ma ha senso analizzare un campione 3 anni dopo?

Per discutere, analizzare, approfondire tutto quello che riguarda il tema più dibattuto del ciclismo

ma ha senso analizzare un campione 3 anni dopo?

UNREAD_POSTdi Luca90 » martedì 18 agosto 2015, 23:03

oggi è stata comunicata la positività all'epo di giampaolo caruso a un controllo fuori competizione del 2012... opinioni su quanto accaduto?
2015: Tre Valli Varesine
2016 (11°) : Giro d'Italia (primi5), Tour de France tappa 11, Tour de France tappa 14, Parigi-Tours
2017: Kuurne-Bruxelles-Kuurne, Tro Bro Leon
Luca90
 
Messaggi: 2347
Iscritto il: venerdì 31 luglio 2015, 21:21

Re: ma ha senso analizzare un campione 3 anni dopo?

UNREAD_POSTdi Fabruz » mercoledì 19 agosto 2015, 0:16

Luca90 ha scritto:oggi è stata comunicata la positività all'epo di giampaolo caruso a un controllo fuori competizione del 2012... opinioni su quanto accaduto?


Che pescare campioni del 2012 è ridicolo.
Che farsi di EPO ora come ora è da idioti totali (e lo era anche nel 2012).
Che ogni tanto devono beccare qualcuno, non possono permettersi che tutti siano puliti.
Fabruz
 
Messaggi: 1177
Iscritto il: martedì 28 gennaio 2014, 9:26

Re: ma ha senso analizzare un campione 3 anni dopo?

UNREAD_POSTdi Slegar » mercoledì 19 agosto 2015, 7:33

Hai presente la strategia della tensione? Una strizzata di palle ogni tanto giusto per far ricordare chi comanda veramente.

https://www.youtube.com/watch?v=eBP9QDSr0HI

Tutto l'antidoping è una gran comparsata, buona per creare potere, visto che in molti casi dopatori e controllori sono gli stessi. Anche questa storia dei nuovi metodi di ricerca mi sembra una grande bufala e non mi si venga a dire che il doping è sempre un passo avanti all'antidoping: il GW501516, farmaco sperimentale, l'hanno subito rintracciato vista la sua oggettiva pericolosità così come hanno pizzicato Taborre con l'FG-4592, anch'esso farmaco in fase sperimentale.
Avatar utente
Slegar
 
Messaggi: 3573
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:49

Re: ma ha senso analizzare un campione 3 anni dopo?

UNREAD_POSTdi Winston Smith » mercoledì 19 agosto 2015, 8:38

E' tutta una commedia.
"La Polonia sta tirando per Boonen"Beppe Conti, Ponferrada 2014
-.-.-
I miei miti: Ocaña, Monseré, Fuente, Maertens, Bugno, Bettini, Evans, Rebellin
Avatar utente
Winston Smith
 
Messaggi: 1023
Iscritto il: lunedì 4 agosto 2014, 19:36
Località: Emilia paranoica

Re: ma ha senso analizzare un campione 3 anni dopo?

UNREAD_POSTdi beppesaronni » mercoledì 19 agosto 2015, 8:40

Che se uno non si dopa, non viene beccato ne oggi, ne tre anni fa e nemmeno fra tre anni.
Per me ben vengano queste cose
beppesaronni
 
Messaggi: 1473
Iscritto il: mercoledì 9 maggio 2012, 16:25

Re: ma ha senso analizzare un campione 3 anni dopo?

UNREAD_POSTdi Lolloso » mercoledì 19 agosto 2015, 9:05

ha senso se vengono controllati tutti altrimenti è una farsa
Lolloso
 
Messaggi: 1026
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 14:43

Re: ma ha senso analizzare un campione 3 anni dopo?

UNREAD_POSTdi Winter » mercoledì 19 agosto 2015, 9:59

Slegar ha scritto:Hai presente la strategia della tensione? Una strizzata di palle ogni tanto giusto per far ricordare chi comanda veramente.

https://www.youtube.com/watch?v=eBP9QDSr0HI

Tutto l'antidoping è una gran comparsata, buona per creare potere, visto che in molti casi dopatori e controllori sono gli stessi. Anche questa storia dei nuovi metodi di ricerca mi sembra una grande bufala e non mi si venga a dire che il doping è sempre un passo avanti all'antidoping: il GW501516, farmaco sperimentale, l'hanno subito rintracciato vista la sua oggettiva pericolosità così come hanno pizzicato Taborre con l'FG-4592, anch'esso farmaco in fase sperimentale.

Concordo
Winter
 
Messaggi: 9985
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Re: ma ha senso analizzare un campione 3 anni dopo?

UNREAD_POSTdi Visconte85 » mercoledì 19 agosto 2015, 10:12

Slegar ha scritto:Hai presente la strategia della tensione? Una strizzata di palle ogni tanto giusto per far ricordare chi comanda veramente.

https://www.youtube.com/watch?v=eBP9QDSr0HI

Tutto l'antidoping è una gran comparsata, buona per creare potere, visto che in molti casi dopatori e controllori sono gli stessi. Anche questa storia dei nuovi metodi di ricerca mi sembra una grande bufala e non mi si venga a dire che il doping è sempre un passo avanti all'antidoping: il GW501516, farmaco sperimentale, l'hanno subito rintracciato vista la sua oggettiva pericolosità così come hanno pizzicato Taborre con l'FG-4592, anch'esso farmaco in fase sperimentale.


quoto

La domanda che mi pongo molto spesso è:

Perché si accaniscono contro determinati team? il Team di Scinto, l'Androni, la Katusha !?!
2014: Giro tappa 21,Tour tappa 10,Vuelta tappa 3, ARGENTO a Ponferrada
2015: Giro anch'io 3°,Tour tappe 10 e 20, GpMontreal
2016: GandWevelgen, Svizzera, Tour tappa 13, Vuelta tappa 10
Campione nazionale olandese di ciclocross in carica
Avatar utente
Visconte85
 
Messaggi: 8780
Iscritto il: giovedì 8 maggio 2014, 13:27

Re: ma ha senso analizzare un campione 3 anni dopo?

