Amici della Pista

Donne, Under, Juniores, ma anche Pista, Cross, MTB, BMX, Ciclismo Indoor
andriusskerla
Messaggi: 2272
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 19:42
Località: Vasto

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da andriusskerla » mercoledì 27 febbraio 2019, 0:57

bove ha scritto:
martedì 26 febbraio 2019, 23:14
Programma gare e gare con azzurri podiabili, da seguire?
Programma della prima giornata:


WED 27 FEB
13:00 / 16:46
115 Women's Team Pursuit Qualifying
111 Men's Team Pursuit Qualifying

17:30 / 21:27
30 Opening Ceremony
47 Women's Team Sprint Qualifying
50 Men's Team Sprint Qualifying
18 Women's Scratch Race Final
11 Women's Team Sprint First Round
13 Men's Team Sprint First Round
8 Women's Scratch Race, Victory Ceremony
26 Men's Team Pursuit First Round
8 Women's Team Sprint Finals
8 Men's Team Sprint Finals
8 Women's Team Sprint, Victory Ceremony
10 Men's Team Sprint, Victory Ceremony

Italia in gara con possibilità di medaglia nell'Inseguimento a Squadre (sia maschile che femminile) e senza alcuna chance nella Velocità a squadre Femminile (assente in quella maschile). Nello Scratch c'è Martina Fidanza, che ha vinto le ultime due prove di CdM e andrà seguita con attenzione, anche se non parte comunque con i favori del pronostico.




Avatar utente
Abruzzese
Messaggi: 5450
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:24

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da Abruzzese » mercoledì 27 febbraio 2019, 4:19

andriusskerla ha scritto:
mercoledì 27 febbraio 2019, 0:57
Nello Scratch c'è Martina Fidanza, che ha vinto le ultime due prove di CdM e andrà seguita con attenzione, anche se non parte comunque con i favori del pronostico.
Ecco, giusto per completare il discorso su Martina Fidanza, venendo alla prova dello Scratch: già ha fatto una grandissima cosa ad aggiudicarsi le prove di Coppa del Mondo, riuscisse a centrare una medaglia mondiale (visto che parliamo di una ragazza del 1999), di qualunque metallo essa sia, sarebbe un risultato straordinario, in considerazione delle ormai affermate e scafatissime avversarie con cui si andrà a scontrare: su tutte Kirsten Wild ma anche D'Hoore, Dideriksen e Barker per dire le più altisonanti.


"L'importante non è quello che trovi alla fine di una corsa. L'importante è ciò che provi mentre corri" (Giorgio Faletti in "Notte prima degli esami")

"qui c'è gente che è totalmente avulsa dalla realtà e nociva al forum"

Avatar utente
Gianluca Avigo - bove
Messaggi: 2589
Iscritto il: sabato 7 settembre 2013, 23:29

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da Gianluca Avigo - bove » mercoledì 27 febbraio 2019, 13:09

Legendovi e ascoltando l'appello video di Admin su YouTube mi viene in mente, che non sarebbe affatto male un articoletto con in sintesi un elenco di:

Data e ora della
Gara in programma ( favoriti + azzurri in gara )

Parlo veramente da quasi profano. Evidentemente so dei quartetti azzurri, e a grandi linee della qualità delle azzurre, ma poco altro.


«A parità di fattori la spiegazione più semplice è da preferire»
(Guglielmo di Occam)

Avatar utente
chinaski89
Messaggi: 3777
Iscritto il: sabato 13 giugno 2015, 16:51

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da chinaski89 » mercoledì 27 febbraio 2019, 14:19

Non sapevo che la Lombardia fosse uscita dall'Italia, devo essermi distratto, secondo raisport web non ho una connessione proveniente dall'Italia



marc
Messaggi: 2032
Iscritto il: lunedì 1 agosto 2011, 23:39

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da marc » mercoledì 27 febbraio 2019, 21:46

chinaski89 ha scritto:
mercoledì 27 febbraio 2019, 14:19
Non sapevo che la Lombardia fosse uscita dall'Italia, devo essermi distratto, secondo raisport web non ho una connessione proveniente dall'Italia

... e di colpo si torna al 1859 a intonare il "Serbi Dio" :D

scherzi a parte x me nessun problema di collegamento. A sto punto meglio una diretta come si deve sul uebbe che uno spezzatino o differite a ore improbabili sulla tv


perché per me il ciclismo non è ancora una passione onanistica, ma è un pezzo di cultura popolare e familiare.


Avatar utente
Abruzzese
Messaggi: 5450
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:24

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da Abruzzese » domenica 10 marzo 2019, 20:25

Posto anche qui questa bruttissima notizia :gluglu: :

http://www.cicloweb.it/2019/03/10/kelly ... a-23-anni/


"L'importante non è quello che trovi alla fine di una corsa. L'importante è ciò che provi mentre corri" (Giorgio Faletti in "Notte prima degli esami")

"qui c'è gente che è totalmente avulsa dalla realtà e nociva al forum"

Avatar utente
Abruzzese
Messaggi: 5450
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:24

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da Abruzzese » lunedì 1 aprile 2019, 17:18

Venerdì scorso sono stato a Forlì per la terza tappa della Settimana Coppi&Bartali ed ho avuto occasione d'intervistare Davide Plebani, con cui ovviamente ho avuto modo di parlare un po' di pista, tornando anche sul suo splendido bronzo nell'Inseguimento individuale ;) :

http://www.cicloweb.it/2019/04/01/david ... BGqYVj-l8s


"L'importante non è quello che trovi alla fine di una corsa. L'importante è ciò che provi mentre corri" (Giorgio Faletti in "Notte prima degli esami")

"qui c'è gente che è totalmente avulsa dalla realtà e nociva al forum"

Avatar utente
Seb
Messaggi: 5426
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:07
Località: Genova
Contatta:

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da Seb » giovedì 20 giugno 2019, 23:13




marc
Messaggi: 2032
Iscritto il: lunedì 1 agosto 2011, 23:39

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da marc » giovedì 20 giugno 2019, 23:23

Jun 20, 2019, 17:49 PM
Meeting the last two days in Lavey-les-Bains, Switzerland, the Union Cycliste Internationale (UCI) Management Committee has taken numerous decisions to further develop the sport and strengthen the good governance of the International Federation.

With a desire to revitalise track cycling according to key elements defined in the UCI’s Agenda 2022, the Management Committee approved a global reform of the discipline’s calendar.

The current UCI Track Cycling World Cup will undergo several changes from the 2020-2021 season: the number of rounds of the series will go from six to three, and these will no longer be organised from October to January but between July and September, starting in 2021. Moreover, the World Cup will change its name to the UCI Track Cycling Nations’ Cup. As the name suggests, participation will be reserved uniquely for national teams.

From 2021, the UCI Track Cycling World Championships (Elite) will no longer be organised in March but in October, after the end of the new UCI Track Cycling Nations’ Cup.

The Management Committee also agreed to the project to create a new series with an innovative format, the first edition of which will be organised between November 2021 and February 2022. This series aims to increase the appeal of track cycling thanks to a dynamic and attractive format, ideal for television and for spectators present at the event, and simple to understand and follow, even for audiences new to the sport. Selected riders will participate as individuals in the colours of their nation. Further information on the track cycling reform will be communicated after the next UCI Management Committee meeting, which will take place in September 2019 during the UCI Road World Championships. With the UCI Track Cycling Nations’ Cup, the UCI Track Cycling World Championships and the appearance of this series, the new calendar will give track cycling optimal visibility throughout the year. Moreover, the agreed date changes will ensure consistency for the discipline’s calendar in the years that will feature the UCI Cycling World Championships, which will bring together different UCI Worlds and which will take place for the first time in 2023 in Glasgow and Scotland.


DAL SITO UCI

Sembra una rivoluzione. Bisogna capirla bene. Solo 3 prove di Cdm in estate e una non meglio precisata competizione invernale. Sembrano puntare molto sul concetto di nazionali ma nel ciclismo su pista mi pare già così, sono rari i club in Cdm. A meno che non vogliano infilarsi in astruse classifiche a squadre tipo la World Cycling League, tentativo abortito quasi subito.

