Il caso Contador

Per discutere, analizzare, approfondire tutto quello che riguarda il tema più dibattuto del ciclismo
Avatar utente
Bitossi
Messaggi: 3587
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 12:41
Località: Milano

Re: Il caso Contador

Messaggio da leggere da Bitossi » domenica 20 febbraio 2011, 20:58

Winter ha scritto:
Bitossi ha scritto:
Winter ha scritto: Tanti corridori con meno di 40 anni morti per problemi cardiaci (quasi nullo negli altri sport)
Be', non vedere l'esempio macroscopico del calcio mi sembra un po'... miope!

Devo cominciare a fare l'elenco? :?:
Comincialo
Vediamo i giocatori del campionato italiano di serie A (come numero grosso modo il numero dei pro nel ciclismo)
Vediamo quanti sono morti prima dei 40 anni negli ultimi 10 anni
E cominciamo con gli ultimi 10 anni circa, quindi senza includere i casi storici come Taccola, Curi, Saltutti, Gasparini, Manfredonia (che per fortuna non morì) ecc., e inizialmente ai morti in campo; elenco sicuramente incompleto, trovato in rete, e che ovviamente include gli ultimi casi internazionali:

1999 - Stefan Vrabioru: il 23enne calciatore romeno dell'Astra Ploiesti muore per un attacco cardiaco dopo uno scontro con un avversario;
2000 - John Ikoroma: Il nigeriano, 17 anni, muore durante un'amichevole negli Emirati Arabi Uniti a causa di un attacco cardiaco;
2000 - Catalin Haldan: Il 24enne giocatore romeno della Dinamo Bucarest viene stroncato in campo da un aneurisma cerebrale;
2002 - Michael Michel: il cipriota, tesserato per un club di seconda divisione, muore per un attacco di cuore mentre l'arbitro fischia un fallo commesso da un suo compagno di squadra;
2002 - Stefan Toleski: il calciatore macedone muore per un attacco di cuore mentre con la sua squadra, il Napredok, sta disputando una partita di campionato;
2003 - Marc Vivien Foe: il nazionale camerunense perde conoscenza a Lione durante la sfida con la Colombia, valida per la Confederations Cup. Morirà poco dopo.
2004 - Miklos Feher: il calciatore ungherese del Benfica crolla in campo durante la partita di campionato contro il Vitoria Guimaraes. Il suo decesso avviene poche ore dopo.
2004 - Paulo Sergio Oliveira da Silva 'Serginho': il difensore brasiliano del Sao Caetano muore per un attacco cardiaco allo stadio Morumbi, durante una partita contro il San Paolo-
2005 - David Di Tommaso: il francese crolla sul campo di gioco, il suo cuore cede durante una partita che sta disputando con il club olandese dell'Utrecht. L'autopsia rivela che all'origine del decesso c'è un'aritmia cardiaca.
2006 - Victor Alonso Guerrero:il colombiano, 17 anni, perde la vita in allenamento. Inutile la rianimazione cardio-polmonare e i soccorsi che gli vengono prestati in campo.
2007 - Antonio Puerta (è storia di ieri...)
2007 - Phil O' Donnell (idem)
---
Di decessi nel mondo del calcio se ne ricordano anche alcuni avvenuti negli spogliatoi, al termine degli incontri, o durante gli allenamenti. Così è accaduto per l'argentino Trossero, 29 anni, morto d'infarto dopo la vittoria conquistata con il suo River Plate contro il Rosario Central. O per Max, stopper del Botafogo de Ribeirao Preto, morto a 21 anni, il 26 giugno 2003, dopo essersi sentito male durante un allenamento nello stadio Santa Cruz. Stessa sorte per l'algerino Omar Sahnoun, 25 anni, colpito da infarto nel corso di una seduta di allenamento sostenuta dal Bordeaux, formazione francese in cui militava il calciatore. La lista è lunghissima. Ne fa parte anche il brasiliano Carlos Alberto Barbosa, ala destra di 26 anni, scomparso il 4 marzo 1982 per infarto fulminante durante la partita Sport-XV de Jaù del campionato verdeoro.

fonte: http://fcim1908.forumfree.it/?t=27579535



Immagino poi che ce ne siano stati molti pure nelle categorie inferiori.
Ma con ciò non voglio sostenere nulla. Bisognerebbe confrontare numeri assoluti e relativi, affidarsi a statistiche serie, ecc.
Senza dimenticare che negli sport faticosi, anche solo per fatalità, a volte si muore. Anzi, purtroppo mi è toccato persino assistere ad una disgrazia del genere, moltissimi anni fa: in una partita di calcio tra amici, il ragazzo chiamato all'ultimo momento come arbitro (aveva il tesserino), a metà partita cadde per terra, fulminato...

Era solo la tua frase "quasi nulla negli altri sport" a lasciarmi un po' perplesso... :|


Ringrazio la mia mamma per avermi fatto studiare da ciclista


Winter
Messaggi: 15530
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Re: Il caso Contador

Messaggio da leggere da Winter » lunedì 21 febbraio 2011, 18:41

Bitossi ha scritto: cominciamo con gli ultimi 10 anni circa, quindi senza includere i casi storici come Taccola, Curi, Saltutti, Gasparini, Manfredonia (che per fortuna non morì) ecc., e inizialmente ai morti in campo; elenco sicuramente incompleto, trovato in rete, e che ovviamente include gli ultimi casi internazionali:

1999 - Stefan Vrabioru: il 23enne calciatore romeno dell'Astra Ploiesti muore per un attacco cardiaco dopo uno scontro con un avversario;
2000 - John Ikoroma: Il nigeriano, 17 anni, muore durante un'amichevole negli Emirati Arabi Uniti a causa di un attacco cardiaco;
2000 - Catalin Haldan: Il 24enne giocatore romeno della Dinamo Bucarest viene stroncato in campo da un aneurisma cerebrale;
2002 - Michael Michel: il cipriota, tesserato per un club di seconda divisione, muore per un attacco di cuore mentre l'arbitro fischia un fallo commesso da un suo compagno di squadra;
2002 - Stefan Toleski: il calciatore macedone muore per un attacco di cuore mentre con la sua squadra, il Napredok, sta disputando una partita di campionato;
2003 - Marc Vivien Foe: il nazionale camerunense perde conoscenza a Lione durante la sfida con la Colombia, valida per la Confederations Cup. Morirà poco dopo.
2004 - Miklos Feher: il calciatore ungherese del Benfica crolla in campo durante la partita di campionato contro il Vitoria Guimaraes. Il suo decesso avviene poche ore dopo.
2004 - Paulo Sergio Oliveira da Silva 'Serginho': il difensore brasiliano del Sao Caetano muore per un attacco cardiaco allo stadio Morumbi, durante una partita contro il San Paolo-
2005 - David Di Tommaso: il francese crolla sul campo di gioco, il suo cuore cede durante una partita che sta disputando con il club olandese dell'Utrecht. L'autopsia rivela che all'origine del decesso c'è un'aritmia cardiaca.
2006 - Victor Alonso Guerrero:il colombiano, 17 anni, perde la vita in allenamento. Inutile la rianimazione cardio-polmonare e i soccorsi che gli vengono prestati in campo.
2007 - Antonio Puerta (è storia di ieri...)
2007 - Phil O' Donnell (idem)
---
Di decessi nel mondo del calcio se ne ricordano anche alcuni avvenuti negli spogliatoi, al termine degli incontri, o durante gli allenamenti. Così è accaduto per l'argentino Trossero, 29 anni, morto d'infarto dopo la vittoria conquistata con il suo River Plate contro il Rosario Central. O per Max, stopper del Botafogo de Ribeirao Preto, morto a 21 anni, il 26 giugno 2003, dopo essersi sentito male durante un allenamento nello stadio Santa Cruz. Stessa sorte per l'algerino Omar Sahnoun, 25 anni, colpito da infarto nel corso di una seduta di allenamento sostenuta dal Bordeaux, formazione francese in cui militava il calciatore. La lista è lunghissima. Ne fa parte anche il brasiliano Carlos Alberto Barbosa, ala destra di 26 anni, scomparso il 4 marzo 1982 per infarto fulminante durante la partita Sport-XV de Jaù del campionato verdeoro.

fonte: http://fcim1908.forumfree.it/?t=27579535



Immagino poi che ce ne siano stati molti pure nelle categorie inferiori.
Ma con ciò non voglio sostenere nulla. Bisognerebbe confrontare numeri assoluti e relativi, affidarsi a statistiche serie, ecc.
Senza dimenticare che negli sport faticosi, anche solo per fatalità, a volte si muore. Anzi, purtroppo mi è toccato persino assistere ad una disgrazia del genere, moltissimi anni fa: in una partita di calcio tra amici, il ragazzo chiamato all'ultimo momento come arbitro (aveva il tesserino), a metà partita cadde per terra, fulminato...

