Di nuovo Bici Truccate...

Per discutere, analizzare, approfondire tutto quello che riguarda il tema più dibattuto del ciclismo
Avatar utente
Bitossi
Messaggi: 2784
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 12:41
Località: Milano

Re: Di nuovo Bici Truccate...

Messaggio da leggere da Bitossi » martedì 1 maggio 2018, 1:26

il_panta ha scritto:
lunedì 30 aprile 2018, 16:22
sceriffo ha scritto:
lunedì 30 aprile 2018, 9:39
Ho appena visto lo screenshot di Strava di un tizio che conosco, postato su FB. Gara amatoriale di 97km in circuito a quasi 45 di media. A M A T O R I. Siamo a medie prossime agli Under 23 e su distanze più o meno simili alle "famose" corse del martedì, che chi ha intorno ai 40 anni e ha corso, ricorda molto bene. In verità non so nemmeno se 20 anni fa, in gare dilettanti/elite si facevano quelle medie, però con uno tipo di corsa assolutamente differente. Le corse amatoriali (ne ho fatta una per scommesse e mai più!), è un continuo scattare, frustate e bruschi rallentamenti. Le altre sono più regolari, quindi più facile tenere medie elevate. Per cui mi domando: poichè gli amatori non sono tutti ex dilettanti o professionisti, può essere che abbiamo avuto generazioni di campioni rimasti incompiuti per non aver mai corso nelle categorie giovanili? Oppure sono i beveroni a 100 ottani e le bici truccate a farli andare così forte?
Dipende anche dal dislivello. Una gara in pianura in cui si va a 45 km/h di media non è che sia così selettiva, la possono fare moltissime persone. Diverso se c'è un po' di dislivello, la gara si svolge per larga parte in gruppo. Di solito queste gare a circuito vanno così, con qualche scatto e attacco ma la maggior parte delle persone che la fa in gruppo. 45 km/h in gruppo non è niente di che, se i professionisti facessero la gara in gruppo la porterebbero a termine vicino ai 55 km/h.
Ma sì, basti pensare che nella 12 h. Cycling Marathon nell’autodromo di Monza corrono anche degli isolati, che quindi si fanno da soli, ovviamente in gruppo, tutte le 12 ore: il vincitore singolo percorre di solito intorno ai 510 km, a più di 42 di media, soste “fisiologiche” comprese... :boh:
Pertanto, non è certo una gara del tipo criterium, percorsa a quelle medie, adatta a destare sospetti sugli amatori-bari: tantopiù che il problema maggiore delle batterie delle ipotetiche bici truccate sarebbe quello della durata.
Quindi, come si sospetta, l’eventuale uso in competizione da parte di prof o anche amatori sarebbe molto più congeniale a percorsi mossi, con possibilità di cambiare bici.
Si ottiene il comunque non indifferente vantaggio di “risparmiare la gamba”, anche in momenti non topici della gara, soprattutto in salite o strappi. ;)


Ringrazio la mia mamma per avermi fatto studiare da ciclista


Avatar utente
sceriffo
Messaggi: 1856
Iscritto il: lunedì 11 aprile 2011, 23:48

Re: Di nuovo Bici Truccate...

Messaggio da leggere da sceriffo » martedì 1 maggio 2018, 13:54

il_panta ha scritto:
lunedì 30 aprile 2018, 16:22
sceriffo ha scritto:
lunedì 30 aprile 2018, 9:39
Ho appena visto lo screenshot di Strava di un tizio che conosco, postato su FB. Gara amatoriale di 97km in circuito a quasi 45 di media. A M A T O R I. Siamo a medie prossime agli Under 23 e su distanze più o meno simili alle "famose" corse del martedì, che chi ha intorno ai 40 anni e ha corso, ricorda molto bene. In verità non so nemmeno se 20 anni fa, in gare dilettanti/elite si facevano quelle medie, però con uno tipo di corsa assolutamente differente. Le corse amatoriali (ne ho fatta una per scommesse e mai più!), è un continuo scattare, frustate e bruschi rallentamenti. Le altre sono più regolari, quindi più facile tenere medie elevate. Per cui mi domando: poichè gli amatori non sono tutti ex dilettanti o professionisti, può essere che abbiamo avuto generazioni di campioni rimasti incompiuti per non aver mai corso nelle categorie giovanili? Oppure sono i beveroni a 100 ottani e le bici truccate a farli andare così forte?
Dipende anche dal dislivello. Una gara in pianura in cui si va a 45 km/h di media non è che sia così selettiva, la possono fare moltissime persone. Diverso se c'è un po' di dislivello, la gara si svolge per larga parte in gruppo. Di solito queste gare a circuito vanno così, con qualche scatto e attacco ma la maggior parte delle persone che la fa in gruppo. 45 km/h in gruppo non è niente di che, se i professionisti facessero la gara in gruppo la porterebbero a termine vicino ai 55 km/h.
Un circuito a 45 di media, correndo a scatti come corrono gli amatori, curve e controcurve (che circuito sarebbe?!) Vuol dire andare per parecchi tratti oltre i 55
ora. Che voglio dire, è una velocità alta anche per dei prof. Ah, un circuito di 100 km i prof lo fanno a 55 all'ora di media? Quindi a 60 all'ora fissi?
Hai mai corso in bici, le corse vere però.
Ultima domanda: le aziende che producono motorini, dove li piazzerebbero? Grazie in anticipo per il chiarimento