UNREAD_POSTdi Gian_Gi » mercoledì 19 agosto 2015, 10:20

Visconte85 ha scritto:
Slegar ha scritto:Hai presente la strategia della tensione? Una strizzata di palle ogni tanto giusto per far ricordare chi comanda veramente.

https://www.youtube.com/watch?v=eBP9QDSr0HI

Tutto l'antidoping è una gran comparsata, buona per creare potere, visto che in molti casi dopatori e controllori sono gli stessi. Anche questa storia dei nuovi metodi di ricerca mi sembra una grande bufala e non mi si venga a dire che il doping è sempre un passo avanti all'antidoping: il GW501516, farmaco sperimentale, l'hanno subito rintracciato vista la sua oggettiva pericolosità così come hanno pizzicato Taborre con l'FG-4592, anch'esso farmaco in fase sperimentale.


quoto

La domanda che mi pongo molto spesso è:

Perché si accaniscono contro determinati team? il Team di Scinto, l'Androni, la Katusha !?!


Secondo me perchè hanno meno "protezioni" (i cosiddetti Santi in Paradiso)...
Gian_Gi
 
Messaggi: 317
Iscritto il: venerdì 12 luglio 2013, 1:14

Re: ma ha senso analizzare un campione 3 anni dopo?

UNREAD_POSTdi Visconte85 » mercoledì 19 agosto 2015, 10:24

i team Professional si, ma la Katusha è un team potente quasi come l'Astana dove l'anno scorso...

Poi perché nel team russo hanno pizzicato solo gli italiani? :boh:
2014: Giro tappa 21,Tour tappa 10,Vuelta tappa 3, ARGENTO a Ponferrada
2015: Giro anch'io 3°,Tour tappe 10 e 20, GpMontreal
2016: GandWevelgen, Svizzera, Tour tappa 13, Vuelta tappa 10
Campione nazionale olandese di ciclocross in carica
Avatar utente
Visconte85
 
Messaggi: 8780
Iscritto il: giovedì 8 maggio 2014, 13:27

Re: ma ha senso analizzare un campione 3 anni dopo?

UNREAD_POSTdi el_condor » mercoledì 19 agosto 2015, 12:08

Visconte85 ha scritto:i team Professional si, ma la Katusha è un team potente quasi come l'Astana dove l'anno scorso...

Poi perché nel team russo hanno pizzicato solo gli italiani? :boh:

domanda da ignorante assoluto in tema doping: immagino Caruso sia stato controllato varie volte, come si spiega che sia stato beccato solo una ?
ciao

el_condor
el_condor
 
Messaggi: 2278
Iscritto il: venerdì 13 settembre 2013, 23:10

Re: ma ha senso analizzare un campione 3 anni dopo?

UNREAD_POSTdi dietzen » mercoledì 19 agosto 2015, 12:45

ma soprattutto: quanti se la staranno facendo sotto in questo momento all'idea dei retrotest? :sasso:
Di Rocco non è il mio presidente
dietzen
 
Messaggi: 4969
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 21:19

Re: ma ha senso analizzare un campione 3 anni dopo?

UNREAD_POSTdi nemecsek » mercoledì 19 agosto 2015, 14:04

beppesaronni ha scritto:Che se uno non si dopa, non viene beccato ne oggi, ne tre anni fa e nemmeno fra tre anni.
Per me ben vengano queste cose


:clap:
A volte il dito indica proprio il dito, non la luna.
Dopo Campiglio qualcuno ha abbandonato il ciclismo, qualcun altro ha ripreso a seguirlo.
I veri campioni erano quelli che dicevano no [Winter]
Avatar utente
nemecsek
 
Messaggi: 931
Iscritto il: mercoledì 9 febbraio 2011, 1:14

Re: ma ha senso analizzare un campione 3 anni dopo?

UNREAD_POSTdi nemecsek » mercoledì 19 agosto 2015, 14:12


"As per the World Anti-Doping Code and the UCI ADR, the UCI has established a Storage and Reanalysis Strategy. The strategy, implemented by the Cycling Anti-Doping Foundation (CADF), provides that samples from the leaders of the Grand Tours, UCI World Championships and general rankings of all cycling disciplines will be stored for potential retesting. Other samples, based on risk assessment carried out by the CADF, laboratory recommendations, Athlete Biological Passport data, new detection methods and scientific developments, will also be retained for retesting. The standard time of storage and further reanalysis under this strategy is up to 10 years."


...me pare stiano nel diritto loro, me pare....
A volte il dito indica proprio il dito, non la luna.
Dopo Campiglio qualcuno ha abbandonato il ciclismo, qualcun altro ha ripreso a seguirlo.
I veri campioni erano quelli che dicevano no [Winter]
Avatar utente
nemecsek
 
Messaggi: 931
Iscritto il: mercoledì 9 febbraio 2011, 1:14

Re: ma ha senso analizzare un campione 3 anni dopo?

UNREAD_POSTdi nemecsek » mercoledì 19 agosto 2015, 14:25

dietzen ha scritto:ma soprattutto: quanti se la staranno facendo sotto in questo momento all'idea dei retrotest? :sasso:


“Samples collected at the Tour* will be tested for FG-4592, and it will also be done in upcoming races,” UCI spokesman Sébastien Gillot said.

