Giro di Lombardia 2015 (4 ottobre)

Il mondo dei professionisti tra gare e complessità, e più in generale l'approccio al ciclismo di ogni appassionato
marc
Messaggi: 2122
Iscritto il: lunedì 1 agosto 2011, 23:39

Re: Giro di Lombardia 2015 (4 ottobre)

Messaggio da leggere da marc » giovedì 10 settembre 2015, 13:16

udra ha scritto:
jerrydrake ha scritto:In che anni si è fatto questo percorso?
Come quest'anno mai, è la prima volta di Colma-Muro-Civiglio (da Como)-San Fermo
Dal 2004 al 2009 si è sempre fatto Ghisallo-Civiglio (da Erba)-San Fermo
Nel 2010 Ghisallo-Colma (senza muro)-San Fermo
quindi c'è il Muro! Accipicchia fantastico!
Credo anche io che impostato in questo modo sia una primizia, ma non ne sono certo, per ragioni di età non ricordo i percorsi con arrivo a Como dell'epoca 1961-1984 (leggo su Wikipedia).
Sulla carta è un percorso magnifico. Poi ovviamente starà ai corridori, ma questo è un superbo Lombardia.

@jerry: sicuramente.

Qui il piatto è succulento. Valverde, Quintana, Nibali, Aru, Gilbert, Rodriguez, Alaphilippe, Landa, Moreno, Pozzovivo, Frank Schleck, Rui Costa, Majka, magari i francesi Pinot, Bardet, Villermoiz (come cavolo si scrive) e perché no Froome avrebbero un'occasione d'oro. E ne dimentico molti altri di sicurPercorso adattissimo anche a un potenziale bis di Daniel Martin. A proposito l'irlandese come sta, avete notizie dopo il ritiro dalla Vuelta?


perché per me il ciclismo non è ancora una passione onanistica, ma è un pezzo di cultura popolare e familiare.


Avatar utente
Camoscio madonita
Messaggi: 3392
Iscritto il: sabato 11 dicembre 2010, 15:30

Re: Giro di Lombardia 2015 (4 ottobre)

Messaggio da leggere da Camoscio madonita » giovedì 10 settembre 2015, 14:13

Come percorso, il più bel Lombardia che ricordi. Ghisallo-Muro di Sormano- Civiglio da Como (molto duro)-San Fermo.
Roba da leccarsi i baffi...speriamo che venga interpratato dai protagonisti nel migliore dei modi.

per farsi un'idea...questo è il Civiglio da Como:
http://www.salite.ch/civiglio.asp?Mappa=


Quando ero piccolo mi innamoravo di tutto, ma il primo vero amore non si scorda mai: Merano-Aprica, 5 giugno 1994.

marc
Messaggi: 2122
Iscritto il: lunedì 1 agosto 2011, 23:39

Re: Giro di Lombardia 2015 (4 ottobre)

Messaggio da leggere da marc » giovedì 10 settembre 2015, 14:23

Camoscio madonita ha scritto:Come percorso, il più bel Lombardia che ricordi. Ghisallo-Muro di Sormano- Civiglio da Como (molto duro)-San Fermo.
Roba da leccarsi i baffi...speriamo che venga interpratato dai protagonisti nel migliore dei modi.

per farsi un'idea...questo è il Civiglio da Como:
http://www.salite.ch/civiglio.asp?Mappa=
Grande!

Quanta strada c'è tra la cima del Sormano e l'attacco del Civiglio?


perché per me il ciclismo non è ancora una passione onanistica, ma è un pezzo di cultura popolare e familiare.

ucci90
Messaggi: 1868
Iscritto il: martedì 11 settembre 2012, 9:52

Re: Giro di Lombardia 2015 (4 ottobre)

Messaggio da leggere da ucci90 » giovedì 10 settembre 2015, 14:26

marc ha scritto:
Camoscio madonita ha scritto:Come percorso, il più bel Lombardia che ricordi. Ghisallo-Muro di Sormano- Civiglio da Como (molto duro)-San Fermo.
Roba da leccarsi i baffi...speriamo che venga interpratato dai protagonisti nel migliore dei modi.

per farsi un'idea...questo è il Civiglio da Como:
http://www.salite.ch/civiglio.asp?Mappa=
Grande!

Quanta strada c'è tra la cima del Sormano e l'attacco del Civiglio?
quasi 30... 13 di discesa e 16 di pianura.



marc
Messaggi: 2122
Iscritto il: lunedì 1 agosto 2011, 23:39

Re: Giro di Lombardia 2015 (4 ottobre)

Messaggio da leggere da marc » giovedì 10 settembre 2015, 14:29

grazie mille.
Teoricamente c'è lo spazio per un'azione decisiva che parta sul Muro


perché per me il ciclismo non è ancora una passione onanistica, ma è un pezzo di cultura popolare e familiare.


Avatar utente
udra
Messaggi: 7115
Iscritto il: mercoledì 1 ottobre 2014, 11:29

Re: Giro di Lombardia 2015 (4 ottobre)

Messaggio da leggere da udra » giovedì 10 settembre 2015, 14:30

In realtà la pianura tra nesso e como è molto insidiosa,non è per niente come quella dove Nibali dovette fermarsi dopo il Ghisallo nel 2011
Strada stretta,curve continue,molto ondulata



Avatar utente
Visconte85
Messaggi: 10344
Iscritto il: giovedì 8 maggio 2014, 14:27

Re: Giro di Lombardia 2015 (4 ottobre)

Messaggio da leggere da Visconte85 » giovedì 10 settembre 2015, 14:31

il percorso mi piace, veramente bello, poi vabbè dipende sempre dai ciclisti come interpretano la corsa però il rischio greggismo sembra minore :D

Percorso ideale per Nibali


2014:Giro tp21,Tour tp10,Vuelta tp3, ARGENTO Ponferrada
2015:Giro anch'io 3°,Tour tp10 e 20, GpMontreal
2016:GandWevelgen, Svizzera, Tour tp13, Vuelta tp10
2017:Tour tp10 Vuelta tp2
2018:Scheldeprijs, Giro tp21, Tour tp11
2019:Kuurne-Bruxelles-Kuurne

White Mamba
Messaggi: 1240
Iscritto il: lunedì 6 luglio 2015, 11:27

Re: Giro di Lombardia 2015 (4 ottobre)

Messaggio da leggere da White Mamba » giovedì 10 settembre 2015, 14:40

Visconte85 ha scritto: Percorso ideale per Nibali
Esatto.
E aggiungo, anche da non tifoso, speriamo.



AntiGazza
Messaggi: 1280
Iscritto il: venerdì 15 aprile 2011, 12:23

Re: Giro di Lombardia 2015 (4 ottobre)

Messaggio da leggere da AntiGazza » giovedì 10 settembre 2015, 14:42

Percorso spettacolare......
Vabbè già c'è il muro che scremerà un po ..
Discesa a Nesso non complicata tranne qualche passaggio a Zelbio....non dimentichiamo però che con il bagnato sia Gilbert e Nibali assaggiarno l'asfalto...
Da Nesso a Como è tutto mangia e bevi , tratti completamente pianeggianti ce ne sono pochi e poi anche qualche bello curvoso.
Salire A Civiglio da Como è dura dura dura ragazzi, ....discesa non impossibile, anzi facilotta la prima parte e la parte finale, un po più difficilotta la parte centrale.
Poi classico San Fermo.

Mi piace assai



Gigilasegaperenne
Messaggi: 485
Iscritto il: domenica 26 dicembre 2010, 17:22

Re: Giro di Lombardia 2015 (4 ottobre)

Messaggio da leggere da Gigilasegaperenne » giovedì 10 settembre 2015, 15:29

Percorso splendido, a mio parere. La salita chiave penso sarà il Civiglio, data la collocazione. Il fatto che il tracciato sia così duro dovrebbe invogliare anche qualche scalatore a presentarsi, e in quel caso non dovrebbero mancare i corridori interessati a far corsa dura.