Avatar utente
Scattista
Messaggi: 2242
Iscritto il: mercoledì 24 settembre 2014, 21:22

Re: Di nuovo Bici Truccate...

Messaggio da leggere da Scattista » martedì 1 maggio 2018, 14:40

34x27 ha scritto:
lunedì 30 aprile 2018, 9:37
Scattista ha scritto:
domenica 29 aprile 2018, 18:47
Se si guarda il percorso, ci si accorge che c'era modo per il meccanico di effettuare il tragitto tra il primo e il secondo cambio a piedi, in quanto la corsa, dopo aver fatto un loop, passava quasi nello stesso posto.
Ok. Quindi che ha fatto il meccanico con la bici in mano giù dall'ammiraglia?
cambio o ricarica delle batterie


Immagine

34x27
Messaggi: 2214
Iscritto il: giovedì 16 dicembre 2010, 9:38
Località: in salita

Re: Di nuovo Bici Truccate...

Messaggio da leggere da 34x27 » mercoledì 2 maggio 2018, 9:57

Scattista ha scritto:
martedì 1 maggio 2018, 14:40
34x27 ha scritto:
lunedì 30 aprile 2018, 9:37
Scattista ha scritto:
domenica 29 aprile 2018, 18:47
Se si guarda il percorso, ci si accorge che c'era modo per il meccanico di effettuare il tragitto tra il primo e il secondo cambio a piedi, in quanto la corsa, dopo aver fatto un loop, passava quasi nello stesso posto.
Ok. Quindi che ha fatto il meccanico con la bici in mano giù dall'ammiraglia?
cambio o ricarica delle batterie
Senza polemica: pensi davvero che ai tempi non esistesse (ancora) una batteria in grado di durare 5-6 ore?



il_panta
Messaggi: 2171
Iscritto il: lunedì 21 maggio 2012, 13:39

Re: Di nuovo Bici Truccate...

Messaggio da leggere da il_panta » mercoledì 2 maggio 2018, 11:47

sceriffo ha scritto:
martedì 1 maggio 2018, 13:54
Un circuito a 45 di media, correndo a scatti come corrono gli amatori, curve e controcurve (che circuito sarebbe?!) Vuol dire andare per parecchi tratti oltre i 55
ora. Che voglio dire, è una velocità alta anche per dei prof. Ah, un circuito di 100 km i prof lo fanno a 55 all'ora di media? Quindi a 60 all'ora fissi?
Hai mai corso in bici, le corse vere però.
Ultima domanda: le aziende che producono motorini, dove li piazzerebbero? Grazie in anticipo per il chiarimento
Ho cercato dal profilo di un ragazzo che corre a volte queste gare, questa è la prima che ho trovato: https://www.strava.com/segments/9033670 ... gender=all. La gara è di 100 km e si corre su questo circuito. Come puoi vedere sono in tanti a fare questi tempi. Tutti col motorino? Io dico di no, sono troppi. Certo, sono atleti forti! Ci sono persone che vincono granfondo (ma anche scalatori di nemmeno 60 chili che poi si piazzano alle granfondo) e che vanno per fare ritmo a inizio stagione, ci sono ex pro come Sergio Barbero, che però ormai ha i suoi 50 anni e nelle granfondo mangia la polvere da tanti amatori. Sei libero di pensare che tutti abbiano il motorino, ma non si sta parlando di una prestazione isolata e incredibile, ma di prestazioni che molti evidentemente riescono a fare. Tra l'altro c'è pure un minimo di dislivello in questo circuito. Ovviamente io non sarei in grado di farlo, ma non stento a credere che persone che si allenano 20 o 25 mila chilometri all'anno possano fare queste prestazioni.




Avatar utente
sceriffo
Messaggi: 1856
Iscritto il: lunedì 11 aprile 2011, 23:48

Re: Di nuovo Bici Truccate...