*...parlamo de 2015, che nel 1998, a sentì Auro, manco pijavano l aspirina..... :diavoletto:
A volte il dito indica proprio il dito, non la luna.
Dopo Campiglio qualcuno ha abbandonato il ciclismo, qualcun altro ha ripreso a seguirlo.
I veri campioni erano quelli che dicevano no [Winter]
Avatar utente
nemecsek
 
Messaggi: 931
Iscritto il: mercoledì 9 febbraio 2011, 1:14

Re: ma ha senso analizzare un campione 3 anni dopo?

UNREAD_POSTdi KELLY1 » mercoledì 19 agosto 2015, 17:55

per me stanno facendo la politica del mettiamo il sale sulla coda a squadre dopo una o due stagioni brillanti cosi le calmiamo e diamo la possibilità ad altre di emergere maggiormente,poi spostiamo il tiro sulle altre . ruotando le vincenti tutti sono felici e contenti e il carrozzone continua a funzionare .
contenti quelli del doping , quelli dell'antidoping , le squadre che tutte vincono qualcosa di importante cosi anche i tifosi possono continuare a ciacolare con mega discussioni di ogni genere.
perchè hanno capito che le super squadre pigliatutto e sempre alla lunga rovinano l'ambiente.
KELLY1
 
Messaggi: 233
Iscritto il: martedì 28 dicembre 2010, 16:34

Re: ma ha senso analizzare un campione 3 anni dopo?

UNREAD_POSTdi Visconte85 » mercoledì 19 agosto 2015, 18:18

KELLY1 ha scritto:per me stanno facendo la politica del mettiamo il sale sulla coda a squadre dopo una o due stagioni brillanti cosi le calmiamo e diamo la possibilità ad altre di emergere maggiormente,poi spostiamo il tiro sulle altre . ruotando le vincenti tutti sono felici e contenti e il carrozzone continua a funzionare .
contenti quelli del doping , quelli dell'antidoping , le squadre che tutte vincono qualcosa di importante cosi anche i tifosi possono continuare a ciacolare con mega discussioni di ogni genere.
perchè hanno capito che le super squadre pigliatutto e sempre alla lunga rovinano l'ambiente.


Non sono d'accordo, penso più al contrario, indebolire o colpire chi da fastidio.

Se dobbiamo credere alla rotazione dovrebbe toccare alla Movistar fra poco, non ci credo proprio. Se guardiamo invece la squadra più vittoriosa degli ultimi anni, a parte un semisconosciuto Tiernan-Locke, dopo 3 Tour de France e tante altre corse vinte ne avrebbero beccati almeno una decina.
2014: Giro tappa 21,Tour tappa 10,Vuelta tappa 3, ARGENTO a Ponferrada
2015: Giro anch'io 3°,Tour tappe 10 e 20, GpMontreal
2016: GandWevelgen, Svizzera, Tour tappa 13, Vuelta tappa 10
Campione nazionale olandese di ciclocross in carica
Avatar utente
Visconte85
 
Messaggi: 8780
Iscritto il: giovedì 8 maggio 2014, 13:27

Re: ma ha senso analizzare un campione 3 anni dopo?

UNREAD_POSTdi cauz. » giovedì 20 agosto 2015, 1:04

come se non bastassero le implicazioni problematiche sulla vicenda di questo post-test su caruso, pare ce ne sia una in più ancora più grave.
[e dico pare perchè mi baso soltanto su fonti giornalistiche tutte da verificare].

a quanto sembra, il test è stato eseguito sul campione B, quello destinato alle controanalisi.
ciò comporta che caruso in questo caso non potrà chiedere le contronalisi, come sarebbe diritto di ogni atleta in seguito ad un esame antidoping.
"Il male trionfa sempre, perche' il bene e' stupido" [Lord Casco]
@cauz_ | bidonmagazine.org | hoilciclo.worpdress.com | confindustrial.noblogs.org
"il Centogiro - 99 storie (più una) dal Giro d'Italia" dal 4 maggio è in libreria... e al Giro!
Avatar utente
cauz.
 
Messaggi: 10633
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 12:53
Località: milano

Re: ma ha senso analizzare un campione 3 anni dopo?

UNREAD_POSTdi matteo.conz » giovedì 20 agosto 2015, 1:39

el_condor ha scritto:
Visconte85 ha scritto:i team Professional si, ma la Katusha è un team potente quasi come l'Astana dove l'anno scorso...

Poi perché nel team russo hanno pizzicato solo gli italiani? :boh:

domanda da ignorante assoluto in tema doping: immagino Caruso sia stato controllato varie volte, come si spiega che sia stato beccato solo una ?
ciao

el_condor

Microdosi endovena suppongo. Sul numero di test non so, se guardi al plotone come ad una comunità in cui quasi tutti tra atleti, DS e ispettori si conoscono da anni, puoi cambiare punto di vista ed entrare nel club dei complottisti...
Qui vige l'uguaglianza... Non conta un cazzo nessuno.
Svalorizzando gli altri non ti rendi superiore.
C'è sempre una soluzione semplice ad un problema complesso. Ed è quella sbagliata. A. Einstein
Avatar utente
matteo.conz
 
Messaggi: 5915
Iscritto il: sabato 19 maggio 2012, 14:12

Re: ma ha senso analizzare un campione 3 anni dopo?

UNREAD_POSTdi Slegar » giovedì 20 agosto 2015, 8:32

cauz. ha scritto:come se non bastassero le implicazioni problematiche sulla vicenda di questo post-test su caruso, pare ce ne sia una in più ancora più grave.
[e dico pare perchè mi baso soltanto su fonti giornalistiche tutte da verificare].

a quanto sembra, il test è stato eseguito sul campione B, quello destinato alle controanalisi.
ciò comporta che caruso in questo caso non potrà chiedere le contronalisi, come sarebbe diritto di ogni atleta in seguito ad un esame antidoping.

