La Vallée

Per raccontare le proprie avventure in bici, le uscite, gli allenamenti, le gare amatoriali e le gran fondo
Avatar utente
Maìno della Spinetta
Messaggi: 5198
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 15:53

La Vallée

Messaggio da leggere da Maìno della Spinetta » lunedì 23 luglio 2018, 14:16

dopo una stagione dall'allenamento poco continuo, sono sbarcato in Val d'Aosta, a Introd. Ieri prima mattina prima uscita, colle di San Pantaleone, versante Chambave-San Denis, rientro in discesa su Verrayes e Nus. Che dire: Salita tendenzialmente regolare, primi km molto impegnativi ma costanti, poi dopo san Denis il panorama si apre e le pendenze si addolciscono. Meraviglioso l'alpeggio con 3 paesini si fila (Semon...) in cui la vista domina tutta la valle e la Grivola (o l'Emilius, ma aveva tanta neve, ero confuso....) cattura lo sguardo. Ultimi 3 km da bestemmia in arabo, direi attorno al 9%, ma almeno si ha un po' di fresco dagli alberi. In cima vista su Cervino e Valtournanche. Gran salita, circa 1200m di dislivello in 16.5 km. Contando i due tratti in falsopiano una bella sfida. A partire da oggi farò cose più semplici, le vari valli laterali, Val Savara, Val Grisa, Val di Rhemes e le due valli del Bianco. Mi piacerebbe concludere col Gran San Bernardo, ed eviterei il San Carlo che ho già fatto diverse volte da entrambi i versanti (e che con la forma attuale mi sfinirebbe :) ).Manderò foto e descrizioni, se avete suggerimenti o vostri racconti sulla Vallée son benvenuti. Non è un thread blog sulle mie vacanze: È un thread dedicato alla Val d'Aosta!


“Our interest’s on the dangerous edge of things.
The honest thief, the tender murderer, the superstitious atheist”.


Avatar utente
Maìno della Spinetta
Messaggi: 5198
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 15:53

Re: La Vallée

Messaggio da leggere da Maìno della Spinetta » martedì 24 luglio 2018, 17:07

dopo una bellissima giornata in Valgrisenche con la famiglia, stamattina mi son fatto la Val di Rhèmes. Da Villeneuve sono circa 24 km, io son partito dal bivio di Introd, a quota ca. 880 m sul livello del mare. Primi 10 km belli tosti, con tratti facili alternati a tratti duri. Ben coperta nel bosco da Introd a Rhèmes Saint George, e poi un drittone da paura, diversi km, mai una curva e pendenza sensibile sotto le gomme. Sono circa 700 metri di dislivello in poco meno di 10 km, fino a una serie di 3 gallerie para valanghe, di cui una lunga e NON ILLUMINATA (quindi, chi si avventura su queste salite DEVE AVERE LE LUCI), di cui una a naso attorno al 9% costante in salita. Finita la terza delle serie di gallerie, chiamate Chabod, la strada si ammorbidisce, quando si è a quota 1550 (questo tratto di 9.6 km, dislivello positivo di 685 m, l'ho fatto in 57 minuti senza ammazzarmi, una squallida VAM di 700 :D ).

A questo punto comincia una nuova salita, a tratti piatta, a tratti si sale ancora, ma non fa mai un gran male. Di colpo compare la Dora scrosciante accanto, i paesi diventano uno più carino dell'altro, molti ancora non toccati dagli incentivi sui restauri, da lontano fa capolino la Granta Parei, con due splendidi ghiacciai attorno. Cascate argentate intarsiano il nero delle rocce e lo scuro verde degli abeti. Ormai si è nella conca in cima, da Artalle (quota 1650 ca.) in poi la strada è facile. Si passa la Dora su un ponte, facendo un tratto piano, rilancio col 50. Si passa da Chanavey, dove il Bar Rousse garantisce una vista impagabile sulla Granta Parei (stop raccomandato per un caffé. Per mangiare suggerisco il Granta Parei, 30 metri più avanti, prezzo ridicolo e bontà valdaostane a palate). Ormai si spinge facile, una S ci porta attraverso Rhèmes Notre Dame - e qui finisce la conca. Siamo attorno ai 1750 m, comincia il vento freddo, la strada diventa un sottile nastro grigio, un cartello annuncia "14%", si sale in maniera secca, pratoni e pinete si alternano, finché compare sullo sfondo il parcheggio che chiude la valle. Thumel è il paesino sulla sinistra, un ultimo maledetto tratto dalla pendenza molto severa, e si arriva a una casetta accanto al parcheggio dove comincia lo sterrato. Se si scende accanto al parcheggio c'è un bar ristorante e un gruppetto di case. Se si continua con la MTB si arriva al Rifugio Benevolo. Io son rientrato a Chanavey per mangiare un boccone e farmi un caffé con vista, perché in cima, oltre ai 1900 m SLM, pativo freddo, nuovole, e la mancanza della vista sui ghiacciai - come sempre, i paesi più incuneati nella testata della valle patiscono di esser troppo contro le montagne più alte, e di non vederle nella loro interezza.

Giudizio:
le mie gambe son legnose, devo fare tanta salita prima di tornare ad essere almeno l'ombra di me stesso :)
Val di Rhèmes: clamorosa, un sacco di bei paesini dove tornare con la famiglia per un panino e una passeggiata.
Conca di Rhèmes Notre Dame, spettacolare: fiume, altopiano, paesini ben curati, tanti ristorantini e baretti, chiesette, famiglie a zonzo, turisti, poche macchine e una gran vista.
Tratto finale fino a Thumel: si respire l'alta montagna, quella con l'erba spessa, i fiori, e l'odore fino del ghiaccio nell'aria.

Ah, discesa velocissima, poche curve, ci si diverte parecchio, i tunnel ghiacciano e MI RACCOMANDO ABBIATE LE LUCI CON VOI.


“Our interest’s on the dangerous edge of things.
The honest thief, the tender murderer, the superstitious atheist”.

Winter
Messaggi: 13398
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Re: La Vallée

Messaggio da leggere da Winter » martedì 24 luglio 2018, 18:49

Cavolo , domenica ero a torgnon ;) ma senza bici
Rhemes vallata stupenda (il benevolo è l unico rifugio che son riuscito a far fare alla mia fidanzata )

Ottima idea fare le due vallate del bianco , spettacolari

Ti do un consiglio
la diga di Place Moulin , in Valpelline
arrivi a quasi 2000 metri

http://www.salite.ch/11529.asp?mappa=

Se hai la mtb in piano puoi arrivare al rifugio prarayer

O in alternativa
la strada dei salassi..

http://www.lovevda.it/it/banca-dati/7/c ... aosta/2583

una balconata spettacolare

Poi voglio sapere la salita che t è piaciuta di più

Semon :clap: gli ultimi km me li ricordo



Avatar utente
Maìno della Spinetta
Messaggi: 5198
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 15:53

Re: La Vallée

Messaggio da leggere da Maìno della Spinetta » martedì 24 luglio 2018, 21:16

:champion: Benevolo, unico rifugio fatto fare a mia moglie :champion:

Il programma non è fisso, dipende dalle nottate e dalle mie sveglie. Ho on mente di fare

Val Veny, Val Ferret, Valpelline, Val Savara, Valgrisenche - in ordine sparso. In caso di pioggia salta una di queste, oppure accoppio ferret e Veny. Savara è semplice, magari serale... Val Grisa è complicata e lunga. Valpelline mi intriga, ma devo vedere se il tempo sarà clemente e riuscirò a metterle tutte. Il mio obiettivo è salvare il grosso della giornata con la famiglia, quindi fare le uscite brevi e al mattino presto.