Avatar utente
barrylyndon
Messaggi: 14119
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 15:20

Re: Giro di Lombardia 2015 (4 ottobre)

Messaggio da leggere da barrylyndon » giovedì 10 settembre 2015, 15:32

Visconte85 ha scritto:il percorso mi piace, veramente bello, poi vabbè dipende sempre dai ciclisti come interpretano la corsa però il rischio greggismo sembra minore :D

Percorso ideale per Nibali
Nibali? dipende dalle sue condizioni, fisiche ma soprattutto mentali...
Da quel che ne so e' in Sicilia..impegnato in lunghi allenamenti solitari.. :angelo:


Nibali sta a Froome come Thoeni stava a Klammer.

marc
Messaggi: 2122
Iscritto il: lunedì 1 agosto 2011, 23:39

Re: Giro di Lombardia 2015 (4 ottobre)

Messaggio da leggere da marc » giovedì 10 settembre 2015, 16:42

barrylyndon ha scritto:
Visconte85 ha scritto:il percorso mi piace, veramente bello, poi vabbè dipende sempre dai ciclisti come interpretano la corsa però il rischio greggismo sembra minore :D

Percorso ideale per Nibali
Nibali? dipende dalle sue condizioni, fisiche ma soprattutto mentali...
Da quel che ne so e' in Sicilia..impegnato in lunghi allenamenti solitari.. :angelo:
hai ragione, però in teoria ha tutto il tempo per affinare la preparazione, comprese le premondiali italiane.
Nibali ha sempre tenuto tantissimo al Lombardia. Sarebbe una dimostrazione di immaturità da parte sua mollare adesso il colpo quando il 4 ottobre avrebbe l'occasione salvare di alla grande la stagione. Non ha scuse, stavolta dipende da lui. A differenza del percorso bergamasco, questo è veramente adatto a un corridore delle sue caratteristiche.


perché per me il ciclismo non è ancora una passione onanistica, ma è un pezzo di cultura popolare e familiare.

andrea82
Messaggi: 409
Iscritto il: martedì 14 dicembre 2010, 21:00
Località: Colico (Lecco)

Re: Giro di Lombardia 2015 (4 ottobre)

Messaggio da leggere da andrea82 » giovedì 10 settembre 2015, 16:50

Ero alla presentazione del Lombardia 2015, all'unanimità giudicato tra i più duri di sempre dai giornalisti e ospiti presenti. Nibali ci sarà, lo ha confermato Vegni. Da valutare anche la presenza di Aru, la decisione sarà presa a fine Vuelta. Tra gli altri possibili partecipanti non sono stati fatti altri nomi.



BSN
Messaggi: 257
Iscritto il: martedì 8 settembre 2015, 14:55

Re: Giro di Lombardia 2015 (4 ottobre)

Messaggio da leggere da BSN » giovedì 10 settembre 2015, 16:59

Il percorso che ho sempre sognato.
Finalmente, faranno il vero Civiglio, da Como. Anzi, per me, quella è la salita di Brunate, anche se poco prima del paese di Brunate volteranno per Civiglio.
Ricordo semplicemente che Lance Armstrong, quando ad inizio carriera abitava sul lago di Como, a Blevio se non erro, era solito dire che gli sarebbe piaciuto abitare a Brunate, perché gli piaceva l'idea di concludere ogni allenamento scalando quella che lui stesso non esitava a definire una salita dalle pendenze brutali.
Questo sì che è un Giro di Lombardia: vincerà uno scalatore, ma scalatore vero. Sarà un Giro per specialisti delle grandi gare a tappe: Nibali, Valverde, Quintana, Aru, Rodriguez... Quella gente lì. Penso che persino uno come l'irlandese Martin, ottimo corridore e vincitore lo scorso anno, non abbia chances su un percorso così duro.



nick90
Messaggi: 337
Iscritto il: lunedì 6 luglio 2015, 20:05
Località: Firenze

Re: Giro di Lombardia 2015 (4 ottobre)

Messaggio da leggere da nick90 » giovedì 10 settembre 2015, 17:11

Bel percorso cavolo! Bene la presenza di Nibali.


Tifoso di Vincenzo e Peter!

marc
Messaggi: 2122
Iscritto il: lunedì 1 agosto 2011, 23:39

Re: Giro di Lombardia 2015 (4 ottobre)

Messaggio da leggere da marc » giovedì 10 settembre 2015, 17:49

BSN ha scritto:Il percorso che ho sempre sognato.
Finalmente, faranno il vero Civiglio, da Como. Anzi, per me, quella è la salita di Brunate, anche se poco prima del paese di Brunate volteranno per Civiglio.
Ricordo semplicemente che Lance Armstrong, quando ad inizio carriera abitava sul lago di Como, a Blevio se non erro, era solito dire che gli sarebbe piaciuto abitare a Brunate, perché gli piaceva l'idea di concludere ogni allenamento scalando quella che lui stesso non esitava a definire una salita dalle pendenze brutali.
Questo sì che è un Giro di Lombardia: vincerà uno scalatore, ma scalatore vero. Sarà un Giro per specialisti delle grandi gare a tappe: Nibali, Valverde, Quintana, Aru, Rodriguez... Quella gente lì. Penso che persino uno come l'irlandese Martin, ottimo corridore e vincitore lo scorso anno, non abbia chances su un percorso così duro.
Concordo col tuo giudizio generale.

Dovremmo lanciare una campagna, una petizione o qualcosa del genere per chiedere che questo resti il percorso FISSO del Lombardia.


perché per me il ciclismo non è ancora una passione onanistica, ma è un pezzo di cultura popolare e familiare.

Avatar utente
barrylyndon
Messaggi: 14119
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 15:20

Re: Giro di Lombardia 2015 (4 ottobre)

Messaggio da leggere da barrylyndon » giovedì 10 settembre 2015, 18:04

BSN ha scritto:. Sarà un Giro per specialisti delle grandi gare a tappe: Nibali, Valverde, Quintana, Aru, Rodriguez... .
Doumulin................


Nibali sta a Froome come Thoeni stava a Klammer.

Avatar utente
udra
Messaggi: 7115
Iscritto il: mercoledì 1 ottobre 2014, 11:29

Re: Giro di Lombardia 2015 (4 ottobre)

Messaggio da leggere da udra » giovedì 10 settembre 2015, 18:17

Non credo.... Dumoulin si difende bene ma non è in grado di stare con i migliori su una salita di 4km al 9% come il Civiglio dove faranno fuoco e fiamme (tralasciando il muro)
Se poi lo portano a spasso come alla vuelta ti do ragione



BSN
Messaggi: 257
Iscritto il: martedì 8 settembre 2015, 14:55

Re: Giro di Lombardia 2015 (4 ottobre)

Messaggio da leggere da BSN » giovedì 10 settembre 2015, 18:40

marc ha scritto:
BSN ha scritto:Il percorso che ho sempre sognato.
Finalmente, faranno il vero Civiglio, da Como. Anzi, per me, quella è la salita di Brunate, anche se poco prima del paese di Brunate volteranno per Civiglio.
Ricordo semplicemente che Lance Armstrong, quando ad inizio carriera abitava sul lago di Como, a Blevio se non erro, era solito dire che gli sarebbe piaciuto abitare a Brunate, perché gli piaceva l'idea di concludere ogni allenamento scalando quella che lui stesso non esitava a definire una salita dalle pendenze brutali.
Questo sì che è un Giro di Lombardia: vincerà uno scalatore, ma scalatore vero. Sarà un Giro per specialisti delle grandi gare a tappe: Nibali, Valverde, Quintana, Aru, Rodriguez... Quella gente lì. Penso che persino uno come l'irlandese Martin, ottimo corridore e vincitore lo scorso anno, non abbia chances su un percorso così duro.
Concordo col tuo giudizio generale.

Dovremmo lanciare una campagna, una petizione o qualcosa del genere per chiedere che questo resti il percorso FISSO del Lombardia.
La cosa sarà impossibile.
C'è un'unica spiegazione plausibile del fatto che si sia deciso che il Giro di Lombardia debba cambiare di anno in anno il percorso: prendere più soldi dalle amministrazioni locali.
Ed è un peccato, perché questo è un percorso bellissimo. Inoltre, cambiando troppo spesso, si snatura la corsa, ed alla fine ne risente la qualità generale.
Onestamente, lo scorso anno il Giro, con un percorso così mal studiato, è stato inguardabile.



marc
Messaggi: 2122
Iscritto il: lunedì 1 agosto 2011, 23:39

Re: Giro di Lombardia 2015 (4 ottobre)

Messaggio da leggere da marc » giovedì 10 settembre 2015, 19:00

certo lo so che esiste un accordo per l'alternanza BG/CO e lo fanno naturalmente per i dindini.
Ma una petizione, una serie di mail o cmq una campagna stampa forse, chissà, sarò un illuso ma potrebbe servire a smuovere qualcosa.
Ma forse Rcs ha poco interesse a valorizzare la corsa, come dimostrano le frasi assurde di Vegni riportate all'inizio di questa discussione.

