Parcheggio post "fuori post" sul doping

Per discutere, analizzare, approfondire tutto quello che riguarda il tema più dibattuto del ciclismo
pietro
Messaggi: 1952
Iscritto il: mercoledì 18 marzo 2020, 19:32

Re: Parcheggio post "fuori post" sul doping

Messaggio da leggere da pietro » venerdì 24 aprile 2020, 9:22

Dato che si parlava di Contador, metto qua un articolo che farà piacere a el-condor
https://www.google.com/url?sa=t&source= ... sw&ampcf=1



Avatar utente
Gianluca Avigo - bove
Messaggi: 3020
Iscritto il: sabato 7 settembre 2013, 23:29

Re: Gilberto Simoni

Messaggio da leggere da Gianluca Avigo - bove » mercoledì 29 aprile 2020, 9:08

Mamma mia che brutto periodo mi avete fatto tornare in mente. Da Madonna di Campiglio fino al Nibali della vuelta 2009 e poi l'ottimo giro 2010, ho veramente pochi bei ricordi di quel ciclismo. Forse l'amaro in bocca per la vicenda Pantani, la Spocchia dell'americano, l'ombra evidente del doping su tutto e tutti, ma secondo me fu un decennio quasi insignificante. Ricordo volentieri solo poche corse e pochi personaggi. Per esempio Savoldelli, mi è sempre piaciuto, forse anche perché siamo coetanei e da ragazzini in qualche gara ci siamo incrociati, per il resto davvero anni bui. L'elenco delle disillusioni è davvero lungo. Albi d'oro chi di prezioso hanno veramente poco. Va be! Scusate il malinconico OT


Quand la merda la munta scagn o la fa spusa o la fa dan :old:

Avatar utente
GregLemond
Messaggi: 1939
Iscritto il: sabato 6 settembre 2014, 20:00

Re: Gilberto Simoni

Messaggio da leggere da GregLemond » mercoledì 29 aprile 2020, 10:04

Io ho sempre avuto un idea particolare...
Che basso sia stato paradossalmente sfavorito da OP (mettiamola cosi, non tutti sono stati alle regole...)
Si sarebbe altrimenti costruito un Palmares surreale (in tutti i sensi)



nunziol
Messaggi: 607
Iscritto il: mercoledì 16 maggio 2012, 13:06

Re: Gilberto Simoni

Messaggio da leggere da nunziol » mercoledì 29 aprile 2020, 11:42

GregLemond ha scritto:
mercoledì 29 aprile 2020, 10:04
Io ho sempre avuto un idea particolare...
Che basso sia stato paradossalmente sfavorito da OP (mettiamola cosi, non tutti sono stati alle regole...)
Si sarebbe altrimenti costruito un Palmares surreale (in tutti i sensi)
Basso non ha avuto poi fortuna in carriera
Sfortunato a trovarsi Armstrong prima
Il giro 2005 perso per il cagotto
OP che gli ha tolto probabilmente la doppietta Giro-Tour 2006
Quella caduta sull'Etna che gli compromise il Tour 2011 ed infatti la sua carriera ad alti livelli è finita la
Forse avrebbe vinto un altro paio di giri e un altro Tour
Senza l'Op a quest'ora sarebbe la con i grandissimi
Certo,sé è finito nell'OP è colpa sua



Avatar utente
Beppugrillo
Messaggi: 1635
Iscritto il: martedì 4 settembre 2018, 6:41

Re: Gilberto Simoni

Messaggio da leggere da Beppugrillo » mercoledì 29 aprile 2020, 12:09

Basso è riuscito neanche lui sa come a non farsi togliere la vittoria del Giro 2006, direi che è stato estremamente fortunato. Purtroppo tutto quel periodo tocca giudicarlo o a prescindere dal doping o solo sulla base delle squalifiche reali o sulla base di pettegolezzi e sensazioni, in ogni caso ci si sbaglia e di molto.

Sulle varie dichiarazioni di Simoni negli anni, secondo me era molto fuori luogo quando andava sul personale (non ricordo di preciso, ma cose tipo "non sono uomini", "Cunego bastardo ignorante"). Sennò uno sportivo che mostra la sua rabbia per circostanze sfortunate o presunte scorrettezze per me è comprensibilissimo, però c'è modo e modo, non devi attaccare così gli avversari (per dire, Cunego che a Varese si incazza per aver perso da Ballan per me è molto meglio di "tutti bravi, grande squadra, che vinca il migliore e così via"). Poi è chiaro che quei fatti specifici nella sua mente avevano dei colpevoli chiarissimi per cui non era facile non scendere sul personale. A Bergamo evitò le interviste facendo capire di essere incazzato con le moto (per me aveva ragione) e così per me va benissimo, è normale



Avatar utente
GregLemond
Messaggi: 1939
Iscritto il: sabato 6 settembre 2014, 20:00

