizzare.
3) Ha votato M5S e Lega, mi pare evidente. Non si è di certo astenuta in massa né tantomeno ha votato LeU, PaP o la galassia comunista.
Rigiro la domanda :diavoletto: :
3) chi vuole votare a sinistra, cosa vorrebbe votare?



Basso
Messaggi: 13567
Iscritto il: sabato 21 maggio 2011, 18:03
Località: Vicenza

Re: DICHIARAZIONI DI VOTO ELEZIONI POLITTICHE 2018

Messaggio da leggere da Basso » lunedì 5 marzo 2018, 12:28

Mr. MM ha scritto:
Basso ha scritto:
Mr. MM ha scritto:Considerazioni sparse:
1) quante cose di sinistra sono state fatte in Italia negli ultimi governi di centrosinistra? Penso alle ultime leggi sui diritti civili, e poi? Mi vengono, invece, in mente privatizzazioni di aziende date in mano a pseudo-imprenditori (es: Telecom), bombardamenti vari in giro per il mondo (a partire dalla Serbia nel 1999), inciuci vari (da D'Alema-Berlusconi a Renzi-Berlusconi, a volte ritornano), senza contare l'appoggio al governo Monti (la legge Fornero ne è il faro), votazioni dubbie come nel caso del Jobs Act (prima votato dalla minoranza PD e poi osteggiato una volta "buttati fuori" dal partito).
2) perdere le elezioni quando in 5 anni la situazione economico-sociale è comunque migliorata è pure un aggravante grottesca (anche se credo che la situazione in Italia sia migliorata grazie al miglioramento della situazione in tutto il mondo).
3) chi vuole votare sinistra, cosa vota, secondo te?
1) Concordo con te, diritti civili e basta
2) Assolutamente no. È sempre favorito chi non governa rispetto a chi governa, in qualsiasi paese che vogliamo analizzare.
3) Ha votato M5S e Lega, mi pare evidente. Non si è di certo astenuta in massa né tantomeno ha votato LeU, PaP o la galassia comunista.
Rigiro la domanda :diavoletto: :
3) chi vuole votare a sinistra, cosa vorrebbe votare?
Ah, bella domanda :D


11 V7-Prato
12 Appennino-JapanCup
13 G9-ITARR-V20-Sabatini
14 Vasco-Dauphiné-T3-T21-Pologne-3VV
15 Laigueglia-Escaut-G2-G18-Giro-T13-Fourmies
16 Nice-V12
17 Frankfurt-T11-V16-Chrono
18 Bianche-DePanne-Romandie-Köln-Piemonte-Chrono

Gimbatbu
Messaggi: 644
Iscritto il: mercoledì 19 aprile 2017, 17:42

Re: DICHIARAZIONI DI VOTO ELEZIONI POLITTICHE 2018

Messaggio da leggere da Gimbatbu » lunedì 5 marzo 2018, 12:34

nino58 ha scritto:
Basso ha scritto:Cosa vuol dire "di sinistra" nel 2018? Perché, nel panorama politico europeo (e globale), dov'è che la "sinistra" governa? Francia, Germania, Regno Unito, Stati Uniti, Russia, Giappone, Canada, Australia e potrei andare avanti senza trovare esempi. Purtroppo. Forse la Corea del Sud può essere considerato come il più importante paese al mondo governato attualmente dal centrosinistra.

Chi ha vinto lo ha fatto promettendo o argomenti xenofobi ("prima gli italiani, fuori lo straniero") o argomenti di compravendita ("reddito di cittadinanza"), che hanno attirato 1 votante su 2. La cosiddetta "sinistra" ha attirato 1 votante su 20. Chi rispetto al passato non ha votato PD non ha votato la cosiddetta "sinistra" quanto le due forze uscite rafforzate dal voto. Quindi "sinistra", per l'ennesima volta, che continua a perdere consenso rispetto al passato.

Chi ha votato i due partiti vincitori non ha eseguito scelte di "sinistra", quindi niente idee di uguaglianza, equità sociale o valorizzazione del merito. Il Pd non ha saputo dettare la linea in campagna elettorale, trovandosi sempre ad inseguire e a non portare alla luce diverse cose buone realizzate (sfido chiunque a dire che 5 anni fa si stesse meglio di ora). Colpa di un pessimo leader, che pessimo era anche da vincente. E che è necessario che si faccia da parte per sempre.

Già troppe volte il Pd/Ulivo si è preso colpe anche non sue, andando a governare e subendo successive batoste elettorali nonostante i risultati economici positivi lasciati rispetto a quelli trovati. Il Pd, dunque, ha già dato. Tocca ai due nuovi idoli delle folle governare.

Ci rivediamo fra 5 anni, se non verosimilmente molto prima. E vediamo i grandi successi realizzati nella nuova legislatura.
Essere "di sinistra" nel 2018 significa quello che ha sempre significato : portare reddito dal capitale al lavoro così come essere di destra vuol dire portare reddito dal lavoro al capitale.
Come sempre, vediamo.

Nell' immaginario collettivo la caduta del Muro ha sancito la fine dei partiti comunisti. Ricollocarsi è stato estremamente difficile, chi non ci ha provato ha fatto la fine di di Marchais e del suo PCF sparito completamente. Ma anche chi ha tentato altre vie, e in italia sono stati tanti, si è scontrato con le ragioni di stato, gli appetiti personali e la rissosità insita nella sinistra stessa ( qualcuno sa elencare con precisione lo stillicidio delle scissioni nel corso degli anni? Penso sia quasi impossibile). Probabilmente se si fosse rispettato di più l' assunto scritto da Nino58 il tracollo non ci sarebbe stato, almeno in queste proporzioni, perché comunque resto convinto che ieri la differenza l' abbia fatta l' antieuropeismo e la propaganda xenofoba, strada che il CSX costituzionalmente non può seguire.



