Ciclocross 2017-2018

Donne, Under, Juniores, ma anche Pista, Cross, MTB, BMX, Ciclismo Indoor
Avatar utente
Walter_White
Messaggi: 10506
Iscritto il: mercoledì 23 marzo 2016, 18:01

Re: Ciclocross 2017-2018

Messaggio da leggere da Walter_White » venerdì 30 marzo 2018, 12:10

Albino ha scritto:http://sporza.be/cm/sporza/wielrennen/v ... /1.3170344

Pauwels-Vastgoedservice scatenata: Daan Soete, Braam Merlier e Tim Merlier (!).

Squadrone da sabbia (Sweeck, Soete ed Adams) e forse, con Merlier, la compagine col quartetto complessivamente più forte.

L'acquisto del biondo Tim mi lascia perplesso, segno del disimpegno Crelan nel cross e che WvA si vedrà sempre meno (o non si vedrà affatto se non per i mondiali)?
Spero e credo di no, a meno che non voglia diventare stradista a tutti gli effetti rendendosi conto che può andare forte dappertutto ed essere competitivo anche al Lombardia et simili e non solo nelle classiche di primavera.


FCC 2017/18: 3°; Trofeo dei titoli; Campionato Europeo Donne Elite, Campionato del Mondo Donne Elite, ROTY


Albino
Messaggi: 1201
Iscritto il: mercoledì 1 novembre 2017, 20:28

Re: Ciclocross 2017-2018

Messaggio da leggere da Albino » venerdì 30 marzo 2018, 12:40

Walter_White ha scritto:Spero e credo di no, a meno che non voglia diventare stradista a tutti gli effetti rendendosi conto che può andare forte dappertutto ed essere competitivo anche al Lombardia et simili e non solo nelle classiche di primavera.
Fino alla scadenza del contratto con Verandas/Crelan (31-12-19) credo che lo vedremo, con una stagione sempre più ridotta e focalizzata esclusivamente al mondiale. La corte delle WT è già cominciata comunque per il 2020...

Secondo me le sue ultime gare hanno rafforzato molto i propositi stradisti, con un inverno meno dispendioso e più calibrato à la Stybar 2014 può aspirare a maggior ragione ad avere botte piena e moglie ubriaca (vittoria al mondiale di ciclocross e a Fiandre/Roubaix).

Da settembre a oggi non si è fermato un attimo, massimo per una settimana, un sacrificio alla lunga poco sostenibile.
Ultima modifica di Albino il venerdì 30 marzo 2018, 12:44, modificato 1 volta in totale.


FantaCicloCross 2017-2018: Campionato del Mondo Uomini Elite

Avatar utente
Walter_White
Messaggi: 10506
Iscritto il: mercoledì 23 marzo 2016, 18:01

Re: Ciclocross 2017-2018

Messaggio da leggere da Walter_White » venerdì 30 marzo 2018, 12:43

Albino ha scritto:
Walter_White ha scritto:Spero e credo di no, a meno che non voglia diventare stradista a tutti gli effetti rendendosi conto che può andare forte dappertutto ed essere competitivo anche al Lombardia et simili e non solo nelle classiche di primavera.
Fino alla scadenza del contratto con Verandas/Crelan (31-12-19) credo che lo vedremo, con una stagione sempre più ridotta e focalizzata esclusivamente al mondiale. La corte delle WT è già cominciata comunque per il 2020...

Secondo me le sue ultime gare hanno rafforzato molto i propositi stradisti, con un inverno meno dispendioso e più calibrato à la Stybar 2014 può aspirare alla botte piena e alla moglie ubriaca (vittoria al mondiale di ciclocross e a Fiandre/Roubaix).
Magari già quest'anno.... :D


FCC 2017/18: 3°; Trofeo dei titoli; Campionato Europeo Donne Elite, Campionato del Mondo Donne Elite, ROTY

Albino
Messaggi: 1201
Iscritto il: mercoledì 1 novembre 2017, 20:28

Re: Ciclocross 2017-2018

Messaggio da leggere da Albino » venerdì 30 marzo 2018, 12:46

Walter_White ha scritto:Magari già quest'anno.... :D
Lo spero davvero davvero tanto, alla faccia dei vari santoni e teorici della preparazione.

