I tapponi

Il mondo dei professionisti tra gare e complessità, e più in generale l'approccio al ciclismo di ogni appassionato
HOTDOG
Messaggi: 1932
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 17:54

Re: I tapponi

Messaggio da leggere da HOTDOG »

dal discorso delle altimetrie ne potrebbe scaturire un altro vale a dire quello delle tappe di montagna che hanno avuto i maggiori distacchi anche se bisognerebbe vedere intanto se considerare il distacco tra il 1° e il 10° piuttosto che tra il 1° e il 30° o tra il 1° e il 60° o quello che volete voi, e inoltre bisognerebbe conoscere l'andamento della corsa e la forza dei corridori in quel momento, in ogni caso prendendo appunto i distacchi tra il 1° e il 30° nei Giri dal 1991 a oggi abbiamo ad esempio:

PORDOI 1991
CHIOCCIOLI 0''
CHIAPPUCCI 38''
BOYER 41''
LELLI 1'12''
CONTI 1'26''
GIOVANNETTI 2'14''
SIERRA L. 2'18''
BERNARD 3'18''
BUGNO 3'33''
RODRIGUEZ N. 3'55''
MARTINEZ JT. 4'04''
VONA 5'49''
PULNIKOV 5'59''
LEJARRETA 6'36''
JASKULA 7'40''
CHOZAS 7'43''
FARESIN 7'46''
BORTOLAMI 7'49''
GHIROTTO 7'52''
GASTON 7'59''
ESPINOSA 8'01''
ECHAVE 8'01''
ARROYO A. 8'06''
BAGOT 8'57''
RAMIREZ D. 9'04''
DELGADO 10'12''
FURLAN G. 12'05''
HERNANDEZ S. 12'10''
RIIS 14'09''
SUYKERBUYK 15'00''

APRICA 1994
PANTANI 0''
CHIAPPUCCI 2'52''
BELLI 3'27''
RODRIGUEZ N. 3'27''
INDURAIN M. 3'30''
BERZIN 4'06''
BOLTS 4'06''
BUGNO 5'50''
PULNIKOV 5'50''
TONKOV 5'50''
CUBINO 5'50''
GIUPPONI 6'59''
CONTI 6'59''
HAMPSTEN 7'02''
DE LAS CUEVAS 7'02''
RICHARD 7'51''
ZAINA 8'07''
TOTSCHNIG 10'03''
GOTTI 10'53''
CHIURATO 11'24''
ARGENTIN 14'10''
GHIROTTO 14'10''
BORTOLAMI 14'10''
GUERINI 14'10''
PODENZANA 14'10''
UGRUMOV 14'10''
PELLICIOLI 14'10''
SORENSEN R. 14'10''
OUCHAKOV 15'08''
BORDONALI 15'08''

LUINO 1995
BERZIN 0''
CHIAPPUCCI 21''
ZAINA 25''
TONKOV 25''
UGRUMOV 25''
ROMINGER 25''
RODRIGUEZ N. 25''
RINCON 25''
CENGHIALTA 4'56''
IMBODEN 4'56''
NOE' 4'56''
LAFIS 6'00''
TAFI 6'08''
GUERINI 6'08''
CASAGRANDE FR. 6'08''
LANFRANCHI 6'08''
JIMENEZ J. 6'08''
RICHARD 6'08''
GONZALEZ A. 6'08''
MADOUAS 6'08''
UNZAGA 6'08''
TOTSCHNIG 6'08''
MAULEON 6'08''
CATTAI 8'25''
PULNIKOV 9'25''
BOBRIK 9'56''
TETERIUK 12'11''
FRATTINI F. 12'31''
MOLINARI 15'33''
LOPEZ URIARTE 15'33''

APRICA 1996
GOTTI 0''
TONKOV 3''
UGRUMOV 57''
ZAINA 57''
OLANO 2'52''
GUERINI 5'31''
ROBIN 5'31''
LANFRANCHI 5'31''
REBELLIN 5'31''
FAUSTINI 5'31''
BUENAHORA 5'31''
SHEFER 5'31''
PIEPOLI 5'36''
ZBERG B. 10'51''
RODRIGUEZ N. 10'51''
TETERIUK 10'51''
FARESIN 10'51''
LARSEN 10'51''
PULNIKOV 10'51''
GARCIA CASAS 10'51''
CENGHIALTA 10'51''
LAUKKA 10'51''
BUGNO 10'51''
PELLICIOLI 10'51''
BERZIN 10'51''
FERNANDEZ GINES 10'51''
JASKULA 12'27''
SALIGARI 19'44''
FINCO 19'44''
SIMEONI 19'44''

MONTECAMPIONE 1998
PANTANI 0''
TONKOV 57''
GUERINI 3'16''
SECCHIARI 4'04''
CLAVERO 4'04''
DE PAOLI 4'16''
CAMENZIND 5'43''
MICELI 5'44''
GONZALEZ C. 5'46''
BETTINI 5'48''
FARESIN 6'16''
BUENAHORA 7'25''
SAVOLDELLI 7'49''
SGAMBELLURI 7'58''
PODENZANA 7'58''
GOUGOT 8'37''
FAUSTINI 9'09''
MISSAGLIA 9'24''
GONCHAR 10'48''
LANFRANCHI 12'45''
VELO 12'45''
PIEPOLI 12'45''
FRIGO 13'20''
MOLLER 13'42''
NOE' 14'10''
LEBLANC 14'28''
PICCOLI 15'15''
CONTI 15'50''
RUBIERA 16'18''
APARICIO 17'44''

APRICA 1999
HERAS 0''
SIMONI 0''
GOTTI 0''
SAVOLDELLI 4'05''
JALABERT L. 4'45''
GONCHAR 4'45''
DE PAOLI 4'45''
AXELSSON 4'45''
VIRENQUE 6'19''
MASON 8'05''
SECCHIARI 9'39''
ZANETTI M. 9'39''
SEVILLA 9'39''
SGAMBELLURI 9'39''
SHEFER 9'39''
CAMENZIND 9'39''
GONZALEZ C. 9'39''
GLOMSER 10'59''
FAUSTINI 12'00''
ZINTCHENKO 12'00''
CLAVERO 12'00''
ZARRABEITIA 12'00''
BUENAHORA 12'00''
PUTTINI 12'00''
MISSAGLIA 13'32''
MICELI 14'16''
JIMENEZ J. 14'16''
PICCOLI 14'52''
DOTTI 14'52''
CEREZO 14'52''

CHIANALE 2003
FRIGO 0''
SIMONI 10''
TOTSCHNIG 2'38''
POPOVYCH 3'12''
RUMSAS 4'01''
NOE' 4'01''
PELLIZOTTI 4'04''
GARZELLI 5'08''
GONCHAR 5'08''
CASAR 5'08''
MAZZOLENI E. 5'29''
LANFRANCHI 5'37''
BARANOWSKI 6'59''
BELLI 6'59''
QUESADA A. 6'59''
FARESIN 7'43''
SABALIAUSKAS 9'01''
SPEZIALETTI 9'36''
SCARPONI 11'54''
ZABALLA 12'23''
SUNDERLAND 15'42''
CODOL 15'59''
PANTANI 15'59''
SZMYD 15'59''
GONZALEZ FRED 15'59''
ZAMPIERI 16'03''
CASTELBLANCO 17'46''
LUNGHI 21'10''
LAVERDE 21'21''
VILA 25'24''