Strong
Messaggi: 9095
Iscritto il: mercoledì 12 gennaio 2011, 11:48

Re: DICHIARAZIONI DI VOTO ELEZIONI POLITTICHE 2018

Messaggio da leggere da Strong » lunedì 5 marzo 2018, 12:45

Basso ha scritto: Chi ha vinto lo ha fatto promettendo o argomenti xenofobi .....
che esagerazione...non ti sei accorto che la campagna elettorale è finita oppure ti stai mettendo avanti per il prossimo giro?


i fondamentalisti del ciclismo e gli ultras dei ciclisti sono il male di questo sport.

Avatar utente
TIC
Messaggi: 7093
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:20

Re: DICHIARAZIONI DI VOTO ELEZIONI POLITTICHE 2018

Messaggio da leggere da TIC » lunedì 5 marzo 2018, 13:21

Berluscononi ha fatto scuola, hanno vinto i due partiti che le sparano piu grosse : Lega e M5S. questo la dice lunga sugli italiani...

https://youtu.be/hzFuWUjSXQA?t=346


Henry Kissinger : (Ad un summit presso il Ministero degli Esteri alla fine dell'intervento di Aldo Moro) Chi parla in questo modo non può che essere un imbroglione e non può che rappresentare un popolo di imbroglioni.

Avatar utente
Tranchée d'Arenberg
Messaggi: 14942
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:50
Località: Falconara Albanese (CS)

Re: DICHIARAZIONI DI VOTO ELEZIONI POLITTICHE 2018

Messaggio da leggere da Tranchée d'Arenberg » lunedì 5 marzo 2018, 14:03

Basso ha scritto:Cosa vuol dire "di sinistra" nel 2018? Perché, nel panorama politico europeo (e globale), dov'è che la "sinistra" governa? Francia, Germania, Regno Unito, Stati Uniti, Russia, Giappone, Canada, Australia e potrei andare avanti senza trovare esempi. Purtroppo. Forse la Corea del Sud può essere considerato come il più importante paese al mondo governato attualmente dal centrosinistra.

Chi ha vinto lo ha fatto promettendo o argomenti xenofobi ("prima gli italiani, fuori lo straniero") o argomenti di compravendita ("reddito di cittadinanza"), che hanno attirato 1 votante su 2. La cosiddetta "sinistra" ha attirato 1 votante su 20. Chi rispetto al passato non ha votato PD non ha votato la cosiddetta "sinistra" quanto le due forze uscite rafforzate dal voto. Quindi "sinistra", per l'ennesima volta, che continua a perdere consenso rispetto al passato.
Chi ha votato i due partiti vincitori non ha eseguito scelte di "sinistra", quindi niente idee di uguaglianza, equità sociale o valorizzazione del merito.
Vero. La sinistra, quella vera, è ai minimi storici già da diversi anni in Italia e non solo e per l'ennesima volta si troverà fuori dal parlamento. Una condizione marginale se si prende in cosiderazione questo risultao elettorae, a meno di non ritenere di sinistra quelli di LeU.
Hanno vinto i populisti, qualunquisti del 5S e gli xenofobi della lega. Il risultato è fin troppo chiaro. Però, Albè, questo non significa votare tutti PD perchè potere al popolo è al 1,2 % o perchè LeU che fino a ieri stava nel PD a stento arriva al 3.
La storia del voto utile non regge, anzi sono sicuro che la debacle del PD negli ultimi giorni sia proprio frutto del voto utile (ai grillini). Uno se proprio vuole votare, dovrebbe farlo scegliendo chi pensa possa rappresentare le proprie idee. Il PD ormai da troppo tempo non è neanche lontanamente accostabile al termine sinistra, ma non deve essere un motivo di rassegnazione al voto con il naso tappato.
Basso ha scritto: Il Pd non ha saputo dettare la linea in campagna elettorale, trovandosi sempre ad inseguire e a non portare alla luce diverse cose buone realizzate (sfido chiunque a dire che 5 anni fa si stesse meglio di ora). Colpa di un pessimo leader, che pessimo era anche da vincente. E che è necessario che si faccia da parte per sempre.
Qui mi trovi completamente d'accordo. I mali vengono da lontano. L'ascesa di Renzi al PD ha avuto dell'incredibile. Giovane, spigliato, rottamatore..insomma un tipo nuovo che voleva distinguersi dagli altri. Sembrava l'ideale per un partito come il PD. Poco importava all'epoca che fosse un arrogante, egocentrico ed egoista, una sorta di berlusconi in salsa democratica.
La sua, è stata un'ascesa rapida quanto vacua. Ha fatto fuori Letta per la smania di diventare premier, sull'ali dell'entusiasmo e degli 80 euro raggiunse quello strepitoso 40% alle europee. Da li è diventato ancora più arrogante sia con soprattutto con le minoranze interne al partito che sono state pian piano tritate e fatte fuori. Ha man mano spostato l'asse del PD verso destra (o centro se preferite) trasformandolo in una nuova DC (*)

Son state fatte delle pessime leggi come Jobs Act e Buona Scuola e una riforma elettorale-trappola legata indissolubilmente alla riforma costituzionale. Ha investito stupidamente il suo futuro politico su un referendum che voleva vincere da solo, scegliendo un folle all-in che ha rappresentato un suicidio politico da manuale.
A quel punto, se veramente voleva bene al suo partito, doveva dimettersi (cosa che ha fatto) e farsi da parte (non c'ha manco pensato). Era un'occasione per lasciare la guida a qualcuno che potesse anche ricompattare le fila di un partito che al referendum del 2014 arrivò già a pezzi, dilaniato dalle diatribe interne e addirittura protagonista di scene grottesche a margine dei risultati: da una parte D'Alema festante, dall'altra Renzi dimissionario.
Ha distrutto un parito, mosso dal narcisismo e dalla presunzione. Se non lo mandate a calci in culo ora, rischiate l'estinzione.

