Lista Wada-Uci ... o lista di proscrizione

Per discutere, analizzare, approfondire tutto quello che riguarda il tema più dibattuto del ciclismo
alfiso

Lista Wada-Uci ... o lista di proscrizione

Messaggio da leggere da alfiso » venerdì 13 maggio 2011, 15:43

Tour 2010, nuovi veleni
L'Equipe pubblica lista segreta
L’Equipe ha pubblicato questa mattina un documento "riservato" dell’Uci con una lista di corridori iscritti al Tour de France 2010 e classificati in base al grado di "sospetto di pratiche dopanti". Non si tratta di una lista di colpevolezza, ma di uno strumento che l’Uci e la Wada, l’agenzia mondiale antidoping, avrebbero utilizzato nella Grande Boucle per monitorare gli atleti indicati
http://www.gazzetta.it/Ciclismo/13-05-2 ... 4391.shtml


http://velonews.competitor.com/2011/05/ ... nce_172784

(Team affiliation in 2010)
10 ─ Carlos Barredo (Quick Step), Yaroslav Popovych (RadioShack).

9 ─ Denis Menchov (Rabobank).

8 ─ David de La Fuente (Astana), Jose Ivan Gutierrez (Caisse D’Epargne), Danilo Hondo (Lampre-Farnese), Matthew Lloyd (Omega Pharma-Lotto), Iban Mayoz (Footon-Servetto), David Muravyev (Team RadioShack), Rinaldo Nocentini (Ag2r La Mondiale), Daniel Oss (Liquigas-Doimo), Kevin Seeldrayers (Quick Step), Konstantin Siutsou (HTC-Columbia), Jurgen Van den Broeck (Omega Pharma-Lotto).

7 ─ Jeremy Hunt (Cervélo), Andreas Klöden (RadioShack), Tony Martin (HTC-Columbia), Christophe Moreau (Caisse D’Epargne), Michael Rogers (HTC-Columbia), Wesley Sulzberger (FDJ).

6 ─ Linus Gerdemann (Milram), Christian Knees (Milram), Egoi Martinez (Euskaltel-Euskadi), Francesco Reda (Quick Step), Alessandro Petacchi (Lampre-Farnese), Mauro Santambrogio (BMC), Geraint Thomas (Sky).

5 ─ Alessandro Ballan (BMC), Matti Breschel (Saxo Bank), Alberto Contador (Astana), Cyril Gautier (Bbox Bouygues Telecom), Iniaki Isasi (Euskaltel-Euskadi), Serguei Ivanov (Katusha), Vladimir Karpets (Katusha), Alexander Kolobnev (Katusha), Kartsen Kroon (BMC), Steve Morabito (BMC), Benjamin Noval (Astana), Jose Joaquin Rojas (Caisse D’Epargne), Niki Sorensen (Saxo Bank), Alexander Vinokourov (Astana), Bradley Wiggins (Sky).

4 ─ Pierrick Fedrigo (Bbox Bouygues Telecom), Janez Brajkovic (RadioShack), Bernard Eisel (HTC-Columbia), Cadel Evans (BMC), Lance Armstrong (RadioShack), Juan Manuel Garate (Rabobank), Andrei Grivko (Astana), Jesus Hernandez (Astana), Ignatas Konovalovas (Cervélo), Sebastian Lang (Omega Pharma-Lotto), Levi Leipheimer (RadioShack), David Millar (Garmin-Transitions), Daniel Moreno (Omega Pharma-Lotto), Serge Pauwels (Sky), Manuel Quinziato (Liquigas-Doimo), Luke Roberts (Milram), Samuel Sanchez (Euskaltel-Euskadi), Christian Vande Velde (Garmin-Transitions), Nicolas Vogondy (Bbox Bouygues Telecom).

3 ─ Ivan Basso (Liquigas-Doimo), Grega Bole (Lampre-Farnese), Bret Bookwalter (BMC), Dimitri Champion (Ag2r La Mondiale), Gerald Ciolek (Milram), Rui Costa (Caisse D’Epargne), Damiano Cunego (Lampre-Farnese), Maura da Dalto (Lampre-Farnese), Francis de Greef (Omega Pharma-Lotto), Kevin de Weert (Quick Step), Markus Eibegger (Footon-Servetto), Imanol Erviti (Caisse D’Epargne), Tyler Farrar (Garmin-Transitions), Fabio Felline (Footon-Servetto), Juan Antonio Flecha (Sky), Maxim Iglinskiy (Astana), Vasili Kiryienka (Caisse D’Epargne), Roman Kreuziger (Liquigas-Doimo), Mathieu Ladagnous (FDJ), Robbie McEwen (Katusha), Maxime Monfort (HTC-Columbia), Sergio Paulinho (RadioShack), Joaquin Rodriguez (Katusha), Andy Schleck (Saxo Bank), Chris Anker Sorensen (Saxo Bank), Sylvester Szmyd (Liquigas-Doimo)Paolo Tiralongo (Astana), Amets Txurruka (Euskaltel-Euskadi), Johan Van Summeren (Garmin-Transitions), Gorka Verdugo (Euskaltel-Euskadi), Charles Wegelius (Omega Pharma-Lotto).