Messaggio da leggere da sceriffo » mercoledì 2 maggio 2018, 12:00

il_panta ha scritto:
mercoledì 2 maggio 2018, 11:47
sceriffo ha scritto:
martedì 1 maggio 2018, 13:54
Un circuito a 45 di media, correndo a scatti come corrono gli amatori, curve e controcurve (che circuito sarebbe?!) Vuol dire andare per parecchi tratti oltre i 55
ora. Che voglio dire, è una velocità alta anche per dei prof. Ah, un circuito di 100 km i prof lo fanno a 55 all'ora di media? Quindi a 60 all'ora fissi?
Hai mai corso in bici, le corse vere però.
Ultima domanda: le aziende che producono motorini, dove li piazzerebbero? Grazie in anticipo per il chiarimento
Ho cercato dal profilo di un ragazzo che corre a volte queste gare, questa è la prima che ho trovato: https://www.strava.com/segments/9033670 ... gender=all. La gara è di 100 km e si corre su questo circuito. Come puoi vedere sono in tanti a fare questi tempi. Tutti col motorino? Io dico di no, sono troppi. Certo, sono atleti forti! Ci sono persone che vincono granfondo (ma anche scalatori di nemmeno 60 chili che poi si piazzano alle granfondo) e che vanno per fare ritmo a inizio stagione, ci sono ex pro come Sergio Barbero, che però ormai ha i suoi 50 anni e nelle granfondo mangia la polvere da tanti amatori. Sei libero di pensare che tutti abbiano il motorino, ma non si sta parlando di una prestazione isolata e incredibile, ma di prestazioni che molti evidentemente riescono a fare. Tra l'altro c'è pure un minimo di dislivello in questo circuito. Ovviamente io non sarei in grado di farlo, ma non stento a credere che persone che si allenano 20 o 25 mila chilometri all'anno possano fare queste prestazioni.
Sì, ma è che davanti qualcuno a tirare a quelle velocità di deve andare, perchè a ruota ci stanno più o meno tutti. Sono medie molto alte, troppo



castelli
Messaggi: 1670
Iscritto il: venerdì 26 agosto 2011, 21:12

Re: Di nuovo Bici Truccate...

Messaggio da leggere da castelli » mercoledì 2 maggio 2018, 12:49

sì ma se vedete il wattaggio è abbastanza basso. 220 watts (di gente poco pesante visto che uno lo conosco).

hindsgaul (non son come si scrive ma c'è su strava il danese che ha vinto a crono a bergen u19) mi ha bruciato un kom in una salita 9 km 560 d+ vicino a casa mia, mi ha dato un minuto con potenze prossime ai 390 watts. ed è un u 19 di livello ma è probabile che fra qualche anno vada sopra i 400 e non di poco. è tanto, infatti sale quasi a più di 24 km h (vado a memoria)è sempre alla potenza che si deve guardare.

per fare i 42 km orari su un'ora in pianura AL VENTO con una posizione non estrema e ruote da 21 mm (profilo basso) servono circa 340 watt medi sull' ora.
farne medi 220 per un'ora e 40' anche per uno scalatore non è tantissimo. o meglio, puzza di scia ossia di continui cambi in testa.

andare ai 45 all ora anche in scia non è uno scherzo in ogni caso i numeri dei professionisti sono altra cosa. sono circa il 7/8 % in più media rispetto ad un ottimo amatore. pare poco ma in realtà c'è proprio un salto.

la grande differenza tra amatori e pro viene fatta sulla cadenza e sul peso. quindi sulla potenza e sul peso. salvo casi particolari le cadenze dei pro sono sempre sopra le 90 pedalate spingendo un due denti in meno (almeno, dipende dal livello del pro) di un buon amatore.


Defensor Froomey

il_panta
Messaggi: 2171
Iscritto il: lunedì 21 maggio 2012, 13:39

Re: Di nuovo Bici Truccate...

