Amici della Pista

Donne, Under, Juniores, ma anche Pista, Cross, MTB, BMX, Ciclismo Indoor
Avatar utente
Abruzzese
Messaggi: 5954
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:24

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da Abruzzese »

marc ha scritto: lunedì 16 novembre 2020, 8:07 Sul km concordo e vedo che stavolta gli inglesi anche hanno puntato su un corridore endurance, anche se ancora non ho capito perché non han portato alcun velocista a questi europei, nemmeno i giovani.
Presumo che abbiano cercato di contenere la spedizione limitandosi ad essere presenti soltanto con gli atleti ritenuti più pronti. Quindi, nello specifico, con coloro che dovrebbero essere della partita alle prossime Olimpiadi (con particolare attenzione al quartetto femminile). L'unica eccezione l'hanno fatta con il team femminile della Velocità a squadre ma qui la ragione va spiegata in un qualcosa che credo di aver già accennato in precedenza: da pochi mesi infatti anche le donne gareggiano con un terzetto e non più in coppia, per cui c'è la necessità per tutti di cominciare a provare il nuovo assetto per trovare il giusto affiatamento. Nello specifico, da alcune cose trovate in rete, il loro progetto è quello di lavorare su alcune ragazze non, chiaramente, in prospettiva Tokyo, bensì pensando già a Parigi 2024. Quindi il terzetto britannico (in realtà sono state 4 le atlete impiegate, con 3 classe 1999 e una classe 2000) visto all'opera a Plovdiv (che ha conquistato l'argento alle spalle delle ben più collaudate russe) ha mosso i primi passi in quella direzione. Tra l'altro, andando a cercare un po', si può notare come anche lì il processo abbia coinvolto atlete che non avevano cominciato con la pista: Blaine Ridge-Davis, ad esempio, fino a pochissimi anni fa praticava la BMX.


"L'importante non è quello che trovi alla fine di una corsa. L'importante è ciò che provi mentre corri" (Giorgio Faletti in "Notte prima degli esami")

"qui c'è gente che è totalmente avulsa dalla realtà e nociva al forum"
Avatar utente
Abruzzese
Messaggi: 5954
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:24

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da Abruzzese »

Nei prossimi mesi sarà un professionista a tutti gli effetti, come riportato in una news delle scorse settimane, ma intanto il talentuoso Magnus Sheffield, statunitense che aveva ottenuto il bronzo ad Harrogate nella prova in linea nel 2019, saluta la categoria juniores stampando il nuovo record del mondo dell'inseguimento, facendo registrare il tempo di 3'06"447 nel velodromo di Colorado Springs (posto a oltre 1800 metri d'altezza). Con questa prestazione, tra l'altro, ha tolto anche il vecchio primato americano di categoria che apparteneva a Taylor Phinney, che nel 2008 aveva fatto segnare il tempo di 3'16"589.


"L'importante non è quello che trovi alla fine di una corsa. L'importante è ciò che provi mentre corri" (Giorgio Faletti in "Notte prima degli esami")

"qui c'è gente che è totalmente avulsa dalla realtà e nociva al forum"
pietro
Messaggi: 12696
Iscritto il: mercoledì 18 marzo 2020, 19:32

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da pietro »

Abruzzese ha scritto: sabato 21 novembre 2020, 2:11 Nei prossimi mesi sarà un professionista a tutti gli effetti, come riportato in una news delle scorse settimane, ma intanto il talentuoso Magnus Sheffield, statunitense che aveva ottenuto il bronzo ad Harrogate nella prova in linea nel 2019, saluta la categoria juniores stampando il nuovo record del mondo dell'inseguimento, facendo registrare il tempo di 3'06"447 nel velodromo di Colorado Springs (posto a oltre 1800 metri d'altezza). Con questa prestazione, tra l'altro, ha tolto anche il vecchio primato americano di categoria che apparteneva a Taylor Phinney, che nel 2008 aveva fatto segnare il tempo di 3'16"589.
Un talento incredibile, al Mondiale di Harrogate era andato forse anche più forte di Simmons.
Farà qualche gara di cross come l'anno scorso?


Avatar utente
Abruzzese
Messaggi: 5954
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:24

