Libro di Damiano Cunego

Per discutere, analizzare, approfondire tutto quello che riguarda il tema più dibattuto del ciclismo
Luca90
Messaggi: 5647
Iscritto il: venerdì 31 luglio 2015, 22:21

Libro di Damiano Cunego

Messaggio da leggere da Luca90 » venerdì 19 aprile 2019, 16:31

tra qualche settimana dovrebbe uscire un libro sulla carriera del corridore italiano che si è sempre battuto per un ciclismo pulito, sono uscite anche delle anticipazioni...
pareri?


2015: Tre Valli Varesine
2016 (11°) : Giro d'Italia (primi5), Tour tappa 11, Tour tappa 14, Parigi-Tours
2017 (14°) : Kuurne-Bruxelles-Kuurne, Tro Bro Leon
2018 (16°): Tour of Guangxi
2019 ( °): Dwars door Vlaanderen, Tour tappa 18


Avatar utente
il_panta
Messaggi: 4818
Iscritto il: lunedì 21 maggio 2012, 13:39

Re: Libro di Damiano Cunego

Messaggio da leggere da il_panta » venerdì 19 aprile 2019, 16:47

Luca90 ha scritto:
venerdì 19 aprile 2019, 16:31
tra qualche settimana dovrebbe uscire un libro sulla carriera del corridore italiano che si è sempre battuto per un ciclismo pulito, sono uscite anche delle anticipazioni...
pareri?
Difficile prima di averlo letto. :D


2019: Giro d'Italia tp 4, 5, 20; 1° Giro d'Italia classifica generale; Tour de France: tp 1, tp 10.

Luca90
Messaggi: 5647
Iscritto il: venerdì 31 luglio 2015, 22:21

Re: Libro di Damiano Cunego

Messaggio da leggere da Luca90 » venerdì 19 aprile 2019, 16:57

il_panta ha scritto:
venerdì 19 aprile 2019, 16:47
Luca90 ha scritto:
venerdì 19 aprile 2019, 16:31
tra qualche settimana dovrebbe uscire un libro sulla carriera del corridore italiano che si è sempre battuto per un ciclismo pulito, sono uscite anche delle anticipazioni...
pareri?
Difficile prima di averlo letto. :D
no dico sulle anticipazioni, non so se le hai lette...


2015: Tre Valli Varesine
2016 (11°) : Giro d'Italia (primi5), Tour tappa 11, Tour tappa 14, Parigi-Tours
2017 (14°) : Kuurne-Bruxelles-Kuurne, Tro Bro Leon
2018 (16°): Tour of Guangxi
2019 ( °): Dwars door Vlaanderen, Tour tappa 18

Avatar utente
Divanista
Messaggi: 561
Iscritto il: lunedì 16 aprile 2018, 14:21

Re: Libro di Damiano Cunego

Messaggio da leggere da Divanista » venerdì 19 aprile 2019, 17:00

Sarà, ma a me il titolo non piace per niente.
«Purosangue. Il Piccolo Principe, un campione a pane e acqua»
Mi sembra il tentativo di auto-incensarci, di passare da (unico) eroe e, implicitamente, di gettare fango su tutti gli altri.

Descrizione del libro da www.libreriauniversitaria.it
«Damiano Cunego, vincitore del Giro d'Italia 2004, si racconta nella sua prima autobiografia. Dal ricordo di un'infanzia felice passata sui monti veronesi - tra auto veloci, hockey su ghiaccio e corsa campestre - allo sbarco nel ciclismo che conta. Aneddoti, curiosità e foto dell'ex enfant prodige che avrebbe dovuto raccogliere l'eredità del più grande, Marco Pantani. Soprannominato Il Piccolo Principe, per il suo animo gentile e puro, Cunego ha avuto la sola colpa di voler correre onestamente, pagandone lo scotto sulla propria pelle e ottenendo molto meno rispetto a quanto avrebbe meritato. Il racconto della rivalità storica con Gilberto Simoni, nata durante il Giro 2004, vinto contro ogni pronostico a soli 22 anni: uno scontro generazionale che per tre settimane ha fatto sognare milioni di appassionati in tutto il mondo. Il rapporto speciale con il Giro di Lombardia, la classica monumento dominata per ben tre volte. L'amore per la Nazionale e quello per il Tour de France. Le relazioni umane con le persone che gli sono state accanto in questi diciassette anni da corridore, anche quando qualcuno ha cercato di infangare il suo nome coinvolgendolo in vicende con cui non aveva nulla a che fare. Un purosangue, che ha dimostrato come, negli anni in cui il doping la faceva da padrone, fosse possibile vincere anche a pane e acqua. Prefazione di Davide Cassani».
Alcune frasi le ho sottolineate io.
Mah e poi mah. :dubbio:


Ecco la mia presentazione. :carta:

Road Runner
Messaggi: 594
Iscritto il: martedì 8 novembre 2016, 11:44

Re: Libro di Damiano Cunego

Messaggio da leggere da Road Runner » sabato 20 aprile 2019, 5:08

Vomitevole. Cunego, finché non han trovato il modo di rilevare la molecola dell'Epo direttamente nel sangue, aveva l'esenzione del controllo del livello di ematocrito, perché un medico compiacente gli aveva certificato di avere 53 di ematocrito naturale. E così ha sfangato i controlli dal 2000 al 2007!!
Poi, una volta introdotti i controlli direttamente sull'Epo il suo ematocrito naturale è misteriosamente sceso a 44...
Vomitevole.