2 ─ Eros Capecchi (Footon-Servetto), Mark Cavendish (HTC-Columbia), Steve Cummings (Sky), Rémy Di Gregorio (FDJ), Mathias Frank (BMC), Oscar Freire (Rabobank), John Gadret (Ag2r La Mondiale), Francesco Gavazzi (Lampre-Farnese), Vladimir Gustov (Cervélo), Thor Hushovd (Cervélo), Christophe Kern (Cofidis), Thomas Lovkvist (Sky), Sebastien Minard (Cofidis), Daniel Navarro (Astana), Grischka Niermann (Rabobank), Stuart O’Grady (Saxo Bank), Ruben Perez (Euskaltel-Euskadi), Christophe Riblon (Ag2r La Mondiale), Thomas Rohregger (Milram), Luis Leon Sanchez (Caisse D’Epargne), Carlos Sastre (Cervélo), Frank Schleck (Saxo Bank), Simon Spilak (Lampre-Farnese), Bram Tankink (Rabobank), Stijn Vandenbergh (Katusha), Benoit Vaugrenard (FDJ), Jens Voigt (Saxo Bank), Eduard Vorganov (Katusha).

1 ─ Marcus Burghard (BMC), Sandy Casar (FDJ), Anthony Charteau (Bbox Bouygues Telecom), Sylvain Chavanel (Quick Step), Julian Dean (Garmin-Transitions), Michael Delage (Omega Pharma-Lotto), Martin Elmiger (Ag2r La Mondiale), Johannes Frohlinger (Milram), Jakob Fuglsang (Saxo Bank), Robert Gesink (Rabobank), Xavier Florencio (Cervélo), Adam Hansen (HTC-Columbia), Ryder Hesjedal (Garmin-Transitions), George Hincapie (BMC), Andreas Klier (Cervélo), Robert Kulge (Milram), Alexander Kuchinsky (Liquigas-Doimo), Daniel Lloyd (Cervélo), Mirco Lorenzetto (Lampre-Farnese), Martijn Maaskant (Garmin-Transitions), Aitor Perez (Footon-Servetto), Alan Perez (Euskaltel-Euskadi), Jérôme Pineau (Quick Step), Ruben Plaza (Caisse D’Epargne), Alexander Pliushin (Katusha), Marten Tjallingii (Rabobank), Rafael Valls (Footon-Servetto), Marten Wynants (Quick Step).

0 ─ Mario Aerts (Omega Pharma-Lotto), Yukiya Arashiro (Bbox Bouygues Telecom), Stéphane Augé (Cofidis), Michael Barry (Sky), Francesco Bellotti (Liquigas-Doimo), Alberto Benitez (Footon-Servetto), Edvald Boasson-Hagen (Sky), Lars Boom (Rabobank), Maxime Bouet (Ag2r La Mondiale), Pavel Brutt (Katusha), Fabian Cancellara (Saxo Bank), Manuel Cardoso (Footon-Servetto), Dries Devenyns (Quick Step), Samuel Dumoulin (Cofidis), Julien El Fares (Cofidis), Simon Gerrans (Sky), Anthony Geslin (FDJ), Bert Grabsch (HTC-Columbia), Chris Horner (RadioShack), Robert Hunter (Garmin-Transitions), Kristjan Koren (Liquigas-Doimo), Brett Lancaster (Cervélo), David Le Lay (Ag2r La Mondiale), Christophe Le Mevel (FDJ), Andreas Malori (Lampre-Farnese), Koos Moerenhout (Rabobank), Amael Moinard (Cofidis), Lloyd Mondory (Ag2r La Mondiale), Damien Monier (Cofidis), Juan Jose Oroz (Euskaltel-Euskadi), Rémi Pauriol (Cofidis), Mathieu Perget (Caisse D’Epargne), Gregory Rast (RadioShack), Mark Renshaw (HTC-Columbia), Nicolas Roche (Ag2r La Mondiale), Jurgen Roelandts (Omega Pharma-Lotto), Pierre Rolland (Bbox Bouygues Telecom), Anthony Roux (FDJ), Jérémy Roy (FDJ), Mathieu Sprick (Bbox Bouygues Telecom), Rein Taaramae (Cofidis), Sebastien Turgot (Bbox Bouygues Telecom), Niki Terpstra (Milram), Brian Vandborg (Liquigas-Doimo), Jurgen VandeWalle (Quick Step), Ivan Velasco (Euskaltel-Euskadi), Thomas Voeckler (Bbox Bouygues Telecom), Fabian Wegmann (Milram), David Zabriskie (Garmin-Transitions).