APRICA 2006
BASSO 0''
SIMONI 1'17''
CUNEGO 2'51''
GUTIERREZ J. 2'51''
SAVOLDELLI 6'03''
PIEPOLI 6'03''
CASAR 7'26''
GARATE 7'26''
PENA V. 7'26''
CARUSO G. 7'26''
OSA U. 7'26''
VILA 7'26''
RUBIERA 7'26''
PELLIZOTTI 10'11''
HALGAND 10'11''
VAN HUFFEL 13'58''
ELMIGER 13'58''
PARRA I. 13'58''
SERPA 13'58''
WEGELIUS 13'58''
BELTRAN 13'58''
GHISALBERTI 13'58''
DUPONT 13'58''
MAZZANTI 13'58''
SZMYD 13'58''
TIRALONGO 13'58''
STANGELJ 13'58''
MONFORT 17'02''
BOTCHAROV 17'02''
JUFRE 17'02''

MONTE PORA 2008
KIRYIENKA 0''
DI LUCA 4'36''
EFIMKIN A. 4'43''
CUMMINGS 5'25''
RICCO' 5'44''
SELLA 6'21''
PELLIZOTTI 6'21''
VAN DEN BROECK 6'21''
BRUSEGHIN 6'21''
MENCHOV 6'21''
POZZOVIVO 6'21''
CONTADOR 6'21''
SIUTSOU 6'53''
NIBALI 8'50''
CARDENAS F. 9'24''
KLODEN 9'47''
SORENSEN N. 9'47''
LARSSON 12'04''
SERPA 12'18''
IVANOV R. 12'18''
SIMONI 12'18''
SAVOLDELLI 12'18''
BALIANI 13'27''
MIHOLJEVIC 17'39''
NOE' 17'39''
MISSAGLIA 17'39''
VAN HUFFEL 17'39''
VALJAVEC 19'42''
ERMETI 21'41''
LLOYD M. 22'29''

APRICA 2010
SCARPONI 0''
BASSO 0''
NIBALI 0''
VINOKOUROV 3'05''
GADRET 3'05''
EVANS 3'06''
ARROYO D. 3'06''
SASTRE 3'06''
SAMOILAU 5'27''
PINOTTI 5'27''
MOLLEMA 5'27''
KISERLOVSKI 5'27''
KRUIJSWIJK 5'27''
PORTE 5'31''
ARDILA 5'31''
CIONI 8'17''
CUNEGO 8'17''
GERDEMANN 10'44''
KARPETS 10'44''
WYSS M. 10'44''
DUPONT 10'44''
VOECKLER 10'44''
DUQUE 10'44''
ZANDIO 10'44''
URAN 10'44''
WEENING 10'44''
RODRIGUEZ JACK. 10'44''
WEGELIUS 10'44''
RIGHI 10'44''
EIBEGGER 14'26''


dunque secondo questo criterio la tappa con maggiori distacchi sarebbe stata quella di Aprica 1996 e al secondo posto Monte Pora del 2008 pur non essendo sulla carta tra le più dure, ovviamente lì va tolto 4'36'' e dunque il distacco, considerando che Kiryienka sarebbe finito comunque nei primi 30 se non fosse andato in fuga, sarebbe comunque di 17'53''


Avatar utente
Maìno della Spinetta
Messaggi: 8157
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 15:53

Re: I tapponi

Messaggio da leggere da Maìno della Spinetta »

HOTDOG ha scritto: APRICA 1996
GOTTI 0''
TONKOV 3''
UGRUMOV 57''
ZAINA 57''
OLANO 2'52''
GUERINI 5'31''
ROBIN 5'31''
LANFRANCHI 5'31''
REBELLIN 5'31''
FAUSTINI 5'31''
BUENAHORA 5'31''
SHEFER 5'31''
PIEPOLI 5'36''
ZBERG B. 10'51''
RODRIGUEZ N. 10'51''
TETERIUK 10'51''
FARESIN 10'51''
LARSEN 10'51''
PULNIKOV 10'51''
GARCIA CASAS 10'51''
CENGHIALTA 10'51''
LAUKKA 10'51''
BUGNO 10'51''
PELLICIOLI 10'51''
BERZIN 10'51''
FERNANDEZ GINES 10'51''
JASKULA 12'27''
SALIGARI 19'44''
FINCO 19'44''
SIMEONI 19'44''

dunque secondo questo criterio la tappa con maggiori distacchi sarebbe stata quella di Aprica 1996
Ecco l'altimetria.
Dislivello pazzesco, 5730 m, con Tonkov che chiuse la sfida su Zaina che aveva impressionato il giorno precedente sul Fedaia
Immagine

PS hotdog, garnde lavoro: :clap: :clap: :clap:
per caso hai anche Falzes 1997. Fu una tappa da tregenda, con attacchi da lontanissimo e Axel che aspetto' gotti dopo il furcia, mettendo nel sacco Tonkov.


“Our interest’s on the dangerous edge of things.
The honest thief, the tender murderer, the superstitious atheist”.
Avatar utente
piccolo san bernardo
Messaggi: 884
Iscritto il: sabato 19 febbraio 2011, 2:15
Località: La faccia da pazzo psicotico di Peter Sagan (Brindisi)

Re: I tapponi

Messaggio da leggere da piccolo san bernardo »

Altra tappa della quale mi piacerebbe conoscere l'altimetria è quella di Merano del '94, dove scoppiò la stella di Pantani. Ricordo che ci furono 3 salite tutte over 2000 e lunghe, quali il Pennes e il Passo di Monte Giovo ( valichi che il Giro attraversa poco... :uhm: )


SUCCESSI AL FANTACICLISMO
2009:Giro di Romagna,una tappa alla Vuelta,vincitore classifica sprinter e 3o alla FantaVuelta
2010:Giro del friuli, 5o in classifica generale finale
2012:Campione italiano e mondiale a cronometro
2013:Una tappa al Giro(Cherasco)
Avatar utente
Maìno della Spinetta
Messaggi: 8157
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 15:53

Re: I tapponi

Messaggio da leggere da Maìno della Spinetta »

piccolo san bernardo ha scritto:Altra tappa della quale mi piacerebbe conoscere l'altimetria è quella di Merano del '94, dove scoppiò la stella di Pantani. Ricordo che ci furono 3 salite tutte over 2000 e lunghe, quali il Pennes e il Passo di Monte Giovo ( valichi che il Giro attraversa poco... :uhm: )

et voila
Immagine

Richard ripreso dal Panta, sotto la pioggia, in discesa dal Giovo. Dietro, gli altri....


“Our interest’s on the dangerous edge of things.
The honest thief, the tender murderer, the superstitious atheist”.
Avatar utente
Maìno della Spinetta
Messaggi: 8157
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 15:53

Re: I tapponi

Messaggio da leggere da Maìno della Spinetta »

questa il giorno prima,
con la vittoria di michelino Bartoli,
e un certo Pantani che si avvantaggia sul gruppo (tanto chi e' sto qua?) di circa un minutino

Immagine


“Our interest’s on the dangerous edge of things.
The honest thief, the tender murderer, the superstitious atheist”.
Avatar utente
Maìno della Spinetta
Messaggi: 8157
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 15:53

Re: I tapponi

Messaggio da leggere da Maìno della Spinetta »

questa, invece, il giorno dopo Merano,
la Merano Aprica del 1994.