Era solo la tua frase "quasi nulla negli altri sport" a lasciarmi un po' perplesso... :|
Per arrivare a 11 hai dovuto prendere i campionati rumeno , emirati arabi , cipriota (seconda divisione!) , Macedonia , Portogallo , Olanda , Francia , Brasile..
La prima divisione di un campionato a 20 squadre è formata da circa 500 giocatori
Moltiplichiamo per un centinaio di federazioni (e vado per ampio difetto) arriviamo a 50000
11 morti per 50000 giocatori..
nel ciclismo 11 per 1000 pro..
Forse la proporzione non è proprio uguale
Come gia' scritto sopra Serie A e Serie B hanno qualcosa piu' di 1000 calciatori (i professionisti del ciclismo variano tra 800 e 1000 a seconda delle annate)
Prendiamo gli ultimi 10 anni e vediamo quanti calciatori con meno di 40 anni sono morti per problemi cardiaci
Per ora nel tue elenco non ce n'e' neanche uno

Ubaldo Mesa 2005 32 anni
Denis Zanette 2003 33 anni
Alessio Galletti 2005 35 anni
Fabrice Salanson 2003 23 anni
Michel Zanoli 2003 35 anni
Jose Maria Jimenez 2003 32 anni
Frederik Nolf 2009 21 anni
Bruno Neves 2008 27 anni
Ryan Cox 2007 28 anni

Senza contare quelli dovuti alle depressioni..



Avatar utente
Bitossi
Messaggi: 3587
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 12:41
Località: Milano

Re: Il caso Contador

Messaggio da leggere da Bitossi » lunedì 21 febbraio 2011, 19:34

Evabbe' Winter... lo sai che ti voglio bene, però qui c'è un problema di metodo, e di "campo di osservazione" che bisogna definire.

Finché se ne parla in generale, a me pare poco confutabile che alcuni sport, tra cui il calcio, sono generatori di crisi cardiache.
I numeri ci sono, e sono oggetto di studi: non è che ogni volta dobbiamo dividere la casistica per il numero di partecipanti, ecc. Diversi calciatori muoiono per crisi cardiache. Stop.

Ripeto, non voglio addentrarmi in ipotesi, fra l'altro in campi dove non sono competente. E nemmeno fare confronti col ciclismo, insinuando che il tutto sia dovuto al doping, di qua come di là. Mi basta per il momento la considerazione di buon senso che gli sport di fatica allenano il cuore, fino ad un certo punto, ma lo stressano anche, in situazioni-limite come quelle agonistiche,

Se invece dovessimo fare un discorso di quel tipo, allora sarebbero migliaia i parametri da considerare, ed i dati da esaminare. Per esempio un dato sulle malattie cardiache dopo la fine dell'attività, senza necessariamente arrivare alla conta dei "caduti", unitamente all'ammissione dell'uso di determinate sostanze durante la fase agonistica. Altrimenti che cosa proveremmo? Magari solo che quello sport "fa male al cuore", e basta. ;)

Io questi dati non ce li ho, e pertanto ribadisco che quello che mi sembrava poco "realistico" nella tua frase era unicamente quel "quasi nulla in altri sport"...


Ringrazio la mia mamma per avermi fatto studiare da ciclista

dietzen
Messaggi: 6194
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 21:19

Re: Il caso Contador

Messaggio da leggere da dietzen » lunedì 21 febbraio 2011, 19:41

liquidare la storia personale di jimenez parlando del solo arresto cardiaco è ridicolo e pure abbastanza offensivo.


Di Rocco non è il mio presidente

Winter
Messaggi: 15530
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Re: Il caso Contador

Messaggio da leggere da Winter » lunedì 21 febbraio 2011, 20:06

dietzen ha scritto:liquidare la storia personale di jimenez parlando del solo arresto cardiaco è ridicolo e pure abbastanza offensivo.
Di quello è morto
http://ricerca.repubblica.it/repubblica ... menez.html




Avatar utente
Morris
Messaggi: 755
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 1:33

Re: Il caso Contador

Messaggio da leggere da Morris » lunedì 21 febbraio 2011, 20:36

Winter, non fare l'errore di difendere il calcio come da legge divina o similare, quindi bananesca. Siamo tifosi, ci interessa il calcio, ma non sforiamo nella ingenuità, per favore.
Sui ciclisti è possibile dire di tutto, tanto sono polli e non volano querele, ma sui calciatori si rischia eccome. Sai quanta gente del calcio è afflitta da patologie che, con forzatura o realismo, si possono ricondurre al doping e non vengono fuori. Io stesso ne conosco assai, ma i nomi non li faccio. Sai quanti depressi, ammesso che la depressione sia una derivazione del doping e non una malattia destinata naturalmente a crescere vista la vita di oggi? Sai quanti casi di ammalati di SLA (che pare essere una malattia dei calciatori, ed a dirlo è una macriscopica statistica), non conosciuti ci sono? Nelle mie zone di gente così ne esiste e non ho dita sufficienti per contarli. Ti lascio immaginare, inoltre, cosa provai quando vidi coi miei occhi, in un notissimo ospedale, un celebre calciatore giungere coperto come un frate, ma in stato semicomatoso (era bianco come un lenzuolo e .....dico solo che pur non essendo medico, non sono purtroppo uno sprovveduto in materia), attorniato da sei persone che lo reggevano (ovviamente l'ambulanza sarebbe stata troppo "ingombrante e pubblica") finire immediatamente ricoverato senza passare dai pericolosi sguardi del Pronto Soccorso.... Mi chiesi, dalla tarda mattinata del fatto, fino a sera, cosa potevano scrivere i media. Invece nulla, solo una news molto leggera della Gazza in piena notte, ed il più pieno silenzio nei gg successivi. Ma almeno avevo visto giusto e non m'ero confuso con un altro, perchè il nome,il cognome e l'ospedale, nella notizia, corrispondevano all'osservato. RImase un mese lontano dal calcio, ma tornò. Eppure questo non significa nulla, visto che a Ronaldo, dopo un attacco epilettico da reazione chimica, a distanza di tre ore lo fecero giocare perchè la macchina calcio e lo sponsor lo volevano. Poi lo vedemmo qualche gg dopo, scendere come un diversamente abile, dall'aereo. Ma non s'è detto tutto...della malattia scatenata, del bisogno di usare farmaci che lo facevano ingrassare, della fragilità tendinea ereditata perchè in tenera età lo si era potenziato non con la dolce euchessina ecc. ecc. E visto che il calcio ci vede sotto i medesimi colori, ricordi quanto scappò al caro Simoni, su giovani calciatori e doping?
Tronco, perchè altrimenti mi lascierei prendere la mano e mi incamminerei su campi troppo pericolosi, confidenze comprese. Voglio solo ricordarti quanto mi disse (e scrisse pure qui) il caro Ilic (Janjanssen) che, si badi, era un medico oncologo: "Non c'è sport con più porcherie del calcio, ma escono solo delle stupidaggini o delle assurdutà come la cocaina".


https://www.suiveur.it/interviste/quest ... zio-ricci/
Quando ti alzi la mattina, volgiti verso Aigle e fai una pernacchia o il gesto dell'ombrello. Tu non sai perché lo fai, ma ad Aigle sì.

dietzen
Messaggi: 6194
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 21:19

Re: Il caso Contador

Messaggio da leggere da dietzen » lunedì 21 febbraio 2011, 21:31

Winter ha scritto:
dietzen ha scritto:liquidare la storia personale di jimenez parlando del solo arresto cardiaco è ridicolo e pure abbastanza offensivo.
Di quello è morto
http://ricerca.repubblica.it/repubblica ... menez.html
è come dire che pantani è morto per un infarto...

non considerare di una persona, che sia un ciclista o un impiegato o qualsiasi altra cosa, la storia individuale e farne statistica, è come pensare che la vita possa ridursi a una semplice causa-effetto, come se si trattasse di un interruttore da premere per accendere e spegnere, come fosse una lampadina, un fornelletto da campeggio o un ingranaggio industriale. gli esseri umani, purtroppo o per fortuna, sono un qualcosa di più complicato.