Però Caruso chiedendo le controanalisi, se non potrà ottenerle perché manca il campione, vedrà annullata la sua non negatività e potrà, teoricamente, rimettersi il numero sulla schiena. Se venisse confermata questa ipotesi con Caruso l'UCI avrebbe commesso un'enorme figura di palta ma solo in apparenza: è come aver reso pubblico il primo test nucleare a Los Alamos.
Poniamo che tra quindici giorni Caruso possa ritornare a gareggiare; sarà comunque quello che nel 2003 è stato fermato per nandrolone, che nel 2006 è stato comunque coinvolto nell'Operacion Puerto e nel 2012 è stato pizzicato non negativo (al positivo il passo è breve) all'EPO: un bel modo per stroncare una carriera. Ipotizziamo però che al posto di un caruso qualsiasi ci sia un pezzo grosso delle classiche o dei GT: indubbiamente l'impatto mediatico e la stroncatura sarebbero notevolmente superiori.
Diciamo pure che il livello "mafioso" di questi post-test è notevole.

Poi, mia opinione personale, sul fatto che vengano messe sotto la lente d'ingrandimento certe squadre e i ciclisti italiani è dovuto ad una lotta di potere che va oltre all'UCI e forse è il segno che qualche politico sportivo italiano di alto livello abbia sbagliato il cavallo su cui puntare.
Avatar utente
Slegar
 
Messaggi: 3573
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:49

Re: ma ha senso analizzare un campione 3 anni dopo?

UNREAD_POSTdi Subsonico » giovedì 20 agosto 2015, 11:41

cauz. ha scritto:come se non bastassero le implicazioni problematiche sulla vicenda di questo post-test su caruso, pare ce ne sia una in più ancora più grave.
[e dico pare perchè mi baso soltanto su fonti giornalistiche tutte da verificare].

a quanto sembra, il test è stato eseguito sul campione B, quello destinato alle controanalisi.
ciò comporta che caruso in questo caso non potrà chiedere le contronalisi, come sarebbe diritto di ogni atleta in seguito ad un esame antidoping.


la fonte è attendibile? Perchè sullo statement dell'UCI c'è scritto questo:

he Union Cycliste Internationale (UCI) announces that it has notified Italian rider Giampaolo Caruso of an Adverse Analytical Finding of Erythropoietin (EPO) in a sample collected during an out-of-competition test on 27 March 2012. The sample had been stored and was reanalysed in light of new scientific developments (*).

The rider has the right to request and attend the analysis of the B sample.

In accordance with UCI Anti-doping Rules (UCI ADR), the rider has been provisionally suspended until the adjudication of the affair.

At this stage of the procedure, the UCI will not comment any further.
VINCITORE DEL FANTATOUR 2016 SUL CAMPO: certe fantaclassifiche verranno riscritte...

"Stufano è un Peter Sagan che ha smesso di sognare (E.Vittone) "
Avatar utente
Subsonico
 
Messaggi: 5121
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:13

Re: ma ha senso analizzare un campione 3 anni dopo?

UNREAD_POSTdi cauz. » giovedì 20 agosto 2015, 12:22

Subsonico ha scritto:
la fonte è attendibile? Perchè sullo statement dell'UCI c'è scritto questo:

he Union Cycliste Internationale (UCI) announces that it has notified Italian rider Giampaolo Caruso of an Adverse Analytical Finding of Erythropoietin (EPO) in a sample collected during an out-of-competition test on 27 March 2012. The sample had been stored and was reanalysed in light of new scientific developments (*).

The rider has the right to request and attend the analysis of the B sample.

In accordance with UCI Anti-doping Rules (UCI ADR), the rider has been provisionally suspended until the adjudication of the affair.

At this stage of the procedure, the UCI will not comment any further.


che sia attendibile non lo so proprio, perchè non mi intendo affatto di medicina e dintorni.
ma il discorso partiva esattamente da quel punto, che veniva ritenuto non realistico per questo tipo di analisi.
mannaggia a me che non ritrovo più l'articolo, ma vedo che l'argomento sta venendo fuori anche su altri forum.
stiamo a vedere come procede la vicenda, che resta triste forte a prescindere da questo dettaglio (che così dettaglio non è).
"Il male trionfa sempre, perche' il bene e' stupido" [Lord Casco]
@cauz_ | bidonmagazine.org | hoilciclo.worpdress.com | confindustrial.noblogs.org
"il Centogiro - 99 storie (più una) dal Giro d'Italia" dal 4 maggio è in libreria... e al Giro!
Avatar utente
cauz.
 
Messaggi: 10633
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 12:53
Località: milano

Re: ma ha senso analizzare un campione 3 anni dopo?

UNREAD_POSTdi Visconte85 » giovedì 20 agosto 2015, 13:31

Slegar ha scritto:Poi, mia opinione personale, sul fatto che vengano messe sotto la lente d'ingrandimento certe squadre e i ciclisti italiani è dovuto ad una lotta di potere che va oltre all'UCI e forse è il segno che qualche politico sportivo italiano di alto livello abbia sbagliato il cavallo su cui puntare.