Immagine


“Our interest’s on the dangerous edge of things.
The honest thief, the tender murderer, the superstitious atheist”.
Avatar utente
piccolo san bernardo
Messaggi: 884
Iscritto il: sabato 19 febbraio 2011, 2:15
Località: La faccia da pazzo psicotico di Peter Sagan (Brindisi)

Re: I tapponi

Messaggio da leggere da piccolo san bernardo »

Maìno della Spinetta ha scritto:
piccolo san bernardo ha scritto:Altra tappa della quale mi piacerebbe conoscere l'altimetria è quella di Merano del '94

et voila
Immagine

Richard ripreso dal Panta, sotto la pioggia, in discesa dal Giovo. Dietro, gli altri....
Ammetto di avere fatto confusione tra questa tappa e quella di Val Senales, qualche anno più tardi. L'erta finale era quella che non mi sovveniva! :hammer: :hammer:


SUCCESSI AL FANTACICLISMO
2009:Giro di Romagna,una tappa alla Vuelta,vincitore classifica sprinter e 3o alla FantaVuelta
2010:Giro del friuli, 5o in classifica generale finale
2012:Campione italiano e mondiale a cronometro
2013:Una tappa al Giro(Cherasco)
Nicker
Messaggi: 1989
Iscritto il: martedì 14 dicembre 2010, 22:12

Re: I tapponi

Messaggio da leggere da Nicker »

FofinhoCR7 ha scritto: E anche la Arabba-Passo Fedaia del 2008 non era male come dislivello, anche se solo di 150 km...
eh si... solo 150 km ma grande tappa... circa 4500 metri di dislivello.
Immagine


"Il bene si fa ma non si dice e sfruttare le disgrazie degli altri per farsi belli è da vigliacchi"
HOTDOG
Messaggi: 1932
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 17:54

Re: I tapponi

Messaggio da leggere da HOTDOG »

riporto Lienz-Merano e Merano-Aprica con il formato corretto:

Immagine
Immagine


HOTDOG
Messaggi: 1932
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 17:54

Re: I tapponi

Messaggio da leggere da HOTDOG »

mentre invece la tappa con Pennes e Giovo era la Trento-Val Senales del 1995 vinta da Rincon:

Immagine


HOTDOG
Messaggi: 1932
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 17:54

Re: I tapponi

Messaggio da leggere da HOTDOG »

sempre a proposito di distacchi riportiamone anche un po' di tapponi del Tour:

LUZ ARDIDEN 1991
1. Claudio Chiappucci
2. Indurain à 1"
3. Bugno à 1'29"
4. Fignon à 2'50"
5. Mottet à 3'53"
6. Hampsten à 6'01"
7. Chozas à 6'24"
8. Boyer à 7'17"
9. LeMond à 7'18"
10. Bernard à 7'38"
11. Rondon à 7'52"
12. Rué à 7'56"
13. Esnault à 9'40"
14. Ruiz-Cabestany à 10'05"
15. Roux à 10'30"
16. Leblanc à 12'36"
17. Herrera à 12'40"
18. Giovannetti à 12'53"
19. Mejia à 12'58"
20. Claveyrolat à 13'17"
21. Theunisse à 14'10"
22. Philipot
23. Delgado
24. Rooks
25. J.Simon
26. Lejarreta
27. Camargo
28. Bourguignon
29. Quevedo
30. Delion

SESTRIERE 1992
1. Claudio Chiappucci
2. Vona à 1'34"
3. Indurain à 1'45"
4. Bugno à 2'53"
5. Hampsten à 3'27"
6. Fignon à 5'51"
7. Theunisse à 7'36"
8. Delgado à 7'51"
9. Rooks
10. Mauleon à 7'53"
11. Millar à 8'17"
12. Heppner à 8'45"
13. Breukink à 8'55"
14. Rué à 9'17"
15. Unzaga à 10'22"
16. Perini à 10'24"
17. Murguialday à 10'27"
18. Roche
19. Bouwmans
20. Vargas
21. Lino à 10'33"
22. Rondon à 10'50"
23. A.Gonzalez à 12'29"
24. Boyer à 12'53"
25. Alcala à 15'28"
26. Chioccioli à 15'34"
27. Espinosa à 16'11"
28. Van de Laer à 16'18"
29. Cepele à 18'00"
30. Ghirotto à 18'36"

LA PLAGNE 1995
1. Alex Zülle (anche se va detto che era in fuga da prima della salita finale)
2. Indurain à 2'02"
3. Tonkov à 4'11"
4. Pantani à 4'37"
5. Gotti
6. Virenque à 6'05"
7. Rominger
8. Lanfranchi
9. Chiappucci
10. Cubino à 6'26"
11. Escartin à 6'33"
12. Dufaux à 6'42"
13. L.Jalabert à 7'29"
14. Mejia à 7'31"
15. Buenahora
16. Madouas
17. Totschnig
18. Mauri
19. Riis à 7'37"
20. Pellicioli à 7'52"
21. Zberg à 9'51"
22. Ekimov à 10'44"
23. Jaskula
24. Breukink à 10'56"
25. Rojas à 11'10"
26. F.Munoz
27. Thibout à 12'07"
28. Aparicio à 12'46"
29. Hamburger
30. Cenghialta à 14'25"

PAMPLONA 1996
1. Laurent Dufaux
2. Riis
3. Virenque à 20"
4. Ullrich
5. Leblanc
6. Ugrumov
7. Escartin
8. Luttenberger
9. Lelli à 8'28"
10. Savoldelli
11. Stephens
12. Rominger à 8'30"
13. Fernandez-Gines
14. Hamburger
15. Guerini
16. Jonker
17. Brochard
18. Bartoli
19. M.Indurain
20. Elli
21. Bolts
22. Olano
23. Piepoli
24. Echave à 20'48"
25. Chiappucci
26. A.Gonzalez
27. Lanfranchi
28. Sorensen
29. Arrieta
30. Vanzella

COURCHEVEL 1997
1. Richard Virenque (Fra)
2. Jan Ullrich (All)
3. Fernando Escartin (Esp) à 47"
4. Laurent Dufaux (Sui) à 1'19"
5. Bjarne Riis (Dan) à 1'24"
6. Marco Pantani (Ita) à 3'06"
7. Francesco Casagrande (Ita) à 3'36"
8. José-Maria Jimenez (Esp) à 3'50"
9. Abraham Olano (Esp)
10. Roberto Conti (Ita) à 4'41"
11. Peter Luttenberger (Aut) à 7'13"
12. Pascal Lino (Fra) à 8'01"
13. Hernan Buenahora (Col) à 10'25"
14. Beat Zberg (Sui) à 10'58"
15. Udo Bolts (All)
16. Oskar Camenzind (Sui) à 11'10"
17. Marco Fincato (Ita) à 12'14"
18. Bobby Julich (Usa)
19. Michael Boogerd (Hol) à 12'57"
20. Christophe Moreau (Fra)
21. Manuel Beltran (Esp) à 13'21"
22. Jean-Cyril Robin (Fra) à 13'51"
23. Stéphane Heulot (Fra)
24. Didier Rous (Fra) à 15'57"
25. Peter Farazijn (Bel) à 16'26"
26. Angel Casero (Esp) à 18'56"
27. Georg Totschnig (Aut) à 21'10"
28. Patrick Jonker (Aus) à 23'00"
29. Anthony Morin (Fra)
30. Andrea Tafi (Ita) à 23'05"