Davvero non capisco dove si voglia andare a parare. Si parla di format nuovi per rendere appetibile il ciclismo su pista dal punto di vista televisivo. Ma il problema è l'eccessivo numero di gare, con ore e ore di sessione che neanche una TV specialistica può reggere se non con canali online.

Per ridurre i tempi e renderli minimamente televisivi, secondo me si potrebbero dividere le giornate di gara tra maschile e femminile. Un weekend per uno, con eguale visibilità (stesso trattamento mediatico). Certo questo comporterebbe costi maggiori per le federazioni, ma non vedo come si possa fare altrimenti, se non cambiando le regole delle singole gare e spero non si arrivi a questo.

La Cdm estiva la vedrei bene in ottica di rivalutazione dei velodromi scoperti, ma non credo proprio che si andrà in questa direzione.


perché per me il ciclismo non è ancora una passione onanistica, ma è un pezzo di cultura popolare e familiare.

Avatar utente
Abruzzese
Messaggi: 5450
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:24

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da Abruzzese » venerdì 21 giugno 2019, 2:33

Non so, per adesso non me la sento di esprimere giudizi perché voglio vedere come questo influirà anche sull'attività su strada di molti dei protagonisti e protagoniste. Con il format attuale c'è chi partecipa a qualche prova di Coppa del Mondo, poi si prepara per i mondiali e poi si dedica alla strada, invece così facendo per partecipare alla nuova competizione uno dovrebbe sacrificare la partecipazione al Tour de France o al Giro Rosa e vedere anche come impostare il finale di stagione. Vedremo non appena entrerà in scena il nuovo programma come ci si organizzerà.


"L'importante non è quello che trovi alla fine di una corsa. L'importante è ciò che provi mentre corri" (Giorgio Faletti in "Notte prima degli esami")

"qui c'è gente che è totalmente avulsa dalla realtà e nociva al forum"

Avatar utente
cauz.
Messaggi: 12234
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 12:53
Località: milano
Contatta:

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da cauz. » venerdì 21 giugno 2019, 10:43

benissimo la coppa d'estate
malissimo il taglio delle prove
fumosissima (ed è un male) la "nuova competizione".

se ci aggiungo il legame con flander classics nel CX (qui siamo OT), diciamo che quantomeno sono perplesso.


"Il male trionfa sempre, perche' il bene e' stupido" [Lord Casco]
@cauz_ | bidonmagazine.org | confindustrial.noblogs.org

Avatar utente
Seb
Messaggi: 5426
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:07
Località: Genova
Contatta:

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da Seb » venerdì 21 giugno 2019, 11:33

Per giudicare la riforma non si può che aspettare di scoprire come sarà effettivamente la nuova competizione, ma c'è da dire che come è strutturata ora la Coppa del Mondo ha un formato che per le televisione è quanto di meno appetibile ci possa essere. Quello che non mi convince, da come è stato proposto, è che di fatto vengano aboliti i team privati.

Io tempo fa qui sul forum avevo scritto che si sarebbe potuta prendere come esempio alcune cose della Diamond League di atletica, ossia fare molte più tappe ma molto più snelle: tutto concentrato in tre ore in una serata, se serve fare delle qualificazioni si fanno nel primo pomeriggio ed in ogni caso tagliando un po' di turni intermedi, ogni "meeting" avrà poche prove selezionate (a rotazione con gli altri) ed anche il numero di atleti sarà limitato (ad esempio, solo 8 iscritti alla velocità che fanno quarti, semi e finale).
Secondo me se quello che ha in testa l'UCI fosse una cosa simile, e quel "Selected riders will participate as individuals" me lo fa sperare, potrebbe anche un formato interessante per le televisioni, per gli spettatori e anche per gli organizzatori.



CicloSprint
Messaggi: 6302
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:49

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da CicloSprint » venerdì 28 giugno 2019, 14:05

Io vorrei sapere sapere una cosa, il nuovo PalaItalia di Santa Giulia a Milano che vogliono realzzarlo per le Olimpiadi invernali 2026 avrà spazio per il ciclismo su pista ?



cycling_chrnicles
Messaggi: 337
Iscritto il: lunedì 2 aprile 2018, 16:44

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da cycling_chrnicles » venerdì 28 giugno 2019, 14:58

CicloSprint ha scritto:
venerdì 28 giugno 2019, 14:05
Io vorrei sapere sapere una cosa, il nuovo PalaItalia di Santa Giulia a Milano che vogliono realzzarlo per le Olimpiadi invernali 2026 avrà spazio per il ciclismo su pista ?
no ... Olimpiadi invernali = ciclismo su ghiaccio



Avatar utente
Caba
Messaggi: 627
Iscritto il: martedì 17 luglio 2012, 11:15

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da Caba » venerdì 28 giugno 2019, 15:47

penso la domanda sottointendesse un utilizzo come velodormo, oltre che palazzetto del ghiaccio, del PalaItalia. :cincin:


MG, sai solo fregare...

Avatar utente
cauz.
Messaggi: 12234
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 12:53
Località: milano
Contatta:

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da cauz. » venerdì 28 giugno 2019, 16:45

non è previsto che venga usato come velodromo, poi magari diranno che anche per questo allestiranno una pista smontabile e bla bla, cose che già si sono sentite in passato a milano ma che vengono usate soltanto come propaganda.
(non perchè le piste smontabili non esistano, tutt'altro, ma perchè hanno dei costi di montaggio/smontaggio e manutenzione assolutamente insostenibili in un contesto come quello del ciclismo su pista in italia).

piuttosto, il problema vero di queste strambe olimpiadi è che l'intero settore sport della giunta meneghina (assessorato + milanosport) da qui al 2026 si occuperà esclusivamente dei nuovi impianti olimpici ( :dollar: ), col rischio che il già malconcio patrimonio esistente finisca per essere trascurato per 7 anni. un lasso di tempo che potrebbe anche essere letale per alcune strutture (ahinoi, ci metto dentro pure il Vigorelli, che non sarebbe in grado di sopravvivere a un nuovo abbandono).


"Il male trionfa sempre, perche' il bene e' stupido" [Lord Casco]
@cauz_ | bidonmagazine.org | confindustrial.noblogs.org

Avatar utente
Abruzzese
Messaggi: 5450
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:24

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da Abruzzese » martedì 9 luglio 2019, 20:34

Oggi hanno preso il via a Gand i Campionati europei su pista Under 23 e Juniores e sono arrivate le prime 2 medaglie per l'Italia: Letizia Paternoster si è prevedibilmente aggiudicata il titolo europeo nell'Eliminazione Under 23 mentre Vittoria Guazzini ha conquistato l'argento nell'Inseguimento individuale (battuta dalla tedesca Franziska Brausse), con Marta Cavalli quarta classificata (il bronzo è andato alla russa Novolodskaia). Le ragazze juniores del quartetto invece hanno fatto segnare il miglior tempo nelle qualifiche dell'Inseguimento a squadre.


"L'importante non è quello che trovi alla fine di una corsa. L'importante è ciò che provi mentre corri" (Giorgio Faletti in "Notte prima degli esami")

"qui c'è gente che è totalmente avulsa dalla realtà e nociva al forum"

Avatar utente
Deadnature
Messaggi: 5330
Iscritto il: martedì 22 febbraio 2011, 20:49

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da Deadnature » martedì 9 luglio 2019, 22:46

Onestamente (se non erro ne avevi già scritto proprio tu) non mi pare abbia un gran senso portare a gareggiare in queste competizioni atlete già affermate come Paternoster, Balsamo, Barbieri e compagnia. Utile al massimo per fare allenamento in pista in un contesto agonistico.


http://www.spazidisimpatia.wordpress.com
Spazi di simpatia, nel nome dell'amore che regna nella nostra splendida Terra
Un blog consigliato da Basso, quello giusto.

Aderii alla campagna di garbata moral suasion per cacciare Di Rocco. E infatti...