Messaggio da leggere da il_panta » mercoledì 2 maggio 2018, 13:14

sceriffo ha scritto:
mercoledì 2 maggio 2018, 12:00
il_panta ha scritto:
mercoledì 2 maggio 2018, 11:47
sceriffo ha scritto:
martedì 1 maggio 2018, 13:54
Un circuito a 45 di media, correndo a scatti come corrono gli amatori, curve e controcurve (che circuito sarebbe?!) Vuol dire andare per parecchi tratti oltre i 55
ora. Che voglio dire, è una velocità alta anche per dei prof. Ah, un circuito di 100 km i prof lo fanno a 55 all'ora di media? Quindi a 60 all'ora fissi?
Hai mai corso in bici, le corse vere però.
Ultima domanda: le aziende che producono motorini, dove li piazzerebbero? Grazie in anticipo per il chiarimento
Ho cercato dal profilo di un ragazzo che corre a volte queste gare, questa è la prima che ho trovato: https://www.strava.com/segments/9033670 ... gender=all. La gara è di 100 km e si corre su questo circuito. Come puoi vedere sono in tanti a fare questi tempi. Tutti col motorino? Io dico di no, sono troppi. Certo, sono atleti forti! Ci sono persone che vincono granfondo (ma anche scalatori di nemmeno 60 chili che poi si piazzano alle granfondo) e che vanno per fare ritmo a inizio stagione, ci sono ex pro come Sergio Barbero, che però ormai ha i suoi 50 anni e nelle granfondo mangia la polvere da tanti amatori. Sei libero di pensare che tutti abbiano il motorino, ma non si sta parlando di una prestazione isolata e incredibile, ma di prestazioni che molti evidentemente riescono a fare. Tra l'altro c'è pure un minimo di dislivello in questo circuito. Ovviamente io non sarei in grado di farlo, ma non stento a credere che persone che si allenano 20 o 25 mila chilometri all'anno possano fare queste prestazioni.
Sì, ma è che davanti qualcuno a tirare a quelle velocità di deve andare, perchè a ruota ci stanno più o meno tutti. Sono medie molto alte, troppo
Certo che qualcuno ci deve andare, ma ruotano. Fare una trenata di 1 km a 44-45 km/h e poi rimettersi a ruota non mi sembra una cosa impossibile. Tra l'altro se parli di presunti motorini immagino che non verrebbero utilizzati per tirare il gruppo, ma per uscire dal gruppo e vincere la gara. Quindi non spiegherebbe come un gruppo di molte persone farebbero queste velocità, a meno che non si parli di una gara corsa quasi interamente tra motorizzati, e allora alzo le mani. Comunque secondo me i prof viaggiano su prestazioni lontanissime da quelle degli amatori. Su questi circuiti stanno sopra i 50 km/h, se la gara lo richiede.



Avatar utente
sceriffo
Messaggi: 1856
Iscritto il: lunedì 11 aprile 2011, 23:48

Re: Di nuovo Bici Truccate...

Messaggio da leggere da sceriffo » mercoledì 2 maggio 2018, 13:55

il_panta ha scritto:
mercoledì 2 maggio 2018, 13:14
[
Certo che qualcuno ci deve andare, ma ruotano. Fare una trenata di 1 km a 44-45 km/h e poi rimettersi a ruota non mi sembra una cosa impossibile. Tra l'altro se parli di presunti motorini immagino che non verrebbero utilizzati per tirare il gruppo, ma per uscire dal gruppo e vincere la gara. Quindi non spiegherebbe come un gruppo di molte persone farebbero queste velocità, a meno che non si parli di una gara corsa quasi interamente tra motorizzati, e allora alzo le mani. Comunque secondo me i prof viaggiano su prestazioni lontanissime da quelle degli amatori. Su questi circuiti stanno sopra i 50 km/h, se la gara lo richiede.
Sto dicendo che queste medie sono altissime, e magari sono io che ho una fantasia galoppante. Il paragone con i prof è del tutto fuori luogo, ma io tra gli amatori vedo medie (comprese le cronometro) che se fossero all'eau claire, mi rammaricano se non altro per il fatto di aver perso almeno 3 generazioni di grandi campioni.



il_panta
Messaggi: 2171
Iscritto il: lunedì 21 maggio 2012, 13:39

Re: Di nuovo Bici Truccate...

