Calcio italiano e internazionale

Dove discutere di altri sport e di tutto il resto
Avatar utente
lemond
Messaggi: 19603
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:52
Località: Firenze

Re: Calcio italiano e internazionale

Messaggio da leggere da lemond »

albopaxo ha scritto: sabato 13 agosto 2022, 17:45 Il 25 c'è la sosta per quell'inutile competizione partorita da ceferin...
A questo punto era più logico anticipare tutto di 1 settimana e nel weekend prima del mondiale fare queste partite inutili...
Ma anche prima di questa competizione le soste per le nazionali c'erano, solo si chiamavano amichevoli, per cui Ceferin non ha fatto male a cambiare la denominazione. Ciò che non cambia mai invece è che al Milan i rigori non si negano mai! Anno nuovo metodo vecchio, anche se l'arbitro non ha colpa, ma il regolamento sì, perché fa prescindere la massima punizione dal fatto che in area ci sia un'azione pericolosa o no e quindi "alea semper dominatur". :x


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
i barbieri il lunedì :bll:

"Per principio rifiuto di sottopormi a questi controlli. Non sono ostile alla lotta al doping, che ritengo indispensabile tra i dilettanti, ma nel caso di professionisti è differente.

"io non mi sento italiano, ma per la lingua ... lo sono." :)
Avatar utente
udra
Messaggi: 11638
Iscritto il: mercoledì 1 ottobre 2014, 11:29

Re: Calcio italiano e internazionale

Messaggio da leggere da udra »

Erano 8 mesi, su per giù, che il Milan non riceveva un rigore a suo favore, giusto per mettere le cose nella prospettiva corretta


Avatar utente
Fragonard
Messaggi: 1484
Iscritto il: domenica 10 luglio 2022, 5:05

Re: Calcio italiano e internazionale

Messaggio da leggere da Fragonard »

Uwe Seeler (5 novembre 1936 - 21 luglio 2022). Centravanti dal fisico minuto ma tozzo, fu autore di una carriera particolarmente longeva, durata quasi vent'anni. Una carriera spesa esclusivamente nelle file dell'Amburgo (con una curiosa esperienza irlandese nel 1978 quando si era già ritirato da qualche anno e venne ingaggiato dal Cork Celtic per una partita di campionato, spacciatagli come match tra vecchie glorie, in cui riuscì ugualmente nonostante i 41 anni suonati a segnare una doppietta). Per anni fu attaccante rapido e potente, in grado di andare in gol in ogni maniera possibile. A coronamento della carriera gli mancò quel titolo mondiale che la Germania Ovest seppe conquistare nel 1974, quando lui aveva da poco concluso l'attività, terminando secondo nel 1966 (la finale resa celebre dal gol fantasma di Geoffrey Hurst) e terzo nel 1970, quando la finale gli fu negata dallo storico 4-3 dell'Italia, in cui propiziò il gol del 3-3 di Gerd Müller).
Impressionanti le sue cifre: 404 gol in 476 partite di campionato, 43 in 72 partite con la Germania Ovest, di cui è stato il più giovane debuttante di sempre, 550 gol in 664 partite ufficiali.

Immagine


Winter
Messaggi: 22898
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Re: Calcio italiano e internazionale

Messaggio da leggere da Winter »

udra ha scritto: domenica 14 agosto 2022, 11:15 Erano 8 mesi, su per giù, che il Milan non riceveva un rigore a suo favore, giusto per mettere le cose nella prospettiva corretta
Carlo fa a posta a stuzzicarvi


Cthulhu
Messaggi: 3235
Iscritto il: martedì 11 ottobre 2011, 21:36

Re: Calcio italiano e internazionale

Messaggio da leggere da Cthulhu »



Cthulhu
Messaggi: 3235
Iscritto il: martedì 11 ottobre 2011, 21:36

Re: Calcio italiano e internazionale

Messaggio da leggere da Cthulhu »

udra ha scritto: domenica 14 agosto 2022, 11:15 Erano 8 mesi, su per giù, che il Milan non riceveva un rigore a suo favore, giusto per mettere le cose nella prospettiva corretta
28 rigori a favore nelle ultime due stagioni, giusto per mettere le cose nella prospettiva corretta


Avatar utente
Beppugrillo
Messaggi: 2751
Iscritto il: martedì 4 settembre 2018, 6:41

Re: Calcio italiano e internazionale

Messaggio da leggere da Beppugrillo »

Mamma mia la partita di ieri che incubo. Tra l'altro da simpatizzante di Juventus e Manchester United questo "scambio" Pogba-Rabiot è la cosa più frustrante di tutte, due giocatori apatici, decisivi in una partita su dieci e dannosi nelle altre nove. Invece di liberarmene me li trovo a maglie invertite.

Intanto Dazn imbarazzante


albopaxo
Messaggi: 1746
Iscritto il: mercoledì 26 ottobre 2016, 8:31

Re: Calcio italiano e internazionale

Messaggio da leggere da albopaxo »

Dazn uccide il calcio.. non la pirateria


Giro 2017: tappe 3 e 18
Giro 2018: tappa 17
Vuelta 2017: tappa 11
Tour de Yorkshire 2018
Tour2020: tappe 3 e 11
Tour2020: Classifica Generale
Tour2022: tappa 18
Avatar utente
robot1
Messaggi: 1333
Iscritto il: lunedì 27 dicembre 2010, 19:46

Re: Calcio italiano e internazionale

Messaggio da leggere da robot1 »

Sono due giorni che non riesco a vedere il calcio con Dazn.
È un servizio vergognoso. Ed il problema è che non imparano dai loro errori


Un giorno potremo raccontare ai nipotini che noi siamo stati fortunati a veder correre Sagan
Cthulhu
Messaggi: 3235
Iscritto il: martedì 11 ottobre 2011, 21:36

Re: Calcio italiano e internazionale

Messaggio da leggere da Cthulhu »

robot1 ha scritto: domenica 14 agosto 2022, 21:40 Sono due giorni che non riesco a vedere il calcio con Dazn.
È un servizio vergognoso. Ed il problema è che non imparano dai loro errori
Nemmeno voi dai vostri, visto che continuate a pagarli...


Gimbatbu
Messaggi: 6349
Iscritto il: mercoledì 19 aprile 2017, 17:42

Re: Calcio italiano e internazionale

Messaggio da leggere da Gimbatbu »

Cthulhu ha scritto: domenica 14 agosto 2022, 22:04
robot1 ha scritto: domenica 14 agosto 2022, 21:40 Sono due giorni che non riesco a vedere il calcio con Dazn.
È un servizio vergognoso. Ed il problema è che non imparano dai loro errori
Nemmeno voi dai vostri, visto che continuate a pagarli...
È una delle rare cose intelligenti che ho fatto in vita mia. Alla fine dello scorso campionato ho disdetto tutto !