Avatar utente
Abruzzese
Messaggi: 5450
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:24

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da Abruzzese » mercoledì 10 luglio 2019, 2:57

Deadnature ha scritto:
martedì 9 luglio 2019, 22:46
Onestamente (se non erro ne avevi già scritto proprio tu) non mi pare abbia un gran senso portare a gareggiare in queste competizioni atlete già affermate come Paternoster, Balsamo, Barbieri e compagnia. Utile al massimo per fare allenamento in pista in un contesto agonistico.
Si, ricordo di aver espresso il concetto in passato (forse su questo thread o su un altro) ma purtroppo questo fa parte di una logica federale ormai collaudata nel tempo: le medaglie dei ragazzi e delle ragazze servono per fare continua campagna elettorale, per dire che va sempre tutto bene (i più attenti poi lo sanno: per preparare quest'appuntamento, al solito ragazzi e ragazze sono stati costretti ad andare fino a Grenchen in Svizzera perché Montichiari è ancora indisponibile e anche nelle interviste che quest'anno ho avuto il piacere di fare con Consonni e Plebani era emerso come la cosa, specie nei periodi invernali, sia alquanto disagevole).

Le ragazze poi sono diventate il fiore all'occhiello e anche la bella presenza (avete notato quante interviste, pubblicità su siti e anche sul cartaceo, persino apparizioni in tv come in quella di Fazio ha già fatto Letizia Paternoster nonostante la sua giovanissima età?) costituisce uno spot formidabile da propagandare. Mettiamoci pure che si è creato il mito di "Salvoldi Re Mida" e che quindi, al di là dei meriti che sicuramente ha, anche al nostro CT questa dimensione ormai consolidata fa indubbiamente piacere e quindi possiamo vedere come la tendenza prosegua nel tempo. Chiaro poi che le annate non sono tutte uguali e quindi è possibile che si possano vincere molte meno medaglie rispetto al precedente (anche perché, se già hai i talenti e vinci e stravinci in lungo e in largo, poi diventa sempre più ardua ripetersi. Ciò può divenire anche un'arma a doppio taglio: Rachele Barbieri vinse il mondiale dello scratch a 20 anni battendo fior di atlete e nonostante questo fu continuata a portare anche agli Europei Under 23. Risultato: quello stesso anno vinse l'Europeo ma poi non è riuscita più a ripetersi in quegli stessi contesti e, al momento, nella stessa disciplina è stata già sopravanzata nelle gerarchie da Martina Fidanza, che quest'anno ha ottenuto eccellenti risultati. Si badi che parliamo di atlete del 1997 e del 1999 e ciononostante non si perde affatto tempo.

Così come può capitare che un anno si possa disporre di atlete che il podio te lo garantiscono, altri dove il ricambio è più complicato. Prendo sempre lo Scratch come modello ma spostandomi sulle juniores: gli scorsi anni con Paternoster e Balsamo, per dirne due, il podio era praticamente assicurato, nonostante sia un tipo di gara sempre molto difficile da interpretare ma che in queste categorie, anche per il grande allenamento a cui si sottopongono le nostre, ci può vedere dominare molto più facilmente di quanto non accada nelle categorie maggiori. Quest'anno abbiamo schierato Lara Crestanello ed ha concluso 11esima. Attenzione: io non sto dicendo che la Crestanello è scarsa, solo che da anno ad anno non sempre si può garantire, magari nella singola specialità, quel ricambio che ti consente di vincere o di concludere quantomeno in zona medaglie.

Per chiudere il mio discorso, faccio notare quanto sia differente e lampante l'esito delle cose lì dove si è fatta programmazione e dove invece le cose continuino ad essere abbandonate a se stesse o affidate alla bravura del singolo: le ragazze del quartetto tra le juniores hanno fatto segnare il miglior tempo, quindi ci sono ottime possibilità che salgano nuovamente sul podio e riconfermino quel titolo che ormai vinciamo, se non erro, da 3 anni consecutivi. Andiamo a vedere la Velocità a squadre e individuale, sempre tra le juniores: zero atlete partecipanti ad entrambe le specialità, a dimostrazione che attualmente, a parte Miriam Vece che ha avuto la possibilità di andare ad allenarsi ad Aigle per un periodo, si continua a non far niente di niente per creare un movimento stabile e costante e di cui ho già detto cosa serve (a parte le strutture ma soprattutto i ragazzi e ragazze vanno affidati a tecnici specialisti di quel settore). Negli scorsi anni almeno una ragazza al via la si presentava, se si torna al nulla tra le juniores vuol dire che poco o niente è stato fatto per portare almeno una ragazza ad un livello accettabile di competizione. Ma del resto la situazione la conosciamo bene e i miracoli si possono fare fino ad un certo punto.

P.S.: quando l'altro giorno commentavo la rinuncia di Evenepoel al mondiale Under 23 su strada mi riferivo proprio a ciò che ho detto all'inizio nel rispondere al messaggio. Ma d'altronde a noi interessano le medaglie, sempre e comunque.


"L'importante non è quello che trovi alla fine di una corsa. L'importante è ciò che provi mentre corri" (Giorgio Faletti in "Notte prima degli esami")

"qui c'è gente che è totalmente avulsa dalla realtà e nociva al forum"

Avatar utente
Abruzzese
Messaggi: 5450
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:24

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da Abruzzese » mercoledì 10 luglio 2019, 20:38

Anche oggi due medaglie per l'Italia: nell'Inseguimento a squadre Donne Junior prevedibile conferma del titolo europeo per le nostre (Giorgia Catarzi, Sofia Collinelli, Eleonora Gasparrini e Camilla Alessio la composizione del quartetto) che hanno battuto nettamente il quartetto britannico (nelle cui file c'era Elynor Backstedt, la figlia di Magnus).

Indubbiamente molto più significativo invece il bronzo conquistato da Matteo Bianchi nel Chilometro riservato ai ragazzi juniores: la vittoria è andata al greco Konstantinos Livanos col tempo di 1'01"825 davanti all'olandese Daan Kool (1'01"827). Bianchi ha chiuso terzo con 1'02"222. Ecco, visti anche gli eccellenti risultati ottenuti da Lamon quest'anno, forse sarebbe il caso di continuare a lavorare seriamente su questa specialità perché si possono ottenere prestazioni ragguardevoli (in questo mi riallaccio a quel che dicevo nelle scorse ore sull'opportunità di affidare i ragazzi a tecnici specializzati del settore).

Per il resto, anche la sfortuna ci ha messo lo zampito, in quanto Martina Fidanza credo che sia caduta nello Scratch delle Under 23 (a vincere è stata la russa Daria Malkova con un giro di vantaggio su tutte le altre), i ragazzi juniores sono giunti quarti nell'Inseguimento a squadre.

Da segnalare poi la vittoria di Tim Torn Teutenberg che ha conquistato il titolo Europeo nell'Eliminazione degli Juniores: si tratta del figlio di Lars nonché nipote di Sven e Ina Teutenberg e fratello di Lea Lin (che dallo scorso anno gareggia con la WNT). Nella stessa gara invece noi abbiamo schierato Samuel Quaranta, ovvero il figlio di Ivan.
Nell'inseguimento a squadre degli Juniores, conquistato dalla Gran Bretagna, gareggiava invece Leo Hayter, fratello minore di Ethan ;) .


"L'importante non è quello che trovi alla fine di una corsa. L'importante è ciò che provi mentre corri" (Giorgio Faletti in "Notte prima degli esami")

"qui c'è gente che è totalmente avulsa dalla realtà e nociva al forum"

Basso
Messaggi: 14841
Iscritto il: sabato 21 maggio 2011, 18:03
Località: Vicenza

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da Basso » giovedì 11 luglio 2019, 19:50



11 Vuelta 7-Prato
12 Appennino-Japan
13 Giro 9-CN ITA-Vuelta 20-Sabatini
14 Vasco-Dauphiné-Tour 3-Tour 21-Pologne-Tre Valli
15 Laigueglia-Escaut-Giro 2-Giro 18-Giro GC-Tour 13-Fourmies
16 Nice-Vuelta 12
17 Frankfurt-Tour 11-Vuelta 16-Chrono
18 Bianche-DePanne-Romandie-Köln-Piemonte-Chrono
19 Nice-Turkey-Portugal-Vuelta 10

Avatar utente
Abruzzese
Messaggi: 5450
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:24

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da Abruzzese » giovedì 11 luglio 2019, 21:34

Giusto per ribadire: coi progetti ben avviati, si ottengono risultati eccellenti e si garantisce un adeguato ricambio. La prestazione odierna delle ragazze è stata ragguardevole.