34x27
Messaggi: 2974
Iscritto il: giovedì 16 dicembre 2010, 9:38
Località: in salita

Re: Libro di Damiano Cunego

Messaggio da leggere da 34x27 » sabato 20 aprile 2019, 7:45

Road Runner ha scritto:
sabato 20 aprile 2019, 5:08
perché un medico compiacente
E' dimostrabile questa affermazione?


HEY MOTO

Avatar utente
nemecsek.
Messaggi: 1827
Iscritto il: mercoledì 6 gennaio 2016, 22:35

Re: Libro di Damiano Cunego

Messaggio da leggere da nemecsek. » sabato 20 aprile 2019, 9:17

qua ce stanno le premesse che diventa er thread dell anno



e chissà che... chissà che... se faccia quarche passettino per capire mejo quei anni...
magari quarche ex prof che ce legge dirà quarcosa in merito.... ce credo poco ma...


:angelo: :angelo: :angelo: :angelo:


Immagine

Avatar utente
chinaski89
Messaggi: 3708
Iscritto il: sabato 13 giugno 2015, 16:51

Re: Libro di Damiano Cunego

Messaggio da leggere da chinaski89 » sabato 20 aprile 2019, 13:01

:idea:

Vomitevole. Basta questo come commento.

:idea:



Winter
Messaggi: 14521
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Re: Libro di Damiano Cunego

Messaggio da leggere da Winter » sabato 20 aprile 2019, 13:49

Road Runner ha scritto:
sabato 20 aprile 2019, 5:08
Vomitevole. Cunego, finché non han trovato il modo di rilevare la molecola dell'Epo direttamente nel sangue, aveva l'esenzione del controllo del livello di ematocrito, perché un medico compiacente gli aveva certificato di avere 53 di ematocrito naturale. E così ha sfangato i controlli dal 2000 al 2007!!
Poi, una volta introdotti i controlli direttamente sull'Epo il suo ematocrito naturale è misteriosamente sceso a 44...
Vomitevole.
Quali sono le tue fonti?
come si chiama il medico?
Alla Nippo. .non mi pare avesse 44..



Road Runner
Messaggi: 594
Iscritto il: martedì 8 novembre 2016, 11:44

Re: Libro di Damiano Cunego

Messaggio da leggere da Road Runner » sabato 20 aprile 2019, 20:39

Cazzo, ma avete tutti una memoria lillipuziana!!! Me lo ricordo come se fosse oggi, e mi ricordo un'intervista di Capodacqua che lo incalzava su questo argomento, in cui Cunego stesso glissava e cambiava discorso.
Comunque la rete è ancora piena di tracce su questo argomento. Leggetevi ad esempio questo forum: https://it.sport.ciclismo.narkive.com/N ... ito-cunego
Aveva un certificato Uci per sforare a 53 di ematocrito.
Poi dopo la metà dei 2000 hanno trovato il modo di rintracciare la molecola dell'Epo nel sangue e per "lo spavento" il
suo ematocrito nel 2007 è sceso a 44.
E si eleva a paladino dell'antidoping ?



Winter
Messaggi: 14521
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Re: Libro di Damiano Cunego

Messaggio da leggere da Winter » sabato 20 aprile 2019, 20:54

Si ma hai citato il dato che conoscono tutti..
Da dove esce il 44???? Tu che hai memoria.. :D
Nel 2009 era sempre tra 50..e 51
E aveva sempre il certificato

Io ho 50 di ematocrito naturale



34x27
Messaggi: 2974
Iscritto il: giovedì 16 dicembre 2010, 9:38
Località: in salita

Re: Libro di Damiano Cunego

Messaggio da leggere da 34x27 » domenica 21 aprile 2019, 8:37

Road Runner ha scritto:
sabato 20 aprile 2019, 20:39
Leggetevi ad esempio questo forum: https://it.sport.ciclismo.narkive.com/N ... ito-cunego
Intanto non è un forum ma un vecchio newsgroup di usenet, che anch'io ho frequentai all'alba del web.

Poi c'è troppa roba: puoi fare riassunto ed estrapolare dove -eventualmente- qualcuno porta la dimostrazione della compiacenza?