Mi chiedo: da dove arriva la creazione di questa lista? Da quali informazioni?
Ovvio che non credo molto alla comparazione di campioni di sangue (versione ufficiale)
Siamo alla delazione? E se sì, cosa viene dato in cambio ai delatori?
L'argomento non è OT di categoria, in quanto crea e alimenta dubbi sui valori in campo. Chi può e chi non può sgarrare? E secondo quali logiche?
In ogni caso, sono sbigottito che quella che era una sensazione sia svelata in un palese metodo.
Questo è un reality show e sopra abbiamo la lista delle nomination.
Felice di essere un ingenuo.




Avatar utente
cauz.
Messaggi: 12023
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 12:53
Località: milano
Contatta:

Re: Lista Wada-Uci ... o lista di proscrizione

Messaggio da leggere da cauz. » venerdì 13 maggio 2011, 16:47

alfiso ha scritto: Questo è un reality show e sopra abbiamo la lista delle nomination.
quoto.
e credo che la discussione vada fatta nel forum su doping e antidoping.
(anche se, per me, c'e' ben poco da discutere su questa pagliacciata).


"Il male trionfa sempre, perche' il bene e' stupido" [Lord Casco]
@cauz_ | bidonmagazine.org | confindustrial.noblogs.org

alfiso

Re: Lista Wada-Uci ... o lista di proscrizione

Messaggio da leggere da alfiso » venerdì 13 maggio 2011, 16:57

cauz. ha scritto: e credo che la discussione vada fatta nel forum su doping e antidoping.
Non credo e l'ho già anticipato nel post. Poi non dipende da me lasciarlo qua (la decisione intendo).
L'ho messo qua per una ragione che speravo qualcun altro indicasse. La scrivo io.
Esiste una lista anche per questo Giro? E se sì, bisogna chiederlo esplicitamente all'Uci.
Con questa lista l'Uci ammette palesemente (basta vedere l'imbarazzato comunicato stampa emesso) che esiste una empiricità nella valutazione dei dati.

Scherzo e faccio la lista per il Giro, ma non troppo vista l'aria tagliente:
10) Di Luca ...

aspettiamo i numeri di telefono per votare le nomination. Che ribrezzo.
Ultima modifica di alfiso il venerdì 13 maggio 2011, 17:00, modificato 1 volta in totale.



Avatar utente
Laura Grazioli
Messaggi: 1891
Iscritto il: mercoledì 1 dicembre 2010, 18:53
Località: Brescia

Re: Lista Wada-Uci ... o lista di proscrizione

Messaggio da leggere da Laura Grazioli » venerdì 13 maggio 2011, 17:00

Nel 3D doping e antidoping se ne parlava già perciò continuate là che è anche la sezione giusta.


Un uomo comincerà a comportarsi in maniera ragionevole solo quando avrà esaurito ogni altra possibile soluzione

Winter
Messaggi: 14536
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Re: Lista Wada-Uci ... o lista di proscrizione

Messaggio da leggere da Winter » venerdì 13 maggio 2011, 18:36

alfiso ha scritto:[
Mi chiedo: da dove arriva la creazione di questa lista? Da quali informazioni?
Ovvio che non credo molto alla comparazione di campioni di sangue (versione ufficiale)
Siamo alla delazione? E se sì, cosa viene dato in cambio ai delatori?
L'argomento non è OT di categoria, in quanto crea e alimenta dubbi sui valori in campo. Chi può e chi non può sgarrare? E secondo quali logiche?
In ogni caso, sono sbigottito che quella che era una sensazione sia svelata in un palese metodo.
Questo è un reality show e sopra abbiamo la lista delle nomination.
Felice di essere un ingenuo.
Credo si siano basati su 3 fattori
1) Il passaporto biologico
2) I valori duranti i controlli a sorpresa
3) Le Inchieste sia quelle interne che quelle da parte delle istituzioni internazionali (non tutti a conoscenza della stampa e del pubblico)