Questo è il punto, con Caruso ciclista della Katusha non-negativo hanno preso due piccioni con una fava.
Italia, Russia e Kazakistan fanno parte dell'altro blocco, l'opposizione per intenderci.
2014: Giro tappa 21,Tour tappa 10,Vuelta tappa 3, ARGENTO a Ponferrada
2015: Giro anch'io 3°,Tour tappe 10 e 20, GpMontreal
2016: GandWevelgen, Svizzera, Tour tappa 13, Vuelta tappa 10
Campione nazionale olandese di ciclocross in carica
Avatar utente
Visconte85
 
Messaggi: 8780
Iscritto il: giovedì 8 maggio 2014, 13:27

Re: ma ha senso analizzare un campione 3 anni dopo?

UNREAD_POSTdi beppesaronni » giovedì 20 agosto 2015, 14:42

Vi fate delle strane storie
Solo io penso che l'abbiano preso perché era dopato?
beppesaronni
 
Messaggi: 1473
Iscritto il: mercoledì 9 maggio 2012, 16:25

Re: ma ha senso analizzare un campione 3 anni dopo?

UNREAD_POSTdi Luca90 » giovedì 20 agosto 2015, 15:24

beppesaronni ha scritto:Vi fate delle strane storie
Solo io penso che l'abbiano preso perché era dopato?

ma dimostrarlo adesso che senso ha? per di più era un controllo fuori competizione... poi si sa se sono stati analizzati altri campioni di altri corridori di quel periodo?
2015: Tre Valli Varesine
2016 (11°) : Giro d'Italia (primi5), Tour de France tappa 11, Tour de France tappa 14, Parigi-Tours
2017: Kuurne-Bruxelles-Kuurne, Tro Bro Leon
Luca90
 
Messaggi: 2347
Iscritto il: venerdì 31 luglio 2015, 21:21

Re: ma ha senso analizzare un campione 3 anni dopo?

UNREAD_POSTdi beppesaronni » giovedì 20 agosto 2015, 16:25

Luca90 ha scritto:
beppesaronni ha scritto:Vi fate delle strane storie
Solo io penso che l'abbiano preso perché era dopato?

ma dimostrarlo adesso che senso ha? per di più era un controllo fuori competizione... poi si sa se sono stati analizzati altri campioni di altri corridori di quel periodo?

Ma si dai, chiudiamo pure un occhio, vah.
Tra l'altro stiamo parlando di un corridore esempio di lealtà e sempre al di fuori di questo genere di "problemini".
Fosse per me, la prima volta che ti beccano: radiato dal ciclismo (o da qualunque altro sport) con cancellazione di qualunque piazzamento conquistato prima, durante e dopo la cura. Ovviamente con restituzione di tutti i premi vinti in carriera. Vedrai che te lo pulisco io il ciclismo.
In questo forum siamo ancora qui a lodare i di Luca e i Riccò ..... mi sembra veramente assurdo
beppesaronni
 
Messaggi: 1473
Iscritto il: mercoledì 9 maggio 2012, 16:25

Re: ma ha senso analizzare un campione 3 anni dopo?

UNREAD_POSTdi Belluschi M. » giovedì 20 agosto 2015, 16:39

Tornando al titolo del topic.
Sì, per me ha senso.

Trovo che l'analisi retroattiva dei campioni possa avere il potenziale per diventare uno strumento utile a disincentivare gli atleti a prendere sostanze che nel mentre non sono rintracciabili all'antidoping.
Perché chiunque inizierebbe a porsi 1000 domande prima di prendere una sostanza che nel giro magari di un paio d'anni potrebbe stroncargli la carriera.

Io la vedo così, senza tante pippe di complotti e giochi di potere
I veri campioni erano quelli che dicevano no [Winter]

Froome è il bersaglio preferito di chiunque provi un minimo di frustrazione nei confronti del ciclismo professionistico [Leonardo Piccione].
Avatar utente
Belluschi M.
 
Messaggi: 2577
Iscritto il: mercoledì 24 agosto 2011, 16:47
Località: Figino Serenza (CO)

Re: ma ha senso analizzare un campione 3 anni dopo?

UNREAD_POSTdi Winter » giovedì 20 agosto 2015, 17:36

su questo hai ragione
Il problema è la mancanza di certezza del risultato
La vicenda del Tour di Contador - Schleck (ma anche la Vuelta di Heras) fanno perdere di credibilità al ciclismo
In una competizione sportiva bisogna sapere il vincitore subito (o almeno nel giro di un mese , con l'antidoping)
Non tra cinque anni
Winter
 
Messaggi: 9985
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Re: ma ha senso analizzare un campione 3 anni dopo?

UNREAD_POSTdi Abruzzese » giovedì 20 agosto 2015, 18:12

Io dico che il giorno in cui non ci sarà più un anglosassone a comandare l'UCI vedremo magicamente sparire la santità anche da certi lidi dove si vede girare gente in smoking bianco, almeno ora.
"L'importante non è quello che trovi alla fine di una corsa. L'importante è ciò che provi mentre corri" (Giorgio Faletti in "Notte prima degli esami")

"qui c'è gente che è totalmente avulsa dalla realtà e nociva al forum"
Avatar utente
Abruzzese
 
Messaggi: 3524
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:24

Re: ma ha senso analizzare un campione 3 anni dopo?

UNREAD_POSTdi Luca90 » giovedì 20 agosto 2015, 19:24

Winter ha scritto:In una competizione sportiva bisogna sapere il vincitore subito (o almeno nel giro di un mese , con l'antidoping)
Non tra cinque anni

ecco questo riassume il mio pensiero...
2015: Tre Valli Varesine
2016 (11°) : Giro d'Italia (primi5), Tour de France tappa 11, Tour de France tappa 14, Parigi-Tours
2017: Kuurne-Bruxelles-Kuurne, Tro Bro Leon
Luca90
 
Messaggi: 2347
Iscritto il: venerdì 31 luglio 2015, 21:21

Re: ma ha senso analizzare un campione 3 anni dopo?