Avatar utente
Fragonard
Messaggi: 1484
Iscritto il: domenica 10 luglio 2022, 5:05

Re: Calcio italiano e internazionale

Messaggio da leggere da Fragonard »

La conoscete l'incredibile e grottesca storia di Luis Silvio Danuello?

Ecco, comincio a credere che quella di Ionut Radu abbia molte cose in comune con quella :diavoletto: :diavoletto: .


Gimbatbu
Messaggi: 6349
Iscritto il: mercoledì 19 aprile 2017, 17:42

Re: Calcio italiano e internazionale

Messaggio da leggere da Gimbatbu »

Fragonard ha scritto: lunedì 15 agosto 2022, 0:10 La conoscete l'incredibile e grottesca storia di Luis Silvio Danuello?

Ecco, comincio a credere che quella di Ionut Radu abbia molte cose in comune con quella :diavoletto: :diavoletto: .
:crazy: il cameriere che (non) giocò con la Pistoiese.


Avatar utente
Bitossi
Messaggi: 4391
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 12:41
Località: Milano

Re: Calcio italiano e internazionale

Messaggio da leggere da Bitossi »

Che Luis Silvio non fosse così scarsone lo sapete, vero? ;)
Fu semplicemente un acquisto per un ruolo sbagliato: un’ala destra scambiata per un centravanti/punta, a causa di fraintendimenti con la lingua portoghese.
Era il solito brasileiro di discreta se non buona tecnica, tendenzialmente indolente come decine, forse centinaia di suoi connazionali. Ricordo che in Brasile mi dicevano che durante i Mondiali o altre competizioni internazionali, oltre al fatto che molti nazionali giocavano come oggi all’estero, i campionati federali continuavano (non so se è lo stesso adesso), ma il livello tecnico non ne soffriva.
Comunque il tutto depone contro l’improvvisazione degli osservatori italiani dell’epoca: l’avran visto giocare almeno una volta, no? Ed anche se aveva segnato dei gol, come mi pare fosse successo, non ci voleva molto a capirne le caratteristiche. E poi procuratevi un interprete, invece di confidare nella similitudine delle lingue neolatine! :boh:
(Me li vedo, tipo gli italiani che vanno in Spagna e credono basti mettere una ‘s’ alla fine delle parole italiane… :diavoletto: )


Immagine
Ringrazio la mia mamma per avermi fatto studiare da ciclista
Avatar utente
lemond
Messaggi: 19603
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:52
Località: Firenze

Re: Calcio italiano e internazionale

Messaggio da leggere da lemond »

Bitossi ha scritto: lunedì 15 agosto 2022, 9:05 (Me li vedo, tipo gli italiani che vanno in Spagna e credono basti mettere una ‘s’ alla fine delle parole italiane… :diavoletto: )
:crazy: :diavoletto: :crazy: :clap:


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
i barbieri il lunedì :bll:

"Per principio rifiuto di sottopormi a questi controlli. Non sono ostile alla lotta al doping, che ritengo indispensabile tra i dilettanti, ma nel caso di professionisti è differente.

"io non mi sento italiano, ma per la lingua ... lo sono." :)
Avatar utente
Fragonard
Messaggi: 1484
Iscritto il: domenica 10 luglio 2022, 5:05

Re: Calcio italiano e internazionale

Messaggio da leggere da Fragonard »

Bitossi ha scritto: lunedì 15 agosto 2022, 9:05 Che Luis Silvio non fosse così scarsone lo sapete, vero? ;)
Fu semplicemente un acquisto per un ruolo sbagliato: un’ala destra scambiata per un centravanti/punta, a causa di fraintendimenti con la lingua portoghese.
Era il solito brasileiro di discreta se non buona tecnica, tendenzialmente indolente come decine, forse centinaia di suoi connazionali. Ricordo che in Brasile mi dicevano che durante i Mondiali o altre competizioni internazionali, oltre al fatto che molti nazionali giocavano come oggi all’estero, i campionati federali continuavano (non so se è lo stesso adesso), ma il livello tecnico non ne soffriva.
Comunque il tutto depone contro l’improvvisazione degli osservatori italiani dell’epoca: l’avran visto giocare almeno una volta, no? Ed anche se aveva segnato dei gol, come mi pare fosse successo, non ci voleva molto a capirne le caratteristiche. E poi procuratevi un interprete, invece di confidare nella similitudine delle lingue neolatine! :boh:
(Me li vedo, tipo gli italiani che vanno in Spagna e credono basti mettere una ‘s’ alla fine delle parole italiane… :diavoletto: )
Esatto :) sul povero brasiliano sono circolate un sacco di leggende metropolitane (chi diceva facesse il gelataio addirittura nel bar nei pressi dello stadio di Pistoia, chi il cameriere, chi non so cos'altro), compresa quella che lo volle acquistato dopo essere stato visionato in una sorta di torneo rionale in una qualche favela brasiliana. Non a caso quella vicenda, stimolata dalla riapertura delle frontiere nel calciomercato ad inizio anni Ottanta, che finì per creare il mito e la moda del brasiliano fortissimo, ispirò anche alcune celebri scene de "L'allenatore nel pallone", compresi gli equivoci verbali: Andrea Roncato nelle vesti d'improbabile procuratore che si reca con Lino Banfi a Rio de Janeiro alla ricerca dell'asso brasiliano da portare in Italia, con Socrates come uno dei papabili (e con la celebre gag del medico, ispirata anche dal fatto che il calciatore avesse realmente una laurea in medicina) ed invece con l'epilogo che porta a scoprire e acquistare Aristoteles in una divertente affinità filosofica :D :D :D (scoperto proprio in un torneo di strada per ragazzi). Così pure altri equivoci linguistici (la telefonata di Oronzo Canà alla moglie Mara, effettuata proprio all'interno del Maracanà oppure i famosi "fratelli di latte" di Gigi Sammarchi che in realtà erano "fratelli di Lecce" :D :D :D ). Come pure pochissimi anni dopo uscì anche l'altro film che vedeva Alvaro Vitali assumere le sembianze di Paulo Roberto Cotechinho, implacabile puntero brasiliano.