alfiso

Re: Lista Wada-Uci ... o lista di proscrizione

Messaggio da leggere da alfiso » venerdì 13 maggio 2011, 18:47

Winter ha scritto:
alfiso ha scritto:[
Mi chiedo: da dove arriva la creazione di questa lista? Da quali informazioni?
Ovvio che non credo molto alla comparazione di campioni di sangue (versione ufficiale)
Siamo alla delazione? E se sì, cosa viene dato in cambio ai delatori?
L'argomento non è OT di categoria, in quanto crea e alimenta dubbi sui valori in campo. Chi può e chi non può sgarrare? E secondo quali logiche?
In ogni caso, sono sbigottito che quella che era una sensazione sia svelata in un palese metodo.
Questo è un reality show e sopra abbiamo la lista delle nomination.
Felice di essere un ingenuo.
Credo si siano basati su 3 fattori
1) Il passaporto biologico
2) I valori duranti i controlli a sorpresa
3) Le Inchieste sia quelle interne che quelle da parte delle istituzioni internazionali (non tutti a conoscenza della stampa e del pubblico)
Ho argomentato le mie domande nel 3D "Tsunami in arrivo?"



Avatar utente
Slegar
Messaggi: 4735
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:49

Re: Lista Wada-Uci ... o lista di proscrizione

Messaggio da leggere da Slegar » venerdì 13 maggio 2011, 19:46

Non sono assolutamente sorpreso della presenza di un tale elenco al Tour 2010 e conseguentemente anche al Giro di quest'anno. Diciamo che il criterio usato è più elegante chiamarlo "priorità per l'ottimizzazione dei controlli antidoping" che "sospetto di pratiche dopanti", anche se sostanzialmente è la stessa cosa. Lo scandalo sta nel fatto che sia stata pubblicata una tale lista che ha lo stesso valore dell'aria fritta, una lista che è un elenco scritto su un giornale con il formato e la grafia di quel giornale e non la riproduzione di un documento riservato di WADA, UCI o chicchessia: non sono un giurista ma penso che la pubblicazione di quell'elenco sia un reato penale.
alfiso nel 3d [i]Tsunami in arrivo[/i] ha scritto:3) Esistono i delatori? Adesso non è peregrino pensarlo
Esistono certamente ma non sono quelli che tu pensi (o almeno non sono i più importanti). L'UCI e/o la WADA devono iniziare seriamente a preoccuparsi di "talpe" presenti al loro interno che con le loro delazioni minano alla base la gestione del "sistema" antidoping. Per la seconda volta l'Equipe ha sgamato l'UCI nella gestione dell'antidoping al Tour 2010: il caso Contador nasce da rivelazioni apparse sul giornale sportivo francese a cui l'UCI controvoglia ha dovuto adeguarsi ed adesso la pubblicazione di questa lista. E' evidente che all'interno dell'UCI e/o WADA c'è chi ha passato all'Equipe dei documenti riservati sulla gestione dell'antidoping al Tour 2010 e questa sa tanto di lotta di potere all'interno del ciclismo con i corridori, tanto per cambiare, gettati direttamente nel tritacarne.

Poiché ho l'impressione che siamo solo all'inizio di un casino gigantesco forse è giunta l'ora che i ciclisti (e questa volta le squadre è meglio che gli appoggino) si facciano veramente sentire e battano un colpo di quelli rumorosi come il boicottaggio del Tour de France a partire dal prologo ed eventualmente ad oltranza (tanto è da lì che sono partiti tutti i grandi casini del ciclismo).


fair play? No, Grazie!

alfiso

Re: Lista Wada-Uci ... o lista di proscrizione

Messaggio da leggere da alfiso » venerdì 13 maggio 2011, 20:30

Slegar ha scritto:non sono un giurista ma penso che la pubblicazione di quell'elenco sia un reato penale.
In Italia non sarebbe reato. E' pienamente diritto di cronaca. L'ipotesi di reato al limite riguarderebbe chi ha divulgato il documento, e a maggior ragione se in cambio ne avrebbe tratto profitto in denaro o in altri termini.
Slegar ha scritto: 3) Esistono i delatori? Adesso non è peregrino pensarlo.
Esistono certamente ma non sono quelli che tu pensi (o almeno non sono i più importanti). L'UCI e/o la WADA devono iniziare seriamente a preoccuparsi di "talpe" presenti al loro interno che con le loro delazioni minano alla base la gestione del "sistema" antidoping. Per la seconda volta l'Equipe ha sgamato l'UCI nella gestione dell'antidoping al Tour 2010: il caso Contador nasce da rivelazioni apparse sul giornale sportivo francese a cui l'UCI controvoglia ha dovuto adeguarsi ed adesso la pubblicazione di questa lista. E' evidente che all'interno dell'UCI e/o WADA c'è chi ha passato all'Equipe dei documenti riservati sulla gestione dell'antidoping al Tour 2010 e questa sa tanto di lotta di potere all'interno del ciclismo con i corridori, tanto per cambiare, gettati direttamente nel tritacarne.
Se ci fosse serietà e buone intenzioni nell'Uci non vi sarebbero gestioni così allegre di documenti soggetti ad undisclosure. Non dimentichiamoci che questi margini di discrezionalità arbitraria, vengono presi in presenza di scommesse europee e worldwide, di convenienze politiche e interessi industriali.
Non credo nelle cattive talpe isolate.
Gli atleti sono i vasi di coccio, o carne da cannone per il tritacarne se preferisci.