Basso ha scritto: Già troppe volte il Pd/Ulivo si è preso colpe anche non sue, andando a governare e subendo successive batoste elettorali nonostante i risultati economici positivi lasciati rispetto a quelli trovati. Il Pd, dunque, ha già dato. Tocca ai due nuovi idoli delle folle governare.
Diciamo che vi siete fatti male da soli, come spesso accade, già nel 2011 quando si scelse di appoggiare il governo Monti, sapendo che avrebbe fatto quel che nessuno voleva fare, anzichè andare subito ad elezioni e stravincere visto che berlusca era morto e i 5s ancora non erano in rampa di lancio. Altra tornata elettorale ed altri governicchi (Letta, Renzi e Gentiloni) che si tenevano in piedi grazie ad Alfano e Verdini.
Da questo punto di vista vi siete sacrificati fin troppo. Adesso vi conviene stare un giro fuori e osservare il circo
Basso ha scritto: Ci rivediamo fra 5 anni, se non verosimilmente molto prima. E vediamo i grandi successi realizzati nella nuova legislatura.
Direi molto prima di 5 anni
Ultima modifica di Tranchée d'Arenberg il lunedì 5 marzo 2018, 14:08, modificato 1 volta in totale.


Cobblestone 2012 - 1° Classifica Generale
Cobblestone 2012 - 1° Classifica Classiche
Cobblestone 2013 - 1° Classifica Semiclassiche

FantaCycling Manager 2016 - 1° Classifica (squadre)

Avatar utente
Tranchée d'Arenberg
Messaggi: 14942
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:50
Località: Falconara Albanese (CS)

Re: DICHIARAZIONI DI VOTO ELEZIONI POLITTICHE 2018

Messaggio da leggere da Tranchée d'Arenberg » lunedì 5 marzo 2018, 14:03

Strong ha scritto:
Basso ha scritto: Chi ha vinto lo ha fatto promettendo o argomenti xenofobi .....
che esagerazione...non ti sei accorto che la campagna elettorale è finita oppure ti stai mettendo avanti per il prossimo giro?
la campagna è finita, Salvini no. Purtroppo


Cobblestone 2012 - 1° Classifica Generale
Cobblestone 2012 - 1° Classifica Classiche
Cobblestone 2013 - 1° Classifica Semiclassiche

FantaCycling Manager 2016 - 1° Classifica (squadre)

Basso
Messaggi: 13567
Iscritto il: sabato 21 maggio 2011, 18:03
Località: Vicenza

Re: DICHIARAZIONI DI VOTO ELEZIONI POLITTICHE 2018

Messaggio da leggere da Basso » lunedì 5 marzo 2018, 14:20

Tranchée d'Arenberg ha scritto:Vero. La sinistra, quella vera, è ai minimi storici già da diversi anni in Italia e non solo e per l'ennesima volta si troverà fuori dal parlamento. Una condizione marginale se si prende in cosiderazione questo risultao elettorae, a meno di non ritenere di sinistra quelli di LeU.
Hanno vinto i populisti, qualunquisti del 5S e gli xenofobi della lega. Il risultato è fin troppo chiaro. Però, Albè, questo non significa votare tutti PD perchè potere al popolo è al 1,2 % o perchè LeU che fino a ieri stava nel PD a stento arriva al 3.
La storia del voto utile non regge, anzi sono sicuro che la debacle del PD negli ultimi giorni sia proprio frutto del voto utile (ai grillini). Uno se proprio vuole votare, dovrebbe farlo scegliendo chi pensa possa rappresentare le proprie idee. Il PD ormai da troppo tempo non è neanche lontanamente accostabile al termine sinistra, ma non deve essere un motivo di rassegnazione al voto con il naso tappato.
Son d'accordo con te sul voto utile. Uno vota chi ritiene più affine alle proprie idee, giustamente.
Tranchée d'Arenberg ha scritto: Diciamo che vi siete fatti male da soli, come spesso accade, già nel 2011 quando si scelse di appoggiare il governo Monti, sapendo che avrebbe fatto quel che nessuno voleva fare, anzichè andare subito ad elezioni e stravincere visto che berlusca era morto e i 5s ancora non erano in rampa di lancio. Altra tornata elettorale ed altri governicchi (Letta, Renzi e Gentiloni) che si tenevano in piedi grazie ad Alfano e Verdini.
Da questo punto di vista vi siete sacrificati fin troppo. Adesso vi conviene stare un giro fuori e osservare il circo
Con il senno del poi è stato ovviamente errato accettare l'accordo per il governo Monti. In quel momento, però, era veramente impossibile tirarsi fuori dalla contesa: l'accettazione di alcune delle leggi allora adottate era ed è sbagliata. E la frase finale, ovviamente, la condivido. Il Pd ha già dato ed è giusto per sé e per gli elettori che non lo hanno votato (e anche per quelli che lo hanno votato) che questo turno lo guardi dalla panchina.

