Ciclocross 2015-2016

Donne, Under, Juniores, ma anche Pista, Cross, MTB, BMX, Ciclismo Indoor
marc
Messaggi: 1905
Iscritto il: lunedì 1 agosto 2011, 23:39

Re: Ciclocross 2015-2016

Messaggio da leggere da marc » sabato 23 gennaio 2016, 16:49

Meeusen ha vinto a Rucphen in Olanda (C2) su Aernouts, Simunek, Joeri Adams, Taramarcaz, D. Vanthourenhout, Godrie

Contento per Franzoi che torna in Cdm augurandomi di vederlo anche a Zolder, dove gli organizzatori si aspettano 70mila spettatori
http://fr.uci.ch/cyclo-cross/news/artic ... ectateurs/

Due cose bruttine: i Braidot che hanno snobbato la stagione crossistica dopo il miracoloso Mondiale di Luca e il campione svizzero Forster che dopo il titolo mi pare sia completamente sparito.


perché per me il ciclismo non è ancora una passione onanistica, ma è un pezzo di cultura popolare e familiare.


Avatar utente
simociclo
Messaggi: 4080
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 17:12

Re: Ciclocross 2015-2016

Messaggio da leggere da simociclo » sabato 23 gennaio 2016, 19:40

marc ha scritto:Meeusen ha vinto a Rucphen in Olanda (C2) su Aernouts, Simunek, Joeri Adams, Taramarcaz, D. Vanthourenhout, Godrie

Contento per Franzoi che torna in Cdm augurandomi di vederlo anche a Zolder, dove gli organizzatori si aspettano 70mila spettatori
http://fr.uci.ch/cyclo-cross/news/artic ... ectateurs/

Due cose bruttine: i Braidot che hanno snobbato la stagione crossistica dopo il miracoloso Mondiale di Luca e il campione svizzero Forster che dopo il titolo mi pare sia completamente sparito.
ma che tu sappia i Braidot hanno snobbato il ciclocross perchè puntano ad una convocazione a Rio in Mountan bike?


"la mente è come il paracadute, funziona solo se si apre" A. Einstein

held
Messaggi: 1187
Iscritto il: lunedì 13 dicembre 2010, 18:07
Località: Sardegna

Re: Ciclocross 2015-2016

Messaggio da leggere da held » sabato 23 gennaio 2016, 20:40

Io credo che il motivo sia quello. Se posso fare poi una considerazione, in Italia c'è un certo snobismo verso il ciclocross. Ad esempio leggevo proprio su una nota rivista di mtb che i Braidot durante l'inverno praticano ciclocross senza forzare proprio per arrivare in forma alla stagione delle gare di mtb. Fontana invece ha "giustamente" ritenuto saltare le gare di ciclocross per non pregiudicare la sua preparazione ottimale. Quel che voglio dire è il nostro sport viene descritto come un semplice allenamento per altri fini non come una pratica degna di impegno e dedizione. Magari è solo una mia impressione ma questo è quello che spesso percepisco.



Avatar utente
Seb
Messaggi: 4484
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:07
Località: Genova
Contatta:

Re: Ciclocross 2015-2016

Messaggio da leggere da Seb » sabato 23 gennaio 2016, 21:12

Beh è normale, sono atleti che vengono pagati per avere il massimo rendimento nella MTB e ci sta quindi che evitino di prendere troppi rischi nel ciclocross e che lo usino solo come forma di cross-training



marc
Messaggi: 1905
Iscritto il: lunedì 1 agosto 2011, 23:39

Re: Ciclocross 2015-2016

Messaggio da leggere da marc » domenica 24 gennaio 2016, 10:55

held ha scritto:Io credo che il motivo sia quello. Se posso fare poi una considerazione, in Italia c'è un certo snobismo verso il ciclocross. Ad esempio leggevo proprio su una nota rivista di mtb che i Braidot durante l'inverno praticano ciclocross senza forzare proprio per arrivare in forma alla stagione delle gare di mtb. Fontana invece ha "giustamente" ritenuto saltare le gare di ciclocross per non pregiudicare la sua preparazione ottimale. Quel che voglio dire è il nostro sport viene descritto come un semplice allenamento per altri fini non come una pratica degna di impegno e dedizione. Magari è solo una mia impressione ma questo è quello che spesso percepisco.
condivido quello che dici Held. E' verissimo anche quello che dici tu Seb, certo che però fa tristezza. L'abbiamo già detto tante volte, è un discorso che vale per Fontana ma ancora di più per i Braidot: i gemelli mi pare siano molto lontani dall'essere competitivi in MTB. Magari cresceranno, glielo auguro.


perché per me il ciclismo non è ancora una passione onanistica, ma è un pezzo di cultura popolare e familiare.


Avatar utente
cauz.
Messaggi: 11529
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 12:53
Località: milano
Contatta:

Re: Ciclocross 2015-2016

Messaggio da leggere da cauz. » domenica 24 gennaio 2016, 13:47

qui ci lamentiamo spesso -e giustamente- dei terribili zig-zag fettucciati che vediamo in sin troppe gare...
be', ieri a ruchpen sono riusciti a fare ben di peggio...
https://www.youtube.com/watch?v=-yDssvGxcrA


PS- a giudicare da quanto si sta vedendo dalla corsa femminile, su un percorso duro, con una scalinata da 45 gradini, e finalmente fangoso... non perdetevi hoogerheide oggi. :gnam:


"Il male trionfa sempre, perche' il bene e' stupido" [Lord Casco]
@cauz_ | bidonmagazine.org | hoilciclo.worpdress.com | confindustrial.noblogs.org
"il Centogiro - 99 storie (più una) dal Giro d'Italia" è in libreria!

Avatar utente
Seb
Messaggi: 4484
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:07
Località: Genova
Contatta:

Re: Ciclocross 2015-2016

Messaggio da leggere da Seb » domenica 24 gennaio 2016, 15:10

cauz. ha scritto:qui ci lamentiamo spesso -e giustamente- dei terribili zig-zag fettucciati che vediamo in sin troppe gare...
be', ieri a ruchpen sono riusciti a fare ben di peggio...
https://www.youtube.com/watch?v=-yDssvGxcrA
Che trip, sarebbe da farci una gif e farla girare su facebook :D



Avatar utente
TIC
Messaggi: 7095
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:20

Re: Ciclocross 2015-2016

Messaggio da leggere da TIC » domenica 24 gennaio 2016, 15:21

Per il bene del Cyclocross spero che presto VDP passi alla strada.


Henry Kissinger : (Ad un summit presso il Ministero degli Esteri alla fine dell'intervento di Aldo Moro) Chi parla in questo modo non può che essere un imbroglione e non può che rappresentare un popolo di imbroglioni.

Avatar utente
cauz.
Messaggi: 11529
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 12:53
Località: milano
Contatta:

Re: Ciclocross 2015-2016

Messaggio da leggere da cauz. » domenica 24 gennaio 2016, 15:35

Seb ha scritto:
cauz. ha scritto:qui ci lamentiamo spesso -e giustamente- dei terribili zig-zag fettucciati che vediamo in sin troppe gare...
be', ieri a ruchpen sono riusciti a fare ben di peggio...
https://www.youtube.com/watch?v=-yDssvGxcrA
Che trip, sarebbe da farci una gif e farla girare su facebook :D
ottima idea. ecco fatta. :)
Immagine


"Il male trionfa sempre, perche' il bene e' stupido" [Lord Casco]
@cauz_ | bidonmagazine.org | hoilciclo.worpdress.com | confindustrial.noblogs.org
"il Centogiro - 99 storie (più una) dal Giro d'Italia" è in libreria!