HEY MOTO

Winter
Messaggi: 14521
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Re: Libro di Damiano Cunego

Messaggio da leggere da Winter » domenica 21 aprile 2019, 10:52

road runner sto discorso mi sembrava di averlo gia' sentito da altri utenti..
poi c'e' la funzione cerca.. ed eri sempre tu
3 anni fa.. avevi fatto le stesse accuse..
viewtopic.php?f=7&t=6891&p=389772&hilit ... to#p389772

anche li avevi perso la memoria :diavoletto: :diavoletto:
son curioso di vedere se la ritrovi..



Road Runner
Messaggi: 594
Iscritto il: martedì 8 novembre 2016, 11:44

Re: Libro di Damiano Cunego

Messaggio da leggere da Road Runner » domenica 21 aprile 2019, 11:16

Dopo l'introduzione del passaporto biologico, per un breve periodo era stato possibile consultarli tutti su una diramazione del sito Uci, e ricordo benissimo di aver visto Cunego, in periodi invernali, con una bella sequenza di 44, 44,5, 45 max.
Se uno ce l'ha alto di natura, ce l'ha sempre, non solo quando "serve"!
Poi per le storia della privacy hanno secretato tutto e addio trasparenza.



Winter
Messaggi: 14521
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Re: Libro di Damiano Cunego

Messaggio da leggere da Winter » domenica 21 aprile 2019, 18:28

Mi giunge nuova..
ovviamente adesso non possiamo vederli sti dati?

Perché i dati del processo lampre..dopo il 2009 lo danno sopra i 50
e su internet..solo tu lo scrivi
strano non abbiano usato sto 44 di Cunego nel processo a suo carico :uhm:



giorgio ricci
Messaggi: 2925
Iscritto il: lunedì 9 giugno 2014, 13:44

Re: Libro di Damiano Cunego

Messaggio da leggere da giorgio ricci » lunedì 22 aprile 2019, 12:37

Non discuto di ematocrito naturale alto o basso. Per me il problema è il cattivo gusto del titolo e della premessa del libro che getta fango sui colleghi, senza poter dimostrare la loro malafede ne tantomeno la sua buonafede. Io non l'ho letto, ma come puoi dire, ho deluso le attese perché ero onesto in mezzo ai disonesti? Autoincensarsi é patetico



Avatar utente
il_panta
Messaggi: 4818
Iscritto il: lunedì 21 maggio 2012, 13:39

Re: Libro di Damiano Cunego

Messaggio da leggere da il_panta » lunedì 22 aprile 2019, 16:05

giorgio ricci ha scritto:
lunedì 22 aprile 2019, 12:37
Non discuto di ematocrito naturale alto o basso. Per me il problema è il cattivo gusto del titolo e della premessa del libro che getta fango sui colleghi, senza poter dimostrare la loro malafede ne tantomeno la sua buonafede. Io non l'ho letto, ma come puoi dire, ho deluso le attese perché ero onesto in mezzo ai disonesti? Autoincensarsi é patetico
Io sono stato un tifoso di Cunego a lungo, ma condivido la tua opinione. Davvero di cattivo gusto. Aggiungo che a Cunego a pane acqua contro colleghi disonesti non crederei nemmeno con le prove davanti. Staremmo parlando di un alieno, cosa che ha dimostrato di non essere lungo tutto il resto della carriera.


2019: Giro d'Italia tp 4, 5, 20; 1° Giro d'Italia classifica generale; Tour de France: tp 1, tp 10.

nikybo85
Messaggi: 2697
Iscritto il: mercoledì 23 agosto 2017, 0:06

Re: Libro di Damiano Cunego

Messaggio da leggere da nikybo85 » lunedì 22 aprile 2019, 17:34

il_panta ha scritto:
lunedì 22 aprile 2019, 16:05
giorgio ricci ha scritto:
lunedì 22 aprile 2019, 12:37
Non discuto di ematocrito naturale alto o basso. Per me il problema è il cattivo gusto del titolo e della premessa del libro che getta fango sui colleghi, senza poter dimostrare la loro malafede ne tantomeno la sua buonafede. Io non l'ho letto, ma come puoi dire, ho deluso le attese perché ero onesto in mezzo ai disonesti? Autoincensarsi é patetico
Io sono stato un tifoso di Cunego a lungo, ma condivido la tua opinione. Davvero di cattivo gusto. Aggiungo che a Cunego a pane acqua contro colleghi disonesti non crederei nemmeno con le prove davanti. Staremmo parlando di un alieno, cosa che ha dimostrato di non essere lungo tutto il resto della carriera.
Stesso tuo pensiero..io tifosissimo di Cunego...ma questa come altre uscite era meglio risparmiarsele