L'ultimo giorno il Gran sanBernardo.


“Our interest’s on the dangerous edge of things.
The honest thief, the tender murderer, the superstitious atheist”.

jumbo
Messaggi: 4446
Iscritto il: sabato 1 ottobre 2011, 10:42

Re: La Vallée

Messaggio da leggere da jumbo » martedì 24 luglio 2018, 22:18

Savara come salita non mi pare tanto diversa da Rhemes




Winter
Messaggi: 13398
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Re: La Vallée

Messaggio da leggere da Winter » mercoledì 25 luglio 2018, 9:20

be per sei km è la stessa salita
Come vallata per me è piu' bella Rhemes
come possibilita' di vedere animali vicino alla strada Valsavara
Rhemes
http://www.salite.ch/11512.asp?mappa=
Valsavarenche
http://www.salite.ch/9564.asp?mappa=

come difficolta' son molto simili (Valgrisa è piu' dura secondo me rispetto a entrambe)



herbie
Messaggi: 3657
Iscritto il: sabato 26 febbraio 2011, 17:19

Re: La Vallée

Messaggio da leggere da herbie » mercoledì 25 luglio 2018, 9:44

da accoppiare al lago di Place Moulin, ho trovato molto bella e impegnativa la salita di Champillon.



Winter
Messaggi: 13398
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Re: La Vallée

Messaggio da leggere da Winter » mercoledì 25 luglio 2018, 9:53

:clap: :clap:
be ma tu sei un super scalatore (si va oltre i 2500 di dislivello con quelle due salite)
conca di by panorama da favola (e zero assoluto auto)
e appena prima di valpelline c'e' una strada che ti porta direttamente a doues (senza scendere a variney)
http://www.salite.ch/11528.asp?Mappa=
da km 11,5



herbie
Messaggi: 3657
Iscritto il: sabato 26 febbraio 2011, 17:19

Re: La Vallée

Messaggio da leggere da herbie » mercoledì 25 luglio 2018, 13:36

Winter ha scritto:
mercoledì 25 luglio 2018, 9:53
:clap: :clap:
be ma tu sei un super scalatore (si va oltre i 2500 di dislivello con quelle due salite)
conca di by panorama da favola (e zero assoluto auto)
e appena prima di valpelline c'e' una strada che ti porta direttamente a doues (senza scendere a variney)
http://www.salite.ch/11528.asp?Mappa=
da km 11,5
mica ho detto che era facile... :P
però ne vale abbondantemente la pena, secondo me, anche più delle valli parallele...



Winter
Messaggi: 13398
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Re: La Vallée

Messaggio da leggere da Winter » mercoledì 25 luglio 2018, 13:57

sicuramente
se fai Rhemes io non farei valsavarenche (a parte se uno ha dei problemi logistici)
meglio By (Champillon) o i salassi



Avatar utente
il_panta
Messaggi: 2887
Iscritto il: lunedì 21 maggio 2012, 13:39

Re: La Vallée

Messaggio da leggere da il_panta » mercoledì 25 luglio 2018, 18:08

Grazie per questi racconti, permettono di "conoscere" luoghi non conosciuti a molti.
Buona continuazione di vacanze!



Avatar utente
Maìno della Spinetta
Messaggi: 5198
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 15:53

Re: La Vallée

Messaggio da leggere da Maìno della Spinetta » giovedì 26 luglio 2018, 22:52

Ieri mattina son partito da Introd, ho risalito il costolone sotto Les Combes (altra salita che mi intriga...), e sono sceso sul bellissimo borgo di Arvier (fyi, alla rotonda c'è un ciclista). Svolta a sinistra e via lungo la statale. Un po' di mezzi pesanti, ma in generale poco casino. Alla rotonda di La Salle compare maestoso il Bianco, che non mi lascerà più. Alla seconda rotonda lascio la statale e mi butto dritto lungo l'antica via romana, tra i vigneti. Si sale al 4%, e ci si gode il paesaggio di colpo agricolo. Corta discesa (con un paio di bar molto più semplici di quelli della pettinata Courma) e si rispunta sulla statale, a pre' san Didier. Non imbocco la strada per Courma, ma "attraveso" la statale imboccando il Piccolo san Bernardo. Il massiccio del Bianco si vede dalla vetta fino alla gran jorasse. Il dente del gigante splende nel blu. Salgo verso il piccolo e al primo tornante lascio la statale andando dritto - così facendo si evita la strada nuova per Courma, e si prende quella vecchia, molto meno battuta. La salita è adesso più sensibile, 5/6%. Qualche tornante. Ignoro un divieto di accesso rivolto ai turisti, e dopo pochi km arrivo a Courmayeur. Tantissimi turisti, bici, macchine, camminatori - nel caos imbocco la strada vecchia per La Palud. Non fate questo errore, è bloccata. Occorre prender per forza la statale che porta a Entreves. Le pendenze continuan dolci, il panorama sui ghiacciai e i valloni leva il fiato. Poi infilo il bivio a sinistra verso la Val Veny -occhio che i cartelli son messi male. Breve discesina, e partono alcuni km tostissimi, i doppia cifra. Con mia sorpresa non vado in affanno, ma anzi riesco ad aggredire il ritmo. Saranno 2 o 3 km veramente tosti, fino a Notre Dame de la Guerison, poi si svolta in val Veny e la strada diventa sostanzialmente piatta. Nuovi divieti. Ghiacciai e venti freddi. La dora romba accanto. Divieti di accesso per i non residenti e giganti si alternano. Poi, arrivati a una spianata di campeggi - boom, doppia cifra di nuovo, di colpo. Stavolta sento le gambe stanche e cerco di gestirla. Si comincia a salire accanto al torrente - posti sempre più belli, strada sempre più stretta, si passa una barra di fine strada ma l'asfalto continua. Un 12% mi infilza, ma tiro dritto passando una serie di bikers. Infine compare la sella in fondo alla Val Veny, e lì finisce l'asfalto, poco sotto a un lago.

Salita fantastica con pendenze dolci e aspre alternate. Un finale qua al Giro (dopo il san Carlo?), con tanto di spianata per l'arrivo a campeggi, farebbe devasti.

La discesa è semplice, solo il fondo avvallato in un tornante nel tratto riposo dopo Portud mi sbalza di traiettoria, ma per il resto nessun problema.

Salita da fare e da rifare. Consiglio per panorama e varietà di pendenze.

Il rientro a casa me lo bevo tra discesa, falsopiano e gamba piena.
Oggi ho fatto la Valsavaranche - ma ne parlerò domani o dopo. Ora pulire la cucina e a nanna...


“Our interest’s on the dangerous edge of things.
The honest thief, the tender murderer, the superstitious atheist”.