A questo aggiungiamo il fatto che Rcs a quanto pare dal prossimo anno riporterà Lombardia e Sanremo al sabato, in netta contraddizione rispetto a tutte le classiche più importanti (anche l'Amstel è passata da sabato a domenica). Abbiamo già abbondantemente discusso di questo argomento in un thread ad hoc. Pazienza. Intanto godiamoci questo magnifico Lombardia 2015.

@andrea82 è strano che sia in dubbio la presenza di Aru, è in grande forma, sarebbe un vero peccato.

Mentre penso che un Daniel Martin in forma potrebbe vincere anche su questo percorso, lui è un duraccio autentico


perché per me il ciclismo non è ancora una passione onanistica, ma è un pezzo di cultura popolare e familiare.

Winter
Messaggi: 15665
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Re: Giro di Lombardia 2015 (4 ottobre)

Messaggio da leggere da Winter » giovedì 10 settembre 2015, 19:11

Be per fortuna han capito l'errore
assurdo correre di domenica contro la serie a ecc

Percorso perfetto



BSN
Messaggi: 257
Iscritto il: martedì 8 settembre 2015, 14:55

Re: Giro di Lombardia 2015 (4 ottobre)

Messaggio da leggere da BSN » giovedì 10 settembre 2015, 19:14

marc ha scritto:certo lo so che esiste un accordo per l'alternanza BG/CO e lo fanno naturalmente per i dindini.
Ma una petizione, una serie di mail o cmq una campagna stampa forse, chissà, sarò un illuso ma potrebbe servire a smuovere qualcosa.
Ma forse Rcs ha poco interesse a valorizzare la corsa, come dimostrano le frasi assurde di Vegni riportate all'inizio di questa discussione.

A questo aggiungiamo il fatto che Rcs a quanto pare dal prossimo anno riporterà Lombardia e Sanremo al sabato, in netta contraddizione rispetto a tutte le classiche più importanti (anche l'Amstel è passata da sabato a domenica). Abbiamo già abbondantemente discusso di questo argomento in un thread ad hoc. Pazienza. Intanto godiamoci questo magnifico Lombardia 2015.

@andrea82 è strano che sia in dubbio la presenza di Aru, è in grande forma, sarebbe un vero peccato.

Mentre penso che un Daniel Martin in forma potrebbe vincere anche su questo percorso, lui è un duraccio autentico
Io credo che RCS da quell'orecchio non ci senta proprio.
Un po' li capisco: il loro competitor si chiama A.S.O.
Non è possibile stargli dietro.
Però, certo che la considerazione di cui gode in seno ad RCS il Lombardia è disdicevole. Innanzitutto, hanno la fortuna di poter organizzare due classiche monumento. Scegliere tra le due è come una madre che tra due figli dicesse di preferirne uno e di trascurare l'altro: un cosa fuori dal mondo.
E poi, quando il percorso è fatto bene, il Lombardia è la corsa più bella al mondo, tranne forse la Roubaix.
Le grandi classiche sono belle perché sono corse ad eliminazione: salita dopo salita, cote dopo cote, settore di pavé dopo settore di pavé, il gruppo si assottiglia, finché non prevale il più forte. Questa è la ragione perché non mi piace la Sanremo. Ma questa è la ragione perché dico che questo Lombardia, con questo percorso, si avvia ad essere molto spettacolare.
Per ciò che concerne Martin, non so. È vero, è un cagnaccio, ed è questo che lo fa apprezzare dal pubblico.
Ma il percorso è proprio duro. Brunate, cioè Civiglio da Como, non è un semplice strappo: è proprio una salita coi cosiddetti, anche più selettiva del Ghisallo. Considerando che verranno affrontate nell'ordine le salite del colle del Gallo (che non conosco), del colle Brianza, di Valbrona (comunque da Pusiano è tutta salita), Ghisallo, Colma di Sormano (o muro, addirittura?), Brunate e San Fermo, vedo come vincitore proprio un uomo da grandi giri.



andrea82
Messaggi: 409
Iscritto il: martedì 14 dicembre 2010, 21:00
Località: Colico (Lecco)

Re: Giro di Lombardia 2015 (4 ottobre)

Messaggio da leggere da andrea82 » giovedì 10 settembre 2015, 19:56

Winter ha scritto:Be per fortuna han capito l'errore
assurdo correre di domenica contro la serie a ecc

Percorso perfetto
Quest'anno il Como Calcio gioca di sabato pomeriggio in casa (vigilia del Lombardia inclusa) e lo Stadio Sinigaglia è a 200 metri dalla linea di arrivo causando problemi di logistica. Inoltre in conferenza è stato annunciato il "gemellaggio" tra il Lombardia e la società calcistica cittadina, che quest'anno è tornata in Serie B dopo diverse stagioni in Lega Pro. D'altronde anni fa la Classica delle Foglie Morte si concludeva all'interno dello Stadio di Como.

Un altra cosa suggestiva: la sala stampa e la conferenza del vincitore saranno allestite rispettivamente all'interno della Motonave Orione (la più grande della Navigazione Lago di Como, con 600 posti) e del Piroscafo Patria (il più vecchio della flotta, dove questa mattina si sarebbe dovuta svolgere la presentazione, spostata poi a Villa Gallia causa pioggia), ormeggiati all'imbarcadero cittadino situato a soli 50 metri dall'arrivo della gara.



andrea82
Messaggi: 409
Iscritto il: martedì 14 dicembre 2010, 21:00
Località: Colico (Lecco)

Re: Giro di Lombardia 2015 (4 ottobre)

Messaggio da leggere da andrea82 » giovedì 10 settembre 2015, 20:02

BSN ha scritto:
marc ha scritto:certo lo so che esiste un accordo per l'alternanza BG/CO e lo fanno naturalmente per i dindini.
Ma una petizione, una serie di mail o cmq una campagna stampa forse, chissà, sarò un illuso ma potrebbe servire a smuovere qualcosa.
Ma forse Rcs ha poco interesse a valorizzare la corsa, come dimostrano le frasi assurde di Vegni riportate all'inizio di questa discussione.

A questo aggiungiamo il fatto che Rcs a quanto pare dal prossimo anno riporterà Lombardia e Sanremo al sabato, in netta contraddizione rispetto a tutte le classiche più importanti (anche l'Amstel è passata da sabato a domenica). Abbiamo già abbondantemente discusso di questo argomento in un thread ad hoc. Pazienza. Intanto godiamoci questo magnifico Lombardia 2015.

@andrea82 è strano che sia in dubbio la presenza di Aru, è in grande forma, sarebbe un vero peccato.

Mentre penso che un Daniel Martin in forma potrebbe vincere anche su questo percorso, lui è un duraccio autentico
Io credo che RCS da quell'orecchio non ci senta proprio.
Un po' li capisco: il loro competitor si chiama A.S.O.
Non è possibile stargli dietro.
Però, certo che la considerazione di cui gode in seno ad RCS il Lombardia è disdicevole. Innanzitutto, hanno la fortuna di poter organizzare due classiche monumento. Scegliere tra le due è come una madre che tra due figli dicesse di preferirne uno e di trascurare l'altro: un cosa fuori dal mondo.
E poi, quando il percorso è fatto bene, il Lombardia è la corsa più bella al mondo, tranne forse la Roubaix.
Le grandi classiche sono belle perché sono corse ad eliminazione: salita dopo salita, cote dopo cote, settore di pavé dopo settore di pavé, il gruppo si assottiglia, finché non prevale il più forte. Questa è la ragione perché non mi piace la Sanremo. Ma questa è la ragione perché dico che questo Lombardia, con questo percorso, si avvia ad essere molto spettacolare.
Per ciò che concerne Martin, non so. È vero, è un cagnaccio, ed è questo che lo fa apprezzare dal pubblico.
Ma il percorso è proprio duro. Brunate, cioè Civiglio da Como, non è un semplice strappo: è proprio una salita coi cosiddetti, anche più selettiva del Ghisallo. Considerando che verranno affrontate nell'ordine le salite del colle del Gallo (che non conosco), del colle Brianza, di Valbrona (comunque da Pusiano è tutta salita), Ghisallo, Colma di Sormano (o muro, addirittura?), Brunate e San Fermo, vedo come vincitore proprio un uomo da grandi giri.
Il Lombardia 2015 con un percorso così lotterà con Fiandre e Roubaix per diventare la classica più bella dell'anno.
Il Colle del Gallo ha pendenze che arrivano al 10-11%, Colle Brianza è meno dura credo così come Valbrona. Colma di Sormano col Muro? La risposta è SI! E poi Civiglio da Como centro + San Fermo. Tanta roba!
Riguardo ad Aru, questa è stata la risposta di Vegni a una domanda fatta in sala. A mio parere tutti i più forti scalatori al mondo, Quintana, Rodriguez e Valverde inclusi ci saranno.