UNREAD_POSTdi Visconte85 » venerdì 21 agosto 2015, 0:47

beppesaronni ha scritto:Ma si dai, chiudiamo pure un occhio, vah.
Tra l'altro stiamo parlando di un corridore esempio di lealtà e sempre al di fuori di questo genere di "problemini".
Fosse per me, la prima volta che ti beccano: radiato dal ciclismo (o da qualunque altro sport) con cancellazione di qualunque piazzamento conquistato prima, durante e dopo la cura. Ovviamente con restituzione di tutti i premi vinti in carriera. Vedrai che te lo pulisco io il ciclismo.
In questo forum siamo ancora qui a lodare i di Luca e i Riccò ..... mi sembra veramente assurdo


beppesaronni ha scritto:Vi fate delle strane storie
Solo io penso che l'abbiano preso perché era dopato?


Non stiamo discutendo sull'onesta di Giampaolo Caruso, nessuno sta difendendo ciò.
Si discute sull'utilità di questi controlli retro-attivi dopo anni, così come dice bene Belluschi potremo avere tra una cinquina d'anni un ciclismo molto più pulito, ma c'è anche il rischio di avere tra cinque anni solo il ricordo del ciclismo.

Abruzzese ha scritto:Io dico che il giorno in cui non ci sarà più un anglosassone a comandare l'UCI vedremo magicamente sparire la santità anche da certi lidi dove si vede girare gente in smoking bianco, almeno ora.


Quotone.

Winter ha scritto:su questo hai ragione
Il problema è la mancanza di certezza del risultato
La vicenda del Tour di Contador - Schleck (ma anche la Vuelta di Heras) fanno perdere di credibilità al ciclismo
In una competizione sportiva bisogna sapere il vincitore subito (o almeno nel giro di un mese , con l'antidoping)
Non tra cinque anni


Giustissimo, il ciclismo ormai ha poca credibilità così si rischia di ammazzarlo del tutto.

Winter il problema(pippa mentale) che mi bolle in testa è che guardando la lista dei positivi degli ultimi anni mi verrebbe da dire che meno ti dopi e più vai forte! Possibile? :muro:

Infatti certamente Carretero si dopava solo ed esclusivamente per prendersi la maglia nera al Giro. Iglinsky pulito quando vinceva la Liegi, positivo l'anno scorso quando si staccava sulla prima collina. Etcetc...
2014: Giro tappa 21,Tour tappa 10,Vuelta tappa 3, ARGENTO a Ponferrada
2015: Giro anch'io 3°,Tour tappe 10 e 20, GpMontreal
2016: GandWevelgen, Svizzera, Tour tappa 13, Vuelta tappa 10
Campione nazionale olandese di ciclocross in carica
Avatar utente
Visconte85
 
Messaggi: 8780
Iscritto il: giovedì 8 maggio 2014, 13:27

Re: ma ha senso analizzare un campione 3 anni dopo?

UNREAD_POSTdi 34x27 » domenica 23 agosto 2015, 13:35

Ha senso; male non fare paura non avere.
34x27
 
Messaggi: 1877
Iscritto il: giovedì 16 dicembre 2010, 9:38
Località: in salita

Re: ma ha senso analizzare un campione 3 anni dopo?

UNREAD_POSTdi castelli » domenica 23 agosto 2015, 15:46

Belluschi M. ha scritto:Tornando al titolo del topic.
Sì, per me ha senso.

Trovo che l'analisi retroattiva dei campioni possa avere il potenziale per diventare uno strumento utile a disincentivare gli atleti a prendere sostanze che nel mentre non sono rintracciabili all'antidoping.
Perché chiunque inizierebbe a porsi 1000 domande prima di prendere una sostanza che nel giro magari di un paio d'anni potrebbe stroncargli la carriera.

Io la vedo così, senza tante pippe di complotti e giochi di potere

in realtà pare sia la quantità che faccia la differenza tra cosa è rintracciabile e cosa non lo è. probabilemente hanno zaccato caruso poiché (prima ipotesi) aveva valori ANCHE nel 2015 borderline ed è arrivato il millesimato dell'annata 2012, nel caso annata più epocale del 2015. (seconda ipotesi) l'obbiettivo era zaccare caruso per avvertire katusha che in primavera ha fatto il culo a todos. (terza ipotesi) dopo locke, gli iglinski, con caruso si lanciano avvertimenti ai big. ciò presuppone un antidoping quasi imparziale che sa mettere in modo oculato le mani nella marmellata per salvare capra e cavoli.
(quarta ipotesi) l'antidoping è imparziale e non ha i mezzi e combatte con il coltello tra i denti. io non credo a questa ipotesi che presuppone istituzioni terze. le istituzioni sono sempre il risultato di rapporti di forza. ciò non ha sempre valenza negativa: non è che ci sia sempre un patto tra criminali tipo molotov e l'altro crucco, ma diciamo che la valenza politica del patto fa premio sulla valenza etica. in che percentuale a favore della prima è tutto da discutere.
capziosamente pantaniano. faziosamente froomiano. froomiano post bastonata alla vuelta.
dichiarato clinicamente pazzo da quando dice di rivedere imerio tacchella in murdoch; boifava in brailsford e pantani in froome.
tifo froome anche col motorino.
castelli
 
Messaggi: 958
Iscritto il: venerdì 26 agosto 2011, 20:12

Re: ma ha senso analizzare un campione 3 anni dopo?

UNREAD_POSTdi Winter » domenica 23 agosto 2015, 16:04

Visconte85 ha scritto:Giustissimo, il ciclismo ormai ha poca credibilità così si rischia di ammazzarlo del tutto.