Re: Gilberto Simoni

Messaggio da leggere da GregLemond » mercoledì 29 aprile 2020, 14:48

nunziol ha scritto:
mercoledì 29 aprile 2020, 11:42
GregLemond ha scritto:
mercoledì 29 aprile 2020, 10:04
Io ho sempre avuto un idea particolare...
Che basso sia stato paradossalmente sfavorito da OP (mettiamola cosi, non tutti sono stati alle regole...)
Si sarebbe altrimenti costruito un Palmares surreale (in tutti i sensi)
Basso non ha avuto poi fortuna in carriera
Sfortunato a trovarsi Armstrong prima
Il giro 2005 perso per il cagotto
OP che gli ha tolto probabilmente la doppietta Giro-Tour 2006
Quella caduta sull'Etna che gli compromise il Tour 2011 ed infatti la sua carriera ad alti livelli è finita la
Forse avrebbe vinto un altro paio di giri e un altro Tour
Senza l'Op a quest'ora sarebbe la con i grandissimi
Certo,sé è finito nell'OP è colpa sua
Si, ma l OP è stata un po' troppo Ad Hoc per i miei gusti... o meglio, se ne son salvati diversi...
Quindi Basso fortunato non direi...

Pero, considerando Basso al top... si sarebbe riscritta la storia del ciclismo in quel periodo...
Perchè nel 2007 se non erro sarebbe stato in Discovery...



nunziol
Messaggi: 607
Iscritto il: mercoledì 16 maggio 2012, 13:06

Re: Gilberto Simoni

Messaggio da leggere da nunziol » mercoledì 29 aprile 2020, 16:16

GregLemond ha scritto:
mercoledì 29 aprile 2020, 14:48
nunziol ha scritto:
mercoledì 29 aprile 2020, 11:42
GregLemond ha scritto:
mercoledì 29 aprile 2020, 10:04
Io ho sempre avuto un idea particolare...
Che basso sia stato paradossalmente sfavorito da OP (mettiamola cosi, non tutti sono stati alle regole...)
Si sarebbe altrimenti costruito un Palmares surreale (in tutti i sensi)
Basso non ha avuto poi fortuna in carriera
Sfortunato a trovarsi Armstrong prima
Il giro 2005 perso per il cagotto
OP che gli ha tolto probabilmente la doppietta Giro-Tour 2006
Quella caduta sull'Etna che gli compromise il Tour 2011 ed infatti la sua carriera ad alti livelli è finita la
Forse avrebbe vinto un altro paio di giri e un altro Tour
Senza l'Op a quest'ora sarebbe la con i grandissimi
Certo,sé è finito nell'OP è colpa sua
Si, ma l OP è stata un po' troppo Ad Hoc per i miei gusti... o meglio, se ne son salvati diversi...
Quindi Basso fortunato non direi...

Pero, considerando Basso al top... si sarebbe riscritta la storia del ciclismo in quel periodo...
Perchè nel 2007 se non erro sarebbe stato in Discovery...
In squadra con Contador...



nikybo85
Messaggi: 3312
Iscritto il: mercoledì 23 agosto 2017, 0:06

Re: Gilberto Simoni

Messaggio da leggere da nikybo85 » mercoledì 29 aprile 2020, 20:54

Beppugrillo ha scritto:
mercoledì 29 aprile 2020, 12:09
.... A Bergamo evitò le interviste facendo capire di essere incazzato con le moto (per me aveva ragione) e così per me va benissimo, è normale
Non ricordo questa di Bergamo ma mi hai fatto comunque venire in mente Lanfranchi :diavoletto: :diavoletto: :diavoletto:



herbie
Messaggi: 4945
Iscritto il: sabato 26 febbraio 2011, 17:19

Re: Gilberto Simoni

Messaggio da leggere da herbie » giovedì 30 aprile 2020, 2:02

nikybo85 ha scritto:
mercoledì 29 aprile 2020, 20:54
Beppugrillo ha scritto:
mercoledì 29 aprile 2020, 12:09
.... A Bergamo evitò le interviste facendo capire di essere incazzato con le moto (per me aveva ragione) e così per me va benissimo, è normale
Non ricordo questa di Bergamo ma mi hai fatto comunque venire in mente Lanfranchi :diavoletto: :diavoletto: :diavoletto:
Dire che Basso sia stato "fortunato" a tenersi il Giro 2006 , quando gli mancherebbero un paio di Tour che altri frequentatori di Fuentes hanno in bacheca, mi sembra alquanto azzardato.
Nemmeno Simoni ha potuto usufruire di alcuna apertura, e questo dovrebbe farlo riflettere su quanto Basso gli sia "nemico". Ma è indubbio che il modo di porsi stesso di Basso sia in totale antitesi con quello di Simoni, ed è proprio questa viscerale diversità che non poteva che sfociare prima o poi in una netta contrapposizione.
L'intervista della mattina seguente all'arrivo dellì'Aprica per me rimane una delle pagine di contorno più divertenti in assoluto della intera storia del ciclismo, e di questo il merito principale va a Gilberto. In seconda battuta, e in maniera totalmente involontaria, alla De Stefano.
Personalmente, ho quasi sempre fatto il tifo per Simoni, tranne in quelle rarissime occasioni in cui c'era Pantani di mezzo.
Per il resto, per me a Basso mancano tre GT, se ci fosse stata una forma sufficiente di giustizia nel ciclismo di quel decennio: a Simoni credo di no, andava troppo piano a crono.