Avatar utente
il_panta
Messaggi: 4818
Iscritto il: lunedì 21 maggio 2012, 13:39

Re: Libro di Damiano Cunego

Messaggio da leggere da il_panta » lunedì 22 aprile 2019, 17:38

nikybo85 ha scritto:
lunedì 22 aprile 2019, 17:34
il_panta ha scritto:
lunedì 22 aprile 2019, 16:05
giorgio ricci ha scritto:
lunedì 22 aprile 2019, 12:37
Non discuto di ematocrito naturale alto o basso. Per me il problema è il cattivo gusto del titolo e della premessa del libro che getta fango sui colleghi, senza poter dimostrare la loro malafede ne tantomeno la sua buonafede. Io non l'ho letto, ma come puoi dire, ho deluso le attese perché ero onesto in mezzo ai disonesti? Autoincensarsi é patetico
Io sono stato un tifoso di Cunego a lungo, ma condivido la tua opinione. Davvero di cattivo gusto. Aggiungo che a Cunego a pane acqua contro colleghi disonesti non crederei nemmeno con le prove davanti. Staremmo parlando di un alieno, cosa che ha dimostrato di non essere lungo tutto il resto della carriera.
Stesso tuo pensiero..io tifosissimo di Cunego...ma questa come altre uscite era meglio risparmiarsele
Non mi è uscito dalla tastiera un pezzo: "a pane e acqua nel 2004 ... ". Come si fa a credere che in un mondo di atleti addizionati un ragazzo a pane e acqua domini così, senza avvicinarsi mai più a quel livello nelle fasi successive della carriera?
Posso credere che dopo il 2004 abbia fatto determinate scelte (e la differenza di livello è eclatante secondo me), ma non in tutta la carriera. Comunque resta spiacevole lo sparare nel gruppo alla cieca, perché ci potrebbero essere altri come lui (ammesso che lui fosse pulito).


2019: Giro d'Italia tp 4, 5, 20; 1° Giro d'Italia classifica generale; Tour de France: tp 1, tp 10.

nikybo85
Messaggi: 2697
Iscritto il: mercoledì 23 agosto 2017, 0:06

Re: Libro di Damiano Cunego

Messaggio da leggere da nikybo85 » lunedì 22 aprile 2019, 18:42

il_panta ha scritto:
lunedì 22 aprile 2019, 17:38
nikybo85 ha scritto:
lunedì 22 aprile 2019, 17:34
il_panta ha scritto:
lunedì 22 aprile 2019, 16:05

Io sono stato un tifoso di Cunego a lungo, ma condivido la tua opinione. Davvero di cattivo gusto. Aggiungo che a Cunego a pane acqua contro colleghi disonesti non crederei nemmeno con le prove davanti. Staremmo parlando di un alieno, cosa che ha dimostrato di non essere lungo tutto il resto della carriera.
Stesso tuo pensiero..io tifosissimo di Cunego...ma questa come altre uscite era meglio risparmiarsele
Non mi è uscito dalla tastiera un pezzo: "a pane e acqua nel 2004 ... ". Come si fa a credere che in un mondo di atleti addizionati un ragazzo a pane e acqua domini così, senza avvicinarsi mai più a quel livello nelle fasi successive della carriera?
Posso credere che dopo il 2004 abbia fatto determinate scelte (e la differenza di livello è eclatante secondo me), ma non in tutta la carriera. Comunque resta spiacevole lo sparare nel gruppo alla cieca, perché ci potrebbero essere altri come lui (ammesso che lui fosse pulito).
Sì era comunque capito il senso..se dovessimo analizzare tornerebbe fuori un discorso probabilmente fatto milioni di volte sul suo 3d..Non ero iscritto ma leggevo ai tempi..ergersi a paladino della giustizia non ci sta proprio. Poi vedrai che la gente meno informata che guarda il ciclismo con un altro occhio, prenderà per buono questo concetto.



34x27
Messaggi: 2974
Iscritto il: giovedì 16 dicembre 2010, 9:38
Località: in salita

Re: Libro di Damiano Cunego

Messaggio da leggere da 34x27 » martedì 23 aprile 2019, 10:12

giorgio ricci ha scritto:
lunedì 22 aprile 2019, 12:37
senza poter dimostrare la loro malafede ne tantomeno la sua buonafede.
Non mi risultano test positivi di DC quando correva...


HEY MOTO

castelli
Messaggi: 2403
Iscritto il: venerdì 26 agosto 2011, 21:12

Re: Libro di Damiano Cunego

Messaggio da leggere da castelli » giovedì 2 maggio 2019, 9:22

letto il libro. consiglio, salvo non siate fan o collezionisti, di NON acquistarlo. non c'è scritto niente che non si sapesse già.


Defensor Froomey. dal 28/5/19 FORZA ROGLIC

Puntò il 20/5/19 10 euro su s.yates dato a 12. 5 euro su nibali dato a 3.
mancò il coraggio per puntare 20 euro su landa dato a 66.
non credette alla tenuta di rogla fino a verona.

Avatar utente
robot1
Messaggi: 1037
Iscritto il: lunedì 27 dicembre 2010, 19:46

Re: Libro di Damiano Cunego

Messaggio da leggere da robot1 » sabato 4 maggio 2019, 0:01

34x27 ha scritto:
martedì 23 aprile 2019, 10:12
giorgio ricci ha scritto:
lunedì 22 aprile 2019, 12:37
senza poter dimostrare la loro malafede ne tantomeno la sua buonafede.
Non mi risultano test positivi di DC quando correva...
Neanche di Armstrong, quando correva...