Avatar utente
TIC
Messaggi: 7095
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:20

Re: Ciclocross 2015-2016

Messaggio da leggere da TIC » domenica 24 gennaio 2016, 15:46

1. giro VDP da 8 secondi al secondo
2. 16
3. 25
4. 33

regolarissimo


Henry Kissinger : (Ad un summit presso il Ministero degli Esteri alla fine dell'intervento di Aldo Moro) Chi parla in questo modo non può che essere un imbroglione e non può che rappresentare un popolo di imbroglioni.

held
Messaggi: 1187
Iscritto il: lunedì 13 dicembre 2010, 18:07
Località: Sardegna

Re: Ciclocross 2015-2016

Messaggio da leggere da held » domenica 24 gennaio 2016, 18:28

marc ha scritto:
held ha scritto:Io credo che il motivo sia quello. Se posso fare poi una considerazione, in Italia c'è un certo snobismo verso il ciclocross. Ad esempio leggevo proprio su una nota rivista di mtb che i Braidot durante l'inverno praticano ciclocross senza forzare proprio per arrivare in forma alla stagione delle gare di mtb. Fontana invece ha "giustamente" ritenuto saltare le gare di ciclocross per non pregiudicare la sua preparazione ottimale. Quel che voglio dire è il nostro sport viene descritto come un semplice allenamento per altri fini non come una pratica degna di impegno e dedizione. Magari è solo una mia impressione ma questo è quello che spesso percepisco.
condivido quello che dici Held. E' verissimo anche quello che dici tu Seb, certo che però fa tristezza. L'abbiamo già detto tante volte, è un discorso che vale per Fontana ma ancora di più per i Braidot: i gemelli mi pare siano molto lontani dall'essere competitivi in MTB. Magari cresceranno, glielo auguro.
Sì proprio tristezza, quello che dice seb è vero e questo mostra quale è lo stato del ciclocross in Italia. In sostanza al nord o almeno oltre le Alpi ci sono dei professionisti del cross mentre i nostri sono dei biker in allenamento! Se ci fosse un maggior interesse i nostri sarebbero sicuramente più competitivi.



Avatar utente
bove
Messaggi: 1763
Iscritto il: sabato 7 settembre 2013, 23:29

Re: Ciclocross 2015-2016

Messaggio da leggere da bove » domenica 24 gennaio 2016, 20:29

Dopo il zig zag cross ora il nuovo girotondo trip cross. Ormai vale tutto

Oggi in effetti gara noiosa. Mvdp oggi ha ammazzato la corsa. Spero, come spesso accade, che molti abbiano corso con il freno a mano tirato in vista del mondiale
Chiaramente i giochi per la coppa erano praticamente fatti, quindi la cosa potrebbe starci. Non ho notizie dei nostri, anche se ho visto che sono fuori dai 30 sicuramente. Purtroppo temo che passeranno ancora diversi anni prima di rivedere un italiano nella top ten pro. Spero in una crescita esponenziale di Bertolini e tra qualche anno di Dorigoni ( sempre che non venga scippato dalla strada ) ma di altro vedo un po pochino. Buonissimi atleti ma per competere con sti mostri temo non basti. Oggi anche Eva sottotono. Incrociamo le dita.


Gianluca Avigo
Presidente AFCCPI (Associazione FantaCicloCrossisti Perditempo Italiani)

Admin
Messaggi: 12619
Iscritto il: domenica 21 giugno 2009, 22:48

Re: Ciclocross 2015-2016

Messaggio da leggere da Admin » lunedì 25 gennaio 2016, 20:19



Pantani è una leggenda come Coppi e Bartali

marc
Messaggi: 1905
Iscritto il: lunedì 1 agosto 2011, 23:39

Re: Ciclocross 2015-2016

Messaggio da leggere da marc » lunedì 25 gennaio 2016, 20:24

Admin ha scritto:Niente Franzoi a Zolder: http://www.cicloweb.it/news/2016/01/25/ ... -bertolini
Non so che dire. Franzoi ci sarebbe stato, anche dal punto di vista simbolico un Mondiale senza nemmeno un italiano è deprimente.
Chiedo a chi ne sa di più se è mai successa una cosa del genere.


perché per me il ciclismo non è ancora una passione onanistica, ma è un pezzo di cultura popolare e familiare.

Admin
Messaggi: 12619
Iscritto il: domenica 21 giugno 2009, 22:48

Re: Ciclocross 2015-2016

Messaggio da leggere da Admin » lunedì 25 gennaio 2016, 20:32

marc ha scritto:
Admin ha scritto:Niente Franzoi a Zolder: http://www.cicloweb.it/news/2016/01/25/ ... -bertolini
Non so che dire. Franzoi ci sarebbe stato, anche dal punto di vista simbolico un Mondiale senza nemmeno un italiano è deprimente.
Chiedo a chi ne sa di più se è mai successa una cosa del genere.
Ci vorrebbe Morris per rispondere su due piedi alla tua domanda. Sul punto, concordo con te: Franzoi avrebbe certamente meritato la convocazione, tantopiù se Scotti - come ha dichiarato - pensa che su un percorso poco fangoso (come fu nella prova di CDM un mese fa) i nostri possano essere più competitivi del solito.


Pantani è una leggenda come Coppi e Bartali

Avatar utente
simociclo
Messaggi: 4080
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 17:12

Re: Ciclocross 2015-2016

Messaggio da leggere da simociclo » lunedì 25 gennaio 2016, 21:14

marc ha scritto:
Admin ha scritto:Niente Franzoi a Zolder: http://www.cicloweb.it/news/2016/01/25/ ... -bertolini
Non so che dire. Franzoi ci sarebbe stato, anche dal punto di vista simbolico un Mondiale senza nemmeno un italiano è deprimente.
Chiedo a chi ne sa di più se è mai successa una cosa del genere.
veramente triste, per l' Italia e per il ciclocross, che è una disciplica che già vede poche nazioni competere, se poi alcune non si presentano.....

Se tutti facessero il ragionamento di scotti, partecipano Belgio, Olanda, Francia, Svizzera e, quando c'è Stybar, la Rep. Ceca


"la mente è come il paracadute, funziona solo se si apre" A. Einstein

mtb?NOgrazie
Messaggi: 81
Iscritto il: lunedì 25 gennaio 2016, 21:21

Re: Ciclocross 2015-2016

Messaggio da leggere da mtb?NOgrazie » lunedì 25 gennaio 2016, 21:40

ciao amici,mi sono appena iscritto a questo forum per sfogare la mia amarezza tra gente che ama questa disciplina e che immagino mi capisca.
la mancata partecipazione azzurra nella gara regina non riesco a sopportarla, e la ritengo un ingiustizia e un insulto a questa disciplina e a questo sport da parte della federazione.
sappiamo bene che non abbiamo atleti al momnto in grado di lottare per le prime 20 posizioni,ma non e'questo il punto. non possiamo non andare a un mondiale. che figura da pezzenti ci facciamo?? ci andranno i giapponesi, i nezelandesi ecc ecc...che vivono dall'atra parte del pianeta e noi...che nemmeno dobbiamo andarci in aereo volendo, non ci andiamo neanche con uno o 2 elite???
siamo messi davvero male
intanto Franzoi, che tanto ha dato a questa diciplina anche in maglia azzurra ,ieri in CDM e'stato davanti a gente come Chainel,Venturini (forse rallentato da problemi) e molti altri che domenica a Zolder ci saranno, e se non ci fosse stato Bertolini sarebbe lui il detentore ella maglia triolore elite. io l'avrei portato senza nemmeno pensarci 2 volte, e assieme a lui, un altro da premiare e invogliare magari a impegnarsi di piu per la prossima stagione, magari Cominelli.
speriamo di avere qualche soddisfazione dalle gare ''meno importanti''o dalle donne, comunque c'e' da rimboccarsi le maniche e fare qualcosa per restituire al cross nostrano lo spazio che merita e che TUTTI i non commerciali vorrebbero che avesse.
Ultima modifica di mtb?NOgrazie il lunedì 25 gennaio 2016, 21:45, modificato 1 volta in totale.