Messaggio da leggere da il_panta » mercoledì 2 maggio 2018, 14:25

sceriffo ha scritto:
mercoledì 2 maggio 2018, 13:55
il_panta ha scritto:
mercoledì 2 maggio 2018, 13:14
[
Certo che qualcuno ci deve andare, ma ruotano. Fare una trenata di 1 km a 44-45 km/h e poi rimettersi a ruota non mi sembra una cosa impossibile. Tra l'altro se parli di presunti motorini immagino che non verrebbero utilizzati per tirare il gruppo, ma per uscire dal gruppo e vincere la gara. Quindi non spiegherebbe come un gruppo di molte persone farebbero queste velocità, a meno che non si parli di una gara corsa quasi interamente tra motorizzati, e allora alzo le mani. Comunque secondo me i prof viaggiano su prestazioni lontanissime da quelle degli amatori. Su questi circuiti stanno sopra i 50 km/h, se la gara lo richiede.
Sto dicendo che queste medie sono altissime, e magari sono io che ho una fantasia galoppante. Il paragone con i prof è del tutto fuori luogo, ma io tra gli amatori vedo medie (comprese le cronometro) che se fossero all'eau claire, mi rammaricano se non altro per il fatto di aver perso almeno 3 generazioni di grandi campioni.
Ma dove li vedi i grandi campioni?
Il più forte, Cecchini, vantava una prestazione sul Giau di un minuto peggiore rispetto a Nibali.
Cecchini ha il padre medico sportivo con un passato controverso in fatto di doping, anche a me un personaggio così spuntato dal nulla puzza un po'. Detto questo, il paragone tra se stesso e Nibali è stato lo stesso Cecchini a farlo, ma omette diversi particolari:
- il minuto di cui parlava era in realtà 1.40 minuti, circa il 5% del tempo di scalata, non una quantità trascurabile;
- il tempo di Cecchini è fatto in allenamento, e se si sente di sbandierarlo così è sicuramente un tempo su cui non ha grande margine, altrimenti prima di sbandierare i dati avrebbe cercato di ottenere un tempo migliore; il tempo di Nibali invece è fatto al Giro, all'interno di una corsa di tre settimane e di una tappa dura in cui il Giau non era l'ultima salita;
- addirittura Dombrowski ha un tempo migliore di Nibali, da questo si evince quanto poco sia attendibile il tempo di Nibali, fatto interamente a ruota di Scarponi.
Mettendo tutte queste componenti insieme credo che si possa affermare che un distacco più realistico tra i due sarebbe minimo minimo 3 minuti, ovvero il 10% del tempo di scalata complessivo. Si parla di differenze enormi. E questo è il più forte di tutti.
Dove potrebbe arrivare un granfondista quindi? Non lo so, ma non penso nei primi 50 di un grande giro. Anche perchè la differenza principale che c'è tra un prof e un amatore è il recupero e la resistenza, la base aerobica su cui poggiano poi prestazioni a tutta come può essere una cronoscalata.
Prendi ad esempio il Galibier fatto al Tour scorso, che è affrontato anche in una granfondo impegnativa francese. Ci sono distacchi mostruosi tra pro e amatori, entrambi impegnati in uno sforzo massimale inserito in un contesto di gara con altre asperità. E qua stiamo parlando del top del top.
Quelle prestazioni in circuito per me rappresentano zero a confronto che con le prestazioni dei pro, specialmente se volte a indicare la presenza di motorini in gruppo. Mi pare tu non abbia compreso la reale dimensione della differenza che ci corre tra un pro e un amatore.
Ultima modifica di il_panta il mercoledì 2 maggio 2018, 14:26, modificato 1 volta in totale.



Strong
Messaggi: 9030
Iscritto il: mercoledì 12 gennaio 2011, 11:48

Re: Di nuovo Bici Truccate...

Messaggio da leggere da Strong » mercoledì 2 maggio 2018, 15:10

sceriffo ha scritto:
lunedì 30 aprile 2018, 9:39
Ho appena visto lo screenshot di Strava di un tizio che conosco, postato su FB. Gara amatoriale di 97km in circuito a quasi 45 di media. A M A T O R I. Siamo a medie prossime agli Under 23 e su distanze più o meno simili alle "famose" corse del martedì, che chi ha intorno ai 40 anni e ha corso, ricorda molto bene. In verità non so nemmeno se 20 anni fa, in gare dilettanti/elite si facevano quelle medie, però con uno tipo di corsa assolutamente differente. Le corse amatoriali (ne ho fatta una per scommesse e mai più!), è un continuo scattare, frustate e bruschi rallentamenti. Le altre sono più regolari, quindi più facile tenere medie elevate. Per cui mi domando: poichè gli amatori non sono tutti ex dilettanti o professionisti, può essere che abbiamo avuto generazioni di campioni rimasti incompiuti per non aver mai corso nelle categorie giovanili? Oppure sono i beveroni a 100 ottani e le bici truccate a farli andare così forte?
la tua mi sembra tanto una "battaglia senza fine".
ma dove vuoi arrivare?
non si capisce se sei uno che è stato 'fatto fuori' dai circuiti amatoriali e gran fondo che quindi adesso porta avanti una battaglia a colpi di post oppure se pensi di aver scoperto l'acqua calda?

ovviamente anche nei circuiti A M A T O R I A L I ci saranno motorini e doping magari anche evoluto ma non mi sembra una scoperta.
in quanto alle medie fare 100km "una tantum" in circuito a quelle velocità, se pur lontane dalle mie potenzialità, non mi sembrano cose assurde anche senza motorini e doping


i fondamentalisti del ciclismo e gli ultras dei ciclisti sono il male di questo sport.

Avatar utente
sceriffo
Messaggi: 1856
Iscritto il: lunedì 11 aprile 2011, 23:48

Re: Di nuovo Bici Truccate...