Un giorno potremo raccontare ai nipotini che noi siamo stati fortunati a veder correre Sagan

Avatar utente
il_panta
Messaggi: 4818
Iscritto il: lunedì 21 maggio 2012, 13:39

Re: Libro di Damiano Cunego

Messaggio da leggere da il_panta » sabato 4 maggio 2019, 0:53

robot1 ha scritto:
sabato 4 maggio 2019, 0:01
34x27 ha scritto:
martedì 23 aprile 2019, 10:12
giorgio ricci ha scritto:
lunedì 22 aprile 2019, 12:37
senza poter dimostrare la loro malafede ne tantomeno la sua buonafede.
Non mi risultano test positivi di DC quando correva...
Neanche di Armstrong, quando correva...
Esprimo la mia personale opinione: la presunzione di innocenza è la base del diritto e deve valere sempre a mio avviso, anche se il ciclismo è marcio e la statistica giustificherebbe lo sparare nel mucchio piuttosto che il "tutti innocenti fino a prova a contraria". Mi metto nei panni di un corridore pulito, e non trovo giusto che stia a lui dimostrare di essere pulito, solo perché molti colleghi sono dopati. La cosa inaccettabile di Cunego non è dichiararsi un puro, è il farlo ponendosi in contrasto col resto del mondo. La presunzione di innocenza o vale per tutti o non vale per nessuno, non può valere solo per l'autore del libro. Per me vale per tutti, Cunego e Armstrong inclusi. So che spesso (sempre?) si sbaglia e si passa per fessi, ma preferisco considerare innocente un colpevole piuttosto appioppare il peccato originale a tutti i ciclisti. Quando sento il pubblico generalista (magari calciofili!) commentare ogni notizia di ciclismo con "tanto sono tutti dopati" a me sale subito il nervoso, quindi cerco di non farlo nemmeno io.


2019: Giro d'Italia tp 4, 5, 20; 1° Giro d'Italia classifica generale; Tour de France: tp 1, tp 10.

Avatar utente
Divanista
Messaggi: 561
Iscritto il: lunedì 16 aprile 2018, 14:21

Re: Libro di Damiano Cunego

Messaggio da leggere da Divanista » sabato 4 maggio 2019, 14:49

il_panta ha scritto:
sabato 4 maggio 2019, 0:53
Esprimo la mia personale opinione: la presunzione di innocenza è la base del diritto e deve valere sempre a mio avviso, anche se il ciclismo è marcio e la statistica giustificherebbe lo sparare nel mucchio piuttosto che il "tutti innocenti fino a prova a contraria". Mi metto nei panni di un corridore pulito, e non trovo giusto che stia a lui dimostrare di essere pulito, solo perché molti colleghi sono dopati. La cosa inaccettabile di Cunego non è dichiararsi un puro, è il farlo ponendosi in contrasto col resto del mondo. La presunzione di innocenza o vale per tutti o non vale per nessuno, non può valere solo per l'autore del libro. Per me vale per tutti, Cunego e Armstrong inclusi. So che spesso (sempre?) si sbaglia e si passa per fessi, ma preferisco considerare innocente un colpevole piuttosto appioppare il peccato originale a tutti i ciclisti. Quando sento il pubblico generalista (magari calciofili!) commentare ogni notizia di ciclismo con "tanto sono tutti dopati" a me sale subito il nervoso, quindi cerco di non farlo nemmeno io.
Condivido al 100% :clap:


Ecco la mia presentazione. :carta:

giorgio ricci
Messaggi: 2925
Iscritto il: lunedì 9 giugno 2014, 13:44

Re: Libro di Damiano Cunego

Messaggio da leggere da giorgio ricci » sabato 4 maggio 2019, 23:42

Condivido, questo titolo fa male al ciclismo, e rinfocola certi cliché sui quali pubblico generalista e stampa sguazzano.
È stato mal consigliato, credo, perché non mi sembra rancoroso o polemico.



34x27
Messaggi: 2974
Iscritto il: giovedì 16 dicembre 2010, 9:38
Località: in salita

Re: Libro di Damiano Cunego

Messaggio da leggere da 34x27 » domenica 5 maggio 2019, 10:31

robot1 ha scritto:
sabato 4 maggio 2019, 0:01
34x27 ha scritto:
martedì 23 aprile 2019, 10:12
giorgio ricci ha scritto:
lunedì 22 aprile 2019, 12:37
senza poter dimostrare la loro malafede ne tantomeno la sua buonafede.
Non mi risultano test positivi di DC quando correva...
Neanche di Armstrong, quando correva...
Bene. Ci rileggiamo tra...quanto? 5-10 anni?