Insomma la vicenda di Luis Silvio alla fine creò un risvolto pittoresco e a suo modo romantico su quell'unica stagione in massima serie della Pistoiese, squadra in cui militavano anche Marcello Lippi e Mauro Frustalupi ormai a fine carriera e che, nonostante il pessimo campionato, si tolse la soddisfazione di una storica vittoria nel derby con la Fiorentina. Luis Silvio giocò appena 6 partite in un ruolo che non aveva mai ricoperto (quello del centravanti appunto) e la porta non la vide proprio mai, tanto da divenire il perfetto archetipo del bidone straniero.

Ho voluto rievocare questa vicenda un po' per ricordarla assieme a chi quei tempi li aveva vissuti davvero, un po' perché Ionut Radu (che però dal popolo milanista godrà sempre di stima infinita :diavoletto: :diavoletto: ) a volte pare davvero un portiere messo lì per caso, giacché mi ricordo suoi errori vistosi già quando giocava nel Genoa (mi pare che l'avesse ricordato anche cauz in passato). Onestamente una serie di papere così clamorose qui nel nostro campionato la ricordo poche volte, qualcosa di paragonabile credo che l'avesse realizzata Goecoechea, il portiere uruguaiano dell'ultima Roma di Zeman che non ci mise molto a diventare il peggior numero 1 ad aver mai difeso la porta giallorossa.


dietzen
Messaggi: 7628
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 21:19

Re: Calcio italiano e internazionale

Messaggio da leggere da dietzen »

Bitossi ha scritto: lunedì 15 agosto 2022, 9:05 Che Luis Silvio non fosse così scarsone lo sapete, vero? ;)
Fu semplicemente un acquisto per un ruolo sbagliato: un’ala destra scambiata per un centravanti/punta, a causa di fraintendimenti con la lingua portoghese.
Era il solito brasileiro di discreta se non buona tecnica, tendenzialmente indolente come decine, forse centinaia di suoi connazionali. Ricordo che in Brasile mi dicevano che durante i Mondiali o altre competizioni internazionali, oltre al fatto che molti nazionali giocavano come oggi all’estero, i campionati federali continuavano (non so se è lo stesso adesso), ma il livello tecnico non ne soffriva.
Comunque il tutto depone contro l’improvvisazione degli osservatori italiani dell’epoca: l’avran visto giocare almeno una volta, no? Ed anche se aveva segnato dei gol, come mi pare fosse successo, non ci voleva molto a capirne le caratteristiche. E poi procuratevi un interprete, invece di confidare nella similitudine delle lingue neolatine! :boh:
(Me li vedo, tipo gli italiani che vanno in Spagna e credono basti mettere una ‘s’ alla fine delle parole italiane… :diavoletto: )
Seconda metà degli anni 90, la Roma gioca contro il tenerife in coppa uefa, e a zeman piace un giovane difensore, Pablo Paz, e chiede alla società di comprarlo. Ma i dirigenti si sbagliano e comprano l'altro centrale, cesar gomez, che ha già 30 anni fra l'altro. Gomez fa solo 3 presenze in 4 stagioni, ma ha un ricco contratto e giustamente se lo tiene stretto, con quei soldi si compra un autosalone e rimane a vivere a Roma.


Avatar utente
Fragonard
Messaggi: 1484
Iscritto il: domenica 10 luglio 2022, 5:05

Re: Calcio italiano e internazionale

Messaggio da leggere da Fragonard »

dietzen ha scritto: lunedì 15 agosto 2022, 10:52 Seconda metà degli anni 90, la Roma gioca contro il tenerife in coppa uefa, e a zeman piace un giovane difensore, Pablo Paz, e chiede alla società di comprarlo. Ma i dirigenti si sbagliano e comprano l'altro centrale, cesar gomez, che ha già 30 anni fra l'altro. Gomez fa solo 3 presenze in 4 stagioni, ma ha un ricco contratto e giustamente se lo tiene stretto, con quei soldi si compra un autosalone e rimane a vivere a Roma.
Credo che sulla Roma di quegli anni se ne possano raccontare tante. Basti citare anche l'esperienza di Carlos Bianchi, che aveva avuto un'ottima carriera da giocatore e che come allenatore veniva da grandi trionfi (aveva portato il Velez Sarfield a vincere la Libertadores e poi - purtroppo a nostre spese - l'Intercontinentale). A Roma pare che fece di tutto per farsi voler bene (sono ovviamente ironico), tanto che se fosse dipeso da lui Totti sarebbe stato ceduto alla Sampdoria. Tra l'altro su sua indicazione venne acquistato il terzino rigorista Roberto Trotta che però lasciò ben poche tracce nel nostro campionato.


Winter
Messaggi: 22898
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Re: Calcio italiano e internazionale

Messaggio da leggere da Winter »

Fragonard ha scritto: lunedì 15 agosto 2022, 0:10 La conoscete l'incredibile e grottesca storia di Luis Silvio Danuello?

Ecco, comincio a credere che quella di Ionut Radu abbia molte cose in comune con quella :diavoletto: :diavoletto: .
Ma nell inter primavera non giocava male
Chiaro le pressioni erano diverse..
Specie dopo l errore di Bologna


Gimbatbu
Messaggi: 6349
Iscritto il: mercoledì 19 aprile 2017, 17:42

Re: Calcio italiano e internazionale

Messaggio da leggere da Gimbatbu »

Se vi interessa, un giornalista, Fulvio Zara, si è cimentato nell' ardua impresa di fare un profilo di questi improbabili "campioni" giunti in Italia in quel periodo in un libro dall' ovvio titolo Bidoni.
Ne cito qualcuno che risveglierà ricordi più o meno esilaranti.
Aaltonen
Anastasopulos
Ba
Bartelt
Blisset !!!!
Bogarde
Caio
Caraballo
il citato Cesar Gómez
Czachowski
Dertycia
Eloi
Enynnaya
Fabio Junior (la Roma ne ha imbarcati...Andrade)
Gheddafi!!!
Gorostidi
Gresko ( cattiveria pura nei confronti dei tifosi dell' Inter)
Jardel
Kaviedes
Lassissi
Latorre
l'imprescindibile Luis Silvio
Ma
Maldonado
Miura
Nanami
Neumann
Ortega
Pancev
Perdomo
Rambert ( insieme a lui però venne Zanetti )
Renato
Ribas
Rubio
Rush
Scifo
Sforza
Sliskovic
Tchangai
Toshack
Tuta
Valenciano
Vagner
Vampeta
Victorino
Yapi
Zahoui
Zárate (il fratello)


Avatar utente
nemecsek.
Messaggi: 3763
Iscritto il: mercoledì 6 gennaio 2016, 22:35

Re: Calcio italiano e internazionale

Messaggio da leggere da nemecsek. »

Edu Marangon, poi Muller e l'indimenticata moglie Jussara.
Ed Hugo Maradona, discretissima ciofeca.