Messaggio da leggere da sceriffo » mercoledì 2 maggio 2018, 15:53

il_panta ha scritto:
mercoledì 2 maggio 2018, 14:25
sceriffo ha scritto:
mercoledì 2 maggio 2018, 13:55
il_panta ha scritto:
mercoledì 2 maggio 2018, 13:14
[
Certo che qualcuno ci deve andare, ma ruotano. Fare una trenata di 1 km a 44-45 km/h e poi rimettersi a ruota non mi sembra una cosa impossibile. Tra l'altro se parli di presunti motorini immagino che non verrebbero utilizzati per tirare il gruppo, ma per uscire dal gruppo e vincere la gara. Quindi non spiegherebbe come un gruppo di molte persone farebbero queste velocità, a meno che non si parli di una gara corsa quasi interamente tra motorizzati, e allora alzo le mani. Comunque secondo me i prof viaggiano su prestazioni lontanissime da quelle degli amatori. Su questi circuiti stanno sopra i 50 km/h, se la gara lo richiede.
Sto dicendo che queste medie sono altissime, e magari sono io che ho una fantasia galoppante. Il paragone con i prof è del tutto fuori luogo, ma io tra gli amatori vedo medie (comprese le cronometro) che se fossero all'eau claire, mi rammaricano se non altro per il fatto di aver perso almeno 3 generazioni di grandi campioni.
Ma dove li vedi i grandi campioni?
Il più forte, Cecchini, vantava una prestazione sul Giau di un minuto peggiore rispetto a Nibali.
Cecchini ha il padre medico sportivo con un passato controverso in fatto di doping, anche a me un personaggio così spuntato dal nulla puzza un po'. Detto questo, il paragone tra se stesso e Nibali è stato lo stesso Cecchini a farlo, ma omette diversi particolari:
- il minuto di cui parlava era in realtà 1.40 minuti, circa il 5% del tempo di scalata, non una quantità trascurabile;
- il tempo di Cecchini è fatto in allenamento, e se si sente di sbandierarlo così è sicuramente un tempo su cui non ha grande margine, altrimenti prima di sbandierare i dati avrebbe cercato di ottenere un tempo migliore; il tempo di Nibali invece è fatto al Giro, all'interno di una corsa di tre settimane e di una tappa dura in cui il Giau non era l'ultima salita;
- addirittura Dombrowski ha un tempo migliore di Nibali, da questo si evince quanto poco sia attendibile il tempo di Nibali, fatto interamente a ruota di Scarponi.
Mettendo tutte queste componenti insieme credo che si possa affermare che un distacco più realistico tra i due sarebbe minimo minimo 3 minuti, ovvero il 10% del tempo di scalata complessivo. Si parla di differenze enormi. E questo è il più forte di tutti.
Dove potrebbe arrivare un granfondista quindi? Non lo so, ma non penso nei primi 50 di un grande giro. Anche perchè la differenza principale che c'è tra un prof e un amatore è il recupero e la resistenza, la base aerobica su cui poggiano poi prestazioni a tutta come può essere una cronoscalata.
Prendi ad esempio il Galibier fatto al Tour scorso, che è affrontato anche in una granfondo impegnativa francese. Ci sono distacchi mostruosi tra pro e amatori, entrambi impegnati in uno sforzo massimale inserito in un contesto di gara con altre asperità. E qua stiamo parlando del top del top.
Quelle prestazioni in circuito per me rappresentano zero a confronto che con le prestazioni dei pro, specialmente se volte a indicare la presenza di motorini in gruppo. Mi pare tu non abbia compreso la reale dimensione della differenza che ci corre tra un pro e un amatore.
Guarda che stiamo dicendo la stessa cosa: non esiste paragone tra prof e amatore, l'ho scritto e riscritto. Mi insospettiscono certe medie e certe tempi delle gare amatoriali. Tutto qua. Inoltre mi domando: le aziende che fabbricano motorini, a chi li vendono?



il_panta
Messaggi: 2171
Iscritto il: lunedì 21 maggio 2012, 13:39

Re: Di nuovo Bici Truccate...

Messaggio da leggere da il_panta » mercoledì 2 maggio 2018, 23:21

sceriffo ha scritto:
mercoledì 2 maggio 2018, 15:53
Guarda che stiamo dicendo la stessa cosa: non esiste paragone tra prof e amatore, l'ho scritto e riscritto. Mi insospettiscono certe medie e certe tempi delle gare amatoriali. Tutto qua. Inoltre mi domando: le aziende che fabbricano motorini, a chi li vendono?
Parlo senza polemica alcuna. E' vero che hai scritto tu stesso che c'è distanza tra prof e amatori, ma tu stesso hai ridato vita al topic con un intervento di questo tipo:
sceriffo ha scritto:
lunedì 30 aprile 2018, 9:39
Siamo a medie prossime agli Under 23 e su distanze più o meno simili alle "famose" corse del martedì [...] Per cui mi domando: poichè gli amatori non sono tutti ex dilettanti o professionisti, può essere che abbiamo avuto generazioni di campioni rimasti incompiuti per non aver mai corso nelle categorie giovanili? Oppure sono i beveroni a 100 ottani e le bici truccate a farli andare così forte?
Mi pare che tu qua stia parlando di amatori che fanno prestazioni da prof, tanto da far pensare a motorini. Come dice Strong il marcio c'è ovunque, non credo che gli amatori siano dei santi, ma secondo me non si evince dai numeri che tu citi.
Mi pareva che il senso del tuo post fosse questo, altrimenti non ne ho compreso la logica e me la puoi spiegare.