Avatar utente
bove
Messaggi: 1763
Iscritto il: sabato 7 settembre 2013, 23:29

Re: Ciclocross 2015-2016

Messaggio da leggere da bove » lunedì 25 gennaio 2016, 21:43

Negli ultimi tempi ho sempre usato il condizionale per l'eventuale convocazione di Franzoi, proprio perché nutrivo parecchi dubbi.
Parliamoci chiaro lo sappiamo tutti che insieme a Fontana e Braidot, sono gli unici sufficientemente competitivi, quindi in discussione non ci sono i valori sportivi. Quello che a me è sembrato abbastanza chiaro nelle ultime stagioni, tra il CT ed il Veneto non ci sia questa grande simpatia.
Certo è che non avere nemmeno un azzurro al via di un mondiale, è di un deprimente che più deprimente non si può. Ovviamente scotti ha concentrato tutte le sue forze sulla categoria donne ( che non lo si può negare tra Eva, Alice ed nelle ultime gare anche una strepitosa Teocchi ) sono senza dubbio nei piani alti del cross mondiale. Qualche perplessità invece la ho su Bertolini, che alterna ottime prestazioni a prove incolore. Vedo molto bene Dorigoni, e spero tanto rimanga nel cross anche nei prossimi anni.
Comunque non sono così rimbambito da sperare in una medaglia ma una gara dignitosa sicuramente era alla portata. Poi magari la verità è molto più banale e veniale. Con questi chiari di luna non è da escludere.


Gianluca Avigo
Presidente AFCCPI (Associazione FantaCicloCrossisti Perditempo Italiani)

mtb?NOgrazie
Messaggi: 81
Iscritto il: lunedì 25 gennaio 2016, 21:21

Re: Ciclocross 2015-2016

Messaggio da leggere da mtb?NOgrazie » lunedì 25 gennaio 2016, 21:53

Scotti ha concentrato tutte le sue forze sulla categoria donne...e sugli Juniores (ben 5 al via) , sapra'meglio di me sicuramente come stanno le cose ,ma non e'bello non portare nessuno al mondiale quello vero,quello che dura 1 ora e piu'.
e del fatto che Fontana 10 mesi prima delle Olimpiadi si stia gia preparando per quell'evento....mmmmmm.....a chi la diamo a bere? il problema credo che sia solo economico e di condizionamenti da parte dei dirigenti....e delle case costruttrici che decidono le sorti delle varie discipline fuoristradistiche in base alle vendite delle loro bici



Avatar utente
cauz.
Messaggi: 11529
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 12:53
Località: milano
Contatta:

Re: Ciclocross 2015-2016

Messaggio da leggere da cauz. » lunedì 25 gennaio 2016, 22:24

marc ha scritto:
Admin ha scritto:Niente Franzoi a Zolder: http://www.cicloweb.it/news/2016/01/25/ ... -bertolini
Non so che dire. Franzoi ci sarebbe stato, anche dal punto di vista simbolico un Mondiale senza nemmeno un italiano è deprimente.
Chiedo a chi ne sa di più se è mai successa una cosa del genere.
non so se sia mai successo in precedenza, ma lo trovo comunque molto avvilente.
una scelta che fa il paio con quella di bettini ai mondiali di melbourne (credo, ma potrei sbagliarmi) quando non schierò alcun italiano nella cronometro iridata.
sono cose che fanno venire grossi dubbi su quali siano i criteri con cui vengono scelti i selezionatori per le nazionali in italia, diciamo così :)


ps- ne approfitto per dare il benvenuto a "MTB?Nograzie", è sempre un piacere leggere firme nuove in questa sezione. certo, mi tolgo subito il sassolino dalla scarpa e ti dico che trovo il tuo nickname abbastanza di cattivo gusto. sono tutto fuorchè un amante della MTB, ma se c'è una cosa che mi fa imbestialire è la capacità che abbiamo di dividerci anche all'interno dello stesso ciclismo. una totale mancanza di collaborazione che alla lunga non può che essere una sconfitta per tutti.
l'ho detto, poi mi taccio, e anzi rinnovo il benvenuto. :)


"Il male trionfa sempre, perche' il bene e' stupido" [Lord Casco]
@cauz_ | bidonmagazine.org | hoilciclo.worpdress.com | confindustrial.noblogs.org
"il Centogiro - 99 storie (più una) dal Giro d'Italia" è in libreria!

mtb?NOgrazie
Messaggi: 81
Iscritto il: lunedì 25 gennaio 2016, 21:21

Re: Ciclocross 2015-2016

Messaggio da leggere da mtb?NOgrazie » lunedì 25 gennaio 2016, 23:56

Ciao Cauz e grazie x il benvenuto
il mio nick e'motivato da 2 fattori, AMO il cross che e'la specialita'regina del fuoristrada e non sopporto il fatto che debba essere per colpa della mtb e dell'ignoranza della gente che non vede dai concessionari o alla decathlon le bici da cross...la mia specialita'preferita sia costretta a perdere un sacco di posibili adepti

il secondo e'una questione estetica,la bici da ciclocross e' la vera bici da competizione al pari di quella da ''corsa'' da strada
la mtb si sta allargando troppo e rischia di mangiarsi anche il periodo invernale,patria del cross. dovrebbe essere diverso, 6 mesi mtb e 6 cross.

non me ne volere ma io la penso cosi...

alla belga!



mtb?NOgrazie
Messaggi: 81
Iscritto il: lunedì 25 gennaio 2016, 21:21

Re: Ciclocross 2015-2016

Messaggio da leggere da mtb?NOgrazie » lunedì 25 gennaio 2016, 23:57

per non parlare dei media, che snobbano il cross in maniera scandalosa.

ma le cose cambieranno...vedrete



holland
Messaggi: 350
Iscritto il: sabato 11 gennaio 2014, 16:01

Re: Ciclocross 2015-2016

Messaggio da leggere da holland » martedì 26 gennaio 2016, 0:28

mtb?NOgrazie ha scritto:Ciao Cauz e grazie x il benvenuto
il mio nick e'motivato da 2 fattori, AMO il cross che e'la specialita'regina del fuoristrada e non sopporto il fatto che debba essere per colpa della mtb e dell'ignoranza della gente che non vede dai concessionari o alla decathlon le bici da cross...la mia specialita'preferita sia costretta a perdere un sacco di posibili adepti

il secondo e'una questione estetica,la bici da ciclocross e' la vera bici da competizione al pari di quella da ''corsa'' da strada
la mtb si sta allargando troppo e rischia di mangiarsi anche il periodo invernale,patria del cross. dovrebbe essere diverso, 6 mesi mtb e 6 cross.

non me ne volere ma io la penso cosi...

alla belga!
Non per scatenare inutili flame ma da praticante molto amatoriale, e tifoso di entrambe le specialità mi trovo in disaccordo con le tue considerazioni . Secondo me ciclocross e mtb (sarebbe meglio dire cross-country in questo caso) possono coesistere ad alti livelli , certo in questo momento la seconda ha molta più forza, è uno sport veramente globale con grande forza commerciale e quindi economica da parte di sponsor, perciò gli atleti fanno giustamente le loro considerazioni. Fa dispiacere vedere il ciclocross "rinchiuso" nei 3-4 paesi storici che fatica a rendersi attrattivo , non è la mtb la causa dei suoi problemi, anche perchè allora dovremo prendercela con la strada e di tutti i potenziali campioni italiani che la sono passati Es Malacarne , Aru o più recentemente la Beggin che dopo delle ottime stagioni ha praticamente abbandonato il fango appena passata professionista con l'Astana Accadueo. Ripeto più che creare nemici immaginari è il mondo del ciclocross che deve rendersi più attrattivo per atleti e nuovi tifosi.
PS benvenuto sul forum :)



Admin
Messaggi: 12619
Iscritto il: domenica 21 giugno 2009, 22:48

Re: Ciclocross 2015-2016

Messaggio da leggere da Admin » martedì 26 gennaio 2016, 10:04

Copio qui (tanto è tutto pubblico sulla nostra pagina FB) un acceso e interessante dibattito che si è sviluppato appunto sulla nostra pagina FB, e a cui ho contribuito con la mia chiosa.