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da Abruzzese »

pietro ha scritto: sabato 21 novembre 2020, 7:44
Abruzzese ha scritto: sabato 21 novembre 2020, 2:11 Nei prossimi mesi sarà un professionista a tutti gli effetti, come riportato in una news delle scorse settimane, ma intanto il talentuoso Magnus Sheffield, statunitense che aveva ottenuto il bronzo ad Harrogate nella prova in linea nel 2019, saluta la categoria juniores stampando il nuovo record del mondo dell'inseguimento, facendo registrare il tempo di 3'06"447 nel velodromo di Colorado Springs (posto a oltre 1800 metri d'altezza). Con questa prestazione, tra l'altro, ha tolto anche il vecchio primato americano di categoria che apparteneva a Taylor Phinney, che nel 2008 aveva fatto segnare il tempo di 3'16"589.
Un talento incredibile, al Mondiale di Harrogate era andato forse anche più forte di Simmons.
Farà qualche gara di cross come l'anno scorso?
Sul ciclocross non ho trovato conferme al momento. Da come ho capito però pare che questa sfida sia nata dopo la delusione per la decisione di non far disputare i mondiali per le categorie giovanili, in quanto sarebbe stato probabilmente uno dei grandissimi favoriti per il successo nella gara juniores. A questo punto, poiché si era preparato meticolosamente per giungere al massimo all'appuntamento, ha cercato un qualcosa che potesse dargli motivazione e così ha deciso di provare a battere il record dell'inseguimento individuale (credo che in principio l'idea fosse quella di migliorare il primato di Phinney).

Tra l'altro ha dichiarato che prima di quest'esperienza non si era mai allenato specificamente per la pista (da come leggevo prima di correre in bicicletta sciava) e che per provare a battere questo record pare che abbia studiato attentamente anche la prova di Filippo Ganna, soprattutto il momento in cui il nostro tendeva ad accelerare durante lo sforzo. Di certo appare avere grandissimi mezzi atletici e si, forse potrebbe diventare anche più forte di Simmons (che negli ultimi mesi, come sappiamo, ha fatto parlare di sè per tutt'altro).


"L'importante non è quello che trovi alla fine di una corsa. L'importante è ciò che provi mentre corri" (Giorgio Faletti in "Notte prima degli esami")

"qui c'è gente che è totalmente avulsa dalla realtà e nociva al forum"
marc
Messaggi: 2382
Iscritto il: lunedì 1 agosto 2011, 23:39

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da marc »

Chiappa dice che nel 2004 non riuscì a partecipare alle Olimpiadi perché Ceruti aveva smantellato il settore velocità. Chiappa vinse la Coppa del mondo nel 2001. Purtroppo all'epoca non seguivo la pista se non occasionalmente qualcosa ai mondiali.

Qualcuno ricorda questa vicenda e riesce a ricostruirla? Sintetizzata così sembra pazzesca, nel senso che Chiappa pur non essendo uno dei migliori in assoluto era cmq un velocista di tutto rispetto. Avercene adesso...

https://bici.pro/news/pista/quando-pist ... a-chiappa/


perché per me il ciclismo non è ancora una passione onanistica, ma è un pezzo di cultura popolare e familiare.
Avatar utente
Abruzzese
Messaggi: 5954
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:24

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da Abruzzese »

marc ha scritto: sabato 2 gennaio 2021, 10:54 Chiappa dice che nel 2004 non riuscì a partecipare alle Olimpiadi perché Ceruti aveva smantellato il settore velocità. Chiappa vinse la Coppa del mondo nel 2001. Purtroppo all'epoca non seguivo la pista se non occasionalmente qualcosa ai mondiali.

Qualcuno ricorda questa vicenda e riesce a ricostruirla? Sintetizzata così sembra pazzesca, nel senso che Chiappa pur non essendo uno dei migliori in assoluto era cmq un velocista di tutto rispetto. Avercene adesso...

https://bici.pro/news/pista/quando-pist ... a-chiappa/
All'epoca neppure io seguivo la pista come ora ma sostanzialmente Ceruti (con il richiamo agli "omini Michelin" menzionato anche nell'intervista), volendo riassumere, considerava perfettamente inutile investire in un settore dove ci si scontrava con atleti che, stando a quel che voleva far intendere, erano irraggiungibili già nella costituzione del fisico (le allusioni paiono chiare), quindi meglio provare ad impegnarsi in altro.

Fu l'anticamera della fine che coinvolse anche gli altri settori, da cui solo in anni più recenti siamo sostanzialmente usciti grazie ad un lavoro di programmazione. Quello che dice Chiappa però è assolutamente vero e non è nulla di diverso da quello che io ed altri utenti abbiamo sempre detto, compresi i discorsi su Guardini e Mareczko.

Se non si rimette in piedi seriamente il settore, con tecnici specializzati e competenti in materia (lo si è detto e lo si ripete: Villa e Salvoldi fanno quello che possono ma i miracoli non li fanno neanche loro, ci vuole gente che alleni specificamente i velocisti e basta), hai voglia a sperare...


"L'importante non è quello che trovi alla fine di una corsa. L'importante è ciò che provi mentre corri" (Giorgio Faletti in "Notte prima degli esami")

"qui c'è gente che è totalmente avulsa dalla realtà e nociva al forum"
marc
Messaggi: 2382
Iscritto il: lunedì 1 agosto 2011, 23:39

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da marc »

Abruzzese ha scritto: sabato 2 gennaio 2021, 20:45
marc ha scritto: sabato 2 gennaio 2021, 10:54 Chiappa dice che nel 2004 non riuscì a partecipare alle Olimpiadi perché Ceruti aveva smantellato il settore velocità. Chiappa vinse la Coppa del mondo nel 2001. Purtroppo all'epoca non seguivo la pista se non occasionalmente qualcosa ai mondiali.