(leggo ora di un dato: M5S+Lega+FI+Fdi+CasaPound+Forza Nuova=69.85% - senza FI diventa 55.39%. Numeri impressionanti, in tutti i sensi)


11 V7-Prato
12 Appennino-JapanCup
13 G9-ITARR-V20-Sabatini
14 Vasco-Dauphiné-T3-T21-Pologne-3VV
15 Laigueglia-Escaut-G2-G18-Giro-T13-Fourmies
16 Nice-V12
17 Frankfurt-T11-V16-Chrono
18 Bianche-DePanne-Romandie-Köln-Piemonte-Chrono

Avatar utente
Tranchée d'Arenberg
Messaggi: 14942
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:50
Località: Falconara Albanese (CS)

Re: DICHIARAZIONI DI VOTO ELEZIONI POLITTICHE 2018

Messaggio da leggere da Tranchée d'Arenberg » lunedì 5 marzo 2018, 14:32

Basso ha scritto:
Tranchée d'Arenberg ha scritto: Diciamo che vi siete fatti male da soli, come spesso accade, già nel 2011 quando si scelse di appoggiare il governo Monti, sapendo che avrebbe fatto quel che nessuno voleva fare, anzichè andare subito ad elezioni e stravincere visto che berlusca era morto e i 5s ancora non erano in rampa di lancio. Altra tornata elettorale ed altri governicchi (Letta, Renzi e Gentiloni) che si tenevano in piedi grazie ad Alfano e Verdini.
Da questo punto di vista vi siete sacrificati fin troppo. Adesso vi conviene stare un giro fuori e osservare il circo
Con il senno del poi è stato ovviamente errato accettare l'accordo per il governo Monti. In quel momento, però, era veramente impossibile tirarsi fuori dalla contesa: l'accettazione di alcune delle leggi allora adottate era ed è sbagliata. E la frase finale, ovviamente, la condivido. Il Pd ha già dato ed è giusto per sé e per gli elettori che non lo hanno votato (e anche per quelli che lo hanno votato) che questo turno lo guardi dalla panchina.
Da non elettore del PD mi rendo perfettamente conto che vi siete trovati inguaiatissimi nel 2011, una situazione in cui probabilmente l'ex-capo della Repubblica vi ha costretto a fare quella scelta.
Basso ha scritto: (leggo ora di un dato: M5S+Lega+FI+Fdi+CasaPound+Forza Nuova=69.85% - senza FI diventa 55.39%. Numeri impressionanti, in tutti i sensi)
:gluglu:


Cobblestone 2012 - 1° Classifica Generale
Cobblestone 2012 - 1° Classifica Classiche
Cobblestone 2013 - 1° Classifica Semiclassiche

FantaCycling Manager 2016 - 1° Classifica (squadre)

Avatar utente
antani
Messaggi: 2310
Iscritto il: lunedì 26 settembre 2016, 12:31

Re: DICHIARAZIONI DI VOTO ELEZIONI POLITTICHE 2018

Messaggio da leggere da antani » lunedì 5 marzo 2018, 14:35

PD come Aru sul Col de Joux Plane ?????
P.S Gli italiani si devono VERGOGNARE


"Sicuramente serve il 25"
~ Davide Cassani su qualsiasi salita

Avatar utente
nino58
Messaggi: 9392
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 14:38

Re: DICHIARAZIONI DI VOTO ELEZIONI POLITTICHE 2018

Messaggio da leggere da nino58 » lunedì 5 marzo 2018, 14:55

Basso ha scritto: (leggo ora di un dato: M5S+Lega+FI+Fdi+CasaPound+Forza Nuova=69.85% - senza FI diventa 55.39%. Numeri impressionanti, in tutti i sensi)
Ringraziamo chi ha tolto ai poveri per dare ai ricchi.


Von Rock ? Nein, danke.
Diritto di correre senza condizioni a chi ha scontato una squalifica !!!

Avatar utente
lemond
Messaggi: 10231
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:52
Località: Empoli