***

Simone Santucci Andare con l'obiettivo massimo di metterne uno nei primi 30 mi sembra uno spreco di risorse, bene puntare sui giovani. Bertolini e Dorigoni sono da medaglia e hanno un futuro nel ciclocross che conta. A parte la categoria uomini Elite abbiamo possibilità di medaglia o comunque top 5 in tutte le gare (non ho idea di cosa può succedere nella gara femminile junior perché è una categoria fantasma)

Simone Samparisi La categoria Junior W non è riconosciuta dall'uci, di conseguenza non esiste. In oltre se fossero stati realmente selezionati solo i pretendenti ad un piazzamento nella top 10, mi sarei aspettato non più di 7 nomi..

Lorenzo Samparisi Prima o poi tutti diventeranno Elite e se non saranno da top 20 da 1º anno Elite in World cup anche loro a casa al mondiale... È così nessun italiano riuscirà a crescere a livello mondiale.
Spreco di risorse??
Tra gli junior solo 2 dei nomi nella lista mondiale sono entrati nella top 10 in una coppa, di Under solo 2, di donne nelle loro rispettive categorie sono 3; i convocati sono 14... Secondo il tuo ragionamento @simone santucci se la matematica non è un opinione ci sono 7 corridori di troppo!

Simone Santucci C'è stata tutta la Coppa del Mondo per "crescere", dimostrare di essere all'altezza e meritare una convocazione. Domenica a Hoogerheide avete fatto 47 e 51 (lorenzo e nicolas ovviamente). Onestamente non mi sembra così scandaloso che non vi abbia portato. La categoria Elite è quella delle responsabilità e dei risultati, non potete andare in giro per il mondo con i soldi della federazione a fare gare in cui non siete competitivi con la scusa che dovete fare esperienza

Simone Samparisi Cato Simone, io non sto parlando solo dei miei atleti. E ti assicuro che come ti ho dimostrato per andare in giro per il mondo non mi servono i soldi della federazione.
Prima di predicare leggiti le classifiche, i distacchi ed i tempi al giro, quando avrai dato significativo potremo riparlarne.

Simone Samparisi Ah dimenticavo, guarda anche i risultati azzurri neo mondiale Elite dal 2008 ad oggi (trovi anche quelli sul sito UCI)
Quando avrai tutte queste informazioni sono sempre a disposizione per un dibattito.
PS: io non critico la decisione di portare solo chi può fare risultato, ma come al solito sono stati usati due pesi e due misure tra Elite, junior, donne junior(che non esistono) e under

Michele Vianello Faccio notare al caro Simone che secondo questo ragionamento allora alla partenza ci dovrebbero essere al massimo 20/30 atleti invece saranno molti di più, come la mettiamo allora? Aggiungo anche che lo sport non è fatto solo di risultati, una manifestazione come il mondiale è molto di più e da sempre (almeno cosi fanno gli altri) una nazione porta i migliori atleti che ha a disposizione in quel momento indipendentemente dal risultato che possono ottenere.

Simone Santucci Purtroppo i distacchi degli italiani nelle prove di Coppa non sono disponibili visto che sono stati doppiati in quasi tutte le occasioni. Criticare la scelta di non portare atleti non competitivi sostenendo che in passato invece è stato fatto sarà giusto formalmente, ma mi sembra un'argomentazione un po' debole. Quando si critica un commissario tecnico (peraltro un atleta che critica il ct su facebook è la cosa più lontana dal professionismo che mi possa venire in mente) l'unica cosa da fare è portare i risultati (i risultati propri, non quelli degli altri sostenendo solo che manco gli altri sono competitivi quindi non doveva portare neanche loro). I risultati delle gare internazionali indicano che nessun atleta elite italiano merita di essere al mondiale. Se poi i "tempi al giro" contengono dati che ribaltano i risultati finali, non so bene in che modo, fammeli vedere e spiegami

Simone Santucci Quello che si può criticare è l'assenza della nazionale alla prima gara di Coppa della stagione negli Stati Uniti (vado a memoria ma mi pare ci fosse solo la Lechner). Quello sì, ma criticare una mancata convocazione dopo una stagione così non ha senso

Lorenzo Samparisi Simone Santucci dopo quello che hai scritto si capisce la tua culture ciclistica. Comunque sappi solo che un certo julien Taramarcaz ( che tu non saprai manco chi è) da 1º anno Elite ha portato a casa solo dei 40° posto e ora è lì a giocarsi i primi 10. Perché grazie al suo team e alla sua nazione, SVIZZERA, è cresciuto e fatto esperienza... Per la cronaca io da junior ho fatto 7º al mondiale ma da Elite ti assicuro che è un altro pedalare!! Metti pure i tempi dei tuoi prediletti nella gara Elite e guarda dove sono.. Ampiamente lontano dai 20. Saluti, GODITI IL MONDIALE ELITE SENZA MAGLIE AZZURE!!!!!

Simone Samparisi Simone, purtroppo noto quanto sia ostico è complicato sostenere un discorso con chi, evidentemente, non è del settore. I tempi al giro li trovi sulla UCI nella sezione Download.
Ti auguro una buona visione del mondiale, che da quello che si è visto ultimamente è dai tuoi ragionamenti dovrebbe avere al via il solo Van der Poel..

Simone Santucci Quello che scrivi avrebbe senso (un po') se non avessi potuto fare nessuna gara internazionale. Invece Scotti ti ha portato a fare tutte le gare di Coppa del Mondo. Dovresti ricordartelo perché l'ultima è stata due giorni fa. Taramarcaz è cresciuto non grazie alla nazionale ma grazie al suo lavoro e al fatto che evidentemente non stava a piangere su facebook quando i risultati non arrivavano. Tra l'altro sono andato a guardare e, meraviglia delle meraviglie, i primi due anni Taramarcaz non è stato convocato per il Mondiale Elite. Anzi ti dirò di più, a differenza di te, lui non veniva convocato neanche in Coppa del Mondo

Nicolas Samparisi Carissimo si vede la tua ignoranza.... Infatti gli elite che sono andati a fare le prove di coppa del mondo sono andati con i team e non con la nazionale, quindi prima di parlare informati... Comunque se vuoi un consiglio invece di fare il grande con la foto profilo di Cunego usa quella della tua faccia... In modo che tutti possono vedere che persona sei.

Simone Samparisi Simone, non ho tempo da perdere discutendo con chi obiettivamente non conosce l'argomento.
I corridori li ha portati il Team
Comunque sicuramente le mie argomentazioni hanno più fondamento delle tue.
Io sono ben disposto a discutere e obbiettare ma le battaglie contro i mulini a vento le lascio a don Chisciotte.

Simone Santucci Non sapevo che quest'anno la categoria elite non fosse con la nazionale ma ciò non toglie che avete fatto tutte le gare di coppa del mondo quindi non venite a piangere perché non potete fare esperienza e non vi fanno crescere, perché l'esempio che hai inconsapevolmente fatto (perché l'hai cancellato?) dimostra che avete avuto pure più possibilità di quelle che sono sufficienti per emergere

Michele Vianello Quando uscirà la lista dei partenti mi dirai quanti hanno la possibilità di fare il risultato e quanti ne hanno fatti nelle prove precedenti e poi mi spiegherai come mai sono stati comunque convocati dalle nazionali.
Poi mi piacerebbe anche sapere il perché di questo dente avvelenato che sembri avere...