Winter
Messaggi: 15665
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Re: Giro di Lombardia 2015 (4 ottobre)

Messaggio da leggere da Winter » giovedì 10 settembre 2015, 20:20

andrea82 ha scritto:
Winter ha scritto:Be per fortuna han capito l'errore
assurdo correre di domenica contro la serie a ecc

Percorso perfetto
Quest'anno il Como Calcio gioca di sabato pomeriggio in casa (vigilia del Lombardia inclusa) e lo Stadio Sinigaglia è a 200 metri dalla linea di arrivo causando problemi di logistica. Inoltre in conferenza è stato annunciato il "gemellaggio" tra il Lombardia e la società calcistica cittadina, che quest'anno è tornata in Serie B dopo diverse stagioni in Lega Pro. D'altronde anni fa la Classica delle Foglie Morte si concludeva all'interno dello Stadio di Como.

Un altra cosa suggestiva: la sala stampa e la conferenza del vincitore saranno allestite rispettivamente all'interno della Motonave Orione (la più grande della Navigazione Lago di Como, con 600 posti) e del Piroscafo Patria (il più vecchio della flotta, dove questa mattina si sarebbe dovuta svolgere la presentazione, spostata poi a Villa Gallia causa pioggia), ormeggiati all'imbarcadero cittadino situato a soli 50 metri dall'arrivo della gara.
Io parlavo piu' per quanto riguarda le tv..



BSN
Messaggi: 257
Iscritto il: martedì 8 settembre 2015, 14:55

Re: Giro di Lombardia 2015 (4 ottobre)

Messaggio da leggere da BSN » giovedì 10 settembre 2015, 20:34

andrea82 ha scritto:Il Lombardia 2015 con un percorso così lotterà con Fiandre e Roubaix per diventare la classica più bella dell'anno.
Il Colle del Gallo ha pendenze che arrivano al 10-11%, Colle Brianza è meno dura credo così come Valbrona. Colma di Sormano col Muro? La risposta è SI! E poi Civiglio da Como centro + San Fermo. Tanta roba!
Riguardo ad Aru, questa è stata la risposta di Vegni a una domanda fatta in sala. A mio parere tutti i più forti scalatori al mondo, Quintana, Rodriguez e Valverde inclusi ci saranno.
Non conosco il colle del Gallo, ma tutte le altre salite si.
Colle Brianza è una discreta salita: qualche tratto al 9/10% c'è, se ricordo bene. Certo, se fossero passati da Giovenzana sarebbe stata un'altra cosa, ma già così ci si può accontentare. La Valbrona è più che altro un falsopiano. Cioè, ci sono un paio di chilometri di salita pedalabile da Pusiano sino al Lago di Eupilio, un po' di pianura, ed una leggera, molto leggera invero, salita sino a Valbrona.
Ma il punto è che da Pusiano in poi, cioè negli ultimi 100 chilometri, di pianura praticamente non ce ne è più, visto che anche il tratto sul lago di Como, da Nesso a Como, è un continuo mangia e bevi. E le salite che ci sono, oltre ad essere lunghe, sono molto ripide. Personalmente, arrivo al punto da dire che il Muro di Sormano stesso è superfluo. La salita chiave sarà Brunate, su questo non ci piove. Probabilmente, il vincitore sarà chi scollinerà per primo a Civiglio. In ogni caso, anche se ci fossero due/tre corridori che si avvantaggiano, il San Fermo farà selezione. In definitiva, il Lombardia dello scorso anno sarà solo un ricordo.



Lazzaro
Messaggi: 683
Iscritto il: domenica 5 ottobre 2014, 14:51

Re: Giro di Lombardia 2015 (4 ottobre)

Messaggio da leggere da Lazzaro » giovedì 10 settembre 2015, 23:04

udra ha scritto:In realtà la pianura tra nesso e como è molto insidiosa,non è per niente come quella dove Nibali dovette fermarsi dopo il Ghisallo nel 2011
Strada stretta,curve continue,molto ondulata
Che poi pianura non è' .. Discesa con qualche tratto di breve salita ed una curva via l'altra ...



Stylus
Messaggi: 1206
Iscritto il: giovedì 28 aprile 2011, 12:03

Re: Giro di Lombardia 2015 (4 ottobre)

Messaggio da leggere da Stylus » venerdì 11 settembre 2015, 2:21

Ci sono maggiori informazioni riguardo all'arrivo di Como? C'è una planimetria dell'ultimo km? La salita di San Fermo viene presa dal classico Nino Bixio? L'arrivo è sul lungolago?



Avatar utente
udra
Messaggi: 7115
Iscritto il: mercoledì 1 ottobre 2014, 11:29

Re: Giro di Lombardia 2015 (4 ottobre)

Messaggio da leggere da udra » venerdì 11 settembre 2015, 3:47

Stylus ha scritto:Ci sono maggiori informazioni riguardo all'arrivo di Como? C'è una planimetria dell'ultimo km? La salita di San Fermo viene presa dal classico Nino Bixio? L'arrivo è sul lungolago?
Si viene fatta dal sottopasso della ferrovia (il versante classico) poi disces verso ponte chiasso dove si riprende la strada principale per arrivare sul lungo Lario



marc
Messaggi: 2122
Iscritto il: lunedì 1 agosto 2011, 23:39

Re: Giro di Lombardia 2015 (4 ottobre)

Messaggio da leggere da marc » venerdì 11 settembre 2015, 10:47

BSN ha scritto:
marc ha scritto:certo lo so che esiste un accordo per l'alternanza BG/CO e lo fanno naturalmente per i dindini.
Ma una petizione, una serie di mail o cmq una campagna stampa forse, chissà, sarò un illuso ma potrebbe servire a smuovere qualcosa.
Ma forse Rcs ha poco interesse a valorizzare la corsa, come dimostrano le frasi assurde di Vegni riportate all'inizio di questa discussione.

A questo aggiungiamo il fatto che Rcs a quanto pare dal prossimo anno riporterà Lombardia e Sanremo al sabato, in netta contraddizione rispetto a tutte le classiche più importanti (anche l'Amstel è passata da sabato a domenica). Abbiamo già abbondantemente discusso di questo argomento in un thread ad hoc. Pazienza. Intanto godiamoci questo magnifico Lombardia 2015.

@andrea82 è strano che sia in dubbio la presenza di Aru, è in grande forma, sarebbe un vero peccato.