Avatar utente
Beppugrillo
Messaggi: 1635
Iscritto il: martedì 4 settembre 2018, 6:41

Re: Gilberto Simoni

Messaggio da leggere da Beppugrillo » giovedì 30 aprile 2020, 7:43

herbie ha scritto:
giovedì 30 aprile 2020, 2:02
nikybo85 ha scritto:
mercoledì 29 aprile 2020, 20:54
Beppugrillo ha scritto:
mercoledì 29 aprile 2020, 12:09
.... A Bergamo evitò le interviste facendo capire di essere incazzato con le moto (per me aveva ragione) e così per me va benissimo, è normale
Non ricordo questa di Bergamo ma mi hai fatto comunque venire in mente Lanfranchi :diavoletto: :diavoletto: :diavoletto:
Dire che Basso sia stato "fortunato" a tenersi il Giro 2006 , quando gli mancherebbero un paio di Tour che altri frequentatori di Fuentes hanno in bacheca, mi sembra alquanto azzardato.
Nemmeno Simoni ha potuto usufruire di alcuna apertura, e questo dovrebbe farlo riflettere su quanto Basso gli sia "nemico". Ma è indubbio che il modo di porsi stesso di Basso sia in totale antitesi con quello di Simoni, ed è proprio questa viscerale diversità che non poteva che sfociare prima o poi in una netta contrapposizione.
L'intervista della mattina seguente all'arrivo dellì'Aprica per me rimane una delle pagine di contorno più divertenti in assoluto della intera storia del ciclismo, e di questo il merito principale va a Gilberto. In seconda battuta, e in maniera totalmente involontaria, alla De Stefano.
Personalmente, ho quasi sempre fatto il tifo per Simoni, tranne in quelle rarissime occasioni in cui c'era Pantani di mezzo.
Per il resto, per me a Basso mancano tre GT, se ci fosse stata una forma sufficiente di giustizia nel ciclismo di quel decennio: a Simoni credo di no, andava troppo piano a crono.
Per quanto mi riguarda, se ti trovano positivo (o equivalenti) c'è il 99% di probabilità che hai rubato tutto quello che hai vinto dal primo giorno della tua carriera a quello della positività, se poi 15 giorni prima dello stop sembravi Merckx col motorino quel 99% sale ancora di più. I dubbi al massimo ce l'ho sulla presunta ingiustizia subita dagli sconfitti, perché, Bufalo a parte, le certezze non ci sono su nessuno. Le ingiustizie dell'OP sono evidenti, ma a subirle sono stati i tifosi e il mondo del ciclismo, non i colpevoli



Avatar utente
eliacodogno
Messaggi: 6299
Iscritto il: venerdì 24 dicembre 2010, 1:27
Località: Susa (TO)

Re: Gilberto Simoni

Messaggio da leggere da eliacodogno » giovedì 30 aprile 2020, 9:03

Beppugrillo ha scritto:
giovedì 30 aprile 2020, 7:43
Per quanto mi riguarda, se ti trovano positivo (o equivalenti) c'è il 99% di probabilità che hai rubato tutto quello che hai vinto dal primo giorno della tua carriera a quello della positività, se poi 15 giorni prima dello stop sembravi Merckx col motorino quel 99% sale ancora di più. I dubbi al massimo ce l'ho sulla presunta ingiustizia subita dagli sconfitti, perché, Bufalo a parte, le certezze non ci sono su nessuno. Le ingiustizie dell'OP sono evidenti, ma a subirle sono stati i tifosi e il mondo del ciclismo, non i colpevoli
Non funziona così secondo me.
I bivi ci sono nelle carriere di tutti, lo conferma gente che tanto per il doping (o meglio l'antidoping) ha perso tutto e non credo abbia interesse a mentire.
Non è che scegli a priori se doparti in base a quanto sei onesto

Comunque non c'è dubbio che Basso s'è fatto (per ragioni diverse e anche casuali) un periodo di stop dalle corse che contano incredibilmente lungo.


Se il tuo modo di lavorare è questo qui, compragli un casco a Sgarbozza e fallo fare a lui il Giro, perché io non lo faccio più (P.S.)