Oggi portiamo a casa anche il bronzo tra le juniores nell'Inseguimento individuale, con la sfida tutta italiana che ha premiato Camilla Alessio sulla figlia d'arte Sofia Collinelli (a proposito di figlie d'arte: a conquistare il titolo è stata Elynor Backstedt).

Per il resto, quarto posto dei ragazzi Under 23 nell'Inseguimento a squadre, battuti dalla Svizzera nella finale per il bronzo (titolo alla Russia) e successi tedeschi in tutte le altre specialità: Anton Hohne nel Chilometro dei ragazzi Under 23 (5° Davide Boscaro), nell'inseguimento individuale degli juniores (Nicolas Heinrich davanti al connazionale Tobias Buck-Gramko con Andrea Piccolo al 4° posto) e per Alessa-Catriona Propster nella Velocità Donne Junior.


"L'importante non è quello che trovi alla fine di una corsa. L'importante è ciò che provi mentre corri" (Giorgio Faletti in "Notte prima degli esami")

"qui c'è gente che è totalmente avulsa dalla realtà e nociva al forum"

Avatar utente
Abruzzese
Messaggi: 5450
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:24

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da Abruzzese » giovedì 11 luglio 2019, 21:41

Ah intanto bel risultato per Miriam Vece, che è riuscita a giungere fino alle semifinali nel torneo della Velocità: terza assoluta in qualifica, ha poi eliminato la lituana Sumskyte agli ottavi e la britannica Ridge Davis ai quarti. Ora se la vedrà con al tedesca Friedrich che sulla carta dovrebbe essere nettamente favorita ma mai dire mai (e pure se dovesse giungere in finale, verosimilmente se la vedrebbe con Mathilde Gros), per ora il suo torneo è stato senza dubbio soddisfacente.


"L'importante non è quello che trovi alla fine di una corsa. L'importante è ciò che provi mentre corri" (Giorgio Faletti in "Notte prima degli esami")

"qui c'è gente che è totalmente avulsa dalla realtà e nociva al forum"

Avatar utente
Alanford
Messaggi: 3208
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:05

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da Alanford » venerdì 12 luglio 2019, 20:39

Omnium juniores dominato dalla Gasparrini. A parte lo scratch dove è arrivata terza, le altre prove le ha vinte tutte (la corsa a punti, stravinta). :)
Eleonora Camilla Gasparrini che, insieme a Sofia Collinelli, è la protagonista della stagione juniores su strada.

Ottima prova della Vece, che si prende il bronzo nella sprint U23, battendo la Tyshenko (2-1)



Avatar utente
Abruzzese
Messaggi: 5450
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:24

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da Abruzzese » sabato 13 luglio 2019, 3:32

Alanford ha scritto:
venerdì 12 luglio 2019, 20:39
Omnium juniores dominato dalla Gasparrini. A parte lo scratch dove è arrivata terza, le altre prove le ha vinte tutte (la corsa a punti, stravinta). :)
Eleonora Camilla Gasparrini che, insieme a Sofia Collinelli, è la protagonista della stagione juniores su strada.

Ottima prova della Vece, che si prende il bronzo nella sprint U23, battendo la Tyshenko (2-1)
Eleonora Gasparrini è una ragazza che è andata sempre molto forte anche negli scorsi anni, è da quando è Esordiente che vince gare e titoli italiani sia su strada che su pista. Il modo in cui ha vinto l'Omnium è stato davvero notevole.

Per quanto riguarda Miriam Vece, a mio parere, forse questa medaglia di bronzo ha un valore anche superiore al successo da lei ottenuto lo scorso anno: stavolta il livello era decisamente più alto ed era prevedibile che in finale arrivassero Mathilde Gros (ragazza che seguo con grande interesse) e Lea-Sophie Friedrich. Aver confermato il podio è stato davvero segno che in questa stagione comunque si è lavorato bene per fare dei progressi (anche nei 500 metri ha fatto ulteriori miglioramenti). Però continuo a dire: oltre a sostenerla a livello di guida e mettendole a disposizione strutture adeguate, non lasciamo il settore abbandonato a sé stesso, sperando sempre che venga fuori l'atleta sopra le righe che tolga le castagne dal fuoco. Facciamo in modo che si possa lavorare anche con altre ragazze e che in futuro anche nelle discipline veloci possa esserci una presenza fissa dell'Italia non solo per essere una semplice comparsa.

Nelle altre gare di ieri, fatto accenno alla vittoria della Gros nella Velocità delle U23, il risultato più degno di nota è senza dubbio la vittoria del greco Konstantinos Livanos nella Velocità degli uomini juniores, che in finale ha battuto il tedesco Julien Jager, dopo aver già vinto il titolo europeo nel Chilometro un paio di giorni fa. Per il resto, l'Omnium degli juniores (nel thread degli incidenti ho già segnalato il bruttissimo episodio occorso a Lorenzo Gobbo) la vittoria è andata all'olandese Casper Van Ulden, con epilogo ulteriormente rocambolesco dovuto alla squalifica del russo Denisov che stava guidando la prova fino alla Corsa a Punti.
Nei 500 metri femminili vittoria per la britannica Emma Finucane mentre nell'attesa Corsa a Punti delle donne Under 23 Letizia Paternoster (che pure ha vinto 2 sprint e guadagnato un giro) è stata costretta ad accontentarsi del 5° posto in una prova dominata dalla russa Natalia Studenikina, vincitrice con 75 punti frutto di ben 3 giri guadagnati (contro i due della polacca Pikulik e la belga Bossuyt che hanno occupato gli altri due gradini del podio, mentre Letizia ha chiuso con 31 punti totali). La Corsa a punti degli U23 uomini invece è stata vinta dal tedesco Richard Banusch con 71 punti (Matteo Donegà nono con un solo punto).


"L'importante non è quello che trovi alla fine di una corsa. L'importante è ciò che provi mentre corri" (Giorgio Faletti in "Notte prima degli esami")

"qui c'è gente che è totalmente avulsa dalla realtà e nociva al forum"

Avatar utente
Abruzzese
Messaggi: 5450
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:24

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da Abruzzese » sabato 13 luglio 2019, 7:08

Tra le giovani in luce a questi campionati europei vi è anche la juniores velocista francese Marie-Divine Taky-Kouamé, che si è ben comportata nel torneo della Velocità, conquistando la medaglia di bronzo. Come si può intuire dal cognome, le sue origini rimandano all'Africa, più precisamente alla Costa d'Avorio. Qui un breve articolo-intervista in francese dell'altro giorno:

https://www.directvelo.com/actualite/75 ... ine-kouame


"L'importante non è quello che trovi alla fine di una corsa. L'importante è ciò che provi mentre corri" (Giorgio Faletti in "Notte prima degli esami")

"qui c'è gente che è totalmente avulsa dalla realtà e nociva al forum"

Avatar utente
Abruzzese
Messaggi: 5450
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:24

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da Abruzzese » sabato 13 luglio 2019, 20:30

Anche oggi due medaglie per l'Italia: Matilde Vitillo ha conquistato il titolo europeo nella Corsa a punti delle Donne Juniores, riuscendo a guadagnare un giro di vantaggio su tutte le altre e vincendo anche due sprint. Nei 500 metri invece ennesima buona prestazione per Miriam Vece, che si è arresa solamente alla tedesca Lea Friedrich, che si è imposta col tempo di 33"635. Per lei comunque medaglia d'argento con un 34"046 che, se non erro, dovrebbe essere il nuovo record italiano (e ormai manca poco per scendere sotto i 34 secondi).

Peccato per Rachele Barbieri, che nell'Omnium era in zona podio fino all'ultima prova ed è stata beffata proprio nella conclusione della Corsa a punti, chiudendo al quarto posto (Vittoria per Jessica Roberts, argento per Clara Copponi, bronzo per Daria Pikulik).