Avatar utente
danilodiluca87
Messaggi: 1733
Iscritto il: sabato 11 dicembre 2010, 0:15
Località: Frosolone (IS)

Re: Lista Wada-Uci ... o lista di proscrizione

Messaggio da leggere da danilodiluca87 » venerdì 13 maggio 2011, 21:41

alfiso ha scritto:....Scherzo e faccio la lista per il Giro, ma non troppo vista l'aria tagliente:
10) Di Luca ...
iààààà fai il bravo....era un 10+


Il KILLER di Spoltore

alfiso

Re: Lista Wada-Uci ... o lista di proscrizione

Messaggio da leggere da alfiso » venerdì 13 maggio 2011, 23:24

danilodiluca87 ha scritto:
alfiso ha scritto:....Scherzo e faccio la lista per il Giro, ma non troppo vista l'aria tagliente:
10) Di Luca ...
iààààà fai il bravo....era un 10+
Sorry, ok ci metto pure la lode. :D



Avatar utente
Viscera
Messaggi: 382
Iscritto il: venerdì 22 aprile 2011, 8:01

Re: Lista Wada-Uci ... o lista di proscrizione

Messaggio da leggere da Viscera » sabato 14 maggio 2011, 10:10

alfiso ha scritto:Tour 2010, nuovi veleni
L'Equipe pubblica lista segreta


Premesso che è una porcata incredibile, vediamo di fare ordine.

L'ha redatta un tizio dell'UCI tramite un suo personale conteggio valutano un tot di parametri presi negli anni precedenti (quindi non al tour 2010), e indica le priorità su chi sorvegliare.

0-1 = Valori perfetti
2-3 = Anomalia specifica in un momento ma plausibile
4-5 = Valori sospetti
6-10 = OVERWHELMING, spiegabile solo con doping

Ora, fanno ridere parecchi nomi nelle fasce basse (con tutto il bene che voglio allo svizzero), però è interessante vedere la classifica per team o per nazioni di questa lista (Radioshack e Astana, Ucraina (anche se l'Italia ha una media molto alta 3,57). Quella per procuratori c'è?

Si possono fare le considerazioni più disparate, certo che se questa lista arrivasse prima del Tour a qualche team, saprebbero su chi "investire", visto che è meno controllato (ogni riferimento a un TopTen inusuale è casuale!). Poi, Menchov arriva terzo comunque, nonostante i riflettori puntati.



Avatar utente
TIC
Messaggi: 7256
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:20

Re: Lista Wada-Uci ... o lista di proscrizione

Messaggio da leggere da TIC » sabato 14 maggio 2011, 11:48

Viscera ha scritto:
alfiso ha scritto:Tour 2010, nuovi veleni
L'Equipe pubblica lista segreta


Premesso che è una porcata incredibile, vediamo di fare ordine.

.


Perche' una porcata ?
Trattasi di scoop giornalistico. Volete eliminare queste "porcate" ? Mettetevi d'accordo, si puo' fare. A me invece piacciono.

Anche il tanto amato Oss... Sara' stato il rock a sballargli i valori..
SVEGLIATEVI !!!!!

ps Faccio notare che una grande nazione ciclistica che da tantiiiii anni ottiene pochi risultati e' nelle ultime posizioni della lista, cioe' con meno sospetti.
Il nome di questa nazione comincia con "Fra" e finisce con "cia".
Guardatevi quelli con punteggio zero : Francia 10 o 15, Italia 1.


Henry Kissinger : (Ad un summit presso il Ministero degli Esteri alla fine dell'intervento di Aldo Moro) Chi parla in questo modo non può che essere un imbroglione e non può che rappresentare un popolo di imbroglioni.

Avatar utente
Slegar
Messaggi: 4735
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:49

Re: Lista Wada-Uci ... o lista di proscrizione

Messaggio da leggere da Slegar » sabato 14 maggio 2011, 12:24

http://www.uci.ch/Modules/ENews/ENewsDe ... LangId%3D1

Press release - Suspicion is not the same as guilt - The UCI calmly and carefully continues the fight against doping

13.05.2011

The French newspaper L’Équipe published an article in its edition of 13 May about the anti-doping test procedures employed at the 2010 Tour de France.

To ensure that the information that has been published is properly understood, the UCI wishes to point out that a blood test is performed on all participants before every major Tour. The UCI’s Anti-Doping Service then draws up a “testing plan” on the basis of the results of these tests and the athletes’ biological passports. This testing plan defines the priorities, frequency and features of the tests to be performed during the race.