Avatar utente
Maìno della Spinetta
Messaggi: 5198
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 15:53

Re: La Vallée

Messaggio da leggere da Maìno della Spinetta » sabato 28 luglio 2018, 16:29

Impressioni sulla Valsavarenche: nulla di che'. Come salita, è più semplice, più sdraiata, della Val di Rhèmes. Come panorama, è abbastanza chiusa e anonima. Son partito che c'erano 12 gradi ed è in ombra fino alle 9 passate, in salita ho sofferto un po' il freddo.
Si è assolutamente ripagati dall'ultimo km prima di Pont, dove le pendenze sono forti, sulla destra si vede il Colle del Nivolet e sulla sinistra la valle che porta al gruppo del Gran Paradiso. La cima del Gran Paradiso vero e proprio spunta nel finale, rocce moreniche e testata di valle fatte di neve e ghiaccio. Panorama molto aperto, il contrario della Val di Rhèmes, che è una valle molto carina, che si chiude nel finale. Questa valle dice poco, ma ha un finale strepitoso.

La salita non è difficile, nonostante il dislivello (1200 metri da Villeneuve), sono circa 25 km di lunghezza, pochissimi tratti impegnativi, alcuni tunnel , tutti illuminati o con le aperture laterali grandi, è fattibile anche senza luci. Una sgambata comunque, non è davvero impegnativa.

Mi son fatto in macchina les combes, e dal versante di Introd è molto bella, ottimo asfalto, pendenze sempre alte, almeno 8%, e tantissima vegetazione.
Dal versante di Arvier, invece, l'asfalto è per metà brutto, e le pendenze sono spesso molto toste, doppia cifra (attezione che non è segnalata la salita. Quando da Arvier prendete la strada per Introd, quasi subito, sulla destra, c'è una deviazione per Verney e Gran-Haury. Seguite quel bivio, e rimanete poi sulla strada principale, che porta a Les Combes. Il panorama, in cima al colle, è assente, tutto nella vegetazione. Se proseguite un km fino al paese vi beccate i ghiacciai del Bianco e del Rutor, e una bellissima visuale del Monte Golliat. Se invece girate verso la casa dei papi, panorama sul Mont'Emilius.

Domani faccio i Salassi da Arvier, e vorrei accoppiarli a qualcosa (By, come consiglia Herbie. Oppure Valpelline. Vediamo come girano le gambe).


“Our interest’s on the dangerous edge of things.
The honest thief, the tender murderer, the superstitious atheist”.

Avatar utente
Maìno della Spinetta
Messaggi: 5198
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 15:53

Re: La Vallée

Messaggio da leggere da Maìno della Spinetta » sabato 28 luglio 2018, 16:52

PS Il Giro della VdA quest'anno ha fatto Les Combes da Arvier (lato duro), e poi, in Introd, ha preso la strada vecchia, non la Regionale. Una stradina pazzesca, spaccagambe, che va dritta per dritta... Se volete emozioni forti e vi fate la Val Di Rhemes suggerisco, arrivando a Introd, di prendere a destra subito prima del ponte (che è una strettoia, impossibile mancarlo). Scendete in picchiata nel canyon del torrente Savara, fate il ponte vecchio gfodendovi lo spettacolo del canyon, e poi imboccate un muro verticale sulla destra che vi porta dritto al 20-15% alla regionale, dove c-[ una pizzeria. Cos=, tanto per farvi male. Il Giro della VdA ha fatto un pezzo di questa strada, dalla fontana di Plan d-Introd alla pizzeria - bravi tracciatori al Giro.


“Our interest’s on the dangerous edge of things.
The honest thief, the tender murderer, the superstitious atheist”.

Avatar utente
Maìno della Spinetta
Messaggi: 5198
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 15:53

Re: La Vallée

Messaggio da leggere da Maìno della Spinetta » sabato 28 luglio 2018, 19:54

Stasera son salito a les combes da Arvier e son sceso du Introd. Alcuni km duri dal bivio ma poi va su facile. Molto scoperta, se c'è caldo non c'è riparo, però balcone su bianco e Ruitor. L'altro versante è meno panoramico, molta vegetazione, col sole che picchia può far piacere, e asfalto in generale più bello.
Ci ho messo mezz'ora esatta, quindi una salita che si abbina bene con altro - coi Salassi un giro perfetto.


“Our interest’s on the dangerous edge of things.
The honest thief, the tender murderer, the superstitious atheist”.

Avatar utente
Maìno della Spinetta
Messaggi: 5198
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 15:53

Re: La Vallée

Messaggio da leggere da Maìno della Spinetta » lunedì 30 luglio 2018, 23:36

Vetan da Avise. Dura, spettacolare, salita dai panorami emozionanti. Grivola, gran paradiso, granta parei, grand rousse, Ruitor, fino al gruppo del bianco. Salita pazzesca e bellissima, da fare assolutamente se siete in zona. In cima un bar e qualche b&b. Tanto ma tanto sole... Vorrei rifarla domani da quanto è bella.


“Our interest’s on the dangerous edge of things.
The honest thief, the tender murderer, the superstitious atheist”.

herbie
Messaggi: 3657
Iscritto il: sabato 26 febbraio 2011, 17:19

Re: La Vallée

Messaggio da leggere da herbie » martedì 31 luglio 2018, 0:38

Maìno della Spinetta ha scritto:
lunedì 30 luglio 2018, 23:36
Vetan da Avise. Dura, spettacolare, salita dai panorami emozionanti. Grivola, gran paradiso, granta parei, grand rousse, Ruitor, fino al gruppo del bianco. Salita pazzesca e bellissima, da fare assolutamente se siete in zona. In cima un bar e qualche b&b. Tanto ma tanto sole... Vorrei rifarla domani da quanto è bella.
non ricordo più se era lì che la gentilissima cuoca del bar/ristorante in cima vantava la partecipazione a una delle trasmissioni culinarie più in voga all'epoca...



Avatar utente
Maìno della Spinetta
Messaggi: 5198
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 15:53

Re: La Vallée

Messaggio da leggere da Maìno della Spinetta » martedì 31 luglio 2018, 6:13

herbie ha scritto:
martedì 31 luglio 2018, 0:38
Maìno della Spinetta ha scritto:
lunedì 30 luglio 2018, 23:36
Vetan da Avise. Dura, spettacolare, salita dai panorami emozionanti. Grivola, gran paradiso, granta parei, grand rousse, Ruitor, fino al gruppo del bianco. Salita pazzesca e bellissima, da fare assolutamente se siete in zona. In cima un bar e qualche b&b. Tanto ma tanto sole... Vorrei rifarla domani da quanto è bella.
non ricordo più se era lì che la gentilissima cuoca del bar/ristorante in cima vantava la partecipazione a una delle trasmissioni culinarie più in voga all'epoca...
Certo! Prova del cuoco 2007 :) arrivato alla fine della strada asfaltata ho trovato, poco più sotto, quel baretto ristoranteaffittacamere. Prendo una coca e il bigliettino per il numero e leggo sul retro del loro exploit.

Ho cominciato i salassi da Avise (talvolta doppia cifra, ha degli strappi interessanti e un paio di tornanti vista Bianco), poco dopo Saint Nicolas (andare alla chiesa perché ha una vista spettacolare sulla Valle d'Aosta) il panorama era così bello che quando ho visto una deviazione verso l'alto (Vetan, appunto) ho dovuto prenderla ("prendimi, sali, anche se non mi conosci, anche se non sai chi sono e dove vado, svolta, rampega, scopri, esplora, più in alto!"). Da lì pendenze costanti e pedalabili. La discesa su Saint Pierre è dolce e godibile, quindi mi sento di suggerire la salita a Vetan da Saint Pierre a chi teme pendenze brute (son ca. 1100 m di dislivello da st pierre).