Di Rocco non è il mio presidente

Winter
Messaggi: 15530
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Re: Il caso Contador

Messaggio da leggere da Winter » mercoledì 23 febbraio 2011, 18:15

dietzen ha scritto:
Winter ha scritto:
dietzen ha scritto:liquidare la storia personale di jimenez parlando del solo arresto cardiaco è ridicolo e pure abbastanza offensivo.
Di quello è morto
http://ricerca.repubblica.it/repubblica ... menez.html
è come dire che pantani è morto per un infarto...

non considerare di una persona, che sia un ciclista o un impiegato o qualsiasi altra cosa, la storia individuale e farne statistica, è come pensare che la vita possa ridursi a una semplice causa-effetto, come se si trattasse di un interruttore da premere per accendere e spegnere, come fosse una lampadina, un fornelletto da campeggio o un ingranaggio industriale. gli esseri umani, purtroppo o per fortuna, sono un qualcosa di più complicato.
1) Il mio era solo un rilievo statistico
Per rispondere ai calciatori citati da Bitossi
Anche di Foe (senza parlare degli altri , ancora piu' sconosciuti) conosciamo poco o nulla della sua vita
2) Nonostante esperienze anche simili , i casi Pantani - Jimenez li vedo differenti
Per quello non ho citato ne Pantani ne VDB ne Fois
Jimenez si trovava in una clinica psichiatrica , seguito quindi da un equipe medica.
All'improvviso ha avuto un attacco di cuore



Winter
Messaggi: 15530
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Re: Il caso Contador

Messaggio da leggere da Winter » mercoledì 23 febbraio 2011, 18:32

Morris ha scritto:Winter, non fare l'errore di difendere il calcio come da legge divina o similare, quindi bananesca. Siamo tifosi, ci interessa il calcio, ma non sforiamo nella ingenuità, per favore.
Sui ciclisti è possibile dire di tutto, tanto sono polli e non volano querele, ma sui calciatori si rischia eccome. Sai quanta gente del calcio è afflitta da patologie che, con forzatura o realismo, si possono ricondurre al doping e non vengono fuori. Io stesso ne conosco assai, ma i nomi non li faccio. Sai quanti depressi, ammesso che la depressione sia una derivazione del doping e non una malattia destinata naturalmente a crescere vista la vita di oggi? Sai quanti casi di ammalati di SLA (che pare essere una malattia dei calciatori, ed a dirlo è una macriscopica statistica), non conosciuti ci sono? Nelle mie zone di gente così ne esiste e non ho dita sufficienti per contarli. Ti lascio immaginare, inoltre, cosa provai quando vidi coi miei occhi, in un notissimo ospedale, un celebre calciatore giungere coperto come un frate, ma in stato semicomatoso (era bianco come un lenzuolo e .....dico solo che pur non essendo medico, non sono purtroppo uno sprovveduto in materia), attorniato da sei persone che lo reggevano (ovviamente l'ambulanza sarebbe stata troppo "ingombrante e pubblica") finire immediatamente ricoverato senza passare dai pericolosi sguardi del Pronto Soccorso.... Mi chiesi, dalla tarda mattinata del fatto, fino a sera, cosa potevano scrivere i media. Invece nulla, solo una news molto leggera della Gazza in piena notte, ed il più pieno silenzio nei gg successivi. Ma almeno avevo visto giusto e non m'ero confuso con un altro, perchè il nome,il cognome e l'ospedale, nella notizia, corrispondevano all'osservato. RImase un mese lontano dal calcio, ma tornò. Eppure questo non significa nulla, visto che a Ronaldo, dopo un attacco epilettico da reazione chimica, a distanza di tre ore lo fecero giocare perchè la macchina calcio e lo sponsor lo volevano. Poi lo vedemmo qualche gg dopo, scendere come un diversamente abile, dall'aereo. Ma non s'è detto tutto...della malattia scatenata, del bisogno di usare farmaci che lo facevano ingrassare, della fragilità tendinea ereditata perchè in tenera età lo si era potenziato non con la dolce euchessina ecc. ecc. E visto che il calcio ci vede sotto i medesimi colori, ricordi quanto scappò al caro Simoni, su giovani calciatori e doping?
Tronco, perchè altrimenti mi lascierei prendere la mano e mi incamminerei su campi troppo pericolosi, confidenze comprese. Voglio solo ricordarti quanto mi disse (e scrisse pure qui) il caro Ilic (Janjanssen) che, si badi, era un medico oncologo: "Non c'è sport con più porcherie del calcio, ma escono solo delle stupidaggini o delle assurdutà come la cocaina".
Non ho mai pensato che il calcio sia pulito , tuttaltro (e non l'ho mai scritto)
Ricordo un calciatore di una squadra torinese (quella antipatica ) che per quasi due mesi risultava con l'influenza per la gazzetta.. nella realta' non era cosi
Visto che mi piacciono entrambi gli sport noto solo che nel ciclismo troppi corridori non arrivano ai 40 anni
Spesso per problemi cardiaci. E queste cose non succedono o succedono molto meno nel calcio
Vado a memoria ma non ricordo negli ultimi 10 anni calciatori italiani morti per problemi cardiaci in piena attività fisica
Ma magari mi sbaglio



KELLY1
Messaggi: 233
Iscritto il: martedì 28 dicembre 2010, 16:34

Re: Il caso Contador

Messaggio da leggere da KELLY1 » sabato 26 febbraio 2011, 16:42

COLPO SIGNIFICATIVO. A sei mesi dalla sua positività, il Comitato disciplinare spagnolo ha deciso di chiedere un anno di sospensione per Alberto Contador, secondo quanto prevede l’articolo 10.5.2 del regolamento Wada (sanzione ridotta per “colpa non significativa”). La decisione del Comité non è definitiva. La parola ora passa ai legali di Contador, i quali hanno dieci giorni per presentare la memoria difensiva. La decisione definitiva? A metà di questo mese. In ogni caso non sarà la conclusione di questa intricata vicenda: Contador, ma anche Uci e Wada, se non soddisfatti avranno la possibilità di ricorrere al Tas di Losanna. Ma ancora più probabile è che la Wada decida di andare oltre alla “colpa non significativa”, visto che oltre al clembuterolo c’è qualcosa di molto più significativo, come le tracce di DEHP, ovvero di-etilesilftalato, una sostanza utilizzata per confezionare le sacche destinate all’autoemotrasfusione. Vi ricordate? La notizia non è nuova, visto che era già circolata nei mesi scorsi. Ma la novità è che quel test discusso e discutibile, adesso è stato validato dalla Wada, dopo essere stato pubblicato l’8 dicembre scorso sull’autorevole rivista scientifica Analytical and Bioanalytical Chemistry. E siccome i regolamenti prevedono che con i nuovi test si possano analizzare anche vecchi campioni, ecco che sulla testa di Contador si aggirano minacciose nubi. Si tratterebbe, in questo caso, non più di pochi picogrammi di clenbuterolo, attribuiti dal corridore ad una bistecca contaminata, ma di un vero e proprio doping ematico. Ovvio che il fisico umano non produca «ftalati». Ovvio che la loro presenza rappresenti il segnale indiretto di una ben più grave avvenuta manipolazione ematica. Ovvio che con questo nuovo esame la lotta al doping mette a segno un “colpo significativo”. Ovvio che per Contador si mette male. Ovvio che per questioni politiche, tutto questo può essere anche ignorato. E anche in questo caso potrebbe essere “un colpo significativo”: alla credibilità del nostro sport.

da : tuttobiciweb.it


la saga continua .....



Avatar utente
Rojo
Messaggi: 1548
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 17:34
Località: El imperio en el que nunca se pone el sol

Re: Il caso Contador

Messaggio da leggere da Rojo » mercoledì 23 marzo 2011, 14:26

Forse mi sono perso qualcosa, però mi sembrava che l'UCI avesse un mese di tempo per presentare appello al TAS, giusto? Questo mese è passato e nulla è successo. Dunque questa vicenda è conclusa definitivamente o c'è ancora la possibilità che riescono a squalificarlo?


Lo que realmente esta podrido en el ciclismo son sus dirigentes que se vuelven millonarios con nuestro sudor y esfuerzo. (Oscar Pereiro)

dietzen
Messaggi: 6194
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 21:19

Re: Il caso Contador

Messaggio da leggere da dietzen » mercoledì 23 marzo 2011, 19:56

Rojo ha scritto:Forse mi sono perso qualcosa, però mi sembrava che l'UCI avesse un mese di tempo per presentare appello al TAS, giusto? Questo mese è passato e nulla è successo. Dunque questa vicenda è conclusa definitivamente o c'è ancora la possibilità che riescono a squalificarlo?
c'era un'intervista a mcquaid ieri su cyclingnews dove diceva che avrebbero deciso oggi o domani se fare ricorso al tas (il mese scade appunto domani). poi in ogni caso la wada ha ulteriori 15 giorni (o forse 20, non ricordo) per fare a sua volta ricorso o meno (insieme all'uci o indipendentemente).
se fanno ricorso (anche solo uno dei due enti) coi tempi normali del tas ci vogliono almeno 4 mesi per arrivare all'udienza, più un altro mese o due per la sentenza (agosto e settembre quindi). poi ci potrebbe essere pure una richiesta per avere una procedura abbreviata e arrivare a una conclusione prima del tour, però per ora è difficile dire se sia possibile.

quanto alla differenza contador-valverde, il murciano era squalificato in italia, e poteva correre nel resto del mondo. quindi tecnicamente era in regola per fare la liegi o la vuelta, però si trattava di una situazione legata a questioni giuridiche, che dal punto di vista logico e di giustizia sembrava ai più senza senso. contador invece, almeno allo stato attuale, non ha subito alcuna sentenza di squalifica, e quindi le loro posizioni differiscono in questo.