It is essential to note that the list published by L’Équipe, entitled “Index of suspicion”, is liable to be interpreted in an incorrect and prejudicial manner: it contains only an initial summary assessment of the results of the analyses for the sole purpose of establishing an order of priorities for testing and therefore cannot under any circumstances prejudge the possible guilt of the persons whose names appear on the list. Whatever the assessment of the appropriateness of testing a specific rider, the list does not justify any suspicion or condemnation.

This superficial but practical procedure has been made possible within the framework of the biological passport programme – launched by the UCI in 2008 in cooperation with the World Anti-Doping Agency (WADA) – under which the sophisticated targeting of testing is a major focus. However, the information published by the French newspaper is far from the examination of haematological data by biological passport experts.

While condemning the potential exploitation of the situation and the inevitable distortions of the truth to which the L’Équipe revelations will give rise – as well as the possible unfortunate consequences for the riders and the teams – the UCI wishes to highlight a number of fundamental issues raised by the article in question.

While advocating the principle that “suspicion is not the same as guilt”, it can however been seen that the system enables anti-doping tests to be targeted more effectively and therefore also enables the fight against doping as a whole to be enhanced.

Acknowledged as a “unique document, unprecedented in any sport” this list “reveals a reality that is very remote from the notion that ‘they all resort to doping’ and puts paid to the idea of organised team doping”.

Thanks to the “tremendous work done by the UCI in recent years (…) the proportion of riders who cross the red line has reduced.”

Of course this does not in any way imply a denial of the existence of the problem. It does however demonstrate the fact that the UCI’s anti-doping services have the situation under control and that their monitoring – via the biological passport in particular – will become increasingly effective. Through its daily commitment, the UCI is showing its determination to oppose the scourge of doping by all the means at its disposal and will always continue to play the role of the Federation that leads the way in this field.

Finally, the L’Équipe publication confirms that the UCI is using all possible resources to fight for an increasingly clean sport of cycling (which the statistics prove is happening).

On the other hand, the UCI deplores and strongly condemns the breach of confidentiality which allowed this list to be sent to the press. A leak of this kind is highly irresponsible and unacceptable. The UCI will consult WADA in order to launch an in-depth investigation of the matter.

UCI Press Service


Ebbene si, l'UCI ammette l'esistenza di quell'elenco come strumento per la gestione dell'antidoping, non minaccia guerra nei confronti di nessuno ma approfitta delle "rivelazioni" dell'Equipe per farsi bella in merito alla lotta al doping e "concede" uno zuccherino anche ai ciclisti (scritto in rosso). Vedremo nel tempo come si esplicherà quell'ultima frase, intanto l'UCI si difende attaccando e di fatto dice che questo è uno strumento che viene usato sempre anche in questo Giro d'Italia. Una cosa a me è balzata subito agli occhi leggendo questo comunicato ed è il fatto che è in antitesi con quanto strombazzato da Petrucci e Di Rocco prima del Giro d'Italia e questo non può che rendermi contento. Penso che Bugno, nella sua carica di presidente dell'associazione ciclisti, non perderà l'occasione di sbugiardare Di Rocco sventolando sotto il naso il documento UCI.
Viscera ha scritto:Ora, fanno ridere parecchi nomi nelle fasce basse (con tutto il bene che voglio allo svizzero), però è interessante vedere la classifica per team o per nazioni di questa lista (Radioshack e Astana, Ucraina (anche se l'Italia ha una media molto alta 3,57). Quella per procuratori c'è?

Si possono fare le considerazioni più disparate, certo che se questa lista arrivasse prima del Tour a qualche team, saprebbero su chi "investire", visto che è meno controllato (ogni riferimento a un TopTen inusuale è casuale!). Poi, Menchov arriva terzo comunque, nonostante i riflettori puntati.
Intanto si deve capire se è uno strumento "statico" o "dinamico" nel senso che se durante la competizione un ciclista di "indice basso" va sopra le righe bisogna capire se "sale la quotazione" all'interno della lista. Le considerazioni che si possono fare sono veramente molteplici e, senza fare nomi, si vede come l'essere stato inserito in una inchiesta, l'aver fatto parte di determinate quadre anche se non ci sono più sono elementi che non passano inosservati; inoltre ho notato che in classifica "medio-alta" ci sono atleti appartenenti a squadre definite "esemplari" che hanno fatto della moralità e della trasparenza la loro ragion d'essere. Un'ultima considerazione è che da questa lista si possono capire meglio certe controprestazioni di qualcuno dato per pronosticato al gradino più basso del podio di Parigi e poi scomparso durante la gara e che Menchov l'anno scorso ha dimostrato tutto il suo spessore come ciclista.
TIC ha scritto:Perche' una porcata ?
Trattasi di scoop giornalistico. Volete eliminare queste "porcate" ? Mettetevi d'accordo, si puo' fare. A me invece piacciono.
E' una porcata, perché la lista è stata presentata come "livello di doping" dei ciclisti ed uno scoop del genere rischia di minare l'efficacia del passaporto biologico.
ps Faccio notare che una grande nazione ciclistica che da tantiiiii anni ottiene pochi risultati e' nelle ultime posizioni della lista, cioe' con meno sospetti.
Il nome di questa nazione comincia con "Fra" e finisce con "cia".
Guardatevi quelli con punteggio zero : Francia 10 o 15, Italia 1.
L'avevo notato subito e l'Equipe li ha addirittura messi in grassetto; è un concetto che forzainter/Winter ha sempre sostenuto in questi anni e quella lista ne è la conferma.