“Our interest’s on the dangerous edge of things.
The honest thief, the tender murderer, the superstitious atheist”.

herbie
Messaggi: 3657
Iscritto il: sabato 26 febbraio 2011, 17:19

Re: La Vallée

Messaggio da leggere da herbie » martedì 31 luglio 2018, 14:47

Maìno della Spinetta ha scritto:
martedì 31 luglio 2018, 6:13
herbie ha scritto:
martedì 31 luglio 2018, 0:38
Maìno della Spinetta ha scritto:
lunedì 30 luglio 2018, 23:36
Vetan da Avise. Dura, spettacolare, salita dai panorami emozionanti. Grivola, gran paradiso, granta parei, grand rousse, Ruitor, fino al gruppo del bianco. Salita pazzesca e bellissima, da fare assolutamente se siete in zona. In cima un bar e qualche b&b. Tanto ma tanto sole... Vorrei rifarla domani da quanto è bella.
non ricordo più se era lì che la gentilissima cuoca del bar/ristorante in cima vantava la partecipazione a una delle trasmissioni culinarie più in voga all'epoca...
Certo! Prova del cuoco 2007 :) arrivato alla fine della strada asfaltata ho trovato, poco più sotto, quel baretto ristoranteaffittacamere. Prendo una coca e il bigliettino per il numero e leggo sul retro del loro exploit.

Ho cominciato i salassi da Avise (talvolta doppia cifra, ha degli strappi interessanti e un paio di tornanti vista Bianco), poco dopo Saint Nicolas (andare alla chiesa perché ha una vista spettacolare sulla Valle d'Aosta) il panorama era così bello che quando ho visto una deviazione verso l'alto (Vetan, appunto) ho dovuto prenderla ("prendimi, sali, anche se non mi conosci, anche se non sai chi sono e dove vado, svolta, rampega, scopri, esplora, più in alto!"). Da lì pendenze costanti e pedalabili. La discesa su Saint Pierre è dolce e godibile, quindi mi sento di suggerire la salita a Vetan da Saint Pierre a chi teme pendenze brute (son ca. 1100 m di dislivello da st pierre).
:D beh...dipende un po' dalle "condizioni" in cui sei...io ricordo che su questa benedetta deviazione per Vetan feci una certa non indifferente fatica (provenivo da Champillon e dalla "traversata" - in realtà, venendo da là, quasi tutta salita - dei Salasses e andavo al San Carlo, dove vidi tutti i Santi in sacra conversazione) . Poi mangiai il panino dimensioni extralarge acquistato e impacchettato presso il ristorante di quella santa donna e recuperai prodigiosamente tanto da risalire al belvedere di Courmayeur con grande soddisfazione.



Avatar utente
Maìno della Spinetta
Messaggi: 5198
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 15:53

Re: La Vallée

Messaggio da leggere da Maìno della Spinetta » venerdì 3 agosto 2018, 8:30

herbie ha scritto:
martedì 31 luglio 2018, 14:47


:D beh...dipende un po' dalle "condizioni" in cui sei...io ricordo che su questa benedetta deviazione per Vetan feci una certa non indifferente fatica (provenivo da Champillon e dalla "traversata" - in realtà, venendo da là, quasi tutta salita - dei Salasses e andavo al San Carlo, dove vidi tutti i Santi in sacra conversazione) . Poi mangiai il panino dimensioni extralarge acquistato e impacchettato presso il ristorante di quella santa donna e recuperai prodigiosamente tanto da risalire al belvedere di Courmayeur con grande soddisfazione.
qualcuno risponda come si deve a quest'uomo - da dove partivi? Come sei rientrato? Perchè da Aosta sarebbero a spanne... 1500, 1200, 1000 metri di dislivello, più i 250 di Courma. Una mazzata.


“Our interest’s on the dangerous edge of things.
The honest thief, the tender murderer, the superstitious atheist”.

Avatar utente
Maìno della Spinetta
Messaggi: 5198
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 15:53

Re: La Vallée

Messaggio da leggere da Maìno della Spinetta » venerdì 3 agosto 2018, 8:33

L'altro ieri ho fatto Les Combes da Villeneuve. Salita a strappetti, con un tratto impegnativo fino al bivio. Poi la strada ha uno strappo intenso, e subito spiana. Dopo aver rifiatato 500 metri riparte costante attorno all'8%. Molto godibile, essendo costante e senza strappi, e molto coperta dal sole. Il panorama è abbastanza banale, sulla parte bassa della Vallée, quindi confermo che il versante di Arvier è da preferire. In cima svolta fino a Les Combes, villaggetto molto carino col santuarietto dedicato a Giovanni Paolo II.


“Our interest’s on the dangerous edge of things.
The honest thief, the tender murderer, the superstitious atheist”.

Avatar utente
Maìno della Spinetta
Messaggi: 5198
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 15:53

Re: La Vallée

Messaggio da leggere da Maìno della Spinetta » venerdì 3 agosto 2018, 8:58

Ieri mattina giro al Gran san Bernardo. Una salita su cui avevo messo il circoletto rosso da un po' per il panorama magnifico, ma che l'anno scorso non ero riuscito a trovare il tempo di fare.

Partenza da Introd, e discesa su Aosta dal fianco destro, passando per Aymavilles, Gressan... Ottimi saliscendi che riempiono la gamba e solo traffico locale. Passata Gressan, rotonda e giù a sx verso Aosta. Era una giornata stupenda, e si è aperta innanzi a me la vallata con la Grand Combin e le creste innevate innanzi. Ho provato anche a individuare la conca di By e Champillon, tanto cara a Herbie, e credo di aver capito dove sono - in pratica un terrazzo vista Grand Combin, giusto?
Giro attorno ad Aosta e seguo per Reisin e Porossan (la strada si diparte dalla statale ed è ben segnalata). La salita parte interessante, con qualche strappo duro, ma non è mai esigente. Passata Closellinaz ho preso verso la frazione Mannisond: breve discesa, ponticello mezzo pericolante, e riparto a salire verso Allein. Facendo questo giro si evita la parte bassa del Gran San Bernardo, ci si avventura tra gli alberi, ben riparati, e soprattutto non si incrociano auto. Consiglio assolutamente questa variante, aggiunge 7 o 8 km all'altra, qualche metro di dislivello nei saliscendi, ma è molto più fresca e protetta dal traffico. Da Etroubles ho ripreso la salita "normale", ufficiale. Segnalo a Rhèmy Bourg l'ultima fontana e un bar (Hotel Suisse), perché poi nei 12 km successivi ci saranno un paio di rifugi, ma nessuna fontanella.

La salita non è difficile, vero nemico un vento molto freddo. Dopo esser passati sotto al tunnel, spariscono gli alberi, quindi anche iul sole si fa sentire. Le pendenze son sempre gestibili con pedalata rotonda diciamo, non mi son mai messo a stantuffare (e non sono un Herbie io, sono une lanterne rouge... però ho superato 7 ciclisti e nessuno mi ha passato, segno che c'è tanta gente che fa in modo avventato questi sforzi.