HEY MOTO

Luca90
Messaggi: 5647
Iscritto il: venerdì 31 luglio 2015, 22:21

Re: Libro di Damiano Cunego

Messaggio da leggere da Luca90 » mercoledì 8 maggio 2019, 14:43

l'ho comprato oggi... un paio di giorni e scriverò il mio pensiero a riguardo...


2015: Tre Valli Varesine
2016 (11°) : Giro d'Italia (primi5), Tour tappa 11, Tour tappa 14, Parigi-Tours
2017 (14°) : Kuurne-Bruxelles-Kuurne, Tro Bro Leon
2018 (16°): Tour of Guangxi
2019 ( °): Dwars door Vlaanderen, Tour tappa 18

Luca90
Messaggi: 5647
Iscritto il: venerdì 31 luglio 2015, 22:21

Re: Libro di Damiano Cunego

Messaggio da leggere da Luca90 » giovedì 9 maggio 2019, 1:54

Grande Damiano Cunego... avevo fatto una storia su instagram col libro e lui l'ha ricondivisa !!! :clap:


2015: Tre Valli Varesine
2016 (11°) : Giro d'Italia (primi5), Tour tappa 11, Tour tappa 14, Parigi-Tours
2017 (14°) : Kuurne-Bruxelles-Kuurne, Tro Bro Leon
2018 (16°): Tour of Guangxi
2019 ( °): Dwars door Vlaanderen, Tour tappa 18

Luca90
Messaggi: 5647
Iscritto il: venerdì 31 luglio 2015, 22:21

Re: Libro di Damiano Cunego

Messaggio da leggere da Luca90 » venerdì 10 maggio 2019, 2:21

Come detto finito in 2 giorni...
Come libro in generale non mi è dispiaciuto, se si ripensano ai risultati di Cunego nelle varie circostanze e chi ha battuto io non escluderei a priori il fatto che non si sia dopato... alla fine al giro 2004 l'avversario più duro era il compagno di squadra, molte vittorie le ha ottenute in volata ristretta e in corse italiane come coppi e Bartali, Appennino o trentino... è stata una carriera con ottimi risultati che però chissà con qualche aiuto esterno poteva essere migliore nelle corse a tappe...


2015: Tre Valli Varesine
2016 (11°) : Giro d'Italia (primi5), Tour tappa 11, Tour tappa 14, Parigi-Tours
2017 (14°) : Kuurne-Bruxelles-Kuurne, Tro Bro Leon
2018 (16°): Tour of Guangxi
2019 ( °): Dwars door Vlaanderen, Tour tappa 18

Avatar utente
eliacodogno
Messaggi: 5694
Iscritto il: venerdì 24 dicembre 2010, 1:27
Località: Susa (TO)

Re: Libro di Damiano Cunego

Messaggio da leggere da eliacodogno » venerdì 10 maggio 2019, 8:50

L'ho letto e non viene comunicato nulla che non fosse già arcinoto da interviste o cronache di questi anni. Gli unici aspetti che non conoscevo erano determinati attriti negli anni della Nippo (rientro con frattura in solitaria e perdita in extremis della maglia verde al Giro); probabilmente non erano stati mai raccontati avendo il veronese meno visibilità.
In definitiva i libri dei dopati sono molto più interessanti :crazy:


Se il tuo modo di lavorare è questo qui, compragli un casco a Sgarbozza e fallo fare a lui il Giro, perché io non lo faccio più (P.S.)

'Idea del Forum' per me non vuol dire assolutamente niente. (H.F.)

34x27
Messaggi: 2974
Iscritto il: giovedì 16 dicembre 2010, 9:38
Località: in salita

Re: Libro di Damiano Cunego

Messaggio da leggere da 34x27 » venerdì 10 maggio 2019, 13:48

Luca90 ha scritto:
giovedì 9 maggio 2019, 1:54
Grande Damiano Cunego... avevo fatto una storia su instagram col libro e lui l'ha ricondivisa !!! :clap:
Incontrato un paio di volte alla partenza di GT ed è sempre stato gentilissimo per foto e chiacchere.


HEY MOTO

Bike65
Messaggi: 237
Iscritto il: martedì 24 maggio 2016, 19:13

Re: Libro di Damiano Cunego

Messaggio da leggere da Bike65 » venerdì 17 maggio 2019, 8:52

Per come la vedo io, l’unico periodo fuori dal normale è stato quando ha vinto il giro, li era veramente super e battere Simoni non era facile.
Poi si è settato su un rendimento nulla vistoso,con picchi di forma condivisibili e niente di eclatante.
Quindi se fosse dopo, lo ha fatto entro i limiti della decenza.



giorgio ricci
Messaggi: 2925
Iscritto il: lunedì 9 giugno 2014, 13:44

Re: Libro di Damiano Cunego

Messaggio da leggere da giorgio ricci » lunedì 3 giugno 2019, 23:24

Libro finito. É il libro di un bravo ragazzo, con ottime doti di resistenza anche nella corsa, scopertosi campione un po' per caso.
Io lo vedo come l'ho sempre visto. Un bambino mai completamente cresciuto. Certe dichiarazioni sono candide, in un mondo di squali.
Per me se non era pulito, era certo uno dei più lavabili.
Poi il libro non rivela nulla, non accusa, se non velatamente citando El bufalo e pochi altri. Forse il titolo campione a pane è acqua, andrebbe cambiato in, ragazzo acqua e sapone.