Immagine

Finestre 2018 rosicata eterna :D
Winter
Messaggi: 22898
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Re: Calcio italiano e internazionale

Messaggio da leggere da Winter »

Ricordo un articolo del guerin sportivo su muller con foto della straordinaria moglie..in bikini

Spettacolare


Avatar utente
Fragonard
Messaggi: 1484
Iscritto il: domenica 10 luglio 2022, 5:05

Re: Calcio italiano e internazionale

Messaggio da leggere da Fragonard »

Winter ha scritto: lunedì 15 agosto 2022, 12:20 Ma nell inter primavera non giocava male
Chiaro le pressioni erano diverse..
Specie dopo l errore di Bologna
Stefano Okaka nella Primavera della Roma era un fenomeno. Che carriera ha fatto?

Guardando in casa mia posso citare per affinità di ruolo Plizzari, già spacciato come il nuovo Donnarumma. Per ora vivacchia tra un prestito e l'altro.

A me Radu, da persona che in porta ci ha giocato, è sempre sembrato abbastanza scarso. Soprattutto nelle uscite ha sempre avuto lacune non da poco.


Winter
Messaggi: 22898
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Re: Calcio italiano e internazionale

Messaggio da leggere da Winter »

Be ma il livello dei portieri attuali..non è molto elevato
Basta vedere donnarumma
Tra anni 80..90 non avrebbe mai giocato in nazionale
Anche lui con evidenti lacune tecniche


Avatar utente
Fragonard
Messaggi: 1484
Iscritto il: domenica 10 luglio 2022, 5:05

Re: Calcio italiano e internazionale

Messaggio da leggere da Fragonard »

Gimbatbu ha scritto: lunedì 15 agosto 2022, 12:46 Se vi interessa, un giornalista, Fulvio Zara, si è cimentato nell' ardua impresa di fare un profilo di questi improbabili "campioni" giunti in Italia in quel periodo in un libro dall' ovvio titolo Bidoni.
Circa venti anni fa, quando ero poco più che maggiorenne, avevo scoperto un sito fantastico in cui ho dato anche un bel contributo come forumista (Cicloweb lo scoprii circa due o tre anni dopo). Si chiamava "Clamoroso al Cibali" e lì si parlava spesso degli stranieri più improbabili approdati nel campionato italiano, oltre che di calciatori italiani del passato. Ci furono bellissime discussioni e saltavano fuori aneddoti fantastici. :D :D :D


Avatar utente
Fragonard
Messaggi: 1484
Iscritto il: domenica 10 luglio 2022, 5:05

Re: Calcio italiano e internazionale

Messaggio da leggere da Fragonard »

Winter ha scritto: lunedì 15 agosto 2022, 13:45 Be ma il livello dei portieri attuali..non è molto elevato
Basta vedere donnarumma
Tra anni 80..90 non avrebbe mai giocato in nazionale
Anche lui con evidenti lacune tecniche
Su quello siamo d'accordo. Ma in generale proprio: in questa prima giornata (seconda per alcuni Paesi) si è assistito ad un vero e proprio museo degli orrori.

Detto questo però Radu, secondo il mio modesto parere, in altri tempi avrebbe faticato a giocare in Interregionale (o serie D se preferite). Al suo confronto gente come Savorani o Gatta (ho citato due portieri simbolo del Pescara galeoniano) era Jascin.


dietzen
Messaggi: 7628
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 21:19

Re: Calcio italiano e internazionale

Messaggio da leggere da dietzen »

Fragonard ha scritto: lunedì 15 agosto 2022, 11:00
dietzen ha scritto: lunedì 15 agosto 2022, 10:52 Seconda metà degli anni 90, la Roma gioca contro il tenerife in coppa uefa, e a zeman piace un giovane difensore, Pablo Paz, e chiede alla società di comprarlo. Ma i dirigenti si sbagliano e comprano l'altro centrale, cesar gomez, che ha già 30 anni fra l'altro. Gomez fa solo 3 presenze in 4 stagioni, ma ha un ricco contratto e giustamente se lo tiene stretto, con quei soldi si compra un autosalone e rimane a vivere a Roma.
Credo che sulla Roma di quegli anni se ne possano raccontare tante. Basti citare anche l'esperienza di Carlos Bianchi, che aveva avuto un'ottima carriera da giocatore e che come allenatore veniva da grandi trionfi (aveva portato il Velez Sarfield a vincere la Libertadores e poi - purtroppo a nostre spese - l'Intercontinentale). A Roma pare che fece di tutto per farsi voler bene (sono ovviamente ironico), tanto che se fosse dipeso da lui Totti sarebbe stato ceduto alla Sampdoria. Tra l'altro su sua indicazione venne acquistato il terzino rigorista Roberto Trotta che però lasciò ben poche tracce nel nostro campionato.
Sì l'esperienza di bianchi alla roma fu terribile, con tratti da commedia che davvero ci si potrebbe fare un nuovo allenatore nel pallone... poi tornò in Argentina a guidare il boca e vinse ancora tantissimo (credo abbia il record di libertadores per un allenatore)... insomma, sicuramente sapeva il fatto suo come tecnico, ma non si era adattato per niente all'ambiente romano (non è certo l'unico, detto a sua discolpa).


Cthulhu
Messaggi: 3235
Iscritto il: martedì 11 ottobre 2011, 21:36

Re: Calcio italiano e internazionale

Messaggio da leggere da Cthulhu »

Fragonard ha scritto: lunedì 15 agosto 2022, 13:51
Winter ha scritto: lunedì 15 agosto 2022, 13:45 Be ma il livello dei portieri attuali..non è molto elevato
Basta vedere donnarumma
Tra anni 80..90 non avrebbe mai giocato in nazionale
Anche lui con evidenti lacune tecniche
Su quello siamo d'accordo. Ma in generale proprio: in questa prima giornata (seconda per alcuni Paesi) si è assistito ad un vero e proprio museo degli orrori.

Detto questo però Radu, secondo il mio modesto parere, in altri tempi avrebbe faticato a giocare in Interregionale (o serie D se preferite). Al suo confronto gente come Savorani o Gatta (ho citato due portieri simbolo del Pescara galeoniano) era Jascin.
Mah, palloni diversi, tiri più lenti...
In serie A giocavano portieri di 1 metro e 70 e poco più senza alcuna elasticità, qualsiasi tiro vicino all'angolo alto era imparabile per definizione.
Se uno guarda oggi le prodezze - selezionate - che facevano si rende conto che non erano nulla di che.
Solo l'ennesima mitizzazione del passato.