Qualcuno ricorda questa vicenda e riesce a ricostruirla? Sintetizzata così sembra pazzesca, nel senso che Chiappa pur non essendo uno dei migliori in assoluto era cmq un velocista di tutto rispetto. Avercene adesso...

https://bici.pro/news/pista/quando-pist ... a-chiappa/
All'epoca neppure io seguivo la pista come ora ma sostanzialmente Ceruti (con il richiamo agli "omini Michelin" menzionato anche nell'intervista), volendo riassumere, considerava perfettamente inutile investire in un settore dove ci si scontrava con atleti che, stando a quel che voleva far intendere, erano irraggiungibili già nella costituzione del fisico (le allusioni paiono chiare), quindi meglio provare ad impegnarsi in altro.

Fu l'anticamera della fine che coinvolse anche gli altri settori, da cui solo in anni più recenti siamo sostanzialmente usciti grazie ad un lavoro di programmazione. Quello che dice Chiappa però è assolutamente vero e non è nulla di diverso da quello che io ed altri utenti abbiamo sempre detto, compresi i discorsi su Guardini e Mareczko.

Se non si rimette in piedi seriamente il settore, con tecnici specializzati e competenti in materia (lo si è detto e lo si ripete: Villa e Salvoldi fanno quello che possono ma i miracoli non li fanno neanche loro, ci vuole gente che alleni specificamente i velocisti e basta), hai voglia a sperare...

Grazie Abruzzese, ricordo bene i tuoi discorsi su Guardini e Mareczko. Non mi è chiaro però come si sostanziò questo smantellamento. Cioè, l'Italia aveva un velocista che poteva perfino (magari nel keirin) andare a medaglia e in vista di Atene chiudono baracca? Significa che Chiappa non ebbe più il supporto per disputare gare internazionali e quindi qualificarsi ai Giochi?

Cmq davvero un'impostazione assurda, spiace dirlo di Ceruti che è recentemente mancato per covid. Detto questo, ancora non capisco perché non si decidano a trovare un allenatore per i velocisti. Comprendo le difficoltà economiche, le prospettive difficili, ma è ora che l'Italia cresca anche nella velocità. Per questo spero nella vittoria di Martinello, anche se non mi intendo di politica ciclistica quindi non so quante possibilità abbia di vincere.

Edit: ho trovato questo articolo che spiega un po' la situazione. Assurdo

https://www.gazzetta.it/Ciclismo/Primo_ ... appa.shtml


perché per me il ciclismo non è ancora una passione onanistica, ma è un pezzo di cultura popolare e familiare.
marc
Messaggi: 2382
Iscritto il: lunedì 1 agosto 2011, 23:39

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da marc »

Ganna ha detto al Corriere che si sta allenando moltissimo per gli Europei di febbraio. Ma io avevo letto che erano stati rinviati a giugno. Qualcuno ha notizie? Sul sito Uec non trovo nulla.


perché per me il ciclismo non è ancora una passione onanistica, ma è un pezzo di cultura popolare e familiare.
Avatar utente
Abruzzese
Messaggi: 5954
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:24

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da Abruzzese »

marc ha scritto: sabato 2 gennaio 2021, 21:06 Cmq davvero un'impostazione assurda, spiace dirlo di Ceruti che è recentemente mancato per covid. Detto questo, ancora non capisco perché non si decidano a trovare un allenatore per i velocisti. Comprendo le difficoltà economiche, le prospettive difficili, ma è ora che l'Italia cresca anche nella velocità. Per questo spero nella vittoria di Martinello, anche se non mi intendo di politica ciclistica quindi non so quante possibilità abbia di vincere.

Edit: ho trovato questo articolo che spiega un po' la situazione. Assurdo

https://www.gazzetta.it/Ciclismo/Primo_ ... appa.shtml
Beh di Ceruti ora non ricordo nello specifico (in quegli anni lì poi, anche per la più giovane età, neanche mi ponevo i discorsi inerente la politica nel ciclismo) ma da qualche discussione del forum non mi pare che avesse tutta questa buona considerazione (certo, vedendo quel che sarebbe accaduto dopo...). Di certo il fatto che sia mancato non giustifica certe mancanze e responsabilità dirette ma è un qualcosa che va applicato a tutti gli ambiti, non solo al ciclismo.