Cicloweb.it Fondamentalmente portare almeno uno dei due Samparisi sarebbe stato un premio per l'impegno che il loro entourage ha profuso nell'arco dell'intera stagione, e uno stimolo a far meglio l'anno prossimo.
Ora, lo sappiamo che i risultati di Lorenzo e Nicolas non sono stati eccezionali, ma in tutte le gare di Coppa (anche dove non era presente la nazionale) avevamo da scrivere una riga con "gli italiani presenti si sono piazzati così e così". Con che spirito i ragazzi si potranno accostare alla prossima stagione crossistica, ben sapendo che i loro sforzi non avranno alla fine alcun riconoscimento?
Va anche detto che portare un atleta in più a Zolder e farlo gareggiare con gli élite avrebbe avuto per la Federazione un costo talmente irrisorio che la scelta opposta puzza di politico, visto che di strategico non ha nulla (parliamo di atleti giovani, non di anziani i cui 40esimi posti non avrebbero aggiunto nulla - e lo scrivo pur conscio che anche Franzoi avrebbe meritato la convocazione), e non ha nulla nemmeno di economico. [Ma.G.]


Pantani è una leggenda come Coppi e Bartali

mtb?NOgrazie
Messaggi: 81
Iscritto il: lunedì 25 gennaio 2016, 21:21

Re: Ciclocross 2015-2016

Messaggio da leggere da mtb?NOgrazie » martedì 26 gennaio 2016, 13:09

il discorso dei Samparisi non fa una piega, anche se va detto che le convocazioni a mio avviso vanno fatte in base al rendimento dell'ultimo mese senza guardare troppo indietro,il fatto che nella gara regina non ci sia al via un azzurro non e'mai accaduto,al contrario anni fa venivano portati al mondiale atleti come Tavella, Alessandro Fontana e altri che faticavano a entrare nei primi 40/50 al mondo,anche economicamente non credo che sia un problema, poi se la federazione ce lo diceva,potevamo fare una colletta per pagare la trasferta di un paio di elite azzurri, forse avanzavamo pure un po di soldi.
la stagione all'estero prosegue ancora 3/4 settimane mentre qui da noi a parte una gara in campania del Trofeo 3 mari e' conclusa, ma pare che dalla prossima il GIC non sara'piu iscritto come gara internazionale, che costa molto di più come tasse e montepremi.
e'allo studio pure una sorta di challenge o di gara unica (nell'ambito di una o più gare con copertura televisiva) dedicato ai professionisti italiani delle squadre PRO/Continental ,anche affiliate all'estero, speriamo vengano trovati i soldi per il montepremi che attirerebbe un po di gente nota nel cross come Malacarne,Trentin ecc..e magari invoglierebbe qualche squadra a tesserare qualche crossista emergente. speriamo bene.
:italia:



Avatar utente
Slegar
Messaggi: 4175
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:49

Re: Ciclocross 2015-2016

Messaggio da leggere da Slegar » martedì 26 gennaio 2016, 13:21

E' scandaloso che una federazione con un bilancio annuale di più di 15 mln. di euro non trovi i pochi fondi (forse € 10.000,00 ??? giusto per stare larghi, quando con € 30.000,00 si coprivano le spese di una stagione intera della nazionale italiana di combinata nordica, medaglia olimpica compresa) necessari per schierare una formazione, pur senza nessuna velleità di risultato, in un mondiale che si disputa appena fuori della porta di casa, non fosse altro per premiare chi si sbatte per tenere in vita una specialità che in Italia è sempre più asfittica. E non mi si venga a dire che si è preferito puntare alla qualità delle presenze, perché questo è un ragionamento da perfetti ipocriti; penso che tutti qui nel forum sperino in un gran risultato di Gioele Berolini ma è inutile nascondersi dietro ad un dito: i migliori U23 sulla piazza correranno il giorno dopo, però in caso di medaglia le fanfare federali batteranno forte sulla grancassa mediatica millantando potenze ciclistiche che esitono solo sulla carta.
Possiamo stare sicuri che se l'UCI mettesse in palio il titolo mondiale per chi gareggia su bici il cui nome contiene un acronimo, Franzoi sarebbe stato il primo nella lista dei convocati.
holland ha scritto:Fa dispiacere vedere il ciclocross "rinchiuso" nei 3-4 paesi storici che fatica a rendersi attrattivo
Qui, a mio avviso, la colpa è tutta dell'UCI. Sven Nys ha sempre sostenuto la necessità di calcolare nei ranking degli stradisti anche le prove di ciclocross (ma anche pista e MTB) per rendere appitibile la disciplina anche ai non specializzati, come è sempre stato fino a qualche anno fa, con il conseguente interessamento dei media.


fair play? No, Grazie!

Admin
Messaggi: 12619
Iscritto il: domenica 21 giugno 2009, 22:48

Re: Ciclocross 2015-2016

Messaggio da leggere da Admin » martedì 26 gennaio 2016, 13:43

Tra l'altro, è incredibilmente bronzeofacciale il modo in cui la cosa viene presentata nel comunicato FCI.

MONDIALI CICLOCROSS - UNA NAZIONALE GIOVANE PER LA RASSEGNA IRIDATA DI ZOLDER

Scelta storica del CT Scotti che convoca giovani azzurri per fare esperienza senza uomini élite. Occhi puntati su Lechner (donna élite) e Bertolini (U23) che hanno preparato in modo mirato il mondiale.

E’ una Nazionale composta da giovani atleti quella che affronterà il Mondiale di Ciclocross a Zolder (Belgio) da sabato 30 a domenica 31 gennaio.
Il CT Fausto Scotti ha convocato, con il coordinamento di Davide Cassani, infatti, solo due atlete donne della categoria élite con numerosi atleti junior (uomini e donne) ed U23. Una scelta storica ma che getta le basi per il futuro dell’attività.

“Quest’anno è l’anno olimpico ed alcuni atleti élite, impegnati solitamente anche nell’attività di ciclocross, hanno come obiettivo Rio2016 con una programmazione mirata e che esclude la partecipazione al mondiale di ciclocross. Inoltre la scelta di non portare nessuna atleta uomo élite è anche nata dalla decisione di allargare l’esperienza ai giovanissimi, in particolare alle donne juniores, che, come per gli atleti uomini élite non convocati, possono raggiungere dei piazzamenti e fare bagaglio di esperienza vista la loro giovane età”.


Pantani è una leggenda come Coppi e Bartali

Admin
Messaggi: 12619
Iscritto il: domenica 21 giugno 2009, 22:48

Re: Ciclocross 2015-2016

Messaggio da leggere da Admin » martedì 26 gennaio 2016, 14:16

Il dibattito su FB prosegue, è intervenuto molto sapidamente pure Franzoi. :D

Enrico Franzoi Da questa discussione ho cominciato a capire, perché non ha portato nessuno


Che bel clima! :)


Pantani è una leggenda come Coppi e Bartali

jianji
Messaggi: 2336
Iscritto il: sabato 11 dicembre 2010, 18:25

Re: Ciclocross 2015-2016

Messaggio da leggere da jianji » martedì 26 gennaio 2016, 14:17

Ma che si sappia il CT non ha parlato con gli esclusi durante la stagione o prima dei Mondiali per mettere in chiaro dei criteri o motivare l'esclusione?



