Confessioni di un ciclista mascherato

Per discutere, analizzare, approfondire tutto quello che riguarda il tema più dibattuto del ciclismo
Serafino
Messaggi: 198
Iscritto il: venerdì 6 gennaio 2017, 15:28

Confessioni di un ciclista mascherato

Messaggio da leggereda Serafino » venerdì 21 aprile 2017, 11:54

Ragazzi esce in questi giorni un libro che ha fatto, e farà discutere
Ne vogliamo qui parlare assieme?
Le accuse che questo libro lancia sono pesantissime
E da quel che si dice, pare non essere una farsa, tipo libro di luca
Insomma qui si parla di doping mafia scommesse omertà
Roba seria
Chi ne sa di più aggiunga




guidobaldo de medici
Messaggi: 1849
Iscritto il: venerdì 15 maggio 2015, 21:13

Re: Confessioni di un ciclista mascherato

Messaggio da leggereda guidobaldo de medici » venerdì 21 aprile 2017, 12:17

non sapevo, grazie :) vado a comprarlo subito.

Antoine Vayer (che raccoglie le confessioni del ciclista anonimo, che sarebbe ancora in attività) è un tipo sui 60, ex-ciclista anche lui e ai suoi tempi discreto scalatore. ha vinto la classifica come miglior grimpeur alla 3 giorni di Mauges del 1983. poi ha fatto l'allenatore alla Festina dal 95 al 98. ha allenato tra gli altri Bassons Chiotti e Peraud. poi si è dedicato al giornalismo, diventano una grande firma delle cronache sportive e collaborando con Le Monde e Liberation. quindi il top. sono curioso.



Avatar utente
barrylyndon
Messaggi: 11197
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 15:20

Re: Confessioni di un ciclista mascherato

Messaggio da leggereda barrylyndon » venerdì 21 aprile 2017, 12:25

Se ne sentiva proprio la mancanza...


beppesaronni ha scritto:
Giocati 10 euro facilissimi per Milano passaggio del turno
http://www.sportando.com/it/italia/seri ... detto.html

Avatar utente
nemecsek.
Messaggi: 979
Iscritto il: mercoledì 6 gennaio 2016, 22:35

Re: Confessioni di un ciclista mascherato

Messaggio da leggereda nemecsek. » venerdì 21 aprile 2017, 12:30

Giacomo, mio amico al bar piazza S. Giovanni, racconta le avventure del puttaniere mascherato.... :D
..sospettiamo fortemente siano autobiografiche...... :diavoletto:


...ve lo meritate Nanni Moretti....

Immagine

Avatar utente
nemecsek.
Messaggi: 979
Iscritto il: mercoledì 6 gennaio 2016, 22:35

Re: Confessioni di un ciclista mascherato

Messaggio da leggereda nemecsek. » venerdì 21 aprile 2017, 12:33

perarto sto cazzo de libbro e' roba de l anno scorso.....

http://www.gazzetta.it/Ciclismo/07-04-2 ... 6823.shtml


...ve lo meritate Nanni Moretti....

Immagine


Avatar utente
Tranchée d'Arenberg
Messaggi: 12663
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:50
Località: Falconara Albanese (CS)
Contatta:

Re: Confessioni di un ciclista mascherato

Messaggio da leggereda Tranchée d'Arenberg » venerdì 21 aprile 2017, 12:35

nemecsek. ha scritto:Giacomo, mio amico al bar piazza S. Giovanni, racconta le avventure del puttaniere mascherato.... :D
..sospettiamo fortemente siano autobiografiche...... :diavoletto:


:diavoletto: :diavoletto:


Cobblestone 2012 - 1° Classifica Generale
Cobblestone 2012 - 1° Classifica Classiche
Cobblestone 2013 - 1° Classifica Semiclassiche

FantaCycling Manager 2016 - 1° Classifica (squadre)

peek
Messaggi: 4626
Iscritto il: sabato 8 gennaio 2011, 10:08

Re: Confessioni di un ciclista mascherato

Messaggio da leggereda peek » venerdì 21 aprile 2017, 12:50

E' dai tempi della pubblicazione dell'autobiografia di Donatella Di Rosa alias Lady Golpe che non trepidavo così per l'uscita di un libro.



Avatar utente
chinaski89
Messaggi: 2169
Iscritto il: sabato 13 giugno 2015, 15:51

Re: Confessioni di un ciclista mascherato

Messaggio da leggereda chinaski89 » venerdì 21 aprile 2017, 12:51

barrylyndon ha scritto:Se ne sentiva proprio la mancanza...


Si esatto. Mi immagino quante "novità" :grr:


beppesaronni ha scritto: Non ricordo un solo gt in cui conty, che non era il più forte ma nemmeno il secondo, abbia anche solo provato (non dico che ci sia riuscito. Provato!!!!)


lemond ha scritto: Sagan è il più grande, ma non un gran vincente.