In ogni modo, se si vuole veramente svoltare, in qualche modo si deve cominciare, dando qualche segnale concreto non appena ve ne sarà occasione. Nella precedente intervista postata poi anche Chiappa dice che, probabilmente, oltre a fare una ricerca coi "canoni tradizionali" (dove però serve cambiare la mentalità in maniera radicale), i possibili velocisti andrebbero individuale in discipline extraciclistiche, come nella Bmx o anche il pattinaggio, com'è già avvenuto in Gran Bretagna o nei Paesi Bassi. In questo, come avevo ricordato varie settimane fa, Salvoldi un esperimento di questo genere lo sta tentando con Gaia Tormena, che come sappiamo è una specialista dell'Eliminator nella MTB. Lì però il problema è che si sta coinvolgendo un'atleta che ha già trovato una chiara evidenza nella sua disciplina ed è logico che non le si potrà mai chiedere di sacrificare la sua carriera nel fuoristrada per provare a diventare una velocista da pista, a meno che non sia lei stessa, ad un certo punto del suo percorso, a voler cercare nuove sfide e nuovi stimoli.

Se vogliamo, però, anche lei, nonostante venga da un'altra disciplina, è comunque proveniente da un ambito in cui la bicicletta, seppur diversa, c'è già. La sfida vera sarebbe riuscire a trovare e coinvolgere ragazzi o ragazze che la bici, tutt'al più, l'hanno usata solo come allenamento propedeutico per altro, come nel caso del pattinaggio (oppure anche la BMX potrebbe andar più che bene). Il problema è che se avessimo una certa cultura sportiva, a cui si faceva riferimento in altro thread per altre discussioni, tutto verrebbe molto più facile. La realtà invece sappiamo che è ben diversa, purtroppo.


"L'importante non è quello che trovi alla fine di una corsa. L'importante è ciò che provi mentre corri" (Giorgio Faletti in "Notte prima degli esami")

"qui c'è gente che è totalmente avulsa dalla realtà e nociva al forum"
Avatar utente
Abruzzese
Messaggi: 5954
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:24

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da Abruzzese »

Continuando sul filone innescato negli ultimi giorni, sono arrivate anche le parole di Andrea Guardini :

https://bici.pro/news/professionisti/gu ... su-parigi/

Leggendo l'intervista e ripensando ai tanti discorsi fatti, mi torna l'amarezza e l'incazzatura per tutto ciò che sarebbe potuto essere e invece non è stato. Non so poi se quella sulle Olimpiadi di Parigi sia stata una semplice boutade o se davvero ci si vorrà provare per davvero. In ogni modo, se in quest'ultimo scorcio di carriera Andrea vorrà riprovarci con la pista, io ne sarò solamente felice.

Come pure io credo che dovrà essere dato ulteriore merito a Marco Villa se ora riuscirà a rilanciare Paolo Simion che, com'è noto, per via anche della pandemia nel 2020 non ha potuto mai correre (era stato ingaggiato dalla stessa squadra cinese in cui era andato a correre Nicolas Marini). Già il fatto che abbia trovato un nuovo ingaggio (proprio alla Giotti Victoria) è un bene perché gli consentirà un minimo di attività ma se riuscirà a rientrare stabilmente anche nel giro azzurro della pista, sarà stata un'altra ottima intuizione (oltre al fatto che Paolo è un ragazzo serio e intelligente, che ha approfittato di questo periodo di stop forzato per completare gli studi e quindi laurearsi).


"L'importante non è quello che trovi alla fine di una corsa. L'importante è ciò che provi mentre corri" (Giorgio Faletti in "Notte prima degli esami")

"qui c'è gente che è totalmente avulsa dalla realtà e nociva al forum"
Avatar utente
Abruzzese
Messaggi: 5954
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:24

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da Abruzzese »

Abruzzese ha scritto: domenica 4 agosto 2019, 19:31 Intanto in Francia sta facendo discutere (da quel che ho capito) la decisione della federazione transalpina di rinunciare alla Velocità a squadre femminile in chiave olimpica, con il paese ancora in piena corsa per una qualificazione a Tokyo. Una decisione che ha suscitato non poco malumore, tanto che sia Laurie Berthon che Sandie Clair avrebbero già annunciato il ritiro dalle competizioni:

https://www.lequipe.fr/Cyclisme-sur-pis ... yo/1044920
Vi riporto alla memoria questo mio vecchio post per segnalarvi una curiosità: come si faceva accenno qui, la rinuncia francese alle Olimpiadi per quanto concerne la Velocità a squadre femminile è stata la causa principale del ritiro di Sandie Clair, che per anni è stata una delle migliori velociste transalpine. Ciò però non ha impedito all'atleta di tentare una nuova sfida in un ambito completamente diverso: da circa un anno infatti Sandie ha cominciato ad allenarsi e a partecipare a gare di bob a 2, lavorando soprattutto su ciò che la sua struttura fisica le avrebbe permesso di sfruttare maggiormente, ovvero l'esplosività per lanciare il bob in partenza.

Affinando le doti di spintrice (che ha anche compiti di frenatrice), è entrata già nel giro della nazionale transalpina e pochi giorni fa, considerando che l'atleta del duo titolare preposta a quel ruolo era indisponibile, ha debuttato in ambito internazionale (prima aveva partecipato solo a gare di Coppa di Francia) contribuendo a cogliere un buon sesto posto ai campionati europei mentre in questo week end, da quanto ho capito, ha disputato un prova di Coppa del Mondo.