Avatar utente
bove
Messaggi: 1763
Iscritto il: sabato 7 settembre 2013, 23:29

Re: Ciclocross 2015-2016

Messaggio da leggere da bove » martedì 26 gennaio 2016, 14:23

E' evidente per chi appena appena mastica di cross, che la scelta della nazionale giovane è un maschera ( visto che tra poco è carnevale ).
Nulla toglie come ho già detto, che le donne gli under e junior hanno STRA-MERITATO sul campo.
Ma la scelta di non portare 2 ( dico 2 ) elite con un costo prossimo allo zero, è una cosa che non sta in piedi.
Io ho una mia personalissima teoria, che non ha nulla a che vedere con i risultati. Ma me la tengo per me. :hippy:


Gianluca Avigo
Presidente AFCCPI (Associazione FantaCicloCrossisti Perditempo Italiani)

Avatar utente
bove
Messaggi: 1763
Iscritto il: sabato 7 settembre 2013, 23:29

Re: Ciclocross 2015-2016

Messaggio da leggere da bove » martedì 26 gennaio 2016, 14:24

Admin ha scritto:Il dibattito su FB prosegue, è intervenuto molto sapidamente pure Franzoi. :D

Enrico Franzoi Da questa discussione ho cominciato a capire, perché non ha portato nessuno


Che bel clima! :)
esattamente !!!


Gianluca Avigo
Presidente AFCCPI (Associazione FantaCicloCrossisti Perditempo Italiani)

Admin
Messaggi: 12619
Iscritto il: domenica 21 giugno 2009, 22:48

Re: Ciclocross 2015-2016

Messaggio da leggere da Admin » martedì 26 gennaio 2016, 14:55

Comunque, polemiche a parte, invito tutti gli amici, vecchi e nuovi, a fare i loro pronostici per i Mondiali!!! Sabato le donne, domenica gli uomini, coraggio, non fate come la FCI, non abbiate paura di misurarvi!!! :diavoletto:

viewtopic.php?f=13&t=6520


Pantani è una leggenda come Coppi e Bartali

held
Messaggi: 1187
Iscritto il: lunedì 13 dicembre 2010, 18:07
Località: Sardegna

Re: Ciclocross 2015-2016

Messaggio da leggere da held » martedì 26 gennaio 2016, 14:59

Non trovo la discussione sulla pagina Facebook!



Admin
Messaggi: 12619
Iscritto il: domenica 21 giugno 2009, 22:48

Re: Ciclocross 2015-2016

Messaggio da leggere da Admin » martedì 26 gennaio 2016, 15:09



Pantani è una leggenda come Coppi e Bartali

held
Messaggi: 1187
Iscritto il: lunedì 13 dicembre 2010, 18:07
Località: Sardegna

Re: Ciclocross 2015-2016

Messaggio da leggere da held » martedì 26 gennaio 2016, 18:09




mtb?NOgrazie
Messaggi: 81
Iscritto il: lunedì 25 gennaio 2016, 21:21

Re: Ciclocross 2015-2016

Messaggio da leggere da mtb?NOgrazie » martedì 26 gennaio 2016, 19:23

bove ha scritto: Io ho una mia personalissima teoria, che non ha nulla a che vedere con i risultati. Ma me la tengo per me. :hippy:

peccato....



mtb?NOgrazie
Messaggi: 81
Iscritto il: lunedì 25 gennaio 2016, 21:21

Re: Ciclocross 2015-2016

Messaggio da leggere da mtb?NOgrazie » martedì 26 gennaio 2016, 19:54

holland ha scritto:
mtb?NOgrazie ha scritto:Ciao Cauz e grazie x il benvenuto
il mio nick e'motivato da 2 fattori, AMO il cross che e'la specialita'regina del fuoristrada e non sopporto il fatto che debba essere per colpa della mtb e dell'ignoranza della gente che non vede dai concessionari o alla decathlon le bici da cross...la mia specialita'preferita sia costretta a perdere un sacco di posibili adepti

il secondo e'una questione estetica,la bici da ciclocross e' la vera bici da competizione al pari di quella da ''corsa'' da strada
la mtb si sta allargando troppo e rischia di mangiarsi anche il periodo invernale,patria del cross. dovrebbe essere diverso, 6 mesi mtb e 6 cross.

non me ne volere ma io la penso cosi...

alla belga!
Non per scatenare inutili flame ma da praticante molto amatoriale, e tifoso di entrambe le specialità mi trovo in disaccordo con le tue considerazioni . Secondo me ciclocross e mtb (sarebbe meglio dire cross-country in questo caso) possono coesistere ad alti livelli , certo in questo momento la seconda ha molta più forza, è uno sport veramente globale con grande forza commerciale e quindi economica da parte di sponsor, perciò gli atleti fanno giustamente le loro considerazioni. Fa dispiacere vedere il ciclocross "rinchiuso" nei 3-4 paesi storici che fatica a rendersi attrattivo , non è la mtb la causa dei suoi problemi, anche perchè allora dovremo prendercela con la strada e di tutti i potenziali campioni italiani che la sono passati Es Malacarne , Aru o più recentemente la Beggin che dopo delle ottime stagioni ha praticamente abbandonato il fango appena passata professionista con l'Astana Accadueo. Ripeto più che creare nemici immaginari è il mondo del ciclocross che deve rendersi più attrattivo per atleti e nuovi tifosi.
PS benvenuto sul forum :)
le mie considerazioni e il nick non sono campati in aria, sarebbe bello se fosse come dici tu ma in Italia e' diverso, la mtb assorbe i migliori atleti allettati dai migliori guadagni ,ma i contratti implicano delle volonta' da parte di chi paga da rispettare...
l'anno scorso ai mondiali di Tabor Fontana fu convocato da Scotti,ma solo all'ultimo riusci'a convincere il suo datore di lavoro a dargli il permesso di andare al mondiale...
i ragazzi della Forestale corrono il cross per allenarsi? non possono rischiare? e allora danneggiano la disciplina del cross perche' danno un esempio sbagliato.
e allora se dobbiamo farci rapire dalla mtb i migliori talenti giovani a caccia di occupazione meglio che ci sia,( come quando ero ragazzo) una sola specialita' nel fuoristrada, e tra le 2 per me non ci sono dubbi,il cross e basta
se la stagione del cross fosse lunga come in Benelux con qualche diretta TV in piu'...vedresti che i soldi inizierebbero a girare

credimi i nemici non sono immaginari...sono VERI



Avatar utente
bove
Messaggi: 1763
Iscritto il: sabato 7 settembre 2013, 23:29

Re: Ciclocross 2015-2016

Messaggio da leggere da bove » martedì 26 gennaio 2016, 20:42

Invece io credo che escludere sia sempre sbagliato e controproducente. Quindi direi che l'ideale sarebbe includere. Mi spiego, anche se già lo avevo scritto credo nella discussione della scorsa stagione.
Che il cross e la mtb xc siano compatibili ormai credo sia appurato. Quindi la soluzione sarebbe unica coppa del mondo. Da aprile ad agosto mtb e da settembre a fine gennaio cross. Febbraio e marzo pausa così sono tutti contenti. Poi se vogliamo il campione d'inverno e il campione d'estate benissimo. Però che figata sarebbe vedere nino vs mvdp?
Fanta fuoristrada? Io non credo. Secondo me ci sarebbe un ritorno mica male. 7-8 prove per disciplina più i relativi mondiali. Risultato un calendario di 10 mesi con una ventina di eventi top


Gianluca Avigo
Presidente AFCCPI (Associazione FantaCicloCrossisti Perditempo Italiani)

held
Messaggi: 1187
Iscritto il: lunedì 13 dicembre 2010, 18:07
Località: Sardegna

Re: Ciclocross 2015-2016

Messaggio da leggere da held » martedì 26 gennaio 2016, 20:47

Bisogna però ammettere che anche al nord, dove si pratica il ciclocross di livello, la stagione è lunga ed i soldi girano, beh anche li spesso i migliori talenti vengono scippati da altre discipline (strada), succede meno ma succede. Vedi Stybar, Boom etc.
detto ciò, tornando in tema dico che non aver convocato nemmeno un élite è una cosa ingiustificabile. Probabilmente ci sono motivazioni superiori che un comune appassionato come me non può conoscere, il che mi fa ancora più inc.. perché per me lo sport dovrebbe essere solo sport, tutti gli altri interessi, magari politici, dovrebbero stare fuori. Va beh, forse sono un povero sognatore.