'Idea del Forum' per me non vuol dire assolutamente niente. (H.F.)

nikybo85
Messaggi: 3312
Iscritto il: mercoledì 23 agosto 2017, 0:06

Re: Gilberto Simoni

Messaggio da leggere da nikybo85 » giovedì 30 aprile 2020, 9:17

herbie ha scritto:
giovedì 30 aprile 2020, 2:02
nikybo85 ha scritto:
mercoledì 29 aprile 2020, 20:54
Beppugrillo ha scritto:
mercoledì 29 aprile 2020, 12:09
.... A Bergamo evitò le interviste facendo capire di essere incazzato con le moto (per me aveva ragione) e così per me va benissimo, è normale
Non ricordo questa di Bergamo ma mi hai fatto comunque venire in mente Lanfranchi :diavoletto: :diavoletto: :diavoletto:
Dire che Basso sia stato "fortunato" a tenersi il Giro 2006 , quando gli mancherebbero un paio di Tour che altri frequentatori di Fuentes hanno in bacheca, mi sembra alquanto azzardato.
Nemmeno Simoni ha potuto usufruire di alcuna apertura, e questo dovrebbe farlo riflettere su quanto Basso gli sia "nemico". Ma è indubbio che il modo di porsi stesso di Basso sia in totale antitesi con quello di Simoni, ed è proprio questa viscerale diversità che non poteva che sfociare prima o poi in una netta contrapposizione.
L'intervista della mattina seguente all'arrivo dellì'Aprica per me rimane una delle pagine di contorno più divertenti in assoluto della intera storia del ciclismo, e di questo il merito principale va a Gilberto. In seconda battuta, e in maniera totalmente involontaria, alla De Stefano.
Personalmente, ho quasi sempre fatto il tifo per Simoni, tranne in quelle rarissime occasioni in cui c'era Pantani di mezzo.
Per il resto, per me a Basso mancano tre GT, se ci fosse stata una forma sufficiente di giustizia nel ciclismo di quel decennio: a Simoni credo di no, andava troppo piano a crono.
Ciao Herbie non so se hai sbagliato il quote, non avevo argomentato niente aldilà della battuta. Ovviamente lo dico solo nel caso tu dovessi parlare con altri utenti che non hanno ricevuto il quote, non certo perché mi dia fastidio.... comunque sono anche d'accordo sulla tua posizione tra l'altro su questo post.



Avatar utente
GregLemond
Messaggi: 1939
Iscritto il: sabato 6 settembre 2014, 20:00

Re: Gilberto Simoni

Messaggio da leggere da GregLemond » giovedì 30 aprile 2020, 10:38

Beppugrillo ha scritto:
giovedì 30 aprile 2020, 7:43
herbie ha scritto:
giovedì 30 aprile 2020, 2:02
nikybo85 ha scritto:
mercoledì 29 aprile 2020, 20:54


Non ricordo questa di Bergamo ma mi hai fatto comunque venire in mente Lanfranchi :diavoletto: :diavoletto: :diavoletto:
Dire che Basso sia stato "fortunato" a tenersi il Giro 2006 , quando gli mancherebbero un paio di Tour che altri frequentatori di Fuentes hanno in bacheca, mi sembra alquanto azzardato.
Nemmeno Simoni ha potuto usufruire di alcuna apertura, e questo dovrebbe farlo riflettere su quanto Basso gli sia "nemico". Ma è indubbio che il modo di porsi stesso di Basso sia in totale antitesi con quello di Simoni, ed è proprio questa viscerale diversità che non poteva che sfociare prima o poi in una netta contrapposizione.
L'intervista della mattina seguente all'arrivo dellì'Aprica per me rimane una delle pagine di contorno più divertenti in assoluto della intera storia del ciclismo, e di questo il merito principale va a Gilberto. In seconda battuta, e in maniera totalmente involontaria, alla De Stefano.
Personalmente, ho quasi sempre fatto il tifo per Simoni, tranne in quelle rarissime occasioni in cui c'era Pantani di mezzo.
Per il resto, per me a Basso mancano tre GT, se ci fosse stata una forma sufficiente di giustizia nel ciclismo di quel decennio: a Simoni credo di no, andava troppo piano a crono.
Per quanto mi riguarda, se ti trovano positivo (o equivalenti) c'è il 99% di probabilità che hai rubato tutto quello che hai vinto dal primo giorno della tua carriera a quello della positività, se poi 15 giorni prima dello stop sembravi Merckx col motorino quel 99% sale ancora di più. I dubbi al massimo ce l'ho sulla presunta ingiustizia subita dagli sconfitti, perché, Bufalo a parte, le certezze non ci sono su nessuno. Le ingiustizie dell'OP sono evidenti, ma a subirle sono stati i tifosi e il mondo del ciclismo, non i colpevoli
Hai ragione in pieno, ma quello che voglio dire... è che l OP ha fatto dei danni a Basso che ad altri non ha fatto



Avatar utente
Beppugrillo
Messaggi: 1635
Iscritto il: martedì 4 settembre 2018, 6:41

Re: Gilberto Simoni

Messaggio da leggere da Beppugrillo » giovedì 30 aprile 2020, 10:49

eliacodogno ha scritto:
giovedì 30 aprile 2020, 9:03
Non funziona così secondo me.
I bivi ci sono nelle carriere di tutti, lo conferma gente che tanto per il doping (o meglio l'antidoping) ha perso tutto e non credo abbia interesse a mentire.
Non è che scegli a priori se doparti in base a quanto sei onesto