fair play? No, Grazie!

Avatar utente
Abajia
Messaggi: 849
Iscritto il: domenica 6 febbraio 2011, 17:53
Località: Tortoreto (TE)

Messaggio da leggere da Abajia » sabato 14 maggio 2011, 17:48

Quel «calmly and carefully» mi ha fatto spisciare! :lol:


La superstizione porta sfortuna
(5000 B.C. and other philosophical fantasies, 1983, Raymond Merrill Smullyan)

___

Fantaciclismo Cicloweb - edizione 2011

- Liège - Bastogne - Liège

___

Asso di Fiori

Winter
Messaggi: 14536
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Re: Lista Wada-Uci ... o lista di proscrizione

Messaggio da leggere da Winter » sabato 14 maggio 2011, 18:17

Moreau è a 7 perche' era stato sospeso 15 giorni dalla Federazione Francese nei controlli relativi al Suivis Longitudinal
Sospensione mai comunicato in maniera diretta alla stampa (per la privacy..)
Ovviamente in quei 15 giorni Moreau era fermo ufficialmente per problemi agli aduttori o per l'influenza (le classiche scuse per i calciatori)



donchisciotte
Messaggi: 511
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 22:37

Re: Lista Wada-Uci ... o lista di proscrizione

Messaggio da leggere da donchisciotte » domenica 15 maggio 2011, 10:54

Sì, è una porcata, una delle tante solite porcate che non accadono mai casualmente.
Se non sta bene, adesso che sono coinvolti tutti o quasi, denuncino, invece di limitarsi a diffidare i media italiani dal pubblicarla ( l'ACCPI forse non sa che con internet si può vederla su qualsiasi sito del mondo). Pagano milioni di euro per il passaporto biologico e si trovano sputtanati con le liste. Denuncino o altrimenti chinino la testa per sempre senza lamentele.
Però..... la perfidia che è in me prova una certa soddisfazione nel vedere alcuni ciclisti particolarmente abili nel gioco dei capponi di Renzo ( io pulitissimo, gli altri fanno schifo ecc.), però con tanti indizietti sparsi qua e là ( l'ultimo quello che ha rilasciato le dichiarazioni pubblocate ieri da tuttobiciweb), con un " voto" superiore o uguale a quelli che vengono additati, in certe fiction, come pieni come uova di Pasqua , gli ufetti , quelli con l'artiglieria pesante ecc. beh... uno dei maggiori indiziati c'ha 0, come una fonte di acqua fresca. Troppo forte ,come sempre, Vino: al di sotto di ogni sospetto, coerente.
Sì, questa lista mi fa pure un po' ridere e mi dà una certa soddisfazione, Perché se non denunciano, almeno i puliti, vuo, dire che non conviene a nessuno che si vada a indagare,L'unica cosa che mi disturba è che ieri, mentre vedevo la tappa, ad ogni nome che sta in quella lista associavo il "voto". Mi urta, io vedo le tappe con occhi limpidi, non è mica da quel particolare che si giudica un ciclista. Quel particolare è una pura accusa nominalistica, lo possiamo affibiare a chiunque e , dopo qualche mese o anno, ci sono grandissime probabilotà di avere ragione.


Verità e giustizia per Marco Pantani, una battaglia di civiltà.
Lasciamolo in pace un cazzo!

Avatar utente
Slegar
Messaggi: 4735
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:49

Re: Lista Wada-Uci ... o lista di proscrizione

Messaggio da leggere da Slegar » lunedì 16 maggio 2011, 10:07

alfiso ha scritto:Non credo nelle cattive talpe isolate.
Io si e non sono il solo:
http://www.uci.ch/Modules/ENews/ENewsDe ... LangId%3D1

Press release - WADA opens investigation into UCI document leak

15.05.2011

Montreal, May 15, 2011 – The World Anti-Doping Agency (WADA) has opened an independent investigation into the source of the leak that led to an internal working document from the Union Cycliste Internationale (UCI) being published in a French newspaper last week.