Avatar utente
cauz.
Messaggi: 11529
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 12:53
Località: milano
Contatta:

Re: Ciclocross 2015-2016

Messaggio da leggere da cauz. » martedì 26 gennaio 2016, 21:01

mtb?NOgrazie ha scritto:le mie considerazioni e il nick non sono campati in aria, sarebbe bello se fosse come dici tu ma in Italia e' diverso, la mtb assorbe i migliori atleti allettati dai migliori guadagni ,ma i contratti implicano delle volonta' da parte di chi paga da rispettare...
l'anno scorso ai mondiali di Tabor Fontana fu convocato da Scotti,ma solo all'ultimo riusci' a convincere il suo datore di lavoro a dargli il permesso di andare al mondiale...
i ragazzi della Forestale corrono il cross per allenarsi? non possono rischiare? e allora danneggiano la disciplina del cross perche' danno un esempio sbagliato.
e allora se dobbiamo farci rapire dalla mtb i migliori talenti giovani a caccia di occupazione meglio che ci sia,( come quando ero ragazzo) una sola specialita' nel fuoristrada, e tra le 2 per me non ci sono dubbi,il cross e basta
se la stagione del cross fosse lunga come in Benelux con qualche diretta TV in piu'...vedresti che i soldi inizierebbero a girare

credimi i nemici non sono immaginari...sono VERI
perdonami, non voglio fare battaglie men che meno con un utente nuovo.
però se è vero che i nemici sono veri, be', quei nemici non vanno individuati nella MTB, quanto piuttosto in chi non sta valorizzando il Cx in italia. la mtb fa il suo e non lo fa certo "contro" il cx, anche perchè il rafforzamento del fuori strada farebbe gioco a tutti quanti (e per certi versi pure la pista dovrebbe fare "cordata" tra le discipline del ciclismo complementari alla strada).
quando ci troviamo un CT della nazionale, pagato (?) dalla federazione per sostenere e far crescere il Cx in italia che rinuncia a far correre i propri professionisti al mondiale, be', hai voglia a puntare il dito sulla mtb...
[piccolo inciso: bello il dibattito facebook, ma qui sarebbe decisamente più fruttuoso se Cw uscisse in prima pagina con un'opinione sull'argomento, perchè non è troppo sorvolabile... anche se capisco che questa mia osservazione sembri un'uscita del Principe]

tantopiù che i tempi stanno cambiando anche da un punto di vista economico. le cifre di vendita delle bici (con il cx in enorme crescita) parlano chiaro.


"Il male trionfa sempre, perche' il bene e' stupido" [Lord Casco]
@cauz_ | bidonmagazine.org | hoilciclo.worpdress.com | confindustrial.noblogs.org
"il Centogiro - 99 storie (più una) dal Giro d'Italia" è in libreria!

mtb?NOgrazie
Messaggi: 81
Iscritto il: lunedì 25 gennaio 2016, 21:21

Re: Ciclocross 2015-2016

Messaggio da leggere da mtb?NOgrazie » martedì 26 gennaio 2016, 22:21

se una squadra specializzata nel fuoristrada non fa correre il suo atleta nel cross secondo te danneggia o non danneggia il cross??



mtb?NOgrazie
Messaggi: 81
Iscritto il: lunedì 25 gennaio 2016, 21:21

Re: Ciclocross 2015-2016

Messaggio da leggere da mtb?NOgrazie » martedì 26 gennaio 2016, 22:43

cauz. ha scritto:
mtb?NOgrazie ha scritto:le mie considerazioni e il nick non sono campati in aria, sarebbe bello se fosse come dici tu ma in Italia e' diverso, la mtb assorbe i migliori atleti allettati dai migliori guadagni ,ma i contratti implicano delle volonta' da parte di chi paga da rispettare...
l'anno scorso ai mondiali di Tabor Fontana fu convocato da Scotti,ma solo all'ultimo riusci' a convincere il suo datore di lavoro a dargli il permesso di andare al mondiale...
i ragazzi della Forestale corrono il cross per allenarsi? non possono rischiare? e allora danneggiano la disciplina del cross perche' danno un esempio sbagliato.
e allora se dobbiamo farci rapire dalla mtb i migliori talenti giovani a caccia di occupazione meglio che ci sia,( come quando ero ragazzo) una sola specialita' nel fuoristrada, e tra le 2 per me non ci sono dubbi,il cross e basta
se la stagione del cross fosse lunga come in Benelux con qualche diretta TV in piu'...vedresti che i soldi inizierebbero a girare

credimi i nemici non sono immaginari...sono VERI
perdonami, non voglio fare battaglie men che meno con un utente nuovo.
però se è vero che i nemici sono veri, be', quei nemici non vanno individuati nella MTB, quanto piuttosto in chi non sta valorizzando il Cx in italia. la mtb fa il suo e non lo fa certo "contro" il cx, anche perchè il rafforzamento del fuori strada farebbe gioco a tutti quanti (e per certi versi pure la pista dovrebbe fare "cordata" tra le discipline del ciclismo complementari alla strada).
quando ci troviamo un CT della nazionale, pagato (?) dalla federazione per sostenere e far crescere il Cx in italia che rinuncia a far correre i propri professionisti al mondiale, be', hai voglia a puntare il dito sulla mtb...
[piccolo inciso: bello il dibattito facebook, ma qui sarebbe decisamente più fruttuoso se Cw uscisse in prima pagina con un'opinione sull'argomento, perchè non è troppo sorvolabile... anche se capisco che questa mia osservazione sembri un'uscita del Principe]

tantopiù che i tempi stanno cambiando anche da un punto di vista economico. le cifre di vendita delle bici (con il cx in enorme crescita) parlano chiaro.
Cauz il ''rafforzamento''del fuoristrada in Italia farebbe gioco a tutti quanti,come dici tu,specie alla strada,dato che molti ottimi stradisti,ultimo tra i quali Fabio Aru,e pure il campione del mondo Sagan provengono dal ciclocross (Sagan faceva sia cross che mtb). ma in quale modo e quale personale ricetta avresti tu per raggiungere questo obiettivo?



Avatar utente
bove
Messaggi: 1763
Iscritto il: sabato 7 settembre 2013, 23:29

Re: Ciclocross 2015-2016

Messaggio da leggere da bove » martedì 26 gennaio 2016, 22:55

Scusate una domanda. Ma da quanti anni Scotti è CT? Lo chiedo perché da quanto ho potuto intuire ( magari è solo una mia fantasia ) mi sembra che l'aria da qualche anno sia piuttosto tesa
A memoria sicuramente dal 2008 perché lo ricordo ai mondiali di Treviso.


Gianluca Avigo
Presidente AFCCPI (Associazione FantaCicloCrossisti Perditempo Italiani)

Basso
Messaggi: 13607
Iscritto il: sabato 21 maggio 2011, 18:03
Località: Vicenza

Re: Ciclocross 2015-2016

Messaggio da leggere da Basso » martedì 26 gennaio 2016, 23:04

bove ha scritto:Scusate una domanda. Ma da quanti anni Scotti è CT? Lo chiedo perché da quanto ho potuto intuire ( magari è solo una mia fantasia ) mi sembra che l'aria da qualche anno sia piuttosto tesa
A memoria sicuramente dal 2008 perché lo ricordo ai mondiali di Treviso.
Stando a quanto trovato dovrebbe essere in carica dal 2005. Dal 2000 al 2004 il responsabile ciclocross era Claudio Vettorel mentre del settore fuoristrada era Alfonso Morelli.