Comunque non c'è dubbio che Basso s'è fatto (per ragioni diverse e anche casuali) un periodo di stop dalle corse che contano incredibilmente lungo.
Beh l'interesse a mentire secondo me c'è sempre, aver perso tutto non significa aver dovuto restituire i premi eventualmente rubati. Se confessi che hai vinto 100 gare dopandoti il rischio di trovarti 100 cause dagli organizzatori e altre 100 dai secondi classificati c'è sempre. Comunque sì, sono d'accordo che in alcuni casi il doping arriva in seguito a eventi particolari oppure è un'ultima carta per farsi dare altri 2-3 anni di stipendio, quel 99% probabilmente è da abbassare. Per quel periodo però mi tengo il mio 99%.



herbie
Messaggi: 4945
Iscritto il: sabato 26 febbraio 2011, 17:19

Re: Gilberto Simoni

Messaggio da leggere da herbie » giovedì 30 aprile 2020, 13:21

nikybo85 ha scritto:
giovedì 30 aprile 2020, 9:17


Ciao Herbie non so se hai sbagliato il quote, non avevo argomentato niente aldilà della battuta. Ovviamente lo dico solo nel caso tu dovessi parlare con altri utenti che non hanno ricevuto il quote, non certo perché mi dia fastidio.... comunque sono anche d'accordo sulla tua posizione tra l'altro su questo post.
sì, ho proprio sbagliato il quote! :(



Avatar utente
Belluschi M.
Messaggi: 2691
Iscritto il: mercoledì 24 agosto 2011, 17:47
Località: Cesano Boscone (MI)

Re: Gilberto Simoni

Messaggio da leggere da Belluschi M. » giovedì 30 aprile 2020, 15:26

eliacodogno ha scritto:
giovedì 30 aprile 2020, 9:03
Beppugrillo ha scritto:
giovedì 30 aprile 2020, 7:43
Per quanto mi riguarda, se ti trovano positivo (o equivalenti) c'è il 99% di probabilità che hai rubato tutto quello che hai vinto dal primo giorno della tua carriera a quello della positività, se poi 15 giorni prima dello stop sembravi Merckx col motorino quel 99% sale ancora di più. I dubbi al massimo ce l'ho sulla presunta ingiustizia subita dagli sconfitti, perché, Bufalo a parte, le certezze non ci sono su nessuno. Le ingiustizie dell'OP sono evidenti, ma a subirle sono stati i tifosi e il mondo del ciclismo, non i colpevoli
Non funziona così secondo me.
I bivi ci sono nelle carriere di tutti, lo conferma gente che tanto per il doping (o meglio l'antidoping) ha perso tutto e non credo abbia interesse a mentire.
Non è che scegli a priori se doparti in base a quanto sei onesto

Comunque non c'è dubbio che Basso s'è fatto (per ragioni diverse e anche casuali) un periodo di stop dalle corse che contano incredibilmente lungo.
Incredibile lungo no. Si è fatto due anni di squalifica come qualunque positivo. Era dentro fino al collo nell'OP, direi che ci sta.
Chiaro, sono capitati nel suo momento migliore, a cui c'era arrivato comunque in sinergia con ciò che gli causò lo stop. Non si trattó di un gatto che attraversò la strada.


I veri campioni erano quelli che dicevano no [Winter]

Froome è il bersaglio preferito di chiunque provi un minimo di frustrazione nei confronti del ciclismo professionistico [Leonardo Piccione].

Avatar utente
GregLemond
Messaggi: 1939
Iscritto il: sabato 6 settembre 2014, 20:00

Re: Gilberto Simoni

Messaggio da leggere da GregLemond » giovedì 30 aprile 2020, 15:58

Belluschi M. ha scritto:
giovedì 30 aprile 2020, 15:26
eliacodogno ha scritto:
giovedì 30 aprile 2020, 9:03
Beppugrillo ha scritto:
giovedì 30 aprile 2020, 7:43
Per quanto mi riguarda, se ti trovano positivo (o equivalenti) c'è il 99% di probabilità che hai rubato tutto quello che hai vinto dal primo giorno della tua carriera a quello della positività, se poi 15 giorni prima dello stop sembravi Merckx col motorino quel 99% sale ancora di più. I dubbi al massimo ce l'ho sulla presunta ingiustizia subita dagli sconfitti, perché, Bufalo a parte, le certezze non ci sono su nessuno. Le ingiustizie dell'OP sono evidenti, ma a subirle sono stati i tifosi e il mondo del ciclismo, non i colpevoli
Non funziona così secondo me.
I bivi ci sono nelle carriere di tutti, lo conferma gente che tanto per il doping (o meglio l'antidoping) ha perso tutto e non credo abbia interesse a mentire.
Non è che scegli a priori se doparti in base a quanto sei onesto