Winter
Messaggi: 22898
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Re: Calcio italiano e internazionale

Messaggio da leggere da Winter »

Fragonard ha scritto: lunedì 15 agosto 2022, 13:51
Winter ha scritto: lunedì 15 agosto 2022, 13:45 Be ma il livello dei portieri attuali..non è molto elevato
Basta vedere donnarumma
Tra anni 80..90 non avrebbe mai giocato in nazionale
Anche lui con evidenti lacune tecniche
Su quello siamo d'accordo. Ma in generale proprio: in questa prima giornata (seconda per alcuni Paesi) si è assistito ad un vero e proprio museo degli orrori.

Detto questo però Radu, secondo il mio modesto parere, in altri tempi avrebbe faticato a giocare in Interregionale (o serie D se preferite). Al suo confronto gente come Savorani o Gatta (ho citato due portieri simbolo del Pescara galeoniano) era Jascin.
Non esageriamo
Gatta in giornata di grazia era un signor portiere
Savorani..


Avatar utente
Fragonard
Messaggi: 1484
Iscritto il: domenica 10 luglio 2022, 5:05

Re: Calcio italiano e internazionale

Messaggio da leggere da Fragonard »

Cthulhu ha scritto: lunedì 15 agosto 2022, 14:07 Mah, palloni diversi, tiri più lenti...
In serie A giocavano portieri di 1 metro e 70 e poco più senza alcuna elasticità, qualsiasi tiro vicino all'angolo alto era imparabile per definizione.
Se uno guarda oggi le prodezze - selezionate - che facevano si rende conto che non erano nulla di che.
Solo l'ennesima mitizzazione del passato.
Se lo dici tu, dall'alto della tua laurea in tuttologia applicata...


Avatar utente
Fragonard
Messaggi: 1484
Iscritto il: domenica 10 luglio 2022, 5:05

Re: Calcio italiano e internazionale

Messaggio da leggere da Fragonard »

Winter ha scritto: lunedì 15 agosto 2022, 14:25 Non esageriamo
Gatta in giornata di grazia era un signor portiere
Savorani..
Era per dire. Radu per me è uno dei portieri più scarsi mai visti in serie A. Se per te è decente solo perché ha giocato nella Primavera della squadra che tifi che ti devo dire...


Winter
Messaggi: 22898
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Re: Calcio italiano e internazionale

Messaggio da leggere da Winter »

Cthulhu ha scritto: lunedì 15 agosto 2022, 14:07 Mah, palloni diversi, tiri più lenti...
In serie A giocavano portieri di 1 metro e 70 e poco più senza alcuna elasticità, qualsiasi tiro vicino all'angolo alto era imparabile per definizione.
Se uno guarda oggi le prodezze - selezionate - che facevano si rende conto che non erano nulla di che.
Solo l'ennesima mitizzazione del passato.
Anni 80..90?
I tiri erano uguali come velocità
Ce n erano molti di più.. però
C è una differenza
Il livello con i piedi perché il ruolo è cambiato
Gli attuali son molto più forti
Con le mani..posizione..meglio quelli di prima


Winter
Messaggi: 22898
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Re: Calcio italiano e internazionale

Messaggio da leggere da Winter »

Fragonard ha scritto: lunedì 15 agosto 2022, 14:31
Winter ha scritto: lunedì 15 agosto 2022, 14:25 Non esageriamo
Gatta in giornata di grazia era un signor portiere
Savorani..
Era per dire. Radu per me è uno dei portieri più scarsi mai visti in serie A. Se per te è decente solo perché ha giocato nella Primavera della squadra che tifi che ti devo dire...
Le partite della primavera le guardavo
Quelle delle altre squadre no
Per quello l ho visto giocare
Io non ho detto che è decente
Basta vedere il gol preso a Bologna


Cthulhu
Messaggi: 3235
Iscritto il: martedì 11 ottobre 2011, 21:36

Re: Calcio italiano e internazionale

Messaggio da leggere da Cthulhu »

Winter ha scritto: lunedì 15 agosto 2022, 14:32
Cthulhu ha scritto: lunedì 15 agosto 2022, 14:07 Mah, palloni diversi, tiri più lenti...
In serie A giocavano portieri di 1 metro e 70 e poco più senza alcuna elasticità, qualsiasi tiro vicino all'angolo alto era imparabile per definizione.
Se uno guarda oggi le prodezze - selezionate - che facevano si rende conto che non erano nulla di che.
Solo l'ennesima mitizzazione del passato.
Anni 80..90?
I tiri erano uguali come velocità
Ce n erano molti di più.. però
C è una differenza
Il livello con i piedi perché il ruolo è cambiato
Gli attuali son molto più forti
Con le mani..posizione..meglio quelli di prima
I palloni sono diversi, li hanno studiati apposta perché "sfarfalleggino" in aria e siano più difficili da parare.
A vedere i filmati ste gran prodezze non le facevano, solo parate che oggi riterremmo ordinaria amministrazione.
Come erano più scarsi i giocatori di movimento erano più scarsi i portieri.


Avatar utente
chinaski89
Messaggi: 6813
Iscritto il: sabato 13 giugno 2015, 16:51

Re: Calcio italiano e internazionale

Messaggio da leggere da chinaski89 »

Winter ha scritto: lunedì 15 agosto 2022, 14:32
Cthulhu ha scritto: lunedì 15 agosto 2022, 14:07 Mah, palloni diversi, tiri più lenti...
In serie A giocavano portieri di 1 metro e 70 e poco più senza alcuna elasticità, qualsiasi tiro vicino all'angolo alto era imparabile per definizione.
Se uno guarda oggi le prodezze - selezionate - che facevano si rende conto che non erano nulla di che.
Solo l'ennesima mitizzazione del passato.
Anni 80..90?
I tiri erano uguali come velocità
Ce n erano molti di più.. però
C è una differenza
Il livello con i piedi perché il ruolo è cambiato
Gli attuali son molto più forti
Con le mani..posizione..meglio quelli di prima
Anni 80-90 le partite erano a ritmi lentissimi rispetto a quelli attuali, allo stesso modo la preparazione fisica era molto meno efficace e la cosa ovviamente vale anche per potenza dei tiri e preparazione dei portieri. Guardando oggi partite anni 80 ritmi e potenza dei tiri sono da serie D attuale