Avatar utente
simociclo
Messaggi: 3465
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 17:12

Re: Confessioni di un ciclista mascherato

Messaggio da leggereda simociclo » venerdì 21 aprile 2017, 12:52

anche fosse una cosa seria, con un titolo del genere un libro merita l'oblio


"la mente è come il paracadute, funziona solo se si apre" A. Einstein

Serafino
Messaggi: 198
Iscritto il: venerdì 6 gennaio 2017, 15:28

Re: Confessioni di un ciclista mascherato

Messaggio da leggereda Serafino » venerdì 21 aprile 2017, 12:58

Lo scorso anno è uscito in Francia credo che in questi giorni esca in Italia
L ironia è bella, però se il ciclismo è sinonimo di doping per tantissima gente ahimè è anche colpa di noi appassionati che ci chiudiamo a guscio su sti argomenti
Facendo ironia
Contenti voi
A me questi libri fanno male, e spesso limitarci all omertà e non reagire è davvero brutto



Avatar utente
Tranchée d'Arenberg
Messaggi: 12663
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:50
Località: Falconara Albanese (CS)
Contatta:

Re: Confessioni di un ciclista mascherato

Messaggio da leggereda Tranchée d'Arenberg » venerdì 21 aprile 2017, 13:05

peek ha scritto:E' dai tempi della pubblicazione dell'autobiografia di Donatella Di Rosa alias Lady Golpe che non trepidavo così per l'uscita di un libro.


muoioo :D :D :D


Serafino ha scritto:
E da quel che si dice, pare non essere una farsa, tipo libro di luca


Bah, al di là dell'enfasi che Di Luca ha messo nel descrivere alcuni episodi che immagino siano stati molto romanzati, tralasciando la sbruffonaggine che si legge chiaramente in molti passaggi, direi che almeno Danilo c'ha messo la faccia, prendendosi insulti e credo creandosi anche qualche inimicizia. Questo qui non si sa chi sia, non si sa neanche se esiste davvero, se è veramente un corridore oppure è lo stesso Vayer che scrive a suo piacimento.
Per quanto mi riguarda, se Danilo Di Luca era poco attendibile (o non del tutto attenbilie), questo libro qui invece ha attendibilità pari a zero. Pure di meno.


Cobblestone 2012 - 1° Classifica Generale
Cobblestone 2012 - 1° Classifica Classiche
Cobblestone 2013 - 1° Classifica Semiclassiche

FantaCycling Manager 2016 - 1° Classifica (squadre)

guidobaldo de medici
Messaggi: 1849
Iscritto il: venerdì 15 maggio 2015, 21:13

Re: Confessioni di un ciclista mascherato

Messaggio da leggereda guidobaldo de medici » venerdì 21 aprile 2017, 13:08

come prevedibile, una sfilza di reazioni rabbiose o infastidite riguardo a un libro che neppure è stato letto. il che la dice lunga sul clima di omertà nel ciclismo.



Avatar utente
Tranchée d'Arenberg
Messaggi: 12663
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:50
Località: Falconara Albanese (CS)
Contatta:

Re: Confessioni di un ciclista mascherato

Messaggio da leggereda Tranchée d'Arenberg » venerdì 21 aprile 2017, 13:13

guidobaldo de medici ha scritto:come prevedibile, una sfilza di reazioni rabbiose o infastidite riguardo a un libro che neppure è stato letto. il che la dice lunga sul clima di omertà nel ciclismo.


Prima di tacciare di omertà l'intero forum, andrei a rileggere anni ed anni di discussioni che evidentemente non hai mai letto.


Cobblestone 2012 - 1° Classifica Generale
Cobblestone 2012 - 1° Classifica Classiche
Cobblestone 2013 - 1° Classifica Semiclassiche

FantaCycling Manager 2016 - 1° Classifica (squadre)

Avatar utente
chinaski89
Messaggi: 2169
Iscritto il: sabato 13 giugno 2015, 15:51

Re: Confessioni di un ciclista mascherato

Messaggio da leggereda chinaski89 » venerdì 21 aprile 2017, 13:54

Serafino ha scritto:Lo scorso anno è uscito in Francia credo che in questi giorni esca in Italia
L ironia è bella, però se il ciclismo è sinonimo di doping per tantissima gente ahimè è anche colpa di noi appassionati che ci chiudiamo a guscio su sti argomenti
Facendo ironia
Contenti voi
A me questi libri fanno male, e spesso limitarci all omertà e non reagire è davvero brutto


Ma anche no. È l'esatto contrario, il ciclismo è sinonimo di doping per un brutto passato con cacce alle streghe e compagnia, ma nonostante anni di pax il doping nel ciclismo continua a fare notizia più che in altri sport. Gli scandali ci sono ovunque ma non vedo in libreria molti libri denuncia sul doping in atletica e nuoto, sul calcioscommesse o doping nel calcio, come mai? Evidentemente agli appassionati di ciclismo piace leggere ste cose, io avendone letti un paio sul tema direi che ho gia dato. Non è omertà, ma consapevolezza che sti libri non cambieranno mai un cazzo (come potrebbero?) e fanno soltanto male ad uno sport fin troppo sputtanato


beppesaronni ha scritto: Non ricordo un solo gt in cui conty, che non era il più forte ma nemmeno il secondo, abbia anche solo provato (non dico che ci sia riuscito. Provato!!!!)


lemond ha scritto: Sagan è il più grande, ma non un gran vincente.