Re: DICHIARAZIONI DI VOTO ELEZIONI POLITTICHE 2018

Messaggio da leggere da lemond » lunedì 5 marzo 2018, 15:01

nino58 ha scritto:
Essere "di sinistra" nel 2018 significa quello che ha sempre significato : portare reddito dal capitale al lavoro così come essere di destra vuol dire portare reddito dal lavoro al capitale.
Come sempre, vediamo.
Mi sembra che la tua linea (mi pare si chiami economicista) sia un po' riduttiva di quel che si può definire destra e sinistra. Da anni ho una mia idea sull'argomento, nata da una canzone di Giorgio Gaber, ma la sua era un'indicazione soprattutto scherzosa, la mia invece no.
Forse l'ò già scritta da qualche altra parte, ma (stante la mia memoria) non saprei proprio dove e di sicuro è un po' datata, ma non troppo. ;)
La differenza fra destra e sinistra va ricercata negli obiettivi ed è necessario che si cerchi di comprendere quello che vuole l'avversario, anche per conoscere noi stessi. L'antitesi è insomma sempre necessaria per conoscere la tesi. Tutto ciò non implica in nessun modo la cessazione dello scontro e la ricerca a tutti i costi del c.d. "inciucio", ma solo far sì che si tratti davvero di lotta politica e non di scontri di bassa Lega. :D
Riguardo al diritto (giustizia, da ius), destra e sinistra si dividono sul volto concreto di essa: la destra vuole l'ordine gerarchico ed il potere dell'autorità, mentre la sinistra punta sull'uguaglianza e la ricerca, finché si può, della cancellazione della differenza, almeno dei punti di partenza.
La destra considera la diversità un "minus", la sinistra prende atto che esistono differenze di sesso, lingua, religione, capacità, senza che ciò dia luogo ad una classificazione gerarchica, anzi le difende e cerca di attenuare le differenze che vengono create dalla società, "in primis" quelle economiche.
La destra nasce da un rapporto positivo nei confronti del mondo e della sua storia e quindi tende a conservare l'esistente, la sinistra al contrario vuole riformare lo "status quo" ed è per questo che la sinistra assegna alla politica un ruolo ben più significativo, perché essa ha il compito di correggere le ingiustizie. Però se queste riguardano i rapporti internazionali, la destra considera anche la guerra, mentre la sinistra (insieme alla destra più reazionaria: il vaticano ) è tendenzialmente pacifista/nta e qualcuno "senza se e senza ma". In sintesi si assiste allo scontro fra la libertà e giustizia contro lo "status quo" qualunque esso sia.
Dopo la caduta del comunismo e la smentita del marxismo-leninismo è rimasta l'incapacità di conciliare i propri obiettivi con la realtà e quindi si è prodotta una sinistra estrema in perenne risentimento nei riguardi del mondo che sa dire solo no, protestare, lamentarsi, scendere in piazza, etc.
Per la destra il limite sta nell'incapacità di fondare su qualcosa di oggettivo la sua idea di ordine, che per la destra storica era lo Stato liberale. Oggi invece il cittadino sente lo Stato e la politica quasi come un nemico e la destra, che in teoria dovrebbe difenderlo, è la prima a "massacrarlo" perché non ne rispetta le leggi cardine, sostituendole con la retorica del populismo.
Oggi è quasi solo la sinistra a coltivare un senso di appartenenza. gli altri (alcuni) la sentono solo verso uno stato estero: il vaticano! :-(((.
La scuola e la sanità pubblica sono monopolio della sinistra, la destra sembra conoscere la "res" privata, e come uniche eccezioni le forze dell'ordine e la vita che non appartiene al soggetto, ma ... ad un entità (inesistente fino a prova del contrario), ma che loro dicono pubblica. :diavoletto:
Infine il centro: esso esiste solo perché destra e sinistra non posseggono le qualità tipiche di ogni forza politica seria: moderazione e buon senso.
La vera essenza della Politica, secondo me, è la ricerca di quanto più giusto sia possibile ed in questo non ci dovrebbe essere differenza fra destra e sinistra. E' segno di immaturità civile ad es. ritenere che gli avversari politici siano *a priori* ingiusti e, per soprammercato, eticamente riprovevoli, quando la politica e l'etica dovrebbero stare su piani non coincidenti, altrimenti si ha una concezione moralistica della politica o addirittura la ricerca di uno Stato etico! :grr:

Ma facciamo qualche esempio, parafrasando Giorgio, perché così si può meglio chiarire la differenza dal punto di vista antropologico:

Qualcuno era di destra perché pensava come la maggioranza in cui era nato, o il che è lo stesso, il nonno, lo zio, il padre, la madre lo avevano catechizzato bene.

Qualcuno era di destra perché vedeva la Russia come una promessa, la Cina come una poesia, il comunismo come il Paradiso Terrestre, insomma era di destra, perché aveva bisogno di un Dio!

Qualcuno era di destra perché si sentiva solo e si sa che il totalitarismo fa apparire tutti meno responsabili e non c’è paura di sbagliare come individuo.

Qualcuno era di destra perché aveva avuto un’educazione cattolica.

Qualcuno era di destra perché si faceva molto influenzare dall’opinione dei capi.

Qualcuno era di destra perché “La Storia e Dio sono dalla nostra parte!”.

Qualcuno era di destra perché glielo avevano detto.

Qualcuno era di destra perché non gli avevano detto tutto.

Qualcuno era di destra perché prima era fascista o comunista (è lo stesso).

Qualcuno era di destra perché aveva capito che la Russia andava piano ma lontano.

Qualcuno era di destra perché pensava che Berlinguer fosse un grande politico.

Qualcuno era di destra perché pensava che Andreotti fosse un bravo politico. Un po’ meglio di Berlinguer, sì (dico io) ma non tanto.

Qualcuno era di destra perché era ricco di nascita e non voleva che altri potessero diventarlo

Qualcuno era di destra perché credeva nei valori della Famiglia. (E per meglio sottolineare ciò, spesso ne aveva due o tre) :crazy:

Qualcuno era di destra perché beveva il vino e si commuoveva alle feste popolari.

Qualcuno era di destra perché non ne poteva più di sentir dire com’è bello essere operaio.

Qualcuno era di destra perché vedeva solo l’aumento di stipendio e le ferie.

Qualcuno era di destra perché gridava “Viva Stalin, viva Lenin, viva Mao, viva Castro” in altre parole i tiranni peggiori della storia dell’umanità.

Qualcuno era di destra perché guardava sempre Emilio Fede o Rai Tre.

Qualcuno era di destra per moda, qualcuno per principio, qualcuno per frustrazione.

Qualcuno era di destra perché voleva lo Stato sopra a tutto e a tutti.

Qualcuno era di destra perché credeva nei grandi Partiti.

Qualcuno era di destra perché era qualunquista.