Comunque sia i più attenti sanno bene che quella di Sandie Clair non è il primo caso di ex pistard andata a cercar fortuna nel bob, in quanto anche la nostra Antonella Bellutti cercò nuovi stimoli in quella disciplina, riuscendo a partecipare anche alle Olimpiadi invernali di Salt Lake City.


"L'importante non è quello che trovi alla fine di una corsa. L'importante è ciò che provi mentre corri" (Giorgio Faletti in "Notte prima degli esami")

"qui c'è gente che è totalmente avulsa dalla realtà e nociva al forum"
marc
Messaggi: 2382
Iscritto il: lunedì 1 agosto 2011, 23:39

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da marc »

Europei dal 23 giugno a Minsk. Peccato, avrei preferito a febbraio vista l'assenza della Cdm e il posticipo a ottobre del Mondiale. Il periodo di astinenza sarà ancora lungo


perché per me il ciclismo non è ancora una passione onanistica, ma è un pezzo di cultura popolare e familiare.
marc
Messaggi: 2382
Iscritto il: lunedì 1 agosto 2011, 23:39

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da marc »

Dal sito Uci vedo che è stato cancellato il debutto della Coppa delle Nazioni a Newport in Gran Bretagna. Restano le tappe di Hong Kong a maggio e Cali a giugno (dove parteciperà Ganna), poi a seguire sempre a giugno gli Europei.

Poca roba ma, visti i tempi, meglio che niente.


perché per me il ciclismo non è ancora una passione onanistica, ma è un pezzo di cultura popolare e familiare.
Avatar utente
Slegar
Messaggi: 6431
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:49

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da Slegar »

Gimbatbu ha scritto: martedì 15 ottobre 2019, 23:51
nunziol ha scritto: venerdì 11 ottobre 2019, 17:58 https://www.ilmessaggero.it/mind_the_ga ... 91072.html
Fosse vero:cose gravissime e dovrebbe come minimo saltare qualche testa pesante in FCI
La cosa più assurda è che comunque il direttore tecnico sia sempre lo stesso e probabilmente il massaggiatore sia comunque ancora in organico, tra l' altro trovo folle e discriminante che non ci sia a disposizione per il settore femminile una massaggiatrice.
La cosa ancora più assurda è il rinvio a giudizio di Maila Andreotti per diffamazione nei confronti di Dino Salvoldi:
https://www.ilgiornale.it/news/sport/vi ... 33278.html


fair play? No, Grazie!
Avatar utente
cauz.
Messaggi: 13124
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 12:53
Località: milano
Contatta:

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da cauz. »



"Il male trionfa sempre, perche' il bene e' stupido" [Lord Casco]
@cauz_ | bidonmagazine.org | confindustrial.noblogs.org
Avatar utente
cauz.
Messaggi: 13124
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 12:53
Località: milano
Contatta:

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da cauz. »

Slegar ha scritto: mercoledì 24 marzo 2021, 11:38 La cosa ancora più assurda è il rinvio a giudizio di Maila Andreotti per diffamazione nei confronti di Dino Salvoldi:
https://www.ilgiornale.it/news/sport/vi ... 33278.html
credo (e spero, se le cose raccontate sono vere) che questo possa diventare un clamoroso autogol.
in un'aula di tribunale non ti trovi la schiera degli amici come al Coni. se l'atleta vuole difendersi e ha gli elementi in mano può chiedere di sentire parecchie testimonianze e far aprire un nuovo filone di inchiesta.


"Il male trionfa sempre, perche' il bene e' stupido" [Lord Casco]
@cauz_ | bidonmagazine.org | confindustrial.noblogs.org
Avatar utente
Deadnature
Messaggi: 5779
Iscritto il: martedì 22 febbraio 2011, 20:49

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da Deadnature »

Slegar ha scritto: mercoledì 24 marzo 2021, 11:38
Gimbatbu ha scritto: martedì 15 ottobre 2019, 23:51
nunziol ha scritto: venerdì 11 ottobre 2019, 17:58 https://www.ilmessaggero.it/mind_the_ga ... 91072.html
Fosse vero:cose gravissime e dovrebbe come minimo saltare qualche testa pesante in FCI
La cosa più assurda è che comunque il direttore tecnico sia sempre lo stesso e probabilmente il massaggiatore sia comunque ancora in organico, tra l' altro trovo folle e discriminante che non ci sia a disposizione per il settore femminile una massaggiatrice.
La cosa ancora più assurda è il rinvio a giudizio di Maila Andreotti per diffamazione nei confronti di Dino Salvoldi:
https://www.ilgiornale.it/news/sport/vi ... 33278.html
Beh insomma, assurda non direi: se le cose riportate a suo tempo fossero state inventate, Salvoldi avrebbe pieno diritto di tutelare la propria reputazione. Se fossero invece vere, come dice cauz auspicabilmente il processo contribuirà a fare luce.