Avatar utente
nino58
Messaggi: 10672
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 14:38

Re: Libro di Damiano Cunego

Messaggio da leggere da nino58 » martedì 4 giugno 2019, 14:11

Bike65 ha scritto:
venerdì 17 maggio 2019, 8:52
Per come la vedo io, l’unico periodo fuori dal normale è stato quando ha vinto il giro, li era veramente super e battere Simoni non era facile.
Poi si è settato su un rendimento nulla vistoso,con picchi di forma condivisibili e niente di eclatante.
Quindi se fosse dopo, lo ha fatto entro i limiti della decenza.
Niente di eclatante ?
Beh, più Giri di Lombardia, rispetto a lui, li ha vinti solo Coppi.


Von Rock ? Nein, danke.
Diritto di correre senza condizioni a chi ha scontato una squalifica !!!

herbie
Messaggi: 4246
Iscritto il: sabato 26 febbraio 2011, 17:19

Re: Libro di Damiano Cunego

Messaggio da leggere da herbie » martedì 4 giugno 2019, 20:52

nino58 ha scritto:
martedì 4 giugno 2019, 14:11
Bike65 ha scritto:
venerdì 17 maggio 2019, 8:52
Per come la vedo io, l’unico periodo fuori dal normale è stato quando ha vinto il giro, li era veramente super e battere Simoni non era facile.
Poi si è settato su un rendimento nulla vistoso,con picchi di forma condivisibili e niente di eclatante.
Quindi se fosse dopo, lo ha fatto entro i limiti della decenza.
Niente di eclatante ?
Beh, più Giri di Lombardia, rispetto a lui, li ha vinti solo Coppi.
la carriera e il palmares di Cunego in generale non è nulla di "comune"....è un altro dei pochissimi corridori del ciclismo """tecnologico""" protagonisti e vincitori in carriera di GT e classiche, quello che non sono stati alcuni dei migliori corridori di oggi.
Effettivamente è difficile credere che sia stato un corridore del tutto a "pane e acqua". Veramente, però, vedendo la deliziosa gentilezza del Cunego nella parte finale della carriera verrebbe quasi da credergli.
Secondo me farebbe bene a spiegare per bene quello che realmente gli è successo nel 2005. Lì è chiaro che se ne andò qualcosa che purtroppo non tornò più. Troppa la chiarezza con cui vinceva per avere 22 anni e pur avversari non mostruosi ma nemmeno di basso livello come si vuol far credere.
Non si vuol dire che sia per forza questione di qualche diavoleria e/o doping. Però non mi spiego ancora quello che può essere successo.



giorgio ricci
Messaggi: 2925
Iscritto il: lunedì 9 giugno 2014, 13:44

Re: Libro di Damiano Cunego

Messaggio da leggere da giorgio ricci » martedì 4 giugno 2019, 23:26

Ricordo che si parló di una mononucleosi, ne parla anche lui nel libro.
Dopo che si era ritirato dal Giro corse tutte le classiche estive senza grossi risultati. Da allora non raggiunse neanche lontanamente le vette di rendimento del 2004.
Effettivamente qualcosa era successo, perché non si spiega tutto ciò. Ricordo il Giro 2007, lottava come un leone ma gli mancava sempre qualcosa, arrivava a 15 20 secondi dai migliori. Le prendeva regolarmente da Simoni, Di Luca e Mazzoleni, gente che nel 2004 non erano superiori a lui. Io allora pensai che erano loro che andavano più forte, non lui più piano.
Poi, in parte i bubboni che scoppiarono con Di Luca, Riccò, Piepoli e Mazzoleni non contribuirono certo a indebolire la mia ipotesi.



Avatar utente
il_panta
Messaggi: 4818
Iscritto il: lunedì 21 maggio 2012, 13:39

Re: Libro di Damiano Cunego

Messaggio da leggere da il_panta » mercoledì 5 giugno 2019, 15:29

Questa era anche l'opinione di Cunego, che non ha mai ritenuto il 2004 il suo anno migliore dal punto di vista atletico. Se pensiamo al Tour 2011, può anche essere che abbia ragione lui. Là gli mancava sempre qualcosina per stare coi migliori del Tour, mentre al famoso Giro 2004 staccava tutti in un contesto di livello molto basso. Può darsi che in assoluto andasse più forte al Tour.


2019: Giro d'Italia tp 4, 5, 20; 1° Giro d'Italia classifica generale; Tour de France: tp 1, tp 10.