Qualcuno era di sinistra perché non era qualunquista e non diceva i partiti sono tutti uguali, perché per lo meno uno è diverso dagli altri. A scanso di equivoci, il P.R.

Qualcuno era di sinistra perché non ne poteva più di quarant’anni di governi democristiani (e poi si è accorto che dopo era peggio).

Qualcuno era di sinistra perché era contro, ma “con giudizio”.

Qualcuno era di destra perché era sempre contro: antiglobal, antitav, antiamericano, anti…

Qualcuno era di sinistra perché sognava la libertà e le pari opportunità.

Qualcuno era di sinistra perché pensava di poter essere vivo e felice solo se lo erano anche gli altri.


Qualcuno era di sinistra perché era disposto a cambiare ogni giorno, perché sentiva la necessità di una morale diversa da quella ufficiale.
E anche se forse era solo un sogno, uno slancio in fieri, c’era comunque veramente il desiderio di cambiare le cose, di cambiare la vita.


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
i barbieri il lunedì
e il mitico Lopez, che lavora alla Coop,
... il martedì. :bll:

Avatar utente
Slegar
Messaggi: 4168
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:49

Re: DICHIARAZIONI DI VOTO ELEZIONI POLITTICHE 2018

Messaggio da leggere da Slegar » lunedì 5 marzo 2018, 15:02

Basso ha scritto:(leggo ora di un dato: M5S+Lega+FI+Fdi+CasaPound+Forza Nuova=69.85% - senza FI diventa 55.39%. Numeri impressionanti, in tutti i sensi)
Senza CasaPound e Forza Nuova 54.07%

Italia paese fascista, sicuramente da un pezzo, a cui non piacciono gli squadristi picchiatori.


fair play? No, Grazie!

Avatar utente
nino58
Messaggi: 9392
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 14:38

Re: DICHIARAZIONI DI VOTO ELEZIONI POLITTICHE 2018

Messaggio da leggere da nino58 » lunedì 5 marzo 2018, 15:20

lemond ha scritto:
nino58 ha scritto:
Essere "di sinistra" nel 2018 significa quello che ha sempre significato : portare reddito dal capitale al lavoro così come essere di destra vuol dire portare reddito dal lavoro al capitale.
Come sempre, vediamo.
Mi sembra che la tua linea (mi pare si chiami economicista) sia un po' riduttiva di quel che si può definire destra e sinistra.
La definirei sintetica, più che riduttiva. ;) :cincin:


Von Rock ? Nein, danke.
Diritto di correre senza condizioni a chi ha scontato una squalifica !!!

torcia86
Messaggi: 442
Iscritto il: lunedì 5 ottobre 2015, 14:52

Re: DICHIARAZIONI DI VOTO ELEZIONI POLITTICHE 2018

Messaggio da leggere da torcia86 » lunedì 5 marzo 2018, 16:11

Strong ha scritto:
Basso ha scritto: Chi ha vinto lo ha fatto promettendo o argomenti xenofobi .....
che esagerazione...non ti sei accorto che la campagna elettorale è finita oppure ti stai mettendo avanti per il prossimo giro?
la campagna elettorale contro la lega devo dire che ha funzionato.... se continua la storia del fascioleghismo ecc ecc alle prossime elezioni prendono il 25%.
17 % nelle marche ed in toscana
19% in emilia
20% in umbria
14% in abruzzo
non mi sembrano regioni piene di montanari con fucile spianato come si vuole ancora far passare l'elettore leghista
in tanti non hanno capito una beata mazza e questi sono i risultati
Ultima modifica di torcia86 il lunedì 5 marzo 2018, 16:18, modificato 1 volta in totale.



Avatar utente
lemond
Messaggi: 10231
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:52
Località: Empoli

Re: DICHIARAZIONI DI VOTO ELEZIONI POLITTICHE 2018

Messaggio da leggere da lemond » lunedì 5 marzo 2018, 16:17

nino58 ha scritto:
lemond ha scritto:
nino58 ha scritto:
Essere "di sinistra" nel 2018 significa quello che ha sempre significato : portare reddito dal capitale al lavoro così come essere di destra vuol dire portare reddito dal lavoro al capitale.
Come sempre, vediamo.
Mi sembra che la tua linea (mi pare si chiami economicista) sia un po' riduttiva di quel che si può definire destra e sinistra.
La definirei sintetica, più che riduttiva. ;) :cincin:
Non sono d'accordo: la sintesi è tale se riesce comunque a considerare ogni parte, e quindi senza "reductio ad unum". Ad es. la sintesi di destra e sinistra, senza riduzione alcuna, può essere data da Allegri (sinistra) e Sardi (estrema destra). Nei due ci sono molti aspetti che indicano che il primo pensa agli altri, mentre il secondo solo a sé stesso, anche se quiggrullo di De Laurentis un'à capito una s... :crazy: :cincin:


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
i barbieri il lunedì
e il mitico Lopez, che lavora alla Coop,
... il martedì. :bll:

Avatar utente
nino58
Messaggi: 9392
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 14:38

Re: DICHIARAZIONI DI VOTO ELEZIONI POLITTICHE 2018

Messaggio da leggere da nino58 » lunedì 5 marzo 2018, 16:42

torcia86 ha scritto:
Strong ha scritto:
Basso ha scritto: Chi ha vinto lo ha fatto promettendo o argomenti xenofobi .....
che esagerazione...non ti sei accorto che la campagna elettorale è finita oppure ti stai mettendo avanti per il prossimo giro?
la campagna elettorale contro la lega devo dire che ha funzionato.... se continua la storia del fascioleghismo ecc ecc alle prossime elezioni prendono il 25%.
17 % nelle marche ed in toscana
19% in emilia
20% in umbria
14% in abruzzo
non mi sembrano regioni piene di montanari con fucile spianato come si vuole ancora far passare l'elettore leghista
in tanti non hanno capito una beata mazza e questi sono i risultati
No, lo si è capito benissimo ma, d'altra parte, se non sei d'accordo con la Lega è un po' difficile dire che hanno ragione.
Il diritto a governare si misura con i voti, non la ragione.
La Lega (come chiunque altro) può aver torto e governare, se ha i voti.
E' successo un'infinità di volte, peraltro.