Nello sport le prestazioni migliorano sempre nel tempo, non ci sono praticamente eccezioni a questa regola. Giusto il ciclismo post peggiori anni 90 ha smentito un pochino sta cosa ma li per altri motivi


lemond ha scritto: lunedì 25 aprile 2022, 9:31
Per me la versione è semplice: smetto di vedere il ciclismo, perché se ha vinto il bussolotto, significa che questo sport non è quel che pensavo, così come se il Milan vince il campionato di Serie A! ..
Di ciclismo non vedrò più niente, a meno che qualcuno non mi avverta che cOSTUI ha smesso di correre!
Avatar utente
lemond
Messaggi: 19603
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:52
Località: Firenze

Re: Calcio italiano e internazionale

Messaggio da leggere da lemond »

Winter ha scritto: lunedì 15 agosto 2022, 13:45 Be ma il livello dei portieri attuali..non è molto elevato
Basta vedere donnarumma
Tra anni 80..90 non avrebbe mai giocato in nazionale
Anche lui con evidenti lacune tecniche
Che tanto per gradire, contro il Montpellier: 3 tiri, due gol presi! Meno male per Galtier che nelle due precedenti partite, tiri in porta uno e quindi zero reti subite. Nelle uscite un cià mai capito nulla, bloccare è un verbo che non conosce e sui piedi è inutile dire!
Mentre sono a risposndere sul calcio straniero, voglio aggiungere lo stato d'animo di un tifosissimo del Chelsea; della squadra un me ne frega nulla, ma delle persone che la compongono, sì:
Mamma mia, il calcio com'è: giochi male (contro l'Everton) e vinci, domini in lungo, in largo, orizzontale e verticale, producendo un buon calcio anche contro chi pensa soprattutto a difendere e va a finire che ti pareggiano all'ultimo minuto con un mattatore :dunce: che dovrebbe essere al di sopra delle parti e invece, si chiama CHIORBONE! :dunce: Il primo pareggio è viziato da due falli e un terzo, che non era, ma che al Chelsea è costato un gol (e l'eliminazione) contro il Real l'anno scorso! Il primo è clamoroso: un so chi del Totthenam porta via Havertz, con un'entrata da dietro e tutto liscio fino ad arrivare al tiro della squadra di Conte, dove Richarlison, in fuorigioco, è davanti a Mendy, impedendogli di vedere! Tutto regolare per il CHIORBONE! :dunce: Ma non basta lui, che lascia andare ogni possibile scontro con i piedi e le braccia, invece dà la punizione a favore del Totthenam per una spallata di James su uno meno atletico di lui che, naturalmente non regge. E da lì, una squadra che è sembrata inoffensiva, se non in contropiede, colleziona tre calci piazzati di seguito e dall'ultimo il pareggio (calcio d'angolo con il piede sinistro di Perisic, uno dei più grandi ambidestri del mondo!) e testa di Kane. P.S. E, peggior cosa possibile: l'infortunio di Kanté! :muro:


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
i barbieri il lunedì :bll:

"Per principio rifiuto di sottopormi a questi controlli. Non sono ostile alla lotta al doping, che ritengo indispensabile tra i dilettanti, ma nel caso di professionisti è differente.

"io non mi sento italiano, ma per la lingua ... lo sono." :)
Avatar utente
udra
Messaggi: 11638
Iscritto il: mercoledì 1 ottobre 2014, 11:29

Re: Calcio italiano e internazionale

Messaggio da leggere da udra »

Cthulhu ha scritto: domenica 14 agosto 2022, 19:47
udra ha scritto: domenica 14 agosto 2022, 11:15 Erano 8 mesi, su per giù, che il Milan non riceveva un rigore a suo favore, giusto per mettere le cose nella prospettiva corretta
28 rigori a favore nelle ultime due stagioni, giusto per mettere le cose nella prospettiva corretta
Tu devi essere uno di quelli che andava in giro con la maglietta "rigore per il Milan", dopo che a Firenze ci furono due rigori contro ridicoli nel match decisivo :diavoletto:
Mi spiace


drake
Messaggi: 1091
Iscritto il: sabato 13 luglio 2019, 14:38

Re: Calcio italiano e internazionale

Messaggio da leggere da drake »

Cthulhu ha scritto: lunedì 15 agosto 2022, 14:07 Mah, palloni diversi, tiri più lenti...
In serie A giocavano portieri di 1 metro e 70 e poco più senza alcuna elasticità, qualsiasi tiro vicino all'angolo alto era imparabile per definizione.
Se uno guarda oggi le prodezze - selezionate - che facevano si rende conto che non erano nulla di che.
Solo l'ennesima mitizzazione del passato.
E se si potessero rivedere le paperazze che facevano... auguri
Cambia solo che ora uno sbaglia e dopo tre secondi il video diventa virale, in quegli anni facevano miliardi di cagate improponibili ma SE andava male venivano viste mezza volta a 90° minuto/DS e poi messe da parte
Per fortuna con mai dire gol qualche (molto) piccolo reperto archeologico è tutt'ora visibile


Cthulhu
Messaggi: 3235
Iscritto il: martedì 11 ottobre 2011, 21:36

Re: Calcio italiano e internazionale

Messaggio da leggere da Cthulhu »

udra ha scritto: lunedì 15 agosto 2022, 15:48
Cthulhu ha scritto: domenica 14 agosto 2022, 19:47
udra ha scritto: domenica 14 agosto 2022, 11:15 Erano 8 mesi, su per giù, che il Milan non riceveva un rigore a suo favore, giusto per mettere le cose nella prospettiva corretta
28 rigori a favore nelle ultime due stagioni, giusto per mettere le cose nella prospettiva corretta
Tu devi essere uno di quelli che andava in giro con la maglietta "rigore per il Milan", dopo che a Firenze ci furono due rigori contro ridicoli nel match decisivo :diavoletto:
Mi spiace
Io ho visto cose che voi umani...tipo un rigore fischiato a Weah perché era stato sfiorato dal dito mignolo della mano sinistra di Amoruso. O due rigori contro in tre minuti per due palle sbattute tra collo e spalla.
Ladri e tuffatori come i milanisti nemmeno i gobbi.
Ma funzionava così: era un modo per far contenta la plebe in cerca di soddisfazioni gregarie.


qrier
Messaggi: 2419
Iscritto il: giovedì 7 maggio 2015, 15:12

Re: Calcio italiano e internazionale

Messaggio da leggere da qrier »

Cthulhu ha scritto: lunedì 15 agosto 2022, 17:23
udra ha scritto: lunedì 15 agosto 2022, 15:48
Cthulhu ha scritto: domenica 14 agosto 2022, 19:47

28 rigori a favore nelle ultime due stagioni, giusto per mettere le cose nella prospettiva corretta
Tu devi essere uno di quelli che andava in giro con la maglietta "rigore per il Milan", dopo che a Firenze ci furono due rigori contro ridicoli nel match decisivo :diavoletto:
Mi spiace
Io ho visto cose che voi umani...tipo un rigore fischiato a Weah perché era stato sfiorato dal dito mignolo della mano sinistra di Amoruso. O due rigori contro in tre minuti per due palle sbattute tra collo e spalla.
Ladri e tuffatori come i milanisti nemmeno i gobbi.
Ma funzionava così: era un modo per far contenta la plebe in cerca di soddisfazioni gregarie.
Da quando il Milan è stato preso da Berlusconi ad oggi ha vinto 5 Champions e 9 campionati.
Questo mentre un'altra squadra ha vinto una Champions rispetto a 14 campionati.
E un'altra ancora ha vinto una Champions e 7 campionati.
Non ti paiono proporzioni strane?