"L'importante non è quello che trovi alla fine di una corsa. L'importante è ciò che provi mentre corri" (Giorgio Faletti in "Notte prima degli esami")

"qui c'è gente che è totalmente avulsa dalla realtà e nociva al forum"

Avatar utente
Visconte85
Messaggi: 10314
Iscritto il: giovedì 8 maggio 2014, 14:27

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da Visconte85 » domenica 14 luglio 2019, 12:30

come cavolo gli è successo?
roba che ha dell'incredibile, l'incidente a subito da Lorenzo Gobbo agli europei juniores su pista

http://www.milanotoday.it/cronaca/loren ... erito.html


2014:Giro tp21,Tour tp10,Vuelta tp3, ARGENTO Ponferrada
2015:Giro anch'io 3°,Tour tp10 e 20, GpMontreal
2016:GandWevelgen, Svizzera, Tour tp13, Vuelta tp10
2017:Tour tp10 Vuelta tp2
2018:Scheldeprijs, Giro tp21, Tour tp11
2019:Kuurne-Bruxelles-Kuurne

Avatar utente
Abruzzese
Messaggi: 5450
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:24

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da Abruzzese » lunedì 15 luglio 2019, 1:32

Ieri conclusione degli Europei con altre due medaglie:

http://www.cicloweb.it/2019/07/14/europ ... -giornata/

Brevi considerazioni:

- Prevedibilmente si è vinto meno rispetto agli scorsi anni e i titoli europei sono arrivati soltanto dalle ragazze (anche se, come si accennava, non sempre si riesce a vincere pur schierando i grossi calibri, senza dimenticare che pure il caso può metterci lo zampino);
- tra i ragazzi sicuramente il podio di Matteo Bianchi nel Chilometro Juniores è stato molto confortante ed anche nelle qualifiche della velocità non se l'era cavata male;
- Elena Bissolati qualche anno fa fece vedere belle cose anche nelle gare di velocità pura. Purtroppo poi rischiò anche di smettere e non ha avuto più la possibilità di esprimersi a certi livelli, per cui torno a ribadire: se sui ragazzi ci si lavora in un certo modo e con strutture adeguate, i risultati presto o tardi arrivano;
- Nella Gran Bretagna negli ultimi giorni ha brillato sicuramente Matthew Walls, che avevamo ammirato con piacere anche all'ultimo Giro Under 23 ;) .


"L'importante non è quello che trovi alla fine di una corsa. L'importante è ciò che provi mentre corri" (Giorgio Faletti in "Notte prima degli esami")

"qui c'è gente che è totalmente avulsa dalla realtà e nociva al forum"

marc
Messaggi: 2032
Iscritto il: lunedì 1 agosto 2011, 23:39

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da marc » martedì 23 luglio 2019, 8:09

Ragazzi ma c'erano Kenny e Awang l'internazionale di Ascoli???? Me lo sono perso. È un discorso che abbiamo già fatto lo scorso anno: Infiniti complimenti per quello che riuscite a mettere in piedi da qualche anno a sta parte, ma migliorate la comunicazione!!!


perché per me il ciclismo non è ancora una passione onanistica, ma è un pezzo di cultura popolare e familiare.

Basso
Messaggi: 14841
Iscritto il: sabato 21 maggio 2011, 18:03
Località: Vicenza

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da Basso » giovedì 25 luglio 2019, 12:52



11 Vuelta 7-Prato
12 Appennino-Japan
13 Giro 9-CN ITA-Vuelta 20-Sabatini
14 Vasco-Dauphiné-Tour 3-Tour 21-Pologne-Tre Valli
15 Laigueglia-Escaut-Giro 2-Giro 18-Giro GC-Tour 13-Fourmies
16 Nice-Vuelta 12
17 Frankfurt-Tour 11-Vuelta 16-Chrono
18 Bianche-DePanne-Romandie-Köln-Piemonte-Chrono
19 Nice-Turkey-Portugal-Vuelta 10

Avatar utente
Slegar
Messaggi: 5070
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:49

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da Slegar » giovedì 25 luglio 2019, 13:04

Basso ha scritto:
giovedì 25 luglio 2019, 12:52
... http://www.cicloweb.it/2019/07/25/probl ... spresiano/
Pessima notizia, soprattutto per il fatto che è in difficoltà un'impresa così importante.


fair play? No, Grazie!

Avatar utente
Denb
Messaggi: 774
Iscritto il: venerdì 20 settembre 2013, 14:00

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da Denb » giovedì 25 luglio 2019, 22:14

Basso ha scritto:
giovedì 25 luglio 2019, 12:52
... http://www.cicloweb.it/2019/07/25/probl ... spresiano/
Immagine


:angry: :angry: :angry:



Mad
Messaggi: 541
Iscritto il: sabato 11 dicembre 2010, 8:48
Località: Noceto

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da Mad » venerdì 26 luglio 2019, 8:00

Da Lunedì a Giovedì ( venerdì sarà la giornata di riserva per eventuali recuperi) partono i campionati italiani giovanili al velodromo Francone di Torino, anche quest'anno sarò presente con l'Emilia Romagna. :mrgreen:



Avatar utente
Abruzzese
Messaggi: 5450
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:24

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da Abruzzese » giovedì 1 agosto 2019, 4:33

Mad ha scritto:
venerdì 26 luglio 2019, 8:00
Da Lunedì a Giovedì ( venerdì sarà la giornata di riserva per eventuali recuperi) partono i campionati italiani giovanili al velodromo Francone di Torino, anche quest'anno sarò presente con l'Emilia Romagna. :mrgreen:
Direi che le cose non sono andate affatto male per voi :)

Comunque, a mio modestissimo parere, l'aver accorpato le discipline veloci in un Omnium è una cagata pazzesca. Una disciplina come la Velocità deve mantenere una sua dignità e restare isolata da certi miscugli. Così pure passi per gli Allievi ma fare un Omnium anche per gli Esordienti, sia a livello Endurance che a livello di Sprint, è eccessivo. Non so chi ha ideato questa formula per questi italiani ma a me non piace per niente.


"L'importante non è quello che trovi alla fine di una corsa. L'importante è ciò che provi mentre corri" (Giorgio Faletti in "Notte prima degli esami")

"qui c'è gente che è totalmente avulsa dalla realtà e nociva al forum"

Mad
Messaggi: 541
Iscritto il: sabato 11 dicembre 2010, 8:48
Località: Noceto

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da Mad » giovedì 1 agosto 2019, 22:50

Abruzzese ha scritto:
giovedì 1 agosto 2019, 4:33
Mad ha scritto:
venerdì 26 luglio 2019, 8:00
Da Lunedì a Giovedì ( venerdì sarà la giornata di riserva per eventuali recuperi) partono i campionati italiani giovanili al velodromo Francone di Torino, anche quest'anno sarò presente con l'Emilia Romagna. :mrgreen:
Direi che le cose non sono andate affatto male per voi :)
Nel settore femminile abbiamo iniziato a lavorare oltre un mese fa, sempre tenendo conto degli impegni su strada e delle convocazioni agli EYOF che hanno pesato parecchio ( basti pensare che ad esclusione dell'inseguimento a squadre, due delle convocate hanno corso solo oggi, mentre la Ciabocco era proprio spenta), in quello maschile ci siamo ripresi quella maglia che lo scorso anno ci era sfuggita per meno di un pelo. Per me è stato positivo aver concluso le madison senza cadute, specialmente quella femminile che era al debutto ( e si vedeva). Poi abbiamo chiuso sul podio entrambe davanti ad alcune coppie imprendibili. Ovviamente è stato molto bello anche schierare due quartetti femminili e metterli entrambi sul podio.
Abruzzese ha scritto:
giovedì 1 agosto 2019, 4:33
Comunque, a mio modestissimo parere, l'aver accorpato le discipline veloci in un Omnium è una cagata pazzesca. Una disciplina come la Velocità deve mantenere una sua dignità e restare isolata da certi miscugli. Così pure passi per gli Allievi ma fare un Omnium anche per gli Esordienti, sia a livello Endurance che a livello di Sprint, è eccessivo. Non so chi ha ideato questa formula per questi italiani ma a me non piace per niente.
E qui mi collego al tuo discorso dicendo: negli esordienti abbiamo vinto il torneo della velocità o siamo arrivati secondi ( nelle donne con il settimo tempo, dopo aver lavorato molto sulla testa nelle batterie) e siamo riusciti a piazzare sul podio solo il maschio, probabilmente spendere un pomeriggio in volate andrebbe maggiormente valorizzato rispetto al tempo di un 200m o di un keirin quasi secco. E' andata bene anche nell'omium degli allievi , visto che non ci sono stati problemi, ma comunque quello sprint rischia di diventare troppo lungo in caso di imprevisti ( negli allievi gli omnium avevano una prova in più rispetto agli esordienti, scratch e 500m da fermo)
La modifica alla formula è stata chiesta, a quanto sembra, dai tecnici federali ( Villa e Salvoldi), per motivi didattici, così come ad esempio l'apertura all'utilizzo della protesi che è in vigore da qualche anno.