Di Rocco non è il mio presidente

Avatar utente
Rojo
Messaggi: 1548
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 17:34
Località: El imperio en el que nunca se pone el sol

Re: Il caso Contador

Messaggio da leggere da Rojo » mercoledì 23 marzo 2011, 21:37

dietzen ha scritto:c'era un'intervista a mcquaid ieri su cyclingnews dove diceva che avrebbero deciso oggi o domani se fare ricorso al tas (il mese scade appunto domani). poi in ogni caso la wada ha ulteriori 15 giorni (o forse 20, non ricordo) per fare a sua volta ricorso o meno (insieme all'uci o indipendentemente).
se fanno ricorso (anche solo uno dei due enti) coi tempi normali del tas ci vogliono almeno 4 mesi per arrivare all'udienza, più un altro mese o due per la sentenza (agosto e settembre quindi). poi ci potrebbe essere pure una richiesta per avere una procedura abbreviata e arrivare a una conclusione prima del tour, però per ora è difficile dire se sia possibile.
Grazie mille. ;)
quanto alla differenza contador-valverde, il murciano era squalificato in italia, e poteva correre nel resto del mondo. quindi tecnicamente era in regola per fare la liegi o la vuelta, però si trattava di una situazione legata a questioni giuridiche, che dal punto di vista logico e di giustizia sembrava ai più senza senso. contador invece, almeno allo stato attuale, non ha subito alcuna sentenza di squalifica, e quindi le loro posizioni differiscono in questo.
No, io mi riferivo al periodo pre-squalifica italiana di Valverde. Dal 2006 al 2009 è stato trattato come un criminale. Ora nei confronti di Contador vedo un atteggiamento del tutto diverso, nonostante sia nella stessa situazione (anzi, Contador ha una positività all'antidoping, a differenza di Alejandro, mai positivo; per non parlare di quell'AC di eufemiana memoria che dubito sia Antonella Clerici... anche se Eufemiano era un ginecologo, chissà...).

Sia ben chiaro: non sto affatto chiedendo la gogna per Contador, anzi, l'esatto contrario. Mi spiace che a suo tempo ci sia stato così tanto fervore giustizialista nei confronti di Valverde.


Lo que realmente esta podrido en el ciclismo son sus dirigentes que se vuelven millonarios con nuestro sudor y esfuerzo. (Oscar Pereiro)

dietzen
Messaggi: 6194
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 21:19

Re: Il caso Contador

Messaggio da leggere da dietzen » mercoledì 23 marzo 2011, 22:16

Rojo ha scritto:
quanto alla differenza contador-valverde, il murciano era squalificato in italia, e poteva correre nel resto del mondo. quindi tecnicamente era in regola per fare la liegi o la vuelta, però si trattava di una situazione legata a questioni giuridiche, che dal punto di vista logico e di giustizia sembrava ai più senza senso. contador invece, almeno allo stato attuale, non ha subito alcuna sentenza di squalifica, e quindi le loro posizioni differiscono in questo.
No, io mi riferivo al periodo pre-squalifica italiana di Valverde. Dal 2006 al 2009 è stato trattato come un criminale. Ora nei confronti di Contador vedo un atteggiamento del tutto diverso, nonostante sia nella stessa situazione (anzi, Contador ha una positività all'antidoping, a differenza di Alejandro, mai positivo; per non parlare di quell'AC di eufemiana memoria che dubito sia Antonella Clerici... anche se Eufemiano era un ginecologo, chissà...).

Sia ben chiaro: non sto affatto chiedendo la gogna per Contador, anzi, l'esatto contrario. Mi spiace che a suo tempo ci sia stato così tanto fervore giustizialista nei confronti di Valverde.
in realtà non mi sembra di ricordare chissà cosa contro valverde fino al 2009. forse nel 2007, quando ancora di OP si parlava molto sui giornali e uscivano spesso articoli con indiscrezioni (però pur sempre articoli). l'uci cercò di impedire la partecipazione sua e di allan davis al mondiale 2007, ma dopo che il tas diede ragione al corridore non mi vengono in mente episodi particolari fino al 2009. molte allusioni sì, ma in linea con quello che succede con gli atleti fortemente sospettati di qualcosa, in linea con quanto ad esempio si cita spesso humanplasma quando di parla di menchov, ma non di più.

ps: esiste cmq un altro AC vincitore di vuelta (che secondo me fra l'altro poteva essere un grandissimo se non avesse avuto la carriera costellata da continui problemi alle ginocchia), quindi almeno lì il dubbio c'è. ;)


Di Rocco non è il mio presidente

Avatar utente
Rojo
Messaggi: 1548
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 17:34
Località: El imperio en el que nunca se pone el sol

Re: Il caso Contador

Messaggio da leggere da Rojo » giovedì 24 marzo 2011, 10:09

dietzen ha scritto:in realtà non mi sembra di ricordare chissà cosa contro valverde fino al 2009. forse nel 2007, quando ancora di OP si parlava molto sui giornali e uscivano spesso articoli con indiscrezioni (però pur sempre articoli). l'uci cercò di impedire la partecipazione sua e di allan davis al mondiale 2007, ma dopo che il tas diede ragione al corridore non mi vengono in mente episodi particolari fino al 2009. molte allusioni sì, ma in linea con quello che succede con gli atleti fortemente sospettati di qualcosa, in linea con quanto ad esempio si cita spesso humanplasma quando di parla di menchov, ma non di più.
Boh... forse abbiamo frequentato due forum diversi in questi anni. :mrgreen:
Anche nelle telecronache era un continuo "Basso sta pagando per i suoi errori bla bla bla Valverde no bla bla bla". Non riuscivano a parlare del corridore senza tirare fuori quell'argomento.

Ma vabbè... ormai è andata così... inutile ripensarci.
ps: esiste cmq un altro AC vincitore di vuelta (che secondo me fra l'altro poteva essere un grandissimo se non avesse avuto la carriera costellata da continui problemi alle ginocchia), quindi almeno lì il dubbio c'è. ;)
Casero nel 2006 si era già ritirato.


Lo que realmente esta podrido en el ciclismo son sus dirigentes que se vuelven millonarios con nuestro sudor y esfuerzo. (Oscar Pereiro)

dietzen
Messaggi: 6194
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 21:19

Re: Il caso Contador

Messaggio da leggere da dietzen » giovedì 24 marzo 2011, 11:05

Rojo ha scritto:
dietzen ha scritto:in realtà non mi sembra di ricordare chissà cosa contro valverde fino al 2009. forse nel 2007, quando ancora di OP si parlava molto sui giornali e uscivano spesso articoli con indiscrezioni (però pur sempre articoli). l'uci cercò di impedire la partecipazione sua e di allan davis al mondiale 2007, ma dopo che il tas diede ragione al corridore non mi vengono in mente episodi particolari fino al 2009. molte allusioni sì, ma in linea con quello che succede con gli atleti fortemente sospettati di qualcosa, in linea con quanto ad esempio si cita spesso humanplasma quando di parla di menchov, ma non di più.
Boh... forse abbiamo frequentato due forum diversi in questi anni. :mrgreen:
Anche nelle telecronache era un continuo "Basso sta pagando per i suoi errori bla bla bla Valverde no bla bla bla". Non riuscivano a parlare del corridore senza tirare fuori quell'argomento.

Ma vabbè... ormai è andata così... inutile ripensarci.
ps: esiste cmq un altro AC vincitore di vuelta (che secondo me fra l'altro poteva essere un grandissimo se non avesse avuto la carriera costellata da continui problemi alle ginocchia), quindi almeno lì il dubbio c'è. ;)
Casero nel 2006 si era già ritirato.
pensavo ti riferissi all'atteggiamento degli organi internazionali, di squadre e corridori, di organizzatori, stampa, ecc., non del forum... che rimane un ambito tutto sommato relativo. e quello detto in telecronaca lo associo alle allusioni di cui sopra.

quanto ad AC, nella lista di fuentes c'erano altri nomi di ciclisti che avevano smesso fra il 2004 e il 2005, quindi non è da escludere l'ipotesi.