Avatar utente
chinaski89
Messaggi: 2169
Iscritto il: sabato 13 giugno 2015, 15:51

Re: Confessioni di un ciclista mascherato

Messaggio da leggereda chinaski89 » venerdì 21 aprile 2017, 13:55

guidobaldo de medici ha scritto:come prevedibile, una sfilza di reazioni rabbiose o infastidite riguardo a un libro che neppure è stato letto. il che la dice lunga sul clima di omertà nel ciclismo.


Ma mi spieghi di quale accidenti di omertà parli se ci sono centinaia di libri come questo?? Che stai a ddi guido?


beppesaronni ha scritto: Non ricordo un solo gt in cui conty, che non era il più forte ma nemmeno il secondo, abbia anche solo provato (non dico che ci sia riuscito. Provato!!!!)


lemond ha scritto: Sagan è il più grande, ma non un gran vincente.

Avatar utente
Tranchée d'Arenberg
Messaggi: 12663
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:50
Località: Falconara Albanese (CS)
Contatta:

Re: Confessioni di un ciclista mascherato

Messaggio da leggereda Tranchée d'Arenberg » venerdì 21 aprile 2017, 14:10

chinaski89 ha scritto:
guidobaldo de medici ha scritto:come prevedibile, una sfilza di reazioni rabbiose o infastidite riguardo a un libro che neppure è stato letto. il che la dice lunga sul clima di omertà nel ciclismo.


Ma mi spieghi di quale accidenti di omertà parli se ci sono centinaia di libri come questo?? Che stai a ddi guido?


Qua l'unica omertà che vedo è quella dell'autore che omette il nome del (presunto) ciclista 'protanogista' del libro


Cobblestone 2012 - 1° Classifica Generale
Cobblestone 2012 - 1° Classifica Classiche
Cobblestone 2013 - 1° Classifica Semiclassiche

FantaCycling Manager 2016 - 1° Classifica (squadre)

guidobaldo de medici
Messaggi: 1849
Iscritto il: venerdì 15 maggio 2015, 21:13

Re: Confessioni di un ciclista mascherato

Messaggio da leggereda guidobaldo de medici » venerdì 21 aprile 2017, 14:14

Tranchée d'Arenberg ha scritto:Prima di tacciare di omertà l'intero forum, andrei a rileggere anni ed anni di discussioni che evidentemente non hai mai letto.


l'intero no. però ci sono le solite 5-6 persone che si infilano in tutte le discussioni sul doping non per trattare il tema ma solo per fare ironia svalutare mettere in ridicolo sprezzare eccetera. è evidente che sono sempre le stesse 5-6.

ma questo accade nell'intera società e su qualunque tema. non è uno specifico del forum. trovi le persone che hanno un atteggiamento omertoso (cioè quelle che cercano di ridurre i discorsi sgraditi al silenzio) e quelle che no. in italia poi è un comportamento diffusissimo. anche per ragioni storiche profonde, radicate e non casuali. pensiamo ad esempio al ruolo delle cosidette "arti", cioè ai mestieri, alle corporazioni. quelle che nel nord europa si chiamavano gilde. non la faccio lunga, però è storicamente vero che l'italiano si riconosce più nella corporazione di cui fa parte che nella comunità intera. senso civico un po' più basso e senso di appartenenza e di fedeltà al "gruppo" un po' più alto. è una dinamica che spiega molte cose degli italiani (e non solo). si contesta l'autorità costituita (nella quale non ci si riconosce), ma si difende fino alla morte il proprio gruppo (che può essere un partito, una fazione, una corporazione eccetera). è una società fatta di legami più orizzontali che verticali. i legami verticali sono deboli, mentre quelli orizzontali e di gruppo sono forti. e una delle espressioni di questa "solidarietà" di gruppo, forse una delle più tipiche in italia, è proprio il comportamento omertoso.



Strong
Messaggi: 8592
Iscritto il: mercoledì 12 gennaio 2011, 11:48

Re: Confessioni di un ciclista mascherato

Messaggio da leggereda Strong » venerdì 21 aprile 2017, 14:15

Tranchée d'Arenberg ha scritto:
guidobaldo de medici ha scritto:come prevedibile, una sfilza di reazioni rabbiose o infastidite riguardo a un libro che neppure è stato letto. il che la dice lunga sul clima di omertà nel ciclismo.


Prima di tacciare di omertà l'intero forum, andrei a rileggere anni ed anni di discussioni che evidentemente non hai mai letto.


mi sembra che guido abbia scritto che c'è omertà nel ciclismo (non nel forum)
io credo che il fatto che nel ciclismo ci sia molta omertà sui temi doping e combine sia abbastanza appurato.


i fondamentalisti del ciclismo e gli ultras dei ciclisti sono il male di questo sport.

Avatar utente
Tranchée d'Arenberg
Messaggi: 12663
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:50
Località: Falconara Albanese (CS)
Contatta:

Re: Confessioni di un ciclista mascherato

Messaggio da leggereda Tranchée d'Arenberg » venerdì 21 aprile 2017, 14:19

Strong ha scritto:
Tranchée d'Arenberg ha scritto:
guidobaldo de medici ha scritto:come prevedibile, una sfilza di reazioni rabbiose o infastidite riguardo a un libro che neppure è stato letto. il che la dice lunga sul clima di omertà nel ciclismo.