Nel tratto finale, di ca. 8 km, si passano due conche, entrambe grandiose. La prima è coronata solo da prati e vette, e, a chi non è pratico del Passo, può dare l'impressione di essere la parte finale. In verità si compie il periplo di questa conca per arrivare a una piccola sella che... porta a un'altra conca! Il passo è 5 km più sopra. C'è un bar enoteca, con tende modello camp himalayano per proteggere dal forte vento (credetemi, peggio quello delle pendenze), e poi si comincia a salire in una conca con ruscelli, massi strapazzati dai ghiacci e ardite guglie di granito. Uno spettacolo. Un dentone inclinato di rocce a strati troneggia imponente sulla sinistra. Andando verso nord il vento è forte, almeno col tornante diventa di traverso/a favore, quindi si convive bene con le raffiche. Un paravalanghe annuncia la fine, un laghetto, il solito traffico dei passi, gente a piedi, moto, camper, cani e decappottabili in manovra. Ultimo dente e sono all'ospizio.

Dall'altra parte si vede benissimo la Grand Combin. Val la pena fare il passo per farsi la foto ricordo anche con il gigante svizzero che domina Aosta.

Che dire, salita da fare e da rifare. Il panorama, stupendo, non è tanto quello che si vede da altre parti, ma è nella salita stessa, che si arrampica in due conche meravigliose. La variante iniziale verso Valpelline per poi rientrare su Etroubles è assolutamente consigliata.

Il rientro l'ho fatto per il versante classico. In val d'Aosta mi son beccato un caldo africano e l'ho sofferto parecchio. I 3 km finale di salita su Introd mi hanno steso. Senza aver mangiato e ormai senza acqua il caldo mi aveva cucinato... Sono andato su come mia nonna ma almeno ho prtato la pelle a casa.

Una mattina bellissima, ca. 2500 m di dislivello, un po' più di 100 km. Numeri (invero, non altissimi, che non facevo da diversi anni).


“Our interest’s on the dangerous edge of things.
The honest thief, the tender murderer, the superstitious atheist”.

herbie
Messaggi: 3657
Iscritto il: sabato 26 febbraio 2011, 17:19

Re: La Vallée

Messaggio da leggere da herbie » venerdì 3 agosto 2018, 21:57

Io ormai vado molto piano. In quella occasione il giro era questo: https://www.strava.com/activities/645261978. Quando faccio queste cose cerco di tenermi tutta la giornata a disposizione, per cercare di massimizzare il "guadagno" rispetto ai km. da fare in macchina per andare in montagna.
Hai girato la zona quasi del tutto, direi, ormai sei un esperto! molte strade di cui parli non le conosco e ora vorrei tornare per metterne insieme un po'. Chissà



Winter
Messaggi: 13398
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Re: La Vallée

Messaggio da leggere da Winter » venerdì 3 agosto 2018, 22:07

Complimenti :clap:
il grande l ho fatto anch'io
Per me , nonostante pendenze più semplici , vale il tourmalet

Passando per roisan e rientrando a etroubles
sei passato da doues
facendo i primi km della salita per la conca di by
poi tu hai girato per allein etroubles



Avatar utente
Maìno della Spinetta
Messaggi: 5198
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 15:53

Re: La Vallée

Messaggio da leggere da Maìno della Spinetta » sabato 4 agosto 2018, 22:31

WP_20180726_09_27_56_Pro[1].jpg
Vista del ghiacciaio del Gran Paradiso da Pont.
WP_20180726_09_27_56_Pro[1].jpg (204.23 KiB) Visto 817 volte
Maìno della Spinetta ha scritto:
sabato 28 luglio 2018, 16:29
Impressioni sulla Valsavarenche: nulla di che'. Come salita, è più semplice, più sdraiata, della Val di Rhèmes. Come panorama, è abbastanza chiusa e anonima. Son partito che c'erano 12 gradi ed è in ombra fino alle 9 passate, in salita ho sofferto un po' il freddo.
Si è assolutamente ripagati dall'ultimo km prima di Pont, dove le pendenze sono forti, sulla destra si vede il Colle del Nivolet e sulla sinistra la valle che porta al gruppo del Gran Paradiso. La cima del Gran Paradiso vero e proprio spunta nel finale, rocce moreniche e testata di valle fatte di neve e ghiaccio. Panorama molto aperto, il contrario della Val di Rhèmes, che è una valle molto carina, che si chiude nel finale. Questa valle dice poco, ma ha un finale strepitoso.

La salita non è difficile, nonostante il dislivello (1200 metri da Villeneuve), sono circa 25 km di lunghezza, pochissimi tratti impegnativi, alcuni tunnel , tutti illuminati o con le aperture laterali grandi, è fattibile anche senza luci. Una sgambata comunque, non è davvero impegnativa.
Ecco qualche immagine.

Se proseguite al parcheggio di Pont facendo un ponticello in legno e seguendo una strada su sterrato come un biliardo, arrivate in 5 minuti a un rifugio dove si mangia benissimo.

Immagine


“Our interest’s on the dangerous edge of things.
The honest thief, the tender murderer, the superstitious atheist”.

Avatar utente
Maìno della Spinetta
Messaggi: 5198
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 15:53

Re: La Vallée

Messaggio da leggere da Maìno della Spinetta » sabato 4 agosto 2018, 22:43

Maìno della Spinetta ha scritto:
lunedì 23 luglio 2018, 14:16
Ieri prima mattina prima uscita, colle di San Pantaleone, versante Chambave-San Denis, rientro in discesa su Verrayes e Nus. Che dire: Salita tendenzialmente regolare, primi km molto impegnativi ma costanti, poi dopo san Denis il panorama si apre e le pendenze si addolciscono. Meraviglioso l'alpeggio con 3 paesini si fila (Semon...) in cui la vista domina tutta la valle e la Grivola (o l'Emilius, ma aveva tanta neve, ero confuso....) cattura lo sguardo. Ultimi 3 km da bestemmia in arabo, direi attorno al 9%, ma almeno si ha un po' di fresco dagli alberi. In cima vista su Cervino e Valtournanche. Gran salita, circa 1200m di dislivello in 16.5 km.
Immagine

il Cervino è tra le nubi. Dietro quella sella sulla destra mi sembra che spunti... Il Castore?
Allegati
WP_20180722_13_02_09_Pro.jpg
Vista di Torgnon e Cervino tra le nubi, 100 metri dopo il col du Saint Pantaléon
WP_20180722_13_02_09_Pro.jpg (229.06 KiB) Visto 816 volte


“Our interest’s on the dangerous edge of things.
The honest thief, the tender murderer, the superstitious atheist”.