Von Rock ? Nein, danke.
Diritto di correre senza condizioni a chi ha scontato una squalifica !!!

Gimbatbu
Messaggi: 644
Iscritto il: mercoledì 19 aprile 2017, 17:42

Re: DICHIARAZIONI DI VOTO ELEZIONI POLITTICHE 2018

Messaggio da leggere da Gimbatbu » lunedì 5 marzo 2018, 16:50

lemond ha scritto:
nino58 ha scritto:
lemond ha scritto:
Mi sembra che la tua linea (mi pare si chiami economicista) sia un po' riduttiva di quel che si può definire destra e sinistra.
La definirei sintetica, più che riduttiva. ;) :cincin:
Non sono d'accordo: la sintesi è tale se riesce comunque a considerare ogni parte, e quindi senza "reductio ad unum". Ad es. la sintesi di destra e sinistra, senza riduzione alcuna, può essere data da Allegri (sinistra) e Sardi (estrema destra). Nei due ci sono molti aspetti che indicano che il primo pensa agli altri, mentre il secondo solo a sé stesso, anche se quiggrullo di De Laurentis un'à capito una s... :crazy: :cincin:

Ho apprezzato e approvato la sintesi? di Nino58 e la trovo teoricamente valida e rispondente al mio modo di essere e pensare. Ma quanto sia vera l' analisi di Lemond :clap: dove tutto alla fine si mescola ribaltandosi dai canoni iniziali, è testimoniata da un dato veramente singolare. A Roma nel collegio Parioli ( per chi non lo sapesse il quartiere più in della Capitale ) la ministra Madia è stata eletta con un notevole 36 per cento, con il Pd al 28, Leu al 5 e Potere al Popolo 2!



Avatar utente
nino58
Messaggi: 9392
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 14:38

Re: DICHIARAZIONI DI VOTO ELEZIONI POLITTICHE 2018

Messaggio da leggere da nino58 » lunedì 5 marzo 2018, 16:59

E se anche i Parioli si stessero "impoverendo" ? :uhm:


Von Rock ? Nein, danke.
Diritto di correre senza condizioni a chi ha scontato una squalifica !!!

Gimbatbu
Messaggi: 644
Iscritto il: mercoledì 19 aprile 2017, 17:42

Re: DICHIARAZIONI DI VOTO ELEZIONI POLITTICHE 2018

Messaggio da leggere da Gimbatbu » lunedì 5 marzo 2018, 17:12

[quote="nino58"]E se anche i Parioli si stessero "impoverendo" ? :uhm:[/




Macché, la macchina parcheggiata più scrausa è una BMW ed è pieno di filippini in fiammanti divise che sicuramente non votano.



Avatar utente
Slegar
Messaggi: 4168
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:49

Re: DICHIARAZIONI DI VOTO ELEZIONI POLITTICHE 2018

Messaggio da leggere da Slegar » lunedì 5 marzo 2018, 17:15

nino58 ha scritto:E se anche i Parioli si stessero "impoverendo" ? :uhm:
Non è che della "sinistra" e dei "movimenti antagonisti" i borghesi siano una quota importante?


fair play? No, Grazie!

Avatar utente
nino58
Messaggi: 9392
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 14:38

Re: DICHIARAZIONI DI VOTO ELEZIONI POLITTICHE 2018

Messaggio da leggere da nino58 » lunedì 5 marzo 2018, 17:24

Slegar ha scritto:
nino58 ha scritto:E se anche i Parioli si stessero "impoverendo" ? :uhm:
Non è che della "sinistra" e dei "movimenti antagonisti" i borghesi siano una quota importante?
Possibilissimo, ma mai esclusivo.
Ci fossero percentuali anche minoritarie di proletari o poveri (ognuno usi l'accezione preferita) per quelli e con quelli si antagonizza. :cincin:


Von Rock ? Nein, danke.
Diritto di correre senza condizioni a chi ha scontato una squalifica !!!

Winter
Messaggi: 13196
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Re: DICHIARAZIONI DI VOTO ELEZIONI POLITTICHE 2018

Messaggio da leggere da Winter » lunedì 5 marzo 2018, 18:03

nino58 ha scritto:
Basso ha scritto: (leggo ora di un dato: M5S+Lega+FI+Fdi+CasaPound+Forza Nuova=69.85% - senza FI diventa 55.39%. Numeri impressionanti, in tutti i sensi)
Ringraziamo chi ha tolto ai poveri per dare ai ricchi.
Be la sinistra , almeno in Italia , negli ultimi 30 anni è sempre stato dalla parte dei potenti
i piccoli commercianti , artigiani facevano stra fatica (o chiudevano)
e loro elogiavano le grandi aziende
Nessun problema a salvare le banche
mai pensato invece di abbassare l tasse (specie nei piccoli comuni)
di persona alle inaugurazioni di ikea e amazon (che tasse non pagano..)
ad aiutare i lavoratori di quelle stesse aziende..nulla
il problema sicurezza..non lo vedi nei centri delle grosse città
ma nelle periferie o nei piccoli paesi
per il PD non era un problema