Prima di tacciare di omertà l'intero forum, andrei a rileggere anni ed anni di discussioni che evidentemente non hai mai letto.


mi sembra che guido abbia scritto che c'è omertà nel ciclismo (non nel forum)
io credo che il fatto che nel ciclismo ci sia molta omertà sui temi doping e combine sia abbastanza appurato.


mancava l'avvocato d'ufficio. Si sta discutendo in questo forum, le reazioni di cui parla guidobaldo sono quelle del forum, le accuse di omertà sono rivolte ai forumisti.


Cobblestone 2012 - 1° Classifica Generale
Cobblestone 2012 - 1° Classifica Classiche
Cobblestone 2013 - 1° Classifica Semiclassiche

FantaCycling Manager 2016 - 1° Classifica (squadre)

guidobaldo de medici
Messaggi: 1849
Iscritto il: venerdì 15 maggio 2015, 21:13

Re: Confessioni di un ciclista mascherato

Messaggio da leggereda guidobaldo de medici » venerdì 21 aprile 2017, 14:23

Strong ha scritto:mi sembra che guido abbia scritto che c'è omertà nel ciclismo (non nel forum)
io credo che il fatto che nel ciclismo ci sia molta omertà sui temi doping e combine sia abbastanza appurato.


assolutamente. è omertà nel ciclismo, ed è così vasta che a volte traspare anche nel forum, e nell'atteggiamento che qualcuno ha all'interno del forum. qualcuno, non tutti.

dico una cosa semplice semplice. quando bardet ha preso il traino alla parigi-nizza è stato squalificato, giusto? ma andrea de luca ha fatto notare che la squalifica è arrivata non per una decisione autonoma e immediata dei giudici, ma solo quando sono uscite in tv le immagini del traino. una mostruosità, diceva de luca, perché è come se i giudici non avessero la forza di intervenire se non di fronte al fatto televisivo. il che fa pensare che persino i giudici siano coinvolti in questa "fedeltà di gruppo". e se lo sono in relazione a cose di poco conto (come un traino) figuriamoci sul resto.



Avatar utente
Tranchée d'Arenberg
Messaggi: 12663
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:50
Località: Falconara Albanese (CS)
Contatta:

Re: Confessioni di un ciclista mascherato

Messaggio da leggereda Tranchée d'Arenberg » venerdì 21 aprile 2017, 14:29

guidobaldo de medici ha scritto:
Tranchée d'Arenberg ha scritto:Prima di tacciare di omertà l'intero forum, andrei a rileggere anni ed anni di discussioni che evidentemente non hai mai letto.


l'intero no. però ci sono le solite 5-6 persone che si infilano in tutte le discussioni sul doping non per trattare il tema ma solo per fare ironia svalutare mettere in ridicolo sprezzare eccetera. è evidente che sono sempre le stesse 5-6.

ma questo accade nell'intera società e su qualunque tema. non è uno specifico del forum. trovi le persone che hanno un atteggiamento omertoso (cioè quelle che cercano di ridurre i discorsi sgraditi al silenzio) e quelle che no. in italia poi è un comportamento diffusissimo. anche per ragioni storiche profonde, radicate e non casuali. pensiamo ad esempio al ruolo delle cosidette "arti", cioè ai mestieri, alle corporazioni. quelle che nel nord europa si chiamavano gilde. non la faccio lunga, però è storicamente vero che l'italiano si riconosce più nella corporazione di cui fa parte che nella comunità intera. senso civico un po' più basso e senso di appartenenza e di fedeltà al "gruppo" un po' più alto. è una dinamica che spiega molte cose degli italiani (e non solo). si contesta l'autorità costituita (nella quale non ci si riconosce), ma si difende fino alla morte il proprio gruppo (che può essere un partito, una fazione, una corporazione eccetera). è una società fatta di legami più orizzontali che verticali. i legami verticali sono deboli, mentre quelli orizzontali e di gruppo sono forti. e una delle espressioni di questa "solidarietà" di gruppo, forse una delle più tipiche in italia, è proprio il comportamento omertoso.


hai espresso un giudizio circostanziato ed abbastanza netto sull'omertà del ciclismo. Adesso non ho capito se stai cercando di ritrattare, generalizzando e buttandola in confusione. Prima parli di omertà nel ciclismo, poi ritratti e ne fai una questione di omertà degli italiani, poi di nuovo di omertà nel ciclismo, tirando addirittura in ballo la storia di Bardet espluso dalla Pa-Ni per un traino. Un casino.

Qui, nell'intero forum, trovamene un paio che ti dicono che nel ciclismo il doping è stato debellato, che non siamo più negli anni 90 e altre amenità del genere. Poi possiamo riparlare di omertà.