Mentre penso che un Daniel Martin in forma potrebbe vincere anche su questo percorso, lui è un duraccio autentico
Io credo che RCS da quell'orecchio non ci senta proprio.
Un po' li capisco: il loro competitor si chiama A.S.O.
Non è possibile stargli dietro.
Però, certo che la considerazione di cui gode in seno ad RCS il Lombardia è disdicevole. Innanzitutto, hanno la fortuna di poter organizzare due classiche monumento. Scegliere tra le due è come una madre che tra due figli dicesse di preferirne uno e di trascurare l'altro: un cosa fuori dal mondo.
E poi, quando il percorso è fatto bene, il Lombardia è la corsa più bella al mondo, tranne forse la Roubaix.
Le grandi classiche sono belle perché sono corse ad eliminazione: salita dopo salita, cote dopo cote, settore di pavé dopo settore di pavé, il gruppo si assottiglia, finché non prevale il più forte. Questa è la ragione perché non mi piace la Sanremo. Ma questa è la ragione perché dico che questo Lombardia, con questo percorso, si avvia ad essere molto spettacolare.
Per ciò che concerne Martin, non so. È vero, è un cagnaccio, ed è questo che lo fa apprezzare dal pubblico.
Ma il percorso è proprio duro. Brunate, cioè Civiglio da Como, non è un semplice strappo: è proprio una salita coi cosiddetti, anche più selettiva del Ghisallo. Considerando che verranno affrontate nell'ordine le salite del colle del Gallo (che non conosco), del colle Brianza, di Valbrona (comunque da Pusiano è tutta salita), Ghisallo, Colma di Sormano (o muro, addirittura?), Brunate e San Fermo, vedo come vincitore proprio un uomo da grandi giri.
perfettamente d'accordo con te. Rcs incredibilmente non capisce di avere in casa un patrimonio unico, due classiche monumento. E tende incredibilmente, di sua sponte, a sminuirne una. E' pazzesco. Il Lombardia ha un fascino unico. L''Equipe la definisce la "La leggenda d'autunno", mentre le parole di Vegni non le voglio nemmeno ripetere. Addirittura ormai non si legge più da nessuna parte che il Lombardia è la "Classicissima d'autunno", come la Sanremo è la "Classicissima di primavera". Ora è passata una curiosa vulgata per cui la "Classicissima" è solo la Sanremo. Mah. L'atteggiamento di Rcs è miope e autolesionista, non si capisce se generato da ignoranza ciclistica o da cos'altro. La stessa decisione di alternare i percorsi ciclisticamente è assurda, anche se comprensibilmente dettata da ragioni economiche. Hai un percorso splendido, unico, perfetto? Ma tienilo e valorizzalo! In più rispetto alla Sanremo c'è anche il fatto che il Lombardia può vantare ancora migliaia di appassionati a bordostrada. Vi ricordate il deserto del Poggio?

Sullo spostamento al sabato concordo con chi parla di difficoltà logistiche. Il sabato in Lombardia è giorno di lavoro per molti, in una zona, la fascia a nord di Milano, che è la più antropizzata d'Europa. Il che ahinoi comporta parecchi casini con il traffico. Ho notato la differenza nelle ultime due volte che ho visto il Lombardia sul Valcava. Nessun problema di traffico per l'edizione domenicale. Casino totale al sabato. E il discorso delle Tv posso capirlo fino a un certo punto. Il Lombardia non è la Tre Valli Varesine, non ha un'audience locale, è una corsa vista dagli appassionati di tutto il mondo. Che appunto preferiscono la domenica per godersi la gara in santa pace. (l'esperienza dell'Amstel dovrebbe insegnare qualcosa).


perché per me il ciclismo non è ancora una passione onanistica, ma è un pezzo di cultura popolare e familiare.

Winter
Messaggi: 15665
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Re: Giro di Lombardia 2015 (4 ottobre)

Messaggio da leggere da Winter » venerdì 11 settembre 2015, 18:43

C'era nettamente meno gente sia alla Sanremo che al Lombardia di domenica
Ecco perché avrai trovato meno traffico
Uno che vuole andarsi a vedere la Sanremo
Un conto è l'arrivo di Sabato alle cinque
Ben diverso è la domenica alle cinque
Ma è un po' come le partite tra Sabato e Domenica sera
stessa partita al Sabato ha piu' spettatori
Specie per chi va in trasferta



marc
Messaggi: 2122
Iscritto il: lunedì 1 agosto 2011, 23:39

Re: Giro di Lombardia 2015 (4 ottobre)

Messaggio da leggere da marc » lunedì 14 settembre 2015, 13:19

Winter ha scritto:C'era nettamente meno gente sia alla Sanremo che al Lombardia di domenica
Ecco perché avrai trovato meno traffico
Uno che vuole andarsi a vedere la Sanremo
Un conto è l'arrivo di Sabato alle cinque
Ben diverso è la domenica alle cinque
Ma è un po' come le partite tra Sabato e Domenica sera
stessa partita al Sabato ha piu' spettatori
Specie per chi va in trasferta

No, non mi sono spiegato bene. Ho trovato meno traffico attorno perché la domenica mattina / metà pomeriggio c'è in giro per le strade molta meno gente rispetto al sabato. E così la vita è più facile per i territori attraversati dalla corsa. Sul fatto che ci sia meno gente a bordostrada a vedere Sanremo e Lombardia di domenica mi pare una tua opinione. Io non ho notato questa differenza. Se non che ormai a vedere la Sanremo sul Poggio non ci va nessuno, che sia di sabato o di domenica. Ma dove le vedi le persone che arrivano da lontano per assistere alla Sanremo sul Poggio? Forse negli anni Novanta. Sul Lombardia aggiungo che il maggior bacino di ciclomani italiani vive proprio nelle aree attorno al percorso. Perché gli appassionati che vanno a vedere Fiandre/Liegi/Roubaix/ come fanno ad andare a vedere la corsa di domenica?
Ripeto, c'è molto più gente che lavora di sabato che di domenica, molta di più. I poveracci che lavorano al sabato s'attaccano al tram :D


perché per me il ciclismo non è ancora una passione onanistica, ma è un pezzo di cultura popolare e familiare.

marc
Messaggi: 2122
Iscritto il: lunedì 1 agosto 2011, 23:39

Re: Giro di Lombardia 2015 (4 ottobre)

Messaggio da leggere da marc » lunedì 14 settembre 2015, 13:22

Riporto qui il post su Aru a cui viene impedito di correre il Lombardia, perché nell'altra discussione si parla di cugini (non ho capito di chi ;) Melchior Mauri e Giovannetti.
marc » lunedì 14 settembre 2015, 11:50

galliano ha scritto:
galliano ha scritto:
Brogno ha scritto:
"se Vinokourov ti dovesse chiedere di saltare il Lombardia per correre la corsa Kazaka, tu come la prenderesti?"
"dico che non succedera' perche' faro il Lombardia punto e basta"

cut..
a parole è tutto facile, poi quando arriva Vino con l'invito scritto firmato da Nazarbaev il nostro Fabio potrebbe avere qualche ripensamento.


cioè mi state dicendo che Aru non farà il Lombardia??? Con la condizione che si ritrova e fresco di un trionfo così importante?? Beh ragazzi non ho parole. In realtà le avrei, basterebbe andare indietro di 12 mesi. Direi le stesse cose che ho detto per il caso Nibali/Lombardia.

Ora come prevedibile questa storia vergognosa si ripete.

Non è riuscito a imporsi Nibali lo scorso anno, figuriamoci se riuscirà a farlo ora il giovane sardo. Con l'aggravante che quest'assenza è ancor più grave. L'anno scorso Nibali di questi tempi era palesemente fuori condizione, Aru invece potrebbe cogliere il successo della vita e firmare una doppietta che lo proietterebbe subito, ora, adesso, mica tra anni, nella storia del ciclismo. GT e Monumento nello stesso anno. L'ultimo mi pare fu Di Luca nel 2007, prima ancora Cunego 2004.

Noi stiamo qui a parlare della programmazione della prossima stagione, sarà o meno tourcentrico, Ardenne sì Ardenne no, Catalogna qui Catalogna là e poi a sto campione gli si impedisce di puntare a una vittoria storica nella classica a lui più congeniale. Oltretutto essendo al top della forma.

Vegni ed Rcs che fanno? Nulla, immagino. Bravi :clap:


perché per me il ciclismo non è ancora una passione onanistica, ma è un pezzo di cultura popolare e familiare.

giorgio ricci
Messaggi: 3313
Iscritto il: lunedì 9 giugno 2014, 13:44

Re: Giro di Lombardia 2015 (4 ottobre)

Messaggio da leggere da giorgio ricci » lunedì 14 settembre 2015, 17:34

Vorrei chiedervi alcune cose :
Potete dirmi dove posso trovare,l'intervista a Vegni in cui parla del Giro di Lombardia ?
E' sicuro il ricollocamento delle classiche Rcs al sabato ?
Questo Giro di lombardia è stupendo. Ma perché trattarlo così ? Percorsi che si conoscono solo a 20 giorni dalla competizione e percorsi itineranti . Questo percorso deve essere bloccato e queste salite devono diventare come la redoute o il muro di huy.
È cosi difficile ?