Riguardo alla tua domanda sul mercato che hanno questi motorini non ti so rispondere ma mi pare una questione interessante.



Avatar utente
Bitossi
Messaggi: 2784
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 12:41
Località: Milano

Re: Di nuovo Bici Truccate...

Messaggio da leggere da Bitossi » giovedì 3 maggio 2018, 2:52

34x27 ha scritto:
mercoledì 2 maggio 2018, 9:57
Scattista ha scritto:
martedì 1 maggio 2018, 14:40
34x27 ha scritto:
lunedì 30 aprile 2018, 9:37


Ok. Quindi che ha fatto il meccanico con la bici in mano giù dall'ammiraglia?
cambio o ricarica delle batterie
Senza polemica: pensi davvero che ai tempi non esistesse (ancora) una batteria in grado di durare 5-6 ore?
Durare nel senso di “funzionare” per 5-6 ore? Non sono un tecnico, ma credo proprio di no, chiaramente a livello di peso.
Ipotizzando una media di 100 W per ora, si dovrebbe quindi disporre di 500/600 Wattora (Wh). Condensati con quale tecnologia? Batterie a ioni di litio? Peserebbero più di 3 kg, e sarebbero decisamente ingombranti!
Anche con le più moderne (litio-polimeri) mi risulta non si possa andare oltre i 300 Wh per kg.
Se poi esiste qualche altra tecnologia avveniristica, magari di origine cosmonautica, e qualcuno la conosce, ci faccia sapere... :boh:

(La mia idea è che chi utilizza il “motorino” in competizione disponga di batterie tradizionali ma molto piccole, anche di soli 100 Wh se non meno, da utilizzare “scientificamente” solo in alcuni momenti della gara, con lo scopo precipuo, come si diceva, di fare meno fatica, o al massimo di fornire il “boost” anche per pochi secondi o minuti, utili però a fare la differenza. Dopotutto, si avrebbero comunque a disposizione 100 W in più per un’ora, contro avversari più o meno dello stesso livello. Quindi ci sta che qualche anno fa, ma anche al giorno d’oggi, fosse/sia necessario ricaricarle o sostituirle... ;) )


Ringrazio la mia mamma per avermi fatto studiare da ciclista

Avatar utente
nino58
Messaggi: 9142
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 14:38

Re: Di nuovo Bici Truccate...

Messaggio da leggere da nino58 » lunedì 16 luglio 2018, 13:28



Von Rock ? Nein, danke.
Diritto di correre senza condizioni a chi ha scontato una squalifica !!!

Avatar utente
UribeZubia
Messaggi: 1992
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 18:27

Re: Di nuovo Bici Truccate...

Messaggio da leggere da UribeZubia » lunedì 16 luglio 2018, 18:43

nino58 ha scritto:
lunedì 16 luglio 2018, 13:28
http://www.lastampa.it/2018/07/15/sport ... agina.html
Sono convinto che i motorini siano stati usati nel passato da più di un corridore. Però in quest ultimo caso sono più propenso a pensare che si sia trattato di un forte colpo di pedale dato da Skujins.


Il riso abbonda sulla bocca degli stolti.

Avatar utente
Bitossi
Messaggi: 2784
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 12:41
Località: Milano

Re: Di nuovo Bici Truccate...

Messaggio da leggere da Bitossi » lunedì 16 luglio 2018, 20:33

UribeZubia ha scritto:
lunedì 16 luglio 2018, 18:43
nino58 ha scritto:
lunedì 16 luglio 2018, 13:28
http://www.lastampa.it/2018/07/15/sport ... agina.html
Sono convinto che i motorini siano stati usati nel passato da più di un corridore. Però in quest ultimo caso sono più propenso a pensare che si sia trattato di un forte colpo di pedale dato da Skujins.
Mah... il colpo di pedale non si vede, e visto che il tipo sta in piedi, dovrebbe essere dato con lo stinco. :boh:
Una bella botta da contusione, nel caso! :diavoletto:
(per me il movimento è motorin-compatibile ;) )


Ringrazio la mia mamma per avermi fatto studiare da ciclista

Avatar utente
barrylyndon
Messaggi: 12434
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 15:20

Re: Di nuovo Bici Truccate...