Cobblestone 2012 - 1° Classifica Generale
Cobblestone 2012 - 1° Classifica Classiche
Cobblestone 2013 - 1° Classifica Semiclassiche

FantaCycling Manager 2016 - 1° Classifica (squadre)

Strong
Messaggi: 8592
Iscritto il: mercoledì 12 gennaio 2011, 11:48

Re: Confessioni di un ciclista mascherato

Messaggio da leggereda Strong » venerdì 21 aprile 2017, 14:30

guidobaldo de medici ha scritto:
Strong ha scritto:mi sembra che guido abbia scritto che c'è omertà nel ciclismo (non nel forum)
io credo che il fatto che nel ciclismo ci sia molta omertà sui temi doping e combine sia abbastanza appurato.


assolutamente. è omertà nel ciclismo, ed è così vasta che a volte traspare anche nel forum, e nell'atteggiamento che qualcuno ha all'interno del forum. qualcuno, non tutti.

dico una cosa semplice semplice. quando bardet ha preso il traino alla parigi-nizza è stato squalificato, giusto? ma andrea de luca ha fatto notare che la squalifica è arrivata non per una decisione autonoma e immediata dei giudici, ma solo quando sono uscite in tv le immagini del traino. una mostruosità, diceva de luca, perché è come se i giudici non avessero la forza di intervenire se non di fronte al fatto televisivo. il che fa pensare che persino i giudici siano coinvolti in questa "fedeltà di gruppo". e se lo sono in relazione a cose di poco conto (come un traino) figuriamoci sul resto.


l'approccio di parte dei forumsiti in merito al doping più che omertoso lo definire "bersaglioso".


i fondamentalisti del ciclismo e gli ultras dei ciclisti sono il male di questo sport.

guidobaldo de medici
Messaggi: 1849
Iscritto il: venerdì 15 maggio 2015, 21:13

Re: Confessioni di un ciclista mascherato

Messaggio da leggereda guidobaldo de medici » venerdì 21 aprile 2017, 14:32

in sostanza, questo ha a che vedere con la specificità del ciclismo. non è una competizione sportiva come le altre. tu vai lì, giochi, partecipi, e dopo 2 ore vai a casa :no: al contrario, è una specie di enorme carovana di persone che si spostano tutte assieme, e si trovano a convivere da mattina a sera per giornate intere, settimane intere e persino mesi interi. non esiste niente di paragonabile. i vincoli di amicizia, il senso di appartenenza al gruppo, l'identificazione con il gruppo è qualcosa che non ha eguali. e il comportamento omertoso è l'aspetto "degenere" di questo stato di cose.



guidobaldo de medici
Messaggi: 1849
Iscritto il: venerdì 15 maggio 2015, 21:13

Re: Confessioni di un ciclista mascherato

Messaggio da leggereda guidobaldo de medici » venerdì 21 aprile 2017, 14:36

Strong ha scritto:l'approccio di parte dei forumsiti in merito al doping più che omertoso lo definire "bersaglioso".


parlano di una cosa ma in realtà hanno in mente un bersaglio, qualcuno che gli sta antipatico? :D



Avatar utente
chinaski89
Messaggi: 2169
Iscritto il: sabato 13 giugno 2015, 15:51

Re: Confessioni di un ciclista mascherato

Messaggio da leggereda chinaski89 » venerdì 21 aprile 2017, 14:41

Per essere degli omertosi hanno scritto un sacco di libri sull'argomento..


beppesaronni ha scritto: Non ricordo un solo gt in cui conty, che non era il più forte ma nemmeno il secondo, abbia anche solo provato (non dico che ci sia riuscito. Provato!!!!)


lemond ha scritto: Sagan è il più grande, ma non un gran vincente.

Avatar utente
nemecsek.
Messaggi: 979
Iscritto il: mercoledì 6 gennaio 2016, 22:35

Re: Confessioni di un ciclista mascherato

Messaggio da leggereda nemecsek. » venerdì 21 aprile 2017, 18:51

Strong ha scritto:
l'approccio di parte dei forumsiti in merito al doping più che omertoso lo definire "bersaglioso".


perfetto, Strong, perfetto


guidobaldo de medici ha scritto:
Strong ha scritto:mi sembra che guido abbia scritto che c'è omertà nel ciclismo (non nel forum)
io credo che il fatto che nel ciclismo ci sia molta omertà sui temi doping e combine sia abbastanza appurato.


assolutamente. è omertà nel ciclismo, ed è così vasta che a volte traspare anche nel forum, e nell'atteggiamento che qualcuno ha all'interno del forum. qualcuno, non tutti.


bene, guidobaldo, ed e' così
omertà nel ciclismo, e certo esiste
sul forum, fino a poco tempo fa, non si poteva accostare il termine doping a un disgraziato ciclista italiano
per contro, era individuato il padre di tutte le camorre in un altro protagonista di quegli anni
ora, qualcosa anche in questo sito è cambiata
non ci sono più figli e figliastri
molte fregnacce ceh fino a poco tempo fa passavano ora non sarebbero più accettate
mi pare quindi che dare degli omertosi ai forumisti attuali sia ingeneroso


...ve lo meritate Nanni Moretti....

Immagine

Avatar utente
nemecsek.
Messaggi: 979
Iscritto il: mercoledì 6 gennaio 2016, 22:35

Re: Confessioni di un ciclista mascherato

Messaggio da leggereda nemecsek. » venerdì 21 aprile 2017, 18:53

simociclo ha scritto:anche fosse una cosa seria, con un titolo del genere un libro merita l'oblio


:diavoletto:

:clap:

artra cosa

coraggiose denunce anonime, ma da un anno che e pubblicato in Francia denunce zero, polemiche zero, clamore zero
ergo... :angelo:


...ve lo meritate Nanni Moretti....