Winter
Messaggi: 15665
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Re: Giro di Lombardia 2015 (4 ottobre)

Messaggio da leggere da Winter » lunedì 14 settembre 2015, 18:46

marc ha scritto:
Winter ha scritto:C'era nettamente meno gente sia alla Sanremo che al Lombardia di domenica
Ecco perché avrai trovato meno traffico
Uno che vuole andarsi a vedere la Sanremo
Un conto è l'arrivo di Sabato alle cinque
Ben diverso è la domenica alle cinque
Ma è un po' come le partite tra Sabato e Domenica sera
stessa partita al Sabato ha piu' spettatori
Specie per chi va in trasferta

No, non mi sono spiegato bene. Ho trovato meno traffico attorno perché la domenica mattina / metà pomeriggio c'è in giro per le strade molta meno gente rispetto al sabato. E così la vita è più facile per i territori attraversati dalla corsa. Sul fatto che ci sia meno gente a bordostrada a vedere Sanremo e Lombardia di domenica mi pare una tua opinione. Io non ho notato questa differenza. Se non che ormai a vedere la Sanremo sul Poggio non ci va nessuno, che sia di sabato o di domenica. Ma dove le vedi le persone che arrivano da lontano per assistere alla Sanremo sul Poggio? Forse negli anni Novanta. Sul Lombardia aggiungo che il maggior bacino di ciclomani italiani vive proprio nelle aree attorno al percorso. Perché gli appassionati che vanno a vedere Fiandre/Liegi/Roubaix/ come fanno ad andare a vedere la corsa di domenica?
Ripeto, c'è molto più gente che lavora di sabato che di domenica, molta di più. I poveracci che lavorano al sabato s'attaccano al tram :D
1)Io l'ho notato
Son andato pure a vederla la Sanremo di quest'anno
2) Non puoi paragonare le classiche italiane a quelle del nord.. è un po come paragonare la gente sulle salite del Giro rispetto a quelle del Tour. Io ero abituato al Tour , quando son andato a vedere il Giro sul Mortirolo , son rimasto stra deluso
3) Lo spazio sui Giornali è molto maggiore di sabato perché c'e' meno concorrenza. Ricordo che spesso di domenica c'erano anche la Formula 1 , le Moto ecc
Se son tornati alla collocazione normale.. un motivo ci sara' (han provato e si son accorti dell'errore)



Avatar utente
galliano
Messaggi: 13910
Iscritto il: giovedì 14 aprile 2011, 12:53
Località: TN

Re: Giro di Lombardia 2015 (4 ottobre)

Messaggio da leggere da galliano » lunedì 14 settembre 2015, 22:05

Il percorso è bello, ma forse un po' troppo per scalatori.
Può darsi che io mi sbagli, sicuramente chi conosce bene quelle zone può darci un'opinione più valida.
Io vorrei che il Lombardia avesse un percorso bello duro, ma aperto anche a corridori non propriamente scalatori, ad es. l'Argentin del tempo che fu, Criquelion, Bartoli, il Gilbert d'annata, Dan Martin, addirittura Kelly o Jalabert.

Per quanto riguarda l'alternanza tra Como e Bergamo a me non dispiace affatto, a condizione che i percorsi nelle due direzioni siano tecnicamente equivalenti e stabili nel tempo.
L'alternanza degli arrivi sarebbe una caratteristica peculiare per una grande classica e a me piacciono le caratteristiche peculiari.



Avatar utente
Subsonico
Messaggi: 6548
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:13

Re: Giro di Lombardia 2015 (4 ottobre)

Messaggio da leggere da Subsonico » lunedì 14 settembre 2015, 23:35

galliano ha scritto:Il percorso è bello, ma forse un po' troppo per scalatori.
Può darsi che io mi sbagli, sicuramente chi conosce bene quelle zone può darci un'opinione più valida.
Io vorrei che il Lombardia avesse un percorso bello duro, ma aperto anche a corridori non propriamente scalatori, ad es. l'Argentin del tempo che fu, Criquelion, Bartoli, il Gilbert d'annata, Dan Martin, addirittura Kelly o Jalabert.

Per quanto riguarda l'alternanza tra Como e Bergamo a me non dispiace affatto, a condizione che i percorsi nelle due direzioni siano tecnicamente equivalenti e stabili nel tempo.
L'alternanza degli arrivi sarebbe una caratteristica peculiare per una grande classica e a me piacciono le caratteristiche peculiari.
Tranquillo, Aru se lo prenderanno i kazaki... :diavoletto:


VINCITORE DEL FANTATOUR 2016 SUL CAMPO: certe fantaclassifiche verranno riscritte...

"Stufano è un Peter Sagan che ha smesso di sognare (E.Vittone) "

Avatar utente
Mystogan
Messaggi: 3090
Iscritto il: domenica 23 febbraio 2014, 12:28

Re: Giro di Lombardia 2015 (4 ottobre)

Messaggio da leggere da Mystogan » martedì 15 settembre 2015, 0:13

Che sia la volta buona per Vincenzino?



BSN
Messaggi: 257
Iscritto il: martedì 8 settembre 2015, 14:55

Re: Giro di Lombardia 2015 (4 ottobre)

Messaggio da leggere da BSN » martedì 15 settembre 2015, 0:18

galliano ha scritto:Il percorso è bello, ma forse un po' troppo per scalatori.
Può darsi che io mi sbagli, sicuramente chi conosce bene quelle zone può darci un'opinione più valida.
Io vorrei che il Lombardia avesse un percorso bello duro, ma aperto anche a corridori non propriamente scalatori, ad es. l'Argentin del tempo che fu, Criquelion, Bartoli, il Gilbert d'annata, Dan Martin, addirittura Kelly o Jalabert.

Per quanto riguarda l'alternanza tra Como e Bergamo a me non dispiace affatto, a condizione che i percorsi nelle due direzioni siano tecnicamente equivalenti e stabili nel tempo.
L'alternanza degli arrivi sarebbe una caratteristica peculiare per una grande classica e a me piacciono le caratteristiche peculiari.
Il Lombardia, da sempre, è tra le classiche l'unica che abbia salite da tappa di montagna da grandi giri. Anche la Liegi non può essere paragonata al Lombardia, perché, per quanto si superi un dislivello da tappa alpina, le salite non sono proprio così lunghe.
Quindi, il Lombardia, più ancora che la Liegi, è corsa per scalatori. E secondo me è bene che rimanga così, poiché questa è la sua specificità.
Se la Sanremo è avvincente perché aperta, se il Fiandre è la corsa dei muri, la Roubaix quella del pavé, la Liegi quella delle cotes, il Lombardia è la corsa con salite da tappa alpina di un grande giro.
Non amavo molto il percorso con conclusione a Lecco, perché prima di fare la salita dell'Alpino vi erano troppi chilometri di pianura dopo il Ghisallo. Eppure, quello era un Lombardia con un suo perché, dal momento che comunque le grandi salite che vi si facevano, tra cui la Valcava, rimanevano nelle gambe dei corridori ed erano tali da far selezione malgrado il finale non ideale. Infatti, in quegli anni hanno sempre vinto scalatori: Zaugg e Rodriguez.
Invece, il percorso dello scorso anno è stato anonimo, oltre che mal studiato: un brutto percorso, che mi auguro non venga più riproposto.
Purtroppo, è stata decisa quest'alternanza di percorsi, che non fa il bene della corsa. Il Lombardia dovrebbe concludersi a Como, ed il percorso di quest'anno è eccellente. Si spera, almeno, che il prossimo anno possano approntare un percorso migliore, con più difficoltà nel finale: non si può vedere un Lombardia dove a 20 chilometri dal traguardo il gruppo è quasi compatto.



34x27
Messaggi: 3575
Iscritto il: giovedì 16 dicembre 2010, 9:38
Località: in salita

Re: Giro di Lombardia 2015 (4 ottobre)

Messaggio da leggere da 34x27 » martedì 15 settembre 2015, 7:24

Mystogan ha scritto:Che sia la volta buona per Vincenzino?
Io spero in Damiano :bll:


HEY MOTO

Avatar utente
Bitossi
Messaggi: 3603
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 12:41
Località: Milano

Re: Giro di Lombardia 2015 (4 ottobre)

Messaggio da leggere da Bitossi » martedì 15 settembre 2015, 9:43

BSN ha scritto:
galliano ha scritto:Il percorso è bello, ma forse un po' troppo per scalatori.
Può darsi che io mi sbagli, sicuramente chi conosce bene quelle zone può darci un'opinione più valida.
Io vorrei che il Lombardia avesse un percorso bello duro, ma aperto anche a corridori non propriamente scalatori, ad es. l'Argentin del tempo che fu, Criquelion, Bartoli, il Gilbert d'annata, Dan Martin, addirittura Kelly o Jalabert.