Comunque non c'è dubbio che Basso s'è fatto (per ragioni diverse e anche casuali) un periodo di stop dalle corse che contano incredibilmente lungo.
Incredibile lungo no. Si è fatto due anni di squalifica come qualunque positivo. Era dentro fino al collo nell'OP, direi che ci sta.
Chiaro, sono capitati nel suo momento migliore, a cui c'era arrivato comunque in sinergia con ciò che gli causò lo stop. Non si trattó di un gatto che attraversò la strada.
Vero, ma se fosse stato squalificato nel 2010 come "qualcun altro" si parlerebbe di un altra storia



Avatar utente
eliacodogno
Messaggi: 6299
Iscritto il: venerdì 24 dicembre 2010, 1:27
Località: Susa (TO)

Re: Gilberto Simoni

Messaggio da leggere da eliacodogno » giovedì 30 aprile 2020, 16:09

Belluschi M. ha scritto:
giovedì 30 aprile 2020, 15:26
Incredibile lungo no. Si è fatto due anni di squalifica come qualunque positivo. Era dentro fino al collo nell'OP, direi che ci sta.
Chiaro, sono capitati nel suo momento migliore, a cui c'era arrivato comunque in sinergia con ciò che gli causò lo stop. Non si trattó di un gatto che attraversò la strada.
Incredibilmente lungo sì, perché il decorso della squalifica non è partito da quando ha smesso utilmente di correre, ovvero dal Tour 2006, ma 6 mesi o più dopo. D'altra parte certo, avesse confessato il giorno dopo l'esclusione di Strasburgo sarebbe rientrato già nell'estate 2008 (se non prima, come altri che hanno avuto sconti di pena per la collaborazione).
Beppugrillo ha scritto:
giovedì 30 aprile 2020, 10:49
Beh l'interesse a mentire secondo me c'è sempre, aver perso tutto non significa aver dovuto restituire i premi eventualmente rubati. Se confessi che hai vinto 100 gare dopandoti il rischio di trovarti 100 cause dagli organizzatori e altre 100 dai secondi classificati c'è sempre. Comunque sì, sono d'accordo che in alcuni casi il doping arriva in seguito a eventi particolari oppure è un'ultima carta per farsi dare altri 2-3 anni di stipendio, quel 99% probabilmente è da abbassare. Per quel periodo però mi tengo il mio 99%.
Io credo proprio al bivio che racconta Tyler Hamilton... ai 1000 giorni che fai prendendo nulla e faticando da bestia per finire le corse (e non c'è nessun premio di mezzo, quindi le cose stanno così...). Se poi prepararti in un certo modo di dà quel vantaggio, da finire le corse a stento a stare davanti, per chi non se la sente di prepararsi non ci sono speranze (ergo, chi sta davanti... mi dispiace, ma io credo che certe cose diano un reale e tangibile vantaggio, e di superuomini non ce ne sono ancora)
Poi ovvio c'è chi non se la sente e fa altro, ma credo altresì che la rinuncia alla carriera professionistica non abbia ricadute identiche su tutti. Il rampollo di buona famiglia sa che si iscriverà in un college prestigioso e avrà una vita splendida comunque, chi nasce a vicolo corto vede nel professionismo ad ogni costo l'unica possibilità di non friggere a vita patatine al McDonald's.

Il discorso sui premi e sulle cause dei secondi classificati o degli organizzatori non mi pare poi confermato dai casi di positività / confessione postuma. Anche perché logicamente quando beccano il primo mi pare impossibile che costui l'abbia fatta in barba a un gruppo di verginelle.


Se il tuo modo di lavorare è questo qui, compragli un casco a Sgarbozza e fallo fare a lui il Giro, perché io non lo faccio più (P.S.)

'Idea del Forum' per me non vuol dire assolutamente niente. (H.F.)

Avatar utente
Belluschi M.
Messaggi: 2691
Iscritto il: mercoledì 24 agosto 2011, 17:47
Località: Cesano Boscone (MI)

Re: Gilberto Simoni

Messaggio da leggere da Belluschi M. » giovedì 30 aprile 2020, 16:28

GregLemond ha scritto:
giovedì 30 aprile 2020, 15:58
Belluschi M. ha scritto:
giovedì 30 aprile 2020, 15:26
eliacodogno ha scritto:
giovedì 30 aprile 2020, 9:03


Non funziona così secondo me.
I bivi ci sono nelle carriere di tutti, lo conferma gente che tanto per il doping (o meglio l'antidoping) ha perso tutto e non credo abbia interesse a mentire.
Non è che scegli a priori se doparti in base a quanto sei onesto

Comunque non c'è dubbio che Basso s'è fatto (per ragioni diverse e anche casuali) un periodo di stop dalle corse che contano incredibilmente lungo.
Incredibile lungo no. Si è fatto due anni di squalifica come qualunque positivo. Era dentro fino al collo nell'OP, direi che ci sta.
Chiaro, sono capitati nel suo momento migliore, a cui c'era arrivato comunque in sinergia con ciò che gli causò lo stop. Non si trattó di un gatto che attraversò la strada.
Vero, ma se fosse stato squalificato nel 2010 come "qualcun altro" si parlerebbe di un altra storia
Un altro flusso di eventi, senz'altro.
Ma senza Fuentes e con la spada di Damocle della squalifica non è detto che sarebbe stato allo stesso modo performante, anzi. Già solo al Tour 2006 doveva vedersela comunque con Ullrich, che mi pare fosse in crescita.