Avatar utente
Abruzzese
Messaggi: 5450
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:24

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da Abruzzese » venerdì 2 agosto 2019, 3:56

Mad ha scritto:
giovedì 1 agosto 2019, 22:50
Abruzzese ha scritto:
giovedì 1 agosto 2019, 4:33
Mad ha scritto:
venerdì 26 luglio 2019, 8:00
Da Lunedì a Giovedì ( venerdì sarà la giornata di riserva per eventuali recuperi) partono i campionati italiani giovanili al velodromo Francone di Torino, anche quest'anno sarò presente con l'Emilia Romagna. :mrgreen:
Direi che le cose non sono andate affatto male per voi :)
Nel settore femminile abbiamo iniziato a lavorare oltre un mese fa, sempre tenendo conto degli impegni su strada e delle convocazioni agli EYOF che hanno pesato parecchio ( basti pensare che ad esclusione dell'inseguimento a squadre, due delle convocate hanno corso solo oggi, mentre la Ciabocco era proprio spenta), in quello maschile ci siamo ripresi quella maglia che lo scorso anno ci era sfuggita per meno di un pelo. Per me è stato positivo aver concluso le madison senza cadute, specialmente quella femminile che era al debutto ( e si vedeva). Poi abbiamo chiuso sul podio entrambe davanti ad alcune coppie imprendibili. Ovviamente è stato molto bello anche schierare due quartetti femminili e metterli entrambi sul podio.
Abruzzese ha scritto:
giovedì 1 agosto 2019, 4:33
Comunque, a mio modestissimo parere, l'aver accorpato le discipline veloci in un Omnium è una cagata pazzesca. Una disciplina come la Velocità deve mantenere una sua dignità e restare isolata da certi miscugli. Così pure passi per gli Allievi ma fare un Omnium anche per gli Esordienti, sia a livello Endurance che a livello di Sprint, è eccessivo. Non so chi ha ideato questa formula per questi italiani ma a me non piace per niente.
E qui mi collego al tuo discorso dicendo: negli esordienti abbiamo vinto il torneo della velocità o siamo arrivati secondi ( nelle donne con il settimo tempo, dopo aver lavorato molto sulla testa nelle batterie) e siamo riusciti a piazzare sul podio solo il maschio, probabilmente spendere un pomeriggio in volate andrebbe maggiormente valorizzato rispetto al tempo di un 200m o di un keirin quasi secco. E' andata bene anche nell'omium degli allievi , visto che non ci sono stati problemi, ma comunque quello sprint rischia di diventare troppo lungo in caso di imprevisti ( negli allievi gli omnium avevano una prova in più rispetto agli esordienti, scratch e 500m da fermo)
La modifica alla formula è stata chiesta, a quanto sembra, dai tecnici federali ( Villa e Salvoldi), per motivi didattici, così come ad esempio l'apertura all'utilizzo della protesi che è in vigore da qualche anno.
Eh si infatti sapevo che anche Carlotta Cipressi doveva andare a fare i Giochi Europei, comunque poi si è portata a casa due tricolori nell'Inseguimento. Comunque è una ragazza abituata a vincere, non sono sorpreso delle sue affermazioni ;) .

Ritornando al discorso: per gli Allievi sono favorevole a fare l'Omnium Endurance, per gli Esordienti invece resterei con le gare singole. Sulla formula dell'Omnium Sprint invece proprio non mi convince, non mi sembra la soluzione più adatta. Poi comunque anche per i ragazzi la cosa rischia di essere forse anche più gravosa a livello di energie da spendere ed è chiaro che chi magari è più allenato di altri possa avere buon gioco (non a caso si son visti vincere ragazzi che durante l'anno riescono a vincere spesso in più discipline, compreso il ciclocross). Soprattutto la Velocità poi è un qualcosa che va gestito senza eventuali calcoli di prospettiva (il dover pensare poi anche al Keirin ad esempio).

Da come dici la proposta è arrivata dai Commissari Tecnici, però qui mi riallaccio ad un qualcosa che dico già da tempo: per quanto competenti e vincenti, i nostri tecnici sono maggiormente ferrati soprattutto sull'Endurance e quindi, essendo magari abituati a gestire quel tipo di format, magari pensano che possa essere una soluzione più adatta. Invece, come invece sostengo io, dei velocisti puri si dovrebbero occupare tecnici di settore, che sanno quindi dare l'impronta migliore alla crescita dei ragazzi secondo la propria esperienza. Anche perché torniamo sempre al punto: si può anche stravolgere la formula ma se poi mancano i tecnici adeguati negli anni successivi, finisce che poi la Velocità pura non la curi quasi nessuno, con le soddisfazioni che quindi rischiano di arrivare magari da quei ragazzi più dotati di altri che tirano fuori qualcosa soprattutto grazie al proprio talento piuttosto che anche grazie alla preparazione in strutture e sotto la guida di tecnici adeguati.


"L'importante non è quello che trovi alla fine di una corsa. L'importante è ciò che provi mentre corri" (Giorgio Faletti in "Notte prima degli esami")

"qui c'è gente che è totalmente avulsa dalla realtà e nociva al forum"

Mad
Messaggi: 541
Iscritto il: sabato 11 dicembre 2010, 8:48
Località: Noceto

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da Mad » venerdì 2 agosto 2019, 21:39

Abruzzese ha scritto:
venerdì 2 agosto 2019, 3:56


Eh si infatti sapevo che anche Carlotta Cipressi doveva andare a fare i Giochi Europei, comunque poi si è portata a casa due tricolori nell'Inseguimento. Comunque è una ragazza abituata a vincere, non sono sorpreso delle sue affermazioni ;) .
Carlotta è andata piuttosto male ad inizio luglio a causa della tensione, infatti non ha combinato nulla all'italiano strada, ma già sapeva che avrebbe fatto le valigie per Baku ( nota di colore, all'italiano strada era l'unica della nostra spedizione con il passaporto, e la bici di scorta aveva il rapporto sbagliato :mrgreen: quindi non solo lei era in confusione in quel periodo), ma si sa, finché non esce il comunicato non si può mai essere sicuri.
Io personalmente mi aspettavo qualcosa in più da lei a Baku, non so se anche lei si aspettasse di più da se stessa, però alla fine ha limitato la sua partecipazione ai due inseguimenti ed ha avuto ragione.

Abruzzese ha scritto:
venerdì 2 agosto 2019, 3:56
Ritornando al discorso: per gli Allievi sono favorevole a fare l'Omnium Endurance, per gli Esordienti invece resterei con le gare singole. Sulla formula dell'Omnium Sprint invece proprio non mi convince, non mi sembra la soluzione più adatta. Poi comunque anche per i ragazzi la cosa rischia di essere forse anche più gravosa a livello di energie da spendere ed è chiaro che chi magari è più allenato di altri possa avere buon gioco (non a caso si son visti vincere ragazzi che durante l'anno riescono a vincere spesso in più discipline, compreso il ciclocross). Soprattutto la Velocità poi è un qualcosa che va gestito senza eventuali calcoli di prospettiva (il dover pensare poi anche al Keirin ad esempio).
In realtà non vedo delle grosse problematiche a livello esordienti nel fare gli omnium, visto che comunque corrono per una sola giornata, velocità a squadre esclusa. Non vedo problemi di calcolo, anche perché non sono ancora capaci di farlo un calcolo, specialmente nelle donne dove si passa da euforia a depressione nel giro di una batteria. Per quanto riguarda il discorso dell'allenamento maggiore o inferiore di alcuni, parliamo della categoria dove forse c'è più disparità tra i partecipanti, dove il fisico di un bambino finisce a gareggiare con il fisico di un quasi adulto ( per la serie, quando uno va forte, lo fa dappertutto). Onestamente ho trovato pericoloso il keirin per gli esordienti, ma credo e spero che il problema sia dovuto al fatto che era la prima volta o quasi per tutti. La stessa cosa potrei dire della madison femminile , ritengo sia stato un successo finirla senza cadute.