Avatar utente
Maìno della Spinetta
Messaggi: 5198
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 15:53

Re: La Vallée

Messaggio da leggere da Maìno della Spinetta » sabato 4 agosto 2018, 22:55

Maìno della Spinetta ha scritto:
martedì 24 luglio 2018, 17:07
dopo una bellissima giornata in Valgrisenche con la famiglia, stamattina mi son fatto la Val di Rhèmes. Da Villeneuve sono circa 24 km, io son partito dal bivio di Introd, a quota ca. 880 m sul livello del mare. Primi 10 km belli tosti, con tratti facili alternati a tratti duri. Ben coperta nel bosco da Introd a Rhèmes Saint George, e poi un drittone da paura, diversi km, mai una curva e pendenza sensibile sotto le gomme. Sono circa 700 metri di dislivello in poco meno di 10 km, fino a una serie di 3 gallerie para valanghe, di cui una lunga e NON ILLUMINATA (quindi, chi si avventura su queste salite DEVE AVERE LE LUCI), di cui una a naso attorno al 9% costante in salita. Finita la terza delle serie di gallerie, chiamate Chabod, la strada si ammorbidisce, quando si è a quota 1550 (questo tratto di 9.6 km, dislivello positivo di 685 m, l'ho fatto in 57 minuti senza ammazzarmi, una squallida VAM di 700 :D ).

A questo punto comincia una nuova salita, a tratti piatta, a tratti si sale ancora, ma non fa mai un gran male. Di colpo compare la Dora scrosciante accanto, i paesi diventano uno più carino dell'altro, molti ancora non toccati dagli incentivi sui restauri, da lontano fa capolino la Granta Parei, con due splendidi ghiacciai attorno. Cascate argentate intarsiano il nero delle rocce e lo scuro verde degli abeti. Ormai si è nella conca in cima, da Artalle (quota 1650 ca.) in poi la strada è facile. Si passa la Dora su un ponte, facendo un tratto piano, rilancio col 50. Si passa da Chanavey, dove il Bar Rousse garantisce una vista impagabile sulla Granta Parei (stop raccomandato per un caffé. Per mangiare suggerisco il Granta Parei, 30 metri più avanti, prezzo ridicolo e bontà valdaostane a palate). Ormai si spinge facile, una S ci porta attraverso Rhèmes Notre Dame - e qui finisce la conca. Siamo attorno ai 1750 m, comincia il vento freddo, la strada diventa un sottile nastro grigio, un cartello annuncia "14%", si sale in maniera secca, pratoni e pinete si alternano, finché compare sullo sfondo il parcheggio che chiude la valle. Thumel è il paesino sulla sinistra, un ultimo maledetto tratto dalla pendenza molto severa, e si arriva a una casetta accanto al parcheggio dove comincia lo sterrato. Se si scende accanto al parcheggio c'è un bar ristorante e un gruppetto di case. Se si continua con la MTB si arriva al Rifugio Benevolo. Io son rientrato a Chanavey per mangiare un boccone e farmi un caffé con vista, perché in cima, oltre ai 1900 m SLM, pativo freddo, nuovole, e la mancanza della vista sui ghiacciai - come sempre, i paesi più incuneati nella testata della valle patiscono di esser troppo contro le montagne più alte, e di non vederle nella loro interezza.

Giudizio:
le mie gambe son legnose, devo fare tanta salita prima di tornare ad essere almeno l'ombra di me stesso :)
Val di Rhèmes: clamorosa, un sacco di bei paesini dove tornare con la famiglia per un panino e una passeggiata.
Conca di Rhèmes Notre Dame, spettacolare: fiume, altopiano, paesini ben curati, tanti ristorantini e baretti, chiesette, famiglie a zonzo, turisti, poche macchine e una gran vista.
Tratto finale fino a Thumel: si respire l'alta montagna, quella con l'erba spessa, i fiori, e l'odore fino del ghiaccio nell'aria.

Ah, discesa velocissima, poche curve, ci si diverte parecchio, i tunnel ghiacciano e MI RACCOMANDO ABBIATE LE LUCI CON VOI.
Immagine
WP_20180722_13_02_09_Pro.jpg
Vista al tramonto della Granta Parei
WP_20180722_13_02_09_Pro.jpg (106.37 KiB) Visto 810 volte


“Our interest’s on the dangerous edge of things.
The honest thief, the tender murderer, the superstitious atheist”.

Avatar utente
Maìno della Spinetta
Messaggi: 5198
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 15:53

Re: La Vallée

Messaggio da leggere da Maìno della Spinetta » sabato 4 agosto 2018, 23:14

Maìno della Spinetta ha scritto:
giovedì 26 luglio 2018, 22:52
Ieri mattina son partito da Introd, ho risalito il costolone sotto Les Combes (altra salita che mi intriga...), e sono sceso sul bellissimo borgo di Arvier (fyi, alla rotonda c'è un ciclista). Svolta a sinistra e via lungo la statale. Un po' di mezzi pesanti, ma in generale poco casino. Alla rotonda di La Salle compare maestoso il Bianco, che non mi lascerà più. Alla seconda rotonda lascio la statale e mi butto dritto lungo l'antica via romana, tra i vigneti. Si sale al 4%, e ci si gode il paesaggio di colpo agricolo. Corta discesa (con un paio di bar molto più semplici di quelli della pettinata Courma) e si rispunta sulla statale, a pre' san Didier. Non imbocco la strada per Courma, ma "attraveso" la statale imboccando il Piccolo san Bernardo. Il massiccio del Bianco si vede dalla vetta fino alla gran jorasse. Il dente del gigante splende nel blu. Salgo verso il piccolo e al primo tornante lascio la statale andando dritto - così facendo si evita la strada nuova per Courma, e si prende quella vecchia, molto meno battuta. La salita è adesso più sensibile, 5/6%. Qualche tornante. Ignoro un divieto di accesso rivolto ai turisti, e dopo pochi km arrivo a Courmayeur. Tantissimi turisti, bici, macchine, camminatori - nel caos imbocco la strada vecchia per La Palud. Non fate questo errore, è bloccata. Occorre prender per forza la statale che porta a Entreves. Le pendenze continuan dolci, il panorama sui ghiacciai e i valloni leva il fiato. Poi infilo il bivio a sinistra verso la Val Veny -occhio che i cartelli son messi male. Breve discesina, e partono alcuni km tostissimi, i doppia cifra. Con mia sorpresa non vado in affanno, ma anzi riesco ad aggredire il ritmo. Saranno 2 o 3 km veramente tosti, fino a Notre Dame de la Guerison, poi si svolta in val Veny e la strada diventa sostanzialmente piatta. Nuovi divieti. Ghiacciai e venti freddi. La dora romba accanto. Divieti di accesso per i non residenti e giganti si alternano. Poi, arrivati a una spianata di campeggi - boom, doppia cifra di nuovo, di colpo. Stavolta sento le gambe stanche e cerco di gestirla. Si comincia a salire accanto al torrente - posti sempre più belli, strada sempre più stretta, si passa una barra di fine strada ma l'asfalto continua. Un 12% mi infilza, ma tiro dritto passando una serie di bikers. Infine compare la sella in fondo alla Val Veny, e lì finisce l'asfalto, poco sotto a un lago.

Salita fantastica con pendenze dolci e aspre alternate. Un finale qua al Giro (dopo il san Carlo?), con tanto di spianata per l'arrivo a campeggi, farebbe devasti.

La discesa è semplice, solo il fondo avvallato in un tornante nel tratto riposo dopo Portud mi sbalza di traiettoria, ma per il resto nessun problema.

Salita da fare e da rifare. Consiglio per panorama e varietà di pendenze.