Avatar utente
nemecsek.
Messaggi: 3763
Iscritto il: mercoledì 6 gennaio 2016, 22:35

Re: Calcio italiano e internazionale

Messaggio da leggere da nemecsek. »

No pareggi per ora nella prima giornata.


Immagine

Finestre 2018 rosicata eterna :D
Avatar utente
Beppugrillo
Messaggi: 2751
Iscritto il: martedì 4 settembre 2018, 6:41

Re: Calcio italiano e internazionale

Messaggio da leggere da Beppugrillo »

Verona in pole position per la retrocessione, mi auguro un bel ricambio di squadre perché anche la Samp è una seria candidata. Il Monza non mi è simpatico, per ovvi motivi, ma anche se non li vedo neanche potenzialmente da prima metà della classifica credo che si salveranno facilmente. Molto più in pericolo Lecce e Cremonese nonostante un inizio sorprendente


Cthulhu
Messaggi: 3235
Iscritto il: martedì 11 ottobre 2011, 21:36

Re: Calcio italiano e internazionale

Messaggio da leggere da Cthulhu »

qrier ha scritto: lunedì 15 agosto 2022, 19:54
Cthulhu ha scritto: lunedì 15 agosto 2022, 17:23
udra ha scritto: lunedì 15 agosto 2022, 15:48

Tu devi essere uno di quelli che andava in giro con la maglietta "rigore per il Milan", dopo che a Firenze ci furono due rigori contro ridicoli nel match decisivo :diavoletto:
Mi spiace
Io ho visto cose che voi umani...tipo un rigore fischiato a Weah perché era stato sfiorato dal dito mignolo della mano sinistra di Amoruso. O due rigori contro in tre minuti per due palle sbattute tra collo e spalla.
Ladri e tuffatori come i milanisti nemmeno i gobbi.
Ma funzionava così: era un modo per far contenta la plebe in cerca di soddisfazioni gregarie.
Da quando il Milan è stato preso da Berlusconi ad oggi ha vinto 5 Champions e 9 campionati.
Questo mentre un'altra squadra ha vinto una Champions rispetto a 14 campionati.
E un'altra ancora ha vinto una Champions e 7 campionati.
Non ti paiono proporzioni strane?
No, perché quando vinceva il Milan tutti i migliori giocatori del mondo giocavano in Italia.


Winter
Messaggi: 22898
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Re: Calcio italiano e internazionale

Messaggio da leggere da Winter »

chinaski89 ha scritto: lunedì 15 agosto 2022, 15:01
Anni 80-90 le partite erano a ritmi lentissimi rispetto a quelli attuali, allo stesso modo la preparazione fisica era molto meno efficace e la cosa ovviamente vale anche per potenza dei tiri e preparazione dei portieri. Guardando oggi partite anni 80 ritmi e potenza dei tiri sono da serie D attuale

Nello sport le prestazioni migliorano sempre nel tempo, non ci sono praticamente eccezioni a questa regola. Giusto il ciclismo post peggiori anni 90 ha smentito un pochino sta cosa ma li per altri motivi
Anni 80
Metà anni 90.. correvano tantissimo (per gli stessi motivi del ciclismo)
Mi viene in mente un giocatore Davids
Adesso non ne vedi più di giocatori così
Pressare come pazzi per novanta minuti
Sui tiri..la penso all opposto
D altronde nessuno dei giocatori di mihajlovic si avvicina minimamente alle sue tecniche balistica
Ma nemmeno in tutta l serie a
Nel Brasile vedi tiratori come eder , rivelino , zico, Roberto dinamite , Roberto carlos o branco?
Il portiere è cambiato
Prima dovevi esser forte con le mani
Adesso anche con i piedi
In diverse partite del barca , valdes aveva toccato più palloni di Messi


Avatar utente
udra
Messaggi: 11638
Iscritto il: mercoledì 1 ottobre 2014, 11:29

Re: Calcio italiano e internazionale

Messaggio da leggere da udra »

Cthulhu ha scritto: lunedì 15 agosto 2022, 17:23
Ladri e tuffatori come i milanisti nemmeno i gobbi.
Io ricordo una squadra fallita dopo aver vissuto sopra le sue possibilità, camuffando bilanci grazie a intrallazzi con gente come Tanzi o Cragnotti, e spedita in C2, neanche in D, saltare una categoria dalla C1 alla B e salire in serie A con uno spareggio inventato ad arte da settima o ottava classificata.
Non mi pare che si tratti del MIlan però.


Avatar utente
lemond
Messaggi: 19603
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:52
Località: Firenze

Re: Calcio italiano e internazionale

Messaggio da leggere da lemond »

udra ha scritto: lunedì 15 agosto 2022, 15:48 Tu devi essere uno di quelli che andava in giro con la maglietta "rigore per il Milan", dopo che a Firenze ci furono due rigori contro ridicoli nel match decisivo :diavoletto:
Mi spiace
Non so a quale episodio ti riferisci, ma se non fossi contrario alle magliette con le scritte, una me la sarei messa volentieri dopo l'eliminazione del Milan a Milano in coppa Italia contro l'Empoli (gol di Della Monica da antologia). Mi ero registrato la partita per un motivo preciso: vedere se i segnalinee ci capivano qualcosa nel fuorigioco, perché non mi tornava per niente che a decidere questo tipo di azioni fosse un certo giocatore del Milan!?
Ebbene, tre volte furono fischiati fuorigioco inesistenti contro l'Empoli su precisa indicazione del rossonero. :muro:
P.S. La scritta sarebbe stata: non c'è da stupirsi di colui che alza le braccia, niente di troppo è mai! :clap:


Fanno festa i musulmani il venerdì
il sabato gli ebrei
la domenica i cristiani
i barbieri il lunedì :bll:

"Per principio rifiuto di sottopormi a questi controlli. Non sono ostile alla lotta al doping, che ritengo indispensabile tra i dilettanti, ma nel caso di professionisti è differente.