Per quanto riguarda l'alternanza tra Como e Bergamo a me non dispiace affatto, a condizione che i percorsi nelle due direzioni siano tecnicamente equivalenti e stabili nel tempo.
L'alternanza degli arrivi sarebbe una caratteristica peculiare per una grande classica e a me piacciono le caratteristiche peculiari.
Il Lombardia, da sempre, è tra le classiche l'unica che abbia salite da tappa di montagna da grandi giri. Anche la Liegi non può essere paragonata al Lombardia, perché, per quanto si superi un dislivello da tappa alpina, le salite non sono proprio così lunghe.
Quindi, il Lombardia, più ancora che la Liegi, è corsa per scalatori. E secondo me è bene che rimanga così, poiché questa è la sua specificità.
Se la Sanremo è avvincente perché aperta, se il Fiandre è la corsa dei muri, la Roubaix quella del pavé, la Liegi quella delle cotes, il Lombardia è la corsa con salite da tappa alpina di un grande giro.
Non amavo molto il percorso con conclusione a Lecco, perché prima di fare la salita dell'Alpino vi erano troppi chilometri di pianura dopo il Ghisallo. Eppure, quello era un Lombardia con un suo perché, dal momento che comunque le grandi salite che vi si facevano, tra cui la Valcava, rimanevano nelle gambe dei corridori ed erano tali da far selezione malgrado il finale non ideale. Infatti, in quegli anni hanno sempre vinto scalatori: Zaugg e Rodriguez.
Invece, il percorso dello scorso anno è stato anonimo, oltre che mal studiato: un brutto percorso, che mi auguro non venga più riproposto.
Purtroppo, è stata decisa quest'alternanza di percorsi, che non fa il bene della corsa. Il Lombardia dovrebbe concludersi a Como, ed il percorso di quest'anno è eccellente. Si spera, almeno, che il prossimo anno possano approntare un percorso migliore, con più difficoltà nel finale: non si può vedere un Lombardia dove a 20 chilometri dal traguardo il gruppo è quasi compatto.
Sì, infatti quell'assurdo regolamento che impediva di superare i 1000 m. di altitudine in un classica ProTour (abolito nel 2009 o 2010? aiutatemi...), rischiava di annacquare un po' tale specificità. Anzi, probabilmente in qualche caso la LBL potrebbe aver superato il Lombardia come dislivello complessivo.
Quello di quest'anno però, come scrive anche Galliano, mi pare un percorso decisamente "monstre" nel finale, tale da scoraggiare anche molti specialisti delle classiche. Se venisse confermato stabilmente, ma sappiamo che non sarà così almeno nell'immediato, diventerebbe veramente il trofeo dello scalatore... :D
In ogni caso meglio di quello al contrario, che l'anno prossimo abbisognerebbe appunto di aggiustamenti, se non si vuol rendere la classica completamente differente se non antitetica ad anni alterni.

PS: scrivo anche per verificare chi sarà sul percorso. Io credo ci sarò, su salita da decidere (anche perché prima bisogna scalarla... però il Muro si può prendere al contrario! :D ).


Ringrazio la mia mamma per avermi fatto studiare da ciclista

Avatar utente
galliano
Messaggi: 13910
Iscritto il: giovedì 14 aprile 2011, 12:53
Località: TN

Re: Giro di Lombardia 2015 (4 ottobre)

Messaggio da leggere da galliano » martedì 15 settembre 2015, 10:48

Bitossi ha scritto: Sì, infatti quell'assurdo regolamento che impediva di superare i 1000 m. di altitudine in un classica ProTour (abolito nel 2009 o 2010? aiutatemi...), rischiava di annacquare un po' tale specificità. Anzi, probabilmente in qualche caso la LBL potrebbe aver superato il Lombardia come dislivello complessivo.
Quello di quest'anno però, come scrive anche Galliano, mi pare un percorso decisamente "monstre" nel finale, tale da scoraggiare anche molti specialisti delle classiche. Se venisse confermato stabilmente, ma sappiamo che non sarà così almeno nell'immediato, diventerebbe veramente il trofeo dello scalatore... :D
In ogni caso meglio di quello al contrario, che l'anno prossimo abbisognerebbe appunto di aggiustamenti, se non si vuol rendere la classica completamente differente se non antitetica ad anni alterni.
Bravo Bito, hai azzeccato il punto. Io non sono contrario a salite oltre i 1000mt, ci mancherebbe, ma le terrei nei primi due terzi di corsa.
Vorrei appunto che la corsa lasciasse qualche possibilità anche a uomini di fondo che si difendono in salita.
Mi ripeto, mi piace molto l'idea dell'alternanza tra bergamo o como, ma il percorso con arrivo a Bergamo deve essere sensibilmente migliorato.

Io sono per la tradizione (che non fa rima con immobilismo) e quindi mi piace che il lombardia si corra il sabato.
Se ci sono eccessivi problemi di traffico è chiaro che bisognerà tenerne conto, se la corsa non è amata o peggio vista come un peso, inutile imporne la presenza, a quel punto le possibilità sono due, ho si trovano strade secondarie da percorrere (stile fiandre), oppure il lombardia si dovrà decentrare verso la periferia della regione.
Non dimentichiamo che gli organizzatori che inventarono le grandi classiche erano sostanzialmente dei pionieri.



Avatar utente
galliano
Messaggi: 13910
Iscritto il: giovedì 14 aprile 2011, 12:53
Località: TN

Re: Giro di Lombardia 2015 (4 ottobre)

Messaggio da leggere da galliano » martedì 15 settembre 2015, 10:49

Subsonico ha scritto:
galliano ha scritto:Il percorso è bello, ma forse un po' troppo per scalatori.

Io vorrei che il Lombardia avesse un percorso bello duro, ma aperto anche a corridori non propriamente scalatori, ad es. l'Argentin del tempo che fu, Criquelion, Bartoli, il Gilbert d'annata, Dan Martin, addirittura Kelly o Jalabert.
Tranquillo, Aru se lo prenderanno i kazaki... :diavoletto:
Mi hai sgamato subito :D



AntiGazza
Messaggi: 1280
Iscritto il: venerdì 15 aprile 2011, 12:23

Re: Giro di Lombardia 2015 (4 ottobre)

Messaggio da leggere da AntiGazza » martedì 15 settembre 2015, 10:56

Purtroppo il Lombardia di sabato a Como ha sempre creato gran malcontenti, dato che mediamente al comasco non gliene frega un cazzo del giro di Lombardia,ma anzi crea casino.

La domenica la situazione è un po meglio.

Questo per quel che riguarda la percezione nel comasco che ho io,sia chiaro.



Avatar utente
galliano
Messaggi: 13910
Iscritto il: giovedì 14 aprile 2011, 12:53
Località: TN

Re: Giro di Lombardia 2015 (4 ottobre)

Messaggio da leggere da galliano » martedì 15 settembre 2015, 11:39

AntiGazza ha scritto:Purtroppo il Lombardia di sabato a Como ha sempre creato gran malcontenti, dato che mediamente al comasco non gliene frega un cazzo del giro di Lombardia,ma anzi crea casino.

La domenica la situazione è un po meglio.