Sempre forza Wout :champion:


FantaCicloCross 2017-2018: Campionato del Mondo Uomini Elite

Albino
Messaggi: 1201
Iscritto il: mercoledì 1 novembre 2017, 20:28

Re: Ciclocross 2017-2018

Messaggio da leggere da Albino » venerdì 30 marzo 2018, 22:44

Luciano Pagliarini ha scritto:Allucinante come le varie grandi scuole del cross si siano impoverite nel corso del tempo. La nostra, quella svizzera, quella tedesca, quella francese...tutte ampiamente ridimensionate.

È proprio vero...

I francesi conservano quantomeno un buon livello medio tra i giovani, presenti in numero nelle zone nobili delle gare di CdM o dei mondiali.
Forse tra gli èlite pagano il fatto che il cross sia visto più come accessorio (e propedeutico) alla strada che come attività a sé, così quando i ragazzi passano pro spesso abbandonano il fango.

La Svizzera ha Rouiller di promettente, un nulla rispetto al passato.

Germania lasciamo perdere, il solo Walsleben negli ultimi anni, poi poco a poco sparito fino al passaggio su strada.

Secondo te quali sono i motivi di questo tracollo? Gli svizzeri, e anche un po' gli italiani, non hanno abbandonato del tutto l'offroad ma privilegiano la MTB...


FantaCicloCross 2017-2018: Campionato del Mondo Uomini Elite


Luciano Pagliarini
Messaggi: 959
Iscritto il: mercoledì 27 settembre 2017, 21:54

Re: Ciclocross 2017-2018

Messaggio da leggere da Luciano Pagliarini » venerdì 30 marzo 2018, 23:05

Da noi penso un mix tra una gestione un po' così da parte degli organi competenti e il fatto che a un certo punto in Italia ci siamo dimenticati di colpo di gran parte degli sport.

In Svizzera ormai si concentrano solo sulla MTB.

Germania proprio non so.



Albino
Messaggi: 1201
Iscritto il: mercoledì 1 novembre 2017, 20:28

Re: Ciclocross 2017-2018

Messaggio da leggere da Albino » venerdì 13 aprile 2018, 12:23



FantaCicloCross 2017-2018: Campionato del Mondo Uomini Elite

Avatar utente
bove
Messaggi: 1845
Iscritto il: sabato 7 settembre 2013, 23:29

Re: Ciclocross 2017-2018

Messaggio da leggere da bove » lunedì 16 aprile 2018, 12:47

In italia per anni il ciclismo si è concentrato unicamente su Giro, San Remo, Lombardia e Mondiale. Le classiche del nord le abbiamo riscoperte grazie a Ballerini e Bartoli e il Tour grazie a Bugno e Chiappucci.
Quindi secondo me in quegli anni i team juniores e U23 si sono focalizzati esclusivamente su quello che il "mercato" chiedeva, mandando a ramengo pista e cross. Complice probabilmete anche la Federazione.

Ora si sta capendo che le due discipline sono ( e lo sono sempre state ) una palestra senza eguali.
Locatelli per esempio ha sempre fatto fare cross ai suoi.

In effetti il movimento del cross italiano sta crescendo di anno in anno. Speriamo di raccogliere e soprattutto che qualche sponsor di livello ci creda e dia la possibilità ai talenti nostrani di fare i professionisti del cross. Rimane per me un mistero il fatto che Colnago non sponsorizzi pesantemente un team continental italiano che permetta ai migliori crossisiti di fare il loro mestiere.


Gianluca Avigo
Presidente AFCCPI (Associazione FantaCicloCrossisti Perditempo Italiani)

Albino
Messaggi: 1201
Iscritto il: mercoledì 1 novembre 2017, 20:28

Re: Ciclocross 2017-2018

Messaggio da leggere da Albino » lunedì 16 aprile 2018, 18:56

Cosa già detta e ridetta ma che è bene ripetere: la crescita ulteriore del cross italiano non può prescindere da un miglioramento dei percorsi. Basta sagra della fettuccia...

Per il discorso giovani hai pienamente ragione: bisogna fare come i francesi.
Junior e under, dal più scarso al più forte, d'inverno fanno cross, per alcuni è l'attività principale, gli altri si allenano divertendosi e comunque migliorano.

Io non sottovaluterei proprio l'aspetto ludico per un ragazzo, sai che coglioni a fare sfr tutto inverno. Poi magari qualcuno bravo ti salta anche fuori.

Secondo me questi due punti sono le basi di un movimento solido e non legato a un corridore particolare o al mecenate di turno.

:cincin:


FantaCicloCross 2017-2018: Campionato del Mondo Uomini Elite


Rispondi