Avatar utente
chinaski89
Messaggi: 3708
Iscritto il: sabato 13 giugno 2015, 16:51

Re: Libro di Damiano Cunego

Messaggio da leggere da chinaski89 » lunedì 10 giugno 2019, 9:50

Bubboni che scoppiano e discorsi simili per me non considerano un fatto incontrovertibile da un punto di vista scientifico: se in gruppo si adottano certe pratiche, a pane ed acqua fai il giretto della domenica ma a sto livello non puoi competere. Non è che non puoi vincere, non puoi proprio competere. Vale per tutti gli sport, e a maggior ragione per quelli basati sulla resistenza allo sforzo. La narrazione mediatica è un conto, uno può pure fingere di crederci, ma la logica e la scienza dicono altro ed hanno sempre ragione.

Poi dipende anche da che si intende per "pulito" e cosa si intende per "sporco". Mia zia è una maniaca dell'ordine e se vedesse casa mia quando io la considero pulita, per lei magari sarebbe sporca no?



Avatar utente
eliacodogno
Messaggi: 5694
Iscritto il: venerdì 24 dicembre 2010, 1:27
Località: Susa (TO)

Re: Libro di Damiano Cunego

Messaggio da leggere da eliacodogno » mercoledì 12 giugno 2019, 11:46

chinaski89 ha scritto:
lunedì 10 giugno 2019, 9:50
Bubboni che scoppiano e discorsi simili per me non considerano un fatto incontrovertibile da un punto di vista scientifico: se in gruppo si adottano certe pratiche, a pane ed acqua fai il giretto della domenica ma a sto livello non puoi competere. Non è che non puoi vincere, non puoi proprio competere. Vale per tutti gli sport, e a maggior ragione per quelli basati sulla resistenza allo sforzo. La narrazione mediatica è un conto, uno può pure fingere di crederci, ma la logica e la scienza dicono altro ed hanno sempre ragione.

Poi dipende anche da che si intende per "pulito" e cosa si intende per "sporco". Mia zia è una maniaca dell'ordine e se vedesse casa mia quando io la considero pulita, per lei magari sarebbe sporca no?
Per pulito immagino si intenda atleta che si attiene diligentemente alle regole vigenti, che rischia poco con programmi incerti per esito e rintracciabilità ai controlli, che sfrutta poco le zone d'ombra (che in un sistema dinamico, nelle metodologie e nelle regole esistono per definizione).
Poi ci saranno gli sporchi furbi, che si avvalgono degli ultimi ritrovati ma con giudizio e tenendo conto degli equilibri politici interni allo sport che praticano. E infine ci sono i dannati, che probabilmente non sono molto diversi da questi ultimi, ma tentano azzardi improbabili e soluzioni fai da te, che inevitabilmente si rivelano un disastro.
Credo che la categoria meno a rischio sia comunque quella dei furbi, mentre credo che ingenuamente l'atleta "pulito" possa effettivamente finire nelle maglie dell'antidoping, specialmente se poco seguito. Alla fine la professionalità sta anche e forse soprattutto nel tenersi fuori dai guai, indipendentemente da quanto rischi. Alla fine anche la recente storia di Pantano, e le sue parole di commiato, mi sembrano affermare questo principio. Tanto per chiarire collocherei Pantano fra quelli che rischiano meno, anche visti i risultati e il ruolo in squadra.

Per queste ragioni all'atleta professionista che quasi nel 2020 si prepara a pane e salame e come unico apporto esogeno prima della gara si beve un caffè ristretto, immagino comunque non ci si creda più molto.

In tutti questi discorsi comunque la testimonianza di Cunego non aggiunge nulla, e come sottolineato da qualcuno, è proprio il titolo ad essere poco pertinente con i contenuti.
Dal titolo, dalle premesse, dalle varie prefazioni e recensioni, tutti ci aspettavamo lumi sul doping ciclistico nell'ultimo quindicennio (argomento del quale si è comunque molto scritto, vedi Riccò e Di Luca), mentre si tratta del racconto del vissuto ciclistico di un uomo e basta (peraltro con storie e aneddoti stranoti per qualsiasi appassionato di ciclismo).
Un uomo che si è inserito, e non ho difficoltà a credergli, tra i puliti, tra quelli che non hanno rischiato e si sono attenuti alle regole. Secondo me la stessa storia la potrebbero raccontare altri.
Peraltro io non mi sarei aspettato realisticamente di leggere un libro di accuse esplicite e circostanziate a questo o quell'altro avversario; ed è la ragione per cui i libri che chiariscono alcune cose sul doping sono le biografie dei dannati, che parlano a ruota libera di sé, delle proprie scelte e dei propri errori.
Poi naturalmente sta al lettore interpretare il contesto descritto e decidere se credere effettivamente che un Di Luca fosse solo più sprovveduto degli altri o più baro, oppure entrambe le cose.


Se il tuo modo di lavorare è questo qui, compragli un casco a Sgarbozza e fallo fare a lui il Giro, perché io non lo faccio più (P.S.)

'Idea del Forum' per me non vuol dire assolutamente niente. (H.F.)


Rispondi