Anche Valverde alla fine della fiera non è che abbia avuto tutto sto guadagno a posticipare la squalifica. Ha potuto vincere varie corse prima, ma allo stesso tempo ne ha perse altre nel periodo 2010-2011


I veri campioni erano quelli che dicevano no [Winter]

Froome è il bersaglio preferito di chiunque provi un minimo di frustrazione nei confronti del ciclismo professionistico [Leonardo Piccione].

Avatar utente
GregLemond
Messaggi: 1939
Iscritto il: sabato 6 settembre 2014, 20:00

Re: Gilberto Simoni

Messaggio da leggere da GregLemond » giovedì 30 aprile 2020, 16:31

Belluschi M. ha scritto:
giovedì 30 aprile 2020, 16:28
GregLemond ha scritto:
giovedì 30 aprile 2020, 15:58
Belluschi M. ha scritto:
giovedì 30 aprile 2020, 15:26

Incredibile lungo no. Si è fatto due anni di squalifica come qualunque positivo. Era dentro fino al collo nell'OP, direi che ci sta.
Chiaro, sono capitati nel suo momento migliore, a cui c'era arrivato comunque in sinergia con ciò che gli causò lo stop. Non si trattó di un gatto che attraversò la strada.
Vero, ma se fosse stato squalificato nel 2010 come "qualcun altro" si parlerebbe di un altra storia
Un altro flusso di eventi, senz'altro.
Ma senza Fuentes e con la spada di Damocle della squalifica non è detto che sarebbe stato allo stesso modo performante, anzi. Già solo al Tour 2006 doveva vedersela comunque con Ullrich, che mi pare fosse in crescita.

Anche Valverde alla fine della fiera non è che abbia avuto tutto sto guadagno a posticipare la squalifica. Ha potuto vincere varie corse prima, ma allo stesso tempo ne ha perse altre nel periodo 2010-2011
Premetto: per me Spagna = DDR

Detto questo, facciamo correre basso nel 2006 e 2007... adesso si parlerebbe di un altro ciclista.
E di un altro ciclismo.

Basso nel 2006 era al super top... non è sovrapponibile con valverde...



Cthulhu
Messaggi: 576
Iscritto il: martedì 11 ottobre 2011, 21:36

Re: Gilberto Simoni

Messaggio da leggere da Cthulhu » giovedì 30 aprile 2020, 16:41

GregLemond ha scritto:
giovedì 30 aprile 2020, 16:31
Belluschi M. ha scritto:
giovedì 30 aprile 2020, 16:28
GregLemond ha scritto:
giovedì 30 aprile 2020, 15:58


Vero, ma se fosse stato squalificato nel 2010 come "qualcun altro" si parlerebbe di un altra storia
Un altro flusso di eventi, senz'altro.
Ma senza Fuentes e con la spada di Damocle della squalifica non è detto che sarebbe stato allo stesso modo performante, anzi. Già solo al Tour 2006 doveva vedersela comunque con Ullrich, che mi pare fosse in crescita.

Anche Valverde alla fine della fiera non è che abbia avuto tutto sto guadagno a posticipare la squalifica. Ha potuto vincere varie corse prima, ma allo stesso tempo ne ha perse altre nel periodo 2010-2011
Premetto: per me Spagna = DDR

Detto questo, facciamo correre basso nel 2006 e 2007... adesso si parlerebbe di un altro ciclista.
E di un altro ciclismo.

Basso nel 2006 era al super top... non è sovrapponibile con valverde...
Spagna =DDR=Italia.
Non facciamo le verginelle, che sono venuti tutti a imparare da noi come dopare e doparsi, vedi Armstrong e Fuentes, ad esempio.



Avatar utente
eliacodogno
Messaggi: 6299
Iscritto il: venerdì 24 dicembre 2010, 1:27
Località: Susa (TO)

Re: Gilberto Simoni

Messaggio da leggere da eliacodogno » giovedì 30 aprile 2020, 16:43

Belluschi M. ha scritto:
giovedì 30 aprile 2020, 16:28
Un altro flusso di eventi, senz'altro.
Ma senza Fuentes e con la spada di Damocle della squalifica non è detto che sarebbe stato allo stesso modo performante, anzi. Già solo al Tour 2006 doveva vedersela comunque con Ullrich, che mi pare fosse in crescita.