Il rientro a casa me lo bevo tra discesa, falsopiano e gamba piena.
Allegati
WP_20180726_09_27_56_Pro[1].jpg
WP_20180726_09_27_56_Pro[1].jpg (301.01 KiB) Visto 804 volte
download.png
Val Veny da Arvier
download.png (39.99 KiB) Visto 808 volte


“Our interest’s on the dangerous edge of things.
The honest thief, the tender murderer, the superstitious atheist”.

Avatar utente
Maìno della Spinetta
Messaggi: 5198
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 15:53

Re: La Vallée

Messaggio da leggere da Maìno della Spinetta » lunedì 13 agosto 2018, 12:52

Maìno della Spinetta ha scritto:
lunedì 30 luglio 2018, 23:36
Vetan da Avise. Dura, spettacolare, salita dai panorami emozionanti. Grivola, gran paradiso, granta parei, grand rousse, Ruitor, fino al gruppo del bianco. Salita pazzesca e bellissima, da fare assolutamente se siete in zona. In cima un bar e qualche b&b. Tanto ma tanto sole... Vorrei rifarla domani da quanto è bella.
Prima parte fino a Cerelliaz
Immagine

Al falsopiano si ricongiunge con questa, fino a Vedun.
Immagine
Tre Valli da Vetan.jpg
Tre Valli da Vetan.jpg (226.46 KiB) Visto 748 volte
Da sinistra si nota la Val Savara col Gran Paradiso (Tout Blanc se non erro la montagna). Poi la Grivola. Val di Rhémes con Granta Parei e Grand Rousse. Infine il ghiacciaio del Ruitor con le sue tre cime. Sotto ai piedi delle due valli l'abitato di Introd.


“Our interest’s on the dangerous edge of things.
The honest thief, the tender murderer, the superstitious atheist”.

Avatar utente
Maìno della Spinetta
Messaggi: 5198
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 15:53

Re: La Vallée

Messaggio da leggere da Maìno della Spinetta » lunedì 13 agosto 2018, 12:58

Maìno della Spinetta ha scritto:
sabato 28 luglio 2018, 19:54
Stasera son salito a les combes da Arvier e son sceso du Introd. Alcuni km duri dal bivio ma poi va su facile. Molto scoperta, se c'è caldo non c'è riparo, però balcone su bianco e Ruitor. L'altro versante è meno panoramico, molta vegetazione, col sole che picchia può far piacere, e asfalto in generale più bello.
Ci ho messo mezz'ora esatta, quindi una salita che si abbina bene con altro - coi Salassi un giro perfetto.
Immagine


“Our interest’s on the dangerous edge of things.
The honest thief, the tender murderer, the superstitious atheist”.

Avatar utente
Maìno della Spinetta
Messaggi: 5198
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 15:53

Re: La Vallée

Messaggio da leggere da Maìno della Spinetta » lunedì 13 agosto 2018, 13:03

Maìno della Spinetta ha scritto:
venerdì 3 agosto 2018, 8:33
L'altro ieri ho fatto Les Combes da Villeneuve. Salita a strappetti, con un tratto impegnativo fino al bivio. Poi la strada ha uno strappo intenso, e subito spiana. Dopo aver rifiatato 500 metri riparte costante attorno all'8%. Molto godibile, essendo costante e senza strappi, e molto coperta dal sole. Il panorama è abbastanza banale, sulla parte bassa della Vallée, quindi confermo che il versante di Arvier è da preferire. In cima svolta fino a Les Combes, villaggetto molto carino col santuarietto dedicato a Giovanni Paolo II.
Immagine
Combes 2.jpg
Il Bianco da sopra il valico di Les Combes, nella stradina verso il villaggio
Combes 2.jpg (633.78 KiB) Visto 742 volte
combes 1.jpg
Vista del Ruitor dal Santuario di Giovanni Paolo II
combes 1.jpg (261.66 KiB) Visto 742 volte


“Our interest’s on the dangerous edge of things.
The honest thief, the tender murderer, the superstitious atheist”.

Avatar utente
Maìno della Spinetta
Messaggi: 5198
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 15:53

Re: La Vallée

Messaggio da leggere da Maìno della Spinetta » lunedì 13 agosto 2018, 16:11

Maìno della Spinetta ha scritto:
venerdì 3 agosto 2018, 8:58
Ieri mattina giro al Gran san Bernardo. Una salita su cui avevo messo il circoletto rosso da un po' per il panorama magnifico, ma che l'anno scorso non ero riuscito a trovare il tempo di fare.

Partenza da Introd, e discesa su Aosta dal fianco destro, passando per Aymavilles, Gressan... Ottimi saliscendi che riempiono la gamba e solo traffico locale. Passata Gressan, rotonda e giù a sx verso Aosta. Era una giornata stupenda, e si è aperta innanzi a me la vallata con la Grand Combin e le creste innevate innanzi. Ho provato anche a individuare la conca di By e Champillon, tanto cara a Herbie, e credo di aver capito dove sono - in pratica un terrazzo vista Grand Combin, giusto?
Giro attorno ad Aosta e seguo per Reisin e Porossan (la strada si diparte dalla statale ed è ben segnalata). La salita parte interessante, con qualche strappo duro, ma non è mai esigente. Passata Closellinaz ho preso verso la frazione Mannisond: breve discesa, ponticello mezzo pericolante, e riparto a salire verso Allein. Facendo questo giro si evita la parte bassa del Gran San Bernardo, ci si avventura tra gli alberi, ben riparati, e soprattutto non si incrociano auto. Consiglio assolutamente questa variante, aggiunge 7 o 8 km all'altra, qualche metro di dislivello nei saliscendi, ma è molto più fresca e protetta dal traffico. Da Etroubles ho ripreso la salita "normale", ufficiale. Segnalo a Rhèmy Bourg l'ultima fontana e un bar (Hotel Suisse), perché poi nei 12 km successivi ci saranno un paio di rifugi, ma nessuna fontanella.

La salita non è difficile, vero nemico un vento molto freddo. Dopo esser passati sotto al tunnel, spariscono gli alberi, quindi anche iul sole si fa sentire. Le pendenze son sempre gestibili con pedalata rotonda diciamo, non mi son mai messo a stantuffare (e non sono un Herbie io, sono une lanterne rouge... però ho superato 7 ciclisti e nessuno mi ha passato, segno che c'è tanta gente che fa in modo avventato questi sforzi.

Nel tratto finale, di ca. 8 km, si passano due conche, entrambe grandiose. La prima è coronata solo da prati e vette, e, a chi non è pratico del Passo, può dare l'impressione di essere la parte finale. In verità si compie il periplo di questa conca per arrivare a una piccola sella che... porta a un'altra conca! Il passo è 5 km più sopra. C'è un bar enoteca, con tende modello camp himalayano per proteggere dal forte vento (credetemi, peggio quello delle pendenze), e poi si comincia a salire in una conca con ruscelli, massi strapazzati dai ghiacci e ardite guglie di granito. Uno spettacolo. Un dentone inclinato di rocce a strati troneggia imponente sulla sinistra. Andando verso nord il vento è forte, almeno col tornante diventa di traverso/a favore, quindi si convive bene con le raffiche. Un paravalanghe annuncia la fine, un laghetto, il solito traffico dei passi, gente a piedi, moto, camper, cani e decappottabili in manovra. Ultimo dente e sono all'ospizio.