Di Rocco non è il mio presidente

Avatar utente
Coppel
Messaggi: 572
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 23:47

Re: Il caso Contador

Messaggio da leggere da Coppel » giovedì 24 marzo 2011, 12:59

Nel frattempo è arrivato l'appello al TAS dell'UCI
http://www.spaziociclismo.it/?action=re ... izia=10011



bartoli
Messaggi: 1570
Iscritto il: mercoledì 2 marzo 2011, 14:40
Località: Rho

Re: Il caso Contador

Messaggio da leggere da bartoli » giovedì 24 marzo 2011, 15:15

Spero di non vederlo al Giro, non ho voglia di un altra classifica da riscrivere


Soffrire, cadere, rialzarsi, vincere. Questo è il vocabolario del ciclismo e della vita

l'Orso
Messaggi: 4605
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 11:18

Re: Il caso Contador

Messaggio da leggere da l'Orso » giovedì 24 marzo 2011, 16:07

Rojo ha scritto:Forse mi sono perso qualcosa, però mi sembrava che l'UCI avesse un mese di tempo per presentare appello al TAS, giusto? Questo mese è passato e nulla è successo. Dunque questa vicenda è conclusa definitivamente o c'è ancora la possibilità che riescono a squalificarlo?
gliel'hai proprio "chiamata" :)
bartoli ha scritto:Spero di non vederlo al Giro, non ho voglia di un altra classifica da riscrivere
invece io, se non arrivano squalifiche prima, spero di vederlo.
Tanto "il dopo" è da tempo non mi cambia quello che ho visto, mi danno + fastidio le estromissioni a metà manifestazione.

Questo perchè nonostante ad ogni fine anno mi autoconvinca che quello futuro sarà l'anno del ciclismo pulito (o quasi, insomma), che certe prestazioni atletiche meno disumane (vedi Contador & Andy al tour) siano i segni che qualcosa sia migliorato... normalmente già a gennaio arrivan le smentite ufficiali (e mio papà che aggiunge il suo laconico "te l'avevo detto"(*) ).
Ergo, seguo le gare, applaudo i faticatori e mi dispiaccio per quelli che non ci saranno l'anno successivo.

(*) frutto anche di sue esperienze da ciclista dilettante degli anni passati che ne ha viste "passare" di tutti i colori... di pastiglie ... per non parlare (e infatti non ne parlo :) ) degli aneddoti che mi racconta dei corsi da DS per cui sostiene che certe cose non cambieranno mai.
A, una cosa però è cambiata anche per lui, una volta soleva dire (in dialetto) che "se anche un somaro mangia la biada, non diventerà mai un cavallo", oggi non lo dice e non lo pensa più.... :(


Fanta cicloweb 2015:
Tour 2015 - 19a tappa - SJ M.nne - Toussuire (24 Luglio)

utenti ignorati:
Scostante_Girardengo

Ottavio
Messaggi: 169
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 16:00

Re: Il caso Contador

Messaggio da leggere da Ottavio » giovedì 24 marzo 2011, 17:12

Sono curioso di vedere come si comporterà Zomegnan.

Credo che sia evidente che gli organizzatori del Tour hanno fatto capire a Contador che non lo vogliono a nessun costo in Francia (la mancata partecipazione alla PA-Ni ne è la riprova).
Zome rischia di trovarsi i il probabile vincitore del Giro squalificato in estate. Il precedente di Pellizzotti è pesantissimo.......



dietzen
Messaggi: 6194
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 21:19

Re: Il caso Contador

Messaggio da leggere da dietzen » giovedì 24 marzo 2011, 18:55

Ottavio ha scritto:Sono curioso di vedere come si comporterà Zomegnan.

Credo che sia evidente che gli organizzatori del Tour hanno fatto capire a Contador che non lo vogliono a nessun costo in Francia (la mancata partecipazione alla PA-Ni ne è la riprova).
Zome rischia di trovarsi i il probabile vincitore del Giro squalificato in estate. Il precedente di Pellizzotti è pesantissimo.......
i rapporti fra aso e contador sono in realtà buoni. non ha corso la parigi-nizza per il ritardo nella preparazione, ma alla freccia (corsa aso) è annunciato. fino a un eventuale pronunciamento avverso del tas, contador può correre dove vuole, e non mi pare il tipo che accetta imposizioni da altri. in compenso non ha mai detto, dopo la prima assoluzione, che avrebbe corso il tour a qualsiasi costo, anzi ha fatto capire in maniera piuttosto chiara che se gli organizzatori francesi glielo chiedessero (perchè magari le udienze del tas, visti i tempi, potrebbero essere fissati proprio a luglio o subito dopo la conclusione della corsa) lui potrebbe accettare la cosa. questo in sostanza perchè nei mesi della sospensione in cui tutti gli davano addosso, aso è stata invece sempre molto "buona" con lui.


Di Rocco non è il mio presidente

bartoli
Messaggi: 1570
Iscritto il: mercoledì 2 marzo 2011, 14:40
Località: Rho

Re: Il caso Contador

Messaggio da leggere da bartoli » giovedì 24 marzo 2011, 20:20

l'Orso ha scritto:
Rojo ha scritto:Forse mi sono perso qualcosa, però mi sembrava che l'UCI avesse un mese di tempo per presentare appello al TAS, giusto? Questo mese è passato e nulla è successo. Dunque questa vicenda è conclusa definitivamente o c'è ancora la possibilità che riescono a squalificarlo?
gliel'hai proprio "chiamata" :)
bartoli ha scritto:Spero di non vederlo al Giro, non ho voglia di un altra classifica da riscrivere
invece io, se non arrivano squalifiche prima, spero di vederlo.
Tanto "il dopo" è da tempo non mi cambia quello che ho visto, mi danno + fastidio le estromissioni a metà manifestazione.

Questo perchè nonostante ad ogni fine anno mi autoconvinca che quello futuro sarà l'anno del ciclismo pulito (o quasi, insomma), che certe prestazioni atletiche meno disumane (vedi Contador & Andy al tour) siano i segni che qualcosa sia migliorato... normalmente già a gennaio arrivan le smentite ufficiali (e mio papà che aggiunge il suo laconico "te l'avevo detto"(*) ).
Ergo, seguo le gare, applaudo i faticatori e mi dispiaccio per quelli che non ci saranno l'anno successivo.

(*) frutto anche di sue esperienze da ciclista dilettante degli anni passati che ne ha viste "passare" di tutti i colori... di pastiglie ... per non parlare (e infatti non ne parlo :) ) degli aneddoti che mi racconta dei corsi da DS per cui sostiene che certe cose non cambieranno mai.
A, una cosa però è cambiata anche per lui, una volta soleva dire (in dialetto) che "se anche un somaro mangia la biada, non diventerà mai un cavallo", oggi non lo dice e non lo pensa più.... :(
E invece se proprio si deve dare una ventata nuova Contador non deve prendere il via del Giro
Si darebbe una bella lezione morale a tutti


Soffrire, cadere, rialzarsi, vincere. Questo è il vocabolario del ciclismo e della vita

l'Orso
Messaggi: 4605
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 11:18

Re: Il caso Contador

Messaggio da leggere da l'Orso » venerdì 25 marzo 2011, 0:21

lezione morale?
Con regole del genere e con dei controllori così poco seri?
A chi la diamo la lezione morale? Un ambiente falso e ipocrita dalla testa.... E quale sarebbe la lezione morale da far passare?
Che c'è il miglior corridore per corse a tappe del momento, trovato positivo a una sostanza non dopante (ma coprente), presente nei cibi in diversi paesi dove il ciclismo viene praticato (Casi Nielsen e Colò, da cui si evince l'italico vizio di martellarsi i coglio.....emh...ci siam capiti), per piccole quantità e con decorso che sembrerebbe proprio indicare l'assunzione involontaria.
Si, lo so benissimo che c'è anche il dubbio sulle tracce di sostanze "plastiche" ritrovate e che potrebbero indicare l'utilizzo di autoemotrasfusione, ma al momento le accuse sul piatto son quelle "ridicole".
Insomma, c'è una regola assurda, ridicola e impugnabile in qualunque tribulale "tradizionale", che recita che se tu vieni trovato positivo, prima di tutto sei tu che devi dimostrare che non sei nel torto e già quì se ne può discutere ma ci può stare, ma poi? Poi anche se ci riesci sei punibile ugualmente in quanto responsabile di quello che mangi? Posso capire se si trattasse di integratori (che abolirei) ma quì si parla di andare a pranzo/cena.
Ma stiamo scherzando? Ma che ca..ata è?
Lasciando perdere poi il passaporto biologico sul quale ci son studi pro e contro e che al momento è così soggettivo da diventare un'arma in mano all'UCI da usare a suo piacimento. A no, quello va bene, l'importante è che i certificati di certi corridori sian autenticati...

Miiiiiii, quanto mi fan infervorare ste cose.
Poi per difendere un corridore che non mi piace un granchè oltretutto, capace di vincere 5 GT facendomi addormentare sul divano :(( (il tour dell'anno scorso lo guardavo registrato, per poter "mandare avanti").

Ad ogni modo, ripeto,per gli amanti del ciclismo (non parlo dei tifosi del singolo), sarebbe bello vedere finalmente Contador confrontarsi con il percorso del giro 2011, per i risultati, vada come vada, per quel che mi interessa ognuno può riscrivere gli albi d'oro a suo piacimento, i miei rimangono immacolati.

Restano solo rovinati da squalifiche "durante", come quella di Pantani (pardon, sospensione, anche se è stata trasformata in squalifica dai "moralisti"), Casagrande, Simoni, Belli, Rasmussen e altre che al momento non mi sovvengono.