ALPE D'HUEZ 2001
1. Lance Armstrong (Usa)
2. Jan Ullrich (All) à 1'00"
3. Joseba Beloki (Esp) à 1'46"
4. Roberto Heras (Esp)
5. Stefano Garzelli (Ita) à 2'29"
6. Igor Gonzalez Galdeano (Esp) à 2'52"
7. Laurent Jalabert (Fra) à 3'12"
8. Marcos Serrano (Esp) à 3'15"
9. Inigo Chaurreau (Esp) à 3'25"
10. Andrei Kivilev (Kaz) à 4'02"
11. Santiago Botero (Col) à 4'46"
12. Oscar Sevilla (Esp) à 5'46"
13. Francisco Mancebo (Esp) à 6'03"
14. Alexandre Botcharov (Rus)
15. Didier Rous (Fra) à 6'59"
16. Alexandre Vinokourov (Kaz)
17. Michaël Boogerd (Hol) à 7'14"
18. Daniel Atienza (Esp) à 7'29"
19. José-Luis Rubiera (Esp) à 7'42"
20. Giuseppe Guerini (Ita) à 8'59"
21. Leonardo Piepoli (Ita) à 10'39"
22. Thomasz Brozyna (Pol) à 10'59"
23. Félix Garcia-Casas (Esp) à 11'39"
24. Michele Bartoli (Ita)
25. David Etxebarria (Esp)
26. Mario Aerts (Bel)
27. David Moncoutié (Fra) à 11'54"
28. Kevin Livingston (Usa) à 12'42"
29. Denis Menchov (Rus) à 13'10"
30. Steve Vermaut (Bel)

LA TOUSSUIRE 2006 (anche qui Rasmussen aveva iniziato l'ultima salita già in fuga)
1. Michael Rasmussen (Dan)
2. Carlos Sastre (Esp) à 1'41"
3. Oscar Pereiro (Esp) à 1'54"
4. Cadel Evans (Aus) à 1'56"
5. Andreas Klöden (All)
6. Christophe Moreau (Fra) à 2'37"
7. Pietro Caucchioli (Ita)
8. Cyril Dessel (Fra)
9. Levi Leipheimer (Usa) à 3'24"
10. Haimar Zubeldia (Esp) à 3'42"
11. Denis Menchov (Rus)
12. Michael Rogers (Aus)
13. Eddy Mazzoleni (Ita)
14. Damiano Cunego (Ita) à 4'21"
15. Michael Boogerd (Hol) à 6'33"
16. José Azevedo (Por) à 7'55"
17. Marcus Fothen (All) à 8'37"
18. Frank Schleck (Lux)
19. Tadej Valjavec (Slo) à 9'14"
20. Vladimir Karpets (Rus) à 9'40"
21. Patxi Vila (Esp)
22. Axel Merckx (Bel) à 10'04"
23. Floyd Landis (Usa)
24. David Arroyo (Esp)
25. Giuseppe Guerini (Ita) à 11'16"
26. Sylvain Calzati (Fra) à 12'01"
27. Iker Camano (Esp) à 13'16"
28. Stéphane Goubert (Fra) à 14'28"
29. Pierrick Fedrigo (Fra) à 15'19"
30. Matthieu Sprick (Fra) à 15'40"

MORZINE 2006 (idem Landis era in fuga ma ci era andato di forza)
1. Floyd Landis (Usa)
2. Carlos Sastre (Esp) à 5'42"
3. Christophe Moreau (Fra) à 5'58"
4. Damiano Cunego (Ita) à 6'40"
5. Michael Boogerd (Hol) à 7'08"
6. Frank Schleck (Lux)
7. Oscar Pereiro (Esp)
8. Andreas Klöden (All)
9. Haimar Zubeldia (Esp)
10. Cadel Evans (Aus) à 7'20"
11. Michael Rasmussen (Dan) à 7'24"
12. Denis Menchov (Rus)
13. Patrik Sinkewitz (All)
14. Tadej Valjavec (Slo) à 8'37"
15. Giuseppe Guerini (Ita)
16. Cyril Dessel (Fra) à 8'49"
17. José Luis Arrieta (Esp) à 9'27"
18. Marcus Fothen (All)
19. Eddy Mazzoleni (Ita)
20. Marzio Bruseghin (Ita)
21. Pietro Caucchioli (Ita)
22. Michael Rogers (Aus) à 12'34"
23. Patxi Vila (Esp) à 13'37"
24. David De La Fuente (Esp)
25. Cristian Moreni (Ita) à 14'35"
26. Pierrick Fedrigo (Fra) à 15'39"
27. Mikel Astarloza (Esp) à 15'49"
28. David Arroyo (Esp)
29. Salvatore Commesso (Ita) à 17'27"
30. Patrice Halgand (Fra) à 19'53"

dunque Courchevel 1997 tre spanne sopra le altre e in gran parte quei distacchi erano maturati già in cima alla Madeleine


CicloSprint
Messaggi: 6472
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:49

Re: I tapponi

Messaggio da leggere da CicloSprint »

Courchevel 1997 fu qualcosa di mai visto, con 8 Festina in testa sulla Madeleine, qualcuno se la ricorda ?


Avatar utente
Maìno della Spinetta
Messaggi: 8157
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 15:53

Re: I tapponi

Messaggio da leggere da Maìno della Spinetta »

per la gioia di Ciclosprint ecco la breve ma tostissima tappa di Courchevel 1997,
4400 m di dislivello in 148 km

Immagine
(da Raisport)

Queste sono le tappone del Giro 1992, il primo di Michelone,
quello che secondo me era facile, e che tutti mi han dato dietro dicendo che fu un giro durissimo.
Io, riguardando le tappe, son ancora più convinto di quanto dissi,
proprio quel Giro non lo vedo al livello dell'ultimo decennio. 100 km a crono, un arrivo singolo sul Terminillo e Monviso, doppio passaggio sul Bondone (l'ultima dal versante facile) e poi queste due come tappe più dure:

Bassano Corvara, tappa n. 12,
260km, 3400 m di dislivello
Immagine

E la Saint Vincent-Verbania, 19a tappa, 201 km, 3000 m di dislivello
Immagine


“Our interest’s on the dangerous edge of things.
The honest thief, the tender murderer, the superstitious atheist”.
Nicker
Messaggi: 1989
Iscritto il: martedì 14 dicembre 2010, 22:12

Re: I tapponi

Messaggio da leggere da Nicker »

La Francia oltre alle Alpi ha i Pirenei, e noi? beh gli Appennini! che andrebbero sfruttati molto di più...