Avatar utente
Walter_White
Messaggi: 10253
Iscritto il: mercoledì 23 marzo 2016, 18:01

Re: DICHIARAZIONI DI VOTO ELEZIONI POLITTICHE 2018

Messaggio da leggere da Walter_White » lunedì 5 marzo 2018, 18:28

Ascoltando Renzi si capisce quanto è fuori dalla realtà

PD al 18,70 % e parla del referendum, indicendo altre primarie dove probabilmente si ricandiderà


FCC 2017/18: 3°; Trofeo dei titoli; Campionato Europeo Donne Elite, Campionato del Mondo Donne Elite, ROTY

Avatar utente
Tranchée d'Arenberg
Messaggi: 14942
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:50
Località: Falconara Albanese (CS)

Re: DICHIARAZIONI DI VOTO ELEZIONI POLITTICHE 2018

Messaggio da leggere da Tranchée d'Arenberg » lunedì 5 marzo 2018, 19:28

Walter_White ha scritto:Ascoltando Renzi si capisce quanto è fuori dalla realtà

PD al 18,70 % e parla del referendum, indicendo altre primarie dove probabilmente si ricandiderà
Mentre tornavo da lavoro ho sentito tutta la conferenza stampa via radio. Oltre ad essere fuori continua a mantenere inalterata la sua spocchia, la sua arroganza. Ma non c'è uno al suo fianco che gli dia qualche buon consiglio per risultare meno antipatico e arrogante?
ome ho già detto altre volte, non ho veramente nulla a che spartire col PD. Conosco però diversa brava gente che si impegna per questo partito e onestamente non so come facciano ANCORA a sopportare questo bulletto incapace. :boh:

Di fronte ad una sconfitta del genere, le dimissioni irrevocabili erano assolutamente d'obbligo. Sono quei casi in cui ti presenti davanti ai microfoni, ammetti la sconfitta e dichiari le dimissioni senza se, senza ma, senza supercazzole. Invece sto tipo ha ancora il coraggio di prendere tempo, di annunciare delle dimissioni che verranno date dopo la formazione del governo, da cui assicura che il suo partito resterà fuori. Non se ne capisce il motivo (o forse si...) Una roba fuori da ogni logica.
Per di più lancia delle minacce molto poco velate ai suoi compagni di partito, preannunciano un congresso combattuto. E' tornato sul referendum, come se la legge elettorale fosse frutto del referendum (*), ha delirato a proposito della data delle elezioni che, a quanto pare, avrebbe voluto legare alle elezioni francesi o tedesche (a che pro ancora non ho capito).

Un discorso allucinante. Io non so se si è ancora reso conto d'aver perso malamente. Io non so cos'altro debba fare er essere mandato a casa. Forse vuole ridurre il PD al di sotto del 10%. :diavoletto:


(*) cercò lui di legare indissolubilmente le sorti della legge elettorale al referendum, confezionando un pastrocchio allucinante. Ma la trappola se la tese da solo.


Cobblestone 2012 - 1° Classifica Generale
Cobblestone 2012 - 1° Classifica Classiche
Cobblestone 2013 - 1° Classifica Semiclassiche

FantaCycling Manager 2016 - 1° Classifica (squadre)

Avatar utente
nemecsek.
Messaggi: 1430
Iscritto il: mercoledì 6 gennaio 2016, 22:35

Re: DICHIARAZIONI DI VOTO ELEZIONI POLITTICHE 2018

Messaggio da leggere da nemecsek. » lunedì 5 marzo 2018, 22:13

Basso ha scritto:
Pur con la grave macchia dello ius soli non approvato, questa legislatura è stata la migliore di sempre nel campo dei diritti civili, progressi naturali ma finalmente raggiunti e che, in caso di vittoria di altri, saranno verosimilmente oggetto di modifica se non cancellazione. Rispetto a 5 anni fa sono migliorati quasi tutti (se non tutti - mi concederete il beneficio di un minimo dubbio) gli indicatori economici: merito principalmente della situazione internazionale, certo, ma è indubbio che le misure adottate siano risultate efficaci.

Leggi di buonsenso quali l'obbligo vaccinale osteggiate da troppi, desiderosi di tornare al Medioevo scientifico e non. Leggi coraggiose e vincenti alla prova dei fatti come in campo culturale, ivi compresa l'apertura finalmente delle cariche di direttori dei musei pubblici ai migliori professionisti a prescindere dalla carta di identità (e si è vista la reazione di una parte del corporativismo del sistema, restio ad aprirsi alla concorrenza). Rinnovi dei contratti di lavoro di buona parte delle categorie in prorogatio da anni. Relazioni sindacali migliorate e sforzi continui e spesso fruttuosi per mantenere posti di lavoro.
Difficile darti torto.


Strong ha scritto: quegli scappati di casa (fortunatamente sempre di meno) di estrema sinistra
quelli ora sono in fase "resistenziale"
ovvero sono tornati nei loro uffici in comune, alla regione, all usl, alla scuola, al sindacato, a studiare come farsi retribuire le giornate non lavorate per neve, in attesa dello stipendio
in una parola, tunejadstvo


Le insegne luminose attirano gli allocchi.
GLF


Rispondi