11 V7-Prato
12 Appennino-JapanCup
13 G9-ITARR-V20-Sabatini
14 Vasco-Dauphiné-T3-T21-Pologne-3VV
15 Laigueglia-Escaut-G2-G18-Giro-T13-Fourmies
16 Nice-V12
17 Frankfurt-T11-V16-Chrono
18 Bianche-DePanne-Romandie-Köln-Piemonte-Chrono

Avatar utente
Seb
Messaggi: 4484
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:07
Località: Genova
Contatta:

Re: Ciclocross 2015-2016

Messaggio da leggere da Seb » mercoledì 27 gennaio 2016, 0:30

Un po' di pensieri sparsi, con le premesse che non prendo in considerazione il Belgio perché è un mondo a parte e a cui l'Italia (ma anche tutte le altre nazioni) non devono guardare perché altrimenti si faranno solo dei passi indietro e che il discorso vale per il settore maschile visto che il ciclismo femminile mondiale è ancora lontano dal poter parlare di specializzazioni...

Il primo punto è che al momento attuale la MTB è una disciplina (molto) più ricca del ciclocross e quindi per un atleta mi pare logica la scelta di specializzarsi in una piuttosto che nell'altra: se la MTB porta più soldi, perché un atleta dovrebbe sacrificarla per puntare al ciclocross? Il secondo punto è la provenienza di questa maggiore "ricchezza": ok più investimenti, più visibilità e forse un'immagine più "cool" del mezzo (non tanto per il XCO, ma dalle altre poi si può arrivare anche lì), ma alla base di tutto c'è il fatto che la MTB goda della vetrina delle Olimpiadi che attrae più sponsor e soprattutto, almeno da noi, i gruppi sportivi militari che altrimenti non sarebbero interessati.
Il ciclocross invece a suo favore avrebbe la collocazione in calendario in mesi morti per le altre discipline (ma questo purtroppo ora vale meno visto che su strada non si corre solo a novembre e dicembre ormai) ed una maggiore tradizione storica: il problema è che se resti bloccato sulla sola tradizione chi riesce ad evolversi con i tempi che passano ti passa avanti. Dovrebbe essere l'UCI a lavorarci.

A livello di Italia per il ciclocross, secondo me in qualsiasi modo è impossibile sperare di far cambiare la situazione e ottenere risultati a breve termine. Per lavorare nel lungo periodo si potrebbe pensare al ciclocross come una "disciplina giovanile" trascurando per un po' il settore élite: cerchiamo di aumentare la base puntando su bambini e ragazzi e facendo capire che è una disciplina molto sicura (velocità più bassa, niente traffico), magari cerchiamo di creare un buon numero di percorsi permanenti che possano essere facilmente raggiungibili anche da grandi centri urbani o che abbiano un minimo di strutture a disposizione (mi viene in mente magari un percorso attorno ad un campo da calcio)... Aumentando il numero di ragazzi che praticano il ciclocross, tra quelli che ti porta via la MTB e quelli che ti porta via la Strada, magari riesci comunque a tirare su comunque delle nazionali di buon livello fino a juniores e under23: non basterà, ma può essere un modo di porre le basi per la nascita in un Boom o uno Stybar italiano che perderai dopo qualche anno ma che almeno all'inizio te lo godi eccome



mtb?NOgrazie
Messaggi: 81
Iscritto il: lunedì 25 gennaio 2016, 21:21

Re: Ciclocross 2015-2016

Messaggio da leggere da mtb?NOgrazie » mercoledì 27 gennaio 2016, 12:39

Seb il discorso olimpiadi e' vero,favorisce la mtb, infatti era anche allo studio un inserimento del ciclocross nelle olimpiadi invernali ma x adesso e'solo un embrione, sarebbe una cosa utile e saggia a mio avviso.

sta di fatto che se una federazione volesse la disciplina la spinge, invece...l'ultimo ritiro della nazionale di ciclocross e' stato a ottobre 2014....

questo non mi va giu',la disparita' che c'e'...e i trattamenti ben diversi da parte di chi guida sto sport per le 2 discipline.

intanto Scotti coi limitati mezzi a disposizione ha portato 5 o 6 Junior a buon livello e tra questi si spera che uno almeno sia il futuro Franzoi, perché Fontana alla fine a livello internazionale ha fatto bene solo in mtb, ed e'troppo discontinuo nella sua attivita'crossistica, peccato che non trasmettono il mondiale junior altrimenti avremmo visto qualche maglia azzurra nei primi.
poi ci sono Sala e Bertolini, credo che Sala sia il piu' crossista tra i 2, Bertolini secondo me ha il futuro gia'scritto, più mtb e meno cross, spero di sbagliarmi...



Avatar utente
bove
Messaggi: 1763
Iscritto il: sabato 7 settembre 2013, 23:29

Re: Ciclocross 2015-2016

Messaggio da leggere da bove » mercoledì 27 gennaio 2016, 14:48

Le gare mondiali saranno TUTTE visibile in diretta sul canale youtube uci channel

sabato
ore 10.50 Junior
ore 12.50 Women U23
ore 14.50 Women elite

Domenica
ore 10.50 U 23
ore 14.50 Elite


Gianluca Avigo
Presidente AFCCPI (Associazione FantaCicloCrossisti Perditempo Italiani)

mtb?NOgrazie
Messaggi: 81
Iscritto il: lunedì 25 gennaio 2016, 21:21

Re: Ciclocross 2015-2016

Messaggio da leggere da mtb?NOgrazie » mercoledì 27 gennaio 2016, 19:01

bove ha scritto:Le gare mondiali saranno TUTTE visibile in diretta sul canale youtube uci channel

sabato
ore 10.50 Junior
ore 12.50 Women U23
ore 14.50 Women elite

Domenica
ore 10.50 U 23
ore 14.50 Elite
EVVVAAAAAAIIIIIIIIIIIIIIIII !!!!!!!!!!!!!

ANCHE GLI jUNIOR! E LI ABBIAMO BUONE CHANCHES!!



Avatar utente
Visconte85
Messaggi: 9965
Iscritto il: giovedì 8 maggio 2014, 14:27

Re: Ciclocross 2015-2016

Messaggio da leggere da Visconte85 » mercoledì 27 gennaio 2016, 19:22

bove ha scritto:Le gare mondiali saranno TUTTE visibile in diretta sul canale youtube uci channel

sabato
ore 10.50 Junior
ore 12.50 Women U23
ore 14.50 Women elite

Domenica
ore 10.50 U 23
ore 14.50 Elite
bella notizia :)


2014: Giro tp 21,Tour tp 10,Vuelta tp 3, ARGENTO a Ponferrada
2015: Giro anch'io 3°,Tour tp 10 e 20, GpMontreal
2016: GandWevelgen, Svizzera, Tour tp 13, Vuelta tp 10
2017: Tour tp 10 Vuelta tp 2
2018: Scheldeprijs, Giro tp 21, Tour tp 11

Admin
Messaggi: 12619
Iscritto il: domenica 21 giugno 2009, 22:48

Re: Ciclocross 2015-2016

Messaggio da leggere da Admin » mercoledì 27 gennaio 2016, 20:50

cauz. ha scritto: [piccolo inciso: bello il dibattito facebook, ma qui sarebbe decisamente più fruttuoso se Cw uscisse in prima pagina con un'opinione sull'argomento, perchè non è troppo sorvolabile...
Sì, era necessario ;)
http://www.cicloweb.it/articolo/2016/01 ... ta-federal


Pantani è una leggenda come Coppi e Bartali


Rispondi