San Pellegrino in Alpe e Abetone nel Giro 2000, con la volata di Casagrande profeta in patria:
Immagine
Riporto dal vecchio forum il link di un racconto sul San Pellegrino in Alpe fatto da un grande utente di Cicloweb...
http://oldforum.cicloweb.it/viewthread.php?tid=5960


E poi come non citare la Pergola - Monte Petrano del 2009, vinta da Sastre nell'unico vero tappone di quel giro. Tre bellissime salite percorse in una giornata veramente torrida in perfetto stile "Pirenaico" (io ero sul Petrano e mi ricordo ancora le scottature :D ). Ricordo anche che i fuggitivi (Scarponi soprattutto) continuavano ad afferrare dagli spettatori tutte le bottiglie d'acqua che riuscivano a prendere, per poi rovesciarsele addosso...
Immagine


"Il bene si fa ma non si dice e sfruttare le disgrazie degli altri per farsi belli è da vigliacchi"
Avatar utente
cauz.
Messaggi: 13099
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 12:53
Località: milano
Contatta:

Re: I tapponi

Messaggio da leggere da cauz. »

Nicker ha scritto: E poi come non citare la Pergola - Monte Petrano del 2009, vinta da Sastre nell'unico vero tappone di quel giro. Tre bellissime salite percorse in una giornata veramente torrida in perfetto stile "Pirenaico" (io ero sul Petrano e mi ricordo ancora le scottature :D ).
la tappa migliore di un giro disegnato malissimo... ma una tappa davvero splendida, esempio perfetto di "tappone appeninico", per me ce ne vorrebbe uno ogni giro, anche a discapito di una tappa di montagna al nord.


"Il male trionfa sempre, perche' il bene e' stupido" [Lord Casco]
@cauz_ | bidonmagazine.org | confindustrial.noblogs.org
HOTDOG
Messaggi: 1932
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 17:54

Re: I tapponi

Messaggio da leggere da HOTDOG »

Giro 1992, mancavano le salite con grandi pendenze a parte l'Alpe Segletta nella tappa di Verbania posta però lontana dal traguardo anche se ci fu selezione però va detto che a quell'epoca si andava al massimo sul Fedaia o sul Mortirolo e non erano ancora stati scoperti Zoncolan piuttosto che Plan de Corones o anche Pampeago però che non fosse un Giro duro non direi, il Terminillo messo nella prima parte è sempre una salita importante e poi c'era appunto il Monviso, Pila al termine di una tappa di 260 km, la già citata Alpe Segletta in quella di Verbania, il classico tappone dolomitico di Corvara, la Maielletta nella tappa di Sulmona, il Valico di Triangia che è paragonabile se non più duro a Lago Laceno nel finale di quella di Sondrio e poi ovviamente le due crono più il prologo a Genova dove Indurain ha potuto fare la differenza ma quello non influisce sulla durezza del percorso


HOTDOG
Messaggi: 1932
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 17:54

Re: I tapponi

Messaggio da leggere da HOTDOG »

cauz. ha scritto: la tappa migliore di un giro disegnato malissimo... ma una tappa davvero splendida, esempio perfetto di "tappone appeninico", per me ce ne vorrebbe uno ogni giro, anche a discapito di una tappa di montagna al nord.
diciamo che sugli Appennini è difficile trovare tre salite dure consecutive come Catria, Nerone e Petrano proprio per mancanza fisica delle stesse


Avatar utente
nino58
Messaggi: 13035
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 14:38

Re: I tapponi

Messaggio da leggere da nino58 »

HOTDOG ha scritto:
cauz. ha scritto: la tappa migliore di un giro disegnato malissimo... ma una tappa davvero splendida, esempio perfetto di "tappone appeninico", per me ce ne vorrebbe uno ogni giro, anche a discapito di una tappa di montagna al nord.
diciamo che sugli Appennini è difficile trovare tre salite dure consecutive come Catria, Nerone e Petrano proprio per mancanza fisica delle stesse
Neanche tanto.
Nelle Marche, in Abruzzo e in Romagna ne hai quante ne vuoi.
Il problema è più il fondo e la larghezza della sede stradale che non le salite ravvicinate.


Von Rock ? Nein, danke.
Diritto di correre senza condizioni a chi ha scontato una squalifica !!!
Andrew
Messaggi: 396
Iscritto il: venerdì 6 maggio 2011, 14:42

Re: I tapponi

Messaggio da leggere da Andrew »

Maìno della Spinetta ha scritto:questa il giorno prima,
con la vittoria di michelino Bartoli,
e un certo Pantani che si avvantaggia sul gruppo (tanto chi e' sto qua?) di circa un minutino

Immagine
Alla fine il Pramollo non fu affrontato, se non ricordo male per una frana.
Doveva essere il suo esordio al Giro,e quindi rimane a tutt'oggi una salita mai affrontata dal Giro d'Italia


Andrew
Messaggi: 396
Iscritto il: venerdì 6 maggio 2011, 14:42

Re: I tapponi

Messaggio da leggere da Andrew »

Un'altra tappa veramente durissima del Tour 1997 era quella che arrivava ad Andorra Arcalis! Sia come chilometraggio (più di 250 Km.), che come numero di salite!
Qualcuno riesce a postare l'altimetria?


HOTDOG
Messaggi: 1932
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 17:54

Re: I tapponi

Messaggio da leggere da HOTDOG »

Andrew ha scritto:Un'altra tappa veramente durissima del Tour 1997 era quella che arrivava ad Andorra Arcalis! Sia come chilometraggio (più di 250 Km.), che come numero di salite!
Qualcuno riesce a postare l'altimetria?
Immagine


Andrew
Messaggi: 396
Iscritto il: venerdì 6 maggio 2011, 14:42

Re: I tapponi

Messaggio da leggere da Andrew »

HOTDOG ha scritto:
Andrew ha scritto:Un'altra tappa veramente durissima del Tour 1997 era quella che arrivava ad Andorra Arcalis! Sia come chilometraggio (più di 250 Km.), che come numero di salite!
Qualcuno riesce a postare l'altimetria?
Immagine
Grazie!
Da quando seguo il ciclismo, e cioè dai primi anni 90, quella del 1997 è probabilmente l'edizione del Tour più dura che io abbia mai visto.
2 tapponi pirenaici, 3 tapponi alpini, una cronometro con una salita molto dura, più 3 o 4 tappe di media montagna. Un gran bel percorso :clap:


CicloSprint
Messaggi: 6472
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:49

Re: I tapponi

Messaggio da leggere da CicloSprint »

HOTDOG ha scritto:
cauz. ha scritto: la tappa migliore di un giro disegnato malissimo... ma una tappa davvero splendida, esempio perfetto di "tappone appeninico", per me ce ne vorrebbe uno ogni giro, anche a discapito di una tappa di montagna al nord.
diciamo che sugli Appennini è difficile trovare tre salite dure consecutive come Catria, Nerone e Petrano proprio per mancanza fisica delle stesse
E la discesa in sterrato del Catria ?