Immagine

Avatar utente
UribeZubia
Messaggi: 1742
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 18:27

Re: Confessioni di un ciclista mascherato

Messaggio da leggereda UribeZubia » sabato 22 aprile 2017, 0:41

Serafino ha scritto:Le accuse che questo libro lancia sono pesantissime
E da quel che si dice, pare non essere una farsa, tipo libro di luca
Insomma qui si parla di doping mafia scommesse omertà
Roba seria
Chi ne sa di più aggiunga


Ho letto a suo tempo il libro di Di Luca e non mi è sembrato affatto una farsa,anzi.



Winter
Messaggi: 11083
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Re: Confessioni di un ciclista mascherato

Messaggio da leggereda Winter » sabato 22 aprile 2017, 5:33

Io l ho letto
mi aspettavo molto di più (come da quello di di luca)
Per chi segue il ciclismo cose stra note o quasi



guidobaldo de medici
Messaggi: 1849
Iscritto il: venerdì 15 maggio 2015, 21:13

Re: Confessioni di un ciclista mascherato

Messaggio da leggereda guidobaldo de medici » domenica 7 maggio 2017, 10:58

dall'intervista a Vayer su repubblica di due giorni fa:

La sorprende il ritorno del doping al Giro?

Il doping, come racconto nel mio libro, non è mai scomparso, semmai si è modellato sui tempi, raffinato, adeguato alla superiore frequenza dei controlli, ci sono le microdosi, tutto è estremamente scientifico, poco è lasciato al caso.

Nel suo libro un capitolo è dedicato all'Italia.

Vero, il capitolo si chiama "L'Italia farà da sé", c'è una sorta di protocollo italiano al doping, raffinatissimo, fatto di cambi di sangue, connivenze, commistioni, conoscenza perfetta dei tempi di rilascio delle sostanze. Non dico che gli italiani siano peggiori degli altri, ma sicuramente conoscono alla perfezione la materia. Conconi, Ferrari, Cecchini, ma non solo, sono diversi i medici italiani inseriti nella black list stilata dall'UCI qualche anno fa.

Non le pare che troppo spesso le squadre delle categorie inferiori cadano nella rete, come se all'interno di quella categoria ci fossero maglie più larghe, maggiore irresponsabilità?

Forse, ma è anche vero che i maggiori corridori, quelli delle grandi squadre, quelli appoggiati da sponsor milionari, sono più protetti, più tutelati, hanno equipe mediche migliori a loro disposizione e rischiano meno. Questo non vuol dire che si dopino di meno, assolutamente no. Quel che è accaduto alla Bardiani, in modo così clamoroso, difficilmente potrà accadere ai piani alti.

Due corridori dopati della stessa sostanza uguale doping di squadra?

Questo non si può dire, anche perché molti corridori spesso si accompagnano a medici esterni rispetto al team e la loro "moralità" difficilmente può essere controllata dalle squadre. Ma in questo ambiente ormai più nulla mi sorprende.



Avatar utente
barrylyndon
Messaggi: 11197
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 15:20

Re: Confessioni di un ciclista mascherato

Messaggio da leggereda barrylyndon » domenica 7 maggio 2017, 12:11

Bon il soggetto e' quello che mistificava sulle prestazioni di Nibali al Tour, dimenticando che l'unico che sia riuscito a tenergli testa in salita, Peraud, era da lui seguito..
Non lo trovo affidabile..proprio come tutto l'ambiente del ciclismo...


beppesaronni ha scritto:
Giocati 10 euro facilissimi per Milano passaggio del turno
http://www.sportando.com/it/italia/seri ... detto.html

Strong
Messaggi: 8592
Iscritto il: mercoledì 12 gennaio 2011, 11:48

Re: Confessioni di un ciclista mascherato

Messaggio da leggereda Strong » domenica 7 maggio 2017, 12:25

barrylyndon ha scritto:Bon il soggetto e' quello che mistificava sulle prestazioni di Nibali al Tour, dimenticando che l'unico che sia riuscito a tenergli testa in salita, Peraud, era da lui seguito..
Non lo trovo affidabile..proprio come tutto l'ambiente del ciclismo...


oddio, peraud si è beccato 7 minuti e mezzo.
diciamo che "tener testa" non il termine più corretto

non ricordo a memoria un distacco così ampio tra 1° e 2° al tour


i fondamentalisti del ciclismo e gli ultras dei ciclisti sono il male di questo sport.

Avatar utente
barrylyndon
Messaggi: 11197
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 15:20

Re: Confessioni di un ciclista mascherato

Messaggio da leggereda barrylyndon » domenica 7 maggio 2017, 13:00

Strong ha scritto:
barrylyndon ha scritto:Bon il soggetto e' quello che mistificava sulle prestazioni di Nibali al Tour, dimenticando che l'unico che sia riuscito a tenergli testa in salita, Peraud, era da lui seguito..
Non lo trovo affidabile..proprio come tutto l'ambiente del ciclismo...


oddio, peraud si è beccato 7 minuti e mezzo.
diciamo che "tener testa" non il termine più corretto

non ricordo a memoria un distacco così ampio tra 1° e 2° al tour

Si ma Froome e Contador erano caduti.... :D
Come mai non lo menzioni ora?


beppesaronni ha scritto:
Giocati 10 euro facilissimi per Milano passaggio del turno
http://www.sportando.com/it/italia/seri ... detto.html