Un ultima cosa:
una giustizia + "corretta" (secondo la mia personale visione) avrebbe dovuto squalificare Contador subito dopo la fine del Tuor 2010, e nel giro di 30 giorni si doveva (deve) arrivare districarsi fra ricorsi/controricorsi TAS/TOS/TUS e mi.kiate varie (scusate i "francesismi").


Va bhe, lascio perdere e vedo di girare allargo da questa sezione che è passata la mezzanotte e son ancora davanti al pc...

Buona notte a tutti e per chi ha tempo, buone pedalate (non a quest'ora ovviamente ;) ).


Fanta cicloweb 2015:
Tour 2015 - 19a tappa - SJ M.nne - Toussuire (24 Luglio)

utenti ignorati:
Scostante_Girardengo

bartoli
Messaggi: 1570
Iscritto il: mercoledì 2 marzo 2011, 14:40
Località: Rho

Re: Il caso Contador

Messaggio da leggere da bartoli » venerdì 25 marzo 2011, 0:52

l'Orso ha scritto:lezione morale?
Con regole del genere e con dei controllori così poco seri?
A chi la diamo la lezione morale? Un ambiente falso e ipocrita dalla testa.... E quale sarebbe la lezione morale da far passare?
Che c'è il miglior corridore per corse a tappe del momento, trovato positivo a una sostanza non dopante (ma coprente), presente nei cibi in diversi paesi dove il ciclismo viene praticato (Casi Nielsen e Colò, da cui si evince l'italico vizio di martellarsi i coglio.....emh...ci siam capiti), per piccole quantità e con decorso che sembrerebbe proprio indicare l'assunzione involontaria.
Si, lo so benissimo che c'è anche il dubbio sulle tracce di sostanze "plastiche" ritrovate e che potrebbero indicare l'utilizzo di autoemotrasfusione, ma al momento le accuse sul piatto son quelle "ridicole".
Insomma, c'è una regola assurda, ridicola e impugnabile in qualunque tribulale "tradizionale", che recita che se tu vieni trovato positivo, prima di tutto sei tu che devi dimostrare che non sei nel torto e già quì se ne può discutere ma ci può stare, ma poi? Poi anche se ci riesci sei punibile ugualmente in quanto responsabile di quello che mangi? Posso capire se si trattasse di integratori (che abolirei) ma quì si parla di andare a pranzo/cena.
Ma stiamo scherzando? Ma che ca..ata è?
Lasciando perdere poi il passaporto biologico sul quale ci son studi pro e contro e che al momento è così soggettivo da diventare un'arma in mano all'UCI da usare a suo piacimento. A no, quello va bene, l'importante è che i certificati di certi corridori sian autenticati...

Miiiiiii, quanto mi fan infervorare ste cose.
Poi per difendere un corridore che non mi piace un granchè oltretutto, capace di vincere 5 GT facendomi addormentare sul divano :(( (il tour dell'anno scorso lo guardavo registrato, per poter "mandare avanti").

Ad ogni modo, ripeto,per gli amanti del ciclismo (non parlo dei tifosi del singolo), sarebbe bello vedere finalmente Contador confrontarsi con il percorso del giro 2011, per i risultati, vada come vada, per quel che mi interessa ognuno può riscrivere gli albi d'oro a suo piacimento, i miei rimangono immacolati.

Restano solo rovinati da squalifiche "durante", come quella di Pantani (pardon, sospensione, anche se è stata trasformata in squalifica dai "moralisti"), Casagrande, Simoni, Belli, Rasmussen e altre che al momento non mi sovvengono.


Un ultima cosa:
una giustizia + "corretta" (secondo la mia personale visione) avrebbe dovuto squalificare Contador subito dopo la fine del Tuor 2010, e nel giro di 30 giorni si doveva (deve) arrivare districarsi fra ricorsi/controricorsi TAS/TOS/TUS e mi.kiate varie (scusate i "francesismi").


Va bhe, lascio perdere e vedo di girare allargo da questa sezione che è passata la mezzanotte e son ancora davanti al pc...

Buona notte a tutti e per chi ha tempo, buone pedalate (non a quest'ora ovviamente ;) ).
Contador e' stato trovato positivo e finche non puo dimostrare al 100% la sua innocenza non deve correre IMO
Abbiamo visioni diverse


Soffrire, cadere, rialzarsi, vincere. Questo è il vocabolario del ciclismo e della vita

dietzen
Messaggi: 6194
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 21:19

Re: Il caso Contador

Messaggio da leggere da dietzen » venerdì 25 marzo 2011, 10:46

bartoli ha scritto: Contador e' stato trovato positivo e finche non puo dimostrare al 100% la sua innocenza non deve correre IMO
Abbiamo visioni diverse
nella giustizia sportiva non esiste (per motivi pratici, altrimenti non si arriverebbe a condannare quasi nessuno) il concetto del 100%, del "oltre ogni ragionevole dubbio" dei legal americani, ci si basa sul concetto di "più probabile".


Di Rocco non è il mio presidente

Ottavio
Messaggi: 169
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 16:00

Re: Il caso Contador

Messaggio da leggere da Ottavio » venerdì 25 marzo 2011, 11:39

Dietzen,
Contador non ha rinunciato alla Paris-Nice perché era in ritardo di condizione!

Non credo abbia perso un giorno di corsa rispetto al preventivato e il Contador della Vuelta a Murcia avrebbe vinto la PA-NI.
Correrà la Freccia Vallone? Lo scopriremo......



Avatar utente
Rojo
Messaggi: 1548
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 17:34
Località: El imperio en el que nunca se pone el sol

Re: Il caso Contador

Messaggio da leggere da Rojo » venerdì 25 marzo 2011, 12:59

Quoto tutto quanto scritto da Orso sulla questione riscrivere le classifiche.

Se Contador partecipa al Giro e lo vince, quella vittoria rimarrebbe sua, anche se ci fosse una squalifica nei suoi confronti. Non sarebbe il vincitore ufficiale ma di fatto sì.

Il problema sorge quando uno viene fermato durante la corsa.


Lo que realmente esta podrido en el ciclismo son sus dirigentes que se vuelven millonarios con nuestro sudor y esfuerzo. (Oscar Pereiro)

Avatar utente
nemecsek
Messaggi: 931
Iscritto il: mercoledì 9 febbraio 2011, 1:14

Re: Il caso Contador

Messaggio da leggere da nemecsek » sabato 26 marzo 2011, 11:33

l'Orso ha scritto: Si, lo so benissimo che c'è anche il dubbio sulle tracce di sostanze "plastiche" ritrovate e che potrebbero indicare l'utilizzo di autoemotrasfusione, ma al momento le accuse sul piatto son quelle "ridicole".
Si potrebbe tentare una tesi difensiva puntando sulla presenza di ftalati nelle pellicole plastiche da macelleria.


A volte il dito indica proprio il dito, non la luna.
Dopo Campiglio qualcuno ha abbandonato il ciclismo, qualcun altro ha ripreso a seguirlo.
I veri campioni erano quelli che dicevano no [Winter]

Avatar utente
robot1
Messaggi: 1049
Iscritto il: lunedì 27 dicembre 2010, 19:46

Re: Il caso Contador

Messaggio da leggere da robot1 » giovedì 26 maggio 2011, 16:10

Probabile rinvio delle udienze a settembre?
Diverse fonti:
una di queste http://www.gazzetta.it/notizie-ultima-o ... 1187.shtml


Un giorno potremo raccontare ai nipotini che noi siamo stati fortunati a veder correre Sagan

dietzen
Messaggi: 6194
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 21:19

Re: Il caso Contador

Messaggio da leggere da dietzen » giovedì 26 maggio 2011, 16:34

robot1 ha scritto:Probabile rinvio delle udienze a settembre?
Diverse fonti:
una di queste http://www.gazzetta.it/notizie-ultima-o ... 1187.shtml
a zomegnan sicuramente non dispiacerà togliersi il pensiero della maglia rosa a giudizio una settimana dopo la fine del giro.


Di Rocco non è il mio presidente

alfiso

Re: Il caso Contador

Messaggio da leggere da alfiso » giovedì 26 maggio 2011, 17:13

Credo che i tentacoli della Trinity di Aigle abbia provato ogni via perché il Tas (vicino di casa) si riiservi la decisione più in là possibile, onde evitare una scissione ed il riischio di una nuova lega professionistica mondiale ormai. Riis delitti imperfetti? No il delitto non lo possono più consumare.
Anche se questa eventualità (nuova lega) non mi fa brillare gli occhi, è comunque una sorta di contrappeso al debordare del clan ned-irlandese.



Avatar utente
Rojo
Messaggi: 1548
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 17:34
Località: El imperio en el que nunca se pone el sol

Re: Il caso Contador

Messaggio da leggere da Rojo » giovedì 26 maggio 2011, 19:49

Bah... credo si sopravvaluti il potere di Rijs... anche con Valverde il Tas rimandò il giudizio 350 volte...