Avatar utente
Camoscio madonita
Messaggi: 3566
Iscritto il: sabato 11 dicembre 2010, 15:30

Re: I tapponi

Messaggio da leggere da Camoscio madonita »

cauz. ha scritto:
Nicker ha scritto: E poi come non citare la Pergola - Monte Petrano del 2009, vinta da Sastre nell'unico vero tappone di quel giro. Tre bellissime salite percorse in una giornata veramente torrida in perfetto stile "Pirenaico" (io ero sul Petrano e mi ricordo ancora le scottature :D ).
la tappa migliore di un giro disegnato malissimo... ma una tappa davvero splendida, esempio perfetto di "tappone appeninico", per me ce ne vorrebbe uno ogni giro, anche a discapito di una tappa di montagna al nord.
Concordo pienamente!
E di percorsi ce ne sarebbero diversi tipi anche con 2-3 salite se non consecutive, molto vicine.
Vari esempi:
-Abruzzo, zona Maiella (Blockhaus per intenderci)...lì verrebrò arrivi spettacolari, facendo magari prima il passo lanciano da Guardiagrele, scendere a manopello e risalire a Roccamorice per il durissimo versante del Blockhaus che parte appunto da Roccamorice.
- attorno al Monte Amiata, montagna da troppo tempo (anni '70) dimenticata dal Giro;
-Appenino Tosco-Romagnolo, con diversi passi (La Calla, Monte Falterona) prima del micidiale Cippo di Carpegna (anche questa salita da rivalutare)
- la Sicilia con l'Etna: pensate che se l'anno scorso subito dopo la prima salita avrebbero girato da Zafferana in direzione Etna Contador avrebbe fatto ancora più sfracelli: quel versante è di 16 km all' 8%...più duro dell'Alpe d'Huez per intenderci,
- e dulcis in fundo la Garfagnana col mitico San Pellegrino in Alpe, una delle salite più belle ed impegnative degli Appennini e che non torna al Giro dal 2000.

Ci sarebbero poi altre zone bellissime nel sud: la Sila con la lunghissima salita del Monte Scuro già affrontata in epoca Merckx-Gimondi, il Pollino tra Calabria e Basilicata con belle salite sconosciute al ciclismo (fatta eccezione del "falsopiano" di Campotenese e della facile salita al Monte Sirino), le salite tra Campania e Molise, e così via...ci sarebbero centinaia di esempi ;)

y


Quando ero piccolo mi innamoravo di tutto, ma il primo vero amore non si scorda mai: Merano-Aprica, 5 giugno 1994.
CicloSprint
Messaggi: 6472
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:49

Re: I tapponi

Messaggio da leggere da CicloSprint »

Monte Scuro manca dal 1985, Campotenese è stato arrivo di tappa nel 1980.


Avatar utente
Spartacus
Messaggi: 2421
Iscritto il: sabato 22 gennaio 2011, 18:36

Re: I tapponi

Messaggio da leggere da Spartacus »

un tappone che nessuno (mi pare) abbia citato fu anche questo:

Immagine


Avatar utente
robot1
Messaggi: 1123
Iscritto il: lunedì 27 dicembre 2010, 19:46

Re: I tapponi

Messaggio da leggere da robot1 »

Camoscio madonita ha scritto: E di percorsi ce ne sarebbero diversi tipi anche con 2-3 salite se non consecutive, molto vicine.
A differenza del Tour, che vive di un dualismo "egualitario" tra Alpi e Pirenei, in Italia (suppongo per motivi "economico/culturali/tradizionalistici/... fate voi") il Giro deve decidersi sulle Alpi, che sono "le montagne" per eccellenza.
E, sinceramente, non so se avere un certo tipo di alternanza possa far bene al giro, considerando anche la diversa "tipologia" di salita tra Alpi e Appennini. Però suppongo che molte località delle Alpi che sganciano :dollar: non sarebbero contente di passare in secondo piano.


Un giorno potremo raccontare ai nipotini che noi siamo stati fortunati a veder correre Sagan
jumbo
Messaggi: 6897
Iscritto il: sabato 1 ottobre 2011, 10:42

Re: I tapponi

Messaggio da leggere da jumbo »

si può trovare terreno propizio per tappe decisive in alcune zone degli appennini, ma indubbiamente sulle alpi si trova più facilmente. credo che il motivo per cui il giro si decide sulle alpi sia essenzialmente questo, unito certamente anche a fattori economici.


Nicker
Messaggi: 1989
Iscritto il: martedì 14 dicembre 2010, 22:12

Re: I tapponi

Messaggio da leggere da Nicker »

Per come la vedo io, non ci deve essere nessun dualismo tra Alpi e Appennini... e il giro continuerà sempre a decidersi sulle Alpi. Però occhio che gli Appennini non sono solamente le solite tappe facili con un'unica salita finale come quelle classiche di Montevergine o il Terminillo... Ogni tanto gli organizzatori possono anche inserire qualche tappa Appenninica un po più spinta perchè le possibilità ci sono...

Se volessero per esempio fare un giro dei Sibillini, verrebbe fuori proprio un bel tappone, magari concludendosi con un doppio Sassotetto (mettendo però come ascesa finale quella di San Liberato, salita mai affrontata dalla Tirreno, ma con 3 km al 12%...):
Immagine

E oltre alle Marche, c'è l'Abruzzo, l'Emila, la Toscana, la Calabria, ecc ecc


"Il bene si fa ma non si dice e sfruttare le disgrazie degli altri per farsi belli è da vigliacchi"
Nicker
Messaggi: 1989
Iscritto il: martedì 14 dicembre 2010, 22:12

Re: I tapponi

Messaggio da leggere da Nicker »

Un percorso che potrebbe entrare nell'elenco dei tapponi è quello dell'accappiata Crostis-Zoncolan, forse non come dislivello ma penso che gli ultimi 50 km di quella tappa sarebbero stati qualcosa di mai visto (Crostis, panoramica delle vette, discesona e Zoncolan tanto per gradire :shock: ). Ma come sappiamo il Crostis saltò...
Immagine


Per la serie di tappe che saltarono, eccone un'altra che spero venga riproposta prima o poi...
Immagine


"Il bene si fa ma non si dice e sfruttare le disgrazie degli altri per farsi belli è da vigliacchi"
Avatar utente
Maìno della Spinetta
Messaggi: 8157
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 15:53

Re: I tapponi

Messaggio da leggere da Maìno della Spinetta »

i due tapponi del Giro di Indurain del 1993.
Quel Giro non aveva tapponi appenninici, ma aveva una striscia di tappe difficili ma non impossibili come gli arrivi ad Asiago (salita singola), poi a Corvara dopo il passo Erbe (salita tosta, ma poi tanta pianura) prima del tappone di Corvara, quello dove Chiappucci attacco' e riattacco' prima di riuscire a vincere solo allunganod in discesa

4200 m. il dislivello.
Immagine


Poi la tappa con arrivo in salita a Chianale (arrivo singolo abba semplice), una tappa semplice e la lunga crono fino a sestriere.
Penultima tappa,

l'arrivo a Oropa, quando Ugrumov mise in difficolta' Indurain.

Immagine


“Our interest’s on the dangerous edge of things.
The honest thief, the tender murderer, the superstitious atheist”.
HOTDOG
Messaggi: 1932
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 17:54

Re: I tapponi

Messaggio da leggere da HOTDOG »

ehm...scusate ma mettere le immagini in modo che stiano nella pagina no?