Dalle parole di Andreotti mi pare però emerga che lei sia stata torteggiata sia dalla Federazione, che mi pare chiaro non abbia voluto prendere sul serio le sue considerazioni, sia dai media che hanno dato alla sua storia il taglio più morboso e sensazionalistico, fregandosene delle facilmente prevedibili ripercussioni (per Andreotti, mica per loro, che adesso hanno anche la spudoratezza di parlare del "coraggio di Maila").

Del resto Andreotti stessa dice che "I giornali hanno parlato di #metoo del ciclismo. Ma io non sono mai stata molestata sessualmente. Ho visto accadere delle cose, e le ho dette, non ho taciuto. Ma ho parlato soprattutto dell'aria irrespirabile che ho dovuto subire, il bullismo, il cameratismo spinto all'eccesso, il tecnico che ti dà della cicciona, della culona. Sa cosa significa dare della cicciona ogni giorno a una ragazza di sedici anni, nell'età più vulnerabile ai disturbi alimentari?".
Tutto condivisibile, e degno di un dibattito serio; peccato che a riportare questa dichiarazione sia lo stesso giornale che a suo tempo, dando la notizia, per primo parlò testualmente di "#metoo del ciclismo", e se ne fregò serenamente di tutto quello che Andreotti "soprattutto" disse. Perché una conversazione seria sugli eccessi legati alla pratica agonistica evidentemente non fa fare tanti clic (non dico vendere, che tanto ormai i giornali li compriamo in quattro).


http://www.spazidisimpatia.wordpress.com
Spazi di simpatia, nel nome dell'amore che regna nella nostra splendida Terra
Un blog consigliato da Basso, quello giusto.

Aderii alla campagna di garbata moral suasion per cacciare Di Rocco. E infatti...
Avatar utente
Seb
Messaggi: 6360
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:07
Località: Genova
Contatta:

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da Seb »

Deadnature ha scritto: mercoledì 24 marzo 2021, 19:14 sia dai media che hanno dato alla sua storia il taglio più morboso e sensazionalistico
Esattamente. Secondo me fin dal principio - ma non per colpa d Maila - la storia non è stata raccontata nel modo giusto ma è stata un po' interpretata per arrivare a dire quello che faceva comodo per inserirsi nel filone del momento. Non che non ci siano fatti gravi in quello raccontato dalla Andreotti, e pensiamo che il bodyshaming e le violenze "psicologiche" sono costate il posto al ct britannico, ma ribadisco che per quel pochissimo che so la mia impressione è che doveva essere raccontato altro, probabilmente molto più scomodo da raccontare


Mad
Messaggi: 632
Iscritto il: sabato 11 dicembre 2010, 8:48
Località: Noceto

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da Mad »

Io personalmente l'avrei chiusa con la prima inchiesta, anche se ne comprendo la scelta vista la posizione che occupa e le accuse mosse. Mi resta il sospetto che la ragazza abbia parlato a suo tempo perchè imbeccata da qualche nemico del CT, più che altro. Vedremo come andrà a finire.


marc
Messaggi: 2382
Iscritto il: lunedì 1 agosto 2011, 23:39

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da marc »

Dal 16 al 18 aprile internazionale a Gand, parteciperà Viviani.

Dite che esiste una seppure remota possibilità di vedere qualcosa su Eurosport? Lo so è speranza vana
:pomodoro:


perché per me il ciclismo non è ancora una passione onanistica, ma è un pezzo di cultura popolare e familiare.
pietro
Messaggi: 12696
Iscritto il: mercoledì 18 marzo 2020, 19:32

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da pietro »

Da quel che si vede dalla programmazione no


marc
Messaggi: 2382
Iscritto il: lunedì 1 agosto 2011, 23:39

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da marc »

In questi giorni sono in corso gare internazionali C2 ad Ascoli, non ho capito però chi partecipa tra gli stranieri. Nel comunicato che ho visto sono citati solo gli italiani.


perché per me il ciclismo non è ancora una passione onanistica, ma è un pezzo di cultura popolare e familiare.
marc
Messaggi: 2382
Iscritto il: lunedì 1 agosto 2011, 23:39

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da marc »

Oggi pare ci sia l'ultima giornata del weekend di esordio della Coppa delle Nazioni, corrono ad Hong Kong.