E non ho capito il collegamento di questa vicenda con una nuova lega professionistica.


Lo que realmente esta podrido en el ciclismo son sus dirigentes que se vuelven millonarios con nuestro sudor y esfuerzo. (Oscar Pereiro)

alfiso

Re: Il caso Contador

Messaggio da leggere da alfiso » giovedì 26 maggio 2011, 20:04

Rojo ha scritto:Bah... credo si sopravvaluti il potere di Rijs... anche con Valverde il Tas rimandò il giudizio 350 volte...

E non ho capito il collegamento di questa vicenda con una nuova lega professionistica.
Non corre buon sangue fra Aigle e Riis da tempo e per varie ragioni, sintetizzabili nel "tu sai che io che tu sai".
L'irlandese è arrivato a proporre che i team manager ex dopati non possano più svolgere il loro ruolo.
Ovviamente per una ragione di moralità. Ooooooohhhhhhhh, come no!
Parliamo di guerra fredda quindi. Non sono nè dalla parte nè contro Bjarne, semplicemente con il suo potere (sia poco o tanto) fa da contropotere al debordante clan di Aigle. E di questi tempi ... a Milano si dice: piutost che nient mej piutost.

da un twit illuminante di Gary McQuaid:
26 Nov 10
If he quits what'll he do, open a steak house wha??!!!
Se smette cosa farà, aprirà una steak house wha (esclamazione di spregio)??!!!
(Ipotesi plausibile): Contador dichiara il 26 novembre di volersi ritirare, e la battuta sgradevole sul futuro di questi riguarda l'origine dichiarata dal ciclista circa la positività, ovvero una carne contaminata da clenbuterolo. Che classe il clan.

Rojo ti ho inviato i materiali di cui mi chiedevi via pm



Strong
Messaggi: 9550
Iscritto il: mercoledì 12 gennaio 2011, 11:48

Re: Il caso Contador

Messaggio da leggere da Strong » mercoledì 27 luglio 2011, 9:51

chiedo venia per non essermi accorto che era già aperto :muro:

La sentenza del TAS slitta a novembre.
Ad inchiodare lo spagnolo non sarnno tanto le tracce di "bistecca" che comunque le normative antidoping non tollerano neppure in minima quantità (tracce di clembuterolo sono state rilevate in ben 4 controlli), ma piuttiosto quelle di "plastica" che fanno pensare ad una ben più probabile autoemostrasfusione (sembrava che fosse il solo Riccò specialista di queste cose, eh ).
Il clembuterolo è considerata sostanza coprente.

A questo punto, con lo slittamento a Novembre, Contador può provare a fare ancoro il Triplete .
Secondo me fa la fine di Valverde....


i fondamentalisti del ciclismo e gli ultras dei ciclisti sono il male di questo sport.

Marco91
Messaggi: 7
Iscritto il: sabato 20 agosto 2011, 14:42

Re: Il caso Contador

Messaggio da leggere da Marco91 » sabato 20 agosto 2011, 15:25

Faccio una premessa: sono un tifosissimo di Alberto Contador, così come sono stato un tifosissimo di Marco Pantani (che conoscevo personalmente in quanto amico di famiglia, anche se io ero molto piccolo a fine anni '90).

Credo che questo caso Contador sia l'ennesima dimostrazione di una giustizia sportiva che funziona a proprio piacimento, bersagliando alcuni e tralasciando altri. Dopo un anno non abbiamo un'idea chiara su quale sarà l'epilogo della vicenda, così come non abbiamo ancora ben capito se questi famosi plasticidi sono presenti in quantità considerevoli per affermare che c'è stata una trasfusione oppure no...
Il ciclismo, oggi come ieri, punta all'autodistruzione! Hanno sempre fatto il possibile per eliminare i personaggi di punta di uno sport che, con un monte sponsorizzazioni irrisorio se paragonato a quello di sport come la F1, il calcio o la MotoGp, risulta scomodo a molti.
Ad esclusione del calcio, il ciclismo è l'unico sport vero, dove fatica e sacrifici riescono a coinvolgere gli spettatori e ad immedesimarsi nei propri idoli. Il ciclismo, e principalmente i vertici del ciclismo mondiale, non ci arrivano a comprenderlo e il caso di Contador ne è una prova: hanno svuotato il fenomeno della bici senza squalificarlo, senza evidenziarne una reale colpevolezza.

Parliamoci chiaro: si possono invocare 2 anni di squalifica per un corridore che è positivo a una quantità infinitesimale di clenbuterolo? Davvero è possibile porlo sullo stesso piano di un Rccardo Riccò che fa uso di CERA e falsa in modo sensibile le sue prestazioni?! Mi sembra assurdo!
Bisognerebbe creare una giustizia seria, con squalifiche adeguate alla colpa imputata, evitando di distruggere l'immagine di un corridore eccezionale come lo spagnolo! Se ha sbagliato sono il primo a sostenere che deve scontare la sua colpevolezza, ma per cortesia i vertici del ciclismo e della WADA lo facciano con un pò di ritegno!



Avatar utente
lemond
Messaggi: 12982
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:52
Località: Firenze

Re: Il caso Contador

Messaggio da leggere da lemond » domenica 21 agosto 2011, 11:23

Marco91 ha scritto: Parliamoci chiaro: si possono invocare 2 anni di squalifica per un corridore che è positivo a una quantità infinitesimale di clenbuterolo? Davvero è possibile porlo sullo stesso piano di un Rccardo Riccò che fa uso di CERA e falsa in modo sensibile le sue prestazioni?! Mi sembra assurdo!
Quanto non citato lo condivido, ma quel che "quoto" a me sembra riveli la tua partigineria (anche se non lo avessi scritto). Non sono un chimico, né un esperto di doping, ma in tanti hanno detto che una quantità ... può mascherare altre cose e quindi a me sembra proprio assurdo voler fare classifiche di demerito. :x
O si è contro o a favore dell'attuale sistema e, nel primo caso, non si può fare troppe discriminazioni, perché in ogni caso l'errore è quasi sicuro. :grr:


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
i barbieri il lunedì
e il mitico Lopez, che lavora alla Coop,
... il martedì. :bll:

Avatar utente
TIC
Messaggi: 7451
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:20

Re: Il caso Contador

Messaggio da leggere da TIC » domenica 21 agosto 2011, 12:39

lemond ha scritto:
Marco91 ha scritto:
Quanto non citato lo condivido, ma quel che "quoto" a me sembra riveli la tua partigineria (anche se non lo avessi scritto). Non sono un chimico, né un esperto di doping, ma in tanti hanno detto che una quantità ... può mascherare altre cose e quindi a me sembra proprio assurdo voler fare classifiche di demerito. :x
O si è contro o a favore dell'attuale sistema e, nel primo caso, non si può fare troppe discriminazioni, perché in ogni caso l'errore è quasi sicuro. :grr:
E perche' Bennati corre il mondiale ?


Henry Kissinger : (Ad un summit presso il Ministero degli Esteri alla fine dell'intervento di Aldo Moro) Chi parla in questo modo non può che essere un imbroglione e non può che rappresentare un popolo di imbroglioni.

Strong
Messaggi: 9550
Iscritto il: mercoledì 12 gennaio 2011, 11:48

Re: Il caso Contador

Messaggio da leggere da Strong » martedì 23 agosto 2011, 15:03

TIC ha scritto:
lemond ha scritto:
Marco91 ha scritto:
Quanto non citato lo condivido, ma quel che "quoto" a me sembra riveli la tua partigineria (anche se non lo avessi scritto). Non sono un chimico, né un esperto di doping, ma in tanti hanno detto che una quantità ... può mascherare altre cose e quindi a me sembra proprio assurdo voler fare classifiche di demerito. :x
O si è contro o a favore dell'attuale sistema e, nel primo caso, non si può fare troppe discriminazioni, perché in ogni caso l'errore è quasi sicuro. :grr:
E perche' Bennati corre il mondiale ?
perchè non dovrebbe correrlo?
non mi sembra sia mai stato squalificato per doping


i fondamentalisti del ciclismo e gli ultras dei ciclisti sono il male di questo sport.