Anche Valverde alla fine della fiera non è che abbia avuto tutto sto guadagno a posticipare la squalifica. Ha potuto vincere varie corse prima, ma allo stesso tempo ne ha perse altre nel periodo 2010-2011
Be' poi c'è la categoria dai contorni non definiti (ma sappiamo per certo che esiste) di quelli che hanno schivato la tempesta.
Di qui la mia scarsa propensione a bastonare Basso e company.
Tra l'altro anche ai tempi di Birillo il dominio messo in campo non era da tutti fra coloro che frequentavano lo studio di Ufe.

In quanto a Valverde penso che avesse perso il 2008 avremmo perso alcune delle performance più notevoli di tutto il suo percorso (sprint di Plumelec al Tour sopra a tutto). Magari poi avrebbe realizzato altrettanto nel periodo della squalifica


Se il tuo modo di lavorare è questo qui, compragli un casco a Sgarbozza e fallo fare a lui il Giro, perché io non lo faccio più (P.S.)

'Idea del Forum' per me non vuol dire assolutamente niente. (H.F.)

Avatar utente
Belluschi M.
Messaggi: 2691
Iscritto il: mercoledì 24 agosto 2011, 17:47
Località: Cesano Boscone (MI)

Re: Gilberto Simoni

Messaggio da leggere da Belluschi M. » giovedì 30 aprile 2020, 16:52

GregLemond ha scritto:
giovedì 30 aprile 2020, 16:31
Belluschi M. ha scritto:
giovedì 30 aprile 2020, 16:28
GregLemond ha scritto:
giovedì 30 aprile 2020, 15:58


Vero, ma se fosse stato squalificato nel 2010 come "qualcun altro" si parlerebbe di un altra storia
Un altro flusso di eventi, senz'altro.
Ma senza Fuentes e con la spada di Damocle della squalifica non è detto che sarebbe stato allo stesso modo performante, anzi. Già solo al Tour 2006 doveva vedersela comunque con Ullrich, che mi pare fosse in crescita.

Anche Valverde alla fine della fiera non è che abbia avuto tutto sto guadagno a posticipare la squalifica. Ha potuto vincere varie corse prima, ma allo stesso tempo ne ha perse altre nel periodo 2010-2011
Premetto: per me Spagna = DDR

Detto questo, facciamo correre basso nel 2006 e 2007... adesso si parlerebbe di un altro ciclista.
E di un altro ciclismo.

Basso nel 2006 era al super top... non è sovrapponibile con valverde...
Come ho scritto sopra, senza Fuentes anche lui si sarebbe dovuto 'riorganizzare'.
Inutile nascondersi, il marginal gain non era indifferente. Il Bufalo Gutierrez che batté nettamente due ottimi corridori come Simoni e Cunego per me è il test ideale per farsi un'idea di come si muovevano gli equilibri.
Quindi a mio avviso nel 2006-2007-2008 Basso poteva anche vincere varie corse, ma di certo senza la supremazia di quel giro, nonché la gamba dei Tour in cui fece podio.
Presto o tardi comunque una squalifica l'avrebbe scontata anche lui.
Io credo che non gli manchi poi così tanto tra piazzamenti e vittorie.


I veri campioni erano quelli che dicevano no [Winter]

Froome è il bersaglio preferito di chiunque provi un minimo di frustrazione nei confronti del ciclismo professionistico [Leonardo Piccione].

Avatar utente
GregLemond
Messaggi: 1939
Iscritto il: sabato 6 settembre 2014, 20:00

Re: Gilberto Simoni

Messaggio da leggere da GregLemond » giovedì 30 aprile 2020, 20:30

Cthulhu ha scritto:
giovedì 30 aprile 2020, 16:41
GregLemond ha scritto:
giovedì 30 aprile 2020, 16:31
Belluschi M. ha scritto:
giovedì 30 aprile 2020, 16:28


Un altro flusso di eventi, senz'altro.
Ma senza Fuentes e con la spada di Damocle della squalifica non è detto che sarebbe stato allo stesso modo performante, anzi. Già solo al Tour 2006 doveva vedersela comunque con Ullrich, che mi pare fosse in crescita.

Anche Valverde alla fine della fiera non è che abbia avuto tutto sto guadagno a posticipare la squalifica. Ha potuto vincere varie corse prima, ma allo stesso tempo ne ha perse altre nel periodo 2010-2011
Premetto: per me Spagna = DDR

Detto questo, facciamo correre basso nel 2006 e 2007... adesso si parlerebbe di un altro ciclista.
E di un altro ciclismo.

Basso nel 2006 era al super top... non è sovrapponibile con valverde...
Spagna =DDR=Italia.
Non facciamo le verginelle, che sono venuti tutti a imparare da noi come dopare e doparsi, vedi Armstrong e Fuentes, ad esempio.
Il mio è un discorso piu ampio.
Poi mi fermo qui, non è il posto.
Scusa Admin.



Rispondi