Non ho capito se e dove si possono vedere le gare. Su Eurosport non vedo nulla purtroppo. Qualcuno sa qualcosa? Grazie, mi spiacerebbe se la competizione erede della Cmd non fosse visibile da nessuna parte...e direi che sarebbe anche un clamoroso fallimento dell'Uci.


perché per me il ciclismo non è ancora una passione onanistica, ma è un pezzo di cultura popolare e familiare.
Avatar utente
Seb
Messaggi: 6360
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:07
Località: Genova
Contatta:

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da Seb »

è già finita la giornata di gare... comunque livello bassissimo


marc
Messaggi: 2382
Iscritto il: lunedì 1 agosto 2011, 23:39

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da marc »

Seb ha scritto: domenica 16 maggio 2021, 13:40 è già finita la giornata di gare... comunque livello bassissimo
C'è modo di rivedere le gare da qualche parte? Perché è assurdo allora che l'Uci abbia ucciso la Cdm per un torneo semiclandestino. A sto punto poteva rimanere la Cdm affiancata alla Champions League. Sono basito


perché per me il ciclismo non è ancora una passione onanistica, ma è un pezzo di cultura popolare e familiare.
Avatar utente
Seb
Messaggi: 6360
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:07
Località: Genova
Contatta:

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da Seb »

marc ha scritto: domenica 16 maggio 2021, 14:24 C'è modo di rivedere le gare da qualche parte? Perché è assurdo allora che l'Uci abbia ucciso la Cdm per un torneo semiclandestino. A sto punto poteva rimanere la Cdm affiancata alla Champions League. Sono basito
Non saprei, non ho seguito nulla in questi giorni. Ma a giudicare dai risultati non ci siamo persi nulla (un oro per la Vece nei 500 mt), tutte gare a partecipazione estremamente limitata, quindi ben poco significative, c'è giusto un bel 4'05" di Lambie nell'Inseguimento. Diciamo che posso capire che nessuno avesse molta voglia di andare a Hong Kong in sto periodo, anzi mi stupisce quasi che siano riusciti comunque a farle le gare.


Avatar utente
Denb
Messaggi: 886
Iscritto il: venerdì 20 settembre 2013, 14:00

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da Denb »

marc ha scritto: domenica 16 maggio 2021, 14:24
Seb ha scritto: domenica 16 maggio 2021, 13:40 è già finita la giornata di gare... comunque livello bassissimo
C'è modo di rivedere le gare da qualche parte? Perché è assurdo allora che l'Uci abbia ucciso la Cdm per un torneo semiclandestino. A sto punto poteva rimanere la Cdm affiancata alla Champions League. Sono basito
Qui https://tissottracktv.uci.org/p/HLPKwm65

Comunque la Nations Cup è praticamente la vecchia coppa del mondo con un nome diverso.

Per quanto riguarda la tappa di Hong Kong in un'intervista di qualche tempo fa Villa ha affermato che non ci sarebbero andati perchè c'erano protocolli anticovid troppo severi.


marc
Messaggi: 2382
Iscritto il: lunedì 1 agosto 2011, 23:39

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da marc »

Denb ha scritto: lunedì 17 maggio 2021, 20:10
marc ha scritto: domenica 16 maggio 2021, 14:24
Seb ha scritto: domenica 16 maggio 2021, 13:40 è già finita la giornata di gare... comunque livello bassissimo
C'è modo di rivedere le gare da qualche parte? Perché è assurdo allora che l'Uci abbia ucciso la Cdm per un torneo semiclandestino. A sto punto poteva rimanere la Cdm affiancata alla Champions League. Sono basito
Qui https://tissottracktv.uci.org/p/HLPKwm65

Comunque la Nations Cup è praticamente la vecchia coppa del mondo con un nome diverso.

Per quanto riguarda la tappa di Hong Kong in un'intervista di qualche tempo fa Villa ha affermato che non ci sarebbero andati perchè c'erano protocolli anticovid troppo severi.
Ti ringrazio. Ieri ho visto la velocità a squadre. Livello imbarazzante. Leggermente meglio l'inseguimento a squadre.

Intanto è stata annullata la prova colombiana del mese prossimo. Dunque va in archivio così la prima edizione di questa competizione. Pazzesco. Mi auguro che l'Uci almeno sappia rifarsi con la Champions League, anche se peggio di così direi che è impossibile fare.


perché per me il ciclismo non è ancora una passione onanistica, ma è un pezzo di cultura popolare e familiare.
StipemdioXTutti
Messaggi: 165
Iscritto il: sabato 22 agosto 2020, 11:31

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da StipemdioXTutti »

Mi potete dare un sito serio specializzato in ciclismo su pista? Non trovo mai i risultati delle varie gare.


marc
Messaggi: 2382
Iscritto il: lunedì 1 agosto 2011, 23:39

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da marc »

StipemdioXTutti ha scritto: domenica 30 maggio 2021, 8:21 Mi potete dare un sito serio specializzato in ciclismo su pista? Non trovo mai i risultati delle varie gare.