Abruzzese ha scritto:
venerdì 2 agosto 2019, 3:56
Da come dici la proposta è arrivata dai Commissari Tecnici, però qui mi riallaccio ad un qualcosa che dico già da tempo: per quanto competenti e vincenti, i nostri tecnici sono maggiormente ferrati soprattutto sull'Endurance e quindi, essendo magari abituati a gestire quel tipo di format, magari pensano che possa essere una soluzione più adatta. Invece, come invece sostengo io, dei velocisti puri si dovrebbero occupare tecnici di settore, che sanno quindi dare l'impronta migliore alla crescita dei ragazzi secondo la propria esperienza. Anche perché torniamo sempre al punto: si può anche stravolgere la formula ma se poi mancano i tecnici adeguati negli anni successivi, finisce che poi la Velocità pura non la curi quasi nessuno, con le soddisfazioni che quindi rischiano di arrivare magari da quei ragazzi più dotati di altri che tirano fuori qualcosa soprattutto grazie al proprio talento piuttosto che anche grazie alla preparazione in strutture e sotto la guida di tecnici adeguati.
Parliamo di ragazzi ancora lontani dalla fase di specializzazione, tant'è che una grossa critica è stata al fatto di dover scegliere se fare endurance o sprint ( una nostra allieva ha fatto velocità a squadre, sprint ed americana, un altra velocità a squadre, sprint e inseguimento a squadre),pertanto ritengo utile iniziare a fare esperienza anche in specialità che solitamente sono precluse agli esordienti, tieni conto che la prima bozza della riforma preparata da Fiorin doveva contenere anche la madison esordienti M/F che è stata poi tolta.

P.S. non parliamo di sforzi eccessivi che quelli li fanno gli staff a tenerli a bada :mrgreen: a 15 o 16 anni senza genitori al seguito e con gli ormoni che frullano :evil: :evil:



Avatar utente
Abruzzese
Messaggi: 5450
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:24

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da Abruzzese » domenica 4 agosto 2019, 19:31

Intanto in Francia sta facendo discutere (da quel che ho capito) la decisione della federazione transalpina di rinunciare alla Velocità a squadre femminile in chiave olimpica, con il paese ancora in piena corsa per una qualificazione a Tokyo. Una decisione che ha suscitato non poco malumore, tanto che sia Laurie Berthon che Sandie Clair avrebbero già annunciato il ritiro dalle competizioni:

https://www.lequipe.fr/Cyclisme-sur-pis ... yo/1044920


"L'importante non è quello che trovi alla fine di una corsa. L'importante è ciò che provi mentre corri" (Giorgio Faletti in "Notte prima degli esami")

"qui c'è gente che è totalmente avulsa dalla realtà e nociva al forum"

Avatar utente
Abruzzese
Messaggi: 5450
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:24

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da Abruzzese » sabato 10 agosto 2019, 18:49

Nei giorni scorsi si sono disputati i Giochi Panamericani su pista e tra le donne si è rivista una vecchia conoscenza: la cubana Lisandra Guerra, che nelle stagioni passate era stata specialista dei 500 metri (in cui fu campionessa del mondo nel 2008 nella massima categoria e nel 2005 da juniores, categoria in cui fu anche iridata della Velocità). Tre anni fa sembrava aver chiuso con l'attività agonistica, anche per il fatto di aver dato alla luce un bambino. Convinta a riprendere, è tornata in gara in questa occasione ed è riuscita ad ottenere l'argento nel Keirin, vinto dalla giovane colombiana Martha Bayona. Qui un breve articolo che riassume le vicende, in cui la Guerra sostiene che una qualificazione olimpica per Tokyo sia comunque difficilissima da ottenere:

https://www.prensa-latina.cu/index.php? ... o-de-pista


"L'importante non è quello che trovi alla fine di una corsa. L'importante è ciò che provi mentre corri" (Giorgio Faletti in "Notte prima degli esami")

"qui c'è gente che è totalmente avulsa dalla realtà e nociva al forum"

Basso
Messaggi: 14841
Iscritto il: sabato 21 maggio 2011, 18:03
Località: Vicenza

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da Basso » mercoledì 14 agosto 2019, 11:41

Iniziati oggi a Francoforte sull'Oder i Mondiali juniores. Il comitato organizzatore e una tv locale coprono con dirette integrali l'evento - sì, integrali, come non avviene invece per i Mondiali élite - con telecamere fisse, sempre meglio di niente. In guida tv i link per vedere le cinque giornate http://www.cicloweb.it/ciclismo-in-tv/


11 Vuelta 7-Prato
12 Appennino-Japan
13 Giro 9-CN ITA-Vuelta 20-Sabatini
14 Vasco-Dauphiné-Tour 3-Tour 21-Pologne-Tre Valli
15 Laigueglia-Escaut-Giro 2-Giro 18-Giro GC-Tour 13-Fourmies
16 Nice-Vuelta 12
17 Frankfurt-Tour 11-Vuelta 16-Chrono
18 Bianche-DePanne-Romandie-Köln-Piemonte-Chrono
19 Nice-Turkey-Portugal-Vuelta 10

Avatar utente
Abruzzese
Messaggi: 5450
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:24

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da Abruzzese » venerdì 16 agosto 2019, 16:44

Come già segnalato da Alberto, sono iniziati i mondiali su pista juniores. In questi giorni, essendo anche via da casa, non ho potuto leggere granché ma volevo far risaltare, oltre al nuovo e combattutissimo titolo mondiale conquistato dalle nostre ragazze nell'Inseguimento a squadre, la storica vittoria dell'India nella Velocità a squadre maschile. Già primi nelle qualifiche, i ragazzi indiani hanno poi sconfitto la Cina nel turno successivo e in finale hanno i piegato i ben più blasonati australiani col tempo di 44"625 contro il 44"681 degli aussie.

Faccio notare come alla partenza della prova si sia schierata, per la prima volta in assoluto, anche la Nigeria (che ha preso il via anche nella gara della Velocità a squadre femminile,terminando ultima in entrambi i casi) mentre l'Italia continua ad essere assente. Ho più volte detto cosa sarebbe necessario fare per ricostruire a dovere il movimento ma se pensiamo a quali risultati siano state in grado di raggiungere certe nazioni tutto ciò per noi è semplicemente vergognoso.


"L'importante non è quello che trovi alla fine di una corsa. L'importante è ciò che provi mentre corri" (Giorgio Faletti in "Notte prima degli esami")

"qui c'è gente che è totalmente avulsa dalla realtà e nociva al forum"

Avatar utente
Abruzzese
Messaggi: 5450
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:24

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da Abruzzese » domenica 18 agosto 2019, 18:50

Nella giornata conclusiva dei campionati mondiali juniores su pista è arrivata un'altra bellissima e significativa medaglia per l'Italia: Matteo Bianchi infatti è riuscito a conquistare il bronzo nel Chilometro anche nella rassegna iridata, dopo esserci riuscito agli Europei e questa performance è stata tanto più significativa, quanto per l'essere riuscito a far meglio del campione europeo nonché dominatore delle prove veloci, ovvero il greco Konstantinos Livanos, campione mondiale sia della Velocità che del Keirin.

Ai miei occhi una cosa appare lampante: nell'ultimo anno abbiamo compreso che, se si riesce a lavorare in un certo modo, nel Chilometro si può portare dei ragazzi a livelli veramente ottimi. Francesco Lamon, con una base da inseguitore, è già riuscito a diventare un validissimo interprete della specialità. Con Bianchi si può fare addirittura meglio, in quanto il lavoro è partito già dalla categoria juniores e quindi nei prossimi anni si potrebbe portarlo davvero a competere per la medaglia più prestigiosa (anche se non sarà facile perché la concorrenza è sempre agguerritissima).