Winter il problema(pippa mentale) che mi bolle in testa è che guardando la lista dei positivi degli ultimi anni mi verrebbe da dire che meno ti dopi e più vai forte! Possibile? :muro:
...

Credo che i piu' forti abbiano dietro uno staff per stabilire i protocolli da utilizzare per doparsi
I piu' deboli devon farlo in maniera piu' artigianale (e con i controlli fuori competizione è facile sbagliarsi..)

Poi magari il controllo di un piccolo corridore viene fatto effettivamente a sorpresa..
mentre per altri.. l'aereo atterra a Tenerife con gli ispettori.. poi passano due giorni prima di arrivare al Teide.. (con l'informazione del loro arrivo ... gia' pubblicizzata da 48 ore..)
Winter
 
Messaggi: 9985
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Re: ma ha senso analizzare un campione 3 anni dopo?

UNREAD_POSTdi Visconte85 » domenica 23 agosto 2015, 21:31

Winter ha scritto:
Visconte85 ha scritto:Giustissimo, il ciclismo ormai ha poca credibilità così si rischia di ammazzarlo del tutto.

Winter il problema(pippa mentale) che mi bolle in testa è che guardando la lista dei positivi degli ultimi anni mi verrebbe da dire che meno ti dopi e più vai forte! Possibile? :muro:
...

Credo che i piu' forti abbiano dietro uno staff per stabilire i protocolli da utilizzare per doparsi
I piu' deboli devon farlo in maniera piu' artigianale (e con i controlli fuori competizione è facile sbagliarsi..)

Poi magari il controllo di un piccolo corridore viene fatto effettivamente a sorpresa..
mentre per altri.. l'aereo atterra a Tenerife con gli ispettori.. poi passano due giorni prima di arrivare al Teide.. (con l'informazione del loro arrivo ... gia' pubblicizzata da 48 ore..)


Anche queste ipotesi sono molto probabili
2014: Giro tappa 21,Tour tappa 10,Vuelta tappa 3, ARGENTO a Ponferrada
2015: Giro anch'io 3°,Tour tappe 10 e 20, GpMontreal
2016: GandWevelgen, Svizzera, Tour tappa 13, Vuelta tappa 10
Campione nazionale olandese di ciclocross in carica
Avatar utente
Visconte85
 
Messaggi: 8780
Iscritto il: giovedì 8 maggio 2014, 13:27

Re: ma ha senso analizzare un campione 3 anni dopo?

UNREAD_POSTdi matteo.conz » lunedì 24 agosto 2015, 1:55

Winter ha scritto:Credo che i piu' forti abbiano dietro uno staff per stabilire i protocolli da utilizzare per doparsi
I piu' deboli devon farlo in maniera piu' artigianale (e con i controlli fuori competizione è facile sbagliarsi..)

Poi magari il controllo di un piccolo corridore viene fatto effettivamente a sorpresa..
mentre per altri.. l'aereo atterra a Tenerife con gli ispettori.. poi passano due giorni prima di arrivare al Teide.. (con l'informazione del loro arrivo ... gia' pubblicizzata da 48 ore..)


Quoto, la penso così anch'io. Ad esempio kohl lo aveva fatto intuire: disse che il manager si convinse delle sue qualità e che voleva investire su di lui facendolo seguire da una clinica per un programma di doping d'alto livello. Si dice che la prima regola degli affari sia proteggere il proprio investimento ed è esattamente ciò che fanno.
La visione di belluschi per me è troppo semplicistica, nessuno fa come Schwazer che si informa in rete e poi parte per la turchia...infatti poi si è visto come funzionava.
C'è il doping dei ricchi e quello dei poveri come gli androni. Viviamo in un mondo a due velocità e pure il ciclismo riflette questa tendenza
Qui vige l'uguaglianza... Non conta un cazzo nessuno.
Svalorizzando gli altri non ti rendi superiore.
C'è sempre una soluzione semplice ad un problema complesso. Ed è quella sbagliata. A. Einstein
Avatar utente
matteo.conz
 
Messaggi: 5915
Iscritto il: sabato 19 maggio 2012, 14:12

Re: ma ha senso analizzare un campione 3 anni dopo?

UNREAD_POSTdi robot1 » lunedì 24 agosto 2015, 16:45

matteo.conz ha scritto:La visione di belluschi per me è troppo semplicistica, nessuno fa come Schwazer che si informa in rete e poi parte per la turchia...infatti poi si è visto come funzionava.
C'è il doping dei ricchi e quello dei poveri come gli androni. Viviamo in un mondo a due velocità e pure il ciclismo riflette questa tendenza

Scusa, ma Schwazer ti sembrava un poverello?
E, secondo te, ha fatto tutto da solo modello kamikaze?
:boh:
Un giorno potremo raccontare ai nipotini che noi siamo stati fortunati a veder correre Sagan
Avatar utente
robot1
 
Messaggi: 971
Iscritto il: lunedì 27 dicembre 2010, 19:46

Re: ma ha senso analizzare un campione 3 anni dopo?

UNREAD_POSTdi matteo.conz » lunedì 24 agosto 2015, 20:03

No era un po' ironico. Intendevo che quella di alex in turchia era una balla e dietro c'è sempre un minimo di organizzazione tra più persone. L'ho scritto così perchè ne discutiamo da sempre...
Qui vige l'uguaglianza... Non conta un cazzo nessuno.
Svalorizzando gli altri non ti rendi superiore.
C'è sempre una soluzione semplice ad un problema complesso. Ed è quella sbagliata. A. Einstein
Avatar utente
matteo.conz
 
Messaggi: 5915
Iscritto il: sabato 19 maggio 2012, 14:12

Re: ma ha senso analizzare un campione 3 anni dopo?