È un'ottima domanda. Io l'ho cercato in passato e non credo che esista, nemmeno in inglese o francese. Per sapere i risultati delle gare internazionali vado sul sito Uci ovviamente sezione track calendar.


perché per me il ciclismo non è ancora una passione onanistica, ma è un pezzo di cultura popolare e familiare.
Arme
Messaggi: 1229
Iscritto il: lunedì 9 aprile 2012, 23:05
Località: Bergamo
Contatta:

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da Arme »

Ho sentito che sarà fatta una tappa di coppa del mondo al posto degli europei, qualcuno ha notizie in merito?
ai nostri azzurri tra l'altro servirà un appuntamento che aiuti a prendere una decisione per il quartetto olimpico


Avatar utente
Seb
Messaggi: 6360
Iscritto il: giovedì 9 dicembre 2010, 13:07
Località: Genova
Contatta:

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da Seb »

Arme ha scritto: lunedì 7 giugno 2021, 23:25 Ho sentito che sarà fatta una tappa di coppa del mondo al posto degli europei, qualcuno ha notizie in merito?
ai nostri azzurri tra l'altro servirà un appuntamento che aiuti a prendere una decisione per il quartetto olimpico
Sì, in Russia a San Pietroburgo, ma a metà luglio


Avatar utente
Slegar
Messaggi: 6431
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:49

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da Slegar »

Seb ha scritto: lunedì 7 giugno 2021, 23:54
Arme ha scritto: lunedì 7 giugno 2021, 23:25 Ho sentito che sarà fatta una tappa di coppa del mondo al posto degli europei, qualcuno ha notizie in merito?
ai nostri azzurri tra l'altro servirà un appuntamento che aiuti a prendere una decisione per il quartetto olimpico
Sì, in Russia a San Pietroburgo, ma a metà luglio
Quando le iscrizioni olimpiche, purtroppo, saranno già fatte. Rilancio anche qui un'idea già scritta sul topic della prova su strada. La MTB ha tre posti a disposizione con nessunna o quasi possibilità di medaglia, mentre in pista, potenzialmente, la nazionale potrebbe conquistare tre medaglie, con Ganna che sarà schierato al via anche nella cronometro. Visto che i pistard convocati saranno cinque per competere nel quartetto, omnium e madison (più Ganna nella crono), sfruttando il regolamento che prevede agli atleti iscritti in altre discipline ciclistiche di poter sostituire altri atleti, fossi in Cassani e Villa farei di tutto per iscrivere Viviani nella MTB, così da avere cinque atleti disponibili per l'inseguimento a squadre (di cui obbligatoriamente due devono essere Ganna e Consonni).


fair play? No, Grazie!
Arme
Messaggi: 1229
Iscritto il: lunedì 9 aprile 2012, 23:05
Località: Bergamo
Contatta:

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da Arme »

Seb ha scritto: lunedì 7 giugno 2021, 23:54 Sì, in Russia a San Pietroburgo, ma a metà luglio
Grazie mille
Slegar ha scritto: martedì 8 giugno 2021, 10:10 Quando le iscrizioni olimpiche, purtroppo, saranno già fatte. Rilancio anche qui un'idea già scritta sul topic della prova su strada. La MTB ha tre posti a disposizione con nessuna o quasi possibilità di medaglia, mentre in pista, potenzialmente, la nazionale potrebbe conquistare tre medaglie, con Ganna che sarà schierato al via anche nella cronometro. Visto che i pistard convocati saranno cinque per competere nel quartetto, omnium e madison (più Ganna nella crono), sfruttando il regolamento che prevede agli atleti iscritti in altre discipline ciclistiche di poter sostituire altri atleti, fossi in Cassani e Villa farei di tutto per iscrivere Viviani nella MTB, così da avere cinque atleti disponibili per l'inseguimento a squadre (di cui obbligatoriamente due devono essere Ganna e Consonni).
Ganna e Consonni obbligatori perché? Punti qualificazione?
Proposta (davvero si può fare? sono intercambiabili anche tra mtb e pista le convocazioni?) Mi sembrerebbe però irrispettoso nei confronti dei bikers.
Cmq la cosa paradossale è che probabilmente quello da lasciare a casa sarebbe il campione olimpico. Nelle ultime uscite si staccava dal quartetto


Avatar utente
Slegar
Messaggi: 6431
Iscritto il: venerdì 10 dicembre 2010, 16:49

Re: Amici della Pista

Messaggio da leggere da Slegar »

Obbligatori perché senza Ganna, non me ne vogliano gli altri, il quartetto dell'inseguimento difficilmente andrà a medaglia, mentre la coppia della Madison Viviani-Consonni ha già mostrato una buona solidità vincendo anche l'ultima Sei Giorni di Londra disputata con una Madison finale spettacolare.

Per le sostituzioni non c'è distinzione di specialità, purché siano rispettati i criteri di elegibilità degli atleti (non essere squalificati per doping, nazionalità certa, essere in possesso di una licenza valida rilasciata dalla propria federazione di appartenza, essere nati entro il 31 dicembre 2002, avere ottenuto almeno 10 p.ti in un evento di qualificazione olimpica).


fair play? No, Grazie!
Rispondi