Avatar utente
lambohbk
Messaggi: 987
Iscritto il: giovedì 13 ottobre 2016, 22:27

Re: Confessioni di un ciclista mascherato

Messaggio da leggereda lambohbk » domenica 7 maggio 2017, 13:03

Strong ha scritto:
barrylyndon ha scritto:Bon il soggetto e' quello che mistificava sulle prestazioni di Nibali al Tour, dimenticando che l'unico che sia riuscito a tenergli testa in salita, Peraud, era da lui seguito..
Non lo trovo affidabile..proprio come tutto l'ambiente del ciclismo...


oddio, peraud si è beccato 7 minuti e mezzo.
diciamo che "tener testa" non il termine più corretto

non ricordo a memoria un distacco così ampio tra 1° e 2° al tour


Considera però che 3 minuti e 30 glieli diede nella tappa del pavè, non in montagna


Per chi tifi? Per gli italiani

FC 2017: Dwars Door Vlaanderen, Tre Giorni di La Panne, Giro dei Paesi Baschi, Vuelta España - Combinata, Japan Cup

Avatar utente
barrylyndon
Messaggi: 11197
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 15:20

Re: Confessioni di un ciclista mascherato

Messaggio da leggereda barrylyndon » domenica 7 maggio 2017, 13:08

Dove tra l'altro Peraud mi sembra che cadde..
Peroud, cosi' rispondo a chi mette zizzania gratutemente, arrivo' con Nibali in occasione delle sue scalta a Risoul e Pla d'Adet...ove il Siciliano fece tempi di scalata ragguardevoli..record a Risoul, come Amstrong a Pla d'adet...se le prestazioni sono sospette per lui, e possono certamente dare adito a maldicenze, non vedo perche' debba escludere il suo pupillo..
Quindi il soggetto che ha commentato la positivita' dei Bardiani, potrebbe anche tacere...


beppesaronni ha scritto:
Giocati 10 euro facilissimi per Milano passaggio del turno
http://www.sportando.com/it/italia/seri ... detto.html

Avatar utente
Visconte85
Messaggi: 9218
Iscritto il: giovedì 8 maggio 2014, 13:27

Re: Confessioni di un ciclista mascherato

Messaggio da leggereda Visconte85 » domenica 7 maggio 2017, 13:44

barrylyndon ha scritto:
Strong ha scritto:
barrylyndon ha scritto:Bon il soggetto e' quello che mistificava sulle prestazioni di Nibali al Tour, dimenticando che l'unico che sia riuscito a tenergli testa in salita, Peraud, era da lui seguito..
Non lo trovo affidabile..proprio come tutto l'ambiente del ciclismo...


oddio, peraud si è beccato 7 minuti e mezzo.
diciamo che "tener testa" non il termine più corretto

non ricordo a memoria un distacco così ampio tra 1° e 2° al tour

Si ma Froome e Contador erano caduti.... :D
Come mai non lo menzioni ora?

:D :D :D


2014: Giro tp 21,Tour tp 10,Vuelta tp 3, ARGENTO a Ponferrada
2015: Giro anch'io 3°,Tour tp 10 e 20, GpMontreal
2016: GandWevelgen, Svizzera, Tour tp 13, Vuelta tp 10
2017: Tour tp 10 Vuelta tp 2
Campione nazionale olandese di ciclocross in carica

guidobaldo de medici
Messaggi: 1849
Iscritto il: venerdì 15 maggio 2015, 21:13

Re: Confessioni di un ciclista mascherato

Messaggio da leggereda guidobaldo de medici » domenica 7 maggio 2017, 15:17

da quello che leggo Vayer aveva allenato Peraud diversi anni prima. un altro dei seguaci di Vayer era Chiotti, che già nel 2013 disse che su Peraud "non poteva più mettere la mano sul fuoco".

incredibile la storia di Peraud, certamente la conoscete meglio di me. questo qui a 32 non era ancora professionista... era un ingegnere nucleare, con un normale impiego in una agenzia nucleare francese.



dietzen
Messaggi: 5251
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 21:19

Re: Confessioni di un ciclista mascherato

Messaggio da leggereda dietzen » domenica 7 maggio 2017, 16:39

guidobaldo de medici ha scritto:incredibile la storia di Peraud, certamente la conoscete meglio di me. questo qui a 32 non era ancora professionista... era un ingegnere nucleare, con un normale impiego in una agenzia nucleare francese.


sì ma era pure un biker di alto livello (argento a pechino), non è che è arrivato al professionismo direttamente dalla scrivania.
vero che aveva iniziato a gareggiare tardi pure in mtb, preferendo dedicarsi agli studi.
mi sono sempre chiesto che risultati avrebbe potuto ottenere se si fosse dedicato da subito allo sport.


Di Rocco non è il mio presidente

Fiammingo
Messaggi: 655
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 16:40

Re: Confessioni di un ciclista mascherato

Messaggio da leggereda Fiammingo » venerdì 19 maggio 2017, 14:35

Winter ha scritto:Io l ho letto
mi aspettavo molto di più (come da quello di di luca)
Per chi segue il ciclismo cose stra note o quasi


Ciao Winter,
sto leggendo in questi giorni, in effetti nulla di particolarmente interessante.
Mi sto divertendo a capire chi possa essere, all'inizio mi sembrava che fosse tutto inventato prendendo da diverse testiominanze e che non esistesse un corridore unico dietro il libro, poi pero un nome mi è venuto in mente... tu ti sei fatto un'idea?