Admin
Messaggi: 14587
Iscritto il: domenica 21 giugno 2009, 22:48

Re: I tapponi

Messaggio da leggere da Admin »

Andrew ha scritto:Alla fine il Pramollo non fu affrontato, se non ricordo male per una frana.
Doveva essere il suo esordio al Giro,e quindi rimane a tutt'oggi una salita mai affrontata dal Giro d'Italia
Ricordo che sullo speciale della Gazzetta in cui si presentavano le tappe, Francesco Moser (si parla molto di lui :D ) commentò scrivendo "il Pramollo, a dispetto del nome, è una salita molto dura". :D

Ps: sicuri che il tappone di Corvara fosse nello stesso Giro di Pila e Verbania? Non l'anno successivo? ("Potresti controllare", mi risponderete...) :crazy:


Pantani è una leggenda come Coppi e Bartali
Admin
Messaggi: 14587
Iscritto il: domenica 21 giugno 2009, 22:48

Re: I tapponi

Messaggio da leggere da Admin »

Maìno della Spinetta ha scritto:tappone di Corvara, quello dove Chiappucci attacco' e riattacco' prima di riuscire a vincere solo allunganod in discesa
Non fu una volata a 5?


Pantani è una leggenda come Coppi e Bartali
Andrew
Messaggi: 396
Iscritto il: venerdì 6 maggio 2011, 14:42

Re: I tapponi

Messaggio da leggere da Andrew »

Admin ha scritto:
Andrew ha scritto: Ps: sicuri che il tappone di Corvara fosse nello stesso Giro di Pila e Verbania? Non l'anno successivo? ("Potresti controllare", mi risponderete...) :crazy:
I tapponi di Pila e Verbania erano nel 1992.
Quello di Corvara era nel 1993.


HOTDOG
Messaggi: 1932
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 17:54

Re: I tapponi

Messaggio da leggere da HOTDOG »

proprio oggi comprando Sportweek meditavo sul confronto stridente tra lo speciale del Giro di quest'anno e appunto quelli dei primi anni '90 presentati da Moser e per fortuna c'è la guida di BS che è di alto livello, nel Giro 1992 si arrivava a Corvara il giorno prima del Bondone affrontando Forcella Staulanza e Giau (sul quale si ebbe la crisi di Fignon che arrivò a Corvara quartultimo a 44'06'' di ritardo e sul quale non si tornò più fino al 2007) dallo stesso versante di quest'anno nella tappa di Cortina e Falzarego/Valparola al contrario dal versante opposto:

Immagine


questa fu la classifica di quel giorno:

VONA 0''
INDURAIN M. 3''
CHIAPPUCCI 3''
GIOVANNETTI 3''
CHIOCCIOLI 12''
CORNILLET 12''
GIUPPONI 12''
LELLI 17''
HAMPSTEN 37''
SIERRA L. 52''
CONTI 55''
MARTINEZ J. 1'02''
HERRERA 1'17''
SETTEMBRINI 1'29''
LEDANOIS 1'39''
RODRIGUEZ N. 3'55''
AMPLER 3'55''
TONKOV 3'55''
GONZ.ARRIETA 3'55''
ZAINA 4'01''
LEALI 4'01''
VANZELLA 4'40''
GOTTI 4'58''
VOLPI 4'58''
FURLAN G. 5'13''
FUCHS 5'13''
GHIROTTO 5'13''
GAINETDINOV 6'35''
PERONA 6'51''
RICHARD 6'58''


HOTDOG
Messaggi: 1932
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 17:54

Re: I tapponi

Messaggio da leggere da HOTDOG »

mentre invece questa è la tappa di Isola 2000 del Tour 1993 (fonte emeroteca on line di ElMundoDeportivo) in cui si scalavano Izoard, Vars, Bonette-Restefond e appunto Isola 2000 che altro non è che la Lombarda affrontata dal versante francese e depurata degli ultimi km così come Sant'Anna di Vinadio altro non è che la Lombarda affrontata dal versante italiano, la tappa fu famosa per la fuga di Cassani che in maglia a pois passò primo sul Vars per poi andare in crisi e arrivare ultimo di poco dentro al tempo massimo:

Immagine

e questa la classifica di quel giorno:



1. Tony Rominger
2. M.Indurain
3. Chiappucci à 13"
4. Jaskula à 15"
5. Mejia
6. Riis à 31"
7. Millar à 1'00"
8. Rincon à 2'56"
9. Hampsten à 3'06"
10. R.Conti à 3'22"
11. Delgado à 4'19"
12. Unzaga à 4'34"
13. Echave à 5'23"
14. Rondon à 5'33"
15. A.Martin à 6'39"
16. Dojwa à 6'57"
17. Madouas à 9'33"
18. Breukink à 9'47"
19. Bölts à 10'07"
20. Gonzalez-Arrieta à 11'21"
21. Vona à 11'51"
22. Bourguignon à 11'59"
23. Elli
24. Virenque à 12'51"
25. Hamburger
26. Caritoux
27. Mauleon
28. Bruyneel
29. Poulnikov
30. Roche


Avatar utente
cauz.
Messaggi: 13099
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 12:53
Località: milano
Contatta:

Re: I tapponi

Messaggio da leggere da cauz. »

i due tapponi di corvara qua sopra... :clap:


"Il male trionfa sempre, perche' il bene e' stupido" [Lord Casco]
@cauz_ | bidonmagazine.org | confindustrial.noblogs.org
Avatar utente
Maìno della Spinetta
Messaggi: 8157
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 15:53

Re: I tapponi

Messaggio da leggere da Maìno della Spinetta »

HOTDOG ha scritto:ehm...scusate ma mettere le immagini in modo che stiano nella pagina no?
nel mio computer ci stanno abbondantemente,
forse tu le guardi su portatile che ha un adattamento allo schermo diverso. Se fai ctrl - le dovresti vedere meglio,
comunque proverò a ridimensionarle più piccole.

@Admin, sì, Chiappucci vinse in gruppetto, volevo dire che provò ad attaccare in discesa.


“Our interest’s on the dangerous edge of things.
The honest thief, the tender murderer, the superstitious atheist”.
Avatar utente
Maìno della Spinetta
Messaggi: 8157
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 15:53

Re: I tapponi

Messaggio da leggere da Maìno della Spinetta »

Il giro del 1994 non ha bisogno di troppe presentazioni, quindi qualche cosa in più di un paio di tappe la posterò.
Fu un vero Giro nazional-popolare per diverse ragioni.
Nelle prime tappe ci furono le fiammate a Osimo e Loreto Aprutino di Argentin e Bugno,
due campioncini non più verdi ma amatissimi, soprattutto il secondo.