"io non mi sento italiano, ma per la lingua ... lo sono." :)
Avatar utente
chinaski89
Messaggi: 6813
Iscritto il: sabato 13 giugno 2015, 16:51

Re: Calcio italiano e internazionale

Messaggio da leggere da chinaski89 »

Winter ha scritto: lunedì 15 agosto 2022, 21:36
chinaski89 ha scritto: lunedì 15 agosto 2022, 15:01
Anni 80-90 le partite erano a ritmi lentissimi rispetto a quelli attuali, allo stesso modo la preparazione fisica era molto meno efficace e la cosa ovviamente vale anche per potenza dei tiri e preparazione dei portieri. Guardando oggi partite anni 80 ritmi e potenza dei tiri sono da serie D attuale

Nello sport le prestazioni migliorano sempre nel tempo, non ci sono praticamente eccezioni a questa regola. Giusto il ciclismo post peggiori anni 90 ha smentito un pochino sta cosa ma li per altri motivi
Anni 80
Metà anni 90.. correvano tantissimo (per gli stessi motivi del ciclismo)
Mi viene in mente un giocatore Davids
Adesso non ne vedi più di giocatori così
Pressare come pazzi per novanta minuti
Sui tiri..la penso all opposto
D altronde nessuno dei giocatori di mihajlovic si avvicina minimamente alle sue tecniche balistica
Ma nemmeno in tutta l serie a
Nel Brasile vedi tiratori come eder , rivelino , zico, Roberto dinamite , Roberto carlos o branco?
Il portiere è cambiato
Prima dovevi esser forte con le mani
Adesso anche con i piedi
In diverse partite del barca , valdes aveva toccato più palloni di Messi
Correvano tantissimo vero, ma oggi molto di più e soprattutto i ritmi sono incredibilmente superiori oggi (anche perchè nel calcio mica hanno fatto il repulisti del ciclismo), basta vedere 2' di una qualsiasi partita vecchia e fare il confronto. Poi certo in Italia oggi siamo lontani dall'essere il top europeo a differenza degli anni 80/90, per vedere meglio la cosa devi guardare la premier la serie A è decaduta ed è un campionato di giovani da lanciare o vecchi da prepensionare, ma è indiscutibile che i ritmi siano aumentati vertiginosamente. Se poi vai ancora più indietro diventa proprio un altro sport, anni 90 almeno un po' ci assomigliava.

Sul portiere hai ragione, ma resto dell'idea che oggi siano mediamente più forti e preparati, velocità/potenza e palloni studiati apposta fanno la loro differenza


lemond ha scritto: lunedì 25 aprile 2022, 9:31
Per me la versione è semplice: smetto di vedere il ciclismo, perché se ha vinto il bussolotto, significa che questo sport non è quel che pensavo, così come se il Milan vince il campionato di Serie A! ..
Di ciclismo non vedrò più niente, a meno che qualcuno non mi avverta che cOSTUI ha smesso di correre!
Avatar utente
Beppugrillo
Messaggi: 2751
Iscritto il: martedì 4 settembre 2018, 6:41

Re: Calcio italiano e internazionale

Messaggio da leggere da Beppugrillo »

A livello di fisicità, per me oggi ad esempio sarebbe inconcepibile vedere in campo giocatori come i Baggio, Protti, Zola dei primi anni 2000, che facevano la differenza da fermi. Un paracarro come Arthur in confronto al Baggio di Brescia è Usain Bolt con la nitroglicerina nelle scarpe


Winter
Messaggi: 22898
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Re: Calcio italiano e internazionale

Messaggio da leggere da Winter »

chinaski89 ha scritto: martedì 16 agosto 2022, 8:23
Correvano tantissimo vero, ma oggi molto di più e soprattutto i ritmi sono incredibilmente superiori oggi (anche perchè nel calcio mica hanno fatto il repulisti del ciclismo), basta vedere 2' di una qualsiasi partita vecchia e fare il confronto. Poi certo in Italia oggi siamo lontani dall'essere il top europeo a differenza degli anni 80/90, per vedere meglio la cosa devi guardare la premier la serie A è decaduta ed è un campionato di giovani da lanciare o vecchi da prepensionare, ma è indiscutibile che i ritmi siano aumentati vertiginosamente. Se poi vai ancora più indietro diventa proprio un altro sport, anni 90 almeno un po' ci assomigliava.

Sul portiere hai ragione, ma resto dell'idea che oggi siano mediamente più forti e preparati, velocità/potenza e palloni studiati apposta fanno la loro differenza
Non son d accordo
Un conto sono gli anni 80.. un altro metà anni 90
C è un abisso
Diciamo che ho guardato molte partite degli anni 90 inizio 2000 sia italiane che estere rispetto ad adesso
Non ho tempo..quindi guardo solo l inter (e poche altre del campionato italiano)
Prima ne vedevo tantissime (anche estere)
Il livello mi sembra sceso
Tecnicamente rispetto agli anni 80
Fisicamente rispetto a quell epoca (95..05)
Pressavano molto di più (aiutate probabilmente..)
Adesso con il fatto che molte squadre impostano da dietro
Non conviene così tanto
Anzi si aspetta l errore individuale (spesso per mancanza di tecnica del difensore o del portiere)
In piu prima le regole favorivano il pressing
Adesso dopo tot falli.. c è ammonizione poi espulsione

Se guardi una partita non puoi fare un raffronto corretto
Devi guardarne una decina e poi vedi..


Winter
Messaggi: 22898
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 19:33

Re: Calcio italiano e internazionale

Messaggio da leggere da Winter »

Beppugrillo ha scritto: martedì 16 agosto 2022, 8:54 A livello di fisicità, per me oggi ad esempio sarebbe inconcepibile vedere in campo giocatori come i Baggio, Protti, Zola dei primi anni 2000, che facevano la differenza da fermi. Un paracarro come Arthur in confronto al Baggio di Brescia è Usain Bolt con la nitroglicerina nelle scarpe
Ma stai scherzando?
Baggio se li mangerebbe tutti :muro:
Ma come puoi paragonare la tecnica di baggio con quella di Arturo

C era una statistica di una partita di champions..
Un giocatore aveva corso meno del portiere
Era stato il migliore in campo..aveva segnato due gol
Era Messi..


Rispondi