Winter
Messaggi: 11083
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Re: Confessioni di un ciclista mascherato

Messaggio da leggereda Winter » venerdì 19 maggio 2017, 17:33

Ho pensato anch io a vari nomi
Pero secondo me son più di uno



Macx63
Messaggi: 3
Iscritto il: domenica 2 luglio 2017, 14:46

Re: Confessioni di un ciclista mascherato

Messaggio da leggereda Macx63 » domenica 2 luglio 2017, 16:25

Salve a tutti!
Qualcuno ha il libro "Dottor Mito" non riesco a trovarlo :muro: :muro:
Grazie



giorgio ricci
Messaggi: 1779
Iscritto il: lunedì 9 giugno 2014, 12:44

Re: Confessioni di un ciclista mascherato

Messaggio da leggereda giorgio ricci » lunedì 10 luglio 2017, 22:16

Ma, in buona sostanza, chi potrebbe essere questo ciclista mascherato?
Ho letto il libro, tanti bla bla bla , tanto fumo negli occhi.
Dá dei dettagli atti a individuare il personaggio, dopo di che ne da altri che si contraddicono. Sembra il gioco delle tre carte. Cioè, sembra il serial killer che vorrebbe essere scoperto ma anche dimostrarsi furbissimo.
Sto libro è il peggiore , almeno il peana su Santuccione di
Di Luca non gettava m.... random ma parlava di sé stesso e dell'ambiente che lo circondava.



giorgio ricci
Messaggi: 1779
Iscritto il: lunedì 9 giugno 2014, 12:44

Re: Confessioni di un ciclista mascherato

Messaggio da leggereda giorgio ricci » lunedì 24 luglio 2017, 15:36

Oggi articolo di Stagi sul ciclista mascherato. Sono totalmente d'accordo con lui sul giudicarlo un prodotto escrementizio .



Avatar utente
LeNoble
Messaggi: 617
Iscritto il: domenica 14 giugno 2015, 12:17

Re: Confessioni di un ciclista mascherato

Messaggio da leggereda LeNoble » mercoledì 26 luglio 2017, 12:25

nemecsek. ha scritto:Giacomo, mio amico al bar piazza S. Giovanni, racconta le avventure del puttaniere mascherato.... :D
..sospettiamo fortemente siano autobiografiche...... :diavoletto:


Ma chi? Nizzolo? :bici:


Dannata la pecora che si crede panda

Avatar utente
LeNoble
Messaggi: 617
Iscritto il: domenica 14 giugno 2015, 12:17

Re: Confessioni di un ciclista mascherato

Messaggio da leggereda LeNoble » mercoledì 26 luglio 2017, 12:27

Burghardt?


Dannata la pecora che si crede panda

bove
Messaggi: 1350
Iscritto il: sabato 7 settembre 2013, 22:29

Re: Confessioni di un ciclista mascherato

Messaggio da leggereda bove » lunedì 7 agosto 2017, 18:15

Tranchée d'Arenberg ha scritto:
peek ha scritto:E' dai tempi della pubblicazione dell'autobiografia di Donatella Di Rosa alias Lady Golpe che non trepidavo così per l'uscita di un libro.


muoioo :D :D :D


Serafino ha scritto:
E da quel che si dice, pare non essere una farsa, tipo libro di luca


Bah, al di là dell'enfasi che Di Luca ha messo nel descrivere alcuni episodi che immagino siano stati molto romanzati, tralasciando la sbruffonaggine che si legge chiaramente in molti passaggi, direi che almeno Danilo c'ha messo la faccia, prendendosi insulti e credo creandosi anche qualche inimicizia. Questo qui non si sa chi sia, non si sa neanche se esiste davvero, se è veramente un corridore oppure è lo stesso Vayer che scrive a suo piacimento.
Per quanto mi riguarda, se Danilo Di Luca era poco attendibile (o non del tutto attenbilie), questo libro qui invece ha attendibilità pari a zero. Pure di meno.


Tranchee sono daccordo con te. Ho finito da poco di leggere il libro di DiLuca. Mi è sempre stato sulle palle proprio per l'atteggiamento da sbruffone che come ha lui stesso ammesso, ha sempre avuto. Sul fatto che il libro sia romanzato mi pare abbastanza ovvio che per essere godibile ai più, un libro di 273 pagine debba necessariamente essere romanzato. Mettiamoci anche che non essendo stato scritto di suo pugno, chi lo ha fatto per lui lo avrà anche consigliato. Temo che gli episodi e il sistema narrato nel libro, non diacosti molto dalla realtà. In effetti Danilo non cerca il perdono, non chiede scusa e non elemosina la riabilitazione sociale. Si prende le sue responsabilità e vuota il sacco. Come dice nel libro non fa certi nomi, e questa forse è l'unica importante lacuna. Lui si giustifica dicendo che non se la sente di rovinare altre vite. Tutto sommato a me è piaciuto e mi è parso sufficientemente sincero. Ora mi hanno consigliato appunto il "mascherato" ma anche io nutro forti dubbi su chi non ci mette la faccia.


Gianluca Avigo
Presidente AFCCPI (Associazione FantaCicloCrossisti Perditempo Italiani)