WADA Director General David Howman informed his Executive Committee and Foundation Board at a meeting in Montreal that WADA would give its full support to the UCI, which will also have an investigation, to try and identify the source of the leak.

UCI-WADA Press Services


Ho l'impressione che siamo all'inizio di una brutta storia per il ciclismo.


fair play? No, Grazie!

Avatar utente
Slegar
Messaggi: 4735
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:49

Re: Lista Wada-Uci ... o lista di proscrizione

Messaggio da leggere da Slegar » mercoledì 18 maggio 2011, 11:11

Povero McQuaglia è arrivato il momento delle giustificazioni e per chi ha fatto dell'opacità e dell'innalzamento di barriere di fumo (alcolico) il proprio modus operandi scrivere una lettera del genere dovrebbe essere costata una certa fatica (in grassetto le parti che ritengo interessanti ed in rosso dove mi è venuto da ridere):
http://www.uci.ch/Modules/ENews/ENewsDe ... LangId%3D1

Open letter to all riders and team members

17.05.2011

I write to you following last week’s regrettable disclosure of confidential information in the French daily newspaper l’Equipe, under the title “UCI’s secret list”.

I am fully aware of the anger and strong reactions that the publication has generated and I can tell you that I was angry as well.

I can confirm that the International Cycling Union is taking steps in order to open a judicial enquiry into the source of this leak, without further delay.

Furthermore, the UCI offered its full support to the independent investigation launched by the World Anti-Doping Agency (WADA) and I trust that we will soon discover how these events occurred and identify the individuals responsible.

In addition, management of the UCI anti-doping and legal departments are reviewing the security procedures put in place to guarantee the confidentiality of information in order to check if and where they might be improved.

With this I wanted to inform you of the steps being taken and to reassure you of the UCI's utter determination to resolve this very delicate situation.

However we cannot undo the facts and I am very sorry for those who now feel directly affected by this disclosure.

But let us also examine the core issue. Why draw up a list such as this? What does it mean to be included on the list? How should the information that the list contains be interpreted?

It is essential to understand that this is not a list that indicates degrees of suspicion of doping, but a working document that establishes an order of priority for carrying out doping tests.

This priority list is drawn up on the basis of different elements that may be useful to identify priorities when conducting a testing programme on a group of 200 riders: it is not possible to test all of them ten times, so a list of priorities has to be established based upon a number of indications and not upon coincidence or discretion. Such indications are: the raw data of the haematological profile in the blood passport (so without taking into account whichever explanation for such data), the circumstance whether the rider has been tested recently and how often, sporting considerations (results, ranking, race programme, ambition, objectives). Bringing all this information together allowed the creation of the list.


We have all recognised the value of the biological passport on many occasions. Those involved in the fight against doping have all welcomed the extraordinary possibilities that targeting offers compared with traditional controls. The global sporting community as a whole applauded this new approach, which it considered to be optimal and at the cutting edge. Some of you even pleaded that the blood passport should be used as targeting instrument only.

Once again I understand the discontent of the riders and their entourage about the leak, which I also consider as completely unacceptable, but I frankly find it difficult to share their surprise and indignation at the content of the document where it is also taking into account the data of the blood passport. Team managers – you will be well aware of the programme to which you have largely contributed the financing. Riders – you are the only individuals able to access, at any time, all the analysis results of your profile, as recorded in your biological passport.

I have introduced these issues into the discussion because I am increasingly convinced that the basis for the success of an innovative programme such as the biological passport is the individual responsibility of each rider and the collective responsibility of each team.

So riders and teams must not be indignant at the blood passport being used to the maximum of its possibilities, bearing in mind that at the stage of the priority list the passport data are no evidence of whatever (which is the reason why the document is confidential).

Our objective has never been to create lists of suspects, but rather to provide ourselves with the most effective tool possible to optimise our resources - which are not unlimited - as well as to ensure the effectiveness of our approach. The battle against doping has, for a long time, been a priority for the UCI, even to the extent that it could sometimes be considered to be over emphasised in our sport. Yet it must be admitted that the reality of the situation does not allow us to act otherwise.

I make no apologies for the fact that UCI will continue to take every measure possible to protect clean athletes. Our objective, shared by many of you, is a doping free cycling, one where the values of ethics and fair play are cherished.

I hope that these explanations will assist you to reach an objective judgment of a situation that is undeniably disagreeable. Please find attached further information on the subject.

Please accept my kindest regards.

Pat McQuaid
UCI President


fair play? No, Grazie!


Rispondi