Questo per quel che riguarda la percezione nel comasco che ho io,sia chiaro.
C'è da dire che questo vale un po' per tutti gli sport, solo che il ciclismo è più invasivo, perdonatemi il termine.
Fatto 100 il totale della popolazione, il ciclismo a livello agonistico interesserà si e non il 10%, ovvio che per gli altri sia quasi una seccatura.
Ma lo stesso vale per le auto: quando fanno qualche corsa di auto in montagna per il 90% (me compreso) è un grande fastidio.
Se tennis, basket, pallavolo, ecc. si giocassero in mezzo alla strada ci sarebbero le stesse lamentele.



matteo9502
Messaggi: 3124
Iscritto il: lunedì 15 luglio 2013, 22:48

Re: Giro di Lombardia 2015 (4 ottobre)

Messaggio da leggere da matteo9502 » martedì 15 settembre 2015, 12:12

Visconti su Twitter ha fatto capire che sarà lui il capitano della Movistar al prossimo Lombardia.



marc
Messaggi: 2122
Iscritto il: lunedì 1 agosto 2011, 23:39

Re: Giro di Lombardia 2015 (4 ottobre)

Messaggio da leggere da marc » martedì 15 settembre 2015, 12:25

giorgio ricci ha scritto:Vorrei chiedervi alcune cose :
Potete dirmi dove posso trovare,l'intervista a Vegni in cui parla del Giro di Lombardia ?
E' sicuro il ricollocamento delle classiche Rcs al sabato ?
Questo Giro di lombardia è stupendo. Ma perché trattarlo così ? Percorsi che si conoscono solo a 20 giorni dalla competizione e percorsi itineranti . Questo percorso deve essere bloccato e queste salite devono diventare come la redoute o il muro di huy.
È cosi difficile ?

questa è l'intervista di cui abbiamo parlato all'inizio della discussione. La posto per intero perché il link non funziona più


Qualche giorno fa abbiamo dato i numeri, nel senso buono del termine: qualche cifra sulla stagione appena conclusa. Alcune riflessioni sullo stato di salute del nostro movimento, a livello di organizzazione e qualità di partecipazione. I numeri sono impietosi, dicono molto, ma non tutto. Per dirla con Giulio Andreotti, i numeri non solo si contano ma si pesano. Per pesarli, abbiamo scomodato Mauro Vegni, direttore del Giro d’Italia, che il ciclismo è abituato a pesarlo e a soppesarlo da oltre trent’anni.

Direttore, ha visto la nostra indagine sullo stato di salute del ciclismo italiano?
«Sì, certo. Me la sono letta con grande interesse, anche se qualcosa andrebbe detto».

Siamo qui per questo: oltre i numeri c’è di più…
«Sia ben chiaro, il momento che stiamo attraversando non è assolutamente facile, e quindi non sarò io a dire che non è il caso di drammatizzare. A livello organizzativo il momento è estremamente delicato e tutti dobbiamo lavorare affinché qualcosa in futuro possa cambiare. Però ho letto che la Vuelta sta minacciando il Giro. Bene, ma vi chiedo: se Froome e Contador non fossero stati costretti a ritirarsi dal Tour credete davvero che avrebbero corso il Giro di Spagna? Io credo di no. Quindi, quest’anno, per una felicissima combinazione astrale alla Vuelta si sono ritrovati tanti corridori di primissima fascia, ma parliamo appunto di eccezionalità. Per me il Tour resta la stella polare, così come il Giro resta la seconda corsa del calendario. La Vuelta, invece, giratela come volete, è la corsa di riparazione: se hai fallito i due appuntamenti principali, molti ripiegano sulla corsa spagnola».

Insomma, il Giro non soffre…
«Come ho detto prima il Giro soffre la congiuntura economica molto difficile, ma si difende e credo anche bene. È come dire che Il Lombardia va meglio della Sanremo: ma credetemi, tra le due corse la Sanremo conserva un appeal tutto particolare. Il Lombardia è una classica Monumento ma è davvero come la Vuelta: una "corsa riparazione". La Sanremo conserva il fascino iniziatico di una stagione appena scattata: il primo grande appuntamento mondiale della stagione. Una corsa aperta a tutti che tutti vorrebbero vincere almeno una volta nella loro carriera. Se guardiamo solo i numeri, dovremmo dire che la Roubaix non interessa nessuno, che ha perso fascino. Invece correttamente diciamo che è una corsa particolare, molto tecnica e specialistica, che premia un certo tipo di corridore, ma nessuno si permette di dire che al via ci sono pochissimi corridori della top 100. Come vedi, i numeri ti possono dire molto, ma non tutto. Perché poi vanno valutati ed elaborati».

Senta direttore, cosa pensa dell’idea di Oleg Tinkov di far correre ai quattro migliori cacciatori di Grandi Giri (Nibali. Contador, Froome e Quintana) Giro, Tour e Vuelta nella stessa stagione?
«L’idea è giusta ed è condivisibile. Il vero problema del ciclismo, ora come ora, è quello di far correre i migliori corridori nelle più importanti corse del mondo. Non so se andrà in porto la riforma del ciclismo, non so nemmeno in che termini vedrà la luce, ma in ogni caso una cosa dovremmo pretenderla: i campioni si devono affrontare nelle corse più importanti. Questo avviene in tutti gli sport, nel ciclismo, francamente, avviene solo al Tour. È troppo poco».

Il concetto di promozione e retrocessione le piace?
«Sì, mi sembra un’idea intelligente per mettere un po’ di pepe e di interesse in più anche attorno ai team. Auspico anche delle classifiche di merito più chiare ed elementari. Così come non sarebbe male reintrodurre la coppa del mondo, chiamata a premiare i corridori più bravi nelle corse di un giorno come avveniva negli anni Novanta e nei primi anni Duemila. Ma lo ripeto, la chiave di volta è semplice: squadre con poche punte e queste punte che si confrontano il più possibile nell’arco di tutta la stagione. Al ciclismo mancano i riferimenti. Abbiamo il dovere di darglieli. Ne beneficerebbero tutti, soprattutto il ciclismo».

Cosa pensa dell’ideate dei team Farm che fanno parte del progetto di riforma Uci?
«Non sono molto convinto di questo progetto. Si riducono gli organici delle prime squadre per fare poi delle squadre giovanili che hanno costi anche maggiori rispetto a quelli di quattro/cinque corridori che vengono cancellati dalla prima squadra. E poi noi italiani abbiamo anche delle nostre esigenze, un dilettantismo strutturato e non così malandato come si dice. Le Continental? Potremmo dare la possibilità di correre in certe corse i nostri team Under 23: otterremmo lo stesso risultato senza stravolgere la nostra cultura».

Cosa auspica?
«Che l’Uci trovi l’ispirazione giusta per il rilancio di questo sport e che le Federazioni tornino ad avere il loro peso specifico. Il fatto stesso che la riforma per il momento sia stata messa un attimo in stand-by, significa che il presidente Brian Cookson e i suoi collaboratori vogliono capire bene quale strada intraprendere. Fermarsi un attimo per ragionare ancora un po’ non è un segno di indecisione, ma di grande intelligenza e lungimiranza».


perché per me il ciclismo non è ancora una passione onanistica, ma è un pezzo di cultura popolare e familiare.

marc
Messaggi: 2122
Iscritto il: lunedì 1 agosto 2011, 23:39

Re: Giro di Lombardia 2015 (4 ottobre)

Messaggio da leggere da marc » martedì 15 settembre 2015, 12:28

matteo9502 ha scritto:Visconti su Twitter ha fatto capire che sarà lui il capitano della Movistar al prossimo Lombardia.
scusa questa mi sembra clamorosa: significa che Valverde e Quintana non partecipano?


perché per me il ciclismo non è ancora una passione onanistica, ma è un pezzo di cultura popolare e familiare.

Avatar utente
Mystogan
Messaggi: 3090
Iscritto il: domenica 23 febbraio 2014, 12:28

Re: Giro di Lombardia 2015 (4 ottobre)

Messaggio da leggere da Mystogan » martedì 15 settembre 2015, 12:29

Aru ufficiale salta il Lombardia,chiuderà la sua stagione alla Milano-Torino(Almaty non la considero una corsa)



nick90
Messaggi: 337
Iscritto il: lunedì 6 luglio 2015, 20:05
Località: Firenze

Re: Giro di Lombardia 2015 (4 ottobre)

Messaggio da leggere da nick90 » martedì 15 settembre 2015, 14:53

marc ha scritto:
matteo9502 ha scritto:Visconti su Twitter ha fatto capire che sarà lui il capitano della Movistar al prossimo Lombardia.
scusa questa mi sembra clamorosa: significa che Valverde e Quintana non partecipano?
Io non colgo questa certezza sull'account twitter di Visconti. Sicuramente sarà protagonista...


Tifoso di Vincenzo e Peter!


Rispondi