Fiammingo
Messaggi: 737
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 16:40

Re: Il caso Contador

Messaggio da leggere da Fiammingo » lunedì 21 novembre 2011, 23:06

Lo metto qui per non aprire un altro thread:

Pereiro mio idolo, voglio 10, 100, 1000 pereiro in gruppo!

http://www.as.com/ciclismo/articulo/zid ... icic_2/Tes



Avatar utente
lemond
Messaggi: 12982
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:52
Località: Firenze

Re: Il caso Contador

Messaggio da leggere da lemond » martedì 22 novembre 2011, 13:57

Fiammingo ha scritto:Lo metto qui per non aprire un altro thread:

Pereiro mio idolo, voglio 10, 100, 1000 pereiro in gruppo!

http://www.as.com/ciclismo/articulo/zid ... icic_2/Tes

Pereiro Sio sfonda, secondo me, una porta da sempre aperta. :grr:


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
i barbieri il lunedì
e il mitico Lopez, che lavora alla Coop,
... il martedì. :bll:

alfiso

Re: Il caso Contador

Messaggio da leggere da alfiso » mercoledì 23 novembre 2011, 11:22

Fiammingo ha scritto:Lo metto qui per non aprire un altro thread:

Pereiro mio idolo, voglio 10, 100, 1000 pereiro in gruppo!

http://www.as.com/ciclismo/articulo/zid ... icic_2/Tes
Pereiro Sio tiene dos cojones así.
Mi auguro che qualche squadra di calcio o qualche stella del calcio abbia il coraggio (l'impudenza) di querelarlo.
Quando dice che "in questo paese non abbiamo il coraggio di scoperchiare (levantar) la verità sull'Operacion Puerto" mi si riempie il cuore.
LESA MAESTA'
Un grande vincitore del Tour che scopro solo oggi (nel valore umano).
Premio Oscar al coraggio!!! :clap: :clap: :clap:



Avatar utente
cauz.
Messaggi: 12474
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 12:53
Località: milano
Contatta:

Re: Il caso Contador

Messaggio da leggere da cauz. » giovedì 24 novembre 2011, 15:50

servizio audio di pancani sul processo-contador
http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/me ... 272&page=0


"Il male trionfa sempre, perche' il bene e' stupido" [Lord Casco]
@cauz_ | bidonmagazine.org | confindustrial.noblogs.org

alfiso

Re: Il caso Contador

Messaggio da leggere da alfiso » giovedì 24 novembre 2011, 20:51

:uhm: :uhm: :uhm: :uhm: :uhm: :uhm:
Sento puzza di bruciato. Non vorrei che per punir la Spagna, si punisca per l'ennesima volta il ciclismo.
10,100,1000 Oscar Pereiro
Le lacrime di Contador fanno temere il peggio. Speriamo sia stato solo un cedimento nervoso.
http://www.gazzetta.it/Ciclismo/24-11-2 ... 2271.shtml

L'interpretazione di Perna fa temere una condanna.
http://video.gazzetta.it/processo-conta ... 282296ec66



herbie
Messaggi: 4892
Iscritto il: sabato 26 febbraio 2011, 17:19

Re: Il caso Contador

Messaggio da leggere da herbie » giovedì 24 novembre 2011, 23:15

mah! proprio ascoltando tutta l'intervista lo stesso Perna dice che la sua netta impressione è che la bilancia penda a favore di Contador....

faccio però presente che anche nel caso dell'assoluzione il ciclismo ne uscirebbe con le ossa rotte, anche più che da una condanna "mitigata", cosa che riterrei la più giusta visti certi precedenti. In Francia e Svizzera il clima è molto ostile a Contador, stessa cosa nei paesi anglosassoni. E' chiaro che nel caso dei francofoni, pesantemente penalizzati da politiche antidoping molto rigide e forcaiole, il sentimento della netta sproporzione di pena con altri casi più "leggeri" è forte. Strano invece come in Italia, che ha avuto il movimento praticamente decapitato dei suoi più importanti interpreti, in alcuni casi con carriera interrotta e pesantemente compromessa da lunghe sospensioni senza condanne, il clima invece sia favorevole al corridore....una assoluzione sarebbe accolta con un ulteriore calo di fiducia ed interesse in quei paesi.
Ma comunque vada, alla base di tutto sta quel cieco giustizialismo iposrita instaurato, non certo per amor di giustizia sportiva ma con ben precisi interessi, dagli anni di Pantani in poi.
E' alla luce di quel clima che comunque vada, anche da questa vicenda assurdamente protrattasi, il ciclismo ne uscirà sconfitto.



alfiso

Re: Il caso Contador

Messaggio da leggere da alfiso » venerdì 25 novembre 2011, 0:06

Io mi riferivo alla successione dei fatti di questi gg ed alle descrizioni fornite sulle audizioni, non al parere personale di Perna.
Al 90% credo che sino ad oggi si pensasse ad una assoluzione, dopo le generose analoghe assoluzioni di calciatori (messicani e non).
Ma quando c'è un ciclista ... allora le cose cambiano; quelli sono dopati per definizione, tradizione e costituzione.
E ad Aigle sono pronti per l'ennesimo segno di pulizia di questo sport che "adesso fa davvero pulizia sul serio" (tra italiani, spagnoli e russi). :vomitino:



l'Orso
Messaggi: 4605
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 11:18

Re: Il caso Contador

Messaggio da leggere da l'Orso » venerdì 25 novembre 2011, 13:13

Se squalificano Contador o meno non migliorerà la credibilità del ciclismo agli occhi dei non appassionati.
Ad oggi, secondo le regole attuali del ciclismo, non sappiamo ancora chi ha vinto il Tour del 2010, per non parlare del Giro 2011 e delle altre gare a cui ha preso parte (senza di lui il Tour 2011 sarebbe cambiato completamente)... ridicolo :muro:

Personalmente spero tanto che venga assolto, non perchè sia pulito o meno, ma perchè l'accusa di doping per il momento si basa tutta sulla presenza o meno di una molecola che potrebbe essere assunta involontariamente....per un quantitativo poi che nella maggior parte dei laboratori (almeno fino al caso Contador) non sarebbe stato rilevato (non per negligenza ma perchè gli standard minimi di controllo richiesti dall'agenzia antidoping relativi a quella sostanza son tali che...).

Insomma, o l'antidoping nel ciclismo cambia tempistiche, metodi e regole, o che scompaia...


Fanta cicloweb 2015:
Tour 2015 - 19a tappa - SJ M.nne - Toussuire (24 Luglio)

utenti ignorati:
Scostante_Girardengo

Avatar utente
cauz.
Messaggi: 12474
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 12:53
Località: milano
Contatta:

Re: Il caso Contador

Messaggio da leggere da cauz. » venerdì 25 novembre 2011, 14:56

herbie ha scritto: Strano invece come in Italia, che ha avuto il movimento praticamente decapitato dei suoi più importanti interpreti, in alcuni casi con carriera interrotta e pesantemente compromessa da lunghe sospensioni senza condanne, il clima invece sia favorevole al corridore...
mi viene il dubbio che in italia ormai si siano notati i danni drammatici che la politica antidoping ha creato al ciclismo, e che quindi si parteggi per il corridore a prescindere.
temo pero' che sia solo idiozia da grande fratello, per cui si tifa per "quello che ha vinto il giro d'italia". :)


"Il male trionfa sempre, perche' il bene e' stupido" [Lord Casco]
@cauz_ | bidonmagazine.org | confindustrial.noblogs.org

Winter
Messaggi: 15530
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Re: Il caso Contador

Messaggio da leggere da Winter » venerdì 25 novembre 2011, 17:40

alfiso ha scritto:Io mi riferivo alla successione dei fatti di questi gg ed alle descrizioni fornite sulle audizioni, non al parere personale di Perna.
Al 90% credo che sino ad oggi si pensasse ad una assoluzione, dopo le generose analoghe assoluzioni di calciatori (messicani e non).
Non vedo grosse analogie tra il caso Contador e i calciatori messicani..
Quanti casi di Vitelli contaminati al Nandrolone (e con quelle dosi..) in Spagna (una in sei anni ?) e quante in Messico o Cina (il 25% della carne..)
Spero che Contador sia assolto perche' sarebbe un danno enorme per il ciclismo ma non arrampichiamoci sugli specchi
Lo Scandalo è la squalifica per un anno di Colo'



alfiso

Re: Il caso Contador

Messaggio da leggere da alfiso » venerdì 25 novembre 2011, 19:14

Nandrolone? :o vabbeh refuso.
Le analogie sono quelle riportate dalla maggior parte degli organi di stampa.
Sul fatto che in Europa possa girare carne extracomunitaria (o proprio cinese) ... non ci rimarrei sorpreso.
Ad ogni modo e comunque la si veda (arrampicàti o meno sugli specchi) ciò che è innegabile è la vergognosa disparità di trattamento fra il ciclismo e gli altri sport.
Ed una parte considerevole è dovuta all' "autolesionismo" interessato della dirigenza di questo sport.



Winter
Messaggi: 15530
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Re: Il caso Contador

Messaggio da leggere da Winter » venerdì 25 novembre 2011, 19:22

Clembuterolo , scusa
No il vergognoso è che Colo' e altri son stati squalificati per un anno mentre quelli con i soldi non son mai stati sospesi
Strano come tutti i casi di Clembuterolo (che siano nel calcio ping pong ecc) in piccole quantita' siano successe in Cina , Messico , Sudamerica ecc
Quanti in Europa Occidentale ? Io ricordo solo Contador




Rispondi