Dall'altra parte si vede benissimo la Grand Combin. Val la pena fare il passo per farsi la foto ricordo anche con il gigante svizzero che domina Aosta.

Che dire, salita da fare e da rifare. Il panorama, stupendo, non è tanto quello che si vede da altre parti, ma è nella salita stessa, che si arrampica in due conche meravigliose. La variante iniziale verso Valpelline per poi rientrare su Etroubles è assolutamente consigliata.

Il rientro l'ho fatto per il versante classico. In val d'Aosta mi son beccato un caldo africano e l'ho sofferto parecchio. I 3 km finale di salita su Introd mi hanno steso. Senza aver mangiato e ormai senza acqua il caldo mi aveva cucinato... Sono andato su come mia nonna ma almeno ho prtato la pelle a casa.

Una mattina bellissima, ca. 2500 m di dislivello, un po' più di 100 km. Numeri (invero, non altissimi, che non facevo da diversi anni).
Qua riporto l-ascesa finale lungo la strada secondaria verso Porossan e la Valpelline, occorre solo stare attenti al bivio di Massinod e a fare destra e subito sinistra rientrati sulla regionale.
Allegati
La seconda conca.jpg
La seconda conca.jpg (218.18 KiB) Visto 727 volte
La prima delle due conche Panorama.jpg
La prima delle due conche Panorama.jpg (103.98 KiB) Visto 727 volte
gran-san-bernardo.jpg
gran-san-bernardo.jpg (59.63 KiB) Visto 727 volte


“Our interest’s on the dangerous edge of things.
The honest thief, the tender murderer, the superstitious atheist”.

Avatar utente
Maìno della Spinetta
Messaggi: 5198
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 15:53

Re: La Vallée

Messaggio da leggere da Maìno della Spinetta » lunedì 13 agosto 2018, 16:12

segue...
Allegati
maino e la grand combin vista sul vallone svizzero.jpg
maino e la grand combin vista sul vallone svizzero.jpg (282.17 KiB) Visto 726 volte
Il lago dal passo.jpg
Il lago dal passo.jpg (293.09 KiB) Visto 726 volte


“Our interest’s on the dangerous edge of things.
The honest thief, the tender murderer, the superstitious atheist”.

nikybo85
Messaggi: 1628
Iscritto il: mercoledì 23 agosto 2017, 0:06

Re: La Vallée

Messaggio da leggere da nikybo85 » martedì 18 settembre 2018, 0:56

Cazzarola che bel 3d
Complimenti Maìno e grazie per questa ampia panoramica della Valle..purtroppo vedo solo ora questo 3d in ritardissimo rispetto alla tua visita.
Ora,ho scoperto e scorso un po rapido ma leggerò con più calma..Comunque, mi pare tu non sia stato nella zona di cervinia....



Avatar utente
Maìno della Spinetta
Messaggi: 5198
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 15:53

Re: La Vallée

Messaggio da leggere da Maìno della Spinetta » sabato 27 ottobre 2018, 15:31

nikybo85 ha scritto:
martedì 18 settembre 2018, 0:56
Cazzarola che bel 3d
Complimenti Maìno e grazie per questa ampia panoramica della Valle..purtroppo vedo solo ora questo 3d in ritardissimo rispetto alla tua visita.
Ora,ho scoperto e scorso un po rapido ma leggerò con più calma..Comunque, mi pare tu non sia stato nella zona di cervinia....
la bassa valle la batteva con costanza da ragazzo, mi mancava completamente la parte centrale, attorno al gran paradiso e Aosta, e mi son voluto cavare lo sfizio. La salita in bassa val d'Aosta che di sicuro mi ha dato piu' soddisfazione e' lo Zuccore da Verres. Un gusto particolare ha anche Barmasc, sempre da Verres, perche' si parte dal piano, dall'umido della valle, e poi ad ogni tornante un nuovo paese, un nuovo scorcio, e poi, dopo il muro di Lignod, passata Antagnod, quei due ampi tornanti negli alpeggi pelati che portano in alto, col vento, col ghiacciaio del Rosa a salutare da lontano.

Purtroppo non ero mai riuscito a infilare il Saint-Panthaleon, infatti e' stata la prima salita che ho voluto cavarmi prima di dedicarmi al resto della Valle.

Prossima primavera ho in agenda Champorcher, Conca di By, Vedun, e Val Ferret, se sei in giro ti faccio un colpo e andiamo insieme - ma cacchio, no, dobbiamo di sicuro vederci per il Giro. Si potrebbe andare a Verrogne, scendere su Avise, e mentre loro vanno a Les Combes e al San Carlo noi tiriamo dritti a Verrand.


“Our interest’s on the dangerous edge of things.
The honest thief, the tender murderer, the superstitious atheist”.

nikybo85
Messaggi: 1628
Iscritto il: mercoledì 23 agosto 2017, 0:06

Re: La Vallée

Messaggio da leggere da nikybo85 » sabato 27 ottobre 2018, 22:31

Maìno della Spinetta ha scritto:
sabato 27 ottobre 2018, 15:31
nikybo85 ha scritto:
martedì 18 settembre 2018, 0:56
Cazzarola che bel 3d
Complimenti Maìno e grazie per questa ampia panoramica della Valle..purtroppo vedo solo ora questo 3d in ritardissimo rispetto alla tua visita.
Ora,ho scoperto e scorso un po rapido ma leggerò con più calma..Comunque, mi pare tu non sia stato nella zona di cervinia....
la bassa valle la batteva con costanza da ragazzo, mi mancava completamente la parte centrale, attorno al gran paradiso e Aosta, e mi son voluto cavare lo sfizio. La salita in bassa val d'Aosta che di sicuro mi ha dato piu' soddisfazione e' lo Zuccore da Verres. Un gusto particolare ha anche Barmasc, sempre da Verres, perche' si parte dal piano, dall'umido della valle, e poi ad ogni tornante un nuovo paese, un nuovo scorcio, e poi, dopo il muro di Lignod, passata Antagnod, quei due ampi tornanti negli alpeggi pelati che portano in alto, col vento, col ghiacciaio del Rosa a salutare da lontano.

Purtroppo non ero mai riuscito a infilare il Saint-Panthaleon, infatti e' stata la prima salita che ho voluto cavarmi prima di dedicarmi al resto della Valle.

Prossima primavera ho in agenda Champorcher, Conca di By, Vedun, e Val Ferret, se sei in giro ti faccio un colpo e andiamo insieme - ma cacchio, no, dobbiamo di sicuro vederci per il Giro. Si potrebbe andare a Verrogne, scendere su Avise, e mentre loro vanno a Les Combes e al San Carlo noi tiriamo dritti a Verrand.
Ciao Maìno, assolutamente da annotare l'appuntamento per il Giro :yes: :) se poi passi anche prima in bici fammi sapere lostesso, anche se non potrò reggere il tuo passo :sasso:
Ho fatto un pezzo dello Zuccore proprio ieri..l'altro versante però..mi sono fermato ancora troppo in basso per vedere il meglio, era tardi ma ci tornerò con più calma. Recentemente ho fatto la salita di Verrayes che se non sbaglio dovrebbero fare al principio della tappa del Giro..una bella salitella se fatta completa.




Rispondi