Messaggio da leggere da barrylyndon » lunedì 16 luglio 2018, 20:36



beppesaronni ha scritto:
Giocati 10 euro facilissimi per Milano passaggio del turno
http://www.sportando.com/it/italia/seri ... detto.html

34x27
Messaggi: 2214
Iscritto il: giovedì 16 dicembre 2010, 9:38
Località: in salita

Re: Di nuovo Bici Truccate...

Messaggio da leggere da 34x27 » martedì 17 luglio 2018, 9:23

Mah forse ci sta come spiegazione...

ps: che tuffo ha fatto Tony Martin? :o



Avatar utente
Bitossi
Messaggi: 2784
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 12:41
Località: Milano

Re: Di nuovo Bici Truccate...

Messaggio da leggere da Bitossi » martedì 17 luglio 2018, 18:44

Boh, nel primo filmato sembrava che la ruota posteriore toccasse terra prima che Skujins la girasse, e quindi che la rotazione fosse molto innaturale.
Nel secondo potrebbe effettivamente sembrare già sollevata, ma secondo me la cosa non è comunque chiarissima, perché il video si interrompe sul più bello (sembra girare, ma poi non si vede il movimento completo del corridore... :boh: )
Vabbe’, la mia compatibilità scende al 20%... :diavoletto:


Ringrazio la mia mamma per avermi fatto studiare da ciclista

Avatar utente
barrylyndon
Messaggi: 12434
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 15:20

Re: Di nuovo Bici Truccate...

Messaggio da leggere da barrylyndon » martedì 17 luglio 2018, 22:04



beppesaronni ha scritto:
Giocati 10 euro facilissimi per Milano passaggio del turno
http://www.sportando.com/it/italia/seri ... detto.html

Avatar utente
Bitossi
Messaggi: 2784
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 12:41
Località: Milano

Re: Di nuovo Bici Truccate...

Messaggio da leggere da Bitossi » mercoledì 18 luglio 2018, 0:25

barrylyndon ha scritto:
martedì 17 luglio 2018, 22:04
Proviamo con questa..Bitossi :D ;)

https://twitter.com/gorman_colin/status ... 9026458625
0%... :diavoletto:


Ringrazio la mia mamma per avermi fatto studiare da ciclista

Avatar utente
cauz.
Messaggi: 11375
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 12:53
Località: milano
Contatta:

Re: Di nuovo Bici Truccate...

Messaggio da leggere da cauz. » mercoledì 18 luglio 2018, 1:26

segnalo anche questo test sull'argomento :)
https://www.facebook.com/1450866587/pos ... 504763081/


"Il male trionfa sempre, perche' il bene e' stupido" [Lord Casco]
@cauz_ | bidonmagazine.org | hoilciclo.worpdress.com | confindustrial.noblogs.org
"il Centogiro - 99 storie (più una) dal Giro d'Italia" è in libreria!

34x27
Messaggi: 2214
Iscritto il: giovedì 16 dicembre 2010, 9:38
Località: in salita

Re: Di nuovo Bici Truccate...

Messaggio da leggere da 34x27 » mercoledì 18 luglio 2018, 8:40

cauz. ha scritto:
mercoledì 18 luglio 2018, 1:26
segnalo anche questo test sull'argomento :)
https://www.facebook.com/1450866587/pos ... 504763081/
Serve la traduzione per i non milanesi/lombardi? :crazy:



Avatar utente
Bitossi
Messaggi: 2784
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 12:41
Località: Milano

Re: Di nuovo Bici Truccate...

Messaggio da leggere da Bitossi » mercoledì 18 luglio 2018, 19:02

34x27 ha scritto:
mercoledì 18 luglio 2018, 8:40
cauz. ha scritto:
mercoledì 18 luglio 2018, 1:26
segnalo anche questo test sull'argomento :)
https://www.facebook.com/1450866587/pos ... 504763081/
Serve la traduzione per i non milanesi/lombardi? :crazy:
Lombardo alquanto maccheronico, direi.
"Andate via i ciap" non si può sentire!!! :diavoletto: :diavoletto: :diavoletto:


Ringrazio la mia mamma per avermi fatto studiare da ciclista

LOSQUALODELLOSTRETTO
Messaggi: 940
Iscritto il: giovedì 24 febbraio 2011, 21:32

Re: Di nuovo Bici Truccate...

Messaggio da leggere da LOSQUALODELLOSTRETTO » lunedì 30 luglio 2018, 13:29

Non funzionava il controllo di trazione?! :crazy:
https://twitter.com/mocycling/status/10 ... 7551508480


Shark Attack
Wouter Presente


Rispondi