UNREAD_POSTdi robot1 » lunedì 24 agosto 2015, 20:32

matteo.conz ha scritto:No era un po' ironico. Intendevo che quella di alex in turchia era una balla e dietro c'è sempre un minimo di organizzazione tra più persone. L'ho scritto così perchè ne discutiamo da sempre...

Scusa ma non l'avevo capita
:cincin:
Un giorno potremo raccontare ai nipotini che noi siamo stati fortunati a veder correre Sagan
Avatar utente
robot1
 
Messaggi: 971
Iscritto il: lunedì 27 dicembre 2010, 19:46

Re: ma ha senso analizzare un campione 3 anni dopo?

UNREAD_POSTdi nino58 » martedì 25 agosto 2015, 9:40

KELLY1 ha scritto:per me stanno facendo la politica del mettiamo il sale sulla coda a squadre dopo una o due stagioni brillanti cosi le calmiamo e diamo la possibilità ad altre di emergere maggiormente,poi spostiamo il tiro sulle altre . ruotando le vincenti tutti sono felici e contenti e il carrozzone continua a funzionare .
contenti quelli del doping , quelli dell'antidoping , le squadre che tutte vincono qualcosa di importante cosi anche i tifosi possono continuare a ciacolare con mega discussioni di ogni genere.
perchè hanno capito che le super squadre pigliatutto e sempre alla lunga rovinano l'ambiente.


Questa tua ipotesi mi sembra molto molto molto verosimile.
Quello che conta è il carrozzone, purchè i cocchieri rimangano sempre gli stessi e ben remunerati.
Von Rock ? Nein, danke.
Diritto di correre senza condizioni a chi ha scontato una squalifica !!!
Avatar utente
nino58
 
Messaggi: 6698
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 14:38

Re: ma ha senso analizzare un campione 3 anni dopo?

UNREAD_POSTdi matteo.conz » martedì 25 agosto 2015, 16:36

robot1 ha scritto:
matteo.conz ha scritto:No era un po' ironico. Intendevo che quella di alex in turchia era una balla e dietro c'è sempre un minimo di organizzazione tra più persone. L'ho scritto così perchè ne discutiamo da sempre...

Scusa ma non l'avevo capita
:cincin:


Scusa tu, l'ho scritto coi piedi... :cincin:
Qui vige l'uguaglianza... Non conta un cazzo nessuno.
Svalorizzando gli altri non ti rendi superiore.
C'è sempre una soluzione semplice ad un problema complesso. Ed è quella sbagliata. A. Einstein
Avatar utente
matteo.conz
 
Messaggi: 5915
Iscritto il: sabato 19 maggio 2012, 14:12

Re: ma ha senso analizzare un campione 3 anni dopo?

UNREAD_POSTdi Mystogan » giovedì 27 agosto 2015, 9:56

Per me non ha senso,come non ha senso il Tour 2010 a Schleck ad un'anno e mezzo di distanza,come non ha senso la storia del texano.....
Avatar utente
Mystogan
 
Messaggi: 3090
Iscritto il: domenica 23 febbraio 2014, 12:28

Re: ma ha senso analizzare un campione 3 anni dopo?

UNREAD_POSTdi barrylyndon » giovedì 27 agosto 2015, 10:29

Beh dai..la positivita' di Contador e' venuta fuori un mese e mezzo dopo..
Non mi sembra un furto aver assegnato al vittoria a Schleck..
Diverso il discorso del Giro 2011..anche se Contador era consapevole di correra con la spada di damocle..Tanto che si discuteva del fatto che il giro avrebbe potuto vincerlo il secondo, gia' a primavera 2011
beppesaronni ha scritto:
Giocati 10 euro facilissimi per Milano passaggio del turno
http://www.sportando.com/it/italia/seri ... detto.html
Avatar utente
barrylyndon
 
Messaggi: 9865
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 15:20

Re: ma ha senso analizzare un campione 3 anni dopo?

UNREAD_POSTdi Mystogan » giovedì 27 agosto 2015, 13:38

barrylyndon ha scritto:Beh dai..la positivita' di Contador e' venuta fuori un mese e mezzo dopo..
Non mi sembra un furto aver assegnato al vittoria a Schleck..
Diverso il discorso del Giro 2011..anche se Contador era consapevole di correra con la spada di damocle..Tanto che si discuteva del fatto che il giro avrebbe potuto vincerlo il secondo, gia' a primavera 2011

No ma infatti se Contador veniva squalificato subito a settembre allora non ci sarebbe stato niente da dire,il Giro 2011 si sapeva ma purtroppo mi dispiace per il buon Michele ma non riesco proprio a dire che l'ha vinto Scarponi......
Avatar utente
Mystogan
 
Messaggi: 3090
Iscritto il: domenica 23 febbraio 2014, 12:28

Re: ma ha senso analizzare un campione 3 anni dopo?

UNREAD_POSTdi Basso » venerdì 16 giugno 2017, 17:32

11: Vuelta 7, Prato
12: Appennino, Japan Cup
13: Giro 9, CN linea, Vuelta 20, Sabatini
14: Vasco, Dauphiné, Tour 3, Tour 21, Polonia, TreValli
15: Laigueglia, Scheldeprijs, Giro 2, Giro 18, Giro, Tour 13, Fourmies
16: Nice, Vuelta 12
17: Francoforte
Basso
 
Messaggi: 10809
Iscritto il: sabato 21 maggio 2011, 17:03
Località: Vicenza

Re: ma ha senso analizzare un campione 3 anni dopo?

simila

simila
 


Torna a Doping e Antidoping

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Yahoo [Bot] e 1 ospite