Poi l'arrivo di campitello matese, non durissimo, ma "il russo dell'oltrepò", Berzin, staccà di netto Miguelon,
Immagine

La crono di Follonica, e la sfida tra Berzin e Miguelon che diventa ancora più bella.
il Biscione ha i diritti per la corsa, il leit motiv è chiaro: finalmente l'imperatore dei grandi giri, il dominatore di tanti Giri e Tours, ha un degno avversario.
Le strade si riempiono di appassionati, e sul più bello, un giovane italiano attacca in discesa buttando il sedere sulla ruota posteriore per riprendere Richard, in discesa dal Giovo
15 tappa, 235 km, circa 5000 m di dislivello (maldistribuiti, tutti nella parte centrale), 7 ore in sella alla media di 30 km all'ora:
Immagine

poi la 16 tappa, su cui già si è detto e postato molto:
Immagine

la cronoscalata mista del Bocco, dal lato duro del monte Ghiffi, non cambiò nulla,
e quindi si arrivò in Piemonte, dove Marco tentò la follia, attaccando sull'Agnello.
Il vento poi lo fece desistere, ma almeno ci aveva provato:

21a tappa, 206 km, 3500 m di dislivello, maldistribuiti, con le salite più dure all'nizio (ricordo ARgentin che tirava il gruppo per Berzin), il Lautaret nel mezzo, e una salita finale che in qualche anno sarebbe diventata teatro della vittoria al Tour del Nostro (e non intendo JH).
Immagine

infine, la 22 tappa, 121 km brevissimi, in cui Pantani non tentò attacchi importanti. Troppo leggere le pendenze, troppo solido il russo.
Immagine
A Milano il podio fu Berzin, Pantani, Miguelon.

Giro molto duro, ben tracciato perché equilibrato, con tatte tappe tormentate e delle belle tappe di montagna, ma che a parte il Santa Cristina non aveva altre salite dure vicino al traguardo. Se invece di due tappe simili come quella di Les Deux Alpes e Sestriere ci fosse stata una salitaccia ci saremmo divertiti anche di più (le tre tappe di Cortina, col Giau dal versante duro, Pampeago (col giro della morte) e lo stelvio - col mortirolo prima- son ben altra cosa).

Preview, Tour 1994:


“Our interest’s on the dangerous edge of things.
The honest thief, the tender murderer, the superstitious atheist”.
CicloSprint
Messaggi: 6472
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:49

Re: I tapponi

Messaggio da leggere da CicloSprint »

La tappa del Sestriere corsa con la neve...


Avatar utente
Maìno della Spinetta
Messaggi: 8157
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 15:53

Re: I tapponi

Messaggio da leggere da Maìno della Spinetta »

CicloSprint ha scritto:La tappa del Sestriere corsa con la neve...
non ricordo esattamente, non so perché mi ricordo che fecero solo una delle due scalate previste,
ricordo male?


“Our interest’s on the dangerous edge of things.
The honest thief, the tender murderer, the superstitious atheist”.
HOTDOG
Messaggi: 1932
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 17:54

Re: I tapponi

Messaggio da leggere da HOTDOG »

aggiungiamo che il tracciato originario del Giro 1994 era diverso, prevedendo tra l'altro una cronoscalata al Bondone invece che al Bocco, e fu modificato dopo le anticipazioni di Beppe Conti su Tuttosport, ecco come doveva essere:

Immagine


CicloSprint
Messaggi: 6472
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:49

Re: I tapponi

Messaggio da leggere da CicloSprint »

Poi il cambio di percorso dopo le anticipazioni di Conti, permisero di fare lo Stelvio con il sole, se lo Stelvio si fosse stato l' 11 giugno, ci sarebbe stata la neve e veniva tagliato.


galibier98
Messaggi: 286
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 21:14

Re: I tapponi

Messaggio da leggere da galibier98 »

Maìno della Spinetta ha scritto:
non ricordo esattamente, non so perché mi ricordo che fecero solo una delle due scalate previste,
ricordo male?
no le fecero tette e due, si corse sotto la neve e ci fu una specie d'armistizio tra i corridori di classifica: arrivarono senza darsi battaglia ;)


Admin
Messaggi: 14587
Iscritto il: domenica 21 giugno 2009, 22:48

Re: I tapponi

Messaggio da leggere da Admin »

galibier98 ha scritto:
Maìno della Spinetta ha scritto:
non ricordo esattamente, non so perché mi ricordo che fecero solo una delle due scalate previste,
ricordo male?
no le fecero tette e due, si corse sotto la neve e ci fu una specie d'armistizio tra i corridori di classifica: arrivarono senza darsi battaglia ;)
Della serie: De Luca fa scuola :diavoletto: :diavoletto:


Pantani è una leggenda come Coppi e Bartali
galibier98
Messaggi: 286
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 21:14

Re: I tapponi

Messaggio da leggere da galibier98 »

Admin ha scritto:
galibier98 ha scritto:
Maìno della Spinetta ha scritto:
non ricordo esattamente, non so perché mi ricordo che fecero solo una delle due scalate previste,
ricordo male?
no le fecero tette e due, si corse sotto la neve e ci fu una specie d'armistizio tra i corridori di classifica: arrivarono senza darsi battaglia ;)
Della serie: De Luca fa scuola :diavoletto: :diavoletto:
me ne sono accorto in ritardo mi faceva fatica correggere!
Comunque, tornando seri, a memoria credo che dal punto di vista delle montagne il tour più duro sia stato quello del '94...peccato che Marco arrivò alla prima tappa dura cioè quella di Lourdes Hautacam con più di dieci minuti di ritardo! C'era arrivo in salita a Lourdes, come detto; tappone pirenaico con arrivo a Luz Ardiden; tappa col Ventoux a 40 dall'arrivo. Poi sulle Alpi: arrivo all'Alpe d'Huez, arrivo sempre in salita a Val Thorens, tappa di Cluses con diverse salite, cronoscalata con arrivo ad Avoriaz. Quindi sette tappe di alta montagna.


Avatar utente
Maìno della Spinetta
Messaggi: 8157
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 15:53

Re: I tapponi

Messaggio da leggere da Maìno della Spinetta »

galibier98 ha scritto:
Maìno della Spinetta ha scritto:
non ricordo esattamente, non so perché mi ricordo che fecero solo una delle due scalate previste,
ricordo male?
no le fecero tette e due, si corse sotto la neve e ci fu una specie d'armistizio tra i corridori di classifica: arrivarono senza darsi battaglia ;)
Ah ecco, per questo nessuno, nemmeno Marco, andò in figa


“Our interest’s on the dangerous edge of things.
The honest thief, the tender murderer, the superstitious atheist”.
Avatar utente
Maìno della Spinetta
Messaggi: 8157
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 15:53

Re: I tapponi

Messaggio da leggere da Maìno della Spinetta »

Quest'anno Val di Martello e Tre Cime hanno la palma delle tampone.
Un gradino sotto il dí del Galibier


“Our interest’s on the dangerous edge of things.
The honest thief, the tender murderer, the superstitious atheist”.
Avatar utente
Camoscio madonita
Messaggi: 3566
Iscritto il: sabato 11 dicembre 2010, 15:30

Re: I tapponi

Messaggio da leggere da Camoscio madonita »

Maìno della Spinetta ha scritto:Quest'anno Val di Martello e Tre Cime hanno la palma delle tampone.
Un gradino sotto il dí del Galibier
Il "tampone" di cloroformio per addormentarsi? :diavoletto:

Il tappone di Val Martello nonostante il chilometraggio penso sia storico...3 salite sopra i 2000 di cui 2 sopra i 2600, lunghissime e dure nello spazio di 140 km!


Quando ero piccolo mi innamoravo di tutto, ma il primo vero amore non si scorda mai: Merano-Aprica, 5 giugno 1994.
Rispondi