Io però torno a ripeterlo: è assolutamente urgente e necessario rifondare un vero e proprio settore della Velocità, con un cospicuo gruppo di ragazzi e con un tecnico specializzato a seguirli. Abbiamo già perso troppi talenti per strada e non è più il caso di lasciarne altri perdersi. Altrimenti quelli come Bianchi (e come Miriam Vece tra le ragazze) resteranno sempre le mosche bianche in un panorama assolutamente desolante.
,
Detto questo, visto che avevo citato il greco Livanos, trovo assolutamente significativo che la finale della Velocità individuale si sia disputata tra lui e il talentuoso indiano Esow Esow (che, se non sbaglio, mi pare di aver citato già diversi mesi fa, con un articolo che parlava di lui), conclusasi tra l'altro alla bella in cui ha prevalso il greco. Cominciano e continuano ad emergere movimenti nuovi o con tradizione già discretamente attiva ed è anche per questo che l'Italia non può permettersi di rimanere nel suo stagnante immobilismo.


"L'importante non è quello che trovi alla fine di una corsa. L'importante è ciò che provi mentre corri" (Giorgio Faletti in "Notte prima degli esami")

"qui c'è gente che è totalmente avulsa dalla realtà e nociva al forum"

marc
Messaggi: 2032
Iscritto il: lunedì 1 agosto 2011, 23:39

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da marc » martedì 20 agosto 2019, 17:31

Havik ha vinto a Zottegem :clap:


perché per me il ciclismo non è ancora una passione onanistica, ma è un pezzo di cultura popolare e familiare.

Avatar utente
Seb
Messaggi: 5426
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:07
Località: Genova
Contatta:

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da Seb » martedì 20 agosto 2019, 18:11

marc ha scritto:
martedì 20 agosto 2019, 17:31
Havik ha vinto a Zottegem :clap:
Sbagliato thread o ti confondi con Yoeri?



marc
Messaggi: 2032
Iscritto il: lunedì 1 agosto 2011, 23:39

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da marc » martedì 20 agosto 2019, 19:17

Seb ha scritto:
martedì 20 agosto 2019, 18:11
marc ha scritto:
martedì 20 agosto 2019, 17:31
Havik ha vinto a Zottegem :clap:
Sbagliato thread o ti confondi con Yoeri?
O santissimi numi allora mi sono confuso. Non sapevo esistessero due Havik

Me tapino

:hammer:


perché per me il ciclismo non è ancora una passione onanistica, ma è un pezzo di cultura popolare e familiare.

Avatar utente
Abruzzese
Messaggi: 5450
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:24

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da Abruzzese » mercoledì 21 agosto 2019, 16:36

Abruzzese ha scritto:
lunedì 19 agosto 2019, 17:53
Quanto a Zampieri, lui ha cominciato con la BMX e nel fuoristrada ha provato un po' di tutto: Downhill, Four Cross ed ha disputato anche qualche gara di Eliminator. Da quel che leggevo ha gareggiato anche in una categoria del motociclismo mentre su pista il suo momento più elevato è stato con la vittoria del titolo italiano del Keirin due anni fa (ero presente ad Ascoli Piceno), dopo due titoli nella Velocità a squadre.
Visto che ne parlavamo nell'altro thread, appare doveroso riportare qui questo messaggio oggi che Dario Zampieri è divenuto il primatista italiano sui 200 metri lanciati:

http://www.cicloweb.it/2019/08/21/dario ... -lanciati/

Ora, al netto dell'altitudine, dato che la pista di Aguascalientes è ben nota da questo punto di vista, ci si chiede: se un ultraquarantenne riesce a scendere sotto i 10 secondi, che cosa potrebbero fare dei giovani opportunamente allenati e adeguatamente diretti da tecnici di settore?

Siamo sempre lì: i segnali arrivano ma fino a quando la federazione non si deciderà ad agire concretamente, questi resteranno solo exploit estemporanei.

P.S.: dimenticavo un'altra cosa: oltre ad essersi cimentato in innumerevoli sport, Dario Zampieri si è anche laureato col massimo dei voti all'Accademia delle Belle arti e svolge il mestiere di tatuatore.


"L'importante non è quello che trovi alla fine di una corsa. L'importante è ciò che provi mentre corri" (Giorgio Faletti in "Notte prima degli esami")

"qui c'è gente che è totalmente avulsa dalla realtà e nociva al forum"

marc
Messaggi: 2032
Iscritto il: lunedì 1 agosto 2011, 23:39

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da marc » lunedì 2 settembre 2019, 23:16

Campionati italiani a Fiorenzuola sabato e domenica. Bene, buona notizia. Mi chiedo però ingenuamente alcune cose.

L'annuncio è del 30 agosto? Davvero agli atleti è stato dato un preavviso così ridicolo oppure la Federazione aveva già fissato le date per tempo?

Poi perché limitare i campionati italiani a sole 4 discipline? (Velocità, keirin, americana, omnium). E tutte le altre?

In Italia sono attivi diversi velodromi scoperti, fate i campionati itineranti, in diversi momenti ma con tutte le discipline. O è stato fatto e me lo sono perso?

L'Italia è tornata a svettare a livello mondiale (settore velocità a parte) e la Federazione non riesce a fare di meglio con i campionati italiani??


perché per me il ciclismo non è ancora una passione onanistica, ma è un pezzo di cultura popolare e familiare.

Avatar utente
cauz.
Messaggi: 12234
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 12:53
Località: milano
Contatta:

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da cauz. » martedì 3 settembre 2019, 0:23

marc ha scritto:
lunedì 2 settembre 2019, 23:16
Campionati italiani a Fiorenzuola sabato e domenica. Bene, buona notizia. Mi chiedo però ingenuamente alcune cose.

L'annuncio è del 30 agosto? Davvero agli atleti è stato dato un preavviso così ridicolo oppure la Federazione aveva già fissato le date per tempo?

Poi perché limitare i campionati italiani a sole 4 discipline? (Velocità, keirin, americana, omnium). E tutte le altre?

In Italia sono attivi diversi velodromi scoperti, fate i campionati itineranti, in diversi momenti ma con tutte le discipline. O è stato fatto e me lo sono perso?

L'Italia è tornata a svettare a livello mondiale (settore velocità a parte) e la Federazione non riesce a fare di meglio con i campionati italiani??
nessuno riesce ad organizzarli, spesso anche per una questione di costi vivi che - in un contesto del genere - vanno facilmente in perdita.
non so come sia andata questa edizione, ma non mi stupirei se le date fossero già abbozzate ma mancassero le ultime garanzie per l'annuncio ufficiale.


"Il male trionfa sempre, perche' il bene e' stupido" [Lord Casco]
@cauz_ | bidonmagazine.org | confindustrial.noblogs.org

Avatar utente
Abruzzese
Messaggi: 5450
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:24

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da Abruzzese » martedì 3 settembre 2019, 1:17

Alla fine a me la cosa non stupisce. Gli scorsi anni si sono visti campionati italiani su pista organizzati durante le vacanze di Natale, altri annunciati all'ultimo momento (per qualcuno almeno questo può essere un ulteriore test in vista dei campionati europei) come in questo caso. Senza dimenticare il solito caos dei velodromi e via dicendo.

Certo però che quello dell'organizzazione sta diventando un problema, che coinvolge anche la strada in qualche caso: nelle scorse settimane restava da assegnare solamente il titolo italiano a cronometro Donne Elite e nessuno si era ancora accollato l'onore. Poi si sono mossi in Veneto e alla fine si è giunti alla data del 12 ottobre, praticamente proprio alla fine della stagione su strada.

Per le altre discipline non prese in considerazione nella rassegna di Fiorenzuola evidentemente dovrà muoversi qualche altra società e qualche altro velodromo per non lasciare i titoli vacanti.


"L'importante non è quello che trovi alla fine di una corsa. L'importante è ciò che provi mentre corri" (Giorgio Faletti in "Notte prima degli esami")

"qui c'è gente che è totalmente avulsa dalla realtà e nociva al forum"


Rispondi